Lorenzo Bersezio. Mondo. Ambienti, popoli e Stati della Terra. in collaborazione con

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lorenzo Bersezio. Mondo. Ambienti, popoli e Stati della Terra. in collaborazione con"

Transcript

1 Lorenzo Bersezio Mondo 3 Ambienti, popoli e Stati della Terra in collaborazione con

2 INDICE Attorno al mondo... Il simbolo indica le espansioni interattive presenti sul libro digitale. Gli strumenti Notizie e aggiornamenti dal mondo 10 Terre emerse e oceani 12 Climi e ambienti 14 I sistemi urbani 16 Un mondo interconnesso: la globalizzazione 18 AREA OPERATIVA 20 Le idee chiave del capitolo 21 UNITÀ 1 Il volto della Terra e i grandi ambienti Gli strumenti Disegniamo il nostro pianeta 22 Orientarsi con i satelliti 23 1 La Terra si muove e vive 1. I movimenti della Terra I fusi orari 26 FARE GEO! Orari nel mondo Il ciclo delle stagioni I climi della Terra 30 FARE GEO! Orientarsi tra i climi L atmosfera L idrosfera 35 FARE GEO! Il consumo di acqua La geosfera 37 FARE GEO! Decifriamo la tettonica a placche sulla carta La litosfera 39 FARE GEO! Prova a decifrare il suolo su cui cammini La biosfera 41 FARE GEO! Ambienti in pericolo 41 GLOBAL FORUM Proteggiamo il suolo che scompare 42 AREA OPERATIVA 44 Le idee chiave del capitolo 45 2 Gli ambienti naturali della Terra 1. Le foreste pluviali Le regioni dei monsoni 48 FARE GEO! La vegetazione di mangrovie e giungla Le regioni delle savane 50 FARE GEO! Facciamo un safari meraviglioso Le regioni dei deserti 52 FARE GEO! Vivere un giorno nell oasi Le regioni a clima temperato 54 FARE GEO! I parchi nazionali americani delle aree temperate Le regioni fredde 56 FARE GEO! L oleodotto trans-alaskiano Gli ambienti oceanici 58 LA GEO FATTA DAGLI STUDENTI L inquinamento dei mari 59 AREA OPERATIVA 60 Le idee chiave del capitolo 61 4

3 UNITÀ 2 Il volto dei popoli. Noi cittadini del mondo Gli strumenti I dati demografici 62 1 Lontani eppur vicini 1. Quanti siamo e dove viviamo 64 FARE GEO! La popolazione mondiale La relazione tra ambienti e popolamento 66 FARE GEO! Confrontiamo la vita di alcuni Paesi del mondo I flussi migratori 68 FARE GEO! Indovina chi viene a scuola La distribuzione delle lingue Le religioni dell umanità La geografia dell istruzione 74 LA GEO PASSO PASSO! Analizziamo un tema: istruzione e condizione femminile 75 AREA OPERATIVA 76 Le idee chiave del capitolo 77 2 La civiltà urbana 1. Le megalopoli dei Paesi sviluppati 78 FARE GEO! Alla scoperta del territorio di una conurbazione I modelli urbani nei Paesi in via di sviluppo Le città ecologiche del futuro 84 FARE GEO! Capire l importanza delle aree verdi urbane 86 GLOBAL FORUM La città sostenibile 87 AREA OPERATIVA 88 Le idee chiave del capitolo 89 UNITÀ 3 Il volto del lavoro. Utilizzare le risorse Gli strumenti La distribuzione delle risorse naturali 90 Le questioni energetiche attuali 91 1 Verso una economia globale 1. Le attività agricole 92 LA GEO PASSO PASSO! Organismi geneticamente modificati: una questione delicata Le attività industriali 94 LA GEO PASSO PASSO! Le multinazionali in geografia economica Le attività dei servizi 96 FARE GEO! Muoversi nei Paesi poveri 97 FARE GEO! Due modi di vedere il commercio globale 98 AREA OPERATIVA 100 Le idee chiave del capitolo La cooperazione internazionale 104 FARE GEO! Conosciamo l onu 104 FARE GEO! Il mondo no profit I Paesi poveri nell economia globale 106 FARE GEO! La condizione delle donne La geografia delle nuove povertà Il lavoro minorile: una piaga dovuta alla miseria 109 GLOBAL FORUM Il commercio equo e solidale 110 LA GEO FATTA DAGLI STUDENTI Approfondire alcuni temi 111 AREA OPERATIVA 112 Le idee chiave del capitolo Ricchezza e povertà nel mondo globalizzato 1. La geografia della fame 102 LA GEO PASSO PASSO! Riconoscere le economie sviluppate e arretrate 103 5

4 3 Collaborare per salvare il pianeta che ci ospita 1. Il riscaldamento della Terra 114 LA GEO PASSO PASSO! Scoprire le variazioni del clima nel tempo Che cos è il buco nell ozono? Che cosa sono le piogge acide? 117 FARE GEO! L inquinamento non ha confini La questione nucleare L inquinamento da petrolio 119 FARE GEO! L isola di rifiuti in mezzo all oceano La qualità della vita: sviluppo e felicità 120 FARE GEO! La qualità della vita è la nuova ricchezza Il valore della biodiversità 122 FARE GEO! Scoprire la biodiversità intorno a noi La nuova coscienza ecologica 123 FARE GEO! Interventi internazionali a difesa dell ambiente 123 GLOBAL FORUM Dialoghi sull ambiente 124 LA GEO FATTA DAGLI STUDENTI Il riscaldamento globale 125 AREA OPERATIVA 126 Le idee chiave del capitolo 127 UNITÀ 4 Continenti e Paesi del mondo Gli strumenti Studiare i continenti con internet 128 Africa 130 Impariamo osservando... il territorio dell Africa Il volto del territorio 134 LO SCHEMA Come si apre un mare nel cuore di un continente 134 Impariamo osservando... le popolazioni dell Africa Il volto dei popoli 139 FARE GEO! Entra in contatto con alcune comunità 142 FARE GEO! L indipendenza dell Africa 144 Impariamo osservando... l economia dell Africa Il volto del lavoro 147 LO SCHEMA Capire le cause della povertà 147 FARE GEO! L economia delle oasi 148 FARE GEO! Alle falde del Kilimangiaro 149 FARE GEO! Ricchezza e miseria dei diamanti 150 LA GEO FATTA DAGLI STUDENTI Unità nelle differenze 151 AREA OPERATIVA 152 REGIONI E PAESI DELL AFRICA Africa settentrionale 154 Africa equatoriale 155 Africa meridionale 157 EGITTO 158 IL CAIRO la capitale con le piramidi 160 LIBIA 162 NIGERIA 164 SUDAFRICA 166 Asia 170 Impariamo osservando... il territorio dell Asia Il volto del territorio 174 FARE GEO! Tra grandi deserti e pochi fiumi 176 FARE GEO! Leggere le immagini degli ambienti orientali 179 Impariamo osservando... le popolazioni dell Asia Il volto dei popoli 181 FARE GEO! Sciiti e sunniti 183 FARE GEO! Percorriamo la leggendaria Via della Seta 184 FARE GEO! Scopriamo le antiche capitali del Sudest asiatico 187 Impariamo osservando... l economia dell Asia Il volto del lavoro 191 LO SCHEMA L economia dell Asia nel contesto mondiale 191 GLOBAL FORUM Asia in cammino 196 LA GEO FATTA DAGLI STUDENTI Economie collegate 197 AREA OPERATIVA 198 6

5 REGIONI E PAESI DELL ASIA Medio Oriente 200 Asia centrale 201 Regione indiana 202 Sudest asiatico 202 Estremo Oriente 204 IRAN 205 TEHERAN la capitale in salita 207 ISRAELE 209 AFGHANISTAN 211 INDIA 213 DELHI E NEW DELHI la capitale dai contrasti impressionanti 218 INDONESIA 221 GIACARTA la capitale in continua crescita 224 CINA 227 PECHINO capitale e città proibita 231 GIAPPONE 234 TOKYO la capitale orientale 238 REGIONI E PAESI DELL AMERICA America Settentrionale 272 America Centrale 272 America Meridionale e Cono del Sud 274 CANADA 276 OTTAWA la capitale di congiunzione 278 STATI UNITI 280 LO SCHEMA Dinamiche ambientali nella Valle della Morte 282 FARE GEO! Scopriamo i parchi del West 283 WASHINGTON la capitale al centro del potere 285 LA GEO PASSO PASSO! La geo al cinema 289 MESSICO 290 CITTÀ DEL MESSICO la capitale smisurata 292 BRASILE 294 BRASILIA la capitale che non spicca 296 ARGENTINA 300 BUENOS AIRES la capitale orgogliosa 302 America 242 Impariamo osservando... il territorio dell America Settentrionale e Centrale 244 Impariamo osservando... il territorio dell America Meridionale Il volto del territorio 248 FARE GEO! Climi e ambienti in America Settentrionale 249 Impariamo osservando... le popolazioni dell America Il volto dei popoli 255 FARE GEO! Riscopriamo le antiche popolazioni indigene 259 Impariamo osservando... l economia dell America Il volto del lavoro 263 LO SCHEMA I canali navigabili 264 GLOBAL FORUM I difensori della foresta 268 LA GEO FATTA DAGLI STUDENTI Salvare le foreste 269 AREA OPERATIVA 270 Oceania 304 Impariamo osservando... il territorio dell Oceania Il volto del territorio 307 Impariamo osservando... le popolazioni dell Oceania Il volto dei popoli 309 Impariamo osservando... l economia dell Oceania Il volto del lavoro 311 GLOBAL FORUM L Antartide 312 AREA OPERATIVA 313 I PAESI DELL OCEANIA 315 AUSTRALIA 316 FARE GEO! Esploriamo la Grande Barriera Corallina 317 CANBERRA la capitale piccola 318 7

6 come è fatto il libro ll terzo volume di Qui mondo è dedicato ai Paesi extraeuropei. Anche nello studio dei continenti troverai la struttura dei volumi precedenti unità e capitoli, strumenti, schede e spazi operativi e lo stesso approccio ai contenuti: il sistema degli incontri coi volti del territorio, dei popoli e del lavoro. Il linguaggio usato è semplice e chiaro; la scoperta dei vari argomenti, inoltre, è arricchita da numerosi rimandi alla rete e ai materiali interattivi contenuti Video nel libro digitale allegato al volume; attività interattive, zoom di carte e Zoom grafici, gallerie fotografiche, documenti audio e video, animazioni in 3D. Questi materiali interattivi sono segnalati sul libro cartaceo dal simbolo, sul libro Online Galleria digitale dal simbolo. In più Attività Download Sintesi Ascolto Sintesi sempli Semplificata icata Animazione Soluzioni Traccia guidata In più: esercizi interattivi La sezione iniziale del volume offre un primo sguardo panoramico sui principali argomenti che verranno affrontati nel corso dell anno. L analisi degli argomenti si sviluppa in due momenti distinti: una parte generale, sul volto della Terra, in cui si affrontano le tre tematiche (territorio, popolazione, economia) dal punto di vista dell intero pianeta; una parte regionale che dedica un intera unità al volto dei continenti. Territorio, popolazione ed economia sono affrontati qui in due passaggi: prima, in generale, per ciascun continente; poi nella presentazione di alcuni degli Stati più significativi che ne fanno parte. Ogni capitolo si chiude con un AREA OPERATIVA divisa in due sezioni: esercizi per valutare le conoscenze (Geosapere), le abilità tecniche e le competenze raggiunte (Geocarta); le idee chiave del capitolo, schematiche sintesi accompagnate da utili mappe mentali disponibili anche come file audio e in formato interattivo sul libro digitale allegato. 8

7 L I B I A o LA COLLABORAZIONE CON NATIONAL GEOGRAPHIC La National Geographic Society è una delle più grandi istituzioni scientifiche ed educative senza fini di lucro del mondo. Dal 1888 offre informazioni e orientamento a tutti coloro che hanno a cuore le sorti del nostro Pianeta. I campi di ricerca nei quali il National Geographic è coinvolto comprendono la Geografia, l Archeologia, la Storia e le Scienze naturali. La celebre rivista National Geographic Magazine, letta da milioni di persone in numerosi Paesi della Terra, è forse la pubblicazione con la quale spesso viene identificata l attività di questa istituzione, ma alle attività editoriali di carattere divulgativo o scientifico condotte su tutti i mezzi di comunicazione, si affiancano da sempre progetti di ricerca e di esplorazione che offrono alla scienza e al pubblico nuovi dati e scoperte straordinarie. Questo impegno mira a trasmettere alle nuove generazioni non solo la passione per la Terra e per le sue bellezze, ma anche a fare crescere in tutti il senso di responsabilità nei confronti della natura, oggi sottoposta a minacce che rischiano di comprometterne l integrità. Questo corso nasce dall intensa collaborazione tra l autore Lorenzo Bersezio, De Agostini Scuola e National Geographic, con lo scopo di fornire alla scuola italiana un corso di qualità, caratterizzato da testi e immagini coinvolgenti e di provata efficacia didattica. Numerose attività operative (Fare Geo!), le carte geografiche delle parti regionali e dei continenti, i reportage giornalistici e fotografici del Dossier allegato al corso sono i frutti di questa collaborazione. I box operativi guidano gli studenti ad applicare le proprie conoscenze a casi concreti e alla lettura di immagini. Le carte geografiche sono state sviluppate integrando le moderne tecniche del telerilevamento; consentono di abbinare alla tradizionale rappresentazione del rilievo anche la visualizzazione della copertura vegetale. Siwa Oasi di Siwa Marsa Matruh ˆ Depressione di Qattara Mar Mediterraneo D e s e Oasi di Farafra Alessandria D e l t a Tanta IL CAIRO El-Giza El-Faiyun ˆ El-Minya r t o O c c i d e n d e l Nilo N i l o Asyut ˆ Porto Said El-Mansura ˆ Ismilia Canale di Suez Zagazig Suez Sinai D e s e r Sohag ˆ t o Golfo di Suez O r i e n Qena ISRAELE M. Katrina 2637 Golfo di Aqaba Sharmel-Sheikh GIORDANIA ARABIA SAUDITA M. Shaib chilometri D e s Mar Rosso El-Kharga ˆ t a l e Luxor t a l e e r t o Oasi di Kharga Nilo Assuan L i Lago di Assuan b i c S U D A N I reportage aprono il corso a contributi testuali e iconografici di alto profilo divulgativo. 9

8 Attorno al mondo Terre emerse e oceani Vista dallo spazio la Terra sembra un immensa distesa di acqua interrotta qua e là dai continenti, le parti della superficie terrestre sulle quali si svolge in gran parte la vita degli esseri umani. Essi sono: l Europa, strettamente unita all Asia; l Africa, completamente circondata dal mare, salvo il breve tratto dell istmo di Suez (Egitto); l America, costituita da due grandi territori distinti, l America settentrionale e quella Meridionale, uniti fra loro dall America Centrale; Europa America Oceano Pacifico La deriva dei continenti I continenti cambiano e si muovono e, come sai, il loro movimento provoca i fenomeni sismici, quelli vulcanici e l innalzamento delle catene montuose. Per spiegare tutto questo agli inizi del Novecento gli scienziati hanno ipotizzato che un tempo sulla Terra ci fosse un unico grande continente, chiamato Pangea. Nel corso di milioni di anni Pangea si sarebbe poi frantumato, dando origine ai continenti e agli oceani così come sono oggi. Come poterono arrivare gli scienziati a questa ipotesi? Avevano notato che il profilo delle coste orientali dell America e quello delle coste occidentali dell Europa e dell Africa coincidono, come puoi facilmente notare anche tu! Era archeozoica 180 milioni di anni fa Oceano 12

9 l Oceania, il continente esplorato per ultimo dagli europei; l Antartide, il continente più meridionale della Terra che comprende le terre perennemente ghiacciate che circondano il Polo Sud. Gli oceani e i mari, che separano i continenti uno dall altro, occupano circa il 71% della superficie del pianeta, le terre emerse invece solo il 29%. Le acque del mare si possono suddividere in tre grandi oceani: l Atlantico si trova fra la costa est dell America e le coste ovest di Europa e Africa; l Indiano occupa lo spazio tra l Africa orientale, la Penisola Arabica e le coste occidentali dell Asia sudorientale; il Pacifico separa l America dall Asia e dall Australia. Asia Africa Oceano Indiano Oceania 65 milioni di anni fa Oggi Antartide 13

10 UNITÀ 1 Il volto della Terra e i grandi ambienti In questa Unità 1. La Terra si muove e vive 2. Gli ambienti naturali della Terra Conoscenze e abilità Conoscere i movimenti della Terra e le loro conseguenze Conoscere il ciclo delle stagioni Sapere quali sono le zone climatiche della Terra Sapere che i movimenti di grandi masse d aria determinano i diversi climi del sistema Terra Sapere che il clima condiziona gli ambienti della Terra Conoscere le caratteristiche principali degli elementi costitutivi del sistema Terra : atmosfera, idrosfera, geosfera, litosfera, biosfera Conoscere le principali caratteristiche degli ambienti naturali della Terra Competenze Saper calcolare l ora di una località sulla Terra, attraverso i fusi orari Saper leggere carte tematiche Saper leggere e interpretare grafici, tabelle e fotografie Saper leggere mappe mentali Saper discutere ed esprimere il proprio punto di vista in merito ad un problema, dopo aver letto e analizzato carte e documenti Gli strumenti 1. Disegniamo il nostro pianeta La Terra ha la forma di una sfera un po schiacciata ai poli, con la superficie rugosa a causa delle montagne. Non è per niente facile rappresentare una forma sferica sul piano piatto di una carta! Serve un metodo che permetta di individuare con precisione il punto esatto di un luogo per collocarlo poi sulla carta. Ma come si fa? Paralleli e meridiani servono per disegnare la carta della Terra Per risolvere questo problema (oltre che per orientarsi nei viaggi), come già sai i geografi hanno pensato di avvolgere tutto il nostro pianeta in una fitta rete di linee immaginarie che si intersecano tra loro: i meridiani e i paralleli. Tre sono le caratteristiche principali che una carta dovrebbe avere: 1. l isogonia: si mantengono inalterati gli angoli che si formano all intersezione tra meridiani e paralleli; 2. l equidistanza: si mantiene la proporzione tra le distanze reali e quelle disegnate; 3. l equivalenza: si mantiene la proporzione delle superfici reali per gli Stati, i continenti, i mari. Tuttavia, se cerchi di trasportare su una carta piatta la Terra, 22

11 Proiezione cilindrica di Mercatore Proiezione cilindrica La più celebre proiezione cilindrica è quella ideata nel XVI secolo dal cartografo fiammingo Gerhard Kremer, conosciuto col nome italiano di Mercatore. Nella sua carta (isogona) però le distanze tra i paralleli si allargano andando dall Equatore ai poli (i meridiani appaiono paralleli sulla carta e non convergono ai poli) e così le zone polari appaiono molto più grandi della realtà Proiezione cilindrica di Peters che è sferica, non è possibile rispettare tutte e tre queste caratteristiche contemporaneamente: privilegiarne una significa trascurare in qualche modo le altre Le proiezioni geografiche Per disegnare un planisfero i cartografi ricorrono alla proiezione geografica, un operazione con cui la superficie curva della Terra, suddivisa nel reticolato geografico, viene trasferita sul piano della carta. Le proiezioni per sviluppo si ottengono immaginando di avvolgere la Terra con un cono o con un cilindro tangenti alla superficie del pianeta e di riportare su di loro i paralleli e i meridiani. La proiezione viene poi sviluppata in piano sulla carta. 2. Orientarsi con i satelliti Molte carte geografiche vengono oggi realizzate grazie alle immagini satellitari, che sono la traduzione in forma visibile di dati numerici registrati da un apparecchio rilevatore (radiometro) e poi elaborati da un computer. L apparecchio di telerilevamento situato sul satellite capta le radiazioni elettromagnetiche riflesse dai materiali presenti sulla superficie della Terra (suolo, rocce, acque, vegetazione, aree urbane). Oggi le immagini dall alto consentono ai tecnici di individuare le varie zone del terreno e prevedere il rendimento dei campi agricoli. Si possono seguire e controllare i fenomeni atmosferici (perturbazioni, cicloni) e monitorare le emissioni inquinanti. L Agenzia Spaziale Europea (ESA, ha il compito di elaborare e diffondere le immagini riprese dai satelliti delle missioni ENVISAT e ERS Per correggere questa distorsione, Arno Peters ideò nel 1973 una carta che riproduce più fedelmente le proporzioni tra i continenti (equivalente). Tuttavia è poco adatta per i consueti usi, come tracciare le rotte degli aerei o delle navi, perché le distanze sono alterate: guarda, per esempio, come sono diventate lunghe l Africa e l America Latina. Come ci orientiamo con il GPS? Il GPS (Global Positioning System) è un sistema informatico che permette di ottenere le coordinate di un luogo in modo istantaneo: usa 31 satelliti artificiali che ruotano attorno alla Terra. Il sistema GPS è gestito dalle autorità militari degli Stati Uniti ed è a disposizione per usi civili dal La precisione di posizionamento di un luogo sulla superficie della Terra è di circa 10 metri. Come funziona il GPS? Grazie ai segnali radio, che mettono in comunicazione i satelliti in orbita con i ricevitori installati sui telefoni cellulari o in apparecchiature dedicate. Il GPS, in questo modo, registra la latitudine e longitudine, l altitudine e, se ci si sta spostando, la velocità e il tempo di percorrenza per compiere un determinato percorso STRUMENTI 23GLI 23

12 UNITÀ 4 Continenti Una casa dei pionieri nel Wyoming. e Paesi del mondo In questa Unità 1. Africa 2. Asia 3. America 4. Oceania Conoscenze e abilità Conoscere le principali informazioni relative alla storia e alla cultura di ciascun continente Sapere quali sono le aree regionali in cui sono raggruppati gli Stati di ciascun continente Conoscere le principali caratteristiche del territorio, della popolazione, dell economia relative alle aree regionali di ogni continente Sapere quali sono gli Stati che formano le aree regionali di ciascun continente Saper descrivere le principali caratteristiche relative al territorio, alla popolazione, alle risorse economiche di alcuni Stati appartenenti ai diversi continenti Saper leggere carte fisiche, politiche e tematiche Saper leggere mappa e piante Saper leggere immagini, grafici e tabelle Competenze Saper studiare, descrivere e presentare un continente seguendo un modello dato Saper presentare un continente con l aiuto di carte, piante, immagini, grafici e tabelle Gli strumenti Studiare i continenti con internet Internet offre bellissime possibilità per conoscere la Terra, lasciando libero ogni navigatore di personalizzare il proprio viaggio. Poiché questa unità ci accompagna nello studio dei continenti, proviamo a scoprire qualche opportunità offerta dalla navigazione in internet. Decidere quale spazio ci interessa Il primo passo è decidere quale spazio ci interessa. Rivolgiamoci per esempio agli Stati Uniti, in particolare alla città di San Francisco. Internet ci offre molte opportunità per navigare: da Wikipedia a Google Maps fino a Google Earth. Apprendere, navigando Entriamo in e scriviamo America. Si aprono milioni di siti, ma uno dei primi è quello di Wikipedia sugli Stati Uniti d America. Questo sito di tipo enciclopedico contiene testi scritti e immagini da cui puoi ricavare molte informazioni. Volare sulla Terra Prova ora a entrare in Google poi clicca su Maps. Con Google Maps puoi vedere il territorio in vari modi: in mappa, in fotografia satellitare, a livello del terreno. Puoi scegliere cliccando sulle relative icone. Vedendo dall alto, puoi descrivere come ti appare il territorio; per cogliere dettagli, puoi zoomare verso il basso con le apposite frecce. 128 La Terra vista da Google Earth.

13 La skyline di San Francisco. Entrare nel paesaggio reale in forma tridimensionale In questo caso devi usare Google Earth; ti posizioni sugli Stati Uniti facendo ruotare col mouse il mappamondo di presentazione di Google Earth. Nello spazio Ricerca... in volo puoi scrivere il nome di una località, per esempio San Francisco. Vedi ora che in basso a sinistra sulla schermo c è una lista di icone che offrono innumerevoli opportunità. Ti consiglio di cliccare su Street view e poi di fare un doppio clic su una delle piccole icone delle fotoca- mere distribuite sulla carta. Visualizzi così una strada della città e, muovendo il mouse, potrai camminare come un passante nel luogo che hai scelto. U no dei grattacieli di San Francisco visto con Google Earth, spuntando l icona Edifici 3D. San Francisco vista con Google Maps in modalità Mappa con rilievo. GLI STRUMENTI 129

14 Africa L Africa si estende a sud del mar Mediterraneo. Ha una superficie vasta quasi tre volte l Europa (30 milioni di km 2 ) e circa cento volte l Italia: è il terzo continente del mondo. Il suo territorio ha la forma di un triangolo con il vertice rivolto all ingiù: l Africa è orientata in prevalenza in direzione nord-sud. Archi di roccia generati dall azione del vento nel deserto del Sahara, in Algeria. La storia e la cultura L Africa in antichità L Africa è la culla dell umanità: è in questo continente che sono stati trovati i resti dei più remoti antenati dell uomo e si è sviluppato l Homo sapiens, l uomo attuale, che poi si è diffuso in tutto il mondo. Dopo i lunghi millenni in cui gli uomini vivevano di caccia e della raccolta dei frutti spontanei della terra, anche in Africa si svilup- parono la pastorizia e l agricoltura. Però, soprattutto nelle regioni tropicali ed equatoriali, la pastorizia ha sempre mantenuto una netta prevalenza sull agricoltura, che ha svolto una funzione d integrazione dell allevamento del bestiame. Il nome Africa significa terra degli afri, in omaggio al popolo antico che abitò le coste mediterranee del continente presso Cartagine. La parola afri, a sua volta, deriverebbe dal vocabolo fenicio afar, che significa polvere. Secondo altri studiosi deri- verebbe invece da un vocabolo berbero che significa grotta. Qualunque sia l origine, certamente l Africa deve il proprio nome a qualche caratteristica del territorio (polvere o grotte) che impressionò e stupì la fantasia degli esseri umani. Il teatro romano di Sabratha, in Tripolitania (Libia), risalente al II-III sec. d.c. 130

15 Africa, terra di conquista Il fascino della caccia grossa, che ha attirato cacciatori da tutto il mondo per incontrare i grandi animali del continente (leoni e leopardi, ma anche rinoceronti e giraffe), può fornire un interessante metafora del destino dell Africa, considerata fin dall antichità terra di conquista da parte di popoli estranei. La fascia mediterranea fu colonia romana nel II secolo a.c. e subì nel VII secolo d.c. l invasione degli arabi, che vi diffusero la loro lingua e la religione islamica. La storia antichissima dell Africa a sud del Sahara è invece molto meno conosciuta, anche a causa della scarsità dei documenti scritti e dei reperti archeologici. La storia moderna è la storia delle continue violenze di cui l Africa è stata vittima: dalla spartizione coloniale dei suoi territori al furto delle sue ricchezze naturali, dalla tratta degli schiavi che ha deportato intere popolazioni in America, fino alla recente vendita di armi ai vari governi più o meno corrotti impegnati in guerre civili. L Africa oggi Il monumentale tempio di Abu Simbel sul Lago Nasser, fatto costruire dal faraone Ramses II nel XIII sec. a.c. Alla fine della Seconda guerra mondiale molti Paesi dell Africa conquistarono l indipendenza, anche dopo lunghe guerre di liberazione. I rapporti tra Africa e Europa cambiarono. Allo sfruttamento coloniale, avido e non rispettoso delle culture locali, si è sostituito uno spirito di collaborazione tra nazioni, anche se non sempre perseguito con coerenza. Lo scambio economico oggi è intenso, ma talvolta gli accordi internazionali non sono equi e la concorrenza favorisce i Paesi ricchi. In generale tuttavia l Africa ha sollevato la testa e un nuovo senso di orgoglio pervade la maggior parte dei suoi popoli, desiderosi di costruire il proprio futuro, legato alle proprie radici e alle civiltà che fiorirono nel continente. Il minareto della Grande Moschea di Agadez, in Niger, costruita nel XVI sec. e ricostruita come l originale nel XIX secolo. I Mondiali di calcio 2010 Nel 2010 il Sudafrica ha ospitato i Mondiali di calcio: per la prima volta questa manifestazione sportiva così importante è approdata in Africa. Per il mondo è stata l occasione per portare in prima pagina e ringraziare questo continente sfruttato da tutti, al quale anche lo sport deve tantissimo. Una maschera reale yoruba (XVI sec.), il popolo dell Africa occidentale che ancora oggi rappresenta il 30% della popolazione nigeriana. 131

16 4 Continenti e Paesi del mondo Impariamo osservando il territorio dell Africa Con un po di intuito e qualche conoscenza leggi la carta e scopri l Africa come un esploratore. E U R Rabat (PORT.) A Isole Canarie T L A S D A LIBIA H A EGITTO L A i b Lago Nasser ST I Ro E i c o ss 3415 SUDAN N djamena NIGERIA N Abuja Sao Tomé Golfo di Giunea Ascensione EQ. gi S h NAMIBIA ZAMBIA Harare MOZAMBICO BOTSWANA Windhoek D e s e r t o Mayotte Tsaratanana (FR.) 2886 Antananarivo MADAGASCAR Gaborone (FR.) Pretoria Maputo Città del Capo ag Dr Maseru Capo Vohimena hi Mbabane LESOTHO SWAZILAND 2000 MAURIZIO Port Luis Riunione Kalahari SUDAFRICA 03 U05_C indd 132 COMORE Moroni Lilongwe ZIMBABWE chilometri 132 Victoria SEICELLE OCEANO ei 1500 Mogadiscio TA N Z A NI A MALAWI Lago Kariba amib to N 500 SOMALIA KENYA Lago Niassa ser 0 ETIOPIA a Lago Tanganica Capo Guardafui Etiopico Kampala Kenya Ruwenzori 5109 Libreville CONGO 4620 Lago REPUBBLICA Kigali Vittoria GABON Nairobi RWANDA 5898 Brazzaville DEMOCRATICA BURUNDI Kilimangiaro Bujumbura DEL CONGO Dodoma Kinshasa b a De AT L A N T I C O Gibuti Ras Dascian UGANDA Congo Capo Fria OCEANO GIBUTI Altopiano en i Ad fo d Gol Addis Abeba Lusaka (R.U.) 4620 Lago Turkana Uban ANGOLA Sant Elena Asmara Juba Luanda (R.U.) ERITREA REPUBBLICA SUD SUDAN CENTRAFRICANA Porto CAMERUN Bangui Novo Malabo GUINEA Yaoundé Praia il o TOGO BENIN Lago Ciad SAO TOMÉ E PRÍNCIPE CAPO VERDE o Capo Palmas Khartoum o COSTA Lomé D AVORIO Accra CIAD rr zzu lo A Ni Volta scala 1: A ar NIGER Niger Bissau G U I NE A GHANA Conakry Yamoussoukro Lago Freetown LIBERIA I M MALI Niamey Bamako Ougadougou SIERRA LEONE S Il Cairo Emi Koussi GUINEA BISSAU Monrovia eo e s e r t o R TIB Niger GAMBIA A 2908 Nouakchott Banjul t t e ran AHAGGAR M AU R I TA N I A Dakar M edi Tripoli (territorio occupato dal Marocco) SENEGAL ar Nilo Sahara Occidentale Capo Bianco TUNISIA ALGERIA (SP.) A Bia n co MAROCCO N M E T P Tunisi Algeri Arcipelago di Madeira O nt Mo id INDIANO Capo di Buona Speranza 12/01/12 15:25

17 ZIO uis Africa Decifra il territorio 1 Osserva la carta e rispondi alle domande. L Africa ha la forma: di un quadrato di un triangolo sì no È bagnata dal mar Mediterraneo È bagnata dall oceano Atlantico È bagnata dal mar Rosso È bagnata dall oceano Indiano Il fiume Nilo si trova: a. nel settore occidentale b. nel settore orientale Il Nilo scorre: a. da sud a nord 1 5 Colloca geograficamente i seguenti ambienti e luoghi. Nord Centro Sud Deserto del Sahara Altopiano Etiopico Deserto del Kalahari Isola di Madagascar Capo di Buona Speranza Deserto del Namib Fiume Congo Leggi le immagini 3 A Questa immagine riguarda il deserto del Namib, b. da nord a sud Sfocia nel:... che si trova lungo la costa della Namibia: luogo n. Ricordi perché si formano deserti lungo le coste?... 2 Scrivi il nome di almeno altri due fiumi dell Africa: Scrivi il nome di almeno quattro laghi: Colloca geograficamente i seguenti monti. B Questa foto ritrae il monte Kilimangiaro, che è un vulcano: luogo n.... C Questa foto ritrae il fiume Congo che scorre nella fascia equatoriale: luogo n.... Ricordi perché i fiumi equatoriali sono ricchi di acque? Nord Sud Est Ovest Atlante Monte Kilimangiaro Monte Kenya Monti Ahaggar Monti dei Draghi Osserva la carta dei climi L Africa è tagliata a metà dall Equatore. Nella fascia centrale prevale il clima equatoriale, con temperature molto elevate e piogge abbondanti tutto l anno. È il regno della foresta pluviale. A nord e a sud di questa fascia prevale il clima tropicale, con temperature elevate e piogge stagionali. Le foreste si trasformano in praterie e in savane. La fascia successiva ancora più a nord e a sud è quella del clima desertico. A nord c è il deserto del Sahara, a sud quelli del Kalahari e del Namib. Alle estremità settentrionali e meridionali ci sono due sottili fasce a clima temperato, sulla costa mediterranea e in Sudafrica. Clima tropicale Clima subequatoriale Clima arido secco Clima tropicale Clima equatoriale Clima equatoriale Clima mediterraneo Clima mediterraneo 6 Rispondi: estremamente secco? b. E la fascia a clima molto umido?... Equatore c. Esistono fasce a savana? d. Esistono fasce a clima temperato?... Tropico del Capricorno e. Esistono fasce a clima polare? U05_C indd 133 Tropico del Cancro a. Dove si trovano fasce a clima /01/12 15:26

18 4 Continenti e Paesi del mondo 1. Il volto del territorio L Africa è bagnata a ovest dall oceano Atlantico, che forma il vasto Golfo di Guinea. A nord si affaccia sul mar Mediterraneo; a est è bagnata dall oceano Indiano e dal Mar Rosso, un bacino chiuso, collegato al Mediterraneo dal Canale di Suez (che è artificiale) e all oceano Indiano dallo stretto di Beb el-mandeb che dà sul Golfo di Aden. L Africa è quasi interamente occupata da un vasto tavolato di antichissima origine, non del tutto uniforme. Nell Africa orientale gli altopiani sono interrotti da una profonda spaccatura nella crosta terrestre: la Rift Valley. L altopiano etiopico nella regione di Shoa. Come si apre un mare nel cuore di un continente LO SCHEMA chilometri Placca Arabica Erta ale Bianc o Placca Africana il o Ardoukoba N Depressione di Afar Lago Turkana Lago Alberto Lago Edoardo Nyamulagira Nyiragongo Elgon Lago Vittoria Lago Kivu Karisimbi Rift Valley Orientale Kenya Una veduta dall alto della Rift Valley in Tanzania. Ol Doinyo Lengai Kilimangiaro Lago Rift Valley Tanganica Lago Occidentale La Rift Valley (che in inglese significa valle della frattura ) è una gigantesca fossa che si estende da nord a sud per km sui territori di Etiopia, Kenya, Tanzania e che prosegue nel mar Rosso, fino al mar Morto e al fiume Giordano in Asia. È larga da 30 a 100 km e profonda fino a migliaia di metri. Cominciò a formarsi circa 35 milioni di anni fa e il processo continua ancora oggi. La placca africana e quella araba si stanno allontanando e l Africa si sta aprendo in due in corrispondenza dei laghi Turkana, Alberto, Vittoria, Tanganica (profondo ben m) e Niassa. Alla fine di questo processo, tra circa 10 milioni di anni, la valle verrà inondata dalle acque del mare. Il movimento delle placche è inoltre responsabile di alcuni aspetti del territorio tipici di quest area: numerosi terremoti, presenza di vulcani (Kenya, Kilimangiaro...) e continua fuoriuscita di lava. Meru OCEANO Congo Rukwa INDIANO Lago Mweru Lago Malawi Confini delle linee di faglia Placche tettoniche Principali vulcani attivi Maggiori vulcani inattivi o estinti U05_C indd /01/12 15:27

19 Africa 1 Il massiccio dell Ahaggar con le verticali pareti rocciose dei due Tezuyeg. I rilievi africani Tra la costa atlantica e il Mediterraneo si allunga un sistema montuoso di tipo alpino: è la catena dell Atlante. Nel cuore del deserto del Sahara s innalzano massicci isolati: l Ahaggar (detto anche Hoggar) e il Tibesti. Le montagne maggiori si trovano però nel settore orientale e sono di origine vulcanica: il Kilimangiaro, la vetta più alta dell Africa con i suoi m di altezza, il Kenya, m, e il Ruwenzori, m. ai margini del deserto del Sahara, e l Okavango, nel sud del continente, che non trova la via del mare e si perde nel deserto. Laghi molto estesi si concentrano nella zona equatoriale: il lago Vittoria è il più grande dell Africa e il terzo del mondo; vi sono poi i laghi Niassa, Turkana, Tanganica. Al margine del deserto del Sahara si trovano il lago Ciad, un tempo estesissimo ma ridotto oggi a un bacino paludoso profondo non più di 7 metri, e i numerosi chott della Tunisia e dell Algeria, soggetti a forte evaporazione e quindi anch essi poco profondi. Questi laghi sono molto salati e sovente coperti solo da un sottile velo di acqua salmastra; il sale depositato è così abbondante da impedire la crescita della vegetazione. Lo spettacolo offerto dalle cascate Vittoria generate dal fiume Zambesi. Le acque interne Per secoli i fiumi hanno costituito l unica via di comunicazione per penetrare nei territori interni dell Africa. Tuttavia questi corsi d acqua non sono interamente navigabili perché lungo il loro corso si trovano salti, rapide e cascate. I ghiacciai e la neve sono quasi del tutto assenti, e quindi i fiumi africani sono alimentati da piogge e sorgenti, per cui i maggiori si trovano nella fascia equatoriale, dove la piovosità è massima. Il Nilo è l unico fiume che sbocca nel Mediterraneo. È considerato il più lungo del mondo, con i suoi km. Forma una serie di cascate chiamate le sei cataratte. Il Congo è il secondo al mondo per ampiezza del bacino e per la portata: riceve centinaia di affluenti e raccoglie gran parte delle acque della foresta pluviale equatoriale. Il suo corso è interrotto da cascate e rapide: il maggiore ostacolo è costituito dalla serie di 32 rapide, chiamate le cascate Livingstone. Altri fiumi importanti sono lo Zambesi, che crea le spettacolari cascate Vittoria, il Niger, che forma un grande arco Il lago Turkana, situato nella Rift Valley, in Kenya. Per il caratteristico colore delle acque è detto mare di giada. 135

20 4 Continenti e Paesi del mondo Le regioni dell Africa L Africa offre regioni e territori molto vari e spettacolari. Possiamo dire che è un continente dai mille volti. La costa tunisina presso La Marsa, una località non lontano da Tunisi. L Africa settentrionale Il profilo azzurro del Maghreb. Iniziando da nord incontriamo la regione del Maghreb che comprende gli Stati di Marocco, Libia, Algeria e Tunisia. La neve cade sui monti dell Atlante e crea una piccola riserva idrica che consente lo sviluppo dell agricoltura nei fondivalle e nelle piccole pianure della fascia litoranea del Mediterraneo. L azzurro del mare e del cielo si fonde in un unico orizzonte. Il volto misterioso del Sahara. Più a sud, a cavallo del Tropico del Cancro si estende il deserto del Sahara, formato da un immenso tavolato, alto in media tra i 300 e gli 800 m di quota, che arriva a spingersi fino alle coste del Mediterraneo. Il suo territorio è vario e misterioso. In alcuni punti s innalzano soffici dune di sabbia (erg) che si spostano col vento. In altri punti il suolo spazzato offre piatte e dure estensioni di pietrisco (serir). Altrove rocce affioranti (hamada) sembrano sculture di pietra. Se si eccettua il rigoglioso tratto del Nilo a est, in superficie l acqua manca; piccoli torrenti (uidian) si riempiono solo dopo le rare piogge. Nel sottosuolo invece vi sono falde acquifere che consentono la formazione delle oasi. Nella regione del Tadrart Acacus (una zona arida di Algeria e Libia) e nell Ahaggar, antiche incisioni rupestri narrano i mutamenti climatici e mostrano una fitta vegetazione e animali selvatici: sono le tracce di un lontano passato. Nel Sahara della Tunisia ci sono rocce che gli abitanti hanno trasformato in villaggi scavati nel sottosuolo. Dove c è acqua, c è vita: nella foto, uno dei laghi che si trovano in Libia. Campi coltivati ai piedi delle montagne dell Atlante in Marocco. Le linee magre del Sahel. Immediatamente a sud del Sahara ci sono gli Stati di Mauritania, Mali, Burkina Faso, Niger, Ciad e Sudan, dove il deserto lascia il posto alla savana. Le piogge sono scarse e stagionali, le temperature sono alte: è la regione del Sahel, molto povera. Lo sfruttamento eccessivo dei pochi suoli coltivabili ha provocato l avanzamento del deserto. L equilibrio dell intera regione è a rischio, mentre la popolazione si concentra sempre più lungo i pochi corsi d acqua: il tratto centrale del Nilo, del Niger e del Senegal. Il deserto che avanza in Mauritania. 136

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA Adottata dalla Conferenza dei Capi di Stato e di Governo dell'oua riuniti

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa Europa e Africa Focus Intervista a Giovanni Bersani L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa a cura di Matteo Montanari Europarlamentare per quasi trent anni (1960-1989), lei ha ricoperto anche

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015

INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015 INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015 Il mese di gennaio da sempre rappresenta il cuore dell Iniziativa di Carità nel percorso formativo dell Acr, una traduzione concreta - a misura dei bambini e ragazzi attraverso

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

2-5. Giornata mondiale dell acqua 2007 Fronteggiare la scarsità d acqua. Quantità e qualità. In cattive acque. Acqua e ricchezza.

2-5. Giornata mondiale dell acqua 2007 Fronteggiare la scarsità d acqua. Quantità e qualità. In cattive acque. Acqua e ricchezza. Invertire la rotta la penuria d acqua nel mondo: problemi e risposte KENYA: servizi igienici scadenti I famigerati gabinetti volanti della baraccopoli di Kibera, a Nairobi, in Kenya, sono una delle conseguenze

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita.

Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita. Dossier 2003 Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita. Introduzione L acqua è l elemento vitale per la sopravvivenza del nostro pianeta e la corretta gestione delle risorse idriche è la sfida

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità Traduzione 1 Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità 0.810.1 Firmata a Nuova York il 22 luglio 1946 Approvata dall Assemblea federale il 19 dicembre 1946 2 Strumenti di ratificazione depositati

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Ufficio IV GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE (Maggio 2014)

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU LA FAMIGLIA DI BADU Badu è ghanese. È di Ada, una città vicino ad Accrà, nel Ghana. Ha ventiquattro anni ed è in Italia da tre mesi. Badu è in Italia da solo, la sua famiglia è rimasta in Ghana. La famiglia

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST!

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! GERONIMO STILTON Testi di Geronimo Stilton. Coordinamento editoriale di Piccolo Tao. Editing di Certosina Kashmir e Topatty Paciccia. Coordinamento artistico di Gògo Gó in collaborazione

Dettagli

Futuri contrabbandati:il pericoloso percorso dei migranti dall Africa all Europa

Futuri contrabbandati:il pericoloso percorso dei migranti dall Africa all Europa Futuri contrabbandati:il pericoloso percorso dei migranti dall Africa all Europa A Research Report Maggio 2014 A N E T W O R K T O C O U N T E R N E T W O R K S Futuri contrabbandati il pericoloso percorso

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

PER UN PUGNO DI SEMI

PER UN PUGNO DI SEMI GREEN CROSS ITALIA Tel. 06.36004300-06.45597291 SEGRETERIA PERMANENTE DEL CONCORSO Immagini per la Terra Sito web www.immaginiperlaterra.i 00192 Roma Via dei Gracchi, 187 e-mail concorso@immaginiperlaterra.it

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Cooperazione internazionale La lotta alla povertà in un mondo che cambia e sviluppo Sappiamo tutti che con le risorse tecnologiche, finanziarie e materiali in nostro possesso

Dettagli

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 1. La Commedia è un testo poligenere perché: 1) utilizza termini provenienti da lingue diverse 2) ha aspetti del poema,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Presentazione candidature: 30 giugno-13 luglio 2015. Periodo di svolgimento del tirocinio: 1 ottobre-31 dicembre 2015

Presentazione candidature: 30 giugno-13 luglio 2015. Periodo di svolgimento del tirocinio: 1 ottobre-31 dicembre 2015 Bando di selezione per 82 tirocini curriculari presso le Rappresentanze diplomatiche del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Presentazione candidature: 30 giugno-13 luglio

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli