La precarietà energetica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La precarietà energetica"

Transcript

1 La precarietà energetica ß Una guida pratica per fornire consigli su come alleviare il disagio economico e sociale delle bollette e su come mantenere salubri gli ambienti domestici

2 ENERGY AMBASSADOR Indice IL PROGETTO ENERGY AMBASSODOR E L INIZIATVA EUROPEA...3 LA PRECARIETÀ ENERGETICA...4 INDICAZIONI DI RISPARMIO ENERGETICO IN CASA...5 IMPIANTO DI RISCALDAMENTO...5 LA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA...8 IN BAGNO...9 GLI INFISSI...10 L ILLUMINAZIONE...11 IN CUCINA...13 GLI ELETTRODOMESTICI...14 IL FRIGORIFERO...14 LAVATRICE...14 FORNI E PIANI COTTURA...15 LAVASTOVIGLIE...16 CONDIZIONAMENTO ESTIVO...16 STAND-BY E ASSORBIMENTI NASCOSTI...16 LE BOLLETTE ENERGETICHE...17 AUTODIAGNOSI ENERGETICA

3 Il progetto Energy Ambassodor e l iniziatva europea L iniziativa nasce in Francia circa 10 anni fa, con l intento di fornire un valido aiuto alle famiglie in condizione di fuel poverty, termine che potremmo tradurre con precarietà energetica. In termini pratici, si tratta della difficoltà a sostenere le spese per le bollette energetiche: gli inglesi attribuiscono questa definizione a tutte le famiglie che spendono oltre il 10% dei loro guadagni per le forniture energetiche (elettricità e gas). Per raggiungere con maggiore capillarità ed efficacia le famiglie in condizioni di precarietà energetica, il progetto ha scelto come attori chiave gli energy ambassador ovvero assistenti sociali, operatori socio sanitari e operatori del Social Housing, che sono già in contatto con l utenza, detenendo informazioni e soprattutto un rapporto di fiducia. Il progetto, pertanto, si propone di formare e informare gli operatori sociali ai temi del risparmio energetico (e al miglioramento delle condizione di confort) che si può ottenere all interno della propria abitazione attraverso il miglioramento delle abitudini e tramite semplici accorgimenti. Gli Energy Ambassdor riceveranno la formazione necessaria tramite incontri con gli esperti messi a disposizione dal progetto e potranno partecipare attivamente alla redazione del materiale informativo da divulgare presso le utenze (non si richiere di contattare appositamente le utenze, ma solo di divulgare le informazioni durante gli incontri già previsti con l utenza, ovvero nello svolgimento delle normali attività lavorative). Le attività previste 1) produzione di un pacchetto formativo, articolato in 5/6 incontri, sui temi del contesto energetico a livello locale, l uso domestico e la precarietà energetica; come conseguire il risparmio energetico attraverso il miglioramento dei comportamenti, condensazione e ventilazione, apparecchiature elettriche, i sistemi di riscaldamento, la lettura della bolletta, esempi di buone pratiche a livello locale e approfondimenti sui possibili canali di finanziamento per la ristrutturazione energetica dell immobile o per singoli impianti, ecc. 2) formalizzazione di un comitato di progetto che veda la presenza di tutti gli attori coinvolti (altri ACER, Agenzie per l Energia, ecc.). 3) sperimentazione articolata su: Assistenza a utenti in difficoltà (sportello telefonico e , visite presso le abitazioni, su richiesta, fornitura di diagnosi dei problemi e proposta di soluzioni, proposte di intervento a basso costo). Informazione di tipo generale destinate all'utenza; Ciclo di riunioni per caseggiato; Formazione e informazione indirizzata agli attori sociali del territorio (incontri con i responsabili degli uffici; ecc. 3

4 Produzione di materiale informativo per gli operatori del privato sociale (manuale dell'operatore, diapositive per le presentazioni; manuali sull'uso efficiente dell'energia. La precarietà energetica Il termine deriva dalla traduzione non letterale del concetto europeo di fuel poverty. Al concetto consegue però una situazione che si è venuta ad aggravare sull intero panorama europeo. Le principali cause sono legate da un lato all aumento del costo dei combustibili e di conseguenza delle bollette energetiche, dall altro alla diminuzione del potere d acquisto delle famiglie. La crisi economica ha significato inoltre la perdita di numerosi posti di lavoro e di conseguenza ha esposto un numero maggiore di famiglie al rischio di precarietà energetica. In Italia man cano studi sul fenomeno e manca addirittuara la definizione precisa. Alcune stime non ufficiali evidenziano un potenziale rischio per 5 milioni di famiglie. Ovviamente la mancanza di analisi del fenomeno determina anche la mancanza di soluzioni e strategie atte a diminuirne il disagio e gli effetti. In Inghilterra, ad esempio, si definiscono in condizione di fuel poverty i nuclei famigliari con un rapporto tra la spesa energetica e il reddito superiore a 1/10. Sempre in Inghilterra, dove sono circa 5 milioni le famiglie in tale situazione, sono state intraprese azioni e interventi alleviativi da parte del Ministero della Salute, poiché ci si è resi conto che esista un rapporto proporzionale tra la precarietà energetica (che comporta la mancanza di condizioni salubri all interno dell alloggio) e la salute della popolazione. Alcuni programmi inglesi prevedono interventi mirati alla popolazione anziana, con campagne informative presso le strutture ospedaliere. Anche in Spagna il tema è indagato in maniera approfondita e si è calcola che almeno il 9% della popolazione non è in grado di mantenere una temperatura adeguata all interno dell alloggio. Un articolo del principale quotidiano spanolo ha evidenziato come la Spagna e il Portogallo siano i paesi europei con la maggiore mortalità invernale a causa della precarietà energetica, nonostantela temperatura media invernale sia di 6,5 contro i 3,5 della Finlandia. Il progetto Energy Ambassador vuole pertanto essere da un lato una modalità di confronto tra le iniziative intraprese in Europa sul tema della precarietà energetica dall altro fornire un piccolo contributo per alleviare questo tipo di disagio. Le misure che si possono intraprendere hanno due sole possibili strade: da un lato tentare di massimizzare il reddito in forma di aiuto delle famiglie meno abbienti, dall altro terntare di diminuire la spesa energetica, attraverso modalità di risparmio energetico tra le mura domestiche. Nei capitoli successivi, infatti, si presenteranno alcune indicazioni di risparmio energetico in casa. 4

5 Indicazioni di risparmio energetico in casa Impianto di riscaldamento Edifici diversi richiedono diverse quantità di energia per essere riscaldati: la struttura dell edificio, il suo orientamento rispetto ai punti cardinali, i materiali edili che lo costituiscono, nonché il tipo di isolamento eventualmente adottato sono tutti fattori che contribuiscono a determinare il fabbisogno di energia termica dell edificio. È l impianto di riscaldamento a fornire la quantità di calore necessaria a garantire il comfort degli utenti. Un impianto di ricaldamento è costituito da diversi elementi: un generatore di calore (la caldaia, la pompa di calore, il termocamino, ecc), un sistema di distribuzione che trasporta il calore fino agli elementi di emissione (i termosifoni, l impianto radiante, ecc) e un sistema di regolazione che permette di controllare e di programmare le reazioni dell impianto alle variazioni ambientali. Quattro ambiti su cui poter intervenire per abbassare i consumi energetici e migliorare eventualmente il comfort. Gli esperti descrivono il rendimento dell impianto (ovvero l efficienza con cui l impianto traferisce all utente il calore contenuto nel combustibile) come la combinazione dei rendimenti distinti dei quattro sistemi. Il generatore di calore. Il generatore di calore va manutenuto regolarmente secondo le indicazioni riportate sul manuale d uso dell apparecchio. La manutenzione deve essere effettuata da un impresa abilitata e serve a garantirne il buon funzionamento e la sicurezza. Il rendimento di combustione di una caldaia, verificabile attraverso il cosiddetto controllo dei fumi dipende dalla tipologia di caldaia, dalla sua età e dal suo stato di manutenzione. Dai parametri raccolti con l analisi dei fumi il manutentore può verificare la qualità della combustione, e capire di conseguenza se il bruciatore è regolato correttamente. La legge detta i termini minimi di controllo e mantenzione in funzione della taglia di potenza del generatore dell impianto. Nel caso di caldaie e impianti di oltre 15 anni, si consiglia la sostituzione con nuovi apparecchi ad alta efficienza, ad esempio le caldaie a condensazione. Le caldaie a condensazione, del tutto simili alle normali caldaie, sono munite di un dispositivo di recupero del calore latente del vapore acqueo contenuto nei fumi e posseggono di conseguenza un rendimento maggiore di almeno il 15% rispetto a quelle tradizionali. 5

6 Il sistema di trasmissione. Va verificato lo stato di isolamento delle condutture dell impianto di riscaldamento e se necessario, si potrà provvedere al loro isolamento con guaine appropriate (la cantina può essere una zona di passaggio delle tubature con notevoli dispersioni termiche). La pompa di circolazione dell impianto di riscaldamento mette in circolo l acqua calda generata dalla caldaia attraverso l impianto di trasmissione. In alcuni casi la pompa funziona giorno e notte, estate e inverno: inutile! Nella maggior parte dei casi è sufficiente regolarla a metà della potenza per distribuire comunque l acqua. Le pompe hanno gradi di efficienza diversi. Essendo dispositivi che lavorano per molte ore, può valere la pena valutarne la sostituzione, a fronte del risparmio ottenibile. Gli elementi scaldanti. I radiatori non vanno coperti, né ostruiti con mobili o tende pesanti: l effetto sarà di impedire la trasmissione del calore agli spazi. Sfiatare regolarmente i radiatori attraverso l apposita valvola fino a far zampillare l acqua (a volte è possibile sentire uno sciacquio al loro interno, chiaro sintomo di aria nell impianto). L aria che si accumula all interno dei termosifoni, specie subito dopo l avvio dell impianto in autunno, impedisce la circolazione dell acqua calda, compromettendo l efficacia del riscaldamento e disperdendo energia. I moderni radiatori riescono a lavorare a temperature più basse rispetto a quelli tradizionali. In alternativa, potendo intervenire radicalmente con un intervento di ristrutturazione, può essere interessante valutare l adozione di un impianto a bassa temperatura (impianti radianti a pavimento o parete). Il riscaldamento a bassa temperatura consente un notevole risparmio energetico a fronte di un elevato comfort termico; il risparmio energetico è legato all utilizzo di acqua tiepida (circa 35 C), mentre il comfort è legato alla distribuzione diffusa del calore e una distribuzione più omogenea dell aria riscaldata. La temperatura dei vari ambienti della casa varia a seconda del tipo di ambiente, del momento della giornata e del numero di persone impegnate in quello spazio. Di conseguenza è giusto differenziare gli ambienti a seconda della loro destinazione. La stanza da letto, ad esempio, può rimanere a una temperatura inferiore rispetto a quella del resto della casa. La cucina, invece, per l uso dei fornelli e per il fatto che può essere spesso un luogo di ritrovo, è un luogo spesso già caldo di per sé: qui può non essere indispensabile tenere il radiatore aperto. Nelle anticamere e nelle zone di passaggio bastano C. 6

7 Ogni grado in meno equivale ad un risparmio del 6% di energia. Attenzione però ad isolare le camere più fredde 1. Nel caso di termosifoni disposti sotto le finestre, a contatto con pareti esterne, poò essere opportuno inserire un pannello di materiale isolante per minimizzare le dispersioni attraverso il muro. Il sistema di regolazione. L adozione di un cronotermostato permette di programmare e razionalizzare le risposte dell impianto secondo diversi parametri. La regolazione della temperatura può essere differenziata a seconda degli ambienti, dell ora della giornata e della temperatura (sia interna che esterna). I moderni cronotermostati sono vere e proprie centraline senza fili. Verificate le impostazioni e l efficacia del cronotermostato e se il programma di funzionamento è consono ai vostri orari. C è ancora 1 Non lasciar raffreddare troppo le stanze. Il calore proveniente da locali limitrofi riscaldati non dovrebbe penetrare nelle stanze riscaldate poco o per niente. Il vapore acqueo presente nell aria riscaldata potrebbe infatti depositarsi sulla superficie fredda dei muri perimetrali del locale non riscaldato, dando luogo alla formazione di condensa. Per questo motivo bisognerebbe sempre evitare di lasciar raffreddare troppo le stanze. Utilizzare un igrometro: l igrometro è lo strumento più semplice ed economico per tenere sempre sotto controllo l umidità dentro casa e verificare così se si arieggia in maniera corretta. L umidità relativa nelle stanze dovrebbe mantenersi preferibilmente tra il 45 e il 55%. Con l'arrivo dell'inverno inizia anche la stagione delle muffe in casa. Le colonie di micofiti compaiono in molti alloggi quando la temperatura esterna comincia a scendere e in casa viene acceso il riscaldamento. La muffa si forma generalmente sul lato interno delle pareti perimetrali degli edifici, proliferando dietro armadi, credenze e carte da parati, dove lascia riconoscibili macchie nere. Oltre a provocare il degrado delle superfici murarie, ha effetti negativi anche sul clima interno delle abitazioni e quindi sul benessere di chi vi abita. La formazione di colonie fungine può essere dovuta a diversi fattori: insufficiente isolamento termico delle pareti, presenza di ponti termici, errate abitudini di riscaldamento e di ventilazione della casa. A volte l'origine del problema è visibile a occhio nudo, come accade per elementi in calcestruzzo quali i pilastri non coibentati o i balconi che giungono senza interruzione all'esterno dell'edificio. Questi, infatti, sono tipici esempi di ponti termici, che alimentano la formazione di muffe. Se invece la causa non è così evidente, si possono analizzare i punti critici dell'edificio con l'ausilio della termografia (immagini a infrarossi) eventualmente abbinata a un blower door test (controllo dell'impermeabilità all'aria dell'edificio). Questo sistema permette di localizzare gli elementi strutturali che presentano maggiori dispersioni di energia. 7

8 qualcuno in casa alla mattina quando si spengono i termosifoni? Potete anticipare lo spegnimento dei termosifoni tenendo conto della loro inerzia termica. Abbassate la temperatura degli ambienti prima di andare a letto e anticipate l accensione prima del risveglio per trovare un ambiente confortevole. Valvole termostatiche a bassa inerzia termica. Le valvole termostatiche vanno installate 2 su ogni elemento scaldante, a sostituzione delle vecchie manopole. A differenza delle valvole manuali, dove la regolazione permetteva di impostare un certo flusso di acqua, sulle valvole termostatiche la regolazione permette di impostare la temperatura che si vuole raggiungere in quell ambiente.grazie a un sensore di temperatura incorporato, sarà la valvola a modulare automaticamente l afflusso di acqua calda fino al raggiungimento della temperatura impostata. La produzione di acqua calda sanitaria In media, ogni persona consuma più di 200 litri d acqua al giorno; una parte di questa, dai 30 ai 70 litri, ci serve calda. La produzione di acqua calda sanitaria è affidata in genere a dispositivi scaldaacqua a gas o elettrici. Si possono ridurre i consumi intervenendo sulla temperatura dell acqua, sulla modalità e programmazione dell accensione delle apparecchiature e sui volumi di acqua consumata. Verificate sulla caldaia la temperatura impostata per la produzione dell acqua calda. In genere l acqua calda al rubinetto esce ad una temperatura talmente elevata da dover essere miscelata per non scottarsi. In questo caso si potrà regolare il termostato della caldaia ad un valore di temperatura più basso. Lo stesso discorso vale per il boiler elettrico (lo scaldabagno). Attenzione: il boiler può essere responsabile di un elevato assorbimento di corrente! Verificate che il valore di temperatura dell acqua impostato non sia troppo elevato (e quindi energeticamente oneroso) e regolatelo eventualmente a non più di 50 C; in secondo luogo, programmate gli orari di accensione e spegnimento in funzione delle vostre abitudini, dotandovi eventualmente di una presa temporizzata. 2 Quando e come installare le valvole termostatiche? La finanziaria 2009 conferma quanto introdotto dalla omologa legge del 2008: per godere della corposa detrazione fiscale a favore dell installazione di caldaie ad alta efficienza e caldaie a condensazione sarà necessario provvedere contestualmente alla installazione di valvole termostatiche sugli elementi scaldanti. 8

9 In ogni caso ricordatevi di spegnere il boiler durante i periodi di assenza e durante le ferie. A proposito dei rischi di proliferazione della Legionella 3, vedi nota a piè di pagina. L adozione di riduttori di flusso sui rubinetti permette di risparmiare acqua ed energia. Si tratta di filtri areati che miscelano aria all acqua, diminuendone significativamente il flusso (da circa 12 a 6 litri al minuto). Con un piccolo stratagemma, insomma, ogni volta che apriremo il rubinetto adopereremo un volume minore di acqua, sia fredda che calda. I riduttori di flusso sono dispositivi economici e facili da montare! Approfondimento. Il decreto 311/2006 ha introdotto per i nuovi edifici l obbligo di produrre almeno il 50% dell acqua calda sanitaria da fonte rinnovabile. Il decreto è stato recepito dall Atto di indirizzo della Regionale Emilia Romagna. Perché non sfruttare il sole, allora, per scaldare l acqua?! I pannelli solari termici sono dispositivi efficaci, affidabili e facilmente integrabili agli impianti idraulici esistenti. Si può partire dai più semplici impianti a circolazione naturale, per arrivare a sistemi combinati all impianto di riscaldamento. In Bagno Risparmiare acqua ci porta a risparmiare energia. Si può rinunciare ad un bagno una tantum per una doccia: in questo caso basteranno 30 litri invece dei 150 necessari a riempire una vasca. Certo, una doccia in piedi è meno rilassante ma che soddisfazione scoprire una bolletta alleggerita! Ridurre il getto dello sciacquone del water (il consumo standard è di circa 10 litri d'acqua) dato il suo frequente utilizzo permette un consistente risparmio d'acqua. In commercio si trovano dei sistemi con doppio pulsante di scarico 3 La legionella pneumophila è un batterio aerobio in grado di infettare l uomo manifestandosi in forma di polmonite o in forma di febbrile. La legionella prolifera negli ambienti umidi; di conseguenza le condutture e gli accumuli di acqua possono ospitare il batterio. Sono a rischio soprattutto i grossi impianti, gli accumuli con scarso ricambio, le condutture terminali inutilizzate, gli impianti poco manutenuti, le piscine, le vasche idromassaggio, le torri di raffreddamento dell aria condizionata. Per saperne di più, puoi leggere le Linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi assunte dalla Conferenza permanente statoregioni: 9

10 corrispondenti a due livelli di scarico, oppure pulsanti start-stop con cui è possibile regolare il volume di acqua di volta in volta. In alternativa si può ridurre il livello di acqua contenuto nel serbatoio agendo sulla vite del galleggiante all interno dello sciacquone. Quando si lascia scorrere l acqua in attesa che diventi calda, raccoglietela per lo sciacquone, o per annaffiare piante e fiori. Chiudere il rubinetto mentre vi lavate i denti, ci si insapona o ci si lava le mani. L utilizzo di riduttori di flusso nei rubinetti e nelle docce permette di ottenere un notevole risparmio nel consumo d'acqua (quasi il 50%) senza che vi sia nessuna apprezzabile differenza rispetto ai rubinetti standard. Il risparmio nell uso dell acqua calda contribuirà ugualmente al risparmio energetico. E possibile raccogliere e utilizzare l'acqua piovana mediante sistemi di canalizzazione e raccolta verso vasche da collocare in giardino o in cisterne di raccolta anche sotterranee. L uso dell acqua piovana si addice a tutte le funzioni in cui non è necessario disporre di acqua potabile. Tenere chiuse le stanze ad alto tasso di umidità. Molti commettono l errore di arieggiare le stanze particolarmente umide, come ad esempio il bagno subito dopo la doccia, spalancando la porta che le collega agli altri ambienti della casa. Questa soluzione va evitata, perché l umidità si diffonde in tutta l abitazione e in certi casi può determinare la formazione di muffe. Dopo la doccia è meglio ventilare abbondantemente il bagno aprendo la finestra, affinché l umidità in eccesso fuoriesca. Altri ambienti domestici ad alto tasso di umidità sono la cucina e la camera da letto; anche per questi valgono le medesime regole: meglio arieggiare con l esterno. Gli Infissi Eliminare spifferi dalle finestre e dalle casse dell avvolgibile. Isolare termicamente i cassonetti degli avvolgibili sulle finestre con materiale isolante per chiudere una via di fuga del calore durante l inverno (nel scegliere lo spessore del materiale isolante dovrà si tenere conto del volume occupato dall avvolglibile completamente arrotolato). Chiudere persiane o abbassare gli avvolgibili alla sera per limitare la dispersone di calore. Questo accorgimento porta a ridurre le perdita del calore fino al 30%. 10

11 Applicare pellicole ANTISOLARI adesive trasparenti da applicare sui vetri per filtrare la radiazione solare incidente. Le pellicole solari sono in grado di abbattere l'80% dei raggi infrarossi (calore) e di eliminare fino al 92% del riflesso/abbagliamento riducendo i costi di condizionamento fino al 50% (in proporzione alla quota di superficie vetrata). Sfatiamo un mito sul cambio di aria alle stanze: è sufficiente tenere le finestre aperte per pochi minuti per ottenere un ricambio d aria completo. Contrariamente a quanto si crede normalmente bastano pochi minuti per arieggiare: basterà aprirle 2-3 volte al giorno per pochi minuti alla volta., Se si ha in programma di lasciare finestre aperte a lungo è conveniente spegnere il riscaldamento. Sfruttare gli apporti gratuiti del sole: l effetto serra in casa. Fatevi riscaldare le stanza a sud dal sole invernale: sarà una piacevolissima sensazione. L illuminazione Immagine tratta da Illuminiazione naturale. È possibile potenziare l illuminazione in casa con l ausilio di condotti di luce naturale, tubi riflettenti che veicolano la luce naturale all interno della casa, col vantaggio di dover aprire passaggi molto più piccoli di una finestra. /solatube.htm Illuminazione artificiale. Le lampade fluorescenti compatte non sono più una novità; non tutti sanno, invece, che esiste una gamma di prodotti ad alta efficienza in grado di soddisfare le esigenze più 11

12 disparate in termini di tonalità luminosa. Anche i tempi di accensione sono notevolmente migliorati rispetto ai primi prodotti. Approfondimento. Le lampade fluorescenti sono apparecchiature che vanno conferite in discarica al termine del loro utilizzo (rifiuti RAEE) ettroniche la tabella è tratta dalla LumenKarte della Osram. Si stanno affacciando sul mercato i primi corpi lluminanti a led. Si tratta di dispositivi elettronici a bassissimo consumo! Sono caratterizzati da un tipo di luce molto concentrato (i led hanno trovato subito applicazione nella segnaletica e nel settore automobilistico), di conseguenza non sono sempre in grado di produrre un effetto di diffusione interessante. Le lampade a led hanno consumi bassisimi (esistono lampade da 1,5 w!), e promettono quindi un migliormento di efficienza osram: philips: 12

13 p?main=it_it_consumer_lighting&parent= &id=it_it_hom e_lighting&lang=it Ricordatevi di spegnere la luce quando non serve. Durante il giorno cercate di sfruttare la luce naturale se è sufficiente a illunare la vostra attività. Nella scelta degli apparecchi di illuminazione si deve considerare non solo l aspetto estetico, ma anche il loro rendimento luminoso È utile sapere che la gradevole luce indiretta ottenuta quando un apparecchio viene rivolto verso il soffitto o una parete chiara, ha un basso rendimento luminoso! I lampadari con molte lampadine hanno l inconveniente di consumare molto! Negli ambienti dove la luce artificiale resta accesa per tempi prolungati, scegliete di adoperare lampade fluorescenti compatte: alta efficienza luminosa, lunga durata, bassi consumi. Spolverate regolarmente i corpi illuminanti! I rilevatori di movimento per le luci esterne andrebbero regolati per la durata di pochi secondi: se un gatto corre sul terreno la luce esterna non deve restare accesa 5 minuti. Altrimenti usare lampade ad alta efficienza. In Cucina Per portare l acqua a bollore in pentola o durante la cottura dei cibi ricetta permetendo! Coprite sempre la pentola un coperchio di diametro appropriato. Preriscaldare il forno solo per il tempo strettamente necessario Attenzione al forno elettrico, è un elettrodomestico estremamente energivoro che va usato con attenzione! Spegnere la piastra e il forno elettrico un po' prima della fine cottura, al fine di sfruttare il calore residuo. Scegliere il frigo e il congelatore di dimensioni adeguate all'effettivo fabbisogno familiare; Scegliete un frigo o congelatore di classe superiore: il maggiore investimento iniziale sarà presto ammortizzato grazie alle minori spese elttriche. Inserire nel frigo e nel congelatore soltanto cibi già freddi. Non lavare le stoviglie sotto l'acqua corrente. 13

14 Gli elettrodomestici Intorno alle resistenze elettriche a contatto con l acqua (lavatrice, lavastoviglie, caldaia a vapore del ferro da stiro) può svilupparsi una coltre di calcare che penalizza gli scambi di calore tra metallo e acqua. Attenzione: le resistenze soffocate dalle incrostazioni di calcare aumentano i consumi elettrici. Ricordatevi di sottoporre ad un vaglio attento ogni elettrodomestico che usa corrente elettrica per produrre calore. La corrente elettrica, la più nobile forma di energia, è stata prodotta ad una caro prezzo in termini di energia primaria. Il frigorifero Cambi di stagione: in inverno si può moderare la richiesta di freddo abbassando il termostato. Evitare temperature troppo basse. Il termostato va regolato su una posizione intermedia (5-6 C). Temperature più basse sono inutili per la conservazione dei cibi, mentre aumentano i consumi anche del15%. Un frigorifero non deve stare vicino ai fornelli o al riscaldamento e non deve neanche essere impostato al massimo. Lasciare uno spazio di almeno 10 centimetri tra la parete e il retro dell elettrodomestico per l aerazione. Posizionare i cibi secondo le rispettive esigenze di conservazione. Generalmente la zona più fredda è quella sopra i cassetti della verdura. non introdurre cibi caldi. Prelevare velocemente i cibi dal frigorifero e dal congelatore E utile scongelare regolarmente il freezer: infatti più spesso è lo strato di ghiaccio all interno del vano del congelatore, maggiore è il consumo di corrente. Spegnete il frigo durante le vacanze. Prima di partire in vacanza ritagliatevi il tempo necessario a scogelare, svuotare e lavare il frigo: anche gli elettrodomestici hanno diritto a una vacanza periodica Lavatrice Uso e manutenzione Programmi a bassa temperatura Pieno carico Giusta quantità di detersivo Prelavaggio solo per la biancheria molto sporca 14

15 asciugare il bucato preferibilmente all'aria, evitando l'impiego dell asciugatrice. I saponi da lavatrice sviluppati in questi ultimi anni hanno reso sempre più efficace il lavaggio alle basse temperature, sia in termini di capacità pulente che disinfettante. Il potere lavante dei nuovi saponi, spesso integrati con agenti disinfettanti, è già potenziato alle basse temperature. Con un doppio vantaggio: meno calcare e meno energia. Sovente gli elettrodomestici assorbono energia elettrica anche da spenti: la lavatrice non fa esclusione. Molto spesso accanto alla presa c è un comodo interruttore (usatelo per scollegare la lavatrice dalla rete elettrica!) Pulire regolarmente il filtro della pompa di scarico Pulire i filtri di afflusso dell acqua dalle impurità e dal calcare Usare un prodotto decalcificante Acquisto Esistono Lavatrici predisposte con un ingresso per l acqua riscaldata: sono compatibili per le situazioni in cui è possibile prelevare acqua calda da un accumulo solare o da teleriscaldamento al momento dell acquisto fate attenzione all etichetta energetica, privilegiate i prodotti di classe superiore. Forni e piani cottura Uso e manutenzione Durante la cottura con forno elettrico aprire la porta del forno solo se è indispensabile Spegnere il forno qualche minuto prima che la cottura sia completa, in modo da sfruttare il calore residuo Per i forni a microonde usare recipienti trasparenti alle onde (vetro, porcellana, ceramica) Acquisto I forni elettrici ventilati sono da preferire rispetto a quelli normali perché mettono in movimento subito aria calda, determinando una temperatura uniforme all interno I forni a microonde consumano meno (anche la metà) rispetto ai forni elettrici tradizionali, perché cuociono più rapidamente e dall interno gli alimenti, senza bisogno di preriscaldamento I forni a microonde presentano talune caratteristiche (mancata doratura dei cibi, cottura poco uniforme, ecc.) che non permettono di utilizzarli in ogni circostanza I fornelli elettrici riscaldano a lungo anche dopo lo spegnimento per via dell inerzia del basamento metallico: 15

16 Lavastoviglie tenetene conto quando cucinate e spegnete prima che la pasta sia pronta: il calore residuo è più che sufficiente. Oppure: mettere sul fornello caldo una pentola con dell acqua così da avere acqua tiepida per le stoviglie sporche. Esistono sul mercato interessanti piani cottura con tecnologia ad induzione Uso e manutenzione pulire il filtro dopo il lavaggio lavare a pieno carico si puo eliminare l asciugatura a fine lavaggio: risparmio di circa il 45% di energia alcune lavastoviglie possono essere alimentate con acqua calda utilizzare le quantita di detersivo consigliate Acquisto Come per le lavatrici, verificare sull etichetta energetica il consumo di energia elettrica (espresso in kwh/ciclo) e d acqua (espresso in litri) Alcuni modelli possono utilizzare anche acqua calda prodotta con il gas o con i pannelli solari Acquistare la lavastoviglie con la capienza adatta alle vostre esigenze Alcune lavastoviglie moderne hanno inoltre la possibilità di fare il ciclo di lavaggio solo nel cestello superiore Condizionamento estivo Non abbassare eccessivamente la temperatura Impostare una temperatura non inferiore ai 5-6 gradi rispetto a quella esterna Non ostruire il flusso d aria in uscita ed in entrata dell apparecchio Pulire periodicamente i filtri dell aria Evitare che i compressori esterni siano direttamente esposti ai raggi del sole ed installarli lontano dalle fonti di calore Tenere chiuse le finestre (meglio ancora se queste hanno i doppi vetri) per non sprecare energia Stand-by e assorbimenti nascosti Si sa che un apparecchio in stand-by assorbe una minima, seppur non trascurabile quantità di energia elettrica: il led ne è il 16

17 testimone. Non tutti sanno però che molte apparecchiature possono assorbire energia da spente, anche senza che ci sia un led a ricordarcelo: certi caricacellulari, i computer, lavatrici e ogni dispositivo provvisto di un trasformatore. È semplice diagnosticare questi assorbimenti invisibili con un misuratore di consumi elettrici. In ogni caso è buona prassi ricorrere a prese e ciabatte con interrutore per scollegare le utenze dalla rete elettrica. Le Bollette energetiche Come facciamo a sapere quanto abbiamo consumato? Il costo della bolletta rispecchia esattamente i nostri consumi? Siamo in grado di distinguere i costi presunti da quelli reali? È possibile pagare solo quello che consumiamo? Come facciamo a sapere se il nostro miglioramento e la maggiore attenzione ai consumi si riflette realmente sulla bolletta? Cosa succede alle nostre bollette quando aumenta aumenta il prezzo del petrolio? Guida pratica alla lettura della bolletta e consigli su autolettura, ecc. La lettura della bolletta del gas In Italia le delibere dell Autorità per l Energia Elettrica e Gas forniscono i dettagli che ogni fornitore deve indicare in fattura. La TARIFFA del gas è divisa in due quote distinte e viene articolata per scaglioni di consumo: vendita della materia prima: è la quota che si riferisce al costo del gas in quanto tale, l'eventuale riduzione del costo all'aumentare dei consumi (non sempre applicato) è conseguenza di uno sconto esclusivamente di natura commerciale (cioè, come in tutti i settori chi compra più merce può usufruire di maggiore sconto). tariffa di trasporto: è la quota che si riferisce al costo ed al relativo ammortamento (cioè il costo suddiviso per gli anni di utilizzo) delle tubazioni che portano il gas sino al punto di consumo. In questo caso la suddivisione per scaglioni di consumo è dovuta al fatto che il costo è fisso e si rimborsa con maggiore velocità tanto maggiore è il consumo, quindi questa componente scende al crescere del consumo. La quota fissa: è una componente che si riferisce principalmente ai costi di noleggio del contatore e di lettura dello stesso, che sono indipendenti dai consumi. Cioè sono costi che il distributore deve sostenere sia che si consumi gas sia che che il consumo sia nullo. In realtà la quota fissa a sua volta si articola in due componenti e per scaglioni: la parte fissa e la parte variabile con i consumi. Si può 17

18 pensare che le quote variabili facciano riferimento al fatto che i contatori sono diversi, più grandi e quindi più costosi quanto maggiori sono i consumi. L'articolazione per scaglioni invece tiene conto del fatto che essendo un costo fisso al crescere dei consumi l'incidenza del costo a mc si riduce. Le IMPOSTE Le imposte sono sostanzialmente due (oltre all'iva): L'imposta erariale: detta anche "accise", è una imposta che viene applicata in maniera generalizzata sui combustibili, ad esemp io sulla benzina, ed anche sul gas. Solo gli utilizzi "defiscalizzati" (ad esempio quelli industriali ed artigianali) non pagano l'imposta erariale. L'addizionale regionale: è una imposta che è lasciata alla discrezionalità degli enti locali ed in particolare delle regioni. L'IVA: questa si aggiunge alle imposte precedenti e si applica su tutte le quote della bolletta, comprese le due imposte precedentemente illustrate. L'IVA ha due valori di base: al 10% per gli usi cucina e acqua calda e il 20% per l'uso promiscuo (cioè quello comprendente anche il riscaldamento) Autodiagnosi energetica Di seguito proponiamo alcune semplici domande e le relative risposte. Questo questionario è distribuibile a tutte le famiglie poichè non richiede conoscenze specifiche ma fornisce soltanto alcuni suggerimenti. Analisi energetica fai da te: presentiamo un semplice questionario per la redazione di una mini diagnosi energetica del proprio alloggio e per valutare la nostra attitudine al risparmio energetico. Riteniamo utile fornire questo questionario per aumentare la consapevolezza al tema del risparmio energetico. Oltre alle domande sono presentate anche le risposte. Isolamento e ventilazione si no 1 Per cambiare l aria nelle stanze lascio la finestra aperta o accostata per più di un ora Chiudo la porta delle stanze riscaldate In casa c è una rampa di scale aperta (il calore dalle stanze può salire lungo le scale)

19 4 Il tetto di casa è ben isolato Le finestre sono a vetro singolo Quando fuori fa freddo trovo spesso della condensa sui telai delle finestre Ci sono spifferi dalle finestre e/o dalle porte esterne Ho isolato i cassonetti degli avvolgibili sulle finestre Le tende in casa cadono fin davanti ai radiatori o ai convettori di casa Le pareti e i pavimenti di casa hanno un buon isolamento termico D estate le stanze esposte al sole si surriscaldano e diventano invivibili. Riscaldamento La mia caldaia ha più di 15 anni L ultima volta che il tecnico ha controllato la caldaia risale a più di due anni fa I radiatori sono provvisti di valvole termostatiche Per una migliore regolazione climatica ho fatto installare uno o più crono-termostati Il termostato è impostato a più di 20 C Di notte il riscaldamento resta acceso L impianto termico riscalda anche ingresso, mansarda e ripostiglio Verifico regolarmente che non si sia accumulata aria nei termosifoni Ho installato dei pannelli isolanti dietro i termosifoni di casa Uso una stufa elettrica per scaldare le stanze sprovviste di termosifone

20 22 Lascio il riscaldamento acceso anche se parto per il fine settimana Il caminetto o la stufa a legna mi permettono di scaldare una parte della casa. Acqua calda Produco acqua calda sanitaria con una caldaia rapida o uno scaldabagno elettrico L acqua calda sanitaria è sempre molto calda, scotta! In genere preferisco farmi un bagno piuttosto che una doccia Ho installato un terminale doccia a basso flusso e filtri rompigetto areati nei rubinetti In casa ci sono rubinetti con miscelatore calda-fredda Se apro il rubinetto devo aspettare almeno tre minuti prima che arrivi l acqua calda. Un impianto solare termico sul tetto contribuisce a produrre l acqua calda sanitaria. Cucina e consumi elettrici Lascio il carica-cellulare e gli altri caricatori sempre attaccati alla prese di corrente. Spengo le apparecchiature elettroniche col telecomando lasciandole in stand-by. In freezer c è uno strato di ghiaccio spesso non meno di mezzo centimetro Durante la cottura sono abituato a coprire le pentole Uso lampadine ad alta efficienza (le lampadine fluorescenti compatte). Uso ciabatte con interruttore per scollegare le utenze elettroniche dalla rete elettrica Lascio il computer acceso anche quando faccio pause lunghe Preferisco usare la luce delle plafoniere alogene

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M COMUNE DI PICCOLI GESTI PER UN MONDO MIGLIORE La Città di Udine aderisce, con altri 14 enti pubblici europei, al progetto Cyber Display. Lo scopo è aumentare e migliorare la conoscenza nell uso delle risorse

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI LA GUIDA DEL CONSUMATORE L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI Testi: Pieraldo Isolani Hanno collaborato i componenti del Gruppo di Lavoro Internazionale Riccardo Comini - ADICONSUM Italia Dario

Dettagli

Sempre collegato al tuo comfort con evohome

Sempre collegato al tuo comfort con evohome Sempre collegato al tuo comfort con evohome Pag 2 Comfort e controllo Comfort più controllo: proprio quello che puoi aspettarti da evohome Pag. 3 evohome Il sistema intelligente per il riscaldamento a

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Risparmiare energia ogni giorno

Risparmiare energia ogni giorno Risparmiare energia ogni giorno Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige Indice Prefazione pag. 1 1. Introduzione pag. 2 2. Gli elettrodomestici pag. 4 3. Il riscaldamento pag. 10 4. La mobilità pag. 14

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

LINEA AMBIENT UNA GAMMA PER OGNI DESIDERIO

LINEA AMBIENT UNA GAMMA PER OGNI DESIDERIO LINEA AMBIENT UNA GAMMA PER OGNI DESIDERIO LINEA AMBIENT UNA GAMMA PER OGNI DESIDERIO La linea Ambient rappresenta l integrazione perfetta di un design lineare con una funzionalità semplice ed intuitiva.

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

I SISTEMI SOLARI PASSIVI. Sistemi e dispositivi per la climatizzazione passiva degli edifici.

I SISTEMI SOLARI PASSIVI. Sistemi e dispositivi per la climatizzazione passiva degli edifici. Corso di laurea specialistica in architettura per la sostenibilità. AA 2003/04 LABORATORIO INTEGRATO 3. PRIMO SEMESTRE DEL SECONDO ANNO Corso di TECNICA DEL CONTROLLO AMBIENTALE Prof. Antonio Carbonari

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE. e alla GESTIONE

La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE. e alla GESTIONE La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE e alla GESTIONE Presentazione... 5 L importanza di una casa che fa risparmiare energia... 6 Come si costruisce una casa a basso consumo di energia...

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE li TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE impianti di climatizzazione, in genere vengono classificati in base ai fluidi che vengono impiegati per controbilanciare sia il carico termico

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Focolari ad alto livello

Focolari ad alto livello 34 & 35 1 Focolari ad alto livello Contura 34T e 35T sono due innovativi modelli di stufa in pietra ollare, caratterizzati da un desig n più moderno e slanciato, una migliore visibilità del fuoco e l usuale

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Forni ECO: Funzione pizza: Resistenza cielo + resistenza suola (cottura tradizionale o statica):

Forni ECO: Funzione pizza: Resistenza cielo + resistenza suola (cottura tradizionale o statica): Forni ECO: la combinazione tra il grill centrale e la resistenza inferiore più la ventola è particolarmente indicata per per la cottura di piccole quantità di cibo, a bassi consumi energetici. Funzione

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 R I J G 2 L B K A 5 3 2A C 1 M D 6 4 R S Q F O H E T 5 7 6 4 21 9 9 12 15 22 9 8 10 13 17 16 16 14 18 19 20 23 24 Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 ITALIANO Vaporetto Eco Pro

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli