IL REGIME FISCALE DEL GAS NATURALE BIOLOGICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL REGIME FISCALE DEL GAS NATURALE BIOLOGICO"

Transcript

1 UFFICIO DELLE DOGANE DI PESCARA Direttore Ing. Gennaro Caliendo IL REGIME FISCALE DEL GAS NATURALE BIOLOGICO Normativa di base Pescara, 25 giugno Ing. Fausto Palmaroli Ufficio delle Dogane di Pescara Quadro Normativo Generale Dall avvio del mercato unico (1 gennaio 1993) l applicazione delle accise è disciplinata sulla base delle direttive comunitarie recepite negli ordinamenti degli Stati membri. A livello nazionale, per le accise sui prodotti energetici, si fa riferimento al Testo Unico sulle Accise (c.d. TUA) approvato con D. Lgs. 26/10/1995 n

2 lo scenario normativo NORME COMUNITARIE Direttiva del Consiglio 2008/118/CE Direttiva del Consiglio 2003/96/CE Direttiva relativa al regime generale delle accise e che abroga la Direttiva 92/12/CEE Direttiva relativa alla tassazione dei prodotti energetici e dell elettricit elettricità 3 lo scenario normativo comunitarie comunitarie Direttiva del Consiglio 2003/96/CE 27 ottobre 2003 Fonti Normative Comunitarie 4 nazionali Testo Unico sulle Accise approvato con D.Lgs. 26/10/1995 n. 504 c.d. T.U.A. Direttiva recepita con D. Lgs. 02/02/2007 n. 26 modifica del TUA dal 01/06/2007

3 Direttiva 2003/96/CE Direttiva 2003/96/CE obiettivi Ristruttura il quadro comunitario circa la tassazione dei prodotti energetici e dell elettricità Ridurre distorsioni concorrenza tra gli SM in conseguenza della disparità delle aliquote d imposta applicate ridurre emissione CO2 (protocollo di Kyoto) Ridurre distorsioni di concorrenza tra OM e altri PE non assoggettati in precedenza a legislazione UE incentivare forme di energia più efficienti per ridurre dipendenza UE import energia 5 Direttiva 2003/96/CE Principali novità: è stata introdotta la categoria dei prodotti energetici (in luogo degli oli minerali) tra cui rientra il gas naturale; è stato modificato il regime delle accise sul gas naturale, con riferimento al fatto generatore ed all esigibilità dell accisa; sono stati adeguati i livelli di accisa, le ipotesi di esclusione dalla tassazione ed i regimi agevolativi; è stato introdotto un nuovo sistema di tassazione del gas per gli usi civili. 6

4 Fiscalità del gas naturale Dal mandato comunitario alla base giuridica nazionale Decreto Legislativo 26/10/1995 n. 504 (c.d. TUA) Art. 26 Modificato con decorrenza 1 1 giugno 2007 dal Decreto Legislativo 02/02 02/2007 n. 26 Sono state pubblicate dall Agenzia le Circolari: n. 17/D del 28/05/2007 n. 37/D del 28/12/2007 n. 32/D del 05/08/2008 Altre istruzioni dell Agenzia: nota n. 4436/AGT - 24/07/07 nota n /AGT - 03/04/09 7 Fiscalità del gas naturale Occorre comunque fare una premessa inerente la liberalizzazione del mercato del gas naturale 8

5 Liberalizzazione del mercato del gas naturale (Attuazione del D. Lgs.. 164/2000 c.d. Decreto Letta) 9 Liberalizzazione del mercato del gas naturale (Attuazione del D. Lgs.. 164/2000 c.d. Decreto Letta) Con la liberalizzazione del mercato, ovvero con la completa attuazione del D. Lgs. 164/2000 (c.d decreto Letta), il soggetto proprietario o concessionario della rete di trasporto, di distribuzione e degli impianti di stoccaggio non è più anche il proprietario del prodotto, e pertanto L attività di vendita è, di norma, separata dall attivitàdi trasporto e distribuzione 10

6 Liberalizzazione del mercato del gas naturale (Attuazione del D. Lgs.. 164/2000 c.d. Decreto Letta) Con la Legge 388/2000 (finanziaria 2001), fu modificato il comma 4 dell articolo 26 del TUA introducendo la figura del Cliente Grossista: persona fisica o giuridica che acquista e vende gas naturale e che non svolge attività di trasporto o di distribuzione all interno o all esterno del sistema in cui è stabilita od opera 11 fiscalità nazionale - premessa La fiscalità nazionale del gas naturale, utilizzato come carburante per motori o come combustibile per riscaldamento, sia per usi civili che per usi industriali, è costruita su tre diverse imposte: 1) un accisa accisa, le cui modalità e aliquote sono definite tenendo conto dei vincoli comunitari; 2) un imposta locale di livello regionale: addizionale regionale ovvero imposta sostitutiva dell addizionale regionale sulle utenze esenti da accisa (Solo per le Regioni a Statuto ordinario); 3) l imposta sul valore aggiunto, che si applica su tutte le componenti del prezzo di cessione del gas naturale, sull accisa e sull imposta locale (addizionale). 12

7 fiscalità nazionale addizionale regionale Come precedentemente riportato il è sottoposto anche ad un addizionale regionale, o imposta sostitutiva per i consumi esenti da accisa, istituita dalla L. 185/1990 e regolamentata dal D.Lgs. 398/1990 e s.m.. L addizionale regionale è stabilita entro i seguenti limiti: 1) aliquota minima 0, /smc (ex 10 ) 2) aliquota massima 0, /smc (ex 50 ) comunque non superiore alla metà dell accisa L imposta sostitutiva è pari al doppio dell aliquota minima dell addizionale regionale 13 oggetto dell imposizione Per effetto del D. Lgs.. 2 febbraio 2007, n. 26 (attuazione della direttiva 2003/96/CE), fermo restando il fatto che, come per tutti gli altri prodotti energetici, la tassazione si applica quando sono previsti usi di combustione (per usi civili ed industriali) e carburazione (autotrazione), la fiscalità sul gas naturale (prima gas metano) ha subito profonde innovazioni 14

8 oggetto dell imposizione Un aspetto riguarda l oggetto dell imposizione Infatti il nuovo comma 5 dell art. 26 del TUA, in luogo del Gas Metano, si riferisce al, inteso come miscela contenente metano ed altri idrocarburi gassosi (per esempio etano, propano ecc.) complessiva non inferiore al 70% in volume in misura (in precedenza, ex comma 2 art. 26, era stabilito che si considerano gas metano anche le miscele con aria o con altri gas nelle quali il metano puro è presente in misura al 70% in vol... ) 15 oggetto dell imposizione Dunque, ai fini della tassazione (comma 5 dell art. 26 del TUA) si considerano anche le miscele contenenti metano ed altri idrocarburi gassosi in misura non inferiore al 70% in volume 16

9 oggetto dell imposizione Per le miscele che non rispettano il predetto limite, fermo restando le disposizioni di cui ai commi 3, 4 e 5 dell art. 21 del TUA (*) l accisa viene applicata al solo contenuto di gas naturale; ciò vale anche per le miscele di gas naturale con aria o con altri gas ottenuti nelle officine del gas di città (*) è sottoposto ad accisa: con l aliquota prevista per il carburante equivalente, ogni prodotto (diverso da quelli assoggettati ad accisa) utilizzato come carburante per motori; con l aliquota prevista per il prodotto energetico equivalente, ogni idrocarburo (diverso da quelli assoggettati ad accisa) utilizzato come combustibile per riscaldamento. 17 obbligazione tributaria esigibilità dell accisa Altra modifica di assoluto rilievo apportata con il D. Lgs. 2 febbraio 2007 n. 26 (recepimento della Direttiva 2003/96/CE) è quella di aver individuato nella fornitura al consumatore finale (ovvero al momento dell utilizzo da parte del suo produttore) il momento in cui per tale prodotto sorge l obbligazione l tributaria 18

10 obbligazione tributaria esigibilità dell accisa Dovendosi ora intendere per fornitura il momento in cui il soggetto obbligato emette fattura, l obbligazione tributaria coincide con il momento in cui l accisal diventa esigibile Fino al 31/05/2007, come precedentemente previsto per il gas metano dalla normativa comunitaria e nazionale, veniva identificato nella fabbricazione o nell importazione il momento della nascita dell obbligazione tributaria e nella successiva immissione in consumo (ovvero auto-consumo) il momento in cui l accisa diventava esigibile 19 Semplificazioni su: Deposito Fiscale e Circolazione Di conseguenza, tutti gli adempimenti precedentemente previsti (regime di Deposito Fiscale - rilascio della Licenza Fiscale) per gli impianti di estrazione, di stoccaggio e di rigassificazione, i terminali costieri con relativi impianti di trattamento, gli impianti di compressione, le reti nazionali di gasdotti e le reti di distribuzione locali non sono più necessari come del resto cessa di avere efficacia la figura del depositario autorizzato quale custode/responsabile del prodotto in sospensione di accisa 20

11 Semplificazioni su: Deposito Fiscale e Circolazione Ciò ha comportato anche il venir meno di tutti i controlli sulla circolazione del gas previsti dal regime del deposito fiscale Di fatto non sono più applicabili gli articoli 5 (regime del deposito fiscale) e 6 (circolazione in regime sospensivo dei prodotti sottoposti ad accisa) ) del TUA comunque 21 flussi in ambito nazionale.. l attivitl attività di vettoriamento.. rimane sotto il controllo dell A.F. 22

12 flussi in ambito nazionale Infatti, al fine di garantire gli interessi erariali, l amministrazione finanziaria ha ritenuto opportuno conoscere i flussi nazionali del d gas naturale imponendo, come stabilisce il comma 14 dell articolo 26 del TUA, l obbligo, da parte dei soggetti che effettuano l attività di vettoriamento, di: comunicarlo all U.D. competente (che rilascerà allo scopo uno specifico Codice Ditta); presentare annualmente i dati riepilogativi del gas trasportato rilevati nelle stazioni di misura e di rendere disponibili i dati dei soggetti cui il prodotto è consegnato (dichiarazione annuale riepilogativa dei flussi obbligatorio anche per i gestori delle reti locali) 23 flussi in ambito nazionale E inoltre prevista, ai soli fini di censimento e per consentire la corretta compilazione della predetta dichiarazione annuale, l attribuzione di apposito codice ditta agli impianti di rigassificazione di GNL ed ai giacimenti di gas naturale. 24

13 transazioni commerciali Infine, per gli operatori che effettuano solo ed esclusivamente mere transazioni commerciali (ovvero compravendita di gas naturale senza immissione in consumo) di gas naturale, che non producono effetti generativi dell obbligazione tributaria e dell esigibilità dell accisa, non sono previsti adempimenti di carattere fiscale connessi all applicazione del regime generale delle accise. 25 soggetti obbligati A norma dei commi 7 e 8 dell art. 26 del TUA sono soggetti obbligati al pagamento dell imposta: i soggetti che procedono alla fatturazione del gas naturale ai consumatori finali, nonché le società aventi sede legale nel territorio nazionale, munite di registrazione, designate da soggetti comunitari che forniscono il prodotto direttamente ai consumatori finali nazionali; i soggetti che acquistano per uso proprio gas naturale da Paesi Comunitari o da Paesi terzi, avvalendosi delle reti di gasdotti ovvero di infrastrutture per il vettoriamento del prodotto; 26

14 soggetti obbligati A norma dei commi 7 e 8 dell art. 26 del TUA sono soggetti obbligati al pagamento dell imposta: i soggetti che acquistano il gas naturale confezionato in bombole o in altro recipiente da altri Paesi comunitari o da Paesi terzi; i soggetti che estraggono per uso proprio gas naturale in territorio nazionale; su richiesta possono essere riconosciuti come soggetti obbligati i gestori delle reti di gasdotti nazionali per il solo gas naturale impiegato per il vettoriamento del prodotto 27 adempimenti a carico dei soggetti obbligati A norma del comma 10 dell art. 26 del TUA i soggetti obbligati devono denunciare preventivamente la propria attività all U.D. competente per territorio in relazione alla sede legale o amministrativa La denuncia deve contenere, oltre i dati identificativi del soggetto obbligato, la quantità stimata di gas naturale che si prevede di fatturare ai consumatori finali (nel caso di autoconsumo anche l ubicazione degli impianti di estrazione e delle apparecchiature di compressione) Questi dati, se ritenuti congrui dall U.D. competente, costituiranno la base di calcolo sia per la determinazione della rata di acconto mensile che per la determinazione del deposito cauzionale 28

15 adempimenti a carico dei soggetti obbligati A norma del comma 13 dell art. 26 del TUA l accertamento dell accisa viene effettuato sulla base di dichiarazioni annuali che sono presentate entro il mese di marzo dell anno successivo a quello di riferimento Il pagamento dell accisa è effettuato attraverso rate di acconto mensili, da versare entro la fine di ogni mese per il mese corrente, calcolate sulla base dei consumi dell anno precedente A norma del comma 10 dell art. 26 i soggetti obbligati sono tenuti a contabilizzare, in un apposito registro di carico scarico, i quantitativi di gas naturale estratti, acquistati o ceduti 29 adempimenti in capo all U.D. L U.D., effettuati i dovuti controlli, verificata la completezza dei dati comunicati e la congruità della cauzione prestata, rilascerà apposita autorizzazione all esercizio dell attivit attività, entro 60 giorni dal ricevimento della denuncia di attività, assegnando contestualmente il codice di accisa. Sono esonerate dall obbligo di prestazione della cauzione le Amministrazioni dello Stato e gli enti pubblici. 30

16 trattamento fiscale A norma del comma 1 dell art. 26 del TUA il gas naturale, destinato alla combustione per usi civili e per usi industriali, nonché all autotrazione, è sottoposto ad accisa, con l applicazione delle aliquote di cui all Allegato I, al momento della fornitura ai consumatori finali ovvero al momento del consumo per il gas naturale estratto per uso proprio 31 trattamento fiscale Sono considerati compresi negli usi civili compresi negli usi civili (comma 2 art. 26 del TUA) anche gli impieghi del gas naturale, destinato alla combustione, nei locali delle imprese industriali, artigiane ed agricole, posti fuori dagli stabilimenti, dai laboratori e dalle aziende dove viene svolta l attività produttiva, nonché alla produzione di acqua calda, di altri vettori termici o di calore, non utilizzati in impieghi produttivi dell impresa, ma ceduti a terzi per usi civili 32

17 trattamento fiscale Commi 3 e 4 art. 26 TUA - Sono considerati compresi negli usi industriali gli impieghi del gas naturale, destinato alla combustione nelle attività: industriali produttive di beni e servizi; artigianali ed agricole; del settore alberghiero; del settore della distribuzione commerciale; degli esercizi di ristorazione; degli impianti sportivi adibiti esclusivamente ad attività dilettantistiche e gestiti senza fini di lucro; 33 segue.. trattamento fiscale del teleriscaldamento alimentato da impianti di cogenerazione che abbiano le caratteristiche tecniche indicate nella lettera b) del comma 2 dell articolo 11 della legge 9 gennaio 1991, n. 10, anche se riforniscono utenze civili; ricettive svolte da istituzioni finalizzate all assistenza dei disabili, degli orfani, degli anziani e degli indigenti anche quando non e previsto lo scopo di lucro; degli stabilimenti di produzione anche se nei medesimi vengono introdotte e depositate merci provenienti da altri stabilimenti, purché di società controllate o di società collegate con quella titolare della concessione ai sensi dell articolo 2359 del codice civile, nonché i consumi relativi ad operazioni connesse con l attività industriale 34

18 trattamento fiscale - Autotrazione La struttura impositiva sull uso del gas naturale per autotrazione è basata su una aliquota di accisa attualmente pari a 0,00331 /Smc. Obbligati al pagamento dell accisa ed ai relativi adempimenti sono i soggetti che riforniscono di gas naturale gli esercenti dei distributori stradali privi di apparecchiature di compressione per il riempimento dei carri bombolai, considerati come consumatori finali dal comma 5 dell articolo 26 del TUA. 35 trattamento fiscale - Autotrazione Diversamente, gli esercenti degli impianti di compressione del gas naturale per il riempimento dei carri bombolai, anche se ubicati presso impianti di distribuzione stradale, sono soggetti obbligati al pagamento dell accisa ed ai relativi adempimenti 36

19 trattamento fiscale combustione Usi Civili Con l entrata in vigore del D.Lgs. 26/2007 ai sensi dell articolo 2, comma 1, la struttura impositiva sull uso del gas naturale per combustione per usi civili (in applicazione di apposita delega legislativa contenuta nell art. 7 della Legge 80/2003), dal 1 gennaio 200 8, è basata su aliquote differenziate per fasce annuali di consumo e territorialità 37 trattamento fiscale combustione Usi Civili Aliquote /Smc Usi civili Zone / Consumi < =120 mc mc mc > 1560 mc Centro Nord 0,044 0,175 0,170 0,186 Mezzogiorno 0,038 0,135 0,120 0,150 38

20 trattamento fiscale combustione Usi Civili Riguardo la dicitura Mezzogiorno, si fa riferimento ai territori della ex area della Cassa del Mezzogiorno indicati dal DPR 218/1978: le regioni Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna, le province di Frosinone e Latina, alcuni comuni della provincia di Roma compresi nel comprensorio di bonifica di Latina, i comuni della provincia di Rieti compresi nell'ex circondario di Cittaducale, alcuni comuni della provincia di Ascoli Piceno inclusi nel territorio di bonifica del Tronto, l isola d'elba, l isola del Giglio e Capraia. 39 trattamento fiscale combustione Usi Civili Secondo quanto previsto dall articolo 2 del D.Lgs 26/2007, le aliquote dovranno essere riviste ogni anno, con decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze, da emanare entro il mese di febbraio in funzione del completamento progressivo del processo di armonizzazione e riavvicinamento delle aliquote di accisa applicate al gas naturale nelle diverse zone geografiche del Paese 40

21 trattamento fiscale combustione per Usi Industriali La struttura impositiva sull uso del gas naturale per combustione per usi industriali è basata un aliquota base pari a 0, /Smc, per tutti gli impieghi industriali previsti ai commi 3 e 4 dell articolo 26 del TUA. 41 trattamento fiscale combustione per Usi Industriali Il gas naturale utilizzato nel settore termoelettrico è sottoposto ad un accisa pari a 0, /Smc (punto 11 Tab A), ridotta al 30% (0, /Smc) in caso di auto-produzione di energia elettrica, per motivi di politica ambientale E prevista, inoltre, un aliquota ridotta del 40% (0, /Smc) dell aliquota base per gli utilizzatori industriali, termoelettrici esclusi, per consumi annuali superiori a Smc 42

22 Biologico trattamento fiscale Il gas naturale biologico viene trattato specificatamente dal comma 6 dell art. 26 del TUA che recita: Non sono sottoposte ad accisa le miscele gassose di cui al comma 5 di origine biologica destinate agli usi propri del soggetto che le produce 43 Biologico trattamento fiscale Tenendo conto delle previsioni del comma 6, chiunque utilizza gas naturale biologico per usi propri, seppur impiegato in usi di combustione ovvero di carburazione, non soggiace al regime generale delle accise e, di conseguenza, non è soggetto ad alcun vincolo nei confronti dell amministrazione finanziaria. 44

23 Biologico trattamento fiscale Viceversa, qualora il gas naturale biologico non venga utilizzato in proprio ma viene ceduto a terzi, lo stesso deve essere sottoposto al regime generale delle accise alla stregua del gas naturale. 45 Impieghi agevolati aliquota di accisa ridotta/esente Gli impieghi agevolati dei prodotti energetici e, dunque, anche del gas naturale, sono disciplinati essenzialmente dagli artt. 17, 22, 24, e 26 del TUA. L agevolazione consiste nell esenzione esenzione dal pagamento dell accisa ovvero nell applicazione di un aliquota ridotta di accisa sotto l osservanza delle norme prescritte. 46

24 - Esenzioni Art. 17 TUA E esente da accisa il gas naturale quando destinato a: ad essere fornito nel quadro di relazioni diplomatiche o consolari; ad organizzazioni internazionali riconosciute; alle Forze armate di qualsiasi stato che sia parte contraente del Trattato del Nord Atlantico; ad essere consumato nel quadro di accordi stipulati con paesi terzi che prevedono anche l esenzione dell IVA 47 impieghi agevolati Art. 24 TUA Tale articolo prevede per i prodotti energetici e, dunque, anche per il gas naturale, l applicazione di un aliquota di accisa nulla ovvero ridotta per tutti gli impieghi elencati nella Tabella A allegata al TUA 48

25 Agevolazioni/Esenzioni TABELLA A - Impieghi dei Prodotti Energetici che comportano l esenzione l dell accisa o l applicazione l di un aliquota ridotta, sotto l osservanza l delle norme prescritte 1) impieghi diversi da carburante per motore o da combustibile per riscaldamento: esenzione 2) impieghi come carburanti per la navigazione aerea diversa dall aviazione privata da diporto e per i voli didattici: esenzione 3) impieghi come carburanti per la navigazione nelle acque marine comunitarie, compresa la pesca, con esclusione delle imbarcazione private da diporto, e impieghi come carburanti per la navigazione nelle acque interne limitatamente al trasporto delle merci, e per il dragaggio delle vie navigabili e porti: esenzione 49 Agevolazioni/Esenzioni TABELLA A - Impieghi dei Prodotti Energetici che comportano l esenzione l dell accisa o l applicazione l di un aliquota ridotta, sotto l osservanza l delle norme prescritte 4) impiego nei trasporti ferroviari di passeggeri e merci: 30% dell aliquota normale 6) prosciugamento e sistemazione dei terreni allagati nelle zone colpite da alluvione: esenzione 7) sollevamento delle acque allo scopo di agevolare la coltivazione dei fondi rustici sui terreni bonificati: esenzione 8) prove sperimentali, collaudo di motori di aviazione e marina prove sperimentali, collaudo di motori di aviazione e marina e revisione dei motori di aviazione, nei quantitativi stabiliti dall amministrazione finanziaria: 30% dell aliquota normale 50

26 Agevolazioni/Esenzioni TABELLA A - Impieghi dei Prodotti Energetici che comportano l esenzione l dell accisa o l applicazione di un aliquota ridotta, sotto l osservanza l delle norme prescritte 10) gas naturale impiegato negli usi di cantiere, nei motori fissi e nelle operazioni di campo per la coltivazione di idrocarburi: 11,73 /1.000 mc 11) produzione, diretta o indiretta, di energia elettrica, con impianti obbligati alla denuncia prevista dalle disposizioni che disciplinano l imposta di consumo sull energia elettrica: gas naturale: 0, /mc in caso di auto-produzione di energia elettrica la suddetta aliquota viene ridotta al 30%. l agevolazione è accordata nei limiti dei quantitativi impiegati nella produzione di energia elettrica, riportati nelle determinazioni dell amministrazione finanziaria o risultanti dalla conduzione di prove sperimentali di consumo 51 Agevolazioni/Esenzioni TABELLA A - Impieghi dei Prodotti Energetici che comportano l esenzione l dell accisa o l applicazione di un aliquota ridotta, sotto l osservanza l delle norme prescritte 11 bis) produzione di energia elettrica integrata con impianti di rigassificazione,, assimilata alle fonti rinnovabili: esenzione 12) azionamento delle autovetture da autonoleggio da piazza azionamento delle autovetture da autonoleggio da piazza, compresi i motoscafi che in talune località sostituiscono le vetture da piazza e quelle lacuali, adibiti al servizio pubblico da banchina per il trasporto di persone: Gas naturale: 40% dell aliquota normale; l agevolazione è concessa entro dei quantitativi giornalieri determinati in funzione della popolazione dei comuni in cui circolano le autovetture. 52

27 Agevolazioni/Esenzioni TABELLA A - Impieghi dei Prodotti Energetici che comportano l esenzione l dell accisa o l applicazione di un aliquota ridotta, sotto l osservanza l delle norme prescritte 13) azionamento delle autoambulanze destinate al trasporto degli ammalati e dei feriti, di pertinenza dei vari enti di assistenza e di pronto soccorso da determinare con provvedimento dell amministrazione finanziaria: Gas naturale: 40% dell aliquota normale; 14) Produzione di magnesio da acqua di mare: esenzione; 16) Prodotti energetici iniettati negli altiforni per la realizzazione di processi produttivi: esenzione 53 Agevolazioni/Esenzioni TABELLA A - Impieghi dei Prodotti Energetici che comportano l esenzione l dell accisa o l applicazione di un aliquota ridotta, sotto l osservanza l delle norme prescritte 16 bis) Prodotti energetici impiegati dalle Forze Armate nazionali per gli usi consentiti: Gas naturale uso carburazione: esenzione Gas naturale uso combustione: 11,66 /1.000 mc Per le F.A. nazionali si intende l Esercito, l Arma dei Carabinieri, la Marina, la Guardia di Finanza e l Aeronautica 54

28 altre esenzioni previste dal TUA L art. 22 comma 1 del TUA stabilisce che il consumo (ovvero autoconsumo) di prodotti energetici all interno di uno stabilimento di produzione (di p.e.) non e considerato fatto generatore d accisa se finalizzato alla specifica attività L art 22 comma 2 del TUA stabilisce che non si considera fatto generatore d accisa il consumo di prodotti energetici quando gli stessi sono utilizzati in combinazione come combustibile per riscaldamento e nelle operazioni rientranti fra i c.d. trattamenti definiti 55 Agevolazioni previste per il gas naturale biologico Come già chiarito, a norma del comma 6 dell art. 26 del TUA non sono sottoposte ad accisa le miscele gassose di gas naturale (di cui al comma 5 dello stesso articolo 26) di origine biologica destinate agli usi propri del soggetto che le produce. Si precisa che l agevolazione di specie può essere concessa anche nel caso in cui il produttore del gas metano biologico lo impieghi per produrre energia elettrica da: a) utilizzare per gli usi propri; b) rivendere ad altro soggetto. 56

29 Agevolazioni previste per il gas naturale biologico In tali ipotesi occorre far riferimento alla nota prot. n. 7720/98 del 25/01/1999 dell ex Ministero delle Finanze Dipartimento delle Dogane e delle II.II. che prevede i seguanti 2 casi: Qualora il gas viene utilizzato direttamente dal produttore che lo impiega per la produzione di e.e. (con impianti soggetti/non soggetti a denuncia), lo stesso non è soggetto ad accisa Qualora il gas viene ceduto dal produttore ad un soggetto terzo che lo impiega nella produzione di e.e. in impianti non soggetti a denuncia (gruppi elettrogeni), lo stesso deve essere assoggettato ad accisa con l aliquota prevista per gli usi industriali 57 Agevolazioni previste per il gas naturale biologico Per esclusione dei casi trattati dalla citata nota prot. n. 7720/98 del 25/01/1999 dell ex Ministero delle Finanze Dipartimento delle Dogane e delle II.II. si desume che: Qualora il gas viene ceduto dal produttore ad un soggetto terzo che lo impiega nella produzione di e.e. mediante impianti soggetti a denuncia (centrali termoelettriche), lo stesso, pur essendo di base assoggettato ad accisa con l aliquota prevista per gli usi industriali, può godere dell agevolazione prevista dal punto 11 della Tabella A allegata al TUA 58

30 Usi FUORI CAMPO dei prodotti energetici In generale, per uso Fuori Campo (non sottoposizione) si intende l impiego dei prodotti energetici in attività, processi ecc. che non rientrano nel regime generale delle accise Chiaramente, l uso fuori campo dei prodotti energetici, ad eccezione di quelli che sono definiti energetici solo se destinati agli usi di combustione/carburazione, viene comunque sottoposto a controllo da parte dell Amministrazione Finanziaria Allo scopo, affinché un operatore economico possa avvalersi del particolare trattamento fiscale, lo stesso dovrà attenersi a: disposizioni normative di cui al D.M. 17/05/1995 n. 322: impiego di prodotti energetici in usi diversi dalla carburazione e dalla combustione; istruzioni operative impartite dall Agenzia delle Dogane a seguito dell entrata in vigore del D. Lgs. 26/2007 relativamente all uso fuori campo del gas naturale e dell energia elettrica; disposizioni normative previste dal Titolo II del TUA relativamente all uso fuori campo dell energia elettrica 59 Usi FUORI CAMPO dei prodotti energetici L art 21 comma 13 del TUA stabilisce che, ferme restando le norme nazionali in materia di controllo e circolazione dei prodotti sottoposti ad accisa, sono esclusi dalla tassazione (c.d. usi fuori campo ) i prodotti energetici utilizzati: per la riduzione chimica; nei processi elettrolitici; nei processi metallurgici; nei processi mineralogici (*) classificati nella nomenclatura generale delle attività economiche nelle Comunità europee sotto il codice DI 26 fabbricazione di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (regolamento CEE n. 3037/90 del Consiglio, del 9 ottobre 1990). (*) per verificare se un attività rientra o meno nei c.d. processi mineralogici occorre esaminare la Tabella ATECOFIN 2004 (sostituita dalla Tabella ATECO 2007) scaricabile dal sito dell Agenzia delle Entrate 60

31 Usi FUORI CAMPO dei prodotti energetici Le esclusioni dall imposizione, previste dal menzionato comma 13 dell articolo 21 del TUA, riguardano unicamente i prodotti energetici utilizzati direttamente nel processo produttivo contemplato o per un apporto energetico immediato al processo stesso Continueranno pertanto ad essere assoggettati ad accisa i consumi relativi: alla produzione di energia elettrica necessaria al processo; alle attività collaterali di stabilimento (di cui l Agenzia delle Dogane, tramite specifiche disposizioni, ha riportano alcuni esempi: illuminazione, riscaldamento ambienti, consumi relativi ai servizi quali bagni, spogliatoi, centrale termica e idrica, mensa, uffici, officine, laboratori qualità, lavaggi, ambienti destinati allo stoccaggio, consumi degli impianti di aspirazione, e abbattimento fumi e polveri, depurazione delle acque.. ). 61 Usi Fuori Campo del Per il riconoscimento dell esclusione esclusione dall imposizione imposizione, i soggetti utilizzatori devono presentare apposita istanza al soggetto che procede alla fatturazione del gas naturale (soggetto obbligato), fornendo, con dichiarazioni rese ai sensi degli articoli 47 e 48 del DPR 445/2000 ed eventuale documentazione a corredo, tutti gli elementi necessari ad evidenziare i presupposti per l applicazione della defiscalizzazione. Il soggetto obbligato è tenuto a: a a) riscontrare la regolarità formale della domanda; b) trasmetterne una copia agli Uffici delle Dogane competenti territorialmente sul luogo di fornitura nel caso in cui proceda all applicazione del fuori campo. 62

CIRCOLARE N. 17/D. Roma, 28 maggio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 17/D. Roma, 28 maggio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 17/D Roma, 28 maggio 2007 Protocollo: 3084 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Alle Circoscrizioni Doganali LORO

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE. Come richiedere l applicazione delle accise agevolate

AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE. Come richiedere l applicazione delle accise agevolate AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE Come richiedere l applicazione delle accise agevolate Agevolazioni fiscali sul gas naturale AGEVOLAZIONI FISCALI SUL GAS NATURALE di Federica Bonafaccia e Antonio

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Protocollo: Rif.: Allegati: 42030/RU CIRCOLARE N. 10 /D Roma, 25 marzo 2009 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e, p. c.: Agli Uffici di diretta

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 marzo 2003 Oggetto: Istanza di interpello D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 imposta di bollo su atti e documenti connessi con i contratti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli