Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico"

Transcript

1 Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1

2 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le onde elettromagnetiche sono caratterizzate da: lunghezza d onda λ frequenza f Le quali sono legate dalla relazione: c λ= f 2

3 Definizione di Colore sensazione visiva di colore è caratterizzata essenzialmente da tre aspetti: tono/tinta: è legato alla lunghezza d onda dominante e individua il colore con cui viene visto un oggetto purezza/saturazione: rappresenta la quantità di dominante presente ed è la vivacità del colore che si differenzia dalla visione di grigio (una lunghezza d onda monocromatica fornisce un colore puro; lo stesso colore può essere ottenuto con luci diverse ma la sua saturazione diminuisce) luminanza/luminosità: esprime l intensità luminosa nella direzione della visione (quantità di bianco). 3

4 La sensazione visiva, a differenza di quella uditiva, non permette di distinguere in un fascio luminoso policromatico le componenti monocromatiche. Il sistema CIE adottato a partire dal 1931 definisce univocamente ed in modo matematico una radiazione luminosa dal punto di vista cromatico, attraverso la quantificazione di due coordinate numeriche. Il sistema CIE nasce dalla constatazione sperimentale che dalla combinazione di tre luci colorate è sempre possibile ottenere un fascio luminoso che dia la stessa sensazione di colore di una luce qualsiasi. 4

5 La percezione di un colore dipende da: parametri oggettivi (composizione spettrale della radiazione) parametri soggettivi (sensibilità dell occhio ad alcune radiazioni) Si rende necessaria la definizione di un sistema univoco di valutazione, per l importanza che il colore assume in ambito commerciale ed industriale. La CIE (Commissione Internazionale dell Illuminazione) ha introdotto il triangolo tricromatico per determinare le caratteristiche spettrali di sorgenti primarie normalizzate, capaci di riprodurre tutti i colori per miscela additiva. Dal diagramma tricromatico è possibile ricavare, note le coordinate del colore, la sua lunghezza d onda e la sua saturazione. 5

6 Il CIE ha definito tre colori fondamentali, con le seguenti caratteristiche: ROSSO (R) λ=700 nm Luminanza Rosso = 1 nit (cd/m 2 ) VERDE (V) λ=546,1 nm Luminanza Verde = 4,5909 nit (cd/m 2 ) BLU (B) λ=435,8 nm Luminanza Blu = 0,06012 nit (cd/m 2 ) Luminanza (L, nit o cd/m 2 ) rapporto tra l intensità luminosa irradiata e la superficie emittente apparente (proiezione della superficie emittente sull ortogonale alla direzione) 6

7 7

8 Il diagramma colorimetrico CIE è una rappresentazione piana di uno stimolo di colore. In esso si riconoscono le aree dei colori fondamentali (nei tre vertici, blu, rosso e verde) e dei tre complementari (giallo, magenta e ciano) Il diagramma CIE è un triangolo equilatero, ai cui vertici sono posti i tre colori primari rosso, verde e blu, appunto, indicati come X, Y e Z, considerati ipersaturi in modo da racchiudere nella propria configurazione la curva dei colori spettrali, evitando valori positivi o negativi delle coordinate. 8

9 9

10 10

11 Illuminotecnica Lo spettro del visibile ricade nell intervallo di lunghezze d onda: Al di fuori di tale fascia le radiazioni luminose non sono più visibili e si entra nel campo: Ultravioletto Infrarosso Lo spettro visibile 9 λ < λ > [ ] 9 m < λ < [ m] 9 9 [ m] [ m] 11

12 Illuminotecnica I Colori Lunghezza d onda λ in 10 9 [ m] Colore violetto blu verde giallo arancio rosso 12

13 Illuminotecnica Potenza luminosa Una sorgente luminosa può emettere: Una lunghezza d onda Un insieme discreto di lunghezze d onda Uno spettro continuo di lunghezze d onda Ad ogni lunghezza d onda proveniente dalla sorgente corrisponde una potenza emessa detta potenza radiante associata alla lunghezza d onda λ. P R La potenza radiante della sorgente è la somma delle potenze radianti associate a tutte le lunghezze d onda emesse: P R = ( ) Pλ λ λ λ λ 2 1 dλ 13

14 Illuminotecnica L occhio umano stima in maniera diversa la luce emessa alle varie lunghezze d onda. L occhio umano Esso presenta sensibilità massima alla lunghezza d onda del giallo-verde mentre ha sensibilità nulla all esterno dello spettro visibile. λ10 [ 9 m] S λ Sarà dunque nescessario ricorrere a sorgenti luminose in grado di emettere lunghezze d onda nel campo del giallo-verde. E detta allora potenza luminosa il prodotto tra potenza radiata e sensibilità: P L = P R S P L 14

15 Illuminotecnica Efficienza cromatica Il rapporto tra la potenza luminosa e la potenza radiante definisce l efficienza cromatica della sorgente: P L PR η 1 = P P L R Esso è un numero puro che indica la capacità della sorgente di emettere radiazioni nel giallo-verde, cioè nel campo di massima sensibilità dell occhio umano. 15

16 Illuminotecnica Esempio Sia data una sorgente che emette tre lunghezze d onda: [ m ] [ W ] 9 λ 1 = con potenza Pλ 1 = 6 9 λ [ m ] con potenza 2 = Pλ 1 = 4 9 λ [ m ] con potenza 3 = Pλ 1 = 5 La potenza radiante totale è: P R = Pλ + P + P = 15 [ W ] 1 λ 2 λ 3 La potenza luminosa totale è: P L = Pλ S P S P S 1 λ + 1 λ + 2 λ 2 λ 3 λ 3 = 9, 55 L efficienza cromatica è: η P L 1 = = PR 0,637 [ W ] [ W ] [ W ] Cioè il 63,7% della potenza radiante emessa dalla sorgente è rilevata dall occhio umano 16

17 Resa dei Colori delle Sorgenti Luminose Un vetro trasparente colorato appare di un determinato colore perché si lascia attraversare dalle lunghezze d onda relative a quel colore mentre assorbe o riflette tutte le rimanenti. Se nello spettro di emissione della sorgente incidente non sono presenti le lunghezze d onda del materiale osservato, il suo colore sarà alterato. È quindi importante per avere una buona resa dei colori che nello spettro di emissione della sorgente luminosa siano presenti tutte le lunghezze d onda, ciascuna con valori quantitativi equilibrati 17

18 La Temperatura di Colore (TC, K) è definita come la temperatura di un corpo nero espressa in Kelvin che emette luce avente lo stesso colore della luce emessa dalla lampada (la luce rossastra ha una bassa TC, la luce bluastra ha un elevata TC) Il sole ha una TC di circa 6000 K, il filamento di una lampadina normale ha una TC di circa 2200 K mentre una lampada allo iodio ha una TC di circa 2500 K. TC (K) è un parametro che individua in modo oggettivo il colore della luce di una sorgente luminosa confrontata con la sorgente campione (il corpo nero). Il corpo nero emette in tutte le zone dello spettro il massimo dell energia raggiante ed assorbe completamente l energia raggiante che lo colpisce. Dire che una lampada ha una TC di 3000 K, significa che il corpo nero, a questa temperatura, emette luce della stessa tonalità. 18

19 19

20 L indice di Resa Cromatica (IRC, %) L effetto cromatico di una superficie dipende sia dal suo colore effettivo che dal tipo di sorgente luminosa. L indice di resa cromatica (IRC Colour Rendering Index) è la misura di quanto una sorgente luminosa è capace di rendere i colori. IRC è un fattore numerico ed ha indice 100. La resa cromatica è: ottima con IRC tra 85 e 100 buona con IRC tra 70 e 85 discreta con IRC tra 50 e 70. La sorgente campione, a rigore il corpo nero, è un metallo, al quale viene somministrata una quantità di calore crescente, portandolo all incandescenza. Aumentando la temperatura, cambierà colore passando dal rosso cupo fino all azzurro, per il bianco. 20

21 21

22 22

23 23

24 Illuminotecnica Una sorgente luminosa (lampada) trasforma in potenza radiante solo una piccola parte della potenza elettrica assorbita dalla linea di alimentazione. Il rapporto tra la potenza radiante emessa dalla sorgente e la potenza elettrica assorbita definisce l efficienza radiante della sorgente: Efficienza radiante P E η 2 = La differenza tra la potenza elettrica assorbita e la potenza radiante definisce la porzione di potenza trasformata in calore dalla lampada: P Q = P E P R P P R E P R P E P R 24

25 Illuminotecnica Esempio Sia data una lampada: con potenza elettrica assorbita con efficienza radiante P E = 60 η 2 = 0,13 La potenza radiante totale è: PR = PE η 2 = 7, 8 [ W ] La potenza trasformata in calore è: ( 1 ) 52, [ W ] 2 = PQ = PE η 2 [ W ] 25

26 Illuminotecnica Efficienza totale L efficienza totale definisce la capacità di una sorgente di trasformare in P potenza luminosa la potenza elettrica assorbita : L η = P P L E P E Che si può anche esprimere in funzione dell efficienza cromatica η 2 e dell efficienza radiante : η 1 η = P P L E = P P L E P P R R = P P L R P P R E = η 1 η 2 26

27 Illuminotecnica Dunque la potenza termica è: Alcuni valori indicativi.. per una lampada con potenza 40W, il 35% si trasforma in potenza radiante di cui ancora il 22% stimola effettivamente l occhio umano. In definitiva solo circa il 7% della potenza elettrica assorbita si trasforma in potenza luminosa, mentre il 65% è calore ed il 27% è radiazione luminosa non visibile! Efficienza totale P R P P Q = P E = E η E la potenza radiante è: 2 ( 1 η 2 ) La potenza radiante non visibile è: P RR P ( ) P L P = R = R η La potenza radiante visibile è: 1 1 η 1 27

28 Illuminotecnica Flusso luminoso E detto flusso luminosa emesso da una sorgente: Un lumen equivale a una potenza luminosa: 1 P L = [ W ] = 1, [ mw ] φ = 680 P L [ lumen ] Ed ovviamente 1[W] equivale a 680[lm] Il Flusso Luminoso può anche essere espresso in funzione di efficienza cromatica, efficienza radiante, potenza elettrica assorbita: φ = 680 η 1 η 2 P E 28

29 Illuminotecnica Esempio Sia data una sorgente S che emette una lunghezza d onda: λ = η 1 = 1 η 2 = [ m ] Se si verifica che: cioè S emette solo λ tutta la P elettrica è P radiante Allora si ottiene: φ = 680 η 1 η 2 P = 680 Con efficienza totale: E P R η = 1 Dunque la sorgente che emette solo λ è IDEALE e converte in luce tutta la potenza elettrica assorbita. 29

30 Illuminotecnica Efficienza luminosa Il rapporto tra il flusso luminoso e la potenza elettrica assorbita definisce l efficienza luminosa della sorgente: η = φ Una Sorgente che converte in luce di lunghezza d onda λ φ [ lm W ] L / P E = [ m ] tutta la potenza elettrica assorbita presenta una efficienza luminosa: η [ lm W ] L = 680 η1 η 2 = = 680 / PE 30

31 Illuminotecnica Illuminamento Data una superficie di area S investita da un flusso luminoso, si definisce Illuminamento E il rapporto: E = φ S [ lux ] Si introduce poi una superficie di calcolo chiamata Piano di Lavoro, convenzionalmente posta a 0,85 metri da piano di calpestio sulla quale si effettuano tutti i calcoli dei fattori di illuminamento. φ 31

32 Illuminotecnica Illuminamento Tra le varie tipologie di illuminazione ricordiamo: Illluminazione diretta Ove la sorgente emette radiazione direttamente verso il piano di lavoro Illuminazione indiretta Ove la radiazione luminosa emessa raggiunge il piano di lavoro per riflessioni successive, dunque indirettamente. In ogni caso tutti gli apparecchi illuminanti emettono secondo un proprio Cono di Emissione che dipende dalla parabola riflettente ed in minima parte dalla lampada 32

33 Illuminotecnica Disposizione delle Lampade Per una superficie illuminata si definisce: Illuminamento Medio E max + E E min m = 2 Coefficienti di Uniformità α = E min E m β = Criterio generale per la disposizione in campo degli apparecchi è che la distanza d tra i centri luminosi non sia maggiore del raggio r dei coni di emissione dei singoli apparecchi illuminanti. E E min max 33

34 ILLUMINAZIONE DEI POSTI DI LAVORO NEGLI INTERNI NUOVA NORMA UNI OBIETTIVI della NORMA UNI EN ILLUMINAZIONE ADEGUATA ED APPROPRIATA SVOLGIMENTO EFFICACE ED ACCURATO DEI COMPITI VISIVI TIPO E DURATA MINIMO SFORZO E MINIMI ERRORI 34

35 ART.33 D.LGS SICUREZZA (PRESTAZIONI VISIVE) SALUTE (IGIENE VISIVA ) BENESSERE (COMFORT VISIVO) COMPITO VISIVO LUMINANZA CONTRASTI DURATA DELLA PRESTAZIONE DIMENSIONE OGGETTI VISIBILITA DETTAGLI NUMERO DI OGGETTI PRESENTI (ERGONOMIA DELLA VISIONE) 35

36 CONDIZIONI DI QUALITÀ DELL ILLUMINAZIONE Valori di illuminamento Uniformità di illuminamento Luminanze Distribuzione delle luminanze Distribuzione spettrale della luce Flicker Disegno di luci I valori Em della UNI sono validi per condizioni visive abituali e tengono conto dei seguenti fattori: aspetti psico-fisiologici (comfort e benessere) requisiti dei compiti visivi ergonomia della visione esperienza pratica sicurezza economia 36

37 DECISIONI DEL PROGETTISTA lux CONDIZIONI DI VISIBILITA ABITUALI Em(UNI) COMPITO VISIVO CRITICO 1.5 Em ERRORI COSTOSI 1.5 Em ALTA PRODUTTIVITA 1.5 Em CAPACITA VISIVE RIDOTTE 1.5 Em DETTAGLI MOLTO PICCOLI 1.5 Em TEMPI DI LAVORO LUNGHI 1.5 Em DETTAGLI MOLTO GRANDI TEMPI DI LAVORO BREVI Em/1.5 Em/1.5 37

38 VARIAZIONE DELLA PRESTAZIONE VISIVA (SICUREZZA) Con illuminamento Em=500 lux LIVELLO DI IMPEGNO MEDIO COMPITO PRESTAZIONE VISIVA PRESTAZIONE VISIVA facile medio difficile GIOVANI ANZIANI Con illuminamento Em=500 lux LIVELLO DI IMPEGNO ELEVATO COMPITO PRESTAZIONE VISIVA PRESTAZIONE VISIVA facile medio difficile GIOVANI ANZIANI 38

39 E CONSENTITO RIDURRE L ILLUMINAMENTO NELLA ZONA IMMEDIATAMENTE CIRCOSTANTE IL COMPITO VISIVO FASCIA DI ALMENO 0,5 m DI LARGHEZZA INTORNO ALLA ZONA DEL COMPITO VISIVO 39

40 ILLUMINAMENTO DEL COMPITO ILLUMINAMENTO DELLE ZONE IMMEDIATAMANTE CIRCOSTANTI lx lx Uniformità: Uniformità: 0.5 Ecompito 40

41 TERMINI MINIMI INTRODOTTI 20 LUX MINIMO ESSENZIALE 200 LUX ZONE OCCUPATE PERMANENTEMENTE UNIFORMITA Emin/ Emed = 0.7 ZONA DI LAVORO = 0.5 ZONA CIRCOSTANTE 41

42 DISTRIBUZIONE DELLE LUMINANZE Fattori di riflessione consigliati SOFFITTO PARETI PIANO DI LAVORO PAVIMENTO

43 COMFORT RAPPORTI DI LUMINANZA ADEGUATI NEL COMPITO VISIVO da 1 A 3 COMPITO VISIVO/ AMBIENTE da 1 A 5 AFFATICAMENTO VISIVO CATTIVO ADATTAMENTO NEL COMPITO VISIVO CATTIVO ADATTAMENTO DEL COMPITO VISIVO - AMBIENTE 43

44 ERGONOMIA DELLA VISIONE LUMINANZE ALTE ABBAGLIAMENTI LUMINANZE TROPPO BASSE AMBIENTE PIATTO E MONOTONO NUMERO ECCESSIVO DI OGGETTI NEL COMPITO VISIVO 44

45 ABBAGLIAMENTI MOLESTO O DEBILITANTE LUMINANZE ELEVATE ANCHE CON ILLUMINAZIONE INDIRETTA ERRORI AFFATICAMENTI INCIDENTI 45

46 INDICE UGR ABBAGLIAMENTO MOLESTO 2 0,25 L ω UGR = 8 log 10 ( 2 Lb p ) Lb LUMINANZA DI SFONDO IN cd x m-2 calcolata con Eindiretto / π (Ev SULL OCCHIO) L LUMINANZA DELLE PARTI LUMINOSE ω ANGOLO SOLIDO, IN STERADIANTI, DELLE PARTI LUMINOSE p INDICE DI POSIZIONE DI GUTH, CHE E FUNZIONE DELLO SCOSTAMENTO ANGOLARE RISPETTO ALL ASSE DELLA VISIONE, PER OGNI SINGOLO APPARECCHIO DI ILLUMINAZIONE (funzione di: d = distanza longitudinale s= distanza trasversale) 46

47 p = INDICE DI POSIZIONE DI GUTH 1 p = d 2 2 d A + 1,5d + 4,6 + 0,12(1 A) A = e d = ( 0,18 s d distanza s = distanza 2 s + 0,01 d 3 ) longitudinale tra trasversale tra l'occhio e la sorgente l'occhio e la sorgente 47

48 SCHERMATURA DEGLI APPARECCHI Luminanza della lampada kcd / m 2 Angolo minimo di schermatura da 20 a <50 15 da 50 a <

49 RIFLESSIONI VELANTI E ABBAGLIAMENTO RIFLESSO RIDUZIONE MEDIANTE sistemazione adeguata degli apparecchi d illuminazione e dei posti di lavoro finitura della superficie (superfici opache) riduzione della luminanza degli apparecchi d illuminazione aumento dell area luminosa dell apparecchio d illuminazione pareti e soffitti chiari N.B. I COLORI DELLE SUPERFICI SONO DI COMPETENZA DI DIVERSE FIGURE PROFESSIONALI 49

50 ILLUMINAZIONE DIREZIONALE PUO INFLUENZARE LA VISIBILITA DEL COMPITO VISIVO MODELLATO = RAPPORTO OTTIMALE TRA ILLUMINAZIONE DIFFUSA E ILLUMINAZIONE DIREZIONALE (creazione di ombre gradatamente marcate) 50

51 CARATTERISTICHE DELLE OMBRE EVIDENZIARE I DETTAGLI E LE INFORMAZIONI VISIVE DIREZIONE OPPORTUNA DELLA LUCE IN RELAZIONE ALLA DIMENSIONE MEDIA DEI DETTAGLI ASPETTI E APPARENZA DEL COLORE RICONOSCERE IL COLORE DEGLI OGGETTI E RISPETTARE LA LORO CROMATICITA ATTRAVERSO LA TONALITA DELLA LUCE PER AMBIENTI FREQUENTATI INDICE Resa del colore Ra 80 51

52 IL COLORE DELLA LUCE (TONALITA CROMATICA) Apparenza del colore Calda Temperatura correlata del colore TCP K minore di K Intermedia da K a K Fredda maggiore di K 52

53 PROVOCA CEFALEE EVITARE SFARFALLAMENTI ED EFFETTI STROBOSCOPICO PROVOCA PERICOLO CON PARTI IN MOVIMENTO PROVOCA CATTIVA VISIONE DEGLI OGGETTI IN MOVIMENTO 53

54 VIDEOTERMINALI COMPITI SU CUI EVITARE RIFLESSIONI LETTURA DELLO SCHERMO LETTURA DEL TESTO STAMPATO SCRITTURA SU CARTA LAVORO SULLA TASTIERA EVITARE LE ZONE D INSTALLAZIONE CRITICHE LIMITI DI LUMINANZE Classe dello schermo secondo la ISO I II III Qualità dello schermo buona media bassa Luminanza media degli apparecchi che sono riflessi nello schermo cd / m cd / m 2 54

55 ESTRATTO TABELLA UNI N.RIF. ATTIVITA Em Lx UGR Ra NOTE K V.MEDICA > L.PRECIS CORRIDOI Em a 0m INDUSTRIA COLORI SICUR. 55

56 CRITERI DI PROGETTAZIONE ILLUMINOTECNICA Em= ILLUMINAMENTO MEDIO MANTENUTO Eo= ILLUMINAMENTO INIZIO IMPIANTO (>100h) Eo Eo Em Em= TABELLE UNI necessario per garantire comfort e prestazioni visive qualunque sia l età e lo stato dell installazione 56

57 FATTORE DI MANUTENZIONE DELLA VECCHIA NORMA (NON E PRESENTE NELLA NUOVA) TABELLA E DELLA UNI Grado di impolveramento del locale Ad incande- scenza Tipo di lampade A vapore di mercurio Ad alogenuri Minimo Medio Elevato

58 FATTORE DI MANUTEZIONE IL PROGETTISTA DEVE: stabilire il fattore di manutenzione ed elencare tutte le ipotesi richieste per la valutazione di questo valore specificare gli apparecchi d illuminazione idonei all ambiente preparare un programma di manutenzione completo che comprenda la frequenza del ricambio delle lampade, gli intervalli di pulizia degli apparecchi d illuminazione, del locale ed il metodo di pulizia più adeguato 58

59 IL FATTORE DI MANUTENZIONE Il rapporto tra l illuminamento medio sul piano di lavoro dopo un certo periodo di uso dell impianto (1 manutenzione) rispetto al valore medio dell illuminamento ottenuto sotto le stesse condizioni quando l impianto è nuovo [IEC/CIE 17.4] FM = LSF ( t ) LLO ( t ) LOR ( t ) LSF: (Fattore di Sopravvivenza delle Lampada); LLO: (Lighting Lumen Output) fattore di manutenzione della lampada; LOR: (Lighting Output Ratio) fattore di manutenzione dell apparecchio (WFM) Fattore di manutenzione dei muri 59

60 SOSTITUZIONE PROGRAMMATA MASSICCIA DI LAMPADE PIÙ PULIZIA PROGRAMMATA MASSICCIA DI APPARECCHI Numero di pulizie dell apparecchio illuminante eseguite nello stesso tipo di politica Tempo, in mesi, tra due sostituzioni programmate 60

61 SOSTITUZIONE PROGRAMMATA E CORRETTIVA MASSICCIA DI LAMPADE PIÙ PULIZIA PROGRAMMATA MASSICCIA DI APPARECCHI Numero di pulizie dell apparecchio illuminante eseguite nello stesso tipo di politica. Tempo, in mesi, tra due sostituzioni programmate 61

62 VERIFICHE Em (Illuminamento) U (Uniformità) Ra (Resa del colore della luce) K lampade (Temperatura di colore nella luce) UGR (Indice di abbagliamento molesto) Luminanza apparecchi Luminanze ambiente Contrasti (compito visivo ambiente) 62

63 Grazie della Vostra attenzione 63

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo

Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo L ILLUMINAZIONE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Il rispetto delle normative a garanzia del benessere dell uomo Dott. Ing. Gianni Drisaldi Le grandezze fotometriche Il Flusso Luminoso L Intensità luminosa L illuminamento

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3:

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA. Lezione n 3: CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ILLUMINOTECNICA Lezione n 3: Elementi caratterizzanti il colore Grandezze fotometriche qualitative Le Sorgenti Luminose artificiali Ing. Oreste Boccia 1 Elementi caratterizzanti

Dettagli

CORSO DI ILLUMINOTECNICA

CORSO DI ILLUMINOTECNICA COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI VARESE CORSO DI ILLUMINOTECNICA PARTE 1 Docente : dott.ing. Paolo Beghelli Bussero ( MI) 1 INDICE 1 INDICE 2 2 IL FENOMENO DELLA LUCE 3 3 DEFINIZIONI

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it

SORGENTI LUMINOSE. ALVISI ING. MATTEO www.acmproject.it SORGENTI LUMINOSE Lo sviluppo di nuove tecnologia ha consentito di realizzare una gamma notevole di lampade, destinate alle più differenti applicazioni: Irradiazione per effetto termico Lampade a Incandescenza

Dettagli

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi 2 Principi Generali della Fotografia LE MISURAZIONI DELLA LUCE 3 LA LUCE QUALE ENERGIA MISURABILE Abbiamo visto che la luce è una forma

Dettagli

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione Capitolo 1 Radiazione elettromagnetica e occhio In questo capitolo prendiamo in considerazione alcune grandezze fondamentali riguardanti l illuminazione e alcuni concetti legati alla visione umana che

Dettagli

grandezze illuminotecniche

grandezze illuminotecniche Grandezze fotometriche Flusso luminoso caratteristica propria delle sorgenti luminose; Lezioni di illuminotecnica grandezze illuminotecniche ntensità luminosa lluminamento Luminanza caratteristica propria

Dettagli

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Università del Salento Progetto Lauree Scientifiche Attività formativa Modulo 1 L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Vincenzo Orofino Gruppo di Astrofisica LA LUCE Natura della

Dettagli

Valutazione dell illuminazione artificiale

Valutazione dell illuminazione artificiale Valutazione dell illuminazione artificiale Introduzione La progettazione del campo luminoso realizzato dalle sorgenti artificiali costituisce una parte importante dei compiti del progettista degli ambienti

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

Elementi di illuminotecnica. Capitolo 2. La percezione della luce, le grandezze fotometriche e la prestazione visiva

Elementi di illuminotecnica. Capitolo 2. La percezione della luce, le grandezze fotometriche e la prestazione visiva Elementi di illuminotecnica Capitolo 2 La percezione della luce, le grandezze fotometriche e la prestazione visiva La luce La luce è l agente fisco che rende visibile gli oggetti ovvero è la sensazione

Dettagli

La percezione del colore

La percezione del colore 30 Gennaio 2007 Corso di Laurea in Informatica Multimediale Facoltà di Scienze MMFFNN Università di Verona La percezione del colore Chiara Della Libera DSNV Università di Verona Sezione di Fisiologia Umana

Dettagli

1 - Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale

1 - Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale Marraffa Orazio, matr. 263439 Mesto Emanuele, matr. 257491 Lezione dell 11/05/2016, ore 10:30 / 13:30 INDICE: 1. Tipologie di lampade per l illuminazione artificiale 2. Apparecchi per la diffusione luminosa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Corso di Elaborazione Elettronica di Immagini CENNI DI FOTOMETRIA E ILLUMINOTECNICA Fotometria Motivazione: Dare una misura dell intensità luminosa che rispecchi il funzionamento

Dettagli

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici prof. ing. Luigi Maffei Le grandezze fotometriche Sono definite per valutare in termini quantitativi le caratteristiche

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

Emidio Frattaroli Editore e Direttore Responsabile. AV Magazine www.avmagazine.it info@avmagazine.it

Emidio Frattaroli Editore e Direttore Responsabile. AV Magazine www.avmagazine.it info@avmagazine.it Emidio Frattaroli Editore e Direttore Responsabile AV Magazine www.avmagazine.it info@avmagazine.it AV Magazine - 500.000 IP unici al mese (fonte Google Analytics - nov 2012) - 30.000 IP unici al giorno

Dettagli

Esperienza 1: Luce e Colori della luce

Esperienza 1: Luce e Colori della luce 1 Introduzione 1 Esperienza 1: Luce e Colori della luce 1 Introduzione Il colore è la percezione visiva generata dai segnali nervosi che i fotorecettori della retina mandano al cervello quando assorbono

Dettagli

Corso di Visione Artificiale. Percezione e Colore. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Percezione e Colore. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Percezione e Colore Samuel Rota Bulò Percezione del colore La percezione del colore è dovuta all'interazione tra la luce emessa da una sorgente, gli oggetti incontrati nel

Dettagli

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate

Filtri per la saldatura e tecniche connesse requisiti di trasmissione e utilizzazioni raccomandate allegato 3 - protezione personale degli occhi Allegato 3 (*) Si riportano di seguito le appendici delle norme UNI EN 169 (1993), UNI EN 170 (1993) e UNI EN 171 (1993) Protezione personale degli occhi (*)

Dettagli

Illuminazione. Roma, ottobre 2009

Illuminazione. Roma, ottobre 2009 Illuminazione Roma, ottobre 2009 L illuminazione di un ambiente di lavoro deve soddisfare esigenze fondamentali quali: Buona visibilità per svolgere una determinata attività Confort visivo Sicurezza La

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

illuminazione artificiale

illuminazione artificiale illuminazione artificiale Illuminazione artificiale degli interni Il progetto di illuminazione degli interni deve essere studiato e calcolato in funzione della destinazione d uso e dei compiti visivi del

Dettagli

Interazione luce - materia

Interazione luce - materia Interazione luce - materia 1 Modelli di illuminazione Il modello di illuminazione descrive l interazione tra la luce e gli oggetti della scena Descrive i fattori che determinano il colore di un punto della

Dettagli

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce Il Sole è sicuramente la sorgente più comune e facilmente disponibile. In realtà però al giorno d oggi molte attività sono svolte sotto sorgenti artificiali di tipo

Dettagli

Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano

Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano Cosa serve per vedere Didattica della Fisica A.A. 2009/10 Luce e colore A cura di Ornella Pantano e Enrica Giordano Per poter vedere un oggetto è necessario che un fascio di luce emesso da una sorgente

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

Capitolo II. La Luce

Capitolo II. La Luce Capitolo II La Luce Che cos è la luce. Dato che la parole fotografia deriva dal greco photo grafia che significa disegnare con la luce, analizziamo innanzi tutto che cos è la luce. La luce è una forma

Dettagli

Teoria dell immagine

Teoria dell immagine Archivi fotografici: gestione e conservazione Teoria dell immagine Elementi di base: la luce, l interazione tra luce e materia, il colore Mauro Missori Cos è la fotografia? La fotografia classica è un

Dettagli

LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche

LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche LG -Lampade compatte a led Nozioni generali e principali caratteristiche STRUTTURA della LAMPADA LG Possiamo individuare 3 componenti principali che formano la lampada compatta a led (1) Led e diffusore

Dettagli

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO Scambio termico per irraggiamento L irraggiamento, dopo la conduzione e la convezione, è il terzo modo in cui i corpi possono scambiare calore. Tale fenomeno non

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI

ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI ALLEGATO D L UTILIZZO DI SORGENTI EFFICIENTI L uso di lampade ad avanzata tecnologia ed elevata efficienza luminosa costituisce un ulteriore criterio tecnico imposto dalla normativa regionale, affinchè

Dettagli

Lampade per strade parchi e parcheggi

Lampade per strade parchi e parcheggi Serie HELIOS-CLASSIC Lampade per strade parchi e parcheggi 2 Nozioni importanti riguardo SAP e LED Nelle lampade SAP (Sodio Alta Pressione) si può affermare che i lux dichiarati dalla casa produttrice

Dettagli

Illuminazione naturale (3)

Illuminazione naturale (3) PROGETTAZIONE ENERGETICA Illuminazione naturale (3) Luce dall alto (toplighting) Fig. 1 - Illuminazione attraverso una cupola Gli ambienti di elevata dimensione (capannoni, atri, ecc.) sono spesso illuminati

Dettagli

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce Colori e Arcobaleno Noi vediamo grazie alla luce, ma che cosa sono tutti i colori che ci circondano? La luce del Sole è proprio bianca come la vediamo? Come si forma l arcobaleno? Perché il cielo è azzurro?

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

Progetto illuminotecnico

Progetto illuminotecnico Progetto illuminotecnico Il progetto dell impianto di illuminazione ha lo scopo di determinare: il numero, i tipi e le posizioni degli apparecchi da installare in un ambiente tenendo conto delle caratteristiche

Dettagli

ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO

ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO ILLUMINIAMO IL TUO FUTURO TECNOLOGIA LED Il LED è un dispositivo elettronico che trasforma la corrente da cui è attraversato in luce e calore, non irradiato, da dissipare attraverso un apposita struttura

Dettagli

CHE COS È IL COLORE? Colore - X 10 Y 8 Z 35

CHE COS È IL COLORE? Colore - X 10 Y 8 Z 35 CHE COS È IL COLORE? Il colore nasce dalla luce. La luce che colpisce un oggetto viene parzialmente assorbita a seconda del colore. La parte non assorbita viene riflessa e trasmessa ai recettori cromatici

Dettagli

Il microclima come agente fisico

Il microclima come agente fisico Il microclima come agente fisico Definizione di microclima Nel D. Lgs. 81/08 il microclima è elencato tra gli agenti fisici per i quali è richiesta la valutazione del rischio, assieme a: rumore, vibrazioni,

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 TIEL TIM a.s. 2011/2012 PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini ILUMINAZIONE

Dettagli

L illuminazione del futuro: i LED e il loro controllo. 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1

L illuminazione del futuro: i LED e il loro controllo. 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1 L illuminazione del futuro: i e il loro controllo 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi 1 Classificazione delle sorgenti luminose 11/04/2010 x I.T.I.S. F.Corni - Modena - ing.g.vicenzi

Dettagli

ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO

ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO CONSIGLI PER RISPAMIARE ENERGIA IN UFFICIO I SETTIMANA DELL ENERGIA ILLUMINAZIONE EFFICIENTE IN UFFICIO Buone Abitudini Ecco alcuni comportamenti che è bene adottare per risparmiare energia in ufficio

Dettagli

LE CURVE FOTOMETRICHE

LE CURVE FOTOMETRICHE LE CURVE FOTOMETRICHE E' noto che l' intensità luminosa è una grandezza che deve essere associata ad una direzione. Non avrebbe molto significato parlare della intensità di un corpo illuminante in una

Dettagli

Estetica del dente FORMA E COLORE

Estetica del dente FORMA E COLORE Estetica del dente I concetti relativi a forma, colore, stratificazione, struttura superficiale e funzione si rivelano di fondamentale importanza soprattutto nella realizzazione di un dispositivo in ceramica,

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Teoria e pratica La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: Il numero

Dettagli

Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s.

Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s. LA LUCE Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s. 2012_2013 La luce è una forma di energia che ci fa vedere le forme, i

Dettagli

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT

LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT A02 059 Laura Bellia Carla Di Martino Gennaro Spada LA SIMULAZIONE ILLUMINOTECNICA CON RADIANCE MEDIANTE ECOTECT L ILLUMINAZIONE DI UNA CHIESA DI INTERESSE STORICO ARTISTICO Copyright MMX ARACNE editrice

Dettagli

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Il colore viene utilizzato nelle immagini digitali per due motivi principali: è un descrittore che semplifica l identificazione di un oggetto e la sua estrazione

Dettagli

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE Si è elaborato un percorso sia per la scuola primaria sia per la scuola secondaria di primo grado. I moduli sono indipendenti gli uni dagli altri ma sono presentati secondo

Dettagli

LED E IMPIANTI TECNOLIGI: INTERVENTI E FINANZIAMENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LED E IMPIANTI TECNOLIGI: INTERVENTI E FINANZIAMENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LED E IMPIANTI TECNOLIGI: INTERVENTI E FINANZIAMENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO INDICE PREMESSA... 2 1. COSA SONO I LED... 2 2. TUTTI I VANTAGGI DEL LED... 2 3. DURATA... 3 4. ALTA EFFICIENZA LUMINOSA...

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Il risparmio energetico nell ambito. dell illuminazione artificiale degli ambienti. Francesco Leccese

Il risparmio energetico nell ambito. dell illuminazione artificiale degli ambienti. Francesco Leccese GREEN CITY ENERGY PISA 2013 Track 1 Building Terza sessione Strumenti Pisa, 4 luglio 2013 Il risparmio energetico nell ambito dell illuminazione artificiale degli ambienti Francesco Leccese Dipartimento

Dettagli

La termografia infrarossa. Ing. Antonio del Conte

La termografia infrarossa. Ing. Antonio del Conte La termografia infrarossa Ing. Antonio del Conte Ancona, 22 gennaio 2004 Termografia e termocamere a sensori CCD Introduzione La termografia è una tecnica di misura di tipo non invasivo, applicabile alla

Dettagli

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu)

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Dipartimento DArTe A.A. 2015-2016 - Corso di Laurea Magistrale in Architettura Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) condotto

Dettagli

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI.

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI. Teoria del colore La teoria dei colori Gli oggetti e gli ambienti che ci circondano sono in gran parte colorati. Ciò dipende dal fatto che la luce si diffonde attraverso onde di diversa lunghezza: ad ogni

Dettagli

NEGOZIO FRUTTA E VERDURA

NEGOZIO FRUTTA E VERDURA Responsabile: No. ordine: GPELEDsrl ITALY: www.gpesrl.com: Data: 03.02.2011 : Indice NEGOZIO FRUTTA E VERDURA Copertina progetto 1 Indice 2 GPELed - M2 Laboratory 2043-60 10 41 xx 01 VIRGO 60x120 60 5000K

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Capitolo 2 Impianto di illuminazione.

Capitolo 2 Impianto di illuminazione. Capitolo 2 Impianto di illuminazione. I principali documenti normativi a cui far riferimento per il progetto dell impianto di illuminazione sono le norme UNI 10380: Illuminazione d interni con luce artificiale

Dettagli

Laboratorio di Progettazione 3M B. Fisica Tecnica. Calcolo del Fattore medio di luce diurna

Laboratorio di Progettazione 3M B. Fisica Tecnica. Calcolo del Fattore medio di luce diurna Laboratorio di Progettazione 3M B Fisica Tecnica Calcolo del Fattore medio di luce diurna Università degli Studi di Roma Tre Facoltà d Architettura A.A. 2011-2012 Il fattore di luce diurna Il Fattore di

Dettagli

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo - Pavia Principali applicazioni

Dettagli

Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE

Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE Genova 15 01 14 TIPOLOGIE DI LAMPADE Le lampade a vapori di mercurio sono sicuramente le sorgenti di radiazione UV più utilizzate nella disinfezione delle acque destinate al consumo umano in quanto offrono

Dettagli

Il colore. IGEA 2006-07 7 febbraio 2007

Il colore. IGEA 2006-07 7 febbraio 2007 Il colore IGEA 2006-07 7 febbraio 2007 La luce Radiazione elettromagnetica 380 740 nanometri (790 480 THz) Percezione della luce /1 Organi sensoriali: Bastoncelli Molto sensibili (anche a un solo fotone:

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08. La sicurezza LASER nei laboratori (ROA)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08. La sicurezza LASER nei laboratori (ROA) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 La sicurezza LASER nei laboratori (ROA) Articolazione Intervento Inquadramento normativo Danni fisiologici da ROA

Dettagli

BENESSERE VISIVO ED ILLUMINOTECNICO. arch. Cristina Carletti Dip. TAeD Università di Firenze

BENESSERE VISIVO ED ILLUMINOTECNICO. arch. Cristina Carletti Dip. TAeD Università di Firenze BENESSERE VISIVO ED ILLUMINOTECNICO arch. Cristina Carletti Dip. TAeD Università di Firenze BENESSERE TERMOIGROMETRICO Stato di neutralità termica, in cui il soggetto non sente né caldo né freddo. Benessere

Dettagli

Toshiba Lampade a LED. Gamma di prodotti 11/2014

Toshiba Lampade a LED. Gamma di prodotti 11/2014 Toshiba Lampade a LED Gamma di prodotti 11/2014 2 3 Chi altri se non Toshiba? Lampadine Perché tutti scelgono E-RE LED Lighting? Lo scorso anno, centinaia di migliaia di professionisti e clienti provenienti

Dettagli

Guida CELMA Apples&Pears. L importanza della standardizzazione dei criteri prestazionali per apparecchi a LED

Guida CELMA Apples&Pears. L importanza della standardizzazione dei criteri prestazionali per apparecchi a LED Guida CELMA Apples&Pears L importanza della standardizzazione dei criteri prestazionali per apparecchi a LED Sommario 1. Introduzione 2 2. Criteri qualitativi 3 3. Codice Fotometrico 7 4. Criteri qualitativi

Dettagli

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico

Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico Evoluzione dei LED ed efficientamento energetico L impiego dei LED negli impianti di illuminazione permette oggi di contenere in misura significativa i consumi di energia elettrica, ma anche di ridurre

Dettagli

I - FOTOMETRIA E COLORIMETRIA

I - FOTOMETRIA E COLORIMETRIA - I.1 - I - FOTOMETRIA E COLORIMETRIA 1. L intensità della luce Nello studio dell ottica geometrica ci si interessa soltanto della direzione dei raggi luminosi. Nello studio della fotometria ci si occupa

Dettagli

2PI Sas di Maurizio Pitta & C.

2PI Sas di Maurizio Pitta & C. Nozioni di Illuminotecnica. L'illuminotecnica è una scienza che ha come oggetto la caratterizzazione delle sorgenti di luce artificiale e lo studio degli effetti che esse hanno su ambienti esterni, interni,

Dettagli

ASPETTI PRATICI E DEFINIZIONI RIGUARDANTI ALCUNE GRANDEZZE FISICHE IN USO IN FOTOMETRIA E RADIOMETRIA

ASPETTI PRATICI E DEFINIZIONI RIGUARDANTI ALCUNE GRANDEZZE FISICHE IN USO IN FOTOMETRIA E RADIOMETRIA ASPETTI PRATICI E DEFINIZIONI RIGUARDANTI ALCUNE GRANDEZZE FISICHE IN USO IN FOTOMETRIA E RADIOMETRIA di Vincenzo Iorio - Novembre 2010 - Una delle prime grandezze metrologiche che troviamo in fotometria

Dettagli

OFFERTA ABITAGIOVANI Speciale offerta per i partecipanti al progetto Abit@giovani

OFFERTA ABITAGIOVANI Speciale offerta per i partecipanti al progetto Abit@giovani OFFERTA ABITAGIOVANI Speciale offerta per i partecipanti al progetto Abit@giovani Sconto 10% su tutti gli acquisti on-line dei prodotti ILLUMINAZIONE A LED Basta registrarsi sul sito www.desioled.it e

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI

DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI DIMENSIONAMENTO DI UN IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PER INTERNI Dimensionamento di un impianto di illuminazione per interni Esempio n.1 Si vuole progettare l'impianto di illuminazione per un locale di fonderia

Dettagli

PRODOTTO: LEDWAY STREET di Ruud Lighting

PRODOTTO: LEDWAY STREET di Ruud Lighting PRODOTTO: LEDWAY STREET di Ruud Lighting CAT/BRCH-COOP/IT L impianto di illuminazione esterna della Coop di Castelvetro è stato realizzato in partnership con INRES Istituto Nazionale Consulenza, Progettazione,

Dettagli

La Luce Luce incidente e luce riflessa

La Luce Luce incidente e luce riflessa La Luce La luce è il solo tipo di radiazione elettromagnetica a cui l'occhio umano è sensibile. Una simile radiazione va considerata nell'ambito di uno spettro continuo, che comprende oltre alla luce,

Dettagli

Il sole a portata di mano

Il sole a portata di mano ATTREZZATURE La luce solare è importantissima per il carrozziere: è la fonte ideale per la valutazione delle tinte in carrozzeria. Ma non sempre si può usare, e non solo per il cattivo tempo. Così 3M ha

Dettagli

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB Psicologia e comunicazione A.A. 2013/2014 Università degli studi Milano-Bicocca docente: Diana Quarti INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB A.A. 2013/2014 docente: Diana Quarti

Dettagli

ILLUMINAZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO

ILLUMINAZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO ILLUMINAZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO SOMMARIO Pag. 1. PREMESSA... 3 2. TIPI DI ILLUMINAZIONE... 3 3. CARATTERISTICHE DI ALCUNI TIPI DI LAMPADE... 5 4. IL COLORE NELL'AMBIENTE DI LAVORO... 6 5. L'INDAGINE

Dettagli

Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti:

Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti: Illuminotecnica Sorgenti luminose artificiali Definizioni Una sorgente luminosa artificiale è generalmente costituita da due parti: La lampada L apparecchio illuminante Le lampade, preposte alla conversione

Dettagli

CAPITOLO 8 NOZIONI DI COLORIMETRIA E DI CONTROLLO STRUMENTALE DEL COLORE

CAPITOLO 8 NOZIONI DI COLORIMETRIA E DI CONTROLLO STRUMENTALE DEL COLORE CAPITOLO 8 NOZIONI DI COLORIMETRIA E DI CONTROLLO STRUMENTALE DEL COLORE 1. INTRODUZIONE 2. COLORE E SENSAZIONE VISIVA 3. IL SISTEMA: SORGENTE CAMPIONE OSSERVATORE 3.1. SPETTRO DEL VISIBILE E SORGENTI

Dettagli

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.»

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» «Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» Volker Schultz, Prof. laureato in Architettura, Detmold 1-I-05/13 Sorgente

Dettagli

CENNI DI OPTOELETTRONICA

CENNI DI OPTOELETTRONICA A cura dell alunno Nicola Braile della classe IV sez. A Indirizzo Informatica Sperimentazione ABACUS Dell Istituto Tecnico Industriale Statele A. Monaco di Cosenza Supervisore Prof. Giancarlo Fionda Insegnante

Dettagli

ILLUMINAZIONE NATURALE E SUA IMPORTANZA

ILLUMINAZIONE NATURALE E SUA IMPORTANZA ILLUMINAZIONE NATURALE E SUA IMPORTANZA PER LA QUALITÀ DELLA VITA DI OGGI ORDINE DEGLI INGEGNERI DI NAPOLI 19 Maggio 2008 Come si compone la luce naturale Diretta Diffusa Riflessa L abbagliamento nell

Dettagli

LA COMUNICAZIONE PRECISA DEL COLORE

LA COMUNICAZIONE PRECISA DEL COLORE The essentials of imaging LA COMUNICAZIONE PRECISA DEL COLORE Conoscere i colori. Riconoscere i colori. I colori attraggono l attenzione. IL CONTROLLO DEL COLORE DALLAPERCEZIONE ALL USO DEGLI STRUMENTI

Dettagli

Illuminazione al neon e a LED a confronto

Illuminazione al neon e a LED a confronto Illuminazione al neon e a LED a confronto L illuminazione di un edificio è a tutti gli effetti un servizio per l edificio stesso quanto il riscaldamento e il rinfrescamento ed il suo funzionamento coinvolge

Dettagli

Casi pratici di calcolo dei DPI. Vincenzo Salamone A.O.U. Policlinico-V. Emanuele Catania

Casi pratici di calcolo dei DPI. Vincenzo Salamone A.O.U. Policlinico-V. Emanuele Catania Casi pratici di calcolo dei DPI Vincenzo Salamone A.O.U. Policlinico-V. Emanuele Catania Cause degli incidenti: Occhiali protettivi non utilizzati (anche se disponibili) Uso di occhiali non adatti o difettosi

Dettagli

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Parte teorica Fenomenologia di base La luce che attraversa una finestra, un foro, una fenditura,

Dettagli

IL COLORE E LA SUA RAPPRESENTAZIONE

IL COLORE E LA SUA RAPPRESENTAZIONE http://imagelab.ing.unimo.it Dispense del corso di Elaborazione di Immagini e Audio Digitali IL COLORE E LA SUA RAPPRESENTAZIONE Prof. Roberto Vezzani LA LUCE La luce è una radiazione elettromagnetica

Dettagli

LA TERMOGRAFIA SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE

LA TERMOGRAFIA SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE La radiazione elettromagnetica è un mezzo di trasmissione dell energia sotto forma di onde aventi entrambe le componenti elettriche e magnetiche. La sequenza ordinata delle

Dettagli

Ottica fisiologica (2): sistemi ottici

Ottica fisiologica (2): sistemi ottici Ottica fisiologica (2): sistemi ottici Corso di Principi e Modelli della Percezione Prof. Giuseppe Boccignone Dipartimento di Informatica Università di Milano boccignone@di.unimi.it http://boccignone.di.unimi.it/pmp_2014.html

Dettagli

REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE

REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE REQUISITI ILLUMINOTECNICI E APPARECCHI D ILLUMINAZIONE Curve Fotometriche Imparare a leggerle e comprenderle La curva fotometria rappresenta graficamente come una sorgente luminosa emette luce nello spazio.

Dettagli

LABORATORIO DI COSTRUZIONI

LABORATORIO DI COSTRUZIONI La distribuzione spaziale del flusso luminoso L intensità luminosa di una sorgente varia al variare della direzione nello spazio. 25 FEBBRAIO 2011 La scelta di un apparecchio illuminante deve essere effettuata

Dettagli

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali. Rischio laser in ambito medicale

Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali. Rischio laser in ambito medicale Valutazione e protezione dei rischi delle Radiazioni Ottiche Artificiali Rischio laser in ambito medicale DLgs 81/2008 titolo VIII, capo V Indicazioni operative ISPESL www.ispesl.it Michele Saba Dipartimento

Dettagli

LIGHTING INNOVATION 2012

LIGHTING INNOVATION 2012 LIGHTING INNOVATION 2012 2 Luglio2012 Ing. Fulvio Musante Ing. Danilo Paleari Dott.sa Daria Casciani Prof. Maurizio Rossi Lighting Innovation 2012 1 La generazione di luce bianca Generazione di luce bianca

Dettagli

Rivestimenti colorati per cappotto che riflettono il calore

Rivestimenti colorati per cappotto che riflettono il calore Waler è socio fondatore Rivestimenti colorati per cappotto Rivestimenti Silossanici IR riflettenti specifici per sistemi d isolamento a cappotto che minimizzano il surriscaldamento delle superfici murarie

Dettagli

RADIAZIONE SOLARE. Università di Bologna

RADIAZIONE SOLARE. Università di Bologna RADIAZIONE SOLARE DiSTA Università di Bologna IMPORTANZA DELLA RADIAZIONE E' fonte del 99.9% dell energia disponibile sulla terra Le principali fonti energetiche controllate dall'uomo sono state generate

Dettagli

Diffrazione da reticolo: un CD come Spettroscopio

Diffrazione da reticolo: un CD come Spettroscopio Diffrazione da reticolo: un CD come Spettroscopio 1 -Argomento Esperimenti con uno spettroscopio realizzato con materiali a costo nullo o basso o di riciclo. Cosa serve - un vecchio CD, - una scatola di

Dettagli