CENTRO DI ESPERIENZA AMBIENTALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENTRO DI ESPERIENZA AMBIENTALE"

Transcript

1 PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA CENTRO DI ESPERIENZA AMBIENTALE POR CALABRIA ASSE I -CITTA - Misura 1.10 RETE ECOLOGICA REGIONALE (Azione 1.10 a) Tutela e valorizzazione delle risorse naturali ed ambientali DIFFERENZIAMOCI ROSSANO IL RISPETTO DELL AMBIENTE NATURALE A cura di:

2 PRESENTAZIONE Questo opuscolo elabora due diverse tematiche dal titolo: DIFFERENZIAMOCI ROSSANO e IL RISPETTO DELL AMBIENTE NATURALE. La prima riguarda la produzione dei rifiuti il loro riciclaggio e riutilizzo come fonti d energia;la seconda invece prende in considerazione la sinergia dei vari elementi,naturali e non,che costituiscono l ambiente. E con la pubblicazione di questo opuscolo che il circolo Legambiente di Rossano, presente da tempo nella città bizantina, porta a conoscenza del lettore alcune riflessioni, semplici nozioni, dati riguardanti il mondo naturale ed in particolare il rapporto che l uomo ha con esso, con l intento di promuovere nel nostro territorio e nel contempo avvicinare un pubblico sempre più vasto alla conservazione e tutela dell ambiente.

3 POR CALABRIA ASSE I - CITTA - Misura 1.10 RETE ECOLOGICA REGIONALE Azione 1.10 a) tutela e valorizzazione delle risorse naturali ed ambientali DIFFERENZIAMOCI ROSSANO IL RISPETTO DELL AMBIENTE NATURALE A cura di: TESTI: Elisa Romano Graziella Sapia

4 DIFFERENZIAMOCI ROSSANO I RIFIUTI IN NATURA. Sicuramente il progresso e l industrializzazione hanno portato con sé innumerevoli benefici ma certamente anche molti problemi, uno fra tanti è quello della produzione e della gestione dei rifiuti ovvero materiali non biodegradabili che la natura da sola non riesce a decomporre perché non li riconosce. Da quando l uomo è comparso sulla Terra ha sempre mantenuto l equilibrio naturale delle risorse in quanto i pochi rifiuti che produceva erano riciclati completamente dall ambiente. Gli oggetti erano costituiti soprattutto da materiali naturali che potevano essere gettati via in modo indifferenziato poiché li avrebbero smaltiti i batteri decompositori. Con il progresso, l uomo non è riuscito ad inserire le sue attività nei cicli naturali, anzi, ha alterato l equilibrio degli ecosistemi, creando molti più rifiuti di quanti ne possano essere smaltiti e soprattutto che non sono biodegradabili. Fino al XVIII sec. l economia era basata sul riciclo e il non spreco, il problema rifiuti era veramente marginale. La produzione dei rifiuti ha cominciato ad assumere aspetti preoccupanti, associati a problemi ecologici, in seguito al processo di industrializzazione e con la nascita dei grandi agglomerati urbani. In particolare sono stati creati materiali nuovi come la plastica, con la quale si fabbricano oggetti più economici ma anche meno durevoli che hanno facilitato il diffondersi dell usa e getta. Da un lato ciò ha sicuramente dei vantaggi ma dall altro ha contribuito all aumento della quantità di rifiuti. Il rifiuto è quindi un invenzione dell uomo. Tutti gli oggetti che utilizziamo nel corso della nostra vita ma che ad un certo punto buttiamo, perché pensiamo o decidiamo che non ci possono più essere utili, rappresentano da questo momento un rifiuto. Secondo la definizione della direttiva CEE 75/442 viene definito rifiuto: qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi. La natura pertanto non crea rifiuti in quanto tutto ciò che crea viene poi riutilizzato mantenendo un equilibrio stabile. Quindi per cercare di aiutare la natura bisogna innanzitutto produrre meno rifiuti, dopo riciclare e riutilizzare. Piccoli sforzi possono diventare un grande contributo per mantenere vivibile e sano il nostro pianeta. I RIFIUTI COME FONTE DI RISORSE. Dobbiamo considerare che è l uomo in prima persona a cambiare le sorti dei rifiuti in quanto se opportunamente differenziati e lavorati essi possono essere trasformati in altri oggetti o in materia prima per produrre energia. Di recente si è iniziato ad intendere i rifiuti come materiali che possono rientrare nel ciclo della materia per trasformarsi in risorse. Un concetto del tutto nuovo che è stato introdotto negli ultimi anni è quello di materia prima secondaria, nel senso che il materiale scartato non è più un rifiuto ma, se

5 adeguatamente raccolto e trattato, può tornare ad avere quelle qualità che sono tipiche delle materie prime e quindi può essere re-impiegato per la produzione di altri beni di consumo con notevoli risparmi di energia e materia. L uomo non considera il legame che collega i rifiuti prodotti alle risorse a cui attinge per soddisfare i suoi bisogni, in natura invece il rifiuto e la risorsa rappresentano aspetti e momenti diversi della continua trasformazione della materia sul nostro pianeta. Anche in natura esistono delle sostanze di scarto, ma tutto ciò che è rifiuto da un lato risulta essere una risorsa dall altro. Il riciclaggio quindi rappresenta la via maestra per inquinare meno, produrre materie prime ed energia. LA NORMATIVA SUI RIFIUTI E LA LORO CLASSIFICAZIONE. E certamente noto a tutti che in Italia la situazione della gestione dei rifiuti è assai precaria, soprattutto a causa della innumerevole presenza e pertanto confusione normativa in cui verte il nostro Paese. Un aiuto a tal proposito è stato dato dal Decreto Legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 Attuazione delle Direttive 91/156 CEE sui rifiuti in generale, 91/689 CEE sui rifiuti pericolosi e 947/62 CE sugli imballaggi e sui rifiuti da imballaggio, detto anche decreto Ronchi, dal nome del Ministro dell Ambiente che lo ha proposto. Esso ha rappresentato il recepimento all interno dell ordinamento italiano della disciplina europea in materia di rifiuti ed ha posto le basi di un modello di sviluppo orientato alla compatibilità ambientale. Il decreto, più volte modificato, si prefigge lo scopo di migliorare la qualità dell ambiente e tutelare la salute delle persone nonché definire una politica di gestione globale attenta a tutto il ciclo dei rifiuti e classifica i rifiuti in quattro categorie: Secondo l origine in rifiuti urbani e rifiuti speciali e secondo le caratteristiche di pericolosità in rifiuti pericolosi e non pericolosi. - Rifiuti urbani: quelli che possono essere conferiti nei contenitori stradali e che vengono ritirati dall azienda pubblica o privata che gestisce per conto dell Amministrazione comunale il servizio di raccolta: a) rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione e non, come bar e ristoranti, purché assimilati ai rifiuti urbani; b) rifiuti provenienti dallo spezzamento delle strade; c) rifiuti di qualunque natura, giacenti sulle strade e aree pubbliche o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d acqua; d) rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi ecc ; e) rifiuti provenienti da esumazioni o da attività cimiteriale. - Rifiuti speciali: quelli prodotti dalle attività commerciali, industriali che costituiscono la tipicità dell attività e per i quali è necessario avvalersi di un sistema di raccolta rifiuti separato con appositi contenitori e imprese specializzate nella raccolta di questi particolari rifiuti. - Rifiuti pericolosi: sono definiti così perché contengono alcune sostanze nocive che con l ossidazione e il contatto con agenti atmosferici potrebbero provocare danni all uomo, all aria e al sottosuolo.

6 Per questo motivo devono essere raccolti negli appositi contenitori, il trasporto e lo smaltimento devono essere condotti da personale e impianti di smaltimento autorizzati: a) pile esauste. Esse contengono acidi e metalli pesanti altamente tossici e inquinanti che si accumulano nell ambiente e quindi negli esseri viventi. La raccolta delle pile viene fatta attraverso appositi contenitori posizionati negli angoli delle città; b) farmaci scaduti. I contenitori per la raccolta differenziata dei farmaci scaduti sono molto diffusi, spesso posizionati nei pressi o all interno delle farmacie. Essi vengono poi portati in appositi impianti di incenerimento e le ceneri vengono sigillate in contenitori di cemento per evitare la dispersione di sostanze tossiche; c) tutti i contenitori etichettati T e/o F (tossici e infiammabili). Per molti di questi rifiuti non esistono contenitori specifici e data la pericolosità delle sostanze contenute, la raccolta non è finalizzata al recupero ma alla riduzione degli effetti inquinanti; d) neon e lampadine. I neon contengono un gas nocivo per l ambiente, quindi anche se questi tipi di rifiuto contengono vetro non vanno posizionati in questi contenitori; e) toner e cartucce. Essi contengono residui di sostanze chimiche nocive per l ambiente e per l uomo. Attualmente ci sono cartucce che vengono rigenerate ossia ricaricate e aziende che pensano alla raccolta. Un altra categoria di rifiuti sono: - Gli imballaggi: composti di qualsiasi materiale, servono a contenere, a proteggere e a consegnare determinate merci, che siano materie prime o prodotti finiti. I materiali di cui gli imballaggi sono costituiti sono principalmente quelli oggetto della raccolta differenziata: cartone, plastica, legno, acciaio, alluminio, essi costituiscono il 40% del volume dei nostri rifiuti. Nel D. Lgs. "Ronchi" è stato inserito anche il capitolo riguardante il sistema di gestione degli imballaggi e dei rifiuti da imballaggio al fine di prevenirne e ridurne l'impatto sull'ambiente ed assicurare un elevato livello di tutela ambientale. Tale disciplina stabilisce che il costo della gestione degli imballaggi è a carico dei Produttori e degli Utilizzatori, i quali a loro volta aderiscono al CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi). Gli imballaggi si dividono in: Primari: sono quelli che normalmente noi produciamo sotto forma di rifiuto e che sono oggetto di raccolta differenziata in ambito urbano; Secondari e Terziari: sono quelli prodotti dalle aziende a livello industriale e che seguono flussi di recupero e smaltimento differenti da quelli che avvengono in ambito urbano. Sono ESCLUSI dal campo di applicazione del D. Lgs. Ronchi: a) i gas emessi nell atmosfera in quanto disciplinati da specifiche disposizioni di legge; b) i rifiuti radioattivi; c) i rifiuti risultanti dall estrazione e dal trattamento di risorse minerali o dallo sfruttamento delle cave; d) e carogne e i rifiuti vegetali utilizzati nelle normali pratiche agricole,

7 e) materiali esplosivi in disuso. Ogni Regione deve predisporre il Piano regionale di gestione dei rifiuti per gli ambiti territoriali ottimali (ATO). Le leggi in vigore fino a prima del decreto Ronchi si preoccupavano solo del problema dello smaltimento dei rifiuti, comprendendo in ciò tutte le operazioni relative allo stesso come la raccolta, il trasporto, lo smaltimento e il recupero. La nuova normativa invece si preoccupa dell intera della gestione dei rifiuti. Per gestione dei rifiuti si intende la raccolta, il trasporto, il recupero, lo smaltimento, il controllo di tutte queste operazioni e il controllo delle discariche e degli impianti di smaltimento dopo la chiusura. La politica ambientale adottata con questo decreto si pone come obiettivo prioritario la riduzione sia della quantità che della pericolosità dei rifiuti prodotti sia del flusso dei rifiuti avviati allo smaltimento. Sicché prevede e disciplina specifiche azioni per intervenire alla fonte del processo produttivo e per agevolare ed incentivare il riciclaggio e il recupero dei rifiuti. Infine i rifiuti non recuperati devono essere smaltiti in condizioni di sicurezza, con una progressiva riduzione del flusso dei rifiuti avviati in discarica. Tutti i soggetti coinvolti nel ciclo del rifiuto (produttore, trasportatore, smaltitore) sono corresponsabili della corretta gestione dal momento in cui sono prodotti al momento del definitivo smaltimento o recupero anche in funzione di un elevata protezione dell ambiente. Una strategia per limitare i danni della problematica dei rifiuti è il c.d. principio delle 4R, che vede al primo posto la riduzione della quantità di rifiuti prodotti e della loro pericolosità, quindi in ordine, il riciclaggio, il recupero ed in fine il riutilizzo di materia e di energia. Riguardo alla riduzione della quantità di rifiuti, questa deve essere posta a monte delle politiche industriali ed economiche finalizzate al guadagno. Riguardo al secondo e terzo aspetto, il rifiuto deve essere gestito in modo da conseguire obiettivi di riciclaggio e recupero riducendo il flusso dei rifiuti avviati allo smaltimento. Ciò si può conseguire realizzando obiettivi di raccolta differenziata. Quindi raccogliere, rielaborare, commercializzare in maniera differenziata per produrre nuovi oggetti con risparmio economico ed energetico. Al fine di un corretto riutilizzo, invece, bisognerebbe potenziare il mercato dei prodotti riutilizzabili nonché la produzione e l utilizzo del combustibile da rifiuto. L evoluzione dell iter normativo continua con l emanazione del Testo Unico in materia ambientale 152/2006 dove il recupero continua ad essere privilegiato rispetto allo smaltimento che costituisce pertanto solo la fase residuale della gestione dei rifiuti. LA RACCOLTA DIFFERENZIATA E I SUOI ELEMENTI DI SELEZIONE. La raccolta differenziata svolge un ruolo molto importante nella gestione dei rifiuti in quanto consente di ridurne il flusso da avviare allo smaltimento e valorizzare le componenti merceologiche dei rifiuti sin dalla fase di raccolta. Per raccolta differenziata si intende quella raccolta che separa i rifiuti secondo caratteristiche omogenee dei materiali che li compongono e che rappresenta la condizione indispensabile per

8 il loro trattamento successivo cioè il riciclaggio. Per poter riciclare i rifiuti è quindi necessario separarli tra di loro per tipo di materiale negli appositi cassonetti differenziati e nelle campane poste lungo le strade. Sono state create anche delle piattaforme di raccolta, ovvero delle zone attrezzate dove i cittadini si possono recare per conferire i rifiuti separati o quelli ingombranti. La raccolta differenziata per essere efficace deve essere associata a centri di riciclaggio efficienti dove i materiali che vengono raccolti subiscono le lavorazioni necessarie per poter essere riutilizzati. Il D. Lgs. 22/97 prevedeva di raggiungere entro il 2003 la soglia minima di raccolta differenziata del 35% per regione. Ma i valori raccolti hanno evidenziato come non si sia raggiunta la soglia prevista dalla normativa di riferimento. La raccolta differenziata e il recupero possono dare enormi vantaggi a noi e all ambiente in cui viviamo. Ma affinché ciò avvenga è indispensabile la partecipazione attiva di tutti i cittadini con conseguente modifica dello stile comportamentale e di vita. Possono essere raccolti in maniera differenziata: - Carta e cartone; - Plastica; - Vetro; - Alluminio e materiali ferrosi; - Rifiuti organici. Analizziamo nello specifico questi materiali e che cosa in particolare si può riciclare. CARTA E CARTONE L importanza della carta per noi è molto elevata, basti pensare che siamo circondati da materiali in carta ma siamo anche talmente abituati alla sua presenza che non ci accorgiamo di come spesso viene sprecata. Infatti costituisce circa il 28% della massa totale dei rifiuti. Il problema sta nel fatto che la cellulosa, ossia la materia prima per produrre materiale cartaceo si ricava dalla corteccia degli alberi e dato che gli alberi oltre a rifornirci ossigeno sono fondamentali per l equilibrio degli ecosistemi dell intero pianeta, è nata la necessità di trovare un modo alternativo per procurarsi la carta. Questo sistema è il riciclaggio di quella già esistente che ha innumerevoli vantaggi. Infatti per produrre una tonnellata di carta da cellulosa vergine occorrono 15 alberi, litri di acqua e 7600 Kwatt di energia elettrica, invece per produrre una tonnellata di carta riciclata occorrono 0 alberi meno della metà di acqua ed energia elettrica. Inoltre il riciclo di una tonnellata di carta determina un benefico risparmio di circa 210 Kg di CO 2. Si possono riciclare giornali, riviste, sacchetti e scatole, bisogna però fare attenzione ai contenitori dei liquidi alimentari che sono solo esternamente di carta, in realtà sono costruiti in TETRAPACK, un assemblato di più materiali che va gettato nel secco non riciclabile. Un altro importante accorgimento è quello di non abbandonare i materiali in carta fuori dagli appositi cassonetti per evitare che si bagnino.

9 PLASTICA In realtà la plastica non esiste, ma esistono diverse materie plastiche, diverse tra loro per caratteristiche, aspetto e utilizzo. Tutte le materie plastiche derivano dalla lavorazione del petrolio, combustibile naturale che si estrae dal sottosuolo e non è presente in Italia. Le materie plastiche, negli ultimi decenni, hanno cambiato molto la nostra vita, riempiendola di oggetti leggeri, resistenti, colorati e a basso costo. Il principale pregio della plastica è la sua elevata resistenza cosa che, dal punto di vista della biodegradabilità, è il suo peggior difetto. Gli svantaggi della plastica sono: - la non biodegradabilità - l essere troppo ingombrante - la produzione di sostanze tossiche ed inquinanti se bruciata. Ogni tipologia di plastica è identificabile con una sigla e con un numero che indica il grado di riciclaggio (da 1 a 6 è riciclabile): PVC: impiegato nei flaconi per i detersivi e nei nastri magnetici delle videocassette; PET: usato nella produzione delle bottiglie per le bevande; PS: utilizzato per imballaggi, posate, piatti, bicchieri; PE: utilizzato per produrre le buste e i sacchetti per la spazzatura. I contenitori in plastica vanno schiacciati e sciacquati prima di essere gettati negli appositi cassonetti. Il PVC recuperato viene solitamente utilizzato in campo edile per realizzare tubi rigidi per le condutture, mentre il PET per creare tessuti come il pile, interni ed accessori per auto. VETRO Il vetro si ottiene dalla fusione di sabbie e può essere colorato con l aggiunta di ossidi metallici. E il materiale ideale per i contenitori destinati alla conservazione degli alimenti visto che è molto resistente agli agenti fisici e chimici. Resistenza e stabilità rendono problematico lo smaltimento in discarica, ma lo rendono perfetto per essere riutilizzato infinite volte. Infatti, dopo il recupero e la pulizia esso subisce vari trattamenti di selezione in cui viene raccolto il vetro in base al colore, dopodiché viene frantumato e rifuso ad altissime temperature diventando liquido. Nella fase di raffreddamento l impasto viene lavorato dando vita a nuove forme. Questa caratteristica lo rende un materiale molto utile, poiché può essere trasformato molte volte, mantenendo le sue caratteristiche invariate, fatta salva la colorazione che a volte deve essere corretta. Al fine di riuscire ad avere un prodotto di qualità è importante che il vetro venga introdotto nelle campane libero da ogni materiale estraneo come tappi, etichette, coperchi, materiali in ceramica che altrimenti ne comprometterebbero il risultato finale.

10 ALLUMINIO L alluminio è il più giovane tra i metalli in uso ed esiste in natura sotto forma di composto. Viene estratto dalla bauxite, un minerale che si presenta sotto forma di argilla granulosa. Il processo di isolamento dell alluminio invece è alquanto complesso. L alluminio ha buone proprietà: leggero ma resistente agli urti, alla corrosione, igienicamente sicuro, a-magnetico. E un ottimo materiale per gli imballaggi perché garantisce la massima protezione aggiungendo minimo peso. Inoltre gli imballaggi in alluminio garantiscono un ottimo effetto barriera che protegge il contenuto dalla luce, dall aria e dall umidità, permettendo lunghi periodi di conservazione. L alluminio è un materiale totalmente riciclabile consentendo notevoli risparmi di energia. Gli oggetti di alluminio che possono essere riciclati portano la sigla AL o ALU e vengono raccolti insieme alla plastica nello stesso cassonetto, poi portati all impianto di separazione dove vengono isolati da eventuali parti di materiale diverso e sottoposte a trattamenti igienici, infine pressati in balle e portati alle fonderie per essere trasformati in lingotti. L alluminio riciclato grazie all attività del CIAL (Consorzio Imballaggi Alluminio) è della stessa qualità di quello originale. ORGANICO L organico rappresenta la frazione umida dei nostri rifiuti, ovvero gli scarti organici che hanno origini vegetali o animali e quindi biodegradabili cioè possono essere decomposti e trasformati in altre sostanze da alcuni batteri naturalmente presenti nel terreno. Questo processo, detto compostaggio, imita i processi naturali di decomposizione trasformando i rifiuti in compost, il quale ha le stesse caratteristiche dell humus che si trova in natura e che rende più ricca e nutrita la terra. Questo prodotto funge come ottimo reintegrante dei terreni agricoli. Risulta molto importante recuperare l organico in quanto il suo mancato smaltimento in discarica produce il percolato cioè un liquido derivante sia dall acqua dei rifiuti sia da quella piovana, unitamente a metano ed anidride carbonica (c. d. biogas) sono entrambi molto nocivi per l ambiente. L uno perché può, se non adeguatamente trattato, contaminare il sottosuolo e le acque sotterranee e l altro perché contamina l aria. IL TERMOVALORIZZATORE. Oltre alla discarica, l altra soluzione per smaltire i rifiuti è la termovalorizzazione, cioè quel processo tramite il quale i rifiuti vengono portati in un apposita struttura detta inceneritore per essere bruciati e la loro valorizzazione, come dice il termine stesso, consiste nella produzione di energia elettrica. L inceneritore è composto da: - le sale di stoccaggio dove vengono accumulati i rifiuti destinati all incenerimento; - la benna che è una grande pinza mobile con cui si prelevano i rifiuti dalla sala di stoccaggio per immetterli nel canale di carico dell inceneritore; - il canale di carico serve per caricare i rifiuti all interno del forno dell inceneritore, - la camera di combustione dove vengono bruciati i rifiuti a temperature di 850 ; - camera di postcombustione dove vengono trattati i gas provenienti dalla camera di combustione che contengono ancora elementi inquinanti; - i filtri a maniche sono filtri che rimuovono le polveri rimanenti dei gas; - le ciminiere

11 sono la parte terminale dell impianto da dove fuoriesce il fumo in gran parte composto da vapore acqueo; - la turbina a vapore che viene azionata dal vapore generato dalla combustione e che produce elettricità. L ultimo ciclo di vita dei rifiuti si conclude così. Il termovalorizzatore sembra essere la soluzione migliore rispetto alla discarica ma non tutti ne sono convinti poiché si pensa che sia fonte di inquinamento e di danni alla salute umana. Esso però se accompagnato a un buon sistema di raccolta differenziata consente di ridurre le emissioni di biogas e la produzione del percolato. Per il corretto funzionamento di questa struttura è però necessario che tutto il sistema della gestione dei rifiuti funzioni correttamente. Si tratta tuttavia di impianti molto complessi che richiedono una costante manutenzione.

12 IL RISPETTO DELL AMBIENTE NATURALE la natura non e, in effetti, una realtà sacra o divina,sottratta all azione umana,è piuttosto un dono offerto dal Creatore alla comunità umana affidato all intelligenza e alla responsabilità morale dell uomo Benedetto XVI Ci si chiede se la spinta verso il progresso e lo sviluppo delle attività umane debba tener conto, e in quale misura,dei turbamenti che avvengono negli equilibri naturali ; se sia lecito distruggere un ecosistema per promuovere l insediamento di nuove attività umane; fino a che punto si possono utilizzare le risorse definite non rinnovabili, quali siano le concrete possibilità per attuare uno sviluppo sostenibile cioè uno sviluppo della società umana compatibile con le esigenze dell ambiente. ATMOSFERA Atmosfera (dal greco vapore e sfera ) è l involucro gassoso che avvolge la Terra, le cui molecole sono trattenute dalla forza di gravità terrestre. Essa è divisa in vari strati, che in ordine di altezza sono: TROPOSFERA, STRATOSFERA, MESOSFERA, IONOSFERA, ESOSFERA. Dell atmosfera la composizione chimica media al suolo è la seguente: azoto 78,88%, ossigeno 20,95%, argon 0,9%, vapore acqueo 0,33%, anidride carbonica 0,032% e poi neon, elio, metano, idrogeno, kripton, xeno, ozono. Nella troposfera si verificano tutti i fenomeni metereologici, (venti equatoriali, perturbazioni atmosferiche) ma la troposfera è anche il luogo della vita, è qui infatti che vivono le piante e tutti gli esseri viventi utilizzando alcuni dei gas che la costituiscono. Al di sopra della troposfera troviamo la stratosfera. È nella stratosfera che si verifica il fenomeno dell inversione termica

13 per cui, al contrario di quanto succede nella troposfera, si registra un aumento della temperatura all aumentare dell altezza. Questo fenomeno è dovuto allo strato di ozono che assorbe la maggior parte delle radiazioni solari ultravioletti. In alcuni punti questo strato di ozono si è assottigliato ( buco nell ozono ) e non riesce più a dare un efficace protezione ai raggi UV che così giungono sulla terra causando seri danni a tutti gli esseri viventi. INQUINAMENTO ATMOSFERICO Qualsiasi modificazione della composizione dell aria dovuta all immissione in essa di una o più sostanze che hanno la caratteristica di costituire un pericolo per la salute umana o per la qualità dell ambiente, genera un l inquinamento atmosferico. Le sostanze inquinanti emesse in atmosfera sono in gran parte di origine antropica. È infatti l uomo la fonte maggiore d inquinamento (attività industriali, centrali termoelettriche, trasporti, riscaldamento domestico), al contrario dell inquinamento di origine naturale (esalazioni vulcaniche, pulviscolo, decomposizione del materiale organico, incendi) che ha una minima incidenza, e che l ambiente comunque riesce a riassorbire. Le attività inquinanti generate dall uomo invece hanno effetti a lungo termine e possono creare modificazioni irreversibili in tempi relativamente brevi. BIOSFERA L ambiente o biosfera è l insieme delle zone del pianeta Terra in cui le condizioni ambientali permettono lo sviluppo della vita. Queste zone includono la litosfera (sottosuolo e superficie terrestre) e l idrosfera (acque marine, lacustri, fluviali e i primi strati dell atmosfera). La vita è resa possibile proprio dall atmosfera che protegge dalle radiazioni e dalle meteoriti, da una temperatura adatta al mantenimento della struttura terziaria e quaternaria delle proteine e dall esistenza di elementi chimici appropriati per lo svolgimento dei processi vitali. La vita di tutti gli esseri viventi, uomo compreso, è strutturalmente legata alla vita di ogni altra specie e alla persistenza delle condizioni fisico - climatiche che permettono lo scambio vitale di risorse fra esseri viventi. Basti pensare al ciclo dell aria, con la luce per la fotosintesi degli alberi che producono l ossigeno e con gli animali che restituiscono l anidride carbonica. È un insieme di delicati equilibri millenari, che l uomo dovrebbe preservare per la sua stessa sopravvivenza, a determinare la fortuna biologica della terra. Ecco perché la distruzione di ogni singola specie porta un danno grave al relativo ecosistema con un conseguente squilibrio irreparabile all intera biosfera. Durante la storia della Terra sono avvenute molte modificazioni geologiche e climatiche della biosfera che hanno influito profondamente su gli ecosistemi e su gli organismi viventi determinando una

14 serie di processi evolutivi (Evoluzionismo di Darwin) ed estinzioni di alcune specie. Un accelerazione a queste modifiche sembra essere dovuta, soprattutto a partire dalla fine del secolo scorso, da un notevole sviluppo della popolazione umana. Pertanto i principali fattori antropici che possono avere influenza negativa sulla biosfera sono: - il disboscamento; - l urbanizzazione; - l eccessivo sfruttamento dei terreni per l agricoltura; - l inquinamento e l incremento di anidride carbonica a causa del massiccio uso di combustibili fossili. BIODIVERSITA Oltre dieci anni fa a Rio de Janeiro i paesi più industrializzati del mondo furono costretti ad ammettere che la questione ambientale era diventato ormai un problema planetario. In quella occasione fu formulata la convenzione sulla biodiversità con l affermazione del principio del valore intrinseco della diversità biologica e dei suoi vari componenti ecologici, genetici, sociali, economici, scientifici, educativi culturali, ricreativi ed estetici. La convenzione infatti riconosceva l esigenza fondamentale della conservazione della diversità biologica che consiste nella salvaguardia in situ degli ecosistemi e degli habitat naturali, con il mantenimento e la ricostruzione delle popolazioni di specie vitali nei loro ambienti naturali. A questo proposito la Regione Calabria ha sottoscritto con il Ministero dell Ambiente un accordo di programma per la conservazione della biodiversità, con la promozione del turismo ecologico, il recupero e la valorizzazione del patrimonio delle aree naturali protette e delle aree di eccellenza naturalistica. Questo ha portato alla costituzione della rete dei parchi naturali nella quale sono stati inseriti gli itinerari della biodiversità, vissuti come aree di valorizzazione culturale, sociale, storica e antropologica da estendere ad interi territori, in particolare a quelli montani. La superficie regionale interessata da aree protette è pari al 17,70% della superficie totale. Tra le aree protette calabresi ricordiamo il Parco Nazionale del Pollino la cui vegetazione è resa unica dal Pino loricato, un vero e proprio fossile vivente divenuto l emblema del parco, il Parco Nazionale dell Aspromonte, il Parco Nazionale della Sila, il Parco Regionale delle Serre e la riserva marina di Capo Rizzuto. La realizzazione in tutto il Pianeta di aree protette è dovuta alla preoccupazione condivisa da molti che, a causa delle attività dell uomo, la biodiversità possa ridursi notevolmente sia a livello globale, sia a livello nazionale che a livello locale. Fenomeni come la perdita di popolazioni animali e vegetali, estinzioni di alcune specie e riduzioni di ecosistemi sono ormai evidenti a tutti. Ad esempio su alcune isole sono avvenute delle estinzioni a causa dello sfruttamento indiscriminato delle risorse, della distruzione degli habitat naturali e anche per l introduzione di nuove specie da parte dell uomo in ambienti in cui esse non erano presenti. Ad oggi si ritiene che siano circa le specie animali in via d estinzione e molti pensano che questo sia un numero sottostimato.

15 CONSERVAZIONE AMBIENTALE La conservazione ambientale è l insieme degli interventi che vengono adottati per salvaguardare le risorse naturali e in particolare il suolo, l acqua e la biodiversità. Le risorse naturali si dividono in due categorie: risorse rinnovabili e quelle non rinnovabili. Tra le prime troviamo la fauna e la flora. In quelle non rinnovabili troviamo i combustibili fossili (carbone, petrolio, gas naturali) e i minerali. La conservazione dell ambiente naturale interessa diversi campi come la gestione del paesaggio e del territorio, il ripristino degli ecosistemi, la difesa dell ambiente dalle varie forme d inquinamento, la pianificazione paesistica, i programmi di sviluppo sostenibile. La salvaguardia dell ambiente naturale è legata anche al controllo dell incremento demografico mondiale e all uso più razionale delle risorse e dell energia. Quando parliamo di conservazione dell ambiente intendiamo: 1. La conservazione delle foreste, strumento fondamentale di difesa del patrimonio boschivo che consiste nel costante monitoraggio dello stato fitoschitorio. 2. La conservazione delle aree da pascolo. In alcune regioni del mondo lo sfruttamento eccessivo dei pascoli ha portato alla desertificazione di vasti territori rendendo necessario il ripristino della copertura vegetale attraverso nuove semine. 3. La conservazione della fauna, basata in primo luogo sulla difesa degli habitat in cui le specie vivono. 4. La conservazione del suolo. La difesa del suolo prevede due tipi d intervento: il controllo di fattori naturali di degrado mediante opere di rimboschimento e il ripristino del paesaggio, un razionale uso del territorio e uno sfruttamento del suolo che concili le esigenze sociali ed economiche con la reale disponibilità delle risorse naturali presenti. Nel caso delle terre agricole ad esempio, si dovrebbero rivalutare le tecniche di rotazione colturale e la pratica del maggese lasciando i campi incolti tra una coltivazione e l altra e consentendo così al terreno di rigenerarsi. EDUCAZIONE AMBIENTALE Il tema dell educazione ambientale riveste oggi un notevole interesse. Forte infatti è il grido d allarme lanciato dalla comunità scientifica internazionale a difesa sia dei singoli ecosistemi che dell intero geo-sistema. Secondo la comunità scientifica siamo al limite della sopportabilità e pertanto dell emergenza ambientale esistente si deve prendere atto ed è necessario, oltre che pianificare i vari interventi, estendere innanzitutto la consapevolezza dello stato di precarietà che vive il pianeta terra. La salvaguardia ambientale si presenta oggi come un emergenza sociale. È necessario a tal proposito una vera e propria svolta culturale. Il mondo della scuola, essendo il luogo deputato alla formazione e all apprendimento, non può sottrarsi al suo compito e per prima cosa l educazione ambientale deve essere parte integrante di qualsiasi progetto scolastico.

16 L educazione ambientale deve essere inoltre un supporto all educazione civica e far maturare la percezione di appartenenza alla collettività e nello stesso tempo di appartenenza ad un ecosistema caratterizzato dalla relazione Uomo- Ambiente-Territorio. In questo modo l educazione ambientale rappresenta non solo un paradigma cognitivo quanto un modello etico finalizzato ad affrontare la corretta gestione del territorio e il recupero del degrado dell ambiente. DIRITTO AMBIENTALE Il diritto ambientale è l insieme delle norme del diritto nazionale, europeo, internazionale, che ha lo scopo di proteggere le risorse naturali e di limitare l inquinamento dell ambiente. Sono molte ormai le legislazioni statuali che prescrivono la risarcibilità del danno ambientale, cosi come individuano le fattispecie penalmente rilevanti con la relativa disposizione di processi dinanzi all autorità giudiziaria. In Italia la tutela e la salvaguardia dell ambiente sono un principio supremo, fondamentale, poichè è la Costituzione della Repubblica che all articolo 9, comma 2, sancisce la tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione. Tale principio deve essere necessariamente interpretato in forma estensiva e comprendere pertanto il consequenziale diritto alla salute. Anche l Unione Europea ha assunto come principio fondamentale la tutela dell ambiente naturale. A partire dagli anni 90 però l U.E. ha adottato una nuovo assunto nella gestione delle politiche dell ambiente in base al quale la prevenzione dell inquinamento e la tutela della salute pubblica non possono essere garantite solo dalla penalizzazione dei soggetti inadempienti, ma occorre, nel contempo, prevedere sistemi premianti per i migliori, coinvolgendo e responsabilizzando in maniera diretta tutti gli attori comunitari, a cominciare dalle imprese e dai consumatori. Il primo vero trattato internazionale in materia ambientale è il Protocollo di Kyoto sottoscritto, da ben 160 Paesi, l 11 dicembre Nella città giapponese i firmatari di questa convenzione hanno inteso accordarsi su un tema fondamentale per la salvaguardia dell ambiente: il riscaldamento globale. La grande novità contenuta nel protocollo di Kyoto è data dall obbligo per i paesi più industrializzati di operare una riduzione delle emissioni di elementi inquinanti (metano, ossido di azoto, idrofluorocarburi, perfluorocarburi, biossido di carbonio, esafluoruro di zolfo) in misura non inferiore al 5,2% rispetto alle emissioni registrate nel 1990, nel periodo Al contrario di quanto si era deciso nel summit della Terra tenutosi a Rio de Janeiro nel 1992 in cui gli Stati aderenti avevano adottato un codice di comportamento etico ambientale non vincolante.

17 URBANIZZAZIONE ECOSOSTENIBILE Il rispetto dell ambiente naturale o culturale è una responsabilità collettiva e pertanto richiede la collaborazione di ogni singolo individuo. Le norme, i limiti, le prescrizioni possono non essere sufficienti se non si realizzano strumenti operativi validi. Il Piano regolatore di una città è in questo ambito fondamentale e per questo deve prevedere indicazioni volte a migliorare la valorizzazione e la protezione dell ambiente naturale. È indispensabile dunque che in contenga idee e norme relative a: - adattare l edificazione all importanza del paesaggio; - aumentare quantitativamente e qualitativamente il verde pubblico; - conservare e incentivare il verde privato ; - migliorare l aspetto ambientale delle zone pedonali; - affinare la normativa, al fine di favorire la protezione dell ambiente e quindi agire sulle cause dei vari tipi di inquinamento traffico rumori.,ecc; - promuovere il disegno urbano della città; - estendere la ricerca storico-culturale dei beni immobili da conservare e valorizzarli come testimonianze del passato. Tutto queste indicazioni non sempre sono state correttamente seguite, anzi la continua richiesta di aree edificabili ha determinato spesso l uso di suoli inadatti, come pianure alluvionali, pendii instabili e zone bonificate, che nel loro insieme incrementano il rischio di calamità. Non sono rari i casi in cui lo sviluppo urbano aumenta il rischio da alluvione e da frana interferendo con i canali di drenaggio naturali mediante sbancamenti dissennati in seguito a una scadente pianificazione territoriale. Così come non è raro, soprattutto in alcune aree del Paese, vedere centri abitati situati lungo fasce sismiche dove il rischio di crollo di strutture e infrastrutture, in caso di sollecitazione sismica, rappresenta un evidente pericolo.

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone

Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone Autore Annalisa Salomone Referente scientifico Michela Mayer Grado scolastico Scuola Secondaria di I

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria Anno Scolastico 2009 / 2010 PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Referente del progetto Prof. ssa Arcangela Quacquarelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

IL CICLO DEI MATERIALI

IL CICLO DEI MATERIALI 1 LA SOCIETA DEI CONSUMI La nostra società produce molti beni di consumo, perché la pubblicità ci convince che abbiamo bisogno di nuovi prodotti buttando quelli vecchi anche se perfettamente funzionanti,

Dettagli

LA STORIA DEI RIFIUTI

LA STORIA DEI RIFIUTI I RIFIUTI LA STORIA DEI RIFIUTI Che cos è un rifiuto? Un rifiuto è qualsiasi oggetto o sostanza di cui ci disfiamo: residui, scarti, oggetti rotti o inutilizzabili, prodotti dalle attività domestiche o

Dettagli

31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma

31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma 31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma Ciclo Ciclo dei dei rifiuti rifiuti Indice Indice 11 Raccolta Raccoltadifferenziata differenziata 11 Riciclaggio Riciclaggio 1/3

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 67 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI PER EDUCARE I BAMBINI AD AMARE, RISPETTARE E CONSERVARE IL MONDO E LA NATURA. Elaborazione della figura strumentale per il curricolo

Dettagli

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti sono un prodotto inevitabile della società dei consumi e del nostro stile di vita

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO PRIMO L AMBIENTE Sommario: 1. Introduzione all economia ambientale. - 2. Il ruolo dell ambiente nell attività economica. - 3. Classificazioni delle risorse: non rinnovabili e rinnovabili. - 4.

Dettagli

Raccolte Differenziate. Guida Pratica

Raccolte Differenziate. Guida Pratica Raccolte Differenziate Guida Pratica R come rifiuto Preoccupatevi di lasciare questo mondo un po migliore di come lo avete trovato.. Ciclo Naturale Chiuso Il concetto di Rifiuto non esiste in Natura. La

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Stabilimenti balneari Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una tonnellata di carta riciclata neanche

Dettagli

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio Del Vecchio-Governatori Riciclaggio 1 Il problema della gestione dei rifiuti Il problema della gestione dei rifiuti è diventato sempre più rilevante: la crescita dei consumi e dell'urbanizzazione hanno

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

a) si ottiene dalla decomposizione di materiali organici b) sono smaltite dalle officine o nelle Isole Ecologica e Centri di Raccolta AMA

a) si ottiene dalla decomposizione di materiali organici b) sono smaltite dalle officine o nelle Isole Ecologica e Centri di Raccolta AMA DOMANDA Il COMPOST Le batterie auto al piombo Dividere correttamente i rifiuti è importante Lo smaltimento ideale degli olii vegetali per cottura di alimenti avviene tramite Indumenti usati e accessori

Dettagli

I sistemi di trattamento e smaltimento

I sistemi di trattamento e smaltimento SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MATERIALE DI APPROFONDIMENTO I sistemi di trattamento e smaltimento Impianti di selezione 1/2 Gli impianti di selezione si dividono in due tipologie: gli impianti per la

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I parte Introduzione Generale Acqua, rifiuti ed energia rappresentano tre questioni fondamentali per il futuro del nostro pianeta. Emergenze ambientali

Dettagli

Milano, 14 settembre 2011

Milano, 14 settembre 2011 1 LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RIFIUTI ALLA LUCE DEL D. LGS. 3 DICEMBRE 2010, N. 205 Milano, 14 settembre 2011 2 1. I principi della gestione dei rifiuti Precauzione e quindi tutela dell ambiente

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Le fonti energetiche

Le fonti energetiche Le fonti energetiche Le fonti energetiche Dalle fonti di energia si ricava l energia Esse sono suddivise in primarie e secondarie, in relazione al fatto che necessitino più o meno di trasformazioni. Le

Dettagli

Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che:

Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che: COSA SONO I RIFIUTI? Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che: I rifiuti sono le cose che buttiamo perché non ci

Dettagli

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti.

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Cagliari, 21 Dicembre 2015 Quadro Normativo NORMATIVA EUROPEA Direttiva

Dettagli

L Amministrazione comunale

L Amministrazione comunale L Amministrazione comunale ha adottato, negli anni decorsi, una pluralità di iniziative di tutela ambientale da realizzare nel territorio del Comune di Castelgrande, iniziative che si muovono lungo il

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI. AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008

IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI. AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008 IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008 I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti 1. Prevenzione nella formazione dei rifiuti 2. Riduzione della loro pericolosità 3. Riciclaggio

Dettagli

Relazione sul progetto Ambientiamoci 2002-2005 pag. 1. Introduzione

Relazione sul progetto Ambientiamoci 2002-2005 pag. 1. Introduzione Relazione sul progetto Ambientiamoci 2002-2005 pag. 1 Introduzione P er due anni consecutivi questa Amministrazione è riuscita a coinvolgere, mediante proficue campagne di sensibilizzazione ambientale,

Dettagli

Bene, è semplice e divertente basta RICICLARE. E un modo molto efficace per mantenere il mondo pulito e anche il nostro bosco!

Bene, è semplice e divertente basta RICICLARE. E un modo molto efficace per mantenere il mondo pulito e anche il nostro bosco! Ciao bambini, Sono Carolina Riciclina. Gli amici del bosco hanno bisogno del vostro aiuto. Impariamo insieme a differenziare i rifiuti, solo in questo modo potremo distruggere Orco Sporco. Bene, è semplice

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI I rifiuti sono materiali di scarto o avanzo di svariate attività umane IL RIFIUTO I rifiuti

Dettagli

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è?

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è? Comune di Rieti II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità Sala Riunioni Comune di Rieti giovedì 14 settembre 2006 ore 16.00 http://www.comune.rieti.it/portalerieti/agenda21/index.asp

Dettagli

Gestione degli imballaggi

Gestione degli imballaggi Gestione degli imballaggi Attività di gestione dei rifiuti di imballaggio; obiettivi; obblighi dei produttori e degli importatori; raccolta differenziata e obblighi della pubblica amministrazione; organizzazione

Dettagli

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI.

SOMMARIO. .a questo ed altro risponde lo. 1. LA NOZIONE DI RIFIUTO E LA SUA CLASSIFICAZIONE IN BASE AL D.LGS. n 22/97. 2. LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI. Alberto Casarotti Orari Martedì dalle ore 9,00 alle ore 13,00 Giovedì dalle ore 9,00 alle ore 16,00 Su appuntamento in orari diversi da quelli indicati sopra tel. 0532 299540 fax 0532 299525 rispondiamo

Dettagli

SFALCI E POTATURE SONO RIFIUTI O SOTTOPRODOTTI? Inquadramento normativo corretto ai fini del contributo GSE

SFALCI E POTATURE SONO RIFIUTI O SOTTOPRODOTTI? Inquadramento normativo corretto ai fini del contributo GSE SFALCI E POTATURE SONO RIFIUTI O SOTTOPRODOTTI? Inquadramento normativo corretto ai fini del contributo GSE 1 Sommario: - nel documento che segue vengono evidenziate le importanti modifiche introdotte

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO

Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO Cooperativa Sociale l Ulivo s.c.r.l. Via del Lavoro 25/h 40127 Bologna Tel 051 255934 Fax 051 255981 Codice Fiscale e Partita Iva : 03604680375 info@ulivo.coop

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

Galsi organizza la giornata ecologica per la pulizia delle nostre spiagge.

Galsi organizza la giornata ecologica per la pulizia delle nostre spiagge. Galsi organizza la giornata ecologica per la pulizia delle nostre spiagge. I ragazzi delle scuole medie, i loro genitori e professori: insieme per pulire il futuro Che progetti hai per il tuo futuro? Il

Dettagli

il ciclo della carta

il ciclo della carta il ciclo della carta 6 Prodotti a seconda della carta recuperata (giornali, cartoni, carta mista) si ottengono prodotti diversi: carta da imballo e da scrittura, cartoni, cartoncini e altri tipi la carta

Dettagli

Ciclo carta e cartone

Ciclo carta e cartone Ciclo carta e cartone la carta e il cartone inseriti negli appositi contenitori vengono prelevati dal gestore del servizio 6 PRODOTTI a seconda della carta recuperata (giornali, cartoni, carta mista) si

Dettagli

EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITÀ E SULL AGROECOSISTEMA BOSCHI-BRIANTI-MELEGA CONSEGUENZE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITA Molti studi affermano che i cambiamenti climatici

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale fare la raccolta differenziata non è solo un obbligo di legge è un segno di rispetto e di grande civiltà!

Dettagli

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti SCUOLA PRIMARIA PERCORSI PER LE CLASSI I E II MATERIALE DI APPROFONDIMENTO Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti I rifiuti vengono classificati secondo la loro origine e pericolosità. La loro

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

La Raccolta Differenziata

La Raccolta Differenziata La Raccolta Differenziata Le norme principali Le istruzioni per l uso Le norme principali Il Regolamento comunale è un insieme di norme utili a salvaguardare il decoro di Roma e a garantire una corretta

Dettagli

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO, DA

Dettagli

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie La Raccolta Differenziata a casa tua istruzioni per l uso guida per le famiglie Raccolta Differenziata Le novità Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal)

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal) Metano Caratteristiche chimico fisiche e origini Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno, la sua formula chimica è CH 4, si trova in natura sotto forma

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

Chi siamo. Assobioplastiche nasce nel 2011 e ha la sede legale a operativa a Roma.

Chi siamo. Assobioplastiche nasce nel 2011 e ha la sede legale a operativa a Roma. Chi siamo L Associazione Italiana delle bioplastiche e dei materiali biodegradabili e compostabili (Assobioplastiche) è nata dalla volontà dei produttori, trasformatori e utilizzatori delle bioplastiche

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Coop per l ambiente e la sostenibilità Stiamo consumando più risorse di quanto la Terra

Dettagli

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15 Disegno di legge C. 2093 "Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali (collegato alla legge di stabilità 2014)"

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

La seconda vita della Scatoletta

La seconda vita della Scatoletta La seconda vita della Scatoletta Quello dello smaltimento dei rifiuti è uno dei problemi più grandi che il nostro pianeta sembra dover affrontare nei prossimi decenni. I rifiuti oggi vengono smaltiti in

Dettagli

STILI DI VITA COSA SONO?

STILI DI VITA COSA SONO? STILI DI VITA COSA SONO? PICCOLE AZIONI PER GRANDI CAMBIAMENTI guardare le cose da un altro punto di vista incentivare una economia pensare a cosa solidale ci rende veramente felici rispettare l ambiente

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: QUESTA SCONOSCIUTA!!

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: QUESTA SCONOSCIUTA!! Cancerogeno LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: QUESTA SCONOSCIUTA!! Nel lontano 1997 il decreto Ronchi definiva la raccolta differenziata come la raccolta idonea a raggruppare i rifiuti urbani in frazioni merceologiche

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Gli italiani ed il riciclo dei rifiuti

Gli italiani ed il riciclo dei rifiuti Gli italiani ed il riciclo dei rifiuti per Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati e Legambiente FORUM RIFIUTI conferenza nazionale REPORT Milano, 19 Giugno 2014 Disegno di ricerca La ricerca è stata condotta

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

Destinazione rifiuti Italia anno 2007

Destinazione rifiuti Italia anno 2007 compostaggio 6% Destinazione rifiuti Italia anno 2007 recupero 36% discarica 48% inceneritore 10% La DISCARICA CONTROLLATA è un sistema di smaltimento dei rifiuti (tipicamente Rifiuti Solidi Urbani) che

Dettagli

ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel

ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel Condividere saperi. I corsi di base della Fondazione Serughetti La Porta ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel Il linguaggio. La comunicazione che vogliamo sentirci raccontare

Dettagli

Raccolta domiciliare porta a porta

Raccolta domiciliare porta a porta Città di Sasso Marconi Raccolta domiciliare porta a porta Sasso Marconi, novembre 2007 Il continuo aumento della quantità di rifiuti prodotti ci sta ponendo urgenti problemi di gestione e di smaltimento

Dettagli

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia Pensa verd verde Pensa verde Informativa per la centrale a biomasse biomasse di di Castiglione d Orcia La provincia pensa verde Pensare verde. Sono queste le parole chiave che negli ultimi anni caratterizzano

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una tonnellata di carta riciclata neanche

Dettagli

CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio. Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani

CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio. Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani RECUPERO ALLUMINIO DALLE SCORIE POST-COMBUSTIONE L impianto BSB per il trattamento

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

RIFIUTI: RIDUCO, RIUSO, RICICLO

RIFIUTI: RIDUCO, RIUSO, RICICLO RIFIUTI: RIDUCO, RIUSO, RICICLO OVVERO O CHIUDI IL CERCHIO O CHIUDI IL FUTURO Prof. Maurizi Franco I.T.I.S. e Liceo S-T. A. Einstein - Roma novembre 08- settimana DESS PRIMO: LA SOSTENIBILITA «lo Sviluppo

Dettagli

Una raccolta così non la sognavate nemmeno Comoda, facile, differenziata

Una raccolta così non la sognavate nemmeno Comoda, facile, differenziata Una raccolta così non la sognavate nemmeno Comoda, facile, differenziata Comune di Lesignano de Bagni COSA VI VIENE FORNITO CARTA, VETRO, PLASTICA, BARATTOLAME e CONTENITORI TETRA PAK Ad ogni famiglia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Giornate di Orientamento Unica Open Day 009 Test di accesso/verifica della preparazione iniziale Facoltà di ECONOMIA L Era Moderna che viviamo attualmente da un centinaio

Dettagli

LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA

LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX LE NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI IN VALLE D AOSTA Assessorat du Territoire et de l Environnement Assessorato Territorio e ambiente I NUOVI

Dettagli

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone

Il contributo delle Associazioni di Categoria. Prof. Ing. Paolo Rigone Il contributo delle Associazioni di Categoria Prof. Ing. Paolo Rigone Uncsaal, l Unione Nazionale Costruttori Serramenti Alluminio Acciaio e Leghe, è l Associazione confindustriale delle imprese italiane

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco 9/a 20186 MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI (PIATTAFORMA

Dettagli

schede di approfondimento.

schede di approfondimento. I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. 2 è l insieme delle attività volte a smaltirli, riducendo lo spreco(inparticolaredirisorsenaturaliedienergia)elimitandoipericoliperlasalutee

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International I.P. Europe & International LA storia VErA degli IMBALLAGGI VErdI SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. /gogreen Guardate il video Una storia vera Affermazioni green Fatti green Green Range L IMBALLAGGIO

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA. Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta:

SCHEDA DIDATTICA. Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta: SCHEDA DIDATTICA NOME: COGNOME: CLASSE: Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta: 1) Secondo te è più pesante una bottiglia

Dettagli

BOSCHI E BIODIVERSITÀ. Rete Natura 2000

BOSCHI E BIODIVERSITÀ. Rete Natura 2000 BOSCHI E BIODIVERSITÀ Introduzione I boschi sono un patrimonio di tutti. Li vediamo, li attraversiamo, li ammiriamo e li utilizziamo. Ma vanno anche tutelati: sono ecosistemi complessi dove molte forme

Dettagli

Dicomano 5 Giugno 2015. Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR

Dicomano 5 Giugno 2015. Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR Dicomano 5 Giugno 2015 Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR Il ciclo (e riciclo) della carta Raccolta - Riciclo - Recupero la carta: produzione

Dettagli

Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani

Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani Da rifiuti a risorse percorso impossibile? Dott.ssa Aurelia Fonda COMPOSIZIONE media DEL RIFIUTO URBANO non differenziato dati APAT: Frazione merceologica % in

Dettagli

I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO?

I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO? I RIFIUTI UN PROBLEMA GLOBALE NASCOSTO? Le cause dell inquinamento del suolo Il suolo viene inquinato a causa di vari tipi di rifiuti: quelli solidi, liquidi e gassosi. I rifiuti solidi possono essere

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

J.H. C. Classe I B Virgilio. C.G. Classe V B Virgilio

J.H. C. Classe I B Virgilio. C.G. Classe V B Virgilio J.H. C. Classe I B Virgilio C.G. Classe V B Virgilio Classe V A Virgilio Il suolo è uno dei beni più preziosi dell umanità. Consente la vita dei vegetali, degli animali e dell uomo sulla superficie della

Dettagli

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi Prospettive energetiche Oggi e Domani DA DOVE ARRIVA L ENERGIA? L energia si può ottenere

Dettagli

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COMUNE DI CESANO BOSCONE La raccolta differenziata a Cesano Boscone Raccogliere separatamente i rifiuti è un gesto di rispetto

Dettagli

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva La campagna, la mostra, la festa, l eco questionario Lo scorso marzo Comune AcegasAps e Legambiente hanno lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione

Dettagli

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME PIANO 20 20 20 Si tratta dell insieme delle MISURE pensate dalla UE per il periodo successivo al termine del Protocollo

Dettagli