La foresta tropicale. Scoprire Ricercare Sperimentare. Una documentazione. sul consumo e sullo sviluppo sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La foresta tropicale. Scoprire Ricercare Sperimentare. Una documentazione. sul consumo e sullo sviluppo sostenibile"

Transcript

1 La foresta tropicale Scoprire Ricercare Sperimentare Una documentazione didattica del sul consumo e sullo sviluppo sostenibile

2 Prefazione Le foreste tropicali sono alberi immensi, sono una varietà incredibile di rumori e di odori, sono piogge torrenziali, sono luoghi dove la vita esplode e i ritmi di decomposizione sono velocissimi. La foresta tropicale è un segreto, una promessa ed un dramma in una sola cosa anche per coloro che non vi hanno mai messo piede. Ma la foresta tropicale è anche nella moltitudine di scaffali dei nostri negozi: non tutti sanno che l olio di palma, la materia prima principale per la margarina o per la pomata per le labbra, viene coltivato su superfici dove un tempo cresceva la foresta tropicale. Anche i pneumatici delle automobili, la cioccolata e molti farmaci d importanza vitale derivano dalla foresta tropicale. Le foreste tropicali sono lo spazio vitale di migliaia di specie animali e vegetali e rappresentano la base vitale per numerosi popoli, come quello dei Penan nel Borneo che vivono ancora della e nella foresta. Se gestite con criterio, le foreste possono essere per noi esseri umani un immensa fonte di materie prime come il legno, le piante medicinali e molti generi alimentari. Purtroppo però le foreste sono spesso gestite in modo sconsiderato. La loro distruzione si compie a una velocità vertiginosa con risvolti spesso drammatici: i due terzi delle foreste del nostro pianeta sono già stati annientati da attività umane. Il WWF, sostenuto da tutti i suoi soci, s impegna attivamente contro questa distruzione. Nel 1996 ha lanciato la campagna internazionale Forests for Life (foreste per la vita), il cui scopo è quello di proteggere meglio maggiori superfici forestali e di promuovere una gestione sostenibile delle foreste di tutto il mondo. Questa campagna vuole indurre banche, governi, imprese, insegnanti, scolari e cittadini ad agire in maniera più responsabile e a prendere decisioni volte alla salvaguardia e non alla distruzione delle foreste. Il Pandamobil, la nostra esposizione itinerante e interattiva, porta nella vostra scuola i segreti della foresta tropicale, i pericoli che la minacciano, ma anche i suoi legami con la nostra vita quotidiana, e mostra come agire concretamente per contribuire alla loro conservazione. Dopo aver esplorato i boschi di casa con la campagna educativa «Il bosco trionfa!», il Pandamobil vi farà scoprire i segreti della foresta tropicale. La presente documentazione didattica è stata concepita quale preparazione alla visita del Pandamobil. Le attività proposte collegano costantemente le foreste di paesi lontani con il nostro comportamento quotidiano quali consumatori, rendendo questo dossier estremamente attuale. Le schede pratiche e strutturate vi permetteranno di integrare facilmente queste tematiche nel vostro programma. Potete utilizzare questa documentazione anche senza visitare l esposizione. Andate alla scoperta dell incanto della foresta tropicale con le vostre classi! Sabine Siegrist Responsabile del settore Gioventù e Ambiente Damian Oettli Responsabile dei programmi sul bosco

3 Indice Introduzione La foresta tropicale Scoprire Ricercare Sperimentare Una documentazione didattica del sul consumo e sullo sviluppo sostenibile 2 1. La foresta tropicale 4 La foresta tropicale in classe 6 * Perché la foresta umida si chiama così? 7 * Lotta per la luce: la struttura a strati della foresta tropicale umida 8 Gli animali della foresta tropicale umida 9 Il rap della foresta tropicale 10 * Come si forma la pioggia? 11 Ciclo delle sostanze nutritive e decomposizione 12 * Giochi sulla varietà delle specie e sulle interazioni 13 Fogli di lavoro Piante da appartamento 15 Planisfero 16 Schede degli animali della foresta tropicale 17 La struttura a strati della foresta tropicale umida Foreste tropicali in pericolo 50 Gli opposti 53 La foresta tropicale può ricrescere? 54 * Una foresta in pericolo 56 Salviamo la nostra foresta Proteggere con uno sfruttamento sostenibile 60 ** Un boschetto di basilico sostenibile 63 ** Sfruttamento senza distruzione 65 Foglio di lavoro Cosa succede nella foresta tropicale di Abeng? 67 Conoscere e agire Anche il tuo impegno conta! 68 Bibliografia La giungla al supermercato: prodotti della foresta tropicale 20 * La giungla nel cesto della spesa 23 Un safari al supermercato 26 Frutti dalla foresta tropicale 27 Spezie e sapori dalla foresta tropicale 29 ** La palma da olio: una questione scottante 31 Cacao: cibo degli dei e bevanda dei re 33 Fogli di lavoro Prodotti della foresta tropicale 35 Frutti tropicali in classe Gli uomini della foresta 38 Kwamanya, l apprendista sciamano 40 Piante officinali nella foresta tropicale 42 Papaia: una pianta officinale 44 Il problema dei coloni 45 Fogli di lavoro Piante officinali della foresta tropicale 47 Oringio, un colono nella foresta tropicale umida 48 Schede di ruolo «Coloni» 49 * Consigliato come preparazione per la visita al Pandamobil ** Consigliato dopo la visita al Pandamobil 1

4 Introduzione La foresta tropicale Scoprire Ricercare Sperim Una documentazione didattica del sul «Dobbiamo adottare uno stile di vita che permetta a tutti gli esseri umani di poter sopravvivere senza distruggere le risorse della Terra. Abbiamo bisogno di una cultura universale di sostenibilità, dove tutti possano percepire dei redditi e avere accesso alle risorse. Se avanziamo in questa direzione, crescerà anche la speranza per le foreste.» Citazione di Christian Küchli in «Wälder der Hoffnung» (Foreste della speranza), Edizioni NZZ, Zurigo Le foreste pluviali tropicali: le zone più ricche di specie della Terra Nelle zone equatoriali, come su una cintura verde che circonda la Terra, crescono le foreste tropicali. Si tratta dei biotopi naturali con la maggiore varietà di specie del nostro pianeta. Qui alberi immensi si innalzano verso il cielo, le liane riempiono gli spazi tra i tronchi e rigogliose orchidee impregnano l aria con il loro profumo. Tra le corone degli alberi si muovono bradipi e oranghi; colobi e gibboni saltano con agilità e maestria tra i rami sui quali nidificano e volteggiano in uno sfavillio di colori pavoni, bucerotidi, pappagalli, colibrì e farfalle. Nella luce crepuscolare del sottobosco vivono gli elefanti, i gorilla oppure i tapiri. Nel sottosuolo le formiche tagliafoglie «coltivano» funghi con i quali nutrono le loro larve. In nessun altra zona della Terra la natura ha creato una tale varietà di specie viventi. Anche se occupano soltanto il 7% delle superfici emerse, le foreste pluviali tropicali ospitano oltre il 50% di tutte le specie terrestri animali e vegetali. Le singole specie di piante e di animali della foresta tropicale sono parte di un complesso e stratificato sistema di relazioni. Ogni specie vegetale, ad esempio, è collegata a diverse specie animali. In questa sensibile struttura, la scomparsa di una di queste specie può provocare danni molto gravi per tutto l ecosistema. La complessità dei legami appare chiara con il seguente esempio, quando l essere umano tenta di coltivare un frutto. I fiori dell albero delle noci del Parà (America del Sud) vengono impollinati soltanto da una determinata specie di ape, che trova la sostanza odorifera per l accoppiamento nel fiore di una particolare specie di orchidea. Solo l aguti, un roditore notturno, con i suoi denti estremamente affilati, è in grado di rompere il duro guscio delle noci del Parà, permettendo così la diffusione dei semi. Queste interdipendenze non permettono di coltivare le noci del Parà in monocolture. Esse possono essere coltivate e raccolte solo nella foresta. In quasi tutte le foreste tropicali abitano anche esseri umani, per i quali la foresta rappresenta sia lo spazio vitale sia la base di sussistenza. Essi hanno saputo inserirsi in queste complesse strutture senza distruggerle. Foreste tropicali in pericolo Le minacce alle quali sono esposte le foreste tropicali sono numerose. Alcune tra le più importanti sono la gestione forestale non sostenibile, lo sfruttamento agricolo industriale, l estrazione di materie prime, l allevamento estensivo di bestiame, i grandi progetti come dighe ed oleodotti, come pure i nuovi insediamenti di esseri umani. Fino ad oggi è andata distrutta quasi la metà delle foreste tropicali originali. Le conseguenze ecologiche ed economiche sono estremamente gravi. Dove vengono distrutte le foreste tropicali si verificano inonda- 2

5 entare consumo e sullo sviluppo sostenibile zioni e smottamenti del terreno perché le foglie non frenano più l acqua piovana e le radici non trattengono più gli strati di terreno friabile. Il paesaggio si inaridisce, i fiumi seccano e così nasce il deserto. Quasi un terzo delle emissioni di CO2, gas responsabile dell effetto serra, di origine antropica è dovuto agli incendi forestali. Ogni anno scompaiono in maniera irrecuperabile circa chilometri quadrati di foresta tropicale, ossia più o meno quattro volte la superficie della Svizzera! Se si continua di questo passo, quando i nostri figli avranno l età che adesso hanno i loro nonni, la foresta pluviale tropicale sarà completamente scomparsa. Noi e la foresta tropicale La distruzione della foresta tropicale sembra essere un problema lontanissimo dal nostro mondo. Eppure è sufficiente riflettere brevemente a ciò che usiamo e consumiamo nel corso di una giornata per accorgersi del contrario. Caffè, cioccolata, banane, Coca-Cola e gomma da masticare sono tutti prodotti originari della foresta tropicale. La pomata per le labbra ed i detersivi contengono olio di palma, che a sua volta è la causa principale dei disastrosi incendi forestali in Indonesia. Per circa due terzi dei nostri alimenti dobbiamo ringraziare sia la foresta tropicale, sia le conoscenze delle popolazioni che vivono o sono vissute nella e della foresta. La stessa cosa vale per molti medicamenti e materie prime, come le resine, gli oli eterici, le fibre vegetali ed il caucciù, con cui sono fatti i pneumatici e le suole delle scarpe. Attraverso il consumo quotidiano di prodotti derivanti dalla foresta tropicale, noi siamo strettamente collegati alla foresta stessa e agli esseri umani che coltivano tali prodotti. Le foreste tropicali, con la loro ricchezza di specie, hanno una grande importanza per le genti, gli animali e le piante che in essa e di essa vivono e anche per il futuro del nostro pianeta. Da una parte ospitano un immensa varietà di piante e di animali, dall altra forniscono legname e tutta una serie di altre preziose materie prime. Le due cose sono conciliabili soltanto attraverso una gestione sostenibile di questi ricchissimi ecosistemi. La documentazione didattica Questa documentazione didattica è destinata soprattutto al secondo ciclo delle scuole elementari e al primo ciclo delle scuole medie. Le lezioni possono essere facilmente adattate anche per le classi superiori. Ci siamo sforzati di rendere comprensibili i fenomeni e le relazioni, spesso complesse, che caratterizzano la foresta attraverso semplici esperimenti, giochi di ruolo e attività pratiche. Gli aspetti che verranno trattati sono innumerevoli: l importanza quale ambiente vitale, i popoli che ancora vivono nella foresta, i gravi pericoli a cui è sottoposta e le relazioni immediate con la nostra vita. Una parte importante è dedicata al nostro ruolo quali consumatori e a come possiamo contribuire alla salvaguardia di questi ambienti vitali unici e insostituibili. Le autrici si sono conosciute sette anni fa nella foresta pluviale tropicale dell Africa occidentale, durante un progetto di ricerca sul comportamento degli scimpanzé selvatici. La vita nella foresta ha segnato profondamente ognuna di noi. E per noi motivo di grande gioia contribuire ad avvicinare i ragazzi alla tematica delle foreste e a renderli attenti della necessità di salvaguardare gli ecosistemi più ricchi di specie della Terra e i loro abitanti. 3

6 La for tropic La foresta tropicale umida cresce dove si verificano due importanti caratteristiche climatiche: temperature costantemente elevate (da 20 a 28 gradi Celsius) e forti precipitazioni (da 2000 a 4000 mm annui) distribuite uniformemente durante l anno. Ai tropici il clima è sempre caldo e umido, come in una serra. Di primo mattino si formano nuvole a cumulo che si addensano verso mezzogiorno, dando luogo a forti piogge. Nel tardo pomeriggio le nuvole si diradano e il sole splende di nuovo. Nei tropici non ci sono i cambiamenti di stagione come da noi. Ecco perché le piante crescono, fioriscono e fruttificano durante tutto l anno. Ogni pianta ha il suo proprio ritmo. È addirittura possibile osservare sullo stesso albero diverse «stagioni»: un ramo è completamente fiorito, mentre il ramo vicino sta perdendo le foglie e quello immediatamente sopra porta dei frutti. Le foreste tropicali umide sono sistemi chiusi con diversi cicli: l acqua e le sostanze nutritive si spostano continuamente in un circolo dove tutto fluisce e nulla riposa. La pioggia quotidiana verso mezzogiorno è dovuta alla posizione quasi perpendicolare del sole all equatore. Come in un impianto centrale di riscaldamento, l aria calda sale verso l alto. Nel suo percorso ascendente si raffredda e, siccome l aria fredda assorbe meno umidità di quella calda, il vapore acqueo si condensa. Così si formano le nuvole che provocano la pioggia. Si può immaginare la foresta tropicale umida come una casa con due piani e una soffitta. La soffitta è rappresentata dagli alberi emergenti, alti da 40 a 70 metri, che poggiano su gigantesche radici tabulari. Questi alberi devono proteggersi in modo particolare

7 1 esta ale contro l intensa radiazione solare e per questo hanno foglie piccole, spesse e pelose oppure ricoperte da una patina cerosa; durante il giorno le foglie si arrotolano su sé stesse per non essiccare. Molte di esse hanno una punta a beccuccio come, ad esempio, quelle dell albero della gomma, affinché l acqua scorra via in fretta dalla superficie della foglia e non provochi un effetto focalizzante. Numerose specie di piante danno prova di una notevole inventiva nella lotta per la ricerca della luce. Le piante epifite, che sono la forma più tipica delle foreste tropicali umide, germinano nelle biforcazioni formate dai rami delle corone dei grandi alberi e prendono l acqua e le sostanze nutritive direttamente dall aria. La maggior parte delle circa specie di orchidee tropicali sono piante epifite. Le liane si ergono oltre l oscuro sottobosco sviluppando rapidamente i loro fusti verso l alto senza formare un tronco forte e portante. Si appoggiano invece agli alberi esistenti e così, con uno sforzo minimo, raggiungono la preziosa luce. Grazie alla ricca offerta di nutrimento vegetale e alle varie nicchie ecologiche nei diversi strati che la caratterizzano, nella foresta tropicale si è sviluppata anche la maggiore varietà di specie animali che si conosca. Più è grande il numero delle specie viventi in un ecosistema, tanto maggiori e variate sono le interazioni tra le specie. L estinzione di una specie può avere conseguenze imprevedibili per l intero sistema. La forma più lussureggiante di vegetazione cresce su un terreno povero di sostanze nutritive. Mentre lo strato di humus nei boschi europei raggiunge anche spessori di mezzo metro, nelle foreste tropicali se ne forma soltanto uno strato sottile. La maggior parte delle riserve nutritive è accumulata nella massa vegetale vivente. Il clima caldo e umido permette una decomposizione estremamente rapida dei rifiuti organici. In questo clima le colture di batteri trovano condizioni di vita ottimali e per questo sono in grado di decomporre completamente una foglia morta nel giro di pochi giorni. Con l aiuto del micelio della micorriza le sostanze minerali liberate negli strati superiori del terreno giungono alle radici delle piante e vengono riassorbite rapidamente. Ciò impedisce la formazione di un effettivo strato di humus. Le sostanze nutritive si muovono in un ciclo continuo, come pure l acqua, che funge da veicolo per tali sostanze. Le radici assorbono dal terreno l acqua che risale la pianta per poi evaporare attraverso le foglie. In tal modo giunge nell atmosfera, per poi tornare al suolo attraverso le piogge. La foresta tropicale umida è un perfetto sistema ecologico «chiuso». 5

8 La foresta tropicale 1 Concetto di base: Dato che la foresta tropicale si trova lontano dalla Svizzera, gli scolari la ricreano con mezzi semplici, come piante da appartamento, sfondi di giungla pitturati da loro, oscuramento (soltanto l uno per cento della luce solare riesce a raggiungere il suolo della foresta tropicale umida) e rumori, per sperimentare, imparare e stabilire una relazione emotiva con questo ambiente sconosciuto. La foresta tropicale in classe Metodica della lezione: ❶Si osservano insieme le piante da appartamento. L insegnante può eventualmente completare la gamma. ❷Gli scolari si suddividono in gruppi di quattro per determinare le piante che hanno portato, aiutandosi con il foglio di lavoro «Piante da appartamento». Stabiliscono da dove provengono le piante e tentano di rintracciare i paesi d origine sul mappamondo. Sul foglio di lavoro «Planisfero» si colorano i paesi trovati. ❸Discussione in classe: che cosa avete trovato? Cosa vi colpisce? Gli scolari possono osservare che tutti i paesi si trovano come su una cintura che circonda il globo terrestre. L insegnante spiega che questa cintura indica dove sono situati i tropici. A nord essa è delimitata dal Tropico del Cancro e a sud dal Tropico del Capricorno. Al centro c è l Equatore. Indicazioni didattiche Obiettivi d apprendime nto: Gli scolari apprendono cosa sono le foreste tropicali umide e dove si trovano. Essi imparano a riconoscere alcune piante della foresta tropicale. ❹Gli scolari devono rintracciare la Svizzera sul mappamondo e confrontare la sua grandezza con quella dei paesi tropicali. Di quante volte è superiore la superficie dei paesi tropicali rispetto a quella della Svizzera? Grado: Materiale: Lavori preliminari: Ubicazione: Dalla 4a elementare alla 4a media Piante da appartamento vive (vedi foglio di lavoro «Piante da appartamento») Foglio di lavoro «Piante da appartamento» Foglio di lavoro «Planisfero» Mappamondo Gli scolari devono portare da casa delle piante da appartamento (Cactacee escluse). In classe 1 o 2 lezioni 6

9 1 La foresta tropicale Perché la foresta tropicale umida si chiama così? Metodica della lezione: ❶L insegnante fa notare che le piante portate in classe provengono dalla foresta tropicale. Discussione: quali sono le differenze tra queste piante da appartamento e le piante che crescono qui fuori? Perché si chiamano piante da appartamento? Perché da noi non possono vivere all esterno? ❷Le differenze essenziali vengono annotate alla lavagna. ❸Se sono disponibili l insegnante mostra le due sezioni del tronco (albero indigeno e albero tropicale), altrimenti mostra l illustrazione delle due sezioni proiettando il lucido. Lavoro di gruppo: basandosi sulle due sezioni del tronco gli scolari riflettono su cosa distingue il clima tropicale dal nostro. Essi rilevano le differenze tra le due sezioni per quanto riguarda la forma, le dimensioni e le strutture e tentano di definire l età dei due alberi. Le nostre piante Le foglie cadono in autunno Una parte dell anno sono senza foglie Sopportano diverse temperature I nostri alberi Forma rotonda Sezione del tronco più piccola Con anelli Le piante tropicali Caduta continua delle foglie Sempreverdi Necessitano di temperature calde durante tutto l anno Gli alberi tropicali Forma irregolare Sezione del tronco più grande Senza anelli ❹I risultati dei lavori di gruppo vengono riassunti, discussi e le differenze principali annotate nella tabella. Indicazioni didattiche ❺Se gli scolari non dispongono di determinate conoscenze, l insegnante spiega quanto segue: se guardiamo la sezione del tronco dell albero europeo, notiamo gli anelli. Ci sono un anello scuro e uno chiaro che insieme corrispondono a un anno. In primavera e in estate le condizioni di vita sono buone, perché ci sono luce e calore a sufficienza. L albero fa molte foglie e nel tronco si sviluppano tessuti di conduzione dell acqua relativamente spessi. Ecco perché l anello chiaro è così largo. In autunno e in inverno l albero cresce poco o nulla. I tessuti di conduzione dell acqua hanno un diametro inferiore e per questo l anello scuro è relativamente stretto. In questo modo possiamo definire l età dell albero. Che età aveva questo albero? Quanto più vecchio era l albero della foresta tropicale umida in confronto? Dato che gli scolari non vedono gli anelli, possono dedurre che nella foresta tropicale umida non ci sono cambiamenti di stagione. Gli alberi tropicali crescono in Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Ubicazione: Gli scolari imparano quali sono le condizioni climatiche della foresta tropicale umida. Dalla 4a elementare alla 4a media Lucido: una sezione del tronco di un albero indigeno e una di un albero tropicale. Possono essere utili: una sezione del tronco di un albero indigeno e una di un albero tropicale. In classe 1 o 2 lezioni 7

10 La foresta tropicale 1 condizioni ottimali di temperatura costante e con precipitazioni regolari. Per questo gli alberi diventano molto più alti che da noi. Dato che gli alberi tropicali poggiano su enormi radici tabulari, la sezione dei loro tronchi ha una forma irregolare fino a 4 metri sopra il suolo. ❻Infine gli scolari disegnano su un grande foglio un albero tropicale e riflettono su ciò di cui ha bisogno per diventare tanto grande e forte. Orango: «Tieni un diario sulla mia foresta!» Questo diario ti accompagnerà durante tutto il lavoro sulle foreste tropicali. Esso vuole aiutarti a confrontare le tue osservazioni e i tuoi risultati. Puoi anche annotare tutto quello che apprendi sulla foresta tropicale umida attraverso la radio, la televisione, i giornali o Internet. Ritaglia dalle riviste immagini sulla foresta e i suoi abitanti, incollale nel diario e racconta alla classe le tue scoperte più recenti. Lotta per la luce: la struttura a strati della foresta tropicale umida Metodica della lezione: Indicazioni didattiche Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Lavori preliminari: Ubicazione: Gli scolari apprendono che soltanto l 1% della luce riesce a raggiungere il suolo della foresta tropicale umida e che per questo le piante devono adeguarsi. Essi imparano che la foresta tropicale umida è strutturata in tre strati, abitati da organismi completamente differenti. Dalla 3a elementare alla 1a media Candela Foglio di lavoro: «La struttura a strati della foresta tropicale» Rotoli di carta o carta da pacco Serie di biglietti con i nomi delle piante da appartamento già conosciute (vedi foglio di lavoro «Piante da appartamento») In classe Da 4 a 6 lezioni ❶Nella foresta tropicale umida soltanto l 1% della luce solare riesce a raggiungere il suolo. Ciò pone un problema alle giovani piante del sottobosco? Per rendere meglio l idea, la classe deve essere oscurata completamente. Al lume di una candela l insegnante conduce gli scolari in un piccolo viaggio immaginario (vedi pagina 9). ❷Sempre al lume di una sola candela, gli scolari ricevono un biglietto con scritto il nome di una pianta, che essi devono decifrare nel minor tempo possibile. Per poter leggere gli scolari sono costretti ad avvicinarsi alla fonte di luce. In questo modo essi sperimentano personalmente la lotta per raggiungere la luce. ❸L insegnante discute con gli scolari le esperienze fatte. Gli allievi apprendono che per sopravvivere le piante hanno bisogno di luce, così come loro hanno avuto bisogno di una fonte di luce per leggere. Nella foresta tropicale umida si svolge una vera lotta per la luce, in quanto le folte chiome degli alberi schermano quasi completamente i raggi del sole. Quali strategie devono adottare le giovani piante per giungere alla luce? ❹Gli scolari riflettono sulle possibili strategie delle piante. ❺L insegnante spiega che le diverse strategie che le piante hanno escogitato per giungere alla luce fanno sì che la foresta sia strutturata come una casa a tre piani. Distribuisce poi il foglio di lavoro «La struttura a strati della foresta 8

11 1 La foresta tropicale tropicale umida». Gli scolari leggono il foglio di lavoro e colorano le liane, le piante epifite e il fico strangolatore. ❻Basandosi sulle descrizioni a tergo, gli scolari devono tentare di attribuire a uno degli strati la pianta iscritta sul loro biglietto. ❼Su un foglio di carta della grandezza di una parete gli scolari disegnano e pitturano una foresta tropicale umida con i tre strati. Le liane possono, ad esempio, essere rappresentate con corde e funi appese. Quali piante si trovano dove? In quale strato gli scolari si sentirebbero più a loro agio? Viaggio immaginario Quando arrivi nella foresta tropicale umida devi essere consapevole che ben presto sarai bagnato. Prima ancora che inizi a piovere sarai già sudato. I tuoi vestiti si incollano al corpo, non c è modo di sfuggire all umidità della foresta. Ovunque guardi, vedi alberi, alberi e ancora alberi. La maggior parte di loro sono alti come palazzi di 15 piani. In cima, questi giganti verdi si aprono come ombrelli di foglie e di rami. Quante foglie ci saranno lassù? Tante da coprire completamente il cielo. Così numerose che soltanto una parte piccolissima (1%) di luce solare riesce a filtrare: una luce fievole come quella della nostra candela. È un miracolo che quaggiù le piante riescano ancora a crescere. Lavoro di approfondimento: Nella lezione di ginnastica si possono eseguire esercizi di passaggio da una liana all altra con le funi da arrampicata. Per farsi un idea precisa di una foresta tropicale umida si potrebbe visitare un giardino botanico oppure il padiglione sul Madagascar dello zoo di Zurigo (aperto a partire dal 30 giugno 2003). Dove sono le piante da appartamento che abbiamo imparato a conoscere? Riuscite a individuare la struttura a strati della foresta? Quali sono le piante epifite, quelle rampicanti e le liane? Strategie delle piante per giungere alla luce: crescita rapida; crescita possibilmente in altezza, come le piante rampicanti (ad esempio le liane); piante epifite che crescono su tronchi, rami e addirittura su foglie di altre piante. Gli animali della foresta tropicale umida Metodica della lezione: ❶Gli scolari ricevono una copia del foglio di lavoro «Schede degli animali della foresta tropicale». Discussione in classe: l insegnante chiede agli scolari se conoscono alcuni animali raffigurati. ❷Gli scolari formano gruppi di quattro, tentano di attribuire i nomi agli animali e di collocarli nei rispettivi strati della foresta tropicale. ❸Gli scolari ricevono una copia con le descrizioni degli animali che devono attribuire alle rispettive immagini. In seguito devono ritagliare le immagini e le descrizioni e incollarle insieme. ❹L insegnante proietta il lucido del foglio di lavoro con le immagini degli animali. Gli scolari possono così disegnare anche in grandezza naturale gli animali proiettati sulla parete e poi colorarli. ❺A questo punto si collocano gli animali disegnati nello strato corrispondente della foresta tropicale creata sulla parete (vedi esercizio precedente). Indicazioni didattiche Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Lavori preliminari: Ubicazione: Gli scolari conoscono diversi animali che vivono nella foresta tropicale asiatica e imparano in che strato vivono. Dalla 3a elementare alla 1a media Foglio di lavoro «Schede degli animali della foresta tropicale» Lucido con le immagini degli animali (foglio di lavoro «Schede degli animali della foresta tropicale»), riviste che trattano la fauna, immagini di animali tropicali Lezione «Lotta per la luce: la struttura a strati della foresta tropicale umida» In classe 1 o 2 lezioni 9

12 La foresta tropicale 1 Il rap della foresta tropicale Metodica della lezione: Gli scolari indicano: le automobili, il tram, gli aerei, le campane della chiesa, il vociare dei bambini, i cani che abbaiano, la falciatrice del prato, ecc. Tigre, scimmia, stormire delle foglie, pioggia, uccelli, insetti, noci o frutti che cadono dagli alberi, un albero che cade, ecc. ❶L insegnante domanda ai ragazzi che rumori si sentono all aperto. ❷Gli allievi riflettono sulle possibili fonti di rumore nella foresta tropicale. Quali sono i rumori che sentiamo da noi e che non possiamo ascoltare nella foresta tropicale? ❸Il rap della foresta tropicale: Gli scolari si immaginano un animale e provano a improvvisare liberamente, con uno strumento musicale, i rumori che fa. Dato che la gamma ottenibile con gli strumenti è limitata, in una seconda fase gli scolari provano quali suoni possono emettere battendo le mani o i piedi o percuotendo un oggetto. I toni lievi si possono ottenere ad esempio: schioccando la lingua in bocca, percuotendo leggermente le guance con la bocca più o meno aperta, grattando leggermente con le unghie, percuotendo oggetti, generando rumori con le labbra, ecc. Altri rumori si possono produrre con mezzi di supporto: come crocchiano i gusci dei frutti secchi, le noci di cocco spaccate, i gusci di chiocciola vuoti schiacciati, i pezzi di corteccia, le pietre? ❹Infine a ogni allievo viene attribuito un ruolo: tigre, orango, uccello, pioggia, stormire di foglie, albero che cade, lori (scimmia notturna), ecc. Insieme cercheranno di comporre i rumori di una giornata nella foresta. Indicazioni didattiche Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Ubicazione: Gli scolari sperimentano la riproduzione di rumori della foresta tropicale umida. Dalla 3a elementare alla 1a media Strumenti a percussione Raganella Flauto Gusci di noci Pietre Fili d erba Tubo per l acqua Bacinella Pezzi di corteccia Gusci di chiocciola vuoti Fogliame, ecc. In classe 1 lezione 10

13 1 La foresta tropicale Come si forma la pioggia? Metodica della lezione: ❶Preparazione di un esperimento: alcune piante da appartamento vengono abbondantemente annaffiate e successivamente racchiuse in un foglio di plastica. ❷Compito: ogni giorno gli scolari devono osservare ciò che succede e scriverlo nel diario della foresta tropicale. ❸Dopo il periodo di osservazione (circa tre giorni) gli scolari confrontano e discutono in gruppo le loro annotazioni e tentano di definire con precisione ciò che è accaduto. ❹Discussione in classe: confronto e discussione dei risultati dei lavori di gruppo. Se è necessario, l insegnante aiuta e corregge. ❺Su un foglio da disegno oppure nel diario della foresta tropicale, gli scolari disegnano lo schizzo del ciclo chiuso dell acqua e descrivono come funziona in una didascalia. Variante: La fantasia guidata di una goccia d acqua si può fare durante o dopo l esperimento indicato. Nel primo caso gli scolari non sanno ancora come si forma la pioggia nella foresta tropicale umida, per cui il viaggio immaginario può essere d aiuto per capire l esperimento. Nel secondo caso la fantasia guidata diventa una piccola ripetizione e una verifica delle cognizioni acquisite. Lavoro di approfondimento: Il ciclo dell acqua L acqua che le piante assorbono attraverso le radici sale lungo il fusto fino alle foglie. Qui la pianta utilizza una parte dell acqua per sintetizzare il nutrimento necessario a mantenere in vita le sue cellule. L acqua rimanente evapora attraverso minuscole fessure che si trovano sulla parte inferiore delle foglie. Si genera così il vapore acqueo. Quando l aria si raffredda il vapore si trasforma in piccole gocce d acqua che formano le nuvole. Se l aria si raffredda ulteriormente le goccioline diventano più grandi, finché ricadono al suolo sotto forma di pioggia. Fantasia guidata: il viaggio di una goccia d acqua Gli scolari si sdraiano comodamente sui materassini e chiudono gli occhi. Con la fantasia si trasformano in una goccia d acqua che si appresta a intraprendere un lungo viaggio. «Immagina di essere una goccia d acqua. Danzi nell aria e poi dal cielo piombi sulla Terra accompagnata da tante altre gocce. Il terreno ti assorbe, passi tra sabbia, terra e pietre fino a raggiungere la più profonda oscurità. Delle piccole radichette ti catturano. Da queste passi a radici di volta in volta più grandi, fino a raggiungere il tronco dell albero. Ti senti aspirata verso l alto all interno del tronco, mentre intorno non vedi altro che il nero assoluto. Poi ti muovi lungo i rami dell albero, fino a raggiungere le foglie. Il chiarore si diffonde lentamente intorno a te. Piano piano senti il tepore del sole e ti ritrovi immersa in una luce verde. Ti senti sempre più leggera mentre ti dirigi verso le fessure che si aprono sotto le foglie. Improvvisamente sei fuori, all aperto e aleggi nell accecante luce estiva, sotto un cielo azzurro chiaro. Sali sempre Indicazioni didattiche Con questo esperimento si può scoprire quanto piove da noi. Lo strumento da costruire misurerà l intensità delle precipitazioni per un periodo prolungato. I materiali necessari sono: un recipiente alto di vetro, una riga, un pennarello indelebile e un imbuto. Con l ausilio della riga e di un pennarello indelebile segnare una scala in centimetri sul recipiente di vetro. In seguito mettere l imbuto nel recipiente e porre lo strumento così ottenuto all esterno, in un luogo sicuro. Annotare quotidianamente e settimanalmente in una tabella il livello dell acqua nel recipiente di vetro (vedi schizzo a pagina 12). Dopo due settimane l insegnante scrive alla lavagna le cifre relative alla foresta tropicale umida per confrontarle con i risultati ottenuti dai ragazzi. Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Ubicazione: Durata: Gli scolari conoscono il ciclo dell acqua della foresta tropicale umida. Essi imparano come si forma la pioggia nella foresta tropicale umida. Dalla 4a elementare alla 4a media Piante da appartamento Foglio di plastica trasparente In classe Osservazioni durante tre giorni e 1 lezione per le valutazioni. 11

14 La foresta tropicale 1 più su. Non senti più il tuo peso. Sotto di te la Terra si allontana sempre di più. Il vento ti sospinge ancora più in alto nel cielo. Poi la tua salita rallenta e diventa più freddo. Il cielo, prima azzurro, diventa grigio e buio. Improvvisamente urti contro un grano di pulviscolo al quale ti aggrappi. Ti accorgi che ci sono altre gocce d acqua e ti unisci a loro. Tutte insieme formate una nuvola bianca e fredda. Non vedi più la Terra né il Sole né il cielo. Intorno a te avverti soltanto un freddo biancore. Ti senti sempre più fredda e pesante e cominci a scendere, prima lentamente, poi sempre più velocemente; volteggiando nell aria, cadi verso la Terra. Adesso tu sei la pioggia. Lasciati andare dolcemente sul terreno. Conta fino a cinque e poi apri gli occhi lentamente.» Precipitazioni nella foresta tropicale umida Durata 2.5 cm un giorno 7.5 cm tre giorni 17.5 cm una settimana 35 cm due settimane 70.5 cm un mese cm un anno In gruppi di quattro gli scolari si raccontano le peripezie del viaggio immaginario e le sensazioni provate. Gli scolari confrontano questi valori con le loro misurazioni e discutono le differenze. Perché in linea di massima si possono calcolare le precipitazioni annue relative alla foresta tropicale umida già dopo la prima misurazione? Perché da noi in Europa non funziona? Ciclo delle sostanze nutritive e decomposizione Metodica della lezione: Indicazioni didattiche Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Ubicazione: Durata: Gli scolari apprendono che dopo un certo tempo gli organismi morti si decompongono e cosa favorisce la decomposizione. Dalla 4a elementare alla 4a media 4 sacchetti di plastica Una banana Due confezioni di lievito di birra secco Acqua In classe Osservazioni durante 3 o 4 giorni e 1 lezione per le valutazioni. ❶I quattro sacchetti di plastica vengono contrassegnati con le lettere A, B, C e D. Nel sacchetto A bisogna mettere qualche fetta di banana; nel sacchetto B qualche fetta di banana e una confezione di lievito; nel sacchetto C qualche fetta di banana e un po d acqua; nel sacchetto D qualche fetta di banana, una confezione di lievito e un po d acqua. I sacchetti di plastica vengono poi chiusi e collocati in un posto soleggiato. ❷Compito: gli scolari devono osservare quotidianamente ciò che succede alle fette di banana nei 4 sacchetti e annotare le loro osservazioni nel diario della foresta tropicale. ❸Le osservazioni vengono discusse insieme e completate dalla seguente spiegazione dell insegnante: quando le piante e gli animali muoiono, diventano un importante fonte di alimentazione per numerosi microrganismi, che si nutrono delle carcasse degli animali e delle parti morte delle piante, decomponendoli. Il lievito è costituito da milioni di microrganismi che nel giusto ambiente (caldo, umido, cibo) possono moltiplicarsi. Moltiplicandosi decompongono la banana. Lo stesso avviene in natura. I microrganismi disgregano animali e piante morte trasformandoli in importanti sostanze minerali che possono es- 12

15 1 La foresta tropicale sere riassorbite dalle radici. In altre parole gli organismi morti servono alla vita e alla sopravvivenza di numerosi altri organismi. Dato che la foresta tropicale è sempre umida e calda, i rifiuti organici si decompongono molto in fretta e le sostanze che ne derivano possono essere immediatamente riassorbite dalle piante vive. Esse non vengono immagazzinate nel terreno, ma ritornano subito nel ciclo costante delle sostanze nutritive. Per questo motivo il terreno della foresta tropicale umida è povero di sostanze nutritive, soprattutto se confrontato con il terreno delle nostre latitudini. Dopo tre o quattro giorni si osserva quanto segue: Le fette di banana nel sacchetto A si sono scurite un po. Il lievito nel sacchetto B è aumentato di volume, ma il cambiamento è esiguo. Le fette di banana nel sacchetto C sono marcite e in parte decomposte. Le fette di banana nel sacchetto D sono in uno stato di decomposizione avanzata. Il liquido presenta bolle; si è formato biossido di carbonio, il sacchetto è rigonfio ed emana un forte odore. Giochi sulla varietà delle specie e sulle interazioni Metodica della lezione: ❶Con del materiale dimostrativo, si possono presentare i diversi animali della foresta tropicale. ❷Ogni scolaro pesca una scheda degli animali. Durante il gioco dovrà immedesimarsi nel rispettivo animale. ❸Per prima cosa gli scolari leggono a tergo della scheda la descrizione delle condizioni di vita del loro animale. ❹Gli scolari siedono in cerchio su delle sedie. Chi comincia si pone al centro e la sua sedia viene tolta dal cerchio. Egli enuncia una caratteristica, ad esempio «tutti gli animali predatori». Tutti gli scolari i cui animali hanno questa caratteristica devono cambiare posto. Lo scolaro che si è espresso tenta di conquistare uno dei posti che si liberano. Un ragazzo rimane senza posto e continuerà il gioco enunciando un altra particolarità, ad esempio «tutti gli animali che vivono sugli alberi», ecc. Di tanto in tanto l insegnante pronuncia la parola TOHU- WABOHU. A questo segnale tutti gli scolari devono cambiare posto. Di tanto in tanto per variare il gioco i ragazzi si possono scambiare le schede. Indicazioni didattiche Obiettivi d apprendime nto: Grado: Materiale: Lavori preliminari: Ubicazione: Gli scolari apprendono le condizioni di vita di alcuni animali della foresta tropicale umida asiatica. Essi imparano cosa sono le catene e le reti alimentari. Dalla 4a elementare alla 1a media Schede con 12 animali asiatici (vedi foglio di lavoro «Schede degli animali della foresta tropicale») Materiale dimostrativo: libri illustrati, diapositive, ecc., di animali della foresta tropicale Lucido con la catena alimentare (pagina 14) Copia della rete alimentare (pagina 14) Preparare le schede degli animali. In classe 3 lezioni 13

16 La foresta tropicale 1 La catena alimentare ❺ Successivamente l insegnante mostra il lucido con la catena alimentare e chiede agli scolari di spiegare l illustrazione. Le piante e gli animali sono collegati tra loro da numerose interazioni. Le piante sfruttano l energia del sole per ricavare nutrimento. Di questo nutrimento beneficiano gli animali erbivori per sopravvivere. A loro volta gli animali erbivori costituiscono il nutrimento di determinati animali predatori carnivori. Questa è quella che definiamo catena alimentare. Il lucido illustra una catena alimentare. L insegnante spiega che in natura la cosa è molto più complicata, perché molti esseri viventi si nutrono di diverse specie animali e vegetali e pertanto fanno parte contemporaneamente di diverse catene alimentari, formando così una rete alimentare. ❻ Gli scolari ricevono una copia con la rete alimentare, ritagliano gli animali e li incollano su un foglio formato A3. Inserendo linee e freccette, tentano di indicare chi mangia chi (vedi soluzione relativa alla rete alimentare). La rete alimentare 1. Foglie 2. Frutti, bacche 3. Fiori 4. Formiche 5. Termiti 6. Farfalle (insetti) 7. Pipistrelli 8. Rane (anfibi) 9. Serpenti 10. Piccoli uccelli 11. Tucani (tucano gigante) 12. Formichieri (piccolo formichiere) 13. Bradipi (bradipo tridattilo) ❼ Gli scolari provano a rappresentare una rete alimentare: ognuno prende una scheda e impersona il rispettivo animale. A tergo delle schede sono descritte le condizioni di vita degli animali. Per ogni animale si tira un filo verso gli altri dei quali si nutre. Con l aiuto dell insegnante gli scolari riflettono sui motivi per i quali un animale potrebbe scomparire dalla rete alimentare e le conseguenze che ciò comporterebbe per gli altri animali. Ci sono animali avvantaggiati o svantaggiati? Perché? Soluzione della rete alimentare Piante e animali Nutrimento/preda 1. Foglie 2. Frutti, bacche 3. Fiori 4. Formiche Termiti 6. Farfalle Pipistrelli Rane Serpenti Piccoli uccelli Tucani Formichieri Bradipi Scimmie Giaguari Arpie Scimmie (crisotrice) 15. Giaguari 16. Arpie Bibliografia e media in merito a questo capitolo: vedi pagina

17 Foglio di lavoro 1 La foresta tropicale Piante da appartamento Filodendro (Philodendron scandens): è una liana con foglie verde brillante a forma di cuore, a punta. Origine: Perù. Posizione: alla luce, anche leggermente in ombra, non in pieno sole. Ficus (Ficus elastica): foglie grandi, forti e brillanti. Origine: India e Birmania. Posizione: alla luce e all aria, senza irradiazione solare diretta. Ficus Benjamin (Ficus benjamina): foglie più piccole del Ficus elastica, con rami pendenti; può raggiungere l altezza di 2 metri. Origine: Malaysia. Posizione: alla luce e all aria, senza irradiazione solare diretta. Spatifillo (Spathiphyllum): ha una sola infiorescenza bianca su uno stelo alto al di sopra delle foglie. Origine: parte centrale e settentrionale dell America del Sud. Posizione: in luogo da chiaro a ombroso, senza irradiazione solare diretta. Zebrina (Zebrina pendula): le foglie verdi presentano larghe striature longitudinali argentate o grigio-bianche. Origine: Messico, Nicaragua. Posizione: in posto molto chiaro, ma non in pieno sole. Saintpaulia (Saintpaulia ionantha): ha foglie carnose, stabili e pelose, con fiori simili alle mammole, in tutte le tonalità di rosso, rosa e azzurro. Origine: Kenya, Uganda, Tanzania. Posizione: in luogo da chiaro a leggermente ombroso, non in pieno sole. Maranta calatea (Maranta leuconeura): pianta utile contenente proteine, con foglie venate di rosso. Origine: Brasile. Posizione: in luogo chiaro o ombroso, senza irradiazione solare diretta. Pilea (Pilea cardieri): ha foglie verdi-bianche con bordo leggermente seghettato. Origine: Thailandia meridionale. Posizione: in luogo leggermente chiaro, non esporre al sole. Aechmea (Aechmea fasciata): è una bromeliacea con foglie raccolte a rosetta; quelle superiori sono di colore rosato, con fiori rossi, gialli o viola. Provenienza: Brasile. Posizione: in luogo chiaro, ma non in pieno sole. Begonia (Begoniaceae): ha foglie tenere e carnose di forma asimmetrica e fiori in pleiocasio. Origine: foreste tropicali pluviali. Posizione: in luogo chiaro, ma senza irradiazione solare diretta. Monstera (Monstera deliciosa): ha grandi foglie profondamente lobate, con radici pendule della grandezza di una matita (pianta epifita). Origine: Messico, Guatemala. Posizione: più il luogo è chiaro, tanto migliore sarà la crescita. Orchidea malese (Phalaenopsis): è una pianta epifita. Ha foglie lineari e carnose con uno stelo fiorito centrale. Origine: Malaysia, Indonesia, Australia, Nuova Guinea. Posizione: in luogo da chiaro a ombroso, senza irradiazione solare diretta. 15

18 La foresta tropicale Planisfero 1 Foglio di lavoro Guatemala El Salvador Nicaragua Costa Rica Panama Belize Honduras Perù Isole Antille Brasile Mauritania Senegal Guinea Sierra Leone Liberia Costa d Avorio Ghana Mali Niger Nigeria Uganda Kenya Tanzania India Sri Lanka Cina Birmania Thailandia Vietnam Malaysia Borneo Indonesia Molucche Nuova Guinea 16

19 Foglio di lavoro 1 La foresta tropicale Schede degli animali della foresta tropicale 17

20 La foresta tropicale 1 Foglio di lavoro Tapiro dalla gualdrappa: questo tapiro è imparentato con i rinoceronti. Nel corso della sua vita assume due differenti colorazioni mimetiche. I piccoli presentano chiazze e strisce biancastre, mentre gli adulti sono scuri nelle parti anteriori e biancastri sul dorso e sul ventre. Vive al suolo e si nutre di piante tropicali. Nasica: con il suo lungo naso il maschio di nasica può emettere un suono. I nasica dispongono di uno stomaco capiente per poter digerire le foglie di mangrovia delle quali si nutrono. Oltre che sugli alberi, si muovono anche al suolo. Rinoceronte di Sumatra: questo rinoceronte è una delle 12 specie che corrono il maggior pericolo di estinzione. È la più piccola specie di rinoceronte. Si tratta di un erbivoro estremamente timido, che si immerge regolarmente nel fango per rinfrescarsi e liberarsi dai parassiti e dagli insetti. Tragulus pigmeo o kanchil: è il più piccolo ungulato del mondo e, nonostante le sua altezza di soli 30 cm, è un lontano parente dei cervi. Crepuscolare e notturno, si mimetizza bene grazie al suo colore. La forma del corpo lo rende agile sul suolo della giungla. Si nutre di frutti, foglie e germogli. Racoforo: è un anfibio arboricolo che, allargando le dita, tende le membrane natatorie per planare da un albero all altro. È un animale insettivoro. Orango: il nome originale di Orang-Utan significa nella lingua indonesiana «uomo della foresta». Vive prevalentemente negli strati arborei bassi e medi. Si ciba soprattutto di frutti, foglie, germogli, corteccia, insetti e a volte anche di lucertole, giovani uccelli e uova. Pangolino: il suo corpo è rivestito di robuste squame cornee e quando è spaventato si arrotola a palla. Si nutre di formiche e termiti. Tigre: caccia di notte percorrendo fino a 30 km. Di giorno riposa all ombra oppure nell erba alta nei pressi di un fiume. Ama nuotare e non disdegna i pesci. Caccia cinghiali, tapiri e scimmie come i gibboni e i macachi. Lori: è una proscimmia notturna che pesa soltanto 100 grammi. Salta da un tronco all altro aggrappandosi alla corteccia grazie ai particolari polpastrelli delle dita. Si nutre di insetti, specialmente di cavallette. Orso malese: cammina sovente su due zampe, si arrampica e nuota volentieri. Si nutre di frutti e formiche. Pitone reticolato: con la sua lunghezza da 5 a 6 metri, il pitone reticolato è uno dei serpenti più grandi. Ha abitudini crepuscolari e caccia mammiferi grandi anche come una capra, uccelli, altri serpenti e pesci, che strangola prima di ingurgitare. Aquila delle scimmie: la rara aquila delle scimmie filippina (in passato chiamata arpia) è un grande rapace che caccia prevalentemente altri uccelli e scimmie tra le corone degli alberi. 18

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

GLI ANIMALI SI NUTRONO

GLI ANIMALI SI NUTRONO Azione 1 Italiano come L2 La lingua per studiare DISCIPLINA: SCIENZE Livello : A 2 GLI ANIMALI SI NUTRONO Gruppo 5 Autori: CRETI MARIELLA - GIONTI FRANCA Destinatari: alunni 1 biennio - scuola primaria

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com Manuale sull illuminazione UV La corretta illuminazione dei terrari è importante per il benessere degli animali da terrario e per il successo dell allevamento. In ciò rivestono particolare importanza determinate

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo.

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Con questa attività, il bambino, non solo si avvicina alla musica e

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli