Alessandra Agnello Giorgia Bianco. Alessandra Agnello - Giorgia Bianco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alessandra Agnello Giorgia Bianco. Alessandra Agnello - Giorgia Bianco"

Transcript

1 Alessandra Agnello Giorgia Bianco 1

2 Indice della Presentazione 1. Introduzione al green marketing Definizione Caratteristiche del prodotto e certificazioni Il fenomeno greenwashing Il consumatore green 2. Approcci interculturali al green marketing 3. L ecoturismo Definizione e criteri richiesti Vantaggi e benefici Il marchio Ecolabel sui servizi turistici: un confronto tra Italia e Germania 2

3 Che cosa si intende per Green Marketing? Marketing di beni e servizi considerati non dannosi per l'ambiente. Esso è dunque un attività al tempo stesso commerciale e ambientale, che permette all azienda di raggiungere il successo economico. Questo grazie a: Trasformazione dei vincoli ambientali in vantaggi competitivi Studio dell impatto della produzione e prevenzione dei possibili effetti ambientali durante tutto il ciclo di vita dei prodotti Coinvolgimento di fornitori, distributori, venditori, consumatori Promozione dell immagine ambientale dell impresa Divulgazione dei metodi corretti di consumo/uso nonché di smaltimento dei rifiuti 3

4 Gli obiettivi: Sviluppare prodotti dei quali sia garantita la compatibilità ambientale e che allo stesso tempo siano in grado di soddisfare le esigenze dei consumatori; Trasmettere un idea di alta qualità, che includa la sensibilità ambientale, sia per quanto riguarda gli attributi specifici del prodotto, sia per quanto riguarda l azienda. 4

5 Grant descrive il green marketing attraverso le cosiddette cinque I : 1. Intuitivo: rende accessibili e comprensibili le alternative migliori, cioè deve far sì che le innovazioni sostenibili vengano percepite come la normalità; 2. Integrante: combina tecnologia, commercio, effetti sociali ed ecologia; 3. Innovativo: crea nuovi prodotti e nuovi stili di vita, ovvero una cultura sostenibile e nuovi codici comunicativi; 4. Invitante: i nuovi prodotti sono una scelta positiva, non rappresentano un compromesso in termini di qualità; 5. Informato: presuppone una cultura più sostenibile perché la società attuale è più informata. La conoscenza prevale sull immagine. 5

6 La pratica del green marketing prende piede sul finire degli anni Ottanta, quando le preoccupazioni ambientali vennero fomentate da una serie di catastrofi ambientali. Tale preoccupazione ha avuto conseguenze sul comportamento dei consumatori, i quali cominciarono a porre sempre più attenzione ai propri acquisti secondo un ottica sempre più verde. Si sviluppa così il fenomeno del bandwagon. 6

7 Il bandwagon nel green marketing: Letteralmente carrozzone È una tendenza per cui le persone attuano un certo comportamento solamente perché altri lo hanno già fatto e per questo si teme di restare tagliati fuori È in questo momento che le aziende cominciano a fare a gara nel dichiarare le proprie credenziali ecologiche Nascono i primi marchi ecocompatibili: l immagine green dell azienda diventa un vero e proprio business 7

8 Caratteristiche del Prodotto, o dell imballaggio: Realizzati con minori quantità di materie prime e più materiali riciclati; Fabbricati senza l uso di materie inquinanti, o con materiali non tossici; Non testati sugli animali se non strettamente indispensabile; Senza danneggiare le specie protette; A basso consumo di energia nelle fasi di produzione, utilizzo e smaltimento; Con imballaggio minimo se non assente, possibilmente con materiali riutilizzabili e riciclabili; Con una lunga vita economica e possibilità di miglioramento; Provvisti di un sistema di raccolta \ smontaggio post-consumo 8

9 Certificazioni Affinché queste caratteristiche possano essere verificabili, negli ultimi decenni l ISO, l Organizzazione Internazionale di Standardizzazione, ha promosso lo sviluppo e la diffusione di norme che dovrebbero consentire ai consumatori un acquisto più consapevole. Tra le norme rientranti nell ISO è presente anche la regolamentazione in materia di certificazioni le quali contribuiscono alla crescita della reputazione ambientale dell azienda. Le diverse forme di certificazioni ambientali sono divise in tre categorie: 9

10 Marchi Ambientali di tipo I Si presentano come un marchio ecologico, in genere un simbolo o un logo riconoscitivo, il quale segnala la migliore performance del prodotto sotto il profilo ambientale rispetto a tutti i prodotti concorrenti. Un esempio è il marchio europeo Ecolabel. Il marchio viene rilasciato in base a tutti gli aspetti ambientali significativi del prodotto e tutte le fasi del suo ciclo di vita: da quando viene progettato, a partire dalla scelta delle materie prime, fino a che non arriva a finevita e viene smaltito o riciclato per dare vita ad altri prodotti. 10

11 Un esempio di utilizzo dell Ecolabel nella strategia di comunicazione ambientale: il caso Baldini Vernici 11

12 Certificazione delle etichette di tipo II Si tratta di un autodichiarazione ambientale da parte di produttori, importatori o distributori dei prodotti relativa a una caratteristica ambientale del prodotto. Tra queste rientrano ad esempio le etichette Riciclabile e Biodegradabile, ma anche quella di recente istituzione, la Carbon Footprint. I criteri per la valutazione delle emissioni di gas serra sono basati sulle tecniche e sui principi della valutazione del ciclo di vita del prodotto (LCA): tramite il marchio Carbon Footprint, viene dunque certificata la quantità di CO2 equivalente emessa nei processi di produzione, trasformazione, distribuzione, vendita e fine vita dei prodotti. 12

13 Un esempio di etichetta di tipo II certificata: lacarbon Footprint Con la Carbon Footprint viene valutato il livello di emissioni di anidride carbonica necessario per la fabbricazione di un determinato prodotto. Le aziende che si servono di questa certificazione sono tantissime (un esempio è Trenitalia). L informazione, poi, risulterà particolarmente vincente se comunicata in termini comprensibili al cittadino, per esempio attraverso un equivalenza tra le emissioni di gas serra risparmiate e il numero di alberi necessari per compensarle oppure il numero di viaggi da Milano a Roma in bus risparmiati. 13

14 Dichiarazioni Ambientali di Prodotto del tipo III Sono dette anche Ecoprofiles o EPD (Environment Product Declaration). Esse riportano dichiarazioni basate su parametri ambientali prestabiliti, permettono dunque di comunicare informazioni e dati oggettivi, confrontabili e credibili riguardanti il ciclo di vita del prodotto in questione. Si tratta di documenti sintetici di carattere puramente informativo, in cui viene specificato il corretto uso del prodotto e il suo smaltimento. In questo modo il cliente, a cui è indirizzato il documento, sarà in grado di compiere una scelta consapevole e correttamente informata. 14

15 Un esempio di Dichiarazione Ambientale di tipo III: la EPD della Carlsberg L adozione dello strumento EPD da parte della Carlsberg è stata una scelta dettata: Dalla credibilità dello strumento; Dalla possibilità di dimostrare scientificamente il miglioramento degli impatti ambientali ottenuto grazie all attuazione di diverse innovazioni nella produzione. Nel documento vengono presentati tutti i dati riguardanti l impatto ambientale di tutte le fasi del ciclo di vita del prodotto, dalla coltivazione degli ingredienti fino allo smaltimento dei fusti e delle bottiglie dopo il consumo 15

16 Il rischio Greenwashing La formulazione di linee guida e di norme che regolamentano l uso di etichette green, è diventata necessaria in seguito al proliferare di marchi e loghi inneggianti lo sviluppo sostenibile portato avanti dall azienda. Tuttavia, dietro messaggi e pubblicità ambientaliste si celano spesso comportamenti non esattamente green. Tale pratica, volta a migliorare la propria immagine ambientale attraverso messaggi falsi, viene chiamata greenwashing: l azienda quindi continua a inquinare senza essere oggetto di critiche, nonostante professi un comportamento virtuoso. Secondo questa premessa, il fenomeno greenwashing non solo inganna i consumatori e le associazioni sulla realtà del prodotto, ma è dannoso per la stessa azienda che lo pratica. 16

17 Campagne pubblicitarie ambigue vengono spesso denunciate dalle associazioni di difesa del pianeta. È il caso per esempio di Greenpeace, che con le sue campagne smaschera pubblicità menzognere riguardo alla sostenibilità delle aziende. 17

18 Esempi di greenwashing denunciati da Greenpeace: Bolton Alimentari Alimentari, gigante europeo del tonno in scatola e proprietaria del marchio Rio Mare, è stata accusata di scarsa trasparenza limitandosi a semplici dichiarazioni di intenti senza però comunicare come ottenere il 100% di tonno proveniente da pesca sostenibile entro il Nei suoi spot ladove ribadisce la propria identità aziendale contraria all omologazione dei canoni di bellezza. Greenpeace ha creato un vero e proprio contro-spot sulla stessa linea dell originale ma in cui viene raccontato risvolto delle politiche aziendali di Dove, che impiega olio di Palma per i suoi prodotti, mettendo così a rischio il pianeta. 18

19 Il consumatore verde Grazie all ampio spazio dedicato dai media, il consumatore sembra essere divenuto consapevole dell impatto negativo che ha il consumo sul pianeta. Ci sono diversi modi per far sì che il consumatore abbracci l idea di fare scelte ecosostenibili: con l informazione: maggiore è la conoscenza di queste tematiche, mag giore è la volontà di cambiare; con gli stili di vita sostenibili; estendendo questa cultura dalla middle class alla working class; con l azione culturale 19

20 I vantaggi derivati dalla pratica del green marketing per le aziende: Differenziazione dell offerta e approvazione da parte dei consumatori Per esempio: The Body Shop Riduzione dei costi Per esempio: Carrefour Royal Philips Electronics Whirlpool 20

21 Quando l ecologia diventa un business. Alcuni esempi (1) The Body Shop è un azienda cosmetica inglese che opera in 61 Paesi e acquisita nel 2006 da L Oreal; Fin dalla sua nascita è sempre stata attiva nel sociale, attraverso numerose campagne ambientali. Nello specifico vengono commercializzati prodotti naturali, non testati sugli animali e adatti anche a una clientela vegetariana. Inoltre l azienda pone particolare attenzione alle condizioni dei lavoratori, seguendo un rigoroso iter nella scelta di fornitori, promuovendo così un commercio che sia equo e solidale. 21

22 Casi di aziende che tagliando i consumi hanno ridotto anche i costi di produzione: Carrefour con un programma a livello internazionale da 30 mln all anno si pone l obiettivo di ridurre del 30% i consumi entro il Royal Philips Electronics ha portato benefici sui ricavi ed efficienza soprattutto nelle fasi di produzione. Whirlpool riduce i consumi interni e offre nuovi prodotti green che incrementano i benefici dei clienti. 22

23 In generale il green marketing ha avuto riscontri diversi nei vari paesi del mondo, e ciò è dovuto ad una maggiore o minore sensibilità della popolazione nei confronti di questo nuovo modello. Tuttavia, la crescente consapevolezza legata all esigenza di una produzione più sostenibile non è più solamente appannaggio delle aziende dei Paesi sviluppati, ma anche i Paesi emergenti investono risorse sempre più consistenti nella produzione sostenibile. 23

24 Le imprese che operano sul piano internazionale devono dunque tenere conto del crescente numero di consumatori verdi. Se nel proprio Paese vige una legge non particolarmente restrittiva riguardo gli standard ambientali, è molto probabile che i rapporti commerciali con altri mercati risultino difficoltosi proprio per la presenza, in questi ultimi, di norme più limitative dal punto di vista della sostenibilità. 24

25 In Germania sono in vigore leggi piuttosto severe in materia di green marketing: esse prevedono che i materiali utilizzati per gli imballaggi vengano riciclati o riutilizzati Transit packaging I prodotti destinati al mercato tedesco vengono dunque modificati per agevolarne lo smaltimento e il riciclaggio nel rispetto della severa normativa vigente 25

26 Ogni Paese ha ormai ha il suo programma di eco-etichettatura: EcoLogo in Canada: stabilisce severi requisiti per sostanze pericolose, risparmio di energia e di carta. China Energy Conservation Program (CECP) è un programma dedicato all'efficienza energetica che mira a incentivare la realizzazione di prodotti con l'impiego di minori risorse. Blue Angel è un'etichetta ecologica tedesca basata sul rispetto di criteri specifici relativi alla progettazione del prodotto, al consumo energetico, alle emissioni di sostanze chimiche, al rumore, alla riciclabilità e all'adesione a programmi di ritiro. Il programma indiano BEE-Bureau of Energy Efficiency mira a creare consapevolezza a livello nazionale sui consumi energetici, la loro riduzione e l ammodernamento dei processi. 26

27 Cause-Related-Marketing: strategia di partnership, che negli ultimi anni va per la maggiore. Si tratta di una tattica promozionale affidabile che punta tutto sul rapporto dell azienda con un organizzazione non profit. In Inghilterra: la campagna Supergran dei frullati Innocent; Negli Stati Uniti: American Express per ristrutturare la Statua della Libertà; Singapore Airlines per Medici senza Frontiere; 27

28 Il turismo responsabile verso aree di interesse naturale che contribuisca al benessere delle popolazioni locali preservando al contempo l ambiente; un ecoturismo è, quindi, una forma di sviluppo che accoglie ed educa i visitatori nel rispetto delle tradizioni e della cultura locale e mirando alla tutela e salvaguardia dell ambiente circostante. 28

29 Tappe storiche del turismo sostenibile: 1972, Stoccolma. La città ospita la conferenza delle Nazioni Unite sull ambiente umano dove, per la prima volta, viene affrontato il tema dell inquinamento: si estende la tutela ambientale anche a spazi situati al di fuori della sovranità dello Stato, quali l alto mare, lo spazio atmosferico ed extra-atmosferico, l Antartide. 1988, Organizzazione mondiale del Turismo (OMT). Le attività turistiche sono sostenibili quando si sviluppano in modo tale da mantenersi vitali in un area turistica per un tempo illimitato, non alterano l ambiente (naturale, sociale e artistico) e non ostacolano lo sviluppo di altre attività sociali ed economiche. 1996, Agenda 21 fortraveland tourism. La definizione si focalizza sull applicabilità delle linee guida e delle pratiche di gestione del turismo sostenibile, le quali possono essere rivolte a tutti i tipi di turismo e di destinazione. 2002, Québec Declarationon Ecotourism. La definizione più recente di ecoturismo è stata concordata dall Organizzazione Mondiale del Turismo e consiste in un tipo di turismo praticato in aree naturali, relativamente indisturbate al precipuo scopo di osservarle e studiarle. 29

30 Appare chiara l importanza del binomio AMBIENTE-TURISMO ma anche la repulsione che si crea tra i due È fondamentale per il turismo l attrazione che la natura esercita su se stesso. Altrettanto importante è la repulsione che l ambiente dimostra nei casi di eccesso di turismo, e di conseguenza la repulsione che i turisti hanno per gli ambienti degradati. 30

31 L interesse per una pratica alternativa alle tradizionali esperienze di viaggio è stato favorito da una più consapevole sensibilità ecologica, conseguenza a sua volta dell orrore di vari disastri ambientali Al giorno d oggi l ecoturismo è il segmento dell industria del turismo in più rapida crescita; A partire dal 1990 in ben 18 Paesi sono stati istituiti dei programmi per lo sviluppo dell ecoturismo; Sempre più destinazioni cominciano a interessarsi al turismo verde, al turismo culturale, e agli ecotour, e a considerare l ecoturismo nell ambito della propria strategia turistica. 31

32 La nuova filosofia di vacanza è: - concentrata in aree poco urbanizzate; - ricche di risorse naturalistiche; - caratterizzate dal contatto diretto con la natura e le culture locali. Si tratta di una vera e propria esperienza socio-culturale, rispettosa del patrimonio territoriale e incentrata su attività a basso impatto ambientale, quali ad esempio: l educazione ambientale; La riscoperta delle identità e culture locali; La valorizzazione delle produzioni agroalimentari tipiche; Le attività di ricreazione turistica, quali trekking, biking, birdwatching, safari fotografici, ecc. 32

33 Chi sono gli ecoturisti? La maggior parte degli ecoturisti internazionali proviene da Europa, Nordamerica e Giappone Gli ecoturisti cercano di sfuggire alla propria vita quotidiana esplorando nuovi mondi Si tratta di consumatori più benestanti, meglio istruiti, più maturi e sensibili al tema ambientale rispetto alla media Fanno viaggi più lunghi e spendono di più Gli ecoturisti tendono a non restare nella stessa località per più di due o tre giorni, visitando fino a cinque o sei posti diversi nell arco di due settimane. 33

34 Le destinazioni preferite dagli ecoturisti sono: Paesi dell America Latina: Brasile, Ecuador, Perù Messico Paesi dell Africa: Tanzania, Kenia, Congo Tuttavia, anche in Italia e in altri Paesi dell UE, il turismo ecologico diventa sempre più uno strumento atto alla promozione dello sviluppo locale, per cui diventa necessario il contributo di tanti soggetti, dal governo ai tour operator e alle amministrazioni locali. 34

35 Le strutture turistiche che si vogliono distinguere per l impegno verso la salvaguardia dell ambiente, possono applicare diverse STRATEGIE, tra cui l introduzione dei cosiddetti criteri green : riduzione degli sprechi energetici ed idrici; gestione e differenziazione dei rifiuti; utilizzo di prodotti più rispettosi dell ambiente; un alimentazione sana e corretta che attinge alle produzioni biologiche locali. Ma anche l attribuzione della certificazione ambientale Ecolabel, riconosciuta nei Paesi dell Unione Europea, garantisce una grande visibilità anche tra i tour operator. 35

36 36

37 37

38 Vantaggi per le aziende: un importante funzione di stimolo alle capacità imprenditoriali locali, con conseguenti benefici anche ad altri settori, quali l agricoltura e l artigianato; i vantaggi di costo legati all eco-efficienza, come la riduzione di risorse naturali quali gas, energia elettrica e acqua, con conseguente risparmio economico; la pubblicità derivante dall impostazione eco-friendly promossa dai tour operator che propongono vacanze di questo genere. 38

39 39

40 Certificazioni ambientali In linea con l ecoturismo iniziano ad essere utilizzati strumenti come le certificazioni ambientali, le quali indicano ai consumatori i prodotti/servizi che rispettano determinati criteri ecologici stabiliti da un ente. La certificazione più diffuse sono: EMAS (Eco- Management and Audit Scheme) ISO Ecolabel 40

41 Il regolamento europeo EMAS e la norma ISO Possono rappresentare entrambe un valido strumento di qualificazione ambientale delle strutture alberghiere. Prevedono la possibilità di una certificazione integrata che dovrebbe consentire di riunire in un unica procedura gli aspetti relativi alla qualità, alla sicurezza e all ambiente. Tuttavia il settore turistico ha un approccio poco rilevante nei confronti dello schema EMAS, il numero delle imprese registrate è molto esiguo, a causa della maggior difficoltà e dei maggiori sforzi necessari per registrarsi allo schema EMAS. 41

42 ECOLABEL Ecolabel per il turismo è nato il 14 Aprile del 2003; Il marchio si fonda sul rispetto di una serie di criteri che consentono alle strutture che lo ricevono di distinguersi in campo ambientale e di differenziarsi sul mercato; I criteri sono stati sviluppati analizzando gli impatti diretti e indiretti sull ambiente: si dividono in 37 Criteri obbligatori, che devono essere rispettati sempre in considerazione della specifica situazione della struttura ricettiva, e 47 Criteri opzionali, che forniscono al richiedente una serie di ulteriori criteri, tra i quali scegliere quelli per il raggiungimento del punteggio minimo richiesto per l ottenimento dell Ecolabel europeo. 42

43 43

44 Alberghi a marchio Ecolabel in Italia Le licenze Ecolabel europeo attualmente valide in Italia sono 332, distribuiti in 15 gruppi di prodotti, tra cui il gruppo con il maggior numero di licenze è costituito dal servizio di ricettività turistica; Gli Hotel certificati Ecolabel in Italia si sono riuniti in un gruppo di commercializzazione, ovvero Hotel Ecolabel: quest ultimo si configura come un gruppo comprendente strutture in fase di certificazione o che possiedono già questo importante marchio, e che offrono, all interno delle proprio strutture, servizi e accorgimenti per la salvaguardia e valorizzazione dell ambiente ricettivo; In Italia, l uso dell etichetta Ecolabel viene concesso dal Comitato Ecolabel Ecoaudit; Attualmente il Paese si trova al primo posto in Europa per numero di strutture ricettive e campeggi certificati con questo marchio; La regione più sviluppata è senza dubbio il Trentino, con la provincia di Trento come capofila, seguita da Toscana ed Emilia Romagna. 44

45 45

46 Alberghi a marchio Ecolabel nei Paesi di lingua tedesca Germania l istituzione che gestisce tale aspetto a livello nazionale è il Ministero dell ambiente; La certificazione è principalmente focalizzata sui campeggi, dal momento che le strutture alberghiere, a causa della situazione politica che induce a una competizione tra marchi, sono orientate verso il marchio nazionale Viabono. 46

47 Austria Svizzera Esiste un marchio Ecolabel a livello nazionale contrassegnato da criteri ben strutturati e con una buona performance nel marketing; Per entrambi i marchi, sia quello austriaco che quello europeo, l organo competente è il Ministero federale austriaco per l ambiente. La Federazione svizzera del turismo (FST) per assicurare la qualità in ambito turistico, propone un programma di qualità a tre livelli, per garantire la qualità dei servizi, quella di gestione e il Quality Management globale. Tale attenzione alla qualità include, infatti, la presenza di sistemi di gestione riconosciuti a livello nazionale e internazionale: un esempio è lo Steinbock Label, il marchio di qualità svizzero per la sostenibilità. 47

48 Confronto tra le due realtà Italia Germania Paese a vocazione turistica, ogni anno può considerare il settore turistico come la prima industria nazionale; Ci si pone semplicemente l obiettivo di attuazione del marchio ambientalista, promuovendo l idea e condividendo i principi, ma non impegnandosi attivamente. Popolazioni più viaggiatrici che ospitanti, risultano una realtà da cui apprendere in tema di qualità ambientale; Superiorità organizzativa e qualitativa del mondo tedesco, in cui il criterio di certificazione permette di quantificare le misure qualitative secondo una scala da 1 a 3. 48

49 Per concludere Il green marketing è una derivazione del marketing tradizionale, ma in realtà essi si configurano come due realtà assai differenti. Ecologia e marketing remano una contro l altro, una vuole farvi consumare di meno l altro di più. (Grant) Sembrerebbe che il marketing tradizionale si ponga in posizione avversa al marketing ecologico. Da una parte il primo, orientato a produrre per sostenere la domanda di massa e massimizzare il profitto; dall altra il secondo, che tende a fare profitto economico ma con servizi e prodotti che si distinguono per il loro grado di eco sostenibilità. 49

50 La sfida del green marketing è dunque quella di fare in modo che gli obiettivi ambientali siano compatibili con la prosperità economica. Saper comunicare il valore della sostenibilità non è solo una strategia, ma anche una vera e propria filosofia aziendale, che contribuisce a creare un immagine positiva della marca e a fidelizzare il consumatore. 50

51 51

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi Pubblicato il: 2 luglio 2012 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini.

Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini. Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini. Rimini, 6 giugno 2008 a cura di Maria Berrini e Emanuela Manca Gli acquisti verdi nel settore

Dettagli

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Strumenti di eco-innovazione Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Francesca Cappellaro Laboratorio LCA&Ecodesign Bologna, 28 aprile 2010 Contesto

Dettagli

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GREEN PUBLIC PROCUREMENT Il Green Public Procurement (GPP) o Acquisti Verdi è una modalità di acquisto, da parte delle pubbliche amministrazioni locali e nazionali,

Dettagli

La garanzia che il tuo prodotto è davvero green.

La garanzia che il tuo prodotto è davvero green. Certificazione delle Asserzioni Ambientali di Prodotto La garanzia che il tuo prodotto è davvero green. Tutti dicono di essere green. Ma non tutti dicono la verità. GREEN VERO GREEN IMQ-ECO. LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE EMOZIONI GREEN - Sintesi da Momenti Green - Mondi, Badia Campoleone 20 aprile 2010 1 giugno 2010 - pag. 1 ENVIROMENTAL = AMBIENTALE Per Impatto Ambientale si intende

Dettagli

AGENDA LIFEGATE STAY FOR THE PLANET IMPATTO ZERO

AGENDA LIFEGATE STAY FOR THE PLANET IMPATTO ZERO AGENDA 1 2 3 LIFEGATE STAY FOR THE PLANET IMPATTO ZERO 2 1 1.1 Chi siamo 1.2 Cosa facciamo LIFEGATE Il punto di riferimento per lo sviluppo sostenibile. 3 LIFEGATE 1 LA SOSTENIBILITÀ È L UNICA CHIAVE PER:

Dettagli

conviene Certificarsi

conviene Certificarsi Provincia di Rimini Certificarsi conviene Le certificazioni ISO 14001 ed EMAS e il marchio ECOLABEL sono un vantaggio competitivo per le imprese che li adottano. Da oggi ottenerle è più facile grazie ai

Dettagli

Turismo sostenibile. rielaborazione da fonti ENEA a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena"

Turismo sostenibile. rielaborazione da fonti ENEA a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 Terre di Siena Turismo sostenibile rielaborazione da fonti ENEA a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena" LE CRITICITA' DI UNO SVILUPPO TURISTICO INSOSTENIBILE Le condizioni di

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

Che cosa è un criterio ecologico?

Che cosa è un criterio ecologico? Che cosa è un criterio ecologico? E un requisito che deve essere rispettato da un prodotto o da un produttore per dimostrare che quel dato prodotto o processo produttivo ha un impatto ambientale ridotto

Dettagli

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Introduzione ai marchi ed etichette ambientali e climatiche

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Introduzione ai marchi ed etichette ambientali e climatiche PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Introduzione ai marchi ed etichette ambientali e climatiche 1 Questo documento è stato realizzato nell ambito del progetto LIFE07ENV/IT/000357 LACRe, www.lacre.eu

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Premi EMAS 2014 Informazioni di base Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Introduzione Il Premio Europeo EMAS è il riconoscimento più prestigioso

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ECO-INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ AMBIENTALE... 3 L APPROCCIO PRO-ATTIVO DELL

Dettagli

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it POSITION PAPER Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE 1 La sostenibilità ambientale della carta prodotta da fibre vergini o riciclate è oggi uno dei fattori in grado di

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT:

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT: La carta utilizzata per stampare elenchi proviene tra il 30% ed il 40% di fibre riciclate e la restante parte è carta ecologica certificata FSC; La materia prima è acquistata presso Cartiere che adottano

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Innovazione nella tradizione: cultura dell Ambiente e sviluppo del

Innovazione nella tradizione: cultura dell Ambiente e sviluppo del Innovazione nella tradizione: cultura dell Ambiente e sviluppo del Territorio Relatore Ing.Abramo Vincenzi Responsabile Qualità e Vendite Terme di Sirmione S.p.A. OSSERVATORIO SUL TURISMO DEL GARDA Passione

Dettagli

A PROPO SITO DELL AMBIE NTE

A PROPO SITO DELL AMBIE NTE 07/2015 07/2014 A PROPO SITO DELL AMBIE NTE La prestazione ambientale di un prodotto consiste nell impatto delle fasi del suo ciclo di vita. Se la fase di design è fondamentale, anche tutte le altre, dalla

Dettagli

attività da loro intraprese.

attività da loro intraprese. IMQ Green Network IMQ Green Network Sempre più il green sembra andare di pari passo con la redditività. Lo ha dimostrato anche l edizione 2011 del Carbon Disclosure Project Global 500. Il Rapporto annuale

Dettagli

La gestione ambientale di un evento (specie se complesso e della durata di anni) fa parte integrante della sua progettazione, della sua

La gestione ambientale di un evento (specie se complesso e della durata di anni) fa parte integrante della sua progettazione, della sua SPUNTI E RIFERIMENTI PERLA GESTIONE AMBIENTALE DEI GRANDI EVENTI (proposte per Milano Expo 2015) Premessa La gestione ambientale di un evento (specie se complesso e della durata di anni) fa parte integrante

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

L'ecogestione nel settore della ricettività turistica: le Certificazioni ambientali e l'ecolabel Europeo. Laura Beneventi Arpa Umbria

L'ecogestione nel settore della ricettività turistica: le Certificazioni ambientali e l'ecolabel Europeo. Laura Beneventi Arpa Umbria IT FITS-FORUM ITALIANO TURISMO E SOSTENIBILITA Perugia, 10 maggio 2013 L'ecogestione nel settore della ricettività turistica: le Certificazioni ambientali e l'ecolabel Europeo Laura Beneventi Arpa Umbria

Dettagli

CONSIGLI DA SEGUIRE PER SCRIVERE IL TUO BUSINESS PLAN GREEN

CONSIGLI DA SEGUIRE PER SCRIVERE IL TUO BUSINESS PLAN GREEN biz plan green_copertina 07/09/2012 15:41 Pagina 1 CONSIGLI DA SEGUIRE PER SCRIVERE IL TUO BUSINESS PLAN GREEN biz plan green_copertina 07/09/2012 15:41 Pagina 2 Indice pag. 3 A chi si rivolge questa guida

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE 2013. [redatto il 24 febbraio 2014] falpi tutela l ambiente

BILANCIO AMBIENTALE 2013. [redatto il 24 febbraio 2014] falpi tutela l ambiente BILANCIO AMBIENTALE 2013 [redatto il 24 febbraio 2014] COS È E PERCHÈ REDIGERE IL BILANCIO AMBIENTALE. La crescente attenzione dell opinione pubblica e dei Governi alle problematiche ambientali legate

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

La valenza strategica della gestione ambientale

La valenza strategica della gestione ambientale Camera di Commercio di Ancona La valenza strategica della gestione ambientale 10 marzo 2008, 14.30-18.30 Antonio Tencati Università Bocconi antonio.tencati@unibocconi.it Stefano Pogutz Università Bocconi

Dettagli

gli appunti per le Buone pratiche * estratto dal testo completo delle Linee Guida * per fornitori di servizi turistici e autorità locali

gli appunti per le Buone pratiche * estratto dal testo completo delle Linee Guida * per fornitori di servizi turistici e autorità locali gli appunti per le Buone pratiche * estratto dal testo completo delle Linee Guida * per fornitori di servizi turistici e autorità locali IL PROGETTO ECORUTOUR è un progetto europeo che si propone di promuovere

Dettagli

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale Contatti Servizi audiovisivi della Commissione Europea http://ec.europa.eu/avservices/home/index_en.cfm. Sito web sull agricoltura biologica della Commissione

Dettagli

Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli

Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli va letto tramite CRITERI OGGETTIVI che si esprimono nelle Certificazioni/Strumenti individuati dal VI programma d Azione per l Ambiente UE (2002 2012) e e dalla Nuova

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI

MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI DCO 26/09 MECCANISMO DI CONTROLLO DELLA VENDITA AI CLIENTI FINALI DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Documento per la consultazione Mercato di incidenza: energia elettrica 27 luglio 2009 Premessa

Dettagli

LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI

LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI LA CERTIFICAZIONE LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI ECOEVENTS è la prima società di eventi italiana certificata ISO 14001. La prima ad offrirvi la progettazione e la realizzazione di eventi che fanno

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione. Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl

Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione. Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl Piacenza, 22 Novembre 2013 Agricoltura e Sostenibilità Perchè l agricoltura ha la necessità

Dettagli

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Workshop MILANO 15 NOVEMBRE 2011 Valter Molinaro Coop Lombardia per l ambiente e la sostenibilità Il cittadino può determinare le dinamiche che

Dettagli

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio

Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Il Divulgatore n 6/2006 Aziende agricole in Eco-gestione pagg.26-39 Ecolabel, pro dotti e servizi a marchio Una margherita per identificare un prodotto o un servizio che lungo tutto il suo ciclo di vita

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

ANALISI DEL SOSTENIBILE DEI MATERIALI CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE. Sponsorizzato da:

ANALISI DEL SOSTENIBILE DEI MATERIALI CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE. Sponsorizzato da: ANALISI DEL CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE SOSTENIBILE DEI MATERIALI numero 14 gennaio 2011 2 Sommario{ 3 Introduzione 4 Certificazioni e controlli per le costruzioni 5 I servizi per la sostenibilità

Dettagli

IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE LOCALI?

IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE LOCALI? COMUNE DI REGGIO EMILIA Assessorato Ambiente e Città Sostenibile Assessorato gli Affari Istituzionali Assessorato Decentramento e Partecipazione IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO, ENERGIA RINNOVABILE E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI

RISPARMIO ENERGETICO, ENERGIA RINNOVABILE E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI RISPARMIO ENERGETICO, ENERGIA RINNOVABILE E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI di Fabrizio Piva CCPB srl Bologna fpiva@ccpb.it BIOENERGY Verona 04.02. 2010 1 SOMMARIO CHI SIAMO LA SITUAZIONE A LIVELLO EUROPEO GLI

Dettagli

CAPITOLO 2 RAPPORTO DI SOSTENIBILITÀ 2010 GREEN ECONOMY

CAPITOLO 2 RAPPORTO DI SOSTENIBILITÀ 2010 GREEN ECONOMY CAPITOLO 2 RAPPORTO DI SOSTENIBILITÀ 2010 GREEN ECONOMY CAPITOLO 2 / GREEN ECONOMY A cura del Prof. Carlo Alberto Pratesi Università Roma 3* Cosa si deve intendere oggi per Green Economy Disoccupazione,

Dettagli

Il nostro impegno verso la sostenibilità

Il nostro impegno verso la sostenibilità 1 Il nostro impegno verso la sostenibilità IT 2013 2 APPROCCIO DI DANI ALLA SOSTENIBILITÀ APPROCCIO DI DANI ALLA SOSTENIBILITÀ Nato come piccola conceria a conduzione familiare nel 1950, il gruppo Dani

Dettagli

Lo Sviluppo sostenibile della destinazione turistica

Lo Sviluppo sostenibile della destinazione turistica Pavia, 28 febbraio 2012 Sviluppo turistico sostenibile e valorizzazione del territorio in un ottica di responsabilità sociale Stefania Bassi s.bassi@fultura.it www.fultura.it Sviluppo turistico e valorizzazione

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International I.P. Europe & International LA storia VErA degli IMBALLAGGI VErdI SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. /gogreen Guardate il video Una storia vera Affermazioni green Fatti green Green Range L IMBALLAGGIO

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

Principi di politica ambientale

Principi di politica ambientale Principi di politica ambientale a. Il principio chi inquina paga (polluters payers principle) Se l inquinamento ambientale crea una divergenza tra costo privato e costo sociale (l esternalità), un criterio

Dettagli

GLI OBIETTIVI R 2.864"

GLI OBIETTIVI R 2.864 CHI SIAMO 6 5 La nam nasce dalla nostra scelta di lavorare nel mondo del riciclo e del riuso unendo la passione e professionalità per sviluppare un diverso concetto di eco sostenibilità. L attività si

Dettagli

Roma, 22 giugno 2015 STATI GENERALI SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI E SULLA DIFESA DEL TERRITORIO: IL CONTRIBUTO DI CONFESERCENTI. 1 Chi è Confesercenti

Roma, 22 giugno 2015 STATI GENERALI SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI E SULLA DIFESA DEL TERRITORIO: IL CONTRIBUTO DI CONFESERCENTI. 1 Chi è Confesercenti Roma, 22 giugno 2015 STATI GENERALI SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI E SULLA DIFESA DEL TERRITORIO: IL CONTRIBUTO DI CONFESERCENTI 1 Chi è Confesercenti Fondata a Roma nel 1971, la Confesercenti è una delle principali

Dettagli

Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby.

Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby. Il riciclo che vale Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby. chi è GARBY L obiettivo: evolvere la raccolta testata e certificata di qualità. Garby organizza, attraverso tecnologie innovative e automatiche,

Dettagli

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo Regolamento 30 Dicembre 2009 n. 36 della Regione Puglia dei Regimi di Aiuto in esenzione per le imprese turistiche Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di

Dettagli

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale Azienda leader nel campo della nutrizione, della salute e del benessere, Nestlé ambisce a migliorare

Dettagli

Abbiamo un modo più verde di stampare i tuoi documenti.

Abbiamo un modo più verde di stampare i tuoi documenti. Abbiamo un modo più verde di stampare i tuoi documenti. Simitri con Biomasse Simitri HD con Biomasse Il toner Simitri di Konica Minolta compie 10 anni Konica Minolta quest anno celebra un importante ricorrenza:

Dettagli

Riciclo e recupero dell alluminio

Riciclo e recupero dell alluminio Capitolo 13 Riciclo e recupero dell alluminio 13.1. Alluminio e sviluppo sostenibile È sviluppo sostenibile quello in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la capacità

Dettagli

Avviso 1.2014 Fondimpresa. Proposte percorsi Formativi AMBIENTE

Avviso 1.2014 Fondimpresa. Proposte percorsi Formativi AMBIENTE Avviso 1.2014 Fondimpresa Proposte percorsi Formativi AMBIENTE Queste sono alcune delle proposte possibili; qualora siano individuate dalle aziende ulteriori necessità si prega di contattare l Ufficio

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

F&B PACKAGING. Food and Beverage Packaging I punti chiave

F&B PACKAGING. Food and Beverage Packaging I punti chiave F&B PACKAGING Food and Beverage Packaging I punti chiave PREMESSA La presente linea guida fornisce indicazioni generali sulle questioni fondamentali che caratterizzano la filiera del packaging, con un

Dettagli

Tabella dei principali marchi ambientali e sociali di prodotto e di processo

Tabella dei principali marchi ambientali e sociali di prodotto e di processo UNI-EN ISO TR 14021 International Organization for Standardization Autodichiarazioni ambientali per prodotti e servizi di consumo a scopo informativo senza obbligo di verifica esterna indipendente. Ad

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

IL CICLO DELLE RISORSE ALIMENTARI Sostenibilità ambientale della produzione alimentare: trasformazione,trasporto,distribuzione 14 maggio 2009 Massimo Mauri ARPA Lombardia Indice: 1. Sostenibilità e salubrità

Dettagli

Soluzione per la deumidificazione delle serre

Soluzione per la deumidificazione delle serre Soluzione per la deumidificazione delle serre Perché ti serve DryGair? Prezzi dell energia elevati Durante l ultimo decennio, i prezzi dell energia sono aumentati rapidamente. Questi prezzi elevati hanno

Dettagli

Ferrara, 23 MAGGIO 2013 W.Bertozzi

Ferrara, 23 MAGGIO 2013 W.Bertozzi Standard qualitativi di prodotto (obbligatorietà e valore aggiunto): gli standard e i disciplinari di Remade in Italy Ferrara, 23 MAGGIO 2013 W.Bertozzi Come sono nate le certificazioni aziendali? Storicamente

Dettagli

STRATEGIE REGIONALI DELLA PROMOZIONE TURISTICA

STRATEGIE REGIONALI DELLA PROMOZIONE TURISTICA STRATEGIE REGIONALI DELLA PROMOZIONE TURISTICA Marzia Baracchino Responsabile Settore promozione Turistica PIANO STRATEGICO REGIONALE per il TURISMO PIANO STRATEGICO REGIONALE per il TURISMO miglioramento

Dettagli

Centro di Educazione al Consumo Sostenibile

Centro di Educazione al Consumo Sostenibile Centro di Educazione al Consumo Sostenibile Regione Liguria Ferrara, 19 ottobre 2007 - Chiara Scalabrino, ARPAL-CREA 1 Premessa Oggi il consumatore: - con le sue scelte contribuisce a costruire l offerta

Dettagli

IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO

IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO LA NORMA ISO 14001/2015 Il cantiere e l ambiente Il cantiere a differenza

Dettagli

Green Globe Banking Conference. Martedì 15 giugno 2010 Atrium SIA SSB Via Taramelli, 26 Milano

Green Globe Banking Conference. Martedì 15 giugno 2010 Atrium SIA SSB Via Taramelli, 26 Milano RISORSAMBIENTE Green Globe Banking Conference Martedì 15 giugno 2010 Atrium SIA SSB Via Taramelli, 26 Milano La Banca delle Comunità Locali Costituita nel 1893, quale banca locale, la Cassa Rurale di Treviglio

Dettagli

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, nata e promossa nel 2004 dall associazione internazionale Slow Food con la collaborazione delle regioni

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO Gianmarco Manzone Divisione Banca dei Territori Ufficio Finanziamenti e Confidi 1 Roma, 22 ottobre 2008 La storia di Intesa Sanpaolo 1998 2000

Dettagli

Confesercenti Emilia Romagna

Confesercenti Emilia Romagna Studio di fattibilità e sperimentazione di un modello di etichetta ecologica applicato al settore della ristorazione e proposta di una Carta volontaria del ristorante sostenibile in Emilia Romagna Confesercenti

Dettagli

CAPITOLO 8 CERTIFICAZIONI

CAPITOLO 8 CERTIFICAZIONI CAPITOLO 8 CERTIFICAZIONI Autori: Antonio Notaro, Salvatore Caldara, Salvatore Giarratana, Giuseppina Pizzo. L impatto delle attività produttive dell uomo sull ambiente sono sempre più evidenti e disastrose,

Dettagli

Gli acquisti verdi a Reggio Emilia

Gli acquisti verdi a Reggio Emilia COMUNE DI REGGIO EMILIA Assessorato Ambiente e Città Sostenibile Assessorato gli Affari Istituzionali Assessorato Decentramento e Partecipazione Gli acquisti verdi a Reggio Emilia Cremona 9 ottobre 2008

Dettagli

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE.

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. 1 Una Banca attenta all ambiente: la Politica Ambientale Nel quadro delle attività di responsabilità sociale e ambientale,

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009 Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna 9 gennaio 2009 1 COS È EMAS Acronimo inglese per : Eco Management and Audit Scheme Significa: Sistema di Gestione Ambientale basato sulla Ecogestione

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

Calabria 4 e 5 novembre 2009

Calabria 4 e 5 novembre 2009 SEMINARIO FORMATIVO: IL GREEN PUBLIC PROCUREMENT Calabria 4 e 5 novembre 2009 Dr.ssa Monica Giusto Consulente Ambientale SOMMARIO Definizione GPP Obiettivi GPP Normativa europea Normativa italiana PAN

Dettagli

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO Aggiornato il 9 luglio PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie...

Dettagli

Progetto interregionale cicloturismo

Progetto interregionale cicloturismo Progetto interregionale cicloturismo 1 Indice 1 Premessa...2 2 Titolo del progetto...3 3 Obiettivi...3 4 Descrizione generale...3 5 Azioni previste...4 6 Dettaglio fasi...5 Fase preliminare...5 Fase di

Dettagli

Breve storia. Nel 1960 iniziano le prime produzioni artigianali (candeggine, ammorbidenti ecc.)

Breve storia. Nel 1960 iniziano le prime produzioni artigianali (candeggine, ammorbidenti ecc.) Madel S.p.A. Maurizio Ricci Direzione tecnica Green Economy in Emilia Romagna Casa Matha Ravenna, 30 settembre 2010 Breve storia Inizialmente l attività di Madel era principalmente focalizzata sulla commercializzazione

Dettagli

XVII Master in Marketing Management Project Work

XVII Master in Marketing Management Project Work XVII Master in Marketing Management Project Work GREEN MARKETING Baveno 14/02/2014 Letizia Marzulli Roberta Pazienza Serena Zammartini Vito Macaddino COS È IL GREEN MARKETING? Un APPROCCIO DEL MARKETING

Dettagli

Analisi strategica di Esselunga s.p.a. Angela Laura Ficili, Federica Biondi, Sara Galli, Ivan Ialonardi

Analisi strategica di Esselunga s.p.a. Angela Laura Ficili, Federica Biondi, Sara Galli, Ivan Ialonardi Analisi strategica di Esselunga s.p.a. Angela Laura Ficili, Federica Biondi, Sara Galli, Ivan Ialonardi STORIA 1957: nasce a Milano, da un idea di Bernardo Caprotti e Nelson Rockfeller, il primo negozio

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Direzione Generale dell Ambiente Servizio della Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistemi Informativi (SAVI) AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL

Dettagli

Consigliati per l'impegno in difesta dell'ambiente Il label di Legambiente

Consigliati per l'impegno in difesta dell'ambiente Il label di Legambiente Consigliati per l'impegno in difesta dell'ambiente Il label di Legambiente COS'E' UN ETICHETTA ECOLOGICA Con una etichetta ecologica l'impresa si assume volontariamente l'impegno a ridurre l'inquinamento

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna Bologna, 30 Aprile 2015 Ortensina Guidi Intercent-ER 1 Intercent-ER: ruolo e obiettivi L Agenzia Intercent-ER è la centrale di committenza delle Pubbliche

Dettagli

La qualitàdel accoglienza turistica

La qualitàdel accoglienza turistica La qualitàdel accoglienza turistica Turismopertutti: l accoglienzadiqualitàel eccelenzadeiservizi Ciclodiseminariinfo-formativi Roma Febbraio-Luglio2014 Laqualitàpercepitadaicitadininelvivereilteritorio

Dettagli

ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Servizio Appalti e Contenzioso U.O. APPALTI, CONTRATTI E PROVVEDITORATO ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA La

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli