Gennaio Notiziario di informazione ai cittadini a cura dell Amministrazione Comunale di Belmonte Calabro (CS)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gennaio 2014. Notiziario di informazione ai cittadini a cura dell Amministrazione Comunale di Belmonte Calabro (CS)"

Transcript

1 Gennaio 2014 Notiziario di informazione ai cittadini a cura dell Amministrazione Comunale di Belmonte Calabro (CS)

2 Lettera del Sindaco Caro concittadino, nel rinnovare il ringraziamento della fiducia accordata, sento il dovere nei confronti di tutti i cittadini, di poterti informare sull operato amministrativo di questi due anni di gestione e su norme fiscali imposte dal Governo. Non nascondo l amarezza per le ristrettezze economiche imposte dai provvedimenti governativi che mettono a dura prova, gli amministratori dei comuni ed i cittadini tutti, in un periodo, forse, il più critico dal post dopo-guerra. Infatti l aumento della disoccupazione, la diminuzione del (PIL) prodotto interno lordo, la prespressione fiscale, la crescente necessità di garantire la ricchezza ambientale e l adeguamento alle norme della Comunità Europea, pesano sulle economie delle famiglie meno abbienti. Mi assumo responsabilità di commento nei confronti dei rappresentanti il Governo, di tutti gli schieramenti ideologici, per la mancanza di segnali di esempio e di pragmatica operosità nel risolvere problemi che attanagliano la nostra Italia. L opinione pubblica si aspetta: 1) La riduzione sensibile dei costi della politica ed il dimezzamento dei finanziamenti pubblici ai partiti con rendicontazione delle sole spese di informazione (il referendum che ha vinto continua essere disatteso); 2) Il dimezzamento del numero dei parlamentari e dei relativi stipendi; 3) La riduzione del costo del denaro (vedi elevato tasso interessi sui prestiti e anatocismo bancario); 4) Lotta all evasione fiscale e tassazione dei capitali portati all estero; 5) Eliminazione di Enti Superflui (Province Comunità Montane Enti Parchi Consorzi di bonifiche); 6) Seria riduzione di costi di operazioni militari (vedi decisioni sugli F-35 ecc.); 7) Seria programmazione per utilizzare i fondi della Comunità Europea (oggi si registra circa il 60% di quanto versiamo, in tutta Italia). 8) Rivedere l IMU (da eliminare per le prime abitazioni ed in base al reddito), rivedere sugli immobili realmente utilizzati, sulle seconde e/o più unità immobiliari di possidenti ad elevato reddito con verifiche scrupolose. 9) Evitare tassazioni di compenso all IMU ma ricorrere a risparmi tanto predicati e mai attuati. Pagina 2 Centro storico Lato Sud

3 Lettera del Sindaco Tuttavia bisogna avere il coraggio di agire, dire e fare, in prima persona, per correggere negligenze e migliorare la qualità di vita della società che siamo noi. Voglio formulare questo breve messaggio di informazione ed augurio per un futuro migliore, dicendo che sto dedicando quanto più possibile, con gli Amministratori tutti, tempo e modeste esperienze acquisite con onestà, per migliorare e promuovere sviluppo del nostro paese, di più non posso e non sono capace (tutti possiamo essere utili). Ringrazio le associazioni impegnate alla promozione del territorio comunale, alla Pro-loco, all Associazione del Volontariato Comunale, alle Forze dell Ordine ed al Parroco (impegnati alla serenità sociale), agli assessori e consiglieri tutti che hanno collaborato con operativa fermezza ed impegno (doti essenziali per svolgere compiti di etica amministrativa), ai dipendenti che dimostrano diligenza e solerzia, ai cittadini che concepiscono il Comune come una grande famiglia con le esigenze e priorità dei singoli componenti, senza trasgredire le leggi ed il vivere civile ma con grande senso di solidarietà. Mi scuso per eventuali sicuri contrattempi ma senza dimenticare gli impegni di programma nella priorità degli interventi e secondo possibilità dell Ente. Vi lascio al sommario delle azioni compiute ed alle informative di carattere generale, fiducioso che possiate considerare le difficoltà legate al difficile momento politico nazionale, esaminare errori, comprendere le necessità dei più bisognevoli e suggerire proposte di crescita democratica. Cordialità dall Amministrazione Comunale e dal Vostro umile Sindaco Ciccio BRUNO Pagina 3 Marina Lato Sud

4 Informazioni generali su Provvedimenti GOVERNATIVI che hanno ripercussioni dirette sui Comuni. 1) Il tributo relativo allo smaltimento rifiuti solidi urbani (spazzatura) ha subito un enorme cambiamento per essere diventato tassa TARES che prevede una percentuale del 0,30 euro/mq di tassazione governativa su tutte le superfici, anche se non sono assoggettate al servizio. 2) Le riduzioni dei trasferimenti Statali e la copertura totale dei costi dei servizi comportano ed obbligano i comuni a grandi sacrifici per gestire i servizi necessari ed indispensabili. 3) Gli standard delle piante organiche penalizzano fortemente i comuni con demografia decentrata in contrade per l elevato costo dei servizi. 4) I finanziamenti sono subordinati alla capacità del comune a disporre di quota parte percentuale (sono finiti i finanziamenti a totale carico di altri Enti). 5) Da far presente che tutte le procedure e i provvedimenti amministrativi, ivi comprese le riscossioni, restano assoggettate ai delegati di settore, al segretario comunale quale responsabile e super visore degli atti ed all On.le Procura della Corte dei Conti. 6) Tutti i ruoli relativi ai servizi idrico e RSU (rifiuti solidi urbani) sono stati comunicati fino all anno 2012, mentre la TARES è stata comunicata la rata di acconto ) I tributi non versati dai cittadini sono stati accertati e regolarmente notificati fino all anno ) L ammontare dei tributi non riscossi si aggira a circa ,00 euro (un milione trecentomila euro). 9) Le somme liquidate dal comune a soggetti creditori sono circa ,00 (settecentomila euro). 10)Il comune continua a registrare una situazione di cassa con prestito di circa ,00 (quattrocentonovantamila euro). Pagina 4 Marina Lato Nord

5 Conclusioni e deduzioni A) Comprendo le difficoltà di pochi a versare i tributi dovuti ma non l atteggiamento negligente di tanti che causano il ricorso a prestito pubblico o contestano per ritardare e sperare in sentenze di favore, pur restando assoggettati alle procedure coattive. B) Posso personalmente affermare che continuo a lavorare per non sperperare e risparmiare per rinsaldare lo stato economico del comune pur ricevendo critiche (anche legittime) ma Regastili sono misure indispensabili e dovute per la correttezza amministrativa. C) L altra misura necessaria può essere attuata solo dai cittadini con il versamento dei tributi non pagati, collaborando a non causare disservizi o sprechi che comportano spese (nell interesse sociale di tutti, solo così possiamo crescere e star meglio, solo così possiamo dare coraggio a futuri e corretti amministratori). Considerazioni Personali sulle necessità e responsabilità del Governo 1) Il Governo deve promuovere linee di programmi che diano esempio di risparmi, di produzione e di garanzie sociali per combattere la disoccupazione, migliorare la credibilità nazionale, assicurare stabilità e sviluppo economico. 2) Rivedere il sistema pensionistico al fine di favorire il pensionamento nelle varie categorie con l occupazione dei giovani. 3) Rivedere tutti gli stipendi e trattamenti di fine rapporto dei Dirigenti dello Stato ed Aziende a Partecipazione con stipendi definiti d oro superiori a centinaia di migliaia di euro, ma soprattutto quanti non hanno versato in rapporto alla retribuzione. 4) Rivedere tutti i provvedimenti che hanno ripercussioni dirette sui comuni e sui cittadini, in particolare quelli attesi dall opinione pubblica. 5) Urgente varo della Legge Elettorale con linee di indirizzo ai partiti per eliminare ogni presupposto di malaffare attraverso pessime scelte di candidature e garantire democrazia di scelta dei cittadini (anche nelle primarie ). 6) Revisione urgente del costo del denaro (anatocismo bancario) per l enorme percentuale imposta dalle banche sui prestiti che sono i più alti di tutti i paesi della Comunità Europea con controlli dello Stato, affinché non sia sempre lo Stato a sopperire alle negligenze bancarie per non dire altro. Pagina 5

6 Due anni di lavoro amministrativo Lavori completati o in fase di esecuzione: 1) Ripristino impianto di illuminazione (distrutto da Vandali) scalinata del Monumento a M. BIANCHI; 2) Realizzazione della strada interpoderale S. Barbara Campodimare; 3) Acquisto e recupero dei mulini situati lungo il decorso del Torrente Veri; 4) Realizzazione Rete Fognaria in località Piane e Petrone; 5) Realizzazione Rete Idrica Palombelli Spineto; 6) Realizzazione Rete Idrica Fontane Vecchie Oliveto Cafardo ; 7) Completamento locali seminterrati della struttura adibita a Mercato coperto; 8) Rifacimento Stazioni di Sollevamento rete fognaria Marina; 9) Realizzazione illuminazione Annunziata Soprana; 10) Rifacimento rete idrica c/o dal Serbatoio Annunziata Soprana con annessa rete di scarico; 11) Lavori di completamento dell area mercantile in località Marina; 12) Lavori di sistemazione del cimitero comunale; 13) Interventi di sostituzione di apparecchi illuminanti a basso consumo energetico in diverse aree del territorio comunale; 14) Lavori di ristrutturazione della Sede Comunale; 15) Chiesa Marina (appaltata da precedente Amm.ne); 16) Recupero dei mulini; 17) Lavori di dissesto idrogeologico (da prec.te Amm.ne); 18) Lavori di consolidamento via G. Ianni. Pagina 6

7 Lavori appaltati o in fase di appalto: 1) Intervento di valorizzazione e ripristino antico tracciato naturalistico la Via dei Mulini con area attrezzata di ,00 (Vedi articolo pag. 8); 2) Lavori di completamento opere di urbanizzazione nel territorio comunale di Belmonte Calabro di ,00; 3) Lavori di completamento della canalizzazione del vallone Cervella e relativa viabilità di ,00; 4) Lavori di ristrutturazione del campo di calcetto con struttura ricettiva annessa in località Cervella di ,00; 5) Lavori di Bonifica discarica sita in località S. Caterina di Belmonte Calabro di ,00; 6) Lavori di Bonifica discarica sita in località Manche di Belmonte Calabro di ,00; 7) Lavori di realizzazione isola ecologica ed interventi vari di ,00; 8) Intervento di salvaguardia della biodiversità orticola e cerealicola inerente il Pomodoro di Belmonte in via di estinzione ed il frumento duro Senatore Cappelli selezione locale in via di estinzione di ,00; 9) Lavori di adeguamento edificio scolastico istituto comprensivo in località Serra di ,00 (finanziamento gestito dal Dirigente Scolastico con il supporto dell Ufficio Tecnico Comunale); 10) Redazione di studi di microzonazione sismica nel rispetto delle norme emanate dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile di ,00. Pagina 7

8 Richiesta di finanziamento 1) Lavori di adeguamento sismico e strutturale centro di tutela ambientale con riqualificazione area castello e completamento ostello della gioventù nel comune di Belmonte Calabro di ,00; 2) Ristrutturazione e messa a norma dell impianto sportivo polivalente di calcetto, tennis, pallavolo e pallacanestro sito in località Cervella del comune di Belmonte Calabro di ,00; 3) Piano degli interventi per la riduzione del rischio erosione costiera sul litorale compreso tra S. Lucido e Belmonte Calabro dell importo complessivo per il comune di Belmonte Calabro di ,00; 4) Approvazione progetto di Primo imboschimento di superfici agricole di cui all Asse II Misura 221 del programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria di ,00; 5) Lavori di adeguamento sismico degli edifici scolastici adibiti alla scuole Primaria e dell Infanzia ubicate in località Ruccoli del comune di Belmonte Calabro di ,00; 6) Progettazione di isola ecologica per ingombranti e differenziata di ,00; 7) Richiesta di finanziamento per adeguamento edificio sede di Protezione Civile; 8) Progettazione (riproposta) per acquedotto Sipale Vecchie - Spineto ; 9) Richiesta relativa a finanziamenti sul consolidamento sismico; 10) Progettazione per piantumazione di abbellimento margini stradali; 11) Richiesta di finanziamento per viabilità Vadi-Greci per Monte Cocuzzo - bivio Mendicino - Cosenza (comuni associati: Belmonte C. - Lago - Mendicino). S. Barbara Pagina 8

9 Richiesta di finanziamento comprensoriale 1) Redazione studio di fattibilità sugli interventi straordinari nel settore fognario e depurativo tra i comuni di Amantea, Belmonte Calabro, Longobardi, Fiumefreddo Bruzio, Falconara Albanese, S.Lucido, S. Pietro in Amantea, Aiello Calabro, Cleto, Serra d Aiello, Nocera Terinese; 2) Partenariato di Progetto PAC del distretto socio assistenziale di Amantea per servizi in favore di persone non autosufficienti; 3) Partenariato di Progetto PAC del distretto socio assistenziale di Amantea per servizi di Cura per l Infanzia; 4) Approvazione del Piano fondi per la Pesca denominato GAC (Gruppo di Azione Costiera) che coinvolge i comuni del litorale da Amantea (capofila) a Fuscaldo di importo ,00 con sede operativa a Belmonte Calabro. Pagina 9 Vadi

10 Un obiettivo perseguito da anni che diventa realtà Essere decisi nelle scelte ma pazienti nel tempo rappresenta un binomio imprescindibile per un amministratore che intenda raggiungere un preciso risultato. Solo dopo essere arrivati alla meta si comprende il vero valore di quello che si è ottenuto ed il beneficio che ciò può apportare ad una piccola comunità come la nostra. Stiamo parlando di un intervento che per anni è stato oggetto di dibattito politico, di incontri, di iniziative e manifestazioni per farne apprezzare le incantevoli bellezze ambientali e altro ancora, purtroppo senza mai arrivare a qualcosa di definitivo. Finalmente, oggi siamo giunti alla meta e cioè quella di dare concreta attuazione a ciò che può rappresentare per Belmonte una occasione di sviluppo turistico e di attrattiva per i tanti amanti della natura e delle tradizioni popolari e non solo, ma anche opportunità di lavoro per i nostri giovani, intelligenti, capaci ed intraprendenti. Stiamo parlando del progetto dal titolo Intervento di valorizzazione e ripristino antico tracciato naturalistico la Via dei Mulini con area attrezzata, finanziato dalla Regione Calabria per un importo di ,00 all interno dei Progetti Integrati per lo Sviluppo Locale (PISL) del POR Calabria Pagina 10

11 Il progetto prevede due moduli collegati tra loro. Il primo modulo comprende un area di oltre mq situata in località Grada dei Monaci che verrà attrezzata a parco gioco per i bambini e ragazzi, all interno della quale sono previste: una pista per velodromo e pattinaggio a rotelle; una pista per skateboard munita di diverse rampe; un campo di bocce regolamentare per campionati nazionali; un campo per il tennis, pallavolo e pallacanestro regolamentare; una struttura ricettiva bar-cucina-pizzeria con annessi servizi igienici; n. 10 box in legno distribuiti all interno dell area per manifestazioni fieristiche; una struttura con annesso forno a legna per la preparazione del pane casareccio da mostrare e far gustare ai visitatori. Comunque, la parte caratterizzante di tutta l area è rappresentata dalla presenza di un mulino che sarà portato al suo antico splendore attraverso il ripristino di tutta l attrezzatura per la molitura delle granaglie e il recupero del canale per il convogliamento delle acque utilizzate al fine di mettere in funzione il meccanismo di molitura. Il secondo modulo riguarda un tracciato naturalistico di antica memoria che segue il fiume Veri, lungo il quale sono ubicati cinque mulini che saranno anch essi ripristinati fino ad arrivare in località Polibio. Inoltre sono previste delle aree di sosta attrezzate con servizi igienici per la sosta dei visitatori durante le escursioni. Questo percorso è già oggetto, per la sua naturale bellezza, di visite guidate che vengono organizzate dal WWF_Ceam e dall associazione Living Nature. Tutti coloro che hanno avuto la possibilità di percorrere questo sentiero sono rimasti estasiati per la particolarità del tracciato e per la vegetazione autoctona presente. Certamente l amministrazione comunale intende andare oltre il progetto approvato, ovvero di far diventare tutta l area, che va dalla foce del Veri fino alle falde del M. Cocuzzo, il <Parco del Veri> attraverso il riconoscimento da parte della Regione Calabria e l inserimento tra le aree protette e di alto pregio ambientale. Nulla è impossibile, perciò saremo decisi nel perseguire gli obiettivi da raggiungere, pazienti nel saper attendere ma, nel contempo, ambiziosi nel preservare alle giovani generazioni un territorio ricco di storia della tradizione contadina, un ambiente ricco di una vegetazione autoctona variegata con luoghi incantevoli da vivere. Giuseppe Bruno Pagina 11

12 Pratiche Amministrative 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) 10) 11) 12) 13) 14) 15) 16) 17) 18) 19) 20) 21) 22) Accatastamento Edifici Comunali, Strade, Patrimonio del Comune (in corso di definizione); Convenzione aree ANAS; Convenzione con RFI per sottopassi e procedure di eventuale acquisto reliquati RFI (ferrovie); Autorizzazioni Provinciali definitive agli scarichi; Analisi periodica delle acque; Censimento aree colpite da incendi; Procedure Piani di Sviluppo con progettazione; Continuazione procedure di sondaggi per bonifica discariche (Manche e S. Caterina); Procedure accorpamento edif. Scolastico Marina; Procedure per l utilizzo in rete sorgiva Fontane Vecchie ; Pratica di programma per servizio Civile; Progettazione Utilizzo Lavoratori percettori di Ammortizzatori Sociali; Procedure e Convenzione per l utilizzo Palatenda in loc.tà Marina; Procedure di Mappatura reti idriche sul territorio; Mappatura delle reti fognarie del territorio comunale; Procedure per interventi strutturali di miglioramento sismico sul territorio per (edifici privati); Procedure di revisione zonale del territorio per il piano strutturale comprensoriale (urbanistica); Procedure per il nullaosta Idraulico per il depuratore Spineto, procedure alternative; Procedure per l assegnazione definitiva degli alloggi popolari; Procedure per il risparmio Energetico (POR FESR 2007/2013); Procedure per interventi urgenti in zone demaniali; Pratiche per richiesta interventi di consolidamento sul territorio comunale e legittime richieste di privati; Pagina 12 Spineto

13 Pratiche Amministrative 23) Procedure e provvedimenti in ordine a sicurezza di strade provinciali; 24) Procedure in ordine all appropriazione mezzi (camion lava cassonetti) della società Appennino Paolano SPA in liquidazione Commissariale; 25) Iniziative per regolamentazione passi e/o accessi dalle strade provinciali, in corso; 26) Procedure di rateizzazione situazioni di pagamenti; 27) Procedure di anticipazione di cassa L. 35/2013 per debiti ad imprese ed Enti; 28) Procedure per la riscossione tributi pregressi e/o insoluti; 29) Pratiche di sanzioni e contenziosi pregressi e correnti da Enti sovra comunali e soggetti di riscossioni; 30) Procedure e regolamenti per contenziosi con privati cittadini; 31) Procedure di solleciti in ordine al settore urbanistico, opere di urbanizzazione, zone di lottizzazione, servizi, recupero crediti; 32) Procedure ed interventi per lo spreco acqua potabile e recupero crediti del settore; 33) Iniziative inerenti il monitoraggio elettronico del consumo idrico con annessa numerazione civica; 34) Procedure di funzioni associate tra comuni (Catasto Servizi Sociali Protezione Civile); 35) Procedure per piano di sicurezza e medico competente; 36) Procedure di acquisizione del monumento a M. BIANCHI dal Demanio Statale al Comune. Pagina 13 Annunziata

14 Lavori manutentivi ed iniziative con enti sovracomunali 1) Lavori di ripristino e di interruzioni casuali e fortuite di reti idriche, fognarie e di pubblica illuminazione, in tutte le località e frazioni; 2) Regimentazione acque meteoriche, pulizia di cunette e tombini (Palombelli, Sellina, Annunziata alta, S. Pietro di S. Barbara, Pineta, Parte, Oliveto campo sportivo, Bude Ratti Migliuri, Pezzalonga, Marina, lungo accesso sollevamento fognario 2, ecc.); 3) Interventi e richieste ad Enti (regimentazione acque lungo strada Prov.le Annunziata, Calella, via C. Alvaro, quattro pali, Parrera, alveo del Veri in più punti, ecc.); 4) Rimozione frane (Bude, Campanari, Vadi Parte, Salice); 5) Pulizia e ristrutturazione serbatoi comunali (operai comunali, soggetti riferiti ad ammortizzatori sociali, volontariato com.le); 6) Lavori di miglioramento Teatro all aperto ed annessa area edificio scolastico; 7) Potatura piante di viali a parchi con recisione piante sporgenti sui margini stradali; 8) Smaltimento di circa 40 tonnellate ingombranti in loc.tà Veri; 9) Lavori di miglioramento campo sportivo (operai com.li e volontari della Calcio Belmonte ); 10) Rifacimento stazione di sollevamento fognario (Veri) ed adeguamento delle altre; 11) Riadeguamento impiantistica e cloratori dei depuratori di Vadi e S. Barbara; 12) Manutenzione pozzetti e reti fognarie (in particolare lungo Colle Bastia); 13) Rifacimento collegamento fognario edificio scolastico comprensivo; 14) Rifacimento nuovo impianto caldaia edificio scolastico Marina e allaccio metano; 15) Allaccio metano edificio scolastico comprensivo località Serra; 16) Canalone regimentazione acque in loc.tà Campanari; 17) Richiesta utilizzazione soggetti disoccupati percettori di ammortizzatori sociali (anno 2012 realizzato) e (anno 2013 richiesto); 18) Progettazione per piantumazione di abbellimento margini stradali; 19) Progettazione rimodulata per reti fognarie zone carenti (Campodimare Pezzalonga Sellina Canale Cava Campo Piane S. Barbara); 20) Richiesta interventi di tutela e ripascimento della Costa (salvaguardia dell arenile). Pagina 14 Calella

15 Elettrificazione ed iniziative 1) Revisione situazione debitoria delle varie società di rapporti contrattuali ; 2) Revisione del piano di illuminazione pubblica con estensione di punti luce con zone sprovviste; 3) Planimetrie e mappe operative della pubblica illuminazione sul territorio. 4) Ricerca di mercato per nuove contrattualità a risparmio energetico; 5) Predisposizioni per fotovoltaico edifici comunali in corso. Petrone Parco Mezzi 1) 2) 3) 4) 5) Riadeguamento e manutenzione compattatore in dotazione; Acquisto di n. 3 auto usate per il servizio di vigilanza, per i servizi manutentivi e per il servizio idrico; Acquisto nuovo Compattatore per la Raccolta dei rifiuti solidi urbani; Acquisto di mini escavatore per manutenzione del patrimonio comunale; Acquisizione (gratuita) di n 2 camion lava cassonetti in compartecipazione con i comuni di S. Pietro in Amantea ed Amantea; 6) Lavori di manutenzione scuola bus in dotazione, motoscala, pala meccanica e camion. Pagina 15 Palombelli

16 Riparazioni reti idriche comunali L Amministrazione è impegnata quotidianamente in azioni mirate alla verifica e alla riparazione di perdite idriche al fine di contenere i costi relativi alla fornitura di acqua potabile da parte della Sorical (oltre ,00 annui). A tal riguardo si sta lavorando: 1) alla captazione della sorgente in località Sipale vecchie; 2) al recupero e sistemazione della sorgente Fontane vecchie; 3) alla individuazione di eventuali allacci abusivi. Piane Inoltre sono state effettuate le seguenti riparazioni: Riparazione rete idrica Campo Palombelli; 2) S. Barbara Bassa; 3) Salice Spineto; 4) S.Barbara soprana; 5) lungomare nord; 6) Vadi Parte; 7) Sellina Campo; 8) Serra via C. Alvaro; 9) Annunziata; 10) Spineto ( vicino case Veltri P.); 11) S. Barbara alta; 12) Cava Campo; 13) Calella; 14) Serbatoio Cava; 15) Vadi Cozzo pascali; 16) Serra (doppio guasto); 17) Spineto (case Metallo); 18) S. Barbara ( case OSSO); 19) Regastili; 20) Lungomare ( 2 guasto); 21) Oliveto; 22) Centro storico; 23) Cuoco Regastili; 24) Serra Annunziata; 25) Bude; 26) Sellina Campo (2 guasto); 27) Bude Piane. Tutti questi interventi hanno contribuito ad una consistente riduzione del consumo di acqua potabile su tutto il territorio comunale di oltre mc. nel solo anno Questo continuo sforzo permetterà di risparmiare per l anno 2013 oltre ,00. Pagina 16 Via Corrado Alvaro

17 Redazione di Regolamenti e Nomine relative Commissioni 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) 10) 11) 12) 13) 14) 15) 16) 17) 18) 19) 20) 21) 22) 23) 24) 25) Regolamento di Polizia Urbana; Regolamento Comunale per l esecuzione dei Lavori in Economia; Regolamento Comunale per Raccolta e Smaltimento Ingombranti; Regolamento Comunale Per il Volontariato; Regolamento Comunale per l assegnazione Borse di Studio Legato Pietro VELTRI ; Regolamento Comunale dei Servizi Funerari, Cimiteriali e di Polizia Mortuaria; Regolamento Comunale per La Toponomastica e La Numerazione Civica; Regolamento Comunale per la Disciplina della responsabilità Civile e Richieste di Risarcimento danni verso Terzi; Regolamento Comunale per Raccolta dati, Materiale, Attrezzi per il Museo di Storia e Tradizioni; Regolamento Comunale per l Erogazione di Interventi Assistenziali Economici a Soggetti Singoli o/a famiglie in stato di Bisogno; Regolamento Comunale per l Acquisizione di Beni e Servizi in Economia; Regolamento Comunale del Servizio Idrico Integrato con Annesso Servizio Fognatura; Regolamento Comunale del Centro di Aggregazione Sociale Anziani; Regolamento Comunale per le Concessioni di Finanziamenti e Benefici Economici ad Enti e Soggetti Privati; Regolamento Comunale sui Controlli Interni; Regolamento Comunale per il Servizio Navetta Sul Territorio Comunale ; Regolamento Comunale per la Consulta Giovanile; Regolamento Comunale per il Servizio di Trasporto Scolastico; Regolamento Comunale per l Applicazione dell Imposta sulla Pubblicità; Regolamento Comunale per la Disciplina dell Imposta Municipale Propria; Regolamento Comunale per la formazione di Banda Musicale Città di Belmonte calabro ; Regolamento Comunale per la Istituzione e l Applicazione del Canone per l Occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche; Regolamento Comunale per la Disciplina delle Entrate Comunali ; Regolamento Comunale di Contabilità; Regolamento Comunale sull Ordinamento degli Uffici e dei Servizi. Pagina 17 Cava

18 Cultura e Settore Scuola 1) Revisione Regolamento Legato Pietro VELTRI per l assegnazione borse di studio a studenti universitari; 2) Compimento procedure per il miglior frutto dei depositi Legato Pietro Veltri ; 3) Svolgimento borse di studio degli anni e (in corso ); 4) Sostegno manifestazioni culturali, teatrali e premi letterari; 5) Finanziamento Progetto Scoperte nell orto di formazione sulla coltivazione; 6) Servizio trasporto per gite formative presso scuole, Enti e ditte di settori; 7) Pitturazione interna degli edifici bisognevoli con manutenzione esterna; 8) Spese di gestione di competenza comunale; 9) Trasporto Scuola-Bus e relativi consumi con annesso servizio mensa. Campo di mare Alcuni Adempimenti Amministrativi 1) Redazione dei Bilanci annuali triennali con piani opere pubbliche; 2) Conti consuntivi annuali con equilibri ed assestamenti di Bilancio; 3) Riscontri alla Procura della Corte dei Conti; 4) Piani di sviluppo, rateizzazione e recupero crediti; 5) Adempimenti dovuti e procedure atte ad evitare dissesti e garantire lo stato di salute economica dell Ente; 6) Piano e corso relativo alla Legge sulla Privacy; 7) Revisione pianta Organica e successivi ruoli, in corso di attivazione. Salice Pagina 18

19 Consigli per il cittadino 1) Partecipare con maggiore interesse alla vita amministrativa del paese. 2) Contribuire a mantenere pulite le strade comunali lungo i confini di proprietà. 3) Contribuire con cura allo smaltimento rifiuti solidi urbani secondo norme, senza riempire i cassonetti di qualsiasi materiale (vietato smaltire nei cassonetti sia gli inerti che gli ingombranti). 4) Osservare norme di civile convivenza ed i regolamenti comunali redatti. 5) Attivare ogni sforzo per assicurare il pagamento dei tributi dovuti (vi sono mancate entrate che non consentono il normale stato di salute economica del comune. Se tutti paghiamo i servizi e stiamo attenti a non maggiorare costi, tutti risparmieremo e pagheremo di meno). 6) Stare attenti alle comunicazioni di tributi accertati, non solo per i pagamenti ma anche per controllare eventuali discordanze. Dopo le notifiche, specialmente da parte dell Equitalia non si può intervenire. 7) Comprendere le necessità dei più bisognevoli e tollerare l eventuale imprudenza del vicino. 8) Dare esempio di diligenza richiamando con garbo le negligenze altrui. 9) Non pretendere l impossibile che può arrecare fastidio e/o danno agli altri. 10) Fare buon uso dell acqua potabile, assicurandone ogni pagamento (il comune acquista circa metri cubi d acqua all anno e si potrebbe consumare di meno). 11) Avere sempre cura delle strutture comunali e non pretendere vantaggi privati a spese del pubblico. 12) Produrre idee e suggerire proposte di sviluppo, dopo debita informazione, sulla possibilità reale del comune e sul Programma Amministrativo, evitando critiche maldestre che ingenerano dubbi e/o diffamazioni e dissapori, ma soprattutto minano l immagine del paese (spesso le critiche infondate provengono da persone senza titolo). 13) L invito ai giovani di partecipare a riunioni culturali e amministrative per consapevolezze necessarie a future gestioni (il sottoscritto è disponibile ad informazioni, tutti i martedì di ogni fine mese alle ore 15,00). 14) Segnalare sprechi evidenti e reali causa di disservizio, su qualsiasi settore. 15) Collaboriamo Tutti per il meglio, così saremo il sano orgoglio del paese e di chi lo amministra. Pagina 19

20 il Sindaco ringrazia gli amministratori, anche di minoranza che hanno dimostrato costruttività nel rispetto dei ruoli, i dipendenti, le forze dell ordine, le associazioni che hanno operato e che lavoreranno per migliorare le condizioni del paese, ma soprattutto i cittadini che collaborano col loro lavoro comprendendo le esigenze pubbliche e manifestando un alto senso di solidarietà. CON ASSIDUA CORDIALITÀ CICCIO BRUNO Notiziario di informazione ai cittadini a cura dell Amministrazione Comunale di Belmonte Calabro. Comune di Belmonte Calabro - Via Michele Bianchi n Belmonte Calabro (CS) Contatti: Centralino: Fax: Posta elettronica:

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO SCHEDA : PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 0/05 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI ARCO TEMPORALE DI VALIDITÀ DEL PROGRAMMA TIPOLOGIE RISORSE Disponibilità finanziaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI

STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI ALLEGATO A STRUTTURA BUROCRATICA DEL COMUNE DI CASTELTERMINI SEGRETARIO GENERALE Individuazione aree/p.o. e ripartizione dei servizi AREA - POSIZIONE ORGANIZZATIVA N.1 1) Servizio affari generali, servizio

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli