MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MONOPOLI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MONOPOLI"

Transcript

1 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO GUARDIA COSTIERA MONOPOLI ORDINANZA N. 7/2004 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Monopoli : VISTA VISTO VISTO VISTO VISTO VISTO la Legge , n. 50 e successive modifiche, recente le Norme sulla Navigazione da Diporto; il Decreto Ministeriale 5 ottobre 1999, n. 478, riguardante il Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto ; l art. 130 del D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento di esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima, come sostituito dall art. 8 del D.P.R. 18 marzo 1983, n. 219; il Decreto Ministeriale 1 giugno 1987, n. 249, recante norme per la salvaguardia e la sicurezza dei pescatori subacquei, e pertanto suscettibile di applicazione a qualsivoglia attività di immersione, prescindendo dalle finalità della stessa; il dispaccio n. 82/010390/II in data 16 febbraio 2000 del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto con il quale sono state emanate direttive e disposizioni per la disciplina dell attività subacquea ludico-diportistica; il successivo dispaccio n. 82/033465/II in data 26 maggio 2003 con il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto ha inteso impartire disposizioni integrative in materia di disciplina delle attività subacquee; CONSIDERATO il notevole sviluppo e l ampia diffusione nell ambito del Circondario Marittimo di Monopoli delle attività subacquee a scopo turistico, sportivo e ricreativo, spesso svolte in forma organizzata, su iniziativa privata di centri diving, con il supporto di mezzi nautici; RITENUTO necessario regolamentare tali attività, per quanto di stretta competenza, al solo fine di stabilire prescrizioni idonee a garantire la sicurezza della vita umana in mare e salvaguardare la pubblica incolumità di utenti e praticanti; VISTA VISTI la Legge , n. 1085, di ratifica ed esecuzione della Convenzione sul Regolamento internazionale del 1972 per prevenire gli abbordi in mare (COLREG 72); gli artt. 17, 30, e 81 del Codice della Navigazione e l art. 59 del relativo Regolamento di Esecuzione;

2 ORDINA Art. 1 E approvato e reso esecutivo l annesso REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI IMMERSIONE SUBACQUEA NELLE ACQUE DEL CIRCONDARIO MARITTIMO DI MONOPOLI, costituente parte integrante della presente ordinanza. Art. 2 I contravventori alla presente Ordinanza, oltre ad essere ritenuti responsabili civilmente di eventuali danni che dovessero essere arrecati a persone e / o cose in conseguenza delle operazioni compiute, sempre che il fatto non costituisca altro o diverso illecito, saranno perseguiti a mente dell articolo 1164 del Codice della Navigazione, come modificato dall art. 5, comma 2, della legge 8 luglio 2003 n. 172, ovvero dell art. 39 comma 3 della Legge 11 febbraio 1971 n. 50, come sostituito dall art. 1, comma 1, lett. m) della legge 8 luglio 2003 n. 172, nel caso la violazione venga commessa con unità da diporto e riguardi prescrizioni in materia di sicurezza della navigazione. Art. 3 La presente Ordinanza entra in vigore a far data dal 1 giugno Art. 4 E fatto obbligo a chiunque spetti di osservare e far osservare la presente Ordinanza. Monopoli, lì 12 maggio 2004 IL COMANDANTE T.V.(CP) Alessandro DUCCI

3 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI IMMERSIONE SUBACQUEA NELLE ACQUE DEL CIRCONDARIO MARITTIMO DI MONOPOLI Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Campo di applicazione) Ai fini dell applicazione del presente regolamento le immersioni subacquee non professionali comprendono le seguenti tipologie di attività: - immersioni a scopo didattico e addestrativo ai fini del conseguimento di brevetti; - immersioni guidate, con accompagnatore, di subacquei sportivi già in possesso di brevetto, finalizzate all esplorazione di fondali marini (escursionismo subacqueo) ovvero all esercizio di attività come fish-watching, fotografia e similari; - immersioni subacquee in apnea finalizzate all esplorazione di fondali marini; - attività di nuoto subacqueo per l esplorazione del fondale dalla superficie, con uso di maschera e tubo di respirazione (snorkel), da considerarsi, più propriamente, come attività di balneazione e pertanto riconducibile al campo di applicazione della cd. ordinanza balneare. Art. 2 (Definizioni) Nel caso tali attività comportino l uso di apparecchi ausiliari di respirazione, esse devono essere effettuate da persone in possesso di brevetto rilasciato da Federazioni/Imprese/Associazioni nazionali od internazionali, generalmente riconosciute, e nel rispetto dei limiti di profondità stabiliti dal brevetto stesso. Per brevetto si intende la certificazione che attesti il superamento di un corso addestrativo teorico-pratico, rilasciato da un istruttore subacqueo in possesso di idoneo titolo in corso di validità. L attività di istruttore subacqueo, finalizzata all insegnamento a persone singole o gruppi delle tecniche di immersione, deve essere svolta sola da chi è in possesso del corrispondente brevetto rilasciato da Federazioni/Imprese/Associazioni, nazionali od internazionali, generalmente riconosciute, in regolare corso di validità. L accompagnatore per immersioni guidate deve essere munito di idonea attestazione rilasciata da Federazioni/Imprese/Associazioni, nazionali od internazionali, generalmente riconosciute, e deve operare entro i limiti imposti dal proprio brevetto. Art. 3 (Divieti) L esercizio dell attività subacquea è vietato: - a distanza inferiore a 200 metri da impianti di itticoltura, ovvero da impianti fissi da pesca e da reti da posta regolarmente segnalate; - a distanza inferiore a 200 metri da navi mercantili e da navi militari di qualsiasi nazionalità ancorate alla fonda; - all imboccatura dei porti, ovvero nelle zone di mare ove si svolge il regolare transito delle navi per l entrata e uscita dai porti, e ancora, nelle zone di ancoraggio già individuate dall Autorità Marittima con apposita ordinanza;

4 - nelle zone di mare interdette alla balneazione; - nelle vicinanze di relitti affondati, come già disciplinato per le acque del Circondario Marittimo di Monopoli dall Ordinanza n. 05/2002 del 7 maggio L esercizio dell attività subacquea non deve in alcun modo comportare occupazioni del demanio marittimo. L occupazione abusiva, eventualmente accertata, sarà perseguita a norma degli artt. 54 e 1161 (punitivo) del Codice della Navigazione. Capo II NORME DI SICUREZZA Art. 4 (Immersione di singolo subacqueo) 1. Nelle immersioni diurne il subacqueo ha l obbligo di segnalarsi in superficie con un pallone galleggiante recante sulla sommità una bandiera rossa con striscia diagonale bianca, visibile ad una distanza non inferiore a 300 metri. Se il subacqueo è accompagnato da un mezzo nautico d appoggio, il segnalamento costituito dalla bandiera rossa con striscia diagonale bianca dovrà essere issato sul mezzo. Il subacqueo in immersione deve operare entro un raggio di 50 metri dalla verticale del pallone galleggiante portante la bandiera di segnalazione o del mezzo nautico d appoggio. Il mezzo nautico d appoggio, inoltre, dovrà essere munito di idoneo mezzo di comunicazione da utilizzare in caso di emergenza, nonché di una cima di lunghezza sufficiente a recuperare il subacqueo. A bordo dovrà obbligatoriamente esservi almeno una persona in grado di manovrare l unità, effettuare eventuali comunicazioni di emergenza e fornire assistenza al subacqueo. 2. Nelle immersioni notturne il subacqueo deve segnalarsi in superficie ed in immersione, al fine di consentire l individuazione della propria posizione, con una fonte luminosa fissa (luci chimiche tipo star-light o simili), da applicare alla parte posteriore alta del corpo (nuca, rubinetteria, jacket, snorkel, ecc.), visibile a giro d orizzonte e ad una distanza non inferiore a 300 metri, allorché in superficie, oltre ad essere dotato di torcia personale. Inoltre il subacqueo in immersione dovrà essere permanentemente segnalato in superficie da un galleggiante recante un segnale luminoso giallo intermittente visibile a giro d orizzonte e ad una distanza non inferiore a 300 metri. Se il subacqueo si avvale di un mezzo nautico d appoggio, quest ultimo dovrà tenere i dovuti segnalamenti accesi, mostrando tre fanali visibili per tutto l orizzonte disposti in linea verticale, di cui quello centrale di colore bianco e gli altri di colore rosso (nel caso di unità di lunghezza superiore ai 12 metri), con portata di almeno un miglio (Colreg 72), ovvero un segnale luminoso intermittente di colore giallo (nel caso di unità di lunghezza inferiore ai 12 metri). Il mezzo nautico dovrà essere munito di idoneo mezzo di comunicazione da utilizzare in caso d emergenza. A bordo dovrà obbligatoriamente esservi almeno una persona pronta ad intervenire in caso di necessità ed in grado di fornire assistenza.

5 Art. 5 (Immersione di subacquei organizzati in gruppi) 1. Nel caso di immersioni diurne da parte di più subacquei, essi hanno l obbligo di segnalarsi in superficie con un pallone galleggiante recante sulla sommità una bandiera rossa con striscia diagonale bianca, visibile ad una distanza non inferiore a 300 metri. E sufficiente un solo segnale qualora operino tutti entro il raggio di 50 metri dalla verticale del segnale. Se il gruppo di subacquei è assistito da un mezzo nautico d appoggio, l unico segnale deve essere su di esso collocato issando la bandiera di segnalazione rossa con striscia diagonale bianca. In tal caso il gruppo ha l obbligo di operare entro un raggio di 50 metri dalla verticale del mezzo nautico d appoggio. È comunque consentito allontanarsi oltre i 50 metri da tale verticale, purché ciascun subacqueo si segnali individualmente. Il mezzo nautico d appoggio dovrà essere munito di idoneo mezzo di comunicazione da utilizzare in caso di emergenza. A bordo dovrà obbligatoriamente esservi una persona in grado di manovrare l unità, effettuare eventuali comunicazioni di emergenza e fornire assistenza ai subacquei. 2. Nel caso di immersioni notturne ogni subacqueo facente parte del gruppo ha l obbligo di segnalarsi in superficie ed in immersione con una fonte luminosa fissa ((luci chimiche tipo starlight o simili), da applicare alla parte posteriore alta del corpo (nuca, rubinetteria, jacket, snorkel, ecc.), visibile a giro d orizzonte e ad una distanza non inferiore a 300 metri, allorché in superficie, oltre ad essere dotato di torcia personale. Inoltre il gruppo di subacquei dovrà essere permanentemente segnalato in superficie da un galleggiante recante un segnale luminoso giallo intermittente visibile a giro d orizzonte e ad una distanza non inferiore a 300 metri. Se il gruppo di subacquei è assistito da un mezzo nautico d appoggio, fermo restando l obbligo del segnalamento individuale luminoso per ciascun subacqueo, l unità dovrà mostrare tre fanali visibili per tutto l orizzonte disposti in linea verticale, di cui quello centrale di colore bianco e gli altri di colore rosso (nel caso di unità di lunghezza superiore ai 12 metri), con portata di almeno un miglio (Colreg 72), ovvero un segnale luminoso intermittente di colore giallo (nel caso di unità di lunghezza inferiore ai 12 metri). A bordo del mezzo nautico d appoggio, dotato di idoneo mezzo di comunicazione, dovrà obbligatoriamente esservi una persona in grado di manovrare l unità, effettuare eventuali comunicazioni d emergenza e fornire assistenza ai subacquei. Il singolo subacqueo non potrà allontanarsi dal gruppo ed il gruppo stesso dovrà operare entro un raggio di 50 metri dalla verticale del mezzo nautico d appoggio. Nel caso di immersioni con partenza da riva in orario notturno dovrà essere disponibile e tenuta in funzione una fonte luminosa fissa a terra di riferimento che funga da ausilio ai sub. Capo III ATTIVITA DI SCUOLA SUB O GUIDA SUBACQUEA SVOLTA DA SOCIETA, ASSOCIAZIONI, CIRCOLI SPORTIVI Art. 6 (Esercizio dell attività) Nelle acque del Circondario Marittimo di Monopoli l effettuazione a fini turistico/sportivi/ricreativi di attività subacquee organizzate (immersioni di addestramento per il

6 conseguimento di brevetti immersioni guidate con accompagnatore) è consentita esclusivamente a Società, Imprese, Associazioni, Circoli Sportivi che prevedano espressamente tale attività nella loro ragione sociale e/o atto costitutivo ovvero nel proprio statuto ed è subordinata all osservanza delle prescrizioni stabilite con la presente Ordinanza. Le Società/Imprese/Associazioni/Circoli Sportivi che intendano esercitare tale attività dovranno far pervenire all Ufficio Circondariale Marittimo di Monopoli apposita dichiarazione di inizio attività in bollo (come da fac-simile allegato A), che dovrà poi essere riconfermata ogni anno. A tale scopo, a corredo della predetta dichiarazione dovrà essere prodotta la seguente documentazione: - copia dell atto costitutivo e dello statuto societario; - copia del certificato d iscrizione alla C.C.I.A.A. competente per territorio ovvero apposita dichiarazione sostitutiva di certificazioni ai sensi dell art. 46 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445; - elenco nominativo degli istruttori sub e/o degli accompagnatori che operano per conto del Sodalizio dichiarante, nonché copia dei brevetti posseduti da ciascuno di essi; - elenco dei mezzi nautici e delle attrezzature subacquee eventualmente impiegati nell attività; - copia delle polizze assicurative stipulate per la responsabilità civile derivante dai rischi connessi alle attività subacquee svolte e per i danni arrecabili a terzi. Art. 7 (Istruttori e guide subacquee) Gli istruttori delle scuole sub e gli accompagnatori delle immersioni guidate devono essere in possesso di idonea attestazione in corso di validità, rilasciata da una delle Federazioni/Imprese/Associazioni nazionali od internazionali riconosciute. L istruttore/guida deve operare entro i limiti imposti dal proprio brevetto, assumendosi tutte le responsabilità civili e penali connesse con l attività svolta. Resta inteso che l istruttore/guida, in qualità di responsabile dell immersione, ha l obbligo di far osservare le prescrizioni relative al segnalamento diurno e notturno secondo le modalità di cui al precedente articolo 5., oltre ad accertarsi che tutti i partecipanti dispongano delle dotazioni individuali ritenute necessarie (es. due erogatori distinti, giubbetto ad assetto idrostatico variabile, strumentazione idonea alla misurazione del tempo, della profondità e della pressione residua di aria contenuta nelle bombole ecc.) Art. 8 (Immersioni subacquee per il conseguimento di brevetti) Nel caso di immersioni subacquee organizzate per il conseguimento di brevetti, nell ambito di attività di scuola sub, dovranno essere rispettate le modalità stabilite in materia da Federazioni/Imprese/Associazioni nazionali e internazionali riconosciute. Per tali immersioni il Sodalizio organizzatore dovrà far prevenire all Ufficio Circondariale Marittimo di Monopoli, almeno 12 ore prima dell evento, anche a mezzo fax, una preventiva comunicazione (come da allegato B) riportante i seguenti dati: - data, ora e luogo dell immersione; - numero dei partecipanti; - nominativo dell istruttore responsabile e degli eventuali assistenti; - unità navale eventualmente utilizzata; - modalità operative dell immersione.

7 Art. 9 (Immersioni subacquee guidate) Nel caso di immersioni subacquee guidate a cui partecipano subacquei già in possesso di brevetto, il responsabile dell immersione, prima della partenza, deve annotare su apposito registro l elenco dei partecipanti, con la specifica dei brevetti posseduti, nonché i nominativi degli accompagnatori ed il relativo brevetto posseduto. Nel corso dell immersione devono essere rispettati i limiti di profondità stabiliti dal brevetto posseduto dai partecipanti. Nel caso di brevetti di diverso grado, la guida subacquea ha l obbligo di rispettare il limite di profondità previsto dal grado inferiore. Art. 10 (Mezzi d appoggio ed attrezzature) I mezzi nautici d appoggio eventualmente impiegati da Società/Imprese/Associazioni/ Circoli Sportivi per lo svolgimento dell attività di scuola sub o per le immersioni guidate dovranno essere equipaggiati con le dotazioni previste dalle vigenti norme in materia di nautica da diporto, in relazione alla tipologia dell unità navale, al numero massimo di persone trasportabili e alla navigazione effettuata. Tali dotazioni dovranno essere integrate con le seguenti attrezzature: - apparecchiatura per la somministrazione di ossigeno terapeutico in erogazione continua con bombola da almeno 7 (sette) litri, ovvero con bombola di almeno 3 (tre) litri se munita di erogatore a domanda ovvero con sistemi analoghi omologati; - mezzo di comunicazione idoneo che consenta di contattare i centri di soccorso; - tabella riportante i numeri telefonici e/o le frequenze di ascolto radio dei principali centri di soccorso (Autorità Marittime della zona, ospedali, centri iperbarici ecc.), come da facsimile allegato C; - almeno una bombola di riserva, munita di doppio erogatore o di dispositivi per l erogazione dell aria dalla superficie, posizionati, per tutta la durata dell immersione, a bordo dell imbarcazione o ad una profondità dai 3 ai 5 metri, a discrezione del responsabile dell immersione, per meglio garantire le condizioni di sicurezza. Tali mezzi nautici dovranno essere coperti da idonea polizza assicurativa per eventuali danni arrecati a terzi e/o alle persone trasportate. Il mezzo nautico d appoggio impiegato dovrà essere altresì dotato dei segnalamenti diurni e notturni prescritti dal precedente art. 5, da mostrare per tutta la durata dell attività di immersione. A bordo del mezzo nautico d appoggio dovrà obbligatoriamente esservi una persona in grado di manovrare l unità, intervenire in caso di emergenza e fornire assistenza ai subacquei. Le attrezzature di proprietà dei Sodalizi e messe a disposizione dei clienti/soci, dovranno essere a norma, in condizioni di piena efficienza e, laddove richiesto, dotate dei certificati attestanti la regolare esecuzione delle revisioni periodiche. Monopoli, lì 12 maggio 2004 IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO T.V. (CP) Alessandro DUCCI

8 ALLEGATO A Il sottoscritto/a nato/a il a residente a in via n. recapito telefonico, in qualità di legale rappresentante della Società/Impresa/Associazione/Circolo Sportivo P.I./C.F. avente sede legale in Via ; iscritta al nr. del Registro delle Imprese presso la C.C.I.A.A. di. C O M U N I C A a codesto Ufficio Marittimo, ai sensi dell art. 6 del vigente Regolamento reso esecutivo con l Ordinanza n. 7/2004 in data 12 maggio 2004, l inizio dell attività di nelle acque ricadenti nella giurisdizione del Circondario Marittimo di Monopoli e precisamente nelle zone di con immersione da terra e/o con l uso di mezzi nautici. D I C H I A R A Ai sensi del richiesto art. 19 della legge 7 agosto 1990 n. 241, come sostituito dall art. 2 della legge 24 dicembre 1993 n. 537, di essere in possesso dei presupposti e dei requisiti previsti per esercitare la sopradetta attività. Allega la seguente certificazione: 1) copia dell atto costitutivo e dello statuto societario; 2) copia del certificato alla C.C.I.A.A. competente per territorio ovvero apposita dichiarazione sostitutiva di certificazioni ai sensi dell art. 46 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445; 3) elenco nominativi degli istruttori sub e/o degli accompagnatori e copia dei brevetti posseduti da ciascuno di essi; 4) elenco dei mezzi nautici e delle attrezzature subacquee ; 5) copia delle polizze assicurative stipulate per la responsabilità civile., lì ALL UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SEZIONE TECNICA MONOPOLI (BA) - IL DICHIARANTE

9 ALLEGATO B DA INVIARE ALL UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI (FAX ) IMMERSIONE SUBACQUEA PER CONSEGUIMENTO BREVETTI SOCIETA /CIRCOLO SPORTIVO/ASSOCIAZIONE/IMPRESA: DATA, ORA PREVISTA IMMERSIONE: LUOGO: NUMERO PARTECIPANTI: NOMINATIVO ISTRUTTORE/I RESPONSABILE/I ED EVENTUALI ASSISTENTI: UNITA NAVALE/I UTILIZZATA/E: MODALITA OPERATIVE: DATA ORA FIRMA

10 ALLEGATO C TABELLA DEI NUMERI DI TELEFONO UTILI PER LE EMERGENZE IN MARE NUMERO BLU EMERGENZE IN MARE (H 24) VI M.R.S.C.. BARI (CENTRO SECONDARIO DI SOCCORSO) UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO MONOPOLI CENTRALE OPERATIVA VIGILI DEL FUOCO (H24) PUGLIA EMERGENZA SANITARIA (H24) OSPEDALE MONOPOLI CENTRALINO OPEDALE MONOPOLI PRONTO SOCCORSO OSPEDALE BARI CAMERA IPERBARICA (Dott.. PICCA) OSPEDALE LECCE CAMERA IPERBARICA (Dott. CAIONE) LE CHIAMATE AL NUMERO BLU 1530 EFFETTUATE DA TELEFONI CELLULARI SI ATTESTANO ALLA CENTRALE OPERATIVA DELLA GUARDIA COSTIERA DI ROMA, CHE PROVVEDE AL COLLEGAMENTO CON IL COMANDO PERIFERICO PIU VICINO. OCCORRE PERTANTO SPECIFICARE SEMPRE LA POSIZIONE E LA CITTA PIU VICINA PER UN RAPIDO INTERVENTO (LA CHIAMATA E GRATUITA PER L UTENTE) ASCOLTO RADIO VHF/FM STAZIONE RADIO COSTIERA BARI RADIO Canale 16 (H24) VI M.R.S.C. BARI (SALA OPERATIVA) Canale 16(H24) UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO MONOPOLI Canale 16(da alle 20.00)

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Vista Vista Considerato Considerato MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante dei Porto

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003

CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GUARDIA COSTIERA GENOVA ORDINANZA N. 183/2003 CAPITANERIA DI PORTO GENOVA SEZIONE TECNICA ORDINANZA N 183/2003 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Genova: -

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure Ordinanza n 152/2009 Il Tenente di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ramo Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO PORTO SANTO STEFANO ORDINANZA N 176/08 Il capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Porto Santo

Dettagli

Ufficio Circondariale Marittimo Trieste

Ufficio Circondariale Marittimo Trieste ORDINANZA N 37/2011 Il sottoscritto Contrammiraglio (CP), Capo del Circondario Marittimo di : Vista Visto Visto Accertato Atteso Ritenuto Visti la propria Ordinanza n. 21 /11, in data 23.04.2011, che disciplina

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO - GUARDIA COSTIERA PORTO EMPEDOCLE Via Gioeni 55, 92014 Porto Empedocle (AG) - Centralino: 0922 531811-531812 - Sala Operativa: 0922

Dettagli

TRITONE SUB Desenzano - Brescia

TRITONE SUB Desenzano - Brescia TRITONE SUB Desenzano - Brescia PRINCIPALI VIOLAZIONI IN MATERIA DI DIPORTO E PESCA E SANZIONI PREVISTE INFRAZIONE ASSICURAZIONE Navigare o sostare con imbarcazione da diporto a motore (escluse le imbarcazioni

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA (Località P.ta Chiara, snc. - Tel. 0789-730632 - Fax 0789-731020. E-mail: cplamaddalena@mit.gov.it - Sito Web: www.guardiacostiera.gov.it)

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA (Località P.ta Chiara, snc. - Tel. 0789-730632 - Fax 0789-731020. E-mail: cplamaddalena@mit.gov.it - Sito Web: www.guardiacostiera.it)

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI MONOPOLI 70043 Monopoli (Ba) Largo Fontanelle 12 tel. 080 9303105 - fax 080 9379509 e mail: monopoli@guardiacostiera.it

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE Il sottoscritto Tenente di Vascello (CP) Comandante del Porto e Capo del Circondario Marittimo

Dettagli

PARTE A - IMMERSIONI GUIDATE CON SUPPORTO DI UNITA NAVALI

PARTE A - IMMERSIONI GUIDATE CON SUPPORTO DI UNITA NAVALI O R D I N A N Z A N 15/99 IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO E COMANDANTE DEL PORTO DI SANREMO: - VISTA la Legge 11.02.1971, n 50 e successive modifiche, recante Norme sulla Navigazione da Diporto; - CONSIDERATO

Dettagli

GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da

GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da GUIDA DEL DIPORTISTA NAUTICO Le brevi note in prosieguo intendono fornire al diportista un memorandum estrapolato dal codice della nautica da diporto, di cui al decreto legislativo del 18 luglio 2005,

Dettagli

ORDINANZA N. 16 /2016

ORDINANZA N. 16 /2016 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto TEL.(+39) 0836/801073 - FAX (+39) 0836/805405 - Email: ucotranto@mit.gov.it ORDINANZA N. 16 /2016 LAVORI DI ADEGUAMENTO

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE CAPITANERIA DI PORTO DEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI LIVORNO Ufficio Circondariale Marittimo di Livorno

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE CAPITANERIA DI PORTO DEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI LIVORNO Ufficio Circondariale Marittimo di Livorno MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE CAPITANERIA DI PORTO DEL COMPARTIMENTO MARITTIMO DI LIVORNO Ufficio Circondariale Marittimo di Livorno ORDINANZA N. 27 Il Capo del Circondario Marittimo di Livorno:

Dettagli

ORDINANZA n 55 /2005. MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto del Compartimento Marittimo di Civitavecchia

ORDINANZA n 55 /2005. MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto del Compartimento Marittimo di Civitavecchia MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto del Compartimento Marittimo di Civitavecchia ORDINANZA n 55 /2005 Il Capitano di Vascello (CP), Capo del Circondario Marittimo e Comandante

Dettagli

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione) LEGGE REGIONALE 18 maggio 2004, n. 17 Norme per la disciplina dell attività degli operatori del turismo subacqueo. (BUR n. 9 del 18 maggio 2004, supplemento straordinario n. 6) Art. 1 (Finalità e ambito

Dettagli

Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Cetraro,

Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Cetraro, UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO- GUARDIA COSTIERA CETRARO ORDINANZA N. 21/2012 Disciplina dell utilizzo dei natanti da diporto per finalità di locazione, noleggio e di appoggio ai praticanti immersioni

Dettagli

Decreto 5 ottobre 1999, n. 478. Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto. IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

Decreto 5 ottobre 1999, n. 478. Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto. IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE Decreto 5 ottobre 1999, n. 478 Regolamento recante norme di sicurezza per la navigazione da diporto. IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE Vista la legge 11 febbraio 1971, n. 50, e successive modificazioni

Dettagli

Sig. nato a il residente a con funzioni di in possesso del titolo di studio di ;

Sig. nato a il residente a con funzioni di in possesso del titolo di studio di ; Marca da bollo da 16,00 Euro Alla Provincia dell Ogliastra Assessorato Agricoltura Attività Produttive e CPA Via P. Pistis 08045 - Lanusei (OG) OGGETTO: Richiesta autorizzazione all esercizio di SCUOLA

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia :

MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia : MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI VENEZIA ORDINANZA N 92 / 07 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Venezia : VISTO il Decreto legislativo 18 luglio 2005, n. 171 (codice

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto Decreto Dirigenziale n 392/2010 Requisiti per la manutenzione e la revisione dei dispositivi di salvataggio

Dettagli

Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio. Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero STC ADRIA 1877

Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio. Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero STC ADRIA 1877 Federazione Italiana Canottaggio COMITATO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA Dis corsi nautici, norme di navigazione per il canottaggio Conferenza Regionale Allenatori - Trieste 15 dicembre 2012 Bruno Spanghero

Dettagli

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANREMO ORDINANZA N 55/2003

UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANREMO ORDINANZA N 55/2003 UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANREMO ORDINANZA N 55/2003 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Sanremo: Vista Considerato Ritenuto necessario pubblica Vista Visto Visto Considerata

Dettagli

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà ` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE O R D I N A N Z A N. 196 / 2004 Il Capo del Circondario Marittimo di Santa Margherita Ligure; VISTA

Dettagli

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA

FEDERAZIONE ITALIANA VELA FEDERAZIONE ITALIANA VELA SCUOLE VELA NORMATIVA 2013 - SCUOLE FEDERALI DI VELA (ORGANIZZATE DA AFFILIATI ALLA FIV) - S.V.A. (SCUOLE DI VELA ORGANIZZATE DA ENTI ED ORGANI NON AFFILIATI ALLA FIV) 1 SCUOLE

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N. 16 /2002 Il Capitano di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANTA MARGHERITA LIGURE

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANTA MARGHERITA LIGURE MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO SANTA MARGHERITA LIGURE ORDINANZA n 56/2012 Il sottoscritto, Capo del Circondario marittimo e Comandante del porto di Santa

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 7644 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 38 del 14-03-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 Procedimenti amministrativi in materia di commercio: Attuazione della direttiva 2006/123/CE

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI, DECRETO 23 giugno 2008, n. 128

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI, DECRETO 23 giugno 2008, n. 128 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI, DECRETO 23 giugno 2008, n. 128 Regolamento concernente l'organizzazione e le funzioni dell'autorità marittima della navigazione dello Stretto di Messina

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto di Bari

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto di Bari REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Capitaneria di Porto di Bari Ordinanza n 32/2011 Il Comandante della Capitaneria di Porto di Bari, nella rispettiva qualità di Capo del

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 19 ottobre 2010 n.169 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 21, quinto comma, della Legge 28 giugno 2010 n.119; Vista

Dettagli

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015.

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015. Marca da bollo Euro 14.62 Spett.le CONSORZIO DEL LARIO E DEI LAGHI MINORI P.zza V. Emanuele, 4 22017 MENAGGIO OGGETTO: ISTANZA PER L OCCUPAZIONE DI AREA DEMANIALE MEDIANTE ORMEGGIO AI SENSI DELLA L.R.

Dettagli

*** NORMATTIVA - Stampa ***

*** NORMATTIVA - Stampa *** *** NORMATTIVA - Stampa *** Pagina 1 di 6 DECRETO 10 maggio 2005, n. 121 Regolamento recante l'istituzione e la disciplina dei titoli professionali del. Vigente al: 16-7-2015 IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA Poste Italiane - Spedizione in a.p. Tab. D Aut. DCO/DC - CZ/038/2003 valida dal 4 febbraio 2003 Supplemento straordinario n. 6 al n. 9 del 15 maggio 2004 PartiIeII-Anno XXXV REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GENOVA Ordinanza di Sicurezza Balneare n 72 / 2006 IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO DI GENOVA: RITENUTO necessario disciplinare

Dettagli

CRITERI E REQUISITI PER L AUTORIZZAZIONE E LA VIGILANZA AMMINISTRATIVA IN MATERIA DI SCUOLE NAUTICHE, IN ATTUAZIONE DELL ART. 28 DEL DPR 9 OTTOBRE

CRITERI E REQUISITI PER L AUTORIZZAZIONE E LA VIGILANZA AMMINISTRATIVA IN MATERIA DI SCUOLE NAUTICHE, IN ATTUAZIONE DELL ART. 28 DEL DPR 9 OTTOBRE CRITERI E REQUISITI PER L AUTORIZZAZIONE E LA VIGILANZA AMMINISTRATIVA IN MATERIA DI SCUOLE NAUTICHE, IN ATTUAZIONE DELL ART. 28 DEL DPR 9 OTTOBRE 1997 N. 431 Approvato con delibera di Consiglio Provinciale

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO (art.6 - D.Lgs 271/99)

PIANO DI SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO (art.6 - D.Lgs 271/99) PIANO DI SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO (art.6 - D.Lgs 271/99) A - DATI GENERALI Ditta armatoriale Sede legale Legale rappresentante B - DATI della NAVE Denominazione Porto d'iscrizione RNMG/MATR N.

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto di B A R L E T T A (Via C. Colombo - Tel. 0883/531020 Fax. 0883/533400 cp-barletta@pec.mit.gov.it guardiacostiera.it/barletta) ORDINANZA

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO - ARBATAX - ORDINANZA N _11/2000 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante dei Porto di Arbatax: - Vista la Legge 11.02.1971,

Dettagli

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 0,1,67(52'(//('(,7563257, &3,71(5,',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 9,672 il Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2005 n.134 Regolamento recante disciplina per le navi mercantili dei

Dettagli

Domanda sottoscritta avvalendosi delle dichiarazioni sostitutive di cui agli artt. 46 e 47 del D.P.R. n 445 del 28/12/2000. Il sottoscritto nato a il

Domanda sottoscritta avvalendosi delle dichiarazioni sostitutive di cui agli artt. 46 e 47 del D.P.R. n 445 del 28/12/2000. Il sottoscritto nato a il RICHIESTA Autorizzazione per la gestione di scuola di istruzione per la nautica (ai sensi dell'art. 28 commi 1 e 2 del D.P.R. 431/97, di competenza provinciale ai sensi dell'art. 4 comma 3 lett. e bis

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA ORDINANZA N 63 /2003

CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA ORDINANZA N 63 /2003 CAPITANERIA DI PORTO LA MADDALENA ORDINANZA N 63 /2003 Il Capitano di Fregata (CP) sottoscritto, Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di La Maddalena, - VISTA la legge 11.02.1971 n 50

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO DI TARANTO

CAPITANERIA DI PORTO DI TARANTO CAPITANERIA DI PORTO DI TARANTO ORDINANZA N 86/2007 Il Capo del Compartimento Marittimo e Comandante del Porto di Taranto: VISTI gli articoli 101 del Codice della navigazione e 59 del relativo Regolamento

Dettagli

Avvertenze e limitazioni d uso del Trasponder AIS

Avvertenze e limitazioni d uso del Trasponder AIS Marine Pan Service S.r.l. Via C. Battisti, 25 00053 Civitavecchia Italy Tel. 0766-30361 - Fax 0766-1912023 http://www.marinepanservice.com Avvertenze e limitazioni d uso del Trasponder AIS Per l utilizzo

Dettagli

ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli

ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli nei centri abitati al fine della prevenzione degli inquinamenti

Dettagli

COMI. PG/2013/250690 Venezia, 4 giugno 2013

COMI. PG/2013/250690 Venezia, 4 giugno 2013 COMI Direzione Mobilità e Trasporti Settore Trasporti Gestione Amministrativa Traffico Acqueo trasporti.acquei@comune.venezia.it (PEC) protocollo@pec.comune.venezia.it www.comune.venezia.it/trasportoacqueo

Dettagli

(sede nel porto di Loano, molo Francheville, 3 ucalassio@mit.gov.it 010 2777800)

(sede nel porto di Loano, molo Francheville, 3 ucalassio@mit.gov.it 010 2777800) MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI ALASSIO GUARDIA COSTIERA (sede nel porto di Loano, molo Francheville, 3 ucalassio@mit.gov.it 010 2777800) ORDINANZA N.

Dettagli

ALLEGATO A. Comune di Ginosa. Provincia di Taranto. OGGETTO: Affidamento attività di assistenza alla balneazione e miglioramento

ALLEGATO A. Comune di Ginosa. Provincia di Taranto. OGGETTO: Affidamento attività di assistenza alla balneazione e miglioramento ALLEGATO A Comune di Ginosa Provincia di Taranto Cron. gen.le n. CONVENZIONE IN CASO D USO OGGETTO: Affidamento attività di assistenza alla balneazione e miglioramento segnaletica obbligatoria sulle spiagge

Dettagli

15. Da quale sigla è seguito il numero di iscrizione delle navi da diporto? A) N B) ND C) D

15. Da quale sigla è seguito il numero di iscrizione delle navi da diporto? A) N B) ND C) D GRUPPO C2015 1. In base a quali parametri si classificano le Unità da diporto? A) lunghezza B) lunghezza, larghezza e altezza di costruzione C) potenza dell apparato motore, stazza e lunghezza 2. Per pescaggio

Dettagli

Disciplina delle attività consentite nell Area Marina Protetta 'Tavolara Punta Coda Cavallo' COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N.

Disciplina delle attività consentite nell Area Marina Protetta 'Tavolara Punta Coda Cavallo' COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N. Disciplina delle attività consentite nell Area Marina Protetta 'Tavolara Punta Coda Cavallo' COMPARTIMENTO MARITTIMO DI OLBIA ORDINANZA N. 16/2003 Il Capitano di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario

Dettagli

Roma, p.d.c. 06 59084196 l8l cacp@pec.mit.gov.it; Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. All'

Roma, p.d.c. 06 59084196 l8l cacp@pec.mit.gov.it; Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. All' Roma, p.d.c. 06 59084196 l8l cacp@pec.mit.gov.it; Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto 6 Reparto - 4 Ufficio _3 Sezione All' ISTITUTO TECNOLOGICO

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE PER IMPRESE INDIVIDUALI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE PER IMPRESE INDIVIDUALI Allegato D alla let.n. 25863/LISM/10.12.5.3 in GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE PER IMPRESE INDIVIDUALI 1. Informativa Chi può presentare la Domanda di Liquidazione: - Possono presentare

Dettagli

$UW $0%,72',$33/,&$=,21(

$UW $0%,72',$33/,&$=,21( 5(*2/$0(172 '(*/,$3352',',81,7$ $9(/$$',%,7($/&+$57(51$87,&235(662/$ '$56(1$$&721'(/32572',1$32/, $0%,72',$33/,&$=,21( Il presente regolamento disciplina, a titolo sperimentale, l uso delle banchine portuali

Dettagli

Codice di comportamento delle carrozzerie

Codice di comportamento delle carrozzerie Codice di comportamento delle carrozzerie Articolo 1 Finalità 1. Il presente Codice di comportamento contiene norme finalizzate a qualificare le imprese che esercitano attività di carrozzeria secondo principi

Dettagli

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE Regolamento di Uso e Gestione di Ormeggio e Rimessaggio Nautico del Marina Nautica 180 S.r.l. S.r.l. Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO I - NORME GENERALI Il presente regolamento disciplina l accesso,

Dettagli

ISTANZA RILASCIO AUTORIZZAZIONE (1)/COMUNICAZIONE INIZIO SERVIZIO (2)/ DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ

ISTANZA RILASCIO AUTORIZZAZIONE (1)/COMUNICAZIONE INIZIO SERVIZIO (2)/ DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Alla Questura/Prefettura 1 di (e-mail: ) Al Comando Generale del corpo delle capitanerie di porto Guardia Costiera 6 Reparto Sicurezza della Navigazione Via dell Arte, 16 00144 ROMA (e-mail: ufficio2.reparto6@mit.gov.it)

Dettagli

IUfficio Circondariale Marittimo di Porto Santo Stefano i

IUfficio Circondariale Marittimo di Porto Santo Stefano i 58019 PORTO SANTO STEFANO (GR) P.D.C. 2 Capo Np/Pn PINNA e-mail: angelo.pinna@mit.gov.it Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio circondariale marittimo Porto Santo Stefano Sezione Tecnica

Dettagli

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi Avv. Enrico Mordiglia Studio Legale Mordiglia Genova - Milano Inquadramento normativo > Codice della nautica da

Dettagli

MARE SICURO" Il decalogo del Bagnante "MARE SICURO" In acquascooter Per guidare l acquascooter occorre: "MARE SICURO" In Windsurf Ricordati di:

MARE SICURO Il decalogo del Bagnante MARE SICURO In acquascooter Per guidare l acquascooter occorre: MARE SICURO In Windsurf Ricordati di: MARE SICURO" - Il decalogo del Bagnante 1 Non fare il bagno se non sei in perfette condizioni psicofisiche; 2 Anche se sei un buon nuotatore non forzare il tuo fisico; 3 Dopo una lunga esposizione al sole

Dettagli

11/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Regolamenti Regionali

11/08/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64. Regione Lazio. Regolamenti Regionali Regione Lazio Regolamenti Regionali Regolamento 7 agosto 2015, n. 9 Misure a favore delle Organizzazioni di Volontariato di protezione civile. LA GIUNTA REGIONALE ha adottato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Dettagli

Alle Direzioni Regionali dei VVF Loro Sedi Alle Direzioni Centrali del Dipartimento Loro Sedi Agli Uffici Centrali del Dipartimento Loro Sedi

Alle Direzioni Regionali dei VVF Loro Sedi Alle Direzioni Centrali del Dipartimento Loro Sedi Agli Uffici Centrali del Dipartimento Loro Sedi MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA FORMAZIONE Alle Direzioni Regionali dei VVF Alle Direzioni Centrali del Dipartimento

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO NAPOLI Ordinanza n TE/07/07

MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO NAPOLI Ordinanza n TE/07/07 MINISTERO DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO NAPOLI Ordinanza n TE/07/07 Il Capo del Compartimento Marittimo di NAPOLI; vista la circolare n. 5203674 in data 19.09.1994, Titolo: Porti, Serie VIII, n. 8

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3508 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori FABBRI, CANTONI, DETTORI, BATTISTI, PESSINA, SCOTTI, BIANCONI, BOLDI, ZORZOLI, PALOMBO, TOFANI, IOANNUCCI, RIPAMONTI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E - Art.1 OggettO ed ambito di applicazione - Art.2 Definizioni - Art.3 OrariO e sosta dei veicoli riservata al

Dettagli

Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO

Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO Comune di Terni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA NAVIGAZIONE IN SICUREZZA SUL LAGO DI PIEDILUCO (adottato con deliberazioni

Dettagli

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N _08_/2013

ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE N _08_/2013 Il Capo del Circondario Marittimo di Rimini: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - CAPITANERIA DI PORTO DI RIMINI - Via destra del Porto 149/151-47921 Rimini - Tel. 0541/50121 - Fax 0541/54373

Dettagli

- del D.Lgs. 163/2006 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE;

- del D.Lgs. 163/2006 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE; [ AVVISO PROVINCIALE PER LA ISTITUZIONE DI UN ALBO DI ORGANISMI FORMATIVI DA CUI ATTINGERE AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE COMMISSIONI D ESAME PER IL RILASCIO DI QUALIFICHE PROFESSIONALI E/O ABILITAZIONI

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIREZIONE MARITTIMA DI NAPOLI www.guardiacostiera.it/napoli Il Direttore Marittimo della Campania: VISTO il Decreto n. 121 emanato dal Ministero delle Infrastrutture

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO CASTELLLAMMARE DI STABIA

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO CASTELLLAMMARE DI STABIA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti CAPITANERIA DI PORTO CASTELLLAMMARE DI STABIA ORDINANZA n.07 del 22 marzo 2006 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA SUBACQUEA Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante

Dettagli

Avvertenze per l uso dell EPIRB

Avvertenze per l uso dell EPIRB Marine Pan Service S.r.l. Via C. Battisti, 25 00053 Civitavecchia Italy Tel. 0766-30361 - Fax 0766-1912023 http://www.marinepanservice.com Avvertenze per l uso dell EPIRB L EPIRB è un sistema di segnalazione

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 17/2007 (Atti del Consiglio) Norme per l emergenza idrica per l anno 2007. Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI ORISTANO. Ordinanza n 07/2012 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI ORISTANO. Ordinanza n 07/2012 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI ORISTANO Ordinanza n 07/2012 ORDINANZA DI SICUREZZA BALNEARE IL CAPO DEL CIRCONDARIO MARITTIMO E COMANDANTE DEL PORTO DI ORISTANO

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 52 del Reg. Delib. N. 5530 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto IL PRESIDENTE f.to Liliana Monchelato IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Livio Bertoia

Dettagli

Ali' chtho 1OOOd@pee.istruzione.it

Ali' chtho 1OOOd@pee.istruzione.it M_INF.CGCCP.REGISTRO UFFICIALE.U.0048955.30-04-2015 Roma. p.d.c. 0659084196-3315 181 cgcp@pec.mit.gov.il; Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di

Dettagli

Sviluppo Turistico Lerici Srl

Sviluppo Turistico Lerici Srl Sviluppo Turistico Lerici Srl Relazione elaborata per la ditta esterna CONSORZIO STABILE S.G.M., che esegue il servizio di TRAGHETTAMENTO per gli anni 2016 2017. APPLICAZIONE DELL ART. 26 COMMA 3 LETTERA

Dettagli

REGOLAMENTO SOCI E ORGANICO

REGOLAMENTO SOCI E ORGANICO Magenta 12 febbraio 2010 REGOLAMENTO SOCI E ORGANICO S.A.E.T. SOCI: Tutti i soci devono conoscere e rispettare le seguenti regole: di essere consapevole di far parte di una società improntata al rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge Regionale 26 luglio 2003, n. 14 Disciplina dell esercizio delle attività di somministrazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 04-07-2001 REGIONE LIGURIA NORME PER LA DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DEGLI OPERATORI DEL TURISMO SUBACQUEO.

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 04-07-2001 REGIONE LIGURIA NORME PER LA DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DEGLI OPERATORI DEL TURISMO SUBACQUEO. LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 04-07-2001 REGIONE LIGURIA NORME PER LA DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DEGLI OPERATORI DEL TURISMO SUBACQUEO. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 7 del 1 agosto 2001

Dettagli

PROGETTO NONNI VIGILI AVVISO PUBBLICO PER CONFERIMENTO INCARICO AD ANZIANI VOLONTARI PER LA VIGILANZA NEI PRESSI DELLE SCUOLE.

PROGETTO NONNI VIGILI AVVISO PUBBLICO PER CONFERIMENTO INCARICO AD ANZIANI VOLONTARI PER LA VIGILANZA NEI PRESSI DELLE SCUOLE. Città di Martano Prov. di Lecce Хώρα Μαρτάνα Ελλάς τόυ ερεντόυ Via G. Marconi n.21-73025 telefax 0836-575288 http://comune.martano.le.it/ mailto:poliziamunicipale@comune.martano.le.it COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE ( art. 46, Legge 27 Dicembre 1997, n. 449. ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a Copia COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a n 110 del 26-05-2012 Oggetto: Individuazione spiaggia e specchio mare antistante destinati alla

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti

PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti PROVINCIA DI POTENZA Unità Direzionale Trasporti COMMISSIONE PROVINCIALE D ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITÀ PROFESSIONALE PER L ATTIVITÀ DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO

Dettagli

LIVELLO 3. Guida subacquea

LIVELLO 3. Guida subacquea LIVELLO 3 Guida subacquea - pren 329.03.01-3, Servizi per attività Subacquea ricreativa - Requisiti minimi di sicurezza relativi all addestramento di un subacqueo ricreativo Parte 3: Livello 3 Dive Leader

Dettagli

Fondo. Comune di Fondo Provincia di Trento. Approvato in prima stesura dal Consiglio comunale in seduta del 27/12/2012 con deliberazione n.

Fondo. Comune di Fondo Provincia di Trento. Approvato in prima stesura dal Consiglio comunale in seduta del 27/12/2012 con deliberazione n. Approvato in prima stesura dal Consiglio comunale in seduta del 27/12/2012 con deliberazione n. 60; REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO NOLEGGIO CON CONDUCENTE VEICOLI A TRAZIONE ANIMALE DI GENERE EQUINO. Art.

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Marca Bollo 16,00 AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

Dettagli

~.y~. COMPARTIMENTO MARITTIMO DI LIVORNO CIRCONDARIO MARITTIMO DI LIVORNO. ORDINANZA N {èj 1

~.y~. COMPARTIMENTO MARITTIMO DI LIVORNO CIRCONDARIO MARITTIMO DI LIVORNO. ORDINANZA N {èj 1 ~.y~. COMPARTIMENTO MARITTIMO DI LIVORNO CIRCONDARIO MARITTIMO DI LIVORNO ORDINANZA N {èj 1 Il capo del Circondario Marittimo di Livorno: VISTA la legge 11.02.1971, n. 50 e successive modifiche, recante

Dettagli

Decreto interministeriale 6 agosto 1993. Modificazioni alle misure di tutela della riserva marina "Isole Egadi"

Decreto interministeriale 6 agosto 1993. Modificazioni alle misure di tutela della riserva marina Isole Egadi Decreto interministeriale 6 agosto 1993 Modificazioni alle misure di tutela della riserva marina "Isole Egadi" (G.U. della Repubblica Italiana n. 199 del 25 agosto 1993) Il Ministro dell'ambiente di concerto

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI RIETI SETTORE V Viabilità Uff. Albo Autotrasportatori via Salaria per L Aquila n.3 R I E T I

ALLA PROVINCIA DI RIETI SETTORE V Viabilità Uff. Albo Autotrasportatori via Salaria per L Aquila n.3 R I E T I marca da bollo Euro 14,62 (Timbro dello studio di consulenza) ALLA PROVINCIA DI RIETI SETTORE V Viabilità Uff. Albo Autotrasportatori via Salaria per L Aquila n.3 R I E T I ALBO AUTOTRASPORTATORI DI COSE

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI Prot. 2882010 Rimini, 4-4-2013 ORDINANZA BALNEARE COMUNALE N. 1/2013 IL DIRIGENTE DELL UNITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO SERVIZIO NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO SERVIZIO NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE Art.1 Il presente regolamento disciplina le funzioni amministrative relative agli autoservizi pubblici non di linea, ed in particolare il servizio di

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive - Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SERVIZIO NAZIONALE VIGILANZA AMBIENTALE ITTICO VENATORIA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLE GUARDIE PARTICOLARI GIURATE VOLONTARIE DELLA L.I.P.U. Art. 1 L attività delle guardie

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO OPERATIVO DELLA SCUOLA VOLO DA DIPORTO O SPORTIVO CON APPARECCHI MUNITI DI MOTORE.

REGOLAMENTO TECNICO OPERATIVO DELLA SCUOLA VOLO DA DIPORTO O SPORTIVO CON APPARECCHI MUNITI DI MOTORE. REGOLAMENTO TECNICO OPERATIVO DELLA SCUOLA VOLO DA DIPORTO O SPORTIVO CON APPARECCHI MUNITI DI MOTORE. 1. RIFERIMENTI RIFERIMENTI : DPR n. 133, 9 luglio 2010 - Nuovo regolamento di attuazione della legge

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

6. COORDINAMENTO E VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 5 1. PREMESSA Il presente documento è parte integrante della documentazione contrattuale viene allegato alla documentazione inviata agli offerenti in fase di selezione e deve essere firmata

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA VISTO l art. 163 del D. Lgs. 31.03.1998 n 112 sul trasferimento di funzioni e compiti di Polizia Amministrativa

Dettagli