REGOLAMENTO AFFIDI E ACCOGLIENZE FAMILIARI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO AFFIDI E ACCOGLIENZE FAMILIARI"

Transcript

1 SERVIZIO MINORI E FAMIGLIE DEI COMUNI DI ORIO AL SERIO, PONTERANICA, SORISOLE, TORRE BOLDONE Sede operativa presso il Comune capofila: Via Valbona Ponteranica (Bg) tel. 035/ Fax 035/ Comune di Orio al Serio Comune di Ponteranica Comune di Sorisole Comune di Torre Boldone Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 38 del REGOLAMENTO AFFIDI E ACCOGLIENZE FAMILIARI Premessa L attuale situazione sociale è sempre più caratterizzata da elementi di frammentazione (a livello familiare, sociale, lavorativo) e di fragilità (emotiva/affettiva, culturale, valoriale, identitaria) che si ripercuotono in misura consistente sulla vita quotidiana delle famiglie, dando luogo a frequenti situazioni di difficoltà e di crisi. In particolare alcune (quelle straniere, senza circuiti parentali di supporto, di neo formazione, monogenitoriali), più di altre, si trovano nella condizione di dover reggere un carico di problemi, di precarietà, di incertezze in un clima di solitudine. Tutto questo all interno di un sistema di welfare che, in seguito alla graduale riduzione delle risorse investite, non riesce più a garantire gli stessi livelli di supporto alle persone che faticano a reggere il passo. Ciò determina la necessità e la responsabilità di individuare nuove strategie in grado di fronteggiare positivamente questo tempo difficile. Riguardo ai servizi di sostegno e accompagnamento dei minori e delle famiglie, i Comuni di Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole e Torre Boldone, fin dal 2007 hanno scelto di investire in questa direzione, avviando un innovativo percorso di coprogettazione che vede come soggetto partner dei Comuni il Consorzio Sol.Co Città Aperta preposto alla gestione dell Ufficio Tutela (d ora in avanti nominato Equipe Minori e Famiglie), il servizio che si occupa di minori e famiglie in stretta collaborazione con i Servizi Sociali comunali. 1

2 Il lavoro svolto fin dall inizio si è caratterizzato per la chiara impronta preventiva nell approccio all intervento classicamente definito di tutela. Accanto all Equipe Minori e Famiglie, che si occupa del supporto ai nuclei familiari in situazioni di fragilità, ha da subito iniziato ad operare l Equipe Affidi e Mutualità familiari che si è dedicata particolarmente alla promozione nel territorio di una cultura e di pratiche di genitorialità sociale. Questa azione ha suscitato la positiva risposta di diverse famiglie-risorsa, che hanno dato la propria disponibilità a mettersi in gioco in termini di accoglienza, reciproco aiuto e vicinanza solidale verso nuclei familiari temporaneamente in difficoltà, che non necessitano di interventi forti da parte degli operatori del servizio. Ciò apre alla duplice possibilità di predisporre progetti di affidamento familiare, piuttosto che proporre alla famiglia in difficoltà il sostegno di un altra famiglia disponibile ad essere per lei risorsa, all interno di un patto educativo. Questa impostazione progettuale e organizzativa evidenzia la scelta di concepire il Servizio Minori e Famiglie non come un servizio specialistico, a se stante, caratterizzato da un impostazione prestazionale, ma di considerarlo come soggetto parte della comunità e della rete dei servizi locali, promotore insieme con gli altri soggetti del territorio del ben-essere e dello sviluppo armonico dei contesti sociali con cui interagisce. Si vuole inoltre precisare che un gruppo di lavoro interistituzionale, costituito da referenti dei Comuni dell Ambito 1 (Bergamo, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole e Torre Boldone) dell ASL e del Terzo Settore, su mandato dell Assemblea dei Sindaci, a seguito di uno studio di fattibilità, ha predisposto e dato avvio, da aprile 2011, al progetto Verso un Servizio Minori e Famiglie associato dell Ambito territoriale 1 Bergamo al fine di migliorare la qualità degli interventi a favore delle famiglie. Inoltre si è attivato contestualmente la sperimentazione di un nuovo assetto organizzativo e di nuove modalità di gestione degli interventi e dei servizi a favore di minori e famiglie dell ambito, con l intento di condividere una progettualità integrata nell area minori: i servizi sociali dell area minori di ambito sono stati suddivisi in 4 poli di cui 3 afferiscono al Comune di Bergamo e uno ai Comuni di Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole e Torre Boldone. 2

3 Art. 1 Normativa L affidamento familiare per i minori è regolato dalla legge 4 maggio 1983, n. 184 e successive modificazioni e integrazioni. L affidamento familiare è inteso come intervento assistenziale temporaneo in quanto il principio informatore della Legge è il diritto del minore ad essere mantenuto, istruito ed educato nella propria famiglia. Art. 2 Definizione e finalità Scopo generale dell affidamento è di garantire al minore, temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo, il diritto di crescere all interno di un nucleo familiare, nelle condizioni migliori per un sano sviluppo psico-fisico, in alternativa ad un ricovero in istituto o altra struttura comunitaria. L affidamento familiare è un intervento temporaneo e prevede che siano mantenuti i rapporti tra il minore e il nucleo d origine in vista del suo rientro; non può pertanto essere confuso con l adozione. Art. 3 Tipologia di affido familiare In base alla normativa di riferimento sopra citata si possono individuare due forme di affidamento familiare: Affidamento consensuale L'affidamento familiare consensuale è disposto dal Sindaco del comune di residenza del minore su proposta del Servizio Minori e Famiglie, previo consenso di entrambi i genitori o dell unico genitore esercente la potestà o del tutore e previa audizione del minore se maggiore di 12 anni (o di età inferiore in considerazione della sua capacità di discernimento ) con successiva comunicazione al Giudice Tutelare che esegue il controllo di legittimità e rende esecutivo il provvedimento. Ciò consente di accertare che siano state rispettate le norme formali: controllo sui consensi, che il minore sia temporaneamente privo di un ambiente famigliare idoneo, che il provvedimento contenga tutti i requisiti di cui all'art.4 comma III e IV della L.184/83 e di seguito elencati: o o o o o motivi specifici che giustificano l allontanamento del minore dalla famiglia; tempi e modi dell esercizio dei poteri riconosciuti all affidatario, da specificare in relazione alle singole situazioni; modalità di visita tra la famiglia di origine e il minore; indicazione del servizio socio - assistenziale al quale è attribuita la responsabilità del programma di assistenza e la vigilanza durante l affidamento; individuazione del periodo di presumibile durata dell affidamento. 3

4 L affidamento consensuale può essere disposto per una durata massima di 2 anni. La prosecuzione dell affidamento oltre i 2 anni è demandata esclusivamente al Tribunale per i Minorenni, qualora la sospensione dell affidamento rechi pregiudizio al minore. Affidamento senza l'assenso dei genitori o giudiziale In questo caso l affidamento è disposto dal Tribunale per i Minorenni, che si avvale del Servizio Minori e Famiglie per la sua attuazione e vigilanza. Infatti, qualora manchi l'assenso degli esercenti la potestà parentale ed il minore si trovi temporaneamente in un ambiente familiare non idoneo, è il Tribunale per i Minorenni che ha il potere di disporre l'allontanamento del minore dalla famiglia naturale demandando all'ente locale l adozione del relativo provvedimento. Inoltre, nelle situazioni di separazione e divorzio tra genitori, la legge n.74 del (art.11) prevede che anche il Tribunale Ordinario possa affidare a terzi il figlio minore. Il Servizio Minori e Famiglie ha l'obbligo di tenere costantemente informato il Giudice Tutelare, il Tribunale per i Minorenni o il Tribunale Ordinario sull'andamento dell'affidamento e di redigere una relazione semestrale all Autorità Giudiziaria competente sull andamento del programma di assistenza alla famiglia di origine, sulla sua presumibile durata e sull evoluzione delle condizioni di difficoltà del nucleo familiare di provenienza. L affido familiare può essere inoltre articolato secondo tipologie diverse sulla base dei bisogni presenti nella realtà familiare del minore. Pertanto l affido può essere: a tempo pieno, quando il bambino viene accolto stabilmente da una famiglia affidataria e mantiene rapporti con la sua famiglia nei momenti concordati; diurno, quando il bambino viene accolto presso una famiglia affidataria per alcuni momenti definiti (qualche ora in alcuni giorni, per periodi limitati quali vacanze o fine settimana); in pronto intervento, quando in caso di urgente necessità di protezione del minore la Pubblica Autorità, che si avvale del Servizio Minori e Famiglie, ha facoltà di provvedere tempestivamente ad un affidamento familiare, anche per un periodo di tempo limitato ad alcune ore o a qualche pernottamento, in attesa di definire un adeguato progetto per il minore. 4

5 E inoltre possibile favorire la permanenza di un bambino presso una famiglia di appoggio per alcuni momenti della giornata o della settimana senza che tale intervento si configuri come affidamento familiare. In questo caso si chiede alle due famiglie interessate di sottoscrivere un patto educativo. (vedi art. 4) Nel caso in cui l Equipe Affidi e Mutualità Familiari non abbia una famiglia adeguata per un minore in situazione di disagio con necessità di essere temporaneamente allontanato dalla propria famiglia d origine, la stessa si può rivolgere a Reti e Associazioni Familiari provinciali nell individuazione di una risorsa familiare idonea, al fine di perseguire congiuntamente, nel rispetto dei ruoli di ognuno, il benessere del minore da accogliere. Art. 4 I patti educativi La situazione odierna delle famiglie è spesso caratterizzata da ritmi di vita incalzanti che le inducono ad un autocentratura e alla frequente impossibilità a rispondere a bisogni che non siano i propri. In questo scenario di crescenti difficoltà, l esperienza delle famiglie risorsa apre nuovi spazi e ulteriori prospettive d intervento sociale. All interno di un quadro operativo che tende sempre più ad occuparsi solo del disagio e di situazioni multiproblematiche in un ottica riparativa, incentivare i progetti che si fondano sulla mutualità fra le famiglie e sulla costruzione di reti di vicinato solidale significa invece agire in termini preventivi, con l obiettivo di evitare il degenerare delle situazioni di fragilità familiare, concorrendo alla promozione di condizioni di benessere. Tutto ciò con il contributo determinante dei soggetti sociali locali (scuola, oratorio, associazioni di volontariato, ecc.) che, insieme alle famiglie disponibili, sono chiamati ad occuparsi dei bisogni dei minori e delle famiglie in difficoltà. Il coinvolgimento diretto delle famiglie risorsa in progetti di mutualità è regolamentato con lo strumento del patto educativo, che viene sottoscritto dalla famiglia con bisogno, dalla famiglia risorsa, dal Servizio Minori e Famiglie ed eventualmente da altri soggetti coinvolti. I patti educativi vengono sottoscritti per forme di aiuto che riguardano: - l accoglienza di un bambino/a per alcuni pomeriggi la settimana; - l accoglienza finalizzata al supporto nello svolgimento dei compiti scolastici; - l accompagnamento di minori (di lì a poco maggiorenni) verso progetti di autonomia concordati con il servizio sociale; - l accompagnamento dei minori in alcune attività di tempo libero. 5

6 Art. 5 Le funzioni dell Equipe Minori e Famiglie e dell Equipe Affidi e Mutualità Familiari L affidamento viene realizzato con il lavoro integrato delle due equipe che compongono il Servizio Minori e Famiglie, che si incontrano periodicamente. L Equipe Minori e Famiglie si occupa del bambino e della sua famiglia d origine, mentre l Equipe Affidi e Mutualità Familiari si occupa dell affido e delle famiglie affidatarie. Gli operatori delle due equipe prevedono momenti di verifica comune tra famiglia d origine, famiglia affidataria e bambino e garantiscono in ogni fase del percorso il diritto all informazione chiara e corretta nei confronti delle persone coinvolte. Tali equipe sono preposte, ciascuna per la propria competenza, allo svolgimento delle funzioni di seguito indicate: esprimono una diagnosi psico-sociale approfondita della situazione famigliare, utilizzando tutti gli elementi di conoscenza già esistenti, forniti anche da altri servizi; formulano un progetto mirato indicante gli obiettivi, la durata prevedibile, il programma d aiuto alla famiglia d origine, gli impegni del Servizio Minori e Famiglie e delle famiglie, le modalità degli incontri tra famiglie e servizio; individuano le caratteristiche della famiglia affidataria ritenute prioritarie per un possibile abbinamento; seguono lo svolgimento dell affido con verifiche periodiche con gli operatori coinvolti nel progetto, le famiglie e il bambino, predisponendo tutti gli interventi di sostegno necessari al bambino e alla sua famiglia; promuovono in concerto con le Amministrazioni Comunali iniziative di sensibilizzazione, pubblicizzazione e orientamento delle persone per favorire una cultura dell accoglienza, anche in collaborazione con Associazioni di volontariato e con realtà del privato sociale; conoscono e valutano l effettiva disponibilità delle persone interessate all affido attraverso un lavoro di informazione, formazione individuale e/o di gruppo riguardo gli aspetti giuridici, sociali educativi e psicologici dell affidamento; collaborano per formulare il progetto d affido e per individuare la famiglia affidataria più adeguata all abbinamento; sostengono le famiglie affidatarie prima e durante l affido con colloqui ed incontri individuali e con gruppi di famiglie affidatarie, condividendo con gli altri operatori frequenti momenti di verifica; organizzano una banca dati delle famiglie, nonché una banca dati dei bisogni dei minori; 6

7 promuovono la formazione degli operatori, favorendo l approfondimento e la rielaborazione delle esperienze in atto e la riflessione della metodologia di lavoro; garantiscono i necessari supporti e gli adempimenti amministrativo - burocratici (es. nullaosta scolastici, scelta e revoca medico base, documento d identità ed eventualmente per l espatrio, assegni familiari, esenzione mense, ecc); riferiscono all Amministrazione Comunale ogni qualvolta sia necessario e aggiornano periodicamente la stessa sull evolversi dell affido in atto; mantengono rapporti costanti con l Autorità Giudiziaria competente relazionando sull andamento dell affido secondo le scadenze prestabilite. Art. 6 Diritti del bambino in affido Nella realizzazione e nell attivazione del progetto di affido il bambino ha diritto: Ad essere preparato, informato ed ascoltato (compatibilmente all età) rispetto al progetto d affido; A mantenere rapporti con la sua famiglia di origine; Ad essere sostenuto con opportuni interventi pedagogici e psicologici durante tutto il percorso; A mantenere rapporti con la famiglia affidataria anche al termine dell affido, quando non vi sia controindicazione. Art. 7 Diritti e doveri della famiglia affidataria Gli affidatari vengono individuati fra coloro che si sono dichiarati disponibili e per i quali l equipe del Servizio Affidi e Mutualità Familiari abbia accertato la presenza dei requisiti necessari per poter realizzare l accoglienza del minore. La famiglia affidataria ha diritto ad: essere informata sulle finalità dell affidamento, in generale e per lo specifico progetto; essere coinvolta in tutte le fasi del progetto; avere un sostegno individuale e di gruppo; avere facilitazioni per l accesso ai servizi sanitari, educativi e sociali; avere un contributo svincolato dal reddito, quale riconoscimento per l impegno sociale e di accoglienza svolto dalla famiglia affidataria, secondo la disciplina di dettaglio di cui all'art. 12 ; usufruire di tutti i benefici (economici, lavorativi, fiscali, ecc.) previsti dalle vigenti normative. 7

8 Gli affidatari si impegnano a: provvedere alla cura, al mantenimento, all'educazione e all'istruzione del minore in affidamento, tenendo conto delle indicazioni dei genitori per i quali non vi sia stata pronuncia ai sensi degli artt. 330 e 333 del Codice Civile, o delle indicazioni del Tutore ed osservando le prescrizioni eventualmente stabilite dall'autorità affidante (Autorità Giudiziaria e/o Servizio Minori e Famiglie); mantenere, qualora richiesto dal progetto di affido, anche in collaborazione con gli operatori del Servizio Minori e Famiglie, positivi rapporti con la famiglia di origine del minore in affidamento, tenendo conto di eventuali prescrizioni dell'autorità Giudiziaria; mantenere valide condizioni ambientali (igiene, sicurezza e salubrità dell'alloggio); assicurare un'attenta osservazione dell'evoluzione del minore in affidamento, con particolare riguardo alle condizioni psico-fisiche ed intellettive, alla socializzazione ed ai rapporti con la famiglia di origine; collaborare con gli operatori sociali di riferimento in ogni fase del progetto; assicurare la massima discrezione circa la situazione del minore in affidamento e della famiglia di origine; evitare qualsiasi richiesta di denaro alla famiglia del minore in affidamento; favorire il rientro del minore nella famiglia d origine secondo gli obiettivi definiti nel progetto; esercitare, come previsto dalla legge sull affido, i poteri connessi con la potestà parentale in relazione agli ordinari rapporti con l istituzione scolastica e con le autorità sanitarie; utilizzare il contributo erogato dalle Amministrazioni per il mantenimento del minore. Gli impegni sopra elencati vengono sottoscritti dagli affidatari su apposito modulo. Agli affidatari viene rilasciata la certificazione attestante l avvenuto collocamento del minore presso di loro. 8

9 Art. 8 Diritti e doveri della famiglia d origine Nell attivazione e nella realizzazione del progetto di affido la famiglia di origine ha diritto a: essere informata sulle finalità dell affido ed in particolare sulla specificità del progetto relativo alla propria situazione familiare; essere considerata come risorsa fondamentale per la buona riuscita del progetto di affido; mantenere i rapporti con il proprio figlio, secondo le indicazioni del Servizio Minori e Famiglie. La famiglia di origine si impegna a: - mantenere rapporti con gli operatori psico-sociali di riferimento; - rispettare modalità, luoghi, tempi degli incontri con il minore, preventivamente concordati con gli operatori nel rispetto delle esigenze del bambino e di eventuali prescrizioni dell Autorità Giudiziaria; - collaborare con la famiglia affidataria nell interesse del minore, secondo le indicazioni fornite; - contribuire secondo le proprie possibilità alle spese relative al mantenimento del minore; - favorire il rientro del minore in famiglia secondo gli obiettivi definiti nel progetto di affidamento; - evitare qualsiasi richiesta di contributo economico alla famiglia affidataria. Gli impegni sopra elencati vengono sottoscritti dalla famiglia di origine su appositi moduli predisposti sempre in caso di affido consensuale. In caso di affido non consensuale saranno gli operatori di riferimento della situazione a valutare l opportunità di far sottoscrivere alla famiglia d origine il modulo predisposto. Art. 9 I compiti dei Comuni in materia di affido L Amministrazione Comunale provvede a: formalizzare l'affido consensuale, in seguito alla proposta avanzata dal Servizio Minori e Famiglie, attraverso una sottoscrizione di impegno da parte degli affidatari e - sempreché non esista provvedimento limitativo della potestà genitoriale da parte dell'autorità Giudiziaria - delle famiglie di origine dei minori; 9

10 erogare una somma di denaro mensile fissa a favore degli affidatari, per contribuire alle spese relative a prestazioni di ogni natura fornite dagli stessi al minore in affido, secondo la disciplina di dettaglio di cui all'art. 12; collaborare con il Servizio Minori e Famiglie per la promozione e la diffusione dell informazione e della cultura dell affido all interno dei propri territori. Art. 10 La copertura assicurativa I minori collocati in affido e le famiglie affidatarie sono coperti da apposita polizza assicurativa regionale per i servizi socio-assistenziali come previsto dall Art 13 della Legge Regionale 7 gennaio 1986 n. 1 Riorganizzazione e programmazione dei servizi socio-assistenziali della Regione Lombardia. La polizza assicurativa regionale garantisce la copertura per incidenti ai minori affidati e agli affidatari, nonchè per danni provocati a terzi dai minori nel corso dell affido. Alle famiglie che si rendono disponibili alle accoglienze leggere, chiamate patti educativi è garantita la copertura assicurativa sulla responsabilità civile, attraverso una polizza del Comune Capofila. Art. 11 La conclusione dell affido L affidamento si conclude con provvedimento dell autorità che lo ha disposto, quando la famiglia d origine ha superato le proprie difficoltà, o nel caso in cui la prosecuzione non sia più nell interesse del minore, con la maggiore età ovvero al termine del proseguo amministrativo. Gli operatori sono tenuti ad informare le persone coinvolte sull andamento dell affido e sulla valutazione relativa alla conclusione dello stesso. Gli stessi operatori hanno il compito di preparare la conclusione, di sostenere ed aiutare il bambino, la sua famiglia e la famiglia affidataria a realizzare il rientro e di mantenere per il tempo necessario i rapporti con la famiglia d origine, il minore e la famiglia affidataria. 10

11 Art. 12 I rimborsi alle famiglie accoglienti La famiglia affidataria percepisce un contributo fisso mensile svincolato dal reddito quale impegno dell'amministrazione nei confronti della famiglia affidataria e quale riconoscimento per l'impegno sociale svolto. L'importo del contributo è determinato dall'entità dell'impegno richiesto alla famiglia. E di competenza della Giunta Comunale determinare annualmente il contributo economico mensile a sostegno delle famiglie affidatarie, per quanto riguarda l affido etero familiare residenziale e diurno. Tale importo potrà essere ridotto in misura pari al 30% per ogni minore affidato oltre il primo (alla stessa famiglia affidataria) e suscettibile di ulteriore incremento o riduzione, nella misura massima del 30% per particolari situazioni del minore o del nucleo familiare affidatario, secondo le valutazioni dell Equipe Affidi e Mutualità Familiari. AFFIDAMENTO ETERO FAMILIARE RESIDENZIALE L affido viene definito residenziale quando il bambino trascorre con gli affidatari giorno e notte pur mantenendo rapporti periodici con la propria famiglia. Questa tipologia di affidamento è disciplinata dalla legge 184/83 così come modificata dalla legge 149/2001. AFFIDAMENTO DIURNO L affidamento diurno consiste nell affidamento a volontari presso i quali il minore non va a vivere ma con i quali trascorre parte della giornata (per alcuni o tutti i giorni della settimana) o parte della settimana (ad esempio il fine settimana). L affido diurno o a tempo parziale è previsto come effettuabile solo da terzi e non da parenti entro il IV grado del minore. AFFIDAMENTO A PARENTI Gli affidamenti a parenti entro il IV grado possono essere consensuali (nel qual caso non è necessaria segnalazione ad alcuna Autorità Giudiziaria) o disposti dall Autorità Giudiziaria. Trattandosi di parenti tenuti agli alimenti, ai sensi dell art.433 del Codice Civile, non dovrebbe essere previsto un contributo economico per gli affidatari, soprattutto nel caso di affidamenti consensuali, perché la famiglia d origine contribuisce spontaneamente al mantenimento del minore presso il parente. 11

12 Nel caso in cui i parenti non siano in grado di provvedere alle necessità economiche del minore e soprattutto quando l affidamento familiare è disposto dall Autorità Giudiziaria, l Equipe Affidi e Mutualità Familiari può valutare e proporre al Comune la possibilità di erogare un contributo economico. PATTI EDUCATIVI Per le famiglie accoglienti non sono previste forme di riconoscimento economico, rimanendo le spese relative ad ogni necessità in capo alla famiglia di appartenenza del minore. E invece garantita la copertura assicurativa per la responsabilità civile, a carico dell Ente Capofila. MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI Per quanto concerne gli affidi di minori stranieri non accompagnati si fa riferimento al documento del 14 maggio 2012 e successive modifiche, fino ad abrogazione dello stesso: INTESA PER L ADOZIONE DI PROCEDURE E MODALITA UNIFORMI PER L AFFIDAMENTO DI: - minori stranieri non accompagnati in stato di abbandono - minori stranieri in affidamento a parenti entro il 4 grado regolarmente soggiornanti - minori stranieri affidati a terzi regolarmente soggiornanti con delega degli esercenti la potestà tra Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Bergamo Questura di Bergamo Tribunale per i Minorenni di Brescia Il Giudice Tutelare di Bergamo Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci e Assemblee distrettuali dei Sindaci Ambiti Territoriali. Art. 13 Compartecipazione delle famiglie di origine La Giunta Comunale richiede alle famiglie d origine, quando le condizioni economiche e sociali di queste lo consentono, di partecipare all onere finanziario conseguente all affido. Art. 14 Disposizioni finali Per quanto non direttamente disposto nel presente regolamento, si rimanda alla legislazione in materia. 12

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE 2000 Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 86 del 29 settembre ARTICOLO 1 - RIFERIMENTI LEGISLATIVI L affido è disposto dal Comune, o chi da esso delegato, in

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI Art. 1 premessa Art. 2 finalità e obiettivi del Servizio Art. 3 modalità e definizioni Art. 4 requisiti e Banca dati delle famiglie

Dettagli

Servizi sociali di Ambito

Servizi sociali di Ambito Regolamento sull affido familiare dell Ambito territoriale di Seriate Comuni di: Seriate, Albano S. Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate,

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Regolamento Comunale sull Affidamento Familiare dei Minori 1 R E G O L A M E N T O SULL'AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con deliberazione consiliare n. del I N D I C E Art. 1. Finalità

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO COMUNE DI SORISOLE COMUNE DI GORLE COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI ORIO AL SERIO COMUNE DI TORRE BOLDONE

AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO COMUNE DI SORISOLE COMUNE DI GORLE COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI ORIO AL SERIO COMUNE DI TORRE BOLDONE AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO DI GORLE DI ORIO AL SERIO DI PONTERANICA DI SORISOLE DI TORRE BOLDONE 02 PRESENTAZIONE 03 L art.1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia sancisce che

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE

COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE Premessa Art. 1 L affidamento familiare Art. 2 L affidamento familiare e la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE approvato dal Coordinamento Istituzionale con delibera n. 10 del 14/07/2009 PRINCIPI GENERALI Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria

Dettagli

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Città di Busto Arsizio Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 89 del 25.07.2008 Premessa L affido familiare è regolamentato

Dettagli

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Art. 1 L Amministrazione comunale attua l affidamento allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per il suo sviluppo psico-fisico,

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE AMBITO TERRRITORIALE VALLE SERIANA Comuni di Albino, Alzano Lombardo, Aviatico, Casnigo, Cazzano S.A., Cene, Colzate, Fiorano al Serio, Gandino, Gazzaniga, Leffe, Nembro,

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. REGOLAMENTO COMUNALE n. 57 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. Allegato B Alla deliberazione di Consiglio Comunale nr 34 del 31/3/2004 Protocollo operativo tra Centro

Dettagli

REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1- RIFERIMENTI NORMATIVI Il D.Lgs.vo n. 502/92, così come modificato dal D. Lgs. n. 517/93 (art. 3) prevede la possibilità del conferimento

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

Cairate - Castellanza Fagnano Olona Gorla Maggiore Gorla Minore Marnate Olgiate Olona Solbiate Olona REGOLAMENTO AFFIDI

Cairate - Castellanza Fagnano Olona Gorla Maggiore Gorla Minore Marnate Olgiate Olona Solbiate Olona REGOLAMENTO AFFIDI Cairate - Castellanza Fagnano Olona Gorla Maggiore Gorla Minore Marnate Olgiate Olona Solbiate Olona REGOLAMENTO AFFIDI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.S. n 108 IN DATA 26.05.2006 1 Premessa L affido

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa Regolamento per l Affidamento familiare dei minori Premessa L Affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 maggio 1983n.184 Disciplina dell Adozione e dell Affidamento dei Minori, modificata dalla Legge

Dettagli

affidamento minori C O M U N E DI C A P O D' O R L A N D O SERVIZIO COMUNALE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI ( LEGGE REGIONALE N.

affidamento minori C O M U N E DI C A P O D' O R L A N D O SERVIZIO COMUNALE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI ( LEGGE REGIONALE N. DT. 660/99 C O M U N E DI C A P O D' O R L A N D O P R O V I N C I A D I M E S S I N A R E G O L A M E N T O SERVIZIO COMUNALE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI ( LEGGE REGIONALE N. 22/86 ) APPROVATO

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DEL "SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE" LEGGE 184/83

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE LEGGE 184/83 COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DEL "SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE" LEGGE 184/83 ART. 1 L'Amministrazione Comunale di Bitonto, nel rispetto ed in attuazione del titolo

Dettagli

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia.

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia. Nuovo testo della Legge n. 184 del 1983 Diritto del minore ad una famiglia come modificata dalla legge del 28/3/2001 n. 149 TITOLO I Principi generali Art. 1 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

Regolamento Affidamento Familiare

Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione, l erogazione e l accesso all affidamento familiare rivolto ai minori e alle loro famiglie

Dettagli

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO COMUNALE SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI (approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 12 del 23/02/2011) PREMESSA L affido familiare è

Dettagli

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE Premessa I Comuni dell Ambito Territoriale

Dettagli

>> Perché l'affido familiare dei minori. >> Che cos'é l'affido. >> Chi può fare l'affido e come. >> Tipologie dell'affido. >> Le forme dell'affido

>> Perché l'affido familiare dei minori. >> Che cos'é l'affido. >> Chi può fare l'affido e come. >> Tipologie dell'affido. >> Le forme dell'affido >> Perché l'affido familiare dei minori >> Che cos'é l'affido >> Chi può fare l'affido e come >> Tipologie dell'affido >> Le forme dell'affido >> I soggetti dell'affido >> I soggetti dell'affido Il bambino/ragazzo:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE Art. 1 Normativa L articolo 31 della Costituzione sancisce che è compito dello Stato agevolare la formazione della famiglia e l'adempimento dei compiti relativi. Con l

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE CITTÀ DI RAGUSA Settore 12 - Servizi Sociali e Assistenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 65 del 08.11.2007 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Regolamento Affido a Famiglie e/o Strutture di accoglienza Ambito:CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI A6 APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE n. 05 DEL 25.09.2009 L Affidamento familiare Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO TERRITORIALE AFFIDI

REGOLAMENTO TERRITORIALE AFFIDI Ambito Territoriale di Cantù REGOLAMENTO TERRITORIALE AFFIDI Approvato con delibera del Tavolo Politico n. 34 del 16 novembre 2010 Art. 1 Normativa L'affidamento familiare per i minori è regolato dalla

Dettagli

COMUNE DI MILANO SETTORE SERVIZI ALLA FAMIGLIA. Regolamento sull affido familiare di minori

COMUNE DI MILANO SETTORE SERVIZI ALLA FAMIGLIA. Regolamento sull affido familiare di minori COMUNE DI MILANO SETTORE SERVIZI ALLA FAMIGLIA Regolamento sull affido familiare di minori Informazioni ulteriori sull affido familiare di minori possono essere richieste al: COMUNE DI MILANO SETTORE SERVIZI

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

REGOLAMENTO per il SERVIZIO di AFFIDO e APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 10

REGOLAMENTO per il SERVIZIO di AFFIDO e APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 10 REGOLAMENTO per il SERVIZIO di AFFIDO e APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 10 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e il Servizio di Appoggio Familiare presso

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE NA6

AMBITO TERRITORIALE NA6 AMBITO TERRITORIALE NA6 CASORIA ARZANO CASAVATORE UFFICIO TECNICO DI PIANO ======================================================================= Via Po Centro Gallery - 80026 CASORIA (NA) REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce (Settore Amministrativo) REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Vista la legge nazionale 184/83 che, agli artt. 1,2,3,4 e 5, disciplinando l affidamento

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

Distretto Socio Sanitario n. 24

Distretto Socio Sanitario n. 24 Distretto Socio Sanitario n. 24 Centro Affidi Distrettuale Azione n. 9 Piano di Zona 2010-2012 Comuni di: Piazza Armerina Aidone Barrafranca Pietraperzia Cos è il Centro affidi Il Centro Affidi è un servizio

Dettagli

Comune di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Comune di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE (Proposta n. 10 20/01/2010) Oggetto: Approvazione Regolamento per il servizio di Affido familiare e di Appoggio familiare PREMESSO: IL DIRIGENTE DEL SETTORE SERVIZI AL CITTADINO che la Legge 149/01 all

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende Documento prodotto dall Equipe di regia del Progetto I Custodi dei sogni Luisa Di Matteo, Marta Saraggiotto Comune di Vergiate

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE 1 Art. 1- Oggetto e finalità Regolamento del servizio di affidamento familiare di minori L'affidamento

Dettagli

Piano Sociale di Zona

Piano Sociale di Zona Piano Sociale di Zona 2010-12 Molfetta-Giovinazzo Protocollo Operativo Istituzione dell équipe integrata, multidisciplinare e multiprofessionale, per l affido familiare e l adozione Organizzazione, Funzioni,

Dettagli

C.I.S.S. PINEROLO CONSORZIO INTERCOMUNALE. Approvato con

C.I.S.S. PINEROLO CONSORZIO INTERCOMUNALE. Approvato con C.I.S.S. PINEROLO CONSORZIO INTERCOMUNALE SERVIZII SOCIALII Via Montebello, 39 10064 PINEROLOO (TO) Tel. 0121/325001-325002-325003 Fax 0121-395396 Cod. fisc. e Part. IVA 07329610013 E-mail: ciss@cisspinerolo.it

Dettagli

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie Oggetto:. DGR 11/2007. Utilizzazione delle risorse provenienti dal fondo nazionale per le politiche sociali di cui al capitolo di spesa n. H41106 per il sostegno

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE PROVINCIA DI BARI C.F. e Partita IVA 00878940725 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALL INFANZIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione REGOLAMENTO PER IL LIVELLO ASSOCIATO DELL AFFIDO FAMILIARE Articolo 1 - Oggetto 1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione associata

Dettagli

AMBITO N.11 NARNESE-AMERINO. Regolamento per l'affidamento FAMILIARE

AMBITO N.11 NARNESE-AMERINO. Regolamento per l'affidamento FAMILIARE AMBITO N.11 NARNESE-AMERINO Regolamento per l'affidamento FAMILIARE Premessa: L'affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 Maggio 1983, n. 184 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento di minori,

Dettagli

COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Premesso che I Comuni degli Ambiti Sociali XIX, e XX in ottemperanza all attuale normativa e nell attuazione degli indirizzi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE Art.1 - Oggetto Il presente Regolamento, in rispondenza alle priorità d intervento individuate dalla legge 328/00, norma gli interventi relativi agli affidamenti

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento del servizio di affidamento familiare. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali PROVINCIA DI POTENZA Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali Protocollo d Intesa tra : Provincia di Potenza - Tribunale per i Minori- Comuni del territorio provinciale PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli

BOZZA DI PROPOSTA DI REGOLAMENTO AFFIDI

BOZZA DI PROPOSTA DI REGOLAMENTO AFFIDI Ufficio di Coordinamento del Piano di Zona del Distretto socio - sanitario di Como BOZZA DI PROPOSTA DI REGOLAMENTO AFFIDI (Criteri applicativi da presentare alla Giunta Esecutiva e successivamente all

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N.6

AMBITO TERRITORIALE N.6 AMBITO TERRITORIALE N.6 Comune Capofila Grottaglie, Comune di Carosino, Comune di Faggiano, Comune di Leporano, Comune di Monteiasi, Comune di Montemesola, Comune di Monteparano, Comune di Pulsano, Comune

Dettagli

COMUNE DI GREZZANA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI

COMUNE DI GREZZANA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI (ai sensi della L. 184/83 e modifiche L. 149/01) INDICE PRINCIPI ISPIRATORI Art. 1. OGGETTO Art. 2. TIPOLOGIA DI INTERVENTI

Dettagli

LINEE GUIDA SPERIMENTALI DEL PROGETTO L AFFIDO

LINEE GUIDA SPERIMENTALI DEL PROGETTO L AFFIDO ALLEGATO A DELIBERA ASSEMBLEARE N. 14 DEL 21.11.2013 ALLEGATO 5 Consorzio Intercomunale Servizi Socio Assistenziali Bellinzago Novarese, Borgo Ticino, Castelletto Sopra Ticino, Divignano, Lesa, Marano

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI Approvato con Deliberazione C.d.A. N. 12 del 31/05/2004 REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI PREMESSA La legge n.184 del 4 maggio 1983, così come modificata dalla Legge n.149 del 28 marzo

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

proposta di legge n. 168

proposta di legge n. 168 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 168 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 14 dicembre 2011 DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDI ETEROFAMILIARI BAMBINE E BAMBINI

REGOLAMENTO AFFIDI ETEROFAMILIARI BAMBINE E BAMBINI All.B4 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE AMBITO ZONALE ALTO AGRI R. Inf/AFF Art. 1 Il Regolamento Il regolamento è un riferimento normativo che definisce i criteri, i tempi

Dettagli

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983)

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) Articolo 1 (Oggetto del Regolamento) Oggetto del presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI PONZANO DI BOZZA AL 13.01.2011 REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI PONZANO DI Premesso che I Comuni dell Ambito Sociale XIX, in ottemperanza

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI PROTOCOLLO D INTESA Fra i seguenti soggetti: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SPINEA : Responsabile Settore Servizi Ai Cittadini

Dettagli

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI Ambito Sociale Territoriale n 3 Ente capofila Comunità Montana del Catria e Nerone - Cagli Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI N 27 del 12.12.2003

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli I Comuni costituenti l azienda consortile offertasociale, per il miglior espletamento delle competenze

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO TEMPORANEO FAMILIARE

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO TEMPORANEO FAMILIARE COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N 84 DEL 28/12/1996 REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO TEMPORANEO FAMILIARE 1 FINALITA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DISPOSIZIONI

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 16 2. TITOLO AZIONE AFFIDO FAMILIARE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT

CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT CARTA DEI SERVIZI CENTRO SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE -SAAT Pag.1 Pag.2 Sommario COS È IL SERVIZIO AFFIDO E ADOZIONI TERRITORIALE SAAT... 3 DESTINATARI DEL SERVIZIO... 3 I SERVIZI OFFERTI...

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. N. 52 DEL 30.11.2010 MODIFICATO CON D.C.C. N. 43 DEL 26.10.2011 ART. 1 PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli