DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI"

Transcript

1 Ambito Sociale Territoriale n 3 Ente capofila Comunità Montana del Catria e Nerone - Cagli Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI N 27 del Oggetto PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE - APPROVAZIONE ACCORDO DI PROGRAMMA E DISCIPLINA DELLE PROCEDURE D AMBITO Presenti: Gino Traversini Domenico Papi Orazio Ioni - Presidente - Vice Presidente - Componente Assiste con funzioni di segretario verbalizzante il Dr. Stefano Cordella, Coordinatore dell Ambito Territoriale n.3 Il Presidente, verificato che gli intervenuti sono in numero legale, dichiara aperta la riunione ed invita i convocati a deliberare sull oggetto sopraindicato IL COMITATO DEI SINDACI VISTO il documento istruttorio allegato, nel quale si propone di approvare il programma di intervento per l affidamento familiare Accordo di programma e disciplina delle procedure d Ambito; RITENUTO opportuno deliberare in merito, per i motivi esposti in tale documento che vengono condivisi; SENTITO al riguardo l Ufficio di Piano CON VOTI unanimi resi in forma palese DELIBERA 1. DI APPROVARE l accordo di programma (allegato A) e la relativa disciplina delle procedure (allegato B) relativo al programma di intervento per l affidamento familiare, da sottoscrivere con l Az. USL n.2 di Urbino, i Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano e Piobbico a livello di Ambito Territoriale Sociale. 2. DI TRASMETTERE copia del presente atto ai Comuni membri ed alla Comunità Montana Catria e Nerone, quale ente capofila, per gli adempimenti conseguenti Il Presidente F.to Dr. Gino Traversini Il Segretario verbalizzante F.to Dr. Stefano Cordella La presente deliberazione è stata esposta all Albo Pretorio della Comunità Montana del Catria e Nerone per 15 giorni consecutivi dal al La presente deliberazione è copia conforme all originale per uso amministrativo e d ufficio Dr. Stefano Cordella

2 Oggetto: PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE - APPROVAZIONE ACCORDO DI PROGRAMMA E DISCIPLINA DELLE PROCEDURE D AMBITO DOCUMENTO ISTRUTTORIO RIFERIMENTI NORMATIVI Legge , n. 328 Legge quadro per la realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sociali ; D.A. n. 306 del Piano regionale per un sistema integrato di interventi e servizi sociali 2000/2002 D.G.R. 592 del Istituzione Ambiti sociali territoriali D.G.R. n del Linee guida per l attuazione del piano regionale per un sistema integrato di interventi e servizi sociali Deliberazione del Comitato dei Sindaci del Approvazione Regolamento di funzionamento del Comitato dei Sindaci dell Ambito territoriale n. 3 - Cagli Deliberazione n. 3 del Comitato dei Sindaci del Istituzione Ufficio di Piano Legge 4 maggio 1983 n.184 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Legge n.149 Modifiche alla Legge 4 maggio n.184 recante Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché il titolo VIII del libro primo del Codice Civile; D.P.C.M ; Delibera di Giunta Regionale n.869 del Indirizzi in materia di interventi socio sanitari territoriali relativi all affidamento di cui alla Legge 4 maggio 1983, n.184, e successive modifiche. Deliberazione del Comitato dei Sindaci n.15 del Approvazione Piano sociale di zona 2003 MOTIVAZIONI A seguito dell adozione da parte della Giunta Regionale delle delibere n.1896/02 e n.869/03, il Comitato dei Sindaci con atto n.26 del approvava lo schema di accordo di programma con l Az. USL n.2 di Urbino per l attivazione dell Équipe adozione e affidamento familiare. Accordo successivamente sottoscritto dai rappresentanti dell Az. USL e dell Ambito Sociale n.3 in data Nel particolare per quanto concerne l istituto dell Affido Familiare si rende necessaria l istituzione del Servizio di Affido Familiare di cui fanno parte gli operatori dell équipe integrata d Ambito Adozione, Affidamento e il personale addetto ai Servizi Sociali Comunali, al fine di perseguire una migliore operatività. Si rende necessario altresì un protocollo d intesa che uniformi le prestazioni su tutto il territorio di riferimento che faciliti gli operatori nel compito di erogare prestazioni sempre più qualificate, unitarie, coordinate ed integrate. PROPOSTA Per le motivazioni sopra riportate si ritiene necessario: 3. DI APPROVARE l accordo di programma (allegato A) e la relativa disciplina delle procedure (allegato B) relativo al programma di intervento per l affidamento familiare, da sottoscrivere con l Az. USL n.2 di Urbino, i Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano e Piobbico a livello di Ambito Territoriale Sociale. Il Coordinatore d Ambito Dr. Stefano Cordella Allegato A

3 PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ISTITUZIONE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE E APPROVAZIONE DELLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE. TRA La Comunità Montana del Catria e del Nerone zona D1 I Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico E L Azienda Sanitaria Locale n.2 di Urbino Riferimenti normativi: Legge 4 maggio 1983 n.184 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Legge n.149 Modifiche alla Legge 4 maggio n.184 recante Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché il titolo VIII del libro primo del Codice Civile; Legge n.328 Legge quadro per la realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sociali ; D.P.C.M ; Piano regionale per un sistema integrato di interventi e servizi sociali ; Delibera di Giunta Regionale n.869 del Indirizzi in materia di interventi socio sanitari territoriali relativi all affidamento di cui alla Legge 4 maggio 1983, n.184, e successive modifiche. Piano sociale di zona approvato con deliberazione del Comitato dei Sindaci n.15 del ; Il giorno.. del mese di dell anno 2003, presso la sede della Comunità Montana del Catria e Nerone, le parti sottoscrivono il presente accordo di programma per uniformare su tutto il territorio dell Ambito Sociale n.3 nell interesse primario del cittadino - utente e di facilitare gli operatori nel compito di erogare prestazioni sempre più qualificate, unitarie, coordinate e integrate. Art.1 Finalità Il presente accordo di programma disciplina il rapporto tra la Comunità Montana del Catria e Nerone, ente capofila dell Ambito Sociale n.3, i Comuni che fanno parte dell Ambito e l Azienda Sanitaria Locale n.2 per l istituzione del Servizio di Affido Familiare (S.A.F.), per la ripartizione dei compiti e delle funzioni, nonché per disciplina delle procedure in merito all Istituto dell affido familiare. Pertanto, scopo del presente protocollo d intesa è quello di uniformare le prestazioni su tutto il territorio di riferimento nell interesse primario del cittadino-utente e di facilitare gli operatori nel compito di erogare prestazioni sempre più qualificate, unitarie, coordinate ed integrate. Art.2 Organizzazione dei servizi Il S.A.F. è un servizio gestito in forma associata tra la Comunità Montana del Catria e Nerone che svolge le funzioni di ente capofila ed i Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico e A.S.L. n.2 di Urbino. Il S.A.F. è gestito attraverso: L Équipe integrata d Ambito Adozione, Affidamento di cui fanno parte le Assistenti Sociali: appartenenti all Ufficio di Promozione Sociale e lo Psicologo proveniente dalla A.S.L. n.2; Personale addetto ai Servizi Sociali Comunali. Sono previsti incontri periodici tra tutti i soggetti sopra individuati per momenti di confronto e verifica, con la partecipazione e il coordinamento generale del Coordinatore d Ambito. Art.3 Comunità Montana e Ambito Sociale n.3 La Comunità Montana capofila tramite l Ambito Sociale fornisce ai Comuni, per lo svolgimento dei compiti loro assegnati dalla vigente normativa statale e regionale, le figure di Assistente Sociale appartenenti dall U.P.S.; ad esse è affidato il ruolo tecnico afferente al Servizio Sociale Professionale così come meglio specificato nel disciplinare allegato al presente accordo di programma. Dette Assistenti Sociali sono assegnate all Équipe Integrata d Ambito Adozione, Affidamento.

4 I compiti e le funzioni attribuite all Ambito Sociale vengono svolte dalla Comunità Montana in qualità di ente capofila. Art.4 Compiti dei Comuni I Comuni per lo svolgimento delle funzioni che verranno espletate presso le sedi municipali assicurano: la rilevazione del bisogno di affido e supporto del progetto in itinere; la gestione di tutti gli atti amministrativi e contabili relativi agli affidamenti familiari che l ente locale ha in carico così come meglio specificato nel disciplinare per l affido familiare; la copertura degli oneri finanziari derivanti dalle funzioni sopra elencate; l interazione del loro personale dipendente con le Assistenti Sociali. Art.5 Compiti dell Az. U.S.L. n.2 L Azienda U.S.L. n.2, garantisce: la figura dello psicologo per lo svolgimento delle attività professionali competenti; la piena collaborazione degli operatori Distretto Sanitario di Cagli (Assistenti Sociali e Psicologo) con le Assistenti Sociali dell Ambito; l affiancamento delle proprie Ass. Sociali a quelle dell Ambito n.3 nella fase di passaggio dei casi. Lo Psicologo fornito dall Az. U.S.L. di Urbino fa parte dell Équipe integrata d Ambito Adozione, Affidamento. Art.6 Compiti dell équipe integrata d ambito L equipe integrata d ambito Adozione, Affidamento, svolge le funzioni disciplinate dall apposito Accordo di Programma sottoscritto dalla Comunità Montana e dall Az. U.S.L. n.2 di Urbino in data , nonché le attività professionali competenti così come meglio specificato nel disciplinare per l affido familiare allegato. Art.7 Oneri Essendo il Servizio di Affido Familiare una delle attività dell Ufficio di Promozione Sociale, gli oneri finanziari per la dotazione di Assistenti Sociali destinati al Servizio Affido viene sostenuta utilizzando l apposito fondo che la Regione Marche stanzia annualmente per lo staff del Coordinatore d Ambito e l U.P.S. Qualora ci sia la necessità, sulla base della programmazione annuale del Comitato dei Sindaci, i Comuni e la Comunità Montana possono essere chiamati a concorrere, in quote stabilite da tale organismo, al cofinanziamento parziale o totale di detto onere. Art.8 Approvazione e validità dell accordo Il presente Accordo di Programma con annesso disciplinare delle procedure d Ambito, che trova nel piano sociale di zona l atto fondamentale consiliare di riferimento e derivazione, è promosso e licenziato dal Comitato dei Sindaci dell Ambito Sociale n.3 di Cagli e, quindi, definitivamente approvato dalla Comunità Montana, ente capofila, e dalla Azienda U.S.L. n.2 di Urbino. Completata la procedura di approvazione e di stipula l accordo viene trasmesso ai Comuni dell Ambito per la relativa presa d atto. Il presente Accordo di Programma è valido per anni 3 (tre), salvo eventuali modifiche o aggiornamenti da stipularsi tra le stesse parti. Il Presidente della Comunità Montana Catria e Nerone Gino Traversini Il Sindaco di Acqualagna Bruno Capanna Il Sindaco di Apecchio Orazio Ioni Il Sindaco di Cagli Domenico Papi Il Sindaco di Cantiano Gino Traversini Il Sindaco di Piobbico Adriano Blasi Il Commissario Straordinario ASL n.2 Ciro Mingione Allegato B

5 DISCIPLINARE DELLE PROCEDURE D AMBITO PER IL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE PREMESSO CHE - lo scopo generale dell affido è di garantire al minore, temporaneamente privo di un ambiente familiare idoneo, il diritto di crescere all interno di un nucleo familiare, nelle condizioni migliori per un sano sviluppo psico-fisico, in alternativa ad un ricovero in istituto o altra struttura comunitaria; - l affido familiare è un intervento di collocazione temporanea, anche solo diurna, di minori presso famiglie diverse dalla loro e prevede che siano mantenuti i rapporti tra il minore e il nucleo d origine in vista del suo rientro; - che si può ricorrere all affido familiare solo qualora la famiglia naturale si trovi nell impossibilità e nell incapacità temporanea di rispondere ai bisogni dei propri figli e d assicurare loro un equilibrato sviluppo psico-fisico, nonostante l apporto dei servizi sociali e sanitari territoriali; - che l affido è da considerarsi sia come strumento preventivo in situazioni non necessariamente di patologia familiare o sociale già conclamate, sia come intervento riparatorio in situazioni di crisi e ciò dopo aver esperito tutti i tentativi possibili per consentire al minore la permanenza nella famiglia d origine; - che il minore ha diritto di vivere nell ambito della propria famiglia e che i Servizi Sociali e Sanitari territoriali, nella sfera delle loro rispettive competenze, devono attuare tale diritto, rimuovendo anzitutto gli ostacoli che si frappongono alla sua realizzazione, intervenendo con un opera di sostegno economico, sociale e psicologico nei confronti dei genitori entro il 4 grado, al fine di porli in condizioni di adempiere direttamente alla loro funzione educativa; Art.1 Provvedimento di affidamento familiare L affido familiare è disposto dall Amministrazione Comunale, previo consenso manifestato dai genitori o dal genitore esercente la potestà, ovvero dal tutore, sentito il minore che ha compiuto gli anni dodici e anche il minore di età inferiore, in considerazione della sua capacità di discernimento. Il Giudice Tutelare del luogo ove si trova il minore rende esecutivo il provvedimento con decreto. Ove manchi l assenso dei genitori esercenti la potestà o del tutore, provvede il Tribunale per i Minorenni. Si applicano gli articoli 330 e seguenti del codice civile. Art.2 Beneficiari Possono beneficiare del servizio di affido familiare i minori da 0 a 18 anni, prorogabili fino a 21 anni per situazioni particolari che si trovano in stato di carenza di cure familiari, per temporanea impossibilità o incapacità dei genitori di rispondere ai loro bisogni. Art.3 Durata L affido familiare ha una durata temporanea indicata nel provvedimento salvo diverse disposizioni del Tribunale per i minorenni. In base a quanto disposto dalla normativa in vigore, trascorso il periodo previsto nell atto di affido, qualora permangano le difficoltà della famiglia di origine, può essere richiesta una proroga al Tribunale per i minorenni. Art.4 Affidatari Gli affidatari vengono individuati tra: - famiglie con o senza figli - persone singole - comunità di tipo familiare L affidatario deve essere maggiorenne ed avere un età adeguata alle esigenze del minore. Art.5 Forme dell affido familiare L affidamento familiare risponde ad un bisogno preciso che si basa sulle necessità individuali e familiari del minore. Gli affidi possono quindi essere diversi tra loro. Si possono genericamente distinguere in: AFFIDAMENTO A TEMPO PIENO: il minore vive stabilmente con la famiglia affidataria con rientri e contatti con la famiglia d origine sulla base del progetto individuato;

6 AFFIDAMENTO DIURNO: il minore necessita del sostegno di un altro nucleo familiare solo per qualche ora al giorno, per il fine settimana, per le vacanze, per periodi brevissimi in situazioni di emergenza. Art.6 Compiti della famiglia affidataria La famiglia affidataria si impegna a: - provvedere alla cura, al mantenimento, all educazione e all istruzione del minore in affido, in base alle modalità e ai tempi del progetto, tenendo conto delle indicazioni dei genitori per i quali non vi sia stata pronuncia della decadenza o limitazione della potestà, sempre comunque nell interesse del minore ed in ottemperanza ad eventuali disposizioni del Tribunale per i Minorenni; - assicurare, anche in collaborazione con gli operatori coinvolti, un attenta osservazione dell evoluzione del minore, con particolare riguardo alle condizioni psico-fisiche ed intellettive, alla socializzazione e ai rapporti con la famiglia d origine; - garantire valide condizioni ambientali (igiene, sicurezza, salubrità dell alloggio); - assicurare regolare assistenza sanitaria (ivi compresi i normali controlli periodici) e, in caso di urgenza, gli interventi medici necessari; - assicurare la massima discrezione circa la situazione del minore in affidamento e della famiglia d origine; - favorire il rientro del minore in famiglia, in base ai tempi e alle modalità stabilite nel progetto; - favorire i contatti del minore con la famiglia d origine secondo modalità e tempi concordati con i servizi preposti, salvo specifiche prescrizioni dell Autorità Giudiziaria affidante; - essere disponibile a collaborare con gli operatori psico-sociali referenti dell affido (Equipe integrata d Ambito) seguendo le loro indicazioni; - prendere i necessari e urgenti provvedimenti, in caso di pericolo della persona accolta e darne immediata comunicazione agli operatori; - escludere qualsiasi richiesta di denaro all affidato e alla sua famiglia a qualsiasi titolo. Art.7 Compiti della famiglia d origine La famiglia d origine deve: - mantenere rapporti costanti con gli operatori psico-sociali referenti del progetto di affido e rendersi concretamente disponibili all attuazione del programma concordato per il superamento delle loro difficoltà familiari; - rispettare le modalità stabilite per gli incontri con il minore, previamente concordati con gli operatori psico-sociali referenti dell affido, nel rispetto delle esigenze del minore stesso e di eventuali prescrizioni dell Autorità Giudiziaria; - favorire il rientro del minore in famiglia in sintonia con il progetto del Servizio affidante; - contribuire alle spese di mantenimento del minore qualora non vi siano difficoltà economiche. L entità di tale contributo viene valutata dal servizio territoriale di competenza in accordo con gli operatori; - autorizzare l affidatario, in caso di necessità e urgenza, a far attuare gli interventi medici e chirurgici necessari al minore; Art.8 Compiti dei Comuni All Amministrazione Comunale competono le seguenti procedure: - la rilevazione del bisogno di affido e supporto del progetto in itinere; - formalizzare l affido mediante ordinanza sindacale, previa sottoscrizione di impegno da parte degli affidatari e della famiglia d origine (a condizione che non esista un provvedimento limitativo o sospensivo della potestà parentale emesso dall Autorità Giudiziaria), e a inoltrare detto provvedimento al Giudice Tutelare per la sua omologazione; - determinare, in accordo con le figure professionali dell Équipe Integrata d Ambito, la quantificazione del contributo economico da erogare alla famiglia affidataria; - determinare un contributo di entità superiore a quelli previsti ogni qualvolta si evidenziano nel minore situazioni particolari, quali: primi mesi di vita, salute cagionevole, status psico-fisico, etc., previa documentazione che giustifichi tali spese; - stipula della polizza assicurativa tramite cui i minori e gli affidatari sono coperti per danni che dovessero sopraggiungere al minore o che lo stesso dovesse provocare nel corso dell affido;

7 Art.9 Comunità Montana e Ambito Sociale La Comunità Montana tramite l Ambito Sociale interviene fornendo le figure professionali di Assistenti Sociali appartenenti all Ufficio di Promozione Sociale e assegnate all Equipe Integrata adozione, affidamento e minori fuori dalla famiglia i cui compiti sono specificati nel successivo art.11. Art.10 Az. U.S.L. n.2 di Urbino La Az. U.S.L. n.2 di Urbino fornisce la figura dello Psicologo assegnato all Equipe Integrata adozione, affidamento e minori fuori dalla famiglia i cui compiti sono specificati nel successivo art.11. Qualora si renda necessario l Az. U.S.L. n.2 di Urbino fornirà altre professionalità con competenza esclusiva o prevalente in materia di età evolutiva, sostenendone i relativi oneri e garantendo il sostegno alle competenze genitoriali, nonché la terapia e la psicoterapia dell infanzia, dell adolescenza e della coppia. Art.11 Compiti dell équipe integrata A seguito della Delibera di Giunta Regionale n.1896 del e n.896 del , e attraverso la sottoscrizione in data dell accordo di programma tra la Comunità Montana del Catria e Nerone di Cagli (Ente capofila dell Ambito Sociale n.3) e Azienda U.S.L. n.2, è stata costituita nell Ambito Sociale n.3 l Équipe locale integrata Adozione, Affidamento al fine di assicurare l unitarietà di intervento in tale materia con lo scopo di sviluppare le politiche per l infanzia e l adolescenza anche in merito all affidamento familiare. La dotazione minima dell équipe è formata da uno Psicologo e un Assistente Sociale, professionalità integrabili con supporti specialistici ed operativi territoriali del pubblico e del privato, del sociale e del sanitario. L équipe per quanto attiene agli adempimenti connessi all affidamento familiare in generale si occupa di: - promozione dell approvazione e verifica sull applicazione del regolamento comunale dell affidamento familiare; - sensibilizzazione e informazione nei confronti dell opinione pubblica sul servizio di affido, da realizzarsi in ambito sociale territoriale o sovra-ambito; - reperimento e selezione delle famiglie disponibili all affidamento familiare; - conduzione dei lavori di gruppo e un percorso di preparazione delle famiglie disponibili all affido anche avvalendosi delle associazioni di famiglie affidatarie che operano nel campo della tutela dei minori e delle famiglie; - abbinamento famiglia affidataria/minore, in collaborazione con il servizio socio assistenziale dell ente locale competente; - sostegno del nucleo affidatario attraverso incontri di gruppo; - collaborazione con la banca dati regionale, in relazione alla immissione e alla elaborazione periodica dei dati riferiti agli affidamenti; - verifica e valutazione dell attività svolta. - mediazione familiare. L équipe per quanto attiene agli adempimenti dello specifico progetto di affidamento familiare si occupa di: - formulare il progetto di affido; - sostenere il minore, garantendogli uno spazio espressivo e relazionale e/o terapeutico, se necessario, all interno dei servizi a sua tutela; - trasmettere alla famiglia affidataria le informazioni, relative al bambino e alla sua famiglia, ritenute necessarie per una corretta gestione dell affido, nel rispetto del segreto professionale; - sostenere la famiglia affidataria per tutta la durata dell affido con incontri periodici e programmati; - sostenere la famiglia d origine con interventi finalizzati al superamento al superamento delle difficoltà che hanno determinato l affido, fornendo un adeguato sostegno finalizzato alla condivisione della scelta dell affido e alle conseguenti iniziative a favore del minore; - collaborare, per quanto di competenza, con l Autorità Giudiziaria (Giudice Tutelare o Tribunale per i Minorenni); - monitorare periodicamente il progetto con eventuale rivalutazione dell intervento; - collaborare con l équipe integrata per individuare la famiglia affidataria più idonea presente nella banca dati.

8 Art.12 Termine dell affido L affido familiare cessa con provvedimento della stessa autorità che lo ha disposto, valutato l interesse del minore, quando: - sia venuta meno, all interno della famiglia di origine, la situazione di difficoltà che lo ha determinato; - la prosecuzione dell affido sia di pregiudizio al minore; Il giudice tutelare trascorso il periodo di durata previsto, ovvero intervenute le circostanze di cui sopra, sentiti il servizio sociale locale interessato e il minore che ha compiuto gli anni dodici e anche il minore di età inferiore, in considerazione della sua capacità di discernimento, richiede, se necessario, al competente Tribunale per i Minorenni l adozione di ulteriori provvedimenti nell interesse del minore. Al termine dell affidamento familiare, gli operatori referenti assicurano, per il tempo necessario, ogni opportuno sostegno alla famiglia d origine, al minore e alla famiglia affidataria.

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI Ambito Sociale Territoriale n 3 Ente capofila Comunità Montana Catria e Nerone - Cagli Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico DELIBERAZIONE COMITATO DEI SINDACI N 26 13.10.2003 Oggetto

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

IL COMITATO DEI SINDACI

IL COMITATO DEI SINDACI IL COMITATO DEI SINDACI VISTO il documento istruttorio allegato, nel quale si propone di approvare lo schema di accordo di programma con l Az. USL n. 2 di Urbino per l attivazione della Equipe adozione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE approvato dal Coordinamento Istituzionale con delibera n. 10 del 14/07/2009 PRINCIPI GENERALI Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa Regolamento per l Affidamento familiare dei minori Premessa L Affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 maggio 1983n.184 Disciplina dell Adozione e dell Affidamento dei Minori, modificata dalla Legge

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Regolamento Comunale sull Affidamento Familiare dei Minori 1 R E G O L A M E N T O SULL'AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce (Settore Amministrativo) REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Vista la legge nazionale 184/83 che, agli artt. 1,2,3,4 e 5, disciplinando l affidamento

Dettagli

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con deliberazione consiliare n. del I N D I C E Art. 1. Finalità

Dettagli

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia.

1. Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria famiglia. Nuovo testo della Legge n. 184 del 1983 Diritto del minore ad una famiglia come modificata dalla legge del 28/3/2001 n. 149 TITOLO I Principi generali Art. 1 1. Il minore ha diritto di crescere ed essere

Dettagli

Servizi sociali di Ambito

Servizi sociali di Ambito Regolamento sull affido familiare dell Ambito territoriale di Seriate Comuni di: Seriate, Albano S. Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate,

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE PROVINCIA DI BARI C.F. e Partita IVA 00878940725 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALL INFANZIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Comune Capofila San Benedetto del Tronto Acquaviva Picena Campofilone Carassai Cossignano Cupra Marittima Grottammare Massignano Monsampolo del Tronto Montalto delle Marche Montefiore dell Aso Monteprandone

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI Art. 1 premessa Art. 2 finalità e obiettivi del Servizio Art. 3 modalità e definizioni Art. 4 requisiti e Banca dati delle famiglie

Dettagli

Piano Sociale di Zona

Piano Sociale di Zona Piano Sociale di Zona 2010-12 Molfetta-Giovinazzo Protocollo Operativo Istituzione dell équipe integrata, multidisciplinare e multiprofessionale, per l affido familiare e l adozione Organizzazione, Funzioni,

Dettagli

Art. 13 Sostegno agli affidatari... 4 Art. 14 Assicurazione...4 Art. 15 Indennità di mantenimento... 4

Art. 13 Sostegno agli affidatari... 4 Art. 14 Assicurazione...4 Art. 15 Indennità di mantenimento... 4 Regolamento per il servizio di affidamento familiare a scopo educativo-assistenziale Indice generale Regolamento per il servizio di affidamento familiare a scopo educativo-assistenziale...1 PREMESSA...

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. REGOLAMENTO COMUNALE n. 57 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. Allegato B Alla deliberazione di Consiglio Comunale nr 34 del 31/3/2004 Protocollo operativo tra Centro

Dettagli

affidamento minori C O M U N E DI C A P O D' O R L A N D O SERVIZIO COMUNALE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI ( LEGGE REGIONALE N.

affidamento minori C O M U N E DI C A P O D' O R L A N D O SERVIZIO COMUNALE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI ( LEGGE REGIONALE N. DT. 660/99 C O M U N E DI C A P O D' O R L A N D O P R O V I N C I A D I M E S S I N A R E G O L A M E N T O SERVIZIO COMUNALE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI ( LEGGE REGIONALE N. 22/86 ) APPROVATO

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 2 OGGETTO: INDIRIZZI IN MATERIA DI INTERVENTI SOCIO-SANITARI TERRITORIALI RELATIVI ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI CUI ALLA LEGGE 4 MAGGIO 1983, N.184, E SUCCESSIVE MODIFICHE LA VISTO

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA

REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA Allegato B II annualità Progetto Sostegno alla genitorialità - Distretto di Carbonia REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA - Con D.G.R. n. 40/09 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE CITTÀ DI RAGUSA Settore 12 - Servizi Sociali e Assistenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 65 del 08.11.2007 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito;

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito; D.G.R. n. 869 del 17.6.2003, Indirizzi in materia di interventi socio-sanitari territoriali relativi all affidamento familiare di cui alla legge 4 maggio 1983, n.184, e successive modifiche (B.U.R. n.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE 2000 Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 86 del 29 settembre ARTICOLO 1 - RIFERIMENTI LEGISLATIVI L affido è disposto dal Comune, o chi da esso delegato, in

Dettagli

Regolamento Affidamento Familiare

Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione, l erogazione e l accesso all affidamento familiare rivolto ai minori e alle loro famiglie

Dettagli

COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE

COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE Premessa Art. 1 L affidamento familiare Art. 2 L affidamento familiare e la

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO TEMPORANEO FAMILIARE

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO TEMPORANEO FAMILIARE COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N 84 DEL 28/12/1996 REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO TEMPORANEO FAMILIARE 1 FINALITA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO COMUNALE SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI (approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 12 del 23/02/2011) PREMESSA L affido familiare è

Dettagli

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI N 7 del 26/03/2012 Oggetto CONVENZIONE CON ASSOCIAZIONE FORMAZIONE CONTINUA SUPERIORE (F.C.S.) DI JESI PER ATTIVAZIONE CORSO QUALIFICAZIONE OPERATORI SOCIO SANITARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1- RIFERIMENTI NORMATIVI Il D.Lgs.vo n. 502/92, così come modificato dal D. Lgs. n. 517/93 (art. 3) prevede la possibilità del conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DEL "SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE" LEGGE 184/83

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE LEGGE 184/83 COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DEL "SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE" LEGGE 184/83 ART. 1 L'Amministrazione Comunale di Bitonto, nel rispetto ed in attuazione del titolo

Dettagli

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE

COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE COS E L AFFIDAMENTO FAMILIARE L affidamento familiare è un intervento temporaneo d aiuto e di sostegno ad un minore che proviene da una famiglia in difficoltà. Attraverso l affidamento, il bambino incontra

Dettagli

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA MUNICIPIO ROMA VII. (Seduta del 4 Novembre 2003)

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA MUNICIPIO ROMA VII. (Seduta del 4 Novembre 2003) Prot. N. 44891/03 Prot. Serv. Delib. N. 44/03 S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA MUNICIPIO ROMA VII ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO (Seduta del 4 Novembre 2003) VERBALE N. 77

Dettagli

Cairate - Castellanza Fagnano Olona Gorla Maggiore Gorla Minore Marnate Olgiate Olona Solbiate Olona REGOLAMENTO AFFIDI

Cairate - Castellanza Fagnano Olona Gorla Maggiore Gorla Minore Marnate Olgiate Olona Solbiate Olona REGOLAMENTO AFFIDI Cairate - Castellanza Fagnano Olona Gorla Maggiore Gorla Minore Marnate Olgiate Olona Solbiate Olona REGOLAMENTO AFFIDI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.S. n 108 IN DATA 26.05.2006 1 Premessa L affido

Dettagli

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE Premessa I Comuni dell Ambito Territoriale

Dettagli

Comune di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Comune di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE (Proposta n. 10 20/01/2010) Oggetto: Approvazione Regolamento per il servizio di Affido familiare e di Appoggio familiare PREMESSO: IL DIRIGENTE DEL SETTORE SERVIZI AL CITTADINO che la Legge 149/01 all

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE Art. 1 Normativa L articolo 31 della Costituzione sancisce che è compito dello Stato agevolare la formazione della famiglia e l'adempimento dei compiti relativi. Con l

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE NA6

AMBITO TERRITORIALE NA6 AMBITO TERRITORIALE NA6 CASORIA ARZANO CASAVATORE UFFICIO TECNICO DI PIANO ======================================================================= Via Po Centro Gallery - 80026 CASORIA (NA) REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Art. 1 L Amministrazione comunale attua l affidamento allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per il suo sviluppo psico-fisico,

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE AMBITO TERRRITORIALE VALLE SERIANA Comuni di Albino, Alzano Lombardo, Aviatico, Casnigo, Cazzano S.A., Cene, Colzate, Fiorano al Serio, Gandino, Gazzaniga, Leffe, Nembro,

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento del servizio di affidamento familiare. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato

Dettagli

COMUNE DI MILANO SETTORE SERVIZI ALLA FAMIGLIA. Regolamento sull affido familiare di minori

COMUNE DI MILANO SETTORE SERVIZI ALLA FAMIGLIA. Regolamento sull affido familiare di minori COMUNE DI MILANO SETTORE SERVIZI ALLA FAMIGLIA Regolamento sull affido familiare di minori Informazioni ulteriori sull affido familiare di minori possono essere richieste al: COMUNE DI MILANO SETTORE SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO per il SERVIZIO di AFFIDO e APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 10

REGOLAMENTO per il SERVIZIO di AFFIDO e APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 10 REGOLAMENTO per il SERVIZIO di AFFIDO e APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 10 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e il Servizio di Appoggio Familiare presso

Dettagli

COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Premesso che I Comuni degli Ambiti Sociali XIX, e XX in ottemperanza all attuale normativa e nell attuazione degli indirizzi

Dettagli

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Città di Busto Arsizio Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 89 del 25.07.2008 Premessa L affido familiare è regolamentato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE Art.1 - Oggetto Il presente Regolamento, in rispondenza alle priorità d intervento individuate dalla legge 328/00, norma gli interventi relativi agli affidamenti

Dettagli

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI PROTOCOLLO D INTESA Fra i seguenti soggetti: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SPINEA : Responsabile Settore Servizi Ai Cittadini

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 16 2. TITOLO AZIONE AFFIDO FAMILIARE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende Documento prodotto dall Equipe di regia del Progetto I Custodi dei sogni Luisa Di Matteo, Marta Saraggiotto Comune di Vergiate

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983)

CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI ALTA IRPINIA REGOLAMENTO DELL AFFIDO FAMILIARE E DEGLI ALTRI SERVIZI PER LA TUTELA DEI MINORI (Legge 184/1983) Articolo 1 (Oggetto del Regolamento) Oggetto del presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI Approvato con Deliberazione C.d.A. N. 12 del 31/05/2004 REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI PREMESSA La legge n.184 del 4 maggio 1983, così come modificata dalla Legge n.149 del 28 marzo

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2015 DELIBERAZIONE N. 46 del 26/06/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

FAMILIARE E DI APPOGGIO FAMILIARE

FAMILIARE E DI APPOGGIO FAMILIARE REGIONE MARCHE ASUR - Zona Territoriale Sanitaria 10 Ambito Territoriale Sociale 17 COMUNI DI Castelraimondo, Esanatoglia, Fiuminata, Gagliole, Matelica, Pioraco, San Severino Marche, Sefro. Ambito Territoriale

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ; DELIBERAZIONE N.1177 DEL 23/12/2005 Oggetto: L.r. 7 dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia. Individuazione degli interventi prioritari, nonché delle modalità e dei criteri di riparto

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa A seguito della stesura del protocollo operativo, approvato dal Direttivo della Comunità Montana Valle Seriana Superiore con Delibera n. 27 del

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

COMUNITA MONTANA CATRIA E NERONE CAGLI - Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNITA MONTANA CATRIA E NERONE CAGLI - Provincia di Pesaro e Urbino COMUNITA MONTANA CATRIA E NERONE CAGLI - Provincia di Pesaro e Urbino Cod. 41401 Ambito Territoriale 2 B ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO Numero 13 Del 26-02-2010 Oggetto: CONCESSIONE

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi che garantisca livelli adeguati d intervento in materia di adozione internazionale. LA VISTO il documento istruttorio riportato in calce

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011 COMUNE DI EUPILIO Provincia di Como Allegato alla delibera consigliare n. 38 del 01.08.2011 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali PROVINCIA DI POTENZA Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali Protocollo d Intesa tra : Provincia di Potenza - Tribunale per i Minori- Comuni del territorio provinciale PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE CONSORZIO INTERCOMUNALE SOCIO ASSISTENZIALE VALLE DI SUSA

REGIONE PIEMONTE CONSORZIO INTERCOMUNALE SOCIO ASSISTENZIALE VALLE DI SUSA REGIONE PIEMONTE CONSORZIO INTERCOMUNALE SOCIO ASSISTENZIALE VALLE DI SUSA ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL CON.I.S.A. VALLE DI SUSA N. 2/2015 OGGETTO: DETERMINAZIONE

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N.6

AMBITO TERRITORIALE N.6 AMBITO TERRITORIALE N.6 Comune Capofila Grottaglie, Comune di Carosino, Comune di Faggiano, Comune di Leporano, Comune di Monteiasi, Comune di Montemesola, Comune di Monteparano, Comune di Pulsano, Comune

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 25/09/2002 1712 2 OGGETTO: Legge n. 338/2000 L.R. n. 38/1996. Indirizzi agli sulle modalità di finanziamento dei progetti per la realizzazione di nuovi alloggi per studenti universitari

Dettagli

CITTA DI CATANZARO SETTORE POLITICHE SOCIALI

CITTA DI CATANZARO SETTORE POLITICHE SOCIALI CITTA DI CATANZARO SETTORE POLITICHE SOCIALI CITTA DI CATANZARO CAPOFILA AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DISTRETTI CATANZARO E CATANZARO LIDO AVVISO PUBBLICO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DISTRETTUALE DELLE

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

Consorzio Intercomunale Servizi Socio-Assistenziali Caluso Via San Francesco, 2 10014 CALUSO (Torino)

Consorzio Intercomunale Servizi Socio-Assistenziali Caluso Via San Francesco, 2 10014 CALUSO (Torino) Allegato A alla delib. C.diA. n.4/2012 C.I.S.S A.C. Consorzio Intercomunale Servizi Socio-Assistenziali Caluso Via San Francesco, 2 10014 CALUSO (Torino) AFFIDAMENTO FAMILIARE - RESIDENZIALE E DIURNO -

Dettagli