Enrico Mattei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Enrico Mattei 1906-1962"

Transcript

1 1

2 Operare in silenzio, con tenacia nell interesse del nostro Paese, ogni giorno un ansia nuova ci sospinge, fare, agire assecondare lo sforzo di questo nostro popolo che risorge. Noi abbiamo fiducia nella Provvidenza Essa assiste sempre tutti; e assiste il nostro Paese che fiorisce e si rinnova Tratto da uno dei suoi ultimi discorsi e che può essere preso come Sua testimonianza spirituale edito a cura apve - associazione pioniei e veterani eni in occasione del 50 anniversario della scomparsa 27 ottobre 1962 Foto dell Archivio Storico dell Eni Testo di Francesco Guidi Grafica DISE divisione e&p 2

3 Enrico Mattei

4 4

5 Enrico Mattei ( ) II messaggio che ha lasciato alle nuove generazioni dell Eni Il 29 aprile 1906 nasceva ad Acqualagna (Pesaro Urbino) Enrico Mattei, il personaggio che ha segnato una svolta nella storia italiana degli idrocarburi e che, con la creazione dell Eni, ha permesso all Italia di entrare nelle strategie mondiali del Petrolio e del Gas. Sono molte le iniziative prese per celebrare questo avvenimento. Al di là delle tante cerimonie e dei libri realizzati per l occasione, l associazione pionieri e veterani eni (apve) vuole ricordarlo con questo breve opuscolo che intende riassumere per le nuove generazioni soprattutto quelle caratteristiche di Enrico Mattei che sono alla base della nascita dell industria del gas naturale in Italia, con 30 anni d anticipo rispetto agli altri paesi dell Europa Occidentale. Ha lanciato l Eni tra i maggiori gruppi intenazionali del mondo, operanti nell Esplorazione, Produzione, Progettazione, Sviluppo e Trasporto del Petrolio e del Gas. Mattei ha permesso infatti all Italia di dotarsi di una grande società petrolifera, l Eni, con un grande peso nelle strategie mondiali del petrolio e del gas. Un interpretazione restrittiva del Trattato di Pace nella seconda metà degli anni quaranta non sembrava permettere, almeno inizialmente, un industria petrolifera nazionale ai maggiori paesi usciti sconfitti dalla Seconda Guerra Mondiale: Germania, Italia, Giappone. E stato così che in Germania (come anche in Giappone), dove non ci fù un Mattei, il settore nazionale degli idrocarburi finì per decenni in balìa delle compagnie straniere. Solo negli anni Settanta incominciò ad affermarsi in Germania la VEBA partita però, con diversi decenni di ritardo. Altrettanto è avvenuto in Giappone. Così questi due grandi paesi, pur essendo al top dell industrializzazione mondiale, non hanno ancora oggi una grande compagnia petrolifera 5

6 internazionale, in grado di recitare un ruolo da protagonista sullo scenario mondiale degli idrocarburi. Una cronologia degli episodi salienti della vita di Enrico Mattei - 29 aprile 1906: Enrico Mattei nasce ad Acqualagna, (Pesaro Urbino). Il padre, Antonio, era un brigadiere dei carabinieri, di origine abruzzese, nato a Civitella Roveto (L Aquila).Era salito agli onori della cronaca per la cattura del brigante calabrese Musolino. Dette il nome di Enrico al suo primogenito, come suggerito dalla nonna materna del bambino, maestra d asilo, in ricordo del protagonista del 1ibro Cuore di De Amicis. Il brigadiere Antonio, andato in pensione nel 1919, si spostò a Matelica (Macerata) dove Enrico Mattei pose le radici : interrotti gli studi (si diplomerà successivamente in ragioneria) incomincia a lavorare in piccole industrie a Matelica, fino ad arrivare in una conceria, dove fà una rapida carriera : si trasferisce a Milano e si afferma come rappresentante di una ditta di vernici. Fonda a Dergano (Milano) l Industria Chimica Lombarda. Compra a Matelica una casa per i genitori : sposa Greta Paulas, da Vienna : con la caduta del fascismo si accosta alla Resistenza attraverso il prof. Marcello Boldrini, anche lui di Matelica, che insegnava Statistica all Università Cattolica di Milano : entra nel Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI) come rappresentante delle forze cattoliche aprile 1945: è nominato Commissario Straordinario dell AGIP,con1 indicazione del Governo di procedere alla sua liquidazione : Mattei rendendosi conto dell importanza della scoperta fatta dall AGIP nel 1944 del grande giacimento di gas naturale di Caviaga (Lodi), il primo di dimensioni notevoli dell Europa Occidentale, non liquida l AGIP, ma la rafforza (divenendone successivamente il Presidente), valorizzando le ricerche già avviate dall ing. Carlo Zanmatti, che diventò il suo principale collaboratore. Procede nella ricerca del gas nella Pianura Padana e inizia a realizzare una grande rete di distribuzione, attraverso la SNAM. 6

7 Arriva così a metanizzare progressivamente l Italia, che diviene il primo paese dell Europa Occidentale a utilizzare il gas come fonte primaria di energia. Avvia in Italia la costruzione di una moderna rete di distribuzione di carburanti e di servizi per gli automobilisti, arricchiti da una rete di motel e di ristoranti, che hanno modificato il panorama e il costume del Paese. - Dopo i1 1948, la ricerca di idrocarburi si estende progressivamente alle altre regioni italiane, al di fuori della Pianura Padana, arrivando a Ravenna (1952) e quindi in Adriatico. A partire dal 1959 affronta il tema dell offshore, per il quale l Italia è la prima nell Europa Occidentale. - Febbraio 1953: il Parlamento italiano approva la costituzione dell Eni, proposto da Enrico Mattei, che ne diviene il primo Presidente. Nasce un gruppo integrato degli idrocarburi che, forte nella produzione di gas in Italia, si estende rapidamente all estero. - Nel corso del 1954 rileva il PIGNONE di Firenze in stato di fallimento e lo rilancia come NUOVO PIGNONE. - Nel 1955 Mattei, entra in Egitto, espandendo l Esplorazione e la Produzione di olio e gas. - Nel 1956 l Eni di Mattei fonda l AGIP NUCLEARE che progetta, con l aiuto di una Società inglese, la prima centrale nucleare italiana a Latina, completata ne Nel 1957 Mattei firma i primi contratti all estero in Egitto e Iran, con Ia formula innovativa che impegna i paesi produttori come partner nella ricerca e nello sviluppo dei giacimenti di petrolio e di gas. - Nel 1958 e fino al 1962 costituisce società in Marocco, Sudan, Libia, Tunisia e Nigeria ottobre 1962: Enrico Mattei muore in un incidente aereo a Bascapè ( 20 km a Sud di Milano). 7

8 Riportiamo le conclusioni della II Indagine sull incidente di Bascapè del PM Calia del Tribunale di Pavia conclusasi nel Marzo 2003 e un articolo del Prof. Firrao 1. LA CADUTA DELL AEREO MORANE SAULNIER 760/B PARIS I-SNAP, CON A BORDO ENRICO MATTEI, WILLIAM MC HALE E IRNERIO BERTUZZI È STATA CONSEGUENZA DIRETTA DI UN SABOTAGGIO L indagine tecnica, confortata dalle testimonianze orali e dalle prove documentali raccolte, in assenza di evidenze contrarie, permette di ritenere inequivocabilmente provato che l I-SNAP è precipitato a seguito di un esplosione limitata, non distruttiva, verificatasi all interno del velivolo. 2. È infatti provato che: - a bordo dell I-SNAP si è verificata un esplosione; - l esplosione si è verificata durante il volo e non in coincidenza o dopo l impatto col suolo; Le fonti di prova raccolte dimostrano che l aereo a bordo del quale viaggiavano Enrico Mattei, William Mc Hale e Irnerio Bertuzzi, venne dolosamente abbattuto nel cielo di Bascapè la sera del 27 ottobre Il mezzo utilizzato fu una limitata carica esplosiva, probabilmente innescata dal comando che abbassava il carrello e apriva i portelloni di chiusura dei suoi alloggiamenti. È infatti provato che: a bordo dell I- SNAP si è verificata un esplosione; l esplosione si è verificata durante il volo e non in coincidenza o dopo l impatto col suolo; Il Prof. Firrao del Politecnico di Torino Dipartimento di Scienza dei Materiali, incaricato dal Tribunale di Pavia, ha scritto per una rivista americana: l aereo di Enrico Mattei, presidente dell ente italiano idrocarburi, ENI, mentre era in procinto di atterrare presso l aeroporto di Milano Linate 8

9 il 27 Ottobre 1962 si schiantò al suolo a causa di un incidente allora inspiegabile. L indagine riaperta più di trenta anni dopo ha richiesto un completo riesame delle teorie sulle deformazioni macroscopiche e del reticolo in metalli sottoposti ad onde ad alta velocità emanate da una piccola carica esplosiva. Vari tipi di cambiamenti micro e macro strutturali sono infatti indotti da un esplosione e dai risultanti sforzi di taglio che insistono sui metalli stessi. A livello microstrutturale si possono osservare bande di scivolamento o geminazioni meccaniche indotte dalle onde di pressione scatenate dall esplosione A quel momento l AGIP produce in Italia 7 miliardi di metri cubi di gas all anno, mentre gli altri paesi europei hanno produzioni e consumi insignificanti che diverranno consistenti solo dopo gli anni Settanta, con l entrata in produzione dei giacimenti dell Olanda e del Mare del Nord. Contemporaneamente iniziano le importazioni di gas dall Unione Sovietica. L Italia nel l962, alla morte di Mattei, ha una rete di metanodotti SNAM il cui sviluppo è di km: è terza nel mondo, dietro Stati Uniti e Unione Sovietica. Oggi, andando avanti su quello slancio, ha superato i km. Alla rete stradale di distribuzione in Italia, si vanno affiancando le reti AGIP nei Paesi europei e 1 ingresso nei mercati extraeuropei. All estero la produzione di olio è limitata a Egitto (equity 3,3 milioni di tonnellate l anno) e Iran ( t/anno). Erano state però gettate le basi per produzioni ben più consistenti, con l ingresso in Libia, Tunisia e Nigeria, nei quali 1 Eni era riuscita a entrare, grazie alla formula di Enrico Mattei, nei primi anni Sessanta. Le scoperte in questi paesi avvenivano subito dopo, mentre si ampliavano quelle già fatte in Egitto e in Iran. Nei primi anni Settanta l equity di olio dell AGIP era di 15 milioni di tonnellate l anno ( b/g). Molti di quei giacimenti sono ancora in produzione: Belaym e Abu Madi (Egitto), Bu Attifel (Libia), El Borma (Tunisia), Ebocha - Mbede (Nigeria). 9

10 Le intuizioni di Enrico Mattei Esaminare le intuizioni di Enrico Mattei, è una chiave di lettura della sua vita professionale, che é giusto riassumere nel cinquantesimo della sua scomparsa quando il suo lavoro può essere analizzato alla luce dei fatti sconvolgenti che sono avvenuti e avvengono nel settore petrolifero su scala mondiale. Qui infatti è sempre più serrata la ricerca delle fonti di energia, delle quali il petrolio e i1 gas costituiscono la parte preponderante: quasi il 65 %. Molti dei conflitti degli ultimi 50 anni, hanno la loro origine proprio nel controllo delle fonti di energia, come del resto è confermato dalle tensioni che dominano in Medio Oriente e nella regione del Golfo in particolare. La vita industriale di Mattei è stata tutta una serie di intuizioni delle quali ha tratto vantaggio l Italia che, grazie ad esse, si è potuta inserire nelle grandi strategie mondiali degli idrocarburi. Ci limitiamo a elencare le due principali: i1 Gas Naturale e la partecipazione dei paesi produttori alle attività di Esplorazione e Produzione. Segnaliamo inoltre lo sviluppo competitivo del settore della raffinazione e distribuzione di molti Paesi europei ed extraeuropei con la creazione di una nuova originale cultura d impresa nelle relazioni industriali e nel dialogo con le realtà sociali. il Gas Naturale Mettiamo questa forma di energia per prima, perché è stata proprio l intuizione della sua futura importanza, che ha permesso a Mattei di gettare le basi dell AGIP moderna e della SNAM, che hanno fatto da trampolino di lancio per la creazione e lo sviluppo dell Eni. Mattei intuì nel 1945, quando incominciò a occuparsi di idrocarburi, che i consumi di gas naturale, allora insignificanti, sarebbero decollati, quando ce ne sarebbe stata disponibilità, divenendo una delle fonti principali di energia. Oggi il gas naturale rappresenta il 23% dei consumi energetici, contro i1 10

11 41% del petrolio, il 25% del carbone e 1 11% del resto delle altre fonti: idro - geo - nucleare. E c e chi dice che il gas potrebbe fra 20 anni superare i1 petrolio, se non interverranno nel frattempo altre fonti di energia. I precedenti A metà degli anni Quaranta il gas naturale come fonte di energia in Europa era a livelli trascurabili. Negli Stati Uniti, già allora grande produttore, veniva invece utilizzato ma soprattutto vicino alle zone di produzione. Nell Europa Occidentale l impiego del gas naturale era pressoché sconosciuto, perché non ne erano state scoperte quantità di dimensioni commerciali. L industria utilizzava come fonti di energia, oltre al carbone e all idroelettrico, il petrolio e i suoi derivati, mentre per gli usi domestici si utilizzava il cosiddetto gas di città, che era un prodotto della distillazione del carbone fossile (coke). D altro canto mancavano le tecnologie per i grandi trasporti del gas dai luoghi di produzione a quelli di consumo. Cioè dai deserti africani e del Medio Oriente alle zone industrializzate dell Europa. Mentre non esisteva ancora la ricerca offshore e quindi non c erano state le scoperte del Mare del Nord. ll gas naturale che veniva scoperto nel corso della ricerca petrolifera, in quanto si trova spesso associato con il petrolio o comunque in strutture di tipo analogo, restava inutilizzato, se non c era la possibilità di un uso sul posto o nelle vicinanze. E questo avveniva di frequente, in quanto la maggior parte dei paesi produttori erano in zone scarsamente industrializzate. La scoperta di Caviaga Iniziata nel 1926 con la creazione dell AGIP la ricerca petrolifera in Italia in modo sistematico, questa non aveva avuto successo fino ai primi anni Quaranta per la difficile geologia del sottosuolo italiano e la mancanza di sistemi geofisici adeguati per individuare strutture favorevoli all accumulo di idrocarburi. Il metodo della sismica a riflessione fu introdotto nella ricerca petrolifera 11

12 alla fine degli anni Venti del secolo scorso negli Stati Uniti e fu subito un successo, diminuendo drasticamente il numero di pozzi sterili. A metà degli anni Trenta, operavano negli Stati Uniti 500 gruppi sismici. L Europa però era lontana e la ricerca petrolifera languiva, proprio per 1 elevato numero di pozzi sterili. Fu merito dell ing. Tiziano Rocco, Capo del Servizio Geofisico dell AGIP alla metà degli anni Trenta, che convinse la Direzione della Società a provare questo sistema in Italia, facendo venire un Gruppo Sismico della Western Geophysical Company, una delle maggiori società geofisiche americane, di proprietà di Henry Salvatori, un italo americano di Tocco Casauria (vicino Pescara), emigrato con la famiglia negli Stati Uniti all inizio del secolo scorso. II gruppo sismico arrivò a Genova nel gennaio 1940 e iniziò i rilievi vicino Lodi nel giugno di quell anno. A Caviaga fu individuata subito una struttura. Carlo Migliorini, che era allora responsabile dell Esplorazione dell AGIP, insieme a Tiziano Rocco, ubicarono il pozzo di Caviaga 1 che iniziò la perforazione nel maggio La perforazione trovò notevoli difficoltà logistiche per la guerra che si stava sempre più avvicinando alla Pianura Padana. II 25 luglio 1943 era caduto il regime fascista e 1 8 settembre l Italia si ritirò formalmente dalla guerra, avendo chiesto e ottenuto l armistizio. Tutta l Italia del Nord fù però occupata dai tedeschi. Immaginabili le conseguenze per le attività di perforazione al Caviaga 1 che durarono un anno, arrivando alla scoperta del giacimento omonimo di gas, nel maggio II pozzo fù messo subito in produzione con il gas che alimentava le auto a metano, mentre la gasolina che era prodotta insieme al gas, veniva utilizzata come benzina direttamente nelle macchine. Non fu possibile perforare altri pozzi per confermare la scoperta. Lo impedì l avvicinarsi della guerra alla Pianura Padana. Ma dalla produzione di quel pozzo, tenuto in continua erogazione per un anno, si vide che la pressione a testa e a fondo pozzo si manteneva costante: un segno che si trattava di un giacimento dalle riserve notevoli. Successivamente si stabilì che le riserve iniziali erano di 12 miliardi di 12

13 metri cubi di gas. Prima di allora i giacimenti scoperti avevano riserve massime solo di una decina di milioni di metri cubi ciascuno. Caviaga era mille volte maggiore. Ancora oggi il giacimento è in produzione, estrae metri cubi/giorno che vengono immessi nella rete di Lodi. L arrivo di Mattei il 30 aprile 1945 L Italia del Nord fu liberata dai tedeschi il 25 aprile Il 30 aprile Enrico Mattei fu nominato dal Governo Italiano (Primo Ministro Ferruccio Parri) Commissario Straordinario dell AGIP con un mandato di sei mesi, entro i quali avrebbe dovuto liquidare la Società. Si rese però subito conto che il futuro dell AGIP poteva essere diverso dopo la scoperta di Caviaga. L ing. Carlo Zanmatti, che era stato con l AGIP fin dal 1927, gli fece un quadro della situazione completa delle possibilità future della ricerca di idrocarburi in Italia. La scoperta del giacimento di Caviaga e l individuazione da parte del gruppo sismico che aveva proseguito i suoi rilievi, di altre strutture, faceva intuire che la Pianura Padana fosse un bacino ricco di idrocarburi. Si trattava però per la maggior parte di gas naturale, una forma di energia allora non molto apprezzata dall industria e dai consumatori privati. Mattei rischiò. Chiese al Primo Ministro Ferruccio Parri un estensione del suo mandato che gli permettesse la perforazione di un pozzo di conferma a Caviaga e l ottenne. Quando il Caviaga 2 confermò la scoperta, decise che 1 AGIP sarebbe sopravvissuta e anzi sarebbe diventata una grande società di ricerca e produzione internazionale. Si trattava però di convincere la popolazione e le industrie italiane della bontà dell impiego del gas. La rapida espansione della produzione e dei consumi di gas in ltalia Mentre l AGIP si impegnava in una intensa campagna esplorativa per scoprire e produrre altro gas ed eventualmente petrolio in Pianura Padana e in altre regioni italiane, Mattei promuoveva una grande campagna di sensibilizzazione per convincere i consumatori italiani dei grandi vantaggi derivanti dall uso del gas naturale, sia per gli impieghi industriali, sia per quelli domestici. 13

14 Sviluppò la petrolchimica con l utilizzo del metano nei due grandi impianti di Gela e Ravenna. Affiancava al gas, la campagna aperta in Italia con la pubblicità della benzina italiana sotto il marchio di SUPERCORTEMAGGIORE. Fu un compito arduo, perchè, oltre tutto, si andava contro interessi consolidati. La bontà dell impiego del metano- oggi scontato, anche per le sue positive ricadute sull impatto ambientale- sessanta anni fa era tutta da dimostrare. Ed è sempre difficile cambiare gli usi e le abitudini della gente per indurla a utilizzare un altra fonte di energia, per lo più sconosciuta, rispetto a quella usata prima di allora. Sul piano commerciale, la potente benzina italiana doveva poi competere con la concorrenza dei tradizionali marchi Esso, Shell e Bp. Contemporaneamente Mattei, attraverso la SNAM, impostava un programma per realizzare una rete di metanodotti che portasse il gas in ogni angolo d Italia. Prima che questo arrivasse, lo anticipò con l impiego dell AGIPGAS, il gas di petrolio, liquefatto, utilizzato in bombole. Un mercato presto dominato dall Eni, fin dalla sua costituzione nel1953. La partecipazione dei paesi produttori alle attività di upstream (Esplorazione e Sviluppo). La formula Mattei che permise l inizio dell espansione dell Eni all estero. E stata la seconda grande intuizione di Mattei (dopo quella del gas naturale), che ha permesso all Eni di decollare nel campo internazionale, iniziando a scoprire una quantità impressionante di giacimenti di olio e di gas. I proventi delle vendite del gas in Italia permisero infatti all Eni di lanciarsi all estero. Mattei aveva subito compreso la necessità di un imprimatur internazionale per potersi ingrandire. Aveva cercato, sin dai primi anni Cinquanta, di entrare in qualche Paese dell Africa e del Medio Oriente. Ma aveva trovato la porta sbarrata dato che le grandi compagnie anglo americane cercavano di mantenere le loro posizioni di assoluto dominio in quei paesi. Queste compagnie 14

15 avevano solidi rapporti con i Governi dei paesi produttori che spesso erano ancora allo stato coloniale o ne erano usciti da poco. Questi rapporti erano basati su contratti che davano completa mano libera alle compagnie straniere, prevedendo solo il pagamento alle autorità del posto, di tasse e royalties sulla produzione di petrolio fino al 50% del suo valore. I paesi produttori non avevano però alcun coinvolgimento diretto nelle attività petrolifere, limitandosi a partecipare solo al profitto. Fu così che per fare breccia in un muro che sembrava invalicabile, inventò la formula (passata poi alla storia come formula Mattei) che permetteva ai paesi produttori di diventare partner fino al 50% delle società petrolifere nello sviluppo dei giacimenti, una volta scoperti da tali società. Dato che inoltre era previsto il pagamento delle tasse sempre al 50%, alla fine al paese produttore andava il 75% del profitto, mentre alla compagnia straniera restava il 25%. Prima la divisione era Era una proposta rivoluzionaria, infatti non solo i paesi produttori aumentavano notevolmente il loro profitto, ma entravano nel business petrolifero, da cui prima erano esclusi, acquisendo un esperienza che prima era loro negata. Mattei propose e applicò questo contratto per la prima volta in Iran nel1957. E lo finalizzò nei cinque anni successivi, in Egitto, Libia, Tunisia, Sudan, Marocco, Nigeria. Le iniziative di penetrazione furono affiancate da Mattei dalla realizzazione di reti commerciali che vendevano i prodotti finiti in molti paesi, sotto il marchio del cane a sei zampe, che aveva introdotto dal1952. Le società dell Eni hanno costruito e avviato a partire dagli anni 50 raffinerie in Marocco, Ghana, Tanzania, Tunisia, Congo, Zambia e Nigeria e in 24 Paesi furono introdotte reti di distribuzione e depositi: Camerun; Congo Brazzaville; Congo ex Belga; Costa d Avorio; Dahomey (Benin); Eritrea; Etiopia; Gabon; Ghana; Liberia; Libia; Madagascar; Marocco; Nigeria; Repubblica Centroafricana; Sierra Leone; Somalia; Sudan; Tanzania, Togo; Tunisia; Uganda; Zambia. Precorse anche quì i tempi, perchè i paesi produttori, che si erano consorziati nell OPEC nel 1960, costrinsero nel 1974 con la forza le 15

16 compagnie petrolifere a cedere a loro almeno i1 51% del business petrolifero, entrando così nelle operazioni. La decisione fu presa in seguito a quella che fu la prima grande crisi petrolifera, conseguente al blocco del Canale di Suez nella guerra fra Egitto e Israele (ottobre 1973). Crisi petrolifera che per l Italia fu attenuata perché nel maggio 1974 la SNAM inaugurava i due metanodotti che importavano gas dall Unione Sovietica (seguendo uno sviluppo impostato da Mattei) e dall Olanda contribuendo all aumento dei consumi di gas in Italia. Ormai l Europa si avviava alla metanizzazione. Mattei però non fece in tempo a vedere come la sua formula, che rivoluzionava i rapporti con i paesi produttori, era stata applicata dall OPEC nel Perchè era morto undici anni prima. L espansione del marketing dei prodotti petroliferi e il simbolo del Cane a Sei Zampe Mattei dette grande espansione al marketing dei prodotti petroliferi con il ripristino e l espansione delle raffinerie danneggiate dalla guerra (come le raffinerie di Livorno e Bari ristrutturate dalla joint venture Eni - Esso), con nuove realizzazioni (come la grande raffineria di Sannazzaro) e con i nuovi criteri adottati nelle stazioni di servizio, divenute con lui veri e propri punti di ristoro per gli automobilisti, oltre che di rifornimento per le loro auto. Introdusse anche nuovi criteri costruttivi, come l impiego del cemento armato precompresso per le pensiline (il primo esempio è stata la stazione di servizio a Roma, nel quartiere di Ponte Milvio, vicino al Ponte Duca d Aosta nel1954). Curava personalmente la pubblicità dei prodotti ed è stata sua l idea di adottare il simbolo del Cane a Sei Zampe, un capolavoro della pubblicistica mondiale. La simbologia è una delle espressioni più interessanti della psicologia umana, perché attraverso di essa si possono inviare messaggi che vanno al di là dei confini del tempo e dello spazio. Il Cane a Sei Zampe, con la lingua di fuoco che esce dalla bocca, occupa 16

17 certamente un posto preminente nei simboli delle società. Nato come emblema delle benzine AGIP, è divenuto poi il logo del Gruppo Eni. Merita che ci soffermiamo per una breve descrizione su come nacque e sul suo significato. Il concorso per la scelta del Cane a Sei Zampe Mattei decise di indire nel 1952 un concorso internazionale per scegliere un simbolo per i suoi prodotti petroliferi. La Giuria era composta da personaggi di grande rilievo, nell arte e nelle comunicazioni: Mario Sironi (pittore), Giò Ponti (architetto), Antonio Baldini ( scrittore e critico letterario), Mino Maccari (scrittore e disegnatore), Silvio Negro (giornalista). Segretario della Giuria: il giornalista Dante Ferrari (il Sole che poi divenne Sole -24 Ore). Il concorso ebbe un successo strepitoso. Furono presentati bozzetti e ci vollero 14 sedute della Giuria per scegliere i1vincitore. All unanimità in una seduta conclusiva, nel settembre 1952, fu designato il Cane a Sei Zampe. Sul suo autore incominciò la ridda di ipotesi, i cui dettagli ancora oggi non sono del tutto chiariti. Il nome indicato di Giuseppe Guzzi non era infatti quello dell ideatore del bozzetto, ma solo quello del suo rifinitore e questo si seppe subito. Si favoleggiò che dietro di lui ci fosse un noto artista che non voleva apparire. Dopo una decina d anni si seppe che era lo scultore Luigi Broggini (Varese Milano 1983). Era stato fra i protagonisti delle arti figurative italiane a cavallo della Seconda Guerra Mondiale, del gruppo di cui facevano parte Guttuso, Sassu, Migneco e Tassinari. La volontà dell autore di non comparire accanto al suo disegno vincente e il fatto che per molti anni rimase sconosciuto, non permette di avere una definizione ufficiale del significato di quel simbolo. Broggini inoltre non ammise mai di esserne l autore. La certezza si è avuta solo dopo la sua morte, nel 1983, attraverso la testimonianza del figlio, riportata dal giornalista Dante Ferrari, che era stato il Segretario della Giuria del Premio. Quando si fece il nome di Broggini, come suo effettivo autore, si parlò 17

18 anche di influenze nibelungiche, dato che la sua arte ha avuto anche temi di carattere analogo. In effetti quelle fiamme che escono dalle fauci del cane, possono far pensare a leggende di wagneriana memoria. Il cane, secondo un interpretazione che veniva data all ufficio stampa dell Eni negli anni Cinquanta, rappresenta l auto, mentre delle sei zampe, quattro sono le ruote dell auto e due le gambe del guidatore. Quasi un assicurazione che con quella benzina, il mezzo di locomozione diventa più veloce possibile, grazie alla profonda simbiosi fra la macchina e l automobilista. Come per tutte le opere d arte, molte sono state le altre interpretazioni date a questo simbolo. Ci limitiamo a ricordare quelle che vengono dalla mitologia africana, soprattutto in quella subsahariana, ma anche in quella greca e romana. Dove nelle tradizioni, esistono animali con un numero di zampe eccedente il normale, proprio per significare una forza non comune. Ricordiamo che in Tanzania e in Kenia fra le statuette intagliate nell arte makonde è frequente vedere leoni e giaguari con sei zampe. In Nigeria, nei bronzi del Benin, spesso l artista disegna l animale con un numero di zampe superiore al normale, quasi a significare una potenza soprannaturale. Al Cane a Sei Zampe si affiancarono sui mercati il Gatto con la coda che butta fuoco dell AGIPGAS e il Serpente per gli olii lubrificanti, prodotti per la prima volta dall AGIP. La nuova cultura d impresa nelle relazioni industriali e nelle aperture verso il sociale Non fu un aspetto secondario delle innovazioni di Mattei, quello riguardante i rapporti fra Azienda e Sindacati e le relazioni come le realtà sociali con cui l Eni veniva via via in contatto. In uno scenario che caratterizzava l Italia agli inizi degli anni Cinquanta, con solo l 1% di laureati e il 90% di persone in possesso della sola licenza elementare o di nessun titolo di studio, le relazioni industriali dell Eni di Mattei curarono lo sviluppo senza precedenti di risorse umane inserite in nuovi processi produttivi. 18

19 Il rapporto con i Sindacati fu affidato da Mattei alla mediazione dell ASAP, 1 Associazione Sindacale delle Aziende Petrolchimiche a Partecipazione Statale. Nacquero negli anni Cinquanta l Istituto Direzionale e Tecnico (IDET) e poi la Scuola Superiore degli Idrocarburi (oggi Scuola Eni Enrico Mattei), dove sono transitate centinaia di allievi dei Paesi del Terzo Mondo, divenuti poi classe dirigente nei loro Paesi emergenti, verso i quali l apertura di un dialogo fu un obiettivo fondamentale della politica di Mattei. Negli stessi anni furono realizzate case aziendali in vari comuni d Italia a servizio dei luoghi di lavoro e, uno per tutti, l esemplare villaggio di Metanopoli. Per il tempo libero e il sociale furono realizzate colonie marine e montane, l avveniristico villaggio di Borca di Cadore e i complessi alberghieri di Pugnochiuso. Con Mattei trovò spazio per la prima volta anche il problema ambiente di lavoro, per cui superando il concetto di compenso del rischio, si imponeva nei contratti sindacali la via della eliminazione del rischio stesso. 19

20 Conclusioni L Eni ha oggi una produzione di olio e gas che supera 1,8 milioni di barili di olio equivalente (boe) ed è ai primi posti fra i grandi gruppi petroliferi mondiali. Con la sua rete di approvvigionamento e distribuzione ha consentito all economia italiana di superare i momenti difficili delle crisi petrolifere e di assicurare continuità di rifornimenti al Paese, anche quando diverse compagnie straniere abbandonarono l Italia. Questo risultato, raggiunto sviluppando le direttive inizialmente tracciate da Enrico Mattei, riassume meglio di qualsiasi discorso, il giudizio da dare del Primo Presidente dell Eni, di cui ricorre quest anno il cinquantenario della morte. La sua visione dell importanza del gas (prima nell Europa Occidentale), dell adeguamento tecnologico e organizzativo, oltre alla necessità di un dialogo con i paesi produttori, sono le caratteristiche fondamentali che gli hanno fatto conquistare un posto di rilievo nella storia del petrolio del XX secolo. Oggi possiamo valutare in pieno la grandezza di quelle intuizioni che rendono sempre più attuale l opera di Enrico Mattei. Le cui radici sono riassunte nella targa posta nel 2000 dai Pionieri AGIP e SNAM sulla piazza di Caviaga, simbolo dello sviluppo del gas naturale italiano e dell Europa Occidentale, che qui riportiamo: II Comune di Cavenago d Adda I Pionieri e Veterani AGIP e SNAM ricordano ENRICO MATTEI qui a Caviaga dove l AGIP scoprì nel Maggio 1944 il primo grande giacimento a gas dell Europa Occidentale Iniziò cosi lo sviluppo della rete dei metanodotti SNAM Da Caviaga partì l intuizione sul gas di Mattei che creò l ENI permettendo all Italia di entrare nelle grandi strategie mondiali degli idrocarburi 20

L Italia ha incominciato a interessarsi di offshore

L Italia ha incominciato a interessarsi di offshore Dante Jaboli e l offshore italiano DI FRANCESCO GUIDI E FRANCO DI CESARE L Italia è stato il primo paese europeo a dotarsi, nel 1967, di una legislazione per l esplorazione e produzione di idrocarburi

Dettagli

L Eni di MATTEI. Le fonti da cui sono tratte le informazioni sono indicate alla fine del documento

L Eni di MATTEI. Le fonti da cui sono tratte le informazioni sono indicate alla fine del documento L Eni di MATTEI Le fonti da cui sono tratte le informazioni sono indicate alla fine del documento 1945: Scontro per le sorti dell Agip. Il 10 aprile si ricostituisce a Roma il Consiglio di amministrazione

Dettagli

Saggistica Aracne 262

Saggistica Aracne 262 Saggistica Aracne 262 Mauro Annese Il Petrolio Un percorso quasi autobiografico lungo le vie del petrolio descritto in 101 domande e risposte Prefazione di Brunetto Chiarelli Copyright MMXIII ARACNE editrice

Dettagli

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Associazione per lo sviluppo dell alta cultura in Milano, Ricordo della posa della prima pietra per le nuove sedi

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

SINTESI per la STAMPA

SINTESI per la STAMPA Basilicata Basilicata e CdLT di Potenza Provinciale di Potenza SINTESI per la STAMPA L indotto industriale e di servizi del Centro Olio ENI di Viggiano e dei pozzi di estrazione petrolifera della Val d

Dettagli

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori, FORUM ECONOMICO-FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO PANEL 1: ENERGIA (Milano, 20 luglio 2009, ore 15) Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

assaggifigurepaesaggi

assaggifigurepaesaggi Giorgia Fiorio Franco Fontana Ferdinando Scianna assaggifigurepaesaggi Snam Rete Gas per il paesaggio italiano PassaggiFigurePaesaggi 2010 Snam Rete Gas www.snamretegas.it Tutti i diritti riservati. Ogni

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas?

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas? ENERGIA.. Agenda Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 2 Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 3 Quanta energia consumiamo

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno.

Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno. 1 2 3 Il gas naturale è formato quasi totalmente da metano, elemento chimico composto da un atomo di carbonio e quattro di idrogeno. Quando si trova un giacimento di metano, la forte pressione lo spinge

Dettagli

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico?

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Ing. Paolo M. Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. IEFE Milano 29 Aprile 2005 Il fotovoltaico è ancora troppo costoso: non vale la

Dettagli

Le imprese e il rischio di violazioni dei diritti umani: l approccio di ActionAid

Le imprese e il rischio di violazioni dei diritti umani: l approccio di ActionAid Le imprese e il rischio di violazioni dei diritti umani: l approccio di ActionAid Un po di dati Operiamo da oltre trent anni a fianco delle comunità p iù svantaggiate per garantire loro migliori condizioni

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

L Energia dell Italia

L Energia dell Italia L Energia dell Italia Abbiamo sempre offerto un servizio puntuale alla mobilità del Paese. Siamo cresciuti e oggi siamo davvero in tanti. Grazie alla forte capillarità sul territorio siamo presenti su

Dettagli

Trazione idrogeno. Dal motore a scoppio alle Fuel Cell IL FUTURO NEL PRESENTE

Trazione idrogeno. Dal motore a scoppio alle Fuel Cell IL FUTURO NEL PRESENTE Trazione idrogeno Dal motore a scoppio alle Fuel Cell IL FUTURO NEL PRESENTE Dal 1980 tutto il mondo della ricerca sta studiando un sistema per far marciare il motore a scoppio con l idrogeno. Inizialmente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Associazione Fabula in Art

Associazione Fabula in Art Fabula in Art è una Associazione non profit fondata nel 2009 a Roma da Alberto Michelini, Alessia Montani e Bianca Alfonsi, che opera nel mondo della solidarietà, dell'arte e della cultura. L'Associazione

Dettagli

Il design come valore negli scambi economici tra paesi

Il design come valore negli scambi economici tra paesi Il design come valore negli scambi economici tra paesi Design come processo Il design nasce all inizio del secolo scorso con lo sviluppo della produzione industriale e come conseguenza della separazione

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Comenius project: C. H. A. N. G. E. : Common habits among the new generation of Europeans

Comenius project: C. H. A. N. G. E. : Common habits among the new generation of Europeans Comenius project: C. H. A. N. G. E. : Common habits among the new generation of Europeans Paesi partecipanti: ESTONIA ITALIA POLONIA SPAGNA SITO INTERNET: www.youthchange.eu Scuole partecipanti: ESTONIA:

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA Analisi dei matrimoni nel Comune di Parma anni 2009-2012 A CURA DI RENZO SOLIANI Parma ottobre 2013 Matrimoni a Parma, anni 2009-2012 Nell attuale momento storico affrontare

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente Camera Commissione Attività Produttive Roma, 5 marzo 2014 Temi chiave 1) LA RAFFINAZIONE

Dettagli

Le fonti energetiche

Le fonti energetiche Le fonti energetiche Le fonti energetiche Dalle fonti di energia si ricava l energia Esse sono suddivise in primarie e secondarie, in relazione al fatto che necessitino più o meno di trasformazioni. Le

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Impianto Fotovoltaico Popolare

Impianto Fotovoltaico Popolare Impianto Fotovoltaico Popolare Comune di Peccioli (Pi) Un Ettaro di cielo Primo Impianto fotovoltaico a partecipazione popolare più grande della Toscana Il Progetto Nel 2006 la Belvedere S.p.A. ha lanciato

Dettagli

Capitolo 1 Il concetto di energia e di fonte energetica

Capitolo 1 Il concetto di energia e di fonte energetica Sommario Parte I Cosa è l energia e quali sono le sue fonti 7 Capitolo 1 - Il concetto di energia e di fonte energetica 9 Capitolo 2 - Panorama mondiale delle fonti energetiche 13 Capitolo 3 - Energia

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE LE GRANDI RIFORME Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE Il sistema giudiziario inefficiente penalizza fortemente cittadini e imprese I PUNTI PRINCIPALI DELLA RIFORMA Semplificazione

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

2011 Italian Upstream Forecast. Pietro Cavanna Presidente Settore Idrocarburi e Geotermia Assomineraria

2011 Italian Upstream Forecast. Pietro Cavanna Presidente Settore Idrocarburi e Geotermia Assomineraria 2011 Italian Upstream Forecast Pietro Cavanna Presidente Settore Idrocarburi e Geotermia Assomineraria 1 SETTORE IDROCARBURI E GEOTERMIA Assomineraria è l organizzazione confindustriale dell industria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

Comunicato stampa OMC 2015 PER UN INDUSTRIA OIL&GAS A IMPATTO ZERO SI CHIUDE CON NUMERI RECORD: 21 MILA PRESENZE

Comunicato stampa OMC 2015 PER UN INDUSTRIA OIL&GAS A IMPATTO ZERO SI CHIUDE CON NUMERI RECORD: 21 MILA PRESENZE Comunicato stampa OMC 2015 PER UN INDUSTRIA OIL&GAS A IMPATTO ZERO SI CHIUDE CON NUMERI RECORD: 21 MILA PRESENZE L Offshore Mediterranean Conference & Exhibition di Ravenna si è confermata ancora una volta

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO

ECCELLENTI. di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE MARE. generoso di PORTO SANTO PRODOTTI ECCELLENTI di E.Z. foto di Alessandro Castiglioni MARE IN ITALY Il MARE generoso di PORTO SANTO PORTOSANTOSPIRITO La domanda l abbiamo rivolta a uno chef che di fresco se ne intende e nella cui

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giancarlo Giacchetta Data di nascita 07.12.1956 Qualifica Dirigente II Fascia Amministrazione Ministero dello

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

Programma Conversione delle armi nucleari in Progetti di sviluppo nei Paesi Poveri

Programma Conversione delle armi nucleari in Progetti di sviluppo nei Paesi Poveri Programma Conversione delle armi nucleari in Progetti di sviluppo nei Paesi Poveri AGGIORNAMENTO Comitato per una Civiltà dell Amore ENRICO CERRAI GPNP Energia e risorse per un uso Razionale Nell era di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Capitolo 4 AMMETTI QUANDO SBAGLI UNA STORIA VERA

Capitolo 4 AMMETTI QUANDO SBAGLI UNA STORIA VERA Capitolo 4 AMMETTI QUANDO SBAGLI UNA STORIA VERA Nel libro Trading Is a Business ho mostrato come molte persone rifiutino di ammettere quando sbagliano in un trade. Di seguito è riportata la storia di

Dettagli

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete REPORT SULLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA SETTEMBRE 2013 1 A. Consistenze e caratteristiche generali della rete Tav.1 Evoluzione della rete di distribuzione carburanti 2000 2005 2010 2011 Autostradali

Dettagli

Cronistoria. www.autoidrogeno.it E-mail: info@autoidrogeno.it. Sviluppo trazione idrogeno ILT TECHNOLOGY

Cronistoria. www.autoidrogeno.it E-mail: info@autoidrogeno.it. Sviluppo trazione idrogeno ILT TECHNOLOGY Cronistoria Sviluppo trazione idrogeno ILT TECHNOLOGY www.autoidrogeno.it E-mail: info@autoidrogeno.it Dal 1980 al 1990 il mondo della ricerca inizia a muoversi nello studio di un sistema per far marciare

Dettagli

16-02- 04 ENI E SAIPEM. ACQUE AGITATE Resto del Carlino. 16-02- 04 VERSALIS. SCIOPERO BIS ALL'ENI Corriere Ravenna

16-02- 04 ENI E SAIPEM. ACQUE AGITATE Resto del Carlino. 16-02- 04 VERSALIS. SCIOPERO BIS ALL'ENI Corriere Ravenna 16-02- 04 RASSEGNA STAMPA 16-02- 04 LA CGIL, PORTO, INACCETTABILE LO SCONTRO TRA AUTORITA' E ISTITUZIONI Resto del Carlino 16-02- 04 ENI E SAIPEM. ACQUE AGITATE Resto del Carlino 16-02- 04 VERSALIS. SCIOPERO

Dettagli

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia NOVE DA FIRENZE www.nove.firenze.it http://www.nove.firenze.it/levoluzione-della-cartografia-militare-dai-lorena-ai-savoia.htm L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia sabato 07 novembre

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

L Africa tra sviluppo e sottosviluppo Il ruolo dell acqua. ISPI, 25 Marzo 2009 Giorgio Cancelliere

L Africa tra sviluppo e sottosviluppo Il ruolo dell acqua. ISPI, 25 Marzo 2009 Giorgio Cancelliere L Africa tra sviluppo e sottosviluppo Il ruolo dell acqua ISPI, 25 Marzo 2009 Giorgio Cancelliere L accesso all acqua potabile in Africa Dei 1,2 miliardi di persone che nel mondo non hanno ancora accesso

Dettagli

DL COMPETITIVITÀ (AS 1541) AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente

DL COMPETITIVITÀ (AS 1541) AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente DL COMPETITIVITÀ (AS 1541) AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente Senato Commissioni riunite 10ª (Industria, commercio, turismo) - 13ª (Territorio, ambiente, beni ambientali) Roma,

Dettagli

Fondi sanitari di territorio: un modello di rete mutualistico e per tutti.

Fondi sanitari di territorio: un modello di rete mutualistico e per tutti. Fondi sanitari di territorio: un modello di rete mutualistico e per tutti. Il sociale organizzato. Esperienze organizzative nel sociale tra Pubblico, Privato e Terzo Settore Introduzione Breve excursus

Dettagli

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Premessa Al termine della seconda guerra mondiale (1939 1945) la Germania, sconfitta,

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

XI Rapporto ARCI SERVIZIO CIVILE Anno 2014. Ottobre 2015 EXECUTIVE SUMMARY

XI Rapporto ARCI SERVIZIO CIVILE Anno 2014. Ottobre 2015 EXECUTIVE SUMMARY XI Rapporto ARCI SERVIZIO CIVILE Anno 2014 Ottobre 2015 EXECUTIVE SUMMARY Arci Servizio Civile Gruppo di lavoro Questo Rapporto è stato curato da Arci Servizio Civile. Al rapporto hanno contribuito: Vincenzo

Dettagli

L' annuncio a ministero e Regione. Oggi l' incontro con i sindacati. In bilico 350 posti.

L' annuncio a ministero e Regione. Oggi l' incontro con i sindacati. In bilico 350 posti. L' annuncio a ministero e Regione. Oggi l' incontro con i sindacati. In bilico 350 posti. di Gabriele De Stefani A casa 350 dei 390 dipendenti della raffineria destinata, da qui alla fine dell' anno, a

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Università degli Studi di Firenze Facoltà di Architettura Dipartimento di Tecnologia e Design Pierluigi Spadolini Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Programma

Dettagli

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra Progetto rivolto alle classi della scuola primaria dell Emilia Romagna per l anno scolastico 2010-2011 COLDIRETTI Coldiretti, con un milione

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani Spunto per uno studio comparativo tra la scuola degli anni 60 e quella di oggi A cura dell OSP di Pisa 1 Premessa

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone.

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone. I combustibili --- DEFINIZIONE DI COMBUSTIBILE I combustibili sono tutti quei materiali che bruciando, producono calore. Per bruciare, i combustibili devono utilizzare ossigeno. Esistono tre tipi di combustibili

Dettagli

Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore

Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore Principali obiettivi del quadriennio E&P: produzione in costante crescita sostenuta dalle ingenti scoperte fatte o Produzione in crescita

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

Caso di studio nº 7. Etica imprenditoriale Luogo di lavoro Ambiente Mercato Comunità

Caso di studio nº 7. Etica imprenditoriale Luogo di lavoro Ambiente Mercato Comunità 1. Azienda - Dati generali Nome dell Azienda: Caso di studio nº 7 Triip Ltd. Area di attività: Stampa Attività principali: Stampa e design Città/Paese: Tartu/Estonia Anno di nascita: 1993 Numero di filiali

Dettagli

EDITORIALE FRANCESCO CATERINI. Gentili Associati,

EDITORIALE FRANCESCO CATERINI. Gentili Associati, EDITORIALE FRANCESCO CATERINI Gentili Associati, si è appena concluso un altro anno denso di avvenimenti per l Associazione e in particolar modo per me che festeggio il primo anno in qualità di Presidente.

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze VERSO I TRAGUARDI DI COMPETENZA Geografia 5ª si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali; riconosce e denomina i principali oggetti

Dettagli

PROGETTO VILLAGGIO NANSEN. La Perigeo incontra Fridtjof Nansen

PROGETTO VILLAGGIO NANSEN. La Perigeo incontra Fridtjof Nansen PROGETTO VILLAGGIO NANSEN La Perigeo incontra Fridtjof Nansen PROGETTO VILLAGGIO NANSEN LA PERIGEO INCONTRA FRIDTJOF NANSEN Nel 150 anniversario della nascita di Fridtjof Nansen, la Perigeo intende intitolare

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Roma 11 novembre 2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Roma 11 novembre 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO Ufficio Stampa Rassegna Stampa Roma 11 novembre 2015 Argomento Testata Titolo Pag. Università Italia Oggi Le università sono risanabili 2-3 Università Il Giorno

Dettagli