Il re sorprende gli amanti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il re sorprende gli amanti"

Transcript

1 T2 BÉROUL dal Romanzo di Tristano e Isotta Il re sorprende gli amanti Dopo essere stato a caccia, ed avere liberamente amato Isotta nel bosco, Tristano si addormenta con la donna amata «Amico, dove siete stato?» «Dietro un cervo che mi ha stancato. Tanto l ho cacciato che tutto me ne dolgo. Sonno m ha preso, dormire voglio». La capanna era di verdi rami fatta, qua e là coperta di folto fogliame e di unita terra ben cosparsa. Isotta fu per prima coricata; Tristano si posa e trae sua spada, fra i due corpi l ha posata. Sua camicia ebbe Isotta vestita (se essa fosse stata quel giorno nuda, disgrazia lor sarebbe accaduta), e Tristano sue brache aveva. La regina aveva al dito l anello d oro delle nozze del re, con smeraldi incastonati. Straordinariamente era il dito gracile e per poco l anello non cadeva. Udite come si son coricati: sotto il collo di Tristano essa ha messo suo braccio e l altro, m è avviso 1, gli ha sopra buttato. Strettamente l ha abbracciato ed egli l ha delle sue braccia cinta. L amistà 2 loro non era finta. Le bocche furon da presso posate, e tuttavia avevan così divise che non si univano insieme. Vento non corre, e foglia non trema. Un raggio discende sopra la faccia d Isotta, che più riluce del ghiaccio. Così dormono gli amanti, non pensan male né tanto né quanto. Non vi eran che loro due in quel paese, perché Governal 3, m è avviso, se n era andato sul destriero giù nel bosco dal boscaiolo. Udite, signori, quale avventura: tanto lor doveva essere cattiva e dura! Per il bosco venne un boscaiolo, che aveva trovato il loro fogliame, dove eran nel bosco giaciuti. Tanto ha le fronde seguite che è giunto alla frascata 4 dove Tristano ha fatto suo convegno.vide i dormenti, ben li conobbe; il senno gli fugge, smarrito fu. Subito si parte di là, perché aveva paura; ben sapeva, che se Tristano si svegliava, non lo lascerebbe andare con altro pegno, eccetto che la testa. Se egli fuggì, non è meraviglia. Dal bosco se ne va, corre a meraviglia. Tristano con sua amica dorme: per poco non ricevettero morte. Da quel luogo ove dormivano, che due buone leghe 5 dista da dove il re tiene sua corte, il boscaiolo a gran fretta corre, perché ben aveva udito il bando 6 che avevan fatto di Tristano: colui che al re dicesse di Tristano vedere, assai avrebbe del suo avere 7. Il boscaiolo ben lo sapeva, perciò accorre a tal guadagno. Era il re Marco nel suo palazzo, coi suoi baroni 8 teneva corte, e dei baroni era piena la sala. Il boscaiolo dal monte discende ed è entrato, assai presto va. Pensate che mai avesse ad arrestarsi finché giunse ai gradini della sala? Su è montato. Il re lo vede giungere a gran fretta, il suo boscaiolo chiama in fretta: «Sai novelle 9, che sì tosto 10 vieni? Uomo sembri che corra dietro ai cani, che cacci per raggiungere la bestia. Vieni tu a corte di qualcuno a querelarti 11? Tu sembri uomo che abbia bisogno di qualcosa, che qua mi sia inviato da lontano. Se tu vuoi qualcosa, di il tuo messaggio. A te alcun uomo ha negato il gaggio 12, o cacciato dalla mia foresta?» «Ascoltami, re, se ti piace. E intendimi almeno un poco. Per questo paese si è bandito che chi potesse trovar tuo nipote, piuttosto osasse lasciarsi accecare, che non lo prendesse, o venisse a dire. Io l ho trovato e temo vostra ira; se non tel dico, mi darai morte. Ti menerò colà ov egli dorme, e la regina insieme con lui. Io la vidi, or è poco, insieme con lui; fortemente eran addormentati. Grande paura ebbi, quando là li vidi». 1. m è avviso: credo. 2. amistà: amicizia. 3. Governal: servitore e scudiero di Tristano. 4. frascata: la capanna di frasche, che Tristano ha scelto come luogo dei suoi incontri (convegno) con Isotta. 5. leghe: antica unità di misura, di lunghezza variabile. 6. bando: intimazione e notificazione di una condanna, specie all esilio. 7. del suo avere: delle sue ricchezze (date come premio al delatore). 8. baroni: nel senso medievale di vassalli. 9. novelle: notizie. 10. sì tosto: così velocemente. 11. a querelarti: a lamentarti (è posposto al complemento). 12. il gaggio: il soldo, il compenso dovuto. Béroul T2 Baldi, Giusso, Razetti, Zaccaria 1

2 Il re intende, sbuffa e sospira; irritato è; fortemente s adira; al boscaiolo dice e avverte segretamente, dentro l orecchio: «In quale luogo sono? Dimmi!» «In una capanna del Morrese 13 dormono strettamente abbracciati. Vieni tosto e saremo d essi vendicati 14. Re, s or non prendi aspra vendetta, non hai diritto sulla terra 15 ; non vi è dubbio». Il re gli dice: «Vattene là fuori, caro come tu hai tuo corpo 16, non dire a nessun ciò che tu sai, sia esso estraneo o familiare. Alla Croce Rossa, al cammino fuori 17, dove sovente si seppelliscono i morti, non ti muovere, colà m attendi 18. Tanto ti darò oro ed argento quanto vorrai, te ne do fede 19». Il boscaiolo si parte dal re, alla Croce giunge, colà si siede. Mala gotta gli occhi crepi 20 a lui che tanto voleva Tristano distruggere! Meglio se gli fosse accaduto di fuggire, perché poscia morì con sì gran onta 21, quale voi udrete più in là nel racconto. Il re è nella camera entrato, a sé fece venir tutti i privati, poi lor vietò e proibì che fossero mai sì arditi da andar appresso a lui d un passo solo. Ciascun gli dice: «Re, è gabbo questo che 22 andiate voi solo in qualche luogo? Mai non vi fu re che non avesse guardia. Quali novelle avete voi udite? Non vi movete per detto di spia 23». Il re risponde: «Non so novelle, ma m ha mandato a chiamare una donzella che vada tosto con lei a parlare. Ben mi comanda di non condurre pari 24. Andrò tutto solo sul mio destriero, non menerò con me scudiero, e questa volta andrò senza di voi». Essi rispondono: «Ciò a noi pesa. Catone comandò a suo figlio di schivare i luoghi solitari 25». Egli risponde: «Ben lo so. Lasciatemi fare un po a mio senno 26». Il re ha fatto mettere la sella, ha cinto la spada, più volte rimpiange da sé solo l infamia che Tristano fece, quando gli ebbe preso Isotta la bella dal chiaro viso 27, con la quale se n è andato fuggitivo. Se egli li trova, molto li minaccerà, non tralascerà di far lor male. Il re è grandemente incitato 28 ad uccidere: ed è gran peccato. Dalla città se n è uscito e disse che preferirebbe essere impiccato piuttosto che non prender vendetta di coloro che gli han fatto tale infamia. Alla Croce viene, dove quello l attende, e gli dice che vada prestamente e che lo meni per la diritta via. Nel bosco entran che è molto ombroso. Davanti al re si mette la spia; il re lo segue, che ben si fida della spada che ha cinta, con cui ha dato più d un colpo. Egli fa cosa troppo temeraria, ché se Tristano si fosse svegliato, e il nipote con lo zio venisse a rissa, prima che terminasse, uno morirebbe. Al boscaiolo dice il re Marco che gli darà venti marchi d argento 29 se lo mena tosto al suo crimine 30. Il boscaiolo (che onta abbia! 31 ), dice che presso son a lor bisogna 32. Da buon cavallo, nato da Guascogna 33, fa la spia il re discendere, dall altra parte corre il destriero a prendere. Al ramo d un verde melo le redini lega del destriero. 13. Morrese: vasta foresta nei domini del re Marco. 14. saremo... vendicati: ci vendicheremo di loro. 15. s or... terra: se adesso non ti vendichi crudelmente, non sei degno di governare il tuo regno. 16. caro... corpo: se ti è cara la vita. 17. al cammino fuori: fuori della strada. 18. colà m attendi: attendimi là. 19. te... fede: te ne assicuro, te lo prometto solennemente. 20. Mala... crepi: formula imprecativa, che si può rendere pressappoco con un brutto male gli rovini gli occhi. 21. onta: vergogna. 22. è gabbo questo che: è uno scherzo questo, cioè il fatto che. 23. per detto di spia: per le informazioni, che possono anche essere ingannevoli, di una spia. 24. pari: i nobili che erano al servizio del re e lo accompagnavano. 25. Catone... solitari: «si allude qui ai distici morali di Catone, tra i quali, tuttavia, questo consiglio è introvabile» (Bianchini). I Disticha Catonis (III-IV secolo d.c.), contenenti insegnamenti morali e attribuiti allo pseudo Dionisio Catone, ebbero vari volgarizzamenti nel corso del secolo XIII. 26. senno: piacimento. 27. la bella... viso: è una variante del tradizionale epiteto di Isotta, «la bionda». 28. incitato: propenso, nel senso quasi di eccitato. 29. marchi d argento: il marco era un antica moneta, usata in varie regioni d Europa. 30. crimine: il luogo in cui si sta commettendo la colpa, il delitto. 31. onta abbia!: abbia danno, venga svergognato. 32. presso... bisogna: sono vicini a, stanno per raggiungere il loro obiettivo. 33. nato da Guascogna: proveniente dalla Guascogna, regione francese situata a nord dei Pirenei. Béroul T2 Baldi, Giusso, Razetti, Zaccaria 2

3 Poi vanno avanti, finché han veduto la frascata verso la quale si son mossi. Il re slaccia suo mantello, le cui placche 34 son d oro fino; tolto se l è, molto bel corpo aveva. Dal fodero trae la spada fuori; irato si volge, più volte dice che vuol morire se non li uccide. Con la spada nuda, nella loggia 35 entra. Il boscaiolo entra dietro, a gran fretta presso il re accorre. Il re fa segno che se ne vada. Il re in alto il colpo levò; ira lo muove, poi gli passò. Il colpo sarebbe disceso su di loro: se li avesse uccisi sarebbe stato gran duolo 36, quando vide che essa aveva indosso la camicia, e che l un dall altro era spartito, una bocca con l altra non era congiunta, e quando vide la nuda spada che fra loro due li separava, e vide le brache che Tristano aveva: «Dio!» disse il re, «che può essere ciò? Or ho visto tanto del loro comportamento, Dio! non so che debba fare, o dell uccidere o del ritirarmi. Essi son nel bosco già da lungo tempo. Ben posso credere, se ho senno, che se s amassero follemente non avrebbero vestimenti, e fra loro due non vi sarebbe spada; diversa sarebbe questa riunione. Animo avevo d ucciderli: non li toccherò, ritirerò mia ira. Di folle amore non hanno animo 37. Non colpirò nessuno dei due, addormentati sono. Se da me fosser colpiti, troppo farei grande peccato. E se sveglio questo addormentato ed egli m uccide o io uccido lui, se ne farà laido 38 discorso. Io lor darò tal dimostrazione che prima che si sveglino certamente saper potranno che furono trovati addormentati e ch io ho avuto di lor pietà, e che io non li volli affatto uccidere, né io stesso, né gente 39 mia. Io vedo al dito alla regina l anello con la pietra smeraldina che le donai (è assai bello), ed io ne ho uno che fu suo: le toglierò il mio dal dito. Dei guanti di vaio 40 ho con me ch ella portò con sé d Irlanda; il raggio 41 che sulla faccia brilla (che le fa caldo) ne voglio coprire, e quando sarò per dipartire, prenderò di fra lor due la spada dalla quale al Moroldo 42 fu il capo tagliato». Il re s è slacciato i guanti, vede insieme i due dormienti, il raggio che su Isotta discende copre coi guanti molto cortesemente. L anello dal dito fuori comparve. Soavemente lo sfilò, senza che il dito si movesse. La prima volta vi era entrato a fatica, ora aveva le dità così gracili che se n è uscito senza far forza; molto ben seppe il re trarlo fuori. La spada che è fra lor due soavemente toglie, la sua vi mette. Dalla frascata se n è uscito fuori, al destriero salta sul dorso; al boscaiolo dice che se ne fugga, si allontana, se ne va. Se ne va il re, dormenti li lascia; e quella volta più non ha fatto. Ritornato è alla sua città. Da più parti gli fu domandato dove è stato e dove tanto tempo fu. Il re lor mente e punto 43 non si seppe dove fosse andato, né che cosa avesse cercato o fatto. Ma or udite degli addormentati che il re ebbe nel bosco lasciati. Or sembrava alla regina ch essa fosse in una gran foresta, dentro un ricco padiglione 44 : a lei venivano due leoni, che la volevano divorare. Essa voleva da lor mercé 45 implorare, ma i leoni, sfiniti dalla fame, ciascuno la prendeva per la mano. Dallo spavento che Isotta ne ha, gettò un grido e si svegliò. I guanti ornati di bianco ermellino le son caduti sul petto. Tristano, dal grido che ode, si sveglia, tutta la faccia aveva vermiglia. Spaventato si è, salta su in piedi; la spada prende come uomo adirato, riguarda il brando 46, la scheggia non vede: vede il pomo d oro che aveva, e riconobbe che è la spada del re. La regina vide al dito l anello che le aveva donato, il suo vide dal dito tolto. Essa gridò: «Sire, mercé! Il re ci ha trovati qui». Egli le risponde: «Madonna, è vero. Or ci conviene abbandonare il Morrese, perché molto colpevoli siamo. Mia spada egli ha, la mia si porta via; ben avrebbe potuto ucciderci». «Sire, è vero, così mi sembra». «Bella, non c è altro che fuggire. Ci lasciò per noi tradire; solo era, è andato per gente; prenderci pensa, veramente. Madonna, fuggiamo verso il Gallese 47. Il sangue mi fugge». Tutto divien pallido. Frattanto, ecco lo scudiero, che se ne veniva sul destriero. Vede che il suo signor pallido era, gli domanda che cosa aveva. 34. placche: lamine di metallo, spesso incise, che adornavano il mantello. 35. loggia: camera a pian terreno, aperta sul davanti. 36. duolo: dolore. 37. Di folle... animo: il loro atteggiamento non è quello di un amore sensuale, sfrenato. 38. laido: vergognoso, disonorevole. 39. gente: servitori, soldati. 40. vaio: pelle di scoiattolo. 41. il raggio: del sole. 42. Moroldo: il malvagio gigante, zio di Isotta la Bionda, incaricato di riscuotere un tributo di giovinetti che la Cornovaglia doveva all Irlanda; Tristano ebbe il coraggio di sfidarlo e l uccise, decapitandolo. 43. punto: affatto. 44. padiglione: tenda (per persone di alto rango). 45. mercé: grazia, pietà. 46. brando: spada (la scheggia è la pietra preziosa incastonata nella spada di Tristano). 47. Gallese: la regione del Galles, i cui signori erano vassalli di re Marco. Béroul T2 Baldi, Giusso, Razetti, Zaccaria 3

4 «In fede, maestro 48, Marco il gentile ci ha trovati qui addormentati; sua spada lascia e la mia si porta. Temo che mediti fellonia 49. Dal dito d Isotta l anello, il buono, via ha portato; le lascia il suo: da questo cambiamento possiamo notare, maestro, che egli ci vuole ingannare. Perché era solo quando ci trovò, paura gli prese, e se ne andò. A cercar uomini se ne è andato indietro, dei quali egli ha molti, baldi e fieri. Li porterà, uccidere vuole e me e la regina Isotta; davanti al popolo, ci vuol prendere, farci ardere e spargere le ceneri. Fuggiamo, non dobbiamo indugiare». Non avevano di che indugiare. Hanno paura e più non resistono; il re conoscono fellone e aggressivo. Andati se ne sono a buon andatura, il re temono per quanto può avvenire. Il Morrese trapassano, grandi giornate 50 per paura fanno, diritto verso il Gallese se ne sono andati. Molto li avrà amore tormentati: tre anni pieni soffriron pena, la carne impallidì e venne meno. Trad. it. di A. Bianchini, in Romanzi medievali d amore e d avventura, Garzanti, Milano maestro: Governal era stato anche l educatore di Tristiano. 49. fellonia: un azione vile e malvagia, come quella della vendetta. Tristano non capisce il carattere generoso e magnanimo del comportamento del re. 50. giornate: di cammino. ANALISI DEL TESTO T2 Il triangolo amoroso: Isotta, Tristano e re Marco Il narratore eterodiegetico Giudizi del narratore Punto di vista del re Marco In queste pagine si possono cogliere alcuni elementi essenziali che, sul piano della dialettica romanzesca, caratterizzano il triangolo della vicenda amorosa: la notte trascorsa insieme dai due amanti, che giacciono profondamente addormentati; la loro scoperta da parte di un boscaiolo (questa figura assolve ad una funzione puramente strumentale), che li denuncia al re Marco; l intervento del re, che, nel vederli, sente diminuire la sua collera e rinuncia ad una vendetta cruenta; il risveglio di Tristano ed Isotta, che, accortisi di essere stati scoperti dal sovrano, e temendo la sua persecuzione, decidono di riprendere la fuga. Il narratore eterodiegetico fornisce al lettore, la cui attenzione sollecita esplicitamente con frequenti «Udite», molti particolari sulla vicenda; di conseguenza il lettore, al contrario dell ingenuo e sprovveduto re Marco, è in grado di valutarla nel suo esatto significato. Innanzitutto spiega che la spada sguainata sul letto tra i due corpi non è simbolo di castità, ma è la conseguenza di un semplice, meccanico gesto di Tristano, che al ritorno dalla caccia, molto stanco, si è coricato a fianco di Isotta con le «sue brache», mentre la donna indossa la «camicia». Il sonno allontanerà i corpi dei due giovani inizialmente avvinti. Il narratore esprime espliciti giudizi sulla vicenda, quando ad esempio si compiace che Isotta si è coricata vestita («se essa fosse stata quel giorno nuda, disgrazia lor sarebbe accaduta») o si rammarica del desiderio del re Marco di uccidere gli amanti («Il re è grandemente incitato ad uccidere; ed è gran peccato»). Interessante è osservare la sequenza con la quale il narratore descrive re Marco dentro alla capanna mentre sta per colpire con la spada i giovani che dormono: si ripetono gli elementi che già il narratore ha fornito all inizio del racconto: Sua camicia ebbe Isotta vestita essa aveva indosso la camicia Tristano trae sua spada... posata nuda spada li separava Tristano sue brache aveva brache che Tristano aveva Nell ottica del re, però, determinati particolari dell abbigliamento conferiscono al comportamento dei due giovani un innocente significato; re Marco allora si sente in colpa per aver voluto uccidere i due e si accomiata da essi, sostituendo la spada e l anello e lasciando sul corpo di Isotta i guanti di vaio. Le ripetizioni, precedentemente segnalate, indicano la natura popolare della narrazione, che si serve di questo espediente per fissare meglio nella mente del lettore-ascoltatore (la trasmissione di questi testi era anche orale) certi particolari. Béroul T2 Baldi, Giusso, Razetti, Zaccaria 4

5 Ritratto di re Marco Il sogno di Isotta è chiaramente profetico, tanto che al risveglio i giovani capiscono con terrore che il re li ha visitati e, interpretando i vari segni di benevolenza del re nel senso opposto, fuggono angosciati. L alternarsi del punto di vista (quello del narratore, quello del boscaiolo, infine quello del re) conferisce dinamicità al racconto e nello stesso tempo tiene desto l interesse del lettore. Particolare attenzione merita il comportamento di re Marco, che nell intera vicenda, a differenza di Tristano, non rappresenta la figura del perfetto cavaliere: macchiatosi di «fellonia», mostra anche in questo episodio la sua indole calcolatrice e insicura, ad esempio quando si preoccupa delle parole della gente. Non mancano in lui, tuttavia, impulsi generosi, che riguardano sia la lealtà nei confronti del nipote Tristano, suo coraggioso e fedele cavaliere, sia il rispetto che l amore dei due giovani impone anche a lui. Di qui il suo carattere contraddittorio e l oscillare delle sue reazioni, dettate da impulsi contrastanti: la gelosia del marito tradito e, alternativamente, il fascino e l ammirazione esercitati da una passione che supera i comuni sentimenti umani, imponendosi a tutte le forze della realtà, compresa la morte. Queste reazioni, tuttavia, non vanno considerate alla stregua di un approfondimento psicologico: esse rientrano in una precisa codificazione letteraria (il dissidio fra amore adultero e amore matrimoniale) e risultano, per un altro verso, funzionali allo svolgimento del racconto. T2 PROPOSTE DI LAVORO 1 2 Individuare tutti i punti della narrazione in cui il narratore esprime giudizi espliciti o impliciti sui personaggi. Ci sono delle precise indicazioni temporali e spaziali o questi particolari restano indefiniti? 3 4 I tre personaggi principali (Tristano, Isotta e re Marco) hanno una precisa caratterizzazione psicologica? Sono descritti fisicamente? Qual è il sistema dei personaggi rappresentati? Rintracciare nel testo i giudizi espressi su re Marco dal narratore e quelli espressi da Tristano e Isotta; riflettere poi sul comportamento del re: quale personaggio ne scaturisce? 5 In quale misura l amore tra Tristano e Isotta corrisponde a quello teorizzato da Andrea Cappellano nel De amore? Béroul T2 Baldi, Giusso, Razetti, Zaccaria 5

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

Un uomo mandato da Dio

Un uomo mandato da Dio Bibbia per bambini presenta Un uomo mandato da Dio Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: E. Frischbutter; Sarah S. Tradotta da: Eliseo Guadagno Prodotta da: Bible for

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI

IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI RIVA DEL GARDA, 14 NOVEMBRE 2013 IL MORIRE: IL VISSUTO DELLA PERSONA MALATA ED E I SUOI FAMILIARI Dott.ssa Mara Marchesoni Hospice Amedeo Bettini Medico Da soli o insieme Tutte le persone sono diverse

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina Voce fuori campo: Nell ora presente,noi siamo forse alla vigilia del giorno nel quale l Austri si butterà sulla Serbia e dall ora l Austria e la Germania gettandosi sui serbi e sui russi è l Europa in

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore. MARIA DISCEPOLA DELLA PAROLA E MAESTRA DI PREGHIERA + Dal Vangelo secondo Luca 1,26-56 In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli