Contro la corruzione: eletti dal popolo ma liberi. Tutti devono sapere tutto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contro la corruzione: eletti dal popolo ma liberi. Tutti devono sapere tutto"

Transcript

1 Auguri Numero per 4 un anno migliore, fatto di impegno e fiducia in noi stessi e negli altri 19 Dicembre 2014 Numero 4 19 Dicembre 2014 Idee e Coraggio Per Roma Contro la corruzione: eletti dal popolo ma liberi. Tutti devono sapere tutto Oggi con le nuove tecnologie telematiche è possibile rendere pubblici in tempo reale tutti gli atti amministrativi, con particolare riguardo ai centri di costo, agli appalti e alle assunzioni attraverso la pubblicazione sul sito istituzionale del Comune di Roma per consentire un controllo pubblico sulla loro trasparenza e correttezza. In questo modo gli atti pubblici diventano effettivamente pubblici : conoscere, prima e dopo l aggiudicazione di un appalto, i criteri previsti, i punteggi e l aggiudicazione con i nomi e i cognomi; eliminare qualsiasi forma di affidamento diretto ed effettuare qualsiasi tipo di assunzione tramite concorso; realizzare un unico centro di costo ed istituire un controllo interno su tutti gli atti; rendere i bilanci chiari e leggibili con tutte le voci esplicitate. Pubblicare tutte le Delibere e Memorie di Giunta. Effettuare la rotazione dei dirigenti. Ciò sicuramente costituirebbe una efficace forma di prevenzione per scoraggiare imbrogli, favoritismi e corruzione, anche se evidentemente non è risolutivo per prevenire la corruzione. Infatti vi è un problema a monte sulla scelta degli eletti e dei metodi per ottenere il consenso popolare. La politica non può più selezionare gli eletti in base alle appartenenze, amicizie e fedeltà, a prescindere dalle qualità dimostrate nella militanza politica riguardanti la trasparenza, la competenza e le capacità; partendo da un requisito pregiudiziale per chi vuole rappresentare gli altri concittadini, ovvero la assoluta libertà dell eletto dai ricatti e condizionamenti da lobby e poteri economici e/o affaristici. La libertà dell eletto è il valore più alto della politica, senza il quale la politica non vale più nulla e diventa subalterna e inutile al bene comune. Le liste sono il momento più delicato della democrazia e devono essere compilate attraverso una discussione pubblica nei circoli e nella città. Il consenso popolare va ricercato con l'impegno per interessi generali e diffusi nella città, e non attraverso la gestione delle aziende e dei dipartimenti del Campidoglio con la presenza di amici. Gli eletti devono pretendere nelle aziende, negli Assessorati e nella dirigenza uomini capaci e trasparenti con cui lavorare per la città, e non "propri uomini" per esercitare favoritismi e coltivare clientele. A Roma l esperienza della giunta Alemanno ha aperto le porte alla politica intesa come affare, inquinando l amministrazione pubblica e assoggettandola agli interessi dei singoli e delle varie lobby, dilapidando il denaro pubblico, ai danni dei servizi ai cittadini e lasciando macerie e degrado morale. Dobbiamo plaudire alla iniziativa della magistratura che deve colpire gli amministratori corrotti, ma deve anche distinguerli da quelli onesti e perbene che devono poter governare la città nell interesse di tutti altrimenti passerebbe il messaggio che essere onesti in politica non serve a nulla e faremmo un gran favore a chi vuole continuare a fare affari con la cosa pubblica. Al di là delle diverse opinioni sull operato dell attuale Sindaco di Roma, una cosa appare chiara a tutti: questo sindaco è pulito, ha fatto scelte coraggiose e non si è fatto condizionare dagli interessi affaristici della città. Pertanto proprio in questa emergenza morale può essere garante di una reale discontinuità rispetto al passato e continuare a fare pulizia nell Amministrazione per usare al meglio le scarse risorse di cui dispone e per il bene comune. Per questo penso che sia giusto sostenerlo in un momento così difficile per la nostra città. Dispiace constatare che alcuni non hanno come obiettivo bandire il malaffare dalla città ma, per motivi politici, strumentalizzano l onda di giusta indignazione popolare per fare di tutt erba un fascio e far dimettere Marino. Questa è davvero la vecchia politica

2 Pagina 1 L arroganza e l impunita dell abusivismo fatto sistema sociale: piazza Navona, isola pedonale, camion bar, tavolini e cartelloni selvaggi Piazza Navona da anni in occasione del Natale veniva occupata da centinaia di stand improbabili simili a baracconi da luna park anni 50, in molti casi con prodotti che nulla avevano a che fare con il Natale. Il Comune, ostaggio di questa lobby di ambulanti, non è mai riuscito ad imporsi per realizzare, come in tutte le più belle capitali europee, un mercatino di Natale degno di questo nome in una delle piazze più belle del mondo. Questa amministrazione per la prima volta ha avuto il coraggio di dire basta all arroganza e all impunità di questi ambulanti per ridare decoro e bellezza a piazza Navona. Negli anni 90 quando fu istituita l Isola pedonale a Piazza di Spagna i commercianti si ribellarono sostenendo che sarebbe stata la morte del centro storico. Oggi gli stessi sono gelosi di quella scelta condivisa da tutti i cittadini romani. Questa Amministrazione ha esteso l isola pedonale (con una sola corsia riservata al centro della strada) a Via del Babuino creando una splendida passeggiata fino a piazza del Popolo Di nuovo i commercianti alzano le barricate, ma l'amministrazione giustamente va avanti nell interesse della città. Da anni la stampa e i cittadini denunciano quotidianamente l assedio della città da parte dei cosiddetti camion - bar e dal fenomeno dei tavolini selvaggi fin sotto i più bei monumenti della città, ma nessuno è mai riuscito o ha voluto eliminare questo degrado. Questa Amministrazione ha deciso di dire basta a tanto scempio per rendere più bella e vivibile la nostra città, superando le proteste, le intimidazioni e le manacce della lobby di questi abusivi. La capitale d Italia ha subito da mezzo secolo lo scempio dei cartelloni pubblicitari selvaggi, malgrado le proteste dei cittadini, dei comitati, delle associazioni ambientaliste e le denunce della stampa romana. Uno dei primi atti di questa amministrazione è stata l approvazione del Piano Regolatore degli impianti pubblicitari (PRIP) con la drastica riduzione del numero, delle dimensionidegli impianti, e con la messa a gara di tutte le concessioni non più rinnovate alla loro scadenza del 31 dicembre Il TAR in data 18 dicembre 2014 ha respinto i ricorsi di tutte le ditte entrate in guerra contro le nuove regole, e il progetto di ripulire la città dai cartelloni pubblicitari va avanti. Questi pochi esempi sul decoro urbano (e ce ne sono molti altri sulle aziende, sugli sprechi, sulla trasparenza, etc) dimostrano la reale volontà politica di questa amministrazione di risolvere problemi annosi che nessuno aveva mai affrontato, forse per motivi di consenso verso certe categorie che tuttavia si realizzavano ai danni degli interessi pubblici e diffusi dei cittadini romani. Villa Massimo: il Consiglio di Stato dà ragione ai cittadini Villa Massimo è inutilizzata da parte dei cittadini da oltre un anno per ordine del magistrato che ha bloccato i lavori previsti da un nuovo progetto. La pineta di villa Massimo è area di proprietà comunale ubicata tra viale di Villa Massimo e via Ravenna nel territorio del Municipio Roma II, ed è area sottoposta a vincolo paesaggistico ai sensi della Dichiarazione Ministeriale del 23 febbraio Il comandante del Nucleo Emergenze della Polizia Municipale ha inoltrato in data 28 agosto 2013 (prot ) alla Polizia Municipale e all U.O. Tecnica del Municipio ex III la relazione dell arch. De Marchis, ausiliario di P.G., da cui si evince che tutte le costruzioni realizzate ante e post la convenzione - concessione in atto nel Punto verde Qualità 3.2 V.le di Villa Massimo sono state realizzate senza concessione edilizia. Nella Convenzione - Concessione in vigore, Punto Verde Infanzia 3.2 Viale di Villa Massimo, ci sono abusi di ogni tipo e in particolare: - il previsto bagno pubblico è stato privatizzato dal concessionario. - si ha un occupazione abusiva di suolo pubblico che ha pressoché raddoppiato l area concessa - l orario di apertura e chiusura del parco è difforme dall orario previsto per i parchi e giardini comunali, protraendosi fino alle 2 di notte per il punto di ristoro. Si tratta di una lunga e incredibile vicenda che ha ospitato in un punto verde infanzia un grande ristorante che, abusivamente nel tempo, si è allargato condizionando l uso della villa. Il Consiglio di Stato, con una sentenza del 9 settembre 2014, ha accolto il ricorso presentato dai cittadini ed ha annullato tutti gli atti fatti dal Comune di Roma a partire dal 2009 dalla precedente amministrazione. Alla luce della sentenza del Consiglio di Stato devono essere ripristinati i luoghi secondo la convenzione iniziale, deve essere messo a disposizione dei cittadini il bagno pubblico sequestrato dal ristorante e rispettati, per l accesso alla villa, gli orari previsti per tutte le ville comunali. Tutto ciò per porre fine ad una storia di abusi che ha asservito un punto verde infanzia agli interessi di una attività commerciale privata.

3 Pagina 2 Il risanamento e la valorizzazione del Tevere e del Litorale Il Tevere e il Litorale da molto tempo vengono indicati come possibili assi di sviluppo della Capitale; in essi, storia, natura, culture, turismo, viver sano e molto altro trovano spazi di riferimento del tutto particolari, come elementi costitutivi del senso stesso di una Città di fiume e di mare quale è Roma. Passate e future occasioni (candidature olimpiche, Giubileo 2025, etc) ruotano fisicamente per così dire attorno al Tevere e alla linea perpendicolare costiera; ma la priorità oggi è restituirli alla cittadinanza, in tutto il loro potenziale nascosto o perduto. Da decenni ormai si ascolta che la valorizzazione del Tevere a Roma (e, in subordine, dell Aniene e dei corsi d acqua secondari) può considerarsi una sfida veramente strategica per l Amministrazione Capitolina, implicando molteplici aspetti di ricerca preliminare, coinvolgimento partecipativo, azione, per un possibile piano a medio termine dal grande impatto culturale e socioeconomico, volano di sviluppo sostenibile da seguire nel tempo, oltre che nuovo esempio di buona politica nella gestione dei beni pubblici. Le valenze interdisciplinari, intersettoriali e interamministrative sono difatti tali e tante da dar luogo a una complessità che inevitabilmente porta a saturazione l efficacia di interventi parziali. Stesso dicasi per il Litorale, e in particolare per la parte prossima alla Foce del Tevere (Ostia). Come per tutte le grandi Capitali, il fiume deve diventare risorsa e dimensione urbana speciale. Visto lo stato attuale del Tevere a Roma, quasi corpo estraneo alla Città, per i più mero toponimo (pur conosciuto in tutto il mondo), un azione oculata darebbe grandi risultati in termini di rapporto fra benefici e fondi impiegati, al di là dei modi di reperimento; non basta, per renderlo attrattivo a cittadini e visitatori, la pur necessaria manutenzione. Attorno a questa linea che taglia la Città, e allo stesso tempo la lega sia al mare e al Litorale sia al suo hinterland naturale (il bacino idrografico, o regione Tiberina), si sintetizzano gli elementi-chiave di una possibile geografia dell intervento urbano: l inquinamento e la protezione civile, ove il Tevere raccoglie sia influenze endogene sia influenze esterne le acque confluenti a Roma derivano da 6 Regioni attraversate dal corso principale e dagli affluenti gli ecosistemi e i parchi urbani l urbanistica, con il fiume ad asse attorno cui la Città ha preso forma, influenzata dallo stesso in maniera decisiva, sviluppandosi con stratificazioni successive fino a poter percorrere e interpretare le differenze sostanziali da una sponda all altra, dal centro dell urbe alle periferie e ai lembi estremi, dalle zone curate alle zone degradate l archeologia, le architetture antiche, moderne e contemporanee la storia e le storie, la cultura, l arte, le occasioni di eventi, sia patrimonio acquisito sia nuova creatività per mettere a frutto anche con modalità minimaliste un ambiente molto particolare che attraversa la Città, trattabile diversamente zona per zona gli sport e le attività ricreative, sia sull acqua sia sulle sponde (canoa, canottaggio, bicicletta, podismo, etc) le infrastrutture, i trasporti e il turismo, su una via d acqua dalle caratteristiche stagionali molto discontinue, ma sempre caratterizzata da una prospettiva affascinante per percorrere tratti significativi di Roma, se il servizio è di qualità e risulta attrattivo l associazionismo, coinvolto e ancor più coinvolgibile per temi e quartieri il recupero di aree utilizzabili, abbandonate od occupate da attività abusive (spesso inquinanti) la regolamentazione, per coordinare e semplificare amministrativamente gli interventi pubblici e privati,

4 Pagina 3 produttivi e non, sottoposti a decine di pareri, fino a far cadere nel nulla anche i migliori propositi, la comunicazione, l educazione ambientale, l interesse didattico esemplificativo del fiume (attività con le Scuole). Gli stessi muraglioni del Centro Storico, che pur hanno creato una parziale separazione del Tevere dal resto della Città, sono fra le opere idrauliche più significative comprese nel sito di Roma patrimonio dell umanità UNESCO (insieme ai sistemi fognari, agli acquedotti antichi e al sistema delle fontane rinascimentali e barocche), vero e proprio monumento ingegneristico dell unificazione dello Stato Italiano, prestandosi a loro volta a soluzioni originali di collegamento fisico o visivo coi Lungoteveri: affacci, proiezioni, decori rimovibili, nuove creatività, etc. Il rilancio del Tevere e del Litorale costituirebbe anche un grande laboratorio di coesione territoriale, integrando competenze amministrative in orizzontale e in verticale, nonché progettando interventi che coinvolgano attori pubblici e privati di diverse estrazioni, per ottenere il miglior risultato complessivo. Sottese, dal punto di vista operativo, le necessità di azioni coordinate e interdisciplinari fra/con: gli Assessorati di Roma Capitale (interessati pressoché tutti), gli Enti comunali e le Partecipate (ACEA, etc), i Municipi rivieraschi sul Tevere e sugli altri principali corsi d acqua urbani (nonché, secondariamente, quelli non rivieraschi, per percorsi natura, educazione ambientale sul ciclo dell acqua in Città, etc), i Comuni limitrofi, gli Enti e gli Uffici non comunali competenti (Autorità di bacino del Fiume Tevere, ARDIS Lazio, ARPA Lazio, ARP Lazio, RomaNatura, Demanio, Capitaneria di Porto, Soprintendenze e Uffici Ministeriali in genere, etc etc), le Regioni del bacino idrografico (in ispecie Umbria e Toscana oltre al Lazio, per questioni sia di protezione ecologica e idraulica sia di promozione), i Consorzi di Bonifica, le Università, la Camera di Commercio, le Associazioni (ambientali, culturali, sportive, etc etc), gli operatori (imprese, consorzi, concessionari, esercenti, gestori di dighe, etc), gli sponsor, etc. Sia sul Tevere sia sul Litorale è opportuno: giungere a una preliminare visione condivisa, tenendo conto della corretta ottica di Bacino (soprattutto dal punto di vista ecologico ed idraulico), redigere un master-plan multilivello, comprendente azioni già realizzabili a costo zero o con microincentivi (adozione di sponde da parte di associazioni per la cura e la fruizione, eventi organizzati sul Tevere in varie collocazioni possibili, etc), azioni finanziabili da privati, progetti esistenti, griglia di azioni strutturali incrociate a possibili fonti di finanziamento pubblico (U.E., Stato, Regione, Capitale), finalizzandovi anche l impegno a medio termine, chiarire definitivamente le migliori modalità dell intervento amministrativo, anche in considerazione delle evoluzioni in corso su deleghe e competenze (Stato, Regione, Roma Capitale e Metropoli). Roma Capitale è impegnata a promuovere questa regia istituzionale. Quanto agli strumenti aggregativi, il Contratto di Fiume sta divenendo sempre più a livello europeo, nonché italiano, il patto territoriale di riferimento entro cui accordare le molteplici esigenze di protezione e promozione degli ambiti fluviali, coordinando le Istituzioni Pubbliche competenti (in una sorta di Conferenza di Servizi permanente ), favorendo la partecipazione dei cittadini alle scelte di cura dell ambiente e di sviluppo socioeconomico sostenibile, dando agli investitori un quadro di certezze programmaticooperative entro cui muoversi, incentivando le sinergie progettuali per accedere alle diverse fonti finanziarie disponibili (pubbliche e private, internazionali, nazionali e locali), mettendo a frutto una visione necessariamente interdisciplinare. Supportare con forza il Contratto di Fiume del Tevere nell area urbana di Roma (e in subordine il Contratto di Foce ), fino ad assumersi eventualmente carico della governance, diviene dunque per Roma Capitale la maniera concreta per passare dagli annunci all azione, raccogliendo una sfida troppo a lungo rinviata.

5 Pagina 4 L agricoltura: nuova risorsa rinnovabile della Capitale A Roma l agricoltura cresce in controtendenza nazionale e regionale. Abbiamo terre, consumatori e giovani per un grande rilancio dell agricoltura e un innovazione culturale ed economica della città nell uso del territorio per una conversione dell urbanizzazione estensiva del 900 ad un economia verde del 2000 e la promozione di un grande progetto di agricoltura, coerentemente con le tesi e il modello di sviluppo che l Italia propone al mondo con l expo del 2015, e di cui esistono tutte le condizioni territoriali, economiche, culturali e sociali. Nella nostra città, in controtendenza all andamento nazionale e regionale secondo l ultimo censimento, sono aumentate le aziende agricole (+43,3% pari a 763 aziende), le aree coltivate (+ 17% pari a ettari) e la superficie agricola (+12% pari a ettari), mentre nella stessa provincia tradizionalmente più votata all agricoltura sono diminuite del 63% le aziende e del 13% le aree coltivate. Sino ad oggi l economia della Capitale ha puntato molto sulla edilizia che ha occupato il 43% del territorio (oltre ettari) cui si sono aggiunti, anche se in assenza di una adeguata politica di sostegno, il turismo ed i beni culturali. Oggi a questi tre asset abbiamo l opportunità di aggiungere l agricoltura, che dispone del 39% del territorio (circa ettari) cui si aggiunge virtuosamente il 18% di aree boschive e verdi. Per passare dalla urbanizzazione del 900 allo sviluppo sostenibile della green economy del 2000 è necessario una rivoluzione culturale ed economica dell intera la classe dirigente, dalle istituzioni, agli imprenditori, dalle forze sociali alla ricerca scientifica. In una battuta, a Roma potrebbe essere più produttivo e virtuoso produrre cibo che metri cubi. Roma, con un agro Romano di circa 60 mila ettari e tre milioni di consumatori e tanti giovani desiderosi di fare agricoltura, è in grado di produrre uno straordinario sviluppo agricolo del territorio per prodotti a km 0, di qualità e sicurezza, che attraverso la vendita diretta, affrancata della intermediazione della grande distribuzione, possono entrare nei mercati Romani con grande successo e gradimento creando nuove opportunità di lavoro per migliaia di giovani e assicurando la tutela dell ambiente e del territorio. Roma capitale possiede inoltre 140 mercati rionali che sono una importante rete per rilanciare un nuovo modello di agricoltura e vendita diretta. Bisogna fare accordi di programma per l agricoltura, bandi per l assegnazione delle terre, sviluppare l agriturismo con la nuova legge eliminando l abusivismo del settore, incentivare tutte le iniziative volte all agricoltura, ricostituire la figura degli ispettori annonari, incentivare orti urbani e corsi professionali per i giovani per diffondere la cultura e la passione per la terra, valorizzare le due tenute pubbliche di Castel di Guido e del Cavaliere. Vorrei soffermarmi in particolare su un importante progetto di agricoltura nei parchi e quindi sulla necessità che la Regione approvi al più presto tutti i piani di assetto dei 20 parchi e riserve (in totale circa ettari) che insistono sul territorio della capitale, e istituiti da 24 anni, che non hanno ancora lo strumento urbanistico necessario per valorizzare questa peculiare attività agricola di Roma che coniuga la tutela dell ambiente con lo sviluppo dell agricoltura per creare reddito e prodotti locali da destinare ai mercati. A tal fine Roma capitale presenterà un programma di sviluppo dell agricoltura per i prossimi tre anni.

6 Pagina 5 Spiagge libere: una battaglia per la legalita contro ogni infiltrazione della malavita Roma è l'unica città d Italia dove è precluso ai cittadini l'accesso e il godimento del mare. Condivido pienamente la priorità della lotta alla criminalità denunciata dal Procuratore della Repubblica Giuseppe Pignatone alla convention del PD. Tutte le istituzioni, attraverso gli strumenti legislativi di cui dispongono, devono porre fine allo scandalo della chiusura illegale dell'accesso delle spiagge ai cittadini dovuto alla arroganza di un gruppo di concessionari che sfidano palesemente e impunemente le leggi dello stato. Ciò crea un clima di intimidazione nei confronti delle istituzioni democratiche, come dimostrato dai recenti arresti operati dalle forze dell'ordine tra funzionari del comune e alcuni personaggi locali. Per condurre questa battaglia per la legalità e il rispetto dei diritti dei cittadini a godere dei propri beni naturali non occorrono soldi ma solo volontà, coraggio e passione politica. Roma Capitale, con al suo fianco la Procura della Repubblica, il prefetto e la Capitaneria di Porto può e deve vincere questa battaglia che i cittadini reclamano invano da anni. Roma Capitale fa parte di uno strumento urbanistico che consentirà finalmente di porre fine alla vergogna del sequestro del mare ad Ostia: un piano sulla utilizzazione degli arenili (PUA) che sarà approvato dall assemblea capitolina. Adotta 1 Zebra : un nuovo impegno alla sicurezza stradale E nata una nuova associazione ADOTTA UNA ZEBRA per la sicurezza stradale. Sulle strade di Roma ogni mese in media muoiono 15 persone, mentre ogni anno, sempre nella Capitale, perdono la vita tante persone quante le vittime di 6 navi Costa Concordia. E ogni giorno 45 persone fanno ricorso a cure mediche presso gli ospedali della capitale a causa di incidenti stradali. Negli ultimi mesi a Bologna, Ravenna, Minerbio e Rubiera sono morti travolti sulle strisce Gionathan, Anna e altri 2 bambini tra i 2 e gli 8 anni. Cifre ed eventi terribili - come se ogni 2 giorni a Roma fosse estratto a sorte il nome di una persona da condannare a morte - che hanno spinto i fondatori dell associazione a lanciare un progetto che prende il nome di Adotta Una Zebra, con l obiettivo di intraprendere un progetto di formazione e sensibilizzazione alla sicurezza stradale di cui i ragazzi sono i veri protagonisti anche attraverso l adozione di un attraversamento pedonale posto nelle vicinanze del proprio istituto scolastico, assicurando la continua manutenzione da parte delle istituzioni. Il progetto, diretto a sviluppare informazione e consapevolezza sui temi della sicurezza, intende avviare una collaborazione con le istituzioni e con il Capo dei Vigili Urbani. Efficienza energetica: dall illuminazione pubblica 40 milioni Tra gli impegni assunti in Bilancio vi è il documento predisposto dal Presidente della Commissione sulla efficienza energetica, e da cui l Amministrazione potrà ricavare una riduzione di spesa di molti milioni. Solo dalla sostituzione a led della illuminazione pubblica il Comune di Roma, in un anno, risparmierà 40 milioni a fronte degli oltre 90 milioni che paga oggi ad ACEA. Se al risparmio sulla pubblica illuminazione si aggiungono interventi di efficienza energetica su scuole, uffici e residenze pubbliche, per una superficie di 5 milioni e 800 mila metri quadri, il risparmio di Roma Capitale potrebbe superare gli 80 milioni all anno. Tutto ciò, tra l altro, è un obbligo rispetto agli impegni assunti da Roma Capitale sottoscrivendo il Patto dei Sindaci, siglato il 4 maggio 2010, che comporta la riduzione del 20% dell emissione di CO2. Per avviare una virtuosa e seria politica di efficienza energetica è necessario che il Campidoglio dia subito attuazione alla delibera sull Osservatorio sui Mutamenti Climati- ci, approvata nella passata consiliatura e mai attuata, poiché questo ufficio può fornire una contabilità energetica del Comune e calcolare il raggiungimento degli obiettivi di efficienza. E incoerente impegnarsi allo stremo per risparmiare qualche migliaia di euro, con tagli anche in settori sociali delicati, e poi trascurare interventi di efficienza energetica, che valgono milioni di euro, senza sacrificare nessuna voce sensibile di Bilancio.

7 Pagina 6 Cimiteri, si cambia: trasparenza e accoglienza Con la nuova dirigenza si respira aria nuova nella gestione dei cimiteri romani. I vari fenomeni di abusivismo saranno stroncati con specifiche misure: 1.La truffa consumata da alcune ditte nei confronti dei clienti ai quali fanno pagare giornalmente e illegalmente giorni e giorni di attesa per la cremazione dei defunti, non sarà più possibile perché AMA al settimo giorno di giacenza della salma, senza la richiesta di cremazione da parte della ditta, procederà alla inumazione del defunto. 2.La razzia di fiori freschi da rivendere all interno del cimitero non sarà più possibile perché il personale AMA utilizzerà i fiori in esubero per addobbare le tombe che ne sono completamente sguarnite. 3.Sarà istituito un ufficio di accoglienza per i cittadini dove sarà possibile acquisire informazioni, consigli e servizi. 4.Sarà pronta per Novembre, finalmente, una sala per il commiato a disposizione di quanti vogliono effettuare una cerimonia laica con parenti e amici per un ultimo saluto al defunto. 5.Sarà effettuato un corso di accoglienza ai dipendenti AMA che operano nei cimiteri per rendere un migliore servizio ai clienti. 6.Sarà internalizzato un numero sempre maggiore di funerali che AMA stessa effettuerà a costi competitivi (1000 euro compresa la cremazione e il trasporto). Già con la nuova gestione i funerali gestiti dal Comune sono passati al numero di 100 al mese contro i 44 esternalizzati, per i quali AMA ha un costo aggiuntivo di 280 euro che deve pagare all impresa funebre esterna. 7.Sono pronte le aste per 54 tombe, di particolare valore. A Roma le Cremazioni hanno avuto un forte incremento, (anche per motivi economici, il prezzo delle Cremazione è di 540 euro), hanno superato le all anno e sono effettuate con sei forni che riescono a effettuare 54 cremazioni al giorno pari al 30% all anno. 8.Per la sicurezza nei cimiteri si è costituito un coordinamento interforza, che garantirà, anche con la collaborazione dei Carabinieri, una efficace azione di prevenzione dei furti e dei vandalismi avvalendosi di un potenziamento della video sorveglianza. 9.E stato approvato un nuovo regolamento per l assegnazione dei loculi al cimitero del Verano. Progetto "Tetti Puliti. A Roma 1,3 mln di antenne.(omniroma) Sono 1,3 milioni le antenne istallate sugli edifici di tutta Roma per i servizi di telecomunicazione attraverso il canale terrestre secondo la Cna di Roma, sulla base dei dati forniti dal Fait. Servizi di cui usufruiscono circa 700mila gli utenti, di cui molti hanno più di un'antenna o non hanno rimosso quelle non più utilizzate. Al totale si aggiungono le circa 400 mila parabole di utenti abbonati e quelle non rimosse da utenti che, nel corso degli anni, hanno disdetto il contratto. La "giungla di antenne e parabole" sui tetti della Capitale è stata documentata in un book fotografico presentato oggi in Campidoglio in occasione del lancio del progetto Tetti puliti, promosso da Cna Roma, Anaci Roma (associazione degli amministratori di condominio) e Fait, sotto la regia del presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale, Athos De Luca. Sarà infatti l Assemblea Capitolina ad adottare le misure necessarie alla concreta applicazione degli obiettivi previsti nel progetto che prevede, tra le altre cose, iniziative per favorire lo smaltimento corretto degli impianti dismessi e far posto a un unica antenna centralizzata trasmittente in fibra ottica. Un progetto innovativo che parte dall'idea di decoro urbano, e si propone di portare alla messa a norma degli impianti di ricezione televisiva, all'installazione di impianti centralizzati che distribuiscano, oltre ai segnali televisivi, anche fornire connettività a banda ultra larga e alla realizzazione della dorsale di palazzo per l'infrastruttura della rete di telecomunicazioni. A portare avanti l'iniziativa che, come sottolineato dal consigliere comunale Athos De Luca, "è importante anche perché si avvale della fibra ottica, e rappresenta un'occasione di portare le nuove tecnologie nei condomini di Roma", i comuni insieme alle aziende addette allo smaltimento dei rifiuti, alle associazioni degli installatori e le imprese associate, e gli amministratori di condominio. La base normativa del progetto già esiste, e consiste nella delibera 95/2003 del Comune di Roma volta a disciplinare gli impianti centralizzati d'antenna condominiali per la ricezione di segnale terrestre e satellitare. Delibera che sostanziale non viene fatta rispettare, ha detto De Luca, parlando di "antenne ed impianti illegali, quelli presenti sui tetti di Roma e che non rispettano le regolamentazioni esistenti". De Luca che ha infine parlato del progetto come di "un'occasione per far respirare una boccata di ossigeno al settore delle istallazioni, con l'opportunità di creare lavoro grazie ai nuovi impianti".

8 Pagina 7 Roma per un Contratto di Fiume Alla luce delle nuove competenze di Roma Capitale già approvate dalla Giunta Regionale, come il rilascio delle concessioni demaniali, è necessaria la costituzione di una Regia Istituzionale aperta al contributo di professionalità, aziende e associazioni, interessate ad acquisire risorse ed idee per interventi ed iniziative volte al risanamento e valorizzazione del fiume e del suo litorale, considerati un bene sociale, turistico, culturale, ambientale e strategico per offrire nuove opportunità ad uno sviluppo sostenibile della città. Tre milioni di interventi sono già finanziati e progettati, e vorrei estendere un appello alle aziende romane affinché si impegnino ad adottare analoghi interventi sul Tevere, al centro di un paradosso: un fiume più vissuto e accessibile in passato, malgrado i progressi e la modernizzazione della Città. Tra gli interventi già finanziati figurano: Lo Scalo del Pineto per già approvato in Conferenza dei Servizi; La riqualificazione dell Area Galenale di Ponte Marconi; La realizzazione di un approdo all altezza di Ponte Milvio per ; Barriera galleggiante sull Aniene, prima dell affluenza al Tevere per il trattamento e la raccolta dei rifiuti reflui per evitare che inquinino il Tevere, per ; Riqualificazione della sponda del fiume e percorso attrezzato di collegamento tra Ponte Salario e Ponte Tazio per Tutte queste opere sono inserite nel Piano Investimenti Oltre a questi interventi già finanziati, sono previsti progetti relativi ai seguenti interventi: Trasporto dei turisti croceristi, che saranno ospitati dal nuovo porto di Fiumicino a Roma con notanti fluviali fino a Ripa Grande (prima dell Isola Tiberina); Nuovo approdo agli scavi di Ostia Antica; Nuovo approdo alla Nuova Fiera di Roma per un servizio turistico congressuale; Navigabilità del tratto superiore del Tevere dall Isola Tiberina a Ponte Milvio con completamento della banchina su Lungotevere in Augusta; ascensori dal Lungotevere alle banchine all altezza di Ponte Vittorio Emanuele e Lungotevere Sanzio; riqualificazione di un area attrezzata per la manutenzione delle imbarcazioni a Lungotevere delle Vittorie. Altri interventi di riqualificazione sono previsti con l attivazione dei finanziamenti Europei o con la sponsorizzazione di Aziende e Società che operano a Roma. Rinnovo quindi il mio un appello alle aziende affinché adottino un intervento sul Tevere di piccola e/o media entità: dalla sistemazione degli accessi, all illuminazione, a interventi di decoro e arredo urbano. Con il passaggio delle concessioni demaniali dalla Regione a Roma Capitale si potranno regolarizzare tutti i galleggianti obbligandoli alla riqualificazione e messa in sicurezza degli stessi. Vorrei insistere anche su un intervento di riqualificazione del Litorale di Ostia per restituire finalmente ai romani il godimento delle spiagge durante tutto l anno, ricordando inoltre che entro il 31 Dicembre 2015, in attuazione della Direttiva 2000/60, tutte le acque interne e/o costiere devono raggiungere lo stato di qualità BUO da cui il Tevere è ancora lontano.

UN ANNO DI GOVERNO PER L AMBIENTE

UN ANNO DI GOVERNO PER L AMBIENTE UN ANNO DI GOVERNO PER L AMBIENTE LOTTA AL DISSESTO IDROGEOLOGICO Piano nazionale senza precedenti da 7 miliardi in 7 anni per la sicurezza del territorio. Recuperati 2,3 miliardi non spesi. Già aperti

Dettagli

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004 CONSULTAZIONI PER LA DEFINIZIONE CONDIVISA DEGLI OBIETTIVI E DELLE SCELTE STRATEGICHE DELLA PIANIFICAZIONE ( Legge 241/90, art. 5 L.R.16/04 e Regolamento di attuazione per il governo del territorio della

Dettagli

Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015. Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data]

Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015. Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data] Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015 Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data] URBANISTICA Progetto civico si propone di realizzare i seguenti obiettivi per l area urbanistica :

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020 ELEZIONI COMUNALI DI CIVIDALE DEL FRIULI DOMENICA 31 MAGGIO 2015 Candidato Sindaco: MASSIMO MARTINA Liste a sostegno: Partito Democratico Cittadini per Massimo Martina Sindaco Alternativa Libera Cividale

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 23 OGGETTO: RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DI PIAZZA MARTIRI DELLA LIBERTÀ INDIRIZZI. L anno duemilaquattordici,

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DEFINITIVO Ottobre 2009 Coordinamento progettuale Laboratorio Città Sostenibile Pier Giorgio Turi Responsabile Settore Gestione Verde

Dettagli

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE

Progetto NuovisPazzi. Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello. Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Progetto NuovisPazzi Recupero Spazi ad uso Pubblico a Mombello Ente Promotore: ASSOCIAZIONE BRUCALIFFO LIMBIATE Luogo: Padiglione Lavanderia, Ex O.P. Antonini di Limbiate ( Loc. Mombello) Premessa: Non

Dettagli

BANDI 2014. Bando senza scadenza LINEE GUIDA

BANDI 2014. Bando senza scadenza LINEE GUIDA Bando senza scadenza BREZZA: piste cicloturistiche connesse a VENTO Il problema Dorsali e piste cicloturistiche sono infrastrutture leggere di lunga e media percorrenza che permettono, con un impatto ambientale

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci Al Sindaco Moratti Agli Assessori Cadeo, Croci, Simini e Terzi Al settore pianificazione mobilità e trasporti E p.c. ai Consiglieri comunali tutti COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO,

Dettagli

Installazione e Impianti PROGETTO TETTI PULITI

Installazione e Impianti PROGETTO TETTI PULITI Installazione e Impianti PROGETTO TETTI PULITI Maggio 2014 1. PREMESSA Il progetto Tetti puliti intende promuovere una iniziativa volta alla incentivazione per la installazione di impianti di antenna centralizzati

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

Programma Elettorale

Programma Elettorale ELEZIONI COMUNALI 2014 CASTRI DI LECCE Programma Elettorale Perché una società vada bene, si muova nel progresso, nell'esaltazione dei valori della famiglia, dello spirito, del bene, dell'amicizia, perché

Dettagli

cambiare Roma: 2 fasi, un solo obiettivo

cambiare Roma: 2 fasi, un solo obiettivo cambiare Roma: 2 fasi, un solo obiettivo La cosa migliore del futuro è che arriva un giorno alla volta (Abraham Lincoln) la nuova fase dell azione di governo 2 anni per cambiare i modi di governare la

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

La pubblicazione dei dati previsti nella legge n.190/2012 da parte di EXPO 2015 S.p.A.

La pubblicazione dei dati previsti nella legge n.190/2012 da parte di EXPO 2015 S.p.A. La pubblicazione dei dati previsti nella legge n.190/2012 da parte di EXPO 2015 S.p.A. Il presente documento ha ad oggetto i risultati dell analisi della Sezione Amministrazione trasparente della Società

Dettagli

BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE CONTRATTO DI FIUME DEL TORRENTE SANGONE-2020 MASTERPLAN - PIANO D AZIONE

BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE CONTRATTO DI FIUME DEL TORRENTE SANGONE-2020 MASTERPLAN - PIANO D AZIONE BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE CONTRATTO DI FIUME DEL TORRENTE SANGONE-2020 MASTERPLAN - PIANO D AZIONE Relazione di progetto La nostra analisi e il conseguente progetto è finalizzato alla valorizzazione

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

1.0 Premessa. 1.1 Tipologia degli incarichi

1.0 Premessa. 1.1 Tipologia degli incarichi 1.0 Premessa Da decenni assistiamo, dopo l esito elettorale, alla scelta della Giunta Comunale del partito vincente sulla base di convenienze, amicizie, alleanze, scambi di favori e bacini elettorali:

Dettagli

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO Il Piano e i partner coinvolti L'amministrazione comunale di Siracusa sta promuovendo il Piano Strategico INNOVA Siracusa 2020, la cui redazione si è avviata nel marzo del 2009 (con risorse disposte dalla

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI Comune di Scandicci Provincia di Firenze Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

CASA COMUNE. Trasparenza TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA

CASA COMUNE. Trasparenza TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA CASA COMUNE TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE Trasparenza In questi anni il distacco dei cittadini dalla politica ha raggiunto

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

AGENDA DIGITALE RAVENNA

AGENDA DIGITALE RAVENNA FOCUS GROUP AZIENDE 1 Sala Maraldi 13/11/2013 AGENDA PARTECIPANTI: 20 GENERE: 18 uomini, 2 donne ETA MEDIA: 48,3 NAZIONALITA : italiana COMUNE /QUARTIERE DI RESIDENZA: 14 Ravenna (chi ha specificato: 1

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 62 del 27.07.2013

AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 62 del 27.07.2013 Comune di Otricoli AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 62 del 27.07.2013 Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti imprenditoriali per attività produttive

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità «Decentramento e Municipalità: i casi di Bologna, Napoli, Roma»

Dettagli

Asse di intervento A. Recupero degli edifici rurali

Asse di intervento A. Recupero degli edifici rurali Progetto 3P Tavolo Paesaggio dell edilizia rurale Verbale dell incontro del 23 aprile 2008 Presenti: Nome Lino Balotti Ivan Bernardi Lorenzo Cervelli Alessia Chiappini Renato Marchesi Marcella Salvetti

Dettagli

Mediterranean sights Concorso video per la promozione del patrimonio culturale nel Mediterraneo

Mediterranean sights Concorso video per la promozione del patrimonio culturale nel Mediterraneo Mediterranean sights Concorso video per la promozione del patrimonio culturale nel Mediterraneo 1. Premessa L Italia, la Tunisia ed il Libano, attraverso rispettivamente il Ministero dei beni e delle attività

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Tavolo: VERDE URBANO

Tavolo: VERDE URBANO Contributi dai cittadini Tavolo: VERDE URBANO 24 0 5 Più verde in città a) Preservare e Aumentare il Verde comune in città. b) Se un albero va tagliato per qualunque motivo automaticamente se ne pianta

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL SERVIZIO 7 SOSTENIBILITA AMBIENTALE

CARTA DEI SERVIZI DEL SERVIZIO 7 SOSTENIBILITA AMBIENTALE CARTA DEI SERVIZI DEL SERVIZIO 7 SOSTENIBILITA AMBIENTALE PREMESSA PER MEGLIO RISPONDERE ALLE ESIGENZE DEGLI UTENTI CHE SI RIVOLGONO AL COMUNE DI CIVITAVECCHIA, IL SERVIZIO 7 OPERE PUBBLICHE, PROJECT FINANCING

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA PER GALGAGNANO

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA PER GALGAGNANO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA PER GALGAGNANO 1) COME AMMINISTREREMO Al primo posto del nostro progetto c e appunto l amministrazione del paese che deve passare da una gestione monocratica ad una

Dettagli

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO)

Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di CASTAGNETO PO (Prov. TORINO) Votazioni del giorno 25/05/2014 P

Dettagli

Il restauro e la premialità nel PGT di Milano Un esempio: la Grande Brera

Il restauro e la premialità nel PGT di Milano Un esempio: la Grande Brera Il restauro e la premialità nel PGT di Milano Un esempio: la Grande Brera (Intervento al convegno Restaurare il passato per costruire il futuro, promosso dagli Amici dei Navigli nella Sala delle Conferenze

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO :

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO : Workshop TERRE, ROCCE DA SCAVO E MATERIALI RICICLATI. QUANDO END OF WASTE? 14 GIUGNO 2012 SALA CONGRESSI DELLA PROVINCIA DI MILANO VIA CORRIDONI, 16 MILANO PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA

Dettagli

1) CHE COS E UNA DORSALE CICLOTURISTICA?

1) CHE COS E UNA DORSALE CICLOTURISTICA? 1) CHE COS E UNA DORSALE CICLOTURISTICA? Una dorsale cicloturistica è una infrastruttura leggera, di lunga percorrenza, utilizzata esclusivamente da ciclisti. Le dorsali sono normalmente caratterizzate

Dettagli

City Act. Linee Guida per una Milano Metropolitana. primi passi del piano strategico per la Milano che verrà

City Act. Linee Guida per una Milano Metropolitana. primi passi del piano strategico per la Milano che verrà City Act Linee Guida per una Milano Metropolitana primi passi del piano strategico per la Milano che verrà Il Secolo Urbano Ormai oltre il 50% della popolazione mondiale vive in zone fortemente urbanizzate.

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

Gestione e controllo dell ambiente. Enrico Stronati Assessore all ambiente

Gestione e controllo dell ambiente. Enrico Stronati Assessore all ambiente Gestione e controllo dell ambiente Enrico Stronati Assessore all ambiente Indice degli argomenti Controlli ambientali del territorio Decoro urbano Energie rinnovabili + compostaggio Piano di Azione per

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile

Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile BEE (Ufficio europeo per l Ambiente) Piattaforma Sociale Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile L Unione Europea e i suoi Stati membri si sono più volte impegnati

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA VIGNATE SI CAMBIA

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA VIGNATE SI CAMBIA PROGRAMMA AMMINISTRATIVO LISTA CIVICA VIGNATE SI CAMBIA Vignate Elezioni Amministrative 25 maggio 2014 PREMESSA Vignate SI Cambia non è solo il nome più o meno originale della lista con cui ci presenteremo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO COMUNE DI PIACENZA PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO TRA COMUNE DI CREMONA COMUNE DI PIACENZA PROVINCIA DI LODI.,.ottobre 2015 Premesso che: L

Dettagli

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011 PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI Normativa della Regione Lombardia in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali Firenze 20 maggio 2011 Aldo Palumbo Direzione

Dettagli

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010

Presentazione Programma Amministrativo. Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 Presentazione Programma Amministrativo Valle Talloria 23 marzo 2010 Ricca 25 marzo 2010 Diano Capoluogo 26 marzo 2010 FILOSOFIA E PRINCIPI ISPIRATORI DELLA LISTA N.1 INSIEME PER DIANO - al servizio della

Dettagli

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie Pagina1 Formazione e Informazione Itinerante sui LL.PP. per la Pubblica Amministrazione, Liberi professionisti, Imprese Giornata di Studio Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche:

Dettagli

Il Parco fluviale Capoprati di Legambiente

Il Parco fluviale Capoprati di Legambiente Il Parco fluviale Capoprati di Legambiente Oggi il Parco fluviale Capoprati è un Centro di Educazione Ambientale di Legambiente, meta di visite guidate, dove si svolgono progetti didattici per le scuole

Dettagli

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 11 Indice I GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale... 4 Art. 2 Autorità

Dettagli

A Cura di Dott. Claudio Furloni Settore Verde e Agricoltura Servizio Agricoltura: www.agricity.it P.zza Duomo 14-20122 Milano.

A Cura di Dott. Claudio Furloni Settore Verde e Agricoltura Servizio Agricoltura: www.agricity.it P.zza Duomo 14-20122 Milano. Linee guida per la concessione e l uso, a tempo determinato, di ambiti territoriali urbani da destinare alla realizzazione di orti urbani in attuazione del progetto denominato COLTIVAMI e GIARDINI CONDIVISI

Dettagli

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr Torino, 02/04/2014 Andrea Nardinocchi L impegno ambientale di Italferr Italferr è da anni impegnata nella gestione delle tematiche ambientali

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA

PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA PROGRAMMA N. 15: SICUREZZA 195 196 15. SICUREZZA Progetto 15.1 Polizia Municipale Le attività della Polizia Municipale sono rivolte ad affermare e mantenere la legalità nella società civile, attraverso

Dettagli

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA 2 I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA I MERCATI SONO UNO STRUMENTO CHIAVE DI SVILUPPO DELLA RIGENERAZIONE URBANA, DI STILI DI VITA SOSTENIBILI, DELL OCCUPAZIONE E IMPRENDITORIALITÀ NELLE CITTÀ.

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO COMITATO TUTELA AMBIENTE C/o Casulli - Via V. De Gama,109/3-24045 Fara Gera D Adda Telefono: 0363 399968 Fax: 035 4542646 Indirizzo e-mail : comitato_ambiente@inwind.it - Sito web: www.ambientefara.it

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE 13/2015 Promossa dalla Giunta al Consiglio Comunale nella seduta del 5 febbraio 2015 OGGETTO: Realizzazione del Campus sportivo di Beata Giuliana. Affidamento della costruzione e gestione mediante concessione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 66 del 05/08/2013

AVVISO PUBBLICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 66 del 05/08/2013 Comune di San Gemini AVVISO PUBBLICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 66 del 05/08/2013 Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti imprenditoriali per attività produttive proposti

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Cauco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA PER IL PREMIO

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA PER IL PREMIO Rete Rurale Nazionale Task Force Buone Prassi e Innovazioni Task Force LEADER GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA PER IL PREMIO E.S.E.M.P.I. 211 Esperienze di Sviluppo Eccellenti per Metodi e Prassi

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO

ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti di iniziativa delle attività commerciali, turistico-ricettive, servizio-ricettive da inserire nel P.U.C. 3 del Comune

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Regolamento del concorso Cremona Fiorita. Art. 1 Istituzione del Concorso e finalità

Regolamento del concorso Cremona Fiorita. Art. 1 Istituzione del Concorso e finalità Regolamento del concorso Cremona Fiorita Art. 1 Istituzione del Concorso e finalità 1. Il Comune di Cremona istituisce il Concorso Cremona fiorita, per incoraggiare i cittadini, gli operatori commerciali

Dettagli

CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM

CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM Il presente concorso offre a 30 imprese l opportunità di partecipare gratuitamente al Forum CompraVerde BuyGreen di Milano ed è rivolto a tutte le micro,

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Linee guida progettuali per un nuovo Piano delle Regole Lombardo il caso Meda: modelli insediativi e indirizzi urbanistici per

Dettagli

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri E un resoconto ampio quello che attiene ai cinque anni (2009-2013) della prima amministrazione guidata da Paolo Lucchi, così come è dettagliato il

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NIBION PIA DI GOVER DEL TERRITORIO Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 Elaborati riportanti in rosso le integrazioni e le modifiche apportate a seguito delle proposte di controdeduzione VALUTAZIONE

Dettagli

ANTICAMPER CITTADINO INTOLLERANTE E DISINFORMATO COME EDUCARE IL CITTADINO

ANTICAMPER CITTADINO INTOLLERANTE E DISINFORMATO COME EDUCARE IL CITTADINO ANTICAMPER i cittadini devono sapere Negli anni, l Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti è dovuta intervenire ripetutamente allorquando dei cittadini inviano al Comune istanze per far sparire

Dettagli

PUBBLICITA' E DECORO URBANO. stampa chiudi

PUBBLICITA' E DECORO URBANO. stampa chiudi stampa chiudi PUBBLICITA' E DECORO URBANO Cartelloni abusivi mai rimossi: i comitati per il decoro denunciano sindaco e assessore «Omissione d'atti d'ufficio» e «collocamento pericoloso di cose» i reati

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo ***** CAP 90024 Via Salita Municipio, 2 tel. 0921644076 fax 0921644447 P. Iva 00475910824 - www.comune.gangi.pa.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

Concorso nazionale. progetto e gestione degli spazi pubblici

Concorso nazionale. progetto e gestione degli spazi pubblici Concorso nazionale progetto e gestione degli spazi pubblici Premessa La realizzazione di opere di costruzione o riqualificazione di spazi pubblici è raramente supportata da indicazioni e previsioni che

Dettagli

Comune di Lissone Data: 01/12/2011. PGT adottato

Comune di Lissone Data: 01/12/2011. PGT adottato PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE (PTCP) DI MONZA E BRIANZA SEGNALAZIONE PRESENTATA DA: OSSERVATORIO PTCP DI MONZA E BRIANZA SEGNALAZIONE N. 1 A cura di: Associazione residenti condomini

Dettagli

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Daniela Luise Padova Verifica dello stato di avanzamento delle iniziative in corso di realizzazione e programma delle attività per il 2008 Rimini, 6 giugno 2008

Dettagli

AL LAVORO PER ATTUARE IL SEGUENTE PROGRAMMA:

AL LAVORO PER ATTUARE IL SEGUENTE PROGRAMMA: AL LAVORO PER ATTUARE IL SEGUENTE PROGRAMMA: 1. Inserimento e presenza di Associazionismo e Cittadini per il Giubileo nell Organismo di pianificazione del Piano straordinario per il Giubileo. Riconoscimento,

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 TERRITORIO Potenziamento delle strutture sul territorio : Realizzazione di progetti ex novo e di ristrutturazione affiancati da richieste di assegnazione di fondi europei,

Dettagli

Programma di Consiliatura

Programma di Consiliatura Programma di Consiliatura Candidato alla carica di Sindaco RITORTO Giovanni, detto Vanni Pag. 1 di 10 PROGRAMMA Premessa In questo documento sono sintetizzati le politiche e i principali punti programmatici

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE - ESERCIZIO 2010

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE - ESERCIZIO 2010 Pag. 1 OPERATORI: PO04 LAVORI PUBBLICI OBIETTIVI: POLIZIA MUNICIPALE Attuazione del Servizio di vigilanza stradale, previsione, verifica ed aggiornamenti della segnaletica orizzontale e verticale. Adeguamento

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (Artt. 71 e 73, comma 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n.267)

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (Artt. 71 e 73, comma 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n.267) PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (Artt. 71 e 73, comma 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n.267) AI CITTADINI DEL COMUNE DI GRANCONA LISTA PROGETTO GRANCONA ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 Maggio 2014 Un progetto per

Dettagli