LEZIONI DI KISWAHILI INTRODUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEZIONI DI KISWAHILI INTRODUZIONE"

Transcript

1 LEZIONI DI KISWAHILI INTRODUZIONE La lingua swahili, o, per meglio dire, il kiswahili, è una delle dodici lingue più importanti del mondo, parlata da 40 o 50 milioni di persone. E' parlata difatti sulla costa dell'africa Orientale dalla Somalia fin quasi al Mozambico e si estende all'interno fino allo Zaire. E' lingua ufficiale in Kenya, Tanzania e Uganda; è lingua nazionale in Kenya e Tanzania. E' altresì una delle 4 lingue africane utilizzate nell'apparato amministrativo, nei massmedia, etc. dello Zaire. Il kiswahili è lingua franca in Africa Orientale; è quindi lingua madre per le popolazioni dell'area culturale swahili, ma è seconda o terza lingua per le altre. In Tanzania è il mezzo di istruzione preuniversitario. Il kiswahili nacque intorno a 15 secoli fa come lingua di comunicazione fra gli abitanti della costa orientale africana e i mercanti di origine araba. Il termine swahili viene dalla parola araba sahil che significa 'costa'. I Waswahili sono difatti gli abitanti della costa e il kiswahili è la lingua parlata dai Waswahili. Il termine swahili ha una connotazione culturale più che etnica o nazionale. Possiamo cioè parlare di una area culturale swahili, ossia l'area costiera dell'africa orientale a cultura afroislamica, ma non di un 'popolo' swahili nel senso etnico del termine. I primi documenti scritti risalgono ad un periodo compreso tra la fine del '600 e gli inizi '700 ed erano scritti in caratteri arabi. Durante il periodo della colonizzazione tedesca si ebbe il passaggio dai caratteri arabi a quelli latini. Questo cambiamento fu molto significativo perché con il cambiamento dei caratteri di scrittura si determinò anche un mutamento delle fonti a cui far riferimento. Difatti, mentre gli scritti in caratteri arabi mostrano chiaramente l'influenza del modello di ispirazione originario, ossia la poesia religiosa islamica, i primi scritti in caratteri latini ripetono i modelli culturali e religiosi occidentali. Un considerevole incentivo allo sviluppo della lingua venne da atti amministrativi delle due potenze coloniali, Germania e Inghilterra, che hanno incoraggiato lo sviluppo del kiswahili promuovendolo come principale lingua di comunicazione. Nel 1930 l 'East African Swahili Committee, nel tentativo di standardizzare il kiswahili, impose il dialetto di Zanzibar, il kiunguja, come base per il kiswahili standard. Vi sono tuttavia diversi altri dialetti tuttora usati nella originale area costiera swahili.

2 CENNI DI ORTOGRAFIA E PRONUNCIA ch come la c in cima ( chumvi - sale); dh come th nell'inglese the ( dhambi - peccato); g come g in gaio ( giza - buio); gh come g aspirata ( ghali - costoso); h è sempre aspirata( hatari - pericolo); j come g in gerla ( jana - ieri); k come c in cono ( kitabu - libro); ng' come n velare nell'inglese ringing ( ng'ombe - bue); ny come gn in gnomo ( nyoka - serpente); s sempre come s in siepe ( sisi - noi); sh come sc in scena ( shule - scuola); th come th nell'inglese thing ( thelathini - trenta); w come u in uova ( watoto - bambini); y come i in iena ( yeye - egli); z come s in rosa ( lazima - obbligo) Non vi sono consonanti doppie (tranne nne - quattro) né dittonghi. Le vocali doppie vanno pronunciate distinte (es.: -za-a - generare). L'accento tonico cade sulla penultima sillaba, tranne che in alcune parole di origine araba ( làzima - obbligo), e non viene segnato dall'ortografia ufficiale. Anche le parole monosillabiche sono piane ( mtu - uomo; nchi - paese). FORME DI SALUTO Il saluto più usato è: Jambo! = Salve! e la risposta è: Jambo! La forma completa del saluto e' Hujambo? (lett. " Non hai problemi? Non hai niente? ") e la risposta è: Sijambo! (lett. " Non ho problemi! Va tutto bene! ") Queste parole differiscono solo nella parte (morfema) iniziale. hu- è la forma negativa della seconda persona singolare del verbo: tu non... si- è la forma negativa della prima persona singolare del verbo: io non... jambo ( mambo al plurale), però, non è un verbo, anche se nelle formule di saluto si comporta come tale. Habari? = Come stai? (lett. Notizie? ) la risposta è: Nzuri! = Bene! Tra i giovani è molto usato Mambo? = Come va? e la risposta è: Poa! oppure Safi! = Tutto ok! Generalmente questi saluti sono accompagnati da titoli di cortesia. I più usati sono: Bwana (Abbr. Bw. ) = Signore, ma nei saluti spesso non ha il grado di formalità a cui siamo abituati noi. Si usa anche fra amici, e può usarlo anche una madre rivolta al figlio. Bibi (Abbr. Bi. ) = Signora, ma e' un titolo spesso accompagnato dal nome proprio, come in: Bwana na Bibi Moyokonde. Il Signore e la Signora Moyokonde. Mzee = Vecchio, anziano (di solito riferito ad un uomo anziano o come forma di rispetto. Si può usare anche con le donne, ma in questo caso e' preferibile usare Mama ). Altro titolo molto diffuso in Tanzania e' Ndugu (Abbr. Nd. ) che significa fratello, sorella. Il paradigma dello pseudo-verbo jambo é: sijambo (Io) Non ho problemi Sto bene! hujambo (Tu) Non hai problemi hajambo (Egli, ella) Non ha problemi hatujambo (Noi) Non abbiamo problemi Stiamo bene! hamjambo (Voi) Non avete problemi hawajambo (Essi, esse) Non hanno problemi

3 I saluti in kiswahili sono molto importanti. In una conversazione c'é sempre un lungo preliminare dedicato ai saluti: dopo le formule rituali ci si informa della salute dei vari familiari, del lavoro, dello studio, di come sono si sono trascorsi i giorni passati, ecc., con: habari za...? ("( Che ) novità ( vi sono a proposito ) di...? ") seguito, secondo i casi, da una delle seguenti parole: asubuhi = mattina mchana = giorno - pomeriggio leo = giornata jioni = sera - notte usiku = notte usiku mwena (buona notte ) lala salama (buona notte) nyumbani = lett. " a/in casa " siku nyingi = lett. " molti giorni " watoto = figli (singolare: mtoto ) safari = viaggio kazi = lavoro A questo saluto si risponde sempre con: Nzuri = bene oppure Njema = bene. salama = benissimo safi = meravigliosamente Esiste anche una forma rispettosa di saluto usata per gli anziani: Shikamoo = saluto Marahaba = risposta Ad un anziano, ma anche ad un superiore, oppure a chiunque si voglia mostrare rispetto si dice: Shikamoo! (Lett. " Prendo i tuoi piedi! ", simile a " Bacio le mani! ") a cui è buona educazione rispondere con Marahaba! o Marhaba! (Lett. " Benvenuto! ") Troviamo anche espressioni quali: sasa = ciao kwa heri = arrivederci karibu = benvenuto tutaonana! = ci vediamo!. Arrivederci hakuna matata = nessun problema pole pole = piano piano, con calma tafadhali = per favore asante = grazie asante sana = grazie mille unaweza? = potresti? siwezi = non posso samahani = mi dispiace mi scusi unasema italiani? = parli italiano? naelewa = ho capito ndiyo, naelewa = Sì, capisco hapana, sielewi = non ho capito!. no, non capisco! ndiyo = sì hapana = no

4 MORFOLOGIA Il kiswahili, pur avendo molte parole arabe nel lessico, ha conservato una struttura grammaticale tipicamente bantu. La struttura della frase è del tipo SVO (soggetto - verbo - oggetto); tutte le espansioni (aggettivi, specificazioni, attributi, etc.) seguono il nucleo. Le modifiche per effettuare l'accordo tra il nome e gli altri elementi ad esso collegati avvengono all'inizio e non in fine di parola, come accade invece per l'italiano. E' importante quindi essere in grado di distinguere in una parola swahili, la parte morfologica (ossia gli elementi che concorrono ad attuare l'accordo tra le parole di una frase) e la parte della parola che ha il contenuto semantico, la cosiddetta radice o base. Dovremo difatti essere in grado di isolare i morfemi dalla base per poter cercare quest'ultima nel dizionario. Il sistema delle classi L'accordo è retto dal nome ed avviene per numero (singolare e plurale) e per classi (1-11, 14, 15, 16, 17, 18). Il kiswahili difatti non distingue tra generi maschile e femminile ma tra varie classi. Ogni sostantivo swahili fa capo ad una classe. Ogni classe raggruppa quindi dei sostantivi che, spesso ma non sempre, hanno un qualche tratto semantico in comune. Convenzionalmente le classi sono identificate da numeri; i numeri dispari indicano i singolari, i numeri pari indicano i plurali (ad eccezione delle classi 14-18). A volte si usano i morfemi iniziali del sing. e del pl.; nella nostra esposizione adotteremo spesso il sistema dei morfemi iniziali e non dei numeri in quanto questo sistema ci sembra più adatto a dare indicazioni immediate sul tipo di accordi da effettuare. Le classi avevano inizialmente un contenuto semantico che è ancora visibile. Diamo qui di seguito un' idea del contenuto semantico delle classi. Alla classe 1/2 (o cl. m/wa ) appartengono i nomi di esseri animati (uomini e animali); es.: mtu/watu uomo/uomini. Alla classe 3/4 ( o cl. m/mi ) appartengono nomi di vegetali e anche sostantivi (formati da radici verbali) che esprimono una azione; es.: mti/miti albero/alberi. Alla classe 5/6 (o cl. ji/ma ) appartengono nomi di frutta ( chungwa/machungwa arancia/e), parti del corpo ( jicho/macho occhio/occhi), accrescitivi. La gran parte di questi nomi al sing. non hanno prefisso ( jina/majina nome/i); a volte sono usati solo al pl. ( maji acqua). Alla classe 7/8 (o cl. ki/vi ) appartengono nomi che indicano oggetti inanimati ( kitu/vitu cosa/e), diminutivi ( kilima collina, da: mlima monte). Alla classe 9/10 (o cl. n/n ) appartengono i nomi invariabili, cioè che hanno la stessa forma per il pl. e per il sing. ( nyumba/nyumba casa/e) e molti termini stranieri (ar. habari/habari notizia/e); vi appartengono anche nomi che hanno contenuto semantico animato. Alla classe 11 appartengono i nomi astratti, che non hanno plurale. (es.: uzuri bellezza). Vi appartengono inoltre dei nomi (in genere di oggetti lunghi e sottili) che fanno il pl. in cl. 10, ossia perdono la u- iniziale (unywele/nywele -capello/i). La classe 15 comprende gli infiniti che, quando hanno funzione di sostantivi, reggono l'accordo come qualsiasi altro nome ( kusoma ni kuzuri - leggere è bello).

5 Le classi 16, 17, 18 sono dette classi locative. Alla cl. 16 appartiene un solo sostantivo pahali (posto), luogo (con le varianti pahala, mahali). Vi appartengono i sostantivi che prendono il suffisso locativo -ni. La classe 16 indica un luogo vasto, la classe 17 un luogo alquanto indeterminato, la classe 18 un luogo piccolo e ben determinato. L'accordo tramite le classi Ogni nome quindi è composto da un prefisso, che chiameremo CN (classificatore nominale) e da una base NI (nominale indipendente). Il prefisso di un NI, ossia il CN, determina i prefissi da usare con le altre basi a lui collegate, ossia aggettivi, pronomi e verbi. Nella frase che segue si possono notare le concordanze tra elementi dipendenti e non: yule mwalimu mdogo anampenda mwanafunzi wake yu -le mw -alimu m -dogo a -na- m -penda mw -anafunzi w -ake CP-dim CN-NI CA-ND CS-MV-CO-V CN-NI CP-poss quel maestro piccolo ama scolaro suo wale walimu wadogo wanawapenda wanafunzi wake wa -le w -alimu wa -dogo wa -na- m -penda w -anafunzi w -ake CP-dim CN-NI CA-ND CS-MV-CO-V CN-NI CP-poss quei maestri piccoli amano scolari suoi Possiamo individuare cinque categorie morfologiche principali; nome ( jina o nomino ), aggettivo ( sifa o kivumishi ), verbo ( kitenzi ), pronome ( kiwakilishi ), invariabile ( lisonyambulika ). Abbreviazioni CA concordi aggettivali CN concorde nominale CO concorde oggettivo CP concorde pronominale CR concorde relativo CS concorde soggettivo dim dimostrativo MV modificatore verbale ND nominale dipendente NI nominale indipendente poss possessivo

6 NOMI Il nome è composto da un prefisso, o concorde, nominale (CN) e da una base ( mnyama : m- nyama ; CN1-NI). Il plurale si forma cambiando il CN con il CN plurale corrispondente ( wanyama ; wa-nyama ; CN2-NI). Non vi è distinzione di generi, ma solo di classe. Il prefisso del sing. (e quello del pl.) permettono di individuare la classe di appartenenza del nome. CLASSE SINGOLARE/PLURALE 1/2 m-, mu-, mw-/wa-, w- 3/4 m-, mu-, mw-/mi- 5/6 -, j-, ji-/ma-, m- 7/8 ki-, ch-/vi-, vy- 9/10 -, n-, ny-, m-, etc./-, n-, ny-, m-, etc. 11/10 w-, u-/n- 12/13 ka-/tu- 15 ku- kw- Il diminutivo e l'accrescitivo si formano modificando il CN. Per il diminutivo si premette il CN di classe7 ki- ( mtoto - bambino; kitoto bambino piccolo; kijitoto bambino piccolissimo). L'accrescitivo si forma sostituendo al CN il CN di classe 5 ji- ( mtu uomo; jitu - grosso uomo; jijitu - omaccione). E' possibile aggiungere ad un nome (tranne quelli personali e di luogo) il suffisso locativo -ni, per indicare uno stato o un moto a luogo ( shule - scuola; shuleni - nella scuola). I nomi così modificati non appartengono più alla classe originaria ma ad una delle classi locative (classi 16, 17, 18); tutti gli accordi relativi a quel nome vengono quindi effettuati con i concordi richiesti dalle classi locative. mji ule quella città; mjini pale in quella città chumba kile quella stanza; chumbani mule in quella stanza sanduku ile quella scatola; sandukuni mle in quella scatola i-le sanduku y-ako i-ko kabatini quella scatola tua è nell'armadio sanduku-ni m-le m-na kalamu yangu (in scatola quella c'è penna mia) in quella scatola c'è la mia penna

7 AGGETTIVI (parte 1) Gli aggettivi (o ND - nominali dipendenti) swahili precedono sempre il nome al quale si riferiscono. Quelli di origine bantu (che sono pochi) si accordano col nome tramite un prefisso che chiameremo CA (concorde aggettivale), che é praticamente uguale ai CN; quelli di origine araba sono invariabili. Ecco alcuni aggettivi bantu: -baya cattivo -chache poco -dogo piccolo -ekundu rosso -ema buono -eupe bianco -eusi nero -fupi corto -kubwa grande -pya nuovo -refu alto -zima intero, sano -zuri bello, buono mtoto mzuri bambino buono kiti kidogo sedia piccola miti mikubwa alberi grandi I CA, quando usati davanti ad aggettivi che iniziano per vocale, subiscono delle modifiche. Ecco come si comporta in particolare il CA di cl. 9/10 n- : n + d, g, j, n nd, ng, ny, nn n + r, l nd n + b, v mb, mv n + w mb n + ch, f, k, p, s, sh, t, m, n l'agg. resta invariato n + vocale ny + vocale nyumba ndogo ( n + -dogo ) casa piccola nyumba ndefu ( n + -refu ) casa lunga nyumba mbovu ( n + -bovu ) casa brutta nyumba mbili ( n + -wili ) due case nyumba chache ( n + -chache ) poche case nyumba nyekundu ( n + -ekundu ) casa rossa Fanno eccezione l'aggettivo -ema, che in Cl. 9 fa njema, e l'aggettivo -pya, che dovrebbe rimanere senza CA e invece, essendo monosillabico, prende il prefisso m-. Vi sono poi gli aggettivi di origine araba che sono invariabili e non richiedono quindi nessun accordo. hodari forte jahili crudele jasiri ardito kabidhi avaro mtoto hodari bambino bravo watoto hodari bambini bravi

8 NUMERALI Anche tra i numerali abbiamo quelli di origine bantu, che effettuano l'accordo, e quelli di origine araba, che sono invariabili. Fa eccezine kumi (dieci), che è l'unico numerale bantu invariabile. Ecco i numeri cardinali: -moja uno -wili due -tatu tre -nne quattro -tano cinque -sita sei saba sette -nane otto tisa nove kumi dieci I termini per indicare zero, le decine, cento, mille sono arabi: sifuri zero ishirini venti thelathini trenta arobaini quaranta hamsini cinquanta sitini sessanta sabini settanta themanini ottanta tisini novanta mia cento elfu mille laki - centomila - è di origine indiana milioni -milione- è un prestito dall'inglese. Gli aggettivi che iniziano per vocale, per es.: -ingi molto -ingine altro -ingine-o simile prendono i CA prevocalici. -ingine-o prende i CA all'inizio e i concordi relativi (CR) alla fine: watu wengi molti uomini vitabu vingine altri libri vitu vinginezo altre cose di questo genere

9 AGGETTIVI (parte 2) Pronominali Con il termine 'pronominali' si intende in swahili una categoria di elementi che include, tra altri, anche i dimostrativi, possessivi, indefiniti, interrogativi, etc.. Non vi è distinzione di forma tra aggettivi e pronomi dimostrativi, possessivi, etc. Tutti i pronomali swahili, tranne i pronomi personali che sono indipendenti, vanno accordati col nome. L'accordo avviene con una serie di prefissi (e/o suffissi) detti concordi pronominali (CP), che illustreremo di volta in volta. -a Il connettivo -a traduce l'italiano 'di'. Si forma premettendo gli stessi CP usati per i possessivi, ossia i P1: mwalimu wa Sadiki il maestro di Sadiki kitabu cha mtoto il libro del bambino Possessivi Si trovano quasi sempre in forma isolata, a volte suffissati a nomi di persona indicante parentela o relazione. Si accordano alla classe del possessore tramite i concordi personali prevocalici (P1). -angu mio -ako tuo -ake suo -etu nostro -enu vostro -ao loro kitabu changu il mio libro macho yake i suoi occhi Questi sono invece alcuni esempi di possessivi contratti. mamangu mia madre mamako tua madre mamake sua madre babangu mio padre babako tuo padre babake suo padre mkeo tua moglie mkewe sua moglie mumeo tuo marito mumewe suo marito L'accordo dei possessivi con i nomi di persona nelle classi non personali: vi sono nomi di persona che non appartengono alla classe 1/2 ma alla classe 9/10; per es.: baba (padre), rafiki (amico), tabibu (medico), etc. Gli aggettivi, i verbi e i pronomi che si riferiscono a questi nomi non prendono i prefissi della classe 9/10 ma quelli della cl. 1/2. Fanno eccezione i possessivi: quelli che si riferiscono a nomi di persona prendono i concordi pronominali della classe 9/10; quelli che si riferiscono ad animali prendono i concordi di cl. 1 al sing e della cl. 10 al pl. rafiki yangu il mio amico rafiki zangu i miei amici ndege wangu il mio uccello ndege zangu i miei uccelli Dimostrativi Vi sono tre tipi di dimostrativi: -le indica distanza e si forma premettendo i P2; h- indica prossimità e si forma aggiungendo i P2 e inserendo tra la h- e i P2 la vocale del P2; h-o indica qualcosa di già menzionato e si forma modificando la vocale finale di h- in -o. I dimostrativi seguono quasi sempre il nome; quando lo precedono hanno valore di articolo

10 determinativo. mtu yule (uomo quello) quell'uomo mtu huyu (uomo questo) quest'uomo mtu huyo (uomo suddetto) l'uomo suddetto -ote, -o-ote Prendono i CP prevocalici. ossia i P3. -ote al sing. indica la completezza (tutto) e al pl. la totalità (tutti). nyumba yote tutta la casa nyumba zote tutte le case -o-ote vuol dire 'chiunque, qualsiasi'; dopo una negazione si traduce con 'nessuno': ninataka kitabu cho chote voglio un libro qualsiasi sitaki kitabu cho chote non voglio nessun libro -enye, -enyewe Prendono i P5, eccetto che nella cl. 1, dove usano i CA. -enye indica uno stato o una condizione (che possiede, che ha, avente), -enyewe è un rafforzativo che indica 'stesso, medesimo'. mtu mwenye mali un ricco, un possidente maji yenye moto acqua calda mimi mwenyewe io stesso miti yenyewe le piante stesse Interrogativi Prendono anch'essi i CP, della serie P2. -pi? quale? -ngapi? quanto? mtu yupi? quale uomo? vitabu vingapi? quanti libri? Vi sono anche interrogativi invariabili: nani? chi? nini? cosa? gani? quale? wapi? dove? lini? quando? mtoto huyu nani? chi è questo bambino? unataka nini? cosa vuoi? kitabu gani? quale libro? amekwenda wapi? dove è andato? atakuja lini? quando verrà? Pronomi Personali Isolati mimi io wewe tu yeye egli sisi noi ninyi voi wao essi Possono ricorrere anche in forme composte con: na- e nami ed io nd- è proprio ndimi sono proprio io che si- non è proprio siye non è lui che

11 Pronomi personali soggetto, pronomi oggetto e pronomi relativi. Sono resi con i concordi soggettivi (CS), oggettivi (CO) e relativi (CR) e concorrono a formare il verbo. Classi CS CO CR Classi 1/2 1a. ni-/tu- -ni-/-tu- -ye-/-o- Classi 1/2 2.a u-/m- -ku-/-wa- -eni -ye-/-o- Classi 1/2 3.a a-/wa- -m-/-wa- -ye-/-o- Classi 3/4 u-/i- -u-/-i- -o-/-yo- Classi 5/6 li-/ya- -li-/-ya -lo-/-yo - Classi 7/8 ki-/vi- -ki-/-vi -cho-/-vyo- Classi 9/10 i-/zi- -i-/-zi- -yo-/-zo- Classi 11/10 u-/zi- -u-/-zi- -o-/-zo- Classe 15 ku- -ku- -ko- Classe 16 pa- -po- -po- Classe 17 ku- -ko- -ko- Classe 18 mu- -mo- -mo-

12 VERBI Il verbo swahili ha una struttura morfologica molto complessa che prevede, in genere, almeno tre elementi e cioè: CS concorde soggettivo (accorda il verbo col soggetto) MV modificatore verbale (indica il tempo e/o il modo) BV base verbale (porta il contenuto semantico) CS + MV + BV = ni + na + ona = io + presente + vedere = io vedo CS + MV + BV = u + li + ona = tu + pasassato + vedere = tu vedesti CS + MV + BV = a + ta + ona = egli + futuro + vedere = egli vedrà Il pronome compl. oggetto si inserisce nel verbo prima della base. mwalimu anasoma kitabu = il maestro legge il libro mwalimu anakisoma = il maestro lo legge (il libro) Anche il relativo soggetto si inserisce nel verbo: mwalimu anayesoma kitabu = il maestro che legge il libro Il relativo oggetto, anch'esso inserito nel verbo, richiede anche l'inserimento del CO: kitabu anachokisoma mwalimu = il libro che il maestro legge La sequenza degli elementi verbali è quindi: (Neg).CS.(Neg).MV.(CR).(CO).BV., dove CR e CO sono indicati tra parentesi in quanto non necessariamente presenti; gli elementi negativi sono presenti invece in una delle due posizioni, non in entrambe. I Relativi La clausola relativa si può rendere in swahili in due modi: -con amba- (a cui va aggiunto il CR) seguito dal verbo; -con i CR infissi nel verbo nei tempi presente ( -na- ), passato rem. ( -li- ), futuro ( -taka- ) e al negativo ( -si-). Relativo soggetto mtu anaendesha gari = l'uomo guida la macchina mtu anayendesha gari = l'uomo che guida la macchina mtu ambaye ameendesha gari = l'uomo che ha guidato la macchina Relativo oggetto gari inakimbia = la macchina corre gari inayokimbia = la macchina che corre gari iliyokimbia = la macchina che ha corso gari ambayo imekimbia = la macchina che ha corso Gli estensori verbali Il contenuto semantico della base verbale può essere modificato tramite l'aggiunta dei cosiddetti estensori verbali. Queste sono le principali estensioni: applicativa -i(l), -e(l) -soma = leggere -somea = leggere a, per causativa -i, -iz, -ish, -e, -ez, -esh -panda = salire -pandisha = far salire

13 contraria -u(l), -o(l) -funga = legare -fungua = sciogliere passiva -w-, -iw, -ew -samehe = perdonare -samehewa = essere perdonato potenziale -ik-, -ek -vunja = rompere -vunjika = essere rotto reciproca -an- -kuta = incontare -kutana = incontrarsi

14 LO SCHEMA DELLA CONIUGAZIONE I verbi swahili si coniugano secondo i modi e i tempi. Esistono tempi semplici e tempi composti, formati con l'ausiliare essere. Vi è una coniugazione affermativa e una coniugazione negativa. Nello schema seguente sono riassunti i vari tempi e modi. Gli elementi tra parentesi segnalano che è ammessa la presenza del complemento oggetto e del relativo infisso nel verbo. Infinito semplice KUsoma leggere KU(ki)soma leggerlo (il libro) negativo KUTOsoma* non leggere negativo KUTO(ki)soma non leggerlo Imperativo semplice soma!* leggi!, someni!* leggete! (ki)some! leggi(lo)!, (ki)someni! leggete(lo)! esortativo KA(ki)somE! che tu (lo) legga! negativo usi(ki)some che tu non (lo) legga! Indicativo presente progress. ninasoma* leggo (adesso) nina(ki)soma (lo) leggo (adesso) nina(cho)(ki)soma (il libro) che leggo (adesso) presente semplice na(ki)soma (lo) leggo (in genereale) presente abituale HUsoma legge (d'abitudine; per tutte le pers.) negativo HAtu(ki)somI non (lo) leggiamo perfetto semplice nimesoma* ho letto perfetto in mesha nimeshasoma ho già letto negativo sija(ki)soma non (l')ho (ancora) letto passato semplice nilisoma* lessi nili(ki)soma (lo) lessi nili(cho)(ki)soma (il libro) che lessi passato narrativo nika(ki)soma e io lessi passato in ka- KAsoma ha letto (solo 3 a pers.) negativo siku(ki)soma non (lo) lessi Futuro semplice nitasoma* leggerò nita(ki)soma (lo) leggerò futuro relativo nitaka(cho)(ki)soma (il libro) che leggerò negativo sitasoma* non leggerò relat. atemporale nisoma(ye) leggente relativo negativo nisichokisoma (il libro) che non leggo, lessi, leggerò Situativo semplice niki(ki)soma leggendo(lo) (io) negativo nisipo(ki)soma non leggendo(lo) (io)

15 Congiuntivo semplice ni(ki)some che io (lo) legga consecutivo nika(ki)some e che io (lo) legga, vada a legger(lo) negativo nisi(ki)some che io non (lo) legga, vada a leggerlo Condizionale presente ningesoma* se leggessi, leggerei ninge(ki)soma se (lo) leggessi, leggerei negativo singesoma* se non leggessi, leggerei negativo singe(ki)soma se non (lo) leggessi, leggerei passato ningalisoma* se avessi letto ningali(ki)soma se (lo) avessi letto singalisoma* se non avessi letto singali(ki)soma se non (lo) avessi letto Concessivo reale ninga(ki)soma anche se io (lo) leggo ipotetico nijapo(ki)soma* anche se (lo) leggessi L'asterisco segnala i tempi e i modi in cui le forme verbali a base monosillabica (oltre alle basi vocaliche bisillabiche -enda - andare, -isha -finire) trattengono il ku- dell'infinito (se non hanno il concorde oggettivo infisso e se non portano estensori). Vediamo per es. kula - mangiare: kula! = mangia! kile! = mangialo! nimekula = ho mangiato nimekila = l'ho mangiato

16 TAVOLA DEI PRINCIPALI TEMPI POSITIVI INDICATIVO Presente Progr. Semplice Abituale Leggo (adesso) Leggo (general.) Leggo (abituale) Io ninasoma nasoma husoma Tu unasoma wasoma husoma Egli anasoma asoma husoma Noi tunasoma twasoma husoma Voi mnasoma mwasoma husoma Essi wanasoma wasoma husoma Cade (adesso) Cade (generalmente) cl.3 unaanguka waanguka cl.4 inaanguka yaanguka cl.5 linaanguka laanguka cl.6 yanaanguka yaanguka cl.7 kinaanguka chaanguka cl.8 vinaanguka vyaanguka cl.9 inaanguka yaaguka cl.10 zinaanguka zaanguka cl.11 panaanguka paanguka cl.15 kunaanguka kwaanguka cl.16 panaanguka paanguka cl.17 kunaanguka kwaanguka cl.18 mnaanguka mwaanguka Passato Prossimo Passato Remoto Futuro Semplice Ho letto Lessi Leggerò Io nimesoma nilisoma nitasoma Tu umesoma ulisoma utasoma Egli amesoma alisoma atasoma Noi tumesoma tulisoma tutasoma Voi mmesoma mlisoma mtasoma Essi wamesoma walisoma watasoma È caduto Cadde Cadrà cl.3 umeanguka ulianguka utaanguka cl.4 imeanguka ilinguka itaanguka cl.5 limeanguka lilianguka litaanguka cl.6 yameanguka yalianguka yataanguka cl.7 kimeanguka kilianguka kitaanguka cl.8 vimeanguka vilianguka vitaanguka cl.9 imeanguka ilianguka itaanguka cl.10 zimeanguka zilianguka zitaanguka cl.11 umeanguka ulianguka utaanguka cl.15 kumeanguka kulianguka kutaanguka cl.16 pameanguka palianguka palianguka cl.17 kumeanguka kulianguka kutaanguka cl.18 mmeanguka mlianguka mtaanguka

17 Congiuntivo Presente Concessivo Reale Concessivo Ipotetico Legga, leggessi Leggerei Avessi letto Io nisome ningesoma ningalisoma Tu usome ungesoma ungalisoma Egli asome asome angalisoma Noi tusome tungesoma tungalisoma Voi msome mngesoma mngalisoma Essi wasome wangesoma wangalisoma Cada, cadesse Cadrebbe Fosse caduto cl.3 uanguke ungeanguka ungalianguka cl.4 ianguke ingenguka ingalianguka cl.5 lianguke lingeanguka lingalianguka cl.6 yanguke yangeanguka yangalianguka cl.7 kianguke kingeanguka kingalianguka cl.8 vianguke vingeanguka vingalianguka cl.9 ianguke ingeanguka ingalianguka cl.10 zianguke zingeanguka zingalianguka cl.11 uanguke ungeanguka ungalianguka cl.15 kuanguke kungeanguka kungalianguka cl.16 paanguke pangeanguka pangalianguka cl.17 kuanguke kungeanguka kungalianguka cl.18 mwanguke mngeanguka mngalianguka TAVOLA DEI PRINCIPALI TEMPI NEGATIVI Presente Passato Passato Remoto Futuro Semplice Prossimo non leggo non ho letto non lessi non leggerò Io sisomi sijasoma sikusoma sitasoma Tu husomi hujasoma hukusoma hutasoma Egli hasomi hajasoma hakusoma hatasoma Noi hatusomi hatujasoma hatukusoma hatutasoma Voi hamsomi hamjasoma hamkusoma hamtasoma Essi hawasomi hawajasoma hawakusoma hawatasoma non cade non è caduto non cadde non cadrà cl.3 hauanguki haujaanguka haukuanguka hautaanguka cl.4 haianguki haijaanguka haikuanguka haitaanguka cl.5 halianguki halijaanguka halikuanguka halitaanguka cl.6 hayaanguki hayajaanguka hayakuanguka hayataanguka cl.7 hakianguki hakijaanguka hakikuanguka hakitaanguka cl.8 havianguki havijaanguka havikuanguka havitaanguka cl.9 haianguki haijaaaguka haikuanguka haitaanguka cl.10 hazianguki hazijaanguka hazikuanguka hazitaanguka cl.11 hauanguki haujaanguka haukuanguka hautaanguka cl.15 hakuanguki hakujaanguka hakukuanguka hakutaanguka cl.16 hapaanguki hapajaanguka hapakuanguka hapataanguka cl.17 hakuanguki hakujaanguka hakukuanguka hakutaanguka cl.18 hamwanguki hamjaanguka hamkuanguka hamtaanguka

18 Congiuntivo Presente Concessivo Reale Concessivo Ipotetico Non legga Non leggessi, non leggerei Non avessi letto Io nisisome singesoma singalisoma Tu usisome hungesoma hungalisoma Egli asisome hangesoma hangalisoma Noi tusisome hatungesoma hatungalisoma Voi msisome hamngesoma hamngalisoma Essi wasisome hawangesoma hawangalisoma Non cada Non cadesse, non cadrebbe Non fosse caduto cl.3 usianguke haungeanguka haungalianguka cl.4 isianguke haingeanguka haingalianguka cl.5 lisianguke halingeanguka halingalianguka cl.6 yasianguke hayangeanguka hayangalianguka cl.7 kisianguke hakingeanguka hakingalianguka cl.8 visianguke havingeanguka havingalianguka cl.9 isianguke haingeaanguka haingalianguka cl.10 zisianguke hazingeanguka hazingalianguka cl.11 usianguke haungeanguka haungalianguka cl.15 kusianguke hakungeanguka hakungalianguka cl.16 pasianguke hapangeanguka hapangalianguka cl.17 kusianguke hakungeanguka hakungalianguka cl.18 msianguke hamngeanguka hamngalianguka

19 VERBO ESSERE TAVOLA DEI PRINCIPALI TEMPI POSITIVI Presente* Passato Prossimo Passato Remoto Futuro Semplice Sono Sono stato Fui Sarò Io ni nimekuwa nilikuwa nitakuwa Tu u umekuwa ulikuwa utakuwa Egli a amekuwa alikuwa atakuwa Noi tu tumekuwa tulikuwa tutakuwa Voi m mmekuwa mlikuwa mtakuwa Essi wa wamekuwa walikuwa watakuwa cl.3 u umekuwa ulikuwa utakuwa cl.4 i imekuwa ilikuwa itakuwa cl.5 li limekuwa lilikuwa litakuwa cl.6 ya yamekuwa yalikuwa yatakuwa cl.7 ki kimekuwa kilikuwa kitakuwa cl.8 vi vimekuwa vilikuwa vitakuwa cl.9 i imekuwa ilikuwa itakuwa cl.10 zi zimekuwa zilikuwa zitakuwa cl.11 u umekuwa ulikuwa utakuwa cl.15 ku kumekuwa kulikuwa kutakuwa cl.16 pa pamekuwa palikuwa patakuwa cl.17 ku kumekuwa kulikuwa kutakuwa cl.18 m(u) mmekuwa mlikuwa mtakuwa * Tranne il ni, gli elementi di questa serie sono poco usati, specialmente quelli delle classi non personali. Si può usare il ni per l'indicativo presente in tutte le persone e le classi. Congiuntivo Presente Concessivo Reale Concessivo Ipotetico Sia Fossi, sarei Fossi stato Io niwe ningekuwa ningalikuwa Tu uwe ungekuwa ungalikuwa Egli awe angekuwa angalikuwa Noi tuwe tungekuwa tungalikuwa Voi muwe mngekuwa mngalikuwa Essi wawe wangekuwa wangalikuwa cl.3 uwe ungekuwa ungalikuwa cl.4 iwe ingenguka ingalikuwa cl.5 liwe lingekuwa lingalikuwa cl.6 yawe yangekuwa yangalikuwa cl.7 kiwe kingekuwa kingalikuwa cl.8 viwe vingekuwa vingalikuwa cl.9 iwe ingekuwa ingalikuwa cl.10 ziwe zingekuwa zingalikuwa cl.11 uwe ungekuwa ungalikuwa

20 cl.15 kuwe kungekuwa kungalikuwa cl.16 pawe pangekuwa pangalikuwa cl.17 kuwe kungekuwa kungalikuwa cl.18 muwe mngekuwa mngalikuwa TAVOLA DEI PRINCIPALI TEMPI NEGATIVI Presente * Passato Prossimo Passato Remoto Futuro Semplice Non sono Non sono stato Non fui Non sarò Io si sijawa sikuwa sitakuwa Tu hu hujawa hukuwa hutakuwa Egli ha hajawa hakuwa hatakuwa Noi hatu hatujawa hatukuwa hatutakuwa Voi ham hamjawa hamkuwa hamtakuwa Essi hawa hawajawa hawakuwa hawatakuwa cl.3 hau haujawa haukuwa hautakuwa cl.4 hai haijawa haikuwa haitakuwa cl.5 hali halijawa halikuwa halitakuwa cl.6 haya hayajawa hayakuwa hayatakuwa cl.7 haki hakijawa hakikuwa hakitakuwa cl.8 havi havijawa havikuwa havitakuwa cl.9 hai haijawa haikuwa haitakuwa cl.10 hazi hazijawa hazikuwa hazitakuwa cl.11 hau haujawa haukuwa hautakuwa cl.15 hakujawa hakukuwa hakutakuwa cl.16 hapajawa hapakuwa hapatakuwa cl.17 hakujawa hakukuwa hakutakuwa cl.18 hamjawa hamkuwa hamtakuwa * Tranne il si, le altre forme sono poco usate. Congiuntivo Presente Concessivo Reale Concessivo Ipotetico Non sia Non fossi, non sarei Non fossi stato Io nisiwe singekuwa singalikuwa Tu usiwe hungekuwa hungalikuwa Egli asiwe hangekuwa hangalikuwa Noi tusiwe hatungekuwa hatungalikuwa Voi msiwe hamngekuwa hamngalikuwa Essi wasiwe hawangekuwa hawangalikuwa cl.3 usiwe haungekuwa haungalikuwa cl.4 isiwe haingekuwa haingalikuwa cl.5 lisiwe halingekuwa halingalikuwa cl.6 yasiwe hayangekuwa hayangalikuwa cl.7 kisiwe hakingekuwa hakingalikuwa cl.8 visiwe havingekuwa havingalikuwa cl.9 isiwe haingeakuwa haingalikuwa cl.10 zisiwe hazingekuwa hazingalikuwa cl.11 usiwe haungekuwa haungalikuwa

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU LA FAMIGLIA DI BADU Badu è ghanese. È di Ada, una città vicino ad Accrà, nel Ghana. Ha ventiquattro anni ed è in Italia da tre mesi. Badu è in Italia da solo, la sua famiglia è rimasta in Ghana. La famiglia

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo:

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo: CHE LAVORO FAI? Rachid: Rachid: Rachid: Rachid: Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Che lavoro fai? Io lavoro in fabbrica. E tu? Io faccio il muratore. Anche lui è muratore. Si chiama Rachid. Lui

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua:

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua: I NUMERI NATURALI Per cominciare impariamo a leggere alcni nmeri natrali e dopo prova a scriverli nella ta linga: NUMERI ITALIANO LA TUA LINGUA 1 UNO 2 DUE 3 TRE 4 QUATTRO 5 CINQUE 6 SEI 7 SETTE 8 OTTO

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu

Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu Io e gli altri T CD 1 1 Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu Scrivi le risposte nell ordine giusto, dalla

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

LE PREPOSIZIONI ITALIANE

LE PREPOSIZIONI ITALIANE LE PREPOSIZIONI ITALIANE LE PREPOSIZIONI SEMPLICI Esempi: DI A DA IN CON SU PER TRA FRA Andiamo in citta`. Torniamo a Roma. Viene da Palermo. LE PREPOSIZIONI ARTICOLATE Preposizione + articolo determinativo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i.

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. Nomi con plurale particolare Gruppo in -a Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. poeta (m) poeti problema (m) problemi programma (m) programmi I nomi in -ista sono maschili e femminili.

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Equazioni alle differenze finite (cenni).

Equazioni alle differenze finite (cenni). AL 011. Equazioni alle differenze finite (cenni). Sia a n } n IN una successione di numeri reali. (Qui usiamo la convenzione IN = 0, 1,,...}). Diremo che è una successione ricorsiva o definita per ricorrenza

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA

SCHEDA N 2 PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SCHEDA N 2 Cerca, sul dizionario, la parola precedente e quella successiva rispetto a quella data, che troverai, scritta in rosso, nella colonna in mezzo. PRECEDENTE PAROLA DATA SUCCESSIVA SALDO SALE SALGEMMA

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta)

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta) Teoria tematica Ogni predicato ha una sua struttura argomentale, richiede cioè un certo numero di argomenti che indicano i partecipanti minimalmente coinvolti nell attività/stato espressi dal verbo stesso.

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

L'USO DI PARTICELLA»CI«( uporaba členka CI )

L'USO DI PARTICELLA»CI«( uporaba členka CI ) L'USO DI PARTICELLA»CI«( uporaba členka CI ) 1. SOSTITUISCE LA PARTICELLA AVVERBIALE (nadomesti krajevni prislov, s tem se izognemo odvečnemu ponavljanju) Vai a Roma ogni estate? Sì, CI vado ogni estate.

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO ANALISI GRAMMATICALE E ANALISI LOGICA Analisi grammaticale: procedimento che ha la funzione di associare ad ogni parola presente all'interno di una frase la propria

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

2 Rappresentazioni grafiche

2 Rappresentazioni grafiche asi di matematica per la MPT 2 Rappresentazioni grafiche I numeri possono essere rappresentati utilizzando i seguenti metodi: la retta dei numeri; gli insiemi. 2.1 La retta numerica Domanda introduttiva

Dettagli

Alla ricerca di un lavoro

Alla ricerca di un lavoro Modulo 3 Alla ricerca di un lavoro Presentazione del modulo In questo modulo, Irina, una giovane bielorussa che vive in Italia, affronta le tipiche situazioni delle persone che vogliono trovare un posto

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

IL PASSATO PROSSIMO. sono andato. ho mangiato. Formazione del participio passato regolare PARL-ARE PARL-ATO VED- ERE VED-UTO FIN-IRE FIN- ITO

IL PASSATO PROSSIMO. sono andato. ho mangiato. Formazione del participio passato regolare PARL-ARE PARL-ATO VED- ERE VED-UTO FIN-IRE FIN- ITO IL PASSATO PROSSIMO Il passato prossimo in italiano è un tempo composto. Si forma con le forme del presente di ESSERE o AVERE (verbi ausiliari) più il participio passato del verbo principale: sono andato

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE PLIDA

LA CERTIFICAZIONE PLIDA PLIDA PROGETTO LINGUA ITALIANA DANTE ALIGHIERI a cura di Giuseppe Patota e Lucilla Pizzoli II SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI, ROMA Tuttti i diritti di copyright sono riservati. Ogni violazione sarà perseguita

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Morfologia (Linguistica e Glottologia 2012) Jacopo Garzonio (j.garzonio@gmail.com)

Morfologia (Linguistica e Glottologia 2012) Jacopo Garzonio (j.garzonio@gmail.com) Morfologia (Linguistica e Glottologia 2012) Jacopo Garzonio (j.garzonio@gmail.com) Le Parole Criterio 'ortografico' è una parola ogni elemento che compare tra due separatori (come gli spazi bianchi). Gianni

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Ho vivamente apprezzato la tua recente

Ho vivamente apprezzato la tua recente 35 Le illusioni e i desideri sono illuminazione Ho vivamente apprezzato la tua recente visita e la tua costante preoccupazione per le numerose persecuzioni che mi sono capitate. Poiché ho subìto queste

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli