Si ringrazia la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca per il contributo alla realizzazione del presente volume. Si ringrazia inoltre:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Si ringrazia la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca per il contributo alla realizzazione del presente volume. Si ringrazia inoltre:"

Transcript

1

2 Si ringrazia la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca per il contributo alla realizzazione del presente volume. Si ringrazia inoltre: 2011 Associazione Kwizera Onlus Ogni riproduzione e/o diffusione parziale o totale in qualsiasi modalità è proibita senza preventivo consenso da parte di Associazione Kwizera Onlus. II Edizione Gennaio 2013 Impaginazione, stampa, progetto grafico: Conceptio srl Piano di Coreglia - LU - - Tel Kwizera - Rwanda pag. 2

3 Associazione Kwizera Onlus Kwizera Rwanda a cura di Martino Ghilotti Kwizera - Rwanda pag. 3

4 Ad un mondo migliore si contribuisce soltanto facendo il bene adesso ed in prima persona, con passione e ovunque ce ne sia la possibilità. Benedetto XVI: Deus caritas est Kwizera - Rwanda pag. 4

5 Prefazione Nel decennale della fondazione dell Associazione Kwizera Onlus, dedichiamo questo libro a tutti coloro che, in questi anni, ci hanno seguito con simpatia e sostenuto con grande vicinanza nell attività svolta a favore della popolazione del Rwanda. Perché il tutto non si riducesse a una semplice elencazione, seppur doverosa nei confronti dei tanti benefattori, delle realizzazioni portate a termine nel periodo, abbiamo cercato di tratteggiare, senza alcuna pretesa di completezza, un sintetico quadro del contesto sociale in cui il lavoro associativo è andato concretizzandosi. Rimane in noi la segreta speranza di riuscire a condividere con i lettori parte delle esperienze vissute dai vari volontari che negli anni si sono succeduti nelle missioni nel paese delle mille colline. In questo senso, crediamo che al di là della limitatezza delle parole scritte, saranno le numerose fotografie che corredano il volume a far rivivere, almeno in parte, la realtà con cui siamo venuti a contatto. In particolare, non poche di queste fotografie, che danno voce a quella variegata umanità fatta di bambini, uomini, donne e anziani, hanno la capacità di veicolare, nel loro disarmante realismo, le forti emozioni che hanno permeato gli autori di quegli scatti. Quei luoghi, quelle immagini, quella gente ti entrano dentro fino al profondo del cuore, tanto da poter dire che quel viaggio ti ha segnato la vita e, da allora, tutto prende una visione nuova. Ecco, se queste pagine riuscissero a far giungere al lettore l eco lontana di queste sensazioni, avrebbero raggiunto il loro scopo. Avremmo la certezza che l attività dell Associazione a favore delle persone, le cui vite e i cui volti, squarciando il velo dell anonimato, hanno fatto il loro ingresso, con pudore e discrezione, nelle nostre case, proseguirà anche per il prossimo decennio, potendo contare su tante persone partecipi del loro destino. Franco Simonini Presidente dell Associazione Kwizera Onlus Kwizera - Rwanda pag. 5

6 Per gentile concessione degli autori, riprendiamo ampi stralci del capitolo dedicato al Rwanda, all interno del libro Miracolo Africano Edizioni Il Sole 24 Ore , in cui vengono riletti con taglio giornalistico gli ultimi vent anni di storia rwandese, dalla guerra civile alla ricostruzione del paese. Allo stato dei fatti, si tratta di una rivisitazione che, nelle sue linee generali, è largamente accettata a livello internazionale, anche se non da tutti condivisa, in primis dagli sconfitti della guerra civile. Per pervenire a una ricostruzione storica, che superi l inevitabile e contingente prospettiva dei vincitori, ci vorrà un profondo lavoro degli storici che sappiano indagare le dinamiche, anche sotterranee, di quanto accaduto in Rwanda. Solo allora, dopo un percorso che richiederà molto tempo, lo sappiamo bene noi italiani che non abbiamo ancora totalmente chiuso i conti con il nostro secondo dopoguerra, la riconciliazione potrà trovare alimento anche dalla condivisione della lettura della propria storia. Lo chiedono le centinaia di migliaia di vittime, tutte indistintamente rwandesi. Kwizera - Rwanda pag. 6

7 Introduzione Rwanda. La pace possibile Un racconto dell orrore. Un milione di persone massacrate in meno di tre mesi. Corpi sgozzati e decapitati a colpi di machete. Crani e schiene spezzate a bastonate. Un ecatombe di donne bambini, uomini, anziani, ragazzi. Di chiunque non riusciva a fuggire alla furia omicida dei soldati, delle milizie paramilitari, ma anche dei vicini di casa incitati dalle radio e dalle autorità a partecipare al genocidio, eliminando chiunque appartenesse all etnia tutsi. Per diverse settimane, le descrizioni che nell estate del 1994 giungevano in Europa su quanto stava succedendo in Rwanda lasciarono incredulo il mondo. Purtroppo erano vere. Dal genocidio a Davos Quindici anni dopo sorge il dubbio di aver sbagliato indirizzo. Eppure è proprio la stessa nazione quella che oggi viene descritta, nelle valutazioni degli organismi internazionali, come uno degli Stati emergenti dell Africa. Il paese che piace ai chief executive titola, nel 2007, la rivista americana Fortune citando una lista di commenti elogiativi dei manager di grandi aziende statunitensi dell informatica e telecomunicazioni (Google, Terracom, Alltel), del settore agroalimentare (Costa, Starbuck), della grande distribuzione (Columbia Sportsware) delle costruzioni (Bechtel) che hanno iniziato a operare e in parte anche a investire nel Paese delle mille colline. Il clima per fare affari è decisamente positivo conferma la Banca Mondiale che nel 2010 colloca il Rwanda al quarto posto in Africa nella graduatoria Doing business. Graduatoria che tiene conto (con criteri misurabili oggettivamente ) dei tempi burocratici per aprire società e pagare le tasse, della trasparenza legislativa, della efficacia delle leggi, della libertà di esercizio delle attività economiche. Nel Continente, il Paese è preceduto solo da Sudafrica, Mauritius, Bostwana e Namibia. Tutti Paradisi fiscali tranne il primo. Il Rwanda non lo è. Nel mondo si classifica al sessantasettesimo posto della classifica. Noi italiani siamo più indietro: settantottesimi. Chi atterra all aeroporto di Kigali è avvertito; niente sacchetti in plastica. Inquinano l ambiente. Il Rwanda è uno dei pochi Paesi in Africa ad avere un sistema giudiziario indipendente, ha un basso livello di corruzione e comunque c è un serio impegno delle Istituzioni a combatterla, le elezioni si svolgono correttamente, il 50% dei parlamentari sono donne, gli abitanti hanno accesso a giornali e radio liberi e indipendenti. Le carenze non sono nel quadro istituzionale ma, semmai, nell adeguata disponibilità di competenze e di risorse umane qualificate. Sono alcune delle considerazioni riportate dai funzionari di Bruxelles in occasione dell esame periodico a cui vengono sottoposti gli Stati che beneficiano di aiuti comunitari. Quando, nel gennaio 2009, a Davos si apre l edizione annuale del Forum dove i gran- Kwizera - Rwanda pag. 7

8 di dell economia si trovano per tracciare il futuro della globalizzazione, il presidente rwandese Paul Kagame viene invitato a salire in cattedra: Spiegaci come avete fatto il miracolo? La risposta (che è anche una richiesta): Con gli investimenti che ci dovete portare voi.. Sì, ma c è anche altro. La pacificazione avviata nel Rwanda, quale che sia il giudizio che si vuole dare su Kagame (a essere diplomatici può venire definito come un tipo deciso ), e l esito finale (che dipenderà dalla capacità di estendere e consolidare lo sviluppo economico) è stato un capolavoro di politica. Quella vera. Decisa a fare i conti col sangue, l umiliazione, la vendetta, l ingiustizia e di trovare ugualmente una via d uscita. Bloccando il circolo infernale della violenza. Fisico asciutto, orecchie a sventola, Paul Kagame a due anni è già un mini-esule. Uno dei tanti. Suo padre per timore delle conseguenze dei pogrom in atto nel Paese contro l etnia tutsi, si è rifugiato con la famiglia in Uganda assieme ad altre decine di migliaia di persone. Altri (la maggior parte) hanno trovato rifugio in Congo, nel Burundi, in Tanzania, qualcuno anche in Kenya. In Uganda Paul riesce a frequentare la scuola secondaria dove si inizia alla politica. Ancora ragazzo si arruola nell esercito di liberazione di Museveni. Kagame lo segue assieme ad altri giovani rwandesi. Il loro vero obiettivo non è tanto liberare l Uganda, quanto di porre le premesse per combattere in Rwanda: lì vogliono tornare. Fanno parte del Movimento nazionale di Resistenza (NRA) di Museveni, ma contemporaneamente, all interno, fondano un entità separata, il Fronte Patriottico Rwandese (RPF). La collaborazione prosegue anche quando Museveni riesce a conquistare il potere. I rwandesi e l RPF sono ormai parte organica del suo esercito. Qualche volta imboscano un po di armi e per questo motivo, talora, il capo si arrabbia. Ma poi lascia perdere: Museveni ha lo sguardo lungo e nella regione dei Grandi Laghi sa che c è una stratificazione di conflitti irrisolti che trascendono i confini del suo Paese. Ha bisogno di alleati e Kagame e l RPF saranno i primi della lista [...]. Il suo eroe preferito [di Kagame] è Che Guevara. Eppure, per gli intrecci della politica, il futuro leader rwandese, dopo gli anni di guerriglia al seguito di Museveni, viene addestrato militarmente negli Stati Uniti. Washington infatti finanzia e appoggia sia Museveni che i suoi alleati: sono in gioco interessi economici e nella Regione dei Grandi Laghi gli americani, interessati alle immense ricchezze del Congo, si confrontano con le ex potenze coloniali, Belgio e Francia, che invece appoggiano i dittatori della regione. Tornato in Africa dopo l esperienza americana, Kagame diventa uno dei capi del Fronte Patriottico Rwandese (RPF). E ormai giunto il momento di tentare il rientro e l instaurazione di un nuovo Governo a Kigali. La prima avanzata avviene nel 1990 ma Kwizera - Rwanda pag. 8

9 il regime rwandese, appoggiato da Francia, Belgio e dal Congo del generale Mobutu, riesce a contenere l RPF che comunque assume il controllo di alcune aree nel Nord del Paese vicino all Uganda. Ci sono successivi tentativi di invasione seguiti da negoziati di mediazione che si tengono in Tanzania, nella città di Arusha. Alla fine un compromesso viene raggiunto. L RPF verrà invitato a far parte del Governo. L accordo è siglato dal presidente Juvenal Habyarimana. A Kigali, capitale del Rwanda, si instaura un nuovo Esecutivo in cui sono largamente rappresentati i partiti moderati che cercano una conciliazione nazionale. Lo sviluppo può cominciare. Dopo una serie di cambiamenti diventa primo ministro Dismas Nsensiyaremye, un hutu moderato. Eccellente ingegnere chimico, il premier avvia nel paese un nuovo sistema di credito cooperativo: premessa indispensabile per creare lavoro e investimenti anche da parte dei piccoli coltivatori, commercianti, artigiani. La trama estremista Ma gli estremisti rwandesi, che finora hanno appoggiato Habyarimana, sono contrari a qualsiasi mediazione e hanno già provveduto a preparare la vendetta. Che sarà terribile. Il Presidente ne è perfettamente consapevole ma cerca di mantenersi in bilico. Verso il mondo esterno, gli alleati francesi, belgi, la comunità internazionale, Habyarimana ha bisogno di mostrare un volto ragionevole e aperto al compromesso politico. All interno lascia spazio libero a chi incita all odio razziale. Sono sia l esercito che i paramilitari dell Interhamwe Mpuza Mugambe. Un supporto decisivo è fornito dagli apparati di propaganda. Da mesi è scesa sul sentiero di guerra la Radio delle Mille Colline che, tra un brano rock e uno di musica congolese, invita i giovani hutu ad armarsi contro gli sfruttatori tutsi: - Schiacciateli come topi! Nel frattempo, il Governo di Kigali provvede a controllare che nelle carte di identità sia ben identificato chi è hutu e chi è tutsi. La mediazione internazionale è fragile. Il responsabile delle operazioni di mantenimento della pace dell ONU e futuro segretario generale, Kofi Annan, blocca il generale canadese Romeo Dallaire, capo del contingente ONU in Rwanda che, in una serie di comunicazioni successive, lo avverte che si sta preparando un massacro. In particolare gli impedisce di sequestrare un carico di armi e munizioni provenienti da tutte le parti del mondo: Israele, Belgio, Francia, Israele, Gran Bretagna. Armi sbarcate da un aereo militare francese e destinate alla fazione dell esercito che fa direttamente capo al presidente Habyarimana. Non farà tempo a usarle. La sera del 6 aprile 1994 due missili lanciati nelle vicinanze dell aeroporto di Kigali colpiscono la cabina e il timone di coda dell aereo su cui il Presidente sta atterrando in compagnia del leader del Burundi, Cyprien Ntaryamira. Kwizera - Rwanda pag. 9

10 Chi ha lanciato gli ordigni? La vicenda non è mai stata interamente chiarita. Ma la ricostruzione più credibile, dalle testimonianze raccolte negli anni successivi, è quella di un azione preparata dall ala più oltranzista dei movimenti hutu. E anche la più verosimile: rischiavano di restare tagliati fuori dagli accordi di Arusha. (1) Uccidi! L episodio offre il preteso per scatenare il massacro che Dallaire temeva. L esercito rwandese e le milizie paramilitari utilizzano i mitra e i fucili. Alla popolazione vengono distribuiti migliaia di machete importati dalla Cina. Il primo ministro Dismas Nsensiyaremye viene uccisa dalla guardia presidenziale di Habyarimana a cui i soldati delle Nazioni Unite (belgi e ghanesi) consegnano le armi. Questo non li salverà da una fine atroce. Dallaire chiede rinforzi. Ritiene che una forza di interposizione di 5mila uomini possa essere sufficiente a evitare il massacro o per lo meno a creare un corridoio di fuga per i tutsi che cercano di fuggire. Ma gli Stati Uniti e il presidente Clinton si oppongono, nonostante l avvertimento lanciato dalla CIA in un rapporto ufficiale nel quale si sosteneva che il fallimento dell accordo di Arusha avrebbe provocato un massacro. I pochi soldati ghanesi, belgi e tunisini del contingente Onu mostrano determinazione e coraggio. Quelli del Bangladesh si rivelano un disastro. A questo punto non ci sono più freni. C è chi parla oggi di ottocentomila morti, chi di oltre un milione. I veri numeri non li sapremo mai ma il senso dell operazione è inequivocabile: si tratta di genocidio, di pulizia etnica. Tutta la popolazione hutu viene incoraggiata a partecipare anche se il bersaglio è spesso un vicino di casa con cui, in precedenza, non sono mai esistiti motivi di tensione. Chi fa resistenza subisce minacce e intimidazioni. Ci sono vicende terribili, da tragedia greca. Persone costrette ad ammazzare con le proprie mani mogli e figli, perché dell altra etnia. E se alla fine qualcuno tenta di opporsi o di fermare il massacro, fa la stessa fine delle vittime. Nelle statistiche delle persone uccise figurano decine di migliaia di hutu che hanno fatto resistenza, anche solo passiva, contro l eccidio. L ascesa di Kagame I macellai che hanno scatenato i massacri si appoggiano sul terrore, sono capaci di uccidere gente inerme, ma non hanno alcuna consistenza militare. Avviene così che in poche settimane, appoggiato dall Uganda, l RPF riesce a rientrare nel Paese e a conquistare la capitale. Si forma un governo di coalizione a cui partecipa quello che resta dei partiti moderati. A dirigerlo viene chiamato Pasteur Bizimungu, un hutu, ex presidente della società Kwizera - Rwanda pag. 10

11 elettrica rwandese. Ma dietro le quinte, a tirare le fila del nuovo è Paul Kagame, che assume la carica di vicepresidente pur mantenendo il comando delle Forze Armate impegnate nella guerra che nel frattempo si è trasferita in Congo. Dopo qualche anno, quando la situazione interna e quella militare si stabilizzano, Kagame congeda Bizimunbgu, e si fa nominare presidente. Nel 2003 legalizza la sua posizione con un elezione che viene generalmente considerata come regolare. Democrazia sulla carta In realtà la gestione Kagame, soprattutto nei primi anni, è tutto fuorché un modello di democrazia. Con gli oppositori, usa la mano pesante. Uno dei primi a farne le spese è lo stesso Bizimungu. In crescente dissenso con il leader per l intolleranza mostrata nei confronti di ogni opposizione interna, tenta di formare un proprio movimento, il partito per il rinnovamento democratico (PRD). Ma viene immediatamente incarcerato per una serie di presunti reati: appropriazione indebita, formazione di milizia armata. A cui si aggiunge l accusa passepartout con cui Kagame provvede a eliminare tutti gli avversari e gli oppositori più temibili: istigazione alle divisioni etniche. Un analogo trattamento è riservato alla stampa. Bonaventure Bizumuremyi, editore di Umuseso, e Charles Kabonero proprietario di Umuvugizi, unici giornali che si permettono, in alcuni casi, di criticare il Governo e i suoi rappresentanti, diventano oggetto di continue minacce da parte di squadristi armati e polizia. Vengono anche multati ripetutamente, con accuse pretestuose. Riconciliazione e verità Kagame ha in mano il Governo e l esercito, ma il Paese è da ricostruire e il compito sembra sovrumano. Si pone, innanzitutto un problema di pacificazione tra la popolazione. Centinaia di migliaia di normali cittadini hutu sono fuggiti assieme ai leader e alle milizie che hanno scatenato il massacro. Temono la vendetta dei tutsi anche se Kagame li invita a ritornare. Ha avvertito i suoi che non tollererà ritorsioni individuali. Per chi sgarra c è l esecuzione immediata. I profughi esitano. Prevale la paura del castigo. In cambio centinaia di migliaia di tutsi che erano fuggiti negli anni precedenti in Congo, Tanzania, Uganda tornano nel Paese dove sono rimasti anche 1,3 milioni di ragazzi senza genitori. Uccisi durante le stragi successive. E quasi un terzo della popolazione giovanile di tutto il Rwanda. Sono questi i maggiori problemi. D ora in poi uomini e donne, vittime ed esecutori materiali di assassini e violenze dovranno attingere acqua alla stessa fontana, entrare negli stessi negozi, partecipare alle medesime cerimonie, mandare i figli nella stessa Kwizera - Rwanda pag. 11

12 scuola. Vivere fianco a fianco, affacciati sullo stesso cortile. Com è possibile? Bisognerebbe trovare le parole adatte per dare una spiegazione di quanto accaduto. Per riconoscersi in un principio di verità condiviso. Ma su quali basi? La riapertura del ciclo delle vendette appare inevitabile. Impossibile ricorrere alla giustizia ordinaria anche perché, come spiegherà più tardi lo stesso Kagame, non si sarebbe mai riusciti a processare e incarcerare tutti coloro che avevano commesso un omicidio. Non ci sarebbero stati né i giudici né le prigioni sufficienti. In pratica, non ci sarebbe stato più un Paese da governare. Per questo, appena insediato, il neopresidente punta tutte le sue carte su un vasto progetto di riconciliazione, anche se sono in pochi a dargli credito. Missione impossibile? Il suo Governo decide di fare una distinzione: chi ha organizzato e pianificato il massacro sarà giudicato da tribunali ordinari. Ed è così che decine di dirigenti politici, alti funzionari, leader locali e ministri vengono accusati e arrestati. Per gli altri partecipanti alle violenze, il Governo decide di recuperare dei tribunali che in qualche modo già esistevano. Si chiamano Gacacas e sono composti da leader e capifamiglia locali che tradizionalmente hanno il compito di giudicare su delitti e questioni minori: furti, dissidi familiari. Le sedute avvengono in pubblico. Quando c è un colpevole, questi confessa e il tribunale in genere decide una compensazione. Nelle nuova versione le Gacacas vengono rafforzate nei loro poteri. Hanno la possibilità (a differenza degli analoghi tribunali di riconciliazione sudafricani) di punire e infliggere ammende o lavori sostitutivi. Si mettono così all opera diecimila corti giudicanti che il Paese non si sarebbe mai potuto permettere se avesse dovuto appoggiarsi su funzionari stipendiati e strutture statali. Certo, il risultato non è sempre omogeneo. Impossibile evitare casi di giudici parziali o corrotti. Le vendette filtrano. Non mancano episodi di intimidazione e le uccisioni di testimoni o di membri delle Gacacas. Il sistema delle compensazioni è insoddisfacente: lo sfacelo del Paese ha colpito anche i colpevoli che raramente hanno beni o mezzi per ripagare le vittime. Difficile anche ristabilire i diritti di proprietà. Ulteriori tensioni sorgono quando cominciano a uscire dalle prigioni coloro che sono stati giudicati dai tribunali normali. L impianto generale però tiene: le Gacacas consentono - talora meglio dei tribunali regolari - di stabilire una verità che alcuni potranno non riconoscere ma che può essere generalmente condivisa. Le critiche restano. Le divisioni anche: difficile che hutu e tutsi, che ormai si riconoscono a vista, frequentino gli stessi posti. Tuttavia il risultato è inoppugnabile: il ciclo della vendetta è chiuso. Per tutti, parlare di etnia è tabù. Quando si accenna al tema il ritornello immediato è sempre lo stesso: non c è differenza, io sono rwandese. Imposto forse, ma non è un risultato da poco. Kwizera - Rwanda pag. 12

13 La costruzione dello Stato Probabilmente l intero sistema non avrebbe funzionato se, in parallelo, il Governo non fosse riuscito ad avviare quello che era mancato per troppo tempo: lo sviluppo economico e la costruzione dello Stato. Il rimorso per il mancato intervento delle Nazioni Unite e per il ritardo con cui l America e l Europa si sono accorte che a Kigali stava avvenendo un genocidio, fanno piovere sul Paese una buona dose di aiuti internazionali. Che questa volta però, non vengono sprecati. Il Rwanda ci mette anche del suo e diventa uno dei pochissimi Stati in Africa dove si pagano le tasse. Nel corso degli anni diventa così possibile riempire le scuole, che oggi sono gratuite e obbligatorie per nove anni. Tre quarti della popolazione è ormai protetto da un assicurazione sanitaria per prestazioni elementari. Due terzi ha accesso all acqua. Kagame come Museveni, gestisce il potere in modo autoritario, ma il risultato in Rwanda è molto diverso. Il presidente mantiene un polso ferreo nella lotta alla corruzione. Sa anche che per ottenere risultati credibili in questo campo, occorre pagare i funzionari dello Stato in modo adeguato. In cambio, evita di gonfiarne il numero. Lancia un segnale eloquente eliminando le auto di Stato. Attua un forte decentramento amministrativo articolato su trenta distretti. Il Paese gli crede. E lo rispetta ancora. Riccardo Barlaam e Massimo Di Nola (dal libro Miracolo Africano edizioni Il Sole 24 Ore) (1) Nota del curatore Per completezza va ricordato che è tuttora pendente presso la Giustizia francese un procedimento, instaurato dai parenti dei tre francesi membri dell equipaggio deceduti nell abbattimento dell aereo, in cui il giudice istruttore francese ipotizza che mandanti ed esecutori dell attentato debbano ricercarsi nei vertici del FPR, tanto da aver spiccato, nel novembre 2006, nove mandati d arresto internazionali contro uomini politici e militari molto vicini all attuale presidente rwandese. Tale iniziativa ha portato all immediata rottura delle relazioni diplomatiche tra Francia e Rwanda ristabilitesi solo nel novembre Kwizera - Rwanda pag. 13

14 Nota del curatore Le foto e i testi che compongono questo lavoro tentano di accompagnare il lettore in un ideale viaggio alla scoperta di un piccolo paese africano, il Rwanda, e alla conoscenza dell attività che qui, da un decennio, svolge l Associazione Kwizera Onlus. I testi che concorrono a formare i diversi capitoli non sono che semplici appunti di viaggio che tentano di dare voce alle fotografie, tutte, salvo espressa specificazione, opera dei vari volontari che, negli anni, si sono susseguiti, nelle diverse missioni. All interno dei diversi capitoli fanno la loro comparsa dei box contenenti brevi note a corredo del testo principale. Le note datate sono attinte dal blog Albe rwandesi (http://alberwandesi.blogspot.com), e appunto per questo denominate Post, essendo le rimanenti inedite. Nella sezione Reportage e Dall inviato compaiono contributi personali e di terzi, già comparsi in passato sulla rivista dell Associazione. Tutti i dati riportati a corredo delle informazioni sono stati raccolti, con la necessaria attenzione, presso fonti uffi ciali e, ove possibile, fra loro incrociati; ci scusiamo tuttavia per gli eventuali errori che dovessero emergere. PARTE I - Rwanda appunti di viaggio pag. 14

15 PARTE I Rwanda Appunti di viaggio PARTE I - Rwanda appunti di viaggio pag. 15

16 E diffi cile trovare sulla cartina dell Africa il minuscolo Rwanda, un paese grande quanto il nostro Piemonte con una densità abitativa di 406 abitanti per chilometro quadrato, la più alta dell intero continente africano. Il vicino Congo, grande come l intera Europa occidentale ha solo 29 abitanti per chilometro quadrato. United Nations-Rwanda, Map n.3717, Rev. 10 june 2008 Nome ufficiale: Ordinamento politico: Capitale: Superficie: Popolazione: Densità: Crescita demografica annua: Religione: Republika y u Rwanda Rep. presidenziale Kigali Kmq ab. censimento ab./kmq 2,60% Catt. 56,5%, prot. 37%, musulmana 2% Mortalità infantile: Aspettativa di vita: Ind. sviluppo umano: Moneta: PIL (PPA): Popolazione urbana: Pop. sotto soglia povertà: Economia: 6,55% 58,02 anni 0, / 187 stati Franco ruandese 1 Euro / 800 Frw circa 12,160 miliardi USD 18% 60% Agricoltura, turismo PARTE I - In viaggio verso il Rwanda pag. 16

17 In viaggio verso il Rwanda Se vuoi sapere chi sono, se vuoi che t insegni ciò che so, cessa momentaneamente di essere ciò che tu sei e dimentica ciò che tu sai. Tierno Bokar Si raggiunge il Rwanda, che si trova un centinaio di chilometri sotto l equatore nell emisfero sud, con l aereo. Siamo, infatti, in pieno centro Africa, distanti migliaia di chilometri dall Oceano Atlantico dalla parte del Congo e dall Oceano Indiano dalla parte della Tanzania, senza che dai porti principali della costa vi siano collegamenti ferroviari, almeno fino ad oggi; solo ora si sta, infatti, progettando una linea ferroviaria che da Dar er Salam colleghi il Rwanda e il Burundi. Si va da Roma o Milano con la compagnia aerea etiopica, che impone però lo scalo di Addis Abeba, o più comodamente da Bruxelles con un volo diretto. Le nove ore di volo sono assicurate dalla compagnia belga Brussels Airlines (a un prezzo che varia tra 800 e 1200 euro circa a seconda dei periodi) che ha ereditato la tratta dall ex compagnia di bandiera Sabena, approdata in Rwanda al seguito dell amministrazione coloniale belga. Il Belgio ha infatti amministrato il Rwanda a partire dal 1916, a seguito dell invasione dal Congo, e ufficialmente dal 1924 su mandato della Società delle Nazioni, subentrando alla Germania a cui il Rwanda, unitamente al Tanganika e al Burundi, era stato assegnato al congresso di Berlino del 1884/1885, dove le potenze europee si erano spartita l Africa. L amministrazione belga è cessata nel 1962, data dell indipendenza. I legami tra la vecchia potenza coloniale e la ex colonia permangono tuttora: un intreccio di rapporti economici e culturali è sopravvissuto alla proclamazione dell indipendenza. Bruxelles è oggi sede di una foltissima colonia rwandese e punto di riferimento della nuova borghesia del paese africano. Ultimamente, a conferma dell interesse che il Rwanda sta suscitando a livello internazionale, anche la compagnia olandese KLM ha inaugurato un volo diretto da Amsterdam a Kigali, la capitale rwandese. Si parte, fatte le vaccinazioni richieste a livello internazionale (febbre gialla), con la scorta necessaria di medicinali utili ad affrontare gli imprevisti di un paese equatoriale; nella sostanza, se si osservano le normali cautele che si devono usare in paesi africani nell assumere cibi e soprattutto bibite e acqua, l unico vero rischio è la malaria. Già prima di partire il Rwanda presenta il proprio biglietto da visita di paese sorprendentemente orientato alla modernizzazione, seppur all interno di inevitabili contraddizioni: il visto d ingresso necessario per entrare nel paese vi è recapitato direttamente a casa per , dopo aver compilato un Prima di affrontare questo nostro viaggio alla conoscenza di una realtà diversa e lontana con la giusta prospettiva e senza essere fuorviati dagli occhiali della nostra cultura, giunge quanto mai opportuna questa raccomandazione di un saggio africano, Tierno Bokar, rivolta al viaggiatore che si avvicina all Africa. La nuova bandiera nazionale rwandese adottata nel 2001 Lo stemma della repubblica con il motto Unità, Lavoro, Patriottismo PARTE I - In viaggio verso il Rwanda pag. 17

18 form reperibile sul sito internet del ministero dell immigrazione. Si arriva all aeroporto della capitale Kigali alle 19 (stessa ora della nostra nei periodi di vigenza dell ora legale). Appena sbarcati bisogna adempiere al pagamento della tassa d ingresso, ridotta di recente a 30 dollari rispetto ai precedenti 60 e alla compilazione di un questionario in cui bisogna fornire tutte le informazioni del caso: cosa si viene a fare, dove si alloggia, chi sono i referenti locali. Prima di uscire dalla zona arrivi, ci si imbatte in cartelli che ricordano che in Rwanda non si possono utilizzare le borse di plastica, pena salatissime multe. Superati i controlli doganali, non particolarmente invasivi, ci si affaccia sul salone arrivi dove, se si viaggia in estate, si sarà accolti da un pullulare di cartelli esibiti da delegazioni di istituti, parrocchie, gruppi che attendono l arrivo dei volontari. In effetti, nel periodo feriale la stragrande maggioranza dei viaggiatori è rappresentata da volontari in missione estiva. Lo si capisce dall abbigliamento e dal numero e dalla dimensione delle valigie al seguito: troppe e troppo voluminose per il contenuto di una semplice vacanza. D altra parte in Rwanda ci sono scarse occasioni di turismo, se si esclude il classico tour per visitare i gorilla di montagna dei monti Virunga. Nelle valigie, in aggiunta a quanto di stretta necessità personale, il bravo volontario c inzeppa tutto ciò che può essere utile, una volta giunto a destinazione nelle comunità in cui andrà ad operare: si va dalle attrezzature informatiche al materiale scolastico, da capi di vestiario a qualche medicinale, peraltro non nelle quantità che sarebbe necessaria, stante il divieto introdotto dal governo d importare medicinali se non passando dai canali ufficiali. PARTE I - In viaggio verso il Rwanda Post it In viaggio verso Kigali Il viaggio inizia con il trasferimento da Malpensa a Bruxelles. L aereo è pieno, ben oltre la metà dei passeggeri è rappresentata da africani che fanno ritorno nel paese d origine, sfruttando il periodo feriale italiano. La gran parte ha come destinazione Dakar, la capitale del Senegal. Sono tutti sovraccarichi di bagagli, tanto da sforare i pesi in franchigia con l inevitabile discussione con l addetta al check-in che rivendica il pagamento del peso in esubero. L abbigliamento curato e il contorno di telefonini di ultima generazione e di qualche pacco regalo di prodotti informatici garantiscono sicuramente l ammirazione e la riconoscenza di chi li sta attendendo in patria. Danno tutti la sensazione di nutrire un certo compiacimento, come di chi ce l ha fatta, magari dopo essere arrivato su un barcone. A Bruxelles sul volo per Kigali la musica cambia. Anche questo volo è pieno: c è una buona rappresentanza di volontari e folti gruppi di rwandesi e ugandesi, visto che il volo fa scalo anche a Entebbe-Kampala. I rwandesi sono rappresentati da giovani e intere famiglie, con bambini al seguito, facenti parte della foltissima colonia rwandese di Bruxelles e da rappresentanti della ricca borghesia di Kigali che hanno nella capitale belga il tradizionale punto di riferimento europeo per acquisti, studi e affari. Numerosi sono i giovani in carriera,in giacca e cravatta d ordinanza che non disdegnano di mostrare il loro status, fatto di apparati informatici e stampa e pubblicazioni specialistiche, specchio del particolare attivismo in cui si trova l economia rwandese da qualche anno a questa parte. Agosto 2009 pag. 18

19 Dio passa la giornata altrove, ma alla sera rientra a dormire in Rwanda. Proverbio rwandese Nelle valigie spesso trovano posto anche attrezzi da lavoro che servono per gli interventi sul campo, stante la difficoltà, specie nei villaggi, di disporre del necessario: spesso, infatti, reperire un cacciavite o una pinza diventa un problema. All uscita dell aeroporto t accoglie il Rwanda, piccolo paese grande quanto il nostro Piemonte con i suoi 10,537 milioni di abitanti, con un tasso di crescita del 2,60% annuo e una densità di 400 abitanti per kmq, la più alta dell intero continente africano, causa non secondaria dei problemi del piccolo Rwanda. E buio pesto già da tempo. Siamo all equatore e quindi la giornata è di 12 ore di luce e 12 ore di buio, tutti i giorni dell anno, con il sole che sorge verso le 6/6,30 e tramonta verso le 18,30, con l immediata discesa delle tenebre, pur nell alternarsi delle stagioni. La temperatura è decisamente gradevole; mediamente nel corso dell anno la temperatura si aggira sui 20 gradi, con punte che non oltrepassano i 30 gradi, mentre alla sera e nelle ore notturne, soprattutto nelle zone montagnose, l aria si fa più pungente e, se si fanno due passi dopo cena, ci si deve coprire adeguatamente. Arrivando ad agosto si è nel pieno della stagione secca, a cui fanno da corollario due stagioni delle piogge, da metà settembre a dicembre la piccola stagione delle piogge e da marzo a giugno la grande stagione delle piogge, e una piccola stagione del sole nei mesi di gennaio e febbraio. Un simile clima e la conformazione geografica fanno del Rwanda un paese ad alta vocazione agricola. Alla sera, appena dopo le 18, improvvisa cala la notte, mentre al mattino il sole sorge verso le 6/6,30. Post it Cena al Sole e Luna Per chi arriva a Kigali dall Italia è quasi d obbligo la cena al Sole e Luna, punto d incontro di un po tutti gli europei, e non solo, della capitale rwandese. Il gestore del Sole e Luna è un italiano di Vicenza, Dionigi. Venuto qui negli anni novanta come volontario vi ha messo radici: si è sposato con una giovane rwandese che gli ha dato due bei bambini. Dapprima ha gestito il punto di ristoro di cui la diocesi di Byumba dispone sul lago di Rwesero, in prossimità del piccolo seminario, poi si è trasferito a Kigali. Qui potendo già contare su quei clienti che dalla capitale si spingevano fin sul lago di Rwesero per gustare qualche buon piatto italiano, ha aperto, sulla strada che conduce all aeroporto, appunto il Sole e Luna che gestisce con crescente successo, potendo annoverare una clientela numerosa e qualificata. Vi si mangiano delle ottime tilapie al forno(pesci di lago) e pizze, che nulla hanno da invidiare a quelle italiane. Per la verità, fatte le debite proporzioni, anche il prezzo non si discosta di molto da quelli italiani. Agosto 2009 PARTE I - In viaggio verso il Rwanda pag. 19

20 Nell ultimo tratto di volo, dopo aver sorvolato le immense distese desertiche, ci appare il verde del Rwanda, il paese delle mille colline. Al ritorno lo spettacolo sarà diverso. Partendo alla sera, l Africa vi apparirà totalmente nera, rarissime sono, infatti, le luci delle città. Questa immagine di un continente avvolto nel buio più completo dice più di tanti trattati. L Africa deve ancora decollare. PARTE I - In viaggio verso il Rwanda pag. 20

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

checkin Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo In Antartide con gente viaggi 40 GenteViaggi

checkin Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo In Antartide con gente viaggi 40 GenteViaggi checkin a v v e n t u r a g l i a l p i n i d o p o l a s p e d i z i o n e s u l m o n t e v i n s o n Tre marescialli e un caporale sul tetto del mondo Un impresa unica, fin nei minimi particolari. «Immagini

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Masai Mara. foto di Lucia Congregati. di Simone Meniconi

Masai Mara. foto di Lucia Congregati. di Simone Meniconi 18 foto di Lucia Congregati di Simone Meniconi La National Reserve si trova a circa 250 chilometri da Nairobi in direzione ovest al confine con la Tanzania. Ha una superficie di quasi 1600 chilometri quadrati

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

Per o contro la Cooperazione allo. Autori: Patrick Gilliard & Fondazione Educazione e Sviluppo

Per o contro la Cooperazione allo. Autori: Patrick Gilliard & Fondazione Educazione e Sviluppo Per o contro la Cooperazione allo sviluppo? Autori: Patrick Gilliard & Fondazione Educazione e Sviluppo L aiuto è inefficace e costoso! (per il continente africano) Negli ultimi cinquanta anni i Paesi

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Viaggiare, fotografare, guadagnare

Viaggiare, fotografare, guadagnare Paolo Gallo Viaggiare, fotografare, guadagnare Crea il tuo secondo stipendio con il Microstock Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun

Dettagli

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni.

GLI AUSTRALOPITECHI. Tra gli animali che vedi nelle figure, sai dire quale è una scimmia? Cerchia l animale giusto e collega i nomi ai disegni. GLI AUSTRALOPITECHI Prerequisiti: orientarsi nel tempo fra passato, presente e futuro, usare gli strumenti sussidiari al testo (cartine, immagini, tabelle ) Obiettivi: studio dell evoluzione dell uomo

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE Lucia è una piccola giraffa che viene rapita e portata via dal suo ambiente naturale e dalla sua famiglia. Nel periodo di convivenza forzata con la famiglia

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTI PER LE PRIMARIE

PRESENTAZIONE PROGETTI PER LE PRIMARIE PRESENTAZIONE PROGETTI PER LE PRIMARIE PROPOSTE PER LE CLASSI PRIME E SECONDE LA CONQUISTA DEL FUOCO CLASSE: prima DESCRIZIONE: un antico racconto africano per comprendere che siamo tutti diversi e che

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività

CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività Alla fine delle attività si è pensato di far produrre un questionario agli utenti che avevano partecipato al programma, per due motivi: 1. Ricavare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori La Scuola Primaria PAOLO NEGLIA di Vanzago, nell ambito delle manifestazioni organizzate per la Festa di fine anno scolastico, ha promosso la seguente iniziativa frutto della collaborazione fra Volontari

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E Cosa è la resistenza? La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, anche detta "Resistenza partigiana" o "Secondo Risorgimento", fu l'insieme

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Reportage. Le Cinque. Terre. di Roberta Furlan. Foto di Maurizio Severin. Il borgo di Vernazza

Reportage. Le Cinque. Terre. di Roberta Furlan. Foto di Maurizio Severin. Il borgo di Vernazza Le Cinque Terre di Roberta Furlan Foto di Maurizio Severin 14 Il borgo di Vernazza La tentazione di ignorare la sveglia che suona alle quattro del mattino, per ricordarci l appuntamento alle Cinque Terre,

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Unità di Protezione Civile

Unità di Protezione Civile CAMELOT PIEMONTE?! E una Unità di Protezione Civile -iscritta nel registro delle Onlus di P.C. della Regione Piemonte -Si occupa di messa in sicurezza di animali da reddito e compagnia e di aiuto ai loro

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale all improvviso nella vita la dialisi peritoneale Ivo SaglIettI Un ringraziamento ai medici e infermieri del gruppo della dialisi peritoneale e a tutti i pazienti che con fiducia mi hanno aperto la loro

Dettagli

Giornalisti uccisi in guerra - Il prezzo per la verità di Rosa Schiano

Giornalisti uccisi in guerra - Il prezzo per la verità di Rosa Schiano Tra le vittime della recente guerra israeliana contro Gaza, denominata "Pillar of cloud" (14 novembre 2012-21 novembre 2012), vi sono anche tre giornalisti uccisi intenzionalmente e brutalmente in due

Dettagli

Un altro anno di crescita per Media Vending

Un altro anno di crescita per Media Vending edia Vending Un altro anno di crescita per edia Vending e i t e n d i v R l I e r c a t o d d e l V e n d i n g edia Vending è una dinamica rivendita che da alcuni anni opera con successo nella Provincia

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli