DELIB.G.R. 7 MARZO 2006, N. 161 L.R. N. 45/ DIRETTIVE PER L'APPLICAZIONE DEL PIANO REGIONALE DELLO SPETTACOLO PER L'ANNO 2006.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIB.G.R. 7 MARZO 2006, N. 161 L.R. N. 45/2000 - DIRETTIVE PER L'APPLICAZIONE DEL PIANO REGIONALE DELLO SPETTACOLO PER L'ANNO 2006."

Transcript

1 DELIB.G.R. 7 MARZO 2006, N. 161 L.R. N. 45/ DIRETTIVE PER L'APPLICAZIONE DEL PIANO REGIONALE DELLO SPETTACOLO PER L'ANNO Pubblicata nel B.U. Toscana 29 marzo 2006, n. 13, parte seconda. La Giunta regionale Vista la L.R. 28 marzo 2000, n. 45 "Norme in materia di promozione delle attività nel settore dello Spettacolo in Toscana" e successiva modificazione ed integrazione, L.R. 27 gennaio 2004, n. 6; Richiamata la Delib.C.R. 12 gennaio 2005, n. 2 con la quale si approva il Piano regionale dello spettacolo per il triennio ; Vista la Delib.G.R. 27 febbraio 2006, n. 141 con la quale si approva il Documento di Attuazione per l'anno 2006 del Piano regionale dello spettacolo; Considerato che il Piano dello Spettacolo per il triennio stabilisce i requisiti che devono possedere i soggetti che intendono concorrere a finanziamento regionale nei settori della prosa, della musica e della danza; Considerato che nel suddetto Piano, al capitolo IV. Procedure di attuazione, si prevedono forme di finanziamento di tipo annuale sia per gli Enti e le Fondazioni di rilevanza nazionale e regionale che per i progetti proposti a finanziamento regionale, limitatamente alle categorie "Giovani formazioni", e finanziamenti pluriennali per le altre categorie; Rilevata pertanto la necessità di stabilire i criteri e le modalità per la richiesta di contributo da parte degli Enti di rilevanza regionale e nazionale e dei progetti proposti a finanziamento regionale; Considerato che il Documento di Attuazione del Piano regionale dello Spettacolo per l'anno 2006 determina in Euro ,21 l'ammontare delle risorse annue necessarie alla realizzazione degli interventi previsti; Preso atto che con Delib.G.R. 27 febbraio 2006, n. 141 viene definito l'intervento finanziario della Regione Toscana per l'applicazione del Piano regionale dello Spettacolo per l'anno 2006 relativamente agli Enti e Fondazioni di rilevanza regionale ed ai progetti proposti a finanziamento regionale, di cui all'allegato A) che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; Preso atto che il finanziamento da destinare ai tre settori d'intervento previsti dalla L.R. n. 45/2000 e successive modificazioni ed integrazioni, per l'anno 2006 è pari ad euro ,00. La rimanente somma di Euro ,21 verrà successivamente assegnata sulla base di futuri atti deliberativi;

2 Precisato che le succitate Direttive rimandano a successivo atto dirigenziale la definizione delle modalità per la richiesta di contributo regionale, e la relativa modulistica, per gli Enti e Fondazioni di rilevanza regionale ed per i progetti proposti a finanziamento regionale; Dato atto che con successivo atto deliberativo della Giunta regionale, si provvederà all'approvazione dei progetti di iniziativa regionale, ripartendo tra gli stessi le risorse ad essi destinate, pari a Euro ,00; A voti unanimi Delibera 1. di approvare, in ordine alla definizione dell'intervento finanziario della Regione Toscana, le Direttive per l'applicazione del Piano regionale dello Spettacolo per l'anno 2006 relative agli Enti e Fondazioni di rilevanza regionale ed ai progetti proposti a finanziamento regionale, di cui all'allegato A) che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 2. di dare atto che le risorse finanziarie complessive destinate all'attuazione del Piano regionale dello spettacolo, L.R. 28 marzo 2000, n. 45, "Norme in materia di promozione della attività nel settore dello spettacolo in Toscana" e successive modificazioni e integrazioni, per l'anno 2006 sono di ,21 euro; 3. di dare atto che il finanziamento da destinare ai tre settori d'intervento previsti dalla L.R. n. 45/2000 e successive modificazioni ed integrazioni, per l'anno 2006 è pari ad euro ,00. La rimanente somma di Euro ,21 verrà successivamente assegnata sulla base di futuri atti deliberativi; 4. di dare atto che con successivo atto dirigenziale si provvederà all'approvazione delle modalità per la presentazione delle domande di contributo da parte degli Enti di rilevanza regionale e dei progetti proposti a finanziamento regionale [1]; 5. di dare atto che con successivo atto deliberativo della Giunta regionale, si provvederà all'approvazione dei progetti di iniziativa regionale, ripartendo tra gli stessi le risorse ad essi destinate. Il presente provvedimento, soggetto a pubblicità ai sensi della L.R. n. 9/1995, art. 41, comma 1, lettera b), è pubblicato per intero, compreso l'allegato A, sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana, ai sensi della L.R. n. 18/1996, art. 3, comma 1. [1] N.d.r. Il decreto dirigenziale 9 marzo 2006, n. 980, è pubblicato nella Parte Terza del presente Bollettino Allegato A

3 Direttive per l'applicazione del piano regionale dello spettacolo per l'anno 2006 relative agli enti e fondazioni di rilevanza regionale ed ai progetti proposti a finanziamento regionale Premessa Il quadro normativo e programmatico di riferimento è costituito dalla L.R. 28 marzo 2000, n. 45 "Norme in materia di promozione della attività nel settore dello spettacolo in Toscana" e successive modificazioni e integrazioni, e dal "Piano regionale dello spettacolo per il triennio ", approvato con Delib.C.R. 12 gennaio 2005, n. 2 e relativo Documento di Attuazione del Piano regionale per il 2006, approvato con Delib.G.R. 27 febbraio 2006, n Obiettivo generale del Piano è consolidare e qualificare lo spettacolo come bene collettivo ed investimento in capitale culturale, che contribuisce a definire l'identità regionale toscana, a promuovere lo sviluppo socio-economico e a migliorare la qualità della vita nella nostra Regione. Come indicato al capitolo IV del Piano regionale dello spettacolo per il triennio , si prevedono forme di finanziamento annuale per gli Enti e le Fondazioni di rilevanza nazionale e regionale e per i progetti proposti a finanziamento regionale, per la categoria "Giovani formazioni", e finanziamenti pluriennali per le altre categorie. I. Risorse finanziarie 1. Articolazione delle risorse finanziarie Le risorse finanziarie complessive destinate all'attuazione del Piano regionale dello spettacolo, L.R. 28 marzo 2000, n. 45,"Norme in materia di promozione della attività nel settore dello spettacolo in Toscana" e successive modificazioni e integrazioni, per l'anno 2006 sono di ,21 euro. Per il 2006 il finanziamento da ripartire tra le tre tipologie di intervento di cui al capitolo III del Piano regionale dello Spettacolo per il triennio è di Euro ,00 ed è così suddiviso sulla base della precedente Delib.G.R. 27 febbraio 2006, n. 141: a) agli Enti e Fondazioni di rilevanza regionale Euro ,00; b) ai progetti proposti a finanziamento regionale Euro ,00. L'articolazione delle risorse per settore e categoria di riferimento è disciplinata al successivo paragrafo III; c) ai progetti di iniziativa regionale Euro ,00, di cui Euro ,00, assegnati alle Province per l'attuazione di alcune parti dei progetti regionali "Sipario Aperto", "La Toscana dei festival". I progetti di iniziativa regionale saranno disciplinati con atto successivo. La rimanente somma di Euro ,21 verrà successivamente assegnata sulla base di futuri atti deliberativi. 2. Ripartizione delle risorse destinate ai progetti proposti a finanziamento regionale

4 La ripartizione delle risorse complessive tra i diversi settori dello spettacolo, è la seguente: Settore e categoria Risorse Finanziarie Attività musicali Categoria Istituzioni di alta formazione e produzione ,00 - Categoria Complessi di produzione musicale ,00 - Categoria Giovani formazioni musicali ,00 Tot Attività Musicali ,00 Attività teatrali - Categoria Compagnie di Prosa ,00 - Categoria Teatro ragazzi e giovani ,00 - Categoria Giovani gruppi teatrali ,00 Tot Attività Teatrali ,00 Attività di danza - Categoria Compagnie di danza ,00 - Categoria Giovani gruppi di danza ,00 Tot Attività di Danza ,00 Totale ,00 Nel caso di non assegnazione di risorse finanziare per un settore e/o categoria, le quote non assegnate saranno ridistribuite, dalla Giunta regionale per le attività di spettacolo. II. Enti e fondazioni di rilevanza regionale 1. Definizione dell'intervento finanziario L'utilizzazione delle disponibilità finanziarie destinate agli Enti di rilevanza regionale di cui al del Piano regionale dello spettacolo avviene mediante determinazione di contributi annuali, in relazione al progetto artistico-produttivo triennale. 2. Forme di collaborazione I rapporti tra gli Enti di rilevanza regionale e nazionale indicati nel Piano regionale dello spettacolo, e la Regione Toscana, saranno regolati da apposite convenzioni con cui si definiranno gli obiettivi e le forme di collaborazione finalizzate all'attuazione del punto 4 degli obiettivi indicati nel Piano regionale dello spettacolo per il triennio Assegnazione ed erogazione dei finanziamenti Le modalità di presentazione della domanda di contributo saranno disciplinate con atto dirigenziale. A seguito della presentazione della domanda, corredata dal bilancio preventivo, dal progetto produttivo annuale, con ipotesi di sviluppo triennale e da una relazione artistica preventiva, la Giunta regionale, con propria deliberazione, stabilisce l'ammontare del contributo assegnato a ciascun ente nell'ambito degli stanziamenti previsti e approva lo schema di convenzione indicato al primo capoverso. Il contributo sarà liquidato, nella misura del 50%, a seguito di tale atto della Giunta. Il rimanente 50% sarà erogato a

5 presentazione di una relazione sull'attività svolta nell'anno precedente, del relativo Bilancio finanziario consuntivo, e della verifica del rispetto degli impegni assunti con le convenzioni. III. Progetti proposti a finanziamento regionale III. A. Contributi pluriennali 1. Ambito di riferimento Le procedure per l'assegnazione del finanziamento indicate di seguito, sono valide per le seguenti categorie di riferimento tra quelle indicate ai punti B.1, B.2, B.3, del cap III del Piano regionale dello spettacolo per il triennio : Settore Attività Musicali Categorie: "Istituzioni di alta formazione e produzione" - "Complessi di produzione musicale" Settore Attività teatrali Categorie: "Compagnie di prosa" - "Teatro ragazzi e giovani" Settore di Danza Categoria: "Compagnie di danza" Per le Categorie "Giovani formazioni" dei tre settori di riferimento, si veda il successivo capitolo III.B. 2. Definizione dell'intervento finanziario L'utilizzazione delle disponibilità finanziarie destinate ai Progetti proposti a finanziamento regionale nelle categorie sopra richiamate, avviene mediante determinazione dei contributi definiti su base pluriennale ed erogati annualmente, in relazione al progetto produttivo triennale. I criteri e la graduatoria seguiti per l'accoglimento e l'erogazione successiva a domande di contributo presentate nell'anno 2006 sono validi per gli anni 2006 e Requisiti e modalità di presentazione delle domande Possono richiedere di essere ammessi ai finanziamenti previsti dal Piano regionale dello spettacolo, i soggetti che rispondono ai requisiti indicati al punto B del cap. IV Procedure di attuazione, del Piano regionale dello spettacolo per l'anno Le modalità di presentazione della domanda di contributo saranno disciplinate con successivo atto dirigenziale. 4. Assegnazione ed erogazione dei finanziamenti

6 Il contributo spettante a ciascun soggetto secondo i criteri indicati al successivo capitolo III.C, sarà erogato in quote annuali di pari importo. Il contributo annuale sarà liquidato in due soluzioni, secondo le seguenti modalità: il primo 50% per il 2006, entro 30 giorni dall'approvazione del decreto di assegnazione dei finanziamenti, per gli anni successivi entro il 31 marzo di ogni anno, a seguito della presentazione del programma produttivo annuale di dettaglio e di una relazione sull'attività svolta nell'anno precedente, corredata da un rendiconto finanziario e da una scheda riepilogativa dell'attività svolta; il rimanente 50% sarà erogato al termine del procedimento di verifica dei dati forniti mediante autocertificazione. In sede di valutazione del progetto annuale di dettaglio e della relazione sull'attività svolta, si potrà provvedere ad un eventuale adeguamento del contributo: nel caso in cui l'attività effettivamente svolta risulti inferiore a quella prevista al momento della presentazione del progetto si provvederà alla diminuzione proporzionale del contributo. Il contributo della Regione Toscana spettante a ciascuno dei soggetti ammessi, sarà determinato il primo anno di applicazione del presente provvedimento, in base al punteggio complessivo ottenuto da ogni soggetto a conclusione delle procedure di valutazione. Il valore di un punto scaturisce dividendo la somma complessiva a disposizione per la categoria per la sommatoria dei punteggi raggiunti dai progetti ammessi, e l'assegnazione del finanziamento ai progetti in graduatoria avviene moltiplicando tale valore per il punteggio ottenuto. Qualora le leggi di bilancio degli anni successivi al primo determinino una consistenza delle risorse destinate alla L.R. n. 45/2000 inferiori a quelle del 2006, la somma attribuita a ciascun soggetto sarà ridotta in proporzione. In caso di ulteriori disponibilità di bilancio, la Giunta regionale si riserva di riaprire le procedure per l'accesso ai contributi da parte di soggetti che non hanno presentato domanda nel È esclusa la possibilità di ripresentare domanda di finanziamento per gli anni successivi, ai soggetti i cui progetti abbiano ottenuto un punteggio inferiore a 25 punti nella valutazione qualitativa da parte della Commissione artistica nel III. B. Contributi annuali 1. Ambito di riferimento Le procedure per l'assegnazione del finanziamento indicate di seguito, sono valide per le categorie "Giovani formazioni" all'interno dei settori "Attività musicali", "Attività teatrali" ed "Attività di danza". 2. Definizione dell'intervento finanziario L'utilizzazione delle disponibilità finanziarie destinate ai Progetti proposti a finanziamento regionale nelle categorie sopra richiamate, avviene mediante determinazione dei contributi

7 definiti su base annuale, in relazione al progetto produttivo annuale con ipotesi di sviluppo nel triennio. 3. Requisiti e modalità di presentazione delle domande Possono richiedere di essere ammessi ai finanziamenti previsti dal Piano regionale dello spettacolo, i soggetti che rispondono ai requisiti indicati al punto IV.B del Piano regionale dello spettacolo per il triennio Ogni soggetto potrà presentare una sola domanda di contributo indicando il settore di attività. Le modalità di presentazione della domanda di contributo saranno disciplinate con successivo atto dirigenziale. 4. Assegnazione ed erogazione dei finanziamenti Il contributo verrà assegnato a ciascun soggetto secondo i criteri indicati al successivo capitolo III.C. Il contributo annuale sarà liquidato in due soluzioni, secondo le seguenti modalità: il primo 50% entro 30 giorni dall'approvazione del decreto di assegnazione dei finanziamenti; il rimanente 50% sarà erogato al termine del procedimento di verifica dei dati forniti mediante autocertificazione. Il contributo della Regione Toscana spettante a ciascuno dei soggetti ammessi, sarà determinato in base al punteggio complessivo ottenuto da ogni soggetto a conclusione delle procedure di valutazione. Il valore di un punto scaturisce dividendo la somma complessiva a disposizione per la categoria per la sommatoria dei punteggi raggiunti dai progetti ammessi e l'assegnazione del finanziamento ai progetti in graduatoria avviene moltiplicando tale valore per il punteggio ottenuto. Ai soggetti che presentano domanda di contributo all'interno di una delle categorie "Giovani formazioni", non potrà essere assegnato un contributo superiore a ,00 Euro. III.C. Criteri e procedure per l'ammissione ai contributi 1. Criteri generali di ammissibilità Le domande saranno ammesse alla fase di valutazione sulle base dei seguenti criteri: 1. possesso dei requisiti richiesti al punto B del cap. IV. dell'attuazione del Piano dello Spettacolo per l'anno 2006, attestato con autocertificazione; 2. completezza della documentazione; 3. coerenza con gli obiettivi del Piano regionale dello spettacolo;

8 4. coerenza con gli indirizzi in materia forniti dalle Province nelle quali viene svolta l'attività per cui si richiede il finanziamento. 2. Valutazione di progetti 2.a.Commissione artistica La Commissione artistica composta da esperti dei vari settori dello spettacolo e nominata con Decreto Dirigenziale in conformità al punto IV B del Documento di Attuazione 2006 del Piano, esprime la propria valutazione sui progetti ammissibili attraverso l'assegnazione di un punteggio che determina la graduatoria sulla base di un massimo di 50 punti su 100 per la valutazione qualitativa e di un massimo di 50 punti su 100 per la valutazione quantitativa. 2.b Criteri quantitativi di valutazione La valutazione quantitativa è effettuata, su dati oggettivi forniti dai soggetti, con riferimento all'attività svolta nell'anno precedente, e terrà conto dell'effettivo volume di attività relativamente a: 1. elementi impiegati a carico del soggetto che presenta la domanda (da 0 a 5); 2. oneri sociali pagati (da 0 a 8); 3. spettacoli e/o concerti prodotti (1 punto per ogni produzione fino ad un massimo di 8); 4. numero delle rappresentazioni, concerti in Toscana (da 0 a 8); 5. numero delle rappresentazioni, concerti fuori Toscana (da 0 a 5); 6. spettatori, da borderò, delle rappresentazioni, dei concerti (da 0 a 8); 7. incassi, da borderò, delle rappresentazioni, dei concerti (da 0 a 5); 8. numero delle rappresentazioni a ingresso libero e iniziative collaterali attinenti al settore di appartenenza e in rapporto con il territorio (da 0 a 3). Il range di punteggio indicato per ogni elemento oggetto di valutazione, non è da considerare come il voto massimo attribuibile su quel parametro, ma come la base per il calcolo dei pesi con cui valutare i dati dichiarati. Tali pesi verranno decisi dalla Commissione di valutazione. 2.c. Criteri qualitativi di valutazione: 1. progetto triennale (da 0 a 6) 2. progetto annuale di dettaglio, con specifico riferimento alle produzioni previste (da 0 a 10); 3. progetto di promozione e formazione del pubblico (da 0 a 5);

9 4. direzione artistica (da 0 a 8); 5. struttura organizzativa (da 0 a 3); 6. eventuali coproduzioni con altre compagnie toscane, teatri, istituzioni musicali, festival (da 0 a 6); 7. eventuali coproduzioni con altre compagnie non toscane, teatri, istituzioni musicali, festival (da 0 a 4); 8. eventuali qualificate tournées all'estero e riscontro della critica straniera (da 0 a 3); 9. valutazione da parte della critica (da 0 a 5). 3. Soggetti ammessi Sono ammessi al finanziamento regionale soltanto i soggetti che avranno raggiunto almeno 25 punti della valutazione qualitativa. IV. Informazione e pubblicità Tutti i prodotti multimediali e cartacei realizzati dai soggetti ammessi a contributo e destinati alla diffusione dovranno riportare la dizione ["Sistema Regionale dello Spettacolo Regione Toscana"] e dovranno inoltre, per l'uso del logo indirizzare apposita richiesta a: Regione Toscana - Direzione Generale Politiche formative, beni e attività culturali - Settore Spettacolo - via Farini, Firenze (spettacolo regione.toscana.it). Una copia dei prodotti sopra citati dovrà essere consegnata alla Regione Toscana - Direzione Generale - Politiche formative, beni e attività culturali - Settore spettacolo - via Farini, Firenze.

linea di azione Sostegno e promozione dei progetti di residenza artistica e culturale, finalizzati alla

linea di azione Sostegno e promozione dei progetti di residenza artistica e culturale, finalizzati alla ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI A VALERE SUL PROGETTO REGIONALE Sistema regionale per lo spettacolo dal vivo:attività teatrali, di danza e di musica linea di azione Sostegno

Dettagli

Regione Toscana. Deliberazione G.R. 4 ottobre 2010, n. 854

Regione Toscana. Deliberazione G.R. 4 ottobre 2010, n. 854 Regione Toscana. Deliberazione G.R. 4 ottobre 2010, n. 854 Modifica Delib.G.R. n. 317/2010. Integrazione indirizzi all'ardsu per la concessione di borse di studio una tantum a favore di studenti meritevoli

Dettagli

omissis (2) omissis (3)

omissis (2) omissis (3) 9(1(72 /HJJHUHJLRQDOHVHWWHPEUHQ%85Q 1250(,10$7(5,$',35202=,21((',))86,21(',$77,9,7 $57,67,&+(086,&$/,7($75$/,(&,1(0$72*5$),&+( 7LWROR, 2JJHWWRHILQDOLWjGHOODOHJJH $UW3ULQFLSLJHQHUDOL La Regione Veneto promuove

Dettagli

ATTUAZIONE ANNUALITÀ 2014 PIANO DI FORMAZIONE MUSICALE ANNO 2014

ATTUAZIONE ANNUALITÀ 2014 PIANO DI FORMAZIONE MUSICALE ANNO 2014 Allegato n. 3 AVVISO PROGETTO REGIONALE PROMOZIONE DELLA CULTURA MUSICALE: EDUCAZIONE E FORMAZIONE DI BASE ALLA MUSICA E AL CANTO CORALE, AI SENSI DELLA L.R. N. 21/2010 - TESTO UNICO DELLA CULTURA 2012-2015

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 aprile 2015, n. 798

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 aprile 2015, n. 798 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 aprile 2015, n. 798 Approvazione Piano 2015 delle attività ammesse a finanziamento nel settore dello Spettacolo (Regolamento Regionale del 13.04.2007 n. 11 e s.m.,

Dettagli

CONCORSI 6 21.10.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 42

CONCORSI 6 21.10.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 42 6 21.10.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 42 CONCORSI stati pubblicati rispettivamente sul BURT n.15 del 15/04/2015 e N. 29 del 22/07/2015; REGIONE TOSCANA Direzione Organizzazione

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU5 30/01/2014

REGIONE PIEMONTE BU5 30/01/2014 REGIONE PIEMONTE BU5 30/01/2014 Codice DB1804 D.D. 27 novembre 2013, n. 644 L.R. 58/1978. Quota per l'anno 2013 e 2014. Contributo alle attivita' della Fondazione Torino Musei e dell'associazione Culturale

Dettagli

IL DIRETTORE CENTRALE

IL DIRETTORE CENTRALE D. Dirett. reg. 25 luglio 2013, n. 1335/ISTR/2013 1 Progetti per l'arricchimento dell'offerta formativa delle istituzioni scolastiche statali e paritarie del Friuli-Venezia Giulia - anno scolastico 2013/2014:

Dettagli

REGIONE SARDEGNA. LEGGE REGIONALE n. 18 del 06 dicembre 2006. Disciplina delle attività di spettacolo in Sardegna. Art. 1 Finalità

REGIONE SARDEGNA. LEGGE REGIONALE n. 18 del 06 dicembre 2006. Disciplina delle attività di spettacolo in Sardegna. Art. 1 Finalità REGIONE SARDEGNA LEGGE REGIONALE n. 18 del 06 dicembre 2006 Disciplina delle attività di spettacolo in Sardegna Art. 1 Finalità 1. La Regione autonoma della Sardegna promuove la tutela, la valorizzazione

Dettagli

CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA

CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 32/32 del 7.8.2014 CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA 1) Obiettivi Fornire alle

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Il Dirigente Responsabile: BIAGI VINICIO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 25/18 DEL 26.5.2015

DELIBERAZIONE N. 25/18 DEL 26.5.2015 Oggetto: Interventi a favore della istituzione di scuole civiche di musica, L.R. 15 ottobre 1997, n. 28. Programma 2014/2015. Modifiche ai criteri di cui all Allegato A della Delib.G.R. n. 41/3 del 15

Dettagli

DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015

DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015 DECRETO N. 10824 Del 03/12/2015 Identificativo Atto n. 1188 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto PROSECUZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DELLE PER L ANNO SCOLASTICO. IMPEGNO E CONTESTUALE

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE Divisione V Direzione Programmazione

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98 Pag. 128 di 700 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 19 novembre 2013, n. 403 Approvazione dell'iniziativa

Dettagli

Decreto dirigenziale n. 228 del 5 marzo 2010 L.R. 15.06.2007, n. 6. Art. 8, comma 4, lettera D. Settore Danza - Anno 2009. Provvedimenti PREMESSO:

Decreto dirigenziale n. 228 del 5 marzo 2010 L.R. 15.06.2007, n. 6. Art. 8, comma 4, lettera D. Settore Danza - Anno 2009. Provvedimenti PREMESSO: A.G.C. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo - Settore Sport, Tempo Libero e Spettacolo - Decreto dirigenziale n. 228 del 5 marzo 2010 L.R. 15.06.2007, n. 6. Art. 8,

Dettagli

Visto l'articolo 2 dello "Statuto d'autonomia della Lombardia" approvato con L.R. statutaria 30 agosto 2008, n. 1;

Visto l'articolo 2 dello Statuto d'autonomia della Lombardia approvato con L.R. statutaria 30 agosto 2008, n. 1; Deliberazione Giunta Regionale 8 maggio 2014 n. 10/1766 Determinazioni in ordine al recepimento delle intese tra il Governo, le Regioni, le Province autonome di Trento e Bolzano e le autonomie locali del

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio REGOLAMENTO PER IL DIRITTOALLO STUDIO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina gli interventi del Comune

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Servizi.

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Servizi. Registro generale n. 3314 del 25/11/2015 Determina di liquidazione di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione, Lavoro, Sviluppo Economico e Servizi Servizio Cultura

Dettagli

DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015

DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015 DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015 Identificativo Atto n. 761 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto FPV - APPROVAZIONE PROGETTO DI RICERCA RIVOLTO AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL

Dettagli

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE rende noto Bando Provinciale per l erogazione dei contributi per lo spettacolo dal vivo ai sensi della L.R. 11/2009, del Piano triennale

Dettagli

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE OGGETTO: APQ 2007-2009 in materia di Politiche Giovanili ed Attività Sportive. Azione Bando delle Idee annualità 2007-2008: esiti verifica documentale progetti di cui alla D.D. n. D4291 del 15/10/2010.

Dettagli

1. FINALITÀ E RISORSE

1. FINALITÀ E RISORSE ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI A VALERE SUL PROGETTO REGIONALE Sistema regionale per lo spettacolo dal vivo:attività teatrali, di danza e di musica -Linea d azione: Sostegno

Dettagli

[ I]f--N~.~~ ALLEGATI ["]2]'- _. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n..:!1- del -Qg - 03-209- . \

[ I]f--N~.~~ ALLEGATI []2]'- _. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n..:!1- del -Qg - 03-209- . \ SERVIZIO (Cod. 3E.OO) Regione Molise DIREZIONE GENERALE DELLA GIUNTA AREA 111 Promozione Turistica, Rapporti con i MoJisani nel Mondo C.da Colle delle Api snc 86100 Campobasso DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Dettagli

Valorizzazione e promozione del volontariato (B.U. 7 settembre 1994, n. 36)

Valorizzazione e promozione del volontariato (B.U. 7 settembre 1994, n. 36) Legge regionale 29 agosto 1994, n. 38. Valorizzazione e promozione del volontariato (B.U. 7 settembre 1994, n. 36) Il Consiglio regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto. IL

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA Provincia di Verona

COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA Provincia di Verona COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA Provincia di Verona N. 150 Reg. Gen. COPIA DETERMINAZIONE N. 36 del 21-03-2012 AREA ECONOMICO FINANZIARIA OGGETTO: IMPEGNO E LIQUIDAZIONE ACCONTO CONTRIBUTO ORDINARIO 2012

Dettagli

COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA COMUNE DI MINEO PROVINCIA DI CATANIA N.~ del Reg. Data della deliberazione J O IO ZO..{,f ORIGINALE DEGLI ATTI DELLA GIUNTA MUNICIPALE OGGETTO: APPROVAZIONE DISCIPLINARE CONCESSIONE CONTRIBUTI A RIMBORSO

Dettagli

beneficiario per cui si ritiene che la somma posta in liquidazione con il presente provvedimento costituisce credito certo, esigibile e liquidabile

beneficiario per cui si ritiene che la somma posta in liquidazione con il presente provvedimento costituisce credito certo, esigibile e liquidabile 8605 beneficiario per cui si ritiene che la somma posta in liquidazione con il presente provvedimento costituisce credito certo, esigibile e liquidabile DETERMINA 1. di approvare, ai sensi dell art. 8

Dettagli

COMUNE DI SONA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI SONA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI SONA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con Deliberazione C.C. n. 16 del 30/04/2015 1 Indice - Art. 1 Finalità e competenze - Art. 2 - Composizione

Dettagli

A relazione dell'assessore Tibaldi

A relazione dell'assessore Tibaldi Oggetto: AVVISO PUBBLICO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DEL CATALOGO PROVINCIALE DELL'OFFERTA FORMATIVA FINALIZZATO ALL' ASSEGNAZIONE DI BUONI DI PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITA' DI FORMAZIONE CONTINUA AD INIZIATIVA

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 26 DEL 30 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 26 DEL 30 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 30 maggio 2008 - Deliberazione N. 961 - Area Generale di Coordinamento N. 12 - Sviluppo Economico N. 8 - Bilancio, Ragioneria e Tributi Quantificazione

Dettagli

1) il riconoscimento delle associazioni dei produttori agricoli e delle relative unioni regionali;

1) il riconoscimento delle associazioni dei produttori agricoli e delle relative unioni regionali; L.R. 29 maggio 1980, n. 77 Norme concernenti l associazione dei produttori agricoli nella Regione e le relative unioni in attuazione della L. 20 ottobre 1978, n. 674 sull associazionismo dei produttori

Dettagli

D.M. 4 agosto 2010 (1)

D.M. 4 agosto 2010 (1) 1 di 5 10/09/2013 12:31 D.M. 4 agosto 2010 (1) Modalità di attuazione dell'articolo 5, comma 7-octies del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria Settore n 7: Beni e Attività Culturali, Sport, Minoranze Linguistiche, Turismo e Attività Produttive

Provincia di Reggio Calabria Settore n 7: Beni e Attività Culturali, Sport, Minoranze Linguistiche, Turismo e Attività Produttive Provincia di Reggio Calabria Settore n 7: Beni e Attività Culturali, Sport, Minoranze Linguistiche, Turismo e Attività Produttive Avviso Pubblico per la concessione di contributi economici per l'attività

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 5 DEL 23 GENNAIO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 5 DEL 23 GENNAIO 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 5 DEL 23 GENNAIO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 16 dicembre 2005 - Deliberazione N. 1945 - Area Generale di Coordinamento N. 13 -

Dettagli

Interventi della Regione per lo sviluppo e la diffusione delle attività culturali. TITOLO I Oggetto e finalità della legge. Art. 1 Princìpi generali.

Interventi della Regione per lo sviluppo e la diffusione delle attività culturali. TITOLO I Oggetto e finalità della legge. Art. 1 Princìpi generali. L.R. 5 settembre 1984, n. 51 ( 1 ) Interventi della Regione per lo sviluppo e la diffusione delle attività culturali. TITOLO I Oggetto e finalità della legge Art. 1 Princìpi generali. La Regione Veneto

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 27-02-2012 (punto N 18 ) Delibera N 143 del 27-02-2012 Proponente CRISTINA SCALETTI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 21/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 96

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 21/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 96 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 19 novembre 2013, n. 385 Approvazione dei criteri e modalità per l'utilizzo del Fondo per prevenire e combattere il fenomeno dell'usura,

Dettagli

INTERVENTO A SOSTEGNO DELLA PRODUZIONE TEATRALE A TORINO E IN PIEMONTE

INTERVENTO A SOSTEGNO DELLA PRODUZIONE TEATRALE A TORINO E IN PIEMONTE INTERVENTO A SOSTEGNO DELLA PRODUZIONE TEATRALE A TORINO E IN PIEMONTE PREMESSA La Regione Piemonte e la Città di Torino, al fine di promuovere nella produzione teatrale la qualità, l innovazione, la ricerca,

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Settore Istruzione, Sport, Cultura, Associazionismo OGGETTO : APPROVAZIONE DEL NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI BENEFICI E CONTRIBUTI AGLI

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE SOCIALI DI TUTELA, LEGALITA', PRATICA SPORTIVA E SICUREZZA URBANA. PROGETTI INTEGRATI STRATEGICI

Dettagli

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di Prot. N. (PRC/07/58324) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la Legge Regionale 12 luglio 1994 n. 27 "Disciplina dello smaltimento dei rifiuti", così come successivamente modificata ed integrata;

Dettagli

COD. PRATICA: 2015-001-944. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1019 DEL 07/09/2015

COD. PRATICA: 2015-001-944. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1019 DEL 07/09/2015 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1019 DEL 07/09/2015 OGGETTO: L. 23.12.1998, n, 448, art. 27 Indirizzi ai Comuni per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri

Dettagli

Alla stregua dell istruttoria degli uffici del Settore Urbanistica, dichiarata la regolarità tecnica; DECRETA

Alla stregua dell istruttoria degli uffici del Settore Urbanistica, dichiarata la regolarità tecnica; DECRETA A.G.C. 16 - Governo del Territorio, Tutela Beni, Paesistico-Ambientali e Culturali - Settore Urbanistica - Decreto dirigenziale n. 1 del 14 gennaio 2010 Legge Regionale 16/2004 articolo 40 comma 2 - Contributi

Dettagli

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169

84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 84 12.1.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 DELIBERAZIONE 28 dicembre 2010, n. 1169 Criteri per la concessione dei contributi previsti dalla l.r. 70 del 19.11.2009 (Interventi di sostegno

Dettagli

Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni.

Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni. Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni. Bollettino Ufficiale n. 27, parte prima, del 27.08.2001 Art.

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

Interventi di sostegno e promozione del commercio equo e solidale (2).

Interventi di sostegno e promozione del commercio equo e solidale (2). Leggi Regionali d'italia Marche L.R. 29-4-2008 n. 8 Interventi di sostegno e promozione del commercio equo e solidale. Pubblicata nel B.U. Marche 30 aprile 2008, n. 44. L.R. 29 aprile 2008, n. 8 (1). Interventi

Dettagli

Progetti di iniziativa regionale :

Progetti di iniziativa regionale : All. A) Direzione Generale COMPETITIVITA DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE Area di Coordinamento Cultura PIANO INTEGRATO DELLA CULTURA 2008-2010 (L.R. 27/06) Attuazione anno 2012 Progetti

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2013 e pluriennale 2013-2015 della Regione autonoma Trentino- Alto Adige (Legge finanziaria) 1 Art. 1 (Sviluppo

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO ISTRUZIONE E CULTURA DIPARTIMENTO SOVRAINTENDENZA AGLI STUDI PIANIFICAZIONE E OSSERVATORIO EDILIZIA SCOLASTICA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO: APPROVAZIONE DELL ESITO DELLA VALUTAZIONE

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE VENETO Legge Regionale n.3 del 28/1/1997 Anno legislazione:1997 Oggetto legislazione: promozione della diffusione di strumenti, metodologie e sistemi finalizzati a

Dettagli

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI SETTORE ENERGIA, TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA E DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO E ACUSTICO Il Dirigente Responsabile:

Dettagli

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI SETTORE ENERGIA, TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA E DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO E ACUSTICO Il Dirigente Responsabile:

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE Interventi regionali di tutela e valorizzazione delle musiche e delle danze popolari di tradizione orale

PROPOSTA DI LEGGE Interventi regionali di tutela e valorizzazione delle musiche e delle danze popolari di tradizione orale PROPOSTA DI LEGGE Interventi regionali di tutela e valorizzazione delle musiche e delle danze popolari di tradizione orale Il consigliere regionale Sergio Blasi Proposta di legge Interventi regionali di

Dettagli

DIREZIONE GENERALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO, EDILIZIA E COOPERAZIONE

DIREZIONE GENERALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO, EDILIZIA E COOPERAZIONE 13638 27/12/2010 Identificativo Atto n. 700 DIREZIONE GENERALE INDUSTRIA, ARTIGIANATO, EDILIZIA E COOPERAZIONE CONVENZIONE REGIONE LOMBARDIA - UNIONCAMERE LOMBARDIA PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA

BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA COMUNE DI BRESCIA SETTORE SICUREZZA URBANA E PROTEZIONE CIVILE BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE DI BRESCIA TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO. N. 461/A.G. del 03-08-2015

Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO. N. 461/A.G. del 03-08-2015 Reg. di Settore n. 42 Area Amministrativa Contabile 5 SETTORE 5 SETTORE RISORSE UMANE E COMMERCIO Copia N. 461/A.G. del 03-08-2015 DETERMINAZIONE OGGETTO: Art. 31 C.C.N.L. 22/01/2004 - "Disciplina delle

Dettagli

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1 Legge regionale 26 maggio 1980, n. 10 Norme regionali in materia di diritto allo studio. 1 Quando le disposizioni della presente legge menzionano un Assessorato, la menzione si intende riferita alla Direzione

Dettagli

- Delib.G.R. n. 1206/2007 "Fondo Regionale Non Autosufficienza. indirizzi attuativi della Delib.G.R. n. 509/2007" e s.m.i.;

- Delib.G.R. n. 1206/2007 Fondo Regionale Non Autosufficienza. indirizzi attuativi della Delib.G.R. n. 509/2007 e s.m.i.; Deliberazione Giunta Regionale 16 marzo 2015 n. 249 Applicazione D.P.C.M. n. 159/2013: determinazioni in materia di soglia ISEE per l'accesso a prestazioni sociali agevolate in ambito sociale e sociosanitario.

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DELLA FAMIGLIA Avviso di finanziamento relativo all anno 2011 per progetti a valere sull articolo 9 della legge 8 marzo 2000 n. 53, così

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2 4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Interventi di sostegno finanziario

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 28 del 10.03.1997 In vigore dal 29.03.1997

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 28 del 10.03.1997 In vigore dal 29.03.1997 Criteri e modalità per l erogazione di contributi finalizzati alla realizzazione di edifici di culto e di attrezzature destinate ai servizi religiosi ai sensi della l.r. 9 maggio 1992 n.20 Approvato con

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI 758 05/02/2014 Identificativo Atto n. 26 DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA - INIZIATIVE

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO 4017 15/05/2014 Identificativo Atto n. 230 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO IMPEGNO E CONTESTUALE LIQUIDAZIONE DEL CONTRIBUTO REGIONALE PARI A 100.000,00 A FAVORE DEL SERVIZIO

Dettagli

92 24.12.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 9 dicembre 2014, n. 1172

92 24.12.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 9 dicembre 2014, n. 1172 92 24.12.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 9 dicembre 2014, n. 1172 Approvazione bando finalizzato al finanziamento di progetti di investimento sociale e per l eliminazione

Dettagli

L.R. 27/2014, art. 6, c. 87 B.U.R. 11/11/2015, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 ottobre 2015, n. 0226/Pres.

L.R. 27/2014, art. 6, c. 87 B.U.R. 11/11/2015, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 ottobre 2015, n. 0226/Pres. L.R. 27/2014, art. 6, c. 87 B.U.R. 11/11/2015, n. 45 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 ottobre 2015, n. 0226/Pres. Regolamento concernente le modalità di concessione, erogazione e rendicontazione

Dettagli

34 9.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 24 ottobre 2011, n. 908

34 9.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 24 ottobre 2011, n. 908 34 9.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 45 DELIBERAZIONE 24 ottobre 2011, n. 908 Prestiti d onore alta formazione. Approvazione linee guida e individuazione soggetto attuatore. LA

Dettagli

PROGETTO REGIONALE N. 12 Promozione della cultura musicale: educazione e formazione di base alla musica e al canto corale Attuazione annualità 2013

PROGETTO REGIONALE N. 12 Promozione della cultura musicale: educazione e formazione di base alla musica e al canto corale Attuazione annualità 2013 PROGETTO REGIONALE N. 12 Promozione della cultura musicale: educazione e formazione di base alla musica e al canto corale Attuazione annualità 2013 SETTORE COMPETENTE: Spettacolo Dirigente responsabile:

Dettagli

Scheda di valutazione della richiesta di contributo. Protocollo interno: data protocollo: Recapito postale (se diverso dalla sede legale):

Scheda di valutazione della richiesta di contributo. Protocollo interno: data protocollo: Recapito postale (se diverso dalla sede legale): Scheda di valutazione della richiesta di contributo All. A N. Settore di riferimento Protocollo interno: data protocollo: Denominazione del soggetto proponente: con sede legale in: Recapito postale (se

Dettagli

Decreto N 2100 del 15 Maggio 2012. Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (PBURT/BD)

Decreto N 2100 del 15 Maggio 2012. Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (PBURT/BD) REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE SETTORE PROGRAMMAZIONE AGRICOLA - FORESTALE. Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI SOLARUSSA COTANO_ Provincia di Oristano REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro (IFL) Servizio Formazione (FF)

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro (IFL) Servizio Formazione (FF) Registro generale n. 3318 del 2011 Determina di liquidazione di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro (IFL) Servizio Formazione (FF) Oggetto L236/93 Piani

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 312 del 08/08/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 312 del 08/08/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 312 del 08/08/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività

Dettagli

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA.

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario Il Consiglio regionale ha approvato La seguente legge Art. 1 (Oggetto) IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA Promulga

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CONTROLLO DIREZIONALE Contributi Opere Pubbliche I L F U N Z I O N A R I O I N C A R I C A T O

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CONTROLLO DIREZIONALE Contributi Opere Pubbliche I L F U N Z I O N A R I O I N C A R I C A T O REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE CONTROLLO DIREZIONALE Contributi Opere Pubbliche Proposta nr. 218 del 09/10/2015 - Determinazione nr. 2384 del 09/10/2015 OGGETTO: L.R. 17/2008 articolo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri IL MINISTRO PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E L INTEGRAZIONE VISTO il decreto legge 16 maggio 2008, n. 85, recante «Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione

Dettagli

Regione Piemonte - Bollettino Ufficiale n. 37 del 17/09/09

Regione Piemonte - Bollettino Ufficiale n. 37 del 17/09/09 Regione Piemonte - Bollettino Ufficiale n. 37 del 17/09/09 Codice DB1805 D.D. 11 settembre 2009, n. 835 Progetto interregionale "Teatri nella Rete/Spazi per la danza contemporanea". Anno 2009. Invito a

Dettagli

Progetti di tipo II. Rientrano in questa tipologia iniziative culturali su altre tematiche.

Progetti di tipo II. Rientrano in questa tipologia iniziative culturali su altre tematiche. Bando pubblico per la concessione di contributi economici a sostegno di iniziative e progetti culturali proposti da Associazioni culturali di promozione sociale che operino nel Comune di Cesena anno 2016

Dettagli

Anni 2015 e 2016. Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio (Art. 2 L.R. 7 /2014)

Anni 2015 e 2016. Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio (Art. 2 L.R. 7 /2014) Allegato B Anni 2015 e 2016 Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio (Art. 2 L.R. 7 /2014) Modalità e criteri per la concessione delle risorse Art. 1 Finalità e risorse 1. La Regione

Dettagli

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Pubblicata

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni approvato con atto consiliare n. 50 del 27/06/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI Capo I - DISCIPLINA

Dettagli

Regione Friuli - Venezia Giulia. Decreto del 13 maggio 2010, n. 1638 CULT.FP/2010

Regione Friuli - Venezia Giulia. Decreto del 13 maggio 2010, n. 1638 CULT.FP/2010 Regione Friuli - Venezia Giulia Decreto del 13 maggio 2010, n. 1638 CULT.FP/2010 Bollettino Ufficiale Regionale del 26 maggio 2010, n. 21 Fondo sociale europeo. POR 2007/2013. Piano generale d'impiego

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

La Concessione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali è subordinata al possesso dei seguenti requisiti:

La Concessione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali è subordinata al possesso dei seguenti requisiti: Allegato alla Delib.G.R. n. 49/32 del 7.12.2011 L.R. 14. 5 2009 n.1, art.17. Criteri e modalità di concessione e rendicontazione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. 13) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 08 DI DATA

Dettagli

PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE

PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE Giovanni Rossoni PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE Olivia Postorino Roberto Albonetti 2 VISTO il regolamento

Dettagli

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito)

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito) 1936 Catanzaro e codice 33 TARGET di Crotone occorre assegnare nell immediato l attività formativa, per non far disperdere gli allievi che parteciperanno a tali attività e creare un ulteriore danno ai

Dettagli