Diagnosi ed efficientamento delle strutture sanitarie delle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diagnosi ed efficientamento delle strutture sanitarie delle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia"

Transcript

1 Diagnosi ed efficientamento delle strutture sanitarie delle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia XXX Assemblea annuale dell ANCI 24 ottobre 2013

2 Agenda Il Progetto e i Risultati Metodologia e strumenti sviluppati Diagnosi ed efficientamento delle strutture sanitarie delle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia ottobre

3 Il Progetto e i Risultati ottobre 2013 Diagnosi ed efficientamento dell 3

4 Il Progetto (1/2) Attività svolte Supportare ANCI nello sviluppo di metodologie e strumenti semplificati per la realizzazione di diagnosi energetiche anche attraverso il test su un campione di strutture sanitarie dislocate sul territorio di Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Finalità Fornire, alle amministrazioni, metodologie e strumenti per condurre attività auto valutative finalizzate ad accrescere il livello di consapevolezza sia dello stato attuale del patrimonio edilizio, sia del proprio impatto energetico e ambientale, anche ai fini di eventuali interventi di efficientamento. 4

5 Il Progetto (2/2) Il Campione analizzato Strutture 30 4 Grandi policlinici 6 Presidi Ospedalieri 16 Poliambulatori mq 17% oltre mq 13% mq 20% Fino a mq 50% Zone Climatiche 4 Zona Climatica D 17% Zona Climatica E 7% Zona Climatica C 56% Zona Climatica B 20% 4 RSA Comuni 28 Agrigento 4 Trapani 1 Enna 1 Siracusa 2 Cosenza 2 Reggio Calabria 1 Catanzaro 1 Crotone 1 Vibo Valentia 1 Avellino 1 9% Province 18 Catania 1 Lecce 1 Foggia 2 Taranto 3 Bari 2 Salerno 1 Caserta 2 Napoli 3 delle strutture sanitarie pubbliche presenti sul territorio delle 4 regioni 5

6 Risultati (1/2) Diagnosi L energia destinata alla climatizzazione è mediamente inferiore al 50% del totale dell energia consumata. Consumi per climatizzazione >70 kwh/m3 Climatizzazione >50% Il 90% del campione consuma meno di 70 kwh termici/m3 per la climatizzazione degli ambienti interni indipendentemente 9% dalla Zona Climatica di riferimento. k W h / m q P.O. Vittorio Emanuele II - Castelvetrano P.O. Morelli- Reggio Calabria RSA S.Raffaele - Torricella Consumi kwh/m2 in funzione del numero di posti letto S.Francesco - Paola Ospedale Michele Sarcone - Terlizzi Ex P.O. "Rizza" - Siracusa P.O. "S. Francesco diassisi" - Oliveto Citra P.O. "CTO" - Napoli P.O. "DEA" - Piedimonte Matese S.Paolo - Bari A.O.San Giuseppe Moscati- Avellino ARNAS GaribaldiCentro - Catania posti letto Le strutture con un numero di posti letto compreso tra 70 e 300, presentano un consumo energetico medio annuo compreso tra i 200 e i 400 kwh/m2. Consumo medio annuo kwh/m2 6

7 Risultati (2/2) Interventi proposti per l efficientamento energetico Costo Interventi 14,8 mln Interventi finanziariamente auto sostenibili 30% Auto sostenibili % Non auto sostenibili % Altri interventi % Gli interventi finanziariamente sostenibili sono stati raggruppati in pacchetti. L applicazione sul campione analizzato comporterebbe un risparmio medio stimato in 1,9 kwh di energia primaria per ogni euro investito. Riduzione delle emissioni di CO2 600 kt/anno Involucro edilizio % Risparmio/ costo investimento 1,9 kwh/ Inoltre, si stima che la realizzazione dei pacchetti di interventi ipotizzati, comporterebbe una riduzione delle emissioni di CO2 pari a tonnellate annue. 7

8 Metodologia e strumenti sviluppati ottobre 2013 Diagnosi ed efficientamento dell 8

9 Metodologia e strumenti per l Audit Energetico Strumenti per attività sul campo Rapporto di Audit Consolidamento delle informazioni INPUT INPUT Modello di Calcolo per l Analisi Costi-Benefici Analisi Costi-Benefici 1. Stima dei costi per i singoli interventi di efficientamento; 2. Stima dei benefici (risparmi sui consumi, benefici ambientali); 3. Calcolo dei parametri finanziari (Tempo di Ritorno degli investimenti, Tasso di Rendimento Interno, Valore Attuale Netto); 4. Definizione di Pacchetti di interventi. 9

10 Cosa viene richiesto all auditor Compilare la Scheda di raccolta dati attraverso attività da svolgersi in campo e attività di back office. Compilare le informazioni richieste dal Catalogo degli interventi durante l attività di sopralluogo. Riportare le informazioni raccolte all interno di un Report seguendo la struttura impostata. Con il supporto di un Modello di Calcolo, analizzare costi e benefici dei singoli interventi proposti e di eventuali Pacchetti di interventi. 10

11 Scheda di raccolta dati Obiettivo: Raccogliere le informazioni necessarie all analisi energetica dell edificio e alla redazione del rapporto di audit energetico (Energy Report) attraverso il reperimento di specifica documentazione di natura progettuale, amministrativa contrattuale, fotografica; Diagnosi ed efficientamento delle strutture sanitarie delle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia ottobre

12 Scheda di raccolta dati Clima interno Anagrafica Anagrafica Tipologia di struttura, anno di costruzione e interventi Clima esterno Dati tecnici Involucro e aree funzionali Superfici disperdenti; Superfici e volumi e posti letto (se presenti) a seconda delle aree funzionali; Apparecchiature ospedaliere installate (Potenza, tipologia, numero.) Rilievi fotografici e termografici Dati amministrativi Proprietà Certificati Fruizione media della struttura Consumi energetici e costi (contratti di fornitura e dati di fatturazione) Programmi di efficientamento previsti Impianti (schemi funzionali e caratteristiche) Centrali energetiche Impianto di riscaldamento Impianto di raffrescamento Impianto di produzione acqua calda sanitaria Impianto di ventilazione Impianto di illuminazione Acqua potabile Informazioni relative alla presenza di dispositivi di auto produzione di energia Diagnosi ed efficientamento delle strutture sanitarie delle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia ottobre

13 Catalogo degli interventi Obiettivi: Fornire uno strumento di supporto all auditor che consenta di identificare le criticità che possono emergere all interno del sistema edificio-impianti, fornendo inoltre indicazioni di massima sui costi specifici e sui risparmi ottenibili effettuando azioni di retrofit mirate a risolvere le criticità evidenziate. Struttura: a) Azioni di Gestione e Manutenzione e Interventi di Retrofit Involucro edilizio Occupazione HVAC Controllo HVAC Ventilazione HVAC Riscaldamento HVAC Raffrescamento Acqua Calda Sanitaria (ACS) Illuminazione Altri carichi b) Interventi di retrofit specifici su strutture e impianti Diagnosi ed efficientamento delle strutture sanitarie delle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia ottobre

14 Catalogo degli interventi Azioni di Gestione e Manutenzione e Interventi di Retrofit X X Deve essere compreso negli interventi di manutenzione ordinaria Diagnosi ed efficientamento delle strutture sanitarie delle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia ottobre

15 Catalogo degli interventi Interventi di retrofit specifici su strutture e impianti 100% Manutenzione X X X X 300 m2 straordinaria Diagnosi ed efficientamento delle strutture sanitarie delle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia ottobre

16 Energy Report Obiettivi: Consolidare, in un unico documento, le informazioni raccolte durante l attività di audit. Inquadrare lo stato di fatto del sistema edificioimpianti ed il comportamento energetico dell edificio, allo scopo di individuare le criticità della struttura che saranno alla base della successiva analisi costi-benefici. Struttura: a) Stato di fatto dell edificio: Anagrafica e informazioni generali, Clima esterno, Dati amministrativi, Dati tecnici, Clima interno. b) Analisi energetica: Relazione tra i consumi delle fonti energetiche utilizzate e gli utilizzi (riscaldamento, raffrescamento, illuminazione, elettromedicali, ecc ) c) Individuazione criticità: Consolidamento delle informazioni raccolte attraverso il Catalogo degli interventi. 16

17 Energy Report Titolo Obiettivo della sezione Riferimenti Esempio o traccia Diagnosi ed efficientamento delle strutture sanitarie delle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia ottobre

18 Modello di Calcolo Fonte dati Parametri di input del Modello Consumi energetici (kwh Energia Elettrica, metri cubi di Gas Metano, Litri di Combustibile, ecc..) Dati di Fatturazione Caratteristiche degli interventi di efficientamento proposti: Risparmio % di riferimento previsto dall applicazione dell elemento tecnologico previsto dall intervento; estensione dell intervento; fonte energetica e componenti di involucro/impianti sui quali l intervento ha impatto; Costo unitario dell intervento. Schemi di ripartizione delle fonti energetiche tra i vari utilizzi. 18

19 Modello di Calcolo Esempio di schema unifilare di ripartizione energia termica per grande struttura ospedaliera Codice dell intervento applicato P R O D U Z I O N E F L U I D O C A L D O Fonte energetica impiegata: Combustibile Energia termica Energia elettrica Biomassa Altro 100% Perdite di distribuzionex % 7d 26c 42a 16% Ventilazione naturale ed infiltrazioni 3e 64% Riscaldamento 10% Perdite di generazione x% 28% Acqua calda sanitaria 8% Batterie di riscaldamento UTA 48% Dispersioni Dispersioni termiche Involucro Trasparente 38% Involucro Opaco 13% 4a 19% Pareti Coperture 6% Solai e zone non riscaldate 0% Altro 19

20 Modello di Calcolo Schema di calcolo per la stima del risparmio energetico % Risparmio relativo all elemento tecnologico applicato % Assorbimento di energia da parte del componente efficientato (Schema Unifilare) % X X = Estensione dell intervento % Risparmio stimato sulla fonte energetica 32% di risparmio sulle dispersioni di fluido caldo tramite l involucro trasparente 22% di energia dispersa dall involucro trasparente (dato ricavato dallo X X = 50% schema unifilare) Si ipotizza l installazione sul dell involucro trasparente 3,5 % Risparmio sulla fonte energetica utilizzata per la produzione di fluido caldo ESEMPIO Installazione di pellicole antisolari 20

21 Modello di Calcolo Analisi Costi-Benefici e Valutazione degli investimenti (1/2) % Risparmio stimato sulla fonte energetica X Spesa media = annua Costo unitario dell intervento X Estensione dell intervento = Risparmio economico annuo ( ) Costo dell investimento ( ) % Risparmio Consumo annuo Risparmio stimato sulla X (kwh, metri cubi, = fonte energetica ecc.) energetico (kwh, metri cubi, ecc.) Ulteriori parametri di input Aumento annuo del costo delle fonti energetiche (Fonti: ISTAT, MISE); Impatto economico della riduzione di CO2 (Fonte: Commissione Europea); Tasso di sconto per l attualizzazione dei flussi di cassa lungo l arco temporale di analisi. Il modello di calcolo fornisce una stima del costo degli investimenti, dei risparmi in bolletta e della riduzione dei consumi, sviluppando un analisi dei costi e dei benefici nonché una valutazione della sostenibilità finanziaria di uno o più interventi applicati contemporaneamente. 21

22 Modello di Calcolo Analisi Costi-Benefici e Valutazione degli investimenti (2/2) Dati Ambientali Risparmio energetico Riduzione delle emissioni di anidride carbonica (CO 2 ) TEP potenziali risparmiati 138 tonnellate/anno 65 TEP/anno Consumo medio annuo Energia elettrica (kwh) % Ante intervento Post intervento % di risparmio Parametri caratteristici dell investimento Tempo di ritorno (anni) 7 5 anni 10 anni 15 anni 20 anni VAN con Tasso di sconto pari a 7,5% TIR Tasso interno di -4% 14% 18% 20% rendimento Cost- Benefit ratio 0,76 1,37 1,90 2,35 Esempio di OUTPUT VAN Flusso di cassa progressivo Anno di riferimento Anno di riferimento 22

23 Modello di Calcolo Strumenti per la programmazione degli interventi Esempio di OUTPUT S. Paolo - Bari 1 2 Consumo annuo attuale (kwh migliaia) Poliambulatorio Distretto sanitario Mondragone Poliambulatorio - Enna Poliambulatorio - Pachino Distretto Socio Sanitario 6 - Pulsano Poliambulatorio - Poliambulatorio - S. Stefano di Menfi Quisquina Poliambulatorio - Cianciana Consumo annuo attuale (kwh migliaia) S. Francesco - Paola P.O. Vittorio Emanuele II - Castelvetrano ARNAS Garibaldi Centro - Catania P.O. "CTO" - Napoli Ospedale Michele Sarcone - P.O. "DEA" - Piedimonte Terlizzi Matese 4 P.O. "S. Francesco di Assisi" - Oliveto Citra Poliambulatorio - Enna RSA S.Raffaele - Torricella Poliambulatorio - S. Stefano Distretto Socio Sanitario 4 - di Quisquina Taranto 3 Asl Dipartimento di Prevenzione - Cerignola 0,4 0,6 0,8 1,0 1,2 1,4 kwh risparmiati / spesi - - 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 1,2 1,4 1,6 1,8 2,0 2,2 2,4 2,6 2,8 3,0 3,2 3,4 3,6 3,8 4,0 4,2 4,4 4,6 4,8 5,0 5,2 kwh risparmiati / spesi Diagnosi ed efficientamento delle strutture sanitarie delle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia ottobre

24 ... Grazie per l attenzione Contatti: Roberta Odoardi PwC T: +39 (06) E: Marco Avolio PwC T: +39 (06) E: Laura Feliciani Enel Sole T: +39 (06) E: Gianpaolo Stoppani Enel Sole T: +39 (06) E:

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale AGOMENTI TRATTATI Concetti generali che stanno alla base dell Energy Audit Differenze tra

Dettagli

AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO

AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO Comune di Rivarolo del Re ed Uniti (CR) RELAZIONE FINALE - Audit leggeri - Audit di dettaglio - Certificazione energetica - Installazione del sistema

Dettagli

Calcolo del risparmio energetico

Calcolo del risparmio energetico Calcolo del risparmio energetico Calcolo semplificato del risparmio annuo di energia in fonte primaria previsto con un intervento di efficienza energetica In un involucro edilizio ogni intervento di qualificazione

Dettagli

MONITOR SUD. Aggiornamento dati Al 30 Giugno 2015

MONITOR SUD. Aggiornamento dati Al 30 Giugno 2015 MONITOR SUD Aggiornamento dati Al 30 Giugno 2015 1 Monitor Sud Italia Dati aggiornati al 30 Giugno 2015 (estratti il 24.07.15) 2 Prima di effettuare un analisi per ogni regione, è opportuno fornire un

Dettagli

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO 1. FASE PRELIMINARE L auditor incaricato provvederà a raccogliere una serie di informazioni preliminari riguardanti il tipo di attività dell azienda, gli edifici del sito

Dettagli

MONITOR SUD. Aggiornamento dati Al 31 Gennaio 2014

MONITOR SUD. Aggiornamento dati Al 31 Gennaio 2014 MONITOR SUD Aggiornamento dati Al 31 Gennaio 2014 1 Monitor Sud Italia Dati aggiornati al 31 Gennaio 2014 (estratti il 28.02.14) 2 Prima di effettuare un analisi per ogni regione, è opportuno fornire un

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA MODELLO DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Quadro di riferimento regionale Piano Energetico Regionale Ai consumi

Dettagli

Progetti di Efficientamento Energetico. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Progetti di Efficientamento Energetico. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Progetti di Efficientamento Energetico perché l'energia più economica è quella che non si consuma Dove conviene sviluppare investimenti in efficienza energetica Fonte: Politecnico Milano - Enel Progetti

Dettagli

l esperienza di efm s.r.l.

l esperienza di efm s.r.l. Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà del Gruppo efm e del destinatario. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate, e possono essere

Dettagli

Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell'area PON. Parte 1 - Le scuole statali...iv

Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell'area PON. Parte 1 - Le scuole statali...iv Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell' Parte 1 - Le scuole statali...iv Istituzioni scolastiche statali interessate per livello... IV Tavola A1.1 - Istituzioni scolastiche

Dettagli

AUDIT ENERGETICO. I passi dell Audit

AUDIT ENERGETICO. I passi dell Audit GET Energy Srl Sede Operativa: Via G. Avolio, 14 10023 CHIERI (TO) P.IVA e C.F 10797930012 info@getenergy.it - www.getenergy.it AUDIT ENERGETICO I passi dell Audit 1 Definizione di Audit Un Audit Energetico

Dettagli

Energy management in

Energy management in Meter management in fieramilano Energy management in rilevazione consumi energetici fieramilano monitoraggio e analisi Enermanagement Roma 15-06-2011 valutazione consumi energetici valutazione consumi

Dettagli

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Abitazioni energeticamente efficienti Buona parte delle abitazioni

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

Fattori di incertezza nella certificazione energetica

Fattori di incertezza nella certificazione energetica Incrementare il valore degli edifici civili e industriali Il valore dell affidabilità delle misure, prove e certificazioni nella Diagnosi Energetica 18 Aprile 2012 Fattori di incertezza nella certificazione

Dettagli

PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO. www.homesolar.it

PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO. www.homesolar.it PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO HOME SOLAR Il progetto è un abitazione monofamiliare con superficie pari a 220 m² totalmente ristrutturata, nel periodo 2010-2011, volto ad un risparmio

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 COMMITTENTE : EDIFICIO : Casa a schiera BOLOGNA INDIRIZZO : COMUNE : BOLOGNA Rif.: C:\Users\manuel.canella\Desktop\BOLOGNA

Dettagli

Bando 2007. Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi. Raggruppamento di Casorate Sempione Provincia di Varese

Bando 2007. Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi. Raggruppamento di Casorate Sempione Provincia di Varese La ESCo del Sole srl Via Zuretti 47/A 2025 Milano tel. 02 67037 fax 02 6676680 www.laescodelsole.c om Bando 2007 Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Relazione sui risultati

Dettagli

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Cagliari Viale Regina Elena, 23 09124 CAGLIARI I CORSO 2011

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Cagliari Viale Regina Elena, 23 09124 CAGLIARI I CORSO 2011 I CORSO 2011 FORMAZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE DEL SOGGETTO CERTIFICATORE ENERGETICO IN EDILIZIA SECONDO LINEE GUIDA NAZIONALI Soggetto organizzatore: Collegio Periti Industriali e Periti Industriali

Dettagli

Così, insieme, la nostra energia vale di più

Così, insieme, la nostra energia vale di più 1 Protocollo d intesa del16 febbraio 2010 L impegno del Consorzio JPE sull uso razionale e consapevole dell energia nell edilizia PER IL RILANCIO PRODUTTIVO ED OCCUPAZIONALE DELLE PMI PIEMONTESI ATTRAVERSO

Dettagli

Procedure di base finalizzate all efficienza energetica

Procedure di base finalizzate all efficienza energetica Energia del futuro: l efficienza nei sistemi energetici del territorio 17-18 maggio 2014 Hotel Splendid Baveno, via Sempione 12 Procedure di base finalizzate all efficienza energetica prof. Marco Carlo

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Università di Bologna ONLUS Luce&Vita energia Noi nel nostro piccolo Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Leonardo Setti Polo di Rimini

Dettagli

CASACLIMA ruoli e procedura di certificazione

CASACLIMA ruoli e procedura di certificazione Comune di Udine CASACLIMA ruoli e procedura di certificazione 26 giugno 2009 www.ape.ud.it 1 CLASSI ENERGETICHE E FABBISOGNO TERMICO + + = perdite di calore per trasmissione (attraverso l involucro) perdite

Dettagli

Calcolo del fabbisogno energetico

Calcolo del fabbisogno energetico Calcolo del fabbisogno energetico Il fabbisogno energetico mensile Fasi di calcolo del fabbisogno energetico mensile Fattori climatici e gradi-giorno Gli scambi termici Scambi termici per trasmissione

Dettagli

Wellness Energy Saver Solution

Wellness Energy Saver Solution Energy Saver Solution Fitness Center Beauty Farm Centri Estetici Centri Benessere Centri Spa Piscine www.beampowerenergy.com Fitness Center Beauty Farm Centri Estetici Centri Benessere Centri Spa Piscine

Dettagli

Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici.

Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici. Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria

Dettagli

M illumino di meno, mi riscaldo meglio, risparmiando.

M illumino di meno, mi riscaldo meglio, risparmiando. M illumino di meno, mi riscaldo meglio, risparmiando. Nilo Ongaro Responsabile dell Ufficio Produzione e Manutenzione Area LL.PP. Patrimonio e Manutenzione 1 L efficienza energetica del patrimonio immobiliare

Dettagli

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013 Aura Energy Srl Energy Service Company Torino, 29 Ottobre 2013 1 INDICE 1. CORE BUSINESS DI AURA ENERGY a. Attività principali b. Nuova Mission c. Ruolo della E.S.Co. 2. PROGETTI a. Principali voci di

Dettagli

1. Le ESCo: cosa sono e come operano 2. Determinazione della prestazione energetica degli edifici: diagnosi e certificazione 3. La diagnosi elettrica

1. Le ESCo: cosa sono e come operano 2. Determinazione della prestazione energetica degli edifici: diagnosi e certificazione 3. La diagnosi elettrica ESCo E CERTIFICAZIONE ENERGETICA Dott.sa Francesca Gaburro Dott.sa Monica Porcari Università degli Studi di Parma, 10 novembre 2010 INDICE 1. Le ESCo: cosa sono e come operano 2. Determinazione della prestazione

Dettagli

Il Protocollo Itaca per la riqualificazione sostenibile

Il Protocollo Itaca per la riqualificazione sostenibile Il sistema Protocollo ITACA: strumenti per la promozione della sostenibilità edilizia e urbana Il quadro nazionale ed internazionale e le attività in corso VERONA 10 OTTOBRE 2013 Il Protocollo Itaca per

Dettagli

PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI E CERTIFICAZIONE - DOCET

PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI E CERTIFICAZIONE - DOCET 1 PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI E CERTIFICAZIONE - DOCET Ing. Lorenza Magnani lorenza.magnani@unipv.it 2 Direttiva Europea 2002/91/CE EPBD - Energy performance of buildings Articolo 1 Obiettivo:..

Dettagli

Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato

Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato Scheda tecnica n.1 - Sostituzione di lampade ad incandescenza con lampade fluorescenti compatte con alimentatore incorporato 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Tipologia di intervento:

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA

IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA Palermo 9 marzo 2005 L uso razionale delle risorse energetiche è un tema di crescente rilevanza nelle politiche di sviluppo

Dettagli

INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 16 ottobre 2014 - Unione dei Comuni Colline di Langa e del Barolo INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE Relatore: Geom. Fabio Girolametti NOVITÀ INTRODOTTE DALLA

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche sul condominio di via Mercadante 2 e 4 Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl Documento

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici e l audit energetico: il caso di Milano. Ing. Matteo Locati Area Ambiente e Sicurezza Certiquality

La certificazione energetica degli edifici e l audit energetico: il caso di Milano. Ing. Matteo Locati Area Ambiente e Sicurezza Certiquality La certificazione energetica degli edifici e l audit energetico: il caso di Milano Ing. Matteo Locati Area Ambiente e Sicurezza Certiquality Vergato (BO) 9 Giugno 2007 Presentazione di Certiquality Cenni

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60

DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60 DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60 ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (APE) ASSEGNA UNA CLASSE ENERGETICA ALL EDIFICIO E SERVE PER LOCARE/VENDERE UNA PORZIONE O UN EDIFICIO

Dettagli

Un modello di contratto per la garanzia di prestazione. Responsabile Servizio Energia

Un modello di contratto per la garanzia di prestazione. Responsabile Servizio Energia PROGETTO FRESH Un modello di contratto per la garanzia di prestazione energetica (EPC) Ing. Luigi Guerra Responsabile Servizio Energia Progetto Europeo Fresh PROBLEMI GENERALI: Crescita dei costi dell

Dettagli

Ing. Fabio Minchio L AUDIT ENERGETICO ENERGIA: DA COSTO INCONTROLLATO A VARIABILE STRATEGICA. 1. costo inevitabile e incontrollato

Ing. Fabio Minchio L AUDIT ENERGETICO ENERGIA: DA COSTO INCONTROLLATO A VARIABILE STRATEGICA. 1. costo inevitabile e incontrollato Ing. Fabio Minchio L AUDIT ENERGETICO ENERGIA: DA COSTO INCONTROLLATO A VARIABILE STRATEGICA 1. costo inevitabile e incontrollato 2. costo controllato 3. costo pianificato 4. costo pianificato + valore

Dettagli

ALLEGATO C Audit energetico del corpo C

ALLEGATO C Audit energetico del corpo C ALLEGATO C Audit energetico del corpo C OSPEDALE DI MANZONI DI LECCO Via Dell Eremo, 9/11 Redatto da: Revisione Data 1 INDICE A1. ANAGRAFICA E DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 3 A1.1 GENERALITÀ... 3 A1.2 DESCRIZIONE

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico Ricerca, Innovazione ed Energia - Settore

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico Ricerca, Innovazione ed Energia - Settore 1. L attestato di prestazione energetica contiene le informazioni tecniche relative al sistema edificioimpianto e fornisce all utente le informazioni sulla qualità energetica dell edificio nel suo complesso

Dettagli

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Recepimento Direttiva 31/2010/UE

Dettagli

Nuova Tecnologia Cappotto Attivo

Nuova Tecnologia Cappotto Attivo Nuova Tecnologia Cappotto Attivo Negli edifici di vecchia concezione un elemento particolarmente sentito è l isolamento termico. Una soluzione minimamente invasiva è il così detto "cappotto di un edificio",

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

Edificio di classe: B

Edificio di classe: B TI PRESTAZIONI ENERGETICHE PARZIALI ALLEGATO 6 (Allegato A, paragrafo 8) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali Codice Certificato 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Validità Riferimenti

Dettagli

Corso per Certificatori Energetici degli Edifici

Corso per Certificatori Energetici degli Edifici Corso per Certificatori Energetici degli Edifici Gli Indicatori di prestazione energetica degli edifici La normativa tecnica europea a supporto della Direttiva Europea 2002/91/CE Dott. Ing. Renzo Sonzogni

Dettagli

Green Energy Audit degli edifici quale strumento per conoscere i consumi energefco - ambientali e le priorità di intervento

Green Energy Audit degli edifici quale strumento per conoscere i consumi energefco - ambientali e le priorità di intervento Workshop Finanziare le riqualificazioni energetiche degli edifici pubblici superando il patto di stabilità attraverso i Fondi BEI e le E.S.Co.: casi pratici ed esperienze Trieste, 13 Febbraio 2014 Green

Dettagli

D2 Guideline Linee Guida per la realizzazione di Audit Energetici

D2 Guideline Linee Guida per la realizzazione di Audit Energetici D2 Guideline Linee Guida per la realizzazione di Audit Energetici Target: Energy Auditors Deliverable 2 Final version 02.07.2008 Indice A. Introduzione... 2 Tenere conto delle condizioni nei diversi Paesi...

Dettagli

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Un incentivo per muovere interventi di riqualificazione edilizia e energetica nei complessi edilizi attraverso lo strumento delle Esco. PREMESSA Circa 24

Dettagli

Applicazione di metodologie di progettazione ENEA per l Ecobuilding

Applicazione di metodologie di progettazione ENEA per l Ecobuilding Applicazione di metodologie di progettazione ENEA per l Ecobuilding Ing. Marco Citterio ENEA Metodologia di indagine 1. Acquisizione informazioni Documentazione cartacea Piante edificio Bollette Sopralluoghi

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE 2009 STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE Arch. Riccardo Giacobazzi CISA Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale 15/09/2009 INDICE Introduzione... pag. 3 Analisi energetica della struttura.....pag.

Dettagli

L efficienza energetica nella sanità in Italia. Un caso di eccellenza: l Azienda Ospedaliera di Perugia.

L efficienza energetica nella sanità in Italia. Un caso di eccellenza: l Azienda Ospedaliera di Perugia. L efficienza energetica nella sanità in Italia. Un caso di eccellenza: l Azienda Ospedaliera di Perugia. Il nostro mondo sta cambiando 2 2N. 2 Nel 2050, la popolazione mondiale sarà di 9.1 miliardi di

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA REGGIO EMILIA

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA REGGIO EMILIA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA REGGIO EMILIA Un modello integrato per l efficienza energetica degli edifici Roma 25 gennaio 2011 Azienda Casa Emilia-Romagna di Reggio Emilia IL CONTESTO: SISTEMA ABITATIVO

Dettagli

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Legge Regionale della Lombardia D.G.R. 5018 "Disposizioni inerenti all'efficienza energetica in edilizia Metodo di calcolo e Normative Finalità

Dettagli

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche PRATO Valori medi 21-25 della media 1999-23 e 2-24. (Italia = 1) Umano e le politiche per migliorare il (Siemens-Ambrosetti, 23) Lucca, Siena, PratoArezzo, Livorno Massa Carrara, Pistoia Pisa Grosseto

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche sul condominio di via Saffi n 2, 4 e 6 Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl Documento

Dettagli

L audit. energetico e la certificazione energetica degli edifici. C.Gistri Certiquality. Comune di Settala Mercoledì 8 novembre 2006

L audit. energetico e la certificazione energetica degli edifici. C.Gistri Certiquality. Comune di Settala Mercoledì 8 novembre 2006 L audit energetico e la certificazione energetica degli edifici. C.Gistri Certiquality Comune di Settala Mercoledì 8 novembre 2006 Monitorare l efficienza energetica Attuali esigenze relative all utilizzo

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA CNA GROSSETO FEBBRAIO 2008

RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA CNA GROSSETO FEBBRAIO 2008 RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA CNA GROSSETO FEBBRAIO 2008 IMPEGNI PER RIDUZIONE EMISSIONI CO2 1993: SOTTOSCRIZIONE PROTOCOLLO DI KYOTO IMPEGNI ENTRO 2012 EUROPA - 5%! ITALIA - 6,5%! Dati ITALIA 1990-2003

Dettagli

Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373

Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373 CORSO DI FORMAZIONE PER CERTIFICATORE ENERGETICO DELLA REGIONE LIGURIA Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373 Docente: Prof. Ing Paolo CAVALLETTI 1/41 Software di Diagnosi

Dettagli

arch. Carlo Romeo 2 Workshop Progetto Europeo "Eco-Building Club

arch. Carlo Romeo 2 Workshop Progetto Europeo Eco-Building Club 2 Workshop Progetto Europeo "Eco-Building Club" Collaborazione ITC-CNR / ENEA Sviluppo di un approccio metodologico e di calcolo semplificato per la certificazione energetica degli Edifici Residenziali

Dettagli

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento Opuscolo tecnico Che cos è il teleriscaldamento Il Gruppo Hera, una delle più importanti multiutility italiane che opera nei servizi dell ambiente,

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

Convegno Unicasa Italia. CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI RIQUALIFICA ENERGETICA DEGLI IMMOBILI Torino, Martedì 27 Maggio 2008

Convegno Unicasa Italia. CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI RIQUALIFICA ENERGETICA DEGLI IMMOBILI Torino, Martedì 27 Maggio 2008 Convegno Unicasa Italia CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI RIQUALIFICA ENERGETICA DEGLI IMMOBILI Torino, Martedì 27 Maggio 2008 LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI Il quadro normativo L attestato

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

Il recepimento nazionale delle direttiva 2002/91/CE: problemi e prospettive. prof. Paolo Baggio Univ. di Trento - Dip. Ing. Civile e Ambientale

Il recepimento nazionale delle direttiva 2002/91/CE: problemi e prospettive. prof. Paolo Baggio Univ. di Trento - Dip. Ing. Civile e Ambientale Il recepimento nazionale delle direttiva 2002/91/CE: problemi e prospettive prof. Paolo Baggio Univ. di Trento - Dip. Ing. Civile e Ambientale 1 In altre parole: Cosa stanno facendo gli organi legislativi

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

Efficienza energetica nelle Convenzioni di Multiservizi Tecnologici: metodiche, dinamiche e monitoraggio

Efficienza energetica nelle Convenzioni di Multiservizi Tecnologici: metodiche, dinamiche e monitoraggio Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Efficienza energetica nelle Convenzioni di Multiservizi Tecnologici: metodiche, dinamiche e monitoraggio Ing. Marco Sbrolli

Dettagli

Valutazione di un piano per la riqualificazione del patrimonio edilizio residenziale pubblico della regione Emilia- Romagna

Valutazione di un piano per la riqualificazione del patrimonio edilizio residenziale pubblico della regione Emilia- Romagna Valutazione di un piano per la riqualificazione del patrimonio edilizio residenziale pubblico della regione Emilia- Romagna Autori: Francesco Madonna Marco Borgarello Ricerca sul Sistema Energetico RSE

Dettagli

I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO. Giovanni Riva

I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO. Giovanni Riva I DECRETI ATTUATIVI DELLA L. 90/2013 DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA EPBD E LE NORME UNI/TS 11300 A LORO SUPPORTO Giovanni Riva 1 DECRETO REQUISITI MINIMI Servizi considerati e metodologia di calcolo La

Dettagli

PACCHETTO SISTEMI A SUPPORTO PA PER ANALISI E AZIONI MIGLIORAMENTO EFFICIENZA ENERGETICA

PACCHETTO SISTEMI A SUPPORTO PA PER ANALISI E AZIONI MIGLIORAMENTO EFFICIENZA ENERGETICA PACCHETTO SISTEMI A SUPPORTO PA PER ANALISI E AZIONI MIGLIORAMENTO EFFICIENZA ENERGETICA Monitoraggio consumi energetici e impatti correlati, sistemi di controllo e assistenza per qualità gestionale, analisi

Dettagli

Regione Piemonte Settore Sviluppo Energetico Sostenibile - Filippo BARETTI

Regione Piemonte Settore Sviluppo Energetico Sostenibile - Filippo BARETTI Workshop Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie. I contratti di rendimento energetico come strumenti/ opportunità di efficientamento energetico nelle strutture

Dettagli

Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici. secondo l European Qualification Framework - EQF

Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici. secondo l European Qualification Framework - EQF Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici secondo l European Qualification Framework - EQF matrice EQF del Percorso in Efficienza e valutazione energetica

Dettagli

PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE E CIVILE

PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE E CIVILE PROGETTO STEEEP WORKSHOP: COME GESTIRE I CONSUMI ENERGETICI IN MODO EFFICIENTE: LO STRUMENTO DELLA CONTABILITA ENERGETICA PRINCIPALI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO: TECNOLOGIE EFFICIENTI SETTORE INDUSTIALE

Dettagli

Risparmi sulla bolletta delle famiglie per 873milioni di euro in Campania con gli interventi di eco-efficientamento energetico.

Risparmi sulla bolletta delle famiglie per 873milioni di euro in Campania con gli interventi di eco-efficientamento energetico. 1 Risparmi sulla bolletta delle famiglie per 873milioni di euro in Campania con gli interventi di eco-efficientamento energetico. Se le famiglie campane realizzassero all interno degli appartamenti di

Dettagli

Elenco convenzioni deleghe sottoscritte con Enti Pubblici (agg 15/07/2014)

Elenco convenzioni deleghe sottoscritte con Enti Pubblici (agg 15/07/2014) Elenco convenzioni deleghe sottoscritte con Enti Pubblici (agg 15/07/2014) Città Ente Validità TEG/TAEG Tasso Soglia: parametro da utilizzare ACIREALE Comune AOSTA Comune BARI Comune TAEG 10,90% TAEG 10,90%

Dettagli

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 2 2. DEFINIZIONI 1/3 DISPOSIZIONI

Dettagli

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA San Giovanni in Persiceto, 11 giugno 2014 Studio Tecnico Co.Pro.Ri LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIFERIMENTI NORMATIVI DETRAZIONI FISCALI 65% Legge 296/2006 e ss.mm.

Dettagli

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Prof.Gianfranco Cellai Università di Firenze Laboratorio di Fisica Ambientale per

Dettagli

Ettore Cinarelli, Margherita Converso Golder Associates Srl www.golder.it

Ettore Cinarelli, Margherita Converso Golder Associates Srl www.golder.it Smart building: il miglioramento dell efficienza energetica in edifici civili e del terziario mediante la gestione, il monitoraggio e la supervisione degli impianti Ettore Cinarelli, Margherita Converso

Dettagli

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300 CONVEGNO Requisiti di rendimento energetico e procedure di certificazione energetica degli edifici, la progettazione edilizia verso la riduzione dell utilizzo di energia fossile Certificazione energetica:

Dettagli

Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione

Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione Sostenibilità Ambientale: l Ospedale come utilizzatore e promotore di innovazione Stefano Cordiner Università di Roma Tor Vergata cordiner@uniroma2.it Sostenibilità ambientale Le strutture sanitarie esplicano

Dettagli

EKE S.R.L. Energy Service Company VIA Massarenti 478-40138 (BO) Sede OP. Via Garibaldi 74, 43041 Bedonia (Parma ) TEL +39 0525.

EKE S.R.L. Energy Service Company VIA Massarenti 478-40138 (BO) Sede OP. Via Garibaldi 74, 43041 Bedonia (Parma ) TEL +39 0525. EKE S.R.L. Energy Service Company VIA Massarenti 478-40138 (BO) Sede OP. Via Garibaldi 74, 43041 Bedonia (Parma ) TEL +39 0525.820133 FAX +39 0525.306162 www.eke-esco.com MILESTONES EKE SRL ENERGY SERVICES

Dettagli

Edifici ad alte prestazioni energetiche

Edifici ad alte prestazioni energetiche Edifici ad alte prestazioni energetiche Gli edifici della residenza il Sole sono progettati e costruiti secondo i più moderni standard in fatto di risparmio energetico e sfruttamento delle energie rinnovabili,

Dettagli

IL PROGETTO ENERCLOUD 08/05/2012

IL PROGETTO ENERCLOUD 08/05/2012 IL PROGETTO ENERCLOUD 08/05/2012 Cos è Enercloud? Enercloud è un software in grado di monitorare e valutare, sulla base dei dati reperibili dalle bollette energetiche, i consumi di energia elettrica e

Dettagli

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita Il patrimonio edilizio in Italia Gli edifici del nostro paese sono stati costruiti prevalentemente con criteri

Dettagli

Efficienza Energetica - Standard europei - Soluzioni in Italia

Efficienza Energetica - Standard europei - Soluzioni in Italia Efficienza Energetica - Standard europei - Soluzioni in Italia Qualche accorgimento fondamentale per risparmiare energia... Perdite di energia causate da: mancanza dell isolamento termico del tetto, mancanza

Dettagli

Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti

Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti Consumo troppo? Cosa fare? L approccio del FM al tema dell energia negli immobili esistenti Relatori: Emilio Giacomini Responsabile Area Operativa Ceg Facility Raffaele Tardi Energy Manager Ceg Facility

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. Edificio di classe: F

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. Edificio di classe: F ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Sostituisce l'attestato di certificazione energetica ai sensi della Legge 90/2013. Edifici residenziali 1. Informazioni generali Codice certificato 100210 Validità:

Dettagli

Sommario. Manuale CENED + - Vers. 1.2 Aggiornato al 21/11/2011. 16.1 Energia termica... 614. 16.2 Energia primaria... 616

Sommario. Manuale CENED + - Vers. 1.2 Aggiornato al 21/11/2011. 16.1 Energia termica... 614. 16.2 Energia primaria... 616 16 - Indicatori 611 Sommario 16.1 Energia termica... 614 16.2 Energia primaria... 616 16.3 Le note del certificatore... 620 612 Il modulo relativo agli Indicatori (1) contiene al suo interno le seguenti

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici ad energia quasi zero

Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici ad energia quasi zero ALLEGATO 1 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio Tesi di laurea triennale in Architettura per il progetto, Politecnico di Torino; Candidata: Elisa Sirombo Relatore: Guglielmina

Dettagli