Bando:"Miglioramento della Competitività del Settore Agricolo e Forestale" - PSR Misura Misura 123

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bando:"Miglioramento della Competitività del Settore Agricolo e Forestale" - PSR 2007-2013 - Misura 121 - Misura 123"

Transcript

1 Bando:"Miglioramento della Competitività del Settore Agricolo e Forestale" - PSR Misura Misura 123 FAQ Aggiornate al 28/02/11 Domanda 1: Per la presentazione delle domande di aiuto a valere sul nuovo bando delle Misure 121 e 123 del PSR Calabria , quale modello di Business Plan bisogna adottare? Quello pubblicato sul sito di Assagri? Oppure verrà predisposto un nuovo modello? Non verrà predisposto alcun nuovo modello, pertanto rimane valido quello pubblicato sul sito: Resta inteso che quello proposto è solo uno dei modelli possibili, restando facoltà di ognuno di utilizzare altri modelli. Domanda 2 : I requisiti di accesso al sostegno per l azienda agricola sono: Le conoscenze e le competenze professionali dell imprenditore agricolo: - possesso di titolo di studio attinente il settore agrario, forestale o veterinario, quali lauree, diplomi universitari, diploma di istituto tecnico o professionale a carattere agrario (per le lauree valgono le eventuali equipollenze); frequenza di apposito corso di formazione, di almeno 150 ore, riconosciuto dalla Regione; svolgimento di attività agricola come capo azienda o coadiuvante familiare o lavoratore agricolo per almeno 2 anni nel periodo precedente la data di presentazione della domanda; Le 3 tipologie di competenze, devono essere possedute tutte e 3, oppure è sufficiente il possesso di una delle tre tipologie di conoscenze/competenze, per accedere al bando? Per l accesso al bando basta possedere solo 1 dei requisiti elencati. Domanda 3: Riguardo all intensità di aiuto pubblico si riporta una modulazione di % in relazione alla classificazione dei Comuni tra montani e altre aree. Per come riportato nella zonazione del PSR, gli imprenditori, il cui territorio ricade in Comuni classificati come svantaggiati, a quale percentuale di beneficio possono accedere? Risposta Misura 121: 60% per i giovani agricoltori 50% per gli altri beneficiari Come riportato nel Par intensità di aiuto pag 14 delle Disposizioni Attuative per il trattamento delle domande di aiuto

2 Misura 123: 50 % per le PMI, 25% per le altre come riportato a pag 24 delle Disposizioni Attuative per il trattamento delle domande di aiuto Domanda 4: La compilazione delle domande deve essere fatta tramite i CAA; ciò significa che sia la predisposizione della domanda di agevolazione (compreso il business plan) va fatta da tali soggetti e quindi è preclusa ad altre tipologie di professionisti? Il CAA è solamente l organismo autorizzato all inoltro della domanda, essendo lo stesso il depositario del fascicolo aziendale del singolo proponente.per ciò che riguarda la predisposizione del progetto, ivi inclusa la predisposizione del Business Plan, essa può essere fatta, oltre che dall impresa in proprio, da professionisti singoli o associati dalla stessa incaricati. Si segnale che oltre ai CAA l inoltro può avvenire anche per il tramite di un professionista abilitato a tale funzione (es. Dott. Agronomi). Domanda 5: Nel 2010 abbiamo realizzato un impianto fotovoltaico a servizio dell azienda, questo impianto può essere inserito nella domanda senza richiedere il contributo sul suddetto impianto ma solo per prendere il punteggio relativo alle fonti rinnovabili? L impianto realizzato nel 2010 diventa oggetto di contributo e quindi partecipa al punteggio solo se presentato come investimento in domanda di aiuto, quindi non può essere inserito per contribuire al punteggio di riferimento. Domanda 6: La cogenerazione ad alto rendimento a gas metano (CAR) che viene assimilata alle fonti rinnovabili, rientra come coogenerazione per colture protette? La cogenerazione a metano, quantunque ad alto rendimento (CAR), non rientra nelle tipologie finanziabili dal presente bando che finanzia solo gli impianti cogenerativi alimentati a biomassa o biogas di origine agricola. Domanda 7: E ammissibile l acquisto film plastico per i tunnel per l'orto-floricoltura? il film plastico non è materiale ammissibile alla spesa del FEASR perché deperibile. In ogni caso l esclusione dettata nel bando è molto specifica quindi tale investimento non è ammissibile. Domanda 8: Come azienda agricola andremo a sostituire delle vecchie serre che hanno più di 30 anni, come si dimostra che hanno più di 30 anni? È sufficiente un autocertificazione

3 Domanda 9: Come si calcolano i punteggi sugli indicatori? Si calcolano con il supporto di un foglio excel, che si troverà sul sito da lunedì 17 gennaio Domanda 10: Un imprenditore agricolo con sede operativa fuori dalla Regione Calabria è titolare di alcuni terreni nella in Calabria. L imprenditore può partecipare al bando per l'agricoltura misura 121 ammodernamento delle aziende agricole, essendo il progetto in questione da realizzare in Calabria? Non esiste alcuna limitazione in merito alla allocazione della sede legale dei soggetti beneficiari. E ovvio che gli investimenti previsiti nel progetto devono avvenire e rimanere sul territorio della Regione Calabria. Domanda 11: L'indicatore di coerenza, e' strettamente collegato al discorso della coerenza degli investimenti con le filiere di riferimento, e cosa si intende per filiere di riferimento? L indicatore è collegato alle priorità individuate nelle schede di misura di riferimento per ciascuna filiera Le filiere di riferimento sono quelle che l Amministrazione ha individuato come le più rappresentative sia in termini di addetti, che di fatturato, o rappresentanti una particolare tipicità nel panorama agricolo calabrese. Domanda 12: Un'azienda che intende presentare domanda sulla misura 121 ha già realizzato l'investimento per il 90% del quali il 70% in leasing e il 20% con acquisto diretto. Ai fini della rendicontazione delle spese effetuate: 1) Deve allegare preventivi (3 per ogni cespite?) o bastano a questo punto le copie delle fature e dei contratti di leasing? 2) Di alcuni leasing possiede anche la fattura del riscatto, basta allegare questa oltre al contratto iniziale? 3) Per i leasing in essere e stipulati per esempio nel 2007 (riguardano tutti impianti di produzione) basta una dsan attestante il fatto che al ermine saranno riscattati? 1) I tre preventivi non sono necessari bastano le copie delle fatture di leasing 2) Certamente la fattura del riscatto va allegata alla documentazione a corredo della domanda di aiuto 3) Sono redicontabili solo i leasing che sono già terminati e riscattati Domanda 13: Al bando in oggetto può partecipare un soggetto che ancora non ha avviato la propria attività imprenditoriale o possono partecipare solo aziende già costituite? La questione è regolamentata dal bando al p.to delle disposizioni procedurali. In sintesi emerge che:

4 gli imprenditori singoli devono iscriversi alla CCIAA prima della presentazione della domanda di aiuto e costituire il fascicolo aziendale presso un CAA; per i soggetti costituiti in forma associata la costituzione può anche avvenire in un momento successivo nei modi e nei tempi riportati nel su citato paragrafo Domanda 14: Un titolare di un azienda agricola che ha partecipato al bando 2008 per la misura 112 e 121 e si è posizionata oltre il 600 posto in graduatoria definitiva, aprendo Partita Iva ed iscrivendosi alla Camera di Commercio, di fatto ha avviato l'azienda. Ora che come si deve comportare? Ci sara uno scorrimento della graduatoria? Sarà riaperto un nuovo bando? Il bando 2008 della misura 112 ha completato il suo iter amministrativo essendo state pubblicate le graduatorie definitive. Tuttavia l Amministrazione si riserva, laddove si rinvengano risorse derivanti da eventuali rinunce, revoche o economie, a proporre uno scorrimento delle graduatorie dei soggetti ammissibili. Domanda 15: Per la misura 121 quali sono i beneficiari? Solo gli IAP come scritto nelle note esplicative consegnate in cartella? ma gli stessi devono essere titolari di certificato rilasciato dal competente ufficio regionale? inoltre i Coltivatori diretti come vengono considerati? possono presentare domanda? e le aziende agricole? I beneficiari sono gli imprenditori agricoli singoli o associati. Gli IAP hanno solo un punteggio integrativo sull indicatore di Status, ma non l esclusiva alla partecipazione al bando. I coltivatori diretti non sono considerati alla stregua di IAP, ma laddove sono presenti requisiti di impresa agricola possono partecipare al bando Domanda 16: la Scadenza dei bandi fissata per il 28/02/2011 sarà prorogata? Alla data odierna l Amministrazione non prevede alcuna proroga della scadenza del bando anche al fine di mantenere fissa la scadenza della pubblicazione delle graduatorie definitive entro la fine di luglio Domanda 17: Per il riconoscimento IAP dovrebbe bastare la richiesta e la dichiarazione di essere in possesso dei requisiti previsti? E ciò che chiede il bando esso infatti a pag 6 par ) Misura 121 recita: Omissis - La qualifica di IAP deve essere posseduta al momento della presentazione della domanda. E tuttavia possibile presentare la domanda corredandola con apposita documentazione attestante la richiesta di riconoscimento dello status di IAP, corredata da apposita dichiarazione in forma sostitutiva dell atto di notorietà in cui si attesta che nulla osta all ottenimento dello status di IAP. L iter per l ottenimento dello status di IAP deve ultimarsi entro la data di fine istruttoria, onde consentire la corretta imputazione dei relativi punteggi. Omissis. Domanda 18:

5 I 90 giorni per presentare i permessi a costruire sono molto pochi; basta un solo vincolo e la pratica si blocca per almeno due mesi, che fare? In realtà l atto concessorio dovrebbe essere prodotto, come nei precedenti bandi, in fase di presentazione della domanda. Tuttavia nel nuovo bando si riconosce la possibilità di sostituirlo con un DSAN del tecnico che attesta che Nulla osta all ottenimento della concessione edilizia e delle necessarie autorizzazioni. Quindi sarebbe opportuno che nel tempo intercorrente tra la domanda e la valutazione ci si attivasse per il regolare ottenimento della concessione. L amministrazione potrebbe prendere in considerazione un possibile allungamento dei tempi di presentazione della documentazione laddove si dimostri che il ritardo non è imputabile ad inerzia del beneficiario e, ancora, laddove tale ritardo non comprometta la capacità del beneficiario alla realizzazione del progetto nel tempo dei 12 mesi complessivi. Domanda 19: Per i giovani imprenditori che hanno presentato la 112 nelle annualità precedenti, la nuova richiesta deve essere ricongiunta per beneficiare dei previsti punteggi? In riferimento alle 112 presentate nell annualità 2008, l iter amministrativo è concluso, essendo state pubblicate le graduatorie definitive. In merito alle domande della 112 dell annualità 2009 bisogna ripresentare la 121 che verrà valutata con i nuovi criteri, e da questa si trarranno i punteggi per la 112. Domanda 20: Per i contratti registrati ed in corso di validità che hanno scadenza prima dei 12 anni previsti, può valere la dichiarazione d impegno delle parti a rinnovarli per un periodo almeno pari agli anni che mancano per coprire tutti i 12 anni? I contratti in essere che furono stipulati all atto della presentazione delle domande sul bando 2008 hanno scadenza tra 9 anni. Pertanto soltanto allora si potrà verificare se la dichiarazione d impegno verrà o meno rispettata. Per tale motivo il vincolo dei 12 anni deve essere vigente al momento della presentazione della domanda esclusivamente secondo le modalità previste dal bando. Domanda 21: Premesso che il sottoscritto ha presentato domanda di contributo quando ancora non aveva compiuto 40 anni, avendo così potuto beneficiare di una percentuale di finanziamento più alta, vista la decadenza dei precedenti bandi, posso ancora richiedere il finanziamento al 50 %? La percentuale del 50% era ed è riservata ai giovani agricoltori che si insediano per la prima volta (par Intensità dell aiuto pag 14 Disposizioni Attuative ). Domanda 22: Tutta la documentazione, ad eccezione di: Durc,Camera di Commercio e visure catastali, presentata a suo tempo compresi i tre preventivi per gli acquisti, possono essere inseriti nei nuovi bandi?

6 Tutta la documentazione che non abbia una precisa data di scadenza, ovvero una data certa di emissione, potrà essere ripresentata, ciò vale anche per i preventivi salvo che gli stessi non rechino l indicazione precisa del periodo di validità temporale dell offerta. Domanda 23: Nel caso in cui siano state realizzate opere inferiori all 80% del progetto complessivo, si ha diritto ad un punteggio diverso rispetto a quelli che non hanno realizzato nulla? La spesa effettuata in un momento precedente alla presentazione della domanda, se eleggibile e conforme, determinerà un punteggio nel calcolo dell indicatore di esecuzione che pone in rapporto la quota di spesa già effettuata rispetto al totale dell investimento. Se tale percentuale di spesa risulterà inferiore complessivamente all 80% dell investimento, non consentirà di attingere nell ambito della riserva del 35% della dotazione del bando, ma genererà comunque un punteggio compreso tra 6,64 e 0. Domanda 24: Nel caso in cui siano state realizzate opere inferiori all 80% del progetto complessivo, come bisogna dimostrare le opere eseguite? È necessario presentare una perizia asseverata? Gli acquisti già effettuati devono essere supportati solo da fatture? oppure è necessario e imprescindibile dimostrare l avvenuto acquisto con copia assegno, fattura, dichiarazione liberatoria, riscontro bancario del buon fine del pagamento? oppure in questa fase basta indicare gli estremi di pagamento, allegando le fatture, e successivamente se il progetto verrà finanziato nelle fasi di rendicontazione presentare quanto previsto dalla normativa? In sede di presentazione della domanda di aiuto, ai fini della dimostrazione della spesa effettuata, in merito alla documentazione da allegare bisogna far riferimento al punto 5 par Documentazione specifica richiesta per la misura a pag 12 delle Disposizioni Attuative Domanda 25: Un azienda intende effettuare investimenti su più filiere come deve compilare la schede di autovalutazione? La scheda tiene conto degli investimenti su più filiere ed in che modo? La scheda va compilata riportando i singoli investimenti relativi a ciascuna filiera; in caso di investimenti comuni a più filiere si può ripartire l investimento sulle singole filiere a seconda delle necessità aziendali o di progetto. La scheda tiene conto degli investimenti su più filiere e ne calcola una media ponderata secondo la formula: Formula media ponderata punteggio filiere = (Sommatoria punteggio di filiera * investimento proposto per la filiera)/totale dell'investimento Domanda 26: Ai fini della valutazione dei criteri di selezione e della conseguente attribuzione dei punteggi, la qualifica di IAP deve essere posseduta dal titolare della domanda di aiuto oppure è sufficiente che sia posseduta da un socio dell impresa agricola? La qualifica deve essere posseduta dal legale rappresentante della società che è anche titolare della domanda di aiuto

7 Domanda 27: Per le domande di aiuto già presentate nel bando 2009, ai fini della determinazione della data di ammissibilità della spesa, la data di presentazione della prima domanda di aiuto citata nelle disposizioni procedurali è rappresentata dalla data di presentazione della stessa a mezzo del SIAN, oppure dalla data in cui è avvenuta la spedizione/consegna della documentazione allegata? La data è quella in cui è avvenuta la presentazione della stessa a mezzo SIAN. Domanda 28: Nell ambito della Misura 121 possono essere considerati ammissibili investimenti relativi a impianti antincendio installati nelle strutture aziendali destinate alla trasformazione dei prodotti? L adeguamento alle normative cogenti nazionali o comunitarie non può essere oggetto di finanziamento. Domanda 29: Tra la documentazione richiesta per le M121 e 123 vi è anche Titolo di disponibilità del terreno oggetto degli interventi, debitamente registrato, da cui si evinca la disponibilità del fondo per almeno 12 anni dalla data di presentazione della domanda. Come deve essere interpretata la data di presentazione della domanda per le pratiche già presentate nel primo e secondo bando? Tale data si riferisce alla prima presentazione della domanda oppure deve essere intesa la data di presentazione della domanda attuale? La disponibilità del fondo deve riferirsi ad un periodo di dodici anni rispetto alla data di presentazione della domanda di aiuto sul presente bando. Domanda 30: Il sistema SIAN non consente ancora di poter compilare le domande di aiuto on line, a fronte di tale ritardo è possibile uno slittamento dei tempi di presentazione delle domande oltre il 28 febbraio 2011? Il sistema SIAN consente dal 4 febbraio us la compilazione on line delle domande utilizzando il link riferito all annulità Onde poter mantenere fissa la scadenza della pubblicazione delle graduatorie definitive previste per la metà di luglio 2011 la scadenza dei bandi rimane fissata al 28 febbraio Domanda 31: Negli allegati Val 121 e 123 per ogni priorità di filiera si indica l importo dell investimento. Io vorrei chiedere ma se uno stesso investimento ha un duplice effetto, ovvero tocca due priorità, come si fa a indicare l importo dell investimento per le due priorità di filiera nella scheda di autovalutazione? Nel compilare le schede di autovalutazione il beneficiario può di ripartire l importo dell investimento su più priorità sulla base anche di ciò che è riportato sul PMA o sul Business Plan rispetto all investimento in questione.

8 Domanda 32: Per la misura 123 quando viene indicato realizzazione/ammodernamento dei frantoi (senza aumento della capacità molitoria del comprensorio). Dove posso trovare i dati che mi indicato che il frantoio non aumenterà la capacità molitoria del comprensorio con l investimento? La frase è da intendersi senza aumento della capacità molitoria dell azienda che effettua l investimento. Domanda 33: I lavori effettuati in economia sono spese già sostenute? Se si, come documentarle? No i lavori in economia non rientrano tra le spese già sostenute. Tra le spese che concorrono all'indicatore 4 (spese effettuate) ci sono solo quelle derivanti da titoli di spesa di terzi. Domanda 34: Avendo nel fascicolo aziendale dei terreni sui quali non proporrò alcun investimento, anche su questi deve sussistere la disponibilità per 12 anni? No, questi terreni non sono vincolati alla durata dei 12 anni. Tuttavia, laddove utilizzati per il calcolo delle UDE aziendali e, quindi, incidenti sul calcolo del 9 indicatore, resta fermo l obbligo di mantenere il valore dell indicatore per il periodo di vincolo del progetto (5 anni se solo attrezzature e macchinari, 10 anni se previste opere infrastrutturali). Domanda 35: I preventivi di spesa sia per la 123 che per la 121 vanno allegati? Per le spese già effettuate no, per le spese che vanno sostenute ex novo, laddove utilmente inserito in graduatoria, vanno presentati entro i 90 giorni dalla data del provvedimento individuale di concessione del contributo. Domanda 36: L utilizzo del prezziario regionale quale indicatore per le opere infrastrutturali, come deve avvenire? Per le voci in esso non ricomprese come ci si regola? Le voci riportate nel prezziario regionale rappresentano la soglia massima di congruità dei prezzi, intendendo quindi possibile l utilizzo di qualunque valore inferiore. In merito alle voci non inserite in prezzario, la firma del computo metrico da parte di un tecnico abilitato costituisce, prima facie, certificazione di congruità. Domanda 37: Volendo convertire terreni marginali alla produzione di specie da biomassa ligno-cellulosica si chiede se, insieme alle macchine per la raccolta e movimentazione delle biomasse espressamente previste dal bando possono essere oggetto di finanziamento anche macchine per il condizionamento del prodotto (es. essiccatore, insacchettatore, ecc ) e, nel caso positivo, il relativo loro costo nella scheda di valutazione m può essere inserito al 2 rigo (punteggio 11)?

9 La misura 121 finanzia: le coltivazioni a rapido accrescimento per la produzione di biomassa ad uso energetico; impianti tecnologici, fino ad una potenza di 1MW per la produzione di energia ottenuta da biomassa agro-forestale e da altre fonti di energia alternativa. L energia prodotta dovrà essere destinata all auto-consumo dell azienda agricola e l investimento dovrà essere commisurato al soddisfacimento del fabbisogno energetico dell azienda stessa; acquisti di macchine e attrezzature per le operazioni di raccolta movimentazione e carico delle colture erbacee o arboree realizzate nelle aziende agricole nonché dei sottoprodotti aziendali o prodotti disponibili in natura (canne, cardi, ecc.), da destinare alla produzione di biomassa; Pertanto i macchinari e le attrezzature necessarie al processo dovranno essere funzionali al ciclo di produzione energetico, lasciando alla cura del tecnico incaricato la valutazione della funzionalità del singolo cespite (es. un sacchettatore, serve al ciclo funzionale energetico?). Domanda 38: Possono essere oggetto di contributo impianti termici a biomassa (cippato) atte al riscaldamento di acqua per li fabbisogno aziendale cioè per fabbricati strumentali all agricoltura (frantoi, stalle, magazzini agriturismi ecc)? Gli impianti a biomassa possono essere finanziati sulla 121 e 123 purché destinati a soddisfare il fabbisogno aziendale. Tale fabbisogno va considerato in funzione della media dei consumi dell esercizio precedente, facendo attenzione che nel caso della domanda bisogna fare riferimento ai Kw termici e non a quelli elettrici. Domanda 39: Considerato che il fabbisogno energetico in elettricità di una azienda ammonti a circa kwhe/anno pari, nella zona considerata, a 10 kwe di potenza, può essere ammesso a finanziamento un impianto fotovoltaico di potenza doppia (20 kwe) se nella richiesta di contributo (che sarà pari al 30 %), nel piano di miglioramento, nella scheda di valutazione si imputa il costo relativo a 10 kwe? Il bando alla pagina 6 delle disposizioni attuative recita testualmente realizzazione di impianti tecnologici, fino ad una potenza di 1MW per la produzione di energia ottenuta da biomassa agroforestale e da altre fonti di energia alternativa. L energia prodotta dovrà essere destinata all autoconsumo dell azienda agricola e l investimento dovrà essere commisurato al soddisfacimento del fabbisogno energetico dell azienda stessa. Tale presupposto è relativo al principio della demarcazione tra i Fondi regolanti regimi di aiuto (in questo caso FEASR e FESR) attualmente in vigore. Nel caso di impianti collettivi, realizzati da più aziende, questi devono essere commisurati al soddisfacimento dei fabbisogni di tutte le aziende interessate Resta il principio che ogni intervento finanziato deve essere autonomo, organico e funzionale. Tanto per dire che si rende necessario che la porzione di 10 KW sia autonoma nella sua funzionalità. Per quanto riguarda la percentuale di finanziamento (30%) è stato fatto un quesito al MISE per stabilire l esatta percentuale. Domanda 40: Considerato che l'attuale bando è Monomisura, nella dichiarazione 'Allegato 1' si può barrare la casella di aver Presentato un Pia facendo riferimento alle altre misure presentate nei bandi precedenti e che non sono state annullate (tipo la 114).

10 In questo bando la presentazione di PIA non genera punteggio incrementale. Quindi il barrare o meno l icona non è influente. Domanda 41: In caso di terreni di cui si è proprietari per i quali lo stesso proprietario presenta un progetto di miglioramento fondiario, si chiede: la VISURA CATASTALE, rilasciata in data recente, vale come titolo di conduzione? No la visura catastale non può essere considerata un titolo di conduzione o possesso. Domanda 42: Nel caso di realizzazione di nuove serre per la coltivazione di orticole, come bisogna inserire la voce nella scheda di autovalutazione predisposta, visto che non è prevista esplicitamente? Per le opere e/o investimenti per le quali non si ravvede una priorità di filiera bisogna utilizzare la cella Altri investimenti. Tuttavia nel caso degli investimenti in serre, all interno della filiera ortofrutta, a seconda delle tipologie delle spese, risultano incidenti sulle sub 2,3,4 di filiera della scheda di autovalutazione. Domanda 43: Si possono inserire dei nuovi impianti di, ad esempio, mandorlo, ficodindia, ecc. visto che la scheda prevede solo la riconversione varietale "mediante reimpianto"? Oppure si deve intendere che tali investimenti sono esclusi dal possibile finanziamento? Il bando relativo alla misura a pag 6 delle disposizioni attuative recita miglioramenti fondiari finalizzati alla realizzazione e riconversione di impianti di colture permanenti nel rispetto delle limitazioni previste dalle OCM di settore Per verificare se incorra in tali limitazioni può far riferimento al capitolo X del PSR. Domanda 44: Nel calcolo delle UDE presente sulla scheda di autovalutazione non è stato considerato quello dei piccoli frutti in serra, che rispetto agli ortaggi in serra hanno un RLS superiore e quindi maggiori UDE. Dovendo redigere un miglioramento in un azienda agricola che coltiva piccoli frutti in serre e che vorrebbe ampliare la superficie di detta coltivazione, ho difficoltà a calcolare le UDE, pertanto chiedo se per tale coltura l'assessorato ha previsto tale calcolo. Per le colture non poliennali in serra il valore di riferimento è quello delle produzioni orticole in serra. Domanda 45: Nella documentazione specifica richiesta, sia per la Misura 121 che per la Misura 123, è prevista la presentazione del titolo di disponibilità del terreno oggetto di intervento. Nel caso di proprietà, è necessario produrre l intero Atto notarile? Ovvero, è sufficiente presentare una visura catastale aggiornata ove si rilevino, oltre agli estremi dell intestatario, anche la tracciabilità dell atto pubblico (si consideri che, quest ultima documentazione, è bastevole ai fini della tenuta del fascicolo aziendale CAA)?

11 La visura catastale non può costituire dimostrazione dell atto di possesso del terreno in quanto solo la Conservatoria dei Registri Immobiliare è probante ai fini della dimostrazione del possesso della proprietà del terreno oggetto di intervento del fondo. Domanda 46: La qualifica di imprenditore agricolo professionale può essere rilevata ed accertata presentando solo lo specifico attestato rilasciato dalla Provincia competente (ex IPA)? Nell eventualità che il periodo di rilascio del suddetto attestato sia piuttosto datato, la qualifica di IAP può essere documentata abbinando, allo stesso, anche un apposita autocertificazione? La qualifica può essere attestata tramite una DSAN, resta fermo quanto disposto dal bando che chi non ha la qualifica deve ottenerla entro la scadenza dello stesso. In ogni caso il certificato andrà prodotto entro la data di conferma della lettera di concessione del contributo. Domanda 47: Considerato che i Requisiti delle Disposizioni Attuative del Bando Mis. 121, prevedono, testualmente, che nel caso di imprenditori associati che realizzano investimenti collettivi, la redditività và dimostrata attraverso un Business Plan, se i beneficiari/richiedenti risultano essere delle società agricole (nella forma di s.r.l., s.a.s., etc.), può essere predisposto e presentato un PMA, o è comunque necessario un Business Plan? La società può decidere autonomamente se presentare un BP oppure un PMA a seconda di cosa ritenga che meglio illustri l intervento che intende attuare. Resta fermo che in caso di imprenditori associati, il PMA o BP deve dimostrare la redditività per il progetto nel suo complesso. Domanda 48: Nell ottica di ridurre, il più possibile, quantomeno nella fase iniziale, la documentazione progettuale specifica da allegare alla domanda d aiuto, è plausibile presentare il PMA solo successivamente all eventuale provvedimento di concessione regionale (Disposizioni procedurali, parag. 1.2, pag. 6), oppure il PMA deve, comunque, essere obbligatoriamente allegato alla domanda d aiuto iniziale? Il PMA o BP deve essere presentato entro 10 giorni dalla scadenza del bando. Domanda 49: Nelle Disposizioni Attuative del Bando Mis 121, come requisito di accesso è richiesta la competenza professionale dell imprenditore agricolo, dimostrabile anche con, testuale svolgimento di attività agricola come capo azienda o coadiuvante familiare o lavoratore agricolo per almeno 2 anni nel periodo precedente la data di presentazione della domanda". Nel caso in cui un soggetto, iscritto da meno di due anni alla Camera di Commercio negli elenchi delle imprese agricole, avesse comunque precedentemente collaborato nell azienda familiare come coadiuvante per oltre due anni, ma senza essere mai stato assunto dalla stessa, la competenza professionale può essere documentata con una semplice autodichiarazione, magari accompagnata da una specifica dichiarazione resa dal capo-azienda? In caso di risposta positiva, quali sono gli elementi minimi obbligatori che dovrà contenere una siffatta autodichiarazione? Risposta

12 La competenza professionale può essere documentata con una semplice autodichiarazione, che deve contenere indicazione del periodo in cui è stata svolta l attività agricola e le mansioni svolte. Domanda 50: Le Disposizioni Procedurali del Bando, al punto Spese generali, a riguardo delle spese tecniche non sono del tutto chiare circa le modalità di calcolo dell'onorario per la redazione del PMA o del BP. Il quesito, pertanto, è il seguente: le spese per la redazione dovranno essere comprese nel 6% (ovvero 7 %) delle spese tecniche riguardanti le progettazioni ingegneristiche e direzione dei lavori, ovvero a parte, e comunque nel 9% max (o 10%) dell'importo complessivo dell'investimento? Le stesse spese di redazione del PMA, possono essere imputate per come previsto nel prezziario regionale dell'agricoltura (e cioè, per fascia di spesa ammessa all aiuto)? Risposta Le spese per la redazione dovranno essere comprese nel 6% (ovvero 7 %) delle spese tecniche riguardanti le progettazioni ingegneristiche e direzione dei lavori e potranno, ma non in maniera obbligatoria, essere imputate per fascia di spesa ammessa all aiuto. Domanda 51: Si consideri il caso di un giovane agricoltore che debba ancora insediarsi in azienda e che avesse già accuratamente predisposto un programma di investimenti e di avvio della sua attività agricola finalizzato all apertura dei nuovi Bandi Multimisura 2011 (budget 2012), prevista, come da precedenti disposizioni normative, per il 1 febbraio Atteso che solo recentemente è stato ufficializzato lo slittamento del suddetto termine di riapertura dei Bandi Multimisura, e considerando che il giovane agricoltore, per rispettare gli impegni assunti, abbia urgente necessità di avviare la sua attività e di iniziare gli interventi di ristrutturazione già programmati, ciò premesso, si sottopone il seguente quesito: se il nuovo agricoltore presenterà, entro il prossimo 28 febbraio, una domanda di aiuto a valere sulla Misura 121, potrà agganciare la stessa ad una sua successiva domanda - Misura 112 da fare in occasione della prossima riapertura dei Bandi (ottobre p.v.?), oppure avrà perso, nel frattempo, i requisiti di ammissibilità al primo insediamento? Risposta Il requisito cardine perché un giovane agricoltore si consideri non insediato è che egli non sia iscritto alla CCIAA prima della presentazione della domanda 112. Allo stato attuale qualora il giovane dovesse presentare domanda sulla misura 121 dovrebbe necessariamente iscriversi alla CCIAA venendo così a perdere il requisito per la presentazione delle domanda sulla misura 112. Domanda 52: L indicatore 5 della misura 123 (Indicatore di status) testualmente recita Imprese di trasformazione e/o commercializzazione, in qualsiasi forma associata, che si approvvigionano prevalentemente (>50%) della materia prima da imprenditori che sono in forma associata ; si chiede se nella fattispecie delle imprese di trasformazione e/o commercializzazione siano ricomprese, poiché non specificato, anche le imprese agricole che svolgono in rapporto di connessione dette attività? Nulla specificando nel dettaglio, si intendono ricomprese anche le imprese agricole che svolgono attività di trasformazione e/o commercializzazione.

13 Domanda 53: Nella definizione dei beneficiari della misura 123 si dice Sono inoltre beneficiarie le aziende agricole singole ed associate, che sono anche produttrici, qualora la materia prima agricola di provenienza non aziendale sia pari ad almeno i 2/3 della produzione da trasformare. In caso di imprese agricole associate, la produzione conferita dai soci è computabile nei 2/3 e quindi non considerata produzione aziendale poiché il socio mantiene la propria autonoma personalità giuridica e fiscale? I due terzi vanno computati tra tutta la materia prima di derivazione esterna rispetto al soggetto giuridico univocamente considerato. Quindi se un associazione di imprese da luogo ad un soggetto giuridico autonomo il prodotto dei singoli soci si configura come di provenienza non aziendale rispetto all associazione. Domanda 54: I consorzi agrari sono soggetti ammissibili per investimenti finalizzati alla commercializzazione e trasformazione delle produzioni agricole? I consorzi agrari non sono soggetti ammissibili. Domanda 55: Viene specificato che nella compilazione dell'allegato VAL_121 il totale delle spese che si dichiara nella determinazione dell'indicatore 1 deve essere pari al totale della spesa dichiarato nella domanda di aiuto predisposta dal CAA. Come ci si deve comportare con le spese tecniche nell'allegato VAL_121? Le spese tecniche seguono la sorte delle spese cui sono collegate, quindi, a titolo di esempio, se un progetto ha 100 di spese per ristrutturazione di un deposito, la spesa da imputare alla filiera di riferimento sarà 100+spese tecniche. Domanda 56: Considerato che la misura 121 permette ed agevola la coltura di biomasse a scopo energetico (nella fattispecie calore), che il prodotto finale delle colture che si ha intenzione di impiantare sono indirizzate alla produzione generalizzata di calore, che il raccolto proveniente dai campi di colture dedicate alla produzione di biomassa ha necessità di ulteriori modificazioni tali da permettere la vendita al mercato di dettaglio (scaglie delle dimensioni e qualità tali da poter essere bruciate in caldaie a pellet ampiamente diffuse), tenuto conto che tutto quello che non è espressamente vietato è permesso, si chiede possono essere ammesse a contribuzione le macchine che realizzano quelle trasformazioni del prodotto tal quale proveniente dai campi (essiccazione- riduzioni in scaglie di adatte dimensioni - confezionamento ecc) in modo da trasformarlo in un prodotto concorrenziale con il pellet? e cioè di chiudere la filiera energetica (termica)? La filiera agroenergetica sulla misura 121 fa riferimento all art 26 del reg 1698/2005 che limita l aiuto agli impianti con una capacità di produzione pari al consumo annuale di energia dei beneficiari e non quindi rivolta alla produzione di prodotti (legnoso, biogas, ecc) destinati alla vendita.

14 Domanda 57: Un soggetto giuridico che abbia partecipato alle selezioni dei PIF come partenariato e come beneficiario di misure tra cui la all interno di un progetto complessivo che non sia stato ammesso e le cui motivazioni dell esclusione siano strettamente legate all inammissibilità delle sole misure di accompagnamento- può proporre una nuova domanda singola di ammissione ai benefici della misura 123 a valere sul Bando appena attivato mantenendo, al contempo, il diritto all eleggibilità della spesa a decorrere dal 1 gennaio 2007? Si, certamente e mantiene il diritto a ripresentare domanda con eleggibilità delle spese dal 1 gennaio Tale aspetto è stato chiarito e regolamentato con una decretazione integrativa del bando in corso di numerazione e che verrà pubblicata sul sito al più presto. Domanda 58: Un azienda ha acquistato una scopatrice meccanica per la raccolta delle olive ed una cernitrice meccanica. Si chiede se nella scheda di valutazione per la mis. 121 si possono cumulare i punteggi previsti per l'acquisto di macchine per la raccolta con quelli previsti per le macchine per la riduzione dei costi di produzione? Visto che le due macchine svolgono funzioni diverse se debitamente motivato nel BP o nel PMA possono essere riportate nelle due voci della scheda di valutazione assegnando i relativi punteggi. Domanda 59: Un impresa agricola nel bando 2008 aveva presentato un PIA a valere sulle misure e, a causa di documentazione incompleta, non è stata inserita nella graduatoria definitiva tra le imprese ammesse. Tale impresa, non avendo nel frattempo ottenuto alcun aiuto pubblico a valere sul PSR, e fermo restando che il primo insediamento e la relativa apertura della partita IVA come produttore agricolo, è avvenuta nel 2008, può richiedere la percentuale di aiuto maggiorata accordata ai giovani agricoltori che si insediano per la prima volta? Essendosi il titolare dell azienda insediato ha di fatto perso i requisiti per essere considerato Giovane Agricoltore al primo insediamento. Domanda 60: Si chiedono chiarimenti sull importo da indicare nella voce "INVESTIMENTI FINALIZZATI ALL INCREMENTO DELLA REDDITIVITA MEDIA AZIENDALE" della scheda auto valutativa misura 121. Ciascun investimento può essere imputato, quota parte, su una o più voci della filiera di riferimento sulla scheda di autovalutazione. In altre parole, ogni singolo investimento può essere ripartito su ciascuna voce pertinente per la parte di importo che il richiedente riterrà adeguata. Ciò consentirà di sommare i punteggi attribuiti ad ogni voce. Rimane a cura dell impresa collegare le singole spese con le sub voci di filiera. Domanda 61: Avendo una ditta acquistato delle attrezzature con regolare fattura, posso inserirla nelle spese effettuate per la quota parte che risulta regolarmente pagata e tracciata entro il 15/10/2010? la

15 rimanenti attrezzature, presenti nella fattura, non ancora pagate e tracciate posso inserirle nelle spese da effettuare nel progetto? Risposta La fattura, essendo unica, per risultare rendicontabile deve essere provvista di quietanza liberatoria rilasciata dal fornitore del bene. Nel caso in questione la fattura non interamente saldata rende impossibile la produzione della quietanza liberatoria. Domanda 62: Una ditta acquista un bene a maggio 2007 pagando con assegno la somma di 5000 euro e stipula una finanziaria con 10 cambiali, che scadono il 12 giugno e il 12 dicembre di ogni anno. Nel nuovo progetto come deve inserire questo investimento? 1) rendiconta le 5000 euro e le 6 cambiali pagate alla data del 15/10/2010 2)chiede alla finanziaria di anticipare il resto delle tre rate, quindi paga adesso le rate e lo porta tutte a rendicontazione, visto che l'acquisto è stato fatto nel 2007 e la fattura è del ) nella liberatoria il venditore dichiara che ho versato 5000 euro di anticipo. per quanto riguarda le cambiali la liberatoria chi la deve fare? o bastano solo le ricevute delle cambiali + estratto conto bancario. Dalla domanda non si evince se il fornitore del bene risulta contestualmente esserne il finanziatore e se vi siano vincoli al trasferimento della proprietà del bene. Per poter essere rendicontato il bene deve essere interamente di proprietà del soggetto beneficiario. Il fornitore del bene deve rilasciare quietanza liberatoria dell intero importo di fattura alla data del 15/10/2010 ed i pagamenti, conseguentemente, devono risultare già effettuati e tracciabili alla medesima data. Domanda 63: I Consorzi e le cooperative agricole, interessati ad interventi di meccanizzazione, sono riconosciuti come beneficiari della Misura 121? In tal caso, considerato che detti soggetti non detengono terreni agricoli nel loro fascicolo aziendale poiché gli stessi sono dichiarati dai singoli produttori associati, è possibile presentare una domanda di aiuto ai sensi della Misura 121 in presenza della sola componente anagrafica del fascicolo del produttore, visto che il sistema informatico lo consente? Sono beneficiari della misura le imprese agricole in forma singola o associata. Resta il vincolo che l eventuale soggetto giuridico associato può partecipare con i vincoli ed i limiti derivanti dalla consistenza aziendale, espressa in UDE, per come evincibile dall indicatore 9 dell allegato VAL_121. Domanda 64: Alcuni imprenditori intendono proporre progetti di investimento sulle Misure 121 e 123 e, tra i beni oggetto dell intervento, vi sono anche dei fabbricati aziendali per i quali i richiedenti hanno già concesso il diritto di superficie relativamente alle aree dei tetti. Qualora questi produttori dovessero risultare ammissibili a contributo, si chiede di conoscere se esistono delle limitazioni normative e/o tecniche, in conseguenza della concessione di tali diritti di superficie. Il diritto di superficie è un diritto reale di godimento, che deve essere prodotto nella forma di atto pubblico. Tuttavia resta il dubbio che tale atto sia anche utilizzabile per posizionare dei pannelli fotovoltaici sul tetto di un edificio, intendendosi il diritto di superficie operante nella

16 regolazione dei diritti tra suolo ed edificato, e non anche sulla apposizione di beni mobili su un fabbricato. A parere di chi scrive un contratto di comodato o di affitto del tetto dell edifico appare più consono all operazione in proposta che, tuttavia, rientra tra quelle ammissibili sulle misure 121 e 123. Domanda 65: Una delle attività previste nella predisposizione di un progetto della misura 121 riguarda l edificazione di un deposito aziendale. Il terreno sul quale sarà realizzato l immobile, rispetto allo strumento urbanistico vigente, ricade all interno dell area urbana, e dista poche centinaia di metri dalla contigua area agricola. Attestato che il Comune autorizza la realizzazione del suddetto immobile, si chiede se il terreno sopra descritto può essere utilizzato per la realizzazione dell immobile. Il terreno può essere utilizzato per le opere di progetto. Resta fermo il fatto che la particella oggetto dell intervento dovrà essere inserita nel fascicolo aziendale e che permane l obbligo del mantenimento in uso per 10 anni. Domanda 66: Un impresa intende partecipare al bando della misura 121. L impresa ha costituito regolarmente il suo fascicolo aziendale ed ha UDE capienti per l intervento proposto. Tuttavia alcuni degli interventi che propone ricadono su un suolo in sua disponibilità (regolari contratti di fitto registrati per oltre i 12 anni previsti) ma ancora non inseriti in fascicolo a causa di alcuni problemi di ordine burocratico indipendenti dall impresa. Si chiede se è sufficiente allegare alla domanda copia di tali contratti per garantire l ammissibilità della spesa. Se l impresa ha UDE sufficienti può presentare la domanda. I punti di cui all indicatore 9 verranno calcolati su tali valori. Tuttavia si può ritenere che eventuali aggiunte al fascicolo aziendale sono sempre possibili e, con esse, l ammissibilità delle spese relative ai fondi aggiunti. Si ritiene che in fase di proposta possa essere favorevolmente considerato un intervento su un suolo in disponibilità del richiedente (da dimostrare mediante contratto regolarmente registrato) a condizione che al momento di accettazione di un eventuale atto di concessione individuale del contributo lo stesso sia regolarmente caricato sul fascicolo aziendale. Domanda 67: Riguardo al titolo di disponibilità del terreno oggetto degli interventi per la mis. 121, il proponente la domanda che nel 2009 ha presentato anche richiesta di misura primo insediamento 112, ancora in corso d'istruttoria, è obbligato a registrare, entro la data di presentazione della domanda di aiuto un titolo di disponibilità di almeno 12 anni a suo favore? Quale forma di cessione di disponibilità dei terreni può essere adottata nel caso in cui il cedente è già titolare di concessioni di contributo e il giovane imprenditore non è ancora titolare di azienda avviata? è ammissibile un preliminare di comodato sottoposto a condizione (risolutiva o sospensiva)? Risposta Si, è ammissibile dimostrare il requisito mediante un contratto di comodato, regolarmente registrato di durata pari a quanto previsto dal bando, eventualmente prevedendo una clausola sospensiva degli effetti che lo subordina all utile inserimento in graduatoria.

17 Domanda 68: In merito all indicatore 1 del bando, sia per la misura 121 che 123, come mi devo regolare per assegnare i punteggi di filiera per come declinati nei singoli sottoinsiemi? Risposta I punteggi indicati in sottofiliera sono da intendersi come valori massimi conseguibili. Sarà cura della commissione di valutazione stabilire criteri oggettivi ed oggettivamente verificabili. Domanda 69: Per le aziende-non ancora attive per via della definizione del primo insediamento a valere sul bando del 2009, come si può evitare l improprio trasferimento della consistenza aziendale in via anticipata al fine di evitare l insorgere anomalie che bloccano la validazione dei fascicoli oltre a generare diverse problematica sugli utilizzi dei titoli PAC? Il proponente deve produrre, entro la data di rilascio della domanda di aiuto sul sistema Sian, nel rispetto della scadenza fissata dal bando, i titoli di disponibilità dei fondi oggetto degli interventi. Rispetto agli interventi proposti dai soggetti indicati nella domanda è possibile costituire un fascicolo aziendale compilato nella sola parte anagrafica. Resta fermo il vincolo che i titoli di disponibilità di cui al precedente capoverso, dovranno essere indicati nella tabella di cui all indicatore 9 dell allegato VAL_121 onde consentire il corretto calcolo UDE e che gli stessi dovranno completare il fascicolo aziendale entro la data di accettazione dell eventuale lettera di concessione dei benefici. Domanda 70: Un azienda che è iscritta alla Camera di Commercio come azienda suinicola può richiedere un contributo sulla misura 123 per la realizzazione di un caseificio, fermo restando l impegno a variare l oggetto sociale in caso di concessione del beneficio? Nulla osta secondo il dettato del bando alla presentazione della domanda di aiuto. Domanda 71: Considerato che la Scheda di Autovalutazione Mis. 121 nella Quotazione dell'indicatore 1 della Filiera Olivicola attribuisce 2 punti nei casi di "Riconversione varietale nelle aree DOP e IGP, anche in corso di riconoscimento", dando in tal modo la possibilità di usufruire anche degli ulteriori 2 punti dell'indicatore n. 5 "Produzioni certificate e riconosciute da marchi di qualità", è possibile, per analogia e similitudine, attribuire il punteggio supplementare anche per i prodotti non ancora riconosciuti ma in corso di riconoscimento della filiera "Zootecnia Carne e Latte" Mis. 121 e filiera "Latte e Derivati" Mis. 123, nello specifico "Pecorino Crotonese DOP" e "Ricotta Affumicata IGP", facendo in modo che tutti i prodotti in via di riconoscimento, abbiano la stessa possibilità di accedere ai punteggi sopracitati? Si pone l attenzione sul fatto che le produzioni in corso di certificazione possono utilmente essere valorizzate nell indicatore 1, ed in tal senso si accoglie l interpretazione analogica fornita nella domanda per il latte ovicaprino da inserire nella filiera"zootecnia Carne e Latte", ma in nessun caso (quindi neanche per le produzioni olivicole) può valorizzare l indicatore 5 che è vincolato ai requisiti per come descritti nel regolamento 1698/2005.

18 Domanda 72: Si pone un quesito in merito alla possibilità di ammissibilità a contributo di fatture di macchinari e linee di lavorazione abbastanza consistenti e pagate dalle ditte in diverse fasi, attraverso assegni o bonifici. Se la fattura alla data odierna non è stata interamente pagata, ma è stata pagata solo per l'80% dell'importo complessivo, ed è stata emessa quietanza liberatoria relativamente ai soli pagamenti effettuati, è possibile l'ammissibilità a cofinanziamento se il beneficiario si impegna a pagare il 20% restante attraverso una autodichiarazione pena la decadenza del finanziamento? Si individuano due fattispecie: la prima è riferita a chi entra nella graduatoria riservata, in tal caso la fattura deve essere interamente rendicontabile entro i 30 giorni successivi alla lettera di concessione dei benefici, fermo restando che possono essere rendicontati solo i pagamenti effettivamente effettuati entro la data limite del 15/10/2010; la seconda è riferita a chi utilizza le somme pagate per valorizzare l indicatore n. 4 ma non per accedere alla graduatoria riservata. In questo secondo caso la fattura può essere pagata entro il termine ultimo fissato per l esecuzione dell intervento. La presente risposta, integra e modifica quanto già riportato nel quesito n. 62.

100 milioni di euro per i nuovi bandi

100 milioni di euro per i nuovi bandi Seminario - Lamezia Terme - venerdì 28 gennaio 2011 100 milioni di euro per i nuovi bandi Misure 1.2.1 e 1.2.3 Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale BANDI 121-123 ISTRUZIONI

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013

UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013 Allegato A UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013 Disposizioni generali per l attivazione del bando condizionato Aiuti all avviamento

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO AI SENSI DELLA L.R. N

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO AI SENSI DELLA L.R. N Comuni di: Cappella Maggiore, Cison di Valmarino, Cordignano, Farra di Soligo, Follina, Fregona, Miane, Pieve di Soligo, Refrontolo, Revine Lago, Sarmede, Segusino, Tarzo, Valdobbiadene, Vidor, Vittorio

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento contenente criteri e modalità per la concessione di contributi a favore degli apicoltori, singoli o associati che risiedono sul territorio della Provincia e ivi esercitano l'attività apistica,

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

All. A LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

All. A LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO PROMOZIONE DEGLI INTERVENTI DI UTILIZZO DI FONTI DI ENERGIE RINNOVABILI, CALDAIE ALIMENTATE A BIOMASSA BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI NEL COMUNE DI VICOPISANO Anno 2012 LA RESPONSABILE DEL

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE

REGIONE PIEMONTE - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE REGIONE PIEMONTE - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE BENEFICIARI Imprenditori agricoli professionali (IAP) 1 titolari di aziende agricole, singoli o associati. Le

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

PREMESSA. 1 - Finalità

PREMESSA. 1 - Finalità PROGRAMMA D'AZIONE REGIONALE DI INVESTIMENTO PER PRODUZIONI AGROENERGETICHE E PER IL CONTENIMENTO DEL CARICO DI AZOTO NEL RISPETTO DELLA D.G.R. 21 NOVEMBRE 2007, N. 5868. PREMESSA La Regione Lombardia,

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori

MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE per il Veneto 2007-2013 Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Contenuti OBIETTIVO E MODALITA SOGGETTI

Dettagli

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori BOZZA DIRETTIVE REGIONALI PER L ATTUAZIONE DELLA SOTTOMISURA 6.1 Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori PORTATA FINANZIARIA Le risorse disponibili per il presente bando ammontano a 20.000.000,00.

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

FONDO PER GLI IMPIANTI A BIOMASSE PER LE AZIENDE AGRICOLE CRITERI DI EROGAZIONE DEGLI INCENTIVI NTIVI FINANZIARI

FONDO PER GLI IMPIANTI A BIOMASSE PER LE AZIENDE AGRICOLE CRITERI DI EROGAZIONE DEGLI INCENTIVI NTIVI FINANZIARI Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia COMUNITA MONTANA DEL GEMONESE,CANAL DEL FERRO E VALCANALE Area Territorio e Ambiente Servizio Agricoltura e Foreste FONDO PER GLI IMPIANTI A BIOMASSE PER LE AZIENDE

Dettagli

D: volevo sapere se può essere ammissibile un progetto che prevede l'imballaggio e la vendita on-line di prodotti per conto terzi.

D: volevo sapere se può essere ammissibile un progetto che prevede l'imballaggio e la vendita on-line di prodotti per conto terzi. D: volevo sapere se può essere ammissibile un progetto che prevede l'imballaggio e la vendita on-line di prodotti per conto terzi. R:Possono essere ammesse alle agevolazioni esclusivamente le imprese operanti

Dettagli

Art. 1 FINALITÁ. Art. 2 DEFINIZIONI

Art. 1 FINALITÁ. Art. 2 DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI E PER L'ACQUISTO DI MACCHINE ED ALTRI BENI MOBILI IDONEI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITA AGRICOLA NELLE AZIENDE AGRICOLE RICADENTI

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale

Programma di Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 STATO MEMBRO: ITALIA REGIONE: ABRUZZO Criteri di Selezione misura 112/121/123 Approvati dal Comitato di Sorveglianza Procedura scritta n. 1/2014 1 Misura 112 "Insediamento

Dettagli

SERVIZIO DI SUPPORTO ALLE SCELTE GESTIONALI E PRODUTTIVE RIVOLTE AL MIGLIORAMENTO GLOBALE DEL RENDIMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE E FORESTALI BANDO ANNO

SERVIZIO DI SUPPORTO ALLE SCELTE GESTIONALI E PRODUTTIVE RIVOLTE AL MIGLIORAMENTO GLOBALE DEL RENDIMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE E FORESTALI BANDO ANNO SERVIZIO DI SUPPORTO ALLE SCELTE GESTIONALI E PRODUTTIVE RIVOLTE AL MIGLIORAMENTO GLOBALE DEL RENDIMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE E FORESTALI BANDO ANNO 2007 OBIETTIVI DEL BANDO Con il presente bando sono

Dettagli

FONDO PER GLI IMPIANTI A BIOMASSE PER LE AZIENDE AGRICOLE Art. 6, commi 56, 57, 58 e 59, della L.R. 20/08/2007, n. 22

FONDO PER GLI IMPIANTI A BIOMASSE PER LE AZIENDE AGRICOLE Art. 6, commi 56, 57, 58 e 59, della L.R. 20/08/2007, n. 22 FONDO PER GLI IMPIANTI A BIOMASSE PER LE AZIENDE AGRICOLE Art. 6, commi 56, 57, 58 e 59, della L.R. 20/08/2007, n. 22 CRITERI DI EROGAZIONE DEGLI INCENTIVI FINANZIARI Gennaio 2008 Pagina 1 Articolo 1-

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE AUTORITA DI GESTIONE PSR MOLISE 2014-2020 PROGRAMMA DI

Dettagli

DIAMO ENERGIA ALLE IMPRESE

DIAMO ENERGIA ALLE IMPRESE BANDO DIAMO ENERGIA ALLE IMPRESE Il presente Avviso Pubblico è finalizzato a sostenere le imprese tramite finanziamento di interventi di PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI ALTERNATIVE DESTINATA ALL AUTOCONSUMO

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE

REGIONE LOMBARDIA - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE REGIONE LOMBARDIA - PIANO DI SVILUPPO RURALE Misura 121 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE BENEFICIARI Imprese e società con i seguenti requisiti: 1. impresa individuale, titolare di partita IVA, iscritta

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013: 2013: Bandi GAL 2011

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013: 2013: Bandi GAL 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013: 2013: Bandi GAL 2011 LEGGE REGIONALE n. 31 del 9 NOVEMBRE 2001 Compiti Erogazione di aiuti comunitari, nazionali e regionali Domanda Unica PSR Aiuti

Dettagli

Consigliamo di prendere visione del bando integrale per la presentazione della domanda

Consigliamo di prendere visione del bando integrale per la presentazione della domanda Scheda esplicativa di cui all AVVISO PUBBLICO per la selezione e il finanziamento di nuove iniziative imprenditoriali promosse da Nuovi Giovani Imprenditori SCADENZA: 5 GENNAIO 2015 Consigliamo di prendere

Dettagli

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura SOTTOMISURA 321/A Servizi essenziali e infrastrutture rurali AZIONE 4 PSR SICILIA 2007/2013 SOTTOMISURA 321/A4 Punti di accesso info-telematici

Dettagli

INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal richiedente deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la

INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal richiedente deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la INTERVENTI AMMISSIBILI L'energia che viene auto consumata dal deve avere come destinazione esclusiva i fabbricati rurali o può servire la casa d'abitazione dell'imprenditore? L'energia auto consumata dal

Dettagli

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura

Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l'agricoltura MISURA 313 INCENTIVAZIONE DI ATTIVITA TURISTICHE PSR SICILIA 2007/2013 MISURA 313 Comunicazione a cura del Dipartimento Interventi Infrastrutturali

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura

REGIONE SICILIANA Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura Allegato A al D.D.G. n /2012 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento regionale degli Interventi Strutturali per l Agricoltura Modalità e procedure

Dettagli

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI Riferimento normativo Articolo 22 del regolamento (CE) n. 1698/2005 RAGIONI DELL INTERVENTO La misura punta a incentivare il primo insediamento di giovani

Dettagli

Vetrina delle opportunità

Vetrina delle opportunità 1 di 6 21/02/2013 6.40 Vetrina delle opportunità Agevolazioni per la tua impresa agricola BANDO PUBBLICO Misura 121 Ammodernamento delle aziende agricole Gal Terre Pescaresi _Regione Abruzzo Misure collegate

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE Area Imprese Padova PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 Obiettivi, strategie ed interventi 2013 Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori e Pacchetto Giovani Il Pacchetto giovani

Dettagli

CHIARIMENTI. Bando per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395

CHIARIMENTI. Bando per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395 Bando per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395 CHIARIMENTI 1. DOMANDA: vorrei i seguenti chiarimenti: Sul bando in questione viene richiesta, oltre al beneficiario, anche al

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Le norme nazionali e comunitarie hanno la prevalenza sui contenuti

Dettagli

RELATIVE ALLE PROCEDURE E ALLE MODALITÀ DI ACCESSO ALLE DISPOSIZIONI ATTUATIVE

RELATIVE ALLE PROCEDURE E ALLE MODALITÀ DI ACCESSO ALLE DISPOSIZIONI ATTUATIVE FREQUENTLY ASKED QUESTIONS FAQ RELATIVE ALLE PROCEDURE E ALLE MODALITÀ DI ACCESSO ALLE DISPOSIZIONI ATTUATIVE Da quando è fissata l apertura dello sportello? Dal 31 maggio 2013, a partire dalle ore 9,30.

Dettagli

Torino, lì 20 dicembre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi

Torino, lì 20 dicembre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi Corso Francia 329 10142 Torino Tel. 011 4343026 011 4345493 Fax 011 4349456 Confcooperative Piemonte Fedagri Corso Francia 329 10142 Torino www.piemonte.confcooperative.it/federazioni.htm www.gestcooper.it

Dettagli

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti:

2. Chi può presentare domanda Possono presentare domanda le imprese e le società che possiedono i seguenti requisiti: UTILIZZO della MISURA 311 del PSR MISURA 311 B ENERGIA - Azione 1 Sistemi Verdi e Biodiversita : Diversificazione delle attività agricole, realizzazione di attività con fonti di energia rinnovabili MISURA

Dettagli

20 88,30 25 88,40 30 88,48 35 88,54

20 88,30 25 88,40 30 88,48 35 88,54 La sostituzione della caldaia rientra ai fini del D.M. 28 dicembre 2012 nella tipologia di interventi elencati all art. 4, comma2, lettera b): sostituzione di impianti di climatizzazione invernale o di

Dettagli

Allegato 1. 1.Finalità

Allegato 1. 1.Finalità Allegato 1 Bando finalizzato all efficientamento del parco dei generatori di energia elettrica prodotta nei rifugi di montagna rientranti nelle categorie C, D ed E cui al titolo IV della regola tecnica

Dettagli

Domanda: l impresa deve comunicare alla Regione, prima della presentazione della rendicontazione delle spese, che i lavori sono stati avviati?

Domanda: l impresa deve comunicare alla Regione, prima della presentazione della rendicontazione delle spese, che i lavori sono stati avviati? MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE LA RIMOZIONE DELL AMIANTO DAGLI EDIFICI, LA COIBENTAZIONE DEGLI EDIFICI E L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI DOMANDE

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

PACCHETTO GIOVANI AIUTO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER GIOVANI AGRICOLTORI

PACCHETTO GIOVANI AIUTO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER GIOVANI AGRICOLTORI PACCHETTO GIOVANI AIUTO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER GIOVANI AGRICOLTORI Programma di Sviluppo Rurale 2014 2020 Roberto Pagni Regione Toscana Luglio 2015 Firenze 1 PACCHETTO GIOVANI: OBIETTIVI 1/2 Promuovere

Dettagli

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali

BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014. Disposizioni generali BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE GIOVANILI - ANNO 2014 Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari Nell ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico

Dettagli

CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL CHIESE

CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL CHIESE CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL CHIESE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI RELATIVI AGLI INTERVENTI PER L INSTALLAZIONE DI COLLETTORI SOLARI

Dettagli

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI AZIONE 6.5.D PROGETTI PILOTA LOCALI LEGALITÀ BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE DEI PROGETTI PILOTA LOCALI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO INTERVENTI MATERIALI E IMMATERIALI PER COMPLETARE E MIGLIORARE L OFFERTA DELLE IMPRESE TURISTICHE

AVVISO PUBBLICO INTERVENTI MATERIALI E IMMATERIALI PER COMPLETARE E MIGLIORARE L OFFERTA DELLE IMPRESE TURISTICHE PO FESR Sardegna 2007-2013 Asse IV Ambiente, Attrattività Naturale, Culturale e Turismo Obiettivo operativo 4.2.2 - Linea di attività 4.2.2.a AVVISO PUBBLICO INTERVENTI MATERIALI E IMMATERIALI PER COMPLETARE

Dettagli

AZIONE B: Produzione e vendita

AZIONE B: Produzione e vendita Dipartimento Regionale Interventi Infstrutturali per l'agricoltura MIS. 312: Sostegno alla creazione e allo sviluppo di micro-imprese AZIONE B: Produzione e vendita PSR SICILIA 2007/2013 MISURA 312/B di

Dettagli

ARTEA Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

ARTEA Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura ARTEA Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Istruzioni per la compilazione del verbale di ammissione a finanziamento Domande di aiuto 2008 Misura 112 Insediamento giovani agricoltori

Dettagli

SETTORE AMBIENTE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE AUTORITA PORTUALE

SETTORE AMBIENTE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE AUTORITA PORTUALE Allegato A Bando di cofinanziamento per l installazione di una caldaia alimentata a cippato e/o pellet, prodotti da legno vergine, presso edifici pubblici di proprietà comunale o soggetti ad uso pubblico

Dettagli

F.A.Q. (Frequently Asked Questions)

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) F.A.Q. (Frequently Asked Questions) SOSTENIBILITÀ ED EFFICIENZA ENERGETICA - MISURA 1 Incentivazione alla razionalizzazione dei consumi energetici e all'uso di fonti di energia rinnovabile negli insediamenti

Dettagli

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali

BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA. Disposizioni generali BANDO PER CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DANNEGGIATE DAL SISMA Disposizioni generali Art. 1 Finalità e destinatari A seguito degli eccezionali eventi sismici che hanno colpito, nel mese di maggio 2012, alcune

Dettagli

FONDO SPERIMENTALE PER IMPIANTI A BIOMASSA PER LE FAMIGLIE DELLA PROVINCIA DI UDINE FSB3 CRITERI DI DETTAGLIO PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI

FONDO SPERIMENTALE PER IMPIANTI A BIOMASSA PER LE FAMIGLIE DELLA PROVINCIA DI UDINE FSB3 CRITERI DI DETTAGLIO PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI FONDO SPERIMENTALE PER IMPIANTI A BIOMASSA PER LE FAMIGLIE DELLA PROVINCIA DI UDINE FSB3 CRITERI DI DETTAGLIO PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI art. 1 Finalità 1. Il presente testo disciplina le procedure

Dettagli

INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO

INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE LA RIMOZIONE DELL AMIANTO DAGLI EDIFICI, LA COIBENTAZIONE DEGLI EDIFICI E L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI DOMANDE

Dettagli

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori MISURA 112 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori 2. Articoli di riferimento Titolo IV, Capo I, sezione 1, Articolo 20 lettera a) punto ii e sottosezione 1, Articolo 22 del Regolamento

Dettagli

Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria

Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria INFO(PAC)K: LA PAC INFORMA. Progetto cofinanziato dal PSR Umbria 2007-2013 misura 111, azione a) Attività informative:

Dettagli

Poi ENERGIA Bando Efficienza Energetica 2015

Poi ENERGIA Bando Efficienza Energetica 2015 Poi ENERGIA Bando Efficienza Energetica 2015 CHECK LIST per l'istruttoria della domanda A. Modalità di presentazione delle domande di agevolazione Le imprese sono tenute a presentare la seguente documentazione:

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI BANDO PREDISPOSTO CON I SEGUENTI ATTI: D.G.P. n. 532 del 25 maggio 2009 Programma di meccanizzazione agricola (ex art. 10 L.R. 12 del 25/05/2008) Concorso negli interessi su prestiti

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ADOZIONE DI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ADOZIONE DI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI PER L ADOZIONE DI INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino, intende favorire

Dettagli

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE E RENDICONTAZIONE DEI COSTI Programma Operativo Regionale F.E.S.R. 2007-2013 Competitività regionale e occupazione ASSE 1 Innovazione e transizione produttiva ATTIVITÀ I.1.3 Innovazione e PMI CRITERI PER LA DETERMINAZIONE, IMPUTAZIONE

Dettagli

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II

MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II MICROIMPRESA DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II SOGGETTI BENEFICARI Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società

Dettagli

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari

Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Incentivi alle agroenergie da finanziamenti regionali e comunitari Maria Luisa Bargossi Servizio Territorio Rurale DG Agricoltura 15 novembre 2010 Bologna Contenuti PSR e agroenergie Dalla politica energetica

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 62 del 27.07.2013

AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 62 del 27.07.2013 Comune di Otricoli AVVISO PUBBLICO Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 62 del 27.07.2013 Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti imprenditoriali per attività produttive

Dettagli

5.3.3.1.1 Diversificazione in attività non agricole

5.3.3.1.1 Diversificazione in attività non agricole 5.3.3.1.1 Diversificazione in attività non agricole Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 52 (a) (i) e 53 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 35 e punto 5.3.3.1.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1

6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6 Bollettino PSR 2014-2020 Pag. 1 6. Sviluppo delle imprese agricole e delle imprese SOTTOMISURA 6.1. SOSTEGNO ALL AVVIAMENTO DI IMPRESE PER I GIOVANI AGRICOLTORI Operazione 6.1.a - Incentivi per la costituzione

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE SITE NEI CENTRI URBANI PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE SITE NEI CENTRI URBANI PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE SITE NEI CENTRI URBANI PER L ACQUISTO E L INSTALLAZIONE DI SISTEMI DI SICUREZZA. Art. 1 - DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio

Dettagli

PSR Sicilia 2007-2013. Insediamento dei giovani agricoltori. Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

PSR Sicilia 2007-2013. Insediamento dei giovani agricoltori. Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli PSR Sicilia 2007-2013 2013 Misura Franklin 112 Gothic Pacchetto Demi Giovani 44 Insediamento dei giovani agricoltori Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli Premessa e Riferimenti

Dettagli

Istruzioni per la presentazione della domanda di ammissione alle Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395

Istruzioni per la presentazione della domanda di ammissione alle Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395 Istruzioni per la presentazione della domanda di ammissione alle Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395 MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La presentazione

Dettagli

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione.

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. CITTA DI OMEGNA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. (approvato con

Dettagli

LEGGE 488/92 1. QUESITI RELATIVI AI MEZZI PROPRI

LEGGE 488/92 1. QUESITI RELATIVI AI MEZZI PROPRI LEGGE 488/92 COMITATO TECNICO-CONSULTIVO PER L ESAME DELLE PROBLEMATICHE CONNESSE ALL ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI AL D.M. 527/95 UNDICESIMA RIUNIONE - 12 SETTEMBRE 1996 - RISPOSTE AI QUESITI 1.

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PRIVATI PER IMPIANTI ALIMENTATI A BIOMASSA

CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PRIVATI PER IMPIANTI ALIMENTATI A BIOMASSA CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PRIVATI PER IMPIANTI ALIMENTATI A BIOMASSA PREMESSA Premesso che lo sviluppo e la diffusione delle fonti energetiche rinnovabili, e tra queste anche le

Dettagli

FAQ. Automezzi. Cosa si intende per automezzi oggetto dell attività artigiana?

FAQ. Automezzi. Cosa si intende per automezzi oggetto dell attività artigiana? FAQ Automezzi Avvio degli investimenti Beni immobili Capitale proprio Contributo in conto interessi Cumulabilità Finanziamento agevolato Leasing Passaggio generazionale Spese agevolabili Automezzi Relativamente

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

Presenta domanda di FINANZIAMENTO AGEVOLATO ai sensi della L.R. n. 32 del 23/12/2000 art. 60 comma 1 punto 1

Presenta domanda di FINANZIAMENTO AGEVOLATO ai sensi della L.R. n. 32 del 23/12/2000 art. 60 comma 1 punto 1 tratto di finanziamento non può essere FONDO REGIONALE COMMERCIO Mod. n. 60.01 DOMANDA DI FINANZIAMENTO ai sensi della L.R. 23/12/2000 n. 32 art. 60 comma 1 punto 1 e succ. m. e i. AIUTI ALL INVESTIMENTO

Dettagli

COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI PIAZZA BRIGATA SASSARI UFFICIO TECNICO SETTORE URBANISTICO-MANUTENTIVO

COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI PIAZZA BRIGATA SASSARI UFFICIO TECNICO SETTORE URBANISTICO-MANUTENTIVO COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI PIAZZA BRIGATA SASSARI UFFICIO TECNICO SETTORE URBANISTICO-MANUTENTIVO TEL. 070 7449324 C.A.P. 09041 P.I. 01331060929 FAX 070 7449325 www.comune.dolianova.ca.it

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE

PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE MISURA 1.2.3 ACCRESCIMENTO DEL VALORE AGGIUNTO DEI PRODOTTI AGRICOLI E FORESTALI PRESENTAZIONE ISTANZE DI FINANZIAMENTO Alla domanda di aiuto, il soggetto richiedente

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITA FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO. Su carta intestata dell istituto bancario

ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITA FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO. Su carta intestata dell istituto bancario Allegato A ATTESTAZIONE BANCARIA SULLA SOSTENIBILITA FINAZIARIA DELL INVESTIMENTO Su carta intestata dell istituto bancario OGGETTO : Regione Puglia Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Bando pubblicato

Dettagli

INFORMATIVA IUC Imposta Municipale Propria (IMU) ACCONTO ANNO 2015 ACCONTO IMU 2015

INFORMATIVA IUC Imposta Municipale Propria (IMU) ACCONTO ANNO 2015 ACCONTO IMU 2015 INFORMATIVA IUC Imposta Municipale Propria (IMU) ACCONTO ANNO 2015 SOGGETTI IMU L imposta è dovuta dai PROPRIETARI e dai TITOLARI DI DIRITTI REALI (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie) per

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana. Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg. CE 1698/2005

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana. Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg. CE 1698/2005 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg. CE 1698/2005 TESTO COORDINATO DELLE DISPOSIZIONI ATTUATIVE - PARTE SPECIFICA - DELLA MISURA 112-PACCHETTO

Dettagli

ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE

ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE Criteri di Assegnazione dei Finanziamenti (Ai sensi della LEGGE REGIONALE N. 33 del 04.11.2002 artt. 101 e 103 e ai sensi del Regolamento (CE) N. 70/2001 della Comunità del

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO Servizi all Urbanistica, Ambiente, Lavori Pubblici Premessa Art. 1 Finalità Art. 2 - Interventi finanziabili

COMUNE DI CIGLIANO Servizi all Urbanistica, Ambiente, Lavori Pubblici Premessa Art. 1 Finalità Art. 2 - Interventi finanziabili BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DOMESTICI FOTOVOLTAICI E SOLARI TERMICI Premessa Per raggiungere le finalità dello sviluppo e della diffusione di fonti energetiche

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.2 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS AGLI INVESTIMENTI DELLE PICCOLE IMPRESE COMMERCIALI S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione,

Dettagli

Comune di Borgonovo Val Tidone Provincia di Piacenza

Comune di Borgonovo Val Tidone Provincia di Piacenza Comune di Borgonovo Val Tidone Provincia di Piacenza BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI E/O SOLARI TERMICI - 2010 Art.1 (Finalità) Il presente bando

Dettagli

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001.

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente regolamento viene

Dettagli

8. Aiuti concessi a imprese in difficoltà.

8. Aiuti concessi a imprese in difficoltà. Fondo di Rotazione BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI A SOSTEGNO DELLE P.M.I. DELLA PROVINCIA DI FERRARA Docup Obiettivo 2 1997/1999 misura 2.1 1. premessa SIPRO Agenzia Provinciale per

Dettagli

Piano di Azione Locale Appennino Modenese e Reggiano SINTESI DELL INTERVENTO A BANDO

Piano di Azione Locale Appennino Modenese e Reggiano SINTESI DELL INTERVENTO A BANDO SINTESI DELL INTERVENTO A BANDO AIUTI PER LO SVILUPPO DELLA PRIMA TRASFORMAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DIRETTA NELLE IMPRESE AGRICOLE Misura 411 -Azione 3. Attivazione con approccio Leader della Misura

Dettagli

Allegato A sottomisura 4.1 Supporto agli investimenti nelle aziende agricole, focus area 2.a.

Allegato A sottomisura 4.1 Supporto agli investimenti nelle aziende agricole, focus area 2.a. Allegato A sottomisura 4.1 Supporto agli investimenti nelle aziende agricole, focus area 2.a. Programma di sviluppo rurale 2014-2020 Bando a graduatoria per la presentazione di domande di sostegno semplificate

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 BENEFICIARI

ART. 1 FINALITA ART. 2 BENEFICIARI BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI ROTAZIONE PER LA CAPITALIZZAZIONE O LA RICAPITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER GLI INVESTIMENTI E IL CONSOLIDAMENTO DELLE

Dettagli