CONTROLLO DELL'INQUINAMENTO AMBIENTALE con particolare riferimento all'atmosfera nel territorio di Castrovillari e nel suo comprensorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTROLLO DELL'INQUINAMENTO AMBIENTALE con particolare riferimento all'atmosfera nel territorio di Castrovillari e nel suo comprensorio"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "E. FERMI" CASTROVILLARI Via Piero della Francesca Tel Fax Dis. Scol. n. 19 Cod. Min. CSTF REGIONE CALABRIA Assessorato all'ambiente ITIS "E. Fermi" Castrovillari CONTROLLO DELL'INQUINAMENTO AMBIENTALE con particolare riferimento all'atmosfera nel territorio di Castrovillari e nel suo comprensorio Finanziamento Regione Calabria Dip. 5 Settore 17 Tutela dell'ambiente dall'inquinamento Prof. Giovanni Malagrinò Prof. Giuseppe Piloro Prof. Francesco Volpe Alunni della V sez. A e B corso Chimico a.s. 2001/02

2 INDICE 1 PREMESSA 2 LA MATRICE ARIA 3 IL PROBLEMA DELL AMBIENTE 4 INQUINAMENTO DELL ARIA 5 GLI INQUINANTI DELL ATMOSFERA 6 CARATTERISTICHE E EFFETTI DEI PIU COMUNI INQUINANTI SULLA SALUTE UMANA 7 PARAMETRI PER LA CARATTERIZZAZIONE DELLA QUALITA DELL ARIA 8 - ANALISI DELL'ARIA: LE STRATEGIE E I METODI 9 - ANALISI DELL'ARIA: INTRODUZIONE AI RISULTATI 10 - ANALISI DELL'ARIA: I RISULTATI 11 - ANALISI DELL'ARIA: CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI BIBLIOGRAFIA 2

3 1 -PREMESSA Questo breve lavoro è indirizzato a coloro che sui giornali o alla tv sentono continuamente parlare di inquinamento e vorrebbero saperne di più. Questo desiderio non è solo una sana curiosità intellettuale: vi sono sufficienti ragioni per pensare che l argomento sia di vitale importanza per tutti. L alterazione dell ambiente provocata da molte delle attività umane rende concreto il pericolo di catastrofi ecologiche, quali sconvolgenti cambiamenti di clima o la sostituzione di terre ricoperte di vegetazione con estese superfici di deserto. L inquinamento è un soggetto che interessa la vita di ognuno di noi : ogni aumento della quantità di sostanze estranee emesse nell ambiente corrisponde ad un peggioramento delle condizioni generali di vita. Se aumenta l inquinamento, vi saranno sempre più malattie polmonari e maggiore incidenza dei tumori. E possibile combattere tutto questo? Perché questo si realizzi è necessario che si crei una volontà comune che pesi sulle scelte di coloro che politicamente ed economicamente decidono. A sua volta la formazione di questa volontà richiede la conoscenza, almeno su grandi linee, di come certe azioni producano certi effetti. Il fenomeno dell inquinamento presenta molteplici aspetti, tutti connessi tra loro : occorre sapere da dove gli inquinanti provengono, quali sostanze e quali processi ne emettono in maggiore quantità, come gli inquinanti si diffondono, come si trasformano chimicamente, quali effetti provocano. E necessario infine avere una idea delle possibili azioni che possono ridurre al minimo la quantità delle sostanze immesse nell ambiente. Nell ambito più generale di qualità della vita, l aria occupa, accanto all acqua, al suolo e al benessere sociale, una posizione sicuramente predominante. Nonostante ciò è forse il bene più insidiato; sono sempre più frequenti e di dominio pubblico esempi di veri e propri disastri ambientali, oltre a casi in cui i danni possono sembrare meno preoccupanti 3

4 solo perché l effettiva portata il più delle volte è ignorata. A causa di ciò diventa sempre più importante poter disporre di mezzi di valutazione il più possibile rappresentativi della qualità dell aria. L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha individuato tre effetti principali degli inquinanti atmosferici sulla salute in caso di prolungata esposizione (1): tossicità ematica tossicità genetica cangerogenicità Pertanto la presenza sul territorio di una rete di rilevamento dell inquinamento atmosferico consentirebbe di conoscere lo stato delle qualità dell aria e di seguirne l evoluzione. E evidente come tramite le conoscenze fisiche ed antropiche del territorio è possibile l individuazione di indicatori, che permettono, in sinergia con gli enti preposti alla salvaguardia dell ambiente, di creare condizioni utili a migliorare la qualità della vita. Sulla base di queste premesse l ITIS E.Fermi di Castrovillari ha costituito un gruppo di lavoro che ha proposto un progetto mirante a valutare la qualità dell atmosfera, nel territorio di Castrovillari e del suo hinterland, con particolare riferimento all area ricadente nella zona del Parco del Pollino, per rilevare la presenza di diversi inquinanti e determinare la loro concentrazione. Le attività programmate consistono: studio dell aria e dell inquinamento atmosferico per familiarizzare gli allievi alle tematiche da sviluppare nel corso del progetto; analisi della qualità dell aria, ovvero raccolta di dati sperimentali mediante misurazioni effettuate sul posto, con un laboratorio mobile, appositamente attrezzato per le rilevazioni di interesse; la divulgazione dei risultati ottenuti mediante la produzione di un cd-rom. 4

5 Tali attività hanno visto coinvolti anche gli alunni delle scuole medie inferiori presenti sul territorio, con interventi teorici, pratici, applicativi nei quali sono intervenuti gli allievi del nostro istituto con funzioni di tutoraggio e sensibilizzazione. 2 LA MATRICE ARIA L atmosfera terrestre, detta comunemente aria, è un enorme involucro gassoso costituito da aria vera e propria e cioè da una miscela di azoto, ossigeno, di vapore acqueo, di vari altri gas e di particelle liquide e solide sospese. L atmosfera viene suddivisa in un certo numero di regioni stratiformi concentriche con la terra, caratterizzate da un diverso stato termico, elettrico e da proprietà e composizioni differenti. Altezza ( Km ) termosfera Mesopausa Stratopausa mesosfera stratosfera 6 17 Tropopausa troposfera t ( C) Fig. 1 Andamento schematico della temperatura dell aria in funzione della quota 5

6 La troposfera, regione caratterizzata da una diminuzione costante di temperatura di circa 6 C/Km in altezza, contiene i ¾ dell aria e quasi tutto il vapore acqueo ed è la zona interessata all inquinamento atmosferico. In tabella n.1 è riportata la composizione di questa regione. TABELLA N.1: Composizione media della bassa atmosfera (aria secca) Gas Peso molecolare (P.M.) approssimato Composizione in Volume( * ) Composizione in peso % ppm % ppm Massa totale (g) Azoto (N2) Ossigeno Argo (A) Anidride carbonica Neon (Ne) Elio (He) Metano Cripto (Kr) Ossido nitroso Idrogeno Xeno (Xe) (*) In condizioni standard: t = 0 C; p = 760 mmhg 6

7 Nella stratosfera la temperatura cessa di diminuire e l aria che la costituisce ha ancora una composizione percentuale identica quella della troposfera ma con limitata umidità. Nella mesosfera la temperatura ricomincia a decrescere per poi riprendere repentinamente a ricrescere nella termosfera. 3 IL PROBLEMA DELL AMBIENTE L ambiente è tutto ciò che ci circonda: aria, acqua e suolo. Nell ambiente oltre all uomo vivono molte altre specie animali e vegetali. Esse utilizzano l ambiente per la propria vita: l aria per respirare, il suolo e l acqua per il nutrimento. Qualsiasi attività vitale, ed in particolare quella umana, altamente organizzata, tende in qualche modo a modificare l ambiente circostante. Non vi è niente di allarmante in tutto questo: l ambiente, anche quello atmosferico, possiede i mezzi per ammortizzare e riportare sotto controllo queste variazioni, se esse non superano certi limiti. Tuttavia, tutto ha un limite e in molti casi questo limite è pericolosamente vicino a essere superato. L inquinamento atmosferico è stato definito come l accumulo di sostanze in concentrazioni tali da provocare danni temporanei o permanenti ad uomini, animali, piante, beni. La società moderna è caratterizzata da una grande facilità di spostamento; copriamo sempre maggiori distanze in sempre minor tempo ed abbiamo sempre una maggiore autonomia individuale di movimento. Quest ultimo fatto si realizza grazie alla larghissima diffusione dell automobile. Chiunque abbia frequentato una scuola guida sa come funzione un motore a combustione interna. Una miscela di aria e combustibile viene aspirata in una camera di scoppio e viene accesa mediante una scintilla o per compressione. Il risultato principale della combustione è la formazione di anidride carbonica ed acqua. Tuttavia, accanto a queste, i gas di scarico delle automobili contengono altre sostanze: ossido di carbonio, ossidi di azoto, idrocarburi, materiale 7

8 particolato sotto forma di fuliggine e di composti del piombo e, nel caso di motori diesel, una certa quantità di ossidi di zolfo. Un tempo si guardava all aria e all acqua come riserve immense, in grado di assorbire i rifiuti senza subire modificazioni. La quantità di sostanze immesse nell aria e nell acqua, nei paesi industriali, è diventata così grande da sporcare permanentemente sia l aria che l acqua. Solo negli ultimi decenni si è cominciato a prendere coscienza del problema ambiente. E nata così la scienza dell ambiente. La tutela dell ambiente, indispensabile per la salvaguardia della vita stessa, diventa urgente e necessaria. 4 INQUINAMENTO DELL ARIA l inquinamento atmosferico determina una modificazione della normale composizione dello stato fisico dell aria atmosferica, dovuta alla presenza nella stessa di una o più sostanze in quantità e con caratteristiche tali da alterare le normali condizioni ambientali e di salubrità dell ari; da costituire pericolo ovvero pregiudizio diretto o indiretto per la salute dell uomo; da compromettere e alterare le risorse biologiche, gli ecosistemi, i beni materiali pubblici e privati. 5 GLI INQUINANTI DELL ATMOSFERA Il numero degli inquinanti primari emessi nell atmosfera ammontano a qualche centinaio. Se facciamo riferimento alla quantità globale di tutti gli inquinanti emessi, vediamo che cinque di essi contribuiscono da soli a più del 95% del totale. Questi inquinanti sono: l ossido di carbonio, il biossido di zolfo, gli ossidi di azoto, gli idrocarburi, il materiale particolato. La concentrazione di questi inquinanti con quella dell ozono, viene utilizzata come indice della qualità di un aria, e la legge fissa i valori massimi che queste concentrazioni possono raggiungere. Nell atmosfera, inoltre, le sostanze così dette primarie subiscono delle trasformazioni reagendo tra loro con i costituenti fondamentali dell aria, dando luogo a inquinanti secondari in numero ancora maggiore. 8

9 Inquinanti contenenti zolfo Figura 2: Mascherina antiinquinamento I principali composti dello zolfo presenti nell atmosfera sono: SO 2, SO 3, H 2 S, i solfuri e i mercaptani. SO 2 è un inquinante primario che è immesso nell atmosfera come prodotto della combustione di benzine e gasoli. Le più comuni fonti di SO 2 sono: auto, impianti di riscaldamento, industrie quali fonderie e raffinerie, impianti di incenerimento e centrali termoelettriche. Le emissioni di SO 2 sono distribuite in modo non uniforme; si considera più inquinata la zona tra il 30 e 60 di latitudine nord fino alla quota di m, in quanto questa parte dell atmosfera, che rappresenta circa il 20% del totale, può essere considerata anche per tempi lunghi un sistema isolato. L anidride solforosa a contatto con l ossigeno si ossida producendo SO 3, che, pertanto, può essere considerato un inquinante secondario. L anidride solforica reagisce con l acqua facilmente presente trasformandosi in acido solforico e solfati, i quali producono atmosfere inquinanti a carattere acido e riducente, come quelle di Londra e di Los Angeles. L H 2 S produce inquinamenti rilevanti solo in quelle aree nelle quali esistono particolari attività industriali, quali ad esempio concerie, raffinerie e cartiere. L H 2 S non è mai solo, ma sempre lo si trova accompagnato da mercaptani e da solfuri organici; esso si ossida facilmente a SO 2. 9

10 ENTRANO t/anno ATMOSFERA ESCONO PER Cause naturali (trascurabili) tra 30 E 60 N vulcani Attività umane 7x 10 7 Auto 1.8 x 10 6 SO 2 Industrie 9 x x 10 6 t PRECIPITAZIONI Riscaldamento 5.4 x 10 6 Impianti d incenerimento 2.7 x p.p.b. EFFETTO Centrali termoelettriche 4.5 x 10 7 GRAVITAZIONALE Figura 3 :Bilancio approssimato dell anidride solforosa (SO2) nella porzione di atmosfera compresa tra 30 e 60 di latitudine nord fino alla quota di metri. Inquinanti contenenti azoto L azoto è presente nell atmosfera sotto forma di ossidi, indicati generalmente con NOX, di acido nitrico e di ammoniaca. Gli ossidi di azoto presenti nell atmosfera sono : l ossido di azoto (NO), il biossido di azoto (NO 2 ) in equilibrio con il dimero (N 2 O 4 ) e l anidride nitrica (N 2 O 5 ). Essi si formano dalla combustione di sostanze organiche e sono principalmente prodotti nei motori a scoppio e nella combustione del metano. L anidride nitrica si idrata facilmente con formazione di acido nitrico (HNO 3 ) che può essere immesso anche direttamente, ma solo a livello locale, dalle industrie che lo producono o lo manipolano. L ammoniaca (NH 3 ) viene prodotta dalle industrie locali, che la manipolano, e da processi di putrefazione e di combustione di sostanze organiche. Tale 10

11 sostanza conferisce all atmosfera un carattere basico non sufficiente a neutralizzare gli acidi presenti in essa. Altri composti dell azoto, rinvenuti in atmosfere inquinate, sono i perossiacilnitrati, che sono prodotti secondari di complesse reazioni fotochimiche. Figura 4 ENTRANO t/anno ATMOSFERA ESCONO PER Cause naturali 1.8 x 10 4 tra 30 E 60 N Reazione biologica 1.8 x 10 4 Attività umane 4.5 x 10 7 Auto 1.8 x 10 7 TRASFORMAZIONI Industrie 1.8 x x 10 6 t IN NITRATI Centrali termoelettriche 5.4 x 10 6 Riscaldamento 1.8 x p.p.b. INTERAZIONI CON Impianti d incenerimento 1.8 x 10 6 LA VEGETAZIONE NO x Bilancio approssimato degli ossidi di azoto (NOx) nella porzione di atmosfera compresa tra 30 e 60 di latitudine nord fino alla quota di metri. Da tale bilancio è escluso l ossido nitroso (N2O) costituente naturale dell atmosfera. Inquinanti contenenti carbonio Il più comune è l anidride carbonica (CO 2 ), ma notevole importanza riveste anche il monossido di carbonio (CO), il quale, prodotto dalla combustione incompleta delle sostanze organiche in difetto di ossigeno, viene immesso nell atmosfera dagli scappamenti degli autoveicoli, soprattutto quando questi ultimi bruciano miscele molto ricche. Questa quantità si aggiunge a quella che viene generata nella troposfera a partire dal metano. Tuttavia, vi sono altre 11

12 fonti che contribuiscono notevolmente alla produzione di monossido di carbonio: incendi di boschi, processi di incenerimento di rifiuti, combustioni agricole di sterpaglia, di residui di raccolti e di vegetazioni. Anche alcune attività industriali specifiche contribuiscono all inquinamento di monossido di carbonio. Tra queste ricordiamo l industria cartaria, petrolifera e di fonderia. Un altra sorgente di CO, a livello di ambienti ristretti, è il fumo di tabacco. La concentrazione di CO delle città è, a causa del traffico, ben superiore a 0,1 ppm, che costituiscono il valore normale di un area non inquinata. Le zone di pesante traffico e dove barriere architettoniche, come sottopassaggi e gallerie, impediscono la libera circolazione dell aria, si possono raggiungere per qualche secondo concentrazioni di ppm. Questo è ovviamente un caso limite, ma media di ppm nei centri cittadini e di 4-5 ppm nelle zone residenziali non sono rare. Figura 5 ENTRANO t/anno INTERA ATMOSFERA ESCONO PER Cause naturali 1.8 x Vulcani 9 x 10 9 FOTOSINTESI 1.8 x Decomposiz. Sost. org. 1.8 x Respirazione 9 x 10 8 CO x t ASSORBIMENTO NEGLI Attività umane 1.8 x OCEANI 325 p.p.b. Combustione 1.8 x Industrie 1.8 x 10 5 REAZIONE CON LE ROCCE Bilancio approssimato dell anidride carbonica (CO2) nell intera atmosfera. 12

13 Idrocarburi Le diverse categorie di idrocarburi hanno differenti proprietà, utilizzazioni, nocività. Idrocarburi inquinanti sono quelli insaturi e aromatici, che sono immessi nell atmosfera assieme ai prodotti delle combustioni, condotte sia a volume costante (motori a combustione interna) sia a pressione costante (centrali termiche, impianti di incenerimento). Ad esempio, l etilene, se presente nell atmosfera, rallenta la crescita delle piante interferendo con gli ormoni che ne regolano il metabolismo. Particolato (Particelle sospese) Nell atmosfera sono presenti anche microscopiche goccioline liquidi o piccole particelle solide a cui viene dato complessivamente il nome di particolato atmosferico. Particelle e goccioline possono formarsi con vari meccanismi di condensazione e di dispersione. Una parte di questi processi, anzi, ancora una volta, la maggior parte, considerando l atmosfera nel suo complesso sono di origine naturale. Le dimensioni del particolato sono molto variabili e possono andare un millesimo di micron fino a qualche millimetro. Di seguito sono riportate le dimensioni di alcuni costituenti il particolato (il diametro espresso in micron): 13

14 nerofumo 0,001-0,3 Fumo di tabacco 0,01-0,2 Aerosol di piombo 0,1-5 Pigmenti di vernici 0,1-10 Pesticidi 0,5-10 Nebbia 1-50 Emissioni di cementifici Ceneri Sabbia sollevata dal vento Il particolato atmosferico può diffondere la luce del sole riemettendola in tutte le possibili direzioni; il risultato è che una quantità minore di luce raggiunge la superficie della Terra. Questo fenomeno presenta effetti locali, per esempio la diminuzione di visibilità, ed effetti globali, come una possibile influenza sul clima. La presenza del particolato favorisce la formazione delle nebbie, perché le particelle forniscono nuclei intorno a cui condensarsi alle microscopiche goccioline che formano la nebbia. 14

15 Figura 6 ENTRANO t/anno ATMOSFERA ESCONO PER Cause naturali 10 8 tra 30 E 60 N Nebbia 2.7 x 10 8 GRAVITA Polveri naturali 5.5 x 10 7 Particelle Polveri meteoriche 1 x 10 3 IMPATTO Attività umane x 10 7 t Polveri e ceneri industriali 2.7 x 10 7 FORMAZIONE DI NUCLEI Scarico rifiuti solidi 1.8 x 10 6 DI CONDENSAZIONE Composti di zolfo 5.5 x µg/m 3 Riscaldamento 1.8 x 10 6 DILAVAMENTO Autoveicoli 1.8 x 10 6 Bilancio approssimato delle particelle sospese nella porzione di atmosfera compresa tra 30 e 60 di latitudine nord fino alla quota di metri. 6 CARATTERISTICHE E EFFETTI DEI PIU COMUNI INQUINANTI SULLA SALUTE UMANA E cosa ormai ben nota che la presenza nell atmosfera di alcune sostanze di cui ci stiamo occupando, non sia particolarmente conveniente per l uomo e per il mantenimento di un buono stato di salute. Molte sostanze esplicano i loro effetti patologici quando sono presenti in concentrazioni molto basse; Spesso l'attività di una sostanza è amplificata dalla presenza di altre che reagiscono con essa o servono da veicolo per dirigerla verso particolari organi del corpo umano; alcuni prodotti chimici si accumulano in certi organi e vi permangono 15

16 per un tempo molto lungo. Per esempio idrocarburi clorurati sono stati riscontrati nel sangue di individui che avevano vissuto per qualche tempo in aree nel quale era presente un elevata concentrazione di queste sostanze, molti anni dopo che gli individui in questione avevano abbandonato tale area. Dunque, gli effetti della esposizione agli inquinanti possono manifestarsi con molto ritardo. Le ricerche su questo punto devono necessariamente essere condotte con la collaborazione di esperti in diversi campi (tossicologi, fisiologi, chimici, fisici e medici del lavoro. Gli effetti degli inquinanti sulla salute umana sono molto diversi e dipendono dalle proprietà chimico fisiche delle molecole che compongono gli inquinanti stessi. DI seguito sono descritti gli effetti dei più comuni inquinanti ambientali. Ozono E il principale rappresentante dello smog fotochimico. Alle concentrazioni di 0,05 ppm inizia la percezione del suo caratteristico odore, a 0,1 ppm produce secchezza delle mucose, a 1 ppm si hanno dolori di capo e solo a livelli elevati, cioè a concetrazioni maggiori di 1,7 ppm, si può avere congestione ed edema polmonare. Ossidi di azoto Il biossido di azoto (NO2) è il rappresentante del gruppo degli ossidi di azoto, in quanto NO, N2O, N2O3, N2O4, N2O5 tendonon a trasformarsi in NO2 per reazioni chimiche che avvengono nell atmosfera. A concentrazioni di 1-3 ppm inizia la percezione del suo odore, a ppm si ha irritazione delle mucose, dosi ancora più elevate possono provocare gravi conseguenze, come a circa 150 ppm bronchiolite e a circa 500 ppm, anche per esposizioni di pochi minuti, edema polmonare e morte. Come effetto cronico sono descritte fibrosi polmonari ed enfisema polmonare conseguenti ad esposizioni di ppm. 16

17 Anidride solforosa Gli ossidi di zolfo sono inquinanti molto comuni, derivanti dalla combustione dove per ogni parte di SO3 si producono in generale parti di SO2. Al di sotto dei 25 ppm gli effetti irritanti dell SO2 sono limitati alle congiuntiviti ed al tratto superiore dell apparato respiratorio con aumento delle secrezioni, ciò, in quanto trattasi di un gas altamente solubile. Alle concentrazioni di 0,3 ppm è avvertito come odore sgradevole, a 1ppm il polso accelera così come il respiro, a 1,6 ppm sono stati descritti fenomeni di bronco-costrizione, a 10 ppm causa irritazioni ad occhi naso e gola. Le conseguenze a lungo termine per esposizioni a bassi livelli sono di alta incidenza di naso-faringitti, tosse insistente ed espettorazione abbondante. Particolato Il particolato può essere considerato in linea generale costituito da due grandi frazioni: le particelle di diametro maggiore a 10 micron, di origine naturale e che il corpo può bloccare meccanicamente, e particelle di 0,1 micron che possono giungere fino agli alveoli polmonari e di lì passare direttamente nel sangue e derivano dalla combustione o dai processi industriali. Quest ultima è la frazione più pericolosa perché l organismo non ha sviluppato nessuna difesa meccanica contro queste particelle. Nel particolato sono presenti diverse sostanze inquinanti, tra le quali quelle più pericolose sono sicuramente il piombo, il mercurio e l asbesto i cui effetti saranno brevemente trattati di seguito. Piombo La maggior parte del piombo presente nel particolato del piombo presente nel particolato proviene dagli additivi aggiunti alla benzina, quantità di gran lunga minori derivano dall incenerimento dei rifiuti solidi, dalla combustione del carbone, dalla lavorazione die minerali. Del particolato di piombo presente 17

18 nell aria circa un terzo si deposita nei polmoni e circa la metà di esso viene trasferita nel sangue dopo un paio di giorni. Il contenuto medio di piombo nel sangue della popolazione industriale è ormai intorno a 200 µg/l, un valore che è pericolosamente vicino a quelli che con sicurezza sono associabili a effetti dannosi per la salute. Ad esempio a concentrazioni µg/l possono manifestarsi fenomeni di intossicazione grave, come il saturnismo i cui sintomi (crampi addominali, paralisi dei centri nervosi, anemia) sono ben noti per il loro presentarsi in soggetti colpiti da avvelenamenti. Il piombo si accumula principalmente nel sangue, nei reni e nelle ossa; esso può provocare aborti nelle donne incinte e può essere trasferito nella placenta provocando un calo di fertilità negli uomini. La presenza di livelli anormali di piombo nell organismo, è stata messa in relazione con una serie di effetti che vanno dalla facile irritabilità a casi di ritardo mentale, soprattutto in età infantile. Mercurio Il mercurio entra nel corpo prevalentemente per ingestione, perché, attraverso la catena alimentare, si accumula in particolari cibi, come alcuni tipi di pesce; il mercurio metallico ha una tendenza non trascurabile a passare allo stato gassoso e particolari categorie di lavoratori a contatto con il metallo e con i suoi sali inorganici e organici possono presentare intossicazioni. Come e più del piombo si lega ai gruppi contenenti zolfo, degli enzimi e delle membrane cellulari. Vengono così provocati seri danni al sistema nervoso. L espressione inglese matto come un cappellaio, il simpatico cappellaio matto di Alice nel paese delle meraviglie, derivano entrambi dal fatto che i sali di mercurio venivano usati per infeltrire i cappelli. Gli addetti a queste lavorazioni erano, quindi, particolarmente soggetti a disturbi di tipo nervoso. Asbesto I termini asbesto e amianto sono impiegati per indicare un materiale a base di fibre di silicati di diametro intorno ai millionesimi di millimetro che si uniscono a formare aggregati più grandi. Questi materiali trovano impiego in 18

19 diversi settori tecnologici, per esempio nell edilizia come isolante acustico e come materiale antincendio e rivestimento dei freni e delle frizioni. Le piccole fibre di asbesto possono giungere fino ai polmoni provocando delle microferite che possono degenerare in forme tumorali. Il processo è abbastanza lungo e richiede anche anni dall inizio dell esposizione. L azione dell asbesto è cumulativa e irreversibile; effetti patologici gravi si rendono manifesti solo dopo lunghe esposizioni in ambienti che contengono nell aria concentrazioni elevate di inquinante. Fortunatamente nell aria cittadina, non si ritrova più di qualche fibra per metro al cubo. Benzene e derivati ( Tuolene e o-m-p- Xileni ) Il benzene (C 6 H 6 ) è un composto chimico formato da sei atomi di idrogeno e sei di carbonio disposti a struttura planare esagonale(fig.1) è un liquido incolore, altamente infiammabile, che possiede un odore inconfondibile; sia il liquido che il vapore provocano effetti fisiologici dannosi agli animali ed alle persone. Il benzene deve essere considerato velenoso e deve essere trattato con precauzione. Il tempo di permanenza del benzene in atmosfera è molto elevato, valutabile in diversi giorni, in quanto la sua reazione con radicali ossidrilici procede molto lentamente. Il benzene fu ottenuto in passato principalmente come sottoprodotto della distillazione del carbone fossile; oggi la fonte più importante è la lavorazione del petrolio. Le emissioni naturali di questo composto sono pressoché nulle, per cui la sua presenza in atmosfera è essenzialmente dovuta a processi di tipo antropico. Tali processi sono riconducibili all industria petrolifera ed alla combustione di prodotti petroliferi, inclusi i carburanti. Infatti, il benzene, come altri idrocarburi aromatici, costituisce una delle specie chimiche presenti nel petrolio greggio. L emissione da combustione di prodotti petroliferi è, soprattutto, il consumo di carburanti, causano l emissione in atmosfera di grandi quantità di benzene, particolarmente nei centri urbani, ove, infatti, vengono registrate le concentrazioni più elevate e, di conseguenza, ove sono previste le esposizioni più elevate. 19

20 Da alcuni casi conclamati di esposizione di lavoratori è stata messa in evidenza la natura dannosa del benzene. Infatti, può causare avvelenamento cronico per esposizione a concentrazioni relativamente basse, ed avvelenamento acuto persino letale per esposizioni a forti concentrazioni. Le concentrazioni letali sono vicine a ppm, e provocano la morte entro un minuto, mentre 7500 ppm provocano la morte entro minuti. L intossicazione acuta si manifesta rapidamente e presenta la seguente successione di sintomi: ebbrezza, eccitazione psichica, nausea, vomito, alterazione del sensorio, perdita della coscienza, sudorazione, convulsioni, ipotermia, paralisi dei centri bulbari, morte. L avvelenamento può avvenire per contatto con la pelle che, perdendo il grasso, conduce alla desquamazione secca e alla formazione di papule vescicolari. L intossicazione cronica riduce l attività emopoietica del midollo osseo, con conseguente anemia. I sintomi sono: leucopenia, anemia, diminuzione delle piastrine, astenia, pallore, dispnea da sforzo, manifestazioni emorragiche. La massima concentrazione tollerabile nell aria, per una esposizione di 8 ore giornaliere, è di 20 ppm in volume (65 mg/m3). Il 46% del benzene inalato viene trattenuto nel corpo ed è assorbito rapidamente nel sangue. Il benzene è eliminato parzialmente per via polmonare e nelle urine. Per le ragioni sopra esposte il benzene può essere classificato come cangerogeno genotossico. Le sorgenti di benzene sono attribuibili alle attività antropiche; è quindi possibile stimare grossolanamente quali possono essere i contributi relativi alla sua emissione in atmosfera. La scarsissima quantità di dati disponibili e l assenza di alcuni inventari delle emissioni permette solo di stimare questi contributi. Nella tabella seguente vengono riportate le stime dei vari contributi. 20

21 Tab. 2 Sorgente Emissione % Scarichi autoveicolari benzina 70 Scarichi autoveicolari Diesel 10 Evaporazione di carburanti da veicoli 13 Distribuzione dei carburanti 5 Altre combustioni 1 Processi industriali 1 Toluene Il toluene è un liquido incolore con caratteristico odore aromatico con formula C7H8, è presente nelle benzine, dove i composti aromatici tendono a sostituire gli additivi a base di piombo per motivi di inquinamento ambientale. Dopo l etilene, il benzene ed il propilene, nell ordine, il toluene è il quarto prodotto organico, come quantità, tra quelli utilizzati come materie prime. Si ricava dal trattamento di frazioni petrolifere e, l emissione nell atmosfera dipende quasi esclusivamente dalla combustione parziale dei prodotti petroliferi. Il toluene è un prodotto chimico di relativa tossicità. L esposizione, se prolungata, può essere pericolosa. Contaminazioni in parti del corpo con toluene non sono nocive se rimosse rapidamente, mentre il contatto con gli occhi può provocare gravi danni. Xileni Gli xileni, cioè gli isomeri orto, meta, para, tutti di formula bruta C8H10 sono composti aromatici della famiglia del benzene. Questi composti venivano recuperati dai sottoprodotti della preparazione del coke metallurgico, con la crescita della domanda come componenti di benzine ad alto numero di ottani, il petrolio è divenuta la loro fonte principale, grazie ai processi di reforming. 21

22 L emissione in atmosfera dipende, prevalentemente, come per il benzene e toluene da parziale combustione dei prodotti petroliferi. Sono dei prodotti chimici di relativa tossicità, e, a contatto delle pelle possono determinare infiammazioni ed eritemi locali, mentre concentrazioni del vapore superiori allo 0,1% nell aria sono irritanti per gli occhi. Carbonio monossido (CO) Il monossido di carbonio CO più semplicemente noto come ossido di carbonio, è un gas incolore ed inodore, si compone di molecole biatomiche semplici, ognuna composta da un atomo di carbonio combinato con un atomo di ossigeno. Nell ambiente urbano piccole quantità di CO sono normalmente presenti nell atmosfera, originate dai gas di scarico delle automobili. Effetti fisiologici molto importanti risultano principalmente dalla facilità con la quale l emoglobina del sangue si combina con il CO per formare la carbossiemoglobina. La funzione essenziale dell emoglobina è di trasportare l ossigeno dai polmoni ai tessuti, ed il CO combinandosi con quella impedisce questa funzione. Questo è l effetto principale, ma vi sono anche alcune modifiche secondarie nella chimica del corpo che tendono a complicare la situazione. Nella maggior parte dei casi il 10% del sangue può essere reso inattivo senza che la persona ne soffra visibilmente. Una disattivazione del % provoca tuttavia mal di testa, nausea, svenimento e vomito; una del 30-40% annebbiamento della vista, indebolimento della coordinazione muscolare; una del40-60% è causa di debilità fisica e di confusione mentale che porta alla perdita dei sensi; mentre con il 60% del sangue reso inattivo è probabile che sopraggiunga la morte. L affinità del CO per l emoglobina è circa 250 volte quella dell ossigeno, e per questo motivo piccole percentuali di CO riducono sensibilmente la capacità ossidante del sangue. 22

23 E impossibile attribuire un valore preciso agli effetti prodotti in seguito all inspirazione di CO dall aria perché essi dipendono dal peso corporeo e dal grado di attività; tuttavia si possono considerare rappresentativi i dati riportati nella tabella. Condizioni di equilibrio di CO nel sangue Tab. 3 Aria inspirata (CO, %) Saturazione del sangue (%) 0, , , , , , ,16 70 Effetti fisiologici della percentuale di CO inspirata Tab. 4 0,01 % CO nell aria Nessun effetto O,02 % CO nell aria Mal di testa, rallentamento mentale entro poche ore 0,06 % CO nell aria Mal di testa in meno di 1 ora, perdita dei sensi in 2 ore 0,1 % CO nell aria Perdita dei sensi in 1 ora; effetto mortale entro 4 ore 7 PARAMETRI PER LA CARATTERIZZAZIONE DELLA QUALITA DELL ARIA L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha indicato come parametri di controllo per la qualità dell'aria le concentrazioni di alcune sostanze presenti nell'atmosfera. L'OMS, in campo internazionale, e il Ministero dell'ambiente, per l'italia, hanno stabilito quali sono i valori limite per tali parametri. Valori al di sopra dei valori limite indicano che l'aria possiede un alto grado di inquinamento. 23

24 Tabella 5. Valori limite di qualità dell aria nell ambiente esterno (D.P.C.M. del 28 Marzo 1983 n. 30 e D.P.R. del 24 Maggio 1988 n. 203) Inquinante Valore limite Biossido di zolfo (SO 2 ) Mediana delle concentrazioni medie di 24 h nell arco di 1 anno:80 µg/m 3 Biossido di zolfo (SO 2 ) 98 percentile delle concentrazioni medie di 24 h nell arco di 1 anno:250 µg/m 3 Biossido di zolfo (SO 2 ) Mediana delle concentrazioni medie di 24 h rilevate durante l inverno:130 µg/m 3 Biossido di azoto (NO 2 ) 98 percentile delle concentrazioni medie di 1h rilevate durante l anno:200µg/m 3 Ozono (O 3 ) Concentrazione media di 1 h da non raggiungere più di una volta al mese: 200µg/m 3 Monossido di C (CO) Concentrazione media di 8 h: 10 µg/m 3 Concentrazione media di 1 h: 40 µg/m 3 Piombo Media aritmetica delle concentrazioni medie di 24 h rilevate in 1anno:2 µg/m 3 Fluoro Concentrazione media di 24 h: 20 µg/m 3 Fluoro Media delle concentrazioni medie di 24 h rilevate in un mese: 10 µg/m 3 Particelle sospese Media aritmetica di tutte le concentrazioni medie di 24 h rilevate nell arco di 1 anno: 150 µg/m 3 Particelle sospese 95 percentile di tutte le concentrazioni medie di 24 h rilevate nell arco di 1 anno: 300 µg/m 3 Idrocarburi totali (escluso il metano come C) Concentrazione media di 3 h consecutive in periodo del giorno da specificarsi espressa secondo le zone a cura delle autorità regionali competenti: 200 µg/m 3 (da adottarsi solo nelle zone e nei periodi in cui si siano verificati superamenti significativi dei valori dell ozono) Accanto a quelli limite, il Ministero ha definito i valori guida, cioè quelli che caratterizzano un'aria di buona qualità. Tabella 6. Valori guida di qualità dell aria nell ambiente esterno (D.P.R. del Maggio 1988 n. 203) Inquinante Valore guida Biossido di zolfo (SO 2 ) Media aritmetica delle concentrazioni medie di 24 h nell arco di 1 anno: µg /m 3 Biossido di zolfo (SO 2 ) Valore medio delle 24 h: µg/m 3 Biossido di azoto (NO 2 ) 50 percentile delle concentrazioni medie di 1 h rilevate durante l anno:50µg/m 3 Biossido di azoto (NO 2 ) 98 percentile delle concentrazioni medie di 1 h rilevate durante l anno: 135µg/m 3 Particelle sospese Media aritmetica delle concentrazioni medie di 24 h rilevate nell arco di 1 anno: µg fumo nero equivalente/m 3 (1 Aprile- 31 Marzo) Particelle sospese Valore medio delle 24 h: µmg fumo nero equivalente/m 3 (dalle 00 alle 24 di ogni giorno). 24

25 8 - ANALISI DELL'ARIA: LE STRATEGIE E I METODI I parametri per la valutazione della qualità dell'aria La qualità dell'aria è stata valutata determinando le concentrazioni delle seguenti sostanze inquinanti nell'atmosfera: 4 Monossido di carbonio 4 Benzene 4 Toluene 4 Etilbenzene 4 M-p-xileni I siti delle misure Le misure sono state effettuate nei seguenti siti: 4 Via Padre Pio - Castrovillari 4 Piazza Mercato - Castrovillari 4 Piazza Municipio - Castrovillari 4 Variante di Morano Calabro Le zone di Castrovillari scelte per le misure, sono tra loro diverse sia dal punto di vista urbanistico che di traffico. Una situazione a parte è, poi, quella di Morano Calabro, un piccolo centro collinare situato a pochi chilometri da Castrovillari. Alcuni rilievi sono stati eseguiti anche a Frascineto e a S. Basile. Gli operatori Le determinazioni sono state eseguite dagli alunni delle classi V Chimico A e V Chimico B dell' I.T.I.S. "E. Fermi" di Castrovillari sotto la supervisione dei docenti proff. G. Piloro e F. Volpe. Alle attività hanno preso parte gli alunni e i docenti delle scuole medie di Morano C. e "E. De Nicola" di Castrovillari. 25

26 Durante gli esperimenti la consulenza tecnica è stata offerta dal Dr. B. Caruso della CO.E.Co s.r.l., la ditta fornitrice delle apparecchiature. 26

27 Figura 8: Misure a Morano Calabro. La raccolta dei dati Gli esperimenti sono stati condotti nel mese di novembre del 2001, in giorni differenti nei diversi siti. Per consentire a tutti gli studenti coinvolti di partecipare alle diverse attività, le determinazioni sono state effettuate in orario scolastico, dalle ore 8,30 alle ore 13,30. Le rilevazioni sono state ripetute, in ogni postazione, ad intervalli di 15 minuti. Determinazione del contenuto di monossido di carbonio. Principio del metodo Lo spettro di assorbimento del monossido di carbonio presenta un massimo in corrispondenza della lunghezza d'onda 4,67 µm, la quale corrisponde a una radiazione che cade nella regione dell'infrarosso (IR) dello spettro 27

28 elettromagnetico. L' intensità dell'assorbimento alla lunghezza d'onda λ di una qualunque specie chimica dipende dalla sua concentrazione, attraverso la seguente relazione ( Legge di Lambert e Beer): A (λ)= ε b c Nella quale A è l'assorbanza misurata alla lunghezza d'onda λ, ε è il coefficiente di estinzione un parametro caratteristico della specie assorbente, b il cammino ottico della radiazione e c la concentrazione della specie assorbente. Poiché ε è una costante per una data molecola e b è un parametro strutturale dello strumento impiegato, è possibile determinare la concentrazione desiderata misurando l'assorbanza: c= costante x A (λ). La concentrazione del monossido di carbonio è determinata misurando la assorbanza a λ=4,67 µm e ricavando da essa la concentrazione applicando la legge di Lambert e Beer. Apparecchiatura e principio di funzionamento Le concentrazioni di CO nell'aria sono state determinate impiegando l'analizzatore CO11M dell'environment S.A.. Gli elementi caratteristici dell'apparecchiatura sono: Sorgente di radiazioni IR a larga banda ( IR transmitter) Disco rotante asservito da un motore elettrico (Correlation wheel) Cella di misura a multi-riflessione (optical bench) Canale di ingresso del campione da analizzare (Sample inlet) Rivelatore IR (IR detector) Pc Il campione viene aspirato attraverso un tubo di PTFE collegato nel retro dell'analizzatore e dotato di un filtro che trattiene le eventuali polveri. Il campione è aspirato nella cella di misura mediante una pompa. 28

29 La sorgente di radiazione è costituita da un filamento riscaldato ad una temperatura prefissata. La radiazione emessa è a larga banda e viene inviata sul disco ruotante il quale è suddiviso in sei sezioni: 2 settori opachi, 2 settori vuoti e 2 settori con cella di CO. La radiazione incidente passa sequenzialmente attraverso le tre sezioni del disco rotante generando tre diverse radiazioni sequenziali che giungendo al rivelatore generano tre differenti segnali elettrici: un segnale di zero, corrispondente al settore opaco; un segnale di "misura", corrispondente al settore vuoto; un segnale di riferimento, corrispondente al passaggio attraverso la cella contenente una concentrazione nota di CO alla pressione di 0,5. Il fascio di misura e quello di riferimento, dopo avere attraversato la cella di misura sono filtrati con un filtro interferenziale, in maniera da lasciare emergere una radiazione monocromatica con λ=4,67 µm. L'azzeramento è effettuato rendendo uguali il segnale di misura e quello di riferimento. Se il campione inserito nella cella di misura contiene CO, il raggio di riferimento non risulta più attenuato, mentre lo è il raggio di misura. Questa attenuazione provoca uno sbilanciamento misurato dal rivelatore, dal quale, applicando la legge di Lambert e Beer, può essere determinata la concentrazione di CO in ppm o in mg/m 3. Il rivelatore è costituito da una cella Pb-Se, raffreddata a -30 C. Dopo pre amplificazione, il segnale analogico è convertito in digitale e processato attraverso il pc. Determinazione delle concentrazioni di benzene, toluene e xilene (BTX). Principio del metodo L'aria da analizzare è introdotta in un tubo contenente una sostanza che adsorbe selettivamente i composti aromatici volatili, tra i quali il benzene, il toluene e lo xilene. I gas adsorbiti vengono desorbiti dal substrato mediante riscaldamento a 350 C e poi inviati ad un gas cromatografo utilizzando come gas di trasporto l'azoto. I componenti della miscela vengono separati e identificati mediante l'analisi dei tempi di ritenzione. Ogni specie,infatti, impiega un tempo caratteristico, denominato tempo di ritenzione, per migrare dall'ingresso all'uscita della colonna cromatografica e giungere così al 29

30 rivelatore. Le concentrazioni delle diverse specie vengono determinate calcolando, mediante processi di integrazione matematica, il valore dell'area sottesa dai picchi caratterizzanti il cromatogramma. Figura 9: cromatogramma con indicazioni per il tempo di ritenzione di diversi aromatici. Apparecchiatura e principio di funzionamento Per la determinazione del BTX è stato impiegato il misuratore VOC 71 M della Environment S.A. combinato con un rivelatore a fotoionizzazione (PID= photoionization detector). L'apparecchiatura comprende: Un sistema di campionamento Un gascromatografo con rivelatore PID Un pc per: a) la programmazione delle misure, b) l'acquisizione e c) la rielaborazione dei dati. 30

31 Il campione di aria è introdotto in un tubo di campionamento contenente una specie che adsorbe selettivamente i composti volatili e aromatici, i quali vengono successivamente desorbiti per riscaldamento a 350 C e vengono inviati al gascromatografo utilizzando un gas inerte, in questo caso l'azoto, come gas di trasporto. La miscela di composti volatili così ottenuta è riadsorbita nel tubo di "pre-focussing", un tubo di silice contenente un adsorbente poco selettivo rispetto alla dimensione delle molecole da adsorbire. Mediante riscaldamento a 350 C e ventilazione con azoto, la miscela BTX è immessa nella colonna cromatografica ( EPA624). La separazione dei diversi componenti avviene all'interno della colonna. Ogni specie, infatti, migra a una velocità caratteristica. I gas all'uscita della colonna cromatografica giungono al rivelatore PID, il quale genera una micro corrente che è amplificata da un elettrometro e tradotta, tramite un adatto convertitore, in un segnale digitale che può essere letto e elaborato dal microprocessore. I componenti della miscela sono identificati attraverso il tempo di ritenzione, in questo caso definito come il tempo che intercorre tra il desorbimento nel tubo di prefocussing e il tempo a cui una data specie giunge al rivelatore PID. Il benzene, il toluene e i tre isomeri dello xilene sono riconosciuti dal microprocessore in base ai tempi di ritenzione, mentre le loro concentrazioni sono determinate attraverso l'integrazione dei picchi del cromatogramma. 31

32 Figura 10: Apparecchiature per la misura delle concentrazioni di monossido di carbonio e di benzene, toluene, xilene e etilbenzene nell'aria. Figura 11: Sistemazione della bombola contenente il gas di trasporto (azoto), necessario per la misura delle concentrazioni di benzene, toluene, etilbenzene e m-p-xilene. 32

33 9 - ANALISI DELL'ARIA: INTRODUZIONE AI RISULTATI La concentrazione La concentrazione è una grandezza chimico-fisica che è utilizzata per esprimere la composizione di un miscuglio, cioè di un materiale derivante dal mescolamento di diverse sostanze. Essa è la misura del rapporto tra la quantità presente in un miscuglio di un componente e quella del miscuglio stesso. Essa può essere definita in un numero diverso di modi e, pertanto, espressa adottando unità di misura diverse. Poiché i questo lavoro le concentrazioni sono state espresse in ppm e µg/mc, si riportano di seguito le due definizioni necessarie a comprendere il significato dei dati presentati. Parti per milione (ppm) Questa unità di misura è stata impiegata per esprimere la concentrazione del monossido di carbonio così definita: massa in grammi di CO concentrazione= di grammi di aria Milligrammi per metro al cubo (µg/mc) In questo modo sono espresse le concentrazioni del monossido di carbono e del benzene e dei suoi derivati. In questo caso la concentrazione è definita nel modo seguente: µg di soluto concentrazione= volume di aria in mc ricordando che 1 µg corrisponde a un milionesimo di grammo. 33

34 Proprietà fisiche degli inquinanti rilevati Il monossido di carbonio a temperatura ambiente è un gas. La sua presenza nell' aria è dovuta alla combustione incompleta dei combustibili (benzina o diesel). Il benzene, il toluene, l'etilbenzene e gli xileni a temperatura ambiente sono liquidi che bollono alle temperature riportate nel quadro informativo. Queste sostanze sono tra i principali componenti della benzina e la loro presenza nell'aria è provocata dalla loro mancata combustione, particolarmente a motore freddo. Quadro informativo Punti di ebollizione Benzene Toluene Etilbenzene Xilene (isomeri) 80 C 112 C 136 C ~ 138 C 10 - ANALISI DELL'ARIA: I RISULTATI Determinazione della concentrazione di monossido di carbonio La concentrazione di monossido di carbonio è stata misurata ad intervalli regolari di 15 minuti. I dati raccolti sono stati impiegati per costruire i grafici di seguito riportati. 34

35 Concentrazioni del monossido di carbonio concentrazione (ppm) CO mercato Castrovillari municipio Castrovillari Padre Pio Castrovillari Morano Calabro Tempo (ore) Figura 12: Variazione della concentrazione di monossido di carbonio rispetto al tempo nei vari siti di misurazione. I dati registrati a Castrovillari hanno un andamento similare: la concentrazione di CO raggiunge un picco intorno alla 11. Prima delle la concentrazione di CO è molto più bassa, probabilmente a causa di un minore traffico automobilistico nei dintorni dei siti di misura. Nelle prime ore del mattino, l aria a piazza mercato ha un più elevato contenuto di CO; questo è facilmente spiegabile, visto che nei mercati le attività e, quindi, il traffico automobilistico, cominciano molto presto. Nettamente diversa si presenta la situazione a Morano Calabro: il tenore di CO, infatti, rimane pressoché costante nell arco della giornata e sempre a un valore più basso di quelli relativi a Castrovillari. La posizione geografica di Morano, situato in montagna e distante da grossi insediamenti civili e industriali, è la ragione del basso contenuto di CO della sua aria. I dati a disposizione non consentono di fare un confronto diretto con i valori limite e i valori guida dei decreti ministeriali già citati, perché questi ultimi si riferiscono a medie calcolate su valori misurati nell arco di un intera giornata. 35

36 Avendo il progetto lo scopo di sensibilizzare gli studenti al problema ambientale, gli esperimenti sono stati condotti sempre in orario scolastico in maniera da consentire il pieno coinvolgimento degli allievi delle classi VA e VB dell ITIS E. Fermi e di quelli delle scuole medie di Morano e E. De Nicola di Castrovillari. Nonostante ciò è possibile notare che in tutti i casi la concentrazione di CO rimane sempre al di sotto dei valori limite. Nel caso di Morano è addirittura possibile affermare che nell arco dell intera mattinata il contenuto di CO dell aria è sempre ben al di sotto del valore limite stabilito. I dati registrati a S. Basile e a Frascineto sono simili a quelli relativi a Morano. Figura 13: Misure in corso. 36

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza B G 0 1 Pagina n. 1 / 5 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: D1613 Denominazione BG01 Nome

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente 2 ELEMENTI DI SINTESI SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Nel presente capitolo viene inquadrata la situazione del sistema aria sul territorio regionale. Viene valutata l entità della pressione esercitata sul

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Fornitore : Dow Corning S.A. Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio Servizio : Dow

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Gasolio

SCHEDA DI SICUREZZA Gasolio Data di emissione: 30/11/2008 Revisione 0 del 30/11/2008 1 Identificazione del prodotto e della società Nome del prodotto : GASOLIO Numero CAS: 68334-30-5 Impiego: carburante per motori a combustione interna,

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria L inquinamento atmosferico locale e globale L aria che respiro Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria www.regione.lombardia.it L aria che respiro L inquinamento atmosferico

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

GEV ed EMICODE Domande e risposte

GEV ed EMICODE Domande e risposte GEV ed EMICODE Domande e risposte 01. Che cosa sono le emissioni? Il termine emissione indica il rilascio nell ambiente di sostanze gassose, liquide o solide da parte di impianti o materiali. Ciò nonostante,

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Qualità dell aria QUALITA' DELL ARIA Carlo Baroglio, Silvia Anselmi, Eugenio Donato,

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli