A cosa serve questa collana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cosa serve questa collana"

Transcript

1 leggere la bolletta

2 A cosa serve questa collana In seguito alle liberalizzazioni introdotte dall Unione europea, abbiamo acquisito il diritto di scegliere liberamente il fornitore di gas, dal 2003, e quello dell energia elettrica, dal Si tratta di un opportunità senza precedenti che può essere colta al meglio solo se disponiamo di tutte le informazioni necessarie per individuare l opzione più congeniale alle nostre esigenze, se siamo informati sui nostri diritti e se non ci lasciamo intimorire dalla lettura di bollette e contratti. Vuoi saperne di più sul mercato libero, su come scegliere tra le diverse tariffe proposte, sui tuoi diritti di consumatore di energia, sul modo più semplice per monitorare i tuoi consumi e gestirli in maniera efficiente? In questa collana di 5 guide troverai risposta alle tue domande. Fanno parte della collana realizzata da Cittadinanzattiva: Il nuovo mercato dell energia Il contratto Leggere la bolletta Il risparmio energetico Gli strumenti di tutela per conoscere le novità introdotte dalle liberalizzazioni e i soggetti del mondo dell energia per saperne di più prima, durante e dopo la firma per conoscere termini tecnici, sigle e cifre proprie del settore energetico per diventare un consumatore efficiente di energia per far valere i tuoi diritti Ciascuna guida è articolata in tre parti, al termine delle quali troverai una serie di consigli utili ( Buono a sapersi in caso di ), un glossario, che spiega i termini tecnici sottolineati nel testo, e i principali riferimenti normativi. 1

3 Indice PARTE I Facciamo i conti alla bolletta 4 1. Cosa pago nella bolletta dell energia elettrica 4 2. Cosa pago nella bolletta del gas 6 PARTE II Cosa sapere per scegliere e risparmiare 8 3. Elettricità e gas: tariffe e consumi 8 4. I bonus sociali 11 PARTE III La bolletta: proviamo a leggerla insieme Come leggere la bolletta Informazioni pratiche: consumi e pagamenti 17 Buono a sapersi in caso di 20 Glossario 22 Riferimenti normativi 25 2

4 Quota fissa + Quota variabile + Quota energia + Quota potenza + Accise + Addizionali % + i.v.a. Bolletta Fornitura GAS 0,5 0,5 0,5 Bolletta Fornitura elettricita

5 Facciamo i conti alla bolletta Quota fissa + quota variabile + quota energia + quota potenza + accise + addizionali + IVA + Quando arriva la bolletta non correre a cercare il pallottoliere! Leggi questa guida e sarai in grado di capire cosa e quanto paghi per i tuoi consumi di energia. 1. Cosa pago nella bolletta dell energia elettrica La bolletta è una fattura commerciale, cioè un documento fiscale che prova l avvenuta prestazione di un servizio da cui consegue il diritto a riscuoterne il prezzo. Per i contratti di somministrazione, tra i quali rientrano quelli di fornitura di acqua, energia elettrica e gas, i gestori possono contestare le bollette fino a un massimo di cinque anni, e al consumatore spetta l onere della prova, ovvero dimostrare di averle pagate. Per questo motivo è opportuno conservare le ricevute di pagamento almeno per questo tempo. Nel caso dell energia elettrica (e, come vedremo in seguito, anche nel caso del gas), gli elementi che con- 4

6 corrono a definire l ammontare che ci viene addebitato in bolletta sono svariati. Per semplificare, è possibile raggrupparli in tre macro-voci: servizi di vendita (la voce che incide maggiormente in bolletta), servizi di rete e imposte. I costi connessi al servizio di vendita sono tutti quei costi sostenuti dal venditore per l acquisto e la vendita al cliente finale. Gli importi riferiti ai servizi di vendita sono divisi in quota fissa, da pagare indipendentemente dai consumi, e in quota energia, che varia in proporzione alla quantità di elettricità utilizzata. Più in dettaglio, la quota fissa comprende i costi connessi alla gestione commerciale dei clienti e alla componente dispacciamento (nella sola parte fissa). La quota energia copre i costi sostenuti per acquistare l energia elettrica e per il servizio di dispacciamento; a questi costi si aggiungono quelli relativi alla componente di dispacciamento (nella sua parte variabile agganciata ai consumi) e alla componente di perequazione (quest ultima si applica solo ai clienti del mercato tutelato). Anche il servizio di distribuzione dell energia, fino al contatore del consumatore finale, e la rilevazione dei consumi hanno un costo: si tratta dei servizi di rete. Questi servizi sono forniti dal distributore e le tariffe sono stabilite dall Autorità per l energia elettrica e per il gas (AEEG) con criteri uniformi per tutto il territorio nazionale. Gli importi corrispondenti sono suddivisi in quota fissa (da pagare indipendentemente dai consumi), quota variabile (da pagare a seconda della quantità di energia elettrica trasportata sulla rete per soddisfare il fabbisogno del cliente) e quota potenza (da pagare in proporzione alla potenza impegnata che, di solito, per il cliente domestico è 3kW). L ammontare complessivo di queste tre quote va a coprire i costi per i servizi di trasposto, distribuzione e misura. Nella voce dei servizi di rete sono compresi anche gli oneri generali di sistema, che per chiarezza, analizziamo a parte. Si tratta di costi che sono stabiliti per legge e vanno sostenuti per favorire interventi di interesse generale. Possono riguardare, ad esempio, la promozione 5

7 della produzione di energia da fonti rinnovabili (componente A3), il finanziamento delle attività di ricerca e sviluppo (componente A5), la copertura degli oneri a garanzia di forme di tutela tariffaria per i clienti in stato di disagio economico e/o fisico (componente AS), lo smantellamento delle centrali nucleari (componente A2), ecc. Il dettaglio di quanto pagato per gli oneri generali viene indicato in bolletta una volta l anno. L ultima voce da prendere in considerazione sono le imposte, ovvero: 1. l imposta erariale di consumo (accisa), che si applica alla quantità di energia consumata; 2. l imposta sul valore aggiunto (IVA), che si applica al costo complessivo del servizio. Attualmente l aliquota è del 10% per i clienti con uso domestico. 2. Cosa pago nella bolletta del gas Come per l energia elettrica, anche nel caso del gas le componenti che concorrono a definire il costo complessivo della fornitura, e che paghiamo in bolletta, sono svariate ma si possono raggruppare in servizi di vendita, servizi di rete, imposte. Anche in questo caso, a definire l ammontare dei costi dei servizi di vendita concorrono una quota fissa e una quota energia. La prima comprende parte dei costi (solo quelli fissi) che il fornitore sostiene per la vendita al dettaglio e che derivano, ad esempio, dalla gestione commerciale e dai servizi al cliente. Si tratta di importi che non variano al variare dei consumi fatturati. La seconda, più corposa, comprende: la spesa da sostenere per l acquisto del gas, che è influenzata dalle quotazioni internazionali degli idrocarburi (petrolio, gas); gli oneri aggiuntivi, che non si applicano ai clienti serviti nel mercato libero; la restante parte dei costi connessi alla commercializzazione al dettaglio, cioè quella variabile. L importo complessivo della quota energia è, quindi, agganciato all ammontare dei consumi. Gli importi connessi ai servizi di rete riguardano i costi da pagare per i servizi di trasporto, stoccaggio, distribuzione e misura. Anche qui troviamo una quota fissa, di uguale importo indipendentemente dai consumi, e una quota variabile, che dipende dalla quantità di gas trasportata sulla rete per soddisfare le esigenze del consumatore. Nei servizi di rete sono quantificati anche gli oneri conseguenti alle misure per il risparmio energetico, all incremento della qualità del servizio e al contenimento della spesa dei clienti con bassi consumi. La voce imposte comprende: 1. l imposta erariale di consumo (accisa), che cambia a seconda del luogo (macro zona Centro Nord e macro zona Centro Sud) e degli scaglioni di consumo; 2. l addizionale regionale, determinata dalla regione di residenza; 3. l IVA, il cui ammontare è, per gli usi civili, del 10% per i primi 480 mc e del 20% per tutti gli altri. L aliquota si applica alla somma di tutte le voci della bolletta, compresa l accisa. 6

8

9 Cosa sapere per scegliere e risparmiare Per cercare di ridurre gli importi complessivi da pagare in bolletta, il consumatore ha un unico strumento: la gestione efficiente dei propri consumi, coerentemente con le offerte presenti sul mercato. 3. Elettricità e gas: tariffe e consumi Come già descritto, sia nella bolletta dell energia elettrica che in quella del gas, figurano una quota fissa (che non dipende dai consumi) e una quota energia (che varia al variare dei consumi): evidentemente, il consumatore può cercare di risparmiare solo intervenendo sulla seconda componente, vale a dire quella variabile. Per l energia elettrica, le tariffe per i servizi di rete sono stabilite dall Autorità che le aggiorna (e le pubblica sul proprio sito, periodicamente: sono quindi uguali in- 8

10 dipendentemente dal fornitore cui ci si rivolge. Si tratta di due tariffe obbligatorie (D2 e D3) da corrispondere per il servizio di trasmissione, distribuzione e misura. La tariffa D2 è applicata ai contratti stipulati nelle abitazioni di residenza con impegno di potenza non superiore ai 3 kw. La D3 è applicata ai contratti stipulati nelle abitazioni di residenza con impegno di potenza superiore a 3 kw e a quelli stipulati per le abitazioni non di residenza. I costi del servizio di vendita, da parte loro, rappresentano la voce più rilevante. Nel mercato libero sono stabiliti nel contratto di fornitura e rappresentano il vero terreno sul quale si gioca la concorrenza tra le imprese. Nel mercato tutelato, invece, sono stabiliti dall Autorità, che li aggiorna trimestralmente (pubblicandoli sul proprio sito) sulla base delle quotazioni internazionali degli idrocarburi. Ciò vuol dire che il prezzo pagato dal consumatore per questo servizio cambia se decide di fruire delle condizioni di maggior tutela oppure se si è rivolto al mercato libero: in quest ultimo caso, il consumatore sceglie tra le diverse offerte proposte dai gestori. Ai clienti serviti in condizioni di maggior tutela, e muniti dei nuovi contatori elettronici in grado di misurare i consumi nelle diverse fasce, a partire dal 1 luglio 2010, si applicano i prezzi biorari. Con questi prezzi, il costo dell elettricità non è più unico ma differenziato a seconda dei momenti della giornata in cui consuma energia. Più precisamente, l elettricità costa meno dalle 19:00 alle 8:00 dei giorni feriali e tutti i sabati, le domeniche e gli altri giorni festivi (fasce 9

11 orarie F2 e F3); costa un po di più se utilizzata dalle 8:00 alle 19:00 dei giorni feriali (fascia F1). Se il consumatore decide di rivolgersi al mercato libero per individuare la tariffa più congeniale alle proprie esigenze di consumo, potrà trovarsi a scegliere tra diverse offerte commerciali: il prezzo potrà essere monorario, cioè uguale in tutte le ore del giorno, biorario, se varia sulla base di due differenti fasce orarie (F1 e F2+F3) e multiorario, se varia per ognuna delle tre fasce (F1, F2, F3). Inoltre, potrà scegliere tra: offerte a prezzo fisso, caratterizzate dalla stabilità, per almeno un anno (la durata precisa deve essere indicata nel contratto) del prezzo della componente energia del servizio di vendita; offerte indicizzate AEEG, che prevedono una variazione del prezzo per il servizio di vendita in linea con quello deciso periodicamente dall Autorità per i clienti che non sono passati al mercato libero; offerte indicizzate non AEEG, nelle quali la componente energia è aggiornata nel tempo seguendo criteri stabiliti autonomamente dall impresa fornitrice, e indicati nel contratto. Ai costi per i servizi di vendita e per quelli di rete vanno aggiunti gli oneri generali e le imposte. Anche per quanto riguarda la fornitura di gas, l importo delle tariffe per i servizi di rete sono stabilite dall Autorità che le aggiorna periodicamente, quindi sono uguali indipendentemente dal fornitore cui ci si rivolge, ma variano in base all ambito tariffario di riferimento, cioè alla zona geografica di appartenenza. Il corrispettivo dei servizi di vendita varia a seconda che il consumatore sia servito in condizioni di tutela, in tal caso l importo verrà calcolato sulla base delle tariffe stabilite trimestralmente dall AEEG, o se si rivolge al mercato libero, eventualità che comporta la possibilità di scegliere tra diverse offerte (a prezzo fisso, indicizzate AEEG, indicizzate non AEEG). A questi costi vanno aggiunte le imposte. Per maggiori informazioni sul mercato tutelato e sul mercato libero, consulta la guida Il nuovo mercato dell energia. Attenzione! Il peso che le diverse componenti considerate hanno sull importo totale da pagare in bolletta varia a seconda del periodo di tempo al quale facciamo riferimento e dell offerta sottoscritta. In tabella riportiamo, a titolo d esempio, le percentuali che descrivono la composizione delle bollette nel caso di fornitura in condizione di maggior tutela (per l energia elettrica) /tutela (per il gas) e con valori aggiornati al secondo trimestre Bolletta energia elettrica Bolletta gas Servizi di vendita 57,1% 49% Servizi di rete 13,4% 17% Oneri di sistema 16,2% Oneri aggiuntivi inclusi nel servizio di vendita Imposte 13,3% 34% Fonte: Autorità per l energia elettrica e per il gas. Valori aggiornati al 2 trimestre

12 4. I bonus sociali Un attenzione particolare va dedicata ai bonus disponibili per le famiglie particolarmente numerose e per le famiglie che vivono in condizioni di disagio economico. Il bonus elettrico è stato pensato per favorire un risparmio in bolletta anche per quelle persone che, presentando particolari disagi fisici, sono costrette all uso di apparecchiature elettromedicali il cui funzionamento incide sul consumo di energia. Usufruire di questa agevolazione, valida solo per l abitazione di residenza, consente un risparmio di circa il 20% della spesa annua presunta per la fornitura. Per accedervi è necessario possedere particolari requisiti, quali: - essere intestatari di un contratto con potenza impegnata fino a 3 kw per un numero di familiari con la stessa residenza fino a 4; - oppure essere intestatari di un contratto di fornitura fino a 4,5 kw per un numero di familiari con la stessa residenza superiore a 4. Inoltre, è necessario soddisfare una delle seguenti condizioni: - appartenere ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 7500 euro; - appartenere a un nucleo familiare con più di 3 figli a carico e ISEE non superiore a euro; - appartenere a un nucleo familiare presso il quale viva un malato grave che debba usare macchine elettromedicali per il mantenimento in vita. In quest ultimo caso non sussistono i vincoli connessi alla residenza o alla potenza impegnata. La fruizione di questa agevolazione, in caso di diritto, è dovuta indipendentemente dall essere un cliente del mercato libero o del mercato tutelato, ed inoltre il bonus continuerà a essere erogato, attraverso la bolletta, anche nel caso di cambio fornitore o delle condizioni economiche del contratto. Analoga agevolazione è prevista anche per la fornitura di gas. La riduzione in bolletta, di circa il 15% sul consumo stimato annuo, è riservata sia alle famiglie in condizioni di disagio economico sia alle famiglie numerose, e vale esclusivamente per il gas metano distribuito a rete (e non per il gas in bombola o per il GPL) per i consumi nell abitazione di residenza. Anche in questo caso sono previsti dei requisiti per l accesso, quali: - essere clienti domestici titolari di un contratto di fornitura diretto, oppure essere serviti da un impianto condominiale; - avere un indicatore ISEE non superiore a euro, oppure, per le famiglie con più di tre figli, non superiore a euro. 11

13 In caso di cambio delle condizioni economiche del contratto o del fornitore, il bonus continuerà a essere erogato senza interruzioni fino al termine della validità del diritto, indipendentemente dal venditore scelto. Sia per richiedere il bonus elettrico che il bonus gas, occorre compilare il relativo modulo, disponibile presso il proprio Comune o scaricabile dal sito dell AEEG o del Ministero dello Sviluppo Economico, e consegnarlo presso il proprio Comune, o altro istituto designato dal Comune, ad esempio i centri CAF. Entrambi i bonus sono un agevolazione introdotta dal Governo e resa operativa dall Autorità, con la collaborazione dei Comuni. 12

14

15 La bolletta: proviamo a leggerla insieme Se quando arriva la bolletta pensi che sarebbe più facile decifrare i geroglifici delle piramidi egizie, non temere e segui i nostri consigli. Leggila con attenzione e vedrai che la fatturazione della fornitura di energia non avrà più segreti! 5. Come leggere la bolletta Al fine di favorire una maggiore chiarezza nella lettura della bolletta, e quindi per renderla più comprensibile al consumatore, l AEEG ha stabilito con una direttiva quali sono quelle informazioni che il fornitore, sia di gas che di energia elettrica, deve necessariamente inserire in bolletta. Queste informazioni sono organizzate in due sezioni: la prima, che generalmente coincide con la prima pagina, offre un riepilogo di quanto contenuto nell intero documento (quadro di sintesi); la seconda spiega nel dettaglio l articolazione dei consumi e dei corrispettivi da pagare (quadro di dettaglio). 14

16 Analizziamo, adesso, punto per punto, come è fatto un quadro di sintesi (vedi figura 1). Esso contiene: 1) i dati della fornitura. In questo riquadro sono riportati i dati dell intestatario del contratto, l indirizzo che corrisponde al punto di prelievo (POD - nel caso dell energia elettrica) o di riconsegna (PDR - nel caso del gas) e il codice alfanumerico che lo identifica, la potenza disponibile e la tensione di alimentazione (per l energia elettrica), il potere calorifico di un smc (per il gas), la tipologia di contratto, la denominazione dell offerta e la data di attivazione della fornitura (punto 1); 2) il periodo di riferimento della fatturazione dei consumi. La bolletta deve riportare chiaramente il periodo a cui si riferisce la fatturazione, indicando il giorno di emissione e quello di scadenza del pagamento, le letture rilevate, i consumi rilevati e quelli fatturati (punto 2); 3) il totale dovuto per i servizi di vendita al netto delle imposte e degli eventuali sconti (punto 3); 4) il totale dovuto per i servizi di rete, al netto delle imposte e di eventuali bonus, se riconosciuti (punto 3); 5) il totale delle imposte, della base imponibile, dell IVA, degli oneri diversi dalla fornitura e il totale della bolletta (punto 3); 6) il riepilogo della situazione dei pagamenti, palesando l eventuale esistenza di bollette non saldate (punto 4). Se il cliente è servito in condizioni di mercato libero e ha un contratto di fornitura che prevede il pagamento di un corrispettivo, senza distinzioni in macro-voci (servizi di vendita e servizi di rete), il quadro sintetico riporterà un unica voce per indicare il totale del costo della fornitura di energia elettrica e/o di gas. In questa sezione della bolletta sono indicati anche i recapiti telefonici da contattare in caso di guasti. Inoltre, in prima pagina è prevista l indicazione della dicitura mercato libero per i clienti del mercato libero (punto 5), e servizio di maggior tutela (per l energia elettrica) o servizio di tutela (per il gas) per i clienti che hanno un contratto a condizioni regolate dall Autorità. 15

17 5 MERCATO E R C LIBERO L I B ERO DELL ENERGIA ELETTRICA A Da Cliente Par va IVA Codice Fiscale Codice Cliente Nome Cognome Indirizzo Codice Postale Ci à Da fornitura IN CASO DI MANCATO RECAPITO xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx POD (Punto di prelievo): IT123A Codice utenza (PR): Data di a vazione della fornitura: gennaio 2008 Consumo ul mi 12 mesi fa ura : kwh Tipologia di contra o: utenza altri usi, bassa tensione (220V), 3kW di potenza impegnata, 3,3kW di potenza disponibile Tipologia offerta: Sprint (SPR01) Indirizzo di fornitura: Indirizzo Codice Postale Ci à Servizio di fornitura energia ele rica Importo: euro 453,79 Periodo di competenza: mag - giu 2010 Consumi fa ura 889,0 kwh Consumo di energia rea va: kvarh La fa ura ele ronica Per produrre questa fa ura, abbiamo cercato di usare la minor quan tà di carta possibile, ma tu puoi fare molto più di noi. Accedi a xxxxxxxxxx, l area web a te riservata (nella sezione Informa di questa bolle a trovi tu i de agli sul come fare), e a va il servizio di fa urazione trasmessa per via ele ronica. Solo così la tua bolle a potrà essere davvero rispe osa dell ambiente. NOME COGNOME INDIRIZZO CODICE POSTALE CITTÀ Servizio Clien TELEFONO FAX INDIRIZZO xxxxxxxxx dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle 22.00, sabato dalle 8.00 alle 20.00, escluso fes vi. xxxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx NUMERO DEL DISTRIBUTORE PER SEGNALAZIONE GUASTI (diurno) (no urno e fes vo) 2 Scadenza: 11/07/2010 CO 2 risparmiata da inizio fornitura*: Kg Fattura n Del: MM802096/ /06/2010 Questo documento con ene il conguaglio da marzo 2010 a aprile 2010 Impor già fa ura in acconto: 178,70 euro Consumi già fa ura in acconto: 807,0 kwh Modalità di pagamento: In a esa di a vazione RID, versare importo mediante bolle no allegato Alla data del 10/06/2010 lo stato pagamen non è regolare. 4 Sintesi degli impor Totale servizi di vendita Euro Totale servizi di rete Euro Totale imposte Euro Totale acconti Euro Totale fornitura Euro Oneri diversi 3 Euro Base imponibile Euro IVA Euro Totale fattura Euro Compensazioni Euro Bonus Energy Box Euro Importo totale Euro Il de aglio degli impor della bolle a si trova nelle pagine successive 322,47 79,68 24,60-178,76 248,00 180,00 428,00 45,80 473,79 0,00-20,00 453,86 Le ura contatore F0 TOTALE F1 F2 F3 EFFETTIVA EFFETTIVA AUTOLETTURA STIMATA , , , , xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx pagina 1 5 Figura 1: Quadro di sintesi di una bolletta di fornitura elettrica (Mercato libero) 16

18 Nel quadro di dettaglio, le informazioni già descritte in prima pagina vengono ulteriormente scomposte, in modo da offrire al consumatore una visione più puntuale di tutte le voci che concorrono a definire l importo complessivo che pagherà in bolletta, e una descrizione dell articolazione dei propri consumi, utile per maturare un utilizzo più razionale dell energia. Nel quadro di dettaglio figurano: 1) il totale dei corrispettivi per i servizi di vendita con l indicazione della quota fissa e della quota energia (per i clienti del mercato tutelato). Nel caso in cui il consumatore si rifornisca sul mercato libero, l articolazione delle voci che compariranno in bolletta sarà specificata nel contratto; 2) il totale dei corrispettivi per i servizi di rete (separati in quota fissa, quota energia, e, per l elettrico, quota potenza); 3) gli oneri diversi da quelli dovuti per la fornitura di energia elettrica. Qualora l offerta scelta dal consumatore preveda delle differenziazioni di prezzo per fasce orarie (solo per l elettricità), nel quadro di dettaglio i consumi saranno distribuiti in base ad esse, con l indicazione dei relativi prezzi. In questa parte della bolletta è indicato anche l importo del bonus sociale, nel caso in cui il cliente ne abbia diritto (qualora l offerta scelta non comporti l indicazione di un corrispettivo onnicomprensivo). 4) Informazioni relative ai pagamenti e alla rateizzazione. In questa sezione della bolletta sono indicate le diverse modalità di pagamento che il fornitore mette a disposizione del cliente, la procedura prevista in caso di morosità, le informazioni sugli aggiornamenti dei corrispettivi, riportando la fonte normativa o contrattuale da cui derivano in maniera completa, e i recapiti per la richiesta di informazioni e l invio di reclami. Inoltre, nel caso in cui l importo indicato in bolletta possa essere rateizzato, deve esser data evidenza a questa opportunità con indicazione circa tempi e modalità da seguire per richiedere la rateizzazione. 6. Informazioni pratiche: consumi e pagamenti Calcolo dei consumi. Il venditore, sia di energia elettrica che di gas, emette la bolletta sulla base dei consumi del cliente, effettivi o stimati che siano. I primi sono rilevati al momento della lettura del contatore da parte del distributore, o con l autolettura del cliente; i secondi sono invece il risultato di una stima presunta fatta dal venditore sulla base dei consumi precedenti. Ogni fornitore deve comunicare ai propri clienti come calcola i consumi presunti in modo da metterli in condizione di capire con quali criteri vengono stimati. Nel caso in cui si attivi una nuova fornitura, la stima si basa su ciò che viene dichiarato al momento della firma del contratto (numero dei componenti della famiglia, quantità e tipo d apparecchiature utilizzate, ecc.). Per i clienti serviti nel mercato libero, le modalità di calcolo e ricostruzione dei consumi sono definite dal contratto di fornitura stipulato con il venditore. 17

19 Attenzione! Al momento della firma del contratto, fornisci dati accurati perché è su quelli che si baserà la stima dei tuoi consumi. Per maggiori informazioni sul contratto, consulta la guida Il contratto. Periodicità bolletta. La bolletta elettrica deve essere inviata almeno ogni 2 mesi ai clienti con un contratto a condizioni regolate dall Autorità, oppure, se si è serviti sul mercato libero, con la periodicità specificata nel contratto. Nel caso del gas, la frequenza di emissione della bolletta è diversa. Per i clienti serviti in condizioni di tutela, varia a seconda dei consumi annui: almeno ogni 4 mesi fino a 500 smc, con una bolletta di conguaglio l anno; almeno ogni 3 mesi per consumi compresi tra i 500 e i smc, con una bolletta di conguaglio almeno ogni 6 mesi; ogni mese per consumi oltre i smc. Se si è serviti nel mercato libero la periodicità di invio delle bollette è indicato nel contratto di fornitura. Pagamenti. La bolletta deve indicare la data di emissione e quella di scadenza per il pagamento, prevedendo almeno 20 giorni tra l una e l altra. Questo lasso di tempo è obbligatorio per i clienti che hanno un contratto a condizioni regolate dall Autorità; diversamente, la tempistica è specificata nel contratto sottoscritto con il venditore. Inoltre, sempre per i clienti serviti nel mercato tutelato, è prevista la rateizzazione del pagamento, ma solo in casi specifici, diversi a seconda che si tratti di energia elettrica o di gas. Nei contratti conclusi nel mercato libero, non è obbligatoria la clausola che regola la rateizzazione. Nel caso della fornitura elettrica, è possibile ottenere la rateizzazione se: - il conguaglio supera del 150% l addebito medio delle bollette in acconto, ricevute dopo la precedente e ultima bolletta di conguaglio; - viene chiesto il pagamento di consumi non registrati dal contatore a causa di un malfunzionamento dello stesso. Se sussistono le condizioni per ottenere la rateizzazione, la bolletta del cliente conterrà tutte le informazioni circa le modalità per richiederla. Nel caso del gas, è possibile rateizzare se: - la bolletta di conguaglio è superiore al doppio dell addebito più elevato fatturato nelle bollette a stima, ricevute dopo la precedente bolletta di conguaglio. È escluso il caso in cui la differenza fra addebito fatturato nella bolletta di conguaglio e addebiti fatturati nelle bollette stimate o in acconto è provocata solo dalla variazione stagionale (estate/inverno) dei consumi del cliente; 18

20 - viene chiesto il pagamento di consumi non registrati dal contatore a causa di un malfunzionamento dello stesso; - è stato chiesto un conguaglio a causa di una o più mancate letture nonostante il cliente fosse dotato di contatore accessibile. Sulle somme rateizzate il cliente deve pagare interessi pari al tasso di riferimento fissato dalla Banca Centrale Europea (BCE). Nel caso in cui il cliente ritenga inesatta la somma richiesta per la fornitura, può inviare al venditore una richiesta scritta di rettifica di fatturazione nella quale presenta le proprie contestazioni in merito. Dal suo canto, il venditore ha un obbligo di risposta motivata entro 40 giorni solari dalla data di ricevimento e, nel caso in cui venga accertato l errore contestato dal cliente, deve provvedere alla rettifica di fatturazione e accreditare la somma precedentemente addebitata. Se il venditore non risponde entro 40 giorni non sono previsti indennizzi per il consumatore ma, in caso di violazione grave di questo standard, l Autorità può aprire un procedimento per infliggere sanzioni amministrative al venditore inadempiente. Morosità. Nel caso in cui il pagamento della bolletta sia successivo alla data indicata come scadenza, il venditore può applicare al consumatore degli interessi di mora per i giorni di ritardo. Il tasso applicato sarà pari a quello di riferimento fissato dalla BCE e aumentato del 3,5%. Se il cliente non paga, il venditore deve inviargli una raccomandata specificando: il termine ultimo per il pagamento (non inferiore a 5 giorni dalla ricezione della raccomandata); le modalità con cui il cliente deve comunicare al venditore l avvenuto pagamento (telefono, fax, ecc.); il termine oltre il quale, se il cliente continua a non pagare, il venditore invierà al distributore la richiesta di sospensione della fornitura. 19

21 BUOno a sapersi in caso di: Contatore elettronico non riprogrammato I prezzi biorari introdotti dall AEEG si applicano solo ai clienti finali che hanno un contratto di fornitura a condizioni regolate dall Autorità e sono provvisti di un contatore elettronico riprogrammato, cioè in grado di rilevare i consumi per fasce orarie. Se il proprio contatore non è stato riprogrammato, il cliente può presentare ugualmente richiesta di applicazione dei prezzi biorari al fornitore, il quale, a sua volta, entro 5 giorni dalla richiesta del cliente, presenta domanda di attivazione al distributore che si incarica di riprogrammare il contatore. Cattivo pagatore Per cattivo pagatore si intende il cliente che non paga, nel corso di 365 giorni di fornitura, almeno 2 bollette anche non consecutive, purché: 1) per almeno una di esse sia stata tempestivamente avviata una procedura di sospensione della fornitura; 2) nessuna di esse riporti dei corrispettivi derivanti dalla ricostruzione dei consumi in caso di già accertato malfunzionamento del contatore; 3) non sussistano crediti del cliente nei confronti del venditore per precedenti fatture non ancora liquidati dal venditore stesso; 4) il venditore abbia provveduto nei tempi previsti a fornire una risposta motivata a una eventuale richiesta di rettifica di fatturazione o a un reclamo inerente corrispettivi non pagati. Doppia fatturazione Dopo aver cambiato l impresa di vendita, può capitare che al consumatore vengano fatturati due volte gli stessi consumi (dal vecchio e dal nuovo fornitore). In questi casi il cliente deve inviare la richiesta di rettifica al precedente venditore, con il quale non aveva il contratto di fornitura nel periodo di consumo fatturato due volte. Se l esercente ha effettivamente fatturato consumi relativi a un lasso temporale in cui il cliente era fornito da un altro, deve provvedere alla rettifica ed eventualmente ad accreditargli le somme non dovute, se già pagate, entro 20 giorni solari dalla data in cui ha ricevuto la richiesta scritta. Se il venditore effettua la rettifica oltre i 20 giorni, sono previsti degli indennizzi per il consumatore: di 20 euro se la rettifica arriva al cliente entro 40 giorni, di 40 euro se arriva tra 40 e 60 giorni, di 60 euro se arriva oltre 60 giorni. 20

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 BARI ENERGIA Srl Via Junipero Serra, 19 - CAP 70125 Bari (BA) C.F./P.I. 07383800724 2 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS 2015 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La nuova tariffa bioraria Il 1 luglio del 2010 entreranno in vigore le nuove tariffe biorarie fissate dall'autorità per l'energia Elettrica

Dettagli

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI...

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI... TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

Come leggere la bolletta dell acqua

Come leggere la bolletta dell acqua LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS Come leggere la bolletta dell acqua Guida alla bolletta dell acqua a contatore per uso domestico LE GUIDE DI IREN ACQUA GAS La tariffa dell acqua per uso domestico Da quando

Dettagli

V02-2012 Maggio 2012 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI

V02-2012 Maggio 2012 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI V02-2012 Maggio 2012 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI Edison Energia S.p.A. è Certificata ISO 9001:2008 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI La Carta della Qualità dei Servizi di Edison

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015 TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

La fattura Hera Comm. Energia Elettrica

La fattura Hera Comm. Energia Elettrica La fattura Hera Comm. Energia Elettrica Hera Comm è la società del Gruppo Hera che fattura i servizi Gas ed Energia elettrica. Nella bolletta multiservizio, il secondo contratto fatturato da Hera Comm

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV)

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) Allegato A TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) (Versione integrata con le modifiche apportate con le deliberazioni ARG/com

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo.

Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo. Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo. Guida semplice per i clienti alla Conciliazione Paritetica on-line Per risolvere le controversie in modo semplice, veloce e gratuito,

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 21 febbraio 2008 - ARG/elt 18/08 Perequazione dei costi di approvvigionamento dell energia elettrica per il servizio di maggior tutela e definizione dei meccanismi di conguaglio tra l Acquirente

Dettagli

ENERGIA ELETTRICA Guida alla lettura dei costi

ENERGIA ELETTRICA Guida alla lettura dei costi Spedizione Abbonamento Postale 45% art. 2 comma 20/b legge 662/96 filiale di Roma ANNO XV - Lire 3.000 - Supplemento al n. 10 di Impresa Artigiana del 01 febbraio 2001 I QUADERNI DI ENERGIA ELETTRICA Guida

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG)

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) Valido dall 1 gennaio 2015 Versione modificata con le deliberazioni

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 MAGGIO 2015 258/2015/R/COM PRIMI INTERVENTI IN MATERIA DI MOROSITÀ NEI MERCATI RETAIL DELL ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE E REVISIONE DEI TEMPI DELLO SWITCHING NEL SETTORE DEL GAS NATURALE

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

MODULO RECLAMO ENERGIA (Se compilato a mano, si prega di scrivere in stampatello)

MODULO RECLAMO ENERGIA (Se compilato a mano, si prega di scrivere in stampatello) MODULO RECLAMO ENERGIA (Se compilato a mano, si prega di scrivere in stampatello) DATI DEL CLIENTE (Titolare della fornitura o richiedente la fornitura/prestazione) Nome e cognome/ragione sociale Cod.

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO

DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO DSPLNA DLLO SAMBO SUL POSTO Regole Tecniche Determinazione del contributo in conto scambio a decorrere dall anno 2013 ai sensi dell articolo 12 dell Allegato A alla delibera 570/2012/R/efr - DZON n. 1

Dettagli

Gestione Gas Metano. Inoltre sono state implementate funzioni come la gestione dei clienti idonei e la domiciliazione bancaria delle bollette.

Gestione Gas Metano. Inoltre sono state implementate funzioni come la gestione dei clienti idonei e la domiciliazione bancaria delle bollette. Gestione Gas Metano Introduzione Il bisogno di rispondere in maniera più efficace ed efficiente alle esigenze degli utenti, al continuo cambiamento delle normative e all incessante rinnovamento tecnologico

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 12 DICEMBRE 2013 578/2013/R/EEL REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI CONNESSIONE, MISURA, TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, DISPACCIAMENTO E VENDITA NEL CASO DI SISTEMI SEMPLICI DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 16 GENNAIO 2013 6/2013/R/COM DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI TARIFFARIE E RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI PER LE POPOLAZIONI COLPITE DAGLI EVENTI SISMICI VERIFICATISI NEI GIORNI DEL 20

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Mobile. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business.

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Mobile. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Le soluzioni migliori per il tuo lavoro Area Clienti Business www.impresasemplice.it Mobile Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Telefonia mobile cos'è l'area Clienti business L Area Clienti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Gentile Cliente, Gradita è l occasione per porgere distinti saluti. TELECOM ITALIA Servizio Clienti Business

Gentile Cliente, Gradita è l occasione per porgere distinti saluti. TELECOM ITALIA Servizio Clienti Business Gentile Cliente, al fine di dare seguito alla Sua richiesta di variazione di categoria di contratto di abbonamento telefonico (di seguito Declassazione ), La invitiamo ad individuare tra i due casi sottoindicati

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Carta dei Servizi di PosteMobile S.p.A.

Carta dei Servizi di PosteMobile S.p.A. Carta dei Servizi di PosteMobile S.p.A. 1. PREMESSA E PRINCIPI FONDAMENTALI Con la sottoscrizione del Modulo di richiesta di consegna ed attivazione della Carta SIM PosteMobile e del Modulo di richiesta

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA)

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) Il presente documento descrive le modalità di coordinamento tra gestori

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO SCHEMA DI PROVVEDIMENTO Allegato B alla Delibera n. 696/09/CONS PROVVEDIMENTO RELATIVO A MISURE DI ARMONIZZAZIONE CON I PRINCIPI DEL REGOLAMENTO EUROPEO SUL ROAMING INTERNAZIONALE E PER LA TUTELA ORDINARIA

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Modulo di richiesta Migrazione da Ricaricabile ad Abbonamento

Modulo di richiesta Migrazione da Ricaricabile ad Abbonamento Dati dell'azienda intestataria della SIM Card PosteMobile Modulo di richiesta Migrazione da Ricaricabile ad Abbonamento Ragione Sociale P.IVA Codice Fiscale Sede Legale: Indirizzo N civico Provincia Cap

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA NELLA sua riunione di Consiglio del 1 luglio 2010; VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249,

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli