Speciale Faib 2008 LA FAIB IN FIERA ECCESSIVA PRESSIONE FISCALE PESA SU QUALITÀ E OCCUPAZIONE. di Martino Landi Presidente Faib

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Speciale Faib 2008 LA FAIB IN FIERA ECCESSIVA PRESSIONE FISCALE PESA SU QUALITÀ E OCCUPAZIONE. di Martino Landi Presidente Faib"

Transcript

1 11 APRILE 2008 n 02 Quindicinale - Anno 14 Euro 0,52 Speciale Faib 2008 ECCESSIVA PRESSIONE FISCALE PESA SU QUALITÀ E OCCUPAZIONE di Martino Landi Presidente Faib Non è un argomento da campagna elettorale e per questo difficilmente rientra nei dibattiti televisivi e nelle interviste sulla carta stampata nazionale. Ma riguarda decine di migliaia di imprenditori e di famiglie. Riguarda migliaia di imprese che anno dopo anno chiudono i battenti perchè non più capaci di sostenere il calo dei consumi e l aumento della criminalità, dovendo scegliere tra gettare la spugna e continuare a rischiare la vita per mettere insieme un mensile sempre più esiguo. SEGUE A PAGINA 3 LA FAIB IN FIERA La Faib è partner della manifestazione Oil &non Oil anche per questa edizione a pag. 7 MODENA FIERE APRILE 2008

2 AUSPICI DI BUON GOVERNO: COLMARE LO STACCO ITALIA di Gaetano Pergamo, direttore Faib Questo mese si vota. Ancora una volta per l interruzione anticipata della legislatura e per l incapacità della classe politica italiana di trovare un equilibrio e una maggioranza di governo. Registriamo, dunque, l ennesimo flop e l allargamento del divario, o dello stacco Italia, in materia istituzionale, rispetto al resto d Europa. Lo stacco Italia, generalmente, nella letteratura corrente, è quello rimproverato, in materia di prezzi alla pompa, alla filiera petrolifera italiana rispetto alla media europea. Una materia su cui si esercitano in tanti, dalla destra alla sinistra passando per il centro, tutti desiderosi di colmare lo stacco Italia, immemori del disastroso stacco che essi hanno concretamente realizzato con l Europa, in materia istituzionale, economica, ambientale e sociale. Questo non perché si vuole difendere lo status quo. Il sistema della distribuzione carburanti e della filiera petrolifera italiana, lo diciamo da tempo, è indubbio che richieda una vasta rivisitazione, una forte capacità riformatrice, ma per fare questo occorrono interlocutori credibili. Vogliamo formulare l auspicio che la futura maggioranza e il nuovo governo che verrà, prima di iniziare prediche, innanzitutto, presenti un profilo di credibilità verso il paese e il mondo economico, del lavoro e delle imprese. A cominciare dalla squadra di governo. Il numero di ministri, vice ministri e sottosegretari, è stato scandalosamente oltre ogni immaginazione, 10 volte superiore a quello di altri paesi europei, uno stacco Italia clamoroso, pesante in termini di governo, di immagine, di spesa. Con il relativo codazzo di assistenti, galoppini, segretarie, che fanno si che gli aerei di Stato volino 37 ore al giorno, che le auto blu e i lampeggianti aumentino a dismisura, arrivando a quota, pare, 40 mila, che i finanziamenti pubblici siano in costante ascesa, che i rimborsi elettorali, contrariamente alle legislature, non si interrompano, finendo con il sommarsi. E mentre si discute, da anni, in maniera seriosa e preoccupata, dello stato sociale del Paese, delle compatibilità del bilancio e si decide di prevedere scalini e scaloni, dopo aver varato le baby pensioni, per consentire al sistema pensionistico di funzionare, si conserva una bella norma per permettere a se stessi di usufruire del diritto alla pensione dopo solo due anni e mezzo di legislatura, mentre agli italiani si indica la bella prospettiva di andare a riposo dopo almeno 40 anni di lavoro. Si sa, ci vuole rigore, altrimenti lo stacco Italia come si colma. Se il vertice istituzionale dà questo esempio di probità, allora si comprende perché, come è stato documentato, in giro vi siano Governatori di Regioni che, per rappresentanza, spendano più del Presidente della Repubblica tedesca. Come una Regione sommersa dai rifiuti giunga a spendere oltre 2 milioni solo per la gestione del proprio parco auto. Come vi siano Sindaci che si auto-compensano, Province che anziché essere abolite aumentano, comunità montane che nascono anche al livello del mare, e allora si comprende il fiorire di tanti partiti e partitini. Uno stacco Italia incolmabile, di cui la politica non parla. Vogliamo raccomandare al futuro governo, prima di esternare e metter mano a provvedimenti di legge, di riflettere sullo stacco Italia vero, sul peso insopportabile che esso esercita sulla vita economica degli italiani, sul loro reddito, sul potere d acquisto dei cittadini consumatori, spremuti e tartassati da un fisco sempre più vorace dal familismo della politica. C è molto da lavorare, dunque, per ridurre lo stacco Italia, prima di arrivare a parlare di liberalizzazioni e mercato, di concorrenza e globalizzazione. Questi sono temi seri che richiedono credibilità, non al singolo Ministro ma al Governo e alle Istituzioni tutte. Il momento attuale, caratterizzato dal caro vita e dal depauperamento del potere d acquisto degli italiani, dal rincaro sui mercati internazionali del greggio e delle materie prime alimentari, richiede una capacità di governo direttamente proporzionale alla credibilità del futuro parlamento e del nuovo governo, all autorevolezza delle proposte e delle priorità. 2

3 (Segue dalla prima pagina) ECCESSIVA PRESSIONE FISCALE PESA SU QUALITA E OCCUPAZIONE di Martino Landi, Presidente Faib Parlo, ovviamente, della situazione della rete distributiva di carburante, dei problemi e delle necessita che la caratterizzano e che, ritengo, debbano rientrare nei programmi delle forze politiche che si candidano a governare il Paese ed a maggior ragione dell esecutivo che dovra trasformare in fatti tutte le parole che di qui al aprile saranno state dette. Parlo delle difficoltà che si incontrano nella gestione operativa delle nostre attività commerciali di fronte ad uno scenario mutato anche in funzione dei provvedimenti già avviati dal precedente governo in fatto di liberalizzazioni e normative europee. Lo scenario e quello di una contrazione dei consumi ormai troppo pesante, aggravata dall aumento esponenziale del prezzo del carburante che costringe le famiglie italiane a ridurre al minimo l uso dell auto: considerato che il margine di ricarico e legato alla quantità di prodotto venduto con un margine fisso, si evince che più alto è il costo, più bassa è la remunerazione del gestore. Per questo, la diminuzione dei volumi di vendita crea una situazione di grave sofferenza nei bilanci delle gestioni che può essere attenuata soltanto attraverso una riorganizzazione di tutto il settore. Ai gestori, infatti, non potendo al momento ottimizzare l acquisto della materia prima alle migliori condizioni di mercato, non resta che tagliare le risorse umane e ridurre il piu possibile i costi amministrativi. E mentre nel primo caso si puo intervenire, anche se con inevitabili ricadute negative sulla qualità del servizio offerto e sui livelli occupazionali, come possiamo agire sui costi di gestione quando registriamo aumenti a due cifre su tutte le voci presenti nel bilancio? Penso, ad esempio, dell energia elettrica, degli aumenti superiori al 200% sulla tassa dei rifiuti solidi urbani, calcolata non più in base alla quantità del rifiuto prodotto ma alla superficie della stazione di servizio, penso alla tassa per l iscrizione al registro ditte della Camera di Commercio, calcolata in base al volume di affari e non più quota fissa, penso agli obblighi derivanti dalla normativa sulla metrologia che ci vede incrementato il costo di questo servizio anche del 400%. Per non considerare l onere che dobbiamo sopportare per la riscossione del carburante con carte di credito che ci vede aumentare le commissioni bancarie fino ad incidere per oltre il 20% sul margine lordo. Non possiamo più tollerare che lo Stato continui ad imporre balzelli ed imposte di questa entità contribuendo a mettere ancora più in crisi il mondo produttivo. Tutti i giorni siamo chiamati ad obbedire a nuovi adempimenti in materia di sicurezza e di tutela ambientale (gestione dei rifiuti speciali, inquinamento, sicurezza sul posto di lavoro, certificazione antiesplosione) ed oltre a questo dobbiamo garantire e tutelare la nostra sicurezza e quella dei clienti attraverso l istallazione di sistemi di videosorveglianza che scoraggiano i sempre più diffusi attacchi della criminalità a cui siamo sempre più esposti. La rete distributiva italiana risulta essere la meno competitiva rispetto ai Paesi europei, sicuramente non per colpa dei gestori ma grazie a coloro che negli anni passati non hanno reinvestito i guadagni d oro realizzati, ed allo stato italiano che non ha favorito l espandersi delle attività non oil per fare della stazione di servizio un vero centro di opportunità, sia per il gestore che per il consumatore, contribuendo cosi a ridurre anche il prezzo finale del carburante aumentando la produttività dei punti vendita. Nonostante tutto questo, crediamo di essere ai primi posti per la professionalità, per la sicurezza ambientale e per il servizio che offriamo ai nostri clienti ed intendiamo mantenere e valorizzare questo primato anche in futuro. Per fare questo, pero, e indispensabile che chi e stato chiamato a governare questo Paese inserisca tra le priorita quella di favorire, per il settore della distribuzione carburanti, tutti i processi in grado di portare ad una maggiore efficienza, a cominciare da quello di liberalizzazione, favorendo cosi maggiore concorrenza e trasparenza senza corsie preferenziali per nessuno, con la consapevolezza di costruire un modello tutto italiano che risponda ai bisogni ed alle esigenze del consumatore. Intervista al Presidente di Faib autostrade ANTONINO LUCCHESI R. Le priorità della nostra categoria su tutto il territorio nazionale sono essenzialmente due: A La salvaguardia dei conti B) La garanzia dei contratti A) Le aziende di gestione autostradali oggi hanno costi sempre crescenti a causa degli innumerevoli servzi che devono offrire all clientela (aperture notturne, pulizia dei piazzali,illuminazione dei piazzali,...) e margini bloccati da anni, margini che non sono stati assolutamente adeguati ai costi. La sopravvivenza dei gestori negli anni passati era anche sostenuta dalle vendite dello shop che oggi sono penalizzate dai forti canoni che si pagano(22-28%) SUL FATTURATO LORDO. Quindi assolutamente prioritario per la categoria è l adeguamento del margine. B) Con le nuove gare autostradali e con le azioni messe in atto dalle compagnie, appare sempre più evidente che nei prossimi anni il panirama delle gestioni cambierà radicalmente, non avremo più il gestore, ma l associato. E prioritario per la nostra categoria trovare soluzioni contrattuali- normative che ci permettano di conservare il contratto di comodato. La via aperta verso il contratto di commissione va verso questa direzione, di fatto il contratto di commissione da noi proposto non modifica il contratto di comodato, ma solo il contratto di fornitura lasciando libera la trattativa tra le parti per la gestione dell area concedendo il prezzo alla compagnia che rimane proprietaria del prodotto. R. La nostra associazione è sempre stata aperta al dialogo con tutte le istituzioni, anche quando aveva da perdere, si è sempre distinta per la capacità di dialogo e di mediazione anche in situazioni difficili. A volte sono mancate le risposte delle istituzioni. Sui temi attuali della liberalizzazione e della innovazione della rete vorremmo costruire insieme,la nostra rete, garantendo ai gestori la sopravvivenza ed ai clienti la diminuzione dei prezzi da tutti auspiucata. Siamo quindi per collaborare con le istituzioni, la ferma opposizione non porta a nulla. Siamo però attenti a contrastare le operazioni vatte in palese violazione delle leggi(vedi impianti gost) R. Una vera politica di innovazione che affronti con coraggio i problemi della razionalizzazione della rete, delle normative contrettuali e della diminuzione dei prezzi (leva fiscale). 3

4 Intervista a SERGIO PROIETTI BARSANTI R. Il governo del territorio in una regione come l Umbria è estremamente delicato in quanto si tratta di una orografia molto sensibile con una popolazione distribuita in maniera omogenea su un area prevalentemente collinare e montuosa. Siamo quindi in presenza di insediamenti di piccoli comuni e medi centri abitati che per forza di cose necessitano di insediamenti imprenditoriali di piccole dimensioni. Ciò vale a maggior ragione per la distribuzione carburanti. Il diritto alla mobilità è uno dei principali aspetti da tutelare in una società moderna e consentire a tutti, quindi, di fare rifornimento vicino casa è uno degli aspetti cui gli amministratori del territorio (Regione, Provincia e Comune) debbono fare maggiormente attenzione. E per questo motivo che siamo molto preoccupati per gli insediamenti operati dalla grande distribuzione a Collestrada perché utilizzando i carburanti come specchietto per attrarre i consumatori, vendendo sotto costo, mette in difficoltà il resto della rete, che andando in sofferenza rischia la chiusura e quindi di lasciare scoperte vaste aree del territorio regionale che potrebbe essere, alla fine, sprovvisto di impianti di distribuzione. Come Faib abbiamo avanzato le nostre proposte per circoscrivere questi episodi e dare indicazioni alla regione per una corretta programmazione territoriale nell interesse dei cittadini consumatori automobilisti R. La Faib alla luce di quanto detto prima ha impostato un confronto con la Regione Umbria teso alla tutela dei servizi territoriali dei cittadini automobilisti e di una categoria importante, come i gestori, da sempre impegnata a garantir con professionalità il diritto alla mobilità. Questo in una logica di ammodernamento ed innovazione. Infatti proponiamo di rinnovare le stazioni di servizio, di prevedere forti aree di non oil, di Interviste ai vice presidenti allargare i servizi disponibili nelle stazioni come l assistenza all auto e all automobilista. In questa logica va anche la nostra richiesta di prevedere sulle nuove aree l obbligatorietà di colonnine erogatrici di carburanti ecocompatibili oltre ovviamente alla previdenza di pannelli fotovoltaici, energie rinnovabili per la gestione delle stazioni. R. Dal nuovo Governo mi aspetto una proposta più sistematica all approccio della distribuzione carburanti che si esca dunque finalmente dalla semplicistica visione che per ridurre il prezzo alla pompa si debba necessariamente ricorrere a nuovi impianti gestiti dalla GD. Credo invece si debba operare per il superamento del doppio mercato rete ed extrarete su cui lucrano i vari soggetti, si debba impedire la discesa alla rete vendita delle compagnie in modo da garantire più articolazione al sistema. Occorre anche pensare a elementi di flessibilità che consentono ai gestori pur nel contratto di comodato, rifornirsi a una quota economicamente sensibile sul libero mercato. Ancora si può lavorare sulla ipotesi della separazione della rete vendita così come avvenuto in altri settori. Si potrebbe per esempio consentire infine ai gestori di operare in sinergia con quella perché più innovativa e lungimirante della grande distribuzione per iniziative di consentimento dei prezzi. Intervista a PIETRO CALERSI R. La ripresa, da subito, delle trattative con tutte le compagnie petrolifere per una rimarginalizzazione degli accordi ormai scaduti, studiando, se possibile, meccanismi tali che ne consentano una tenuta anche per più anni, non dovendo quindi ricorrere, ad una tantum per la copertura del pregresso. Nella nostra regione è sempre più corposo il numero di impianti appartenenti a compagnie petrolifere che non fanno parte della compagine con la quale sottoscriviamo accordi. Da ultimo, ma non certo per importanza, occorre trovare la soluzione per cui i retisti privati siano obbligati al rispetto di quanto previsto dagli accordi sottoscritti con le compagnie a livello nazionale. Parlando d altro va sottolineato il problema della sicurezza, del gestore e dei suoi collaboratori per il quale auspichiamo che gli sforzi di Faib e Confesercenti in merito alla discussione in atto per quanto riguarda un credito d imposta sulle spese inerenti la moneta elettronica, vadano a buon fine. In alternativa si potrebbe riprovare a ripercorrere la strada dell estate del 2003 quando si attuò lo sciopero delle carte di credito. R. La Faib Emilia Romagna, anche tramite la Confesercenti regionale, gode da sempre di un ottimo rapporto con la Regione. Prova ne sia che la legge regionale di settore, datata maggio 2002, ha rappresentato il frutto di un confronto continuo e produttivo. I contatti e gli incontri, anche durante tutto il 2007, anno che ci ha visti impegnati prevalentemente a livello nazionale sul fronte delle cosiddette lenzuolate del Ministro Bersani, non sono mancati. Alcuni interventi al tavolo delle Regioni da parte dell Emilia Romagna sono scaturiti anche da questo confronto. La Regione condivide in larga misura quanto da noi più volte sostenuto rispetto al rischio di moltiplicazione selvaggia degli impianti ma piuttosto vede di buon occhio si la necessità di una implementazione di attività non oil negli attuali impianti. Altro aspetto sul quale si è mostrata particolarmente sensibile è quello riguardante la presenza di pompe di g.p.l. e metano, pur in un quadro di programmazione concordata con le associazioni di riferimento. R. Sarebbe troppo semplice dire meno parole e più fatti. Il rischio vero è quello di non avere, al momento, la certezza di un Governo del quale ne sentiamo un grande bisogno e cioè in grado di decidere. Per quanto ci riguarda più da vicino non siamo contro alle liberalizzazione ma nemmeno a favore di quelle di facciata! Parlando infatti del mercato dei carburanti occorre, da parte di chi governa, più coraggio anche nei confronti dei cosiddetti poteri forti e meno conflitto di interessi. 4

5 Interviste ai vice presidenti Intervista a FRANCO IORIO R. La priorità delle priorità è data dalla grave situazione economica in cui versano le gestioni e quindi sull esigenza di rinnovare subito i contratti economici con l industria petrolifera. Non è solo un problema territoriale, ma di tutta la categoria, anche se nella nostra realtà forse la cosa è più sentita di altre province del Paese. Del resto la Regione Lazio è condizionata dalla presenza della metropoli di Roma che veicola il 75% del volume di affari complessivo. Anche la rete carburanti risente del fattore Roma con i suoi tanti impianti (1030), con una produttività bassa e con una presenza di grandi stazioni autostradali di fatto all interno della viabilità cittadina che intercettano grandi erogati, mentre è da segnalare anche una certa presenza di gestioni dirette. In questo contesto critico a cui ho accennato, pesano i costi che le gestioni sopportano, i quali sono notevolmente aumentati soprattutto in aree territoriali metropolitane (non è un segreto che anche i costi risentono di specificità territoriali: penso ad esempio alle tariffe sui servizi applicate dai grandi comuni rispetto a realtà minori), sia di gestione in senso lato, che per svolgere questa attività: pensiamo, tra l altro, al costo carburante e a quello delle carte, sia bancarie che aziendali. In questo quadro economico sulle singole gestioni incide, inoltre, negativamente il calo dei consumi e una certa concorrenza che inizia a farsi sentire. R. Occorre che si vari una nuova Legge Regionale del Lazio di settore che innovi quella del 2001 ampiamente emendata nel corso degli anni e peggiorata rispetto alla norma adottata in applicazione delle linee guida nazionali. Un impegno assunto con noi dalla attuale Giunta regionale. Un tavolo di lavoro era stato istituito, ma la vertenza nazionale con il Governo sul tema delle liberalizzazioni ne aveva suggerito una pausa dei lavori. Ora, subito dopo le elezioni, occorrerà che il tavolo riprenda il confronto. Recentemente il nostro settore, con tutte le sue rappresentanze, ha approvato un Piano carburanti nel Comune di Roma che pone in stretta connessione la materia urbanistica e quella della distribuzione carburanti. Un esempio di come si possa innovare. Quindi non parole ma fatti. Partiamo da qui per riprendere il ragionamento sospeso. R. Cosa mi aspetto non è detto che coincida con cosa vorrei che il nuovo Governo facesse. Preferisco interpretare la domanda su cosa vorrei che facesse. Cinque cose per me di fondamentalmente importanza per il settore: indirizzi nazionali uniformi di programmazione dello sviluppo della rete distributiva, che dovrebbero scaturire dalla conferenza Stato Regioni; incentivi per la messa in sicurezza di tutti gli impianti di distribuzione carburanti, stabilendo un forte coinvolgimento dei proprietari delle attrezzature; l aggiornamento degli studi di settore affinché siano più in linea con la realtà di mercato, differenziata per territorio e che si è modificata in questi ultimi tempi, presentando notevoli flessibilità negative per le nostre economie; semplificazione degli aspetti fiscali, normativi - ambientali e amministrativi cambiando norme di responsabilità impropriamente affidate in capo ai gestori e che ne fanno un soggetto fiscale da tartassare e sempre inconsapevolmente a rischio sanzione, anche penale; infine, spero vivamente, in una capacità di intervento forte sul taglio dei costi delle carte di pagamento elettroniche per le piccole transazioni destinate al rifornimento carburanti. Un Governo che facesse questo sarebbe un Governo amico della categoria. Intervista a STELLO BOSSA R. In Sicilia i retisti hanno una quota di mercato superiore al 50%. L 80% di essi non rispettano gli accordi nazionali, mi riferisco ai cali, agli accordi economici, al Cipreg, al fondo indennizzi ed essendo una regione povera con l erogato più basso d Italia c è una sofferenza economica di grande rilievo. Un secondo elemento negativo è la sperequazione di prezzo fra retisti e impianti sociali. Per cui la principale priorità è il rispetto degli accordi nazionali e pari opportunità. R. Per quanto concerne i rapporti con la regione, la Faib Sicilia da decenni ha creato un rapporto con le istituzioni regionali di grande collaborazione, ha presentato con tutto il settore una bozza di legge che mira a modernizzare e innovare il settore, purtroppo con la caduta del governo siciliano si è bloccato tutto. Dopo le elezioni immediatamente ci presenteremo al nuovo governo per riaprire la vertenza sospesa. R. Qualunque esso sia mi aspetto particolare attenzione per questa categoria che ha dato tanto. Desiderano liberalizzare questo settore in maniera totale che lo facciano pure, ma che ci mettano in condizioni di essere alla pari con gli altri competitori, perché se non sarà così i gestori siciliani saranno pronti a intraprendere tutte le iniziative possibili: meglio un giorno da leoni che cento da pecora. Auspico che il nuovo governo abbia più sensibilità di quello precedente. 5

6 Interviste ai vice presidenti Intervista a LUIGI LAPORTA R. Nella Regione Calabria, in questi ultimi anni, c è stato un proliferare di impianti, soprattutto privati. Tale situazione sta creando disagio economico e grande preoccupazione fra i gestori i cui impianti sono di proprietà delle compagnie. Nella distribuzione carburanti stanno entrando soggetti particolari che dispongono di ingenti risorse economiche da investire nei vari settori produttivi della regione. La provincia più interessata a questo fenomeno è quella di Reggio Calabria. R. La Faib, già da diversi anni, ha instaurato un rapporto continuo e costruttivo con la Regione Calabria.Il frutto di questa collaborazione ha portato la Regione ad emettere alcuni provvedimenti importanti per la difesa e la crescita della categoria. Fra gli altri ricordiamo la distanza minima di metri per gli impianti gpl e la possibilità di erogare gasolio, con poche formalità, per gli impianti che ne erano sprovvisti. Nel mese di agosto dell anno scorso è stata elaborata un ipotesi di legge regionale, sottoscritta da tutta la filiera (sindacati, unione petrolifera, assopetroli) del settore carburanti. Purtroppo, le note vicende giudiziarie e politiche che hanno coinvolto la Regione, non hanno consentito di portare la proposta in Consiglio regionale per l approvazione. In questa bozza di legge è previsto un nuovo modello di sviluppo della rete distributiva dei carburanti nella Regione Calabria. Si abolisce, inoltre, il contingente numerico e le distanze minime fra gli impianti, così come previsto nel DDL Bersani. R. I gestori chiedono al governo che andrà ad insediarsi dopo il 14 aprile, indipendentemente dal colore politico, che non si creino corsie preferenziali per la GDO. La liberalizzazione esiste dal 1 luglio del In questi anni sono stati molti i soggetti che sono entrati nel mercato dei carburanti, compreso la GDO. Si auspica qualche provvedimento amministrativo che blocchi l attuale sistema che vede i produttori dei prodotti petroliferi scendere direttamente sul mercato della vendita per fare concorrenza sleale al gestore con i colori della stessa compagnia petrolifera. Occorre sdoppiare la rete vendita dalla produzione. Intervista a GIANNO NETTIS R. La priorità della categoria in questo momento è alleviare la pressione economica che la sta stritolando: è fondamentale far crescere i margini di guadagno, adeguandoli ai costi di gestione incrementati nel corso degli anni e acuiti da una diffusa crisi delle vendite. Si deve pure ragionare in termini di dilazioni dei pagamenti della merce, a fronte di rincari del prodotto che si ripercuotono negativamente prima ancora che sul consumatore, sul gestore stesso. Prima ancora però, si deve riprendere il ragionamento iniziato qualche anno fa e malauguratamente interrotto, della razionalizzazione della rete. Si rimettano sul mercato le quote vendite dei punti vendita non a norma, o al di sotto di standard minimi. Operazione da effettuare gradualmente, ragionando con le amministrazioni locali, però solo ed esclusivamente a fronte di ammortizzatori sociali che consentano ai colleghi che fuoriescono dalla distribuzione carburanti, possibilità di reinserimento lavorativo. R. Il lavoro della FAIB territoriale deve essere sviluppato d intesa con le amministrazioni locali, in un ottica di collaborazione reciproca e allo stesso tempo di controllo del rispetto delle norme specifiche che regolano la distribuzione carburanti. Come già espresso, è poi necessario intavolare ragionamenti con gli enti locali per un piano di riassetto dei punti vendita, individuando gli esercizi in difficoltà cronica e dunque fuori mercato ed altri strutturalmente inadeguati agli standard di sicurezza richiesti ed opportuni, e per questo da smantellare in via definitiva. Strategico è anche il dialogare tra i vari soggetti coinvolti nel mercato per attutire l ingresso della grande distribuzione nel mercato territoriale. R.Qualunque sia il colore del nuovo governo, noi vogliamo avere risposte, non essere presi in giro. La professione del gestore di distribuzione carburante deve essere riconosciuta come lavoro usurante. Un vuoto legislativo che deve essere colmato al più presto, davanti ad un impiego che costringe il benzinaio a lavorare nelle più svariate condizioni atmosferiche e soprattutto a strettissimo contatto con materiali tossici e pericolosi. Si faccia pure un ragionamento costruttivo sul prezzo della benzina: la categoria ha accolto positivamente la riduzione delle accise, ma si deve portare avanti una riflessione importante che impedisca speculazioni e immotivati aumenti del prezzo alla pompa del prodotto senza che ce ne sia davvero la necessità. 6

7 LA FAIB IN FIERA La Faib è partner della manifestazione Oil &non Oil anche per questa edizione. È un riconoscimento che vogliamo riaffermare per l importanza di tutto il comparto, per la dedizione e la professionalità degli organizzatori che mettono a disposizione degli operatori una vetrina importante di offerte e opportunità d affari per i gestori.riteniamo importante riconfermare la presenza della Federazione in questa importante rassegna fieristica per il delicato momento che attraversano il paese e la categoria che ha una forte preoccupazione per l andamento della nostra economia, per il rincaro del costo della vita, il declinare del potere d acquisto dei consumatori, la contrazione degli erogati e la riduzione dei margini delle gestioni.in questo quadro di forti incertezze, il gruppo dirigente della Faib ha deciso di dare segnali di apertura al nuovo e alle nuove proposte, ricercando opportunità di crescita per le aziende della distribuzione carburanti e di favorire la rinascita di uno spirito di ottimismo.in questo senso ha promosso l evento fieristico tra i propri iscritti. Vanno in questa direzione l ospitalità concessa alla manifestazione sul proprio sito web, con un banner linkabile e il logo di Oil Non Oil affiancato alla testata di Faib Informa, il bollettino settimanale della Federazione che in queste settimane è stato inviato al numerosissimo indirizzario federale. Gli organizzatori di Oil Non Oil e i dirigenti di Faib hanno dunque concordato alcune importanti modalità di partecipazione alla Fiera Faib è presente alla manifestazione con un proprio stand, svolgerà iniziative di assistenza e consulenza ai gestori nel proprio stand e nell ambito della manifestazione, parteciperà ad eventi e momenti di confronto con il proprio gruppo dirigente. La partnership rientra nel quadro di collaborazione esistente con la manifestazione che rappresenta un importante rassegna espositiva del settore, una vetrina innovativa e di conoscenza per gli operatori del comparto e dunque un momento di confronto e di formazione per i gestori oltre che di incontro con tutti i più importanti attori della filiera della distribuzione carburanti e delle attività connesse e collaterali. PERIODICO D INFORMAZIONE DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CONFESERCENTI Coop. Editor. EDIZIONI COMMERCIO Srl Via Nazionale, ROMA Tel. 06/4725 fax 06/ Direttore Responsabile Patricia Mariangela Vasconi Pelloni Direttore Editoriale Gaetano Pergamo Segreteria Redazione Giovanna Nanna Grafica e Impaginazione Francesco Melone Stampa Tipografia Tomassetti - Roma Iscrizione registro della stampa della Cancelleria del Tribunale di Roma n. 141/95 del 14/3/95 7

8 THOT FAIB :14 Pagina 8

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA Elementi di studio e riflessione sulle forme contrattuali, derivate dalla applicazione della disciplina del c.c., legislativa, normativa

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

L ACQUA A ERICE una storia di mala vita, ma anche una battaglia di civiltà Per maggiori informazioni visita il sito del Comune di Erice: www.comune.erice.tp.it OGGETTO: Attivazione iniziative emergenziali

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Copyright 2006 Meltemi editore srl, Roma

Copyright 2006 Meltemi editore srl, Roma Copyright 2006 Meltemi editore srl, Roma È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata compresa la fotocopia, anche a uso interno o didattico, non autorizzata. Meltemi editore

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli