ARTES per il trasferimento tecnologico, l internazionalizzazione di impresa e dei sistemi di ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARTES per il trasferimento tecnologico, l internazionalizzazione di impresa e dei sistemi di ricerca"

Transcript

1 ARTES per il trasferimento tecnologico, l internazionalizzazione di impresa e dei sistemi di ricerca FILIERA: SCIENZE DELLE COSTRUZIONI, DEI MATERIALI, DELL ENERGIA, DELLE ACQUE E AGRO INDUSTRIA Resoconto della Visita di Studio in EAC Febbraio 2015

2 Sommario ARTES per il trasferimento tecnologico, l internazionalizzazione di impresa e dei sistemi di ricerca Background, Obiettivi e Prossime Iniziative... 3 Study visit in East African Community - (22-27 Febbraio 2015)... 5 Breve outlook sui programmi inseriti da ARTES nella strategia di fundraising Annex 1 Allocuzione della Prof. Lilia INFELISE Annex 2 - Programma del seminario

3 ARTES per il trasferimento tecnologico, l internazionalizzazione di impresa e dei sistemi di ricerca. Costruzioni, materiali, acqua, energia, agroindustria Background, Obiettivi e Prossime Iniziative Nel quadro dell'azione A4I (http://www.artes-research.com/artes4internazionalisation/), ARTES sta sviluppando un programma per l'internazionalizzazione dei Know How di eccellenza italiani ed europei, nel campo delle scienze delle costruzioni, dei materiali, dell energia, delle acque e agro industria; e più in generale, nel campo della bio-economia. Ci proponiamo di trasformare le capacità scientifiche e di ricerca italiane (ed europee) in una leva straordinaria di innovazione dei sistemi produttivi europei e delle economie in via di sviluppo più prossime. Con questo intendiamo favorire la creazione di opportunità di lavoro qualificato e spin off per i nostri ricercatori, per ridurre l abbandono forzoso dell Italia da parte di quest ultimi, e creare contesti accessibili alle nostre migliori PMI. Intendiamo fare tutto ciò agendo da ponte e da intelligence fra gli attori chiave istituzionali ed il mondo della ricerca nei paesi in via di sviluppo, la nostra ampia rete di centri di ricerca e imprese, italiane ed europee, e i grandi fondi multilaterali per lo sviluppo. Per l'attuazione della strategia succintamente introdotta, ARTES organizza visite di studio, missioni strategiche nei paesi target, effettua periodici viaggi a Bruxelles e a Washington ed impegna in modo dedicato un team di ricercatori. Nell ambito di questa azione ARTES e la sua rete internazionale hanno promosso la definizione e la firma di due accordi. Il primo coinvolge il DICAM (http://www.dicam.unibo.it/) - Università di Bologna e il Ministero Burundese dei Trasporti, dei Lavori Pubblici e degli Impianti, ed è finalizzato alla realizzazione di un centro similare a quello di Bologna - UNIBO per la ricerca, la certificazione e la regolamentazione delle tecnologie di costruzione (genio civile) e dei materiali. Il centro dovrebbe operare per l'intera EAC East African Community (che comprende Burundi, Kenya, Ruanda, e Tanzania e Uganda) fungendo da regolatore di un 3

4 caotico quanto attrattivo mercato delle materie prime, nonché degli impianti e delle infrastrutture di trasporto e di quelle energetiche, e in generale di tutte quelle infrastrutture connesse alla rapida urbanizzazione ed industrializzazione. Il secondo accordo riguarda la Tunisia e in specifico prevede di realizzare un intervento esemplare di research driven cluster start-up nel campo delle biotecnologie industriali, accompagnato da forti connessioni con le sfere dell artigianato, dell eco design, dei programmi accelerati di micro imprenditorialità agro industriale e del turismo. E vasto e solido l impegno, nella nostra rete, di diversi laboratori di ricerca europei, tra i quali la Università di BOKU (Vienna), IWNIRZ (Poznan), BCD (Barcellona), e AITEX (Alcoy -Alicante). Entrambi gli accordi prevedono uno studio preventivo di fattibilità, con ingegnerizzazione del modello di sostenibilità economico-finanziario e l impiego dei principali strumenti previsti da EuropeAid e dai fondi multilaterali, primariamente GEF (Global Environmental Facility). Tra questi strumenti sono di particolare interesse il fondo per la Bio economia destinato alla Tunisia da GEF - World Bank e da AfDB (http://www.afdb.org/en/news-andevents/article/afdb-creates-african-pilot-climate-technology-and-finance-centre-with-gefsupport-13344/), ma anche fondi blended come il CIIP (Competitive Industries and Innovation Program) e l utilizzo dello strumento di cooperazione delegata. Nel quadro di questa azione è stato, inoltre, di recente avviato un accordo tra il Ministero dei Trasporti, dei Lavori Pubblici e degli Impianti Burundesi, GESAAF - Università di Firenze e CIRAM Napoli. L accordo prevede l avvio di una cooperazione quadro nel campo dei rischi idrogeologici e di alluvioni e governance delle acque, a partire da uno studio specifico finalizzato alla valutazione del rischio e alla individuazione dei metodi e tecnologie per mitigare il rischio di alluvioni nell area di Bujumbura, con particolare riguardo ai territori collinari prospicenti il centro urbano e alle sponde del lago Tanganika. Al fine di giungere in tempi brevi a programmi dotati di adeguate risorse finanziarie, nonché collocati autorevolmente nel nuovo quadro delle politiche per lo sviluppo sostenibile, sono state messe in programma tre missioni estere. La prima, appena conclusa, ha riguardato la East African Community, la seconda riguarderà la Tunisia, la terza la partecipazione agli Spring Meetings, organizzati da World Bank e IMF a Washington DC dal 17 al 19 Aprile. 4

5 Study visit in East African Community - (22-27 Febbraio 2015) ARTES e l associazione no profit Africa Renaissance Time ha organizzato una study visit in East African Community (22 27 Febbraio 2015) a conclusione di un anno di lavoro avviato con una prima missione svolta nell agosto 2013 in Burundi e di una seconda missione svolta nell ottobre 2013 in Italia. La visita ha previsto tre giornate (22 25 Febbraio) a Bujumbura e due giornate (26 27 Febbraio) a Nairobi. La delegazione Italiana era composta da: Prof. Lilia Infelise Presidente dell istituto ARTES - ; Prof. Tomaso Trombetti Università di Bologna, DICAM - Prof. Giulio Castelli - Università di Firenze, GESAAF - Ing. Vincenzo D Agostino CEO di OMNIA Group - 5

6 La missione a Bujumbura ha avuto inizio con un seminario organizzato dalla Direzione Generale e Coordinamento degli Impianti, del Ministero dei trasporti, dei Lavori Pubblici e degli Impianti. Moderatori del seminario: Ir Nestor BARASOKOROZA (Direttore Generale della Coordinazione e degli impianti) e Prof. Déo Gratias NKINAHAMIRA (Presidente dell associazione italo burundese Africa Renaissance Time). Segretariato: Venuste NDAYITWAYEKO, Térence RUHIMBI, Jean Bosco NKURUNZIZA Copertura mediatica e reportage della RTNB. Cerimoniale a cura del Ministero dei Trasporti, Lavori Pubblici e Impianti Obiettivo del seminario era la presentazione del progetto di realizzazione di un Centro di Eccellenza nel Campo delle Tecnologie di Costruzione e Materiali (CRTM) ma anche la presentazione della Rete internazionale di laboratori di ricerca promossa da ARTES e in Particolare degli Istituti partecipanti alla delegazione: DICAM UNIBO, GESAAF UNIFI; CIRAM UNINA. Il seminario ha riunito tutti i direttori generali e consiglieri dei principali Ministeri interessati, tra cui l Ambiente, esponenti del mondo Universitario, delle Camere di Commercio, della Delegazione EU. Vi ha preso parte anche il Consigliere del Presidente della Repubblica, con delega a: East African Community Integration; Infrastrutture e Public Procurement. La partecipazione è stata molto attenta, il dibattito ricco di domande puntuali, il contributo Burundese è stato particolarmente curato. Di grande interesse un Documentario inedito sulla storia delle opere infrastrutturali realizzate in Burundi dalla fase coloniale, alla indipendenza, sino ad oggi e la diffusione delle raccomandazioni emerse nei precedenti seminario sullo stato delle infrastrutture. Hanno completato il contributo Burundese due interventi di docenti dell Università Statale del Burundi : Problematiche del MIRWA e sue conseguenze sulla città di Bujumbura del Prof. Jean Marie SABUSHIMIKE e Problematiche dei materiali da costruzione in Burundi del Prof. SIMUZEYE Théodose. 6

7 Il seminario ha avuto luogo al Sun Safari Club Hotel con la sponsorship dell impresa burundese Robuco. In allegato il testo della Allocuzione di Lilia Infelise e il Programma del seminario. Sul sito di ARTES (http://www.artes-research.com/2015/03/04/study-visit-ineac-the-workshop/) sono scaricabili le presentazioni PPT. A conclusione del Seminario la delegazione Italiana, accompagnata dal Prof. Dèo Gratias NKINAHAMIRA, ha fatto visita alla delegazione EU ed incontrato Paul Vossen (Capo della Sezione Sviluppo Rurale, Infrastrutture ed Energia). L incontro molto approfondito ha permesso di mettere a fuoco il meccanismo di Cooperazione Delegata e l inserimento del progetto CRTM nell ambito del programma Regionale Strategico, la cui approvazione è prevista il prossimo Aprile. E emerso come importante l incontro con la delegazione EU di Dar Es Salaam. Le due giornate successive sono state dedicate: al perfezionamento dell accordo con DICAM per la realizzazione del centro di ricerca, formazione, certificazione dei materiali (CRTM) e all avvio della prima fase dell accordo stesso con la visita in situ dei laboratori del Ministero dei Trasporti, Lavori Pubblici e Impianti e dell Università di Bujumbura; 7

8 alla messa a punto di un accordo con l università di Firenze, per lo studio di metodi e tecnologie appropriate alla gestione del rischio idrogeologico e tutela del paesaggio del territorio collinare prospiciente la città di Bujumbura; allo studio del contesto e fabbisogni prioritari nel campo dell energia. La missione a Nairobi ha previsto: (26 Febbraio ore 15) l incontro con ABSF (African Biotechnology Stakeholders Forum), rappresentata da Kennedy Oyugi, Direttore di Scinnovent Centre e rappresentante di CABE (Afrian Bio-Entrepreneuship), e da due ricercatori del team. ABSF è partner di riferimento di ARTES nel campo delle biotecnologie green e white. Riunisce biotecnologi, economisti agrari e in generale ricercatori di diverse università e centri di ricerca dell Africa Sub Sahariana, impegnati a favorire il trasferimento e lo sviluppo tecnologico per la modernizzazione e la sostenibilità della filiera agri food. ARTES ha presentato il progetto N4F, ovvero lo studio di fattibilità per la creazione di un research driven cluster, specializzato nel campo delle white biotechnology e eco design, e proposto la partecipazione alla prossima study visit in Tunisia, dove un apposito accordo prevede la realizzazione del progetto. 8

9 (27 Febbraio ore 8,45) L incontro con la Delegazione EU in Kenya, rappresentata all incontro da Sanne Willems (Programme Manager Infrastructure Section) e Anne Chaussavoine (Programme Manager Infrastructure Section). In questa sede si è illustrato il progetto burundese CRTM e discusso sulla strategia regionale per la regione EAC e del modello di cooperazione delegata. La delegazione ha sostenuto che la priorità sarà data ad Energia, la delegazione a cui sarà affidato il coordinamento dell azione sarà la delegazione EU di Dar Es salam, mentre la delegazione keniota avrà un focus prioritariamente nazionale e predisporrà bandi specifici per il Kenya. (27 Febbraio ore 11) Incontro presso l Ambasciata Italiana a Nairobi, con l Ambasciatore Mauro Massoni, il funzionario commerciale Paolo Rotili e la Presidente della Associazione per il Commercio Italo Keniana, Rita Ricciardi. Nel corso dell incontro l attenzione è stata portata al contesto specifico del paese e al grande potenziale del paese per lo sviluppo di cooperazione bilaterale con l Italia. In particolare ARTES ha proposto la possibilità di realizzare in Kenya il progetto N4F e di creare in EAC una rete di centri di eccellenza, concentrando il centro per l energia in Kenya e quello per la tecnologia dei materiali e delle costruzioni in Burundi. Riferimenti sono stati fatti a modelli esemplari italiani di politiche per il Mezzogiorno, che hanno previsto l installazione di centri di ricerca avanzati, proprio in un area debole del paese e alla esperienza dei Centri di competenze, realizzati con successo in Campania ed Emilia-Romagna. ARTES ha parlato dell impegno per l utilizzo dei tre 9

10 grandi strumenti di fundraising (cooperazione Delegata, CIIP, public procurement su fondi EuropeAid, Banche Multilaterali di Sviluppo). Facendo riferimento ai rapporti già instaurati con la DGCS del Ministero degli Esteri Italiano, ha anticipato che avrà occasione di presentare i primi risultati della missione in occasione dell evento del 5 Marzo 2015 NEXUS Cibo, Acqua, Energia nello Sviluppo Sostenibile promosso da ENEA in collaborazione con il Ministero degli Esteri italiano. (27 febbraio ore 15) l incontro presso l EACCIA East Africa Chamber of Commerce Industry and Agriculture, rappresentata da Charles Kahuthu, CEO/coordinatore regionale. Nel corso dell incontro si è consolidato il lungo scambio e confronto avviato lo scorso Marzo 2014 all EU African Business forum e si sono trattati i seguenti punti: - appoggio dell EACCIA al CRTM quale centro regionale e non nazionale di eccellenza, da localizzare in Burundi evitando duplicazioni; - avvio di un programma per la realizzazione di un seminario regionale, a Nairobi o a Mombasa, in cooperazione con tutti gli stakeholder, destinato a presentare la possibilità di realizzare il research driven cluster N4F in Kenya. 10

11 (27 febbraio ore 17,30) Incontro all hotel Serena con Rita Ricciardi (presidente della Associazione per il Commercio Italo Keniana) e David Kimosop, CEO di Kerio Development Autority (l agenzia pubblica di sviluppo del Nord Kenya). L incontro ha riguardato: - la possibilità di realizzare il progetto N4F nella Kerio Valley; -la possibilità di organizzare una study visit in Italia per approfondire la conoscenza dei modelli di intervento ARTES, nello specifico ALLIANCE e N4F; -una approfondita discussione con Rita Ricciardi sui temi dell internazionalizzazione delle imprese Italiane; -possibilità di un Memorandum of Understanding con ARTES per la creazione di una join venture nel campo dell Internazionalizzazione in Africa Sub Sahariana. 11

12 Breve outlook sui programmi inseriti da ARTES nella strategia di fundraising. (A) Incontri svoltisi in Novembre e Gennaio a Bruxelles, presso la Commissione Europea e la Banca Mondiale, hanno messo in luce la possibilità di utilizzo di significative risorse disponibili attraverso la costruzione di un accordo di delega. Lo strumento è poco noto e di fatto non utilizzato dall'italia, ma, pare, utilizzato massicciamente dalla Germania. L équipe ARTES ha approfonditamente studiato la documentazione (Nuove prospettive e strumenti di intervento europei in materia di cooperazione allo sviluppo Position Paper). Costruire l'accordo richiede un impegno di alto profilo tecnico. Per quanto riguarda il coinvolgimento delle imprese, sono stati avviati i primi rapporti con primarie imprese Italiane ed europee. Si stanno stabilendo relazioni con le DG Cooperazione di altri Stati Membri. (B) Nel corso degli incontri di Bruxelles è emersa inoltre l'esistenza di un programma, tra altri discussi, estremamente interessante, denominato CIIP Competitive Industries and Innovation Program. Il programma è stato approfonditamente studiato ed è stabilmente monitorato (CIIP - Competitive Industries and Innovation Programme Outlook). Rapporti con i responsabili del programma in World Bank sono stati avviati così come con il segretariato ACP (viaggio di gennaio a Bruxelles). L'importo massimo di ogni progetto è di 100 mil. di euro; si tratta di programmi di grande portata, negoziati da World Bank con i paesi interessati. Il rapporto con i vertici istituzionali di tali paesi è fondamentale, in particolare con i ministri delle finanze e dello sviluppo economico. (C) Nel corso degli incontri di Bruxelles sono stati impostati gli step per partecipare con successo ai bandi, altro strumento essenziale di accesso ai fondi, che vedranno primi attori le delegazioni EU nei paesi target. Il primo passo è la visita alle delegazioni. Sono state già compiute le visite alla delegazione EU in Tunisia (8 Dicembre 2014), Burundi (23 Febbraio 2015) e Kenya (27 Febbraio 2015). 12

13 Annex 1 Allocuzione della Prof. Lilia INFELISE Bujumbura 23 Febbraio 2015 La grande sfida della bioeconomia: ridisegnare i fondamenti di una nuova civiltà Il mondo industrializzato vive oggi una crisi di sistema tecnologico ed economico di portata unica negli ultimi cinquecento anni di storia del nostro pianeta. Il modello che concentra nel 17% del pianeta il 90% delle risorse, anche in termini di conoscenze, brevetti, know how tecnologici, si sta sgretolando. Una crisi i cui segni erano evidenti sin dal 1991, ha colpito a partire dal settembre 2008 principalmente i maggiori paesi industrializzati ed ha messo in discussione un intero modello di sviluppo. Gli indicatori economici, insieme ai mutamenti climatici e all esaurirsi di risorse vitali, impongono di ridisegnare i fondamenti di una nuova civiltà, nella quale la crescita economica non sia ineludibilmente connessa alla distruzione del patrimonio naturale, umano e culturale di vaste aree del pianeta. Siamo tutti oggi alla linea di partenza, la maggiore disuguaglianza risiede però nella concentrazione delle conoscenze e saper fare e nella capacità di sviluppare e utilizzare i talenti individuali e collettivi, il capitale umano. La più grande povertà di una paese è la sottoutilizzazione del suo capitale umano, che prende le forme di disoccupazione, sottoccupazione, migrazione e con esse la fragilità dei sistemi di educazione e formazione. L'istituto ARTES è impegnato a mobilitare una rete internazionale di ricercatori, laboratori di ricerca e imprenditori senza distinzione di origine, convinti che dalla condivisione della conoscenza e dallo sviluppo congiunto delle soluzioni ai problemi che si pongono nei diversi contesti specifici, dipenderà il fiorire di una nuova civiltà, e si scongiurerà il rischio del conflitto distruttivo e dei disastri naturali connessi ad un utilizzo insipiente delle risorse del pianeta. La rete che abbiamo costruito in continuo sviluppo, e nella quale vi proponiamo di entrare, concentra le sue conoscenze nei seguenti campi: materiali e tecnologie delle costruzioni, energia, acqua, agro- industria, community regeneration e sensibilizzazione. Crediamo fortemente che la storia affidi al continente Africano e all Europa il compito di iniziare con coraggio e intelligenza la costruzione di una nuova civiltà che faccia tesoro del 13

14 passato, anche delle drammatiche ferite, ma sappia disegnare scenari inediti, mai visti sino ad ora. La scienza ci aiuta. I principali organi guida dell Unione Europea hanno delineato la strategia per un compito che appare certamente straordinario, e hanno scelto un goal strategico da realizzarsi entro il 2020: il vecchio continente europeo dovrà diventare leader mondiale nella bioeconomia, e questa trasformazione agirà come leva di rigenerazione e sviluppo dell economia e del lavoro, oltre che della qualità della vita per tutti. Questa meta ci indica i leader designati a guidare l Europa in questa difficile fase. Parliamo, in Europa, di KBBE, bioeconomia basata sulla conoscenza. La bioeconomia include tutte industrie e i comparti dell economia che producono, gestiscono e, in vario modo, sfruttano le risorse biologiche e le connesse attività di servizio e consumo, incluse l agricoltura, la produzione alimentare, la pesca e le altre risorse marine e acquatiche in generale, le foreste ecc. L Europa non raggiungerà questa meta dichiarata, queste parole resteranno vuote, se il mondo della scienza e delle imprese di questi due continenti non costituiranno team comuni, laboratori condivisi, per cui gli uni non potranno proseguire il lavoro senza il contributo degli altri, e le risposte per un utilizzo sostenibile ed efficiente delle risorse non verranno dai lavoro di squadra. Tuttora in molti sostengono di poter trasferire dalle così definite economie avanzate il know how prefabbricato, sempre pronti a costruire strutture e infrastrutture fisiche, ma non a condividere conoscenze e know how. Il nostro motto invece, è la knowledge conversion and creation attraverso la condivisione. Oggi siamo qui con una piccola rappresentanza di una vasta rete, non per trasferire, bensì per costruire spazi dove interagire e sviluppare. Spazi ben strutturati, equipaggiati con strumentazione adeguata. Per realizzare tutto ciò, abbiamo bisogno di risorse finanziarie, e proprio per questo ARTES ha prodotto un early watching system che prevede, e studia, il mutamento delle strategie, dei programmi e degli strumenti finanziari per attuare, per dare gambe robuste alle nostre visioni e favorire l utilizzo efficiente da parte di questa rete di competenze che volgiamo costruire insieme a voi. 14

15 Una grande sfida che ciascuno di noi dovrà condividere facendo la sua parte. Un pianeta efficiente nell impiego delle risorse, è un pianeta verde. Il nostro pianeta, dove scompaiono le politiche di aiuto allo sviluppo e dove nasce una nuova generazione di politiche di innovazione e sviluppo, dove sia possibile sentirsi a casa per ciascuno, in ogni angolo della terra. Questa è la nostra vision, la speranza che ci muove, che è certo in contrasto con la teoria dell inevitabile clash di civiltà. Ci resta un duro lavoro quotidiano, da operai costruttori, ma il lavoro anche più duro è fattibile se abbiamo chiara la meta, e il metodo per utilizzare al meglio le tante energie di cui abbiamo bisogno. Vi presenteremo le nostre organizzazioni, il nostro, e gli strumenti finanziari che abbiamo individuato e che insieme spero riusciremo a mobilitare. Vi auguro una buona giornata di lavoro. 15

16 Annex 2 - Programma del seminario Seminario di scambio per la messa in opera di un Centro di Ricerca sulle Tecnologie e Materiali per le Costruzioni del Genio Civile CRTM Luogo: Hotel Sun Safari. Sponsors: Camera di Commercio e dell Industria del Burundi; ROBUCO. Logistica: Ministero dei Trasporti, dei Lavori Pubblici e degli Impianti. Moderatori del seminario: Ir Nestor BARASOKOROZA; Prof. Déo Gratias NKINAHAMIRA. Segretariato: Venuste NDAYITWAYEKO, Térence RUHIMBI, Jean Bosco NKURUNZIZA Copertura mediatica e infomercial: RTNB supportata da Ministero dei Trasporti, dei Lavori Pubblici e degli Impianti (DGCE). PROGRAMMA DEL SEMINARIO DEL 23/02/2015 N TITOLO ORE 1 Benvenuto e accoglienza dei Partecipanti : protocollo MTTPE 2 Discorso di benvenuto: Prof. Dèo Gratias NKINAHAMIRA ART Africa Renaissance Time 3 Allocuzione della Prof.ssa Lilia INFELISE, capofila della delegazione italiana. 4 Allocuzione di Ir. Nestor, Direttore Generale del Coordinamento degli Impianti 08H30 09H00 09H00 09H05 09H05 09H15 09H15 09H30 5 Pausa caffè 09H30 10H00 16

17 6 Film documentario sulle infrastrutture e la valutazione dello stato di esecuzione delle raccomandazioni dei seminari passati riguardanti le infrastrutture: MTTPE 7 Problematiche dei MIRWA e loro conseguenze sulla Città di Bujumbura: Prof. Jean Marie SABUSHIMIKE 8 Problematiche dei materiali da costruzione in Burundi: Prof. Théodose SIMUZEYE 10H00 10H30 10H30 11H00 11H00 11H30 9 Discussione sugli interventi 11H30 13H00 10 Pausa pranzo 13H00 14H00 11 Presentazioni da parte dei membri della Delegazione Italiana. Istituto ARTES: Dott.ssa Lilia INFELISE UNIBO DICAM: Prof. Tomaso TROMBETTI UNIFI GESAAF: Dott. Giulio CASTELLI OMNIA ENERGIA: Ing. Vincenzo D AGOSTINO ART: Prof. Déo Gratias NKINAHAMIRA. 14H00 15H00 12 Discussione sugli interventi 15H00 15H45 13 Pausa caffè 15H45 16H15 14 Intervento della Camera di Commercio (CFCIB): Ir. Anatole NZIGAMASABO 15 Nuovi Programmi di cooperazione dell Unione Europea e nuovi strumenti finanziari delle Banche Multilaterali di Sviluppo: Prof.ssa Lilia INFELISE 16 Chiarimento sui punti salienti: Prof. Déogratias RURIMUNZU 16H15 16H30 16H30 16H45 16H 45 17H00 17 Chiusura 17H00 17

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) La programmazione dei fondi europei 2014 2020 L UE propone attraverso Europa 2020 una strategia concentrata su alcune priorità, innervata

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

Il sostegno europeo alle PMI Horizon 2020 e COSME

Il sostegno europeo alle PMI Horizon 2020 e COSME Il sostegno europeo alle PMI Horizon 2020 e COSME ReACT4FUNDS 14 Febbraio 2014 Andrea Golfieri Support Programmes DG Enterprise and Industry Il contesto: Europa 2020 CRESCITA INTELLIGENTE CRESCITA SOSTENIBILE

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

Laboratorio Efficienza Energetica

Laboratorio Efficienza Energetica Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti Presentazione del Progetto 1 Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti La crisi economica e la modifica strutturale

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Corso di alta formazione Manager per l innovazione turistica

Dettagli

MEMORANDUN OF UNDERSTANDING

MEMORANDUN OF UNDERSTANDING MEMORANDUN OF UNDERSTANDING PER LA REALIZZAZIONE DEL PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SAN MARINO ITALIA Repubblica di San Marino, 6 novembre 2012 Memorandum of understanding per la realizzazione del Parco

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva. Bologna, 1 marzo 2013

Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva. Bologna, 1 marzo 2013 Il Piano Strategico Metropolitano di Bologna Daniela Oliva Bologna, 1 marzo 2013 Cos è un Piano strategico La costruzione di un futuro di lungo termine (10/20 anni) sulla base di: Una vision ( molte vision

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a Resoconto

c o m u n i c a t o s t a m p a Resoconto 5 milioni di euro per aiutare le imprese e il territorio ad agganciare la ripresa Bandi ed iniziative della CCIAA per il 2014 Quasi 5 milioni di euro per aiutare le imprese e il territorio barese ad agganciare

Dettagli

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità Venezia, 27 aprile 2015 Raffaele de Lutio Direttore Centrale per i Paesi dell Africa sub-sahariana Attenzione del MAECI verso l Africa

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale Azienda leader nel campo della nutrizione, della salute e del benessere, Nestlé ambisce a migliorare

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

Verso la strategia di specializzazione intelligente in Toscana 2014-2020 - Metodologia di confronto all interno dei poli di innovazione e DT sui 5

Verso la strategia di specializzazione intelligente in Toscana 2014-2020 - Metodologia di confronto all interno dei poli di innovazione e DT sui 5 Verso la strategia di specializzazione intelligente in Toscana 2014-2020 - Metodologia di confronto all interno dei poli di innovazione e DT sui 5 ambiti tematici della RIS3 Premessa La Smart Specialisation,

Dettagli

Newsletter della rete EEN Centro Italia

Newsletter della rete EEN Centro Italia N 9 anno 2014 Newsletter della rete EEN Centro Italia Enterprise Europe Network La rete al servizio delle imprese http://www.enterprise-europe-network-italia.eu/ http://een.ec.europa.eu/ Questo è il XXX

Dettagli

L A FOR MAZIONE A PAR MA, DA L 1987

L A FOR MAZIONE A PAR MA, DA L 1987 CO M PA N Y P R O F I L E L A FOR MAZIONE A PAR MA, DA L 1987 2 3 CISITA PARMA. La formazione a Parma, dal 1987 Cisita I NUMERI DI CISITA PARMA AZIENDE CLIENTI - 1.061 ORE DI FORMAZIONE EROGATE - 38.132

Dettagli

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale WORLD FOOD DAY 2014 Roma - 29 Ottobre Palazzetto Mattei in Villa Celimontana Il ruolo

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

Ha presenziato ai lavori l Ing. Mancurti Capo del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica.

Ha presenziato ai lavori l Ing. Mancurti Capo del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica. PROGRAMMA DI ASSISTENZA TECNICA TRA ISTITUTZIONI (PATTI) Italia-Albania Dipartimento per le Politiche Regionali della Presidenza del Consiglio Roma, 12 aprile 2011 Seconda riunione Si è svolta a Roma lo

Dettagli

PROGRAMMA PROVVISIORIO

PROGRAMMA PROVVISIORIO PROGRAMMA PROVVISIORIO Cinque temi principali Social Enterprise World Forum 2015 Milano, 1-3 luglio 2015 1. L ecosistema per lo sviluppo delle imprese sociali Gli imprenditori sociali riconoscono le disfunzioni

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

PROGRAMMA : Piattaforma d appoggio al settore privato e alla valorizzazione della diaspora senegalese in Italia PLASEPRI

PROGRAMMA : Piattaforma d appoggio al settore privato e alla valorizzazione della diaspora senegalese in Italia PLASEPRI PROGRAMMA : Piattaforma d appoggio al settore privato e alla valorizzazione della diaspora senegalese in Italia PLASEPRI PAESE TITOLO DEL PROGRAMMA CANALE SETTORE Senegal Piattaforma d appoggio al settore

Dettagli

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO Il Piano e i partner coinvolti L'amministrazione comunale di Siracusa sta promuovendo il Piano Strategico INNOVA Siracusa 2020, la cui redazione si è avviata nel marzo del 2009 (con risorse disposte dalla

Dettagli

LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _

LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _ LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _ 10 Novembre 2015 Verona Dott.ssa Margherita Marin Dott. Giuseppe Guido Stefenello DI COSA PARLIAMO: 1. COS È IL CONTRATTO DI RETE: PRINCIPALI CARATTERISTICHE

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE!

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! 2014 FORMAPER SVILUPPO DELL IMPRENDITORIALITÀ Formaper è un azienda speciale della Camera di Commercio di Milano nata nel 1987 con la missione

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Alma Mater Studiorum Università di Bologna Il sistema dei finanziamenti europei e nazionali per la ricerca nel campo della salute animale Marco Degani ARIC Settore Ricerca Europea Bologna, 30 maggio 2008

Dettagli

Sviluppo delle energie rinnovabili e della compatibilità ambientale. Finanziato dalla Regione Toscana (POR FSE 2007/2013 Asse V Trasnazionalità)

Sviluppo delle energie rinnovabili e della compatibilità ambientale. Finanziato dalla Regione Toscana (POR FSE 2007/2013 Asse V Trasnazionalità) Sviluppo delle energie rinnovabili e della compatibilità ambientale Finanziato dalla Regione Toscana (POR FSE 2007/2013 Asse V Trasnazionalità) Contesto regionale da cui e per cui nasce innovmbiente La

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE CCIA CUNEO CONTRIBUTO CERTIFICAZIONE SOA CONTRIBUTI

Dettagli

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015 PRONTI PER IL FUTURO IMPRESE, ISTITUZIONI E ONG A SISTEMA PER LE NUOVE OPPORTUNITA DI SVILUPPO NELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Genova 21 settembre 2015 Relatore: Dr.ssa Maria Grazia Rando Funzionario

Dettagli

IL POR MARCHE FESR 2014/2020. Mauro Terzoni Autorità di Gestione FESR Regione Marche Evento di lancio POR FESR 14/20 Macerata, 25/03/2015

IL POR MARCHE FESR 2014/2020. Mauro Terzoni Autorità di Gestione FESR Regione Marche Evento di lancio POR FESR 14/20 Macerata, 25/03/2015 IL POR MARCHE FESR 2014/2020 Mauro Terzoni Autorità di Gestione FESR Regione Marche Evento di lancio POR FESR 14/20 Macerata, 25/03/2015 Proposta Regolamento tutti i Fondi: Undici obiettivi tematici 1.

Dettagli

Promos. Servizi e strumenti per l internazionalizzazione delle imprese. 19 Giugno 2013. Internazionalizzazione e marketing territoriale

Promos. Servizi e strumenti per l internazionalizzazione delle imprese. 19 Giugno 2013. Internazionalizzazione e marketing territoriale Internazionalizzazione e marketing territoriale Promos CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA MILANO Dal 1786 l istituzione al servizio del sistema produttivo di Milano. Servizi e strumenti

Dettagli

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP ITE INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP GLI ATTORI DELLA COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE La Partnership di Sviluppo Geografica FUTURO REMOTO IT G2 CAM 017, costituita da: CONFORM Consorzio di Formazione Manageriale;

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CARTA DI LIPSIA sulle Città Europee Sostenibili

CARTA DI LIPSIA sulle Città Europee Sostenibili CARTA DI LIPSIA sulle Città Europee Sostenibili PAGE 1 La CARTA DI LIPSIA sulle Città Europee Sostenibili è un documento degli Stati Membri, che è stato redatto con l ampia e trasparente partecipazione

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

LA FORMAZIONE CONTINUA IN EDILIZIA: EFFICIENTAMENTO ENERGETICO, EDILIZIA SICURA E SOSTENIBILE di Giovanni CARAPELLA (*)

LA FORMAZIONE CONTINUA IN EDILIZIA: EFFICIENTAMENTO ENERGETICO, EDILIZIA SICURA E SOSTENIBILE di Giovanni CARAPELLA (*) LA FORMAZIONE CONTINUA IN EDILIZIA: EFFICIENTAMENTO ENERGETICO, EDILIZIA SICURA E SOSTENIBILE di Giovanni CARAPELLA (*) Una indagine sul campo del progetto BUS I-Town Nell ambito del progetto europeo Build

Dettagli

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Progetto PercoRSI Rete responsabile Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Con il contributo di: Partner operativo Finalità generali di PercoRSI Dal 2004

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

ECOPOLO A Scuola di Energia

ECOPOLO A Scuola di Energia ECOPOLO A Scuola di Energia Istituzione presso l Istituto Rosselli di Aprilia di un polo didatticoinformativo sulle tematiche dell energia sostenibile. (Sintesi) Luglio 2013 Premessa L energia è un tema

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

UNIDO ITPO ITALY. Programma Energia e Ambiente

UNIDO ITPO ITALY. Programma Energia e Ambiente UNIDO ITPO ITALY Programma Energia e Ambiente Promozione degli Investimenti Privati per uno Sviluppo Sostenibile Fiera del Levante Bari, 16 Settembre 2009 1 United Nations Industrial Development Organization

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico...

Documento di sintesi del programma I-Start 2013... Premessa... Analisi delle attività a totale carico pubblico... Umbria Innovazione Scarl Documento di sintesi del programma I-Start 2013 Risultati dei progetti a totale carico pubblico e a costi condivisi Sommario Documento di sintesi del programma I-Start 2013...

Dettagli

Ministry for the Environment and Territory TITOLO DEL PROGETTO. MEDREP Programma per le energie rinnovabili nel Mediterraneo

Ministry for the Environment and Territory TITOLO DEL PROGETTO. MEDREP Programma per le energie rinnovabili nel Mediterraneo Ministry for the Environment and Territory Department for Environmental Research and Development TITOLO DEL PROGETTO MEDREP Programma per le energie rinnovabili nel Mediterraneo BACKGROUND Il Programma

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

Laboratori per l Accelerazione. Conferenza Stampa

Laboratori per l Accelerazione. Conferenza Stampa Laboratori per l Accelerazione dei Servizi i di Innovazione Conferenza Stampa 26.09.2014 2014 MAKING THE INNOVATION. MAKE THE FUTURE. I Laboratori per l Accelerazione dei Servizi di innovazione DAL CENTRO

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

Il Progetto Green Industries e le opportunità per le PMI in materia di risparmio energetico e di riqualificazione

Il Progetto Green Industries e le opportunità per le PMI in materia di risparmio energetico e di riqualificazione Il Progetto Green Industries e le opportunità per le PMI in materia di risparmio energetico e di riqualificazione 18 novembre 2014, Modena Teresa Bagnoli, ASTER Green Industries: soluzioni innovative per

Dettagli

Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica

Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica Ruben Sacerdoti Responsabile Servizio Sportello regionale

Dettagli

Il ruolo dell Ateneo dellateneo padovano nell ecosistema della green economy

Il ruolo dell Ateneo dellateneo padovano nell ecosistema della green economy Il ruolo dell Ateneo dellateneo padovano nell ecosistema della green economy Salone Energinnova Fiera di Padova, 11 ottobre 2013 Prof. Giuseppe Stellin Prorettore con delegaairapporti con le imprese Università

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

LANDS SPIN OFF E LANDS ONLUS

LANDS SPIN OFF E LANDS ONLUS LANDS SPIN OFF E LANDS ONLUS Lands rappresenta un network di esperti costituito da 2 anime: Lands onlus e la nascente Lands Spin Off Lands spin off rappresenta la nascente s.r.l che avrà lo scopo di gestire

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

IL LUOGO IDEALE PER LE AZIENDE ITALIANE E INTERNAZIONALI

IL LUOGO IDEALE PER LE AZIENDE ITALIANE E INTERNAZIONALI IL LUOGO IDEALE PER LE AZIENDE ITALIANE E INTERNAZIONALI Il Technology Park è un sistema di strutture e servizi avanzati che favoriscono l innovazione, lo sviluppo e l industrializzazione della ricerca.

Dettagli

LE IDEE SI METTONO IN RETE: LA REALTA CHE PRECEDE IL FUTURO. Patrizia Malferrari Presidente SEASIDE

LE IDEE SI METTONO IN RETE: LA REALTA CHE PRECEDE IL FUTURO. Patrizia Malferrari Presidente SEASIDE LE IDEE SI METTONO IN RETE: LA REALTA CHE PRECEDE IL FUTURO Patrizia Malferrari Presidente SEASIDE Seaside: Chi siamo Seaside è una E.S.Co. certificata secondo la Norma UNI CEI 11352:2014, specializzata

Dettagli

Sostenere la competitività delle imprese Il programma COSME. Bologna 25 febbraio 2015

Sostenere la competitività delle imprese Il programma COSME. Bologna 25 febbraio 2015 Sostenere la competitività delle imprese Il programma COSME Bologna 25 febbraio 2015 MISSION ENTERPRISE EUROPE NETWORK Assistere le imprese nell identificare potenziali partner commerciali, tecnologici,

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

POSITION PAPER DEL CLUSTER SPRING SULLA PROMOZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DI ATTIVITÀ A SUPPORTO DELLA BIOECONOMIA IN CAMPO FORMATIVO/EDUCATIVO

POSITION PAPER DEL CLUSTER SPRING SULLA PROMOZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DI ATTIVITÀ A SUPPORTO DELLA BIOECONOMIA IN CAMPO FORMATIVO/EDUCATIVO POSITION PAPER DEL CLUSTER SPRING SULLA PROMOZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DI ATTIVITÀ A SUPPORTO DELLA BIOECONOMIA IN CAMPO FORMATIVO/EDUCATIVO Novembre 2015 Obiettivi del documento In questo position paper

Dettagli

Centro di Alti Studi Superiori per la Cultura e il Territorio

Centro di Alti Studi Superiori per la Cultura e il Territorio Media partner Con la collaborazione di Incubatore non tecnologico di imprese giovanili Centro di Alti Studi Superiori per la Cultura e il Territorio NOVEMBRE - DICEMBRE 2015 SEMINARI DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

SmartGreen Building Nuove costruzioni e riqualificazione dell esistente Milano, 18 giugno 2015

SmartGreen Building Nuove costruzioni e riqualificazione dell esistente Milano, 18 giugno 2015 SmartGreen Building Nuove costruzioni e riqualificazione dell esistente Milano, 18 giugno 2015 La piattaforma BEyond 2015 BEyond 2015 è la piattaforma di incontro e confronto che traccia la strada per

Dettagli

Garanzia Giovani La proposta del Ministero del Lavoro Roma, Struttura di Missione Lunedì 30 Settembre 2013

Garanzia Giovani La proposta del Ministero del Lavoro Roma, Struttura di Missione Lunedì 30 Settembre 2013 1 Garanzia Giovani La proposta del Ministero del Lavoro Roma, Struttura di Missione Lunedì 30 Settembre 2013 2 Il percorso seguito 30 luglio 2013, insediamento della Struttura di Missione e presentazione

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

"Gli strumenti a supporto dell innovazione in agricoltura nell ambito della programmazione europea 2014-2020." Luigi Sidoli

Gli strumenti a supporto dell innovazione in agricoltura nell ambito della programmazione europea 2014-2020. Luigi Sidoli "Gli strumenti a supporto dell innovazione in agricoltura nell ambito della programmazione europea 2014-2020." Luigi Sidoli Milano, 20 Aprile 2015 L Unione dell innovazione Strumento Partenariati Europei

Dettagli

La cooperazione internazionale nelle attività di ricerca e innovazione

La cooperazione internazionale nelle attività di ricerca e innovazione La cooperazione internazionale nelle attività di ricerca e innovazione Dott.ssa Sabrina De Nardi Dott.ssa Sabrina De Nardi 7 settembre 2012 Servizio Ricerca e Trasferimento Tecnologico L Unione Europea

Dettagli

Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni

Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni Strettamente riservato Presentazione del Masterplan per l industria manifatturiera della provincia di Terni Documento datato 25 novembre 215 Presentazione del lavoro 27 novembre 215 Terni 215 The European

Dettagli

POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA

POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Ambito 1 Linea 3 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in rete

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

Le linee strategiche del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020

Le linee strategiche del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 SERVIZIO AMBIENTE E AGRICOLTURA Le linee strategiche del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 Lorenzo Bisogni Incontro con i Sindaci delle 5 Province settembre 2015 1 I temi della relazione Le strategie

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

INNOVAZIONE, RICERCA E SPIN OFF IMPRENDITORIALE LE NUOVE STRADE DEL LAVORO PASSANO DI QUI

INNOVAZIONE, RICERCA E SPIN OFF IMPRENDITORIALE LE NUOVE STRADE DEL LAVORO PASSANO DI QUI INNOVAZIONE, RICERCA E SPIN OFF IMPRENDITORIALE LE NUOVE STRADE DEL LAVORO PASSANO DI QUI IL PROGETTO Il progetto DONNE E SCIENZA: ricerca, innovazione e spin-off imprenditoriale è un percorso integrato

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

torino bologna venezia www.fabbricafuturo.it 19 marzo 2015 10 giugno 2015 8 ottobre 2015 Presentano gli eventi 2015 di

torino bologna venezia www.fabbricafuturo.it 19 marzo 2015 10 giugno 2015 8 ottobre 2015 Presentano gli eventi 2015 di Presentano gli eventi 2015 di Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani bologna 19 marzo 2015 torino 10 giugno 2015 Novità venezia 8 ottobre 2015 www.fabbricafuturo.it Il Progetto e i contenuti

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO OPERATIVO RELAZIONI INTERNAZIONALI. Aula Magna Rettorato 27 Maggio 2009

PRESENTAZIONE PROGETTO OPERATIVO RELAZIONI INTERNAZIONALI. Aula Magna Rettorato 27 Maggio 2009 PRESENTAZIONE PROGETTO OPERATIVO RELAZIONI INTERNAZIONALI Aula Magna Rettorato 27 Maggio 2009 1 Background e situazione attuale Roma Tre nasce dichiarando una forte vocazione internazionale; Le principali

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Master universitario di I livello in Management della cooperazione internazionale allo sviluppo

Master universitario di I livello in Management della cooperazione internazionale allo sviluppo Master universitario di I livello in Management della cooperazione internazionale allo sviluppo Contratti internazionali, modelli di agreement internazionale e ONG Attilio Ascani L evoluzione della Società

Dettagli

PROGETTO. Regione del Veneto. da parte delle aziende... continua a pagina 4. continua a pagina 3. continua a pagina 2

PROGETTO. Regione del Veneto. da parte delle aziende... continua a pagina 4. continua a pagina 3. continua a pagina 2 01 2013 Scopo del progetto è il miglioramento della competitività e della capacità di innovazione delle Piccole Medie Imprese dell intera area di confine Italia-Austria, grazie ad un approccio transfrontaliero

Dettagli

2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE

2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE 2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE Presentazione del Moderatore dottor Grimaldi: La prossima relazione, l ultima, ha come tema Prospettive e criticità per il legno di castagno. La relazione è svolta

Dettagli

L'esperienza del Por Fesr Emilia- Romagna e le novità 2014-2020. Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013

L'esperienza del Por Fesr Emilia- Romagna e le novità 2014-2020. Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013 L'esperienza del Por Fesr Emilia- Romagna e le novità 2014- Morena Diazzi Autorità di Gestione Por Fesr Emilia-Romagna 2007-2013 IL POR FESR 2007-2013 Fondi strutturali 2007-2013 Sviluppo innovativo delle

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Vertice Intergovernativo Italo-Israeliano. Dichiarazione Congiunta Roma, 13 giugno 2011

Vertice Intergovernativo Italo-Israeliano. Dichiarazione Congiunta Roma, 13 giugno 2011 Vertice Intergovernativo Italo-Israeliano Dichiarazione Congiunta Roma, 13 giugno 2011 Il 13 giugno 2011 si è tenuto a Roma il secondo vertice intergovernativo tra il Governo della Repubblica italiana

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS Titolo documento: Progetto: ALL.1 Introduzione alla riunione di confronto con il partenariato politicoistituzionale e socio economico sui documenti di preparazione al Programma Triennale di Sviluppo Turistico

Dettagli

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA 2 I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA I MERCATI SONO UNO STRUMENTO CHIAVE DI SVILUPPO DELLA RIGENERAZIONE URBANA, DI STILI DI VITA SOSTENIBILI, DELL OCCUPAZIONE E IMPRENDITORIALITÀ NELLE CITTÀ.

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE ROADSHOW 2015 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE NUOVI TREND ED OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE GIORGIO SQUINZI PRESIDENTE CONFINDUSTRIA

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

EXPO incontra le imprese Mercoledì 25 Gennaio 2012 Confindustria, Sala Pininfarina Roma

EXPO incontra le imprese Mercoledì 25 Gennaio 2012 Confindustria, Sala Pininfarina Roma EXPO incontra le imprese Mercoledì 25 Gennaio 2012 Confindustria, Sala Pininfarina Roma Intervento di Shelly Sandall Direttore Marketing & Corporate Partners Expo 2015 S.p.A. Expo Milano 2015 un Evento

Dettagli