RISPARMIARE ENERGIA IN CASA TUA. Guida agli interventi per ridurre i consumi e aumentare l efficienza energetica nelle abitazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISPARMIARE ENERGIA IN CASA TUA. Guida agli interventi per ridurre i consumi e aumentare l efficienza energetica nelle abitazioni"

Transcript

1 RISPARMIARE ENERGIA IN CASA TUA Guida agli interventi per ridurre i consumi e aumentare l efficienza energetica nelle abitazioni

2 RISPARMIARE ENERGIA IN CASA TUA Iniziativa promossa dalla Rete degli Sportelli Energia dei Comuni dell Unione Comuni Valle del Samoggia, nell ambito del progetto europeo IEE (Intelligent Energy Europe) ENESCOM Un i o n e d i C o m u n i V al l e d e l S a m o ag g i Comune di Bazzano Comune di Monte San Pietro Comune di Castello Serravalle Comune di Monteveglio Comune di Crespellano Comune di Savigno Consulenza tecnico-scientifica di: Ambiente Italia srl Via Carlo Poerio MILANO Progetto grafico di: Luoghinoncomuni srl Via Rubbiani, BOLOGNA 2

3 Risparmiare energia in casa tua è una guida ragionata agli interventi per ridurre i consumi e aumentare l efficienza energetica nelle abitazioni che fornisce, in maniera sintetica ma esaustiva, informazioni su come usare le energie rinnovabili e risparmiare energia in casa, tagliando i costi delle bollette e riducendo le emissioni di gas serra. La guida è composta da 15 diverse schede che contengono indicazioni tecniche e suggerimenti pratici su come isolare le parti opache (pareti, tetti, solette) delle nostre case, su quali caratteristiche devono avere gli infissi che andiamo a sostituire, su come scegliere una caldaia efficiente e come mantenerla in ottimo funzionamento, su come e quando installare impianti a fonti rinnovabili (solare termico, fotovoltaico, biomassa e geotermia). Per i diversi interventi - da quelli più complessi, come l installazione di un impianto fotovoltaico, a quelli più semplici, come l acquisto di elettrodomestici a basso consumo il lettore avrà un quadro delle tecnologie disponibili, delle procedure da seguire per la loro installazione, dei costi da sostenere, dei risparmi ottenibili in bolletta e degli incentivi esistenti. La realizzazione della guida è stata promossa dall Unione Comuni Valle del Samoggia e dalla Rete degli Sportelli Energia dei Comuni di Bazzano, Castello di Serravalle, Crespellano, Monte San Pietro, Monteveglio e Savigno, a cui i cittadini potranno rivolgersi direttamente per ricevere, gratuitamente, ulteriori informazioni in materia di risparmio energetico e utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. Le singole schede tecniche contenute nella guida potranno essere scaricate direttamente dal sito internet degli sportelli energia, accedendo ai siti internet dei Comuni e cliccando sul banner Sportello comunale Energia, LA RETE DEGLI SPORTELLI ENERGIA DEI COMUNI DELL UNIONE VALLE SAMOGGIA Comune di Bazzano Referente: Franco Lelli c/o Ufficio Tecnico - Settore Urbanistica e Ambiente (2 piano) tel fax Orari: martedì 8:30-13:00 sabato 8:00-11:30 Comune di Monte San Pietro Referente: Stefano Bartolini, Erica Lucchi, R. Lombardi c/o Sportello Edilizia Privata (2 piano) tel fax Orari: martedì e giovedì solo su appuntamento sabato 8:30-12:30 Comune di Castello di Serravalle Referente: Dino Turatti c/o Ufficio Ambiente (2 piano) tel fax Orari: giovedì 15:30-17:30 Comune di Monteveglio Referente: Nadia Rambaldi, Simone Rossi c/o Ufficio Ambiente (2 piano tel fax Orari: giovedì 16:00-18:00 sabato 8:30-11:30 Comune di Crespellano Referente: Silvia Pullega c/o Ufficio Ambiente tel fax Orari: mercoledì 8:30-12:30 Comune di Savigno Referente: Simona Ciliberto c/o Ufficio tecnico-edilizia privata (2 piano) tel fax Orari: martedì e sabato 8:30-12:30 3

4 Indice Parte 1: Come risparmiare energia Sezione 1: L involucro edilizio pag Scheda 1: isolamento delle pareti esterne pag Scheda 2: isolamento delle coperture pag Scheda 3: isolamento delle superfici finestrate pag Scheda 5: ombreggiamento delle vetrate pag Scheda 6: accumulo passivo del calore pag Sezione 2: La climatizzazione degli edifici pag Scheda 1: impianti di riscaldamento pag Scheda 2: la distribuzione del calore pag Scheda 3: il controllo della temperatura e dei consumi pag Scheda 4: impianti di raffrescamento pag Scheda appendice alla sezione 1 e 2: le prestazioni energetiche degli edifici il quadro normativo di riferimento pag Sezione 3: Apparecchiature elettriche ed elettroniche pag: Scheda 1: illuminazione di interni pag Scheda 2: elettrodomestici e apparecchiature elettroniche pag Parte 2: Come produrre energia pulita Scheda 1: gli impianti solari fotovoltaici per la produzione di energia elettrica pag Scheda 2: gli impianti geotermici a bassa temperatura per il riscaldamento e il raffrescamento pag Scheda 3: gli impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria e per il riscaldamento pag Scheda 4: gli impianti termici a legna, cippato e pellet per la produzione di acqua calda sanitaria e per il riscaldamento pag

5 Involucro edilizio INTRODUZIONE Un edificio altamente efficiente è un edificio progettato e realizzato secondo tre principi: Nessuno spreco energetico Massimo sfruttamento delle risorse energetiche rinnovabili Ottimizzazione dell uso di fonti energetiche non rinnovabili La massima efficienza energetica, come è ovvio, si ottiene quando essa viene posta come obiettivo prioritario fin dal progetto, in quanto in quella fase è possibile prendere in esame tutte le componenti che concorrono al miglior risultato: dalla zona climatica al posizionamento, dai materiali della costruzione alla possibilità di utilizzo di fonti rinnovabili, dagli impianti di condizionamento fino al design dell illuminazione interna. Ma il patrimonio edilizio italiano è costituito in grande prevalenza da edifici che sono stati costruiti ignorando che l energia sarebbe diventata un punto discriminante del nostro modo di vivere e del nostro futuro. Si tratta dunque spesso di edifici che hanno involucri inefficienti e impianti critici, ma proprio dal risanamento di questo parco edilizio ci si aspetta di ottenere una diminuzione sostanziale dell energia consumata nel settore civile. La normativa italiana ha posto una specifica soglia, definendo ciò che è stato costruito entro una certa data come edifici esistenti e riservando agli interventi di recupero energetico effettuati su tali edifici notevoli incentivi e facilitazioni. Ed è a questi edifici che prevalentemente è dedicata questa scheda. Nella coscienza del cittadino medio, il concetto di risparmio energetico è strettamente legato ai consumi che si pagano in bolletta, cioè al costo dei servizi di climatizzazione invernale ed estiva dell aria e ai consumi delle apparecchiature elettriche. Ben pochi riescono a immaginare quanto influisca sui consumi energetici il modo in cui è costruita una casa e a come è fatto il suo involucro. L involucro è la somma di tutte le superfici che entrano in contatto con l ambiente esterno: le pareti, il tetto, le finestre. Costituisce, in pratica, la pelle dell edificio, regolando i contatti e gli scambi di materia ed energia con l esterno. Tanto più l involucro è adatto a isolare o a compensare le temperature tra interno e esterno, tanto più è energeticamente efficiente: in altre parole, tanto più fa risparmiare energia. Pur essendo più facile ottenere risultati (talvolta sorprendenti) nelle nuove costruzioni, anche sugli edifici esistenti è possibile ottenere buoni livelli di risanamento energetico dell involucro. Molti degli edifici in cui viviamo sono dei veri e propri dissipatori di energia, dei colabrodo che lasciano passare attraverso l involucro gran parte del calore prodotto negli ambienti interni. A risentirne sono il comfort e il portafoglio di chi li abita, perché per garantire una temperatura ottimale alla vita abitativa è necessario produrre e pagare!- calore aggiuntivo che viene poi disperso verso l esterno. Intervenire sull isolamento termico dell edificio significa migliorarne l efficienza, ovvero incrementare le capacità propria della pelle dell edificio di separare dal punto di vista termico gli spazi esterni e quelli che si trovano invece al suo interno. 5

6 Isolamento delle pareti esterne ISOLAMENTO DELLE PARETI ESTERNE Le pareti perimetrali dell edificio sono quelle che ci interessano maggiormente, per quanto riguarda l efficienza energetica, poiché oltre alla loro funzione strutturale, svolgono anche una importante funzione di controllo del passaggio di calore tra interno ed esterno dell involucro edilizio. Più una parete è in grado di isolare una costruzione, più alta è la sua efficienza energetica, in quanto riduce la dispersione del calore dal dentro verso il fuori (quando la zona interna è riscaldata) e parallelamente limita l azione del caldo dall esterno (quando la zona interna è raffrescata). Tendenzialmente, quindi, le pareti dovrebbero essere costituite da materiali capaci di ridurre le dispersioni termiche. La capacità di isolamento espressa dai diversi materiali che compongono la parete viene definita resistenza termica. Specularmente, la permeabilità dei materiali che compongono la parete, e quindi la quantità di calore che li attraversa, rappresenta la trasmittanza termica. Bassi valori di trasmittanza o alti valori di resistenza termica indicano un elevato livello di capacità isolante. Sulle pareti esistenti è possibile effettuare molteplici interventi migliorativi, sia per modalità di esecuzione che di costo. La scelta è dettata essenzialmente dall analisi delle caratteristiche costruttive dell edificio e dal suo posizionamento, oltre che dai materiali utilizzati nella realizzazione delle pareti stesse. Rispetto alle caratteristiche costruttive, gli interventi possono riguardare due fattori principali: l isolamento termico: in questo caso si va ad agire per migliorare la resistenza termica della parete, e quindi diminuirne la capacità di conduzione di calore. L isolamento può essere messo in opera: - sulla parte esterna della parete, - sulla parte interna della parete - nell intercapedine. l aumento della massa termica: in questo caso l intervento riguarda la capacità della parete di immagazzinare il calore e il tempo in cui il flusso di calore la attraversa. Il tipo di isolamento più opportuno deve essere valutato attraverso una attenta analisi della stratigrafia dell involucro, cioè dei materiali che costituiscono la parete. 6

7 L isolamento esterno può essere realizzato con tre modalità differenti: Intonaco isolante. É il tipo di intervento più semplice, rapido ed economico, che consiste nella semplice applicazione di uno strato di intonaco a elevato potere isolante sulla superficie esterna dell edificio. Isolamento a cappotto. É un tipo di intervento che va a isolare la parete dall esterno, creando uno strato senza discontinuità intorno all involucro dell edificio. Questo tipo di intervento offre ottime prestazioni, in quanto assicura una maggiore capacità isolante della parete, evitando il raffreddamento eccessivo degli strati più esterni e prevenendo fenomeni di condensa negli strati interni della parete. Parete ventilata. Per parete ventilata si intende un sistema caratterizzato da uno strato di aria presente all interno della parete che consente di disperdere il calore in eccesso causato dall irraggiamento diretto. L isolamento interno della parete può essere realizzato in due modi: Intonaco isolante. Viene realizzato uno strato di intonaco a elevato potere isolante, costituito da gesso e granuli in vermiculite. Pannelli. L intervento viene realizzato sovrapponendo, alla superficie interna della parete, dei pannelli costituiti da uno strato di materiale isolante (lana di vetro, polistirene espanso, polistirene espanso estruso, poliuretano espanso), da un foglio in alluminio (o altro materiale) che funziona da barriera al vapore (cioè protegge lo strato isolante dall umidità presente nell alloggio, che lo danneggerebbe) e da una lastra di cartongesso. I pannelli vengono fissati alla parete tramite una struttura metallica che fa da ancoraggio e supporto. In termini di qualità della vita abitativa, la realizzazione di un buon isolamento delle pareti perimetrali di un edificio presenta non pochi vantaggi: riduzione delle perdite di calore; clima più confortevole negli ambienti interni; riduzione dei ponti termici, ovvero di quei punti deboli dell involucro, come i balconi e i punti di contatto tra elementi a conducibilità termica molto diversa, che accentuano il passaggio di calore dall esterno all interno in estate e dall interno verso l esterno in inverno; recupero di difetti costruttivi ed eliminazione di problemi quali umidità e muffe; allungamento della durata di vita dell elemento edilizio e quindi dell edificio. L isolamento è più efficace se il cappotto di materiale isolante è posto all esterno delle pareti: queste infatti assorbono il calore prodotto all interno, lo trattengono grazie all isolamento e lo rilasciano lentamente nell ambiente. L isolamento interno migliora indubbiamente le proprietà di isolamento della parete, ma non risolve del tutto i problemi dell involucro, in particolare quelli dovuti ai ponti termici, ovvero nelle aree in cui le pareti e le solette si intersecano. Si deve considerare anche che, ponendo lo strato isolante sulla faccia interna della parete, Involucro edilizio 7

8 Isolamento delle pareti esterne tutta la parte che rimane all esterno, quindi non isolata, potrebbe raffreddarsi eccessivamente durante i mesi invernali. Si avrebbe, quindi, un ambiente interno riscaldato a contatto con una parete la cui temperatura è molto inferiore. Questa differenza di temperatura può portare il vapore acqueo presente all interno dell ambiente riscaldato a condensare sulla superficie interna della pareti, causando una serie di problemi di degrado dovuti all umidità (macchie, muffe, distacco dell intonaco, ecc). Gli interventi per l isolamento dell involucro possono essere realizzati più facilmente in occasione di lavori di rifacimento delle facciate che interessano tutto il condominio; singoli interventi relativi solo ad alcune unità abitative potranno essere realizzati contestualmente ai lavori di ristrutturazione che in genere accompagnano la vendita o l affitto di un abitazione. Recuperare un edificio dal punto di vista energetico significa spesso intervenire, anche notevolmente, sul suo aspetto esteriore. L isolamento esterno delle pareti implica una modifica più o meno sostanziale dell aspetto dell edificio, ed è quindi un intervento delicato. La prima condizione per una ristrutturazione delle pareti esterne è che tutti i proprietari dell edificio (o la loro maggioranza qualificata) siano d accordo, in quanto si tratta di intervenire sulle parti comuni. Risulta quindi necessario il consenso condominiale. La seconda condizione è che siano stati rilasciati i necessari permessi a livello comunale verificando gli eventuali requisiti previsti dal regolamento edilizio e, se del caso, i nulla osta della Soprintendenza alle Belle Arti.La realizzazione di un isolamento termico all esterno e per l intero edificio richiede l utilizzo di impalcature e l apertura di un cantiere nello spazio circostante. La messa in opera di un cappotto interno nelle singole unità abitative può comportare la rimozione temporanea di prese e interruttori elettrici e di eventuali termosifoni; ha come ricaduta negativa una riduzione dello spazio abitabile dovuta allo spessore dello strato isolante, che, a seconda delle necessità, può variare da 4 cm a 6 cm ( si consiglia di non superare questi valori per non aumentare il rischio di insorgenze muffe intercapedini.la scelta di migliorare le prestazioni isolanti di una parete dall interno, invece, offre una maggiore flessibilità rispetto all intervento dall esterno, in quanto la modifica migliorativa può essere applicata anche con interventi localizzati a piccole porzioni dell involucro (pareti con esposizione critica, singoli alloggi, ecc). Inoltre, dal momento che l intervento avviene dall interno dell edificio, non è necessario richiedere permessi (a parte il consenso condominiale se si va ad agire su parti comuni) e non sono necessari ponteggi per la realizzazione. Se lo strato isolante è posto all esterno dell edificio, si dovrà avere cura di mantenere in buono stato di conservazione il rivestimento esterno dell edificio, che costituisce lo strato di sacrificio e di protezione di tutti i materiali sottostanti dagli agenti I COSTI L intervento di isolamento dall esterno dell edificio è piuttosto oneroso dal punto di vista economico, in quanto necessita dell installazione di ponteggi e dell uso di adeguate misure di sicurezza. D altra parte, questo tipo di intervento ha maggiori possibilità di risolvere al meglio i problemi energetici dell involucro. Nonostante richieda, rispetto all intervento dall interno, tempi di esecuzione maggiori e costi di realizzazione più elevati, dal punto di vista dei risultati è sempre preferibile poiché, se ben progettato ed eseguito, oltre a risolvere le problematiche di carattere termico dell edificio, ne può aumentare considerevolmente il valore economico. 8

9 In generale, il costo di realizzazione varia a seconda del materiale utilizzato e del momento in cui vengono effettuati i lavori. Se ad esempio si approfitta del rifacimento degli intonaci o della tinteggiatura delle facciate si dovrà considerare soltanto il costo del materiale e della manodopera. Isolamento a cappotto delle pareti perimetrali Spessore medio isolante da impiegare cm Costo medio materiale (Euro/mq) Costo medio manodopera (Euro/mq) ABITAZIONE UNIFAMILIARE Zona climatica A, B, C (Sud Italia, Isole) > Zona climatica D (Centro Italia) Zona climatica E (Nord Italia) > Zona climatica F (Località montante) > Involucro edilizio Risparmio energetico ottenibile CONDOMINIO (INTERVENTO GLOBALE SU TUTTO L EDIFICIO) Isolamento a cappotto delle pareti perimetrali Spessore medio isolante da impiegare cm Costo medio materiale (Euro/mq) Costo medio manodopera (Euro/mq) Zona climatica A, B, C (Sud Italia, Isole) > Zona climatica D (Centro Italia) > Zona climatica E (Nord Italia) Zona climatica F (Località montante) Risparmio energetico ottenibile INCENTIVI E DETRAZIONI Dal gennaio 2007 è attivo un meccanismo che premia numerosi interventi di efficientamento energetico degli edifici con la detrazione 55%. L incentivo è stato prorogato fino al 2010 e poi nuovamente fino al La manovra SalvaItalia ne ha ulteriormente spostato la scadenza al 31 dicembre 2012, senza modificarne la struttura. Il Decreto Sviluppo ha prorogato la detrazione del 55% fino al 30 giugno Si tratta di riduzioni dall Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) e dall Ires (Imposta sul reddito delle società) concesse per interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti, che aumentino il livello di 9

10 Isolamento delle pareti esterne efficienza energetica e che riguardano, in particolare, le spese sostenute per: la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento; il miglioramento termico dell edificio (finestre, comprensive di infissi, coibentazioni, pavimenti); l installazione di pannelli solari; la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale. Con la tipologia di interventi analizzati nella presente scheda è possibile accedere al pacchetto delle detrazioni del 55%, fino ad un massimo di e. (articolo 1, comma 345, della legge Finanziaria 2007) Zona climatica A B C D E F Strutture opache orrizontali o inclinate Coperture Pavimenti (*) 0,32 0,60 0,32 0,32 0,26 0,24 0,23 0,46 0,40 0,34 0,30 0,28 Valori trasmittanza termica U strutture opache verticali espressa in (W/m2 K) in vigore dal 14 marzo 2010 Per ulteriori approfondimenti consultare il sito efficienzaenergetica.acs.enea.it/fin2007.htm o le guide dell Agenzia delle Entrate Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali scaricabili dal sito gov.it/wps/portal/entrate/home. (*) Pavimenti verso locali non riscaldati o verso l esterno 10

11 Isolamento delle coperture ISOLAMENTO DELLE COPERTURE Tra tutti gli elementi che compongono l involucro di un edificio, spesso il tetto è l elemento che disperde la maggiore quantità di calore, raggiungendo anche il 25-35% delle dispersioni totali. È opportuno quindi verificare la presenza di un adeguato isolamento ed eventualmente intervenire per migliorarne l efficacia. Gli interventi da realizzare sono diversi secondo la tipologia delle coperture piana o inclinata- e della presenza di locali abitabili immediatamente sottostanti. Se infatti il sottotetto non è praticabile, è sufficiente isolare il solaio dell ultimo piano posando il materiale isolante sul pavimento del sottotetto stesso. Se il sottotetto è abitato è tutto un altro paio di maniche! Nelle coperture a falda inclinata, l isolamento può essere realizzato: all intradosso, se la ristrutturazione interessa soltanto il sottotetto, applicando gli elementi isolanti sotto la struttura portante della copertura; all estradosso, posando uno strato di pannelli isolanti sopra la struttura portante e al di sotto del manto di copertura; sempre all estradosso, ma avendo cura di sostituire il semplice manto di copertura con una copertura ventilata, ovvero posata su un sistema di listelli distanziatori appoggiati al di sopra dello strato isolante a formare un intercapedine d aria che favorisce lo smaltimento del vapore acqueo evitando la formazione di condensa sull intradosso freddo delle tegole. La copertura ventilata, offre vantaggi ancora maggiori nella stagione estiva, proteggendo dal surriscaldamento. In caso di copertura piana, in aggiunta al materiale isolante, è efficace ai fini dell isolamento la realizzazione di un tetto verde : la copertura si trasforma in un giardino pensile anche praticabile, in cui la sovrapposizione degli strati impermeabilizzanti, protettivi, drenanti ecc. rafforza la capacità isolante del tetto mentre la vegetazione riduce gli effetti dovuti all insolazione estiva creando un microclima più favorevole. All isolamento del tetto consegue un risparmio energetico variabile tra il 10 e il 20% a seconda della tipologia della copertura, del materiale utilizzato e della tipologia di edificio (condominio/casa singola). Una copertura verde realizzata a regola d arte fa sì che il solaio che la sostiene mantenga una temperatura costante e invariata anche nei 11

12 Isolamento delle coperture periodi più caldi, con maggiore comfort per gli ambienti sottostanti. La realizzazione è più conveniente quando lo stato di manutenzione della copertura richiede comunque interventi di riqualificazione indipendenti dall isolamento termico. L intervento che comporta disagi maggiori in fase di cantiere è la realizzazione di un isolamento in tetti a falda che preveda l inserimento del materiale isolante all estradosso della falda stessa: è infatti necessario agire dall esterno dell edificio. Quando possibile, cioè nei casi di sottotetto non praticabile, è dunque consigliabile isolare solo il solaio dell ultimo piano. L aggiunta di materiali isolanti nella copertura non richiede particolari accorgimenti se non il mantenimento in buono stato di conservazione degli strati superficiali protettivi interni o esterni esposti agli agenti atmosferici. Il tetto verde ha invece necessità di manutenzione maggiori rispetto a una copertura tradizionale, che possono essere però contenute con una accurata scelta delle tecnologie e delle specie da piantumare. I COSTI Il costo da sostenere per la messa in opera di un materiale isolante dipende dal tipo e dallo spessore del materiale scelto e sarà maggiore per interventi da realizzare all estradosso della copertura; in questo caso, si ha un notevole risparmio associando l intervento di isolamento a interventi di manutenzione o ristrutturazione comunque necessari per la risoluzione di preesistenti situazioni di degrado; il risparmio energetico che consegue l intervento consente un recupero delle spese sostenute in pochi anni, soprattutto in presenza di incentivi economici di supporto. Isolamento copertura Spessore medio isolante da impiegare cm ABITAZIONE UNIFAMILIARE Zona climatica A, B, C (Sud Italia, Isole) 8 Zona climatica D (Centro Italia) 8 Zona climatica E (Nord Italia) 10 Zona climatica F (Località montante) 12 Costo medio materiale (Euro/mq) Costo medio manodopera (Euro/mq) Risparmio energetico ottenibile (% rispetto a prima dell intervento) CONDOMINIO (INTERVENTO GLOBALE SU TUTTO L EDIFICIO) Isolamento copertura Spessore medio isolante da impiegare cm Costo medio materiale (Euro/mq) Costo medio manodopera (Euro/mq) Zona climatica A, B, C (Sud Italia, Isole) Zona climatica D (Centro Italia) Zona climatica E (Nord Italia) Zona climatica F (Località montante) Risparmio energetico ottenibile (% rispetto a prima dell intervento)

13 INCENTIVI E DETRAZIONI Dal gennaio 2007 è attivo un meccanismo che premia numerosi interventi di efficientamento energetico degli edifici con la detrazione 55%. L incentivo è stato prorogato fino al 2010 e poi nuovamente fino al La manovra SalvaItalia ne ha ulteriormente spostato la scadenza al 31 dicembre 2012, senza modificarne la struttura. Il Decreto Sviluppo ha prorogato la detrazione del 55% fino al 30 giugno Si tratta di riduzioni dall Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) e dall Ires (Imposta sul reddito delle società) concesse per interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti, che aumentino il livello di efficienza energetica e che riguardano, in particolare, le spese sostenute per: la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento; il miglioramento termico dell edificio (finestre, comprensive di infissi, coibentazioni, pavimenti); l installazione di pannelli solari; la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale. Con la tipologia di interventi analizzati nella presente scheda è possibile accedere al pacchetto delle detrazioni del 55%, fino ad un massimo di (articolo 1, comma 345, della legge Finanziaria 2007) Involucro edilizio I parametri cui far riferimento sono quelli applicabili alla data di inizio dei lavori. Zona climatica A Strutture opache orrizontali o inclinate Coperture Pavimenti (*) 0,32 0,60 Valori di trasmittanza termica delle strutture opache orizzontali o inclinate espressa in (W/m2K) in vigore dal 14 marzo 2010 B 0,32 0,46 (*) Pavimenti verso locali non riscaldati o verso l esterno C D E F 0,32 0,26 0,24 0,23 0,40 0,34 0,30 0,28 Per ulteriori approfondimenti consultare il sito efficienzaenergetica.acs.enea.it/fin2007.htm o le guide dell Agenzia delle Entrate Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali scaricabili dal sito gov.it/wps/portal/entrate/home. 13

14 Isolamento delle superfici finestrate ISOLAMENTO DELLE SUPERFICI FINESTRATE Le aperture presenti nell involucro dell edificio sono elementi fondamentali di relazione degli ambienti interni con l esterno dal punto di vista visivo, dell illuminazione, dell aerazione e dal punto di vista degli scambi termici. Costituiscono punti in cui la struttura muraria si interrompe per lasciare spazio agli infissi, opachi o trasparenti, che essendo composti di materiali differenti da quelli delle pareti circostanti si comportano, rispetto al calore, in maniera diversa. I problemi legati alla presenza delle finestre sono sostanzialmente due: Dispersioni termiche invernali. Poiché la finestra è costituita da materiali differenti rispetto al resto dell involucro, è un punto in cui facilmente avvengono dispersioni termiche. Il principale elemento critico è il vetro, ma le dispersioni termiche avvengono anche attraverso il telaio e il cassonetto della tapparella. Surriscaldamento estivo. Durante l estate il soleggiamento delle finestre può costituire un problema in quanto la radiazione solare che entra dalle superfici vetrate può aumentare in modo considerevole la temperatura degli ambienti interni. Alle aperture si può imputare circa il 30% delle dispersioni totali di un edificio: intervenire sugli infissi per garantire una migliore tenuta è quindi prioritario per risparmiare energia e per migliorare il benessere negli spazi abitativi. Si può agire per gradi, in base alle specifiche necessità: guarnizioni: costano poco e spesso risolvono piccoli problemi di tenuta per infissi non più nuovi o non montati a regola d arte; questo tipo di intervento consente di ridurre le infiltrazioni d aria e di umidità tramite i serramenti. Si tratta di un intervento di semplice realizzazione, adatto anche al fai da te, che assicura un ottimo ritorno economico dell investimento. Le guarnizioni utilizzate sono generalmente in gomma. In alternativa è possibile utilizzare del silicone sigillante. tende: se pesanti, e posizionate davanti ad aperture poco soleggiate senza coprire eventuali termosifoni, limitano sensibilmente le dispersioni verso l esterno; doppi infissi: nel caso di infissi estremamente carenti dal punto di vista dell isolamento, ma che non possono essere 14

15 sostituiti per motivazioni ad esempio di carattere estetico o di tutela architettonica, si può anche inserire un secondo serramento all interno dell ambiente. In questo modo la capacità isolante dell infisso e il comfort abitativo aumentano sensibilmente, con risparmi di energia del 15-20%. doppi o tripli vetri: il doppio vetro può essere inserito in infissi esistenti. Questo intervento va ad aumentare la capacità isolante dell infisso, con conseguente aumento del comfort abitativo e risparmi di energia che possono arrivare fino al 5-10%. Sostituzione dell infisso con uno a doppio vetro (vetrocamera). Gli infissi nuovi sono dotati di doppio vetro con intercapedine d aria o riempita con gas a bassa conduttività. Questo tipo di intervento aumenta considerevolmente la capacità isolante dell infisso. Si può infatti ottenere un risparmio energetico del 15-20% rispetto al vetro singolo. vetri basso-emissivi: si tratta di vetri la cui facciata interna è trattata in modo da aumentare la capacità di riflessione del calore ostacolandone il passaggio verso l esterno; telai a taglio termico: sono assemblati con elementi che interrompono la continuità termica dell infisso stesso e consentono prestazioni molto elevate in termini di isolamento. Un attenzione particolare va riservata anche ai cassonetti delle tapparelle: è importante che il pannello di chiusura sia ricoperto, verso l esterno dell edificio, da uno strato di materiale isolante e che i punti di contatto con la muratura siano adeguatamente sigillati. La capacità isolante dell infisso e il risparmio di energia che ne consegue dipendono strettamente dalle caratteristiche dei materiali che lo compongono, che si tratti di legno, vetro, pvc, metallo. All acquisto di un nuovo infisso è importante informarsi quindi sulla trasmittanza dei vari elementi (infisso vero e proprio e vetri) e sul fattore solare, cioè la percentuale di energia solare in grado di penetrare nell ambiente attraverso la superficie vetrata. Qualche dato sul risparmio energetico correlato ad alcuni degli interventi descritti: guarnizioni: risparmio del 10-15% circa dei consumi energetici per il riscaldamento; doppio vetro aggiunto nel medesimo infisso: risparmio del 5-10%; doppio infisso o doppio vetro con intercapedine: risparmio del 15-20%. L acquisto di nuovi infissi conviene sempre quando le vecchie finestre presentano segni di invecchiamento evidenti che ne riducono la funzionalità, come ad esempio la chiusura non più ermetica. Tutti gli interventi di maggiore efficacia comportano la temporanea apertura degli infissi e devono essere quindi eseguiti in tempi brevi e non nella stagione più fredda. Le esigenze di manutenzione variano in base al materiale con cui è costruito l infisso. É comunque opportuna una verifica periodica della sua tenuta all aria. I COSTI Gli interventi minori, come mettere le guarnizioni o i tendaggi, hanno un costo minimo ma producono risultati sensibili in termini di comfort, ad esempio eliminando i fastidiosi spifferi invernali. Sostituire i vetri o l intero infisso è invece più gravoso in termini economici, ma consente risultati più certi e duraturi. Involucro edilizio 15

16 Isolamento delle superfici finestrate Per quanto riguarda l installazione di doppi infissi, (consigliabile solo se strettamente necessario) il costo è di circa 200 euro/m² di infisso. I costi per l installazione di doppi o tripli vetri, escludendo i serramenti, sono stimabili invece in circa 10 euro/m² di infisso, nel caso in cui si utilizzino vetri privi di caratteristiche tecniche avanzate. Decisamente più cara l installazione di vetrocamera il cui costo è stimabile in circa 400 euro/m² di infisso Installazione serramenti con maggiori proprietà isolanti Costo medio materiale (Euro/mq) Costo medio manodopera (Euro/mq) Risparmio energetico ottenibile (% rispetto a prima dell intervento) ABITAZIONE UNIFAMILIARE Zona climatica A, B, C (Sud Italia, Isole) Zona climatica D (Centro Italia) INCENTIVI E DETRAZIONI Dal gennaio 2007 è attivo un meccanismo che premia numerosi interventi di efficientamento energetico degli edifici con la detrazione 55%. L incentivo è stato prorogato fino al 2010 e poi nuovamente fino al La manovra SalvaItalia ne ha ulteriormente spostato la scadenza al 31 dicembre 2012, senza modificarne la struttura. Il Decreto Sviluppo ha prorogato la detrazione del 55% fino al 30 giugno Zona climatica E (Nord Italia) Zona climatica F (Località montante) CONDOMINIO (INTERVENTO GLOBALE SU TUTTO L EDIFICIO) Installazione serramenti con maggiori proprietà isolanti Costo medio materiale (Euro/mq) Costo medio manodopera (Euro/mq) Risparmio energetico ottenibile (% rispetto a prima dell intervento) Zona climatica A, B, C (Sud Italia, Isole) Zona climatica D (Centro Italia) Zona climatica E (Nord Italia) Zona climatica F (Località montante) Si tratta di riduzioni dall Irpef (Imposta sul reddito delle persone fisiche) e dall Ires (Imposta sul reddito delle società) concesse per interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti, che aumentino il livello di efficienza energetica e che riguardano, in particolare, le spese sostenute per: la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento; il miglioramento termico dell edificio (finestre, comprensive di infissi, coibentazioni, pavimenti); 16

17 l installazione di pannelli solari; la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale. Con la tipologia di interventi analizzati nella presente scheda è possibile accedere al pacchetto delle detrazioni del 55%, fino ad un massimo di (articolo 1, comma 345, della legge Finanziaria 2007) I parametri cui far riferimento sono quelli applicabili alla data di inizio dei lavori. Zona climatica A B C D E F Chiusure apribili e assimilabili (**) 3,7 2,4 2,1 2,0 1,8 1,6 Valori trasmittanza termica delle chiusure apribili e assimilabili espressa in (W/m2 K) in vigore dal 14 marzo 2010 (**) Conformemente a quanto previsto dall articolo 4, comma 4, lettera c), del decreto del Presidente della repubblica 2 aprile 2009, n. 59 che fissa il valore massimo della trasmittanza (U) delle chiusure apribili e assimilabili, quali porte, finestre e vetrine anche se non apribili, comprensive degli infissi. Per ulteriori approfondimenti consultare il sito o le guide dell Agenzia delle Entrate Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali scaricabili dal sito Involucro edilizio 17

18 Ombreggiamento delle vetrate OMBREGGIAMENTO DELLE VETRATE La disposizione e la dimensione delle aperture in una casa determinano la quantità e qualità della luce che penetra all interno degli ambienti. Se è fondamentale garantire lo sfruttamento dell illuminazione naturale e del calore nel periodo invernale, è importante anche controllare l apporto di radiazione termica che proprio attraverso finestre e porte raggiunge gli spazi abitativi in modo da evitare problemi di surriscaldamento nel periodo estivo. Le schermature solari poste all esterno delle aperture sui lati sud, sud-est e sud-ovest diventano dunque un elemento dell involucro edilizio fondamentale nelle strategie di controllo della luce e della radiazione solare. Dal tipo di schermatura scelta dipendono ovviamente i costi e l efficacia: tapparelle, persiane e portelloni costituiscono la schermatura più elementare, che consente un ombreggiamento circoscritto alla sola apertura con ridotte possibilità di regolazione della luce; pensiline, pergolati e aggetti posti al di sopra delle superfici finestrate permettono di limitare l ingresso della radiazione solare senza penalizzare il contributo delle vetrate alla componente naturale dell illuminazione; i frangisole, soprattutto se mobili, permettono di diffondere la luce distribuendola in maniera più omogenea negli spazi interni ed evitando quindi fenomeni di abbagliamento; quelli orientabili consentono di posizionare le lamelle rispetto al raggio di incidenza della luce: indicativamente i frangisole verticali sono consigliabili per le facciate est e ovest, per riparare dalla luce radente dei raggi bassi del sole di mattino e pomeriggio, mentre quelli orizzontali sono indicati per le facciate esposte a sud per impedire la radiazione solare diretta nelle ore centrali delle giornate estive, garantendo l apporto solare invernale. Eventuali lavori di ristrutturazione delle facciate dell edificio possono offrire l occasione per l installazione dei sistemi di ombreggiamento più complessi. I disagi derivanti dalla installazione dei sistemi di ombreggiamento non possono essere definiti a priori, perché variano molto in base del sistema scelto. Gli interventi di manutenzione variano a seconda del materiale di cui sono costituiti i sistemi di ombreggiamento e del- 18

19 la loro accessibilità. Per quanto riguarda l uso, se si tratta di sistemi regolabili, è opportuno fare in modo da garantire in estate il massimo ombreggiamento quando il sole è incidente sulle aperture, avendo cura di non limitare eccessivamente l illuminazione naturale degli ambienti. Nei periodi più freddi invece i sistemi di ombreggiamento dovranno essere regolati in modo da non impedire l ingresso della radiazione solare dalle aperture, che costituisce un prezioso apporto gratuito al riscaldamento degli spazi interni. I COSTI Considerata la varietà delle soluzioni e dei materiali adottabili, è impossibile fornire informazioni attendibili relative ai costi da sostenere. In generale, si può tenere presente che l intervento risulterà tanto più costoso quanto maggiore sarà il livello di integrazione dei sistemi schermanti con l edificio. Involucro edilizio 19

20 Accumolo passivo del calore ACCUMULO PASSIVO DEL CALORE Conosciamo tutti la serra come un sistema di accumulo del calore del sole che consente di ottenere al suo interno temperature maggiori di quelle esterne, adatte ad esempio alla coltivazione di piante al di fuori della stagione naturale di crescita. Ma quanti sanno che la serra può essere integrata nell edificio in cui viviamo e fornire gratuitamente calore alle nostre case nella stagione fredda? É proprio così. La serra solare altro non è che un volume trasparente che raccoglie il calore del sole accumulandolo nell aria e nella massa del pavimento e della parete di fondo, per cederlo agli ambienti abitativi veri e propri; si può realizzare con strutture vetrate come quelle che chiudono già logge, balconi e terrazze in molti edifici, ma con qualche attenzione in più: deve essere orientata a sud, in modo da captare il più possibile dell energia solare in inverno e da evitare surriscaldamenti poco controllabili che si verificano in estate sui fronti est e ovest; deve essere trasparente con l eccezione dell ingombro dei telai che ne costituiscono la struttura, in modo da consentire l ingresso della radiazione solare; deve essere ventilabile e quindi la struttura dev essere quanto più possibile apribile; deve essere ombreggiabile, possibilmente con schermature mobili per le superfici trasparenti soprattutto quelle orizzontali- poste all esterno delle superfici stesse; deve essere collegata agli ambienti retrostanti tramite aperture che consentano il passaggio del calore e che impediscano, una volta chiuse, il passaggio di aria fredda durante la notte o nei mesi invernali; non deve essere riscaldata né raffrescata artificialmente. 20

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI LA GUIDA DEL CONSUMATORE L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI Testi: Pieraldo Isolani Hanno collaborato i componenti del Gruppo di Lavoro Internazionale Riccardo Comini - ADICONSUM Italia Dario

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE. e alla GESTIONE

La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE. e alla GESTIONE La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE e alla GESTIONE Presentazione... 5 L importanza di una casa che fa risparmiare energia... 6 Come si costruisce una casa a basso consumo di energia...

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project: serramenti in alluminio ad alte prestazioni Ricche dotazioni tecnologiche e funzionali Eccezionale isolamento termico Massima espressione

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SOLARE AEROVOLTAICO L energia fronte-retro www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SISTEMA BREVETTATO IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL RISPARMIO ENERGETICO E IL COMFORT TERMICO Effetto fronte-retro Recupero

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

I SISTEMI SOLARI PASSIVI. Sistemi e dispositivi per la climatizzazione passiva degli edifici.

I SISTEMI SOLARI PASSIVI. Sistemi e dispositivi per la climatizzazione passiva degli edifici. Corso di laurea specialistica in architettura per la sostenibilità. AA 2003/04 LABORATORIO INTEGRATO 3. PRIMO SEMESTRE DEL SECONDO ANNO Corso di TECNICA DEL CONTROLLO AMBIENTALE Prof. Antonio Carbonari

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Anno XVIII - Supplemento al numero 44-21 luglio 2006 Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/2004) art. 1, comma 2, DCB Roma

Anno XVIII - Supplemento al numero 44-21 luglio 2006 Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/2004) art. 1, comma 2, DCB Roma Anno XVIII - Supplemento al numero 44-21 luglio 2006 Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/2004) art. 1, comma 2, DCB Roma Energia dal sole Pannelli solari e sistemi fotovoltaici

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M COMUNE DI PICCOLI GESTI PER UN MONDO MIGLIORE La Città di Udine aderisce, con altri 14 enti pubblici europei, al progetto Cyber Display. Lo scopo è aumentare e migliorare la conoscenza nell uso delle risorse

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

ZEPHIR. La Passivhaus. Attiva per un maggior comfort: Informazioni per operatori immobiliari, imprenditori e committenti

ZEPHIR. La Passivhaus. Attiva per un maggior comfort: Informazioni per operatori immobiliari, imprenditori e committenti presentata da: ZEPHIR Zero Energy and Passivhaus Institute for Research Centro Comm. Ponte Regio, Loc. Fratte, 18/3 38057 Pergine Valsugana (TN) mail info@zephir.ph web http://www.zephir.ph Passive House

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Life-cycle cost analysis

Life-cycle cost analysis Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Life-cycle cost analysis con esempi applicativi Docenti Collaboratori Lezione di prof. Stefano Stanghellini prof. Sergio Copiello arch. Valeria

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

3 Conto Energia. DM 6 Agosto 2010. Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico

3 Conto Energia. DM 6 Agosto 2010. Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico 3 Conto Energia DM 6 Agosto 2010 Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico 2010 - GSE Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. consultazione.ftv@gse.it

Dettagli

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore Versione 1 settembre 2013 Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore via Savona 1/B, 20144 Milano - tel 02 89415126 - fax 02 58104378 - info@anit.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Cos è il fotovoltaico?

Cos è il fotovoltaico? Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico si spiega (quasi) da solo: è composto dalla parola greca phos (=luce) e Volt (=unitá di misura della tensione elettrica). Si tratta dunque della trasformazione

Dettagli