N 2. Editoriale. Una precisa scelta di campo. Anno 7. L intervista: L evoluzione degli studi di architettura e ingegneria un caso pratico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N 2. Editoriale. Una precisa scelta di campo. Anno 7. L intervista: L evoluzione degli studi di architettura e ingegneria un caso pratico"

Transcript

1 Quando un Sistema - Paese vuole rilanciare un intero comparto non può e non deve prescindere da alcuni elementi sostanziali quali: la qualità dell impresa, la regolarità del lavoro, la legalità e l eco sostenibilità. Questi sono i punti cardini sui quali è necessario concentrare il lavoro se si vuole realmente dare ossigeno al settore dell edilizia. Riuscire a creare lavoro in tempi di recessione è l impresa delle imprese e per fare questo è necessario distinguersi per dinamismo e capacità di sviluppo. Il tutto per dare respiro a un mercato che si è fatto sempre più asfittico. Sono realtà che investono nell innovazione, pensano ad esportare e riescono a crescere. Di imprese così, lungimiranti e vitali, pure di questi tempi, ce ne sono anche in Italia. E giunto il momento di fare una scelta di campo. Le aziende, quelle virtuose, lo stanno già facendo da sole. L incontro fra queste crea risultati tangibili: opere in fase di progettazione, consegnate e inaugurate, il tutto a vantaggio dei territori e delle persone che li abitano. Senza dimenticare la ricerca e l innovazione di processo delle fasi sopra elencate. All interno di questo numero della nostra rivista ne troviamo diversi esempi. Dai work in progress con progetti che hanno riscosso grandi successi presso le fiere specializzate di settore, alle recenti inaugurazioni di megastore. Il tutto senza dimenticare la vitalità e il dinamismo degli studi professionali operanti nel nostro campo. E necessario recensire questi casi per dare un segnale forte e chiaro: avanti si può e si deve andare. Buona lettura. Gabriele Polini L intervista: L evoluzione degli studi di architettura e ingegneria un caso pratico Associazione: le imprese di costruzione all estero Editoriale Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1, Aut. GIPA/CN/AN/30/ euro 1,00 Una precisa scelta di campo Ricerca: vent anni d innovazione e sperimentazione Mercato fotovoltaico: rinnovabili, la Romania seduce ancora Case History: Comet investe su Fano N 2 Work in progress: l Universo, un centro commerciale di quarta generazione Anno 7

2 2 Associazione Le imprese di costruzione all estero Presentato di recente il rapporto sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo che vede un incremento dell 8,6% dei fatturati Nata nel 1946 l Ance (Associazione Nazionale dei Costruttori) rappresenta l industria italiana delle costruzioni alla quale aderiscono circa imprese private, specializzate in opere pubbliche, edilizia abitativa, commerciale e industriale, tutela ambientale, promozione edilizia e lavorazioni specialistiche. Il sistema associativo copre tutto il territorio nazionale ed è articolato in 102 Associazioni Territoriali e 20 Organismi Regionali. L azione dell Ance è diretta alla promozione e al rafforzamento dei valori imprenditoriali e del lavoro dell industria edile e del suo indotto, e concorre al perseguimento degli interessi generali del Paese. L associazione, presieduta da Paolo Buzzetti, tutela gli interessi della categoria nei confronti delle istituzioni centrali, stipula il contratto nazionale di lavoro e promuove lo sviluppo del mercato. A livello internazionale l Ance è presente stabilmente a Bruxelles e aderisce alle più importanti Federazioni internazionali delle costruzioni. Proprio in riferimento all internazionalizzazione è stato di recente presentato, alla Farnesina, il rapporto 2014 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo. Dal rapporto si legge che è di ben 17 miliardi di euro il valore delle commesse acquisite all estero nell ultimo anno dalle imprese italiane di costruzione. Un risultato importante che porta le costruzioni italiane al nono anno consecutivo di crescita di fatturato oltreconfine: +8,6%. Un valore che dal 2004 al 2013 è più che triplicato (+206%) passando da poco più di 3 a oltre 9,5 miliardi di euro e che rappresenta ormai il 60% del fatturato totale prodotto. Oltre ai tradizionali comparti delle autostrade e delle ferrovie, infatti, le imprese italiane stanno conquistando fette di mercato anche nell ambito d impianti ambientali, edilizia sanitaria, hotel e centri di ricerca, segno che il Know How tecnologico raggiunto e la stretta collaborazione con la Farnesina stanno dando ottimi frutti all industria delle costruzioni italiana a livello mondiale. La crescita sui mercati esteri, ha posto l accento, il presidente dell Ance sta a dimostrare che non c e più mercato in Italia, che ormai è diventata fanalino di coda in Europa. Le imprese sono costrette ad andare all estero ma non vorrei - ha sottolineato - che queste imprese, soprattutto le più grandi, si trasformino in estere altrimenti, questo, diventerebbe un problema per il Paese. L estero - ha detto ancora Buzzetti - è l unico sostegno all attività edilizia in Italia. Di fronte a un calo verticale del mercato interno, le nostre imprese, almeno quelle più grandi, hanno aumentato in meno di 10 anni di tre volte il fatturato estero. Anche le pmi stanno ormai con le valigette in mano. All estero - ha spiegato - si lavora molto nell Europa dell Est e nei Paesi transfrontalieri del Mediterraneo, dove il mercato è attualmente sospeso per i problemi geopolitici, ma che potenzialmente è in forte espansione.

3 Vent anni d innovazione e sperimentazione La Scuola di Architettura e Design ha celebrato, lo scorso anno, i venti anni dalla sua fondazione ad opera del Prof. Eduardo Vittoria a cui è stata intitolata Ricerca 3 Aula Cola da Amatrice Istituita nel 1993, come Facoltà di Architettura, ha la sua sede di rappresentanza nello storico ex Convento dell Annunziata all interno del Parco della Rimembranza situato nella parte più alta della città di Ascoli Piceno. Nel 1998/99 seguì l istituzione del Dipartimento ProCAm, Progettazione e Costruzione dell Ambiente. Nel 2009, in anticipo rispetto alla riforma universitaria del 2010, l Ateneo di Camerino trasformò e riunì le competenze e le attività delle Facoltà e dei Dipartimenti nelle Scuole e pertanto assunse l attuale denominazione di Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria. Il titolo di studio rilasciato, finalizzato alla formazione dell Architetto, è stato riconosciuto dalla Commissione Europea. L identità della scuola si è costituita negli anni intorno ad un corpus culturale e scientifico dove la cultura del progetto, come specifica competenza dell architetto e del designer, rappresenta allo stesso tempo l essenza e la sostanza di un processo intellettuale che presuppone una ricerca continua e l utilizzo di conoscenze e metodologie interdisciplinari capaci di coniugare i diversi saperi e competenze umanistiche, scientifiche e tecnologiche. Chiostro Annunziata I corsi di studio sono diversi, ma di particolare interesse, rispetto al settore dell edilizia sono quelli relativi all Architettura e al design computazionale. Nelle attività formative del corso di studio in Scienze dell Architettura e in quello magistrale in Architettura, lo studente viene guidato verso la maturazione della consapevolezza del ruolo dell architetto nella società contemporanea come individualità in grado di leggere ed interpretare i fenomeni che caratterizzano la città, il paesaggio e l ambiente, sia naturale che costruito. I presupposti formativi di un architetto sono la capacità di immaginare, disegnare e realizzare un opera di architettura di qualità quindi viene dato ampio spazio alla sperimentazione attraverso esperienze progettuali attuate nei Laboratori, ovvero spazi e momenti didattici dove si progetta supportati dal docente titolare e dai tutor. Le riflessioni progettuali relative all edificio e all oggetto d uso si declinano nello studio di tecnologie e di processi industriali innovativi, legati alla progettazione di nuovi sistemi strutturali per l edilizia sismica e la valutazione della loro vulnerabilità, all eco sostenibilità ed alla efficienza energetica, all eco-design ed alla progettazione di prodotti, sistemi e sistemi intelligenti, alla automazione degli edifici e degli ambienti di vita assistiti (AAL). Un altro corso di studi estremamente interessante è quello Magistrale in Design Computazionale. Si articola nell arco di due anni accademici in quattro semestri e si propone di completare la formazione del laureato di primo livello. La formazione di profilo intellettuale e professionale è caratterizzata da un approfondita conoscenza nelle discipline riguardanti il progetto di artefatti materiali o virtuali in relazione alle loro caratteristiche, tecnologico-costruttive, produttive, funzionali, formali e d uso e quindi nelle relazioni Periodico realizzato dalla Vega Prefabbricati che gli stessi artefatti instaurano con il contesto spaziale ed ambientale e con quello dell industria e del mercato. Il corso si focalizza in modo particolare sullo sviluppo di teorie, metodi e processi di progettazione e realizzazione di prodotti, sistemi e servizi smart, ad alto contenuto d innovazione tecnologica, capaci di svolgere attività e funzioni complesse e dotati di intelligenza nascosta (smart embedded), attraverso l introduzione, l uso e la conoscenza di innovativi strumenti di calcolo (innovative computational tools) che avranno lo scopo di migliorare ed aumentare gli aspetti creativi e socialmente utili dei prodotti di design. Nella prossima edizione di Vegazine, ospiteremo il preside della Scuola che ci spiegherà come la stessa interagisce con la società e il territorio dove opera e quali siano le opportunità di impiego e professionali che possono essere perseguite finiti gli studi. Editrice: Gabbiano - srl Via Orsi, Ancona Iscrizione al ROC: del 15/03/2008 Registrazione Tribunale di Ancona n 14/14 Redazione: Via Cingoli, 20/a Ancona (AN) Direttore responsabile: Gabriele Costantini Hanno collaborato: Luigi Gagliardi, Giulia Jorini, Clizia Pavani, Maurizio Polini, Sara Polini Grafica e impaginazione: Gabbiano - srl Stampa: Arti grafiche STIBU Urbania PU

4 4 Mercato fotovoltaico Rinnovabili: la Romania seduce ancora L interesse per il mercato rumeno spinge varie realtà aziendali a strutturarsi nel paese dell est europeo per cogliere opportunità e finanziamenti Un esempio dell attenzione per l internazionalizzazione viene da Vega Prefabbricati con la nascita della sede rumena della Vega Buildings&Energy srl. L Ing. Giuseppe Gambino, resident project manager ci guida alla scoperta delle novità in campo energetico nel paese est europeo. Qual è l attuale situazione normativa del settore delle rinnovabili? A seguito della pubblicazione del rapporto ANRE sul riequilibrio dell eccessivo numero d impianti accreditati, soprattutto fotovoltaici ed eolici, nel dicembre 2013 con la Decisione del Governo HG 994/2013 si Tabella 1 Certificati Verdi assegnati per MWh prodotto da fonti rinnovabili e immesso in rete, da centrali con potenza nominale superiore ad 1MWp 3 Certificati Verdi per ogni MWh di energia fotovoltaica. 2,3 Certificati Verdi per ogni MWh di energia idroelettrica (se da centrali nuove e < 10 MWp). 2 Certificati Verdi per ogni MWh di energia idroelettrica da vecchie centrali ristrutturate. 3 Certificati Verdi per ogni MWh di energia elettrica prodotta da centrali a biogas e biomasse. 1,5 Certificati Verdi per ogni MWh di energia eolica fino a dicembre 2017 e 0,75 Certificati Verdi da gennaio Tabella 2 Sistema di feed-in tariff per impianti sotto 1 MW (bozza in attesa d ufficializzazione) 69,4 /MWh per i progetti di biogas. 90,6 /MWh per progetti di cogenerazione a base di gas ottenuto dalla fermentazione dei rifiuti. 109,0 /MWh per progetti di biomassa. 134,0 /MWh per progetti a base di culture energetiche e rifiuti di origine forestale. 137,7 /MWh per micro idro centrali oggetto di revamping. 154,0 /MWh per progetti di cogenerazione sotto 2 MW che usano le culture energetiche o i rifiuti di origine forestale. 141,9 /MWh per micro idro centrali nuove. 167,0 /MWh per impianti fotovoltaici. è materializzata la riduzione del numero dei Certificati Verdi per impianti accreditati dall ANRE dal 1 gennaio Il nuovo conteggio per l assegnazione dei Certificati Verdi (vedi tabella 1), mostra chiaramente che da quest anno la politica nazionale è quella di sostenere i piccoli produttori, anche se la Romania rimane allo stato attuale l unico paese Europeo a incentivare ancora i grandi impianti. Quello fotovoltaico è un mercato maturo o presenta ancora degli spunti di crescita? Il mercato delle rinnovabili in Romania è nato all inizio del 2007, subito dopo l entrata del paese nella Tabella 3 Ripartizione dei 21,4 miliardi di Euro ricevuti dalla Romania per l esercizio finanziario ,07 mld. Euro - Grandi Infrastruttura (infrastruttura, trasporti e ambiente). 6,47 mld. Euro Sviluppo Regionale. 3,44 mld. Euro Risorse umane. 1,26 mld. Euro Competitività. 0,52 mld. Euro - Capacità Amministrativa. 0,3 mld. Euro - Assistenza Tecnica. 0,45 mld. Euro - Cooperazione transfrontaliera. Comunità Europea e oggi il paese è tra i primi 10 produttori di energia rinnovabile di tutta la Comunità Europea. Grazie al sistema incentivante e agli investimenti stranieri, si è arrivati ad avere a fine 2014, una potenza da Fotovoltaico di MWp, da Eolico di MWp, da Micro-Idroelettrico di 600 MWp e da Biomassa di 100 MW. Dal 2007 al 2014 si sono installati, dunque, MW d impianti a rinnovabili e nel 2015 la produzione di elettricità da queste fonti raggiungerà un totale di oltre 10 TWh. Detto ciò, il mercato delle rinnovabili rumeno ha un grado di maturità avanzato rispetto l età anagrafica poiché ha rappresentato, per molte aziende europee, la possibilità di poter sopravvivere alla crisi nei propri Paesi d origine. Il mercato rumeno delle rinnovabili è tra i più interessanti per chi vuole investire. È rimasto ormai l unico Paese a livello europeo a mantenere un incentivo per i grandi impianti fotovoltaici e non smette di stupire con le nuove feed-in tariff (vedi tabella 2). Restano interessanti opportunità anche per investimenti in costruzione o revamping d impianti di micro-idroelettrico, biomasse e biogas. Di tutto ciò, se ne discuterà nell ambito del RENEXPO 2014, il maggiore evento fieristico nel settore delle energie rinnovabili del sud-est d Europa, al quale la Vega sarà presente come espositore. Quali sono le prospettive a breve e lungo periodo della Vega in Romania? Per quello che concerne il settore delle rinnovabili le prospettive, nel breve periodo, sono rivolte all avvio delle feed-in tariff ove riteniamo di poter fare la differenza nella realizzazione di grandi impianti fotovoltaici a tetto, vista l esperienza e il relativo know how nelle costruzioni industriali. Per il settore deile costruzioni, i piani di sviluppo della Vega nel futuro prossimo, sono rivolti alla promozione, sviluppo e gestione di progetti UE in funzione della nuova programmazione dei fondi europei (vedi tabella 3). Inoltre, la Vega intende ampliare il proprio core business nel sud-est Europa, andando a implementare un unità produttiva di prefabbricati in calcestruzzo per strutture industriali, commerciali, infrastrutturali e agricole anche mediante l utilizzo di fondi Europei. Guardando al lungo periodo nel settore delle costruzioni, si punterà a sviluppare un parco logistico e/o industriale in Romania. Luigi Gagliardi

5 5 Work in progress VITERFREDDO S.r.l. Località montaggio: Viterbo (VT) Superficie: Mq 750. Tamponamento: Levigato Bianco Carrara, Levigato-Fugato Grigio Bardiglio. Solaio: Strato Scala Prefabbricata Balconi con mensole a scomparsa. Località montaggio: Mosciano Sant Angelo (TE) Superficie: Mq Copertura: Venere L. Tamponamento: Spessore 30 cm Granigliato. H sotto tegolo: Ml 8. LEVI S.r.l.

6 6 Work in progress Un centro commerciale di quarta generazione Alessandro e Luca D Eugenio Il Gruppo D Eugenio ha interessi economici in diversi settori: commercio, immobiliare, turismo, agricoltura, fotovoltaico. Dopo la prima attività imprenditoriale nella produzione di materiali prefabbricati per l edilizia, il gruppo ha iniziato a diversificare il raggio d azione entrando nella grande distribuzione. Nel 1999 ha realizzato il centro commerciale Universo di Silvi Marina. Prima ancora, nella stessa area lungo la statale Adriatica, era stata aperta la Fiera Adriatica, un grande spazio espositivo per mostre, concerti e rassegne. Accanto al centro commerciale, inoltre, c è l Onda Hotel, struttura ricettiva con 110 camere. Il gruppo D Eugenio ha anche un azienda agricola con 30 ettari di terreno, mentre l ultima nata è la D.Larr Energy, impresa che opera nel settore delle energie rinnovabili e gestisce 5 Mw d impianti fotovoltaici. Il gruppo è amministrato dai fratelli Alessandro e Luca D Eugenio. I dipendenti delle diverse aziende del gruppo sono circa 80. Come cambia il commercio, quali sono i nuovi bisogni dei consumatori e cosa deve fare il settore per intercettarli. Ma anche la spinta alla diversificazione e all innovazione per rimanere competitivi, facendo i conti con gli ostacoli del sistema chiamati burocrazia e sistema bancario. Senza nascondere, però, i limiti dell imprenditoria, soprattutto quelli di carattere culturale. Alessandro D Eugenio amministra, con il fratello Luca, il Gruppo D Eugenio, holding con svariati interessi economici dei quali il più noto è l Universo commerciale di Silvi Marina. Commercio, turismo e servizi sono i settori principali in cui operate. Pensa che questa sia la vocazione economica del territorio? Ripeterò un luogo comune, ma in provincia di Teramo si può passare in un ora dal mare alla montagna. Purtroppo non ci sono né la capacità, né gli strumenti per valorizzare questa risorsa, sia da parte degli imprenditori che delle istituzioni. La nostra regione potrebbe vivere di tre cose: turismo, agricoltura e servizi. Ma nel 2014 non siamo ancora in grado di costruire un progetto che si chiami Prodotto Abruzzo e commercializzarlo come si deve. Perché secondo lei? il Gruppo D Eugenio, holding con svariati interessi economici dei quali il più noto è l Universo commerciale di Silvi Marina Il problema è culturale. Ognuno guarda il suo orticello. Non si fa squadra e questo non dipende dalle istituzioni, ma dall imprenditoria locale. Quando mio padre ebbe l idea di aprire un centro commerciale a Silvi, dopo aver scoperto questo mondo in un viaggio negli Stati Uniti, incontrò tantissime difficoltà. Parliamo di oltre venti anni fa. Gli enti ci crearono ostacoli e le associazioni di categoria dei commercianti non presero posizione per paura di un modello che non conoscevano. Quale dovrebbe essere il ruolo delle istituzioni per lo sviluppo economico del territorio? La pubblica amministrazione non può fare miracoli perché si scontra con le leggi e la burocrazia. Penso, ad esempio, alle conferenze di servizio che dovrebbero mettere attorno a un tavolo tutti gli enti competenti per dare un parere sui progetti. L idea è eccezionale, perché dovrebbe accelerare le procedure, ma nella pratica non funziona. Forse è il caso di responsabilizzare di più gli uffici perché diano risposte concrete e immediate. Per ottenere il permesso a costruire del nuovo centro commerciale ci abbiamo messo tre anni e mezzo, nonostante avessimo tutta l amministrazione comunale a favore, compresa l opposizione. Ci sono troppi enti che devono dare il loro parere. Cosa si aspetta da loro per la sua impresa? Bisogna semplificare le norme e abbattere i costi di gestione del territorio. Il nostro gruppo paga ogni anno la bellezza di euro di Imu. Sono somme assurde, soldi tolti all impresa che potrebbe reinvestirli per dare più posti di lavoro. Invece la comunità non percepisce i benefici di questi soldi, perché onestamente vedo che le strade sono dissestate, i servizi per il cittadino sempre più rari e costosi. Perciò chiedo alla nuova amministrazione comunale di focalizzare la sua attenzione sui costi di gestione dell azienda Silvi.

7 7 Work in progress Un grande successo per il Centro Universo al Mapic 2014 Il progetto del nuovo Centro Universo di Silvi Marina ha riscosso un grande successo alla ventesima edizione del Mapic, la fiera internazionale che porta sulla Croisette di Cannes il settore retail, che si è svolta nella città francese dal 19 al 21 novembre Quest anno la parola d ordine è stata Retailtainment poiché il settore dei centri commerciali ha scelto proprio la strada dell intrattenimento per rendere ogni sessione di shopping una vera e propria esperienza. In vetrina sono stati presenti i centri commerciali, i mall e gli outlet più spettacolari del mondo, come per esempio Place Vendome in Qatar che avrà dimensioni di 800mila metri quadrati o ancora in Cina Jihua Park dove si potranno praticare diversi sport tra cui paracadutismo. L Italia è arriva a Cannes con una presenza in crescita del 7% rispetto alla scorsa edizione. Quanto pesa la stretta creditizia da parte delle banche sulle risorse a disposizione delle aziende? Insieme alla burocrazia, il sistema bancario rappresenta l altro nodo critico per chiunque oggi voglia continuare a fare impresa. Le banche hanno il coltello dalla parte del manico. La situazione economica impone una collaborazione con gli istituti di credito, ma loro si devono rendere conto che non possono strangolare il sistema della produzione. I famosi soldi che sono arrivati dalla Bce non devono essere investiti in titoli di Stato, ma devono essere riversati sul tessuto imprenditoriale. Il nostro territorio, inoltre, paga anche questioni specifiche. Noi avevamo un finanziamento con la Caripe per il progetto del nuovo centro commerciale, ma il dissesto della Tercas ci ha bloccato importanti contributi nonostante avessimo acceso un regolare mutuo. Controllo dei costi e innovazione di sistema sono le strade giuste per affrontare il mercato? Assolutamente sì. Nel centro commerciale abbiamo un impianto fotovoltaico per abbattere i costi energetici. In quello nuovo stiamo realizzando una vasca d accumulo per il recupero e il riutilizzo dell acqua piovana. Il nostro gruppo è particolarmente sensibile ai temi della sostenibilità ambientale e questo ci aiuta anche sotto il profilo dei costi, specie in un momento delicato come questo. Oggi si riesce ad andare avanti se si ha la volontà di mettersi in discussione e rivedere l organizzazione dell azienda. L innovazione, per quanto ci riguarda, è insita nella diversificazione stessa delle attività che il gruppo ha sempre portato avanti. La spinta a innovare e a diversificare in che direzione vi sta portando? Nell immediato c è il progetto del nuovo centro commerciale. Il settore mostra qualche segno di difficoltà ed è per questo che abbiamo rivisto il concept puntando sui servizi. Il centro commerciale di quarta generazione ha la sua vocazione principalmente nei servizi che devono trainare la piastra commerciale. Il progetto di ampliamento prevede un centro sportivo con due piscine omologate dalla Fin, una palestra con centro di riabilitazione, un asilo, un cinema multisala, un poliambulatorio medico. Dovrà rappresentare un centro di aggregazione sociale per il territorio. Dovremmo aprire alla fine del 2015, se non ci saranno altri problemi che rallenteranno i lavori come quello che ci ha costretto a mettere in sicurezza la collina alle spalle. Lavori fatti con soldi nostri, che ci hanno procurato danni spaventosi, checché ne dicano le malelingue. L investimento per il progetto è di 30 milioni di euro. Vogliamo dare una nuova opportunità di sviluppo al territorio di Silvi, creando posti di lavoro con il coinvolgimento degli imprenditori locali, cercando di attrarre operatori nuovi, in particolare multinazionali estere, nel mercato italiano. Giulia Jorini

8 8 Work in progress Ing. Domenico Merlino Merlino Progetti firma il nuovo Centro Commerciale Universo La Merlino Progetti srl, con sede a Chieti e Roma, è stata incaricata del Gruppo D Eugenio della Progettazione e Direzione dei Lavori dell ampliamento e ristrutturazione del Centro Commerciale Universo di Silvi Marina. La Merlino Progetti opera da anni nel settore dell edilizia commerciale ed ha firmato molti progetti di strutture di prestigio realizzate o in corso di realizzazione tra cui il Megalò a Chieti, Insieme a San Salvo, Centauro a Chieti, Outlet a Città Sant Angelo, Centro Commerciale di Corciano (PG), Parco Commerciale di Valmontone (RM), Outlet di Fiumicino e tante altre strutture sia in Italia sia all estero. E sicuramente un punto di riferimento per molti Imprenditori poiché la Merlino Progetti è in continua evoluzione e investe molto nella ricerca di nuovi format da proporre in alternativa alle consuete strutture commerciali. Oggi è necessario offrire un prodotto capace di stare sul mercato e questo è possibile se si riescono a coniugare diverse esigenze rendendo la struttura a carattere integrato capace di garantire alla clientela opportunità diverse nel medesimo Centro. Molta importanza è data dalla Merlino Progetti all integrazione delle funzioni commerciali con quelle dell intrattenimento abbinata alla presenza di strutture sportive e mediche per offrire alla clientela una gamma di novità nel settore della performance fisica. Il Centro Universo coglie in pieno questa tipicità di una nuova e aggiornata struttura nella quale sono presenti diverse attività integrate e sinergiche tra di loro tra cui una struttura sportiva con piscine e palestra, una multisala, un centro medico e altre strutture ricreative con ristoranti a tema mantenendo e potenziando l offerta commerciale di primo livello. Il Centro Commerciale Universo non sarà una scommessa, ma una realtà nel panorama delle strutture di successo a firma della Merlino Progetti.

9 9 Il Gruppo Comet investe su Fano Case History Elettronica, elettrodomestici, materiale elettrico ed illuminotecnica nel nuovo megastore Il Gruppo Comet è il primo gruppo di distribuzione di materiale elettrico a livello nazionale che ed è composto attualmente da 5 società: Comet SpA (capogruppo e controllante), MariniPandolfi SpA, RemaTarlazzi SpA, Sime Vignuda SpA, e General Com SpA. Con Marco Cervellati, consigliere delegato di Comet, abbiamo discusso del nuovo megastore di Fano. La nostra strategia ha commentato Marco Cervellati, come già dichiarato l anno scorso in occasione delle precedenti aperture, si basa su una completa sinergia di tutti i settori merceologici da noi trattati: elettronica di consumo ed elettrodomestici, materiale elettrico e illuminazione, in regioni, dove Comet è già presente. Anche l apertura di Fano è in linea con quanto dice Certamente, l apertura di Fano ne è fulgido un esempio. Comet esisteva già da anni in città con un punto vendita di materiale elettrico, si è deciso di ampliare la struttura per inserire un megastore di elettrodomestici e d illuminazione, per completare i nostri settori d interesse. Su Fano stimiamo un bacino d utenza di circa persone e contiamo al momento 30 addetti operanti all interno della sede. E per il futuro? Prevediamo, come Comet di sviluppare la nostra rete nel mercato ELDOM in Emilia Romagna, Veneto, Marche, Toscana e Lombardia, per ottenere una maggiore presenza e una più elevata sinergia fra i settori che il nostro Gruppo tratta. Quanti sono i vostri punti vendita e quanti addetti avete al momento? Oggi il Gruppo Comet raggiunge i 100 punti vendita nel centro-nord Italia, di cui 41 di elettronica ed elettrodomestici, con circa addetti. Quando è prevista la prossima apertura? Il prossimo nuovo punto vendita sarà inaugurato a Pisa in dicembre. Sarà inserito un nuovo megastore di elettronica di mq in una struttura già esistente di mq, che ha già al suo interno i settori del materiale elettrico e dell illuminazione.

10 10 Case History Dalla fusione dell esperienza di due aziende storiche leader nella distribuzione del materiale elettrico, la Rema SpA. e la Tarlazzi SpA., già facenti parti e controllate dal Gruppo Comet, nasce la RemaTarlazzi SpA. RemaTarlazzi conta al momento 20 punti vendita ha dichiarato il Presidente di RemaTarlazzi S.p.A. Franco Cossiri tra Marche, Umbria e Abruzzo, dove sono impiegate 350 persone. Com è cambiato il mercato in questi ultimi anni? È cambiato molto, si vive sempre di più alla giornata, molti dei nostri utenti soffrono anche a causa della difficile situazione occupazionale che il Paese vive, in particolar modo per i più giovani. Crisi occupazionale e precarizzazione del lavoro non consentono a molti di fare dei programmi a medio - lungo termine. I consumatori sono alle prese con la latente crisi delle costruzioni, oltre alla mancanza di liquidità generalizzata e noi ci troviamo proprio in mezzo a questi due elementi. La via d uscita a questa difficile fase di congiunturale è, per un azienda come la nostra, specializzarsi anche in altri settori che stanno, registrano performance interessanti come l automazione industriale, la domotica, il relamping, l efficientamento energetico degli impianti negli edifici, solo per dare alcuni esempi. A suo avviso il Sistema Paese mostra qualche segno di ripresa? Qualche segnale s intravede. Il nostro mercato, ad esempio, dopo esser stato dopato per quasi 4 anni dal fenomeno degli incentivi sul fotovoltaico, si è oggi stabilizzato sui volumi del Questo è segnale che qualcosa si sta muovendo lentamente, ma penso che non si potrà parlare di crescita, ancora, per almeno 2 o 3 anni. Gabriele Costantini

11 11 La parola all architetto Case History L architetto Giuseppe Frausini patron dell omonimo studio di Fano fondato nel 1983 è il progettista del nuovo megastore di Comet Trattasi di Comparto Unitario produttivo - commerciale ST3P04 della superficie di mq ,75, un area D3 di mq ,01 con una SUL prevista pari a mq ,62, un area F1 di mq ,40, un area P1 di mq. 605,87, e un area a parcheggio pubblico P2_pr di mq L area è stata individuata dal PRG come destinata al completamento di un insediamento produttivo/ commerciale poiché già ospitante la sede di un attività/ produttivo commerciale Rema operante nel settore della tecnologia dell impiantistica e dei media. Situata all immediata periferia sud di Fano lungo via Pisacane, una direttrice con vocazione produttiva/commerciale, il comparto prevede oltre all area fondiaria sulla quale è stato realizzato il completamento dell insediamento anche due zone destinate a parcheggi pubblici (una sul fronte lato mare su via Pisacane e una posta sul retro lato Fossombrone), oltre ad un area destinata a verde attrezzato al servizio dell insediamento in oggetto e delle residenze limitrofe. Il Piano Attuativo di Lottizzazione ha proposto quindi: - Un insediamento produttivo/commerciale da realizzare mediante una parziale o totale demolizione/ampliamento di quello già esistente per un massimo finale di SUL pari a mq ,00 circa avente all interno una superficie di vendita massima di mq e la restante superficie destinata a magazzini, servizi, uffici del produttivo/commerciale, ecc. - Due aree destinate a parcheggi pubblici autonomi tra di loro e con il lotto d intervento edilizio, l una su via Pisacane e l altra sul retro, entrambe da acquisire all uso pubblico e destinate a strade e parcheggi. - Un area destinata a verde pubblico attrezzato, anch essa da ceduta gratuitamente giacché necessaria alle opere di urbanizzazione della lottizzazione. - Ai margini dell area verde è stata posta la cabina Enel alla quale si accede dal parcheggio pubblico sul retro dell intervento. Nell affrontare il problema tipologico del manufatto ci si è soffermati anche sulle caratteristiche orografiche del sito che presenta una planarità sostenuta per quasi tutta l area con dislivelli massimi di circa ml.1,10 circa tra il calpestio del fabbricato attuale (che non si è discostato tanto da quello di progetto) e il terreno circostante. Invece elemento caratterizzante l intervento risulta essere il fatto che l intero comparto si presenta a una quota pari a ml. 2,30 circa sopra il livello della via su cui si affaccia via Arcevia, dislivello oggi mitigato dal fatto che il fabbricato attuale è arretrato rispetto all ingresso strada pubblica. Questa situazione ha determinato che l ingresso principale all insediamento avvenga da via Arcevia per mezzo di una comoda rampa di accesso della pendenza di circa il 9%. E stato previsto inoltre un collegamento all intervento anche da via Sirolo in special modo per quanto riguarda il rapporto con l intervento del parcheggio e del verde sul retro, lato Fossombrone. Il manufatto, pur essendo stato realizzato con struttura e tamponamenti prefabbricati, si presenta, per quanto concerne le finiture esterne, con un aspetto tale da rappresentare un manufatto tipicamente commerciale e non produttivo. L esterno del fabbricato è stato interamente rivestito con lamierato di alluminio colore al naturale e disposto orizzontalmente, inoltre sono stati creati degli elementi architettonici sia sul fronte piuttosto che sul retro (baraccature rivestite in pannelli trespa colori bianco e blu) tali da identificare le aree d ingresso e fungendo oltretutto anche da pensiline a protezione esterna dalla pioggia. Giuseppe Frausini Box Tecnico DATI DIMENSIONALI DEL COMPARTO NUOVO ST3P04 (ex ST3P04 + ST3P36) Sup. di comparto mq ,75 di cui: Sup. D3 = mq ,01 Sup. F1 = mq ,40 Sup. P1 = mq. 605,87 Sup. P2_pr = mq ,00

12 12 L intervista L evoluzione degli studi di architettura e ingegneria un caso pratico Dante Fabbioni: cambiano le esigenze di mercato e gli studi devono tenere il passo. Coworking, applicativi informatici, Smart City, ambiente ed energia le sfide che il mercato pone agli operatori di oggi Lo studio Abbiamo iniziato nel 1976 e, quindi, nel 2016 taglieremo il ragguardevole traguardo dei 40 anni di attività. Queste le parole dell ing. Dante Fabbioni di Fabbioni e Partner, studio d ingegneria e architettura attivo nelle sue varie forme dalla fine degli anni 70. Oggi lo studio si compone, tra ingegneri e architetti, di 8 professionisti. La sede ora è locata nel Borgo Antico di Grottammare (AP) e ha spazi adeguati al fine di far svolgere mansioni alle varie professionalità che vadano di là dei tradizionali studi tecnici. Nei nostri primi anni di attività ha dichiarato Fabbioni ci siamo occupati in prevalenza d ingegneria, progettazione architettonica e pianificazione urbanistica, sia nel pubblico sia nel privato, operando per lo più tra Marche e Abruzzo. I nostri lavori riguardavano l urbanistica con progettazione di Piani Regolatori Generali di città come: Grottammare, Offida, Monte Urano, Sant Elpidio a Mare, Pineto, Montegranaro e altre, e Piani Particolareggiati; uno tra tutti, l insediamento Tod s di Casette d Ete. Abbiamo, inoltre, realizzato reti di metanizzazione per centinaia di chilometri, reti fognarie e depurazione oltre a tanti impianti industriali. Esempi di attività d architettura e riqualificazione urbana sono oggi riscontrabili in opere come il Lungomare Sud di Grottammare, il cimitero di Monte Urano e numerosi esempi di edilizia residenziale, direzionale e commerciale. Questo è quello che si fa e si è sempre fatto, ma in questi anni abbiamo cercato sempre di adeguarci in maniera flessibile alle richieste della clientela e non sono state poche le virate che abbiamo eseguito al fine di seguire i trend che le esigenze di mercato imponevano. Ci spieghi meglio Oggi tra i vari campi di progettazione, lo studio ha trovato il proprio rinnovamento in svariati ambiti progettuali. L innovazione riguarda anche le recenti tecnologie di progettazione e visualizzazione. Abbiamo approcciato i temi riguardanti le Smart City, alla ricerca di nuovi materiali da riciclo dei rifiuti, alla produzione di energia da fonti rinnovabili e, non ultimo, agli impianti industriali innovativi.

13 Temi legati all ambiente L intervista 13 L azione è finalizzata a raccogliere la sfida delle nuove domande di ricerca e servizi avanzati, lasciando in secondo piano i servizi di tipo maturo che, tra l altro, scontano gli effetti di una difficile congiuntura. Questa difficile situazione economica coinvolge, purtroppo sia l edilizia privata e industriale sia tutta quelle serie di opere di pubblica utilità che oggi non sono più realizzate per le note strozzature dovute patto di stabilità e più in generale alla mancanza di risorse; inoltre nessuno si occupa più di pianificazione territoriale, di cui avremmo invece grande esigenza. Per la verità molti decisori politici pensano che la pianificazione sia funzionale solo a consentire le espansioni edificatorie senza capire che molto c è da fare e, prima di fare, da pianificare, per la riqualificazione urbana e per la salvaguardia del territorio. Purtroppo gli effetti di tale miopia sono sotto gli occhi di tutti. Fra mancanza d interventi e cambiamenti climatici i risultati sono a volte tragici e devastanti. Ecco perché in quest azione di continuo rinnovamento lo studio ha intrapreso la strada dell innovazione sia delle tematiche progettuali sia dell organizzazione interna. Quindi lo studio è ora organizzato anche per il coworking? Esattamente, abbiamo adottato uno stile lavorativo di coworking condividendo l ambiente di lavoro, ma mantenendo attività anche indipendenti per ogni singolo elemento; si tratta di una struttura reticolare i cui nodi, tutti o in parte, si addensano intorno ai progetti complessi e pluridisciplinari. Si è creato un ambiente di lavoro molto interessante e stimolante per le continue sinergie che nascono lavorando a contatto con persone di talento. Nel nostro studio, nello specifico, abbiamo avviato una collaborazione tra progettisti in coworking selettivo andando, quindi, a inserire nell organigramma professionisti che abbiano la fiducia dello staff d origine; in tal modo, in un ambiente di lavoro gradevole e orientato verso l innovazione, sono state accresciute le figure e gli ambiti di competenza. Un integrazione ben riuscita che spesso si avvale di figure di artisti o di specialisti nei settori più differenti, che portano spesso, con i loro punti di vista divergenti, a risultati di notevole sicuro interesse, spesso legati alle nuove tecnologie, grafica e design. Che legame vi è oggi fra architettura, ingegneria e applicativi e supporti informatici di ultimissima generazione? Molti di più di quello che si possano immaginare. In studio stiamo sviluppando la tecnologia BIM (building information modeling). Un sistema progettuale integrato che punta all organizzazione, prima della realizzazione, Pianificazione urbanistica Concorsi di progettazione

14 14 L intervista Energie rinnovabili simulando nel mondo digitale tutte le problematiche che si possono incontrare, ma non solo: è di grande aiuto anche nella progettazione architettonica dell edificio restituendo tutte le analisi e i documenti necessari al progetto. Questa tecnologia si sta estendendo e in alcuni Paesi europei, è ormai uno standard obbligatorio per molte tipologie di progettazione. Portiamo avanti anche progettualità sull architettura digitale dove la visualizzazione architettonica, oltre che su PC, può essere eseguita tramite dispositivi mobili e indossabili come smartphone, tablet, occhiali VR. Questa particolare tecnologia tenta di creare un immersione totale nel progetto ideato, sia off-line sia on-line, comodamente a casa o direttamente sul luogo oggetto d intervento. Tutto questo permetterà all utente finale di interagire con la proposta progettuale richiesta, aumentando la capacità di comprensione delle persone anche non addette ai lavori, comunicando in tutti i suoi risvolti, l idea progettuale. Ricerca e innovazione quindi, ma la partecipazione ai concorsi di progettazione? E un altro ambito al quale destiniamo energie, anche perché è in sinergia con le attività d innovazione e ricerca che sviluppiamo nel nostro studio. La partecipazione ai concorsi è affrontata come stimolo ad aumentare il livello qualitativo della progettazione sia per la varietà dei temi affrontati, che per le risposte che si approntano in termini di composizione architettonica e innovazione e di rappresentazione grafica. Riteniamo quest attività importante giacché la competizione e il confronto con gli altri studi permettono la valutazione dei propri punti forti e deboli. I risultati sono stati fino a oggi soddisfacenti, avendone vinti di recente due su sei partecipazioni: il Recupero dell Ex Convento San Nicola a Scandriglia (RI) e la Riqualificazione del tratto centrale del Lungomare di Grottammare (AP) (ex-aequo). C è pero da far notare il punto dolente sui concorsi in generale, ovvero che le Amministrazioni che bandiscono il concorso quasi mai gli danno seguito con l affidamento dell incarico di progettazione esecutiva, come invece è prassi corrente negli altri paesi; questo ovviamente scoraggia la partecipazione, perché un concorso richiede molto impegno, tempo e risorse. Rimane comunque per noi un attività di training fondamentale, anche se non dovrebbe restare circoscritta al semplice allenamento. Quale idea si è fatta sulle strategie messe in campo per le città intelligenti? Il concetto di Smart City è un insieme di strategie Sicurezza sul lavoro Supporti informatici

15 15 di pianificazione urbana tese all ottimizzazione e all innovazione dei servizi pubblici. L obiettivo è di mettere in relazione le infrastrutture materiali delle città «con il capitale umano, intellettuale e sociale di chi le abita» grazie all impiego diffuso delle nuove tecnologie della comunicazione, della mobilità, dell ambiente e dell efficienza energetica, al fine di migliorare la qualità della vita e soddisfare le esigenze di cittadini, imprese e istituzioni. Oggi anche nella nostra regione questo concetto sta assumendo rilevanza sempre crescente e diverse città hanno attivato progetti per accrescere la sostenibilità, offrire servizi sempre più innovativi, consentire la partecipazione attiva dei cittadini, e supportare la loro socialità tramite servizi dedicati. In sintesi: migliorare la vivibilità. Un esempio su tutti l attenzione verso la mobilità sostenibile, in altre parole più trasporto pubblico e biciclette e meno autoveicoli privati. In questo contesto lo studio sta sviluppando strumenti di gestione della mobilità urbana, con il ricorso a soluzioni tecnologiche innovative. Tutti temi legati all ambiente Lo studio è da sempre attento alle tematiche ambientali e si occupa di ricercare, adottare e proporre soluzioni che mirino alla virtuosità e sostenibilità. Collaboriamo da anni con partner tecnologici di primo piano e con istituti universitari di rilievo nel panorama nazionale. La creazione di nuovi materiali partendo da rifiuti speciali, i sistemi di riduzione della quantità di rifiuto prodotto, l analisi sulle possibilità di riuso sono elementi sostanziali delle nostre operatività quotidiane. Qualche anno fa abbiamo progettato un impianto per il recupero di pneumatici fuori uso, riconosciuto come uno dei migliori in Italia. Nello stesso campo, in questi mesi stiamo concludendo un attività di ricerca, nella quale sono coinvolti anche tre dipartimenti di due diverse Università, per il reimpiego per nuovi materiali della tela proveniente da attività di recupero di pneumatici fuori uso. Un altra questione di grande interesse: energie rinnovabili e edilizia Il patrimonio edilizio costruito in Italia dal dopoguerra a oggi è di gran lunga eccedente rispetto alle necessità d uso e, in larga misura, di bassa qualità architettonica, strutturale, impiantistica, di efficienza energetica e confort. La riqualificazione di questo immenso patrimonio costituisce la sfida professionale dei prossimi anni: maggiore efficienza energetica, migliori condizioni di resistenza sismica, maggior confort abitativo, migliore qualità architettonica dei singoli edifici e del contesto urbano. Il nostro studio è impegnato ormai da tempo in questi campi nelle attività di consulenza e progettazione, dalle prime fasi di pianificazione sino alla loro gestione operativa. Offre servizi nell ambito delle attività connesse con l uso razionale dell energia e con il miglioramento dell efficienza energetica d impianti e edifici. Di recente abbiamo anche avviato attività di studio di LCA (Life Cycle Assessment) e LCC (Life Cycle Cost) per valutare gli aspetti ambientali/economici e i potenziali impatti ambientali/economici associati a un prodotto/servizio. Senza dimenticare la sicurezza E un grande tema quello della sicurezza nei luoghi di lavoro. Nonostante l attuale crisi, il settore deve fare uno sforzo di ammodernamento, rinnovando le attrezzature, ottimizzando le procedure di lavoro, migliorando le competenze del personale. Noi ci occupiamo anche di sicurezza con grande attenzione: sia nel coordinamento dei lavori nei cantieri temporanei e mobili, che come consulenti delle aziende e docenti nei corsi per la formazione del personale. Certo non viviamo fuori dal mondo e sappiamo che occorrono risorse che spesso le imprese faticano a reperire; per questo assistiamo i nostri clienti anche ad attingere risorse dalle linee di finanziamento agevolato per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro. L intervista Lo studio si compone stabilmente da: Ing. Dante Fabbioni Ing Elisa Palombarini Geom. Maria Teresa Borrello Ing. Massimo Carassai Arch. Luigi Sabini Arch. Mariarita Micozzi Arch. Danilo Spinozzi Avv. Patrizia Cartone Grottammare (AP), via Palmaroli 25. Tel. 0735/ Mail.

16 Fiere e convegni Fiera: Hauslbauer Messe Costruzione, ristrutturazione, riscaldamento, impianti idraulici ed energia gennaio 2015 Messe Congress Graz Austria Fiera: Bau Edilizia, materiali, sistemi gennaio 2015 Centro Fieristico di Monaco di Baviera (Germania) Fiera: Enertec 2015 approvvigionamento energetico, servizi legati all energia, tecnologie per l energia decentralizzata ed energie rinnovabili gennaio 2015 Lipsia (Germania) Fiera: Klimahouse Fiera internazionale specializzata per l efficienza energetica e la sostenibilità in edilizia 29 gennaio 01 febbraio Fiera Bolzano Fiera: Legno & Edilizia Mostra professionale sull impiego del legno nell edilizia febbraio 2015 Fiera di Verona Fiera: Bioenergy Italy 2015 Biomasse ed Energie Rinnovabili febbraio 2015 Cremona Fiere S.p.a. Fiera: Made Expo Milano Architettura Design Edilizia marzo 2015 Fiera Milano Rho Fiera: Solarexpo Mostra e convegno internazionale su energie rinnovabili, generazione distribuita e architettura sostenibile aprile 2015 Fiera Milano Congressi

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura

Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura ABBONATI RIVISTE ONLINE! TROVA AZIENDE EDILBOX CONTATTI HOME NEWS! AZIENDE ECONOMIA EDILIZIA IMMOBILI APPUNTAMENTI! LEGGI & NORME Grande distribuzione contro piccola? Quello che conta è la bravura CERCA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

inform-action VO LU ME MENSILE D INFORMAZIONE PER IMPRENDITORI

inform-action VO LU ME MENSILE D INFORMAZIONE PER IMPRENDITORI inform-action VO LU ME MENSILE D INFORMAZIONE PER IMPRENDITORI Artigiana Marmi S.r.l. Via L.Nobili, 9-61032 Rosciano di Fano (PU) tel. +39 0721.820216 - fax +39 0721.868497 info@artmarmi.it - www.artmarmi.it

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA RHO, DAL 25 AL 28 NOVEMBRE 2008 Un quarto di secolo di storia,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli