L accisa agevolata sulle bollette gas per le imprese commerciali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L accisa agevolata sulle bollette gas per le imprese commerciali"

Transcript

1 L accisa agevolata sulle bollette gas per le imprese commerciali

2

3 L accisa agevolata sulle bollette gas per le imprese commerciali

4 A cura di: Pierpaolo Masciocchi, Renato Pesa Settore Utilities Confcommercio-Imprese per l Italia Antonio Vento, Federica Taio Settore Fiscaltà di Impresa Confcommercio-Imprese per l Italia Editing: Francesco Rossi Area Comunicazione e Immagine Confcommercio-Imprese per l Italia 2010 Confcommercio-Imprese per l Italia

5 Indice

6

7 L accisa agevolata sulle bollette gas per le imprese commerciali 1 Premessa 3 1. L estensione dell agevolazione dell aliquota ridotta dell accisa sul gas metano al settore della distribuzione commerciale Ambito soggettivo Ambito oggettivo 7 2. Tassazione del gas destinato alla combustione imposte indirette Accisa erariale Addizionale regionale Imposta sul valore aggiunto Come richiedere l accisa erariale agevolata 12 Esempio modulo autocertificazione 13 Modello di comunicazione per le strutture associative 17 Allegati 19 Codici attività per i quali si può usufruire dell aliquota ridotta in seguito all entrata in vigore dell art. 7 del D.L. 262 del 2006, con riferimento alla classificazione Ateco iii

8

9 L accisa agevolata sulle bollette gas per le imprese commerciali

10

11 Premessa I continui aumenti delle materie prime energetiche hanno comportato negli anni passati incrementi considerevoli dei costi delle imprese per l approvvigionamento energetico. Nel settore del gas, in particolare, il livello della tassazione contribuisce ad innalzare il costo finale che risulta, tasse comprese, tra i più alti a livello europeo. Confcommercio Imprese per l Italia, consapevole dell importanza di ridurre i costi sostenuti dalle imprese, ha ottenuto un importante risultato a livello normativo: equiparare le imprese del commercio alle aziende produttive nel pagamento delle imposte relative all approvvigionamento di gas naturale. L iniziativa avanzata dalla Confederazione consente di far risparmiare complessivamente alla generalità delle imprese aventi diritto più di 100 milioni per anno, con una riduzione per singola impresa di oltre il 90% dell imposta erariale e del 50% dell addizionale provinciale. A titolo d esempio ogni mille metri cubi consumati si risparmiano circa 170 euro. Per ottenere il pagamento agevolato dell accisa occorre però presentare apposita domanda al proprio fornitore. Pertanto, con l obiettivo di informare tutti le imprese aderenti al sistema confederale, è stata realizzata la presente brochure che descrive il quadro normativo di riferimento e chiarisce le modalità da adempiere per richiedere al proprio fornitore il pagamento dell accisa agevolata. Assistere le imprese nella richiesta dell aliquota agevolata è quindi un opportunità fondamentale per fidelizzare la base associativa e per aiutare le imprese, anche per quanto concerne le spese energetiche, a risparmiare e gestire al meglio il proprio business. 3

12 L accisa agevolata sulle bollette gas per le imprese commerciali 1. L estensione dell agevolazione dell aliquota ridotta dell accisa sul gas metano al settore della distribuzione commerciale L art. 7, comma 27, del D.L. 3 ottobre 2006, n. 262 ha disposto che Nel testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative, di cui al decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, ( ) all articolo 26, ( ), dopo le parole: Si considerano compresi negli usi industriali gli impieghi del gas metano, sono aggiunte le seguenti: nel settore della distribuzione commerciale. In altri termini, la norma ha esteso l aliquota ridotta dell accisa, prevista per il gas metano destinato ad usi industriali, alle forniture di gas metano utilizzato nell attività di distribuzione commerciale. Il legislatore ha voluto ammettere al beneficio erariale, già esistente per le imprese alberghiere e della ristorazione, anche le imprese della distribuzione commerciale, accogliendo le ripetute richieste in tal senso avanzate dalle organizzazioni di categoria ed, in specie, dalla Confcommercio. Non vi era infatti alcuna ragione che giustificasse il persistere di detta diversità di trattamento fiscale a danno degli operatori del commercio. 1.1 Ambito soggettivo Al momento dell entrata in vigore dell agevolazione in esame, in assenza di indicazioni precise rintracciabili nelle relazioni dei lavori preparatori al provvedimento, si era posto il problema di comprendere quali attività dovessero considerarsi incluse nella categoria economica settore della distribuzione commerciale. L Agenzia delle Dogane aveva fornito una prima interpretazione del nuovo ambito applicativo dell agevolazione, con la nota n. 4428/V del 27 dicembre In detta nota, però, l Agenzia non aveva indicato quali attività dovessero essere incluse nella categoria distribuzione commerciale, ma si era limitata ad affermare che, al fine di usufruire dell agevolazione in esame, le imprese dovevano dotarsi di un certificato, rilasciato dalla competente Camera di Commercio, Industria e Artigianato, di iscrizione al relativo albo quale ditta esercente attività di distribuzione commerciale, ovvero dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, resa ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000, n Con la nota del 12 marzo 2008 n. 4941/V, l Agenzia rende, invece, pubblico il parere dell Avvocatura di Stato del 14 novembre 2007, prot. n /07, avente ad oggetto l in- 4

13 1. L estensione dell agevolazione dell aliquota ridotta dell accisa sul gas metano al settore della distribuzione commerciale dividuazione delle imprese che debbono considerarsi parte del settore della distribuzione commerciale, ai fini dell applicazione della disposizione agevolativa sul gas metano. Secondo l Avvocatura, la genericità del dato normativo e la sua atecnicità (intesa come non coincidenza con le categorie del commercio definite in altri testi di legge, quali l art. 4, par. 1, D.Lgs. n. 114/98) depone per un individuazione dell ambito di applicazione dell agevolazione senza limitazioni all interno di quella categoria generale contemplata. L interpretazione del dato letterale trova conferma nell elaborazione della nozione di distribuzione commerciale maturata dalla dottrina economica come lo strumento attraverso il quale vengono immesse merci e servizi sul mercato, con le diverse forme di organizzazione della: - distribuzione diretta, ove la vendita si attua direttamente nella sede dell impresa e ove è l impresa stessa che assume su di se tutte le funzioni attinenti alla messa in commercio del prodotto; - distribuzione indiretta, nella quale operatori commerciali autonomi operano a diversi livelli, quali dettaglianti o grossisti, ponendosi come intermediari tra produttore e consumatore finale. Oltre al settore del commercio al dettaglio, così come definito all articolo 4, paragrafo 1, lett. b) del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, sembra doveroso, a parere dell Avvocatura Generale dello Stato, ricomprendere tra i soggetti destinatari dell agevolazione anche coloro che svolgono un attività di commercio all ingrosso ed, analogamente, gli esercenti un attività di intermediazione commerciale o comunque non direttamente connessa alla vendita diretta al consumatore finale. Non si possono, poi, escludere dal novero di coloro che possono fruire dell applicazione dell aliquota ridotta (sempre secondo il parere riportato dell Avvocatura) gli esercenti le attività di vendita per catalogo e di commercio elettronico, che devono essere riconosciute, a tutti gli effetti, quali attività di distribuzione commerciale, qualificate nel citato D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 114, all articolo 4, lett. h), come forme speciali di vendita al dettaglio. L Avvocatura Generale dello Stato prosegue, inoltre, precisando che anche l attività di somministrazione di bevande può essere considerata come un attività di distribuzione commerciale e che possono, dunque, farsi rientrare tra i soggetti beneficiari dell agevolazione anche i titolari di bar, birrerie o simili, pur se nella tabella dei codici di classificazione delle attività economiche ATECOFIN 2004, i bar sono classificati sotto la categoria H (alberghi e ristoranti), nei codici attività A (bar e caffè) e C (bar, 5

14 L accisa agevolata sulle bollette gas per le imprese commerciali caffè con intrattenimento e spettacolo) e non sotto la categoria G che raggruppa tutti gli operatori del commercio. L Avvocatura ritiene, infatti, che non possa procedersi ad alcuna restrizione dell ambito applicativo della disposizione facendo riferimento ai codici individuativi delle attività commerciali elencati nella tabella ATECOFIN I criteri in base ai quali distinguere le attività assoggettabili all aliquota per combustione per usi industriali debbono essere desunti dall art cod. civ. Tenuto conto di quanto sin qui riportato e dell ampiezza della nozione considerata, quindi, (recita in fase conclusiva la nota dell Avvocatura) dovranno essere assoggettati alla favorevole aliquota in parola i consumi di gas naturale effettuati dagli esercenti: a) di attività di commercio al dettaglio, ivi comprese le cd. forme speciali di vendita al dettaglio (vendita per corrispondenza, mediante distributori automatici, tramite televisione o altro mezzo di comunicazione, vendita per catalogo) e di commercio elettronico; b) di attività di commercio all ingrosso; c) di attività di intermediazione commerciale o comunque non direttamente connesse alla vendita; d) di attività di somministrazione di bevande (bar, birrerie, caffè, gelaterie, pasticcerie ecc ). L Agenzia delle dogane, nella nota n. 4941/V, elenca i codici attività, appartenenti alla classificazione ATECOFIN 2004, e non alla classificazione ATECO 2007 che è in vigore dal 1 gennaio 2008) a cui far riferimento per l individuazione delle nuove attività agevolabili: a) per quanto concerne le attività di cui alle lettere a), b) e c), alla sezione G, codici da 50 a 52.63, con esclusione delle attività di cui ai codici da a , e da 52.7 in poi (poiché trattasi di codici concernenti attività di riparazione varie - di autoveicoli, di carrozzerie, di impianti elettrici e di alimentazione, di pneumatici, di motocicli e ciclomotori, di calzature e articoli in cuoio, di apparecchi elettrici, di orologi e gioielli, di beni di consumo vari e attività di manutenzione e soccorso stradale che non rientrano nel concetto di distribuzione commerciale); b) alla sezione H, codici 55.4 e 55.5, per quanto concerne le attività di cui alla lettera d); c) alla sezione I, codici da a , per quanto concerne le attività non direttamente connesse alla vendita, diverse da quelle di intermediazione commerciale di cui alla lettera c). 6

15 1. L estensione dell agevolazione dell aliquota ridotta dell accisa sul gas metano al settore della distribuzione commerciale Si fa presente che nell elenco dei codici di attività manca il codice Gelaterie e pasticcerie con somministrazione ; tale mancanza dovrebbe imputarsi ad un mero errore, poiché nella nota viene più volte affermato che l agevolazione deve applicarsi anche agli esercenti attività di somministrazione di bevande, che, ai sensi della lett. b), comma 1, art. 5 della legge n. 287 del 25 agosto 1991, sono i bar, i caffè, le gelaterie, le pasticcerie e gli altri esercizi similari. Nella sezione allegati della presente giuda, si fornisce un elenco completo dei codici attività agevolabili in seguito all entrata in vigore del D.L. n. 262, con riferimento alla classificazione ATECO Al fine dell applicazione dell aliquota per combustione per usi industriali, viene chiarito che gli aventi diritto, ferma restando la facoltà di avvalersi dell istituto dell autocertificazione, dovranno presentare al soggetto erogatore apposita richiesta corredata della certificazione camerale comprovante l iscrizione tra le imprese, utilizzando, allo scopo di descrivere la tipologia di attività svolta, il pertinente codice della classificazione ATECOFIN 2004 sopra richiamata. Da ultimo, con la nota n del 3 aprile 2009, l Amministrazione ha chiarito l esatto termine di decorrenza del regime agevolato: l applicazione dell aliquota usi industriali può aver luogo a partire dal momento in cui l utilizzatore presenta la richiesta all Ente distributore o al fornitore che provvederà alle opportune informazioni all ufficio finanziario competente. 1.2 Ambito oggettivo Con riferimento specifico alla distribuzione commerciale, l Agenzia delle dogane, con la nota n. 4428/V del 27 dicembre 2006, limita espressamente l applicazione dell aliquota ridotta ai locali adibiti allo svolgimento dell attività di distribuzione commerciale. Al contribuente spetta l obbligo di presentare al soggetto erogatore richiesta di applicazione dell aliquota agevolata, precisando se spettante alla totalità o a quota parte dei consumi in caso di uso promiscuo. Medesimo è il criterio, seguito dall Agenzia delle dogane, rispetto all applicazione dell aliquota agevolato al settore alberghiero (che, si ricorda, gode dell agevolazione in esame da metà dell anno 1998). L Agenzia, nella circolare n. 64 del 4 aprile 2000, afferma, infatti, che nel caso in cui in uno stesso locale vengano svolte contemporaneamente un attività di ristorazione ed un attività 7

16 L accisa agevolata sulle bollette gas per le imprese commerciali di somministrazione di sole bevande (quest ultima, nell anno 2000, ancora esclusa dall agevolazione dell aliquota ridotta dell accisa), in assenza di distinti contatori, dovrà procedersi ad una determinazione presunta dei consumi di gas metano da assoggettare all aliquota di accisa prevista per uso industriale, imputando il 50% del consumo ad uso industriale ed il rimanente 50% ad uso civile. Ove il contribuente ritenga che la percentuale di gas usato per l attività oggetto di agevolazione sia maggiore del 50%, l Amministrazione addirittura richiede una espressa assunzione di responsabilità personale da parte del contribuente, mediante presentazione di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, nella quale sostenere l impossibilità di installare contatori distinti ed il maggiore consumo di gas per l attività su cui applicare l aliquota ridotta. Nella risoluzione n. 1 del 14 giugno 2004, l Agenzia riconosce al contribuente la possibilità di applicare l aliquota agevolata per usi industriali, non solo per i locali in cui si svolgono le prestazioni effettuate a fini produttivi, ma anche per quelli in cui si svolgono attività connesse, purché ubicati all interno del recinto delle imprese (c.d. criterio del recinto aziendale). Inoltre, nella citata risoluzione, con riferimento al settore alberghiero, in virtù della sua peculiare definizione legislativa (legge 29 marzo 2001), l Amministrazione ritiene che il trattamento agevolativo possa riguardare anche attività connesse che si trovano al di fuori del recinto aziendale. Tale assunto viene formulato in seguito al parere espresso sul tema dall Avvocatura di Stato che si riporta, in parte, nella presente risposta, in quanto contenente principi da poter riferire a tutte le attività oggetto dell agevolazione di cui all art. 26: la ratio della distinzione ( ) operata tra locali posti all esterno e all interno degli stabilimenti in cui ha luogo l attività produttiva va individuata nella necessità, ai fini del trattamento fiscale più favorevole, che ricorra una stretta connessione tra utilizzazione del gas metano e esercizio concreto dell attività imprenditoriale. ( ) la norma richiamata deve considerarsi di stretta interpretazione al fine di evitare che il trattamento impositivo ordinario venga eluso con facilità, attribuendo il carattere di accessorietà a beni autonomamente organizzati e dunque sostanzialmente estranei alla struttura aziendale principale. Da quanto suesposto, si ritiene che i criteri da seguire per una prudenziale applicazione oggettiva dell agevolazione in esame siano i seguenti: - l aliquota ridotta dell accisa può applicarsi al gas metano destinato ai locali in cui si svolge il complesso di prestazioni effettuate ai fini produttivi; - l agevolazione può essere estesa anche ai locali in cui si svolgono attività connesse, purché situati nell ambito del c.d. recinto aziendale; 8

17 2. Tassazione del gas destinato alla combustione imposte indirette - l agevolazione può essere estesa anche ai locali in cui si svolgono attività connesse situati al di fuori del c.d. recinto aziendale, con riferimento al settore alberghiero; - le attività connesse sono quelle carenti di un autonomia funzionale, tali da doversi considerare solo come emanazione dell attività principale. 2. Tassazione del gas destinato alla combustione imposte indirette Le imposte indirette che gravano sul consumo di gas naturale sono le seguenti: 1) accisa erariale, ai sensi del D.Lgs. 504/1995; 2) addizionale regionale all accisa, determinata autonomamente da ciascuna Regione con proprio provvedimento, tenuto conto dei limiti imposti dalla normativa generale sulle imposte; 3) IVA, calcolata sulla somma di tutte le voci della bolletta, con aliquota del 10%. Le imposte rappresentano circa il 39% della bolletta. 2.1 Accisa erariale Per gli usi civili l accisa erariale è oggi differenziata per scaglioni in base ai seguenti importi: 1. per consumi fino a 120 metri cubi annui: euro 0,044 per metro cubo; 2. per consumi superiori a 120 metri cubi annui e fino a 480 metri cubi annui: euro 0,175 per metro cubo; 3. per consumi superiori a 480 metri cubi annui e fino a 1560 metri cubi annui: euro 0,170 per metro cubo; 4. per consumi superiori a 1560 metri cubi annui: euro 0,186 per metro cubo; Esistono però accise per usi civili ridotte nei seguenti territori: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna, alle province di Latina e di Frosinone, ai comuni della provincia di Rieti già compresi nell ex circondario di Cittaducale, ai comuni compresi nella zona del comprensorio di bonifica del fiume Tronto, ai comuni della provincia di Roma compresi nella zona della bonifica di Latina, all Isola d Elba, nonché agli interi territori dei comuni di Isola del Giglio e di Capraia Isola. 9

18 L accisa agevolata sulle bollette gas per le imprese commerciali In questo caso la misura di accisa è la seguente: 1. per consumi fino a 120 metri cubi annui: euro 0,038 per metro cubo; 2. per consumi superiori a 120 metri cubi annui e fino a 480 metri cubi annui: euro 0,135 per metro cubo; 3. per consumi superiori a 480 metri cubi annui e fino a 1560 metri cubi annui: euro 0,120 per metro cubo; 4. per consumi superiori a 1560 metri cubi annui: euro 0,150 per metro cubo. Il consumo si tiene conto sulla base dell anno termico che inizia il 1 ottobre di ogni anno per concludersi il 31 settembre dell anno successivo. Esempio Consumo annuo mc località Regione Veneto L importo annuale dell accisa erariale sarà il seguente: Scaglioni Consumo moltiplicato per l aliquota Totale 1 scaglione (0-120) 120 mc * 0,044 euro 5,28 2 scaglione ( ) 360 mc * 0,175 euro 63,00 3 scaglione ( ) mc * 0,170 euro 183,60 4 scaglione (> 1560) i restanti 440 mc * 0,186 euro 81,40 Totale annuo sostenuto per l imposta erariale 333,72 Nel caso in cui invece l uso sia industriale, l aliquota varia a seconda dell entità dei consumi annuali. Se i consumi non superano nell anno termico il quantitativo di l aliquota è pari a 0, euro ed è fissa. Pertanto a parità di consumo (nell esempio mc/anno) l esborso per il pagamento dell accisa erariale nel caso di un utilizzo industriale è pari a 24,99. Importo più ridotto nel caso in cui l impresa superi la soglia di metri cubi di gas. 2.2 Addizionale regionale L art. 9 del D.Lgs. 21 Dicembre 1990, n. 398, in attuazione dell art. 6 della legge n. 158 del 1990, ha istituito un addizionale regionale all accisa sul gas naturale usato nelle regioni a statuto ordinario come combustibile nella misura che sarà determinata da ciascuna 10

19 2. Tassazione del gas destinato alla combustione imposte indirette Regione, con propria legge (si veda la tabella n. 1). Nella generalità dei casi l addizionale regionale è fissata nella misura del 50% dell accisa erariale sia per usi civili che industriali. Tab. 1 - Addizionali Regionali Anno 2009 Usi civili Usi industriali Fascia di consumo annuo fino a 120 m 3 da 120 a da 480 a oltre m m 3 m 3 fino a oltre m m 3 Addizionale regionale a) Valori espressi in centesimi di EURO Piemonte 2, , , , , ,52000 Veneto 0, , , , , ,51646 Liguria zone climatiche C e D 2, , , , , , zona climatica E 1, , , , , , zona climatica F 1, , , , , ,52000 Emilia Romagna 2, , , , , ,51646 Toscana 1, , , , , ,52000 Umbria 0, , , , , ,51650 Marche 1, , , , , ,52000 Lazio 2, , , , , ,51600 Abruzzo zone climatiche E e F 1, , , , , , altre zone 1, , , , , ,51646 Molise 1, , , , , ,52000 Campania 1, , , , , ,62490 Puglia 1, , , , , ,51646 Calabria 1, , , , , ,62490 a) L addizionale regionale non è prevista per le regioni a statuto speciale; l imposta non è più dovuta anche in Lombardia dal 2002 (L.R. 18/12/2001, n.27) e in Basilicata dal 2008 (L.R. 28/12/2007, n. 28). Fonte autorità per l energia. 11

20 L accisa agevolata sulle bollette gas per le imprese commerciali 2.3 Imposta sul valore aggiunto Il totale corrisposto dal cliente per l acquisto del gas naturale, insieme ai servizi ancillari, all accisa erariale ed all imposta addizionale concorre alla formazione della base imponibile ai fini del pagamento dell imposta sul valore aggiunto. Tale imposta può avere aliquota ordinaria del 20% o aliquota del 10%. L agenzia delle entrate ha chiarito con la circolare n.2/e del 17 gennaio 2008 che a partire dal 1 gennaio 2008 l aliquota agevolata del 10%, riferibile ad utilizzi civili, si applica sui primi 480 metri cubi annui di consumo. Lo scaglione di consumo di 480 metri cubi è riferito a ciascun anno solare. Solo per i consumi eccedenti questi limite vale l aliquota I.V.A. ordinaria del 20%. Per gli usi industriali, la normativa prevede l aliquota agevolata per le imprese manifatturiere individuabili attraverso l analisi dell elenco delle attività contenuto nel decreto ministeriale del 31 dicembre L Aliquota I.V.A. agevolata deve essere richiesta al proprio fornitore. 3. Come richiedere l accisa erariale agevolata L accisa agevolata per usi industriali non è applicata in modo automatico dal fornitore ma deve essere richiesta. Può anche capitare, che nel passaggio da un fornitore all altro tale diritto si perda dovendo quindi richiederne l applicazione. Pertanto, una volta verificato sulla propria bolletta che l accisa applicata non corrisponde a quella agevolata, occorre comunicare con il proprio fornitore di gas al fine di verificare la corretta modulistica da compilare. In ogni caso, la normativa prevede che il fornitore debba certificare il tipo di attività svolta dall impresa per comprendere se rientra nella casistica degli usi industriali. Per far questo il cliente finale deve presentare apposta dichiarazione sostitutiva del certificato c.c.i.a.a. e dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà relative all uso del gas metano. Pertanto il rappresentante legale dell azienda deve dichiarare, sotto la propria personale responsabilità, ai sensi dell art. 46 del D.P.R n. 445: - l avvenuta iscrizione presso l Ufficio Registro delle Imprese della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura; - il numero di iscrizione; 12

21 3. Come richiedere l accisa erariale agevolata - l attività svolta (industriale, agricola, artigiana, distribuzione commerciale). Si riporta di seguito un esempio di modulo di autocertificazione evidenziando che in ogni caso è preferibile richiedere il modulo al fornitore. 13

22 L accisa agevolata sulle bollette gas per le imprese commerciali Esempio modulo autocertificazione Spett.le Istanza, dichiarazione sostitutiva del certificato c.c.i.a.a. e dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà relative all applicazione del regime fiscale agevolato previsto per gli usi industriali sul consumo di gas metano Denominazione ditta / Ragione Sociale del cliente Sede legale Indirizzo Comune Prov. Codice fiscale Partita IVA Telefono Fax Località di fornitura Indirizzo Comune Prov. Codice utenza Matricola contatore Il/La sottoscritto/a nato/a a Prov. il residente a Indirizzo Comune Prov. 14

23 3. Come richiedere l accisa erariale agevolata nella sua qualità di rappresentante legale/negoziale della Ditta/Società sopra indicata, CONSAPEVOLE che l imposizione fiscale in materia di accisa e di imposta regionale sul gas metano - disciplinata dal D.Lgs n. 504, dal D.Lgs n. 398, dalle conseguenti leggi regionali e dalle successive modifiche ed integrazioni, che possono essere consultati, unitamente ai chiarimenti del Ministero delle Finanze e dell Agenzia delle Dogane, sul sito ( Documentazione Banca dati di norme e circolari ), sui siti delle Regioni e presso gli sportelli aziendali, ovvero richiesti a verrà applicata sulla base dell istanza e delle dichiarazioni di seguito espresse, che vengono trasmesse al competente Ufficio dell Agenzia delle Dogane; che i mutamenti nell impiego del gas metano e nella destinazione d uso dei locali possono comportare l assoggettamento in misura piena all accisa e all imposta regionale sul gas metano; che qualora, anche a seguito di controlli e/o sopralluoghi del competente Ufficio dell Agenzia delle Dogane, emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, la Ditta/Società qui rappresentata decadrà dai benefici eventualmente goduti sulla base delle stesse e che, in tal caso, Le sarà addebitato quanto dovuto per accisa, imposta regionale, sanzioni, indennità di mora, interessi e ogni altra somma che sarà tenuta a versare all Amministrazione Finanziaria e alla Regione; che, oltre alle sanzioni amministrative previste da altre norme di legge, nei confronti di chiunque sottrae il gas metano all accertamento o al pagamento delle accise, l art. 40 del citato D.Lgs n. 504 prevede sanzioni di carattere penale; che, a norma dell art. 76 del D.P.R n. 445, chiunque rilascia dichiarazioni mendaci, ovvero forma o usa atti falsi, è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia; che le seguenti dichiarazioni devono considerarsi valide finchè non sostituite da altre, da far pervenire ad in ogni caso di variazione di quanto in precedenza dichiarato; che, ai fini della corretta applicazione delle aliquote ridotte previste per gli usi industriali agli impieghi del gas metano nel settore della distribuzione commerciale (art. 2, comma 73, della legge n. 286, che ha recepito quanto già disposto dall art. 7, comma 27, del decreto-legge n. 262), l Agenzia delle Dogane ha impartito le proprie istruzioni con la nota n. 4428/V del ; che, sulla base di quanto disposto dal Ministero delle Finanze con circolare n del , l applicazione dell agevolazione decorre dalla data di presentazione, consegna o spedizione, della documentazione prescritta, salvo quanto specificamente previsto dalla predetta nota dell Agenzia delle Dogane n. 4428/V del , riguardo alla decorrenza dal 3 ottobre 2006 dell applicazione delle aliquote previste per gli usi industriali, con riferimento ai consumi di gas metano nel settore della distribuzione commerciale; 15

24 L accisa agevolata sulle bollette gas per le imprese commerciali DICHIARA sotto la propria personale responsabilità, ai sensi dell art. 46 del D.P.R n. 445 che la Ditta/Società qui rappresentata risulta iscritta presso l Ufficio Registro delle Imprese della Camera di Commercio C.C.I.A.A. di dal con il numero di iscrizione che la sede di fornitura per la quale è prodotta la presente documentazione risulta iscritta ovvero è indicata nella domanda di iscrizione al predetto Ufficio. INOLTRE DICHIARA sotto la propria personale responsabilità, ai sensi dell art. 47 del D.P.R n. 445 che i metri cubi di gas metano risultanti dal segnante del misuratore alla data del / / (data di consegna o spedizione della presente) sono mc. ; che l attività esercitata presso la sede di fornitura e ; che gli usi del gas metano relativi alla predetta fornitura sono quelli indicati in corrispondenza della/e casella/e di seguito barrata/e: Usi, come indicati all art. 26 del D.Lgs. 26/10/1995 n. 504, nei locali adibiti alla distribuzione commerciale. In presenza di consumi promiscui misurati dallo stesso contatore (caso in cui il consumo riguarda anche usi diversi dalla distribuzione commerciale, nell ambito dei locali adibiti a tale attività, ad esempio per il riscaldamento di locali ad uso domestico, bar, ecc.), indicare la percentuale del consumo attribuibile alla distribuzione commerciale (ad esempio, per il riscaldamento, l indicazione della percentuale deve essere calcolata in base alle volumetrie riscaldate): %; usi in depositi, uffici, mense, docce, spogliatoi, abitazione del custode (o per eventuali altre attività connesse, così specificate (l applicabilità dell aliquota ridotta prevista per gli usi industriali è definita dall Agenzia delle Dogane) Posti all interno dei locali adibiti alla distribuzione commerciale. Posti al di fuori dei locali adibiti alla distribuzione commerciale. Usi per il funzionamento del forno da pane e/o di altre attrezzature dei panificatori. Pertanto, il/la sottoscritto/a CHIEDE che ai consumi di gas metano riguardanti la predetta fornitura sia applicato il regime fiscale agevolato previsto per gli usi industriali sopra dichiarati, ai fini dell accisa e dell imposta regionale. Dichiara che la documentazione allegata in copia è conforme all originale (art. 19 del D.P.R n. 445). 16

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00

Nuova scadenza presentazione domande di contributo: martedì 30 giugno 2015, ore 12.00 Bando per la concessione di contributi a fondo perduto alle imprese del commercio e del turismo del Distretto ValleLambro - Distretto dell attrattività territoriale integrata turistica e commerciale per

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE. Come richiedere l applicazione delle accise agevolate

AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE. Come richiedere l applicazione delle accise agevolate AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE Come richiedere l applicazione delle accise agevolate Agevolazioni fiscali sul gas naturale AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE di Federica Bonafaccia e Antonio

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI

ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI Per individuare correttamente il tipo di corso a cui iscrivere i propri lavoratori occorre applicare quanto stabilito dall Accordo Stato

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Giugno 2014 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di *

COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Regione Campania Modello 1A copia per il Comune COMMERCIO AL DETTAGLIO ESERCIZIO DI VICINATO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' Al Comune di * Ai sensi della legge regionale della Campania 1/2014,

Dettagli

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto mod. Com 8 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011

Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 mod. Com 9 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio - COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO Al Comune di Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 9234 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 31-03-2011 mod. Com 6 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio - SPACCI INTERNI SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA'

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' MOD. COM 1 REGIONE PUGLIA Esercizi di Commercio al dettaglio di vicinato SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE IN STAMPATELLO Al Comune di Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO DEL DAT DEL LEMINE - VALLE IMAGNA

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO DEL DAT DEL LEMINE - VALLE IMAGNA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO DEL DAT DEL LEMINE - VALLE IMAGNA 1. PREMESSA Il presente bando esplicita i criteri e le modalità con cui,

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Elenco aggiornato con decorrenza dal 18/09/13 (rif. nota integrativa del 13/09/2013)

Elenco aggiornato con decorrenza dal 18/09/13 (rif. nota integrativa del 13/09/2013) TABELLA 1 CODICI E DESCRIZIONI ATECO 2007 Elenco aggiornato con decorrenza dal 18/09/13 (rif. nota integrativa del 13/09/2013) Codice ATECO A 01.11.10 A 01.11.20 A 01.11.30 A 01.11.40 A 01.12.00 A 01.13.10

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO DEL DISTRETTO VALLELAMBRO

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO DEL DISTRETTO VALLELAMBRO BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO DEL DISTRETTO VALLELAMBRO Distretto dell attrattività territoriale integrata turistica e commerciale PER

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

MODULO COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

MODULO COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Protocollo n. MODULO COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE AL COMUNE DI SALA CONSILINA Servizio Commercio e Attività Produttive Dati del richiedente: Il/La sottoscritto/a cittadinanza SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA ASSE IV LEADER Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali Programma di Sviluppo

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

TABELLA DI RACCORDO TRA ATECOFIN 2004 E ATECO 2007 a sei cifre, decorrenza 1 gennaio 2009

TABELLA DI RACCORDO TRA ATECOFIN 2004 E ATECO 2007 a sei cifre, decorrenza 1 gennaio 2009 01.11.1p 01.11.10 Coltivazione di cereali (escluso il riso) 01.11.1p 01.12.00 Coltivazione di riso 01.11.2 01.11.20 Coltivazione di semi oleosi 01.11.3 01.13.30 Coltivazione di barbabietola da zucchero

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Dotazione massima disponibile in euro Gallarate 30.000,00 Cassano Magnago 10.000,00 Castelli Viscontei 10.000,00 Totale 50.000,00

Dotazione massima disponibile in euro Gallarate 30.000,00 Cassano Magnago 10.000,00 Castelli Viscontei 10.000,00 Totale 50.000,00 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ALLE IMPRESE DEL COMMERCIO E DEL TURISMO DEL DAT GALLARATE, CASSANO, CASTELLI VISCONTEI 1. PREMESSA Il presente bando esplicita i criteri e le modalità

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP STANDARDIZZAZIONE PROCEDURE - NOTA 2/2014 Sommario CESSAZIONE ATTIVITÀ DI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA L Istituto dell Addolorata di Foggia ha istituito un albo

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli