Comune di Ostuni. Ufficio Stampa RASSEGNA STAMPA. selezione di ritagli-stampa ad uso del destinatario - non riproducibili. giovedì 19 settembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Ostuni. Ufficio Stampa RASSEGNA STAMPA. selezione di ritagli-stampa ad uso del destinatario - non riproducibili. giovedì 19 settembre 2013"

Transcript

1 Comune di Ostuni Ufficio Stampa RASSEGNA STAMPA selezione di ritagli-stampa ad uso del destinatario - non riproducibili giovedì 19 settembre 2013 sommario Ulivi secolari incantano i parlamentari europei (La Gazzetta del Mezzogiorno) Il cantautore ostunese Tonino Zurlo finalista al Premio Tenco (Quotidiano) Il Tocco di un Angelo : Nasce nuova associazione di solidarietà (La Gazzetta del Mezzogiorno) Vigili del Fuoco: Cosimo Camarda nuovo Capo Distaccamento (La Gazzetta del Mezzogiorno) In-Organica : Mostra alla Galleria Orizzonti (La Gazzetta del Mezzogiorno) Sport Basket. Cestistica Ostuni: La ripartenza (La Gazzetta del Mezzogiorno) Sport Calcio. Eccellenza: Francavilla - Ostuni, derby di Coppa Italia (La Gazzetta del Mezzogiorno) Cronaca. Fiamme distruggono auto (La Gazzetta del Mezzogiorno) Cronaca. Notte di incendi e paura (Quotidiano) Cronaca. Omnibus, torna libero il tabaccaio (La Gazzetta del Mezzogiorno) Tribunali da chiudere, referendum in Consiglio Regionale (La Gazzetta del Mezzogiorno) Piano Paesaggistico. Massimo impegno per evitare gli errori (Quotidiano) Piano Paesistico, il sì condizionato (La Repubblica ed. Bari) Regione. Piano rifiuti, via libera in commissione (La Gazzetta del Mezzogiorno) La Puglia che cambia: In bici alla scoperta dei sapori (Quotidiano) a cura di: Natalino Santoro Francesco Pecere

2 OSTUNI A GUIDARLI ron. DE CASTRO Ulivi secolari incantano i parlamentari europei ALDO GUAGUANI ostuni." La Commissione Parlamentare Europea all'agricoltura e sviluppo Turale, ha iniziato daostuni'ii suò'toui't)erlà Puglia~ àccompagriati dal Presidente, On. Paolo De Castro al fine di conoscere da vivo quella che è la realtà produttiva di questi ulivi monumentali che garantiscono anche il paesaggio e biodiversità, tutti valori oggj inseriti all'interno delle nuove politiche comunitarie. Dopo una prima passeggiata tra i maestosi ulivi, gli europarlamentari hanno visitato la masseria Brancati, situata nell'omonima contrada e, accompagnati dal proprietario, Corrado Rodio,:hanno ammirato l'antico frantoio. La-delegazione ha ascoltato le riflessioni su queste piante che dopo millenni, ancorà oggi producono olio di' grançle qualità ma non req.ditizio percb.é i costi di gestione e produzione sono tnoltd_ efovati.rispetto ad un uliveto specializ1.at<j.:~ T1J.~ :S~'.-~G,ì$icòrito come questi agricoltori;-sop:jflttirtto-di questa zona; sono non solo produttori agricoli ma anche manutentori del paesaggio e c~i della-st;oria-.e della cultura del luoghi.,q\iesti fa'!tq~~ devono ~ére tenuti presenti nei nuovi mdirizii <;U;'POlitica agricola comunitaria. IA G.AZZE1TADELMEZZOGIORNO Il presidente De Castro e~ ac-compagnato da europarlamentari tedeschi, greci, spagnoli, irlandesi e belgi che si sono resi conto come questo patrimonio và salvaguardato. Il presidente on. De.Castro ha detto: «Solo il 5% dell'intera superficie europea, è coperta da alberi; il 95% sono pascoli o culture estensive e quindi -è importante ~ire le difficoltà che hanno i -nostri agricoltori-a tenere questi uliveti secolari che hanno costidiproduzionemoltopiùaltideglialtriechenon possono applicare_gli stessi impegni ambientali che nanno altre colture. Già mantenere un uliveto secolare è una pratica che andrebbe protetta. La nostra è una visita culturale e didattica perché la com- 1 missione abbia una consapevolezza della biodiversità dei territori europei». Sugli incentivi, l'on. De Castro ha chiarito: «Il prqssimo anno entra in vigore la nuova politica agricola comune che abbiamo riformato insieme al Parlamento Europeo e grazie a questo, la correzione di rotta è stata evidente. L'Italia riceve 6 miliardi di euro all'anno dall'europa per l'agricoltura cioè 4 miliardi per gli aiuti diretti e 2 miliardi per i pro- --grammi di sviluppo rurale». Il sindaco Tanzarella ha detto: «Oggi ci si può rendere conto che c'è una realtà mediterranea che ha bisogno della collaborazione dell'europa». I

3 Tonino Zurlo tra i finalisti della prestigiosa rassegna musicale: in giuria 200 giornalisti Premio Tenco, sì plaude per la scelta del cantastorie di Sara MACCIIlTELLA Tonino Zurlo, il canta~to.re ostunese, è candidato al premio Tenco il riconoscimento più prestigioso nell'ambito della canzone d'autore in Italia, che giunge quest'anno al traguardo della trentesima edizione. L'opera poetica del "cantastorie" di Ostuni sarà nella rosa dei finalisti autori di album in dialetto. Non è ancora noto il giorno e il luogo della premiazione, ma non passerà molto tem PO dal verdetto della giuria composta da 200 giornalisti (di gran lunga la più ampia e rappresentativa in Italia in campo musicale). Il nome di Tonino Zurlo si affianca ad altri autorevoli cantautori in lizza per le targhe Tenco 2013 sezione "Album dell'anno": Baustelle con l'album "Fantasma", Francesco De Gregari con "Sulla Strada", Niccolò Fabi con "Ecco" e Francesco Guccini con "L'ultima Thule". Nella sua sezione ovvero "Album in dialetto", il nome di Tonino è affiancato a Cesare Basile con l'album "Cesare Basile", al Canzoniere Grecanico-Salentino con "Pizzica indiavolata", a Collettivo Dedalus con "Ammascfi", a Giulia Daici con "Tal cii des acuilis" e a Gatti Mézzi con "Vestiti leggeri". Tra questi l'auspicio di tutti i suoi fans è che sia il suo nome a spiccare. Per Tonino Zurlo, conosciuto a Ostuni come "Trebbisca", è la prima grande occasione da candidato ad un premio nazionale CO sì importanll:. E a questo premio lui c1 tiene tantissimo. l..:' sue opere m~ritano questo traguardo. ::-lono;wntc gli album da lui incisi siano solo ire, tra l'lli I ultimo in gara "L' Ulivo eh~.:anta", la sua opaa cantautorialc scava nelle \'1>ccre non solo dcl passato, ma sopratutto del present.:: piegato dal consumismo, dalla pubblicità, dai telefonini che prendono il posto delle orecchie. La sua opera è lucida e profonda da meritare'un premio di così altro prcstigiu per la pazienza con cui il cantastorie della Città bianca ha saputo continuare a percorrere le sue note: "e je na mme stanghe, e je na mmc stanghe de campa' po' qqua"' (e io non mi stanco e io non mi stanco di vivere qui) canta nella canzone "A dde so' nate". Un premio che Tonino me citerebbe di ricevere per quel suo essere uno dei pochi can- tastorie rimasti e che lo ha visto nel 2004 tra i protagonisti del bellissimo documentario! "Le Storie Cantate-Viaggio tra i Cantastorie di Puglia" in cui il giornalista e critico musicale Nicola Morisco e il regista Daniele Trevisi danno vita ad un viaggio lungo il tacco d'italia con tappe nelle vite di Enzo Del Re, Uccio Aloisi, Cantori di Carpino, Matteo Salvatore e Tonino Zurlo. Intorno a lui un gruppo di preparati musicisti, che con i loro suoni e strumenti esaltano lo stile asciutto, mediterraneo e incisivo di Tonino: l'autore degli arrangiamenti Mauro Semeraro (chitarre, mandolino, bouzouki, tamorra, kerkebab), Nicola Farina (basso e contrabbasso), Vito De Lorenzi (tabla, udu drum e batteria), Antongiulio Galeandro (fisar- Tonino Zurlo manica), Giorgio Distante (tromba), Alessio Anzivino (tuba), Mario Grassi (grancasc sa e rullante-) e Piero Vincenti (pianoforte). "L'ulivo che canta" è un' opera meravigliosà le cui can- Q~2!~~J!ino zoni sono proclami popolari, all'apparenza senza tempo, in realtà molto attuali. Di lui il critico musicale Sandro'PorteJ- I li scrive nel booklet del disco, puhhlicato dall'etichetta otrantina AnimaMundi:,,tJna delle voci più originali e più irriducibilmente radicali di tutta la canzone d'autore italiana. Pian-, tata dentro la sua Puglia sen- I za pizzica e tarlìnta, Tonino Zurlo canta di anime e corpi, di vita e di morte, di santi e di idoli che appartengono a tutti, in un linguaggio musicale che intreccia un'antica voce contadina con le suggestioni del blues, dello swing, persino del gospel, valorizzata negli arrangiamenti essenziali e rispettosi di questo disco>>.

4 Nàsée:,-nuova..... assoc1az1one di solidarietà o.~ e ~ M... o N ~ e:: ;:) = ~ ~ ~ E-e I E-e ~ rj'j O\ '"" ;.. Q [;o;l > Si o -\,!) ~ OSTUNI. Sarà presentata oggi, con inizio alle ore nella Sala consiliare del Palazzo di cit-.. tà, l'associazione ç!i promozione sociale "Il Tocco di un Angelo" là quale, sòtto forma associativa, si propone il fine esclusivo della solidarietà sociale, umana, civile, culturale~ di ricerca etica e a supporto di soggetti- deboli contro la'\. violenza. Interverranno dopo i saluti del sindaco, avv: Domenico 1 Tamàrella, l'avv. Annalia Marse- glia, esperta diritto di famiglia; Vita Palmisano, psicologa; Maria ; Angela Verna, persona! coach; \ Anna Marseglia, natutopata; Ma- \ rinella Saponaro, infermiera pro- 1 fessionale; Valentina Spartano, \ assistente sociale; Roberta Amati, rappresentante di commercio e Francesca Melpignano, studente. L'intento dei soci fondatori è quellodiaiutarelepersoneinfunzione dei loro bisogni e delle loro richieste, e tentare di risolvere i problemi in questo periodo di cd.- si. A.A.

5 IA GAZZETIADELMEZZOGIORNO C t k i tij ~i i IL PROWEDIMENTO RESO NOTO DALrlNG. CARLO FEDERICO, COMANDANTE PROVINCIALE Cosimo Camarda nuovo capo distaccamento Vigili del fuoco Subentra a Luciano Scatolino andato in pensione EMILIO GUAGLIANI O OSTUNl. Nuovo "Capo Distaccamento'' ai Vigili del Fuoco di Ostuni. Con la sua trentennale esperienza n,ekorpo (sia da capo squadì'a: sia da incaricato), è stato nominato Cosimo Camarda,. ostuncse, in ser vizio sin dal 1977, quando fu. chiamato alla leva nei pompieri che avevano la loro sede in via Rossetti. Ieri mattina, alla presr.nzadi tutto il personale che compone le "partenze" che,. I CAPI Camarda e Federico quotidianamente, operano sul territorio di 'ostuni e dell'intera zona nord della provincia abbracciando anche la _ zona collinare di Cisternino, Ceglie, Fasano e Locorotondo, il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Brindìsi, l'ing. Carlo Federico, ha reso noto il provvedimento e ha insediato il nuovo capo distaccamento. Da ieri, dopo il pensionamento del cav. Luciano Scatolino (che ha retto per oltre un decennio il distaccamento ostunese), Camarda prende le redini deda sede diostunl L'ing. Federi cosi è detto molto soddisfatto della scelta fatta, r ha sottolin('ato che: «il nuovo ca po distaccamento, farà da collegamento tra la sede distaccata di Ostuni e la sede centrale di Brindisi e sarà il punto di riferimento dei Vigili del Fuoco per la Città di Ostuni e dell'interland». Emozionato per l'incarico e il riconoscimento av'uto, il neo capo distaccamento, Camarda ha det- TUTELA DEI CITTADINI I vigili del fuoco del Distaccamento.to: «Sono onoratò di aver raggiunto questo traguardo importantè, è dal lontano 1977, che rivesto questa divisa. Oggi con questo nuovo incarico, sono consapevole delle tante difficoltà che incontrerò. Mi impegno, insieme-a tutti i. colleghi di continuare a far sì che si risolvano tutti quei problemi che si prospetteranno sul nostro territorio di competenza>>. Camarda, prima di arrivare a quest'incarico, nel 1994 è passato a diventare capo squadra; otto anni dopo, nel 2007, è stato nominato capo reparto e, infme, da ieri, gli è stata affidata questa mansione. Il nuovo responsabile insieme alla sua squadra composta da: Pietro Canzio, Angelo Macchitella, Pasquale Marzio e Mario Santoro, il mese scorso è stata premiata a Milano per aver essere stata la più meritevole dei Vigili del Fuoco del SUd Italia. La motivazione del premio nazionale dice: «La squadra del distaccamento di Ostuni interveniva tempestivamenteper lo spegnimentodelfuoco che aveva completamente avvolto il portone di legno e parte delle suppellettili provocando fu. mo intenso ed aria irrespirabile. Ciò non ha impedito ai VV.F il salvataggio dei ragazzi di 5, 7 e 14 anni che, in assenza dei genitori, dormivano in casa, ignari di quel- 1 lo che stava accadendo».

6 ... ~~.' ~- - ~..... :-.... _: ~i.;' ; ; IA GAZZETI'ADELMEZZOGIORNO

7 IA GAZZEUA. DR MEZZOGIORNO PALIACANl;STRO.:sERIE e NON È UN LAVORO SEMPLICE MA C'È IN TUTTI LA VOGLIA DI RIEMERGERE Cestistica Ostuni: la ripartenza Dalle ceneri dell'assi è sorta la nuova società della quale hanno cura Morena e Vozza osruni. Mimmo Morena e la giovane formazione della Cestistica Ostuniproseguono la serie di test di avvicinamento al campionato di serie e regionale e oggi disputa un'runichevole a Nardò (DNC). Dopo le prime uscite contro il Basket Fasano (avversaria diretta dell'ostuni); con il Taranto (DNB) e la vittoriosa amichevole al palazzetto ostunese contro il Basket Monopoli (serie p), i ragazzi di coach Beppe Vozza proseguono nella gare di precampionato. «Siamo quasi pronti ad iniziare questa nuova avventura-ha sottolineato l'allenatore ostunese - ci stiamo preparando bene grazie al lavoro del preparatore atletico Angelo Cisterilino. Ad ogniamichevolefacciamo passi avanti. Proceiliamo con tranquillità e ci stiamo preparando per il debutto a Lecce, per la prima di campionato che è sempre una gara.difficile. I leccesi sono una squadra giovane e rispetto alla nostra, certamente sarà subito in forma. Il 29 settembre affronteremo una squadra che corre e dovremo stare attenti Ci sono ancoralo giorni st:ifficienti per prepararci al meglio». Il campionato di C2 è un po' difficile. Coach Vozzaafferma: «Difficile perché mai come quest'anbo, in vlltùdelle varie defezionialivello dì serie Be C, tante squadre 0 hanno chiuso in battenti è molti giocatori di caratura, sonoscestili categoria e ci troveremo ad affrontare squadre di buon livello come quelle del nord barese: le due di Cerignola, Foggia, Sansevero con roster importanti per la categoria con due stranieri tra americani e argentini. Noi abbiamo fatto una scelta di giocatori locali pun-. tando su chi vive nel nostro territorio come Morena, Menzione, Caloia, Caliandro eide Leonardis e sono cohvinto che la squadra che abbiamo fatto, ci darà delle soddisfazioni. Non sarà facile ma sono sicuro che potremo competere per i primi posti». La squadra si prepara con l'intento di riportare entusiasmo nell'ambiente cestistico osti.mese dopo i grandi traguardi toccati dall' Assi Basket. «Noi come primo anno - ha chiarito coach Vozza - abbiamo iniziato quest'avventura con l'intento di rifondare una società, ili non far morire la pallacanestro a Ostuni e siamo ripartiti credo nel migliore dei modi, con gente che ha vo~ di stare qui e che ha creduto in questo progetto. Il nostro obiettivo è certamente entrare nei play-off perché abbiamo una squadra per farlo e poi dobbiamo confrontarci con queste realtà che, sinceramente, allo stato attuale non conosciamo neanche perché sono tutte in via ili completamento dei roster. Sono convinto che faremo bene e se gli appassionati di basket, che nòn sono pochi a Ostuni, crederanno nel nostro progetto e ci sosterranno, potremo andare' avanti- e. bene sino alla fine: Vogliamo ridare credibilità a quest'ambiente». La preparazione continuerà e domenica, al palasport, la Cestistica sarà in campo per il trofeo intitolatoall'expresidente Vito Gentile; una classica d'inizi o stagione e sarà ancora una volta una gara contro il Cus Jonico Taranto degli ex ostunesi Sarli e Valentini. [Al. Gua.]

8 IA GAZZElfA DEL MEZZOGIORNO CALCIO ECCELLENZA OGGI ALLE 18 In Francavilla-Ostuni derby cli Coppa Italia Il Francaviila Calcio 1946 torna in campo quest'oggi (ore 18) per il primo turno cli Coppa Italia, gara cli ritorno, che vedrà i biancazzurri del presidente Tonino Donatiello ospitare l'ostuni. Si parte dal 2-0 in favore del Francaviila Calcio, pldlteggio ottenuto nella gara cli andata disputata nella Città Bianca; nell'occasione andò in rete Danilo Colluto con una bella doppietta personale, sempre su calcio cli punizione. Nei giorni scorsi, a poclié ore dalla chiusura del mercato estivo, la Società biancal.zuita sotto la guida attenta ed esperta del diesse Pino Schiena, ha messo a segno altri tre colpi importanti, al fine cli rinforzare e completare la rosa.. Si tratta di tre centrocampisti: Scarongella ('88) e Masi ('94), entrambi l'anno scorso nell'ostuni, nonchè Dario Vignola, già ex Prato e Barletta in serie C nonché vincitore di due scudetti con la Primavera dell'us Lecce. «I tre nuovi calciatori del FrancaVilla Calcio - si legge in una nota della società -si sono già aggtegati al gruppo a disposizione del tecnico, Pietro Calabrese. In uscita, mvece, non si sono registrati movimenti. La rosa della squadra dovrebbe dunque essere al completo, pertanto adesso sarà utile creare quella unità d'intenti in modo tale da puntare insieme per centrare anticipatamente l'obiettivo stagionale della salvezza». Questa sera, intanto, alle 18 sul sintetico del «Giovanni Paolo II», giunge l'ostuni per il ritorno del primo turno di Coppa Italia. Domenica, invece, impegno in trasferta a Galatina. [Cl. Arg.]

9 (I k i iij ~i i 1L FUOCO È DIVAMPATO IN CONTRADA SANTA CATERINA IA GAZZETIA DEL MEZZOGIORNO' Fiamme distruggono auto. e rischiano di provocare I' esplosìone di tubi del gas OJyer~i gliinteiventi dei Vigili del fuoco nella_ notte OSTU ~J!Diversiincendi di au~o nelia notte [fotogoio] '..,, '... - e ostùilll. Si sono vissuti momenti di tensione luoghi mentre gli agenti del Commissariato, ìn- notte scorsa mentre gli accertamenti sono in corso.. la notte scorsa, verso l'una e IO, ìn via Brandi, in tervenuti sul posto, e successivamente coadiuvati per appurare quali possano essere state le origini i contrada Santa Caterina-zona artigianale (sullà dallapoliziascientificachehaespletatoirilievidi delle fiamme. Per questo, gli investigatori sono provinciale per Carovigno) allorquando l'ìncen- rito, hanno ìniziato le indagini per chiarire l'esat- all'opera.. '- ''""diérdi1irt'autosmart regolaf'niéfité'patcheggiata; ''"tatliliiili1:fca dell'accaduto. ' ' ' - ' ' 'illoltre tirtte le forìé filllyortlirle' scllro attivè m ' ha ìntaccato i tubi del gas del caseggiato. Una nottata di trambusto per tutto il palazzo tuttala "Città Bianca" per avere un' controllo della INCERTE LE CAUSE La Polizia indaga per accertare le cause, degli incendi Per fortuna le visto che l'arrivo dei pompieri, ha portato a sve: città e porre un freno al fenomen() degli incendi condotte hanno re- gliare tutti i residenti per spostare le auto in sosta notturni di auto. sistito al calore e, adiacenti a quelle che erano avvolte dalle fiamme Sempre i Vigili del fuoco del distaccamento di pur essendosi de- mentre. Un denso odore acre ha avvolto l'intera Ostuni, subito dopo, verso le 3 e 30,.sono dovuti formate, non sono area artigianale che a quell'ora della notte era intervenire al centro di Fasano, ìn corso Perrini, esplose mentre le immersa nel sonno. per domare le fiamme di un altro rogo che ha fiamme 'hanno di- Non sono state accertate tracce che possano danneggiato due auto parcheggiate lungo la stra strutto sia la portare a pensare che il rogo sia df natura dolqsa da prìncipale. Smart sia uno ma sono ìn atto le ìndagini., coordinate dal vice Ancheinquestocaso,sonoandatedistrutteuna scooter Vespa par- questore Francesco Angìuli, volte ad appurare se Lancia Libra di proprietà di un operaio fasanese cheggiato in adiacenza, ed hanno ln.taccato anche. effettivamente l'incendio sia accidèntale o abbia ed una Lancia Y intestata anch'essa a un fasanese una Fiat Punto anch'essa parcheggiata regolar- qualchealtranatura. incensurato. L'incendio sarebbe di natura accimente. Da quanto si è potuto apprendere, dall'esame dentale mentre momenti di apprensione si sono Sul posto i Vigili del Fuoco del distaccamento di dell'area, non è stata trovata traccia di alcun in- registrati fra i residenti delle abitazioni adiacenti Ostuni hanno lavorato per oltre un'ora e mezza nesco e quindi ora si verifica il relitto dell'auto. col fuoco che ha annerito una persiana e la facper circoscrivere le fiamme e verificare lo stato dei Poche le notizie sull'accaduto a quell'ora della ciata di un'abitazione.

10 SI INDAGA Paura in via Perrini, nel centro di Fasano, dove l'altra notte due auto sono andate a fuoco. Altri due mezzi e uno scooter sono stati danneggiati dalla fiamme anche ad Ostuni IL MISTERO Due roghi a Fasano e alla periferia di Ostuni Notte diincendi e paura: fuoco a moto e 4 auto O Quattro auto e uno scooter andati a fuoco l'altra notte, e.alj la paura delle persone coinvolte si aggiunge il nùstero sui motivi dei roghi che si sòno avuti a Fasano e Ostuni. In quest'ultima città l'incendio si è avuto poco dopo l'una nella zona industriale, lungo la provinciale per Villanova, dove sono stati danneggiati tre mezzi parcheggiati per la notte dai rispettivi proprietari. Le fiamme sarebbero state appiccate ad tina. Smart e alla moto di O.I., 29 anni, di Qstuni, e dà qui si sono propagate all'utilitaria di un incensurato ostnnese, S.T., che in serata aveva lasciato in sosta la sua Fiat Punto. Sullè cause dell' incendio gli inquirenti non si sbilanciano ma si segue con insistenza la pista del dolo. Paura all'alba di ieri mattina anche in pieno centro a Fasano: due autovetture sono andate a fuoco e le fiamme hanno praticamente distrutto 11! porta di ingresso di un'abitazione e lambito i balconi posti su due piani differenti. Fortunatamente non ci sono state conseguenze per i residenti, ma la paura è stata davvero tanta, anche per il pericolo di esplosione delle tubature del gas metano presenti sulla facciata del palazzo. L'incendio intorno alle 3.40 in via Perrini, all'altezza del civico 171. Due le auto andate a fuoco: una Lancia Lybra e una Lancia Y. Sulle cause, i vigili del fuoco e i carabinieri del Nu- Q uotidiano ~~*-l~~ eleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Fasano non hanno assolutamel).te dubbi: le fiamme si sono s'!_iluppate per un guasto alla L ybra e le stesse si sono poi propagate, come un effetto domino, alla Lancia Y parcheggiata dietro di essa. Entrambe sono andate completamente distrutte. I vigili del fuoco del distaccamento di Ostuni, una volta giunti sul posto, non hanno potuto far altro che spegnere le ultime fiamme, constatando la completa distruzione delle autovetture. La Lancia Lybra era di proprietà di un sergente della Marina Militare, la. Lancia Y invece di un giovanissimo calciatore dell'us Città.di Fasano. Entrambi non hanno problenù né di giµstizia, né di qualsiasi altro genere. È considerata gente davvero perbene e non sicuramente nel mirino di ripicche e ritorsioni. Molta paura anche per l'abitazione al pian terreno: i due mezzi erano parcheggiati.davanti al portone di ingresso di una casa in cui vivono due anziane Fortunatamente, le due donne non erano in casa quella notte, erano ospitate da parenti, altrimenti le conseguenze sarebbero state ben più gravi. La persiana esterna è stata seriamente danneggiata e il fumo acre e nero sviluppatosi nell'incendio ha praticamente annerito tutte le pareti. Grossi problemi anche per i balconi prospicenti, sistemati su due piani differenti. Una volta giunti sul posto, i vigili delc fuoco - mentre spegnevano gli ultinù focolai - hanno fatto sgomberare anche le abitazioni vicine per il serio pericolo che le nibature del gas metano p otessero esplodere. Si è atteso, quindi, la messa in sicurezza dell'impianto e, una volta scartato ogni pericolo, le famiglie hanno potuto fare rien-, tro a casa. La situazione è praticamente tornata alla normalità verso le cinque del mattino. La luce del sole, poi, ha messo in evidenza tutti i danni causati dall'incendio. Sull'episodio, comunque, 'i carabinieri stanno cercando di fare chiarezza, anche se sembra scontata l'origine non dolosa

11 [I ti iij ~i i ERA STATO ARRESTATO Al TERMINE DI UN'OPERAZIONE CONDOTIA DAGLI UOMINI DEL LOCALE COMMISSARIATO «Omnibus», torna libero il tabaccaio Franèesco Rendina lascia i_ domiciliari essendo venuti meno i motivi di cautela processuale PIER1l ARGEl'lTIERO Ìoime, Rendina e Sapo~ rispondono È tornato m libertà France- di associazione per de- linquerefinalizzataacomrnettere ~cti Rendina. ostuncsc, tit0!arf' di i reati prima elencai i. I Valenwc i un tah~cchmo. llnito agli arrc>sli due mpoleta,ni di r~ntal1 r<.111ina. domh:ùariad ag.i:;ro, nell'ambito Alla Lrgesi, che fa la badante, oldell'operazione <Omnibus>: un- tre ai primi di tre episodi di usura, dici persone arrestate, parte in in concorso con i Valente, Reri - carcere e parte ai domiciliari per_. -~a. Monaco, pochi giorni dopo reati contestati a vario titolo. e, i;arresto furono contestati altri Cioé associazione per delinquere: tre casi -di usura e trasferita dai (fj!1aliaata all'usura. allo spaccio 1Jumiciliari in t'arcerc anche perdi hanconotr fobe, alla rtc~nazio- ché' a1 eva tentato di far ntrattarc ur e l'endita J1 capi di abbiglia- un teste paneoftesa. Titolarcdclmemo run le griffe contraffane i. l inchiesta è il sostituto pro;uraspaccio di sostan7.e srupef;mmti, 7ill'ti. tentativi di f.stors10ne. Hcn cima è accusato di av.cr f;ittu part<' nell'associazione per defuiquere. I Il giudice per le indagini preti- minari Valerio Fracassi liii accol- to la richiesta dei dilerisori, av vocati Massimo Manfrèd;i'e Francesco Sozzi e, venuti méno i motivi di cautela prooessuale, Ren- dina è tornato in libertà. <<Omnibus>), un'operazione scaturita dalle indagini dei poliziotti del Commissariato di Ostuni diretto dal vice questore Francesco An- giuli. che hanno fanti.emcrgi,-ru, partendo da furti commcs;ì a par. tire dal 2009 soprattutto nella zona industriale osttmese, un gruppo di ostunesi e napoletani che ne avrebbero fatte proprio tante: dai furti alle rapine (tentata rapina a Pomigliano d Arro1. all'usura, allo spaccio di ùanconote false, allo spacci0 ili hashish C: rocaina, alla ricettazione di capi di abbigliamento con i marchi contra.ù'atti, alla vendita degli stessi, allp tentate estorsioni I coinvolti sono i fratelli.\ la reo e Cosimo Valente. il figlio di quest ultimo, Domenico, carrozzieri ostunes~ Teresa Monaco, moglie di Marco; Angelina Urgesi, cognata di Teresa; Fabio Saponaro; Saverio Palma, e Giovanni Ciccarone(quest'ultimo, difeso dagli avvocati Aldo e Mario Guagliani, fu scarcerato p0ehi giornidopo,avendochiaritolaposizione di indagato per due tentate c;torsioni. una delle quali non era tale), tutti osruncsi, ed i napoletani Rosa Ioime e Rosario Ercolano. I Valente, la Monaco, la ton~ Iolanda Danida Chimil:nù. OPERAZIONE «OMNIBUS» Accanto, il gip Valerio Fracassi e, più a destra, Francesco Rendina IA GAZZF1TADELMEZZOGIORNO

12 IA GAZZETfADRMEZZOGIORNO REGIONE LA DELIBERA PASSERÀ AL VOTO DELrAULA IL 24. CONTINUANO LE PROTESTE DAL SALENTO AL FOGGIANO Tribunali da chiudere, referendum in Consiglio Introna: il governo si convinca a fare dietrofront L'Ufficio di Presidenza del consiglio regionale ha fatto propria la rjchiesta di referendum popolare abrogativo delle norme che prevedono la chiusura o accorpamento delle sezioni distaccate dei tribunali minorili. La delibera passa alla settima commissione permanente, prima di approdare all'assemblea, che la prenderà in esame nella seduta di martedì 24 settembre ' per la definitiva approvazione. «Entro la fme del mese, servono le richieste di almeno cinque consigli regionali per promuovere un pronunciamento degli elettori, ai sensi dell'art. 75 della Costituzione. Mi auguro - fa presente il presidente del parlamento pugliese, Onofrio In troria - che altre Assemblee, non solo del Mezzogiorno, segnano l'iniziativa già adottata dall'abruzzo e in via di adozione tra gli altri da Basilicata, Calabria e.campania, oltre alla Puglia. Erano 220 infatti le sedi interessate inizialmente in tutta Italia, ma per quanto riguarda la Puglia, «ho preso atto-aggiunge Introna -delle preoccupazioni espresse da delegazioni forensi ioniche, di Terra di Bari, alle quali si sono aggiunti i legali di Monopoli e Putignano. E so di proteste vibranti, da Casarano, Tricase e l'intero Salento alla provincia di Foggia>>.

13 SCONTRO SULL'URBANISTICA Q~!?.!!~!aiio In tnattinata a Palazzo Nervegna, nel pomeriggio alla Camera di commercio jonica Bamanente incontra amministratone tec~èi di Bnndisi é Taranto GlOVEDI' 19 SETTEMBRE 2013 SVILUPPO Confronto-scontro tra Oréini professior.a!l e amrr.inislratori da una parte e Regior.e dall'altra sul Piano paesaggistico e soprattutto sulle norme di salvaguardia. A parere degli amministratori locali le r.orme bloccano lo sviluppo La Comn:ùssione regionale Urbanistica parte oggi con le audizioni dei Comuni e dei tecnici sul Piano paesaggistico adottato dalla giunta regionale il 2 agosto scorso. L'obiettivo, dichiarato dal presidente della Conunissione Donato Pentassuglia, è quello di «offrire un co.ntributo che permetta di superare criticità ederrosi emersi nelle scorse settimane dagli interventi di imprenditori, tecnici dell' edilizia e arntninistratori pubblici». Insieme alle criticità e ad alcuni errori cartografici, che l'assessore alla Qualità del Territorio Angela Barbanente si è già impegnata a superare sia nella fase di presentazione delle osservazioni (dal 7 ottobre al 6 novembre) che attraverso lascolto delle posizioni dei territori c'è chi in Consiglio regionale continua a sostenere che il Piano paesaggistico debba essere revocato e ricominciare un percorso che preveda =a maggiore partecipazione e un maggiore coinvolgimento delle amministrazioni locali. E ' questa la posizione espressa dal Pdl e rappresentata con foga per coµto dell' Anci dal sindaco di Lec- «Massimo impegno per evitare gli errori» Pentassuglia: in Consiglio migliorere11uj il Piano paesaggistico ce Paolo Perrone. II Pdl e le associazioni professionali del tecnici dell'edilizia hanno anche previsto un blocco di ogni attività. edilizia e delle attività collaterali se rimarranno in vigore le norme di salvaguardia che a loro parere bloccherà tutti i progetti di sviluppo economico per molti mesi. Tale posizioni è stafa ribadita ieri da Franco De Biasi, capogruppo della Puglia prima di tutto, ma è stata subito rintuzzata dal!' assessore Barbanente che continua a difendere il Piano a spiegarne il va-!ore. «Ponando avanti questo Piano paesaggistico così com'è, la Puglia rischia di diventare, forse anche inconsapevolmente, il laboratorio nel quale si procede ad un progressi va deindustrializzazione, quasi diventando l'emanazione di un disegno che mira a farci diventare. un piccolo apparente 'paradiso' che punta solo ed esclusivamente sull'agricolturn e sul turismo. Magan l35ciantlo 3d altri territori, e non s0lu m ltaha, il ruolo di protagonisti e di motrice del!' economia comunitaria»~ ha dichiarato De Biasi. «Perché con il Piano paesaggistie-0 la Puglia improvvisamente sceglie di rinunciare allo sviluppo e.al rilancio, rifugiandosi in un cantuccio che prevede di fatto che ci si possa muovere solo con agricoltura e turismo?», ha aggiunto Dc Biasi, facendo riferimento ai fatti che stanno mettendo in difficoltà la produzione dell'acciaio. Secca la replica: «Come fa De Biasi a sostenere che il nuovo Piano paesaggistico «j>unta solo ed esclusivamente sull'agricoltura e sul turismo~, se esso contiene (distinguendosi proprio per. questo da tutti i piani paesaggistici che conosco J persino "Linee guida sulla progettazione e-ge stione di aree produttive paesisticamente e ecologicamente attrezzate (Appea)?». «Produttive vuol dire artigianali, industriali, commerciali, terziarie, multifunzionali. L'obiettivo è realizzare insediamenti produttivi di alta qualità dal punto di vista urbanistico (localizzazioni programmate con criteri di accessibilità. alle reti, quali- tà. degli spazi pubblici, degli spazi aperti e dei servizi), edilizio (porre fine all'qmologazione dei capannoni prefabbricati di bassa qualità e puntare sui nuovi materiali da costruzione e sul risparmio energeti co e idrico), ambientale (mitigazione degli effetti di degrado, acquedotti industriali e riciclo delle acque, forestazione e verde, ecc), paesistico (controllo della visibilità dai centri urbani e dalle infrastrutture e delle qualità esteùche dell'impianto urbanistico ed edilizio), energetico e concentrazione di impianti energetici da fonti rinnovabili (pannelli fotovoltaici e termici sui tetti dei capannoni, toni solari, eolico ecc)», ha aggiunto lassessore. «D'altra parte, è notd che l'economia verde può essere una grande opportunità per rimettere in moto leconomia del Paese. Condizione essenc ziale è che le istituzioni e le imprese abbiano voglia e coraggio di innovare. Con il PP TR stiamo proprio cercando di promuovere innovazione anche in questo campo, combattendo contro resistenze al cambiamento, diffidenze e tanta 1 d!sinformazione», ha concluso. Re.Att.

14 Piano paesistico, il sì condizionato ~.. I Ingegneri e architetti: ''Bene la tutela, ma non blocchiamo tutto'' I i I ANTONIO DI GIACOMO ' E FAVOREVOLE, ma non senza alcuni distinguo, il parere del mondo delle professioni sul Piano paesaggistico territoriale della Regione. «Non possiamo che essere dalla parte del territorio e del paesaggio» preme~tte Vincenzo Sinisi, presidente dell'ordine degli Architetti dì Bari: Proprio nel 2008 la Regione, su proposta degli architetti, deliberò una legge sulla qualità dell' architetruraedel territorio: fummo i primi in Italia. Oggi come allora, dunque, riteniamo non ci possa essere qualità del costruito senza una qualitàdelterritorio. Siamo però anchedallapartedellasocietà:ilfatto' che le norme di salvaguardia abb1a.m. incidenza sui prut'l'dimemi in innere, alcuru defmiti, non puèj d1e creart' w1 rnnrlino che dl've trovan una sintrsi all'imcruodelpi~no. Problematicità che, secondo Sinisl, potranno essere sciolte solo all'interno di un tavolo di interlocuzione con la Regione». Non dissimi,le il punto di vista di Domenico Perrini, presidente dell'ordinedegliingegneridibari: «Uno strwnento di controllo e di sviluppo del territorio non può che vederci favorevoli. Il problemaèche bisognaconiugarelatutela con lo sviluppo e, in questo senso nutriamo preoccupazione anche alla luce della crisi. Siamo preoccupati per le misl>rc di ~al v;guardìa. vi<to che il Piano potrchbe rendefl inpfficaci alcuni futerventisulterritoriolecuipm cet1ure autoril".zative sono già in es~nc... ~on:mlo. PcmniannlUl eia :!nr.hc k1 cosr!m7.ione di un gruppodilavoroper«raçcogliere ed elaborare quelle osservazioni 'perché il Piano sia il più possibilè aderente alle realtà temtorialli>. Mentre per Dino Borri, urbanista e presidénte regionale del Fai. si parla di un piano che sostituisce al pragmatismo Uil po'!)urocraticodelpl!ssatounaiicognizione più creativa del paesaggio regionale e con fqrti venature idealistiche. I qua<,lri paesaggistica-territoriali proposti hanno una forte base di intenzionalità nella visione chi li ha costruiti: una circostanza che se da una lato genera innovazione, dal!' altro rischia cli scontrarsi con le siruazioni di fatto di una regione arn' pia, diversificata e complessa. Ma se il conflitto si deve ridurre alle salvaguardie, sono dalla par- EDIZIONE DI BARI r- La seduta.., I Fogna pluviale e luce I la giunta approva LAGIUNTAcomunalestanZia risorse per opere pubbliche. Nella riunione di ieri, su proposta dell'assessore ai lavori pubblici Marco Lacarra, l'esecutivo ha approvato I progetto di efticientamento ener getico e migliof'llmento del a sostenioilita ambientale della scuola media "G'useppe De Marif'is", a Caroonara, che prevede intervent infrastn.. 1tura1i s..igli infissi e sug.1 imp ami. L' ntervento sarà realizzato grazie a un finanziamento ministeriale di un milione 178mila euro. Via libera anche al p rogetto preliminare per la costruzione della condotta di fogna pluviale a servizio del territorio dl Ceglie e Carbonara per l'importo di 8,6 milioni. Altri 250mila euro saranno destinati al l'impianto di illuminazionestradaleaser - vi;tio.della strada comunale Tresca, a dello stadio San Nicola, di cui: è I o approvato il progetto esecutivo.. D :\LLA quantità alla qu lità. Puntando sul mare. I.o sviluppo urbanis1ico di Bari can1bia segno. li nuovo Piano urhani tico gl'nl'rale, che farà uscire definitivampnte di scena il Piano regolatore approvato nel 1970, pllntp.tà sulla riqualificazione e sulla valori12a- 2ione dell'c i,tence. Le Linee di mdirin.o, conicnute n<"i ùocumemo l'reliminare di pr )l(famma?ione, troveranno 1ttua7io ne nel nuovo Pug.11 primo passo è stata compiuto il ri muttina, a Palar./.o di Ci"a, con la sotto cri zione del contratto per l'elaborazione delnuovostrumentourbanistico.insieme con il sinda- te di chi sostiene che i regimj di tutela vadano mantenuti. Gli scheletri nel!' armadio dell 'ui-banistica pugliese sono un'infinità: penso ai piani particolar ggiati deglianni '80, rnoltituttoradaafruare, che se liberati produrrebbero uno scenario inquietante e anacronistico». Urbanista al Politecnico di Bari è presidente del Fai Assegnato al docente l'incarico: punterà sulla riqualificazione dell'esistente Edilizia di qualità e mare da valorizzare Gabrielli finneràilnuòvo piano regolatore " ~.iff.if~ ~. IN.CARICO li professor Bruno.Gabrielli cumichele Emilianoel'assesso-~ la quantità alla qualità. secondo re all'urharnstica. Elio Sanni- i proge ttist~ igitifica soprattul candro, il pmfrssor Bmno Ga- toricu<"ireunawaltàurbanachc br!elli, coordfuatore del gruppo ha dato luc)go a uil.o ~.pieco di di progettazione in cui figliranq suolo. Centralesaràlavalorizza' anche Francesco Nigro, Mauro zione delmai:e. l pi:ògettisti'im; Salto, Ftancesco Cellinì:e Stefa- p:iaginano di ripor[arlo nel cenno Stanghellini.. trostorlcoconlarealiziazionecli «Il nuovo Pug- clice.elnlllanq.. uriapiazza-belvedere pedonale, - ci consegnerà un'idea città. dal ca5tello svevo alla dogana, pensata per mezzi pubblici e pe - estendendo sul molo di Levante doni, una città in cui architettu- la passeggiata pedonàle ~u1j~ ra e urbanistig!i rollabòrino p e.r. )'Ilùra,oltreSantaScqlastiC<!- Fra salvaguardare paesaggio e belc le lineegtiida,spiccaancheilre Iezza,,. L'idea guida dello stru-. cupero e la_ valorizzazione di mentourbanisticocheprenderà spazi disme5si, dalle aree ferrofonna nei prossimi mesi sarà viarieall'excasennarossani. quella di salvaguardare e valo- (r. lnr.) rizzare il paesaggio. Passare da],

15 1A GAZZETTA D:ELM.EZZOGlORNO AMBIENTE SOSPESA LA QUESTIONE DELL'ISTUTUZIONE DI UN'UNICA AUTORITÀ REGIONALE PER LA GESTIONE Piano rifiuti,.via libera in commissione Discarica di Conversano, altre verifiche Dal documento scompaiono gli impianti di trattamento termico Sì a maggioranza in V commissione al Piano regionale dei rifiuti urbani, il primo dopo la lunghissima stagione del commissariamento a causa dell'emergenza. Il piano si incentra su questi sòstanziali punti: programma di prevenzione della produzione dei rifiuti, promuovendo l'adozione preferenziale di nuove tecnologie e pratiche qperative mirate.alla riduzione della quantità e pericolosità alla fonte; analisi della gestione dei rifiuti esistente negli ambiti geografici di riferimento; individuazione delle migliori pratiçhe per l'attuazione di servizi di racco1ta differenziata con specifico rifrrimento alle modalità di erogazionr del servizio e dei relativi costi, redigendo lince guida per garantire gli obiettivi previsti pl'r legge; programma per la riduzione dei rifiuti biodegradabili; pianificazione e organizzazione, per i flussi di.rifiuti non ulteriormente riducibili in quantità e Pericolosità, di strutture im- piantistiche, in numero e potenzialità adeguati, che adottinotecnologie finalizzate alre-. cupero delle frazioni derivanti ritorio individuando soluzioni che possano garantire le migliori condizioni di sicurezza». In una lunga lettera ai sindaci pugliesi, il presidente del gruppo Pdl alla regione, Ignazio Zullo, ha elencato gli otto punti di criticità del piano slù quale c'è necessità di sottolineature e puntualizzazioni anche e soprattutto a tutela dei contribuenti, per evitare ché' le. conseguenze di un. «generalefallimentodellapoliticaambientaledel governo Ventlola» incidano ancora di più sulle loro tasche. '~?~~.l~~~t1i~ff:i~~~~5,!~}i;k~\'.,: ~,;: '.. '\'' ~ _. ' Altro punto di discussione sarà l'opportunità di arrivare all'istituzione di un'unica Au torità regionale sui rifiuti. In cmnmissione è stato oggetto di un emrndamcnto poi ritirato dal proponente (Michele T.osappio capogruppo di Sel) su richiesta del consigliere Pd, Fabiano Amati. «È opportuno che di questo tema - dice Amati -si discuta in aula, per le chiare implicazioni politiche e tenuto conto che dalle amministrazioni locali pugliesi non sono giunte opinioni univoche». dalla raccolta differenziata; de- finizione degli scenari, basata AMBIENTE L: assessore Nicastro.Dal piano sono poi scomparse, su proposta dello stesso sul principio di prossimità integrato con aspetti relativi alla generazione ubicazione della' sorgente e caratteristiche del rifiuto con minimizzazioni LosalJpio e del consigliere de La Puglia per Ven dola, Antonio Galati, le parole«colacem e Enel», impianti già esistenti cui sarebbe stato destinato degli impianti ambientali.. il Css (combustibile da rifiuto) per l'eventuale L'assessore regionale ajla Qualità déll'ambiente, incenerimento. Perplessità e critiche tanto Lorenzo Nicastro spiega che, su istanza dei consiglieri, portatori delle richieste del territorio <<abbiamo accolto alcuni emendamenti al piano. In questa stessa ottica abbiamo aperto un tavolo di studio sul caso Conversano per gli opportuni sull'ipotesi Ato unico, quanto sulla cassa'zione degli impianti per il trattamento del Css dal presidente del gruppo Ude, Salvatore Negro. Soddisfatto per l'istituzione del gruppo di studio su Conversano, il consigliere PdL Domi Lanzillotta che auspica, dal momento dell'insdia approfondimenti tecnici che ci permèttano di. valutare la questione dal punto di vista delle mento, l'avvio di una procedura che coniughi le competenze regionali in matena di tutela dell'ambiente esigenze di salvaguardia e tutela dei territori e e della salute pubblica. L'obiettivo che delle comunità dei comuni interessati, con quelle ci prefiggiamo è quello di valutare a più ampio della comunità regionale di avere una pianificazione che riduca l'uso delle raggio la problematica ambientale in quel ter- discariche».

16 LA PUGLIA CHE CAMBIA In bici alla scoperta dei sapon L'assessore Nardoni: occasione per recuperare le ~ecchieitrade di campagna e 11 turismo? Cresce anche grazie all'enogastronomia, alla valorizzazione dei paesaggi rurali, soprattutto quelli che non si incontrano percorrendo le superstrade o le strade statali. Ed è seguendo questo percor<jo che!' asses~ore n:gio nale alle Politiche agroalim~ntari, Fabrizio :>Jardoni, ha presentato alla Fiera del Levante il progetto "Puglia taste e bike'', cioè Puglia gusto e bici, dedicato al turista ili bicicletta. «Il connubio turismo e comparto agroalimentare promuove l'idea di un viaggio lento, attento ai particolari, un viaggio di riscoperta all'insegna di sapori che raccontano anche della terra e della cultura che li ha influenzati e resi unici. E' per questa ragione che come Assessorato intendiamo promuovere un programma di "slow trave!" collegato alle eccellenze eno-gastrononùcbe dei nostri leii:itori e alle grandi campagne di raccolta e trasformazione», ha spiegato N ardoni. Nella settimana della mobilità sostenibile lassessorato con competenza sullo sviluppo rurale della regione Puglia, guarda dunque con àttenzione al turista in bicicletta che con "Taste & Bike" ha la possibilità di venire in contatto e di fruire di un significativo ambiente naturale e di una cultura locale vitale fatta di manufatti, attività, prodotti, manifestazioni ed eventi legati alla cultura del buon bere e del buon mangiare. La mobilità sostenibile nelle intenzioni di Nardoni può servire anche a «recuperare anche lantica viabilità delle campagne». «Oitre ai percorsi cicloturistici appositamente realizzati e che spero si potranno ulteriormente implementare», ha spiegato lassessore, «OCCOirerà incentivare su tutto il territorio regionale una rete di viabilità secondaria utilizzando tratturi, stride rurali già esistenti in grado di facilitare la piena fruizione del patrimo- :. e " Bisogna costruire una rete di imprese che metta a sistema Gal e masserie didattiche nio ambientale, paesaggistico e di antiche masserie che co 'tr I h la nostra regione». I prngeno approntato dal I' Assrss0rato regionale e che nelle prossime settimane entrerà nel vivo con l'individuazione dei primi strumenti di realizzazione, prevede la costruzione di una rete di imprese, pubbliche e private, che _ metta a sistema esperienze già realizzate (Sac, Gal, Masserie Didattiche, Agriturismo) con altre realtà che vnrranno legarsi a questa linea di sviluppo. «La sinergia tra queste esperie.nze consentirà la creazione di percorsi, l'infrastrotturazione degli itinerari, la promo?.ione e l'offerta di 'er vizi a supporto, oltre il coordi narnento dell'infonnazionc e della loe:istica in senso lato (manutenzinne, cartellonistica, gestione del vitto, dell'alloggio e dei percorsi cultur~li)», ha detto ancora l'asse;sore. <1Ci rivolgiamo ovviamente alle fanùglie, ai cicloamatori, agli appassionati di enogastronomia, ma soprattutto a tutti coloro che hanno a cuore una idea di sviluppo del settore che abbia come capi-saldi la sostenibilità ambientale, la CONVEGNlfAIDfA" -~"''"' 0,. <<11 molo dcu w.icnda nell'economia» Si apre oggi presso rhilton Acaya Golf Resort.di Lecce il 1.:unvcy110 organizzato da A:dea (AccaCemia 1tcn:ana a ec~nomia azieoale) n occasicne oet bicentenario di vita delrassociazione sul tema "IL ruolo delrazienda nell'economia". I Lavori si apriranno alle con La tavola rotonda "La prospettiva europea nella ricerca scientifica e nell'alta formazione". E' previsto un intervento delfex ministro dell'università Francesco Profuno. Il convegno si chiuderà il 21 settembre. I valorizzazione del territorio anche fuori dalle rotte segnate dal turi~mo di massa, la tra dmone e il re:upero deua no ' tra vocazione rurale», ha conciuso. 11 progetto "fuglia Taste & Bike" prevede al momento sette itinerari: tra ulivi secolari e ipogei, tra uva e ciliegie, tra vigneti e cantine, tra porti e pesci (anche con l'utilizzo di programmi dedicati al pe sca turismo. e al pernottamento in barca), tra fiori e piante, nella magia del patrimonio forestale e nelle aree protette con particolare focùs sulla biodiversità Re.Att.

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese

Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese PRIMA GIORNATA CIA IN EXPO Giovani: il Vivaio da coltivare per far crescere il Paese 5 maggio 2015 AUDITORIUM DI PALAZZO ITALIA PADIGLIONE ITALIA EXPO MILANO 2015 Cia è main partner del parco della biodiversità

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA Graduatoria Docenti aspiranti all UTILIZZAZIONE nei LICEI MUSICALI Anno Scolastico 0/ Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA sul posto o sulla quota orario assegnata nell anno scolastico 0/ (docenti titolari

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli