ARTES per il trasferimento tecnologico, l internazionalizzazione di impresa e dei sistemi di ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARTES per il trasferimento tecnologico, l internazionalizzazione di impresa e dei sistemi di ricerca"

Transcript

1 ARTES per il trasferimento tecnologico, l internazionalizzazione di impresa e dei sistemi di ricerca FILIERA: SCIENZE DELLE COSTRUZIONI, DEI MATERIALI, DELL ENERGIA, DELLE ACQUE E AGRO INDUSTRIA Resoconto della Visita di Studio in EAC Febbraio 2015

2 Sommario ARTES per il trasferimento tecnologico, l internazionalizzazione di impresa e dei sistemi di ricerca Background, Obiettivi e Prossime Iniziative... 3 Study visit in East African Community - (22-27 Febbraio 2015)... 5 Breve outlook sui programmi inseriti da ARTES nella strategia di fundraising Annex 1 Allocuzione della Prof. Lilia INFELISE Annex 2 - Programma del seminario

3 ARTES per il trasferimento tecnologico, l internazionalizzazione di impresa e dei sistemi di ricerca. Costruzioni, materiali, acqua, energia, agroindustria Background, Obiettivi e Prossime Iniziative Nel quadro dell'azione A4I (http://www.artes-research.com/artes4internazionalisation/), ARTES sta sviluppando un programma per l'internazionalizzazione dei Know How di eccellenza italiani ed europei, nel campo delle scienze delle costruzioni, dei materiali, dell energia, delle acque e agro industria; e più in generale, nel campo della bio-economia. Ci proponiamo di trasformare le capacità scientifiche e di ricerca italiane (ed europee) in una leva straordinaria di innovazione dei sistemi produttivi europei e delle economie in via di sviluppo più prossime. Con questo intendiamo favorire la creazione di opportunità di lavoro qualificato e spin off per i nostri ricercatori, per ridurre l abbandono forzoso dell Italia da parte di quest ultimi, e creare contesti accessibili alle nostre migliori PMI. Intendiamo fare tutto ciò agendo da ponte e da intelligence fra gli attori chiave istituzionali ed il mondo della ricerca nei paesi in via di sviluppo, la nostra ampia rete di centri di ricerca e imprese, italiane ed europee, e i grandi fondi multilaterali per lo sviluppo. Per l'attuazione della strategia succintamente introdotta, ARTES organizza visite di studio, missioni strategiche nei paesi target, effettua periodici viaggi a Bruxelles e a Washington ed impegna in modo dedicato un team di ricercatori. Nell ambito di questa azione ARTES e la sua rete internazionale hanno promosso la definizione e la firma di due accordi. Il primo coinvolge il DICAM (http://www.dicam.unibo.it/) - Università di Bologna e il Ministero Burundese dei Trasporti, dei Lavori Pubblici e degli Impianti, ed è finalizzato alla realizzazione di un centro similare a quello di Bologna - UNIBO per la ricerca, la certificazione e la regolamentazione delle tecnologie di costruzione (genio civile) e dei materiali. Il centro dovrebbe operare per l'intera EAC East African Community (che comprende Burundi, Kenya, Ruanda, e Tanzania e Uganda) fungendo da regolatore di un 3

4 caotico quanto attrattivo mercato delle materie prime, nonché degli impianti e delle infrastrutture di trasporto e di quelle energetiche, e in generale di tutte quelle infrastrutture connesse alla rapida urbanizzazione ed industrializzazione. Il secondo accordo riguarda la Tunisia e in specifico prevede di realizzare un intervento esemplare di research driven cluster start-up nel campo delle biotecnologie industriali, accompagnato da forti connessioni con le sfere dell artigianato, dell eco design, dei programmi accelerati di micro imprenditorialità agro industriale e del turismo. E vasto e solido l impegno, nella nostra rete, di diversi laboratori di ricerca europei, tra i quali la Università di BOKU (Vienna), IWNIRZ (Poznan), BCD (Barcellona), e AITEX (Alcoy -Alicante). Entrambi gli accordi prevedono uno studio preventivo di fattibilità, con ingegnerizzazione del modello di sostenibilità economico-finanziario e l impiego dei principali strumenti previsti da EuropeAid e dai fondi multilaterali, primariamente GEF (Global Environmental Facility). Tra questi strumenti sono di particolare interesse il fondo per la Bio economia destinato alla Tunisia da GEF - World Bank e da AfDB (http://www.afdb.org/en/news-andevents/article/afdb-creates-african-pilot-climate-technology-and-finance-centre-with-gefsupport-13344/), ma anche fondi blended come il CIIP (Competitive Industries and Innovation Program) e l utilizzo dello strumento di cooperazione delegata. Nel quadro di questa azione è stato, inoltre, di recente avviato un accordo tra il Ministero dei Trasporti, dei Lavori Pubblici e degli Impianti Burundesi, GESAAF - Università di Firenze e CIRAM Napoli. L accordo prevede l avvio di una cooperazione quadro nel campo dei rischi idrogeologici e di alluvioni e governance delle acque, a partire da uno studio specifico finalizzato alla valutazione del rischio e alla individuazione dei metodi e tecnologie per mitigare il rischio di alluvioni nell area di Bujumbura, con particolare riguardo ai territori collinari prospicenti il centro urbano e alle sponde del lago Tanganika. Al fine di giungere in tempi brevi a programmi dotati di adeguate risorse finanziarie, nonché collocati autorevolmente nel nuovo quadro delle politiche per lo sviluppo sostenibile, sono state messe in programma tre missioni estere. La prima, appena conclusa, ha riguardato la East African Community, la seconda riguarderà la Tunisia, la terza la partecipazione agli Spring Meetings, organizzati da World Bank e IMF a Washington DC dal 17 al 19 Aprile. 4

5 Study visit in East African Community - (22-27 Febbraio 2015) ARTES e l associazione no profit Africa Renaissance Time ha organizzato una study visit in East African Community (22 27 Febbraio 2015) a conclusione di un anno di lavoro avviato con una prima missione svolta nell agosto 2013 in Burundi e di una seconda missione svolta nell ottobre 2013 in Italia. La visita ha previsto tre giornate (22 25 Febbraio) a Bujumbura e due giornate (26 27 Febbraio) a Nairobi. La delegazione Italiana era composta da: Prof. Lilia Infelise Presidente dell istituto ARTES - ; Prof. Tomaso Trombetti Università di Bologna, DICAM - Prof. Giulio Castelli - Università di Firenze, GESAAF - Ing. Vincenzo D Agostino CEO di OMNIA Group - 5

6 La missione a Bujumbura ha avuto inizio con un seminario organizzato dalla Direzione Generale e Coordinamento degli Impianti, del Ministero dei trasporti, dei Lavori Pubblici e degli Impianti. Moderatori del seminario: Ir Nestor BARASOKOROZA (Direttore Generale della Coordinazione e degli impianti) e Prof. Déo Gratias NKINAHAMIRA (Presidente dell associazione italo burundese Africa Renaissance Time). Segretariato: Venuste NDAYITWAYEKO, Térence RUHIMBI, Jean Bosco NKURUNZIZA Copertura mediatica e reportage della RTNB. Cerimoniale a cura del Ministero dei Trasporti, Lavori Pubblici e Impianti Obiettivo del seminario era la presentazione del progetto di realizzazione di un Centro di Eccellenza nel Campo delle Tecnologie di Costruzione e Materiali (CRTM) ma anche la presentazione della Rete internazionale di laboratori di ricerca promossa da ARTES e in Particolare degli Istituti partecipanti alla delegazione: DICAM UNIBO, GESAAF UNIFI; CIRAM UNINA. Il seminario ha riunito tutti i direttori generali e consiglieri dei principali Ministeri interessati, tra cui l Ambiente, esponenti del mondo Universitario, delle Camere di Commercio, della Delegazione EU. Vi ha preso parte anche il Consigliere del Presidente della Repubblica, con delega a: East African Community Integration; Infrastrutture e Public Procurement. La partecipazione è stata molto attenta, il dibattito ricco di domande puntuali, il contributo Burundese è stato particolarmente curato. Di grande interesse un Documentario inedito sulla storia delle opere infrastrutturali realizzate in Burundi dalla fase coloniale, alla indipendenza, sino ad oggi e la diffusione delle raccomandazioni emerse nei precedenti seminario sullo stato delle infrastrutture. Hanno completato il contributo Burundese due interventi di docenti dell Università Statale del Burundi : Problematiche del MIRWA e sue conseguenze sulla città di Bujumbura del Prof. Jean Marie SABUSHIMIKE e Problematiche dei materiali da costruzione in Burundi del Prof. SIMUZEYE Théodose. 6

7 Il seminario ha avuto luogo al Sun Safari Club Hotel con la sponsorship dell impresa burundese Robuco. In allegato il testo della Allocuzione di Lilia Infelise e il Programma del seminario. Sul sito di ARTES (http://www.artes-research.com/2015/03/04/study-visit-ineac-the-workshop/) sono scaricabili le presentazioni PPT. A conclusione del Seminario la delegazione Italiana, accompagnata dal Prof. Dèo Gratias NKINAHAMIRA, ha fatto visita alla delegazione EU ed incontrato Paul Vossen (Capo della Sezione Sviluppo Rurale, Infrastrutture ed Energia). L incontro molto approfondito ha permesso di mettere a fuoco il meccanismo di Cooperazione Delegata e l inserimento del progetto CRTM nell ambito del programma Regionale Strategico, la cui approvazione è prevista il prossimo Aprile. E emerso come importante l incontro con la delegazione EU di Dar Es Salaam. Le due giornate successive sono state dedicate: al perfezionamento dell accordo con DICAM per la realizzazione del centro di ricerca, formazione, certificazione dei materiali (CRTM) e all avvio della prima fase dell accordo stesso con la visita in situ dei laboratori del Ministero dei Trasporti, Lavori Pubblici e Impianti e dell Università di Bujumbura; 7

8 alla messa a punto di un accordo con l università di Firenze, per lo studio di metodi e tecnologie appropriate alla gestione del rischio idrogeologico e tutela del paesaggio del territorio collinare prospiciente la città di Bujumbura; allo studio del contesto e fabbisogni prioritari nel campo dell energia. La missione a Nairobi ha previsto: (26 Febbraio ore 15) l incontro con ABSF (African Biotechnology Stakeholders Forum), rappresentata da Kennedy Oyugi, Direttore di Scinnovent Centre e rappresentante di CABE (Afrian Bio-Entrepreneuship), e da due ricercatori del team. ABSF è partner di riferimento di ARTES nel campo delle biotecnologie green e white. Riunisce biotecnologi, economisti agrari e in generale ricercatori di diverse università e centri di ricerca dell Africa Sub Sahariana, impegnati a favorire il trasferimento e lo sviluppo tecnologico per la modernizzazione e la sostenibilità della filiera agri food. ARTES ha presentato il progetto N4F, ovvero lo studio di fattibilità per la creazione di un research driven cluster, specializzato nel campo delle white biotechnology e eco design, e proposto la partecipazione alla prossima study visit in Tunisia, dove un apposito accordo prevede la realizzazione del progetto. 8

9 (27 Febbraio ore 8,45) L incontro con la Delegazione EU in Kenya, rappresentata all incontro da Sanne Willems (Programme Manager Infrastructure Section) e Anne Chaussavoine (Programme Manager Infrastructure Section). In questa sede si è illustrato il progetto burundese CRTM e discusso sulla strategia regionale per la regione EAC e del modello di cooperazione delegata. La delegazione ha sostenuto che la priorità sarà data ad Energia, la delegazione a cui sarà affidato il coordinamento dell azione sarà la delegazione EU di Dar Es salam, mentre la delegazione keniota avrà un focus prioritariamente nazionale e predisporrà bandi specifici per il Kenya. (27 Febbraio ore 11) Incontro presso l Ambasciata Italiana a Nairobi, con l Ambasciatore Mauro Massoni, il funzionario commerciale Paolo Rotili e la Presidente della Associazione per il Commercio Italo Keniana, Rita Ricciardi. Nel corso dell incontro l attenzione è stata portata al contesto specifico del paese e al grande potenziale del paese per lo sviluppo di cooperazione bilaterale con l Italia. In particolare ARTES ha proposto la possibilità di realizzare in Kenya il progetto N4F e di creare in EAC una rete di centri di eccellenza, concentrando il centro per l energia in Kenya e quello per la tecnologia dei materiali e delle costruzioni in Burundi. Riferimenti sono stati fatti a modelli esemplari italiani di politiche per il Mezzogiorno, che hanno previsto l installazione di centri di ricerca avanzati, proprio in un area debole del paese e alla esperienza dei Centri di competenze, realizzati con successo in Campania ed Emilia-Romagna. ARTES ha parlato dell impegno per l utilizzo dei tre 9

10 grandi strumenti di fundraising (cooperazione Delegata, CIIP, public procurement su fondi EuropeAid, Banche Multilaterali di Sviluppo). Facendo riferimento ai rapporti già instaurati con la DGCS del Ministero degli Esteri Italiano, ha anticipato che avrà occasione di presentare i primi risultati della missione in occasione dell evento del 5 Marzo 2015 NEXUS Cibo, Acqua, Energia nello Sviluppo Sostenibile promosso da ENEA in collaborazione con il Ministero degli Esteri italiano. (27 febbraio ore 15) l incontro presso l EACCIA East Africa Chamber of Commerce Industry and Agriculture, rappresentata da Charles Kahuthu, CEO/coordinatore regionale. Nel corso dell incontro si è consolidato il lungo scambio e confronto avviato lo scorso Marzo 2014 all EU African Business forum e si sono trattati i seguenti punti: - appoggio dell EACCIA al CRTM quale centro regionale e non nazionale di eccellenza, da localizzare in Burundi evitando duplicazioni; - avvio di un programma per la realizzazione di un seminario regionale, a Nairobi o a Mombasa, in cooperazione con tutti gli stakeholder, destinato a presentare la possibilità di realizzare il research driven cluster N4F in Kenya. 10

11 (27 febbraio ore 17,30) Incontro all hotel Serena con Rita Ricciardi (presidente della Associazione per il Commercio Italo Keniana) e David Kimosop, CEO di Kerio Development Autority (l agenzia pubblica di sviluppo del Nord Kenya). L incontro ha riguardato: - la possibilità di realizzare il progetto N4F nella Kerio Valley; -la possibilità di organizzare una study visit in Italia per approfondire la conoscenza dei modelli di intervento ARTES, nello specifico ALLIANCE e N4F; -una approfondita discussione con Rita Ricciardi sui temi dell internazionalizzazione delle imprese Italiane; -possibilità di un Memorandum of Understanding con ARTES per la creazione di una join venture nel campo dell Internazionalizzazione in Africa Sub Sahariana. 11

12 Breve outlook sui programmi inseriti da ARTES nella strategia di fundraising. (A) Incontri svoltisi in Novembre e Gennaio a Bruxelles, presso la Commissione Europea e la Banca Mondiale, hanno messo in luce la possibilità di utilizzo di significative risorse disponibili attraverso la costruzione di un accordo di delega. Lo strumento è poco noto e di fatto non utilizzato dall'italia, ma, pare, utilizzato massicciamente dalla Germania. L équipe ARTES ha approfonditamente studiato la documentazione (Nuove prospettive e strumenti di intervento europei in materia di cooperazione allo sviluppo Position Paper). Costruire l'accordo richiede un impegno di alto profilo tecnico. Per quanto riguarda il coinvolgimento delle imprese, sono stati avviati i primi rapporti con primarie imprese Italiane ed europee. Si stanno stabilendo relazioni con le DG Cooperazione di altri Stati Membri. (B) Nel corso degli incontri di Bruxelles è emersa inoltre l'esistenza di un programma, tra altri discussi, estremamente interessante, denominato CIIP Competitive Industries and Innovation Program. Il programma è stato approfonditamente studiato ed è stabilmente monitorato (CIIP - Competitive Industries and Innovation Programme Outlook). Rapporti con i responsabili del programma in World Bank sono stati avviati così come con il segretariato ACP (viaggio di gennaio a Bruxelles). L'importo massimo di ogni progetto è di 100 mil. di euro; si tratta di programmi di grande portata, negoziati da World Bank con i paesi interessati. Il rapporto con i vertici istituzionali di tali paesi è fondamentale, in particolare con i ministri delle finanze e dello sviluppo economico. (C) Nel corso degli incontri di Bruxelles sono stati impostati gli step per partecipare con successo ai bandi, altro strumento essenziale di accesso ai fondi, che vedranno primi attori le delegazioni EU nei paesi target. Il primo passo è la visita alle delegazioni. Sono state già compiute le visite alla delegazione EU in Tunisia (8 Dicembre 2014), Burundi (23 Febbraio 2015) e Kenya (27 Febbraio 2015). 12

13 Annex 1 Allocuzione della Prof. Lilia INFELISE Bujumbura 23 Febbraio 2015 La grande sfida della bioeconomia: ridisegnare i fondamenti di una nuova civiltà Il mondo industrializzato vive oggi una crisi di sistema tecnologico ed economico di portata unica negli ultimi cinquecento anni di storia del nostro pianeta. Il modello che concentra nel 17% del pianeta il 90% delle risorse, anche in termini di conoscenze, brevetti, know how tecnologici, si sta sgretolando. Una crisi i cui segni erano evidenti sin dal 1991, ha colpito a partire dal settembre 2008 principalmente i maggiori paesi industrializzati ed ha messo in discussione un intero modello di sviluppo. Gli indicatori economici, insieme ai mutamenti climatici e all esaurirsi di risorse vitali, impongono di ridisegnare i fondamenti di una nuova civiltà, nella quale la crescita economica non sia ineludibilmente connessa alla distruzione del patrimonio naturale, umano e culturale di vaste aree del pianeta. Siamo tutti oggi alla linea di partenza, la maggiore disuguaglianza risiede però nella concentrazione delle conoscenze e saper fare e nella capacità di sviluppare e utilizzare i talenti individuali e collettivi, il capitale umano. La più grande povertà di una paese è la sottoutilizzazione del suo capitale umano, che prende le forme di disoccupazione, sottoccupazione, migrazione e con esse la fragilità dei sistemi di educazione e formazione. L'istituto ARTES è impegnato a mobilitare una rete internazionale di ricercatori, laboratori di ricerca e imprenditori senza distinzione di origine, convinti che dalla condivisione della conoscenza e dallo sviluppo congiunto delle soluzioni ai problemi che si pongono nei diversi contesti specifici, dipenderà il fiorire di una nuova civiltà, e si scongiurerà il rischio del conflitto distruttivo e dei disastri naturali connessi ad un utilizzo insipiente delle risorse del pianeta. La rete che abbiamo costruito in continuo sviluppo, e nella quale vi proponiamo di entrare, concentra le sue conoscenze nei seguenti campi: materiali e tecnologie delle costruzioni, energia, acqua, agro- industria, community regeneration e sensibilizzazione. Crediamo fortemente che la storia affidi al continente Africano e all Europa il compito di iniziare con coraggio e intelligenza la costruzione di una nuova civiltà che faccia tesoro del 13

14 passato, anche delle drammatiche ferite, ma sappia disegnare scenari inediti, mai visti sino ad ora. La scienza ci aiuta. I principali organi guida dell Unione Europea hanno delineato la strategia per un compito che appare certamente straordinario, e hanno scelto un goal strategico da realizzarsi entro il 2020: il vecchio continente europeo dovrà diventare leader mondiale nella bioeconomia, e questa trasformazione agirà come leva di rigenerazione e sviluppo dell economia e del lavoro, oltre che della qualità della vita per tutti. Questa meta ci indica i leader designati a guidare l Europa in questa difficile fase. Parliamo, in Europa, di KBBE, bioeconomia basata sulla conoscenza. La bioeconomia include tutte industrie e i comparti dell economia che producono, gestiscono e, in vario modo, sfruttano le risorse biologiche e le connesse attività di servizio e consumo, incluse l agricoltura, la produzione alimentare, la pesca e le altre risorse marine e acquatiche in generale, le foreste ecc. L Europa non raggiungerà questa meta dichiarata, queste parole resteranno vuote, se il mondo della scienza e delle imprese di questi due continenti non costituiranno team comuni, laboratori condivisi, per cui gli uni non potranno proseguire il lavoro senza il contributo degli altri, e le risposte per un utilizzo sostenibile ed efficiente delle risorse non verranno dai lavoro di squadra. Tuttora in molti sostengono di poter trasferire dalle così definite economie avanzate il know how prefabbricato, sempre pronti a costruire strutture e infrastrutture fisiche, ma non a condividere conoscenze e know how. Il nostro motto invece, è la knowledge conversion and creation attraverso la condivisione. Oggi siamo qui con una piccola rappresentanza di una vasta rete, non per trasferire, bensì per costruire spazi dove interagire e sviluppare. Spazi ben strutturati, equipaggiati con strumentazione adeguata. Per realizzare tutto ciò, abbiamo bisogno di risorse finanziarie, e proprio per questo ARTES ha prodotto un early watching system che prevede, e studia, il mutamento delle strategie, dei programmi e degli strumenti finanziari per attuare, per dare gambe robuste alle nostre visioni e favorire l utilizzo efficiente da parte di questa rete di competenze che volgiamo costruire insieme a voi. 14

15 Una grande sfida che ciascuno di noi dovrà condividere facendo la sua parte. Un pianeta efficiente nell impiego delle risorse, è un pianeta verde. Il nostro pianeta, dove scompaiono le politiche di aiuto allo sviluppo e dove nasce una nuova generazione di politiche di innovazione e sviluppo, dove sia possibile sentirsi a casa per ciascuno, in ogni angolo della terra. Questa è la nostra vision, la speranza che ci muove, che è certo in contrasto con la teoria dell inevitabile clash di civiltà. Ci resta un duro lavoro quotidiano, da operai costruttori, ma il lavoro anche più duro è fattibile se abbiamo chiara la meta, e il metodo per utilizzare al meglio le tante energie di cui abbiamo bisogno. Vi presenteremo le nostre organizzazioni, il nostro, e gli strumenti finanziari che abbiamo individuato e che insieme spero riusciremo a mobilitare. Vi auguro una buona giornata di lavoro. 15

16 Annex 2 - Programma del seminario Seminario di scambio per la messa in opera di un Centro di Ricerca sulle Tecnologie e Materiali per le Costruzioni del Genio Civile CRTM Luogo: Hotel Sun Safari. Sponsors: Camera di Commercio e dell Industria del Burundi; ROBUCO. Logistica: Ministero dei Trasporti, dei Lavori Pubblici e degli Impianti. Moderatori del seminario: Ir Nestor BARASOKOROZA; Prof. Déo Gratias NKINAHAMIRA. Segretariato: Venuste NDAYITWAYEKO, Térence RUHIMBI, Jean Bosco NKURUNZIZA Copertura mediatica e infomercial: RTNB supportata da Ministero dei Trasporti, dei Lavori Pubblici e degli Impianti (DGCE). PROGRAMMA DEL SEMINARIO DEL 23/02/2015 N TITOLO ORE 1 Benvenuto e accoglienza dei Partecipanti : protocollo MTTPE 2 Discorso di benvenuto: Prof. Dèo Gratias NKINAHAMIRA ART Africa Renaissance Time 3 Allocuzione della Prof.ssa Lilia INFELISE, capofila della delegazione italiana. 4 Allocuzione di Ir. Nestor, Direttore Generale del Coordinamento degli Impianti 08H30 09H00 09H00 09H05 09H05 09H15 09H15 09H30 5 Pausa caffè 09H30 10H00 16

17 6 Film documentario sulle infrastrutture e la valutazione dello stato di esecuzione delle raccomandazioni dei seminari passati riguardanti le infrastrutture: MTTPE 7 Problematiche dei MIRWA e loro conseguenze sulla Città di Bujumbura: Prof. Jean Marie SABUSHIMIKE 8 Problematiche dei materiali da costruzione in Burundi: Prof. Théodose SIMUZEYE 10H00 10H30 10H30 11H00 11H00 11H30 9 Discussione sugli interventi 11H30 13H00 10 Pausa pranzo 13H00 14H00 11 Presentazioni da parte dei membri della Delegazione Italiana. Istituto ARTES: Dott.ssa Lilia INFELISE UNIBO DICAM: Prof. Tomaso TROMBETTI UNIFI GESAAF: Dott. Giulio CASTELLI OMNIA ENERGIA: Ing. Vincenzo D AGOSTINO ART: Prof. Déo Gratias NKINAHAMIRA. 14H00 15H00 12 Discussione sugli interventi 15H00 15H45 13 Pausa caffè 15H45 16H15 14 Intervento della Camera di Commercio (CFCIB): Ir. Anatole NZIGAMASABO 15 Nuovi Programmi di cooperazione dell Unione Europea e nuovi strumenti finanziari delle Banche Multilaterali di Sviluppo: Prof.ssa Lilia INFELISE 16 Chiarimento sui punti salienti: Prof. Déogratias RURIMUNZU 16H15 16H30 16H30 16H45 16H 45 17H00 17 Chiusura 17H00 17

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Cooperazione internazionale La lotta alla povertà in un mondo che cambia e sviluppo Sappiamo tutti che con le risorse tecnologiche, finanziarie e materiali in nostro possesso

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE L INIZIATIVA COLLABORA CON NOI! Offriamo varie opportunità per prendere parte a questa grande iniziativa per il cambiamento. Solo col

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CI INTERESSA visione, strategia, politiche

CI INTERESSA visione, strategia, politiche CI INTERESSA visione, strategia, politiche 45 Convegno Santa Margherita Ligure Grand Hotel Miramare 5 6 giugno 2015 La politica e le politiche sono cose molto diverse. La prima troppo spesso sembra attenta

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli