Enrico Mattei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Enrico Mattei 1906-1962"

Transcript

1 1

2 Operare in silenzio, con tenacia nell interesse del nostro Paese, ogni giorno un ansia nuova ci sospinge, fare, agire assecondare lo sforzo di questo nostro popolo che risorge. Noi abbiamo fiducia nella Provvidenza Essa assiste sempre tutti; e assiste il nostro Paese che fiorisce e si rinnova Tratto da uno dei suoi ultimi discorsi e che può essere preso come Sua testimonianza spirituale edito a cura apve - associazione pioniei e veterani eni in occasione del 50 anniversario della scomparsa 27 ottobre 1962 Foto dell Archivio Storico dell Eni Testo di Francesco Guidi Grafica DISE divisione e&p 2

3 Enrico Mattei

4 4

5 Enrico Mattei ( ) II messaggio che ha lasciato alle nuove generazioni dell Eni Il 29 aprile 1906 nasceva ad Acqualagna (Pesaro Urbino) Enrico Mattei, il personaggio che ha segnato una svolta nella storia italiana degli idrocarburi e che, con la creazione dell Eni, ha permesso all Italia di entrare nelle strategie mondiali del Petrolio e del Gas. Sono molte le iniziative prese per celebrare questo avvenimento. Al di là delle tante cerimonie e dei libri realizzati per l occasione, l associazione pionieri e veterani eni (apve) vuole ricordarlo con questo breve opuscolo che intende riassumere per le nuove generazioni soprattutto quelle caratteristiche di Enrico Mattei che sono alla base della nascita dell industria del gas naturale in Italia, con 30 anni d anticipo rispetto agli altri paesi dell Europa Occidentale. Ha lanciato l Eni tra i maggiori gruppi intenazionali del mondo, operanti nell Esplorazione, Produzione, Progettazione, Sviluppo e Trasporto del Petrolio e del Gas. Mattei ha permesso infatti all Italia di dotarsi di una grande società petrolifera, l Eni, con un grande peso nelle strategie mondiali del petrolio e del gas. Un interpretazione restrittiva del Trattato di Pace nella seconda metà degli anni quaranta non sembrava permettere, almeno inizialmente, un industria petrolifera nazionale ai maggiori paesi usciti sconfitti dalla Seconda Guerra Mondiale: Germania, Italia, Giappone. E stato così che in Germania (come anche in Giappone), dove non ci fù un Mattei, il settore nazionale degli idrocarburi finì per decenni in balìa delle compagnie straniere. Solo negli anni Settanta incominciò ad affermarsi in Germania la VEBA partita però, con diversi decenni di ritardo. Altrettanto è avvenuto in Giappone. Così questi due grandi paesi, pur essendo al top dell industrializzazione mondiale, non hanno ancora oggi una grande compagnia petrolifera 5

6 internazionale, in grado di recitare un ruolo da protagonista sullo scenario mondiale degli idrocarburi. Una cronologia degli episodi salienti della vita di Enrico Mattei - 29 aprile 1906: Enrico Mattei nasce ad Acqualagna, (Pesaro Urbino). Il padre, Antonio, era un brigadiere dei carabinieri, di origine abruzzese, nato a Civitella Roveto (L Aquila).Era salito agli onori della cronaca per la cattura del brigante calabrese Musolino. Dette il nome di Enrico al suo primogenito, come suggerito dalla nonna materna del bambino, maestra d asilo, in ricordo del protagonista del 1ibro Cuore di De Amicis. Il brigadiere Antonio, andato in pensione nel 1919, si spostò a Matelica (Macerata) dove Enrico Mattei pose le radici : interrotti gli studi (si diplomerà successivamente in ragioneria) incomincia a lavorare in piccole industrie a Matelica, fino ad arrivare in una conceria, dove fà una rapida carriera : si trasferisce a Milano e si afferma come rappresentante di una ditta di vernici. Fonda a Dergano (Milano) l Industria Chimica Lombarda. Compra a Matelica una casa per i genitori : sposa Greta Paulas, da Vienna : con la caduta del fascismo si accosta alla Resistenza attraverso il prof. Marcello Boldrini, anche lui di Matelica, che insegnava Statistica all Università Cattolica di Milano : entra nel Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI) come rappresentante delle forze cattoliche aprile 1945: è nominato Commissario Straordinario dell AGIP,con1 indicazione del Governo di procedere alla sua liquidazione : Mattei rendendosi conto dell importanza della scoperta fatta dall AGIP nel 1944 del grande giacimento di gas naturale di Caviaga (Lodi), il primo di dimensioni notevoli dell Europa Occidentale, non liquida l AGIP, ma la rafforza (divenendone successivamente il Presidente), valorizzando le ricerche già avviate dall ing. Carlo Zanmatti, che diventò il suo principale collaboratore. Procede nella ricerca del gas nella Pianura Padana e inizia a realizzare una grande rete di distribuzione, attraverso la SNAM. 6

7 Arriva così a metanizzare progressivamente l Italia, che diviene il primo paese dell Europa Occidentale a utilizzare il gas come fonte primaria di energia. Avvia in Italia la costruzione di una moderna rete di distribuzione di carburanti e di servizi per gli automobilisti, arricchiti da una rete di motel e di ristoranti, che hanno modificato il panorama e il costume del Paese. - Dopo i1 1948, la ricerca di idrocarburi si estende progressivamente alle altre regioni italiane, al di fuori della Pianura Padana, arrivando a Ravenna (1952) e quindi in Adriatico. A partire dal 1959 affronta il tema dell offshore, per il quale l Italia è la prima nell Europa Occidentale. - Febbraio 1953: il Parlamento italiano approva la costituzione dell Eni, proposto da Enrico Mattei, che ne diviene il primo Presidente. Nasce un gruppo integrato degli idrocarburi che, forte nella produzione di gas in Italia, si estende rapidamente all estero. - Nel corso del 1954 rileva il PIGNONE di Firenze in stato di fallimento e lo rilancia come NUOVO PIGNONE. - Nel 1955 Mattei, entra in Egitto, espandendo l Esplorazione e la Produzione di olio e gas. - Nel 1956 l Eni di Mattei fonda l AGIP NUCLEARE che progetta, con l aiuto di una Società inglese, la prima centrale nucleare italiana a Latina, completata ne Nel 1957 Mattei firma i primi contratti all estero in Egitto e Iran, con Ia formula innovativa che impegna i paesi produttori come partner nella ricerca e nello sviluppo dei giacimenti di petrolio e di gas. - Nel 1958 e fino al 1962 costituisce società in Marocco, Sudan, Libia, Tunisia e Nigeria ottobre 1962: Enrico Mattei muore in un incidente aereo a Bascapè ( 20 km a Sud di Milano). 7

8 Riportiamo le conclusioni della II Indagine sull incidente di Bascapè del PM Calia del Tribunale di Pavia conclusasi nel Marzo 2003 e un articolo del Prof. Firrao 1. LA CADUTA DELL AEREO MORANE SAULNIER 760/B PARIS I-SNAP, CON A BORDO ENRICO MATTEI, WILLIAM MC HALE E IRNERIO BERTUZZI È STATA CONSEGUENZA DIRETTA DI UN SABOTAGGIO L indagine tecnica, confortata dalle testimonianze orali e dalle prove documentali raccolte, in assenza di evidenze contrarie, permette di ritenere inequivocabilmente provato che l I-SNAP è precipitato a seguito di un esplosione limitata, non distruttiva, verificatasi all interno del velivolo. 2. È infatti provato che: - a bordo dell I-SNAP si è verificata un esplosione; - l esplosione si è verificata durante il volo e non in coincidenza o dopo l impatto col suolo; Le fonti di prova raccolte dimostrano che l aereo a bordo del quale viaggiavano Enrico Mattei, William Mc Hale e Irnerio Bertuzzi, venne dolosamente abbattuto nel cielo di Bascapè la sera del 27 ottobre Il mezzo utilizzato fu una limitata carica esplosiva, probabilmente innescata dal comando che abbassava il carrello e apriva i portelloni di chiusura dei suoi alloggiamenti. È infatti provato che: a bordo dell I- SNAP si è verificata un esplosione; l esplosione si è verificata durante il volo e non in coincidenza o dopo l impatto col suolo; Il Prof. Firrao del Politecnico di Torino Dipartimento di Scienza dei Materiali, incaricato dal Tribunale di Pavia, ha scritto per una rivista americana: l aereo di Enrico Mattei, presidente dell ente italiano idrocarburi, ENI, mentre era in procinto di atterrare presso l aeroporto di Milano Linate 8

9 il 27 Ottobre 1962 si schiantò al suolo a causa di un incidente allora inspiegabile. L indagine riaperta più di trenta anni dopo ha richiesto un completo riesame delle teorie sulle deformazioni macroscopiche e del reticolo in metalli sottoposti ad onde ad alta velocità emanate da una piccola carica esplosiva. Vari tipi di cambiamenti micro e macro strutturali sono infatti indotti da un esplosione e dai risultanti sforzi di taglio che insistono sui metalli stessi. A livello microstrutturale si possono osservare bande di scivolamento o geminazioni meccaniche indotte dalle onde di pressione scatenate dall esplosione A quel momento l AGIP produce in Italia 7 miliardi di metri cubi di gas all anno, mentre gli altri paesi europei hanno produzioni e consumi insignificanti che diverranno consistenti solo dopo gli anni Settanta, con l entrata in produzione dei giacimenti dell Olanda e del Mare del Nord. Contemporaneamente iniziano le importazioni di gas dall Unione Sovietica. L Italia nel l962, alla morte di Mattei, ha una rete di metanodotti SNAM il cui sviluppo è di km: è terza nel mondo, dietro Stati Uniti e Unione Sovietica. Oggi, andando avanti su quello slancio, ha superato i km. Alla rete stradale di distribuzione in Italia, si vanno affiancando le reti AGIP nei Paesi europei e 1 ingresso nei mercati extraeuropei. All estero la produzione di olio è limitata a Egitto (equity 3,3 milioni di tonnellate l anno) e Iran ( t/anno). Erano state però gettate le basi per produzioni ben più consistenti, con l ingresso in Libia, Tunisia e Nigeria, nei quali 1 Eni era riuscita a entrare, grazie alla formula di Enrico Mattei, nei primi anni Sessanta. Le scoperte in questi paesi avvenivano subito dopo, mentre si ampliavano quelle già fatte in Egitto e in Iran. Nei primi anni Settanta l equity di olio dell AGIP era di 15 milioni di tonnellate l anno ( b/g). Molti di quei giacimenti sono ancora in produzione: Belaym e Abu Madi (Egitto), Bu Attifel (Libia), El Borma (Tunisia), Ebocha - Mbede (Nigeria). 9

10 Le intuizioni di Enrico Mattei Esaminare le intuizioni di Enrico Mattei, è una chiave di lettura della sua vita professionale, che é giusto riassumere nel cinquantesimo della sua scomparsa quando il suo lavoro può essere analizzato alla luce dei fatti sconvolgenti che sono avvenuti e avvengono nel settore petrolifero su scala mondiale. Qui infatti è sempre più serrata la ricerca delle fonti di energia, delle quali il petrolio e i1 gas costituiscono la parte preponderante: quasi il 65 %. Molti dei conflitti degli ultimi 50 anni, hanno la loro origine proprio nel controllo delle fonti di energia, come del resto è confermato dalle tensioni che dominano in Medio Oriente e nella regione del Golfo in particolare. La vita industriale di Mattei è stata tutta una serie di intuizioni delle quali ha tratto vantaggio l Italia che, grazie ad esse, si è potuta inserire nelle grandi strategie mondiali degli idrocarburi. Ci limitiamo a elencare le due principali: i1 Gas Naturale e la partecipazione dei paesi produttori alle attività di Esplorazione e Produzione. Segnaliamo inoltre lo sviluppo competitivo del settore della raffinazione e distribuzione di molti Paesi europei ed extraeuropei con la creazione di una nuova originale cultura d impresa nelle relazioni industriali e nel dialogo con le realtà sociali. il Gas Naturale Mettiamo questa forma di energia per prima, perché è stata proprio l intuizione della sua futura importanza, che ha permesso a Mattei di gettare le basi dell AGIP moderna e della SNAM, che hanno fatto da trampolino di lancio per la creazione e lo sviluppo dell Eni. Mattei intuì nel 1945, quando incominciò a occuparsi di idrocarburi, che i consumi di gas naturale, allora insignificanti, sarebbero decollati, quando ce ne sarebbe stata disponibilità, divenendo una delle fonti principali di energia. Oggi il gas naturale rappresenta il 23% dei consumi energetici, contro i1 10

11 41% del petrolio, il 25% del carbone e 1 11% del resto delle altre fonti: idro - geo - nucleare. E c e chi dice che il gas potrebbe fra 20 anni superare i1 petrolio, se non interverranno nel frattempo altre fonti di energia. I precedenti A metà degli anni Quaranta il gas naturale come fonte di energia in Europa era a livelli trascurabili. Negli Stati Uniti, già allora grande produttore, veniva invece utilizzato ma soprattutto vicino alle zone di produzione. Nell Europa Occidentale l impiego del gas naturale era pressoché sconosciuto, perché non ne erano state scoperte quantità di dimensioni commerciali. L industria utilizzava come fonti di energia, oltre al carbone e all idroelettrico, il petrolio e i suoi derivati, mentre per gli usi domestici si utilizzava il cosiddetto gas di città, che era un prodotto della distillazione del carbone fossile (coke). D altro canto mancavano le tecnologie per i grandi trasporti del gas dai luoghi di produzione a quelli di consumo. Cioè dai deserti africani e del Medio Oriente alle zone industrializzate dell Europa. Mentre non esisteva ancora la ricerca offshore e quindi non c erano state le scoperte del Mare del Nord. ll gas naturale che veniva scoperto nel corso della ricerca petrolifera, in quanto si trova spesso associato con il petrolio o comunque in strutture di tipo analogo, restava inutilizzato, se non c era la possibilità di un uso sul posto o nelle vicinanze. E questo avveniva di frequente, in quanto la maggior parte dei paesi produttori erano in zone scarsamente industrializzate. La scoperta di Caviaga Iniziata nel 1926 con la creazione dell AGIP la ricerca petrolifera in Italia in modo sistematico, questa non aveva avuto successo fino ai primi anni Quaranta per la difficile geologia del sottosuolo italiano e la mancanza di sistemi geofisici adeguati per individuare strutture favorevoli all accumulo di idrocarburi. Il metodo della sismica a riflessione fu introdotto nella ricerca petrolifera 11

12 alla fine degli anni Venti del secolo scorso negli Stati Uniti e fu subito un successo, diminuendo drasticamente il numero di pozzi sterili. A metà degli anni Trenta, operavano negli Stati Uniti 500 gruppi sismici. L Europa però era lontana e la ricerca petrolifera languiva, proprio per 1 elevato numero di pozzi sterili. Fu merito dell ing. Tiziano Rocco, Capo del Servizio Geofisico dell AGIP alla metà degli anni Trenta, che convinse la Direzione della Società a provare questo sistema in Italia, facendo venire un Gruppo Sismico della Western Geophysical Company, una delle maggiori società geofisiche americane, di proprietà di Henry Salvatori, un italo americano di Tocco Casauria (vicino Pescara), emigrato con la famiglia negli Stati Uniti all inizio del secolo scorso. II gruppo sismico arrivò a Genova nel gennaio 1940 e iniziò i rilievi vicino Lodi nel giugno di quell anno. A Caviaga fu individuata subito una struttura. Carlo Migliorini, che era allora responsabile dell Esplorazione dell AGIP, insieme a Tiziano Rocco, ubicarono il pozzo di Caviaga 1 che iniziò la perforazione nel maggio La perforazione trovò notevoli difficoltà logistiche per la guerra che si stava sempre più avvicinando alla Pianura Padana. II 25 luglio 1943 era caduto il regime fascista e 1 8 settembre l Italia si ritirò formalmente dalla guerra, avendo chiesto e ottenuto l armistizio. Tutta l Italia del Nord fù però occupata dai tedeschi. Immaginabili le conseguenze per le attività di perforazione al Caviaga 1 che durarono un anno, arrivando alla scoperta del giacimento omonimo di gas, nel maggio II pozzo fù messo subito in produzione con il gas che alimentava le auto a metano, mentre la gasolina che era prodotta insieme al gas, veniva utilizzata come benzina direttamente nelle macchine. Non fu possibile perforare altri pozzi per confermare la scoperta. Lo impedì l avvicinarsi della guerra alla Pianura Padana. Ma dalla produzione di quel pozzo, tenuto in continua erogazione per un anno, si vide che la pressione a testa e a fondo pozzo si manteneva costante: un segno che si trattava di un giacimento dalle riserve notevoli. Successivamente si stabilì che le riserve iniziali erano di 12 miliardi di 12

13 metri cubi di gas. Prima di allora i giacimenti scoperti avevano riserve massime solo di una decina di milioni di metri cubi ciascuno. Caviaga era mille volte maggiore. Ancora oggi il giacimento è in produzione, estrae metri cubi/giorno che vengono immessi nella rete di Lodi. L arrivo di Mattei il 30 aprile 1945 L Italia del Nord fu liberata dai tedeschi il 25 aprile Il 30 aprile Enrico Mattei fu nominato dal Governo Italiano (Primo Ministro Ferruccio Parri) Commissario Straordinario dell AGIP con un mandato di sei mesi, entro i quali avrebbe dovuto liquidare la Società. Si rese però subito conto che il futuro dell AGIP poteva essere diverso dopo la scoperta di Caviaga. L ing. Carlo Zanmatti, che era stato con l AGIP fin dal 1927, gli fece un quadro della situazione completa delle possibilità future della ricerca di idrocarburi in Italia. La scoperta del giacimento di Caviaga e l individuazione da parte del gruppo sismico che aveva proseguito i suoi rilievi, di altre strutture, faceva intuire che la Pianura Padana fosse un bacino ricco di idrocarburi. Si trattava però per la maggior parte di gas naturale, una forma di energia allora non molto apprezzata dall industria e dai consumatori privati. Mattei rischiò. Chiese al Primo Ministro Ferruccio Parri un estensione del suo mandato che gli permettesse la perforazione di un pozzo di conferma a Caviaga e l ottenne. Quando il Caviaga 2 confermò la scoperta, decise che 1 AGIP sarebbe sopravvissuta e anzi sarebbe diventata una grande società di ricerca e produzione internazionale. Si trattava però di convincere la popolazione e le industrie italiane della bontà dell impiego del gas. La rapida espansione della produzione e dei consumi di gas in ltalia Mentre l AGIP si impegnava in una intensa campagna esplorativa per scoprire e produrre altro gas ed eventualmente petrolio in Pianura Padana e in altre regioni italiane, Mattei promuoveva una grande campagna di sensibilizzazione per convincere i consumatori italiani dei grandi vantaggi derivanti dall uso del gas naturale, sia per gli impieghi industriali, sia per quelli domestici. 13

14 Sviluppò la petrolchimica con l utilizzo del metano nei due grandi impianti di Gela e Ravenna. Affiancava al gas, la campagna aperta in Italia con la pubblicità della benzina italiana sotto il marchio di SUPERCORTEMAGGIORE. Fu un compito arduo, perchè, oltre tutto, si andava contro interessi consolidati. La bontà dell impiego del metano- oggi scontato, anche per le sue positive ricadute sull impatto ambientale- sessanta anni fa era tutta da dimostrare. Ed è sempre difficile cambiare gli usi e le abitudini della gente per indurla a utilizzare un altra fonte di energia, per lo più sconosciuta, rispetto a quella usata prima di allora. Sul piano commerciale, la potente benzina italiana doveva poi competere con la concorrenza dei tradizionali marchi Esso, Shell e Bp. Contemporaneamente Mattei, attraverso la SNAM, impostava un programma per realizzare una rete di metanodotti che portasse il gas in ogni angolo d Italia. Prima che questo arrivasse, lo anticipò con l impiego dell AGIPGAS, il gas di petrolio, liquefatto, utilizzato in bombole. Un mercato presto dominato dall Eni, fin dalla sua costituzione nel1953. La partecipazione dei paesi produttori alle attività di upstream (Esplorazione e Sviluppo). La formula Mattei che permise l inizio dell espansione dell Eni all estero. E stata la seconda grande intuizione di Mattei (dopo quella del gas naturale), che ha permesso all Eni di decollare nel campo internazionale, iniziando a scoprire una quantità impressionante di giacimenti di olio e di gas. I proventi delle vendite del gas in Italia permisero infatti all Eni di lanciarsi all estero. Mattei aveva subito compreso la necessità di un imprimatur internazionale per potersi ingrandire. Aveva cercato, sin dai primi anni Cinquanta, di entrare in qualche Paese dell Africa e del Medio Oriente. Ma aveva trovato la porta sbarrata dato che le grandi compagnie anglo americane cercavano di mantenere le loro posizioni di assoluto dominio in quei paesi. Queste compagnie 14

15 avevano solidi rapporti con i Governi dei paesi produttori che spesso erano ancora allo stato coloniale o ne erano usciti da poco. Questi rapporti erano basati su contratti che davano completa mano libera alle compagnie straniere, prevedendo solo il pagamento alle autorità del posto, di tasse e royalties sulla produzione di petrolio fino al 50% del suo valore. I paesi produttori non avevano però alcun coinvolgimento diretto nelle attività petrolifere, limitandosi a partecipare solo al profitto. Fu così che per fare breccia in un muro che sembrava invalicabile, inventò la formula (passata poi alla storia come formula Mattei) che permetteva ai paesi produttori di diventare partner fino al 50% delle società petrolifere nello sviluppo dei giacimenti, una volta scoperti da tali società. Dato che inoltre era previsto il pagamento delle tasse sempre al 50%, alla fine al paese produttore andava il 75% del profitto, mentre alla compagnia straniera restava il 25%. Prima la divisione era Era una proposta rivoluzionaria, infatti non solo i paesi produttori aumentavano notevolmente il loro profitto, ma entravano nel business petrolifero, da cui prima erano esclusi, acquisendo un esperienza che prima era loro negata. Mattei propose e applicò questo contratto per la prima volta in Iran nel1957. E lo finalizzò nei cinque anni successivi, in Egitto, Libia, Tunisia, Sudan, Marocco, Nigeria. Le iniziative di penetrazione furono affiancate da Mattei dalla realizzazione di reti commerciali che vendevano i prodotti finiti in molti paesi, sotto il marchio del cane a sei zampe, che aveva introdotto dal1952. Le società dell Eni hanno costruito e avviato a partire dagli anni 50 raffinerie in Marocco, Ghana, Tanzania, Tunisia, Congo, Zambia e Nigeria e in 24 Paesi furono introdotte reti di distribuzione e depositi: Camerun; Congo Brazzaville; Congo ex Belga; Costa d Avorio; Dahomey (Benin); Eritrea; Etiopia; Gabon; Ghana; Liberia; Libia; Madagascar; Marocco; Nigeria; Repubblica Centroafricana; Sierra Leone; Somalia; Sudan; Tanzania, Togo; Tunisia; Uganda; Zambia. Precorse anche quì i tempi, perchè i paesi produttori, che si erano consorziati nell OPEC nel 1960, costrinsero nel 1974 con la forza le 15

16 compagnie petrolifere a cedere a loro almeno i1 51% del business petrolifero, entrando così nelle operazioni. La decisione fu presa in seguito a quella che fu la prima grande crisi petrolifera, conseguente al blocco del Canale di Suez nella guerra fra Egitto e Israele (ottobre 1973). Crisi petrolifera che per l Italia fu attenuata perché nel maggio 1974 la SNAM inaugurava i due metanodotti che importavano gas dall Unione Sovietica (seguendo uno sviluppo impostato da Mattei) e dall Olanda contribuendo all aumento dei consumi di gas in Italia. Ormai l Europa si avviava alla metanizzazione. Mattei però non fece in tempo a vedere come la sua formula, che rivoluzionava i rapporti con i paesi produttori, era stata applicata dall OPEC nel Perchè era morto undici anni prima. L espansione del marketing dei prodotti petroliferi e il simbolo del Cane a Sei Zampe Mattei dette grande espansione al marketing dei prodotti petroliferi con il ripristino e l espansione delle raffinerie danneggiate dalla guerra (come le raffinerie di Livorno e Bari ristrutturate dalla joint venture Eni - Esso), con nuove realizzazioni (come la grande raffineria di Sannazzaro) e con i nuovi criteri adottati nelle stazioni di servizio, divenute con lui veri e propri punti di ristoro per gli automobilisti, oltre che di rifornimento per le loro auto. Introdusse anche nuovi criteri costruttivi, come l impiego del cemento armato precompresso per le pensiline (il primo esempio è stata la stazione di servizio a Roma, nel quartiere di Ponte Milvio, vicino al Ponte Duca d Aosta nel1954). Curava personalmente la pubblicità dei prodotti ed è stata sua l idea di adottare il simbolo del Cane a Sei Zampe, un capolavoro della pubblicistica mondiale. La simbologia è una delle espressioni più interessanti della psicologia umana, perché attraverso di essa si possono inviare messaggi che vanno al di là dei confini del tempo e dello spazio. Il Cane a Sei Zampe, con la lingua di fuoco che esce dalla bocca, occupa 16

17 certamente un posto preminente nei simboli delle società. Nato come emblema delle benzine AGIP, è divenuto poi il logo del Gruppo Eni. Merita che ci soffermiamo per una breve descrizione su come nacque e sul suo significato. Il concorso per la scelta del Cane a Sei Zampe Mattei decise di indire nel 1952 un concorso internazionale per scegliere un simbolo per i suoi prodotti petroliferi. La Giuria era composta da personaggi di grande rilievo, nell arte e nelle comunicazioni: Mario Sironi (pittore), Giò Ponti (architetto), Antonio Baldini ( scrittore e critico letterario), Mino Maccari (scrittore e disegnatore), Silvio Negro (giornalista). Segretario della Giuria: il giornalista Dante Ferrari (il Sole che poi divenne Sole -24 Ore). Il concorso ebbe un successo strepitoso. Furono presentati bozzetti e ci vollero 14 sedute della Giuria per scegliere i1vincitore. All unanimità in una seduta conclusiva, nel settembre 1952, fu designato il Cane a Sei Zampe. Sul suo autore incominciò la ridda di ipotesi, i cui dettagli ancora oggi non sono del tutto chiariti. Il nome indicato di Giuseppe Guzzi non era infatti quello dell ideatore del bozzetto, ma solo quello del suo rifinitore e questo si seppe subito. Si favoleggiò che dietro di lui ci fosse un noto artista che non voleva apparire. Dopo una decina d anni si seppe che era lo scultore Luigi Broggini (Varese Milano 1983). Era stato fra i protagonisti delle arti figurative italiane a cavallo della Seconda Guerra Mondiale, del gruppo di cui facevano parte Guttuso, Sassu, Migneco e Tassinari. La volontà dell autore di non comparire accanto al suo disegno vincente e il fatto che per molti anni rimase sconosciuto, non permette di avere una definizione ufficiale del significato di quel simbolo. Broggini inoltre non ammise mai di esserne l autore. La certezza si è avuta solo dopo la sua morte, nel 1983, attraverso la testimonianza del figlio, riportata dal giornalista Dante Ferrari, che era stato il Segretario della Giuria del Premio. Quando si fece il nome di Broggini, come suo effettivo autore, si parlò 17

18 anche di influenze nibelungiche, dato che la sua arte ha avuto anche temi di carattere analogo. In effetti quelle fiamme che escono dalle fauci del cane, possono far pensare a leggende di wagneriana memoria. Il cane, secondo un interpretazione che veniva data all ufficio stampa dell Eni negli anni Cinquanta, rappresenta l auto, mentre delle sei zampe, quattro sono le ruote dell auto e due le gambe del guidatore. Quasi un assicurazione che con quella benzina, il mezzo di locomozione diventa più veloce possibile, grazie alla profonda simbiosi fra la macchina e l automobilista. Come per tutte le opere d arte, molte sono state le altre interpretazioni date a questo simbolo. Ci limitiamo a ricordare quelle che vengono dalla mitologia africana, soprattutto in quella subsahariana, ma anche in quella greca e romana. Dove nelle tradizioni, esistono animali con un numero di zampe eccedente il normale, proprio per significare una forza non comune. Ricordiamo che in Tanzania e in Kenia fra le statuette intagliate nell arte makonde è frequente vedere leoni e giaguari con sei zampe. In Nigeria, nei bronzi del Benin, spesso l artista disegna l animale con un numero di zampe superiore al normale, quasi a significare una potenza soprannaturale. Al Cane a Sei Zampe si affiancarono sui mercati il Gatto con la coda che butta fuoco dell AGIPGAS e il Serpente per gli olii lubrificanti, prodotti per la prima volta dall AGIP. La nuova cultura d impresa nelle relazioni industriali e nelle aperture verso il sociale Non fu un aspetto secondario delle innovazioni di Mattei, quello riguardante i rapporti fra Azienda e Sindacati e le relazioni come le realtà sociali con cui l Eni veniva via via in contatto. In uno scenario che caratterizzava l Italia agli inizi degli anni Cinquanta, con solo l 1% di laureati e il 90% di persone in possesso della sola licenza elementare o di nessun titolo di studio, le relazioni industriali dell Eni di Mattei curarono lo sviluppo senza precedenti di risorse umane inserite in nuovi processi produttivi. 18

19 Il rapporto con i Sindacati fu affidato da Mattei alla mediazione dell ASAP, 1 Associazione Sindacale delle Aziende Petrolchimiche a Partecipazione Statale. Nacquero negli anni Cinquanta l Istituto Direzionale e Tecnico (IDET) e poi la Scuola Superiore degli Idrocarburi (oggi Scuola Eni Enrico Mattei), dove sono transitate centinaia di allievi dei Paesi del Terzo Mondo, divenuti poi classe dirigente nei loro Paesi emergenti, verso i quali l apertura di un dialogo fu un obiettivo fondamentale della politica di Mattei. Negli stessi anni furono realizzate case aziendali in vari comuni d Italia a servizio dei luoghi di lavoro e, uno per tutti, l esemplare villaggio di Metanopoli. Per il tempo libero e il sociale furono realizzate colonie marine e montane, l avveniristico villaggio di Borca di Cadore e i complessi alberghieri di Pugnochiuso. Con Mattei trovò spazio per la prima volta anche il problema ambiente di lavoro, per cui superando il concetto di compenso del rischio, si imponeva nei contratti sindacali la via della eliminazione del rischio stesso. 19

20 Conclusioni L Eni ha oggi una produzione di olio e gas che supera 1,8 milioni di barili di olio equivalente (boe) ed è ai primi posti fra i grandi gruppi petroliferi mondiali. Con la sua rete di approvvigionamento e distribuzione ha consentito all economia italiana di superare i momenti difficili delle crisi petrolifere e di assicurare continuità di rifornimenti al Paese, anche quando diverse compagnie straniere abbandonarono l Italia. Questo risultato, raggiunto sviluppando le direttive inizialmente tracciate da Enrico Mattei, riassume meglio di qualsiasi discorso, il giudizio da dare del Primo Presidente dell Eni, di cui ricorre quest anno il cinquantenario della morte. La sua visione dell importanza del gas (prima nell Europa Occidentale), dell adeguamento tecnologico e organizzativo, oltre alla necessità di un dialogo con i paesi produttori, sono le caratteristiche fondamentali che gli hanno fatto conquistare un posto di rilievo nella storia del petrolio del XX secolo. Oggi possiamo valutare in pieno la grandezza di quelle intuizioni che rendono sempre più attuale l opera di Enrico Mattei. Le cui radici sono riassunte nella targa posta nel 2000 dai Pionieri AGIP e SNAM sulla piazza di Caviaga, simbolo dello sviluppo del gas naturale italiano e dell Europa Occidentale, che qui riportiamo: II Comune di Cavenago d Adda I Pionieri e Veterani AGIP e SNAM ricordano ENRICO MATTEI qui a Caviaga dove l AGIP scoprì nel Maggio 1944 il primo grande giacimento a gas dell Europa Occidentale Iniziò cosi lo sviluppo della rete dei metanodotti SNAM Da Caviaga partì l intuizione sul gas di Mattei che creò l ENI permettendo all Italia di entrare nelle grandi strategie mondiali degli idrocarburi 20

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA Adottata dalla Conferenza dei Capi di Stato e di Governo dell'oua riuniti

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

20 DOMANDE SU TEMPA ROSSA: TOTAL RISPONDE

20 DOMANDE SU TEMPA ROSSA: TOTAL RISPONDE 20 DOMANDE SU TEMPA ROSSA: ROSSA: TOTAL RISPONDE TOTAL IN BREVE LA NOSTRA MISSIONE Agire in maniera responsabile per consentire un accesso sempre maggiore all energia, in un mondo in cui la domanda è

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco Pagina 1 di 5 Francesco Toppi 1928-2014 di Eliseo Cardarelli PROMOSSI ALLA GLORIA Francesco Toppi 1928 2014 Il pastore Francesco Toppi era nato a Roma il 1 gennaio del 1928, da Gioacchino e Gina Gorietti,

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Il Servizio Sismico Svizzero (SED)

Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Storia e missione del SED Il Servizio Sismico Svizzero registra in media due terremoti al giorno. Di questi, circa dieci ogni anno sono abbastanza forti da essere percepiti

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli