ENERGIA ELETTRICA: AGGIORNAMENTI NORMATIVI E OPPORTUNITÀ DI RISPARMIO. Milano, 22 ottobre 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENERGIA ELETTRICA: AGGIORNAMENTI NORMATIVI E OPPORTUNITÀ DI RISPARMIO. Milano, 22 ottobre 2009"

Transcript

1 ENERGIA ELETTRICA: AGGIORNAMENTI NORMATIVI E OPPORTUNITÀ DI RISPARMIO Milano, 22 ottobre

2 Programma OBBIETTIVI DELL'INCONTRO EFFICIENZA ENERGETICA: DETRAZIONI FICALI SUGLI EDIFICI DETRAZIONI FISCALI SUI MOTORI I CERTIFICATI BIANCHI AUDIT ENERGETICO UN CASO REALE FONTI RINNOVABILI: LE FONTI RINNOVABILI E LA DIRETTIVA I MECCANISMI INCENTIVANTI ALLE FONTI RINNOVABILI CONCLUSIONI BOLLETTA ELETTRICA E MERCATO LIBERO POSSIBILITÀ DI RISPARMIO "SFRUTTANDO" IL MERCATO LIBERO DOMANDE E COMMENTI 2

3 OBBIETTIVI DELL'INCONTRO EFFICIENZA ENERGETICA: DETRAZIONI FICALI SUGLI EDIFICI DETRAZIONI FISCALI SUI MOTORI I CERTIFICATI BIANCHI AUDIT ENERGETICO UN CASO REALE FONTI RINNOVABILI: LE FONTI RINNOVABILI E LA DIRETTIVA I MECCANISMI INCENTIVANTI ALLE FONTI RINNOVABILI CONCLUSIONI BOLLETTA ELETTRICA E MERCATO LIBERO POSSIBILITÀ DI RISPARMIO "SFRUTTANDO" IL MERCATO LIBERO DOMANDE E COMMENTI 3

4 L efficienza energetica I motivi per puntare sull efficienza energetica negli edifici commerciali (terziario) Qualche dato (energia termica+energia elettrica) Consumo energia (suddiviso per settori) Suddivisione dei consumi del settore terziario 28% 2% 7% Terziario 32% Trasporto Industria Agricoltura Altro 18% Climatizzazione Illuminazione, PC, 31% 82% 4

5 L efficienza energetica I motivi per puntare sull efficienza energetica nei comparti produttivi Qualche dato (energia elettrica) Consumo energia elettrica (suddiviso per settori) 2% 21% 29% 48% Agricoltura Industria Terziario Domestico 5

6 OBBIETTIVI DELL'INCONTRO EFFICIENZA ENERGETICA: DETRAZIONI FICALI SUGLI EDIFICI DETRAZIONI FISCALI SUI MOTORI I CERTIFICATI BIANCHI AUDIT ENERGETICO UN CASO REALE FONTI RINNOVABILI: LE FONTI RINNOVABILI E LA DIRETTIVA I MECCANISMI INCENTIVANTI ALLE FONTI RINNOVABILI CONCLUSIONI PAUSA BOLLETTA ELETTRICA E MERCATO LIBERO POSSIBILITÀ DI RISPARMIO "SFRUTTANDO" IL MERCATO LIBERO DOMANDE E COMMENTI 6

7 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Introdotto dalla Finanziaria 2007 (L. 296/06) Prorogato dalla Finanziaria 2008 (L.244/07) fino a 31/12/10 In cosa consiste? Nella detrazione fiscale del 55% sulle spese sostenute per l intervento di riqualificazione energetica, da ripartire in 5 rate annuali su edifici esistenti già dotati di impianti di riscaldamento. 7

8 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Chi può usufruirne? Persone fisiche, società di persone, società di capitali, associazioni, enti pubblici e privati Ma è importante sapere che... le agevolazioni non sono cumulabili con le detrazioni fiscali del 36% per gli interventi per il recupero del patrimonio edilizio; è cumulabile con contributi locali; è cumulabile con finanziamenti e bandi locali. 8

9 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica 1. Riqualificazione energetica degli edifici esistenti 2. Interventi sugli involucri degli edifici 3. Installazione di pannelli solari 4. Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale 9

10 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica 1. Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Detrazione massima: (pari ad una spesa di ) Sono incentivati gli interventi che permettono il raggiungimento di un indice di prestazione energetica (kwh/m3 anno) per la climatizzazione invernale non superiore ai valori riportati nell allegato A del DM 31/03/2008. Valori validi fino al 31/12/09 10

11 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Valori validi dal 01/01/10 Requisiti richiesti l edificio sia già esistente, accatastato regolarmente e dotato di impianti per la climatizzazione invernale. la detrazione dovrà riguardare l intero edificio e non le singole unità immobiliari e necessariamente dovrà prevedere la centralizzazione degli impianti di riscaldamento. 11

12 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Interventi Questo tipo di detrazione può essere ottenuta da una combinazione di più interventi che permettano il raggiungimento degli indici di prestazione (interventi sugli impianti di climatizzazione, sulla coibentazione dell edificio, su impianti di cogenerazione). Documentazione da inviare all ENEA Entro 90 gg successivi alla fine dei lavori: Attestato di qualificazione energetica (Allegato A); Scheda informativa dell intervento (Allegato E). 12

13 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Documentazione da inviare all Agenzia delle Entrate Comunicazione necessaria esclusivamente per i lavori che proseguono oltre il periodo di imposta Documentazione da conservare Asseverazione redatta da un tecnico abilitato nel quale venga assicurato il raggiungimento dell indice; Fatture; Ricevuta bonifico bancario o postale; Ricevuta dell invio effettuato all ENEA. 13

14 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica 2. Interventi sugli involucri degli edifici Detrazione massima: (pari ad una spesa di ); Sono incentivati la sostituzione di vetri e infissi e interventi di rifacimento dell involucro che delimitano l edificio dall esterno o da un locale non riscaldato; Gli interventi devono assicurare un valore di trasmittanza (W/m2*K) inferiore ai valori riportati nella tabella B del DM 31/03/

15 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Valori validi fino al 31/12/09 Valori validi dal 01/01/10 15

16 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Requisiti richiesti l edificio sia già esistente, accatastato regolarmente e dotato di impianti per la climatizzazione invernale. gli interventi ammissibili devono configurarsi come sostituzione e no nuova istallazione. Interventi Sostituzione di vetri, infissi e parti accessorie; Coibentazione pareti esterne, soffitti, solai. 16

17 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Documentazione da inviare all ENEA Entro 90 gg successivi alla fine dei lavori: Attestato di qualificazione energetica (Allegato A); Scheda informativa dell intervento (Allegato E). Documentazione da inviare all Agenzia delle Entrate Comunicazione necessaria esclusivamente per i lavori che proseguono oltre il periodo di imposta 17

18 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Documentazione da conservare Asseverazione redatta da un tecnico abilitato; Certificazione redatta dal produttore dell infisso; Documento che attesti il valore di trasmittanza della componente sotituita; Fatture; Ricevuta bonifico bancario o postale; Ricevuta dell invio effettuato all ENEA. 18

19 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica 3. Istallazione pannelli solari Detrazione massima: (pari ad una spesa di ); E incentivata l installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici ed industriali; I pannelli e i bollitori siano garantiti per 5 anni; Accessori e componenti tecnici siano garantiti per 2 anni; I pannelli siano certificati UNI EN 12975/12976 da un organismo di un paese EU; l edificio sia già esistente, accatastato regolarmente e dotato di impianti per la climatizzazione invernale. 19

20 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Documentazione da inviare all ENEA Entro 90 gg successivi alla fine dei lavori: Scheda informativa dell intervento (Allegato F). Documentazione da inviare all Agenzia delle Entrate Comunicazione necessaria esclusivamente per i lavori che proseguono oltre il periodo di imposta 20

21 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Documentazione da conservare Asseverazione redatta da un tecnico abilitato; Certificazione redatta dal produttore dell infisso; Fatture; Ricevuta bonifico bancario o postale; Ricevuta dell invio effettuato all ENEA. 21

22 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica 4. Sostituzione impianto di climatizzazione invernale Detrazione massima: (pari ad una spesa di ); Sono incentivati la sostituzione di vecchi generatori con nuovi impianti (pompe di calore, caldaie a condensazione, impianti geotermici a bassa temperatura); Requisiti richiesti l edificio sia già esistente, accatastato regolarmente e dotato di impianti per la climatizzazione invernale. gli interventi ammissibili devono configurarsi come sostituzione e no nuova istallazione. 22

23 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Requisiti richiesti La caldaia a condensazione può essere ad aria o ad acqua; Deve essere adottato un bruciatore di tipo modulante; La regolazione climatica deve agire direttamente sul bruciatore; Deve essere installata una pompa eletronica a giri variabili; Le pompe di calore devono avere un coefficiente di prestazione COP e un indice EER pari almeno ai valori indicati in Allegato I al DM ridotti di 5% se installato un inverter e la pompa è elettrica. 23

24 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Documentazione da inviare all ENEA Entro 90 gg successivi alla fine dei lavori: Scheda informativa dell intervento (Allegato E). Documentazione da inviare all Agenzia delle Entrate Comunicazione necessaria esclusivamente per i lavori che proseguono oltre il periodo di imposta 24

25 L efficienza energetica Il decreto edifici: Le agevolazioni sulla riqualificazione energetica Documentazione da conservare Asseverazione redatta da un tecnico abilitato; Certificazione redatta dal produttore dell infisso; Fatture; Ricevuta bonifico bancario o postale; Ricevuta dell invio effettuato all ENEA. 25

26 OBBIETTIVI DELL'INCONTRO EFFICIENZA ENERGETICA: DETRAZIONI FICALI SUGLI EDIFICI DETRAZIONI FISCALI SUI MOTORI I CERTIFICATI BIANCHI AUDIT ENERGETICO UN CASO REALE FONTI RINNOVABILI: LE FONTI RINNOVABILI E LA DIRETTIVA I MECCANISMI INCENTIVANTI ALLE FONTI RINNOVABILI CONCLUSIONI PAUSA BOLLETTA ELETTRICA E MERCATO LIBERO POSSIBILITÀ DI RISPARMIO "SFRUTTANDO" IL MERCATO LIBERO DOMANDE E COMMENTI 26

27 Il decreto motori L efficienza energetica Introdotto dalla Finanziaria 2007 (L. 296/06) Prorogato dalla Finanziaria 2008 (L.244/07) fino a 31/12/10 In cosa consiste? Nella detrazione fiscale del 20% sulle spese sostenute per l installazione di motori elettrici ad alta efficienza e di inverter (accoppiati a motori elettrici), da ripartire in 5 rate annuali. 27

28 L efficienza energetica Il decreto motori: Installazione di motori elettrici Gli interventi agevolati 1. Acquisto ed installazione di motori ad alta efficienza di potenza compresa tra 5 e 90 kw. 2. Acquisto ed installazione di inverter (o variatori di velocità) di potenza compresa tra 7,5 e 90 kw. 28

29 L efficienza energetica Il decreto motori: Installazione di motori elettrici L agevolazione fiscale può essere ottenuta se i motori elettrici installati sono conformi ai valori di rendimento minimo (come da allegato A del DM 09/04/08): 29

30 L efficienza energetica Il decreto motori: Installazione di motori elettrici All art. 3, comma 4 (tab.1 )del DM 09/04/08 sono riportati i tetti massimi di spesa per acquisto e installazione di motori elettrici: 30

31 L efficienza energetica Il decreto motori: Installazione inverter Cos è un inverter? E un apparato elettonico in grado di convertire corrente continua in alternata, oppure, se accoppiato a motori elettrici, è in grado di modificare la tensione. Perché installare un inverter? L inverter permette di variare la velocità dei motori elettrici che solitamente funzionano a velocità fissa: in tal modo il livello di carico di lavoro richiesto al motore viene correlato alla potenza assorbita. 31

32 L efficienza energetica Il decreto motori: Installazione inverter All art., 6, comma 4 (tab.2) del DM 09/04/08 sono riportati i tetti massimi di spesa per acquisto e installazione di inverter: 32

33 L efficienza energetica Il decreto motori: Installazione inverter Documentazione da inviare all Enea Entro il 28 febbraio dell anno successivo al periodo di imposta nel quale sono state sostenute le spese è necessario inviare la scheda riepilogativa di intervento. Documentazione da conservare Fatture di installazione e acquisto delle apparecchiature. Certificazione del costruttore con indicazione del rendimento (per i motori elettrici). 33

34 OBBIETTIVI DELL'INCONTRO EFFICIENZA ENERGETICA: DETRAZIONI FICALI SUGLI EDIFICI DETRAZIONI FISCALI SUI MOTORI I CERTIFICATI BIANCHI AUDIT ENERGETICO UN CASO REALE FONTI RINNOVABILI: LE FONTI RINNOVABILI E LA DIRETTIVA I MECCANISMI INCENTIVANTI ALLE FONTI RINNOVABILI CONCLUSIONI PAUSA BOLLETTA ELETTRICA E MERCATO LIBERO POSSIBILITÀ DI RISPARMIO "SFRUTTANDO" IL MERCATO LIBERO DOMANDE E COMMENTI 34

35 Certificati Bianchi L efficienza energetica Aspetti generali I certificati bianchi attestano il risparmio di energia primaria valutati in tep (tonnellate equivalenti di petrolio) e hanno durata di 5 anni Soggetti obbligati: i distributori di energia elettrica e gas naturale Obbiettivi di risparmio energia elettrica e gas naturale [Mtep/anno]: L obbligo può essere soddisfatto: Attuando progetti di efficienza energetica Acquistando certificati bianchi 35

36 Certificati Bianchi L efficienza energetica Mercato dei Certificati Bianchi Domanda Distributori di energia elettrica e gas naturale Offerta Distributori di energia elettrica e gas naturale Società operanti nel settore dei servizi energetici (Esco - Energy Services Company) i soggetti che hanno ottemperato all obbligo di nomina dell energy manager (ai sensi dell articolo 19, comma 1, della legge 9 gennaio 1991, n. 10) ossia consumatori industriali con consumi superiori ai tep o del terziario con consumi superiori a tep di energia Enea valuta e verifica i progetti di efficienza energetica e autorizza il GME a emettere i certificati bianchi I certificati vengono scambiati in borsa oppure attraverso contratti bilaterali 36

37 Certificati Bianchi L efficienza energetica Novità D.lgs. 115/08: opportunità per le aziende Vengono introdotte alcune importanti agevolazioni al fine di incentivare interventi di efficienza energetica: 1. Sono stati stanziati 25 M per interventi realizzati da ESCo 2. Incentivi volumetrici e deroghe alle distanze dai confini (es: non vengono conteggiati ai fini volumetrici le parti di muratura eccedenti i 30 cm fino ad un massimo di 25 cm) 3. Semplificazioni autorizzativa per l installazione di impianti solari termici e fotovoltaici e di piccoli generatori eolici (es: non è più necessario in alcuni casi presentare la DIA, ma è sufficiente una comunicazione preventiva all amministrazione comunale) 37

38 L efficienza energetica I certificati bianchi Normativa DM 24/04/2001: Recepimento della direttiva 2001/1/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 22 gennaio 2001, che modifica la direttiva 70/220/CEE del Consiglio, relativa alle misure da adottare contro l'inquinamento atmosferico da emissioni dei veicoli a motore DM 20/07/2004: Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9, comma 1, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 DM 21/12/2007: Revisione e aggiornamento dei decreti 20 luglio 2004, concernenti l'incremento dell'efficienza energetica degli usi finali di energia, il risparmio energetico e lo sviluppo delle fonti rinnovabili. D.lgs. 115/08: Attuazione della direttiva 2006/32/CE relativa all'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici e abrogazione della direttiva 93/76/CEE. 38

39 OBBIETTIVI DELL'INCONTRO EFFICIENZA ENERGETICA: DETRAZIONI FICALI SUGLI EDIFICI DETRAZIONI FISCALI SUI MOTORI I CERTIFICATI BIANCHI AUDIT ENERGETICO UN CASO REALE FONTI RINNOVABILI: LE FONTI RINNOVABILI E LA DIRETTIVA I MECCANISMI INCENTIVANTI ALLE FONTI RINNOVABILI CONCLUSIONI PAUSA BOLLETTA ELETTRICA E MERCATO LIBERO POSSIBILITÀ DI RISPARMIO "SFRUTTANDO" IL MERCATO LIBERO DOMANDE E COMMENTI 39

40 Audit Energetico L efficienza energetica Cosa si intende per audit energetico? L audit energetico è uno strumento di analisi che permette di fotografare in maniera dettagliata lo stato dei consumi dell azienda, individuare le principali attività energivore presenti nel complesso produttivo sulle quali proporre un ventaglio di possibili intereventi per la riduzione dei consumi. trigenerazione pompa di calore motori elettrici pannelli solari cogenerazione infissi coibentazione caldaia a biomassa 40

41 Audit Energetico L efficienza energetica Fasi dell audit L audit energetico è suddiviso in 4 fasi distinte: 1. Inquadramento generale dell azienda e dall attività produttiva 2. Raccolta dei dati di consumo elettrici e termici 3. Analisi delle informazioni raccolte e visita in azienda 4. Individuazione delle aree di intervento 41

42 Audit Energetico L efficienza energetica 1. Inquadramento generale dell azienda e dall attività produttiva L inquadramento generale dell azienda permette di individuarne il settore di attività, la dimensione dell impresa, il numero di addetti, i periodi lavorativi, eventuali ridimensionamenti/ampliamenti futuri, Da tali dati è possibile avere una prima idea su quali aree siano maggiormente energivore e su di esse s incentrerà l audit energetico 42

43 Audit Energetico L efficienza energetica 2. Raccolta dei dati di consumo elettrici e termici Vengono raccolti i dati di consumo elettrico e termico in modo da avere una prima idea dei consumi energetici a livello generale, senza incentrarsi su specifiche aree. Si effettua un analisi dei consumi annuali In base a tali dati e all inquadramento generale è possibile svolgere l audit in azienda 43

44 Audit Energetico L efficienza energetica 3. Analisi delle informazioni raccolte Dopo l audit in azienda vengono analizzate tutte le informazione raccolte e si evidenziano le eventuali criticità: 44

45 Audit Energetico L efficienza energetica 4. Individuazione delle aree di intervento Vengono individuate le aree di intervento e vengono proposti alcuni possibili interventi per la riduzione dei consumi energetici, svolgendo una prima analisi di pre-fattibilità sia dal punto di vista tecnico che economico 45

46 OBBIETTIVI DELL'INCONTRO EFFICIENZA ENERGETICA: DETRAZIONI FICALI SUGLI EDIFICI DETRAZIONI FISCALI SUI MOTORI I CERTIFICATI BIANCHI AUDIT ENERGETICO UN CASO REALE FONTI RINNOVABILI: LE FONTI RINNOVABILI E LA DIRETTIVA I MECCANISMI INCENTIVANTI ALLE FONTI RINNOVABILI CONCLUSIONI PAUSA BOLLETTA ELETTRICA E MERCATO LIBERO POSSIBILITÀ DI RISPARMIO "SFRUTTANDO" IL MERCATO LIBERO DOMANDE E COMMENTI 46

47 L efficienza energetica Audit Energetico Analisi dei consumi energetici Alti consumi energetici per la climatizzazione estiva del reparto produttivo e degli uffici (mancanza di un sistema di controllo) 47

48 Audit Energetico L efficienza energetica Individuazione delle aree di intervento Nessuna coibentazione degli edifici Nessun sistema di controllo della temperatura e di funzionamento del sistema del climatizzatore Impianto di climatizzazione a bassa efficienza Possibili interventi 48

49 Audit Energetico L efficienza energetica Individuazione delle aree di intervento: possibili interventi 1. Installazione di un timer per il controllo del funzionamento dell impianto di climatizzazione: risparmio di ca sulla bolletta elettrica 2. Coibentazione degli edifici: spesa di ca , ritorno economico tra i 5 e i 7 anni 3. Installazione di una pompa di calore: spesa di ca , ritorno economico in 6 anni 4. Installazione di un impianto di trigenerazione (pompa di calore, impianto FV e coibentazione degli edifici): spesa di ca , ritorno economico in 6 anni. Nota bene: con la soluzione 4, i costi energetici passano da /anno a /anno. 49

50 OBBIETTIVI DELL'INCONTRO EFFICIENZA ENERGETICA: DETRAZIONI FICALI SUGLI EDIFICI DETRAZIONI FISCALI SUI MOTORI I CERTIFICATI BIANCHI AUDIT ENERGETICO UN CASO REALE FONTI RINNOVABILI: LE FONTI RINNOVABILI E LA DIRETTIVA I MECCANISMI INCENTIVANTI ALLE FONTI RINNOVABILI CONCLUSIONI PAUSA BOLLETTA ELETTRICA E MERCATO LIBERO POSSIBILITÀ DI RISPARMIO "SFRUTTANDO" IL MERCATO LIBERO DOMANDE E COMMENTI 50

51 Fonti Energetiche Rinnovabili Introduzione Fabbisogno di energia elettrica in Italia Richiesta: 330,9 TWh Prodotta da fonti rinnovabili: 16,7% Prodotta da fonti convenzionali: 71,5% (1,7% idrica da pompaggio) Import: 11,8% Perdite di rete: 6,3% Situazione italiana fonti rinnovabili 0% 8% 10% Solare Eolico 73% 9% Biomasse e rifiuti Geotermico Idrica Dati espressi in TWh (fonte: GSE, settembre 2009) 51

52 Fonti Energetiche Rinnovabili Obiettivi energetici dell Unione Europea 1. Riduzione del 20% delle emissioni di CO2 (rispetto ai valori del 2005) 1. Incremento dell efficienza energetica del 20% Obiettivi vincolanti 2. Energia prodotta da FER pari al 20% OBIETTIVO PER ITALIA: Energia prodotta da FER: 17% (nel 2005 l energia da FER era il 5,2%) 52

53 Fonti Energetiche Rinnovabili Position Paper del Governo Italiano Fonte energetica Produzione 2008 TWh Produzione 2020 TWh Incremento % Idraulica 39,68 43,15 8,7 Eolica 6,43 22,6 251 Biomasse e rifiuti 7,11 14,5 104 Geotermica 5,52 9,73 76,3 Solare 0,2 13, Energia dal mare Totale 59,24 104,18 75,86 Al momento non è stato ancora varato dal Governo Italiano un piano di burden sharing regionale delle fonti rinnovabili. 53

54 OBBIETTIVI DELL'INCONTRO EFFICIENZA ENERGETICA: DETRAZIONI FICALI SUGLI EDIFICI DETRAZIONI FISCALI SUI MOTORI I CERTIFICATI BIANCHI AUDIT ENERGETICO UN CASO REALE FONTI RINNOVABILI: LE FONTI RINNOVABILI E LA DIRETTIVA I MECCANISMI INCENTIVANTI ALLE FONTI RINNOVABILI CONCLUSIONI PAUSA BOLLETTA ELETTRICA E MERCATO LIBERO POSSIBILITÀ DI RISPARMIO "SFRUTTANDO" IL MERCATO LIBERO DOMANDE E COMMENTI 54

55 Fonti Energetiche Rinnovabili I meccanismi incentivanti alle fonti rinnovabili Finanziaria 2008, DM 18/12/08 e legge 99/09 (del 23 luglio 2009) Grandi e medi impianti ( P > 1 MW, P > 200 kw per eolici) Certificati verdi Piccoli impianti ( P < 1W, P < 200 kw per eolici) Tariffa omnicomprensiva Per gli impianti entrati in esercizio dopo 1 gennaio 2008: periodo di incentivazione di 15 anni energia incentivata differenziata per fonte incentivi non cumulabili con altri incentivi pubblici (dal 06/2009) 55

56 Fonti Energetiche Rinnovabili I meccanismi incentivanti alle fonti rinnovabili I certificati verdi: impianti di P > 1MW Caratteristiche fondamentali: 1. I CV hanno valore unitario di 1 MWh e durata triennale 2. Il numero totale dei CV viene calcolato in base alla produzione annua netta moltiplicata per il coefficiente moltiplicativo k 3. I CV vengono rilasciati per un periodo di: 15 anni per gli impianti FER entrati in esercizio dopo il 31/12/ anni per gli impianti termoelettrici entrati in esercizio dopo il 01/04/99 e dopo il 31/12/07 iniziano ad operare come centrali ibride 12 anni per impianti FER entrati in esercizio prima del 31/12/07 12 anni per gli impianti termoelettrici entrati in esercizio dopo il 1/4/99 e prima il 31/12/07 iniziano ad operare come centrali ibride 56

57 Fonti Energetiche Rinnovabili I meccanismi incentivanti alle fonti rinnovabili Caratteristiche fondamentali: 3. I CV vengono rilasciati per un periodo di: 8 anni per l energia elettrica non imputabile a fonti rinnovabile negli impianti di cogenerazione abbinati a teleriscaldamento 8 anni per l energia incentivata non ascrivibile ad alimentazione da FER per gli impianti anche ibridi entrati in esercizio prima del 31/12/06 4. Per gli impianti entrati in esercizio dopo il 30/06/09 non è possibile la cumulabilità con altri incentivi. Fanno eccezione gli impianti alimentati a biomasse di proprietà di aziende agricole o gestiti in connessione con aziende agricole la cui cumulabilità è per il 40% dell investimento. 5. I CV possono essere richiesti: a consuntivo: in base all energia effettivamente prodotta dall impianto nell anno precedente a quello di emissione; a preventivo: in base alla producibilità netta attesa dall impianto (in tal caso è necessaria una fideiussione bancaria). 57

58 Fonti Energetiche Rinnovabili I meccanismi incentivanti alle fonti rinnovabili L energia elettrica prodotta da impianti a fonte rinnovabile entrati in esercizio dopo il 31/12/2007 di potenza superiore a 1MW (200 kw per gli impianti eolici) viene incentivata dal meccanismo dei certificati verdi (CV) per un periodo di 15 anni. Numero di CV = energia netta (MWh) x coefficienti moltiplicativi k I fattori moltiplicativi k (post modifiche L. 99/09): 58

59 Fonti Energetiche Rinnovabili I meccanismi incentivanti alle fonti rinnovabili Obbligo certificati verdi: modifiche L. 99/09 Il decreto Bersani (D. lgs. 79/99) aveva imposto la quota d obbligo di energia rinnovabile per i produttori di energia elettrica per il periodo : La L. 99/09 ha trasferito dal 2011 l obbligo dai produttori ai soggetti titolari di contratto di dispacciamento in prelievo (grossisti). Per la prima parte del 2010 è previsto il decreto del MSE che rimodulerà gli obblighi minimi. 59

60 Fonti Energetiche Rinnovabili I meccanismi incentivanti alle fonti rinnovabili Il mercato dei CV i CV possono essere scambiati: sull apposito mercato organizzato dal Gestore del Mercato Elettrico (GME) tra i soggetti obbligati a consegnarli al GSE ed i soggetti titolati a riceverli dal GSE in quanto produttori di elettricità da fonti rinnovabili. mediante contratti bilaterali tra i soggetti detentori dei CV ed i soggetti all obbligo. Il GSE emette i CV agli impianti di produzione da fonte rinnovabile qualificati IAFR Il prezzo dei CV si forma sul mercato 60

61 Fonti Energetiche Rinnovabili I meccanismi incentivanti alle fonti rinnovabili Il GSE su richiesta del produttore ritira i CV in scadenza nell anno in eccesso rispetto all obbligo; il prezzo medio annuale è quello relativo alle contrattazioni di tutti i CV indipendentemente dall anno di riferimento scambiati l anno precedente Nell anno 2009, il GSE ritira i CV del 2006, 2007, 2008 al prezzo medio del triennio precedente all anno nel quale viene presentata richiesta di ritiro. Per l anno 2009, il GSE ritira i CV al prezzo di 98 /MWh al netto di IVA. 61

62 Fonti Energetiche Rinnovabili I meccanismi incentivanti alle fonti rinnovabili La tariffa omnicomprensiva L energia elettrica prodotta da impianti a fonte rinnovabile di potenza inferiore a 1MW, viene incentivata per un periodo di 15 anni con una tariffa fissa omnicomprensiva. Le tariffe omnicomprensive (post modifiche L. 99/09): Le tariffe omnicomprensive sono riviste ogni 3 anni dal MSE. 62

63 Fonti Energetiche Rinnovabili I meccanismi incentivanti alle fonti rinnovabili Normativa D. lgs. N.79/99 (Decreto Bersani): introduzione dell obbligo all immissione da parte dei produttori di energia rinnovabile e creazione del mercato dei CV D. lgs. 387/09: ricezione della Direttiva EU 2001/77/CE per la promozione delle fonti rinnovabili DM 24/10/05: nuove disposizioni per la qualificazione di impianti da fonte rinnovabile (IAFR) e emissione dei CV DM 21/12/07: procedure delle nuove disposizioni del DM 24/10/05 L. 296/06 (finanziaria 2007): prevede finanziamenti ed incentivi per le fonti rinnovabili L. 244/07 (finanziaria 2008): proroga dei finanziamenti e degli incentivi e modalità di calcolo della quota parte di energia prodotta da fonte rinnovabile in impianti misti DM 18/12/08: abroga il DM 24/10/05 e introduce nuovi meccanismi di incentivazione a partire dal 1/1/08 63

64 Il solare fotovoltaico Il Conto Energia Fonti Energetiche Rinnovabili L energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici è incentivata attraverso il conto energia che premia, con una tariffa incentivante, tutta l energia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici per vent anni indipendentemente che venga autoconsumata o venduta. Il primo Conto Energia Il primo periodo di funzionamento del Conto Energia in Italia (19 settembre giugno 2006) è stato caratterizzato da una fase preliminare di ammissione alle tariffe, da limiti annuali sulla potenza incentivabile e dagli obblighi derivanti da una serie di adempimenti, successivi all ammissione, per l entrata in esercizio degli impianti. Grazie al primo conto energia sono stati installati circa 95,5 MW ( kw) di potenza fotovoltaica. 64

65 Il solare fotovoltaico Fonti Energetiche Rinnovabili La nuova fase di funzionamento del Conto Energia è iniziata il 13 aprile Il nuovo meccanismo presenta alcune novità tra cui: differenziazione delle tariffe sulla base dell integrazione architettonica e della taglia dell impianto; introduzione di un premio per impianti fotovoltaici abbinati ad un uso efficiente dell energia; abolizione del limite massimo di potenza incentivabile per singolo impianto; nessuna limitazione all utilizzo della tecnologia fotovoltaica a film sottile. Gli incentivi sono erogati fino al raggiungimento di MW di potenza installata al 2010 (attualmente abbiamo realizzato poco meno della metà). 65

66 Il solare fotovoltaico Fonti Energetiche Rinnovabili Le tariffe incentivanti erogate per venti anni agli impianti entrati in esercizio entro il 31 dicembre 2009 sono riportate nella tabella che segue. Potenza nominale dell impianto (P) 1 P 3 3 P 20 P>20 Impianti non integrati Tariffe Incentivanti Impianti parzialmente integrati Impianti architettonicamente integrati Per gli impianti che entrano in esercizio dal primo gennaio 2010, per ogni anno successivo, vengono riconosciute le tariffe sopra riportate a cui è applicata una decurtazione del 2% all anno. 66

67 Il solare fotovoltaico Fonti Energetiche Rinnovabili Il nuovo conto energia introduce un meccanismo premiale che va ad incrementare la tariffa incentivante, se: l edifico a cui viene erogata l energia elettrica prodotta dall impianto fotovoltaico si avvale del servizio di scambio sul posto; lo stesso edificio è sottoposto ad interventi che permettono di ridurre i consumi energetici. L incremento della tariffa incentivante è proporzionale al risparmio energetico conseguito che deve essere almeno del 10%. Inoltre la rimozione dell eternit presente sulla copertura degli edifici, contestuale all installazione dell impianto fotovoltaico, comporta un aumento della tariffa incentivante del 5%. 67

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI...

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI... TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015 TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 BARI ENERGIA Srl Via Junipero Serra, 19 - CAP 70125 Bari (BA) C.F./P.I. 07383800724 2 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS 2015 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS

Dettagli

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015) CRITERI GENERALI PER LA DEFINIZIONE DI REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento Documento per la consultazione (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento

REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento INDICE PREMESSA 4 1 INTERVENTI SU IMPIANTI INCENTIVATI IN CONTO ENERGIA 6 1.1 SPOSTAMENTO DELL IMPIANTO 7 1.2

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M.

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. 20 luglio 2004 Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Comune di CELLE LIGURE (SV) REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE MAGAZZINO PALAZZETTO TRIBUNA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE Impianto: Impianto

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici PROCEDURE APPLICATIVE DEL D.M. 6 luglio 2012 CONTENENTI I REGOLAMENTI OPERATIVI PER LE PROCEDURE

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 21 febbraio 2008 - ARG/elt 18/08 Perequazione dei costi di approvvigionamento dell energia elettrica per il servizio di maggior tutela e definizione dei meccanismi di conguaglio tra l Acquirente

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli