La foresta tropicale. Scoprire Ricercare Sperimentare. Una documentazione. sul consumo e sullo sviluppo sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La foresta tropicale. Scoprire Ricercare Sperimentare. Una documentazione. sul consumo e sullo sviluppo sostenibile"

Transcript

1 La foresta tropicale Scoprire Ricercare Sperimentare Una documentazione didattica del sul consumo e sullo sviluppo sostenibile

2 Prefazione Le foreste tropicali sono alberi immensi, sono una varietà incredibile di rumori e di odori, sono piogge torrenziali, sono luoghi dove la vita esplode e i ritmi di decomposizione sono velocissimi. La foresta tropicale è un segreto, una promessa ed un dramma in una sola cosa anche per coloro che non vi hanno mai messo piede. Ma la foresta tropicale è anche nella moltitudine di scaffali dei nostri negozi: non tutti sanno che l olio di palma, la materia prima principale per la margarina o per la pomata per le labbra, viene coltivato su superfici dove un tempo cresceva la foresta tropicale. Anche i pneumatici delle automobili, la cioccolata e molti farmaci d importanza vitale derivano dalla foresta tropicale. Le foreste tropicali sono lo spazio vitale di migliaia di specie animali e vegetali e rappresentano la base vitale per numerosi popoli, come quello dei Penan nel Borneo che vivono ancora della e nella foresta. Se gestite con criterio, le foreste possono essere per noi esseri umani un immensa fonte di materie prime come il legno, le piante medicinali e molti generi alimentari. Purtroppo però le foreste sono spesso gestite in modo sconsiderato. La loro distruzione si compie a una velocità vertiginosa con risvolti spesso drammatici: i due terzi delle foreste del nostro pianeta sono già stati annientati da attività umane. Il WWF, sostenuto da tutti i suoi soci, s impegna attivamente contro questa distruzione. Nel 1996 ha lanciato la campagna internazionale Forests for Life (foreste per la vita), il cui scopo è quello di proteggere meglio maggiori superfici forestali e di promuovere una gestione sostenibile delle foreste di tutto il mondo. Questa campagna vuole indurre banche, governi, imprese, insegnanti, scolari e cittadini ad agire in maniera più responsabile e a prendere decisioni volte alla salvaguardia e non alla distruzione delle foreste. Il Pandamobil, la nostra esposizione itinerante e interattiva, porta nella vostra scuola i segreti della foresta tropicale, i pericoli che la minacciano, ma anche i suoi legami con la nostra vita quotidiana, e mostra come agire concretamente per contribuire alla loro conservazione. Dopo aver esplorato i boschi di casa con la campagna educativa «Il bosco trionfa!», il Pandamobil vi farà scoprire i segreti della foresta tropicale. La presente documentazione didattica è stata concepita quale preparazione alla visita del Pandamobil. Le attività proposte collegano costantemente le foreste di paesi lontani con il nostro comportamento quotidiano quali consumatori, rendendo questo dossier estremamente attuale. Le schede pratiche e strutturate vi permetteranno di integrare facilmente queste tematiche nel vostro programma. Potete utilizzare questa documentazione anche senza visitare l esposizione. Andate alla scoperta dell incanto della foresta tropicale con le vostre classi! Sabine Siegrist Responsabile del settore Gioventù e Ambiente Damian Oettli Responsabile dei programmi sul bosco

3 Indice Introduzione La foresta tropicale Scoprire Ricercare Sperimentare Una documentazione didattica del sul consumo e sullo sviluppo sostenibile 2 1. La foresta tropicale 4 La foresta tropicale in classe 6 * Perché la foresta umida si chiama così? 7 * Lotta per la luce: la struttura a strati della foresta tropicale umida 8 Gli animali della foresta tropicale umida 9 Il rap della foresta tropicale 10 * Come si forma la pioggia? 11 Ciclo delle sostanze nutritive e decomposizione 12 * Giochi sulla varietà delle specie e sulle interazioni 13 Fogli di lavoro Piante da appartamento 15 Planisfero 16 Schede degli animali della foresta tropicale 17 La struttura a strati della foresta tropicale umida Foreste tropicali in pericolo 50 Gli opposti 53 La foresta tropicale può ricrescere? 54 * Una foresta in pericolo 56 Salviamo la nostra foresta Proteggere con uno sfruttamento sostenibile 60 ** Un boschetto di basilico sostenibile 63 ** Sfruttamento senza distruzione 65 Foglio di lavoro Cosa succede nella foresta tropicale di Abeng? 67 Conoscere e agire Anche il tuo impegno conta! 68 Bibliografia La giungla al supermercato: prodotti della foresta tropicale 20 * La giungla nel cesto della spesa 23 Un safari al supermercato 26 Frutti dalla foresta tropicale 27 Spezie e sapori dalla foresta tropicale 29 ** La palma da olio: una questione scottante 31 Cacao: cibo degli dei e bevanda dei re 33 Fogli di lavoro Prodotti della foresta tropicale 35 Frutti tropicali in classe Gli uomini della foresta 38 Kwamanya, l apprendista sciamano 40 Piante officinali nella foresta tropicale 42 Papaia: una pianta officinale 44 Il problema dei coloni 45 Fogli di lavoro Piante officinali della foresta tropicale 47 Oringio, un colono nella foresta tropicale umida 48 Schede di ruolo «Coloni» 49 * Consigliato come preparazione per la visita al Pandamobil ** Consigliato dopo la visita al Pandamobil 1

4 Introduzione La foresta tropicale Scoprire Ricercare Sperim Una documentazione didattica del sul «Dobbiamo adottare uno stile di vita che permetta a tutti gli esseri umani di poter sopravvivere senza distruggere le risorse della Terra. Abbiamo bisogno di una cultura universale di sostenibilità, dove tutti possano percepire dei redditi e avere accesso alle risorse. Se avanziamo in questa direzione, crescerà anche la speranza per le foreste.» Citazione di Christian Küchli in «Wälder der Hoffnung» (Foreste della speranza), Edizioni NZZ, Zurigo Le foreste pluviali tropicali: le zone più ricche di specie della Terra Nelle zone equatoriali, come su una cintura verde che circonda la Terra, crescono le foreste tropicali. Si tratta dei biotopi naturali con la maggiore varietà di specie del nostro pianeta. Qui alberi immensi si innalzano verso il cielo, le liane riempiono gli spazi tra i tronchi e rigogliose orchidee impregnano l aria con il loro profumo. Tra le corone degli alberi si muovono bradipi e oranghi; colobi e gibboni saltano con agilità e maestria tra i rami sui quali nidificano e volteggiano in uno sfavillio di colori pavoni, bucerotidi, pappagalli, colibrì e farfalle. Nella luce crepuscolare del sottobosco vivono gli elefanti, i gorilla oppure i tapiri. Nel sottosuolo le formiche tagliafoglie «coltivano» funghi con i quali nutrono le loro larve. In nessun altra zona della Terra la natura ha creato una tale varietà di specie viventi. Anche se occupano soltanto il 7% delle superfici emerse, le foreste pluviali tropicali ospitano oltre il 50% di tutte le specie terrestri animali e vegetali. Le singole specie di piante e di animali della foresta tropicale sono parte di un complesso e stratificato sistema di relazioni. Ogni specie vegetale, ad esempio, è collegata a diverse specie animali. In questa sensibile struttura, la scomparsa di una di queste specie può provocare danni molto gravi per tutto l ecosistema. La complessità dei legami appare chiara con il seguente esempio, quando l essere umano tenta di coltivare un frutto. I fiori dell albero delle noci del Parà (America del Sud) vengono impollinati soltanto da una determinata specie di ape, che trova la sostanza odorifera per l accoppiamento nel fiore di una particolare specie di orchidea. Solo l aguti, un roditore notturno, con i suoi denti estremamente affilati, è in grado di rompere il duro guscio delle noci del Parà, permettendo così la diffusione dei semi. Queste interdipendenze non permettono di coltivare le noci del Parà in monocolture. Esse possono essere coltivate e raccolte solo nella foresta. In quasi tutte le foreste tropicali abitano anche esseri umani, per i quali la foresta rappresenta sia lo spazio vitale sia la base di sussistenza. Essi hanno saputo inserirsi in queste complesse strutture senza distruggerle. Foreste tropicali in pericolo Le minacce alle quali sono esposte le foreste tropicali sono numerose. Alcune tra le più importanti sono la gestione forestale non sostenibile, lo sfruttamento agricolo industriale, l estrazione di materie prime, l allevamento estensivo di bestiame, i grandi progetti come dighe ed oleodotti, come pure i nuovi insediamenti di esseri umani. Fino ad oggi è andata distrutta quasi la metà delle foreste tropicali originali. Le conseguenze ecologiche ed economiche sono estremamente gravi. Dove vengono distrutte le foreste tropicali si verificano inonda- 2

5 entare consumo e sullo sviluppo sostenibile zioni e smottamenti del terreno perché le foglie non frenano più l acqua piovana e le radici non trattengono più gli strati di terreno friabile. Il paesaggio si inaridisce, i fiumi seccano e così nasce il deserto. Quasi un terzo delle emissioni di CO2, gas responsabile dell effetto serra, di origine antropica è dovuto agli incendi forestali. Ogni anno scompaiono in maniera irrecuperabile circa chilometri quadrati di foresta tropicale, ossia più o meno quattro volte la superficie della Svizzera! Se si continua di questo passo, quando i nostri figli avranno l età che adesso hanno i loro nonni, la foresta pluviale tropicale sarà completamente scomparsa. Noi e la foresta tropicale La distruzione della foresta tropicale sembra essere un problema lontanissimo dal nostro mondo. Eppure è sufficiente riflettere brevemente a ciò che usiamo e consumiamo nel corso di una giornata per accorgersi del contrario. Caffè, cioccolata, banane, Coca-Cola e gomma da masticare sono tutti prodotti originari della foresta tropicale. La pomata per le labbra ed i detersivi contengono olio di palma, che a sua volta è la causa principale dei disastrosi incendi forestali in Indonesia. Per circa due terzi dei nostri alimenti dobbiamo ringraziare sia la foresta tropicale, sia le conoscenze delle popolazioni che vivono o sono vissute nella e della foresta. La stessa cosa vale per molti medicamenti e materie prime, come le resine, gli oli eterici, le fibre vegetali ed il caucciù, con cui sono fatti i pneumatici e le suole delle scarpe. Attraverso il consumo quotidiano di prodotti derivanti dalla foresta tropicale, noi siamo strettamente collegati alla foresta stessa e agli esseri umani che coltivano tali prodotti. Le foreste tropicali, con la loro ricchezza di specie, hanno una grande importanza per le genti, gli animali e le piante che in essa e di essa vivono e anche per il futuro del nostro pianeta. Da una parte ospitano un immensa varietà di piante e di animali, dall altra forniscono legname e tutta una serie di altre preziose materie prime. Le due cose sono conciliabili soltanto attraverso una gestione sostenibile di questi ricchissimi ecosistemi. La documentazione didattica Questa documentazione didattica è destinata soprattutto al secondo ciclo delle scuole elementari e al primo ciclo delle scuole medie. Le lezioni possono essere facilmente adattate anche per le classi superiori. Ci siamo sforzati di rendere comprensibili i fenomeni e le relazioni, spesso complesse, che caratterizzano la foresta attraverso semplici esperimenti, giochi di ruolo e attività pratiche. Gli aspetti che verranno trattati sono innumerevoli: l importanza quale ambiente vitale, i popoli che ancora vivono nella foresta, i gravi pericoli a cui è sottoposta e le relazioni immediate con la nostra vita. Una parte importante è dedicata al nostro ruolo quali consumatori e a come possiamo contribuire alla salvaguardia di questi ambienti vitali unici e insostituibili. Le autrici si sono conosciute sette anni fa nella foresta pluviale tropicale dell Africa occidentale, durante un progetto di ricerca sul comportamento degli scimpanzé selvatici. La vita nella foresta ha segnato profondamente ognuna di noi. E per noi motivo di grande gioia contribuire ad avvicinare i ragazzi alla tematica delle foreste e a renderli attenti della necessità di salvaguardare gli ecosistemi più ricchi di specie della Terra e i loro abitanti. 3

6 La for tropic La foresta tropicale umida cresce dove si verificano due importanti caratteristiche climatiche: temperature costantemente elevate (da 20 a 28 gradi Celsius) e forti precipitazioni (da 2000 a 4000 mm annui) distribuite uniformemente durante l anno. Ai tropici il clima è sempre caldo e umido, come in una serra. Di primo mattino si formano nuvole a cumulo che si addensano verso mezzogiorno, dando luogo a forti piogge. Nel tardo pomeriggio le nuvole si diradano e il sole splende di nuovo. Nei tropici non ci sono i cambiamenti di stagione come da noi. Ecco perché le piante crescono, fioriscono e fruttificano durante tutto l anno. Ogni pianta ha il suo proprio ritmo. È addirittura possibile osservare sullo stesso albero diverse «stagioni»: un ramo è completamente fiorito, mentre il ramo vicino sta perdendo le foglie e quello immediatamente sopra porta dei frutti. Le foreste tropicali umide sono sistemi chiusi con diversi cicli: l acqua e le sostanze nutritive si spostano continuamente in un circolo dove tutto fluisce e nulla riposa. La pioggia quotidiana verso mezzogiorno è dovuta alla posizione quasi perpendicolare del sole all equatore. Come in un impianto centrale di riscaldamento, l aria calda sale verso l alto. Nel suo percorso ascendente si raffredda e, siccome l aria fredda assorbe meno umidità di quella calda, il vapore acqueo si condensa. Così si formano le nuvole che provocano la pioggia. Si può immaginare la foresta tropicale umida come una casa con due piani e una soffitta. La soffitta è rappresentata dagli alberi emergenti, alti da 40 a 70 metri, che poggiano su gigantesche radici tabulari. Questi alberi devono proteggersi in modo particolare

7 1 esta ale contro l intensa radiazione solare e per questo hanno foglie piccole, spesse e pelose oppure ricoperte da una patina cerosa; durante il giorno le foglie si arrotolano su sé stesse per non essiccare. Molte di esse hanno una punta a beccuccio come, ad esempio, quelle dell albero della gomma, affinché l acqua scorra via in fretta dalla superficie della foglia e non provochi un effetto focalizzante. Numerose specie di piante danno prova di una notevole inventiva nella lotta per la ricerca della luce. Le piante epifite, che sono la forma più tipica delle foreste tropicali umide, germinano nelle biforcazioni formate dai rami delle corone dei grandi alberi e prendono l acqua e le sostanze nutritive direttamente dall aria. La maggior parte delle circa specie di orchidee tropicali sono piante epifite. Le liane si ergono oltre l oscuro sottobosco sviluppando rapidamente i loro fusti verso l alto senza formare un tronco forte e portante. Si appoggiano invece agli alberi esistenti e così, con uno sforzo minimo, raggiungono la preziosa luce. Grazie alla ricca offerta di nutrimento vegetale e alle varie nicchie ecologiche nei diversi strati che la caratterizzano, nella foresta tropicale si è sviluppata anche la maggiore varietà di specie animali che si conosca. Più è grande il numero delle specie viventi in un ecosistema, tanto maggiori e variate sono le interazioni tra le specie. L estinzione di una specie può avere conseguenze imprevedibili per l intero sistema. La forma più lussureggiante di vegetazione cresce su un terreno povero di sostanze nutritive. Mentre lo strato di humus nei boschi europei raggiunge anche spessori di mezzo metro, nelle foreste tropicali se ne forma soltanto uno strato sottile. La maggior parte delle riserve nutritive è accumulata nella massa vegetale vivente. Il clima caldo e umido permette una decomposizione estremamente rapida dei rifiuti organici. In questo clima le colture di batteri trovano condizioni di vita ottimali e per questo sono in grado di decomporre completamente una foglia morta nel giro di pochi giorni. Con l aiuto del micelio della micorriza le sostanze minerali liberate negli strati superiori del terreno giungono alle radici delle piante e vengono riassorbite rapidamente. Ciò impedisce la formazione di un effettivo strato di humus. Le sostanze nutritive si muovono in un ciclo continuo, come pure l acqua, che funge da veicolo per tali sostanze. Le radici assorbono dal terreno l acqua che risale la pianta per poi evaporare attraverso le foglie. In tal modo giunge nell atmosfera, per poi tornare al suolo attraverso le piogge. La foresta tropicale umida è un perfetto sistema ecologico «chiuso». 5

8 La foresta tropicale 1 Concetto di base: Dato che la foresta tropicale si trova lontano dalla Svizzera, gli scolari la ricreano con mezzi semplici, come piante da appartamento, sfondi di giungla pitturati da loro, oscuramento (soltanto l uno per cento della luce solare riesce a raggiungere il suolo della foresta tropicale umida) e rumori, per sperimentare, imparare e stabilire una relazione emotiva con questo ambiente sconosciuto. La foresta tropicale in classe Metodica della lezione: ❶Si osservano insieme le piante da appartamento. L insegnante può eventualmente completare la gamma. ❷Gli scolari si suddividono in gruppi di quattro per determinare le piante che hanno portato, aiutandosi con il foglio di lavoro «Piante da appartamento». Stabiliscono da dove provengono le piante e tentano di rintracciare i paesi d origine sul mappamondo. Sul foglio di lavoro «Planisfero» si colorano i paesi trovati. ❸Discussione in classe: che cosa avete trovato? Cosa vi colpisce? Gli scolari possono osservare che tutti i paesi si trovano come su una cintura che circonda il globo terrestre. L insegnante spiega che questa cintura indica dove sono situati i tropici. A nord essa è delimitata dal Tropico del Cancro e a sud dal Tropico del Capricorno. Al centro c è l Equatore. Indicazioni didattiche Obiettivi d apprendime nto: Gli scolari apprendono cosa sono le foreste tropicali umide e dove si trovano. Essi imparano a riconoscere alcune piante della foresta tropicale. ❹Gli scolari devono rintracciare la Svizzera sul mappamondo e confrontare la sua grandezza con quella dei paesi tropicali. Di quante volte è superiore la superficie dei paesi tropicali rispetto a quella della Svizzera? Grado: Materiale: Lavori preliminari: Ubicazione: Dalla 4a elementare alla 4a media Piante da appartamento vive (vedi foglio di lavoro «Piante da appartamento») Foglio di lavoro «Piante da appartamento» Foglio di lavoro «Planisfero» Mappamondo Gli scolari devono portare da casa delle piante da appartamento (Cactacee escluse). In classe 1 o 2 lezioni 6

9 1 La foresta tropicale Perché la foresta tropicale umida si chiama così? Metodica della lezione: ❶L insegnante fa notare che le piante portate in classe provengono dalla foresta tropicale. Discussione: quali sono le differenze tra queste piante da appartamento e le piante che crescono qui fuori? Perché si chiamano piante da appartamento? Perché da noi non possono vivere all esterno? ❷Le differenze essenziali vengono annotate alla lavagna. ❸Se sono disponibili l insegnante mostra le due sezioni del tronco (albero indigeno e albero tropicale), altrimenti mostra l illustrazione delle due sezioni proiettando il lucido. Lavoro di gruppo: basandosi sulle due sezioni del tronco gli scolari riflettono su cosa distingue il clima tropicale dal nostro. Essi rilevano le differenze tra le due sezioni per quanto riguarda la forma, le dimensioni e le strutture e tentano di definire l età dei due alberi. Le nostre piante Le foglie cadono in autunno Una parte dell anno sono senza foglie Sopportano diverse temperature I nostri alberi Forma rotonda Sezione del tronco più piccola Con anelli Le piante tropicali Caduta continua delle foglie Sempreverdi Necessitano di temperature calde durante tutto l anno Gli alberi tropicali Forma irregolare Sezione del tronco più grande Senza anelli ❹I risultati dei lavori di gruppo vengono riassunti, discussi e le differenze principali annotate nella tabella. Indicazioni didattiche ❺Se gli scolari non dispongono di determinate conoscenze, l insegnante spiega quanto segue: se guardiamo la sezione del tronco dell albero europeo, notiamo gli anelli. Ci sono un anello scuro e uno chiaro che insieme corrispondono a un anno. In primavera e in estate le condizioni di vita sono buone, perché ci sono luce e calore a sufficienza. L albero fa molte foglie e nel tronco si sviluppano tessuti di conduzione dell acqua relativamente spessi. Ecco perché l anello chiaro è così largo. In autunno e in inverno l albero cresce poco o nulla. I tessuti di conduzione dell acqua hanno un diametro inferiore e per questo l anello scuro è relativamente stretto. In questo modo possiamo definire l età dell albero. Che età aveva questo albero? Quanto più vecchio era l albero della foresta tropicale umida in confronto? Dato che gli scolari non vedono gli anelli, possono dedurre che nella foresta tropicale umida non ci sono cambiamenti di stagione. Gli alberi tropicali crescono in Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Ubicazione: Gli scolari imparano quali sono le condizioni climatiche della foresta tropicale umida. Dalla 4a elementare alla 4a media Lucido: una sezione del tronco di un albero indigeno e una di un albero tropicale. Possono essere utili: una sezione del tronco di un albero indigeno e una di un albero tropicale. In classe 1 o 2 lezioni 7

10 La foresta tropicale 1 condizioni ottimali di temperatura costante e con precipitazioni regolari. Per questo gli alberi diventano molto più alti che da noi. Dato che gli alberi tropicali poggiano su enormi radici tabulari, la sezione dei loro tronchi ha una forma irregolare fino a 4 metri sopra il suolo. ❻Infine gli scolari disegnano su un grande foglio un albero tropicale e riflettono su ciò di cui ha bisogno per diventare tanto grande e forte. Orango: «Tieni un diario sulla mia foresta!» Questo diario ti accompagnerà durante tutto il lavoro sulle foreste tropicali. Esso vuole aiutarti a confrontare le tue osservazioni e i tuoi risultati. Puoi anche annotare tutto quello che apprendi sulla foresta tropicale umida attraverso la radio, la televisione, i giornali o Internet. Ritaglia dalle riviste immagini sulla foresta e i suoi abitanti, incollale nel diario e racconta alla classe le tue scoperte più recenti. Lotta per la luce: la struttura a strati della foresta tropicale umida Metodica della lezione: Indicazioni didattiche Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Lavori preliminari: Ubicazione: Gli scolari apprendono che soltanto l 1% della luce riesce a raggiungere il suolo della foresta tropicale umida e che per questo le piante devono adeguarsi. Essi imparano che la foresta tropicale umida è strutturata in tre strati, abitati da organismi completamente differenti. Dalla 3a elementare alla 1a media Candela Foglio di lavoro: «La struttura a strati della foresta tropicale» Rotoli di carta o carta da pacco Serie di biglietti con i nomi delle piante da appartamento già conosciute (vedi foglio di lavoro «Piante da appartamento») In classe Da 4 a 6 lezioni ❶Nella foresta tropicale umida soltanto l 1% della luce solare riesce a raggiungere il suolo. Ciò pone un problema alle giovani piante del sottobosco? Per rendere meglio l idea, la classe deve essere oscurata completamente. Al lume di una candela l insegnante conduce gli scolari in un piccolo viaggio immaginario (vedi pagina 9). ❷Sempre al lume di una sola candela, gli scolari ricevono un biglietto con scritto il nome di una pianta, che essi devono decifrare nel minor tempo possibile. Per poter leggere gli scolari sono costretti ad avvicinarsi alla fonte di luce. In questo modo essi sperimentano personalmente la lotta per raggiungere la luce. ❸L insegnante discute con gli scolari le esperienze fatte. Gli allievi apprendono che per sopravvivere le piante hanno bisogno di luce, così come loro hanno avuto bisogno di una fonte di luce per leggere. Nella foresta tropicale umida si svolge una vera lotta per la luce, in quanto le folte chiome degli alberi schermano quasi completamente i raggi del sole. Quali strategie devono adottare le giovani piante per giungere alla luce? ❹Gli scolari riflettono sulle possibili strategie delle piante. ❺L insegnante spiega che le diverse strategie che le piante hanno escogitato per giungere alla luce fanno sì che la foresta sia strutturata come una casa a tre piani. Distribuisce poi il foglio di lavoro «La struttura a strati della foresta 8

11 1 La foresta tropicale tropicale umida». Gli scolari leggono il foglio di lavoro e colorano le liane, le piante epifite e il fico strangolatore. ❻Basandosi sulle descrizioni a tergo, gli scolari devono tentare di attribuire a uno degli strati la pianta iscritta sul loro biglietto. ❼Su un foglio di carta della grandezza di una parete gli scolari disegnano e pitturano una foresta tropicale umida con i tre strati. Le liane possono, ad esempio, essere rappresentate con corde e funi appese. Quali piante si trovano dove? In quale strato gli scolari si sentirebbero più a loro agio? Viaggio immaginario Quando arrivi nella foresta tropicale umida devi essere consapevole che ben presto sarai bagnato. Prima ancora che inizi a piovere sarai già sudato. I tuoi vestiti si incollano al corpo, non c è modo di sfuggire all umidità della foresta. Ovunque guardi, vedi alberi, alberi e ancora alberi. La maggior parte di loro sono alti come palazzi di 15 piani. In cima, questi giganti verdi si aprono come ombrelli di foglie e di rami. Quante foglie ci saranno lassù? Tante da coprire completamente il cielo. Così numerose che soltanto una parte piccolissima (1%) di luce solare riesce a filtrare: una luce fievole come quella della nostra candela. È un miracolo che quaggiù le piante riescano ancora a crescere. Lavoro di approfondimento: Nella lezione di ginnastica si possono eseguire esercizi di passaggio da una liana all altra con le funi da arrampicata. Per farsi un idea precisa di una foresta tropicale umida si potrebbe visitare un giardino botanico oppure il padiglione sul Madagascar dello zoo di Zurigo (aperto a partire dal 30 giugno 2003). Dove sono le piante da appartamento che abbiamo imparato a conoscere? Riuscite a individuare la struttura a strati della foresta? Quali sono le piante epifite, quelle rampicanti e le liane? Strategie delle piante per giungere alla luce: crescita rapida; crescita possibilmente in altezza, come le piante rampicanti (ad esempio le liane); piante epifite che crescono su tronchi, rami e addirittura su foglie di altre piante. Gli animali della foresta tropicale umida Metodica della lezione: ❶Gli scolari ricevono una copia del foglio di lavoro «Schede degli animali della foresta tropicale». Discussione in classe: l insegnante chiede agli scolari se conoscono alcuni animali raffigurati. ❷Gli scolari formano gruppi di quattro, tentano di attribuire i nomi agli animali e di collocarli nei rispettivi strati della foresta tropicale. ❸Gli scolari ricevono una copia con le descrizioni degli animali che devono attribuire alle rispettive immagini. In seguito devono ritagliare le immagini e le descrizioni e incollarle insieme. ❹L insegnante proietta il lucido del foglio di lavoro con le immagini degli animali. Gli scolari possono così disegnare anche in grandezza naturale gli animali proiettati sulla parete e poi colorarli. ❺A questo punto si collocano gli animali disegnati nello strato corrispondente della foresta tropicale creata sulla parete (vedi esercizio precedente). Indicazioni didattiche Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Lavori preliminari: Ubicazione: Gli scolari conoscono diversi animali che vivono nella foresta tropicale asiatica e imparano in che strato vivono. Dalla 3a elementare alla 1a media Foglio di lavoro «Schede degli animali della foresta tropicale» Lucido con le immagini degli animali (foglio di lavoro «Schede degli animali della foresta tropicale»), riviste che trattano la fauna, immagini di animali tropicali Lezione «Lotta per la luce: la struttura a strati della foresta tropicale umida» In classe 1 o 2 lezioni 9

12 La foresta tropicale 1 Il rap della foresta tropicale Metodica della lezione: Gli scolari indicano: le automobili, il tram, gli aerei, le campane della chiesa, il vociare dei bambini, i cani che abbaiano, la falciatrice del prato, ecc. Tigre, scimmia, stormire delle foglie, pioggia, uccelli, insetti, noci o frutti che cadono dagli alberi, un albero che cade, ecc. ❶L insegnante domanda ai ragazzi che rumori si sentono all aperto. ❷Gli allievi riflettono sulle possibili fonti di rumore nella foresta tropicale. Quali sono i rumori che sentiamo da noi e che non possiamo ascoltare nella foresta tropicale? ❸Il rap della foresta tropicale: Gli scolari si immaginano un animale e provano a improvvisare liberamente, con uno strumento musicale, i rumori che fa. Dato che la gamma ottenibile con gli strumenti è limitata, in una seconda fase gli scolari provano quali suoni possono emettere battendo le mani o i piedi o percuotendo un oggetto. I toni lievi si possono ottenere ad esempio: schioccando la lingua in bocca, percuotendo leggermente le guance con la bocca più o meno aperta, grattando leggermente con le unghie, percuotendo oggetti, generando rumori con le labbra, ecc. Altri rumori si possono produrre con mezzi di supporto: come crocchiano i gusci dei frutti secchi, le noci di cocco spaccate, i gusci di chiocciola vuoti schiacciati, i pezzi di corteccia, le pietre? ❹Infine a ogni allievo viene attribuito un ruolo: tigre, orango, uccello, pioggia, stormire di foglie, albero che cade, lori (scimmia notturna), ecc. Insieme cercheranno di comporre i rumori di una giornata nella foresta. Indicazioni didattiche Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Ubicazione: Gli scolari sperimentano la riproduzione di rumori della foresta tropicale umida. Dalla 3a elementare alla 1a media Strumenti a percussione Raganella Flauto Gusci di noci Pietre Fili d erba Tubo per l acqua Bacinella Pezzi di corteccia Gusci di chiocciola vuoti Fogliame, ecc. In classe 1 lezione 10

13 1 La foresta tropicale Come si forma la pioggia? Metodica della lezione: ❶Preparazione di un esperimento: alcune piante da appartamento vengono abbondantemente annaffiate e successivamente racchiuse in un foglio di plastica. ❷Compito: ogni giorno gli scolari devono osservare ciò che succede e scriverlo nel diario della foresta tropicale. ❸Dopo il periodo di osservazione (circa tre giorni) gli scolari confrontano e discutono in gruppo le loro annotazioni e tentano di definire con precisione ciò che è accaduto. ❹Discussione in classe: confronto e discussione dei risultati dei lavori di gruppo. Se è necessario, l insegnante aiuta e corregge. ❺Su un foglio da disegno oppure nel diario della foresta tropicale, gli scolari disegnano lo schizzo del ciclo chiuso dell acqua e descrivono come funziona in una didascalia. Variante: La fantasia guidata di una goccia d acqua si può fare durante o dopo l esperimento indicato. Nel primo caso gli scolari non sanno ancora come si forma la pioggia nella foresta tropicale umida, per cui il viaggio immaginario può essere d aiuto per capire l esperimento. Nel secondo caso la fantasia guidata diventa una piccola ripetizione e una verifica delle cognizioni acquisite. Lavoro di approfondimento: Il ciclo dell acqua L acqua che le piante assorbono attraverso le radici sale lungo il fusto fino alle foglie. Qui la pianta utilizza una parte dell acqua per sintetizzare il nutrimento necessario a mantenere in vita le sue cellule. L acqua rimanente evapora attraverso minuscole fessure che si trovano sulla parte inferiore delle foglie. Si genera così il vapore acqueo. Quando l aria si raffredda il vapore si trasforma in piccole gocce d acqua che formano le nuvole. Se l aria si raffredda ulteriormente le goccioline diventano più grandi, finché ricadono al suolo sotto forma di pioggia. Fantasia guidata: il viaggio di una goccia d acqua Gli scolari si sdraiano comodamente sui materassini e chiudono gli occhi. Con la fantasia si trasformano in una goccia d acqua che si appresta a intraprendere un lungo viaggio. «Immagina di essere una goccia d acqua. Danzi nell aria e poi dal cielo piombi sulla Terra accompagnata da tante altre gocce. Il terreno ti assorbe, passi tra sabbia, terra e pietre fino a raggiungere la più profonda oscurità. Delle piccole radichette ti catturano. Da queste passi a radici di volta in volta più grandi, fino a raggiungere il tronco dell albero. Ti senti aspirata verso l alto all interno del tronco, mentre intorno non vedi altro che il nero assoluto. Poi ti muovi lungo i rami dell albero, fino a raggiungere le foglie. Il chiarore si diffonde lentamente intorno a te. Piano piano senti il tepore del sole e ti ritrovi immersa in una luce verde. Ti senti sempre più leggera mentre ti dirigi verso le fessure che si aprono sotto le foglie. Improvvisamente sei fuori, all aperto e aleggi nell accecante luce estiva, sotto un cielo azzurro chiaro. Sali sempre Indicazioni didattiche Con questo esperimento si può scoprire quanto piove da noi. Lo strumento da costruire misurerà l intensità delle precipitazioni per un periodo prolungato. I materiali necessari sono: un recipiente alto di vetro, una riga, un pennarello indelebile e un imbuto. Con l ausilio della riga e di un pennarello indelebile segnare una scala in centimetri sul recipiente di vetro. In seguito mettere l imbuto nel recipiente e porre lo strumento così ottenuto all esterno, in un luogo sicuro. Annotare quotidianamente e settimanalmente in una tabella il livello dell acqua nel recipiente di vetro (vedi schizzo a pagina 12). Dopo due settimane l insegnante scrive alla lavagna le cifre relative alla foresta tropicale umida per confrontarle con i risultati ottenuti dai ragazzi. Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Ubicazione: Durata: Gli scolari conoscono il ciclo dell acqua della foresta tropicale umida. Essi imparano come si forma la pioggia nella foresta tropicale umida. Dalla 4a elementare alla 4a media Piante da appartamento Foglio di plastica trasparente In classe Osservazioni durante tre giorni e 1 lezione per le valutazioni. 11

14 La foresta tropicale 1 più su. Non senti più il tuo peso. Sotto di te la Terra si allontana sempre di più. Il vento ti sospinge ancora più in alto nel cielo. Poi la tua salita rallenta e diventa più freddo. Il cielo, prima azzurro, diventa grigio e buio. Improvvisamente urti contro un grano di pulviscolo al quale ti aggrappi. Ti accorgi che ci sono altre gocce d acqua e ti unisci a loro. Tutte insieme formate una nuvola bianca e fredda. Non vedi più la Terra né il Sole né il cielo. Intorno a te avverti soltanto un freddo biancore. Ti senti sempre più fredda e pesante e cominci a scendere, prima lentamente, poi sempre più velocemente; volteggiando nell aria, cadi verso la Terra. Adesso tu sei la pioggia. Lasciati andare dolcemente sul terreno. Conta fino a cinque e poi apri gli occhi lentamente.» Precipitazioni nella foresta tropicale umida Durata 2.5 cm un giorno 7.5 cm tre giorni 17.5 cm una settimana 35 cm due settimane 70.5 cm un mese cm un anno In gruppi di quattro gli scolari si raccontano le peripezie del viaggio immaginario e le sensazioni provate. Gli scolari confrontano questi valori con le loro misurazioni e discutono le differenze. Perché in linea di massima si possono calcolare le precipitazioni annue relative alla foresta tropicale umida già dopo la prima misurazione? Perché da noi in Europa non funziona? Ciclo delle sostanze nutritive e decomposizione Metodica della lezione: Indicazioni didattiche Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Ubicazione: Durata: Gli scolari apprendono che dopo un certo tempo gli organismi morti si decompongono e cosa favorisce la decomposizione. Dalla 4a elementare alla 4a media 4 sacchetti di plastica Una banana Due confezioni di lievito di birra secco Acqua In classe Osservazioni durante 3 o 4 giorni e 1 lezione per le valutazioni. ❶I quattro sacchetti di plastica vengono contrassegnati con le lettere A, B, C e D. Nel sacchetto A bisogna mettere qualche fetta di banana; nel sacchetto B qualche fetta di banana e una confezione di lievito; nel sacchetto C qualche fetta di banana e un po d acqua; nel sacchetto D qualche fetta di banana, una confezione di lievito e un po d acqua. I sacchetti di plastica vengono poi chiusi e collocati in un posto soleggiato. ❷Compito: gli scolari devono osservare quotidianamente ciò che succede alle fette di banana nei 4 sacchetti e annotare le loro osservazioni nel diario della foresta tropicale. ❸Le osservazioni vengono discusse insieme e completate dalla seguente spiegazione dell insegnante: quando le piante e gli animali muoiono, diventano un importante fonte di alimentazione per numerosi microrganismi, che si nutrono delle carcasse degli animali e delle parti morte delle piante, decomponendoli. Il lievito è costituito da milioni di microrganismi che nel giusto ambiente (caldo, umido, cibo) possono moltiplicarsi. Moltiplicandosi decompongono la banana. Lo stesso avviene in natura. I microrganismi disgregano animali e piante morte trasformandoli in importanti sostanze minerali che possono es- 12

15 1 La foresta tropicale sere riassorbite dalle radici. In altre parole gli organismi morti servono alla vita e alla sopravvivenza di numerosi altri organismi. Dato che la foresta tropicale è sempre umida e calda, i rifiuti organici si decompongono molto in fretta e le sostanze che ne derivano possono essere immediatamente riassorbite dalle piante vive. Esse non vengono immagazzinate nel terreno, ma ritornano subito nel ciclo costante delle sostanze nutritive. Per questo motivo il terreno della foresta tropicale umida è povero di sostanze nutritive, soprattutto se confrontato con il terreno delle nostre latitudini. Dopo tre o quattro giorni si osserva quanto segue: Le fette di banana nel sacchetto A si sono scurite un po. Il lievito nel sacchetto B è aumentato di volume, ma il cambiamento è esiguo. Le fette di banana nel sacchetto C sono marcite e in parte decomposte. Le fette di banana nel sacchetto D sono in uno stato di decomposizione avanzata. Il liquido presenta bolle; si è formato biossido di carbonio, il sacchetto è rigonfio ed emana un forte odore. Giochi sulla varietà delle specie e sulle interazioni Metodica della lezione: ❶Con del materiale dimostrativo, si possono presentare i diversi animali della foresta tropicale. ❷Ogni scolaro pesca una scheda degli animali. Durante il gioco dovrà immedesimarsi nel rispettivo animale. ❸Per prima cosa gli scolari leggono a tergo della scheda la descrizione delle condizioni di vita del loro animale. ❹Gli scolari siedono in cerchio su delle sedie. Chi comincia si pone al centro e la sua sedia viene tolta dal cerchio. Egli enuncia una caratteristica, ad esempio «tutti gli animali predatori». Tutti gli scolari i cui animali hanno questa caratteristica devono cambiare posto. Lo scolaro che si è espresso tenta di conquistare uno dei posti che si liberano. Un ragazzo rimane senza posto e continuerà il gioco enunciando un altra particolarità, ad esempio «tutti gli animali che vivono sugli alberi», ecc. Di tanto in tanto l insegnante pronuncia la parola TOHU- WABOHU. A questo segnale tutti gli scolari devono cambiare posto. Di tanto in tanto per variare il gioco i ragazzi si possono scambiare le schede. Indicazioni didattiche Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Lavori preliminari: Ubicazione: Gli scolari apprendono le condizioni di vita di alcuni animali della foresta tropicale umida asiatica. Essi imparano cosa sono le catene e le reti alimentari. Dalla 4a elementare alla 1a media Schede con 12 animali asiatici (vedi foglio di lavoro «Schede degli animali della foresta tropicale») Materiale dimostrativo: libri illustrati, diapositive, ecc., di animali della foresta tropicale Lucido con la catena alimentare (pagina 14) Copia della rete alimentare (pagina 14) Preparare le schede degli animali. In classe 3 lezioni 13

16 La foresta tropicale 1 La catena alimentare ❺ Successivamente l insegnante mostra il lucido con la catena alimentare e chiede agli scolari di spiegare l illustrazione. Le piante e gli animali sono collegati tra loro da numerose interazioni. Le piante sfruttano l energia del sole per ricavare nutrimento. Di questo nutrimento beneficiano gli animali erbivori per sopravvivere. A loro volta gli animali erbivori costituiscono il nutrimento di determinati animali predatori carnivori. Questa è quella che definiamo catena alimentare. Il lucido illustra una catena alimentare. L insegnante spiega che in natura la cosa è molto più complicata, perché molti esseri viventi si nutrono di diverse specie animali e vegetali e pertanto fanno parte contemporaneamente di diverse catene alimentari, formando così una rete alimentare. ❻ Gli scolari ricevono una copia con la rete alimentare, ritagliano gli animali e li incollano su un foglio formato A3. Inserendo linee e freccette, tentano di indicare chi mangia chi (vedi soluzione relativa alla rete alimentare). La rete alimentare 1. Foglie 2. Frutti, bacche 3. Fiori 4. Formiche 5. Termiti 6. Farfalle (insetti) 7. Pipistrelli 8. Rane (anfibi) 9. Serpenti 10. Piccoli uccelli 11. Tucani (tucano gigante) 12. Formichieri (piccolo formichiere) 13. Bradipi (bradipo tridattilo) ❼ Gli scolari provano a rappresentare una rete alimentare: ognuno prende una scheda e impersona il rispettivo animale. A tergo delle schede sono descritte le condizioni di vita degli animali. Per ogni animale si tira un filo verso gli altri dei quali si nutre. Con l aiuto dell insegnante gli scolari riflettono sui motivi per i quali un animale potrebbe scomparire dalla rete alimentare e le conseguenze che ciò comporterebbe per gli altri animali. Ci sono animali avvantaggiati o svantaggiati? Perché? Soluzione della rete alimentare Piante e animali Nutrimento/preda 1. Foglie 2. Frutti, bacche 3. Fiori 4. Formiche Termiti 6. Farfalle Pipistrelli Rane Serpenti Piccoli uccelli Tucani Formichieri Bradipi Scimmie Giaguari Arpie Scimmie (crisotrice) 15. Giaguari 16. Arpie Bibliografia e media in merito a questo capitolo: vedi pagina

17 Foglio di lavoro 1 La foresta tropicale Piante da appartamento Filodendro (Philodendron scandens): è una liana con foglie verde brillante a forma di cuore, a punta. Origine: Perù. Posizione: alla luce, anche leggermente in ombra, non in pieno sole. Ficus (Ficus elastica): foglie grandi, forti e brillanti. Origine: India e Birmania. Posizione: alla luce e all aria, senza irradiazione solare diretta. Ficus Benjamin (Ficus benjamina): foglie più piccole del Ficus elastica, con rami pendenti; può raggiungere l altezza di 2 metri. Origine: Malaysia. Posizione: alla luce e all aria, senza irradiazione solare diretta. Spatifillo (Spathiphyllum): ha una sola infiorescenza bianca su uno stelo alto al di sopra delle foglie. Origine: parte centrale e settentrionale dell America del Sud. Posizione: in luogo da chiaro a ombroso, senza irradiazione solare diretta. Zebrina (Zebrina pendula): le foglie verdi presentano larghe striature longitudinali argentate o grigio-bianche. Origine: Messico, Nicaragua. Posizione: in posto molto chiaro, ma non in pieno sole. Saintpaulia (Saintpaulia ionantha): ha foglie carnose, stabili e pelose, con fiori simili alle mammole, in tutte le tonalità di rosso, rosa e azzurro. Origine: Kenya, Uganda, Tanzania. Posizione: in luogo da chiaro a leggermente ombroso, non in pieno sole. Maranta calatea (Maranta leuconeura): pianta utile contenente proteine, con foglie venate di rosso. Origine: Brasile. Posizione: in luogo chiaro o ombroso, senza irradiazione solare diretta. Pilea (Pilea cardieri): ha foglie verdi-bianche con bordo leggermente seghettato. Origine: Thailandia meridionale. Posizione: in luogo leggermente chiaro, non esporre al sole. Aechmea (Aechmea fasciata): è una bromeliacea con foglie raccolte a rosetta; quelle superiori sono di colore rosato, con fiori rossi, gialli o viola. Provenienza: Brasile. Posizione: in luogo chiaro, ma non in pieno sole. Begonia (Begoniaceae): ha foglie tenere e carnose di forma asimmetrica e fiori in pleiocasio. Origine: foreste tropicali pluviali. Posizione: in luogo chiaro, ma senza irradiazione solare diretta. Monstera (Monstera deliciosa): ha grandi foglie profondamente lobate, con radici pendule della grandezza di una matita (pianta epifita). Origine: Messico, Guatemala. Posizione: più il luogo è chiaro, tanto migliore sarà la crescita. Orchidea malese (Phalaenopsis): è una pianta epifita. Ha foglie lineari e carnose con uno stelo fiorito centrale. Origine: Malaysia, Indonesia, Australia, Nuova Guinea. Posizione: in luogo da chiaro a ombroso, senza irradiazione solare diretta. 15

18 La foresta tropicale Planisfero 1 Foglio di lavoro Guatemala El Salvador Nicaragua Costa Rica Panama Belize Honduras Perù Isole Antille Brasile Mauritania Senegal Guinea Sierra Leone Liberia Costa d Avorio Ghana Mali Niger Nigeria Uganda Kenya Tanzania India Sri Lanka Cina Birmania Thailandia Vietnam Malaysia Borneo Indonesia Molucche Nuova Guinea 16

19 Foglio di lavoro 1 La foresta tropicale Schede degli animali della foresta tropicale 17

20 La foresta tropicale 1 Foglio di lavoro Tapiro dalla gualdrappa: questo tapiro è imparentato con i rinoceronti. Nel corso della sua vita assume due differenti colorazioni mimetiche. I piccoli presentano chiazze e strisce biancastre, mentre gli adulti sono scuri nelle parti anteriori e biancastri sul dorso e sul ventre. Vive al suolo e si nutre di piante tropicali. Nasica: con il suo lungo naso il maschio di nasica può emettere un suono. I nasica dispongono di uno stomaco capiente per poter digerire le foglie di mangrovia delle quali si nutrono. Oltre che sugli alberi, si muovono anche al suolo. Rinoceronte di Sumatra: questo rinoceronte è una delle 12 specie che corrono il maggior pericolo di estinzione. È la più piccola specie di rinoceronte. Si tratta di un erbivoro estremamente timido, che si immerge regolarmente nel fango per rinfrescarsi e liberarsi dai parassiti e dagli insetti. Tragulus pigmeo o kanchil: è il più piccolo ungulato del mondo e, nonostante le sua altezza di soli 30 cm, è un lontano parente dei cervi. Crepuscolare e notturno, si mimetizza bene grazie al suo colore. La forma del corpo lo rende agile sul suolo della giungla. Si nutre di frutti, foglie e germogli. Racoforo: è un anfibio arboricolo che, allargando le dita, tende le membrane natatorie per planare da un albero all altro. È un animale insettivoro. Orango: il nome originale di Orang-Utan significa nella lingua indonesiana «uomo della foresta». Vive prevalentemente negli strati arborei bassi e medi. Si ciba soprattutto di frutti, foglie, germogli, corteccia, insetti e a volte anche di lucertole, giovani uccelli e uova. Pangolino: il suo corpo è rivestito di robuste squame cornee e quando è spaventato si arrotola a palla. Si nutre di formiche e termiti. Tigre: caccia di notte percorrendo fino a 30 km. Di giorno riposa all ombra oppure nell erba alta nei pressi di un fiume. Ama nuotare e non disdegna i pesci. Caccia cinghiali, tapiri e scimmie come i gibboni e i macachi. Lori: è una proscimmia notturna che pesa soltanto 100 grammi. Salta da un tronco all altro aggrappandosi alla corteccia grazie ai particolari polpastrelli delle dita. Si nutre di insetti, specialmente di cavallette. Orso malese: cammina sovente su due zampe, si arrampica e nuota volentieri. Si nutre di frutti e formiche. Pitone reticolato: con la sua lunghezza da 5 a 6 metri, il pitone reticolato è uno dei serpenti più grandi. Ha abitudini crepuscolari e caccia mammiferi grandi anche come una capra, uccelli, altri serpenti e pesci, che strangola prima di ingurgitare. Aquila delle scimmie: la rara aquila delle scimmie filippina (in passato chiamata arpia) è un grande rapace che caccia prevalentemente altri uccelli e scimmie tra le corone degli alberi. 18

IL COLONIALISMO INDICAZIONI

IL COLONIALISMO INDICAZIONI IL COLONIALISMO DESTINATARI Il percorso proposto si rivolge ad alunni stranieri di almeno nove anni e può essere adattato anche per gli studenti dei corsi per adulti. PREREQUISITI Sapersi orientare con

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

La storia della Terra

La storia della Terra Gli uomini, fin dai tempi antichi e in tutti i luoghi del mondo si sono fatti delle domande. Per esempio: come ha avuto origine la Terra? come hanno avuto origine il Sole e la Luna? come hanno avuto origine

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO

UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO Classe terza Caspoggio UN GIORNO IN RIVA ALLO STAGNO LO ZIO DI MARCO E SARA È UN FOTOGRAFO NATURALISTA E DEVE PREPARARE UN SERVIZIO FOTOGRAFICO SULLO STAGNO PER UNA RIVISTA CHE SI OCCUPA DI NATURA. LO

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Un regalo per un amico

Un regalo per un amico Unità didattica 4 Piante nell arte Un regalo per un amico Durata 2 parti da 40 minuti Materiali - ampia gamma di semi (da frutti di stagione) - utensili di creta o di vetro - vasi - aghi e fili - colla

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Lavoro di ricerca curato da Enzo, Joëlle, Matteo e Sebastian

Lavoro di ricerca curato da Enzo, Joëlle, Matteo e Sebastian Lavoro di ricerca curato da Enzo, Joëlle, Matteo e Sebastian Il muro a secco si costruiva tanti anni fa. Oggi si comincia di nuovo a costruire con questa tecnica. Alcune persone li ristrutturano cioè distruggono

Dettagli

Perché un bollettino?

Perché un bollettino? Numero 00 M a r z o 2012 Anno 1 Perché un bollettino? Sommario: Il Pesce Rosso Carassius auratus 2 Arrivo a casa... 2 Pulizia 3 Terrari e Paludari 3 Attrezzatura indispensabile ed utile 3 Avete voglia

Dettagli

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc. Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.it Numero Verde 800.350.350 - Coordinamento redazionale: Patrizia Brovelli

Dettagli

5. I Trasferitori di Energia

5. I Trasferitori di Energia 5.1. Fonti e ricevitori trasferiscono energia 5. I Trasferitori di Le fonti di energia, come il nome lascia ben intuire, cedono energia. Da dove ricevono però l energia che cedono? La ricevono da altre

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce Colori e Arcobaleno Noi vediamo grazie alla luce, ma che cosa sono tutti i colori che ci circondano? La luce del Sole è proprio bianca come la vediamo? Come si forma l arcobaleno? Perché il cielo è azzurro?

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio SCUOLA PRIMARIA GALILEO GALILEI CLASSE 3A e 3B ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Le attività si sono svolte

Dettagli

Sembra che ai rifiuti che ho messo nel mio composter non succeda niente

Sembra che ai rifiuti che ho messo nel mio composter non succeda niente Divisione Igiene Ambientale Settembre 2003 Posizionamento, riempimento e svuotamento del composter Installare il composter: dove e come Scegliere un luogo soleggiato. Posizionare il composter sul terreno:

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua L acqua è una risorsa essenziale. Ci sostiene, ci unisce, ci aiuta a crescere. Senza l acqua, le nostre società non potrebbero sopravvivere. Dipendiamo

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

Come fa l acqua a trasformarsi nei diversi stati, per esempio come fa l acqua a diventare ghiaccio o vapore?

Come fa l acqua a trasformarsi nei diversi stati, per esempio come fa l acqua a diventare ghiaccio o vapore? GLI STATI DELL ACQUA Di solito vediamo l acqua allo stato liquido, ma l acqua può esistere in tre stati diversi: liquido, solido e gassoso. L acqua che bevi e che usi per lavarti, l acqua dei fiumi Stato:

Dettagli

www.vivereiparchi.eu Tel: (+39) 345 7796413 E-mail: vivereiparchi@gmail.com

www.vivereiparchi.eu Tel: (+39) 345 7796413 E-mail: vivereiparchi@gmail.com VITE INVISIBILI IL VIAGGIO MICROSCOPICO IN UNA GOCCIA D'ACQUA E' vero che una goccia d'acqua di lago può superare in biodiversità una intera foresta?... Le popolazioni microscopiche che colonizzano una

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

Indice. 7 Introduzione. 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi. 33 3 Emozioni e sentimenti.

Indice. 7 Introduzione. 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi. 33 3 Emozioni e sentimenti. Indice 7 Introduzione 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi 33 3 Emozioni e sentimenti 52 4 Dimensioni 59 5 Dialoghi e suoni 68 6 Velocità 74 7 Ambientazioni 82 8 Aspetti

Dettagli

I marsupiali IL CANGURO

I marsupiali IL CANGURO I marsupiali I marsupiali devono il loro nome alla tasca marsupiale che è presente nelle femmine. Questa "tasca" serve a contenere i piccoli, che sono partoriti poco sviluppati e finiscono il loro sviluppo

Dettagli

Relatore: Caven Elger

Relatore: Caven Elger Relatore: Caven Elger 1. Parametri basali: temperatura, luce, concime ed acqua 2. Cura dopo la fioritura 3. Fioritura ripetuta 4. Danni da parassiti 5. Danni non da parassiti 6. Caduta dei boccioli 7.

Dettagli

Allo scopo di trasmettere ai bambini la necessità di riflettere su quanto incide il comportamento di ognuno sull impatto globale dei consumi idrici, sono state realizzate, con il coinvolgimento di tutte

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Laboratorio sulla Biodiversità

Laboratorio sulla Biodiversità Laboratorio sulla Biodiversità Un programma pratico per l insegnamento ai bambini e ragazzi Profili della biodiversità Biologico Ecosistemico Culturale Modulo 1 - Biodiversità Biologica Obiettivo generale:

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE

COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE Tipo di attività/strumento Quiz a risposta multipla Spunti didattici COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE Conoscenza e approfondimento dei concetti di sicurezza e sovranità alimentare.

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI HOME SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI SCUOLA PRIMARIA «SANTORRE DI SANTAROSA» SAVIGLIANO CLASSE 2^C TEMPO PIENO a.s. 2014-2015 Insegnanti: Giordano Alessandra e Testa Tiziana LEGGIAMO INSIEME

Dettagli

Laboratorio BIOLOGIA. La sensibilità della pelle. Ricorda che:

Laboratorio BIOLOGIA. La sensibilità della pelle. Ricorda che: Hai bisogno di: 3 stuzzicadenti un cronometro una piuma un cubetto di ghiaccio un guanto da cucina un compagno un fazzoletto per bendare gli occhi un quaderno e una penna La sensibilità della pelle la

Dettagli

Lorenzo Benedettini. una pianta per amico. il fico

Lorenzo Benedettini. una pianta per amico. il fico Lorenzo Benedettini una pianta per amico il fico foglio d albero scuola elementare La Primavera - classe III A anno scolastico 2005/2006 A mio fratello perché possa imparare a leggere. nome scientifico

Dettagli

svitati eco-appunti per l ambiente Progetto didattico promosso da

svitati eco-appunti per l ambiente Progetto didattico promosso da anno scolastico 2014/2015 svitati per l ambiente eco-appunti per i ragazzi Progetto didattico promosso da COSA DEVI SAPERE PRIMA DI INIZIARE! Questi ECO-APPUNTI sono stati realizzati affinché tu possa

Dettagli

Il suolo: poco conosciuto e tanto importante!

Il suolo: poco conosciuto e tanto importante! Piste per l educazione allo sviluppo sostenibile (ESS) Livello: 2 ciclo (5-8 HarmoS) Manifesto 1024 Sguardi Il suolo: poco conosciuto e tanto importante! Temi: il suolo è vita La coltivazione del suolo

Dettagli

L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante.

L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante. L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante. Iniziamo il percorso con una fase di spiegazione e un esperimento; successivamente lavoriamo in maniera cooperativa-guidata sul quaderno e con

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni

ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO Scuola dell Infanzia Don Milani Percorso scientifico sperimentato nella sezione omogenea 5 anni Questo percorso scientifico è stato sperimentato più volte nel corso degli

Dettagli

Scopri gli insetti più spettacolari dei cinque continenti

Scopri gli insetti più spettacolari dei cinque continenti Scopri gli insetti più spettacolari dei cinque continenti Un Opera editoriale per tutta la famiglia Colleziona gli invertebrati provenienti da tutto il pianeta ed esaminali da ogni angolazione grazie a

Dettagli

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene.

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile.

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile. LA TENSIONE SUPERFICIALE Osserviamo l acqua che sgocciola da un rubinetto chiuso male. Ogni goccia che si forma rimane attaccata al rubinetto per un istante, prima di cedere alla gravità e di cadere in

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE AMBIENTALE La Nostra Terra

PROGETTO EDUCAZIONE AMBIENTALE La Nostra Terra PROGETTO EDUCAZIONE AMBIENTALE La Nostra Terra Premessa: La scuola si configura come comunità di dialogo, di esperienza sociale e di ricerca volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni.

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

BOX 20 CHE COS E IL GAS BIOLOGICO?.

BOX 20 CHE COS E IL GAS BIOLOGICO?. CHE COS E IL GAS BIOLOGICO?. Gas biologico è un nome collettivo per un gas che nasce dallo smaltimento di materiale organico (residui di cucina, rifiuti del giardino, escrementi, ecc.) grazie all azione

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

GLI AMBIENTI L Antartide L Antartide è un continente, sepolto sotto una calotta di ghiaccio Dai suoi bordi si staccano degli iceberg Dalla calotta di ghiaccio emergono cime di montagne fra cui un grande

Dettagli

Tinozza vasca da bagno in legno massello Istruzioni di montaggio 1/9

Tinozza vasca da bagno in legno massello Istruzioni di montaggio 1/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 1/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 2/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 3/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 4/9 Tinozza vasca da bagno

Dettagli

Tema: Albedo. Foglio delle informazioni di base

Tema: Albedo. Foglio delle informazioni di base Albedo Foglio delle informazioni di base Quando la radiazione solare raggiunge la Terra, parte dell energia è assorbita dalla sua superficie, mentre la restante parte è riflessa e ritorna indietro nell

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Casa delle Farfalle & Co.

Casa delle Farfalle & Co. Foto Giulia Maioli Casa delle Farfalle & Co. Il fantastico mondo dei piccoli via Jelenia Gora 6/D 48015 Milano Marittima (RA) tel 0544 995671 fax 0544 082810 e-mail: casadellefarfalle@atlantide.net web:

Dettagli

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio.

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. ESPERIENZA n 1 Fenomeni fisici Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. Osserviamo dello zucchero al microscopio. Esso si presenta in forma di piccoli granelli trasparenti,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa Medicina in cucina insaporire per prevenire Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa L'anno scorso la scuola elementare Pascoli e l' Istituto Professionale Cossa hanno sviluppato il progetto: La chimica

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Obiettivi del laboratorio Il percorso Il percorso in breve Questo progetto sarà occasione per far comprendere ai bambini che cosa significa il

Dettagli

Cari bambini, Assessore all Ambiente Comune di Padova Francesco Bicciato. Il Sindaco Comune di Reggio Emilia Graziano Delrio

Cari bambini, Assessore all Ambiente Comune di Padova Francesco Bicciato. Il Sindaco Comune di Reggio Emilia Graziano Delrio 2 Cari bambini, anche quest anno potrete raccogliere Miglia Verdi per raggiungere idealmente la lontanissima città di Kyoto in Giappone per prendere il Protocollo di Kyoto e riportarlo nella vostra città!

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra Il calore del sole e le fasce climatiche della terra 1 Il sole trasmette energia e calore alla terra. Ma, dato che la terra ha una forma simile a quella di una sfera, che ruota su se stessa attorno a un

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta ABC L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta Consigli per la cura degli alberi Non è necessario essere professionisti per curare e potare alberi da frutto ed ornamentali. Di seguito

Dettagli

Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB. Foto M.Mendi. Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità

Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB. Foto M.Mendi. Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB Foto M.Mendi Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità Che cos è la BIODIVERSITA???? La varietà della vita sulla Terra a tutti

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 67 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI PER EDUCARE I BAMBINI AD AMARE, RISPETTARE E CONSERVARE IL MONDO E LA NATURA. Elaborazione della figura strumentale per il curricolo

Dettagli

Alla ricerca delle piante minacciate

Alla ricerca delle piante minacciate Estinzione e conservazione Unità didattica 4 Alla ricerca delle piante minacciate Durata 4 ore (1 ora al giorno) Materiali - Liste rosse (vedi nelle note per gli insegnanti) - computer - quaderno di scienze

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

Colori, fiori e impollinatori

Colori, fiori e impollinatori Unità didattica 9 Piante nell arte Colori, fiori e impollinatori 162 Durata 3 ore Stagione Primavera / estate Materiali - matite colorate - lenti di ingrandimento - cronometro - nastro bi-adesivo - foglio

Dettagli

Mondo. IL nostro. capitolo D

Mondo. IL nostro. capitolo D IL nostro capitolo D Mondo COMPLETATE LA PRIMA DELLE DI QUESTO CAPITOLO E UN ALTRA A PIACERE SCELTA DALLA LISTA CHE SEGUE. DOPO AVERLE REALIZZATE, SARETE IN GRADO DI: >> DESCRIVERE le tre componenti della

Dettagli

Fatti vedere! 6 8 anni

Fatti vedere! 6 8 anni Schede didattiche per la promozione della sicurezza Safety Tool n. 6 Fatti vedere! 6 8 anni upi Ufficio prevenzione infortuni Fatti vedere! Safety Tool n. 6 Argomento Catarifrangenti: per le biciclette

Dettagli

Conoscere e studiare l Italia Piccola guida per studenti stranieri

Conoscere e studiare l Italia Piccola guida per studenti stranieri Franca Marchesi Conoscere e studiare l Italia Piccola guida per studenti stranieri Franca Marchesi Conoscere e studiare l Italia Piccola guida per studenti stranieri È vietata la riproduzione, anche parziale,

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

Disney. Scuola Primaria Alteta (classe V) Il mondo dell energia

Disney. Scuola Primaria Alteta (classe V) Il mondo dell energia Disney 1 Ing. Andrea Fabbri Via Niccolò Machiavelli, 17 50012 Bagno a Ripoli (FI) Codice Fiscale: FBBNDR85M24A564C Partita I.V.A.: 06278480485 Telefono: 380/2678520 E-mail: a.fabbri@ymail.com Istituto

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua

GAIA: sono andata sotto nel mare e ho visto i pesciolini: sono stata molto sott acqua Questo progetto è rivolto al gruppo di bambini di cinque anni ed è finalizzato a creare un filo conduttore tra il tempo dell estate che si è conclusa e il ritorno a scuola. Un tempo quindi unico, non frammentato,

Dettagli

LE FOGLIE. classe 2^ scuola primaria

LE FOGLIE. classe 2^ scuola primaria LE FOGLIE classe 2^ scuola primaria Per i bambini, scoprire ciò che li circonda è sempre un avventura magica e piena di risorse. La realtà nella quale si trova la nostra scuola offre diversi stimoli dal

Dettagli

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Oggi 10 Novembre abbiamo osservato alcuni semi: semi di lenticchie, di fagiolo, di mais. Tutti i semi al tatto

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

fangocur sale marino

fangocur sale marino O r i g i n a l e fangocur sale marino i l m i g li o r sale d e l m o n d o senza iodio, filtrato naturalmente, non trattato, raccolto a mano Le condizioni ideali per la formazione di un sale pregiato

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

5 a. Soluzioni di Maxi granita al limone 2011 De Agostini Scuola SpA Novara

5 a. Soluzioni di Maxi granita al limone 2011 De Agostini Scuola SpA Novara 5 a SETTIMANA L ORTO 62 DEI BAMBINI MAXI GRANITA Fai anche tu come i bambini che stanno lavorando nell orto. Procurati un vasetto, riempilo di terra e pianta un seme di fagiolo fresco. Ricordati di bagnarlo

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI LINGUA CLASSE IV ANNO SCOLASTICO I QUADRIMESTRE ALUNNO/A IL PANDA Il panda è un buffo, timido, simpatico

Dettagli

L INTERVISTA IMPOSSIBILE

L INTERVISTA IMPOSSIBILE Rete delle geostorie Istituto Comprensivo Spinea 1 (VE) Scuola primaria Vivaldi Classe 3 Anno scolastico 2013-14 Ins. Nadia Paterno L INTERVISTA IMPOSSIBILE L intervista impossibile : immaginate di intervistare

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli