Agricoltura e cambiamento climatico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agricoltura e cambiamento climatico"

Transcript

1 DOSSIER Agricoltura e cambiamento climatico Dossier a cura del SERVIZIO IDROMETEO - ARPA EMILIA-ROMAGNA Foto Fotolia 29

2 DOSSIER/AGRICOLTURA E CAMBIAMENTO CLIMATICO Impariamo a difenderci dal riscaldamento globale CARLO CACCIAMANI Arpa Emilia-Romagna, Servizio Idrometeorologico Le intense e protratte anomalie climatiche verificatesi nel corso dell'ultimo decennio hanno ormai quasi unanimemente indotto la comunità scientifica ad ammettere l'esistenza di una modificazione del clima osservato, dovuta alle attività umane.durante l'ultimo secolo l'uomo ha provocato un profondo mutamento nella composizione dell'atmosfera terrestre per quanto riguarda sostanze chimiche che,se pur presenti in quantità molto ridotte, contribuiscono in modo sostanziale alla determinazione dell equilibrio energetico del nostro pianeta. Variazioni anche piccole nelle concentrazioni dei cosiddetti gas serra possono infatti modificare gli scambi di energia radiante tra il sole, la Terra e lo spazio e l'equilibrio complessivo del sistema climatico terrestre sia a livello globale, che a livello regionale. Graf. 1 - Scostamento delle temperature massime (medie annuali) calcolato su 30 stazioni termometriche dell Emilia-Romagna nel periodo Il periodo di riferimento per il calcolo è quello internazionale Gradi centigradi IL RAPPORTO IPCC 2007 Dal IV rapporto pubblicato per l Onu dal primo gruppo di lavoro dell Ipcc (Gruppo intergovernativo per lo studio dei cambiamenti del clima,www.ipcc.ch) emergono per l intero Pianeta alcune conclusioni che possono essere così riassunte: l insieme crescente delle osservazioni disponibili presenta l immagine di un mondo in via di generale riscaldamento (global warming), con rilevanti evidenze di cambiamenti nel sistema climatico; le emissioni di gas serra ed aerosol dovute alle attività umane continuano ad alterare l atmosfera e ad influire sul clima; nuove e più stringenti prove confermano che il riscaldamento osservato negli ultimi 50 anni si può attribuire alle attività umane; l uomo continuerà a modificare la composizione atmosferica per tutto il XXI secolo; tutti gli scenari esaminati conducono ad un futuro stato del nostro pianeta caratterizzato da un aumento globale delle temperature e del livello dei mari; il cambiamento climatico dovuto all attività umana persisterà per molti secoli; anche adottando interventi di mitigazione per limitare il riscaldamento globale al di sotto dei 2 C rispetto al periodo pre-industriale, dovranno essere comunque fronteggiati gli impatti dovuti al cambiamento climatico già in atto. IL QUADRO IN EMILIA-ROMAGNA I mutamenti climatici sono riscontrabili anche su scala locale: ad esempio in Emilia-Romagna si notano dei chiari segni di cambiamento sia per quanto concerne le temperature, sia per le piogge. Le temperature massime (vedi graf. 1) mostrano un evidente impennata dall inizio degli anni 80 sino ad oggi, con una crescita dell ordine di quasi 2 C in poco più di 40 anni (circa 0,5 C in più ogni 10 anni). Tale incremento è osservabile in tutte le stagioni. In particolare durante la stagione estiva si osservano valori di temperature massime sempre superiori ai dati di riferimento climatici. Per quanto concerne le precipitazioni (graf. 2) si nota una generale tendenza negativa che in realtà sembra essere dovuta, più che ad una graduale e costante diminuzione delle piogge in tutto il periodo, ad una diminuzione repentina del valor medio della distribuzione, avvenuta all inizio degli anni 80; è infatti abbastanza evidente come il tipico andamento altalenante che caratterizza la variabilità interannuale si sia spostato al di sotto dei valori della media climatica trentennale (calcolata nel periodo di riferimento ) a partire dall inizio degli anni Ottanta. Per quanto riguarda lo studio degli scenari futuri, i modelli globali sono il principale strumento a dispo- 30

3 sizione della comunità scientifica che hanno permesso di formulare le ipotesi di cambiamento climatico sopra riportate. Per spingersi alla scala regionale è necessario però fare un ulteriore passo, che consiste nell applicare delle tecniche di regionalizzazione di tipo dinamico/statistico, che permettono di definire degli scenari di cambiamento alla scala continentale ed inferiore (nazionale e regionale). Tali tecniche di regionalizzazione si basano sia su approcci di tipo statistico, sia su metodi di tipo deterministico. Arpa è attiva nello studio di queste ultime problematiche attraverso il proprio Servizio Idrometeorologico e le ha affrontate anche all interno di diversi progetti finanziati dalla Ue (ed esempio i progetti Stardex ed Ensembles). Per citare alcuni risultati già disponibili, nel grafico 3 a pag. 32 è raffigurato uno scenario di cambiamento delle temperature massime in Emilia-Romagna riferito al trentennio Si può notare come sia ben evidente una modifica rilevante, che mostra un aumento dell anomalia (nel valore mediano) di circa 5 C nella stagione estiva ed un po inferiore nelle altre stagioni. Le modifiche del clima brevemente descritte sopra, che interesseranno anche la scala locale, produrranno degli impatti sull uomo e sull ambiente in cui vive in modo diretto ed indiretto, interagendo con l intero sistema sociale ed economico. Le vulnerabilità associate ai molti sistemi suscettibili al cambiamento climatico riguardano la risorsa idrica, gli ecosistemi, le aree costiere, l approvvigionamento di cibo, l industria e la capacità produttiva, l agricoltura e la salute. Tale vulnerabilità, non solo dell ambiente e del territorio, ma anche delle attività e dei sistemi socio-economici, sta aumentando in tutto il mondo ed è estremizzata dalla presenza di altri fattori di stress. L IMPATTO NELL AREA DEL MEDITERRANEO Possiamo riassumere in alcuni punti gli impatti più rilevanti che il riscaldamento globale potrà determinare sull area del Mediterraneo, dove sono geograficamente localizzati il nostro Paese e l Emilia- Romagna: la maggior frequenza di episodi di precipitazione intensa avrà un impatto molto grande nell area mediterranea, aumentando il rischio idrogeologico-idraulico in aree già molto esposte. In parallelo, il ripetersi di più frequenti eventi di precipitazione intensa, alternati a lunghi periodi di siccità, potrà alterare il ciclo idrologico e creare seri problemi di disponibilità della risorsa idrica; Graf. 2 - Andamento delle anomalie di precipitazione annuale in Emilia-Romagna. Media regionale calcolata su circa 100 stazioni pluviometriche nel periodo l innalzamento del livello del mare e gli aumentati eventi di invasione marina delle aree costiere pianeggianti potranno accelerare l erosione delle coste e aumentare la salinità negli estuari e nei delta, a causa dell ingresso del cuneo salino; l aumento delle temperature e la diminuzione delle piogge potrà far estendere la durata dei periodi di siccità di molti mesi, soprattutto se questi periodi coincidono con i semestri caldi (evapotraspirazione molto alta e aridificazione acuta); l aumento delle temperature medie ed estreme potrà determinare un aumentata frequenza e durata delle ondate di calore. LE AZIONI DI ADATTAMENTO Considerate queste premesse, sarà sempre più strategico definire, oltre alle politiche di mitigazione che conducono ad una riduzione delle emissioni di gas serra, anche decise e razionali azioni di adattamento al cambiamento climatico, che siano orientate a limitare i danni potenziali delle conseguenze di tale cambiamento e a sfruttarne le opportunità. Le azioni di adattamento servono infatti ad ostacolare gli effetti del mutamento del clima, puntando a ridurre il rischio e i danni derivanti dagli impatti negativi (presenti e futuri) del fenomeno in maniera efficace anche dal punto di vista economico. Molti impatti del cambiamento climatico possono essere affrontati efficacemente attraverso l adattamento, in particolare gli impatti a breve termine, mentre all aumentare dell entità del cambiamento le opzioni efficaci diminuiscono ed i costi associati aumentano. Le conoscenze attuali consentono già la selezione di azioni di adattamento preventivo, che hanno costi limitati e non minacciano sistemi socia- 31

4 DOSSIER/AGRICOLTURA E CAMBIAMENTO CLIMATICO Graf. 3 - Scenario di cambiamento delle temperature massime per l'intera Emilia - Romagna e per le varie stagioni*. Temperatura (ºC) inverno primavera estate autunno *Lo scenario è rappresentato come differenza tra il clima futuro (anni ) e quello del trentennio La tecnica di regionalizzazione è applicata su ognuna delle stazioni meteorologiche dell'emilia - Romagna (una trentina) e i risultati vengono raffigurati in diagrammi che evidenziano la variabilità. Il quadratino rappresenta la mediana del cambiamento, che non è molto diversa dal valor medio areale sull'intera regione. All'interno dei rettangoli ricade l'80% delle stazioni meteo regionali, mentre le linee colorate in verde rappresentano i valori minimo e massimo. li e settori economici, rispetto all adozione di forme di adattamento di tipo reattivo, cioè applicate a seguito di frequenti crisi e disastri. Tuttavia tali opzioni sono attualmente applicate in modo limitato ed estemporaneo. Tra le misure di adattamento, vi sono quelle di tipo infrastrutturale e tecnologico, caratterizzate da tempi di realizzazione spesso lunghi e da investimenti maggiori, la cui sostenibilità deve essere dimostrata sulla base dei costi stimati del non-agire, in un contesto di conoscenze che presenta margini di incertezza tanto più elevati quanto più gli scenari di cambiamento sono a lungo termine. Poiché il dimensionamento dell impatto è importante per definire le priorità ed indirizzare di conseguenza gli interventi, l applicazione di queste misure, se non fortemente sostenute da politiche ambientali o sanitarie, potrebbe essere limitata. Le misure di adattamento moderato di tipo nonstrutturale sono invece basate su sistemi di ottimizzazione della gestione delle risorse, di prevenzione dei rischi e di adozione di buone pratiche in tutti i campi di attività dell uomo come, ad esempio, la gestione della risorsa idrica orientata ad un uso ottimale e conservativo; la variazione delle rotazioni delle colture e delle date di semina e l'uso di colture meno idroesigenti; i sistemi di preannuncio dei rischi che consentono l adozione di misure preventive; la sensibilizzazione della popolazione finalizzata all adozione di stili di vita consapevoli degli effetti del cambiamento climatico ed orientati a contrastarlo. I costi di queste forme di adattamento sono spesso trascurabili rispetto a quelli derivanti dalla mancata applicazione e sono già inclusi nei costi dell evoluzione socio-economica in quanto, rispondendo a necessità di tipo locale, implicano benefici ambientali complessivi e creano importanti sinergie con le politiche di sostenibilità ambientale. Queste forme di adattamento, se da un lato sono più facilmente realizzabili, richiedono però la formazione di un contesto sociale e culturale permeabile e pro-attivo, insieme ad una capacità di governo coordinata a tutti i livelli. L Autore è in grado di fornire tutti i necessari riferimenti bibliografici. Si ringrazia Rodica Tomozeiu per la gentile collaborazione. Foto Fotolia 32

5 La mappa del rischio: un indagine nazionale Durante la scorsa estate,in preparazione della Conferenza nazionale sui cambiamenti climatici tenutasi a Roma il settembre 2007, l Aiam (Associazione italiana di agrometeorologia) ha realizzato un indagine tra i propri associati, destinata ad appurare quale fosse tra gli agrometeorologi operanti in Italia la percezione e la conoscenza sui segnali più evidenti di cambiamento climatico, sugli impatti visibili del cambiamento sull agricoltura e, infine, sulle azioni di contrasto e adattamento in corso o previste. Il materiale pervenuto è stato utilizzato anche per una relazione alla Conferenza di Roma (consultabile sul sito Riteniamo utile darne qui conto con maggiore dettaglio, dato che diciotto persone di dodici diverse regioni italiane hanno risposto all indagine, fornendo indicazioni riguardanti un campione rappresentativo dell intero territorio nazionale. Il documento completo con i risultati dell indagine è disponibile sul sito dell Aiam (www.agrometeorologia.it). LE CONSEGUENZE IN ITALIA Ecco, in rapida sintesi, le principali risposte fornite dagli agrometeorologi interpellati ai tre quesiti sopra illustrati: aumento delle temperature medie, con segnalazione di specifici studi (Puglia); nuovi record delle temperature massime,con segnalazione dalla Sicilia di "eventi sciroccali" più frequenti, in tutti i periodi dell'anno, con temperature massime oltre 40 C in estate, durata di questi eventi spesso più lunga che in passato, mediamente 4-5 giorni. Dalla Calabria notizie di temperature massime anche di 46 C; abbassamento delle falde ipodermiche di circa 25 centimetri nei 25 anni di monitoraggio alla stazione di Cadriano, nella pianura bolognese; diminuzione del numero di giorni di pioggia e maggiore intensità delle piogge, con segnalazioni da Lombardia, Toscana e Basilicata; variazione della distribuzione stagionale delle piogge; interessante la segnalazione dal Friuli che il mese di giugno, un tempo caratterizzato da elevato numero di giorni di pioggia, ha ora assunto carattere prettamente estivo; incremento della durata e intensità dei periodi aridi, segnalata da Marche, Abruzzo e Toscana; aumento del deficit idroclimatico (precipitazioni-evapotraspirazione potenziale), segnalato dal Veneto. L IMPATTO SULL AGRICOLTURA Modificazione dei ritmi stagionali sull olivo in Calabria e sul mais in Lombardia; aumento delle necessità irrigue, segnalato in particolare sulla vite (Friuli) e sul mais (Lombardia); difficoltà di approvvigionamento idrico (Lombardia, Marche); abbandono di coltivi irrigui in favore di quelli seccagni (Lombardia e Marche); VITTORIO MARLETTO Arpa Emilia-Romagna e Presidente Aiam DOMENICO VENTO Direttore CRA-Cma, Roma Foto Fotolia 33

6 DOSSIER/AGRICOLTURA E CAMBIAMENTO CLIMATICO distruzione di vaste aree verdi percorse da incendi (Sicilia); anticipo di semine e raccolte e dello sviluppo fenologico in generale (due settimane almeno); effetti negativi qualitativi e quantitativi dello stress da caldo (sul vino in Trentino e in Abruzzo, sulla frutta in Calabria, sull ortofrutta in Romagna); diminuzione della sostanza organica dei terreni e aumento dei nitrati in falda a causa del maggiore dilavamento meteorico (Basilicata e Calabria). LE STRATEGIE DI ADATTAMENTO Maggiore impiego dell irrigazione, con tecniche di risparmio idrico (bilanci idrici, abbandono dell aspersione), segnalazioni dalle Marche,Veneto, Basilicata; scelta di materiale genetico più adatto alle nuove condizioni climatiche (Toscana, Emilia-Romagna); nuovo interesse per portinnesti rustici (Marche, Puglia); scelta di coltivazioni meno idroesigenti (Veneto); migliore selezione delle zone di impianto (Puglia); adozione di piani e tavoli di gestione della siccità (Friuli, Emilia-Romagna, Lombardia); introduzione di colture a ciclo autunno-primaverile (Calabria); aumento dell informazione tecnica per l agricoltura (Veneto, Basilicata, Abruzzo). Come si desume da questa succinta esposizione, è senz altro possibile concludere che il cambiamento climatico sta già influenzando l agricoltura del nostro Paese e che in molti casi sono presenti reazioni di adattamento sia a livello di singola azienda agricole, che istituzionale. È indubbio che il nuovo programma nazionale specifico di ricerca finalizzata Agro Scenari, previsto in realizzazione tra quest anno e il 2013 su finanziamento del Mipaaf, non potrà che partire da questa situazione per cercare di dare risposte organiche e scientifiche a molte delle questioni ancora aperte sulla migliore strategia di adattamento agricolo alle nuove condizioni climatiche già visibili e a quelle attese per i prossimi decenni. Gli autori ringraziano gli agrometeorologi che hanno voluto contribuire all indagine, in particolare i colleghi e colleghe Acutis, Botarelli, Caterisano, Chiaudani, Craveri, Di Lena, Eccel, Lobianco, Marani, Marchegiani, Niccolai, Orlandini, Pasqualoni, Pastore, Pratizzoli, Rossi Pisa, Scalcione, Stanca, Stel, Ventura. Foto Fotolia 34

7 Gli effetti sulle colture e le strategie di adattamento In Emilia-Romagna per il periodo si prevedono temperature più elevate, precipitazioni più concentrate ed un aumento dell'intensità e durata degli episodi estremi di caldo e siccità. Il cambiamento sarà progressivo ed e già verificabile nelle analisi dei dati e degli eventi estremi. Per esempio le anomalie climatiche del 2003 e del hanno evidenziato quali potrebbero essere le condizioni meteorologiche abituali nei prossimi anni, con livelli di evapotraspirazione e di deficit idrico finora considerati impossibili. Gli impatti sulle produzioni agricole sono stati particolarmente intensi, con cali di resa, in caso di irrigazione insufficiente, fino al 50 %, ed hanno interessato anche colture collinari, come il castagno ed i prati-pascoli. Le alte temperature hanno influito negativamente sullo sviluppo fenologico delle colture e invece positivamente sulla crescita e sull aggressività dei fitofagi.in frutticoltura importanti ricadute negative si sono osservate sulla pezzatura.in viticoltura l aumento della gradazione zuccherina è stata accompagnata da una diminuzione dell acidità, con modifiche delle caratteristiche organolettiche dei vini. L agricoltura regionale si troverà quindi in condizioni di accentuata vulnerabilità a fronteggiare nuove sfide: maggiore aleatorietà delle rese finali, aumento dei costi produttivi ed assicurativi, degrado della qualità del suolo e delle acque, danni da eventi estremi.il quadro generale impone di seguire puntualmente le dinamiche in atto in Emilia - Romagna, attraverso il monitoraggio delle variabili meteorologiche ed agro-ambientali e la messa a punto di strumenti di analisi e previsione, quali bollettini, modelli ed indicatori. COSA CAMBIA PER L IRRIGAZIONE Con il cambiamento climatico, i cui effetti saranno il progressivo scioglimento dei ghiacciai alpini e il diradamento degli eventi piovosi sul territorio regionale, la disponibilità di acque superficiali diminuirà nel tempo; la ricarica delle falde sarà inferiore all attuale ed i livelli si abbasseranno. Le strategie di adattamento dovranno prevedere una gestione più attenta al consumo, una maggiore efficienza irrigua e un risparmio complessivo che salvaguardi il deflusso minimo vitale (dmv) dei torrenti appenninici e riduca i prelievi di acque sotterranee. Per il settore irriguo, che assorbe la quota maggiore dei consumi, il Piano regionale di tutela delle acque (Pta) prevede al momento le seguenti misure, integrabili nei prossimi anni: miglioramento delle reti di trasporto e distribuzione dell acqua; maggior ricorso alle acque reflue depurate degli impianti di trattamento; realizzazione di invasi di accumulo in aree golenali o ex aree di cava; riduzione delle superfici irrigate per scorrimento superficiale ed infiltrazione laterale, convertendole all irrigazione per aspersione e, dove possibile, alla microirrigazione; sensibilizzazione, formazione ed educazione ambientale degli operatori agricoli sulle procedure e le tecniche di uso ottimale dell acqua. Molti consorzi di bonifica hanno elaborato un piano di conservazione, prevedendo ulteriori azioni da mettere in atto nel territorio di competenza, tra cui figurano: il miglioramento delle procedure di gestione della rete di distribuzione consortile (riduzione dei rilasci non produttivi, attuazione di sistemi di regolazione dinamica ed automatizzata dei livelli e delle portate per i canali, passaggio dalla fornitura a turno dell acqua irrigua alla fornitura a domanda); il ricorso alla fitodepurazione e al riutilizzo delle acque reflue; Foto Samaritani WILLIAM PRATIZZOLI, LUCIO BOTARELLI Arpa Emilia-Romagna, Servizio Idrometeorologico, Area Agrometeorologia e Territorio 35

8 DOSSIER/AGRICOLTURA E CAMBIAMENTO CLIMATICO Graf. 1 Sviluppo fenologico del frumento tenero: confronto tra le annate 2005, 2006 e 2007 nella pianura bolognese. 20/10 3/11 17/11 1/12 15/12 29/12 12/1 26/1 9/2 23/2 9/3 23/3 6/4 20/4 4/5 18/5 1/6 15/6 Periodo lo sviluppo di un piano contributivo e tariffario incentivante il risparmio dell acqua; la fornitura agli agricoltori in tempo reale di un bilancio idrico delle colture; la sperimentazione di metodologie agronomiche e tecnologiche di risparmio idrico. LE PREVISIONI DEL PTA DELL EMILIA - ROMAGNA Per fare fronte alle annate più siccitose, il Pta prevede la realizzazione del Programma per la gestione del fenomeno della siccità con misure che dovranno essere sviluppate e rese operative anche dai Consorzi di bonifica. Per supportare il Programma con i dati e le informazioni necessarie per l adozione delle misure è stato istituito un sito internet come Osservatorio per la siccità (http://www.arpa.emr.it/ia_siccita/?idlivello=669). A livello aziendale le misure di adattamento dovranno quindi prevedere l aggiornamento degli impianti irrigui, di cui è necessario migliorare l efficienza, e l adozione di metodi di gestione irrigua basati sul controllo dell umidità del suolo, sui bilanci idrici e sull applicazione dello stress idrico controllato. Le condizioni ambientali renderanno inderogabile l inserimento nei piani di investimento di colture più resistenti alla siccità e la diffusione di tecniche ricavate dall arido-coltura.queste pratiche hanno come obiettivo l aumento dell efficienza del suolo nell immagazzinare e trattenere l acqua nello strato esplorato dalle radici attraverso il miglioramento della struttura del terreno e la diminuzione del ruscellamento.alcune tecniche di arido-coltura,che in passato erano in netto contrasto con le indicazioni di riduzione della profondità d aratura (minima lavorazione del terreno, semina su sodo), potrebbero essere ora riconsiderate alla luce delle mutate esigenze produttive legate alla crisi mondiale delle produzioni agricole. Nella scelta colturale si dovranno poi privilegiare le specie a sviluppo autunno-primaverile, un periodo che mantiene maggiori probabilità di precipitazione, nonostante si siano verificati recentemente anche episodi di siccità invernale. Altre misure di adattamento saranno indirizzate alla ricerca di portainnesti e cultivar resistenti alla salinità, che sarà un fenomeno crescente in alcune aree costiere e di bonifica. GLI EFFETTI SULLE PRODUZIONI Gli effetti diretti dell'aumento della CO2 sulla fotosintesi delle colture sono positivi, pur variando in relazione ai livelli di temperatura ed alla disponibilità idrica, con differenze tra le specie C3 (frumento, riso, soia, ecc.), che rispondono positivamente ad alte concentrazioni di CO2, e le specie C4 (mais, sorgo, canna da zucchero, miglio, ecc.), che sono meno sensibili. Dalle colture C3 si potrebbero quindi attendere maggiori produzioni, purché non siano limitanti le condizioni idriche e meteorologiche. Per quanto riguarda l'efficienza d'utilizzo dell'acqua, un elevata concentrazione di CO2 determina la diminuzione dell'apertura stomatica e della traspirazione unitaria. Questo favorirà la resistenza alla siccità agricola, che in Emilia-Romagna si manifesterà con maggior frequenza sia per i ridotti apporti pluviometrici, sia per l aumentata evapotraspirazione dovuta alle alte temperature. Gli effetti positivi dell aumento della CO2 non saranno comunque in grado di controbilanciare le conseguenze negative sulla produzione del progressivo aumento termico e della maggior secchezza dei suoli, man mano che il riscaldamento progredirà. La risposta produttiva delle colture agrarie all'aumento della temperatura non sarà univoca;potrà essere positiva nel caso di specie a ciclo indeterminato (pomodoro e soia) e per le specie e varietà caratterizzate da più elevate esigenze termiche. La stagione di crescita potenziale per queste colture si allungherà, permettendo l inserimento di varietà erbacee ed arboree a sviluppo tardivo ed un aumento delle possibili specie erbacee da inserire in rotazione, con introduzione di colture intercalari, utili anche per la 36

9 protezione del suolo. Un esempio interessante è quello dell olivo, presente storicamente in Emilia- Romagna e scomparso a seguito di una lunga fase climatica fredda avviata all inizio del Settecento,che sta già riaffermandosi in ampie aree collinari. Per altre colture l aumento delle ondate di calore produrrà l accelerazione dello sviluppo fenologico, riducendo i tempi utili alla sintesi dei carboidrati ed al loro trasferimento negli organi di accumulo, con conseguenti riduzioni produttive. Un esempio recentissimo di come questo processo possa influenzare le produzioni ad ettaro si può ricavare dal forte calo delle rese dei cereali autunno-vernini nel 2007 rispetto alle due annate precedenti.l applicazione di modelli fenologici ha permesso di ricostruire lo sviluppo delle colture nei tre anni e metterle a confronto (graf.1); il ciclo 2007 si è concluso con un anticipo di circa 15 giorni, come confermato nella realtà. LE PREVISIONI DEGLI ESPERTI In generale,secondo l ultimo rapporto Ipcc,alle medie latitudini si avrebbe un aumento nominale delle produzioni di frumento con un riscaldamento fino a 1º C e del mais fino a 2 C. Un ulteriore riscaldamento ridurrebbe i rendimenti per entrambe le colture al di sotto dei livelli attuali. Con temperature più alte di 4º C, i rendimenti del mais sarebbero ridotti del 15% rispetto ai livelli attuali (frumento - 25%). Quindi, se gli aumenti termici globali saranno contenuti con efficaci interventi di mitigazione, gli effetti potrebbero anche essere favorevoli, mentre aumenti incontrollati finirebbero per deprimere fortemente la produzione. In Emilia-Romagna le annate caratterizzate da temperature elevatissime nella fase di riempimento delle cariossidi (stretta da caldo) sono in generale caratterizzate da minori produzioni del frumento tenero. L analisi delle serie storiche evidenzia nella regione la tendenza all aumento delle temperature massime di maggio oltre la soglia superiore della temperatura ottimale di crescita del frumento tenero (20-22 C). I nuovi valori paiono in compenso più favorevoli al frumento duro, il cui optimum termico è di qualche grado superiore (graf. 2). Particolarmente importanti per la produzione agricola saranno gli impatti degli eventi climatici estremi (gelate, siccità, grandinate, ondate di calore), la cui frequenza è prevista in aumento. Le coltivazioni insistenti su aree marginali, già caratterizzate da un livello di rischio piuttosto elevato, saranno più vulnerabili.saranno proprio gli eventi estremi a determinare la sostenibilità delle scelte produttive agricole. Le conseguenze del cambiamento climatico sugli aspetti più prettamente qualitativi della produzione potrebbero essere molteplici.sulla diminuzione della pezzatura dei frutti (pomacee e drupacee, castagne) a causa della scarsità idrica, le misure di adattamento dovranno prevedere tecniche evolute e più efficienti di irrigazione, che potranno anche prevenire l aumento dell insorgenza di fisiopatie ( spacco fisiologico delle ciliegie). L aumento termico, inoltre, provocherà una variazione delle caratteristiche organolettiche ed alcoliche dei vini nelle zone Doc, come studi recenti con indici bioclimatici hanno già riportato in aree vocate alla produzione di vini di qualità. La diminuzione dell acidità dei mosti potrà essere affrontata attraverso adeguate pratiche agricole, come l adozione di forme di allevamento che prevengano il riscaldamento eccessivo dei grappoli, o con la rivalutazione di ecotipi autoctoni in grado di valorizzarsi nelle nuove condizioni. Una maggior cura nella scelta varietale e nei sistemi di impianto potrà infine prevenire altri effetti negativi sui prodotti dovuti all aumentata insolazione (scottature). In generale, le scelte varietali dovranno indirizzarsi verso cultivar in grado di esprimere al massimo le proprie caratteristiche qualitative nelle mutate condizioni ambientali.gli adattamenti a cui sono chiamati gli agricoltori dovranno comunque corrispondere ad analoghe misure di adattamento e valorizzazione in tutta la filiera produttiva. Graf. 2 Andamento della temperatura massima media di maggio dal 1951 al 2007 nella pianura bolognese e confronto con i valori ottimali per frumento tenero e duro. Temperatura (ºC) Anni 37

10 DOSSIER/AGRICOLTURA E CAMBIAMENTO CLIMATICO Le buone regole per mitigare l impatto VITTORIO MARLETTO Arpa Emilia-Romagna ENRICO CEOTTO CRA-Cin, Bologna Nel gergo degli esperti che studiano cause ed effetti del cambiamento climatico per mitigazione si intende la riduzione delle emissioni di gas serra attraverso una serie di misure di interesse internazionale e nazionale. Gli interventi di mitigazione possono riguardare grandi emettitori di gas serra come le industrie siderurgiche,per esempio fissando dei limiti alle emissioni di ogni singola acciaieria, come prevede il protocollo di Kyoto. Altre misure riguardano invece il comportamento individuale dei consumatori, per esempio vietando il commercio delle vecchie lampadine a incandescenza, da sostituire con altre più efficienti che riducono di molto i consumi elettrici e, di conseguenza, le emissioni di carbonio in atmosfera, come sta avvenendo in Australia e in altri Paesi del mondo. La mitigazione si distingue dall adattamento, che consiste nell adozione di opportune tecniche e provvedimenti per ridurre e contenere gli effetti negativi del cambiamento climatico o addirittura per sfruttarne eventuali vantaggi. Per esempio, un aumento di due gradi della temperatura media della Terra potrebbe costringere ad abbandonare la coltivazione del frumento nelle zone più aride, ma potrebbe creare nuove opportunità di coltivazione nelle latitudini nordiche,finora inadatte alla coltivazione. Naturalmente è possibile studiare misure di adattamento al cambiamento climatico che abbiano in sé elementi di mitigazione e viceversa. LE FONTI DEI GAS SERRA In agricoltura le emissioni di gas serra in atmosfera possono derivare da varie fonti: emissioni di anidride carbonica (CO2) derivanti in primis dal cambiamento di uso del suolo (ad esempio da foresta a seminativo), ma anche dal consumo diretto e indiretto di carburanti fossili; emissioni di metano (CH4, vedi tabella 1) dalle risaie e dalle fermentazioni ruminali dei bovini; infine emissioni di protossido d azoto (N2O) dai suoli a seguito delle concimazioni. Per fare degli esempi concreti,ogni chilogrammo di azoto contenuto nei fertilizzanti di sintesi emette dai 3 ai 6 chilogrammi di CO2 equivalente prima di raggiungere il campo coltivato a causa dell energia fossile utilizzata nel processo produttivo. Ma non è finita, poiché una frazione del 3-5% dell azoto totale applicato, sotto forma di concimi minerali o organici, viene riemesso in atmosfera come N2O. Infatti, dai terreni concimati del nostro pianeta si liberano circa 7 milioni di tonnellate di protossido d azoto ogni anno, che producono un effetto serra equivalente a ben 2 miliardi di tonnellate di CO2 (vedi tab.1). Naturalmente i concimi azotati svolgono un ruolo irrinunciabile, poiché permettono di ottenere elevati livelli produttivi nei terreni più fertili, rendendo disponibili per la forestazione o il pascolo quelli marginali, che costruiscono degli eccellenti depositi di carbonio (carbon sinks). In buona sostanza, se puntassimo su forme di agricoltura a basso input di azoto, saremmo costretti a coltivare superfici molto più ampie per sfamare la popolazione mondiale, con un danno complessivo in termini di bilancio globale del carbonio. Possiamo quindi affermare che il ruolo dell azoto applicato con i fertilizzanti è controverso: da un lato è fonte diretta ed indiretta di gas serra, dall altro permette di aumentare la produttività dei terreni fertili e, quindi, di tutelare le superfici adibite a foreste o ad altri usi naturalistici. Passando ad un altro esempio, ogni capo bovino emette ogni giorno grammi di metano du- Tab. 1 - Concentrazione attuale dei principali gas serra in atmosfera a confronto con la situazione del periodo pre-industriale. Tipo di gas Concentrazione pre-industriale (1750) Concentrazione attuale Potenziale di effetto serra rispetto alla CO2 Anidride carbonica (CO2 ) Metano (CH4) Protossido di azoto (N2O) 277 ppm* 600 ppb** 290 ppb** 387 ppm* ppb** 318 ppb** * ppm=parti per milione; ** ppb=parti per miliardo 38

11 rante la digestione (fermentazioni ruminali), tanto che i ricercatori dell istituto olandese Alterra hanno stimato che per ogni chilogrammo di latte prodotto in Olanda in media vengono emessi gas serra per 1,6 chilogrammi di CO2 equivalenti. Mangiare carne bovina è ancora più oneroso in termini di emissioni serra: un gruppo di ricercatori giapponesi (Ogino et al. 2007, Animal Science Journal) ha calcolato che produrre 1 chilogrammo di carne bovina comporta l uso di 196 MJ di energia e l emissione di 36,4 chilogrammi di CO2. Per avere un termine di paragone, una vettura con motore Euro 4 da 115 cavalli emette 200 grammi di CO2 al chilometro. Di conseguenza, con un viaggio in auto Modena-Milano (182 km) vengono emessi circa 36,4 chilogrammi di CO2, equivalenti a quella emessa per produrre 1 chilo di carne. Lo schema sopra presenta i principali flussi di carbonio (C) e azoto (N) nell'ambito rurale e mostra nelle nuvolette le diverse fonti di composti liberati in atmosfera, tra i quali i gas serra anidride carbonica (CO2), metano ( CH4) e protossido d'azoto ( N2O). Fonte: Università di Wageningen (NL), IL RUOLO DELLA ZOOTECNIA Nei Paesi industrializzati il consumo annuo pro-capite di carne si aggira sui 75 chili per persona ed è tendenzialmente in calo, sia per la stasi demografica, sia a causa degli effetti negativi sulla salute dovuti ad un consumo eccessivo di grassi saturi di origine animale.nei Paesi in via di sviluppo,specie in Cina, nel giro di pochi anni si è invece passati da un consumo annuo di 20 chilogrammi a persona a livelli in continuo aumento, cosa che ha fatto impennare la domanda globale di carne. Da un lato, una dieta che comprende il consumo di carne,latte e formaggi viene vista come simbolo di prosperità; dall altro, soltanto un consumo equilibrato di prodotti di origine animale può garantire un adeguato apporto di aminoacidi essenziali per la nutrizione umana. In ragione di ciò è prevedibile che un eventuale riduzione delle emissioni di gas serra potrà derivare da una migliore efficienza delle filiere produttive e della gestione dei reflui, ma non da una riduzione dei capi allevati. Complessivamente le stime più recenti dicono che l agricoltura dell intero pianeta emette una frazione significativa di gas serra (si ricorda che attualmente il genere umano emette in atmosfera l equivalente di 30 miliardi di tonnellate di anidride carbonica,ovvero 30 Gt di CO2 equivalenti, e che la cifra sfiora le 50 Gt se si tiene conto di tutti i gas serra). L analisi più completa e recente della letteratura tecnica su questa materia è stata pubblicata nel e curata dal ricercatore Pete Smith dell Università di Aberdeen per Greenpeace (rapporto in inglese scaricabile dal sito I dati disponibili indicano che l agricoltura nel suo complesso rappresenta addirittura il secondo più grande emettitore di gas serra, dopo l industria energetica. Le emissioni agricole derivano direttamente dall attività produttiva (in particolare dai suoli conci- 39

12 DOSSIER/AGRICOLTURA E CAMBIAMENTO CLIMATICO mati e dal bestiame) e, indirettamente, dal consumo energetico legato alle lavorazioni e alla produzione di fertilizzanti di sintesi. La più importante fonte indiretta di emissioni è però la conversione di terreni forestati o di pascoli naturali in terra arabile. Qui non è soltanto il carbonio emesso per combustione del legname a farla da padrone, quanto la liberazione di anidride carbonica a seguito della conversione di terreni vergini ricchissimi di sostanza organica che, a seguito di ripetute lavorazioni, si ossida gradualmente emettendo grandissime quantità di CO2 (ben 6 miliardi di tonnellate l anno, un quinto del totale, secondo le stime più recenti). Ricordiamo a questo proposito che in tempi preistorici l intera pianura padana era interamente ricoperta da foreste. A questo punto ci si potrebbe chiedere: ma che c entriamo noi italiani con questi processi di deforestazione, che avvengono in Brasile o in Indonesia? Ebbene, secondo le ultime ricerche, il dissodamento di zone vergini dell Amazzonia, che sta procedendo a velocità inaudita (è la motivazione che ha recentemente spinto alle dimissioni il ministro brasiliano dell Ambiente, Marina Silva, in contrasto su questo punto con la politica del presidente Lula),è sostenuto dalla sempre crescente domanda di carne bovina, etanolo per l autotrazione e soia per l alimentazione animale. Soia di cui il porto di Ravenna costituisce un importante terminale europeo e che finisce nelle mangiatoie dei nostri bovini da latte. Ecco la risposta alla domanda iniziale che ci siamo posti. Dobbiamo comunque ricordare che lo scopo primario dell agricoltura è quello di garantire la produzione di cibo, di sufficiente qualità e quantità, per tutta la popolazione umana. Per ragioni etiche, quindi, l agricoltura dovrebbe essere l ultima ad essere penalizzata. Ma certamente una migliore efficienza, anche per quanto riguarda la riduzione delle emissioni, è conseguibile in ogni settore. Foto Banzi LE RACCOMANDAZIONI DEGLI SCIENZIATI Quali sono dunque le raccomandazioni proposte dalla ricerca per la mitigazione dell impatto climatico di origine agricola? Proviamo a riassumerle schematicamente di seguito: adozione di rotazioni colturali che favoriscano un incremento ed un mantenimento di elevati livelli di sostanza organica nel terreno, con una maggior diffusione dei prati (es. di erba medica) e la riduzione, ove possibile, delle lavorazioni del terreno; razionalizzazione delle fertilizzazioni azotate:da un lato è necessario evitare gli sprechi, dall altro applicare quantitativi che permettano di massimizzare le rese. In questo modo si tutelano indirettamente le foreste dall abbattimento. Infatti, alcuni scienziati hanno dimostrato che la diffusione su larga scala dell agricoltura biologica non garantisce i livelli di produzione necessari all umanità e, quindi, può determinare effetti perversi sul ciclo globale del carbonio; razionalizzazione dell uso dell acqua: una corretta gestione delle risorse idriche a scopi irrigui è necessaria,insieme ad un uso efficiente dei concimi, ad assicurare elevate produzioni nei terreni più fertili e, quindi, ad evitare la coltivazione di terreni marginali che possono così fungere da depositi di carbonio; contrasto e, dove ancora consentito, abolizione dell incendio di stoppie e di altri simili interventi, tradizionali anche nella pastorizia; miglioramento dell efficienza energetica e di processo negli impianti per la sintesi dei fertilizzanti. Parte dell urea presente sul mercato mondiale è prodotta in Cina con impianti a bassa efficienza ed elevata emissione; corretta gestione delle superfici non coltivate.un articolo sulla prestigiosa rivista Nature titolava: Kyoto comincia a casa propria. In buona sostanza ciascuno di noi, agricoltore o meno, piantando alberi e siepi in giardino e nelle superfici non coltivate, può contribuire ad incrementare i depositi di carbonio; moderazione nel consumo di carne bovina; miglioramento dell efficienza delle filiere zootecniche e della gestione dei reflui zootecnici, che hanno un valore di sostituzione rispetto ai concimi minerali. migliore integrazione tra attività zootecniche e coltivazione dei terreni, evitando eccessive concentrazioni degli allevamenti. L attuazione dell insieme delle misure proposte potrebbe ridurre sostanzialmente l impatto climatico dell agricoltura e finanche trasformarla in un comparto assorbitore netto di gas serra. 40

13 «Efficienza e flessibilità nell uso delle risorse» Intervista a Giampiero Maracchi, decano della ricerca climatica in Italia. Che impatto avranno i cambiamenti climatici sull agricoltura e in che misura essa può contribuire a mitigare l effetto serra? Abbiamo girato queste e altre domande a Giampiero Maracchi, Accademico dei Georgofili, professore ordinario di climatologia all Università di Firenze, e direttore dell Istituto di biometeorologia del Consiglio nazionale delle ricerche del capoluogo toscano. Professore, cosa sta succedendo e cosa potrebbe succedere al clima del nostro pianeta? «Il sistema climatico terrestre è regolato sia dal bilancio annuale fra la radiazione solare entrante e la radiazione emessa dalla Terra, cioè dalla radiazione netta, sia dalla variazione della radiazione nel percorso che il sole compie fra i solstizi, sia anche dalla distribuzione spaziale delle terre emerse. Il bilancio della radiazione è eccedentario nella fascia intertropicale e deficitario nelle zone temperate e polari: questa differenza di energia mette in moto le masse d aria, dando origine al fenomeno della grande circolazione atmosferica. Negli ultimi decenni molti dati di osservazione sembrano indicare che,a causa della modifica della temperatura superficiale del mare e della temperatura dell aria, si stanno verificando importanti variazioni nei meccanismi che regolano la grande circolazione atmosferica, come ad esempio avviene alla cella di Hadley, il cui braccio discendente durante l estate mostra un avanzamento verso nord rispetto al passato; il che, a sua volta, ha effetto sulla collocazione e sull ampiezza dell anticiclone atlantico, con l avanzamento verso il mediterraneo dell anticiclone della Libia. Ciò comporta modifiche stagionali importanti, come il flusso di aria calda da sud verso il Mediterraneo. Se si analizzano le maggiori anomalie verificatesi sul pianeta e pubblicate dalla Omm (Organizzazione meteorologica mondiale) a partire dagli anni Novanta, si verificherà che molti degli eventi estremi trovano una spiegazione plausibile nelle modifiche della circolazione generale». Quali sono a suo parere i fenomeni di cambiamento climatico di maggior rilevanza ed impatto per l agricoltura globale? «La modifica della circolazione generale non solo ha effetto sul numero e sulla intensità degli eventi estremi, ma determina anche delle modifiche stagionali che possono avere conseguenze sull agricoltura, esponendo le colture ai rischi di gelate tardive e creando microclimi in grado di variare la suscettibilità ad agenti biologici avversi: è il caso ad esempio delle micotossine del mais,che sono particolarmente favorite dalle temperature estive elevate. Un'altra modifica importante, per ciò che riguarda l Europa, emerge dalla combinazione della diminuzione delle piogge invernali, e quindi di un ridotto rifornimento delle falde, con il crescente numero di ondate di calore estive. L insieme di questi fenomeni, con l aggiunta del modificato regime delle piogge primaverili in termini di intensità, determina un quadro preoccupante per le risorse idriche,anche in zone precedentemente non toccate dal problema della siccità. Ciò potrebbe comportare, insieme all aumento delle temperature nella regione europea, uno spostamento verso nord di alcune specie e/o cultivar agricole, e non solo». Foto Ibimet-CNR Che impatto potrebbe avere il cambiamento climatico sull agricoltura italiana? «Gli aumenti delle temperature potranno determinare riduzioni delle rese, a causa della minore efficienza con la quale si svolgono i principali processi coinvolti nello sviluppo e nella crescita delle piante. Un altro effetto importante dell aumento della temperatura è legato all accelerazione dello sviluppo, con conseguente maturazione anticipata e riduzione dei rendimenti. Il professor Giampiero Maracchi. 41

14 DOSSIER/AGRICOLTURA E CAMBIAMENTO CLIMATICO Foto Fotolia Il settore agricolo è inoltre fortemente condizionato dalla disponibilità idrica: le variazioni in atto a livello di precipitazioni, evaporazione, perdite per scorrimento ed umidità del suolo potranno incidere sulle capacità produttive delle colture agricole. Condizioni di carenza idrica durante la fioritura, l'impollinazione e il riempimento della cariosside sono estremamente nocive per la maggior parte delle colture e in particolare per la produzione di mais, soia e frumento; mentre l'aumento di evaporazione dal terreno e di traspirazione dalle piante potranno causare un incremento della siccità,con conseguente esigenza di introdurre varietà con una maggiore tolleranza allo stress idrico». In che misura l agricoltura contribuisce ai cambiamenti climatici e che contributo può dare alla mitigazione dell effetto serra? «Secondo le ultime stime internazionali,l agricoltura intensiva contribuisce per il 25% all aumento dei gas serra, in particolare metano, attraverso le deiezioni degli animali allevati, e protossido di azoto, attraverso le concimazioni.l impiego massiccio di fertilizzanti azotati ha inoltre comportato l immissione nell ambiente di una grande quantità di composti reattivi dell azoto, come l ammoniaca, con gravi problemi di inquinamento dei suoli e delle falde idriche. D altra parte, l agricoltura può contribuire fortemente alla mitigazione dell effetto serra, attraverso il processo fotosintetico delle colture, purché sia condotta tramite pratiche sostenibili,che permettano ad esempio l accumulo della materia organica nel suolo». Qual è o quale dovrebbe essere il ruolo della ricerca agraria italiana ed internazionale in questo delicato settore? «I compiti della ricerca sono diversi e riguardano sia uno studio più approfondito degli effetti che i cambiamenti climatici hanno sulle colture in termini di qualità e quantità dei prodotti, sia lo studio di possibili adattamenti per mitigare tali effetti.un settore di studi che potrebbe assumere sempre maggior importanza riguarda lo studio di pratiche agricole che permettano di contrastare l aumento dei gas serra». Cosa dovrebbero fare le istituzioni che ai diversi livelli (internazionale,nazionale,regionale) si occupano di agricoltura per affrontare efficacemente la questione? «La politica può sostenere l'adattamento dell'agricoltura europea ai cambiamenti climatici incoraggiando il più possibile la flessibilità nell impiego delle terre, nella scelta delle colture e dei sistemi di coltivazione.ciò può essere ottenuto agendo sulle principali risorse agricole: rivedere la politica agricola per incoraggiare un utilizzazione più flessibile delle terre; riformare i mercati dell'acqua e aumentare il valore delle colture sulla base del volume d acqua usato,per incoraggiare un uso più ponderato dell acqua. La sua gestione in quelle regioni dove essa già limita l'agricoltura, è cruciale per adattarsi ad un clima più secco; migliorare l efficienza di produzione degli alimenti, adottando nuovi combustibili biologici e cercando nuove strategie per immagazzinare più carbonio negli alberi e nel terreno; ricercare, conservare e caratterizzare geni di animali e piante e condurre studi su colture e razze di bestiame alternativi; incoraggiare la ricerca sui sistemi agricoli già esistenti e sugli adattamenti necessari per quelli nuovi, e sviluppare alimenti alternativi; integrare le politiche ambientali, agricole e culturali per preservare il patrimonio degli ambienti rurali».(intervista raccolta da Vittorio Marletto) 42

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

AGRICOLTURA ITALIANA E CAMBIAMENTI CLIMATICI LA VARIAZIONE DEL CLIMA

AGRICOLTURA ITALIANA E CAMBIAMENTI CLIMATICI LA VARIAZIONE DEL CLIMA Atti Workshop CLIMAGRI- Cambiamenti Climatici e Agricoltura Cagliari, 16-17 gennaio 2003 AGRICOLTURA ITALIANA E CAMBIAMENTI CLIMATICI FRANCO ZINONI, PIERPAOLO DUCE** * ARPA-Servizio Meteorologico, Bologna

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PUBBLICA (12 SETTEMBRE 2013) Sommario INTRODUZIONE 1 IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI E VULNERABILITÀ

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Giovedì 22 settembre 2011 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Giovedì 22 settembre 2011 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Anno XLI N. 233 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia, 1

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Modulo 1 di 4. Il clima. cambia. I segnali. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

Modulo 1 di 4. Il clima. cambia. I segnali. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .1 Modulo 1 di 4 Il clima cambia I segnali Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 1Il clima cambia: I segnali vediamo i segnali in maniera chiara. Ecco

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA a cura di ANNA MARIA CIUFFA Giuseppe Vadalà, responsabile della Divisione Sicurezza Agroalimentare e Agroambientale del Corpo forestale

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli