il Punt Fatti, notizie e riflessioni da Masterimpresa.it Scuola d Impresa...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il Punt Fatti, notizie e riflessioni da Masterimpresa.it Scuola d Impresa..."

Transcript

1 - il Punt Fatti, notizie e riflessioni da Masterimpresa.it Scuola d Impresa » Il carisma e la rete Il Punto Fisso » L arte del riciclo con il vetro Il Punto di Fuga » Attenti alle costanti del tempo Il Punto scientifico » A che punto è l impresa A che Punto è l impresa? » Oltre il linguaggio L importanza della gestualità » Sfogliando qua e là... Il punto letterario SETTEMBRE 2014 Direttore responsabile: Agostino La Bella Anno VIII, Numero III Redazione: Maria Assunta Barchiesi, Elisa Battistoni, Guendalina Capece, Silvia Castellan, Marco Greco, Antonio Iovanella, Cristina Landi, Federica Lorini, Gianluca Murgia Progetto grafico, copertina e impaginazione: Silvia Castellan

2 il Punto Fisso pagina 2 IL CARISMA E LA RETE il Punto Fisso, di Agostino La Bella Il carisma, proprio per la sua efficacia nel liberare straordinarie energie psicofisiche e indirizzarle verso obiettivi specifici, ha attratto da secoli l attenzione di filosofi, psicologi, sociologi, politologi, esperti di comunicazione per cercare di capire le origini di questo potere che rende le persone e i gruppi capaci, nel bene e nel male, di azioni e imprese formidabili. Tra i primi a occuparsi scientificamente del carisma come forma di potere possiamo citare il sociologo e filosofo tedesco Karl E- mil Maximilian Weber ( ). Secondo Weber esistono tre tipi puri di potere. Il primo è il potere legale, che si basa sul riconoscimento di leggi, regolamenti, ordinamenti razionalmente accettati, i quali conferiscono a chi occupa predefinite posizioni un diritto di comando. Il secondo tipo di potere è quello tradizionale, che si ha quando l autorità deriva da una tradizione consolidata e accettata: in questo caso si obbedisce al signore, al re, come persona che letteralmente e legittimamente incarna il potere. Il terzo tipo è il potere carismatico, che viene conquistato da persone cui vengono riconosciute qualità eccezionali, in grado di assicurargli l ammirazione, la devozione e, naturalmente, l obbedienza di numerosi seguaci. La leadership carismatica, in effetti, è potere allo stato puro, perché non è condizionata da elementi esterni, anche se risente delle circostanze specifiche e del periodo storico in cui il potere stesso si manifesta. Per molto tempo il carisma si è identificato con il possesso di qualità straordinarie, di origine genetica, non concesse agli uomini comuni. Lo stesso Weber accettava tale definizione, pur riconoscendo che il carisma potesse avere anche una forma istituzionale, come nel caso della Chiesa di Roma fondata sul carisma apostolico. Il carisma, in questo caso, inerisce all istituzione e ne partecipa chi, dopo appropriata preparazione e con i dovuti riti, viene preposto a un ufficio ecclesiastico. In modo certamente più prosaico, alcune burocrazie di partito condividono tali caratteristiche. Weber ha anche teorizzato la possibile trasformazione in senso extrautoritario del carisma, caso in cui il riconoscimento del leader da parte del seguito di massa viene considerato il fondamento anziché la conseguenza della sua legittimità; il riconoscimento stesso prende la forma di una elezione. I primi a teorizzare la costruzione scientifica del carisma, non più considerato come dono divino ma come artefatto, sono stati Gustave Le Bon ( ) e Gabriel Tarde ( ), che hanno avuto una grande influenza sullo sviluppo della sociologia e sulla politica. Il più noto è senz altro Le Bon, antropologo, psicologo e sociologo francese, autore del famoso saggio Psicologia delle folle (1895). Per Le Bon l appartenenza a un gruppo è una necessità per l essere umano, ma nella sua for-

3 il Punto Fisso pagina 3 ma primordiale il gruppo stesso è un entità caotica, passiva, priva di identità e di morale, facilmente plasmabile. I membri di una folla possono perdere in varia misura l esercizio di una propria autonoma volontà, pur nella paradossale convinzione di agire spontaneamente; diventano facilmente suggestionabili, sperimentano alterazioni della personalità, intensi e primitivi stati emozionali, e si rivelano capaci di azioni impossibili negli stati ordinari di coscienza: sopportazione del dolore, incredibili atti di forza, di violenza, di crudeltà, di abnegazione. Secondo Le Bon, quindi, è il leader a creare il gruppo sfruttando la naturale tendenza alla sottomissione delle persone ordinarie, tramite l uso di simboli, di riti, di gesti teatrali, di illusioni drammatiche, di processi di comunicazione evocativi, fortemente emozionali, esagerati, affermativi, ripetitivi. È escluso, in quanto inefficace, ogni appello alla ragione. D altra parte le persone hanno un desiderio inconscio di essere dominate e finiscono in genere con adorare coloro che le sottomettono tramite questo processo carismatico. Attraverso l obbedienza e la partecipazione al gruppo i deboli acquistano identità e godono di un illusione di potenza: per questo la partecipazione li fa sentire liberi e realizzati, anche se in realtà vivono in stato d oppressione. Le Bon divenne famoso come un nuovo Machiavelli : Roosevelt volle incontrarlo, De Gaulle usava spesso citarlo, Stalin ne studiò meticolosamente i lavori e Hitler è stato definito il suo migliore allievo. Anche Mussolini fu un suo fervido ammiratore: «Ho letto tutta l opera di Le Bon e non so quante volte abbia riletto la sua Psicologia delle folle. È un opera capitale alla quale spesso ritorno» (Mussolini, 1926). Nel 900 il mondo si riempie di personaggi carismatici nella politica, nell economia, nello spettacolo, nello sport. Infatti, le tecniche di costruzione del carisma, grazie anche all emergere di nuovi media come radio, cinema e, più tardi, televisione si affermano su vasta scala. Questo processo raggiunge il culmine tra la fine del secolo scorso e l inizio del nuovo millennio, quando si assiste allo sviluppo esponenziale delle tecnologie informatiche e, soprattutto, della rete delle reti, il magico web, allo stesso tempo risorsa infinita e medium carismatico per eccellenza, in quanto evidentemente dotato di qualità superumane. Per molte persone in tutto il mondo il web è uno dei principali strumenti con cui si acquisiscono informazioni, valutazioni, previsioni e consigli su una infinità di aspetti che vanno dalle scelte di consumo, alle decisioni di investimento, alle opinioni, alle interpretazioni di fatti, alla vita di relazione. In molti ambiti il web è anche il principale canale di comunicazione, sia a livello interpersonale, sia a livello organizzativo. Il fatto che le funzioni una volta tipiche del computer stiano gradualmente divenendo comuni a molti dispositivi, a cominciare dai telefoni cellulari fino ad arrivare alle fotocamere e ai sistemi di navigazione satellitare, e più di recente anche agli elettrodomestici e a molti altri oggetti di uso comune (Internet Of Things, IOT) ha contribuito ad accelerare e diffondere questi fenomeni. E tutti questi oggetti possono attivarsi nel momento giusto e in ogni luogo per suggerire, proporre, ricordare, avvertire. Di fatto la capacità persuasiva della tecnologia ci segue e si manifesta anche nei luoghi e nei momenti più impensati, in cui magari non accetteremmo la presenza e le o- «...se, rispetto a determinati comportamenti, una componente ambientale funziona come un processo che, se si svolgesse nella testa, non esiteremmo ad accettare come parte del processo cognitivo, allora quella componente dell ambiente è effettivamente parte del processo cognitivo stesso.»

4 il Punto Fisso pagina 4 pinioni di qualunque altro essere umano. Eppure, non sono passati neanche tanti anni da quando, nel 1943, Thomas Watson, destinato a divenire presidente dell IBM, profetizzò che il mercato mondiale non avrebbe mai potuto assorbire più di cinque computer all anno! Nella prefazione al volume Supersizing the Mind, di Andy Clark (2008), David Chalmers racconta come l iphone abbia gradualmente assunto alcune delle funzioni centrali del suo cervello. Tale straordinario apparato ha infatti rimpiazzato una parte della sua memoria, immagazzinando numeri di telefono e indirizzi che non molto tempo prima avrebbe dovuto ricordare a memoria. Ha registrato alcuni suoi desideri conservando, ad esempio, i nomi dei piatti preferiti nei vari ristoranti che frequenta. Viene utilizzato per fare calcoli, controllare i conti, cercare informazioni su Google, pianificare sia le attività di lavoro che il tempo libero. Stimola anche sogni a occhi aperti quando, nei momenti d ozio, o comunque quando la concentrazione si allenta, David distrattamente richiama dai suoi archivi o da internet parole e immagini. Alcuni suoi amici sostengono che è diventato così dipendente dall iphone che dovrebbe farselo impiantare nel cervello. Tuttavia, secondo la teoria delle mente estesa, ciò non farebbe altro che velocizzare i vari processi ed eliminare la necessità di usare le mani, in quanto l apparato è ormai in ogni caso parte dei suoi processi cognitivi. La tesi centrale della teoria della mente estesa afferma che in alcuni casi componenti esterne interagiscono con il cervello in modo tale da divenire parte della mente. Ciò è meglio specificato dal Principio di parità (Clark and Chalmers, 1998) secondo il quale se, rispetto a determinati comportamenti, una componente ambientale funziona come un processo che, se si svolgesse nella testa, non esiteremmo ad accettare come parte del processo cognitivo, allora quella componente dell ambiente è effettivamente parte del processo cognitivo stesso. Le condizioni che stabiliscono la parità sono le seguenti: la risorsa esterna deve essere disponibile rapidamente e invocata regolarmente; le informazioni recuperate devono essere accettate in modo automatico; le informazioni contenute nella risorsa devono essere facilmente accessibili quando occorrono. Chiunque si avvalga di risorse come Google o Wikipedia sa bene che il principio di parità è perfettamente rispettato. Riportiamo comunque con qualche modifica il famoso esempio utilizzato dagli autori per chiarire questo concetto. Supponiamo che Mario decida di andare a cena fuori. Per scegliere il ristorante si affida alla sua eccellente memoria che gli permette di richiamare immediatamente i locali che ha già provato, quelli consigliati dagli amici e, naturalmente, i loro indirizzi. Supponiamo che anche Alberto decida di cenare fuori. A differenza di Mario, Alberto ha pochissima memoria, e ne è chiaramente consapevole. Perciò usa memorizzare moltissime informazioni potenzialmente utili su appositi file ordinatamente conservati sul suo tablet. Tra queste, naturalmente, ci sono i nomi dei ristoranti già sperimentati, con le sue impressioni e valutazioni, quelli consigliati dagli amici e i relativi indirizzi. È evidente che in questo caso il tablet di Alberto giochi un ruolo perfettamente analogo a quello della memoria per Mario, e possa quindi essere considerato una parte fondamentale dei suoi processi cognitivi. La produzione di strumenti cognitivi, in grado cioè di interagire con la mente, e la trasmissione intergenerazionale del loro impiego è una caratteristica del cervello umano. Ed è anche evidente, dal punto di vista evoluzionistico, che l accumularsi di tali strumenti sta modificando l organizzazione delle funzioni cognitive. Basta pensare all uso di una calcolatrice per rendercene conto: chi si sognerebbe oggi di fare operazioni aritmetiche complicate a mente o a mano? Chi sa ancora estrarre una radice manualmente? Una conseguenza immediata della teoria delle mente estesa è che gli strumenti cognitivi e- sterni forniscono un canale attraverso il quale

5 il Punto Fisso pagina 5 è possibile ristrutturare atteggiamenti, orientamenti, percezioni e giudizi delle persone; ad esempio, se riusciamo a modificare alcuni file nel tablet di Alberto possiamo drasticamente influire sulle sue scelte e sui suoi comportamenti: l equivalente di un piccolo lavaggio del cervello. È del tutto evidente come questi processi vengano deliberatamente usati per orientare gli acquisti e influire sul comportamento dei consumatori. Il web permette infatti un livello di personalizzazione delle proposte senza precedenti. Attraverso raffinate tecniche di profiling, le abitudini, i bisogni e i gusti degli utenti possono essere ricostruiti con estrema precisione. Possono così essere forniti suggerimenti, informazioni, proposte che risultano quasi sempre graditi proprio perché percepiti come corrispondenti a reali esigenze; e se anche non si manifesta il comportamento effettivamente desiderato, l utente non si sente disturbato e non ritiene di aver subito invasioni della privacy. Se poi l intervento della tecnologia è non solo fortemente personalizzato, ma anche veicolato al momento giusto (come i suggerimenti che appaiono quando viene effettuata una ricerca su Google) l efficacia può essere veramente notevole. Meno evidente è il ruolo che il web sta assumendo nella ristrutturazione delle opinioni e delle credenze del pubblico. Ciò avviene innanzitutto attraverso sofisticate operazioni di framing (cfr. La Bella e La Bella, 2011) che sfruttano la possibilità di combinare testo, suoni, grafici, figure, video, animazioni, collegamenti ipertestuali, simulazioni per creare messaggi ad alto livello di impatto; tutto può avere inizio anche da una interazione debole, come ad esempio l invio di una se questa colpisce l attenzione, l utente, con un semplice click, viene attirato su un sito all interno del quale può venire coinvolto anche emotivamente. Il superamento del trade-off tra reach e richness è considerato da molti il vantaggio più importante delle tecnologie dell informazione rispetto ai media tradizionali. Questi ultimi, infatti, per raggiungere molti contatti (reach) devono via via sacrificare la ricchezza dell informazione trasmessa (richness): maggiore è il numero di persone raggiunte da un messaggio, minore è la profondità del messaggio stesso in termini di contenuti. Il web, invece, garantisce la scalabilità: è possibile aumentare all infinito il raggio d azione nella riproduzione e distribuzione di contenuti senza perdere nulla rispetto all esperienza originale, che può essere anche interattiva. C è poi la possibilità di restare anonimi (anche se meno spesso di quanto possa sembrare). L anonimità, anche se solo apparente, rende più liberi di esprimersi su argomenti sensibili. Questa apertura, paradossalmente, ci rende più vulnerabili perché abbassa i filtri nei confronti dei messaggi e delle opzioni che ci vengono proposte. Qualche volta ciò aiuta a cambiare in meglio, potendo ricercare consigli e assistenza che le inibizioni ci impediscono di chiedere a viso aperto. In altri casi, però, apre una breccia a manovre persuasive particolarmente subdole. Naturalmente quanto sopra implica un elevato «I media tradizionali per raggiungere molti contatti devono via via sacrificare la ricchezza dell informazione trasmessa: maggiore è il numero di persone raggiunte da un messaggio, minore è la profondità del messaggio stesso in termini di contenuti. Il web, invece, garantisce la scalabilità: è possibile aumentare all infinito il raggio d azione nella riproduzione e distribuzione di contenuti senza perdere nulla rispetto all esperienza originale.»

6 il Punto Fisso pagina 6 livello di credibilità del web. La credibilità è una qualità percepita; per certi aspetti, è come la bellezza: è presente soprattutto negli occhi dell osservatore, anche se non si può negare che esistano fattori oggettivi che influenzano nello stesso modo le percezioni di tutti. Da questo punto di vista il web è una miniera di contraddizioni. Proprio per le sue caratteristiche di apertura, infatti, è possibile trovare siti che costituiscono autentiche risorse e siti completamente fasulli; non mancano inoltre tentativi di frode, di phishing e di hacking. Ciò nonostante, si può affermare che il web ha acquistato una credibilità crescente. In alcune fasce di popolazione e specialmente tra i giovani il web è già oggi la principale fonte di informazione. Ciò si deve in primo luogo alla perdita di credibilità dei media tradizionali, ritenuti per lo più legati a interessi di parte, mentre il web è considerato libero e indipendente. Inoltre la pubblicazione di commenti e opinioni da parte del pubblico contribuisce alla credibilità dei siti. Veri o falsi che siano tali commenti, è evidente che ciò sia del tutto impossibile per qualunque altro strumento di comunicazione: è impensabile che un quotidiano o una rivista pubblichi tutti i commenti dei propri lettori, così come non è possibile per le reti radiofoniche e televisive dare spazio a tutti coloro che dovessero richiederlo. La pervasività del web sociale ha gradualmente trasformato il modo con cui percepiamo il nostro sistema relazionale: già oggi, per i più giovani, non c è quasi più relazione che non sia sostenuta e alimentata tramite web. E per l esistenza stessa di un gruppo è essenziale il collante dei social network. Non è un caso che oggi i partiti e i politici più importanti si avvalgano massicciamente del web, anche se gli stessi politici e partiti manifestano di tanto in tanto insofferenza verso la libertà e l indipendenza della rete, avanzando proposte che con intenti moralizzatori cercano di nascondere il vero fine di sottoporla a qualche forma di controllo. Non è difficile creare artificialmente un aura di credibilità per un sito: architettura raffinata, contenuti formalmente ben presentati, facilità di accesso e di ricerca interna, aspetto autorevole, link abbondanti, finte recensioni di utenti entusiasti possono trarre in inganno anche i più e- sperti dei navigatori. Si ricorre spesso a particolari metodologie (Search engine optimization e Search engine marketing) per aumentarne il traffico e farne salire il ranking nei motori di ricerca (non è un caso che Google faccia di tutto per mantenere il più possibile riservati i parametri su cui basa il ranking delle pagine web). Una volta che un sito abbia superato una determinata soglia, la crescita dei volumi di traffico e dei link si autoalimenta: è nata una nuova star, in grado di fare opinione e tendenze. Agostino La Bella Riferimenti A. La Bella e A. La Bella (2011) Convincere e motivare. Scienza e tecnica della persuasione, Angeli, Milano. A. Clark (2008) Supersizing the mind. Embodiment, action, and cognitive extension, O- xford University Press. A. Clark & D. Chalmers (1998) The extended mind, Analysis, 58, pp «La pervasività del web sociale ha gradualmente trasformato il modo con cui percepiamo il nostro sistema relazionale: già oggi, per i più giovani, non c è quasi più relazione che non sia sostenuta e alimentata tramite web.»

7 il Punto di Fuga pagina 7 L ARTE DEL RICICLO CON IL VETRO Il Punto di Fuga, di Guendalina Capece Riciclare in modo creativo la plastica, e in particolar modo le bottiglie di plastica, è più semplice del riciclare il vetro in quanto la materia prima è più duttile e sottile. Nonostante lo spessore e la durezza delle bottiglie o dei barattoli di vetro, ci sono, tuttavia, diversi metodi per poterli sfruttare in modo alternativo e creare veri e propri oggetti di design o di uso comune originali e utili. Utilizzare le bottiglie intere può dare origine a innumerevoli mobili e utensili dei quali, di seguito, ne riportiamo alcuni tra i più rappresentativi. Un primo esempio è la sedia sdraio costituita di bottiglie di vetro al posto del legno. La struttura è fatta in metallo, ma le bottiglie costituiscono la seduta e lo schienale. Non sarà molto comoda e confortevole, ma è molto o- riginale e stylish! Il tavolino da caffè è costituito da bottiglie di birra unite insieme a forma piramidale ed è in grado di sostenere circa 90 kg di peso. Un idea originale per i tanti bar e caffetterie che ci sono in tutto il mondo! Per l arredamento di casa, un originale tavolino basso realizzato a mano, utilizzando i fondi di diverse bottiglie di vari colori per la parte superiore e acciaio (rigorosamente riciclato anch esso!) per la struttura. Ogni tavolo diventa così un pezzo unico! «Anche una parete di cemento può diventare originale inserendo dei fondi di bottiglia colorati di diverse forme!»

8 il Punto di Fuga pagina 8 Anche una parete di cemento può diventare originale inserendo dei fondi di bottiglia colorati di diverse forme! Oppure una parete con effetto vetrata che lasci filtrare la luce anche attraverso la divisione muraria. Utilizzare materiale di riciclaggio per realizzare alberi di Natale particolari e personalizzati è un'abitudine sempre più diffusa. Particolarmente suggestivi sono quelli realizzati con bottiglie di vino o birra, sia da abitazione sia da esterno. A fondo pagina alcune foto tra le più belle del web. Ci sono poi tante idee per l arredamento: scaffali, soprammobili, appendiabiti, lampade, bicchieri, taglieri, vassoi e molto altro ancora davvero un esplosione di creatività e di arredamento eco-sostenibile fai-da-te! Qualche tecnica per lavorare il vetro da riciclare e la contaminazione con qualche altro materiale naturale o proveniente da riciclo e il gioco è fatto! Non ci si deve infatti spaventare pensando che il vetro sia difficile da lavorare: in realtà tagliare in due parti una bottiglia di vetro è più semplice e meno pericoloso di quanto si possa pensare! Bastano un filo di cotone (o di canapa), un tagliavetro, alcol, della carta abrasiva, un accendino e un recipiente profondo che andrà riempito con acqua fredda e ghiaccio. Il

9 il Punto di Fuga pagina 9 procedimento è semplice: prima di tutto, per procedere in assoluta tranquillità e sicurezza, è consigliato indossare guanti e occhiali protettivi. Si inizia poi con il tracciare la parte in cui si vuole praticare il taglio con un tagliavetro, si continua bagnando il filo a disposizione con l alcol e legandolo intorno alla bottiglia nel punto in cui è stata effettuata l incisione. In seguito si dà fuoco al filo, facendo ruotare la bottiglia fino a che il fuoco non si spegne. È possibile quindi immergere la bottiglia, fino al punto in cui si vuole dividerla, nel recipiente contenente acqua fredda e ghiaccio. Lo sbalzo termico repentino dividerà la bottiglia nelle due parti desiderate. A questo punto sarà sufficiente passare la carta abrasiva sul bordo, per evitare che resti irregolare e possa diventare tagliente. Questa procedura può essere utilizzata più volte per creare le forme che servono per le varie cose da realizzare!

10 il Punto di Fuga pagina 10 Se poi avete il pollice verde, potete sbizzarrirvi anche in giardino con numerose idee originali che lo renderanno davvero unico: vialetti, aiuole, lampade, portafiori, fontane e gazebo realizzati utilizzando sempre bottiglie di vetro, possibilmente di diversi colori, perché più sono colorate, più suggestivo è l effetto dei raggi del sole che vi passano attraverso. E non bisogna pensare che certe cose vengano realizzate solo da chi ha una certa manualità o immaginazione: il semplice riuso in alcuni casi è davvero strabiliante! Come ad esempio quello dei barattoli che si trasformano in porta-sapone, porta-foto o palle di Natale e delle provette da laboratorio riempite con liquidi di vari colori e trasformate in lampadario o trasformate in originali portaspezie. Guendalina Capece «Se poi avete il pollice verde, potete sbizzarrirvi anche in giardino con numerose idee originali che lo renderanno davvero unico: vialetti, aiuole, lampade, portafiori, fontane e gazebi realizzati utilizzando sempre bottiglie di vetro, possibilmente di diversi colori, perché più sono colorate, più suggestivo è l effetto dei raggi del sole che vi passano attraverso.»

11 il Punto Scientifico pagina 11 ATTENTI ALLE COSTANTI DEL TEMPO il Punto Scientifico, di Arnaldo D Amico Solo oggi ci si rende che, ormai da tempo, viviamo in un mondo in cui le possibilità interattive tra le persone vicine e/o lontane sono notevolmente aumentate. Gran parte del nostro tempo viene investito a rispondere alle innumerevoli , a inviare messaggi e a dialogare attraverso le numerose tecnologie comunicative ampiamente disponibili e a basso costo. I messaggi diventano sempre più brevi perché occorre fare presto, sempre più presto: addirittura in alcune imprese americane il dialogo elettronico interno, tra impiegati, avviene cercando di evitare le vocali per poter utilizzare al meglio il tempo disponibile. Il risultato è che sempre più spesso i messaggi non vengono pienamente compresi. Il tempo è divenuto una vera ossessione. Ne è un emblematico esempio l aumento della frequenza dei cosiddetti picchi di arricchimento di certe categorie umane e professionali. Un secolo fa, quando ancora dominava il latifondismo, la ricchezza veniva accumulata su base annuale (le occasioni erano legate alle periodicità della mietitura, della vendemmia, della raccolta della frutta, ai trasporti intercontinentali via mare, etc.). Successivamente i tempi si sono accorciati: con l avvento della tecnologia del cemento armato, ad esempio, il settore delle costruzioni ha consentito arricchimenti su base semestrale e oggi trimestrale. L industria ha poi giocato un ruolo determinante, sviluppando e immettendo sul mercato prodotti sempre nuovi in tempi sempre più brevi. Oggi la frequenza di certe operazioni finanziarie che fanno rimbalzare ingenti capitali nei diversi e mutabili domini delle macro-economie è divenuta così alta che anche gli addetti ai lavori stentano a comprenderne le motivazioni e a seguirne le evoluzioni. Questo rapido susseguirsi di eventi che impattano fortemente sulla società e di messaggi informativi sta mettendo a dura prova le no- «Inizia a diffondersi non solo la sensazione di una ridotta capacità di controllo ma anche un senso di solitudine, di disorientamento, quasi di oppressione legati, senza dubbio, alla limitazione del nostro sistema biologico di elaborazione dati..»

12 il Punto Scientifico pagina 12 stre menti. Inizia a diffondersi non solo la sensazione di una ridotta capacità di controllo ma anche un senso di solitudine, di disorientamento, quasi di oppressione legati, senza dubbio, alla limitazione del nostro sistema biologico di elaborazione dati. Da un racconto di un amico: «Ricordo che molti anni fa, vivendo in una casa di campagna adiacente alla strada che dal centro del paese porta al cimitero, avevo occasione di osservare l accompagnamento dei defunti. Prima si sentivano le campane suonare da morto, poi dopo una decina di minuti si vedeva la processione con in testa il parroco seguito da qualche chierichetto tutti vestiti di bianco, poi ancora le quattro persone che portavano sulle proprie spalle il feretro, e infine i parenti più stretti, gli amici intimi, i conoscenti e qualcuno con la bicicletta che portava a mano e che avrebbe utilizzato poi per il percorso inverso. Durante il tristissimo suonare delle campane (sol-do sol-do ) la zia pronunciava le solite parole: chiudi le persiane che passa il morto. Così ci si metteva dietro le finestre e dalle fessure si guardava, con il fiato sospeso, lo scorrere della processione. Sentivamo le preghiere lamentate e il rumore delle scarpe striscianti nel brecciolino bianco. Il suono delle campane terminava quando il feretro raggiungeva il cimitero. Dietro di me la zia raccontava la storia del defunto. Dopo circa un ora la gente rientrava alla spicciolata e i commenti si accavallavano con brevi pause: ha finito di soffrire, lascia un figlio e una moglie poveri, è stato meglio così, che il Signore lo prenda con sé, era un lavoratore onesto e buono, peggio per chi resta. E così a quei tempi c era tempo per commuoversi; si desiderava sapere la storia dettagliata di chi lasciava questo mondo, per confrontarla con la nostra, per trarne qualche utile insegnamento, in ogni caso una cosa era certa: si pensava al trapasso tutti insieme e a quello che sarebbe stato il nostro ultimo momento: così la morte di qualcuno si faceva strada in noi, la sentivamo attraverso impalpabili brividi, la comprendevamo meglio e per lungo tempo ce la ricordavamo. Ora salvo casi particolari e specifici sembra che non sia più così: chi muore muore, meglio lui che io, la vita continua, chissà a chi ha lasciato la sua eredità, quando tocca a me si vedrà! L atto della morte non viene più compreso pienamente, viene allontanato, non se ne deve parlare a lungo, infastidisce, se ne ha paura come se fosse un a- spetto estraneo della nostra vita mentre ne è l essenza ultima e inesorabile. E se ne parlava ancora la sera, nel dopolavoro, e ancora nei giorni seguenti in modo che dopo qualche tempo si sapevano dettagli e insegnamenti che ancora mi ritrovo in qualche ripostiglio nella mente, indelebili ricordi che mi hanno aiutato a superare le difficoltà della vita; l immersione totale nel dolore degli altri ha sviluppato in me forte il senso di solidarietà e comprensione per le miserie della vita che il destino mi ha fatto incontrare.» Parlavamo di limitazione del nostro sistema biologico di elaborazione dati. Tale limitazione, che ovviamente varia da individuo a individuo e ancora dall'età, dal tipo di formazione e di educazione, dalla città di provenienza etc., riguarda la costante di tempo di apprendimento e di discernimento che possiamo chiamare tau biologica.

13 il Punto Scientifico pagina 13 Attorno a noi l evoluzione dei dati si propone con costanti di tempo sempre più ridotte che possiamo chiamare tau ambientale e le difficoltà di comprendere quanto ci circonda stanno obiettivamente crescendo e ciò è vero in numerosi contesti disciplinari. Pensiamo, appunto, alla percezione della morte: oggi la notizia della caduta di un aereo con decine di persone a bordo, il numero dei defunti nell'ultimo bombardamento o i dati sul numero di incidenti mortali in Europa non ci commuove più. Non abbiamo tempo sufficiente per dare spazio e forma alla commozione e ai suoi benefici effetti. Oggi il tempo della riflessione è ridotto al punto in cui la tau ambientale (relativa per esempio ai fenomeni comunicativi) è divenuta in media così piccola da non essere più percepita pienamente dal nostro sistema sensoriale di apprendimento tau biologica. Il risultato è che ci si illude di leggere e interpretare la realtà ma in effetti stiamo sentendo solamente i valori medi, quelli che, come noto, non portano informazione e quindi conoscenza. Questa situazione ripetuta n-volte nell arco della giornata può generare, in alcune persone, un senso di disadattamento che può sfociare nell individualismo. Il passo successivo nel declino degli asset comportamentali è lo spostamento verso l autoreferenzialità che prefigura un mondo costruito secondo i nostri immediati e convenienti desideri. La non realizzazione di tali desideri genera tristezza fino ad arrivare a una latente disperazione. Questo processo degenerativo, necessariamente semplificato in questa circostanza, può generare deviazioni anche consistenti dal cammino delle storie di ciascuno di noi. Quanto detto può essere verificato sperimentalmente allorquando una sequenza di impulsi di durata sempre minore (ambiente sollecitante) viene applicata a un filtro passa basso (persona). Si nota che al di sotto di una certa durata caratteristica di tali impulsi il filtro non risponde più, o meglio risponde sempre allo stesso modo poiché viene a mancare da parte del filtro la sensibilità sufficiente a reagire al proprio ingresso. Ciò ha a che fare, inequivocabilmente, con l eccessiva distanza tra la costante di tempo della sollecitazione tau ambientale e quella del filtro tau biologica. Si genera, dunque, un punto di rottura tra l interesse dell individuo verso i cambiamenti e il tasso di dati sollecitanti e quando questi ultimi si presentano con eccessiva rapidità, diventa fisiologica l impossibilità a seguirli. Cosa ci suggerisce tutto questo? Che è fondamentale che l'immersione delle persone nel flusso dei dati (parole, immagini, suoni, concetti, etc.) debba avvenire con nuove modalità, molte delle quali ancora da esplorare, che tenga maggiormente conto delle esigenze conoscitive delle singole persone e che permetta a queste di avere percezione del tempo che passa e di dargli il giusto valore. In questo modo sarà più facile riuscire a superare quel senso di disadattamento e quella necessità di solitudine che si sta impossessando dei nostri rapporti, siano essi affettivi, familiari o lavorativi. La sfida è, dunque, lanciata: si tratta di individuare rimedi, atteggiamenti, strategie nell incalzante mondo delle rapide variazioni affinché si ritorni a essere consapevoli fruitori del proprio tempo. Che se ne parli su Il punto, per la prima volta, è di buon auspicio per la promozione di piccoli ma utili passi verso una più soddisfacente comprensione dei fenomeni ineludibili a cui abbiamo dato cenno sinteticamente ma che, secondo il mio modesto modo di vedere, meriterebbero ben più consistenti impegni intellettuali e una attenzione pluridisciplinare. Arnaldo D Amico «...ci si illude di leggere e interpretare la realtà ma in effetti stiamo sentendo solamente i valori medi, quelli che, come noto, non portano informazione e quindi conoscenza.»

14 il Punto di Fuga pagina 14 L ASD TOR VERGATA SAILING CLUB A che Punto è l Impresa?, di Massimo Giannini Il 10 maggio scorso si è tenuta la giornata di presentazione del Tor Vergata Sailing Club alla presenza del Magnifico Rettore, docenti, studenti e professionisti del settore velico. L iniziativa nasce per diffondere gli sport velici e del mare in genere, per creare una comunità di docenti e studenti che possano condividere questa passione. È un modo per rendere il rapporto tra i docenti e gli studenti sempre più stretto e collaborativo, superando il modello rigido gerarchico al quale siamo abituati. L esperienza più che decennale dei prestigiosi istituti di formazione del mondo anglosassone in questo senso deve far riflettere. Le attività sportive, i circoli culturali, le associazioni studentesche sono parte integrante e pulsante del Campus, una Polis dove studenti e docenti condividono le loro esperienze, veicolano le informazioni, costruiscono uno spirito di corpo e fanno crescere l idea di appartenenza. La vela peraltro, per la sua particolarità, è una disciplina che ben si presta a queste finalità. Richiede conoscenze tecniche anche non banali come la fluidodinamica delle vele e della barca spirito di abnegazione spesso si fanno regate in condizioni meteo molto dure disciplina come dicono i vecchi marinai in barca comanda uno solo. Il lavoro di gruppo è la chiave per un buon risultato sportivo. Ognuno ha un ruolo ben definito, che non deve intralciare il lavoro degli altri ma al tempo stesso deve operare in armonia e in sincrono con il resto dell equipaggio. Ognuno è tutto e uno nello stesso tempo. Spesso si discute, anche animatamente, ma si risolve nella bar- «Il lavoro di gruppo è la chiave per un buon risultato sportivo. Ognuno ha un ruolo ben definito, che non deve intralciare il lavoro degli altri ma al tempo stesso deve operare in armonia e in sincrono con il resto dell equipaggio.»

15 A che Punto è l Impresa? pagina 15 ca. Come ogni piccola comunità la solidarietà e l obiettivo comune alla fine prevalgono sugli individualismi. La prima esperienza del club è stata la partecipazione al ventitreesimo campionato invernale di Fiumicino nella classe crociera-tecno. Come tutte le cose nate un pò per gioco, innescata da me e da Agostino La Bella, abbiamo messo insieme un equipaggio molto e- terogeno per età, esperienza velica, professionale e ruolo accademico. Le persone non si conoscevano e alcune non erano mai salite su una barca. Eppure la magia della vela ci ha consentito di effettuare delle regate di tutto rispetto. L equipaggio è cresciuto in fretta sia umanamente che tecnicamente e abbiamo sfiorato il podio per una manciata di minuti. Quest anno vorremmo riprovare questa fortunata alchimia, magari con qualche compagno nuovo in modo da offrire ad altri studenti e colleghi la possibilità di fare questa esperienza. Il circolo sta cercando, anche se nelle difficoltà economiche di dover reperire sponsor e- sterni, di allargare il più possibile le proprie iniziative anche avvalendoci degli amici di Accademia del Mare, una ASD di Fiumicino molto attiva da anni nel settore scuola vela e regata di altura. Cercheremo di portare studenti, colleghi e personale dell Ateneo ai corsi iniziazione per far nascere in loro questa febbre. Il 12 giugno scorso abbiamo organizzato un'uscita collettiva grazie al Circolo Velico Fiumicino e coinvolto più di 50 persone tra studenti, docenti e personale amministrativo. E stata una bella giornata di sole e di mare e in molti hanno subito il fascino della vela. Speriamo di essere capaci di mantenere viva questa emozione. In conclusione quindi, l ASD Tor Vergata Sailing Club, di cui il Magnifico Rettore è il Presidente che ci ha sempre supportato e incoraggiato pubblicamente, vuole instaurare uno spirito non solo marinaresco ma contribuire a creare un senso di appartenenza al nostro Ateneo, migliorare il rapporto tra gli studenti e i docenti che superi la stretta gerarchia dicotomica attuale, favorire e sviluppare un clima amichevole di crescita comune e, non ultimo, anche la speranza di poter contribuire scientificamente al mondo della nautica, attraverso le tecnologie moderne, gli studi di idrodinamicità, l architettura e l ingegneria portuale e soprattutto di riuscire a creare una nautica low cost, come esiste in Francia e altri paesi a forte vocazione marinara, che avvicini le famiglie e gli individui con redditi normali a questo settore. Un obiettivo che il nostro Paese continua a non centrare, nonostante i tanti appelli e iniziative succedutesi negli anni. Una follia tutta italiana in un Paese che è storicamente, culturalmente e geograficamente legato al mare e al suo sfruttamento turistico e industriale. Appuntamento quindi al ventiquattresimo campionato invernale di Fiumicino e alle iniziative future di corsi vela, serate tematiche e, perché no, anche a belle spaghettate! Massimo Giannini Per aderire all Associazione o conoscere più in dettaglio le attività e i programmi dell associazione, si può contattare il prof. Massimo Giannini o il prof. Agostino La Bella

16 il Punto Letterario pagina 16 OLTRE IL LINGUAGGIO L importanza della gestualità il Punto Letterario, di Federica Lorini «Ogni gesto di un essere umano è sacro e pregno di conseguenze» scrive Paulo Coelho in Sono come il fiume che scorre (2006). Effettivamente gran parte della comunicazione avviene proprio attraverso i gesti grazie alla capacità che hanno di veicolare in modo più chiaro e convincente i pensieri e mantenere l'interazione più solidale e costruttiva. La comunicazione gestuale è, forse, la forma di espressione più antica, quella ideata dall uomo che, prima ancora di scoprire il linguaggio verbale e iconico, ha trovato in esso un modo per instaurare rapporti con i propri simili. I gesti sono pressoché infiniti: dai più semplici (il movimento della testa per e- sprimere assenso o diniego) ai più complessi ed elaborati che nel caso del teatro o della danza possono diventare vera e propria narrazione. È anche per questo che il linguaggio cinesico, e in particolare quello gestuale, ha da tempo riscosso grande interesse tra gli studiosi tanto per il suo uso quanto per la sua origine e decodificazione. Attraverso queste tre grandi lenti di ingrandimento (usage, origin e coding) due studiosi di comunicazione della Scuola di Palo Alto, Paul Ekman e Wallace Friesen, hanno proposto cinque principali categorie di gesti. 1) Gesti illustratori: sono quelli che accompagnano il parlato modificandolo e integrandolo (ad esempio riprodurre con le mani la forma dell'oggetto di cui si sta parlando). Direttamente legati al discorso, ne chiariscono il contenuto: possono ripetere, sostituire, contraddire o accrescere l informazione fornita verbalmente e sono i più efficaci perché stimolano nel destinatario del messaggio iconico sia l'emisfero sinistro che quello destro grazie all'associazione con il movimento fisico che favorisce un immagazzinamento delle informazioni più duraturo e incorrotto nel tempo. 2) Gesti emblematici: detti anche simbolici, sono quelli più vicini alla categoria verbale perché sono dotati di autonomia semantica e possono sostituire vere e proprie frasi. È il caso del gesto per chiedere l ora o ancora portarsi la mano all orecchio, formando con le dita una cornetta, che sostituisce la frase «sentiamoci per telefono». Sono molto efficaci perché possono essere usati quando la comunicazione verbale è ostacolata o resa difficoltosa ad esempio per il rumore o la differenza linguistica. 3) Gesti regolatori: sono quelli che servono a mantenere o segnalare un cambiamento di ruolo nell interazione. Sono per lo più cenni del capo, espressioni del volto, scambi di sguardi e veri e propri gesti manuali ad esempio la consueta alzata di mano per essere ammesso a parlare. Il più delle volte vengono usati come segnali di attenzione e, più in generale, di feedback.

17 il Punto Letterario pagina 17 4) Gesti emotivi: si tratta per lo più di espressioni del volto, di natura psicosomatica e, pertanto, difficilmente controllabili. Un esempio è il rossore improvviso oppure semplicemente mostrarsi più impacciati. Sono molto utili perché permettono al comunicatore di esprimere le proprie emozioni e al destinatario del messaggio di comprendere meglio la personalità di chi ci sta di fronte. 5) Gesti adattivi o adattatori: sono quelli che agiscono sul piano emozionale e servono a entrare in contatto emotivo con l interlocutore. Sono spesso privi di finalità e sono per lo più inconsapevoli come ad esempio lisciarsi un indumento, alzare il bavero della giacca o togliere un pelucco dal maglione. Ekman e Friesen ammettono che queste categorie non hanno carattere di esclusività, nel senso che un gesto può appartenere a più di una categoria. Naturalmente una classificazione dei gesti può essere effettuata seguendo vari parametri. Una delle più note, cosiddetta universale, è quella elaborata da Robert A. Barakat che distingue quattro categorie di gesti. Gesti autistici: gesti personali che sono direttamente legati al parlato, all'intonazione melodica e alle altezze di tono e servono per marcare i tratti grammaticali e ad esprimere una parte di significato (spesso emozionale) che non viene codificato verbalmente. Gesti indotti culturalmente: movimenti del corpo che sono il prodotto dell'inserimento del soggetto entro una certa cultura. Questi gesti sono appresi inconsciamente e, altrettanto inconsciamente, riprodotti. Ne fanno parte certi modi di camminare e di sedere, di inchinarsi e di muovere la testa. Gesti semiotici: segni che sono i sostituti di espressioni verbali ma non universali. Si tratta, cioè, di gesti che hanno significato solo all'interno di una determinata cultura, mentre il loro apparire in un ambito culturale diverso può essere completamente sprovvisto di significato, o, accidentalmente, avere un significato diverso. Gesti tecnici: formano dei sistemi specifici di gruppi particolari, che li utilizzano professionalmente quando la comunicazione verbale è impossibile, interdetta o inadatta. È il caso dei codici gestuali dei monaci di clausura, quelli dei sordomuti, degli indiani d America ma anche quelli dei venditori d asta, degli arbitri, dei camionisti, dei mercanti e così via. Ma come entrano in relazione gesto e parola? Fondamentalmente essi possono entrare in relazione attraverso quattro differenti livelli: La lingua è subordinata al gesto (il codice cinesico prevale, cioè, su quello verbale. Si parla di gesto traduzione poiché è il gesto il vero portatore del messaggio e la parola serve solo come strumento interpretativo. È il caso soprattutto dei gesti simbolici che, abbiamo visto, a volte si rivelano più esaustivi delle parole). Il gesto è subordinato alla parola (il codice verbale prevale su quello cinesico e il messaggio è veicolato essenzialmente attraverso le parole. Viene detto gesto situazionale ed é il caso dei gesti illustratori e adattivi che, infatti, non hanno significati autonomi ma conferiscono al messaggio verbale maggiore incisività comunicativa). Parola e gesto sono interdipendenti (linguaggio cinesico e verbale concorrono unitamente a costituire il messaggio integrandosi a vicenda. Si parla di gesto tandem e riguarda soprattutto i gesti regolatori che, infatti, hanno un significato tale da risultare completo solo se verbalizzato). Parola e gesto non sono correlati (linguaggio verbale e linguaggio cinesico non hanno correlazioni evidenti. È il caso dei gesti emotivi i quali, non a caso, sono chiamati spesso gesti slegati proprio perché non sono direttamente riconducibili all informazione verbale alla quale si rapportano. Questo, per grandi linee, il rapporto tra linguaggio squisitamente verbale e linguaggio gestuale che fa parte, appunto, del linguaggio cinesico e del linguaggio paraverbale. Quest ultimo, tuttavia, non si compone solo di gesti bensì di un ampia serie di componenti che analizzeremo nel prossimo numero de Il Punto. Federica Lorini

18 il Punto Letterario pagina 18 SFOGLIANDO QUA E LÀ... il Punto Letterario, di Federica Lorini Il desiderio di essere come tutti, di Francesco Piccolo «Il 22 giugno 1974, al settantottesimo minuto di una partita di calcio, sono diventato comunista». Inizia così Il desiderio di essere come tutti, il nuovo romanzo di Francesco Piccolo, vincitore del Premio Strega L autobiografia di un ragazzo di Caserta che era comunista pur non frequentando il partito, che si riconosceva nella politica e nello stile umano di Enrico Berlinguer e che poi è finito a vivere nell Italia di Berlusconi. Una vera e propria autobiografia politico-esistenziale nella quale eventi storici si intrecciano con momenti ed esperienze personali, emergenze sanitarie, delusioni sentimentali, cataclismi naturali e senso di inadeguatezza. Quella di Piccolo è una lucida e umana riflessione condotta da un uomo normale, tifoso di basket, amante della letteratura e simpatizzante di sinistra all'interno di un nucleo familiare i cui dissidi si giocano tra un padre fascista e una madre iper apprensiva. Un libro facile, leggero, da leggere tutto di un fiato anche grazie allo stile divertente e piacevole, a tratti scanzonato e ironico, al quale l'autore ci ha sempre abituati. Perché leggerlo? Perché è un libro anomalo e portentoso, che è allo stesso tempo il romanzo storico della sinistra italiana e un racconto di formazione individuale e collettiva. Un libro nel quale rispecchiarsi, tanto per affinità quanto per opposizione ideologica, rileggendo momenti e rivivendo ricordi di una storia tutta italiana. Donne, di Andrea Camilleri Donne di Andrea Camilleri è un romanzo in cui il maestro siciliano è alle prese con un indagine molto complicata: dipingere l'universo femminile e i suoi innumerevoli misteri. Da Angelica a Zina, sono ben trentanove le donne alle quali è dedicata questa splendida raccolta di racconti, donne mitologiche, eroine del passato ma anche personaggi reali, le figure femminili più importanti nella vita dell'autore. Ecco allora che il lettore viene condotto per mano attraverso le imprese ben note di Elena di Troia, di Giovanna d Arco, di Antigone ma anche di giovani donne siciliane che hanno riempito, sebbene in modi diversi, la vita, le serate e il cuore del grande Camilleri. Grazie

19 il Punto Letterario pagina 19 al suo inconfondibile stile l'autore ci mostra autentici affreschi di vita quotidiana che parlano del percorso di crescita che molte persone hanno vissuto: i primi imbarazzi, le impellenze adolescenziali, le follie della prima giovinezza, i primi amori, la guerra, la paura. Trentanove splendidi e commuoventi omaggi alle donne e all'arte di saperle raccontare con passione, amore carnale, ma anche affetto e stima per le tante donne volitive ed emancipate che hanno costellato la vita dello scrittore agrigentino. Perché leggerlo? Perché Donne di Andrea Camilleri è un magnifico regalo che una delle più grandi penne della letteratura italiana fa al genere femminile, e un impagabile possibilità di conoscenza che fa al genere maschile. Norwegian wood, di Haruki Murakami Particolare è la storia editoriale di questo romanzo, uno dei più clamorosi casi letterari giapponesi di tutti i tempi. Norwegian Wood fu scritto da Haruki Murakami nel 1987 ma in Italia fu pubblicato solo nel 1993 con il titolo Tokyo Blues. Recentemente Einaudi ne ha curato una nuova edizione pubblicata con il titolo originale. Il romanzo è un lungo flashback, narrato in prima persona dal protagonista Watanabe Tōru che, a bordo di un aereo al suono di Norwegian Wood dei Beatles, ricorda con precisione un fatto avvenuto diciassette anni prima e che ha segnato la sua giovinezza: l'incontro casuale con Naoko, la fidanzata di Kizuki, il suo unico amico, morto suicida pochi mesi prima. Il ricordo della bella e fragile Naoko sarà lo spunto per ripercorrere i difficili anni dell università, dell'adolescenza, del dissidio tutto interiore tra il desiderio di essere integrati nel mondo degli altri e il bisogno irrinunciabile di essere se stessi. Paragonato da molti critici al giovane Holden, anche Toru è perpetuamente assalito dal dubbio di aver sbagliato o poter sbagliare tanto nella vita quanto nell'amore, ma è anche guidato da un ostinato e personale senso della morale e da un'istintiva avversione per tutto ciò che sa di finto e costruito. Un libro estremamente arricchente per quanto malinconico, triste e sofferente ma dotato di una carica emotiva senza pari e da un sottile filo di speranza che si può riassumere in uno dei passi che, personalmente, ho più apprezzato: per quanto una situazione possa sembrare disperata, c è sempre una possibilità di soluzione. Quando tutto attorno è buio non c è altro da fare che aspettare tranquilli che gli occhi si abituino all'oscurità. Perché leggerlo? Perché ti prende l anima e il cuore, perché è il libro di chi ama scavare sotto la superficie, leggere tra le righe, riflettere con serietà ma anche concedersi una liberatoria risata apparentemente senza motivo.

20 l Appunto L Appunto pagina 20

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo CAPITOLO 1 Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo Le origini della conversazione Internet ha dato alle persone una possibilità tanto semplice quanto potente. Quella di farsi ascoltare.

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

ADOTTIAMO UN AMICO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE E AMBIENTALE. PET TERAPY

ADOTTIAMO UN AMICO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE E AMBIENTALE. PET TERAPY ADOTTIAMO UN AMICO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE E AMBIENTALE. PET TERAPY Nel 1961 lo psichiatra Boris Levinson, parlò per la prima volta di Pet therapy in un lavoro in cui metteva in risalto il ruolo

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

NARRARE LA FEDE. Come potenziare le abilità di comprensione attraverso il racconto biblico. Fiorenza Pestelli

NARRARE LA FEDE. Come potenziare le abilità di comprensione attraverso il racconto biblico. Fiorenza Pestelli NARRARE LA FEDE Come potenziare le abilità di comprensione attraverso il racconto biblico Fiorenza Pestelli Nella Bibbia ci sono persone che evocano la possibilità di cambiare nella vita. Noi possiamo

Dettagli

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro Luigi Casa Monica Vincenzi Finalmente Beatrice Un viaggio nella Divina Commedia Prefazione di Alberto Bermolen e Maria Grazia Dal Porto Introduzione

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Il tema scelto vuole trasmettere ai bambini l importanza del patrimonio letterario classico. Inoltre, presentando la figura dell EROE,

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale PROGRAMMA Storia della PNL I presupposti della comunicazione I sistemi rappresentazionali Il sistema rappresentazionale preferenziale Individuazione del sistema rappresentazionale primario I LEM (Lateral

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Riassunto secondo focus (lettori forti)

Riassunto secondo focus (lettori forti) Riassunto secondo focus (lettori forti) Il focus group si è svolto sabato 8 maggio tra le 10.00 e le 11.30, avendo come partecipanti dei lettori forti, vale a dire, persone che leggono più di 20 libri

Dettagli

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza

Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Bergamo, 3 Ottobre 2008 Incontri psicoeducativi di avvicinamento all arte: il racconto di un esperienza Dott.ssa Laura Marchesi Da cosa nasce quest idea idea??? L idea nasce, in collaborazione con la Dott.ssa

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

Dott.ssa Maria Bucci Docente, Videointerprete e Interprete LIS e-mail: mariabucci@iol.it LA L.I.S. A SCUOLA

Dott.ssa Maria Bucci Docente, Videointerprete e Interprete LIS e-mail: mariabucci@iol.it LA L.I.S. A SCUOLA Dott.ssa Maria Bucci Docente, Videointerprete e Interprete LIS e-mail: mariabucci@iol.it LA L.I.S. A SCUOLA Corso di avvicinamento alla Lingua dei Segni Italiana e di didattica speciale PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA DR.SSA MAIORANO ANGELA (PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA) PUBBLICHE RELAZIONI PARCHETTI CRISTINA COREOGRAFA E BALLERINA VERGINELLI MAURA L ADOLESCENZA PORTA CON SÉ

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

TEORIA E TECNICA DELLA NEGOZIAZIONE

TEORIA E TECNICA DELLA NEGOZIAZIONE TEORIA E TECNICA DELLA NEGOZIAZIONE A cura di Paolo Danza Nello scorso paragrafo il conflitto è stato considerato risorsa in quanto forza unificatrice nelle relazioni. Si è osservato come le organizzazioni

Dettagli

Perché diventare un professionista in programmazione neuro linguistica

Perché diventare un professionista in programmazione neuro linguistica LA PNL VIENE INSEGNATA PER CONSENTIRE UNA MIGLIORE E PIÙ ECOLOGICA COMUNICAZIONE TRA INDIVIDUI E CON SE STESSI, PIUTTOSTO CHE COME UN ARMA DI VENDITA E PERSUASIONE Perché diventare un professionista in

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA

CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA appunti sul convegno tenutosi a Milano, Università degli studi Bicocca, il 17 e 18 ottobre 2003 venerdì 17 Intervento di Gianni Canova,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM )

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) Ci sono almeno 18 studi che dimostrano che le persone con disturbi dello spettro autistico (ASD) presentano uno specifico deficit di memoria nella

Dettagli

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva Le tappe del pensiero Nel corso del primo anno: segue con lo sguardo gli oggetti in movimento; distingue i volti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico il primo giorno era un po strano tra noi ragazzi c era molto silenzio poi la situazione è migliorata penso che

Dettagli

LINGUE STRANIERE. Presentazione

LINGUE STRANIERE. Presentazione LINGUE STRANIERE Presentazione La conoscenza di almeno due lingue comunitarie oltre alla lingua materna è obiettivo strategico dell istruzione obbligatoria in ambito europeo. L esercizio della cittadinanza

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Documento di progetto. Realizza il tuo futuro. di Annamaria Iaria

Documento di progetto. Realizza il tuo futuro. di Annamaria Iaria Documento di progetto Realizza il tuo futuro di Annamaria Iaria Sommario1. PRESENTAZIONE... 4 1. IL CUORE DELL IDEA... 4 1.1. L IDEA PROGETTUALE... 4 1.1.1. Cosa... 4 1.1.2. Dove... 4 1.1.3. Perché...

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TARRA BUSTO GAROLFO Via Correggio 80,- 20020 PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA SCUOLE TARRA, MENTASTI, FERRAZZI-COVA A.S. 2014-2015 1 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTO

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA RELATIVE ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (DPR 11 FEB- BRAIO 2010) SCUOLA DELL INFANZIA Le attività

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli