Percorsi istituzionali in tema di federalismo fiscale nella Regione del Veneto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorsi istituzionali in tema di federalismo fiscale nella Regione del Veneto"

Transcript

1 Percorsi istituzionali in tema di federalismo fiscale nella Regione del Veneto Consiglio regionale del Veneto Prima Commissione consiliare - settembre

2 a cura di: dott. Gabriele Frollo, ufficio per i problemi finanziari signora Luciana Vianello, segreteria Prima Commissione consiliare coordinamento: dott. Roberto Valente, dirigente segreteria Prima Commissione consiliare

3 RELAZIONE INTRODUTTIVA

4 L EVOLUZIONE DELLA FINANZA REGIONALE La riforma del sistema tributario delle Regioni a statuto ordinario costituisce, da trentacinque anni a questa parte, uno dei processi istituzionali più importanti e, al tempo stesso, complessi, affrontati dalle forze politiche statali e locali. Nell affrontare l argomento giova prendere le mosse dalla Carta Costituzionale per poi ripercorrere sinteticamente le tappe più significative di questo percorso. Articolo 119 della Costituzione L art. 119 della Costitituzione entrata in vigore nel 1948 sanciva che l autonomia finanziaria regionale si svolgeva nelle forme e nei limiti stabiliti da leggi della Repubblica. Alle Regioni venivano attribuiti tributi propri e quote di tributi erariali in relazione ai bisogni collegati all esercizio delle funzioni normali ; contributi speciali erano altresì ammessi per provvedere a scopi determinati e particolarmente per valorizzare Mezzogiorno e Isole. Da questa disposizione si rileva che il modello di riparto elaborato nella Costituzione era un modello di tipo aperto e rappresentato soltanto da enunciati di principio. Questa indeterminatezza trovava la sua ragion d essere nella necessità, da parte dei Costituenti, di contemperare l autonomia finanziaria di Regioni ed Enti locali, senza irrigidire il dettato costituzionale e senza minare l unicità del sistema tributario. Il modello in questione ha dato luogo a problemi interpretativi della norma costituzionale, che ha subìto una trasformazione e uno scostamento dal modello originario dando luogo per lungo tempo ad una finanza derivata, inadeguata al ruolo istituzionale svolto dalle Regioni e dagli Enti locali. Anni 70: finanza fortemente derivata La Legge 281/1970 Provvedimenti finanziari per l attuazione delle Regioni a statuto ordinario altera infatti il modello costituzionale, delineando uno schema di riparto finanziario che riduce ai minimi termini la consistenza dei tributi propri sull ammontare delle risorse complessive regionali e dando luogo ad un sistema fortemente dipendente dai trasferimenti erariali.

5 I punti chiave di tale normativa sono rappresentati da: - l introduzione di tributi propri (imposta sulle concessioni statali, tassa sulle concessioni regionali, tassa automobilistica regionale, tassa sull occupazione del suolo pubblico, addizionale all imposta erariale di trascrizione al PRA), relativamente ai quali alle Regioni viene attribuita la potestà di incidere sull aliquota entro margini predefiniti, ma non la potestà di riscossione; - l introduzione di due fondi (successivamente abrogati dalla L. 549/1995) che costituiscono la quota più elevata delle entrate regionali, nonché di altri fondi settoriali a destinazione vincolata che contribuiscono a rendere ancora più stringente il controllo statale sulla spesa regionale. Anni 90: albori del federalismo fiscale Questa fase si caratterizza per l introduzione di un numero consistente di tributi propri in capo alla Regione, cui è seguita una corrispondente riduzione dei trasferimenti statali. Le innovazioni di maggior rilievo sono la c.d. regionalizzazione del Sistema Sanitario Nazionale (SSN) a partire dal 1992 (L. 421/92 e D.lgs. 502/92) e l introduzione dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e dell addizionale regionale all IRPEF (L. 622/1996 e D.lgs. 446/1997), tra loro strettamente collegate in quanto il finanziamento della sanità avviene dal 1999 con i proventi di questi due tributi (che sostituiscono i contributi sanitari, l ILOR, l ICIAP, la tassa di concessione sulla partita IVA, la TOSAP e le addizionali sui consumi energetici). Sostituendo i contributi sanitari con l IRAP, il finanziamento del SSN viene legato alla capacità contributiva, indipendentemente da chi effettivamente usa il servizio; tuttavia la loro fiscalizzazione è apparsa ai più in contrasto con la filosofia posta a base della regionalizzazione del SSN, rappresentata dall esigenza di responsabilizzare la classe politica regionale nell erogazione del servizio decentrato. Nell ambito di questa stessa fase assumono rilevanza: - il D.lgs. 504/1992 (adottato in attuazione della L. 421/1992), che trasferisce totalmente alle Regioni la tassa automobilistica regionale e l imposta sull erogazione del gas e dell energia elettrica per usi domestici a partire dal 1994;

6 - la L. 549/1995 ( Collegato alla finanziaria 1996), che trasferisce alle medesime l imposta regionale sulla benzina, la tassa sul diritto allo studio e il tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti. Anno 2000: introduzione del federalismo fiscale La terza fase dell evoluzione del riparto finanziario, attualmente in corso, è caratterizzata dall emanazione del D.lgs. 18/2/2000, n. 56 Disposizioni in materia di federalismo fiscale, adottato dal Governo in attuazione della delega conferitagli dall'articolo 10 della L. 13 maggio 1999, n. 133, che ha mirato soprattutto ad introdurre un nuovo sistema di compartecipazioni e addizionali ai tributi erariali. La principale novità è data dall abolizione di gran parte dei trasferimenti statali a destinazione vincolata (tra cui figurano quelli legati al conferimento delle funzioni amministrative alle Regioni ex L. 59/1997, nonchè quelli destinati a finanziare il trasporto pubblico e la spesa sanitaria corrente) e dalla loro sostituzione con l addizionale sull IRPEF, la compartecipazione sull IVA e la compartecipazione dell accisa sulla benzina (di cui viene aumentata l aliquota). Di notevole portata è inoltre la differente configurazione del sistema sanitario, che dal 1 gennaio 1999 era finanziato con il 90% dei proventi IRAP e con l addizionale IRPEF, cui venivano aggiunti i contributi statali; la legge delega e il decreto delegato in questione, mirando a liberalizzare seppur gradualmente e in varie fasi la spesa sanitaria, aboliscono i trasferimenti in materia sanitaria ed eliminano il vincolo di destinazione sui proventi dell IRAP e dell IRPEF. Tale meccanismo di finanziamento, tuttavia, ha sollevato molte perplessità in quanto si accolla alle Regioni un onere gravoso da gestire qual è appunto il finanziamento della sanità, da sempre una delle voci più pesanti del bilancio statale. E opportuno, infine, illustrare brevemente le innovazioni introdotte sul fronte redistributivo; il citato articolo 10 enuncia esplicitamente che la previsione di meccanismi perequativi è orientata a consentire a tutte le Regioni a statuto ordinario di svolgere le proprie funzioni e di erogare i servizi di loro competenza secondo dei livelli essenziali e uniformi su tutto il territorio, tenendo conto delle capacità fiscali insufficienti a far conseguire tali condizioni e dell esigenza di superare gli squilibri socio-economici territoriali.

7 A tal fine, i meccanismi perequativi devono coprire i fabbisogni di spesa di ciascuna Regione secondo i seguenti parametri: - la capacità fiscale relativa ai principali tributi propri e alle compartecipazioni; - la capacità di recupero dell evasione fiscale; - le necessità legate ai fabbisogni sanitari. Il computo delle risorse da destinare ad ogni amministrazione deve considerare per un periodo transitorio di tre anni anche i fabbisogni legati alla spesa storica. Sul piano sostanziale le innovazioni sono rappresentate dalla nuova fonte di finanziamento del fondo perequativo (la compartecipazione all IVA ed eventualmente una parte dell accisa sulla benzina) e dal legame che si instaura tra perequazione e sanità. Volendo sintetizzare un giudizio sulle modifiche apportate dalla L. 133/1999 in materia di autonomia finanziaria regionale, si può dire che lo schema del riparto finanziario non è stato rivoluzionato: fatta salva l abolizione dei trasferimenti statali, infatti, il legislatore non è intervenuto radicalmente introducendo la potestà legislativa alle Regioni o attribuendo loro nuovi tributi propri; si è invece limitato a ridurre il sistema dei trasferimenti e a definire un sistema di compartecipazioni che, seppur più strutturato, non appare sufficiente a qualificare lo schema di riparto conforme al modello dottrinale di federalismo fiscale. Accanto all aumento delle compartecipazioni ai tributi erariali fatto di per sè positivo, recando alle Regioni la certezza di poter contare annualmente su un ammontare di risorse definito e svincolato dai trasferimenti operati con le leggi di bilancio statali la riforma legislativa avrebbe dovuto incidere sul fronte della potestà decisionale in materia impositiva, almeno rendendo manovrabili le aliquote su parte dei grandi tributi, come accade in altri ordinamenti vicini al nostro sotto il profilo istituzionale. Inoltre la riforma non innesca quel circolo virtuoso generato dall autonomia decisionale in materia finanziaria che conduce alla responsabilizzazione dei livelli di governo ( accountability ): le entrate regionali ora compartecipazioni, prima trasferimenti sono comunque risorse provenienti dall esterno e non rappresentano il frutto di una controprestazione derivante dall erogazione di un servizio ai cittadini da parte della Regione

8 Dalla riforma del Titolo V della Costituzione ai giorni nostri La legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 Modifiche al Titolo V della parte seconda della Costituzione ha dato maggior vigore alle innovazioni introdotte dal D.lgs. 56/2000. Il nuovo testo dell art. 119 della Costituzione, novellato dalla suddetta legge, attribuisce esplicitamente ai Comuni, alle Province e alle Città metropolitane, oltre che alle Regioni, l autonomia finanziaria, che si concretizza nella possibilità di disporre di risorse adeguate alla finalizzazione delle azioni che si intendono intraprendere nei settori di competenza. Il rinnovato articolo rafforza in particolare l autonomia finanziaria delle Regioni, potendo tali enti stabilire e gestire in modo autonomo le risorse di cui necessitano per realizzare le funzioni loro affidate; Comuni, Province e Città metropolitane possono invece introdurre tributi solo sulla base di leggi di autorizzazione. Tale autonomia si sostanzia sia sul fronte della spesa che su quello dell entrata: le Regioni possono infatti stabilire e applicare tributi ed entrate propri. Alle medesime sono attribuite inoltre compartecipazioni al gettito di tributi erariali riferibili al loro territorio: trattasi del cd. principio della territorialità dell imposta, in base al quale il gettito prelevato da un territorio dovrà rimanere, almeno in parte, nell ambito della comunità che lo ha prodotto. Secondo quanto stabilito inoltre dal nuovo comma 3 dell articolo in questione, inoltre, con propria legge lo Stato provvede ad istituire un fondo perequativo, senza vincoli di destinazione, che dovrebbe compensare eventuali squilibri fra le entrate tributarie delle Regioni, consentendo loro di erogare i servizi di competenza a livelli uniformi su tutto il territorio nazionale. Lo Stato può anche destinare risorse aggiuntive (cd. finanza straordinaria) al fine di promuovere lo sviluppo economico e sociale, favorire la coesione e la solidarietà sociale, nonché per rimuovere squilibri economico-sociali. Attraverso queste fonti finanziarie le Regioni dovrebbero finanziare integralmente l esercizio delle funzioni che le leggi assegnano loro: si tratta del cd. parallellismo delle funzioni/risorse, principio di carattere generale ed essenzialmente politico volto ad evitare che lo Stato devolva agli enti locali o alle Regioni funzioni aggiuntive senza accompagnarle con le risorse necessarie per esercitarle. Negli anni successivi non si sono registrati progressi significativi:

9 - la finanziaria statale 2003 (L. 289/2002) ha sospeso gli aumenti delle addizionali all IRPEF e delle maggiorazioni dell aliquota IRAP in attesa di un accordo in sede di Conferenza unificata tra Stato, Regioni ed enti locali sui meccanismi strutturali del federalismo fiscale. Con la finanziaria per il 2004 (L. 350/2003) tale blocco è stato prorogato di un ulteriore anno, indipendentemente dal raggiungimento del suddetto accordo; - la stessa finanziaria 2003 ha previsto l istituzione dell Alta Commissione di Studio per la definizione dei meccanismi strutturali del Federalismo Fiscale (AcoFF) per indicare al Governo, sulla base di un accordo quadro fra Stato, Regioni ed enti locali, i principi generali del coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario (nonchè aspetti più direttamente operativi); istituzione poi avvenuta con DPCM 9/4/2003; - con l approvazione della legge 80/2003 di riforma del sistema di finanziamento statale, si sono poste le condizioni per una graduale abolizione del principale tributo regionale, l Irap, senza tuttavia indicare come sostituirlo sia in termini di gettito, sia come strumento di politica tributaria per le imprese; - dopo che la citata L. 289/2002 aveva disposto l avvio, dal 1 gennaio 2004 (secondo quanto disposto dall art. 6 D.lgs. 56/2000), della trasformazione dei trasferimenti per l esercizio delle funzioni conferite dallo Stato alle Regioni in entrate proprie, un recente decreto ha ulteriormente fatto slittare la data al 1 gennaio In questo quadro d incertezza, il meccanismo previsto con il D.lgs. 56/2000 ha continuato ad essere il punto di riferimento per la definizione di un quadro finanziario regionale, in attesa delle indicazioni che l ACoFF dovrà fornire sui principali nodi da sciogliere (essa dovrà terminare i propri lavori entro il 30 settembre 2005). LE MANOVRE TRIBUTARIE DELLA REGIONE DEL VENETO A partire dal 2001 il Consiglio regionale del Veneto ha approvato numerosi provvedimenti legislativi sui tributi di competenza, alla base dei quali sta il bisogno di rafforzare il processo di risanamento economico delle gestioni sanitarie, adempiendo agli obblighi introdotti dall Accordo Stato-Regioni 8/8/2001, che condiziona l erogazione dei finanziamenti integrativi statali in materia sanitaria all osservanza di

10 una serie di adempimenti, tra i quali il mantenimento da parte delle Regioni della stabilità e dell equilibrio della gestione del settore sanitario. Tale accordo vincola le Regioni a coprire gli ulteriori fabbisogni di spesa introducendo strumenti di controllo della domanda e di riduzione della spesa ovvero adottando altri strumenti fiscali, come la citata addizionale regionale all IRPEF, pena la mancata erogazione dei suddetti finanziamenti integrativi. MANOVRA 2002 Approvata con legge regionale 24 dicembre 2001, n. 40, ha per oggetto l adeguamento della misura dell addizionale IRPEF (che cresce dallo 0,9 all 1,4%, con un gettito previsto di 230,8 ml) e della tassa automobilistica regionale (che aumenta del 10%, apportando alle casse regionali 43,3 ml in più), per acquisire le risorse necessarie ad affrontare prioritarie situazioni di governo settoriale, quali sanità ed infrastrutture viarie della Regione. MANOVRA 2003 Approvata con legge regionale 22 novembre 2002, n. 34, mira a rendere strutturale la copertura del deficit sanitario 2002 e a supportare il finanziamento delle infrastrutture viarie, attraverso interventi sull addizionale IRPEF (gettito previsto, al netto delle fattispecie agevolative: 167,4 ml) e sull IRAP (gettito previsto: 46,4 ml). MANOVRA 2004 Approvata con legge regionale 24 novembre 2003, n. 38, è finalizzata alla prosecuzione del processo di risanamento delle gestioni sanitarie nel rispetto dei vincoli stabiliti dal citato accordo 8/8/2001. Complessivamente la pressione fiscale diminuisce rispetto all anno precedente (gettito previsto add. IRPEF: 145,4 ml; gettito previsto IRAP: 42,9 ml); sono inoltre presenti, così come nel 2003, gli effetti di trascinamento delle manovre sulla tassa automobilistica e sull addizionale regionale all imposta di consumo sul gas metano (art. 38 l.r. 2/2002).

11 MANOVRA 2005 Approvata con legge regionale 26 novembre 2004, n. 29, vuole completare il processo di risanamento economico delle gestioni sanitarie e proseguire il processo di riduzione della pressione fiscale, intrapreso con la manovra tributaria 2003; ulteriori, ma non secondari obiettivi, consistono nel non far gravare la manovra su alcune categorie meritevoli di tutela e nel rivitalizzare il tessuto economico della Regione, attraverso la riproposizione delle agevolazioni IRAP per le nuove imprese giovanili e femminili e le nuove cooperative sociali. Con riferimento all addizionale regionale IRPEF, l innalzamento della no tax area ai contribuenti con reddito imponibile fino a ,00 ha comportato l esclusione dalla manovra per oltre un milione di cittadini veneti assoggettati alla manovra Per i contribuenti con reddito imponibile superiore, l aliquota dell addizionale è fissata nella misura dell 1,4% sull intero reddito imponibile. Viene confermata l esenzione dalla manovra sull addizionale IRPEF per i portatori di handicap e per i soggetti aventi fiscalmente a carico un portatore di handicap con un reddito imponibile non superiore a ,00. Con riferimento all IRAP, viene confermata a decorrere dal 2005 l aliquota maggiorata, pari al 5,25%, per i contribuenti dei settori banche, altri enti e società finanziarie e imprese di assicurazione, già fissata in tal misura per il Sono prorogate anche per l anno 2005 le agevolazioni sull IRAP per le imprese giovanili, quelle femminili e tutte le cooperative sociali che verranno costituite nel 2005, ad esclusione di quelle derivanti da operazioni di trasformazione o di fusione sociale. Tale agevolazione consiste nella fissazione dell aliquota IRAP al 3,25% per gli anni 2005, 2006 e 2007, con un abbattimento dell aliquota dell 1% rispetto a quella ordinaria. Viene prorogata al 2005 la medesima esenzione, prevista già nella L.R. 38/2003, a favore delle cooperative sociali che svolgono attività di produzione e lavoro, finalizzate all inserimento lavorativo delle persone svantaggiate (cooperative sociali ex art. 2, c. 1, lettera b), L.R. 34/1994). Contestualmente, viene introdotta per l anno 2005 l aliquota IRAP agevolata al 3,70 % per le cooperative sociali che svolgono attività afferenti alla gestione di servizi socio-sanitari ed educativi (cooperative sociali ex art. 2, c. 1, lettera a), L.R. 24/1994).

12 Il gettito netto stimato proveniente dalla manovra ammonta complessivamente a 157,3 milioni di euro, di cui 115,3 ml rinvenienti dalla manovra sull addizionale regionale IRPEF e 42 ml dalla manovra IRAP.

13 REGIONE DEL VENETO: MANOVRE TRIBUTARIE E DESTINAZIONE DEI GETTITI (dati previsionali in milioni ) manovra 2002 (L.R. 40/2001) gettito manovra 2003 (L.R. 34/2002) gettito aumento aliquote addiz.irpef 195,2 aumento aliquote addiz.irpef 167,4 aumento 10% tassa auto 43,4 aumento aliquota IRAP dello 0,5% per banche e assicurazioni riduzione aliquote ARIGASM -34,1 totale manovra 204,5 totale manovra 213,8 mantenimento 10% tassa auto 43,4 mantenimento riduzione aliquote ARIGASM -34,8 totale complessivo 204,5 totale complessivo 222,4 destinazione del gettito importi destinazione del gettito importi disavanzi sanità 2000 (limite di 15 ml per 10 anni) 15 disavanzi sanità disavanzi sanità 2001 (di cui limite di 7,1 ml per 10 anni) 167,2 disavanzi sanità ,1 disavanzi sanità altro 5 totale copertura sanità 182,2 totale copertura sanità 202,1 infrastrutture viarie 16 infrastrutture viarie 16 a beneficio del bilancio 6,3 a beneficio del bilancio 4,3 totale complessivo 204,5 totale complessivo 222,4 46,4 manovra 2004 (L.R. 38/2003) gettito manovra 2005 (L.R. 29/2004) gettito aumento aliquote addiz. IRPEF 159,9 aumento aliquote addiz. IRPEF 115,3 aumento aliquota IRAP dello 0,5% per banche e assicurazioni 44,5 aumento aliquota IRAP dello 0,5% per banche e assicurazioni totale manovra 204,4 totale manovra 157,3 mantenimento 10% tassa auto 43,4 mantenimento 10% tassa auto 43,4 mantenimento riduzione aliquote mantenimento riduzione aliquote -34,2-34,2 ARIGASM ARIGASM totale complessivo 213,6 totale complessivo 166,5 destinazione del gettito importi destinazione del gettito importi disavanzi sanità disavanzi sanità disavanzi sanità ,1 disavanzi sanità ,1 disavanzi sanità ,5 disavanzi sanità ,6 altro 5 altro 9 totale copertura sanità 178,6 totale copertura sanità 131,7 infrastrutture viarie 16 infrastrutture viarie 16 a beneficio del bilancio 19 a beneficio del bilancio 18,8 totale complessivo 213,6 totale complessivo 166,5 42 fonte: Relazione di Analisi sulla Gestione rielaborazione Ufficio Problemi Finanziari

14 Autonomia finanziaria regionale e principi del federalismo fiscale

15 AUTONOMIA FINANZIARIA REGIONALE E PRINCIPI DEL FEDERALISMO FISCALE Art. 119 della Costituzione 1. I Comuni, le Province, Le Città metropolitane e le Regioni hanno autonomia finanziaria di entrata e di spesa. 2. I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno risorse autonome. Stabiliscono e applicano tributi ed entrate propri, in armonia con la Costituzione e secondo i principi di coordinamento della finanza publica e del sistema tributario. Dispongono di compartecipazioni al gettito di tributi erariali riferibili al loro territorio. 3. La legge dello Stato istituisce un fondo perequativo, senza vincoli di destinazione, per i territori con minore capacità fiscale per abitante. 4. Le risorse derivanti dalle fonti di cui ai commi precedenti consentono ai Comuni, alle Province, alle Città metropolitane e alle Regioni di finanziare integralmente le funzioni pubbliche loro attribuite. 5. Per promuovere lo sviluppo economico, la coesione e la solidarietà sociale, per rimuovere gli squilibri economici e sociali, per favorire l effettivo esercizio dei diritti della persona, o per provvedere a scopi diversi dal normale esercizio delle loro funzioni, lo Stato destina risorse aggiuntive ed effettua interventi speciali in favore di determinati Comuni, Province, Città metropolitane e Regioni 6. I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno un proprio patrimonio, attribuito secondo i principi generali determinati dalla legge dello Stato. Possono ricorrere all indebitamento solo per finanziare spese di investimento. E esclusa ogni garanzia dello Stato sui prestiti dagli stessi contratti.

16 Evoluzione dell autonomia tributaria regionale nell ultimo decennio 1993, con effetto dal 1994 D.lgs 502/1992: attribuzione dei contributi sanitari e della tassa sulla salute Corrispondente riduzione del fondo sanitario nazionale 1996 Legge 549/95: soppressione di alcuni importanti trasferimenti (fondo comune, fondo di sviluppo, fondo trasporti, fondi agricoltura) Attribuzione in sostituzione di una quota dell accisa sulla benzina Attribuzione di un fondo perequativo per insufficienza dell accisa 1998 D.lgs 446/97: abolizione dei contributi sanitari Attribuzione dell IRAP e di un addizionale IRPEF compresa tra lo 0,5 % e lo 0,9% 2001 D.lgs 56/2000: abolizione del fondo sanitario nazionale Attribuzione della compartecipazione IVA Aumento dell addizionale IRPEF dello 0,4% (0,9-1,4%) 2006 D.lgs 56/2000: i trasferimenti per l attuazione del decentramento amministrativo confluiranno nel sistema di finanziamento delle Regioni a statuto ordinario attraverso la fiscalità

17 Il federalismo fiscale del decreto legislativo 56/2000: i trasferimenti aboliti e le aliquote di compartecipazione sostitutive Abolizione, a decorrere dall anno 2001, dei trasferimenti erariali a favore delle Regioni a statuto ordinario, ad esclusione di quelli destinati a finanziare interventi nel settore delle calamità naturali, nonché di quelli a specifica destinazione per i quali sussista un rilevante interesse nazionale. La maggior parte dei trasferimenti soppressi è rappresentata dal fondo sanitario corrente. Sostituzione dei trasferimenti aboliti mediante compartecipazioni a tributi nazionali: compartecipazione alla base dell imponibile IRPEF compartecipazione regionale all accisa sulla benzina compartecipazione all IVA

18 I vantaggi del decentramento e dell autonomia fiscale (riduzione dei trasferimenti erariali) Il decentramento permette di aumentare il benessere dei cittadini e l efficienza dei servizi pubblici: Offerta di servizi maggiormente aderenti alle preferenze degli individui Miglioramento del funzionamento del settore pubblico attraverso la maggior concorrenza tra governi Favorisce il coinvolgimento dei cittadini nella gestione della cosa pubblica L aumento dell autonomia tributaria e la riduzione dei trasferimenti statali permette: La maggiore percezione dei costi dei servizi da parte dei cittadini, misurata dal prelievo fiscale La maggiore responsabilizzazione degli Amministratori verso i cittadini sul numero e qualità dei servizi prestati, sull efficienza della spesa (riduzione sprechi), sul livello dei tributi

19 I TRIBUTI: CLASSIFICAZIONE Le entrate tributarie regionali si distinguono in imposte e tasse IMPOSTA: è un prelievo forzoso di ricchezza, effettuata da un ente pubblico, al fine di finanziare servizi pubblici indivisibili, che cioè avvantaggiano la collettività. TASSA: è un prelievo non forzoso effettuato da un ente pubblico, in cambio della fornitura da parte di un ente pubblico di un servizio speciale divisibile ad un privato, generalmente dietro sua richiesta. TRIBUTI PROPRI REGIONALI: sono quelli sui quali la Regione ha almeno la possibilità di manovrare l aliquota. COMPARTECIPAZIONE: in senso lato è rappresentata da una quota regionale di un tributo nazionale; in senso proprio rappresenta una quota fissa di un tributo nazionale sul quale la Regione non ha possibilità di manovra dell aliquota.

20 IRAP Imposta regionale sulle attività produttive Provvedimento normativo di istituzione: decreto legislativo 446/1997. Soggetti passivi: chi svolge abitualmente un attività autonomamente organizzata, diretta alla produzione e allo scambio di beni, nonché alla produzione di servizi nel territorio della Regione. Base imponibile: valore della produzione netta derivante dall attività esercitata nel territorio della Regione. La determinazione del valore della produzione netta è disciplinata da regole diverse secondo i vari tipi di attività. Aliquota: 4,25% della base imponibile per i soggetti privati; 8,5% per i soggetti pubblici. Margini di manovra: per i soggetti privati, o per alcune categorie di essi, l aliquota può essere aumentata o diminuita fino ad un punto percentuale. Incidenza sul bilancio regionale 2005: milioni di euro, pari al 28% del totale. Addizionale regionale all IRPEF Provvedimento normativo di istituzione: decreto legislativo 446/1997. Soggetti passivi: l obbligo di assoggettamento all addizionale è previsto per i soggetti possessori di redditi rilevanti ai fini l Irpef, per i quali essa è effettivamente dovuta (cioè soggetti non a credito o con saldo zero). Base imponibile: reddito complessivo determinato ai fini dell imposta sul reddito delle pesone fisiche, al netto degli oneri deducibili riconosciuti ai fini di tale imposta. Aliquota: 0,9% della base imponibile. Margini di manovra: l aliquota può essere incrementata da ciascuna Regione fino al l 1,4%. Incidenza sul bilancio regionale 2005: 604 milioni di euro, pari al 5% del totale.

21 Tassa automobilistica regionale Provvedimento normativo di istituzione: D.P.R. n. 39/1953 e legge regionale n. 3/1972. Soggetti passivi: veicoli ed autoscafi immatricolati nelle province della Regione e quelli appartenenti a persone residenti nella Regione stessa per i quali non occorre il documento di circolazione. Base imponibile: potenza, espressa in cavalli vapore del veicolo (salvo eccezioni). Aliquota: per i veicoli tassati in base alla potenza effettiva basta moltiplicare per euro 2,58 il numero dei cavalli vapore (KW) del veicolo. Margini di manovra: le Regioni a statuto ordinario possono introdurre ogni anno variazioni in misura compresa tra il 90 e il 110% rispetto agli importi vigenti nell anno precedente. Incidenza sul bilancio regionale 2005: 508 milioni di euro, pari al 4,5% del totale. Addizionale regionale all imposta di consumo sul gas metano Provvedimento normativo di istituzione: decreto legislativo n. 398/1990. Soggetti passivi: le aziende e gli enti che forniscono gas metano ai consumatori, i consumatori che si avvalgono delle reti di gasdotti per il vettoriamento di prodotto proprio, i titolari di raffinerie, di impianti petrolchimici e di impianti di produzione combinata di energia elettrica e di calore che ne abbiano fatto richiesta. Base imponibile: consumo di gas metano, espresso in metri cubi e ripartito per tipologie di utenza. Aliquota: la tariffa per metro cubo, differenziata per tipologia di utenza, varia da euro 0, per metro cubo a euro 0, per metro cubo. Margini di manovra: la tariffa può essere rimodulata entro i limiti minimo di euro 0, e massimo di euro 0, al metro cubo di gas erogato. Incidenza sul bilancio regionale 2005: 45 milioni di euro, pari allo 0,4% del totale.

22 Tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi Provvedimento normativo di istituzione: legge n. 549/1995 e legge regionale n. 3/2000. Soggetti passivi: i gestori dell impresa di stoccaggio definitivo con obbligo di rivalsa nei confronti di colui che effettua il conferimento. Base imponibile: quantità di rifiuti conferiti in discarica. Aliquota: l ammontare del tributo per ogni tonnellata di rifiuti conferiti in discarica, è fissato nel modo seguente: euro 1,03 per i rifiuti speciali non pericolosi del settore minerario, estrattivo, edilizio, lapideo e metallurgico, ivi compresi i rifiuti inerti provenienti da scavi; euro 2,07 per i rifiuti speciali pericolosi del settore minerario estrattivo, edilizio lapideo e metallurgico; euro 10,33 per i rifiuti speciali non pericolosi; euro 20,66 per i rifiuti speciali pericolosi; euro 25,82 per tutti i rifiuti urbani, nonché per le altre tipologie di rifiuti speciali conferite in discariche per rifiuti urbani. Margini di manovra: la misura dev essere determinata tenendo conto dei seguenti limiti stabiliti dalla legge 549/95 per ogni tonnellata di rifiuti conferiti in discarica: in misura non inferiore ad euro 1,03 e non superiore ad euro 10,3 per i rifiuti dei settori minerario, estrattivo, edilizio lapideo e metallurgico; non inferiore ad euro 5,2 e non superiroe ad euro 10,3 per i rifiuti speciali; non inferiore ad euro 10,3 e non superiore ad euro 25,8 per i restanti tipi di rifiuti. Incidenza sul bilancio regionale 2005: 15 milioni di euro, pari allo 0,1% del totale.

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2010 1 Capitolo IV. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti locali (Comuni, Province,

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Capitolo V. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI INFERIORI DI GOVERNO IN ITALIA Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2012 1 Il decentramento in Italia Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti

Dettagli

federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale

federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale Art. 1 Oggetto del Provvedimento Oggetto del Dlgs approvato

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI DECENTRATI DI GOVERNO IN ITALIA. Aspetti generali. Il decentramento in Italia

IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI DECENTRATI DI GOVERNO IN ITALIA. Aspetti generali. Il decentramento in Italia Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, Il Mulino, 2012 1 Capitolo V. IL FINANZIAMENTO DEI LIVELLI DECENTRATI DI GOVERNO IN ITALIA Aspetti generali Rapporti tra Stato e - Regioni - Enti locali

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Tabella A - Tasse sulle concessioni regionali (TCR)

Tabella A - Tasse sulle concessioni regionali (TCR) Tabella A - Tasse sulle concessioni regionali (TCR) TITOLO I IGIENE E SANITA' INDICAZIONE DEGLI ATTI SOGGETTI A TASSA Tassa di rilascio Tassa annuale 1 Concessione per l apertura e l esercizio di farmacie

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 1) IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) La Legge di Stabilità 2014 n. 147 del 27 dicembre 2013 (articolo 1 commi da 639 a 731) ha istituito, a partire dal 1/01/2014, l Imposta

Dettagli

L analisi dei dati di finanza pubblica a supporto delle politiche di bilancio nel nuovo scenario del federalismo

L analisi dei dati di finanza pubblica a supporto delle politiche di bilancio nel nuovo scenario del federalismo Regione Umbria Servizio Bilancio e finanza L analisi dei dati di finanza pubblica a supporto delle politiche di bilancio nel nuovo scenario del federalismo Brufa - 3 ottobre 2008-1 - Indice Il federalismo:

Dettagli

Obiettivi dello studio

Obiettivi dello studio La riforma della finanza decentrata in Italia: prospettive attuali e future. L IRAP. Maria Pia Monteduro Se.C.I.T. Obiettivi dello studio Analisi della situazione attuale Osservazioni sul disegno di legge

Dettagli

Silvia Scozzese 21 gennaio 2014

Silvia Scozzese 21 gennaio 2014 Silvia Scozzese 21 gennaio 2014 IL CONTESTO FINANZIARIO 1 LA MANOVRA DEL COMPARTO COMUNALE ANNI 2007-2014 Valori in milioni di euro Totale Cumulato 2007-2014 Manovra di cui: 16.177 L obiettivo di Patto

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO TECNICO DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO ENTRATE PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIIE

ALLEGATO AL DOCUMENTO TECNICO DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO ENTRATE PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIIE Regione Calabria ALLEGATO AL DOCUMENTO TECNICO DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO ENTRATE PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIIE (Art. 11 e allegato 4/1 decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118) CON FUNZIONE

Dettagli

L IMPATTO DEL FEDERALISMO FISCALE SULLA FINANZA DEL TERRITORIO

L IMPATTO DEL FEDERALISMO FISCALE SULLA FINANZA DEL TERRITORIO L IMPATTO DEL FEDERALISMO FISCALE SULLA FINANZA DEL TERRITORIO GIAN LORENZO BORACCHIA Settore Risorse Finanziarie, Bilancio ed Entrate Regionali della REGIONE LIGURIA gianlorenzo.boracchia@regione.liguria.it

Dettagli

Il finanziamento dei livelli inferiori di governo in Italia

Il finanziamento dei livelli inferiori di governo in Italia Lezione 6 Il finanziamento dei livelli inferiori di governo in Italia Rapporti tra Stato e - Regioni -Enti locali (Comuni, Province, Comunità montane, Università, Camere di Commercio) Rapporti finanziari

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 10 aprile 1998, n. 137 DISPOSIZIONI CORRETTIVE DEL DECRETO LEGISLATIVO 15 DICEMBRE 1997, n. 446, CONCERNENTE L'ISTITUZIONE DELL'IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITA' PRODUTTIVE, LA REVISIONE

Dettagli

La perequazione: capacità fiscale e fabbisogni di spesa Il meccanismi perequativi nella Legge Delega del federalismo fiscale (legge 42/2009)

La perequazione: capacità fiscale e fabbisogni di spesa Il meccanismi perequativi nella Legge Delega del federalismo fiscale (legge 42/2009) Contenuti La perequazione: capacità fiscale e fabbisogni di spesa Il meccanismi perequativi nella Legge Delega del federalismo fiscale (legge 42/2009) Bari 24/06/2013 2 Perché è importante perequare? Le

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VALLE D'AOSTA N. 26 del 30 giugno 2009 IL CONSIGLIO REGIONALE IL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VALLE D'AOSTA N. 26 del 30 giugno 2009 IL CONSIGLIO REGIONALE IL PRESIDENTE DELLA REGIONE LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 17-06-2009 REGIONE VALLE D'AOSTA Assestamento del bilancio di previsione per l anno finanziario 2009, modifiche a disposizioni legislative, variazioni al bilancio di previsione

Dettagli

istituzione di una addizionale regionale a tale imposta, nonché riordino della disciplina dei tributi locali e successive

istituzione di una addizionale regionale a tale imposta, nonché riordino della disciplina dei tributi locali e successive 18 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 28-11-2003 - N. 112 LEGGE REGIONALE 24 novembre 2003, n. 38 Disposizioni in materia di tributi regionali. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

Il federalismo fiscale: novità e prospettive per gli Enti Locali

Il federalismo fiscale: novità e prospettive per gli Enti Locali Scuola Emilia-Romagna, Toscana, Umbria e Marche CORSO Il federalismo fiscale: novità e prospettive per gli Enti Locali Paola D Avena Il federalismo fiscale: novità e prospettive per gli Enti Locali Bologna,

Dettagli

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 Il testo normativo vigente in materia di patto di stabilità discende dall art. 77 bis del D.L. 112/2008, convertito in L. 133/2008 e s.m.i.

Dettagli

ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF. CONFERMA ALIQUOTE ANNO 2014 30/04/2014 IL CONSIGLIO COMUNALE

ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF. CONFERMA ALIQUOTE ANNO 2014 30/04/2014 IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 17 SEDUTA DEL OGGETTO ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF. CONFERMA ALIQUOTE ANNO 2014 30/04/2014 IL CONSIGLIO COMUNALE Richiamato l articolo 52, comma 1, del decreto legislativo 15 dicembre 1997,

Dettagli

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta del Presidente, Matteo

Dettagli

Art. 1 (Clausola di urgenza e necessità)

Art. 1 (Clausola di urgenza e necessità) Consiglio Regionale Provvidenze sociali a favore dei malati oncologici e dei soggetti trapiantati, modifiche alle leggi regionali 20/2010, 2/2013, 23/2014, 24/2014, sostegno alimentare alle persone in

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE p r o m u l g a

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE p r o m u l g a L.R. 30 Dicembre 2014, n. 17 Legge di Stabilità regionale 2015 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE p r o m u l g a la seguente legge: SOMMARIO Art. 1 Leggi regionali di spesa

Dettagli

alla Confindustria Viale dell Astronomia n. 30 (fax 06/5923713)

alla Confindustria Viale dell Astronomia n. 30 (fax 06/5923713) Roma, 2 gennaio 2008 Protocollo: 1/V Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e per conoscenza: agli Uffici di diretta collaborazione

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

Alcuni articoli del Titolo V della Costituzione italiana Confronto tra il testo del 1948 e quello modificato dalla Legge costituzionale n.

Alcuni articoli del Titolo V della Costituzione italiana Confronto tra il testo del 1948 e quello modificato dalla Legge costituzionale n. Alcuni articoli del Titolo V della Costituzione italiana Confronto tra il testo del 1948 e quello modificato dalla Legge costituzionale n. 3 del 2001 Articoli Prima del 2001 Dopo il 2001 114 La Repubblica

Dettagli

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 Comune di Livorno D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 1 Il nuovo Ciclo di Programmazione Programma di governo (locale) Finalità Politiche Programmi/Progetti Obiettivi di gestione Indirizzi di finanza

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

26.2.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 LEGGE REGIONALE 23 febbraio 2016, n. 13

26.2.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 LEGGE REGIONALE 23 febbraio 2016, n. 13 26.2.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 LEGGE REGIONALE 23 febbraio 2016, n. 13 Nuove disposizioni in materia di energia. Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 39, in

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO Cattedra di diritto commerciale Prof. Gian Domenico Mosco MATERIALI Circolare Agenzia delle Entrate 22 ottobre 2001, n.92 E - Soppressione e semplificazione di adempimenti a carico del contribuente. (Estratto)

Dettagli

Agenzia delle Dogane ENI S.p.A.

Agenzia delle Dogane ENI S.p.A. Agenzia delle Dogane ENI S.p.A. Intervento Roma 2 3 luglio 2002 Ing. Walter De Santis Direttore centrale Agenzia delle Dogane Convegno dibattito sugli effetti della liberalizzazione del mercato del gas

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Al riguardo si forniscono gli indirizzi che seguono.

Al riguardo si forniscono gli indirizzi che seguono. Protocollo: 130439 Rif.: Allegati: Roma, 13 Dicembre 2013 Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali LORO SEDI e, per conoscenza: Alla Direzione Centrale Affari Giuridici e Contenzioso Alla

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

1) Le centrali elettriche a pannelli fotovoltaici vanno nella categoria D/1 opifici

1) Le centrali elettriche a pannelli fotovoltaici vanno nella categoria D/1 opifici Stampa Novità fiscali del 7 novembre 2008: affitto di azienda: deducibilità delle svalutazioni dei crediti; trust commerciale: deve compilare il modello Unico SC; codice tributo per PVC; tante altre notizie

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2.

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2. 12 5.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 dell articolo 2, commi 60, 61 e 62, del decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262 (Disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria),

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 7 LEZIONE IL DECENTRAMENTO FISCALE: IL CASO ITALIANO (ottobre 2008) BIBLIOGRAFIA:

Dettagli

Roma, 05 novembre 2008

Roma, 05 novembre 2008 RISOLUZIONE N.423/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Deduzioni dalla base imponibile IRAP di

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 Servizio Politiche Fiscali UIL Il 15 luglio 2011 il Parlamento

Dettagli

COMUNE DI MONTIANO. Relazione di Giunta al Rendiconto 2013

COMUNE DI MONTIANO. Relazione di Giunta al Rendiconto 2013 COMUNE DI MONTIANO Relazione di Giunta al Rendiconto 2013 PARTE 1 Aprile 2014 - Introduzione 2 - Quadro previsioni definitive B. P. 2013.....6 - Quadro confronto entrate correnti 2012-2013..7 - Quadro

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni SISTEMA TRIBUTARIO La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Marche Legge della Regione Marche 28 dicembre 2011, n. 28, recante Disposizioni per la formazione del bilancio

Dettagli

L AUTONOMIA FINANZIARIA LE ENTRATE SECONDO LA PROVENIENZA LE ENTRATE TRIBUTARIE LE ENTRATE DA TRASFERIMENTI DESTINAZIONE ECONOMICA DELLA SPESA

L AUTONOMIA FINANZIARIA LE ENTRATE SECONDO LA PROVENIENZA LE ENTRATE TRIBUTARIE LE ENTRATE DA TRASFERIMENTI DESTINAZIONE ECONOMICA DELLA SPESA L AUTONOMIA FINANZIARIA LE ENTRATE SECONDO LA PROVENIENZA 2008 LE ENTRATE TRIBUTARIE LE ENTRATE DA TRASFERIMENTI DESTINAZIONE ECONOMICA DELLA SPESA RIPARTIZIONE DELLA SPESA PER FUNZIONI AUTONOMIA FINANZIARIA

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi dei servizi. Quelle per gli investimenti derivano da

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2014 dell Ufficio

Dettagli

Capitolo Secondo. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 1.CHI NE HA DIRITTO 2. PER QUALI VEICOLI?

Capitolo Secondo. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 1.CHI NE HA DIRITTO 2. PER QUALI VEICOLI? Capitolo Secondo. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 1.CHI NE HA DIRITTO Sono ammesse alle agevolazioni le seguenti categorie di disabili: 1. non vedenti e sordomuti; 2. disabili con handicap psichico

Dettagli

Delibera n.5 del 28.04.2014 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) - COMPONENTI IMU E TASI INDIRIZZI

Delibera n.5 del 28.04.2014 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) - COMPONENTI IMU E TASI INDIRIZZI Delibera n.5 del 28.04.2014 OGGETTO: IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) - COMPONENTI IMU E TASI INDIRIZZI Sentita la relazione del responsabile del servizio finanziario che espone le componenti della IUC, precisandone

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 17 GENNAIO 2008

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 17 GENNAIO 2008 CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 GENNAIO 2008 Oggetto: Disposizioni in materia di aliquota di imposta sul valore aggiunto sul gas naturale per combustione per usi civili

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE ENTI LOCALI - PREVISIONI DI COMPETENZA

PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE ENTI LOCALI - PREVISIONI DI COMPETENZA Comune di Jesi Esercizio: 2015 BILANCIO DI PREVISIONE - ENTRATE DI BILANCIO Data: 05-11-2014 Pag. 1 Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 1010100 101: Imposte, tasse e proventi

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Atto n. 11 del 16.05.2014 Premesso che: a) in attuazione della legge 5 maggio 2009, n. 42, con il decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 sono state approvate le disposizioni in

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

Riferimenti normativi. Schema

Riferimenti normativi. Schema Tema n. 25 Il candidato esamini la disciplina dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e accenni ai dubbi di incompatibilità dell imposta con la normativa comunitaria Riferimenti normativi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 14 del 25 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Ddl stabilità per il 2014: le prime anticipazioni della stampa Premessa Recentemente il Consiglio dei Ministri ha

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Allegato L ELENCO DEI TITOLI, TIPOGIE E CATEGORIE DI ENTRATA REGIONI ELENCO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE

Allegato L ELENCO DEI TITOLI, TIPOGIE E CATEGORIE DI ENTRATA REGIONI ELENCO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE Allegato L Allegato 13/1 al D.Lgs 118/2011 (previsto dell art. 15, comma 2) ELENCO DEI TITOLI, TIPOGIE E CATEGORIE DI ENTRATA Il prospetto sotto descritto riguarda l elenco delle entrate di bilancio per

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

Burani & Lancellotti COMMERCIALISTI ASSOCIATI Modena

Burani & Lancellotti COMMERCIALISTI ASSOCIATI Modena Spett.li Clienti Loro Sedi, lì 14 Gennaio 2013 OGGETTO: Legge di stabilità 2013 ed altre disposizioni La Legge di Stabilità per il 2013 (L.228/2012) contiene molte novità e assorbe alcuni importanti provvedimenti

Dettagli

Patto di stabilità interno degli enti locali

Patto di stabilità interno degli enti locali Patto di stabilità interno degli enti locali (da www.ilsole24ore.com) PER CAPIRE Il patto di stabilità si riferisce a province e comuni con più di 5mila abitanti ed è vincolato alla crescita del saldo

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

DECRETO SVILUPPO 2011

DECRETO SVILUPPO 2011 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 3 AGOSTO 2011 DECRETO SVILUPPO 2011 E stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale 12.07.2011, n. 160, la Legge 12.07.2011 n. 106 di conversione del D.L. 70/2011 c.d. Decreto Sviluppo.

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

((approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri il 31 marzo 2011 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 109 del 12 Maggio 2011)

((approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri il 31 marzo 2011 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 109 del 12 Maggio 2011) Guida alla lettura del d.lgs 6 maggio 2011, n. 68, recante Disposizioni in materia di autonomia di entrata delle Regioni a statuto ordinario e delle Province, nonché di determinazione dei costi e dei fabbisogni

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014)

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014) SEA Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. News per i Clienti dello studio del 6 maggio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DL Renzi: le novità in materia fiscale (DL n. 66 del 24.04.2014) 1 Gentile

Dettagli

(Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 settembre 2005, n. 220)

(Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 settembre 2005, n. 220) Decreto Ministero del lavoro e delle politiche sociali 22 luglio 2005 Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo nazionale per le politiche sociali, per l'anno 2005. (Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

IRAP E COSTO DEL LAVORO : DEDUCIBILITA DAL PERIODO D IMPOSTA 2015

IRAP E COSTO DEL LAVORO : DEDUCIBILITA DAL PERIODO D IMPOSTA 2015 IRAP E COSTO DEL LAVORO : DEDUCIBILITA DAL PERIODO D IMPOSTA 2015 La Legge 190/2014, Legge di Stabilità 2015, ha previsto significative novità per soggetti IRAP con i commi da 20 a 25 dell articolo 1.

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Schema di Dlgs in materia di federalismo fiscale municipale. A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi - Cgil nazionale

Schema di Dlgs in materia di federalismo fiscale municipale. A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi - Cgil nazionale Schema di Dlgs in materia di federalismo fiscale municipale A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi - Cgil nazionale Art. 1 devoluzione ai comuni della fiscalità immobiliare In attuazione

Dettagli

SCAGLIONE. fino a 120 0,044. da 121 a 48O 0,175 da 481 a 1.560 0,170 oltre 1.560 0,186 fino a 120 0,038. da 481 a 1.560 0,120 oltre 1.

SCAGLIONE. fino a 120 0,044. da 121 a 48O 0,175 da 481 a 1.560 0,170 oltre 1.560 0,186 fino a 120 0,038. da 481 a 1.560 0,120 oltre 1. IMPOSTE/ACCISE -GAS NATURALE ( ANN0 2014) ACCISA SCAGLIONE ACCISA (Smc/Anno) ( /Smc) fino a 120 0,044 CIVILE da 121 a 48O 0,175 da 481 a 1.560 0,170 oltre 1.560 0,186 fino a 120 0,038 TERRITORI DI CUI

Dettagli

CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica

CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica CONOSCI LA TUA BOLLETTA? Come funziona il libero mercato dell energia elettrica Informativa in base Decreto Legislativo n. 79 del 16 marzo 1999 (Attuazione della direttiva 96/92/CE norme per il mercato

Dettagli

CORSO UMBERTO I 64 90038 (PA) C.F. 85001150821 P. IVA 02715630824 ESERCIZIO: 2014

CORSO UMBERTO I 64 90038 (PA) C.F. 85001150821 P. IVA 02715630824 ESERCIZIO: 2014 COMUNE DI PRIZZI CORSO UMBERTO I 64 90038 (PA) C.F. 85001150821 P. IVA 02715630824 ESERCIZIO: 2014 1 Entrate correnti di natura tributaria e contributiva Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014 CIRCOLARE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 luglio 2014 OGGETTO: Articolo 1 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 Credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita PENSPLAN

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO

PROVINCIA DI VITERBO PROVINCIA DI VITERBO Viterbo, 5 luglio 2011 Il periodo delle vacche grasse è finito. Nel 2011 abbiamo ricevuto 3 milioni e 200mila euro in meno di risorse dal Governo centrale, a fronte di un aumento dell

Dettagli

Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES)

Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) Appendice 2 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) 1. Caratteristiche generali del tributo L art. 14, comma 1, del D. L. n. 201 del 2011 ha istituito, a partire dal 1 gennaio 2013, il tributo

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE)

NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE) NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE) PREMESSA La UIL esprime una valutazione positiva in merito all opportunità

Dettagli

Il Federalismo in pratica: il benchmarking delle politiche di entrata e di spesa delle Regioni italiane

Il Federalismo in pratica: il benchmarking delle politiche di entrata e di spesa delle Regioni italiane UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE CIFREL Centro Interuniversitario per lo studio della Finanza Regionale e Locale Il Federalismo in pratica: il benchmarking delle politiche di entrata e di spesa delle

Dettagli

Auto ultraventennali La mappa delle esenzioni del bollo

Auto ultraventennali La mappa delle esenzioni del bollo http://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2015/02/04/auto_ultraventennali_la_mappa_delle_esenzioni.html. 04/02/2015 Auto ultraventennali La mappa delle esenzioni del bollo A un mese e mezzo dall approvazione

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

LEGGE DI STABILITÀ 2015 NORME DI INTERESSE PER GLI ENTI LOCALI

LEGGE DI STABILITÀ 2015 NORME DI INTERESSE PER GLI ENTI LOCALI LEGGE DI STABILITÀ 2015 NORME DI INTERESSE PER GLI ENTI LOCALI CONTENIMENTO DELLA SPESA PER LE PROVINCE E LE CITTA METROPOLITANE Commi 418 e 419: Riduzione della spesa corrente 2015 2016 2017 1 milione

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI CAPITOLO I L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO: 1. Il concetto di autonomia finanziaria. 2. Il federalismo fiscale. 2.1. Le regioni a statuto speciale. 2.2. Le regioni a

Dettagli

INTERVENTO DEL DOTT. ACHILLE VARIATI PRESIDENTE UPI, PRESIDENTE PROVINCIA E SINDACO DI VICENZA

INTERVENTO DEL DOTT. ACHILLE VARIATI PRESIDENTE UPI, PRESIDENTE PROVINCIA E SINDACO DI VICENZA INTERVENTO DEL DOTT. ACHILLE VARIATI PRESIDENTE UPI, PRESIDENTE PROVINCIA E SINDACO DI VICENZA Audizione su AS 1977 di conversione decreto legge n. 78/15 Commissione Bilancio Senato della Repubblica Roma,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli