Solvency II The implementation phase:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Solvency II The implementation phase:"

Transcript

1 Analisi L informativa dei risultati verso della l esterno survey

2 Rapporto di Ricerca Solvency II The implementation phase: Analisi dei risultati della survey

3

4 AUTORI: Chiara Frigerio Federico Rajola Francesca Taormina Pubblicato nel mese di marzo 2013, Copyright CeTIF. Tutti i diritti riservati. Ogni utilizzo o riproduzione anche parziale del presente documento non è consentita senza previa autorizzazione di CeTIF. Si ringrazia Scs Consulting per la collaborazione nella conduzione dell iniziativa di ricerca. DISCLAIMER: CeTIF assicura che il presente documento è stato realizzato con la massima cura e con tutta la professionalità acquisita nel corso della sua lunga attività. Tuttavia, stante la pluralità delle fonti d informazione e nonostante il meticoloso impegno da parte di CeTIF affinché le informazioni contenute siano esatte al momento della pubblicazione, né CeTIF né i suoi collaboratori possono promettere o garantire (anche nei confronti di terzi) esplicitamente o implicitamente l'esattezza, l'affidabilità o la completezza di tali informazioni. CeTIF, pertanto, declina qualsiasi responsabilità per eventuali danni, di qualsiasi tipo, che possano derivare dall'uso delle informazioni contenute nel presente rapporto. Si evidenzia, inoltre, che il presente rapporto potrebbe contenere proiezioni future o altre dichiarazioni in chiave prospettica, circostanza che comporta rischi e incertezze. Si avvisano pertanto i lettori che tali affermazioni sono solamente previsioni e potrebbero quindi discostarsi in modo considerevole dagli effettivi riscontri ed eventi futuri. CeTIF declina fin d ora qualsiasi responsabilità e garanzia in relazione a tali proiezioni.

5

6 INDICE Premessa Il contesto della ricerca Le motivazioni della ricerca Gli obiettivi del progetto di ricerca Il campione analizzato Sezione 1: qualità dei dati e architetture Solvency II Sezione 2: SCR ed effetti sul business Sezione 3: Rischio Operativo e altre fattispecie di rischio Sezione 4: Il sistema dei controlli interni Sezione 5: L informativa verso l esterno... 32

7

8 Premessa Il presente documento è una raccolta delle principali evidenze emerse dall analisi di un questionario Solvency II The implementation phase erogato alle principali compagnie assicurative italiane ed internazionali, con sede operativa in Italia. CeTIF nel suo ruolo accademico-istituzionale, in collaborazione con Scs Consulting, ha riportato prevalentemente i contributi derivanti da fonti istituzionali (principali Autorità nazionali e internazionali) e dalle valutazioni emerse a seguito delle indagini effettuate mediante il presente questionario. Le principali fonti utilizzate, di natura esclusivamente accademica e istituzionale, sono citate in bibliografia. Solvency 2012: The implementation phase 7

9 1. Il contesto della ricerca 1.1 Le motivazioni della ricerca L adozione della direttiva di Solvency II sta richiedendo alle compagnie di assicurazione di introdurre modalità gestionali e strategie operative diverse dalle attuali, implicando profondi cambiamenti all interno di tutte le strutture organizzative. Tali mutamenti sono critici per le compagnie e per l industria assicurativa nel suo complesso. La criticità è dovuta sia alla portata del cambiamento, che per molti aspetti ha dei riflessi strategici diretti, sia alla complessità del cambiamento, causata dalla molteplicità degli ambiti di impatto della direttiva. È necessario che ogni compagnia abbracci il tema della normativa nel suo complesso, effettuando opportuni adeguamenti nelle strutture organizzative e di governance sia con riferimento ai principi contabili, sia ai modelli di valutazione tecnico-assicurativi. Sono queste le principali ragioni che conducono CeTIF e Scs Consulting ad analizzare il mercato assicurativo italiano in riferimento al livello di adeguamento della fase di implementazione delle compagnie rispetto ai requirement normativi di Solvency II. 1.2 Gli obiettivi del progetto di ricerca Principale obiettivo del presente questionario risulta quello di valutare la situazione attuale e prospettica delle compagnie assicurative in merito all implementation phase di Solvency II. La survey si compone di cinque sezioni che rappresentano le aree tematiche fondamentali della normativa, in particolare si analizzano requirement sia appartenenti ai tre Pillar sia trasversali agli stessi. Di seguito, nella figura n. 1, si rappresenta uno schema che riassume gli argomenti trattati nella survey. Figura n.1: Le sezioni della survey Qualità dei dati e architetture Solvency II Pillar I Pillar II Pillar III Rischio Il sistema operativo dei SCR ed effetti e altre L informativa controlli sul business verso l esterno tipologie interni di rischio Fonte: CeTIF Solvency 2012: The implementation phase 8

10 Per ogni sezione si è proceduto con l analisi degli ambiti organizzativi, di processo e tecnologici, come di seguito riportato: 1. Qualità dei dati e architetture Solvency II ha come principale scopo quello di analizzare come le compagnie si stanno organizzando per rispondere ai requisiti normativi di data quality e come questi ultimi influenzano le scelte di business delle compagnie; 2. Solvency Capital Requirement ed effetti sul business si pone l obiettivo di analizzare come le compagnie si stanno organizzando per garantire l integrazione del requisito patrimoniale di solvibilità nei processi decisionali e gli impatti sui modelli di gestione dell impresa sia a livello organizzativo, sia a livello di business; 3. Rischio operativo e altre fattispecie di rischio ha come obiettivo quello di analizzare le modalità e le metodologie con cui le compagnie assicurative stanno valutando il rischio operativo e la presenza di presidi organizzativi per la gestione dei rischi di Pillar II; 4. Il sistema dei controlli interni ha come primario scopo quello di comprendere come le compagnie di assicurazione si stanno organizzando per garantire una sana e prudente gestione dell attività mediante l operato delle funzioni di Risk Management, Compliance, Internal Audit e Atturiale; 5. L informativa verso l esterno esamina le principali implicazioni che il Pillar III impone alle compagnie assicurative, analizzando il livello di avanzamento delle imprese rispetto ai requisiti normativi di reporting. Solvency 2012: The implementation phase 9

11 2. Il campione analizzato Prima di analizzare nello specifico ogni sezione, elemento fondamentale risulta l analisi del campione di compagnie assicurative che ha risposto al questionario in oggetto, in modo da comprenderne la significatività e la valenza in termini di risultati. Alla survey hanno risposto 15 imprese assicurative sia italiane sia internazionali, che rappresentano il 58% della raccolta premi italiana. In particolare, come è possibile osservare dal grafico n. 1, le compagnie rispondenti coprono il 67% della raccolta danni nel mercato italiano, mentre il settore vita è coperto per il 53% della raccolta premi. Grafico n.1: La copertura in termini di raccolta premi 2011 Elemento basilare per comprendere l orientamento progettuale delle compagnie assicurative in merito allo stato di implementazione di Solvency II, risulta il modo con cui hanno scelto di calcolare il requisito patrimoniale di solvibilità, cioè tramite o formula standard o modello interno. Dall analisi del campione emerge che la maggioranza del panel ha optato per l adozione della formula standard per il calcolo dell SCR. Nel dettaglio, come si osserva dal grafico n. 2 sottostante, solo il 47% dei rispondenti ha deciso di implementare un modello interno completo o parziale. Risulta molto interessante analizzare in ottica prospettica (2014) l orientamento progettuale che intendono adottare; in questo contesto si evidenzia una situazione del tutto opposta a quella precedente, in cui oltre il 60% del panel è intenzionato a costruire un modello interno (completo o parziale). Questo dato porta a sottolineare che le compagnie assicurative sono consapevoli dell efficacia dell adozione di un modello interno rispetto alla formula standard, dato che il primo è in grado di riflettere maggiormente l esposizione e il profilo di rischio dell impresa. Solvency 2012: The implementation phase 10

12 Grafico n.2: Orientamento progettuale per il calcolo dell SCR Da ultimo, elemento basilare è rappresentato dal budget che le compagnie assicurative rispondenti hanno deciso di destinare al progetto Solvency II. In questo ambito è emerso che la maggioranza delle imprese ha assegnato come budget per l implementazione e l adeguamento ai nuovi requirement una cifra compresa tra 1 e 2 milioni di euro (vedi grafico n. 3). Grafico n.3: Budget totale destinato al progetto Solvency II Solvency 2012: The implementation phase 11

13 3. Sezione 1: qualità dei dati e architetture Solvency II La presente sezione prende in considerazione una tematica che risulta chiave all interno del progetto di Solvency II in quanto rappresenta uno dei requisiti della normativa trasversale a tutti e tre i pilastri. In questo senso è molto complesso per le compagnie essere compliant e dimostrare di aver rispettato tutti i requirement in termini di qualità del dato. I processi di data quality sono particolarmente critici, poiché implicano rilevanti impatti sia a livello organizzativo sia a livello tecnologico. Date queste premesse risulta immediato comprendere lo scopo principale della sezione in oggetto, che risulta quello di analizzare il livello di adeguamento delle imprese rispetto al tema della qualità dei dati e le maggiori criticità che le compagnie stanno affrontando, sia in ottica attuale sia in ottica prospettica (2014). In particolare, si sottolineano i seguenti obiettivi: valutare il grado di coinvolgimento delle funzioni aziendali delle compagnie nel processo di Data Quality e individuare la funzione a cui si ritiene più opportuno affidare il ruolo di Data Quality Manager; rilevare la situazione attuale e prospettica delle compagnie in merito alla dotazione di un Data WareHouse, evidenziando il grado di rilevanza delle funzioni per le quali ne è prevista la presenza (es. centralizzazione base dati, tracciatura elaborazioni ); rilevare il parere delle compagnie in merito al posizionamento dei controlli di Data Quality ai diversi livelli dell Architettura Informatica e il grado di efficacia dei controlli attualmente implementati; individuare i principali KPI di sintesi implementati dalle compagnie per misurare il risultato complessivo del sistema di Data Quality. Come anticipato nella premessa, il data quality rappresenta un processo che implica notevoli impatti sulla struttura organizzativa mediante la definizione di nuovi ruoli e responsabilità. In particolare i rispondenti hanno evidenziato che le principali funzioni organizzative coinvolte, sia in ottica attuale sia in ottica prospettica, nel processo di data quality sono (vedi grafico n. 4): Risk Management; Information Technology; Funzione Attuariale. Solvency 2012: The implementation phase 12

14 Di immediata comprensione risultano le motivazioni sottostanti a queste scelte. Osservando nel dettaglio, il Risk Management rappresenta la funzione responsabile del calcolo dei requisiti patrimoniali e di conseguenza ha l obbligo di garantire un livello di qualità dei dati tale da soddisfare i requisiti normativi. La suddetta funzione risulta tipicamente la responsabile del Data Quality business, che è volto a garantire che i dati considerati ed ottenuti siano effettivamente aderenti al fabbisogno informativo espresso da Solvency II. L Information Technology rappresenta, invece, la funzione che si occupa di assicurare il cosiddetto Data Quality tecnico, cioè di garantire che, nei passaggi tra sistemi e nelle elaborazioni all interno dello stesso sistema, la qualità iniziale del dato rimanga inalterata. La funzione Attuariale risulta essere coinvolta nel processo di Data Quality con riferimento al calcolo delle riserve tecniche; infatti, come indicato dal testo della direttiva, è compito della suddetta funzione valutare la sufficienza e la qualità dei dati utilizzati nel calcolo delle riserve tecniche. In questo senso l Eiopa sottolinea il ruolo che tale funzione detiene nell assicurare un adeguato livello di qualità dei dati e di conseguenza anche di valutare il corretto funzionamento dei sistemi IT, in modo da capire se questi risultano adeguati per supportare le procedure. Le funzioni di Risk Management e IT risultano inoltre le funzioni alle quali la maggioranza delle compagnie assicurative affida il ruolo di Data Quality Manager (sia singolarmente, sia mediante team specifici che coinvolgono entrambe le funzioni). Grafico n.4: Le principali funzioni coinvolte nel processo di Data Quality Relativamente agli elementi riguardanti il processo di Data Quality, la survey ha indagato se le compagnie hanno realizzato o hanno intenzione di realizzare degli strumenti utili ai fini della misurazione della performance del dato. In particolare emerge che ad oggi, solo il 53% delle compagnie Solvency 2012: The implementation phase 13

15 rispondenti ha definito Key Performance Indicator di sintesi di qualità; nello specifico i principali implementati sono: percentuale dei campi con valori completi; percentuale dei campi con valori accurati. Solo il 13% del panel ha già definito KPI che prendono in considerazione sia il requisito di completezza sia quello di accuratezza pesando i campi per l incidenza di ciascun attributo nel calcolo per il quale viene utilizzato (vedi grafico n. 5 sottostante), anche se, in ottica prospettica, la rilevanza di tali KPI è destinata ad aumentare. Grafico n.5: I KPI di sintesi di qualità implementati Relativamente al livello di granularità dei KPI, questi vengono definiti attualmente dal 33% del campione per singolo flusso informativo, dal 20% per singolo fattore di rischio, mentre il 33% del panel intende definire indicatori globali/sintetici solo nel 2014, data la maggiore complessità nella definizione degli stessi (vedi grafico n. 6). Solvency 2012: The implementation phase 14

16 Grafico n.6: Livello di granularità dei KPI di sintesi di qualità implementati Ulteriore elemento fondamentale è rappresentato dal posizionamento dei controlli del Data Quality. In particolare le compagnie rispondenti evidenziano che i controlli risultano maggiormente pertinenti ed efficaci se posizionati nel livello intermedio (Data Warehouse) o direttamente nei motori di calcolo. Grafico n.7: Preferenze delle compagnie in termini di posizionamento dei controlli Solvency 2012: The implementation phase 15

17 Infine in riferimento all ambito dei sistemi informativi, si sottolinea che circa l 80% del panel ha già implementato un sistema di Data Warehouse; inoltre si prevede un incremento di tale percentuale al 100% in ottica prospettica (2014). La presenza di un livello intermedio viene identificato dalle compagnie come un fattore critico di successo per rispettare i requisiti di qualità del dato di Solvency II. Aver implementato un Data Warehouse infatti risulta cruciale per vari scopi, nello specifico quelli considerati più importanti dalle compagnie del panel risultano essere la centralizzazione e la storicizzazione delle basi dati, come evidenziato in figura n. 8. Grafico n.8: Grado di rilevanza funzionalità per la presenza del DWH Solvency 2012: The implementation phase 16

18 4. Sezione 2: SCR ed effetti sul business La presente sezione tratta le tematiche del primo Pillar e, nello specifico, la valutazione da parte delle compagnie del requisito patrimoniale di solvibilità (SCR) che indica il livello di rischio a cui la compagnia è esposta. I requisiti patrimoniali di solvibilità implicano molteplici impatti sui modelli di gestione dell impresa sia a livello organizzativo sia a livello di business. Date queste premesse, si identificano come principali obiettivi della sezione in oggetto: rilevare quanto le valutazioni di rischio risultano integrate nel processo decisionale interno alle compagnie ed evidenziare possibili modalità attraverso le quali migliorarne la comprensione da parte del Senior Management e dei membri del Consiglio di Amministrazione; verificare il grado di formalizzazione delle policy aziendali e dei limiti operativi; analizzare il rapporto tra Risk Management e funzioni di business nell ambito del processo di pricing; evidenziare i principali impatti del nuovo regime regolamentare sul modello di business delle compagnie. Il nuovo regime regolamentare impone che le decisioni strategiche e di business si basino su valutazioni di rischio e di assorbimento di capitale. Di conseguenza, è fondamentale garantire la comprensione e la consapevolezza del Senior Management e dei membri del Consiglio di Amministrazione con riferimento al calcolo del SCR. In questo contesto, perciò, un elemento fondamentale è rappresentato dal processo di reporting interno. La survey evidenzia due tipologie di processi di reportistica che vengono utilizzati dalle compagnie di assicurazione: Il reporting Direzionale, che fornisce una visione olistica del rischio e supporta l Amministratore Delegato, il Consiglio di Amministrazione e il Senior Management a gestire il rischio e a valutare l adeguatezza patrimoniale dell impresa; Il reporting Gestionale, che fornisce informazioni dettagliate per linee di business/prodotto, con un grado crescente di granularità. La maggioranza del panel afferma che il processo decisionale interno all impresa viene principalmente supportato dal reporting Direzionale con un livello di intensità medio circa pari a 4 rispetto ad un livello medio di 2,6 Solvency 2012: The implementation phase 17

19 del reporting Gestionale su una scala da 1 a 5. Anche la frequenza di produzione del reporting Direzionale risulta maggiormente elevata rispetto a quello Gestionale; infatti come si osserva dal grafico n. 9, il 60% del panel produce la reportistica Direzionale trimestralmente e il 20% addirittura con una periodicità maggiore. Al contrario il reporting Gestionale viene realizzato con minore frequenza; nello specifico si evidenzia che il 13% delle imprese non lo produce e che il 27% lo produce annualmente. Grafico n. 9: Periodicità del reporting interno La normativa Solvency II richiede alle compagnie di definire policy aziendali contenenti le linee guida per l indirizzo dell attività di assunzione e monitoraggio dei rischi, in modo da assicurare un esposizione globale della compagnia in linea con il risk appetite fissato dal Consiglio di Amministrazione. In quest ambito, si osserva dall analisi della survey che buona parte delle policy è stata ad oggi già formalizzata da tutte le compagnie del panel (come si vede dal grafico n. 10). I limiti operativi contenuti nelle policy sono espressi principalmente in termini di esposizione al rischio per singolo contratto (es. massima somma assicurabile per il business danni); anche se nel 2014 le compagnie prevedono di orientarsi verso una definizione di tali limiti anche basata sul livello di SCR associato all esposizione al rischio. Solvency 2012: The implementation phase 18

20 Grafico n. 10: Il livello di formalizzazione delle policy di business Nel modello di riferimento a tendere, le compagnie, indipendentemente dall adozione di un modello interno o della formula standard, dovrebbero definire il pricing dei prodotti in funzione dell assorbimento di capitale e della relativa redditività attesa. Oltre alla copertura dei costi attesi (pricing tecnico), i modelli di tariffazione dovrebbero garantire un adeguata remunerazione del capitale assorbito dalle garanzie prestate (pricing riskadjusted). In questo contesto è risultato che le compagnie del panel ritengono molto rilevante lo sviluppo di modelli di pricing tecnico riskadjusted (livello medio di importanza pari a 4, in una scala da 1 a 5); nello specifico sono le imprese di grandi dimensioni che rappresentano il 50% della raccolta premi del panel che hanno già adottato queste tipologie di modelli. Come si evince dal grafico n. 11, il 95 % del campione in termini di raccolta premi intende sviluppare questi modelli entro il 2014, fino ad arrivare ad una totalità del campione che li adotterà oltre il Relativamente al livello di coinvolgimento delle funzioni in questo processo, si evidenzia che la funzione Attuariale risulta già fortemente coinvolta nella definizione di tali modelli, mentre il Risk Management ha un relativo grado di coinvolgimento nel processo di lancio di un nuovo prodotto o di revisione di una tariffa (livello di coinvolgimento medio circa pari a 2, in una scala da 1 a 5), ma con una tendenza all aumento in ottica prospettica (livello di coinvolgimento medio pari a 3). Solvency 2012: The implementation phase 19

21 Grafico n. 11: L adozione di modelli di pricing tecnico risk-adjusted Da ultimo, la survey ha evidenziato le principali attese delle compagnie del panel riguardo agli impatti di Solvency II sul modello di business delle imprese; infatti al fine di massimizzare la redditività risk-adjusted nell ambito del nuovo regime regolamentare, le compagnie saranno incentivate a rivedere le politiche di sviluppo dei prodotti, concentrandosi su quelli caratterizzati dal miglior rapporto rendimento-rischio. In particolare, con riferimento al business danni, le attese principali identificate dai partecipanti risultano essere la diversificazione del portafoglio in sede di definizione dei volumi di budget e il potenziamento delle strategie riassicurative per conseguire benefici in termini di assorbimento di capitale (grado di rilevanza pari a 4 su una scala da 1 a 5, come si evince dal grafico n. 12). Grafico n. 12: Le attese sul business danni Relativamente al business vita le principali attese di impatto di Solvency II risultano essere la riduzione del mismatch tra cash flow attivi e passivi, ad esempio evitando prodotti con cash flow difficilmente prevedibili (grado di rilevanza pari a 4 su una scala da 1 a 5) e la diminuzione dell offerta di Solvency 2012: The implementation phase 20

22 prodotti con garanzie di lungo periodo (grado di rilevanza pari a 3,3), come si nota dal grafico n. 13. Grafico n. 13: Le attese sul business vita Solvency 2012: The implementation phase 21

23 5. Sezione 3: Rischio Operativo e altre fattispecie di rischio La presente sezione prende in considerazione la tematica del rischio operativo, che è considerato uno dei rischi del sistema Solvency II più complessi da valutare, ma anche uno dei maggiormente rilevanti, in quanto causa di notevoli perdite. Infatti, se tale rischio non venisse accuratamente gestito e monitorato dalle compagnie di assicurazione, potrebbe condurre a gravi conseguenze sia a livello finanziario, sia a livello reputazionale. La maggiore criticità nella valutazione del rischio operativo può essere associata alla necessità di interazione tra le varie aree aziendali. Date queste premesse, si identificano come principali obiettivi della sezione in oggetto: rilevare la situazione attuale e prospettica delle compagnie in merito alla dotazione di strumenti di governance finalizzati alla gestione dei Rischi Operativi; rilevare le metodologie e i modelli che le compagnie hanno adottato o intendono adottare sia per il calcolo del Solvency Capital Requirement dei Rischi Operativi, sia la misurazione dei Rischi Operativi (es Risk Self Assessment, Loss Data Collection); evidenziare le tipologie di evento di perdita operativa sulle quali le compagnie si sono focalizzate, sia in termini di raccolta dati che di istituzione di presidi organizzativi, per permettere al Top Management di prendere decisioni adeguate per la mitigazione dei Rischi di Pillar II. In riferimento al primo punto, si evidenzia che tutte le compagnie del panel hanno istituito degli strumenti di governance per la gestione dei rischi operativi. In particolare, la quasi totalità del campione (97% in termini di raccolta premi) ha istituito una struttura di Risk Management per la gestione dei rischi operativi. Si evidenzia che il 92% delle imprese, in termini di raccolta premi, ha inoltre formalizzato una policy contenente le linee guida per la gestione dei rischi operativi. La formalizzazione dei processi per la gestione dei rischi in oggetto rappresenta un punto di miglioramento per le compagnie di assicurazione, probabilmente a causa della difficoltà di identificare e quindi formalizzare tutti gli eventi che possono risultare fonte di rischio operativo. In questo Solvency 2012: The implementation phase 22

24 contesto, infatti il 22% del panel, in termini di raccolta premi, ha compreso la rilevanza di istituire processi formalizzati ma intende implementarli in un ottica prospettica (2014), come è possibile osservare dal grafico n. 14 sottostante. Grafico n. 14: Gli strumenti di Governance per la gestione dei Rischi Operativi Fondamentali per la gestione del rischio operativo risultano le metodologie e i modelli che le compagnie hanno adottato per identificare, misurare e monitorare tale rischio e i possibili eventi di perdita riscontrati. Processi chiave per questi scopi risultano essere la Loss Data Collection e il Risk Self Assessment. La Loss Data Collection è un processo di analisi quantitativa, che mira a raccogliere gli eventi storici di rischio operativo con le relative perdite sostenute e tutte le altre informazioni utili ai fini della loro misurazione e gestione. In questo ambito si evidenzia che il 73% delle compagnie del panel ha adottato un processo di Loss Data Collection per le seguenti finalità (vedi grafico n. 15): 45% per finalità gestionali interni; 36% per finalità di backtesting rispetto ai risultati di SCR; 11% utilizza i dati come input per il calcolo dell SCR. Solvency 2012: The implementation phase 23

25 Grafico n.15: Gli strumenti di Governance per la gestione dei Rischi Operativi Osservando nel dettaglio la struttura di Loss Data Collection implementata si evidenziano tre tipologie di processi per la raccolta delle perdite (vedi grafico n. 16): mediante risk collector identificabili nei referenti delle diverse tipologie di perdite operative; tali figure detengono tipicamente la maggiore visibilità sugli eventi di rischio operativo di competenza; mediante i dati contabili registrati su voci di conto economico in cui possono essere contabilizzate perdite operative identificate attraverso un analisi del piano dei conti; mediante la riconciliazione periodica delle informazioni sulle perdite operative raccolte dai Risk Collector con i dati registrati in contabilità. Grafico n. 16: Le modalità di rilevazione dei dati di Loss Data Collection Solvency 2012: The implementation phase 24

26 Gli eventi di perdita di maggiore impatto identificati dalle compagnie del panel sono: le sanzioni IVASS; le sanzioni societarie; le frodi esterne. Tali tipologie di perdite vengono considerate le più critiche dalle imprese di assicurazione in considerazione dell elevato ammontare in termini economici della perdita potenziale e anche del conseguente possibile impatto reputazionale. Grafico n. 17: Impatto degli eventi di perdita operativa Ulteriore metodologia considerata essenziale per la valutazione del rischio operativo è il Risk Self Assessment, processo di analisi qualitativa di tipo forward-looking che, attraverso indicazioni soggettive raccolte mediante intervista ai referenti delle direzioni aziendali coinvolte, mira ad individuare e valutare i potenziali rischi legati all operatività e i relativi controlli associati. Tale processo viene normalmente preceduto da una fase di analisi volta all identificazione dei possibili ambiti di criticità per ogni direzione, tramite il supporto delle funzioni di control governance della compagnia. Si osservano tre tipologie di Risk Self Assessment: qualitativo, che valuta la frequenza e l impatto di un rischio sulla base di categorie predefinite (es. critico, grave, significativo, insignificante); semi-quantitativo, che valuta la frequenza e l impatto di un rischio sulla base di un range di valori quantificati (es. tra e euro); Solvency 2012: The implementation phase 25

27 quantitativo, che valuta la frequenza e l impatto di un rischio sulla base di quantificazioni puntuali, tenendo in considerazione anche l efficacia dei controlli. Risulta di semplice intuizione, che il modello di RSA di tipo quantitativo implica diverse criticità di implementazione, prima fra tutte la necessità di guidare l intervistato nella definizione di valori puntuali di frequenza e impatto che si riferiscano a tutti i potenziali effetti degli eventi di rischio mappati, tenendo conto dei controlli che si prevede saranno in essere nel periodo oggetto di valutazione. È per questo motivo che, osservando il panel, il modello maggiormente adottato dalle compagnie intervistate è quello qualitativo (40% del campione). Al contempo, il modello quantitativo è quello che consente una raccolta di dati prospettici il più completa e affidabile; infatti oltre il 50% del panel dichiara di essere interessato ad implementare tale metodologia entro il Il 33% del panel, invece, intende orientarsi verso un modello semi-quantitativo e solo il 13% manterrà un modello qualitativo (vedi fig. n. 18). Grafico n. 18: Le tipologie di Risk Self Assessment attuali e prospettiche In riferimento alle metodologie di rilevazione dei dati, al fine di misurare l esposizione al rischio operativo si evidenziano i seguenti approcci: top down, che fornisce una visione generale e di alto livello della rischiosità dell azienda, mediante un analisi che viene svolta per ogni funzione apicale; bottom-up, che analizza la rischiosità dell azienda prendendo a riferimento i processi aziendali, partendo dall esame degli interventi annuali della funzione di Internal Audit e viene elaborata in base alla criticità del processo. Osservando la survey si evidenzia un cambio completo di visione in ottica prospettica, infatti nella situazione attuale, la maggioranza delle compagnie ha deciso di implementare un RSA di tipo Top down, mentre nel 2014 si prevede che l orientamento prevalente sia Bottom up. Solvency 2012: The implementation phase 26

28 Da ultimo, oltre all operational risk, vale la pena soffermarsi anche sugli altri rischi trattati nel Pillar II. In particolare come si evince dal grafico n. 19, la quasi totalità delle compagnie (93%) ha istituito dei presidi organizzativi per il rischio di non conformità, il 67% per il rischio reputazionale, mentre solo una compagnia partecipante all indagine ha implementato presidi organizzativi per il rischio di liquidità. Grafico n. 19: Il livello di presidio dei rischi di Pillar II Solvency 2012: The implementation phase 27

29 6. Sezione 4: Il sistema dei controlli interni La presente sezione prende in considerazione la tematica del Pillar II e più precisamente quella del sistema dei controlli interni che rappresenta un elemento fondamentale nel sistema di governo delle compagnie di assicurazione. Nel nostro paese le direttive di Ivass, in particolare il Regolamento n. 20 del 2008, hanno rappresentato un ottima base di partenza per le imprese, fornendo in maniera anticipata alcuni contenuti relativi al sistema di controllo interno rispetto a Solvency II. La Direttiva definisce il sistema di governance all articolo 41, evidenziando che: Gli stati membri richiedono a tutte le imprese di assicurazione e di riassicurazione di dotarsi di un sistema efficace di governance, che consenta una gestione sana e prudente dell attività. Tale sistema comprende quanto meno una struttura organizzativa trasparente adeguata, con una chiara ripartizione e un appropriata separazione delle responsabilità ed un sistema efficace per garantire la trasmissione delle informazioni. Il sistema di governance è soggetto ad un riesame interno periodico. L Eiopa mediante il DOC 29 System of Governance sottolinea l importanza di istituire un appropriata cultura organizzativa in grado di supportare il sistema di governo, che potrà avvenire mediante un adeguata sponsorship da parte dell Alta Direzione. Date queste premesse, si identificano come principali obiettivi della sezione in oggetto: valutare il grado di formalizzazione, in ottica Solvency II, di ruoli e responsabilità delle principali funzioni di controllo delle compagnie e valutarne il grado di coinvolgimento nelle attività progettuali Solvency II; rilevare la situazione attuale e prospettica delle compagnie in merito alla dotazione di strumenti di governance finalizzati a garantire il coordinamento tra le diverse funzioni di controllo; rilevare la situazione attuale e prospettica delle compagnie con riferimento al livello di intensità con il quale la funzione di Audit effettua verifiche sul processo di gestione dei rischi; Solvency 2012: The implementation phase 28

30 capire a quale struttura aziendale è stata attribuita la responsabilità della validazione del Modello Interno per la misurazione dei rischi; rilevare il livello di avanzamento delle compagnie con riferimento all ORSA. Innanzitutto risulta fondamentale analizzare il grado di coinvolgimento delle funzioni di controllo nelle attività progettuali Solvency II; si evidenzia che la principale funzione coinvolta nel processo risulta il Risk Management (grado di coinvolgimento pari a 4,7 in una scala da 1 a 5), che rappresenta anche l owner del progetto di Solvency II. Le principali responsabilità attribuite a questa funzione risultano essere la validazione del modello interno e la predisposizione del report ORSA. Osservando la funzione di Compliance e di Internal Audit si evidenzia un grado di coinvolgimento di queste nel processo non particolarmente elevato pari circa a 2, su una scala da 1 a 5, in aumento a circa 3,4 in ottica prospettica, come si osserva nel grafico n. 20. Grafico n. 20: Il grado di coinvolgimento in Solvency II delle funzioni di controllo Il sistema dei controlli interni è costituito da una molteplicità di funzioni che interagiscono tra loro e con gli organi di governo societario. Quindi risulta chiave affrontare la questione della loro interazione/coordinamento in ambito Solvency II. In particolare, per rispondere efficacemente ai requisiti del Pillar II della direttiva Solvency II è ritenuta strategica l istituzione di un approccio integrato tra le funzioni di controllo. Osservando i risultati della survey, si evince che la maggioranza delle compagnie rispondenti (86%) ha istituito un comitato specifico per la Solvency 2012: The implementation phase 29

31 gestione del sistema dei controlli interni, mentre il 67% contemporaneamente ha proceduto con la formalizzazione dei processi al fine di garantire il coordinamento tra le diverse funzioni di controllo. Ad oggi, solo tre compagnie utilizzano una piattaforma per la gestione integrata dei rischi e controlli per ottenere una visione trasversale sulle aree oggetto di analisi. Le compagnie dimostrano di aver compreso l importanza di implementare una piattaforma di questo tipo, infatti si rileva un notevole aumento nel numero di compagnie che intende dotarsene nel 2014 (vedi grafico n. 21) Grafico n. 21: Gli strumenti di governance per la gestione del coordinamento Infine sempre nell ambito del Pillar II, la direttiva impone alle compagnie di procedere con la valutazione interna del rischio e della solvibilità (Own Risk Solvency Assessment ORSA), informando l Autorità di Vigilanza in merito ai risultati di tale valutazione. Relativamente a questo tema si nota nella survey che la maggioranza del panel ha un livello di avanzamento non elevato; infatti ad oggi sono solo sette le imprese che hanno pianificato o avviato le prime attività del processo ORSA, come si evince dal grafico n. 22. In particolare le compagnie che hanno un livello di avanzamento maggiore sono quelle che rappresentano la maggioranza della raccolta premi del panel (compagnie di medio-grandi dimensioni). Solvency 2012: The implementation phase 30

32 Grafico n. 22: Gli strumenti di governance per la gestione del coordinamento Solvency 2012: The implementation phase 31

33 7. Sezione 5: L informativa verso l esterno La presente sezione tratta le tematiche del Pillar III, infatti la Direttiva Solvency II assegna un ruolo chiave all informativa che le compagnie di assicurazione devono fornire verso l esterno. In questo contesto la Direttiva impone impegnativi requisiti relativamente ai report che le imprese di assicurazione devono elaborare sia nei confronti del mercato che dell Autorità. L obiettivo principale del regolatore è quello di garantire una maggiore trasparenza nei confronti degli stakeholders e più in generale del mercato. Date queste premesse, si identificano come principali obiettivi della sezione in oggetto: rilevare le modalità con le quali le compagnie attualmente forniscono informativa all esterno in tema di gestione dei rischi; valutare la situazione attuale e prospettica delle compagnie in merito alla dotazione di strumenti di governance finalizzati alla produzione dell informativa verso l esterno; identificare le funzioni delle compagnie responsabili della produzione dei report di Pillar III; rilevare il grado di complessità che le compagnie percepiscono con riferimento alla predisposizione dei report quantitativi; verificare come è presidiato il rischio reputazionale legato alle comunicazioni verso l esterno; rilevare l orientamento delle compagnie in merito allo strumento informatico da utilizzare a supporto della produzione automatizzata dei report quantitativi. Rispondere ai requisiti del Pillar III implica notevoli sforzi per le compagnie di assicurazione che, innanzitutto, devono predisporre adeguati modelli organizzativi e di governance. Nello specifico, si evidenzia che nel 2012 quasi il 50% del campione (che rappresenta circa l 80% della raccolta premi del panel) si è dotato di una struttura di Risk Management dedicata al Reporting; trattasi di una scelta adottata soprattutto dalle compagnie di medio/grandi dimensioni. Nel 2014, invece, le compagnie si concentreranno in particolare nel formalizzare i processi di reporting e nel predisporre la Reporting Policy, in ottemperanza dei requisiti normativi (come si evidenzia nel grafico n. 23). Solvency 2012: The implementation phase 32

34 Grafico n. 23: I principali strumenti di Governance adottati In questo contesto, si rileva che l Amministrazione risulta essere la principale funzione responsabile del processo di reportistica ai fini di Solvency II, in considerazione del ruolo attivo da questa ricoperto nelle segnalazioni periodiche all Autorità di Vigilanza. Si rileva anche l opzione della corresponsabilità tra Amministrazione e Risk Management, vista la richiesta di diverse informazioni sui requisiti di capitale, come si evince dall opzione Altro nel grafico n. 24 sottostante. Altra funzione identificata dalle compagnie come rilevante nel processo di reportistica risulta il Controllo di Gestione. Grafico n. 24: Le principali funzioni responsabili del Pillar III Solvency 2012: The implementation phase 33

35 Il terzo Pillar, come anticipato nella premessa, richiede alle compagnie di realizzare tre tipologie di report per il mercato e per l Autorità di Vigilanza. I report considerati più critici dalle compagnie sono i Quantitative Reporting Templates (QRT), il cui scopo principale è quello di fornire con frequenza anche trimestrale i dati di carattere quantitativo relativi a variabili contabili, finanziarie e di solvibilità, con finalità di vigilanza regolamentare. Risulta di facile comprensione che i template quantitativi rappresentano una vera e propria sfida per le compagnie, in particolare in termini di granularità delle informazioni, reperibilità dei dati e tempistiche di reporting. Dall analisi del questionario, infatti risulta che più del 50% delle compagnie del panel ha appena avviato la fase di gap analysis sui QRT e solo una compagnia ha completato tali attività di gap analysis (vedi grafico n. 25). Anche in questo contesto, come emerso per il processo ORSA, si evidenzia che le imprese che hanno un livello di avanzamento più elevato sono quelle di dimensioni maggiori. Grafico n. 22: Il livello di avanzamento della gap analysis Le compagnie del panel riconoscono l onerosità della predisposizione dei QRT; infatti il 90% dei report quantitativi viene percepito con un livello medio di complessità maggiore o uguale a 3, in una scala da 1 a 5. Come è possibile notare dal grafico n. 26, la maggioranza delle macro aree dei QRT vengono identificate come complesse, ed in particolare con riferimento a: riserve tecniche danni e asset. Solvency 2012: The implementation phase 34

36 Grafico n. 26: Le macro aree QRT in ordine decrescente di complessità percepita Infine si analizza nel questionario l ambito tecnologico ed in particolare gli strumenti informatici a supporto per la produzione dei Quantitative Reporting Templates. Come si osserva dal grafico n. 27 sottostante, il 47% del panel ha sottolineato che non ha ancora valutato alcuna soluzione informatica; questo ritardo nella scelta è probabilmente attribuibile all incertezza nelle tempistiche di entrata in vigore della normativa e alla mancanza di regolamentazioni di dettaglio in ambito di reporting. Si evidenzia inoltre che quasi un terzo delle imprese partecipanti sta valutando anche soluzioni esterne, diverse dal framework sviluppato per Solvency II. Grafico n. 24: Gli strumenti informatici a supporto dei QRT Solvency 2012: The implementation phase 35

37 CeTIF Università Cattolica del Sacro Cuore Largo Gemelli, Milano Tel Fax Solvency 2012: The implementation phase 36

38 Solvency 2012: The implementation phase 37

Il valore dell informazione economica e anagrafica al servizio del portafoglio RC Auto

Il valore dell informazione economica e anagrafica al servizio del portafoglio RC Auto Il valore dell informazione economica e anagrafica al servizio del portafoglio ISSN 1972 RC - Auto 7216 Executive Summary Il valore dell informazione economica e anagrafica al servizio del portafoglio

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Comply or Explain La Road Map verso Solvency II in Italia Maria Alejandra Guglielmetti 30.01.2014 Comply or Explain?

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Milano, 24 Maggio 2012 Stefano Pasqualini DAL REGOLAMENTO 20 DELL ISVAP A SOLVENCY II SOLVENCY II: PILLAR 2 LA VIGILANZA IN SOLVENCY II CONCLUSIONI

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risultati Tavolo Pianificazione Strategica e Risk Reporting Andrea Scribano 02.02.2015 Il contesto di riferimento

Dettagli

NUMERICA RISK STP FUNZIONI FONDAMENTALI SII

NUMERICA RISK STP FUNZIONI FONDAMENTALI SII NUMERICA RISK STP FUNZIONE ATTUARIALE, SOLVENCY II DIRETTIVA SOLVENCY II FUNZIONI FONDAMENTALI In conformità agli articoli 44, 46, 47 e 48 della direttiva 2009/138/CE Solvency II, le autorità nazionali

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali

Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali La gestione dei rischi operativi e degli altri rischi Il controllo dei rischi operativi in concreto: profili di criticità e relazione con gli altri rischi aziendali Mario Seghelini 26 giugno 2012 - Milano

Dettagli

Il Risk Management Integrato in eni

Il Risk Management Integrato in eni Il Risk Integrato in eni Maria Clotilde Tondini Vice President Risk Integrato 5 Marzo 015, Milano Indice - Il Modello eni - 1 Il Modello eni Le fasi di sviluppo L avvio e l attuazione del Modello di Risk

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La Funzione Attuariale in ottica Solvency 2 La Data Governance Paola Scarabotto Roma, 1 luglio 2014 Agenda I requisiti normativi e regolamentari Principi di riferimento Architettura dei processi DQ Rischi

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gianluca Meloni, Davide Brembati In collaborazione con 1 1 Le premesse del Progetto di ricerca Nella presente congiuntura

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Area organizzazione & IT: impatti critici e analisi di posizionamento. 28 Febbario 20131

Area organizzazione & IT: impatti critici e analisi di posizionamento. 28 Febbario 20131 Area organizzazione & IT: impatti critici e analisi di posizionamento 28 Febbario 20131 Agenda Gli impatti di Solvency 2 su Org & IT Risultati 2012 versus 2011 Sensitivity e reattività delle imprese alle

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

Governance IT. Il governo della qualità dei dati in Cattolica. Un percorso oltre i requisiti normativi

Governance IT. Il governo della qualità dei dati in Cattolica. Un percorso oltre i requisiti normativi Governance IT Il governo della qualità dei dati in Cattolica. Un percorso oltre i requisiti normativi Lunedì 23 novembre 2015 Cattolica Assicurazioni Verona 1 Il percorso del Gruppo Cattolica verso la

Dettagli

Il risk management nell investimento previdenziale: il quadro di riferimento

Il risk management nell investimento previdenziale: il quadro di riferimento Laura Crescentini Il risk management nell investimento previdenziale: il quadro di riferimento Le nuove sfide della gestione previdenziale Roma, 29 marzo 2012 Il quadro di riferimento D. M. n. 703/1996

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale;

Presentazione. agili e flessibili; costantemente aderenti al business model ed alla sua evoluzione geografica e temporale; Presentazione Blu Consulting è una società di consulenza direzionale certificata ISO 9001:2008, fondata da Mauro Masciarelli nel 2009, specializzata nella revisione delle strategie di business, adeguamento

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La Funzione Attuariale in ottica Solvency 2 Coordinamento, gestione e controllo in materia di riserve tecniche A. Chiricosta Roma, 1 luglio 2014 Agenda Indicazioni dalla Lettera al mercato applicazione

Dettagli

INNOVAZIONE NELLA DISTRIBUZIONE DI POLIZZE VITA E DANNI PER CASSE DI RISPARMIO, BANCHE POPOLARI E BANCHE PICCOLE:

INNOVAZIONE NELLA DISTRIBUZIONE DI POLIZZE VITA E DANNI PER CASSE DI RISPARMIO, BANCHE POPOLARI E BANCHE PICCOLE: 1 - SME - GIARDINO ZEN (Affidamento fino a 30.000, Basso profilo di rischio) 1 - SME - GIARDINO ZEN (Affidamento fino a 30.000, Basso profilo di rischio) 1 - SME - GIARDINO ZEN (Affidamento fino a 30.000,

Dettagli

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Focus on LA COMPLIANCE FISCALE NELLE BANCHE: IMPATTO SUI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Aprile 2016 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

Esternalizzazione della Funzione Compliance

Esternalizzazione della Funzione Compliance Esternalizzazione della Funzione Compliance Supporto professionale agli intermediari oggetto della normativa di Banca d Italia in materia di rischio di non conformità Maggio 2012 Labet S.r.l. Confidenziale

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo

Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo STUDIO BERETTA DOTTTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Sergio Beretta Sistema di Controllo Interno Settore Assicurativo 1 Indice Obiettivi dell intervento Nota Metodologica Quadro dell attuale sistema

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Insight. Gli scettici della qualità.

Insight. Gli scettici della qualità. Insight N. 30 Febbraio 2010 Gli scettici della qualità. Una fotografia della Quality Assurance Review in Italia: una pratica ancora poco diffusa, spesso a causa di preconcetti su costi e tempi di realizzazione,

Dettagli

Processi e Risk Assessment nel Gruppo Reale Mutua 23/05/2013

Processi e Risk Assessment nel Gruppo Reale Mutua 23/05/2013 Processi e Risk Assessment nel Gruppo Reale Mutua 23/05/2013 Agenda 1. Il Gruppo Reale Mutua 2. Il progetto BPM 3. Il processo di Control Risk Self Assessment 4. Le sfide del futuro Il Gruppo Reale Mutua

Dettagli

Banche e Sicurezza 2015

Banche e Sicurezza 2015 Banche e Sicurezza 2015 Sicurezza informatica: Compliance normativa e presidio del rischio post circolare 263 Leonardo Maria Rosa Responsabile Ufficio Sicurezza Informatica 5 giugno 2015 Premessa Il percorso

Dettagli

La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20

La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20 La funzione di compliance nelle compagnie di assicurazione: il regolamento ISVAP n. 20 Milano, 3 ottobre 2008 AIDA Sezione Lombardia La compliance nelle assicurazioni: l adeguamento alla nuova normativa

Dettagli

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA I 3 elementi chiave: il prodotto, il processo, la cultura RESPONSABILITA SOCIALE ACCOUNTABILITY RENDICONTAZIONE

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

Maggio 2014. Silvia Colombo, Jenny.Avvocati

Maggio 2014. Silvia Colombo, Jenny.Avvocati Maggio 2014 Prime riflessioni sul recepimento degli Orientamenti EIOPA, attuativi della direttiva Solvency II: l IVASS modifica il Regolamento n. 20/2008 Silvia Colombo, Jenny.Avvocati L iter delle modifiche

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI ANALISI DEI RISCHI

DOCUMENTO DI SINTESI ANALISI DEI RISCHI SOLCO MANTOVA CONSORZIO DI COOPERATIVE SOCIALI - SOCIETA' COOP A.R.L. DOCUMENTO DI SINTESI ANALISI DEI RISCHI RELATIVO AL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS 231/01 Documento

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

Nuovi IFRS nelle compagnie assicurative:

Nuovi IFRS nelle compagnie assicurative: ATTIVITA DI RICERCA 2016 Nuovi IFRS nelle compagnie assicurative: impatti di accounting, governance e processo PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI IFRS 9 entrerà in vigore il 1 gennaio 2018 sostituendo

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Stefano Moni Resp. Servizio Validazione e Monitoraggio Convegno ABI - Basilea 3 Roma, 16-17 Giugno 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Direzione Centrale Audit e Sicurezza IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE

Direzione Centrale Audit e Sicurezza IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE Maggio 2006 1 La costituzione dell Audit Interno La rivisitazione del modello per i controlli di regolarità amministrativa e contabile è stata

Dettagli

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 BREVE INTRODUZIONE AL SERVIZIO (a cura di Roberto D Auria

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

RISK MANAGEMENT SURVEY Risultati della Survey condotta da ANDAF - Elaborazione a cura di Aon S.p.A.

RISK MANAGEMENT SURVEY Risultati della Survey condotta da ANDAF - Elaborazione a cura di Aon S.p.A. XXXVII Congresso Nazionale ANDAF, Napoli, 25-26 Ottobre 2013 RISK MANAGEMENT SURVEY Risultati della Survey condotta da ANDAF - Elaborazione a cura di Aon S.p.A. Aon Aon è il broker # 1 al mondo Dati e

Dettagli

Il processo di gestione del credito assicurativo

Il processo di gestione del credito assicurativo Il processo di gestione del credito assicurativo Milano, 20/10/2010. CeTIF Università Cattolica del Sacro Cuore IL CONTESTO DI RIFERIMENTO RECUPERO CREDITI Il mercato assicurativo italiano è caratterizzato

Dettagli

SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ( BY INTERNAL AUDITING FACTORIT SPA ) SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI L azienda Factorit ha da qualche anno costituito una funzione di presidio del monitoraggio dei rischi aziendali strettamente connessi

Dettagli

Solvency II Operational Trasformation. Evidenze sull area Commerciale e Comunicazione 19 Gennaio 2012 1

Solvency II Operational Trasformation. Evidenze sull area Commerciale e Comunicazione 19 Gennaio 2012 1 Solvency II Operational Trasformation Evidenze sull area 19 Gennaio 2012 1 Agenda Modello di analisi adottato Modello dei processi standard area Impatti Solvency II sull area Modello di riferimento a tendere

Dettagli

CDR - Claudio Dematté Research. Osservatorio Solvency II Operational Transformation. Andrea Scribano 20.11.2015

CDR - Claudio Dematté Research. Osservatorio Solvency II Operational Transformation. Andrea Scribano 20.11.2015 CDR - Claudio Dematté Research Osservatorio Solvency II Operational Transformation Tavolo Pianificazione Strategica e Risk Reporting Andrea Scribano 0.11.01 Contesto di riferimento attuale VITA Fonte:

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni

La Certificazione ISO/IEC 27001. Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione alla ISO 27001 La metodologia Quality Solutions Focus on: «L analisi

Dettagli

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito

ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito ISA 610 e ISA 620 L'utilizzo durante la revisione dei revisori interni e degli esperti. Corso di revisione legale dei conti progredito 1 ISA 610 USING THE WORK OF INTERNAL AUDITORS Questo principio tratta

Dettagli

Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile

Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile Rapporto di Sostenibilità in Intesa Sanpaolo Le novità dell edizione 2013 Unità CSR Milano, 10 giugno 2014 Gli elementi caratterizzanti il Reporting di

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - Consigliere di Giunta AICQ CN Presidente della Commissione UNI per i Sistemi di Qualità La norma è intesa come un supporto per la Iso 31000 e fornisce

Dettagli

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1 Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali Roma, 6 giugno 2013 1 Fondata nel 1972 142 soci 50 associati Fatturato complessivo dei

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Osservatorio Solvency II Operational Transformation

Osservatorio Solvency II Operational Transformation Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risultati Tavolo ORSA e Risk Reporting Andrea Scribano 0.01.014 Il 01 è stato un anno di stimoli importanti in ottica

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti

Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano. Finalità, metodo e strumenti Il sistema di valutazione delle prestazioni del Comune di Arzignano Finalità, metodo e strumenti 1 1. LE FINALITA DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI Il sistema di valutazione delle prestazioni

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO I MODULI DEL PERCORSO MODULO 1

PROGRAMMA DIDATTICO I MODULI DEL PERCORSO MODULO 1 www.abiformazione.it Percorso professionalizzante per la Compliance in banca Compliance / Corsi Professionalizzanti Fin dalle prime indicazioni di Banca d Italia sulla Funzione di Conformità, ABIFormazione

Dettagli

RECEPIRE LE INTERIM MEASURES SOLVENCY 2

RECEPIRE LE INTERIM MEASURES SOLVENCY 2 Change management dei sistemi di corporate e risk governance e degli assetti organizzativi e di controllo White Paper 2014 INDICE PREMESSA... 3 UN NUOVO FRAMEWORK DI RISK & CORPORATE GOVERNANCE... 4 IL

Dettagli

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management a cura di: Francesco M. Renne docente CUOA Finance, coordinatore Osservatorio Legislazione & Mercati Bruno Borgia docente CUOA Finance, membro

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 INDICE ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE REGIONALE...6 COORDINAMENTO MARKETING E STRATEGIE TERRITORIALI...6

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA CON IBM Security Identity Governance

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA CON IBM Security Identity Governance LA GESTIONE DELLA SICUREZZA CON IBM Security Identity Governance IDENTITY & ACCESS MANAGEMENT L approccio Engineering ai progetti Fa parte del contesto più ampio delle tematiche legate alla sicurezza (secure

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo

ISO 27000 family. La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione. Autore: R.Randazzo ISO 27000 family La GESTIONE DEI RISCHI Nei Sistemi di Gestione Autore: R.Randazzo La Norme che hanno affrontato il Tema della gestione dei rischi Concetto di Rischio Agenda Il Rischio all interno della

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

Approfondimento. Controllo Interno

Approfondimento. Controllo Interno Consegnato OO.SS. 20 maggio 2013 Approfondimento Controllo Interno Maggio 2013 Assetto Organizzativo Controllo Interno CONTROLLO INTERNO ASSICURAZIONE QUALITA DI AUDIT E SISTEMI ETICA DEL GOVERNO AZIENDALE

Dettagli

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Francesco Cuzzucrea Salvatore Forte Roma, 6 giugno 2013 Agenda Il Comitato Solvency II dell ONA La Funzione

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni. Iris Pennisi Federcasse Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management in banca: la view di una banca di piccole/ medie dimensioni Roma, 9 aprile 205 Iris Pennisi Federcasse Una premessa di metodo: «trasformare un vincolo

Dettagli

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di Pag. di NUMERO EDIZIONE DATA MOTIVAZIONE 6/09/204 Adozione ALLEGATO Mappa dei rischi ALLEGATO Mappa dei rischi elaborata sulla

Dettagli

ISSN 1972-7216 EXECUTIVE SUMMARY

ISSN 1972-7216 EXECUTIVE SUMMARY ISSN 1972-7216 EXECUTIVE SUMMARY L innovazione nei servizi di pagamento dalla SEPA alla PSD2: OBEP, P2P, mobile e Instant Payment DIVISIONE BANCHE 2016 1 Luxury & Finance: strumenti finanziari innovatvi

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA

LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA LINEE GUIDA PER GLI ORGANISMI DI VIGILANZA Sommario PREMESSA... 2 1. COMPITI DELL ORGANISMO DI VIGILANZA... 2 1.1 PIANO DI ATTIVITA... 3 1.2 RELAZIONE FINALE... 4 2. PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELL ORGANISMO

Dettagli

http://it.linkedin.com/in/marialberto Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 - Apco CMC 0512-A)

http://it.linkedin.com/in/marialberto Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 - Apco CMC 0512-A) 1 Seminario Aggiornamento Valutatori SICEV Intervento Dai Sistemi di Gestione al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo secondo il DLgs. 231/2001 Napoli 07/06/2013 - Alberto Mari (Sicev 265 -

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi

Sessione di Studio AIEA-ATED. La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi Sessione di Studio AIEA-ATED La gestione del rischio informatico nel framework dei rischi operativi 24 Novembre 2014 Agenda La gestione del rischio operativo nel Gruppo ISP La gestione degli eventi operativi

Dettagli