artigianato Bologna Manovra Finanziaria, ecco le opportunità per le imprese informazioni di prima mano All interno Speciale Finanziaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "artigianato Bologna Manovra Finanziaria, ecco le opportunità per le imprese informazioni di prima mano All interno Speciale Finanziaria"

Transcript

1 Bologna informazioni di prima mano artigianato e piccola-media impresa dell Emilia Romagna Anno XXX - N 26 del 23/2/ Quotidiano - Poste Italiane s.p.a. - Sped.abb.post. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46), art. 1 comma 1, DCB Po - Dir. resp.: Cristina Di Gleria Reg. Trib. Bo n del 23/11/78 - Dir. e Amm.: Soc. Editoriale Artigianato e Piccola Impresa dell'emilia Romagna V.le A.Moro 22 - Bologna - Telefono 051/ Copia: 1,30 Stampa: Rindi Speciale Finanziaria A cura dell Area Economico Sindacale di Cna Bologna Manovra Finanziaria, ecco le opportunità per le imprese Agevolazioni su casa, auto, risparmio energia, elettrodomestici, reti di imprese. Le nuove disposizioni sui rapporti di lavoro Nel documento di programmazione economica e finanziaria del maggio 2006, il Governo si impegnava a definire la successiva legge Finanziaria per il 2007 perseguendo tre obiettivi: risanamento, equità e sviluppo. Nella prima versione della legge Finanziaria, presentata a settembre, risultavano evidenti gli scostamenti rispetto al Dpef sulla equità della manovra, sugli impegni per lo sviluppo e la crescita dell economia, della sostenibilità delle scelte effettuate. In questi mesi il confronto anche duro che si è sviluppato tra le associazioni imprenditoriali ed il Governo, e soprattutto l azione della Cna a livello nazionale e territoriale, ha impegnato il Governo a modificare significativamente All interno I benefici fiscali sulla casa parti importanti della manovra Finanziaria, riportando le disposizioni più in linea con quei contenuti del Dpef che avevano ottenuto anche il nostro consenso, legato a scelte di riforma istituzionale quali condizioni necessarie per aprire spazi nuovi alla crescita del paese ed allo sviluppo sostenibile. I frutti dell azione della Cna sono stati evidenti sul piano del trattamento fiscale e della funzione degli studi di settore, la riduzione del cuneo fiscale, con un effetto di riallineamento e di maggiore equità di trattamento con le altre categorie di contribuenti; all artigianato è stata inoltre riconosciuta l importanza economica e sociale anche per la funsegue in seconda Gli incentivi su auto, moto, elettrodomestici Cuneo Fiscale e aggregazioni aziendali Le nuove regole su appalti e i rapporti di lavoro SPECIALE FINANZIARIA

2 2 I benefici fiscali sul risparmio energetico e La Legge Finanziaria 2007 prevede la proroga delle agevolazioni fiscali per il recupero e il mantenimento del patrimonio edilizio residenziale (36% di detrazione d imposta), la proroga dell aliquota IVA agevolata al 10% ed introduce specifiche agevolazioni finalizzate al risparmio energetico. Risparmio energetico: 55% di detrazione d imposta E prevista una detrazione d imposta lorda per una quota pari al 55% delle spese sostenute dal contribuente nel 2007, da ripartire in 3 annualità per: interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti, a condizione che il fabbisogno di energia conseguito sia inferiore di almeno il 20% rispetto ai valori indicati nell allegato C, comma 1, tabella 1 del Dlgs. 192/2005. Il limite massimo di spesa su cui calcolare la detrazione d imposta è di ,00 euro; interventi su edifici esistenti riguardanti strutture opache verticali e orizzontali (es. coperture e pavimenti) e finestre... dalla prima zione formativa che esplica verso gli apprendisti, e per l impegno nella gestione dell impresa, riconoscendogli i dovuti crediti per la gestione dell assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. C è stato inoltre un primo, seppur parziale, segnale d impegno per lo sviluppo che favorisce l immissione di innovazione nelle aziende, i nuovi impegni per la semplificazione e la deburocratizzazione dello Stato, gli investimenti per far partire il nuovo piano infrastrutturale e dare risposte concrete ed ecocompatibili alla questione energetica. La somma degli interventi risulta positiva rispetto alla partenza, avviata verso gli obiettivi di risanamento. E invece ancora insufficiente sul piano Tutte le novità comprensive di infissi, a condizione che siano rispettati determinati requisiti di trasmittanza termica. Il limite massimo di spesa su cui calcolare la detrazione d imposta d imposta è di ,00 euro; interventi di installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda. Il limite massimo di spesa su cui calcolare la detrazione d imposta è di ,00 euro; interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaia a condensazione e di adeguamento della rete di distribuzione. Il limite massimo di spesa su cui calcolare la detrazione d imposta è di ,00 euro. Per accedere al beneficio fiscale del 55% occorre che i requisiti richiesti della modernizzazione del paese e del sistema economico, carente nel progetto di sviluppo che sappia coinvolgere quelle categorie e quelle forze sociali più adatte e pronte ad un salto di qualità sui temi della sostenibilità dello sviluppo economico e sociale. Se questo è il giudizio che Cna esprime sulla Finanziaria 2007, è importante anche offrire ai nostri associati un quadro sulle opportunità che la manovra garantisce alle imprese e ai cittadini. Opportunità importanti, sotto forma di agevolazioni fiscali, che riguardano la ristrutturazione della casa, il risparmio energetico, le autovetture, gli eletrodomestici e le aggregazioni di impresa. Infine indichiamo le nuove disposizioni relative ai rapporti di lavoro. siano asseverati da un tecnico abilitato e che il contribuente sia in possesso della certificazione energetica dell edificio ovvero di un attestato di qualificazione energetica predisposto ed asseverato da un professionista abilitato. Le disposizioni attuattive saranno stabilite con apposito decreto che sarà emanato entro il 28 febbraio p.v.. 36%: detrazione d imposta ai fini Irpef E stata prorogata la detrazione d imposta ai fini IRPEF del 36% - per le spese sostenute entro 31 dicembre per gli interventi manutenzione/ristrutturazione del patrimonio edilizio residenziale; non è stata invece prorogata la detrazione d imposta ai fini IR- PEF del 36% per l acquisto di abitazioni poste all interno di edifici interamente ristrutturati/ recuperati da imprese o cooperative; il limite massimo di spesa su cui calcolare la detrazione d imposta del 36% è di uro ,00 per ogni unità immobiliare.

3 sulle manutenzioni - ristrutturazioni edilizie Con la convenzione Cna la tariffa SIAE è ridotta Le aziende associate alla Cna hanno tempo fino al 28 febbraio per pagare la SIAE utilizzando gli sconti previsti dalla convenzione Cna. Lo sconto è del 25% per tutte le imprese associate (del 40% per il settore trasporti). Ricordiamo che le aziende interessate al pagamento della SIAE sono quelle che fanno uso di musica d ambiente nello svolgimento della propria attività, sia in locali aperti al pubblico, sia in laboratori il cui accesso è riservato ai soli dipendenti. Presso le sedi Cna sono a disposizione i moduli per il pagamento della SIAE a tariffa scontata. 3 Detrazione d imposta del 36% Gli interventi sui quali è possibile richiedere l agevolazione fiscale del 36% sono i seguenti: manutenzione ordinaria (limitatamente alle parti comuni condominiali), manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia; bonifica dell amianto; messa a norma degli edifici (L. 46/90); realizzazione o acquisto di autorimesse e/o posti auto pertinenziali; eliminazione delle barriere architettoniche e/o finalizzati alla realizzazione di strumenti adatti a favorire la mobilità interna ed esterna delle persone portatrici di handicap gravi; interventi volti a prevenzione del compimento di atti illeciti da parte di terzi; interventi volti a evitare gli infortuni domestici; realizzazione di opere finalizzate alla cablatura degli edifici; contenimento dell inquinamento acustico e /o del risparmio energetico; interventi finalizzati all adozione di misure antisismiche; acquisto o assegnazione di immobili ristrutturati o restaurati/recuperati da imprese o cooperative (in vigore per i rogiti stipulati entro il 30 giugno 2007 e a condizione che gli interventi di ristrutturazione o recupero siano stati ultimati entro il 31 dicembre 2006). Iva: interventi di manutenzione ordinaria e/o straordinaria E stata prorogata l applicazione dell aliquota IVA ridotta al 10% - con calcolo beni significativi per gli interventi di manutenzione ordinaria e/o straordinaria eseguiti su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata; l aliquota ridotta si applica alla fatture emesse entro il 31 dicembre Indicazione mano d opera in fattura Tutte le fatture emesse a partire dal 1 gennaio e sino al 31 dicembre 2007, relative a interventi che fruiscono della detrazione IRPEF del 36% e dell aliquota IVA ridotta al 10% devono contenere l indicazione del costo della mano d opera. Come visto in precedenza, è possibile richiedere il beneficio fiscale del 36% anche sui box/posti auto pertinenziali. In questo specifico caso deve sussistere il rapporto di pertinenzialità tra l immobile residenziale e l unità accessoria. Occorre sottolineare il fatto che il beneficio fiscale viene computato con riferimento alle sole spese sostenute dal costruttore per la realizzazione di tali interventi. Le casistiche che si possono configurare sono le seguenti: mero acquisto del box/posto auto pertinenziale ad un abitazione già esistente; acquisto contemporaneo dell abitazione e del box/posto auto pertinenziale; mera costruzione del box/posto auto pertinenziale. Il limite massimo di spesa agevolabile su cui calcolare il 36% ammonta a uro (IVA compresa), per ogni unità immobiliare oggetto degli interventi di recupero. La ripartizione del beneficio fiscale è ammessa su dieci annualità, ad eccezione dei contribuenti possessori più anziani; infatti, chi ha almeno 75 anni potrà detrarsi il beneficio fiscale in 5 anni, chi ne ha almeno 80 potrà detrarselo in 3 anni. E importante sottolineare che non è necessario che gli interventi siano eseguiti ed ultimati entro la data del 31 dicembre 2007: infatti è ammesso che le opere agevolabili siano realizzate, in tutto o in parte, anche dopo la predetta data, fermo restando che i bonifici bancari per essere agevolati devono tassativamente essere effettuati entro il 31 dicembre 2007.

4 4 Manutenzioni - Ristrutturazioni: aliquote IVA La Legge Finanziaria 2007 ha prorogato l applicazione dell aliquota IVA ridotta al 10% per gli interventi di manutenzione ordinaria e/o straordinaria - Art. 3, comma 1 lett. a) e/o b) D.P.R. 380/ La riduzione temporale al 10% dell aliquota IVA in questione, applicabile solo sugli interventi effettuati su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata, compete sulle prestazioni fatturate dal 1 gennaio 2007 al 31 dicembre 2007 e riguarda solamente gli interventi di cui Art. 3, comma 1 lett. a) e/o b) D.P.R. 380/2001, in quanto gli interventi di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione Art. 3, comma 1 lett. c), d) ed f) D.P.R. 380/2001 godono in via permanente dell aliquota ridotta. Per fabbricati a prevalente destinazione abitativa si intendono: singole unità immobiliari a destinazione abitativa (categorie catastali da A1 ad A11, escluso A10), a prescindere dall utilizzo effettivo, e relative pertinenze (anche se gli interventi riguardano la sola pertinenza e se questa è situata in un edificio non a prevalente destinazione abitativa privata); interi fabbricati con più del 50 per cento della superficie dei piani sopra terra destinata ad abitazione privata (l aliquota ridotta si applica anche per le quote millesimali relative alle unità non abitative situate nell edificio); edifici di edilizia residenziale pubblica a prevalente destinazione abita-tiva; edifici assimilati alle case di abitazione non di lusso che costituiscono stabile residenza di collettività (es. orfanotrofi, ospizi, conventi). N.B.: restano esclusi dall agevolazione i fabbricati destinati a utilizzazioni pubbliche. L applicazione dell aliquota agevolata si riferisce alla prestazione di servizi intesa nel suo complesso e si estende, quindi, anche alle forniture delle materie prime e semilavorate e degli altri beni necessari per i lavori, a condizione: che non vengano forniti da un soggetto diverso da quello che esegue la prestazione o che non vengano acquistati direttamente dal committente dei lavori; che tali beni non costituiscano una parte significativa del valore delle cessioni effettuate nel quadro dell intervento. Qualora vengano impiegati beni di valore significativo l aliquota ridotta si applica solo fino a concorrenza della differenza tra il valore complessivo dell intervento di recupero e quello dei beni stessi. Il D.M. del 29 dicembre 1999 stabilisce che i beni significativi sono: ascensori e montacarichi; infissi esterni e interni; caldaie; videocitofoni; apparecchiature di condizionamento e ricircolo d aria; sanitari e rubinetterie da bagno; impianti di sicurezza. Vi ricordiamo inoltre, che si applica l aliquota ridotta al 4% sui beni acquistati per la costruzione, anche in economia, delle case di abitazione non di lusso (a prescindere che si tratti di prima o seconda casa) ed edifici assimilati, comprese le costruzioni rurali e delle opere di urbanizzazione prima e secondaria. A titolo esemplificativo, possono considerarsi beni assoggettabili all aliquota del 4% i seguenti beni: ascensori e montacarichi, infissi esterni ed interni, sanitari per bagno, prodotti per impianti idrici, di riscaldamento, elettrici, gas e i caminetti. Naturalmente le relative prestazioni per la posa in opera saranno assoggettate ad aliquota ridotta. Non sono, invece, ammessi a fruire dell aliquota IVA al 4% quei prodotti non finiti quali mattoni, chiodi, tondini di ferro, calce, cemento, gesso, ecc Dal 1 gennaio 2007 le aliquote IVA da applicare alle prestazioni aventi per oggetto interventi di manutenzionerecupero edilizio su fabbricati a destinazione abitativa sono le seguenti: Tipologia Vecchio riferimento Nuovo riferimento Aliquote IVA normativo normativo Manutenzione Articolo 31, comma 1, Articolo 3, comma 1, 10% ordinaria lettera a) L. 457/78 lettera a) del D.P.R. (calcolo bene 380/2001 significativo) Manutenzione Articolo 31, comma 1, Articolo 3, comma 1, 10% straordinaria lettera b) L. 457/78 lettera b) del D.P.R. (calcolo bene 380/2001 significativo) Manutenzione Articolo 31, comma 1, Articolo 3, comma 1, 10% straordinaria lettera b) L. 457/78 lettera b) del D.P.R. su edifici di 380/2001 edilizia residenziale pubblica Restauro e Articolo 31, comma 1, Articolo 3, comma 1, 10% risanamento lettera c) L. 457/78 lettera c) del D.P.R. conservativo 380/2001 Ristrutturazione Articolo 31, comma 1, Articolo 3, comma 1, 10% edilizia lettera d) L. 457/78 lettera d) del D.P.R. 380/2001 Ristrutturazione Articolo 31, comma 1, Articolo 3, comma 1, 10% urbanistica lettera e) L. 457/78 lettera f) del D.P.R. 380/2001 Per usufruire del beneficio fiscale del 55% e del 36%, prima di iniziare i lavori, occorre effettuare gli adempimenti legislativi previsti. E a Vostra disposizione Cna Costruzioni Bologna: Geom. Davide Bonori Tel Fax

5 Le altre opportunità della Finanziaria Incentivi auto Demolizione di autoveicoli per il trasporto promiscuo, immatricolati come euro 0 o euro 1, ed eventuale sostituzione con autovetture nuove euro 4 o euro 5 Per ogni autoveicolo per il trasporto promiscuo, immatricolato come euro 0 o euro1, che verrà consegnato ad un demolitore nel periodo dal 1 gennaio al 31 dicembre 2007, è previsto un contributo pari al costo di demolizione, con un limite massimo di 80 euro per ciascun veicolo. Tale contributo è anticipato dal centro autorizzato che ha effettuato la rottamazione, il quale lo potrà recuperare come credito d imposta da utilizzare in compensazione con F24 a norma del Dlgs n. 241/97. Il credito d imposta non è rimborsabile, non rileva ai fini IRAP né ai fini del reddito e neppure per il rapporto di cui agli articoli 96 e 109 del Tuir. I soggetti che effettuano la rottamazione in commento: e NON procedono alla sostituzione del veicolo demolito, oltre al contributo di rottamazione possono beneficiare anche del rimborso dell abbonamento al trasporto pubblico locale per un anno nell ambito del comune di residenza, a condizione che non siano intestatari di veicoli registrati; e procedono all acquisto di un autovettura nuova immatricolata come euro 4 o euro 5, che emette non oltre 140 grammi di CO2 al chilometro, oltre al contributo di rottamazione possono beneficiare anche di un contributo di 800 euro sul nuovo acquisto, nonché dell esenzione per 2 annualità dal pagamento delle tasse automobilistiche. La predetta esenzione spetta per 3 annualità se il veicolo acquistato ha una cilindrata inferiore a cc.. Questo limite di cilindrata non si applica ai veicoli acquistati da persone fisiche il cui nucleo familiare, comprovato da idoneo stato di famiglia, è formato da almeno 6 componenti i quali non risultino intestatari di altra autovettura o autoveicolo. Il contributo è anticipato all acquirente dal venditore il quale viene poi rimborsato dal costruttore o importatore del veicolo nuovo che, a sua volta, potrà recuperarlo quale credito d imposta in compensazione con F24. Il credito d imposta non è rimborsabile, non rileva ai fini IRAP né ai fini del reddito e neppure per il rapporto di cui agli articoli 96 e 109 del Tuir. Il contributo non spetta per gli acquisti dei veicoli alla cui produzione o al cui scambio è diretta l attività dell impresa. Le agevolazioni in commento spettano nel rispetto della regola degli aiuti de minimis (se il beneficiario è un impresa) e competono per i veicoli nuovi acquistati e risultanti da contratto stipulato tra venditore e acquirente, a decorrere dal 3 ottobre 2006 e fino al 31 dicembre In tal modo vengono anche recuperati gli effetti di un analoga agevolazione prevista dal D.L. n. 262/06, poi non confermata in sede di conversione in legge. Infine, i predetti veicoli non possono essere immatricolati oltre il 31 marzo Demolizione di autocarri immatricolati come euro 0 o euro 1 e loro sostituzione con autocarri nuovi euro 4 o euro 5 Acquisto di autovetture o di autocarri nuovi, alimentati anche o esclusivamente a gas metano, a GPL, a energia elettrica o a idrogeno Per incentivare il rinnovo del parco autocarri circolante, ai soggetti che demoliscono un vecchio autocarro immatricolato come euro 0 o euro 1 e acquistano un nuovo autocarro (di cui all art. 54, comma 1, lettera d, del Codice della strada) immatricolato come euro 4 o euro 5, di peso complessivo non superiore a 3,5 tonnellate, è concesso un contributo di euro per ogni veicolo. L automezzo da demolire deve risultare immatricolato come autocarro euro 0 o euro 1 fin dalla prima immatricolazione da parte del costruttore, e deve essere di peso complessivo non superiore a 3,5 tonnellate. Il contributo è anticipato all acquirente dal venditore il quale viene poi rimborsato dal costruttore o importatore del veicolo nuovo che, a sua volta, potrà recuperarlo quale credito d imposta in compensazione con F24. Il credito d imposta non è rimborsabile, non rileva ai fini IRAP né ai fini del reddito e neppure per il rapporto di cui agli articoli 96 e 109 del Tuir. Il contributo non spetta per gli acquisti dei veicoli alla cui produzione o al cui scambio è diretta l attività dell impresa. Le agevolazioni in commento spettano nel rispetto della regola degli aiuti de minimis (se il beneficiario è un impresa) e competono per i veicoli nuovi acquistati e risultanti da contratto stipulato tra venditore e acquirente, a decorrere dal 3 ottobre 2006 e fino al 31 dicembre In tal modo vengono anche recuperati gli effetti di un analoga agevolazione prevista dal D.L. n. 262/06, poi non confermata in sede di conversione in legge. Infine, i predetti veicoli non possono essere immatricolati oltre il 31 marzo Per l acquisto di autovetture e di autocarri di cui all art. 54, comma 1, lettera d, del Codice della strada, nuovi ed omologati dal costruttore per la circolazione mediante alimentazione, esclusiva o doppia, a gas metano, a GPL, ad energia elettrica ovvero ad idrogeno, è concesso un contributo di euro, elevato a euro qualora il veicolo acquistato abbia emissioni di CO2 inferiori a 120 grammi per chilometro. Il contributo è anticipato all acquirente dal venditore il quale viene poi rimborsato dal costruttore o importatore del veicolo nuovo che, a sua volta, potrà recuperarlo quale credito d imposta in compensazione con F24. Il credito d imposta non è rimborsabile, non rileva ai fini IRAP né ai fini del reddito e neppure per il rapporto di cui agli articoli 96 e 109 del Tuir. Il contributo non spetta per gli acquisti dei veicoli alla cui produzione o al cui scambio è diretta l attività dell impresa.

6 6 Incentivi auto segue... Installazioni di impianti a GPL e gas metano su autoveicoli euro 0 o euro 1 Questa agevolazione è cumulabile, ricorrendone le condizioni, con quelle previste dai commi 225 e 226. Pertanto, ad esempio, in caso di rottamazione di un autocarro euro 0 o euro 1 e acquisto di un nuovo autocarro euro 4 o euro 5 alimentato anche od esclusivamente a metano o GPL, spetta un contributo complessivo di euro ( ), ovvero di euro qualora il nuovo veicolo abbia emissioni di CO2 inferiori a 120 grammi per chilometro. Anche le agevolazioni in commento spettano nel rispetto della regola degli aiuti de minimis (se il beneficiario è un impresa) e competono per i veicoli nuovi acquistati e risultanti da contratto stipulato tra venditore e acquirente, a decorrere dal 3 ottobre 2006 e fino al 31 dicembre In tal modo vengono anche recuperati gli effetti di un analoga agevolazione prevista dal D.L. n. 262/06, poi non confermata in sede di conversione in legge. Infine, i predetti veicoli non possono essere immatricolati oltre il 31 marzo Viene stanziata la spesa di 50 milioni di euro per ciascuno degli anni 2007, 2008 e 2009, finalizzata ad incentivare l installazione di impianti a GPL o metano su autoveicoli immatricolati come euro 0 o euro 1. Tuttavia, il rinvio operato all art. 1, comma 2, terzo periodo, del D.L. n. 324/97, porterebbe a ritenere che l agevolazione spetti per l installazione di impianti di alimentazione a metano o a GPL effettuata entro i tre anni successivi alla data di immatricolazione dell autoveicolo. Sul punto sono necessari chiarimenti. Incentivi moto Acquisto di motocicli euro 3 e demolizione di motocicli euro 0 A decorrere dal 1 dicembre 2006 e fino al 31 dicembre 2007, in caso di acquisto di un motociclo nuovo di categoria euro 3 con contestuale demolizione di un motociclo euro 0, è concessa l esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche per 5 annualità. Inoltre, il costo di rottamazione del motociclo vecchio è a carico dello Stato, nei limiti di 80 euro per ciascun motociclo, ed è anticipato all acquirente dal venditore che recupera detto importo quale credito d imposta da utilizzare in compensazione con F24. Il credito d imposta non è rimborsabile, non rileva ai fini IRAP né ai fini del reddito e neppure per il rapporto di cui agli articoli 96 e 109 del Tuir. Anche le agevolazioni in commento spettano nel rispetto della regola degli aiuti de minimis (se il beneficiario è un impresa). I motocicli nuovi non possono essere immatricolati oltre il 31 marzo Acquisto computer Detrazione delle spese sostenute dagli insegnanti per l acquisto di un computer Viene prevista la detraibilità ai fini IRPEF del 19% delle spese sostenute per l acquisto di un personal computer da parte degli insegnanti, per un importo massimo di spesa di euro. La detrazione spetta ai docenti delle scuole pubbliche di ogni ordine e grado, anche non di ruolo con incarico annuale, e al personale docente presso le università statali, per l acquisto di un solo PC nuovo di fabbrica, per le spese documentate sostenute ed effettivamente rimaste a loro carico. Per le modalità di attuazione occorre uno specifico decreto. IRAP Disposizioni in materia di IRAP (Cuneo fiscale) Rimane sostanzialmente confermata l impostazione già prevista nel disegno di legge con la quale vengono previste nuove deduzioni Irap che si affiancano a quelle già in vigore e che rimangono immutate. Le deduzioni previste sono, complessivamente, le seguenti: 1) i contributi per le assicurazioni obbligatorie contro gli infortuni sul lavoro; 2) per tutti i soggetti passivi, ad eccezione delle Amministrazioni pubbliche, banche ed altri enti finanziari, imprese di assicurazione e quelle operanti in concessione e a tariffa nei settori dell energia, dell acqua, dei trasporti, delle infrastrutture, delle poste e telecomunicazioni, raccolta e depurazione delle acque di scarico e della raccolta e smaltimento rifiuti, un importo di euro su base annua, per ogni lavoratore dipendente a tempo indeterminato impiegato nel periodo d imposta. La deduzione in oggetto si configura quale aiuto di Stato ed è subordinata all autorizzazione della CE;

7 IRAP segue... 3) per gli stessi soggetti di cui al punto precedente, un importo fino a euro su base annua per ogni lavoratore a tempo indeterminato impiegato nel periodo d imposta nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia; questa deduzione è alternativa a quella di cui al punto precedente e può essere fruita nei limiti della regola de minimis; 4) per gli stessi soggetti di cui al punto 1) i contributi assistenziali e previdenziali relativi ai lavoratori dipendenti a tempo indeterminato. La deduzione in oggetto si configura quale aiuto di Stato ed è subordinata all autorizzazione della CE; 5) le spese relative agli apprendisti, disabili e CFL, personale addetto a ricerca e sviluppo; 6) la deduzione decrescente commisurata alla base imponibile non eccedente euro ,91; 7) la deduzione di euro su base annua per ogni lavoratore con un massimo di cinque per i soggetti di cui al punto 1) con componenti positivi del valore della produzione non superiore a euro; 8) la deduzione per incremento occupazionale, con un massimo di euro, quintuplicata e triplicata nelle aree depresse; 9) in alternativa alle deduzioni previste al punto precedente per le aree depresse, una deduzione moltiplicata per sette o per cinque in caso di assunzione di donne rientranti nella definizione di lavoratore svantaggiato. In tal caso occorrerà fruire della maggiorazione nei limiti di intensità di aiuto della normativa comunitaria. 7 Limiti di fruizione delle deduzioni Per ogni dipendente, l importo delle deduzioni previste ai precedenti punti 1), 2), 3), 4), 5), 7) e la deduzione base per incremento occupazionale non può superare il limite massimo rappresentato dalle retribuzioni e altri oneri e spese. Inoltre, le deduzioni relative a: euro, elevate a per le aree depresse; i contributi previdenziali e assistenziali sono alternative a: spese per apprendisti, disabili, CFL, personale addetto a ricerca e sviluppo; euro per dipendente con un massimo di cinque; le deduzioni base per incremento occupazionale e quelle maggiorate nelle aree depresse. Decorrenza La deduzione di cui al punto 3) spetta nella misura del 50% a decorrere dal mese di febbraio 2007 e per l intera misura dal mese di luglio, con conseguente ragguaglio ad anno. Acconti Viene consentito che per la determinazione dell acconto relativo al periodo d imposta in corso al 1 febbraio 2007 (anno 2007 per i soggetti con periodo d imposta coincidente con l anno solare) può essere assunta, come imposta del periodo precedente (2006) quella ricalcolata sulla base delle nuove deduzioni, tenendo conto del differimento e della limitazione della deduzione di cui al punto 3). Per il periodo d imposta successivo a quello in corso al 1 febbraio 2007 (anno 2008 per i soggetti con periodo d imposta coincidente con l anno solare) può essere assunta, come imposta del periodo precedente (2007) quella ricalcolata sulla base delle nuove deduzioni assumendo quella di cui al punto 3) in misura intera e per tutto il periodo d imposta. Aliquota Irap in agricoltura Per il periodo d imposta in corso al 1 gennaio 2007 l aliquota è stabilita nella misura del 3.75%. Aggregazioni aziendali Agevolazioni in materia di aggregazioni aziendali (Fusioni, Scissioni, Conferimenti) La norma intende incentivare esclusivamente le aggregazioni aziendali tra terzi, non legati tra loro da alcun vincolo partecipativo, attraverso il riconoscimento fiscale dei maggiori valori iscritti a titolo di avviamento ovvero di beni strumentali materiali e/o immateriali, fino a concorrenza di un massimo complessivo di 5 milioni di euro, per effetto della imputazione in bilancio del disavanzo da concambio risultante da operazioni di fusione e scissione effettuate nel biennio Il soggetto risultante dall operazione di fusione o di scissione deve essere necessariamente un soggetto previsto dall art. 73 c.1 lett. a) (S.p.a.; S.a.a.; S.r.l.; soc.coop.; soc. mutua assicurazione), pena la non spettanza del beneficio. Il beneficio viene esteso, alle medesime condizioni, anche ai maggiori valori (a titolo di avviamento e/o beni strumentali materiali e/ immateriali) iscritti dal conferitario a seguito di operazioni di conferimenti neutrali ai sensi dell art. 176 Tuir.

8 8 Aggregazioni aziendali segue... Condizioni per il riconoscimento dell agevolazione L agevolazione spetta alla condizione che: all operazione di aggregazione partecipino solo imprese operative da almeno due anni; le imprese che partecipano alla operazione di fusione, scissione o conferimento non appartengano al medesimo gruppo societario. Sono in ogni caso esclusi i soggetti legati tra loro da un rapporto di partecipazione (anche minimo) ed i soggetti controllati, anche indirettamente, da uno stesso soggetto ai sensi dell art Cod. Civ. (Controllo di fatto e di diritto). Tali condizioni devono esistere non solo al momento dell operazione, ma ininterrottamente nei due anni precedenti. L agevolazione è subordinata alla presentazione all Agenzia delle entrate di una apposita istanza preventiva. Per l accertamento, le sanzioni ed il contenzioso si applicano le disposizioni previste per le imposte sui redditi. Decadenza dall agevolazione Decade dall agevolazione la società risultante dall operazione di aggregazione aziendale che nei primi quattro periodi d imposta dalla effettuazione dell operazione pone in essere ulteriori operazioni straordinarie di trasformazione, fusione, scissione, conferimenti e scambi di partecipazioni anche con soggetti non residenti ovvero che cede i beni iscritti o rivalutati in conseguenza dell agevolazione. Il recupero delle maggiori imposte Ires/Irap dovute per gli esercizi precedenti a seguito della decadenza dell agevolazione vanno liquidate e versate, senza applicazione di sanzioni e di interessi, nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d imposta in cui si verifica la decadenza dal beneficio. Per il mantenimento dell agevolazione viene, comunque, prevista la possibilità di presentare apposita istanza di interpello ai sensi del comma del comma 8 dell art. 37 bis del DPR 600/73 (Disposizioni antielusive). Frigoriferi Detrazione per sostituzione di frigoriferi, congelatori e loro combinazioni Per la sostituzione dei frigoriferi, congelatori e loro combinazioni con apparecchi analoghi di classe energetica non inferiore ad A+ è prevista una detrazione dall imposta lorda, in un unica rata, pari al 20% degli importi rimasti a carico del contribuente. Il valore massimo della detrazione è pari a 200 per ciascun apparecchio. Beneficiari della detrazione sono tutti i contribuenti, persone fisiche e non, anche in esercizio di impresa, qualora la spesa, opportunamente documentata, sia sostenuta entro il 31 dicembre Efficienza energetica Deduzione dal reddito di impresa per interventi di efficienza energetica TV digitale Detrazione per acquisto di apparecchio TV digitale Ai soggetti che esercitano attività di impresa sia in forma individuale che in forma societaria, nel settore del commercio, spetta una ulteriore deduzione dal reddito di impresa nella misura del 36% dei costi sostenuti per interventi di efficienza energetica nel campo dell illuminazione eseguiti nei due periodi di imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre 2006, e cioè nel 2007 e 2008 in caso di periodo di imposta coincidente con l anno solare. Nella determinazione dell acconto dovuto ai fini delle imposte sul reddito per il secondo e terzo periodo di imposta successivo a quello in corso al 31/12/2006, si assume quale imposta del periodo precedente quella che si sarebbe determinata in assenza della citata deduzione. Alle persone fisiche che acquistino entro il 31/12/2007 un apparecchio televisivo dotato di sintonizzatore digitale integrato, spetta una detrazione dall imposta lorda pari al 20% delle spese sostenute, nel limite di 1.000, e rimaste effettivamente a loro carico, a condizione che dimostrino di essere in regola con il pagamento del canone di abbonamento TV per l anno L acconto dovuto ai fini delle imposte sul reddito per il periodo di imposta 2008 deve essere determinato con riferimento all imposta del periodo precedente ricalcolata senza tenere conto della

9 TV digitale segue... Motori potenza elettrica e inverter Detrazione per acquisto, installazione di motori ad elevata efficienza di potenza elettrica e inverter Nuovi edifici Obbligo di installazione di pannelli fotovoltaici presente detrazione. La fruizione dell agevolazione è subordinata all emanazione di apposito decreto del Ministro delle comunicazioni che, di concerto con il Ministro dell economia e dello sviluppo, definisca: le caratteristiche tecniche degli apparecchi TV le modalità di applicazione delle disposizioni agevolative in commento. Il termine per l adozione del provvedimento è fissato nel giorno 28 febbraio Ai contribuenti che, entro il 31 dicembre 2007, sostengano spese, opportunamente documentate, per l acquisto ed installazione di motori ad elevata efficienza di potenza elettrica, compresa tra 5 e 90 kw, nonché per la sostituzione di motori esistenti con motori ad elevata efficienza di potenza elettrica, compresa tra 5 e 90 kw, spetta una detrazione dall imposta lorda, in un unica rata, nella misura del 20% degli importi rimasti a carico. Il valore della detrazione non potrà superare in ogni caso per ciascun motore. Analoga detrazione spetta ai contribuenti in riferimento alle spese sostenute entro il 31 dicembre 2007, ed opportunamente documentate, per l acquisto e l installazione di variatori di velocità (inverter) su impianti con potenza elettrica compresa tra 7,5 e 90 kw. Il valore massimo della detrazione è di per intervento. Entro il 28 febbraio 2007 apposito decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze dovrà definire: le caratteristiche tecniche dei motori ad elevata efficienza e dei variatori di velocità (inverter); i tetti di spesa massima in funzione della potenza dei motori e dei variatori di velocità; le modalità di applicazione delle disposizioni agevolative; la verifica del rispetto delle disposizioni in materia di ritiro delle apparecchiature sostituite. Nelle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, ai fini del rilascio del permesso di costruire, è stato inserito l obbligo di installazione di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica che garantiscano una produzione non inferiore a 0,2 Kw per ciascuna unità abitativa. 9 Contributo per la costruzione di edifici ad alta efficienza energetica Viene concesso un contributo per la realizzazione di nuovi edifici o nuovi complessi di edifici, di volumetria complessiva superiore a metri cubi, che conseguono un risparmio energetico individuato in apposite tabelle. I lavori devono avere inizio entro il 31 dicembre 2007 e terminare entro i tre anni successivi. Il contributo è pari al 55% dei maggiori costi sostenuti per conseguire il risparmio energetico, incluse le maggiori spese di progettazione. Con apposito decreto saranno fissate le modalità di applicazione dell agevolazione tenuto conto che, a tale scopo, è stato istituito un apposito Fondo. Ricerca Credito d imposta per ricerca industriale e sviluppo precompetitivo A decorrere dal periodo d imposta successivo al quello in corso al e fino alla chiusura del periodo d imposta del periodo d imposta in corso al alle imprese è attribuito un credito d imposta nella misura del 10% dei costi sostenuti per l attività di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo, elevabile al 15% qualora i costi di ricerca e sviluppo siano riferiti a contratti stipulati con università ed enti pubblici di ricerca. Il bonus sarà concesso alle imprese per costi non superiori a 15 milioni di euro L efficacia del credito d imposta è, però, subordinata alla preventiva autorizzazione della Commissione europea. Per maggiori informazioni: Cna Produzione Bologna Claudio Pazzaglia Tel Fax E.mail:

10 10 Finanziaria 2007: la responsabilità solidale negli appalti, le nuove sanzioni e gli obblighi di comunicazione nei rapporti di lavoro La legge finanziaria 2007 contiene numerose disposizioni relative ai rapporti di lavoro, tre le quali meritano particolare attenzione quelle in materia di sanzioni, appalti e comunicazioni attinenti ai rapporti di lavoro. Sanzioni in materia di lavoro Il comma 1177 della legge n. 296/2007 (finanziaria 2007), dispone la modifica degli importi delle sanzioni previste Tipologie delle infrazioni Vecchia sanzione Nuova sanzione (in vigore fino al 31/12/2006) (in vigore dal 1/1/2007) Omessa o irregolare registrazione sui libri matricola Da 25 a 154 Da 125 a 770 e paga* nel caso in cui la violazione interessi più di 5 Da 154 a Da 770 a dipendenti ricorrono le ipotesi aggravate Omessa tenuta e registrazione del registro infortuni Da 516 a Da a Lavoranti a domicilio: omessa istituzione del libro Da 258 a Da a matricola dei lavoranti a domicilio Lavoranti a domicilio: omessa consegna del libretto Da 258 a Da a di controllo al lavorante a domicilio Omessa presentazione del rapporto biennale del Da 103 a 516 Da 515 a personale uomo/donna (per imprese con più di 100 dipendenti) Omessa erogazione dell indennità di malattia o di maternità da parte del datore di lavoro, entro per ciascun lavoratore per ciascun lavoratore i termini previsti Assegno nucleo familiare: in materia di lavoro, legislazione sociale, previdenza e tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, entrate in vigore prima del 1 gennaio L entità del regime sanzionatorio in materia di lavoro e sicurezza e salute nei luoghi di lavoro è divenuto alquanto oneroso; pertanto, è opportuno che i datori di lavoro prendano atto del nuovo regime sanzionatorio e adottino i dovuti comportamenti per evitare dette sanzioni. 1) mancata registrazione sul libro matricola e paga Da 51 a 516 Da 255 a ) omessa corresponsione dell assegno al lavoratore Da 103 a Da 515 a * la sanzione scatta ogni volta che è rilevata un omessa regolarità di compilazione delle buste paga in violazione di disposizioni contrattuali e normative. Di seguito si segnalano due aspetti meritevoli di ulteriori precisazioni rispetto al prospetto sopra riportato: 1) Libri matricola e paga: l omessa istituzione e l omessa esibizione di detti libri è punita con la sanzione da a , non è ammessa la procedura della diffida. In precedenza, tale mancanza era punita con una sanzione generica da 25 a ) Denuncia di infortunio: l infortunio deve essere comunicato all istituto assicuratore e all autorità di pubblica sicurezza entro due giorni dal momento in cui il datore di lavoro ne viene a conoscenza, indipendentemente da ogni valutazione sulla sua indennizzabilità. La sanzione prevista in precedenza andava da 258 a 1.549, mentre la sanzione attuale varia da a Pertanto, per ciò che riguarda gli adempimenti indicati ai due punti precedenti, è opportuno che il datore di lavoro provveda nel rispetto della tempistica prevista ad effettuare tali adempimenti a proprio carico, in considerazione dell entità del nuovo regime sanzionatorio. Nuovi adempimenti per il collocamento ordinario Il comma 1180 dell art. 1 della legge finanziaria 2007 dispone l obbligo di comunicazione preventiva dell instaurazione dei rapporti di lavoro. L obbligo

11 Nelle ipotesi di urgenze connesse ad esigenze produttive, il datore di lavoro ha l obbligo di comunicare entro il giorno antecedente anche in via telematica o documenti aventi data certa, nome e generalità del lavoratore, generalità del datore e data di inizio dell attività; entro i cinque giorni successivi da tale data dovranno essere comunicati i dati mancanti tramite modulisegue... interessa tutti i datori di lavoro privati, compresi quelli dei settori agricolo, dello spettacolo, del lavoro domestico, marittimo e i soggetti ospitanti tirocinanti; sono interessati anche i datori che occupano lavoratori disabili, extracee e le qualifiche dirigenziali. Il nuovo adempimento della comunicazione preventiva di assunzione interessa anche gli agenti e rappresentanti. Sono interessati dalla comunicazione preventiva i rapporti di lavoro subordinato, Co.co.pro., socio lavoratore di cooperativa, associato in partecipazione con apporto lavorativo, tirocini di formazione e di orientamento ed ogni altro tipo di esperienza lavorativa ad essi assimilata. La comunicazione: 1. è da effettuarsi entro le 24:00 del giorno antecedente, anche se domenica, a quello di effettiva instaurazione dei rapporti di lavoro; 2. va presentata al servizio territorialmente competente nel cui ambito territoriale è ubicata la sede di lavoro; 3. deve effettuarsi con documentazione recante data certa di trasmissione (intesa come momento dell invio), quali fax, , raccomandata a/r, ecc ; 4. contiene: i dati anagrafici del lavoratore, la data di assunzione (la data di iscrizione nei libri obbligatori), la data di cessazione nel caso di rapporto a tempo determinato, la tipologia contrattuale, la qualifica professionale e il trattamento economico e normativo applicato. stica ufficiale. In generale, il datore di lavoro è ancora tenuto alla comunicazione della DNA all INAIL, contestualmente all instaurazione del rapporto di lavoro, esclusivamente attraverso strumenti informatici. Oltre all obbligo di comunicazione preventiva dell assunzione, la finanziaria introduce l obbligo di comunicazione della cessazione dei rapporti di lavoro entro i cinque giorni successivi alla cessazione, nei casi di rapporti a tempo indeterminato e nei casi in cui la cessazione sia avvenuta in data diversa da quella comunicata all atto dell assunzione. Le sanzioni amministrative previste dalla legge n.296/2007 al comma 1185, per la violazione degli obblighi di comunicazione variano da euro 100 a 500 per ogni lavoratore interessato. Tale sanzione non è soggetta al beneficio rappresentato dalla riduzione del 50% in caso di adempimento spontaneo entro 5 gg. dall omissione. In tema di comunicazioni inerenti i rapporti di lavoro, la finanziaria introduce l obbligo di comunicare entro 5 giorni le seguenti ipotesi di variazioni: trasformazione da rapporto di tirocinio e di altra esperienza assimilata a rapporto di lavoro subordinato; proroga del termine inizialmente fissato; trasformazione da tempo determinato a tempo indeterminato; trasformazione da tempo parziale a tempo pieno; trasformazione da contratto di apprendistato a contratto a tempo indeterminato; trasformazione da C.F.L. (e inserimento) a contratto a tempo indeterminato; trasferimento del lavoratore; distacco del lavoratore; modifica della ragione sociale del datore di lavoro; trasferimento d azienda o di ramo di essa. 11 La comunicazione di tali ipotesi di variazione del rapporto di lavoro dovrebbe già essere effettuata, ma è attesa l emanazione di un decreto ministeriale, contenente indicazioni circa il modello da utilizzare per effettuare dette comunicazioni e le sanzioni amministrative per l omesso adempimento, quindi che ne renda effettiva l obbligatorietà. Nuove modifiche alle normative sui contratti di appalto e subappalto Alle modifiche intervenute con la legge 248/2006 in materia di responsabilità solidale fra appaltatore e subappaltatore che estendevano il vincolo di solidarietà relativo alle retribuzioni e alle spettanze previdenziali e assicurative, anche alle ritenute fiscali la legge finanziaria 2007 apporta dei cambiamenti all art. 29 del D.lgs. n. 276/03. In particolare: 1. l obbligo solidale relativo alla corresponsione di retribuzioni e contributi ai lavoratori, riguarda non solo il committente e l appaltatore ma anche eventuali subappaltatori; 2. l obbligo solidale si estende fino a due anni dalla cessazione dell appalto e non più al solo primo anno successivo; 3. la solidarietà si estende anche per i danni per i quali il lavoratore, dipendente dell appaltatore o del subappaltatore, non risulti indennizzato dall INAIL.

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento gennaio 2014 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento ottobre 2013 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli