NUOVI SCENARI DI MOBILITÀ URBANA INTEGRATA: IL CASO AMI FERRARA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVI SCENARI DI MOBILITÀ URBANA INTEGRATA: IL CASO AMI FERRARA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Project Work NUOVI SCENARI DI MOBILITÀ URBANA INTEGRATA: IL CASO AMI FERRARA Nicoletta Morelli AA 2014/2015

2

3 INDICE INTRODUZIONE p. 1 1_ La storia e l organizzazione di AMI s.r.l 1.1_ Aspetti salienti dell evoluzione societaria p _ I compiti principali di AMI p. 4 2_ Verso un nuovo trasporto pubblico sostenibile: tematiche rilevanti e nuovi scenari 2.1_ Dinamiche evolutive della mobilità urbana e sue implicazioni economiche p _ Il Trasporto Pubblico Locale : ruolo e quadro normativo di riferimento p _ Verso una mobilità sostenibile alternativa: il Car Sharing e il Car Pooling p. 10 3_ Ipotesi di sviluppo delle modalità di organizzazione e fruizione dei servizi di trasporto pubblico integrato p _ Domanda di ricerca p _ Ipotesi di ricerca p _ La progettazione di una nuova mobilità urbana p _ Dalle ipotesi alla realtà p _ Cité Lib by Ha:mo : il caso di Grenoble p _ E-vai : il caso della mobilità integrata in Lombardia p _ Ferrara verso un nuovo scenario di mobilità integrata: possibili progettualità p. 25 CONCLUSIONI p. 30 BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA p. 32

4

5 1 INTRODUZIONE Quello della mobilità urbana è un tema decisamente rilevante, sotto diversi aspetti. La crescente congestione del traffico, l aumento vertiginoso dell inquinamento da smog, l incremento dei costi del carburante, sono solo alcuni dei problemi che le città, oggi, si trovano ad affrontare, nel momento in cui decidono di ridisegnare l assetto gestionale del trasporto pubblico. Questo, nella sua configurazione tradizionale, non è più in grado di sopperire a molte delle emergenti esigenze degli attori urbani. Le città sono cresciute, spesso in modo disordinato, arrivando a perdere ogni forma definita. È il fenomeno del cosiddetto sprawl, della città diffusa, che vede la presenza di periferie sempre più lontane dal centro e sempre meno collegate ad esso. Il Trasporto Pubblico Locale, per numerose ragioni, non riesce ad assicurare un offerta uniforme per tutti, sotto il profilo quantitativo e qualitativo. Ecco, allora, che la necessità è quella di procedere verso scenari inesplorati, che possano rappresentare una risposta concreta ad una domanda tanto semplice, quanto potentemente sfidante: come ci muoveremo domani? Intorno a quest interrogativo, stanno nascendo inedite proposte, tese al reperimento di soluzioni sostenibili, tanto sul versante economico, quanto su quello ambientale. Partendo dall esperienza di tirocinio svolta presso AMI s.r.l. Ferrara, il presente lavoro vuole essere, al tempo stesso, una chiara presa di coscienza di quanto sia cruciale occuparsi di mobilità nei moderni contesti urbani ed una riflessione, altrettanto chiara, circa le possibili direzioni evolutive del trasporto di persone nell imminente futuro. Da tali presupposti scaturisce la domanda di ricerca che, nel prosieguo del lavoro, verrà adeguatamente analizzata in tutte le sue implicazioni: a fronte del notevole cambiamento delle esigenze di mobilità dei cittadini e del rinnovato interesse per la sostenibilità ambientale, in che modo un Agenzia per la mobilità può realizzare strategie di trasporto pubblico pensate al di fuori dei tradizionali paradigmi? Dopo una breve rassegna degli aspetti salienti di AMI, verranno presi in considerazione due grandi configurazioni della mobilità. Da una parte, il TPL, inteso come il paradigma imprescindibile nel panorama dell offerta di servizi di trasporto e, dall altra, quella che potrebbe essere definita la mobilità alternativa, al cui interno spiccano due esperienze particolarmente significative: il Car Sharing e il Car Pooling. In merito a

6 2 queste due concettualizzazioni, si tenterà di disegnare un quadro definitorio, che possa essere utilmente esaustivo, dal momento che è sempre più diffusa la tendenza a considerare, erroneamente, i due termini come sinonimi. L esperienza in AMI ha reso evidente che il lavoro di un Agenzia per la mobilità è tutt altro che semplice. Il modo in cui un servizio di trasporto viene erogato, infatti, dipende strettamente dal modo in cui è stato, precedentemente, concepito. Solo attraverso concezioni realistiche, quindi, si potrà essere in grado di garantire a tutti un agevole fruizione dei servizi di mobilità.

7 3 1_ LA STORIA E L ORGANIZZAZIONE DI AMI S.R.L. 1.1_ Aspetti salienti dell evoluzione societaria Il tirocinio è stato svolto presso AMI 1 Ferrara s.r.l., azienda nata il 10 ottobre 2003, a seguito della scissione societaria di ACFT 2, oggi divenuta TPER dopo la fusione con ATC e alla trasformazione di ATC in TPER. Ad oggi, AMI è titolare della proprietà della rete e degli impianti destinati al servizio di trasporto pubblico locale, all interno del bacino di Ferrara. Inoltre, risulta proprietaria di tutta una serie di beni mobili e immobili funzionali agli scopi societari. TPER, dal canto suo, è rimasta titolare della gestione del trasporto pubblico all interno del medesimo bacino di utenza e continua a conservare la proprietà degli automezzi. Il quadro societario-gestionale che si è venuto a creare, a seguito della scissione, è perfettamente coerente con le previsioni della L.R. 30/98 e successive modificazioni, la quale sancisce il principio di separazione societaria tra i soggetti titolari della proprietà della rete e degli impianti e i soggetti titolari della gestione dei servizi. AMI coordina e favorisce la cooperazione tra gli Enti Locali Associati, al fine di attuare una politica di promozione del TPL e della mobilità in generale. I suoi obiettivi, inoltre, si estendono all'esercizio unitario di tutte le funzioni amministrative, compresa l'attività di regolazione e di vigilanza la quale, per quanto riguarda appunto il servizio di TPL autofilotranviario, spetta agli Enti Locali, ad esclusione delle funzioni di programmazione e di gestione del servizio stesso. Il 27 ottobre 2010 è avvenuta la trasformazione di AMI, da Consorzio a s.r.l. Tale trasformazione, prevista dalla Legge regionale n. 10 del 2008, che indica la forma giuridica di s.r.l. per le Agenzie Locali della Mobilità, non ha fatto altro, nella sostanza, che ribadire il ruolo della società e le sue funzioni, le quali erano già state, in precedenza, chiaramente definite. Nell adeguarsi alle disposizioni di legge, AMI ha confermato la propria natura di Agenzia per la Mobilità. Va detto, ad ogni modo, che in virtù delle disposizioni del DL 78/2010, che impedisce ai comuni di piccole dimensioni di essere parte costitutiva di una compagine societaria, tutti i comuni che vi aderivano si sono 1 Agenzia Mobilità Impianti 2 Azienda Consorziale Ferrarese Trasporti

8 4 trovati costretti ad uscire da AMI - Consorzio. Di conseguenza, AMI s.r.l. annovera tra i soci la sola Provincia di Ferrara (con quota al 59,5%) e il Comune di Ferrara (con quota al 40,5%). Nonostante questo, attraverso apposite disposizioni di Statuto, AMI ha previsto che i comuni non più soci potranno essere comunque consultati, qualora si debbano affrontare problematiche di trasporto pubblico locale particolarmente rilevanti. 1.2_ I compiti principali di AMI Nel rispetto della Legge regionale, AMI si occupa di adeguare il servizio di trasporto pubblico locale alle esigenze di mobilità dei cittadini, attraverso la progettazione dei servizi e il controllo della qualità offerta dal gestore. In particolare, tra i compiti di AMI è possibile citare: - la progettazione della rete del trasporto pubblico locale urbano extraurbano: in accordo con i Comuni, la Provincia e il gestore, AMI definisce percorsi e nuove linee; - la definizione delle fermate extraurbane: ad AMI spetta la concessione delle auto-

9 5 rizzazioni per le nuove fermate, l eventuale spostamento o la loro soppressione, in tutto il territorio extraurbano; - la definizione degli orari: AMI stabilisce gli orari del servizio urbano ed extraurbano ; - la definizione delle tariffe: AMI definisce le tariffe dei titoli di viaggio, sulla base delle indicazioni della Regione e degli Enti soci, vale a dire la Provincia e il Comune; - il controllo della qualità del servizio: AMI controlla che il servizio offerto dal gestore sia svolto secondo i parametri definiti nel "Contratto di Servizio". Il Contratto di Servizio è lo strumento con cui AMI regola il proprio rapporto con il gestore. Al suo interno, infatti, vi è una chiara indicazione di quelle che sono le relazioni economiche, tra l Agenzia e il gestore, nell ambito del servizio di trasporto pubblico locale. Inoltre, il Contratto di Servizio delinea i parametri di qualità, le tariffe, gli orari, le corse giornaliere e tutti gli aspetti qualitativi e quantitativi che devono essere necessariamente rispettati. In questo caso AMI affianca la Provincia e il Comune di Ferrara sia nella realizzazione di interventi specifici, riferiti a particolari eventi o a esigenze emergenti, sia nello sviluppo di progetti o programmi di medio/lungo termine. Rientrano in questa fattispecie: - la pianificazione dei trasporti : la progettazione e il monitoraggio della rete urbana ed extra urbana; - l attuazione di servizi dedicati occasionali o permanenti : l attivazione di linee dedicate, in occasioni di determinati eventi/festività; - le indagini sulla qualità del servizio e sulla "domanda espressa" 3 - la gestione informatizzata della mobilità : > Progetto GIM: localizzazione in tempo reale della posizione dei mezzi, tramite sistemi di posizionamento satellitare (AVM) > Progetto CONTABICI: rilevazione del passaggio di biciclette in diverse postazioni sparse per la città, al fine di valutare il flusso e la relativa correlazione con gli investimenti strutturali e promozionali, che si realizzano sui percorsi cicloturistici - mobilità sostenibile : iniziative/azioni di bicycle management e di mobility manage- 3 Si veda sito AMI comunicato-stampa.html

10 6 ment, in accordo con i mobility manager aziendali; - le attività internazionali : adesione a progetti europei, network internazionali sulla mobilità e l ambiente e partecipazione a conferenze di settore; - l organizzazione di eventi : AMI ha all attivo una decina di eventi/convegni, organizzati al suo interno, a carattere regionale e nazionale sul tema della mobilità; - le attività di settore legate a specifiche tematiche : due ruote, bus turistici, noleggio con conducente, incentivi gpl metano. Fonte:

11 7 2_ VERSO UN NUOVO TRASPORTO PUBBLICO SOSTENIBILE: TEMATICHE RILEVANTI E NUOVI SCENARI 2.1_ Dinamiche evolutive della mobilità urbana e sue implicazioni economiche Il 50% della popolazione mondiale vive, attualmente, all interno di contesti urbani e consuma circa il 75% dell'energia planetaria, producendo l'80% delle emissioni a effetto serra. Di fronte a questi dati, risulta chiaro che la qualità della vita di miliardi di persone, se non addirittura la sopravvivenza stessa del pianeta, dipenderanno da quanto gli agglomerati urbani sapranno diventare virtuosi nel risparmiare energia, nel ridurre le emissioni e nel rendere più agevoli e semplici le condizioni di vita e di lavoro al loro interno. Fonte: Population Division of the Department of Economic and Social Affairs of the United Nations Secretariat, World Population Prospects: The 2006 Revision and World Urbanization Prospects: The 2007 Revision, Di conseguenza appare evidente come il tema della mobilità urbana non possa assumere una mera valenza locale, ma rappresenti di fatto una priorità nazionale. L Italia, a causa delle inadeguatezze del trasporto pubblico, sopporta un costo che il

12 8 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti quantifica in 11 miliardi di euro 4. Infatti le inefficienze del TPL gravano sulle finanze pubbliche, sotto almeno due aspetti. In primo luogo, il trasporto rappresenta per le Regioni la seconda voce di spesa dopo la sanità. In secondo luogo, non va dimenticato che, con gli attuali meccanismi di allocazione delle risorse, le inefficienze delle aziende pubbliche di TPL ricadono sui bilanci degli Enti Locali di riferimento. Inoltre una mobilità urbana inadeguata impone ai cittadini il sostenimento di costi aggiuntivi, i quali contribuiscono a deprimere la domanda interna, già condizionata dalla congiuntura economica negativa. Pertanto il maggiore utilizzo dell auto per gli spostamenti all interno delle città, insieme all inadeguatezza della rete di TPL, rappresenta per le famiglie italiane un extra-costo, rispetto alla media europea, stimabile in circa 6 miliardi di euro l anno _ Il Trasporto Pubblico Locale: ruolo e quadro normativo di riferimento Il TPL riveste un importanza cruciale nel panorama economico italiano. In Italia, le aziende operanti in questo ambito sono ben 1.170, con lavoratori impiegati e un fatturato complessivo superiore a 10 miliardi di euro. L 82% del valore della produzione proviene da imprese pubbliche, che svolgono il 95% dei servizi di trasporto urbano e il 75% dei servizi di TPL extraurbano 6. La quota attribuibile al TPL sul volume d affari complessivo dei servizi pubblici locali offerti da imprese pubbliche è pari al 28,7%. Negli ultimi anni, il Trasporto Pubblico Locale è stato al centro di diverse leggi, decreti e regolamenti. Queste diverse fonti, più che integrarsi, sembra si siano sovrapposte l una all altra, andando a creare un quadro di riferimento decisamente nebuloso. Dopo una fase caratterizzata dal succedersi di numerosi provvedimenti normativi, oggi, a seguito della sentenza della Corte costituzionale n.199/2012, che ha dichiarato l incostituzionalità della più recente disciplina sui SPL a rilevanza economica, le regole per gli affidamenti dei servizi in materia di trasporto pubblico locale tornano a essere quelle contenute nel d.lgs. n. 422/1997 (Decreto Burlando) emanato su delega della 4 Il dato è riferito al Fonte ISFORT, marzo 2014, Il trasporto pubblico locale. La ricerca dell efficienza attraverso le riforme 6 chromeextension://oemmndcbldboiebfnladdacbdfmadadm/http://www.agcm.it/traspstatistiche/doc_download/3984-audizionecd html

13 9 Legge n. 59/1997 (Legge Bassanini).Tuttavia, pur essendo in presenza di un quadro legislativo volto alla liberalizzazione del mercato e alla privatizzazione degli operatori, il TPL si è mostrato fino ad ora un settore scarsamente competitivo, con servizi non sempre di qualità. In ogni caso, il percorso normativo non ha agevolato la liberalizzazione del settore, anche se in alcuni territori il Trasporto Pubblico Locale ha conosciuto un effettiva apertura alla concorrenza, delineando in questo senso un panorama nazionale a macchia di leopardo. Lo strumento attraverso il quale AMI stabilisce il rapporto con il gestore è il Contratto di servizio. Al suo interno, sono contenuti obblighi e regole afferenti al servizio di trasporto pubblico locale. Nel febbraio del 2006, si è dato avvio all operatività di tale Contratto, per l erogazione del servizio di trasporto nella provincia di Ferrara. Il 23 dicembre del 2010, AMI e TPF hanno sottoscritto la proroga triennale del contratto fino alla fine del Recentemente, il 4 febbraio 2015, è stato siglato un ulteriore accordo che si preannuncia come prodromico ad una nuova proroga, estesa fino al L obiettivo, che AMI condivide con Provincia e Comune di Ferrara, è quello di potenziare l efficientamento aziendale, al fine di perseguire un riequilibrio complessivo della redditività del bacino di pertinenza del servizio di trasporto. Rimane inalterato, in tal senso, il ruolo proattivo della Provincia e dell Agenzia per la Mobilità, verso il conseguimento di livelli di contribuzione che siano in linea con le aspettative della Regione. DATA NORMA 19 Novembre 1997 D.lgs. n. 422/97 (Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico) 20 Settembre 1999 D.lgs. n. 400/99 (Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422) 23 Ottobre 2007 Regolamento (CE) n. 1370/2007 (Relativo ai servizi pubblici di trasporto di passeggeri su strada e per ferrovia)

14 10 2.3_ Verso una mobilità sostenibile alternativa: il Car Sharing e il Car Pooling I sistemi tradizionali di trasporto collettivo non risultano più idonei a soddisfare alcune delle moderne esigenze di spostamento, ecco perché si ritiene utile considerare forme alternative al Trasporto Pubblico Locale. Il servizio di Car Sharing è un servizio di mobilità, che consente ai propri utenti di accedere, ogni volta che ne facciano richiesta e compatibilmente con l'attuale disponibilità del gestore, ad una flotta comune di veicoli posizionati su più aree di parcheggio, in prossimità di residenze o di importanti snodi della rete di trasporto pubblico. Le prime esperienze di Car Sharing sono nate in Europa, intorno alla fine degli anni Ottanta. Originariamente, il servizio si sviluppò come spontanea iniziativa fra privati, per rispondere a due esigenze precise: dare una risposta concreta alla congestione del traffico ed ai suoi pericolosi effetti sulla salute e sull ambiente; ridurre i costi dei trasporti. Questi presupposti hanno determinato, all inizio, un offerta costituita da molte organizzazioni di piccole dimensioni, con scarso orientamento al mercato. L esigenza di aumentare i livelli di efficienza e le quote di mercato, più tardi, hanno portato gradualmente ad una concentrazione dell offerta e allo sviluppo di strutture organizzative più complesse, con livelli di professionalità sempre più elevati. Ad oggi il Car Sharing è particolarmente attivo in Germania, Svizzera ed Olanda. In Italia, si stanno effettuando i primi passi per introdurre e promuovere, nelle città più grandi, lo stesso servizio, per contribuire efficacemente alla lotta contro l inquinamento. Nel 2013 gli utenti delle auto condivise sono addirittura quadruplicati, rispetto ai primi tempi di sperimentazione del servizio ed il mercato è sempre più in crescita. Il Car Sharing italiano è stato un piccolo boom, dal momento che, a distanza di un anno dal loro lancio, Car2go ed Enjoy di Eni hanno visto quadruplicare il loro mercato, conquistando, nel solo 2013, 130mila italiani. Ad oggi, sono tre le compagnie private che offrono auto condivise: Car2go, Enjoy e Twist. La tendenza è più che positiva anche per il periodo fra 2013 e 2014, con un ulteriore raddoppio degli utenti, passati da 130mila a 250mila. Il Car Sharing, non è espressamente disciplinato da alcuna disposizione legislativa vigente e, di conseguenza, può costituire l'oggetto di forme organizzative e gestionali diversamente configurate sotto il profilo giuridico. L auspicio, ad ogni modo, è che il Car Sharing possa acquisire uno "status giuridico" specifico grazie all'approvazione delle modifiche al Codice della Strada, con

15 11 cui si andrà a definire tale attività come servizio pubblico complementare al trasporto di linea. Il Car Pooling, diversamente dal Car Sharing, è un sistema utilizzato perlopiù da pendolari che hanno orari di lavoro simili, al fine di condividere le loro automobili e risparmiare sulle spese del tragitto casa-lavoro. Le auto private vengono, attraverso il Car Pooling, messe in comune con un gruppo di colleghi o persone con le stesse esigenze di trasporto. Trattandosi di tragitti regolari, di conseguenza, vengono spesso a formarsi degli equipaggi fissi, e i partecipanti piuttosto che dividere le spese preferiscono alternare l utilizzo dell auto. Questo tipo di soluzione è generalmente incentivata da enti pubblici o mobility manager di grandi aziende. Va detto, in realtà che esistono due tipi di Car Pooling: quello spontaneo e quello organizzato. Il primo si concretizza nel momento in cui, spontaneamente, due o più persone si accordano per realizzare viaggi insieme. Il secondo tipo di Car Pooling, invece, è riferibile ad un comportamento non spontaneo, ma organizzato all interno di quelle aziende che ricorrono alla figura del Mobility Manager. Si tratta di una figura obbligatoria nelle aziende con più di 300 dipendenti. Il Mobility Manager si occupa di gestire e incentivare modi di trasporto diversi dall utilizzo dell autovettura privata, quali ad esempio l uso della bici, del trasporto pubblico e, appunto, il covetturaggio. In estrema sintesi, possiamo affermare che la differenza che intercorre tra car sharing e car pooling si sostanzia nella proprietà del mezzo di trasporto utilizzato. Nel caso del car sharing, infatti, il mezzo è di proprietà della società che eroga il servizio, mentre, nel secondo caso, il car pooling è effettuato grazie al ricorso a mezzi di trasporto di privati cittadini. In Italia, il Car Pooling è una pratica consentita e prevista espressamente dallo Stato, con il D.M.27/3/98 sulla mobilità sostenibile. Tale Decreto individua come attività da promuovere l'uso collettivo ottimale delle autovetture.

16 12 3_ IPOTESI DI SVILUPPO DELLE MODALITÀ DI OR- GANIZZAZIONE E FRUIZIONE DEI SERVIZI DI TRA- SPORTO PUBBLICO INTEGRATO È innegabile che la dimensione della mobilità sia diventata enormemente rilevante sia all interno, che all esterno dei confini urbani. L idea su cui può basarsi un ripensamento delle modalità di organizzazione e gestione dei trasporti pubblici non deve passare attraverso l abbattimento della tradizionale impostazione di TPL, quanto piuttosto attraverso un suo virtuoso ricollocamento, in un ambiente urbano sottoposto a incessanti metamorfosi. Il sistema di trasporto verso cui tendere si inserisce all interno di un ideale scenario in cui prende corpo una virtuosa convivenza tra il trasporto pubblico tradizionalmente inteso e le forme ad esso alternative. La logica, dunque, non è quella della sostituzione del vecchio modello con uno nuovo, ma piuttosto quella dell integrazione tra consolidati schemi di mobilità ed inedite dinamiche di trasporto sostenibile. Tale integrazione può mostrarsi vantaggiosa per diversi portatori di interesse. Se da un lato, infatti, le Amministrazioni pubbliche possono trarre un sicuro vantaggio, in termini di minor congestione del traffico e di abbattimento dell inquinamento da smog, dall altro lato, vi è la concreta prospettiva di un aumento della soddisfazione degli attori urbani nei confronti di una città che riesce a offrire servizi di mobilità sempre più aderenti alle mutevoli esigenze della frenetica vita metropolitana contemporanea. Il presente lavoro si impernia sulla considerazione che non vi sia altro modo di rispondere alla domanda di mobilità, se non attraverso il ricorso a nuove concettualizzazioni. In sostanza, la priorità è l ideazione di un innovativo quadro normativo, organizzativo e gestionale, che faccia da sfondo al modo in cui il trasporto pubblico verrà erogato. La priorità, in altri termini, riguarda le idee e non le azioni. Queste ultime, ad esempio, sono innegabilmente importanti, ma ancor più importante è comprendere quali siano le basi su cui poggiano. Se non si mette in discussione la visione della mobilità, non si faranno mai dei concreti passi in avanti, verso l azione. Quello che andremo ad analizzare, di seguito, è una sorta di compendio di scenari possibili, grazie ai quali si potrà acquisire consapevolezza circa il fatto che quella convivenza tra vecchie e nuove logiche, cui si è appena fatto riferimento, possa essere tutt altro che una supposizione utopica.

17 13 3.1_ Domanda di ricerca A fronte del notevole cambiamento delle esigenze di mobilità dei cittadini e del rinnovato interesse per la sostenibilità ambientale, in che modo un Agenzia per la mobilità può realizzare strategie di trasporto pubblico pensate al di fuori dei tradizionali paradigmi? Il quesito ruota intorno a tre concetti-chiave: 1) le esigenze di mobilità dei cittadini 2) il ruolo delle Agenzie per la mobilità 3) le nuove strategie per il trasporto pubblico Attraverso questi tre nuclei interpretativi, si può valutare efficacemente la rilevanza e la complessità della questione affrontata. Per quanto riguarda il primo punto, si può dire con certezza che quello di muoversi all interno del territorio urbano è un bisogno che non ha mai smesso di essere centrale, nelle logiche di implementazione delle politiche pubbliche. Oggi, molto più che in passato, le persone si muovono tra luoghi di interesse che sono, nella maggior parte dei casi, molto distanti tra loro. Se si esclude la minima percentuale di coloro che hanno la fortuna di lavorare in luoghi che sono relativamente vicini alla propria abitazione, resta il problema della stragrande maggioranza degli attori urbani che, per vivere e lavorare, hanno necessità di coprire distanze notevoli. Tali distanze sono coperte in diversi modi, ad esempio attraverso il ricorso ai normali mezzi di trasporto pubblico, oppure attraverso la condivisione del proprio mezzo di locomozione, con colleghi, amici, o parenti che lavorano nelle strette vicinanze. Questo secondo esempio richiama alla memoria gli esperimenti numerosissimi, in tutto il mondo di Car Pooling, vale a dire del cosiddetto covetturaggio, in cui il mezzo di trasporto non è di proprietà di un azienda che offre il servizio ma è, al contrario, di proprietà del privato. Dire che le esigenze di mobilità sono mutate, tuttavia, non è sufficiente. Occorre spiegare in che maniera tale mutamento ha preso vita. Innanzitutto, muoversi in città è diventato più problematico rispetto ad un tempo. Se fino a quaranta anni fa il traffico era moderatamente tollerabile, oggi, la diffusione dei mezzi di trasporto privati è talmente larga, che si arriva a casi in cui in una singola famiglia vi sono più auto, che esseri umani. In secondo luogo, la maggiore

18 14 circolazione di autovetture ha provocato un incremento senza precedenti dell inquinamento da smog, con evidenti ricadute in termini di perdita di salute. Su questo versante, si può senz altro dire che occuparsi di mobilità, vuol dire anche occuparsi, indirettamente, della domanda di salute destinata a crescere nei prossimi anni. In terzo luogo, le esigenze di mobilità sono mutate sotto l aspetto economico. Oggi, per chiunque, soprattutto le famiglie meno abbienti, è importante muoversi a costi contenuti. Il carburante, le manutenzioni ordinarie e straordinarie, le assicurazioni contro i sinistri stradali, rappresentano tutte delle voci di costo in continuo incremento. Ecco, allora, che rispetto al passato, la domanda di mobilità è sempre più una domanda di mobilità economicamente tollerabile. Chi si occupa di trasporto, insomma, deve occuparsi di tutte queste esigenze appena elencate. Rispetto al secondo punto, vale a dire quello riguardante il ruolo delle Agenzie per la mobilità, è da sottolineare come l assetto della mobilità urbana debba essere, prima che implementato, progettato nel migliore dei modi. La progettazione, infatti, deve prendere forma in una logica di perfetta coerenza con le esigenze di mobilità dove nella maggior parte dei casi, il lavoro delle Agenzie parte da una elaborazione molto precisa in merito ai nuovi comportamenti di trasporto. Certamente, si tratta di organi che non sono impermeabili agli stravolgimenti provocati dalle nuove abitudini. Nel caso specifico, AMI si è dimostrata molto attenta ai fenomeni emergenti del Car Sharing e del Car Pooling, incentivando le analisi, quantitative e qualitative, rivolte alla conoscenze di tali meccanismi alternativi. Le Agenzie, rispetto ai vecchi apparati gestionali del trasporto, mostrano una forte vitalità e un deciso dinamismo, connotandosi come Agenzia leggera. Tutto questo porta a considerare la mobilità stessa da diversi punti di vista, grazie all influenza delle nuove sinergie ispiratrici, provenienti dall esterno oltre che dai propri enti di riferimento ( Provincia e Comune di Ferrara nel caso di AMI). In una città come Ferrara, ad esempio, la progettazione delle strategie di mobilità non può prescindere dalla constatazione di quanto diffuso sia l utilizzo delle biciclette. È in questa direzione che AMI si muove, nella direzione cioè di una mobilità che non penalizzi, ma anzi favorisca l utilizzo di questo mezzo di trasporto. Come dire che un ciclista in più è un potenziale automobilista in meno. Nella sua apparente banalità, la constatazione non sarebbe certamente immediata nella mente di chi era, prima della nascita delle Agenzie, abituato a considerare la mobilità fuori dallo sguardo di insieme che organi come AMI, invece,

19 15 possono permettersi. Il terzo punto, dal canto suo, solleva la questione di come, strategicamente ed operativamente, rendere effettiva la realizzazione di un nuovo modo di intendere e fruire i servizi di mobilità. Non basta dire che il tradizionale paradigma del TPL è da considerarsi superato, occorre andare oltre, muovendosi lungo il solco di un approccio propositivo. Innanzitutto, va ricordato che il TPL non rappresenta una maniera errata di erogare servizi di mobilità. La sua valenza, infatti, non ha smesso di essere necessaria, ma ha certamente smesso di essere sufficiente. Se fino a ieri, non vi era motivo alcuno di fare i conti con la limitatezza delle risorse, con i problemi del traffico, o con l espansione disordinata dei confini urbani per citarne alcuni oggi, non è più così. Il tutto, per intenderci, ruota intorno a semplici interrogativi. Vediamone, a titolo di esempio, uno: come può una persona, che non dispone di un auto, muoversi verso il proprio luogo di lavoro, se vive in un quartiere non raggiunto da alcun servizio di trasporto pubblico? La domanda non descrive scenari improbabili, anzi, traccia i contorni della vita di molte persone che si potrebbero riconoscere facilmente nella fattispecie ipotizzata. La risposta, per alcuni, potrebbe consistere in un semplicistico quanto scontato, potenziamento della rete dei trasporti urbani. Sarebbe, questa, una soluzione realizzabile? Quante aziende di trasporto potrebbero permettersi di raggiungere, senza impatti devastanti sul bilancio, letteralmente ogni angolo della città? Ben poche, se non addirittura nessuna. Il motivo di una tale impossibilità è presto detto e si concentra in un elenco decisamente eloquente di cause: scarsità di risorse finanziarie, mancanza di automezzi, mancanza di personale, ritorno economico irrisorio o nullo, e così via. È evidente che il TPL non può raggiugere tutti ed è altrettanto evidente che non si può essere, nei confronti dei cittadini, tanto inutilmente consolatori da dire che un potenziamento del servizio migliorerà la situazione, perché tale potenziamento non sempre è possibile. Le nuove strategie, allora, non sono il segno del fallimento del TPL, quanto il segno della necessità di integrare il TPL con soluzioni inedite ed innovative.

20 _ Ipotesi di ricerca Attorno alla domanda di ricerca, nascono delle ipotesi che possono essere in grado di esplicitare, con maggiore enfasi, gli intenti del presente lavoro. Ipotesi 1: la propensione ad utilizzare mezzi di trasporto alternativi all auto privata dipenderà dal modo in cui la mobilità urbana sarà riorganizzata e diffusa Da una recente ricerca ISFORT 7 risulta che, in Italia, il 60% degli spostamenti all interno delle città avviene attraverso l utilizzo di un auto privata. Il dato è sicuramente sconfortante, soprattutto se riferito alla media europea, tuttavia vi sono, accanto a questo, due dati incoraggianti: il 40% degli italiani vorrebbe utilizzare meno l auto e il 49% dichiara che ricorrerebbe volentieri al mezzo di trasporto pubblico. Ecco che, a questo punto, vi sono almeno due considerazioni da fare: 1) in che modo la riorganizzazione dei servizi di trasporto pubblico può disincentivare l utilizzo dell auto privata? 2) l evoluzione dei sistemi di trasporto può efficacemente estendersi a tutto il territorio urbano? La prima questione, inserita nella prima ipotesi, evidenzia come sia inevitabile puntare ad un abbandono progressivo dell auto privata, per gli spostamenti all interno delle città. È evidente che, di fronte alla buona volontà di rinunciare al proprio mezzo di trasporto privato, debba esserci la concreta presenza di una valida alternativa. Tanto più il servizio di mobilità fornirà delle alternative, infatti, tanto più l attore urbano opterà per una diversa forma di trasporto. Il beneficio, in questo caso, sarebbe addirittura duplice: da una parte un aria più pulita, dall altra, un risparmio per i cittadini. La seconda questione pone un limite alle buone intenzioni. Il servizio di mobilità alternativo all auto privata potrà essere anche organizzato e gestito nel migliore dei modi, ma non sarà mai completamente efficace se non sarà diffuso a tutto il territorio urbano. Come potrebbe, ad esempio, una mamma decidere di lasciare l auto in garage, trovandosi a vivere in un quartiere non raggiunto da alcun servizio di trasporto? 7 Pieralice E., Trepiedi L., Città europee e mobilità urbana: impatto delle scelte modali, Convegno ISFORT, Firenze 8-10 ottobre 2014

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING L'Unione Nazionale Consumatori ha condotto uno studio sul car sharing (dall'inglese car, automobile e il verbo to share, condividere ), ossia sull'uso

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli