1.PREMESSA. Figura 1. Area di Intervento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.PREMESSA. Figura 1. Area di Intervento"

Transcript

1

2

3 1.PREMESSA Il presente studio si accompagna alla documentazione relativa alla Valutazione Ambientale Strategica del Piano Attuativo per la riqualificazione dell area produttiva della ex FIM. Lo studio ha per oggetto la valutazione degli impatti significativi che l attuazione del piano proposto potrebbe avere sull ambiente. In particolare si vuole effettuare una valutazione previsionale delle ricadute viabilistiche e delle emissioni in atmosfera conseguenti la realizzazione del progetto volto alla riqualificazione urbana all interno del Comune di Porto Sant Elpidio sui cui insisteva la ex Fim, storica fabbrica produttrice di concimi e prodotti chimici dismessa ormai dal 1988 (Fig. 1) Le verifiche svolte sul funzionamento dello schema di viabilità attuale e di quello implementato dal progetto in essere, sono state effettuate considerando un modello di microsimulazione: in tal senso, l analisi è stata realizzata considerando i flussi di traffico attualmente in transito nell area, a cui sono stati sommati i flussi di veicoli potenzialmente generati/attratti dai nuovi insediamenti previsti. Complessivamente le verifiche svolte sono state finalizzate alla comprensione degli effetti indotti sulla mobilità dall intervento di che trattasi, quantificando i fenomeni di mobilità esistente, sia in termini quantitativi (rilievi di traffico), che qualitativi, e definendo, altresì, nei peculiari termini sopra precisati, gli impatti conseguenti all attivazione delle nuove previsioni edificatorie in progetto. Figura 1. Area di Intervento 1

4 2.INTRODUZIONE 2.1 Descrizione del piano Il piano attuativo dell area Ex-Fim si inserisce all interno di un ampio scenario di riqualificazione urbana che parte da un attenta analisi del sito sotto tutti gli aspetti (ambientale, paesaggistico, normativo, storico-culturale, geologico, idrogeologico, botanico-vegetazionale, urbanistico) e culmina con un progetto architettonico che riflette le analisi effettuate e le sfrutta per integrarsi al meglio nel contesto ambientale e storico-culturale della città di Porto Sant Elpidio. L area dell Ex-Fim è di proprietà della società FIM srl, con sede in via Jesina 52/a Castelfidardo (AN) e confina a nord con una area residenziale di altra proprietà, a est con il terreno di proprietà del Demanio pubblico su cui insiste la strada lungomare via Faleria con relativa pista ciclabile e passeggiata a ridosso della spiaggia, a sud con un terreno di altra proprietà e con il sottopassaggio della ferrovia che unisce via Pesaro con la statale ss16, e ad ovest con la linea ferroviaria. Tutta l area ha una superficie di mq ed è distinta al catasto terreno al foglio n.20 part. 587, foglio n. 21 part. 13, 40, 43 e 220, e al catasto urbano foglio 21 part. 1 e 5. Queste ultime due particelle rappresentano i due edifici vincolati, ai sensi dell art. 2 (comma 1 lettera a) del Decreto Legislativo 29 ottobre 1999 n. 490, dalla Soprintendenza regionale per i beni e le attività culturali denominati La cattedrale e la palazzina facenti parti dell ex stabilimento F.I.M. 2.2 Analisi storico-culturale Il progetto urbanistico dell area EX-FIM nasce dalla necessità di riqualificare una porzione di territorio molto importante per la città di Porto Sant Elpidio, per la provincia di Fermo e per tutta la regione Marche. La sua collocazione infatti a ridosso del mare e in posizione baricentrica rispetto alla città la rende un unicum nel panorama delle aree ex-industriali da riqualificare. La Soprintendeza regionale per i beni e le attività culturali, apponendo il vincolo di tutela sul corpo principale della fabbrica e sulla palazzina uffici mette in evidenza proprio l importanza storico-culturale e architettonica di questo sito che per le sue caratteristiche fornisce un esempio di architettura industriale intorno al quale si è sviluppata una città e che oggi ha un estrema necessità di essere riconvertita. Il progetto nasce proprio da questa necessità: trasformare e riconvertire un edificio e un area che a tutt oggi risulta essere un problema, in un opportunità di sviluppo economico e sociale e un vanto per la città e per i suoi abitanti Analisi Storica La FIM: Fabbrica Interconsorziale Marchigiana di concimi e prodotti chimici è stata costruita dal 1909 al 1911 e inaugurata con una grande festa popolare il 4 luglio del L area di sedime originaria era pressochè identica a quella attuale e si sviluppa parallela alla linea costiera tra la via litoranea Faleria e la linea ferroviaria adriatica. All interno si realizzava l intera linea di produzione di perfosfati e di acido solforico, necessario alla lavorazione della fosforite, attraverso un sistema di camere a piombo. La fosforite infatti, materia prima minerale, veniva importata dal nord Africa e scaricata nella fabbrica; all inizio tramite un piccolo molo in legno oggi distrutto e poi attraverso l uso della linea ferroviaria che collegava il paese di Porto Sant Elpidio con il porto di Ancona. La fosforite utilizzata proveniva dalla Tunisia e dal Marocco, imballata e caricata sulle navi dirette ad Ancona. Le ceneri risultanti dalla combustione delle piriti, non potendo essere riutilizzate perché costituite da materiali molto pesanti, venivano stoccate in aree basse nello stabilimento stesso. La miscelazione dell anidride solforosa con i vapori della nitrosa avveniva nelle torri di Glover(torre cilindrica o quadrata che poggia su una vasca, rivestita internamente di piombo, contenente acido solforico, equipaggiata da una chiusura idraulica. montate su dei pilastri a tre metri da terra, sostenute da una fitta travatura di pitch-pine (legno di essenza resinosa. Proviene dall'america centrale. Usato per costruire imbarcazioni, ponti, traversine ferroviarie e per la costruzione di mobili e infissi.)a 1,5 metri dalle pareti esterne dello stabilimento. Le loro dimensioni, 10x10x40 determinarono la forma del volume denominato La Cattedrale. L acido solforico, formatosi nella torre di Glover, in parte veniva stoccato ed in parte riutilizzato nelle due torri di Gay-Lussac, consistenti in cilindri di piombo alti 15 metri, sostenuti da intelaiature lignee e poggianti su importanti e sicuri basamenti per assicurarne la stabilità, vista la pericolosità del contenuto. La fabbrica assunse per la città di Porto Sant Elpidio un ruolo cruciale. Divenne un simbolo, un luogo dove centinaia di famiglie della città lavorarono. Durante gli anni, dalla sua fondazione fino al 1988 anno della chiusura, la fabbrica si sviluppò sempre di più divenendo uno dei più importanti stabilimenti italiani per la produzione di concimi e prodotti chimici. Nel 1932 infatti fu aggiunto il refettorio, mentre nel 1959 furono eretti i grandi silos in cemento armato, diverse officine e laboratori. In seguito venne costruito il binario che congiungeva la fabbrica alla stazione ferroviaria, oggi dismesso. La produzione andò avanti fino al 1988, provocando un grave inquinamento chimico dell area causato dai residui 2

5 delle lavorazioni e da quel momento in poi iniziò l iter di messa in sicurezza e bonifica dell area, oggi in fase di completamento. Tra il 2007 e il 2008 sono stati demoliti tutti i manufatti dell ex-fim ad eccezione dei due edifici vincolati che a tutt oggi risultano essere il manifesto e la memoria storica del vecchio impianto. Sotto il profilo architettonico l edificio che più rappresenta l intera area è sicuramente la Cattedrale. Solo il fatto di definire una fabbrica di concimi con il nome di Cattedrale, fa intuire l importanza, le caratteristiche e la mole dell edificio. Il modello strutturale dell edificio rappresenta quel periodo di transizione della storia dell architettura industriale, durante il quale la necessità dell opera ingegneristica, dettata dall esigenza di coprire grandi spazi, risente ancora delle tradizioni locali sia per i materiali impiegati che per le tecniche costruttive prese in prestito dagli edifici pubblici, dalle ville padronali e dalla semplice architettura residenziale. Sia la Cattedrale che la Palazzina uffici sono caratterizzate da pareti in muratura e da una copertura composta da capriate triangolari e palladiane in legno. L orditura secondaria è invece composta da travicelli, pianelle e copertura in tegole. Solo osservando questi materiali e il loro impiego si viene subito a contatto con le tipologie e i caratteri costruttivi che provengono dalla tradizione locale. La cattedrale in particolar modo, per la sua mole, per la sua vicinanza al mare, per il suo essere parallela alla linea costiera, per la sua altezza, per l ossessivo ritmo delle bucature, per i decori semplici ma severi e non da ultimo per il suo stato di degrado, sembra essere li da sempre. La definizione di Cattedrale infatti ben si addice a questo edificio che anche in pianta sembra mantenere le fattezze di una cattedrale romana a croce latina caratterizzata da un unica grande navata. La cattedrale rappresenta un taglio urbano, uno stacco, una pausa dall ossessiva uniformità della città lineare adriatica di cui Porto sant Elpidio fa pienamente parte. Lo sviluppo urbanistico infatti di gran parte delle città costiere del medio adriatico e in particolare delle Marche è caratterizzato da un urbanizzazione che si sviluppa lungo la costa, parallela al mare e spesso delimitata dalla dorsale dell autostrada A14 o dalla linea ferroviaria. Queste due infrastrutture sono l icona simbolica e la struttura concreta della grande città lineare che si snoda lungo la costa del medio adriatico. Dal suo tracciato si distaccano poi le superstrade che guidano l urbanizzazione diffusa delle valli e ne sottolineano la centralità strategica. Parallele ai canali principali, corrono poi le strade consolari e statali, trasformate quasi ovunque in strade-mercato dove tutte le funzioni si sovrappongono e si combinano in vari modi con la residenza. Qui invece la città lineare si interrompe per dare spazio ad un edificio che sin dalla sua nascita ha caratterizzato tutto lo sviluppo urbanistico della città di Porto Sant Elpidio. Oggi della cattedrale rimangono solo le pareti perimetrali in muratura mentre la palazzina uffici, anche se in avanzato stato di degrado ha mantenuto intatti tutti i solai e tutte le murature esterne. La restante area dell Ex-Fim può essere divisa in due grandi parti: da un lato, verso nord, si sviluppa l area su cui insistevano gli altri edifici del complesso, oggi demoliti e di conseguenza l area attualmente è una spianata senza alcun elemento da evidenziare; dall altro lato, la parte sud, dove non insistevano gli edifici del complesso industriale risulta essere oggi un verde incolto. Il grande vuoto lasciato dalla fabbrica, altro non è da tanti anni che un vuoto urbano, una ferita nel tessuto circostante che assolutamente merita di essere sanata. 2.3 Il progetto Il masterplan generale prevede un ampio progetto di riqualificazione ambientale all interno di un comparto di natura industriale ormai da tempo dismesso i cui principi sono in accordo alla pianificazione contemporanea, concentrata sul risparmio di suolo non antropizzato sull utilizzo di aree esistenti che nel tempo hanno perso la loro funzione originaria. Un progetto che prevede, accanto all opera di bonifica ambientale, un intervento complessivo di riqualificazione urbana e di restauro ambientale il cui portato si configura come un organico intervento di ristrutturazione urbanistica. Il recupero delle strutture esistenti, oggetto di precisi dispositivi di tutela architettonica, conferisce inoltre al progetto la potenzialità del recupero della memoria dei luoghi e delle attività del passato, quest ultime così fondamentali e radicate nel tessuto sociale ed economico della cittadina di Porto Sant Elpidio. Aldilà dei temi della sostenibilità di matrice energetico-ambientale, anche lo stesso protocollo Itaca Marche (come in precedenza descritto) assegna un alto valore agli interventi che si occupano di aree industriali dimesse e contaminate. Pur trattandosi di un sito abbandonato e contaminato, ed aldilà dei suoi contenuti architettonici, la componente paesistica e l unità di paesaggio che sottendono l area sono di grande interesse. La prossimità alla linea di costa, i grandi spazi aperti, lo skyline delle costruzioni tutelate, le visuali privilegiate e le linee di frontiera (linea ferroviaria, limiti delle edificazioni esistenti, strada 3

6 di lungomare, etc.) sono tutti elementi di suggestione ed indirizzo progettuale che sono stati attentamente valutati ed accolti. Il progetto dell area può essere diviso in 5 grandi macro elementi progettuali: 1_la nuova viabilità carrabile e ciclo-pedonale 2_il grande parco a sud e i giardini 3_il cluster residenziale 4_la piazza sul mare e l area commerciale 5_la rifunzionalizzazione degli edifici tutelati: la Cattedrale e la Palazzina uffici Ogni elemento sopra elencato possiede le sue caratteristiche e peculiarità, ma tutti sono contenuti in un programma complessivo che ha come fine quello di collegare questo nuovo spazio urbano alla città esistente. La riqualificazione urbana di quest area infatti non può prescindere da un analisi accurata del contesto, dalle future espansioni della città e dai vantaggi che un progetto del genere crea sia dal punto di vista socio-culturale che economico. L intervento si inserisce nella fascia che va dalla ferrovia fino alla spiaggia e va a fondersi con la città esistente e con i nuovi progetti, in parte attuati e in parte da realizzare, che il Comune intende promuovere lungo il suo litorale. La nuova pista ciclabile, il nuovo lungomare, il progetto di Piazza Garibaldi, sono solo alcune delle questioni che sono state attentamente valutate per il progetto dell area ex-fim: così la nuova viabilità carrabile andrà a collegarsi con quella prevista per il progetto di Piazza Garibaldi; così le piste ciclabili andranno ad integrarsi con quelle esistenti; così il nuovo parco e la nuova pineta andranno a far parte del sistema complessivo del verde; così gli edifici riprenderanno i materiali e i caratteri tipologici e morfologici dell architettura esistente; così la piazza e la cattedrale emergeranno in modo preponderante su tutto il contesto in modo da mettere in evidenza quello che era questa fabbrica per la città e quello che invece sarà. Il progetto è strutturato in modo da definire chiaramente le sue funzioni: la parte residenziale si sviluppa nella parte nord, l area commerciale intorno alla cattedrale e alla piazza e il grande parco interamente verso sud. La strada carrabile corre parallela e adiacente alla linea ferroviaria e serve tutto il complesso sia in superficie con i tre grandi parcheggi che con delle rampe che conducono ai parcheggi interrati. All interno dell edificato, completamente pedonale e ciclabile, se non per le operazioni di soccorso e carico/scarico, si sviluppa il boulevard pubblico pedonale che inizia nella parte nord del complesso e prosegue in direzione sud attraversando tutto l edificato residenziale, la piazza con gli edifici commerciali, fino al parco dove si dirama in sentieri attraverso la pineta fino al mare e alla spiaggia. Gli edifici progettati sono di chiara matrice contemporanea non tralasciando però gli aspetti tipologici e morfologici tipici dell architettura della cittadina di Porto Sant Elpidio. I due edifici vincolati saranno restaurati in concertazione con la Soprintendenza dei beni architettonici e paesaggistici delle Marche e le funzioni al suo interno saranno concordate sia con gli enti locali che con la già citata Soprintendenza. Per quanto riguarda gli aspetti puntuali del progetto si rimanda alla Relazione tecnica illustrativa del piano attuativo 3. METODOLOGIA DI STUDIO E SCENARI DI ANALISI Come già anticipato in premessa, la finalità del presente studio è di valutare gli effetti sulla viabilità, indotti dal traffico potenzialmente generato dagli interventi in progetto, e di verificare se l approntamento delle funzioni ivi previste è compatibile con il sistema infrastrutturale viario. Lo studio si propone di analizzare due scenari: Scenario 0 di riferimento risulta costituito dallo stato di fatto; si considerano i flussi di traffico attuali, mentre, per quanto riguarda l offerta, verrà considerata l attuale rete viabilistica. 4

7 Scenario 1 di intervento questo scenario considera l attivazione del progetto; si considerano i flussi di traffico attuali incrementati dai flussi previsionali di traffico a seguito della realizzazione dell opera. 3.1 ANALISI DELLO SCENARIO DI RIFERIMENTO Al fine di approfondire lo scenario di progetto la conoscenza dei dati di traffico veicolare sulle strade che ricadono nella zona di indagine è componente fondamentale per consentire di analizzare dapprima la situazione di traffico esistente - allo stato attuale - al contorno dell area in esame e, successivamente, di valutare il traffico che potrebbe essere indotto dalla realizzazione del progetto e degli effetti prodotti dagli incrementi stimati. Completato lo studio circa la fluidità della circolazione nella situazione ante operam, si passerà poi a stimare il traffico indotto dalla realizzazione degli insediamenti commerciale e residenziali citati. Il traffico aggiuntivo stimato viene sommato a quello esistente nell condizioni in cui si registrano i valori più elevati del traffico al fine di determinare le condizioni ed impatti stimati per la viabilità ad insediamenti realizzati. La domanda di mobilità urbana può essere sinteticamente descritta in rapporto ad un determinato arco temporale di riferimento - in termini di flussi veicolari su significative sezioni della rete stradale, che origina degli spostamenti, da caricarsi sulla rete viaria esistente. Con l obiettivo di definire lo stato reale dell area oggetto del presente studio sono stati utilizzati rilievi effettuati nelle vie che circondano il sito oggetto (Via Vittoria, Via Mameli, Via Faleria, Via Curtatone, Via Pesaro, Via Bellini). I dati di traffico utilizzati per la stima dei flussi attuali sulla viabilità che interessa l area in esame sono stati ricavati da appositi rilievi reperiti effettuati nel mese di luglio 2011 (in una settimana non caratterizzata da eventi particolari) sugli assi viari di maggior rilevanza. 5

8 Percorso di interesse ANTE OPERAM Fascia Oraria Dalle Alle Traffico Medio TRAFFICO ORARIO MEDIO 105 TRAFFICO GIORNALIERO MEDIO 2529 Per quanto riguarda la distribuzione in termini di tipologia di veicolo si sono considerati i seguenti parametri: - Veicoli leggeri: 92% - Veicoli pesanti: 3% - Motocicli: 5% Le seguenti immagini vengono proposti alcuni esempi di veicoli, così detti leggeri e altri pesanti : Esempio veicoli leggeri Esempio veicoli pesanti 6

9 Sulla base delle caratteristiche previste per i futuri insediamenti, i rilievi di traffico sono stati effettuati nell arco delle 24 ore per poi identificare l ora di punta. La stima delle auto circolanti nell ora di punta deve tener conto della profonda diversità di comportamenti in relazione alle diverse tipologie di usi considerati. La formazione del traffico viene determinata in gran parte dalla presenza di attività commerciali nell area. Tale specificità nei flussi veicolari del traffico ha ore di punta non coincidenti con quelle degli altri usi in quanto le punte settimanali del traffico da e per le strutture commerciali si concentrano nel venerdì e nel sabato pomeriggio 7

10 tra le 17,30 e le 19,00, fasce orarie nelle quali sono risultano flussi di traffico poco significativi dagli spostamenti per motivi di lavoro e studio. Il traffico orario medio sarà quindi di 105 veicoli/ora. 3.2 ANALISI DELLO SCENARIO DI PROGETTO Nel presente paragrafo viene presentata una stima della mobilità indotta dall insediamento oggetto di valutazione una volta che le funzioni previste dallo stesso siano a regime. Le attività che andranno a determinare un incremento di traffico sono legate ai settori: turistico/alberghiero, commerciale, terziario e residenziale CALCOLO DEL TRAFFICO INDOTTO Nel presente paragrafo viene effettuata una stima della mobilità indotta dall insediamento oggetto di valutazione una volta che le funzioni previste dallo stesso siano a regime. Le attività che andranno a determinare un incremento di traffico sono legate ai settori: turistico/alberghiero, commerciale, terziario e residenziale. Per la stima del traffico indotto dalle attività si sono considerate due categorie di fruitori: gli addetti, cioè coloro che lavorano presso le diverse attività; gli avventori, ossia le persone che usufruiscono dei nuovi servizi offerti. Per quanto riguarda invece il residenziale si sono considerate due tipologie di fruitori: i residenti, cioè coloro che risiedono stabilmente presso i nuovi insediamenti; i turisti, e quindi coloro che usufruiscono dei nuovi insediamenti saltuariamente. I flussi generati intervengono sul traffico in periodi diversi della giornata in funzione della categoria di fruitori e della tipologia i attività. Nella seguente tabella viene schematizzata la distribuzione di flussi in ingresso (I) ed uscita (U) per fascia oraria e per settore. Settore commerciale Il Piano prevede di destinare ad uso servizi e terziario una superficie utile lorda (SUL) pari a mq. Il volume destinato al settore commerciale/terziario ospiterà al piano terra una fascia di attrezzature commerciali ed un supermercato, mentre al primo livello accoglierà servizi privati ed uffici. Pertanto ai fini della stima del traffico indotto si distinguono mq di sul per il commerciale e mq per il terziario. Allo stato attuale della progettazione non si conoscono con esattezza le quote di superficie effettiva (al netto delle superfici destinate a magazzino/deposito, uffici e servizi) e pertanto ai fini del calcolo del traffico indotto si considera una superficie di vendita netta pari all 80% della SUL totale, per effettivi 2000 mq. Per la stima del traffico indotto dagli avventori alle attività commerciali si considerano i seguenti parametri, estratti da studi relativi a centri commerciali: 0,20 [clienti/mq di superficie di vendita alimentare], nell ora di punta del venerdì; 0,10 [clienti/mq di superficie di vendita NON alimentare], nell ora di punta del venerdì; In via cautelativa la superficie totale di mq è stata considerata per metà destinata a supermercato e per metà destinata a vendita non alimentare. 8

11 Dall analisi dei dati sopra mostrati si ottengono i seguenti valori di presenze nelle ore di punta: Per il calcolo del traffico indotto dai clienti dell attività commerciale sono state effettuate le seguenti ipotesi: la percentuale di avventori che utilizza il mezzo proprio è pari al 60%; in considerazione del fatto che la struttura commerciale (sia la categoria alimentare che soprattutto la categoria non alimentare) è destinata ad un bacino di utenza di livello locale (i turisti ed i residenti delle nuove strutture ed i residenti delle aree limitrofe al sito), essendo gli avventori delle aree più distanti maggiormente attratti dalle numerose attività commerciali presenti nell area del comune di Civitanova Marche; coefficiente di riempimento delle autovetture pari a 2 persone/auto; tempo di permanenza pari a 2 ore. Dall elaborazione dei dati di riempimento sopra calcolati, in considerazione delle ipotesi effettuate, si ottengono i seguenti risultati. Si calcola un numero di 180 veicoli in ingresso nelle due ore antecedenti l ora di punta per un flusso orario pari a 90 veicoli/ora; nelle ore di punta si considera un flusso veicolare in uscita pari al 50% del flusso veicolare in ingresso. Pertanto si stima che il venerdì pomeriggio nelle ore di punta il flusso veicolare indotto dagli avventori alle attività commerciali sia pari a 90 veicoli/ora in ingresso e 45 veicoli/ora in uscita. Per la stima del traffico indotto dagli addetti alle attività commerciali si considera un coefficiente pari a 2 addetti ogni 100 mq di superficie di vendita, per un totale di 40 unità impiegate nelle attività commerciali. Si considera che l 60% degli addetti utilizzi il mezzo proprio e che il coefficiente di riempimento sia pari ad 1 unità/veicolo. Pertanto il flusso veicolare indotto sarà pari a 24 veicoli in ingresso nella fascia oraria della mattina 07:00 09:00 e 24 veicoli in uscita nella fascia oraria della sera 19:00 21:00. Per i clienti il calcolo è stato effettuato solamente per la fascia oraria di punta. I valori calcolati verranno nel seguito utilizzati per valutare il traffico dell intera giornata. 9

12 Settore terziario. Come descritto in precedenza il piano prevede la realizzazione di mq di SUL da destinare ad uffici e servizi privati. Per tale tipologia di attività si considera una capacità insediativa pari a 1 unità ogni 25 mq di sul ottenendo un totale di impiegati pari a 100 unità. Pertanto, considerando che il 60% di questi raggiunge il posto di lavoro con mezzo proprio ed ipotizzando nella peggiore delle ipotesi un coefficiente di riempimento pari ad 1 unità/veicolo, il traffico indotto dagli addetti al settore terziario sarà pari a 60 veicoli nelle fasce orarie 07:00 09:00 (in Ingresso) e 17:00 19:00 (in uscita); il flusso orario sarà pertanto pari a 30 veicoli/ora nelle 2 ore di punta del mattino e della sera. Si considera inoltre una quota di addetti che nella fascia oraria della pausa pranzo utilizza l auto per spostarsi. Per quanto riguarda i clienti, molte delle attività del settore terziario non prevedono un costante rapporto con il pubblico. Si è comunque considerato, in via cautelativa, un flusso veicolare indotto pari a 20 veicoli/ora per il complesso delle attività. Settore turistico alberghiero La mobilità indotta dal settore turistico-alberghiero è riconducibile agli addetti ed ai clienti dell albergo. Mentre gli addetti generano flussi di traffico concentrati in fasce orarie ben identificabili, si prevede che i clienti dell albergo possano generare flussi veicolari distribuiti nell arco dell intera giornata. Si prevede inoltre che una alta percentuale di clienti siano stanziali in sito e pertanto che i flussi prodotti siano solamente quelli associati all arrivo ed alla ripartenza, mediante mezzo proprio o taxi. Considerando nel periodo di massimo afflusso turistico il funzionamento a regime della struttura con 90 stanze occupate. Nella settimana verranno generati 90 veicoli in ingresso e 90 veicoli in uscita che corrispondono ad un flusso giornaliero (considerando 6 giorni) pari a 15 veicoli in ingresso e 15 veicoli in uscita. Tali valori corrispondono ad un flusso veicolare orario pari ad 1 veicolo/h in ingresso ed 1 veicolo/h in uscita. Al fine di considerare anche una quota di mobilità dovuta a spostamenti giornalieri non legati all arrivo ed alla ripartenza il flusso veicolare calcolato è stato incrementato come mostrato nella seguente tabella. In merito agli addetti si considera un flusso veicolare indotto pari a 20 veicoli/ora. Il flusso orario sarà pertanto pari a 20 veicoli/ora nelle 2 ore di punta del mattino e della sera. Si considera inoltre una quota di addetti che nella fascia oraria della pausa pranzo utilizza l auto per spostarsi. 10

13 Settore residenziale Il piano prevede la realizzazione di edifici ad uso residenziale per complessivi mq di Superficie Utile Lorda, con capacità insediativa pari a 538 abitanti. Come accennato in precedenza per tale settore si son considerate due tipologie di fruitori: i residenti, cioè coloro che risiedono stabilmente presso i nuovi insediamenti; i turisti, ossia quelli che usufruiscono dei nuovi insediamenti saltuariamente. I flussi veicolari generati dai residenti saranno quelli tipici del pendolarismo giornaliero per attività lavorativa e pertanto maggiormente concentrati nelle fasce orarie 7:00 09:00 e 17:00 21:00, mentre i flussi generati dai turisti saranno distribuiti nell arco della giornata. Si fanno le seguenti ipotesi: 50% residenti e 50 % turisti; 50% dei residenti si spostano nelle fasce orarie di punta e con mezzo proprio; 2,5 residenti/veicolo; 3 turisti/veicolo. Nella stima dei parametri sopra indicati si è considerato che una parte dei residenti, i bambini e gli anziani, non possiede un mezzo proprio. Nel complesso, dalla somma dei flussi calcolati per ogni settore si avranno i seguenti flussi totali. Le punte settimanali del traffico da e per l area di interesse si concentrano il venerdì e il sabato pomeriggio tra le 17,30 e le 19,00. Il flusso Traffico Orario Medio sarà quindi di 209Veicoli / 2h = 105 veicoli/ora. Il parametro di interesse per le valutazioni ambientali è il TGM cioè il Traffico Giornaliero Medio. Dall analisi dei dati di traffico rilevati si è calcolato il rapporto fra il valore di traffico nell ora di punta [( )/2 = 184] ed il Traffico Orario Medio (TOM =105)); tale rapporto è risultato essere pari a 0,57 (TOM/TOP). Dall elaborazione dei dati si ottengono quindi i seguenti risultati: Traffico Orario Medio Indotto = 60 veicoli/ora (TOM * 0,57) Traffico Giornaliero Medio Indotto = 1441 veicoli/giorno (nelle 24 ore). Sempre dall analisi degli andamenti di traffico si stimano i seguenti valori: Traffico Orario Medio Indotto periodo diurno = 88 veicoli/ora Traffico Orario Medio Indotto notturno = 31 veicoli/ora 11

14 3.3 STRADE INTERESSATE DAL TRAFFICO INDOTTO Le strade interessate dal traffico indotto, e prese in considerazione per l analisi dei parametri ambientali, sono: allo STATO ATTUALE Percorso 1) la Strada Statale Adriatica per l intero tratto interno al territorio del comune di Porto Sant Elpidio; Percorso 2) Percorso dei veicoli nell intorno dell area di interesse (Via Vittoria, Via Mameli, Via Faleria, Via Curtatone, Via Pesaro, Via Bellini); allo STATO POST OPERAM Percorso 3) la Strada Statale Adriatica per l intero tratto interno al territorio del comune di Porto Sant Elpidio; Percorso 4) Percorso dei veicoli nell intorno dell area di interesse (Via Vittoria, Via Mameli, Via Faleria, Nuovo tratto di collegamento fra Via Faleria e Via Pesaro, Via Pesaro, Via Bellini); Percorso 5) Percorso utilizzando la strada nuova (Via Vittoria, Via Mameli, Strada nuova, Via Pesaro, Via Bellini). I flussi veicolari dello stato attuale verranno incrementati ipotizzando che il traffico indotto si distribuisca per il 50% sul Percorso 2 POST OPERAM e per il restante 50% sul Percorso 3 POST OPERAM. In merito alla Statale Adriatica si stima un incremento di traffico pari al 50% del traffico indotto in considerazione del fatto che i veicoli relativi al nuovo insediamento una volta sulla SS sceglieranno la direzione sud o nord. Nelle seguenti immagini vengono rappresentati i percorsi sopra indicati. Per la Strada Statale Adriatica non viene rappresentato l intero tratto, pur se per i calcoli sono stati considerati i circa 7 km di strada che interessano il territorio comunale. 12

15 13

16 14

17 15

18 16

19 4. QUALITA DELL ARIA Il Decreto Legislativo n. 155 del 2010, in recepimento di una direttiva europea, ha stabilito che le stazioni di monitoraggio per la qualità dell aria (misura delle polveri sottili) vengano gestite dalle Regioni. Una decisione che ha visto anche la Regione Marche impegnata nel graduale passaggio di competenze dalle Province, compresa quella di Fermo. Sulla base dei rilievi effettuati della rete regionale di monitoraggio atmosferico e dallo studio dell inventario regionale delle emissioni in atmosfera, gli inquinanti critici per la regione, con rischio di superamento dei valori limite, risultano essere le polveri sottili (PM10 e PM2,5) e, in aree più circoscritte, il biossido di azoto. Nel corso degli anni, le reti provinciali avevano più volte rilevato il superamento del limite di 50 microgrammi/mc per un numero superiore alle 35 volte all anno ed in base a questi dati, già nel 2006, con la Delibera n la Regione aveva stabilito che per il rilevamento delle polveri sottili venissero utilizzati i dati delle cabine di San Benedetto del Tronto (Zona Cerboni), Civitanova Marche (Ippodromo), Ancona (Località Cittadella) e Pesaro (Via Scalpellini), ritenute sufficienti per segnalare lo stato dell aria dell intero territorio regionale. La cabina di Porto Sant Elpidio è attualmente in funzione con gestione provinciale in attesa di passare come competenza alla Regione. Continua a rilevare i dati dell area elpidiense, anche se tali dati non vengono validati e pubblicati proprio in virtù delle disposizioni regionali. Si tratta di una raccolta con finalità storico/statistiche che la Provincia di Fermo ha deciso comunque di perseguire. I dati della cabina di Porto Sant Elpidio registrano nei tre anni 2006, 2007 e 2008 il superamento del limite di 50 microgrammi per un numero superiore alle 35 volte l anno (nonostante siano stati monitorati solo i primi nove mesi di ciascuno dei tre anni). Con la Delibera amministrativa del Consiglio Regionale n. 52 dell 8 maggio 2007 è stata approvata la zonizzazione del territorio regionale ai fini della valutazione e gestione della qualità dell aria, ai sensi degli articoli 7, 8 e 9 del D.Lgs. 351/1999. Nell allegato A si è individuata la zona (unica regionale) nella quale il livello del PM10 comporta il rischio di superamento dei valori limite e delle soglie di allarme; il Comune di Porto Sant Elpidio rientra in tale zona. Tra gli inquinanti atmosferici, oltre alle polveri sottili originate dal traffico, vanno citate le emissioni di SOV causate soprattutto dalla produzione di fondi per calzature in poliuretano, tetracloroetilene. 17

20 4.1 Ozono Il D.Lgs 183 del 21/05/2004 ha recepito la direttiva 2002/3/CE relativa all ozono nell aria e definisce le seguenti tipologie di limiti: Valore bersaglio: Livello fissato al fine di evitare a lungo termine gli effetti nocivi sulla salute umana e sull ambiente da conseguirsi entro un dato periodo di tempo. Soglia di informazione: livello oltre il quale vi è un rischio per la salute umana in caso di esposizione di breve durata per alcuni gruppi particolarmente sensibili della popolazione e raggiunto il quale si devono adottare le misure previste. Soglia di allarme: livello oltre il quale vi è un rischio per la salute umana in caso di esposizione di breve durata e raggiunto il quale si deve immediatamente intervenire. La Rete provinciale di monitoraggio dell aria evidenzia che Porto Sant Elpidio è la località tra le 4 situazioni monitorate più soggetta a rischio ozono. I rilevamenti svolti nella centralina di Porto Sant Elpidio nel periodo aprile - settembre 2005 per l ozono evidenziano che in trenta giorni i Valori Bersaglio per la protezione della salute umana sono stati superati. Inoltre, in una giornata per tre ore è stato anche superato il livello della soglia di informazione. 18

21 5. INQUINAMENTO ATMOSFERICO A livello regionale, gli inquinanti che superano gli standard di qualità ambientale previsti dalle normative vigenti, costituendo dunque criticità prioritarie, sono il biossido di Azoto (NO 2 ), il particolato sottile con diametro inferiore a 10 μm (PM10) e l inquinante secondario Ozono (O 3 ). La rete di monitoraggio regionale della qualità dell aria evidenzia come l inquinamento da polveri sottili, in particolare da PM10, sia critica nelle aree più impianti per il riscaldamento. Il contributo di questi ultimi assume entità di rilievo solamente nel periodo invernale. Nel periodo invernale quindi, alle emissioni dovute al traffico si aggiungono le emissioni delle caldaie per il riscaldamento. A tal proposito si ritiene che il contributo del nuovo insediamento sarà assolutamente trascurabile. Infatti gli edifici verranno realizzati nel rispetto della normativa vigente in materia di risparmio energetico e verranno utilizzati sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili e impianti ad alta efficienza. Tali sistemi a basse emissioni si inseriscono in un contesto costituito prevalentemente da impianti di riscaldamento obsoleti installati in edifici molto disperdenti; pertanto si ritiene che il contributo invernale di tali impianti è da considerare irrilevante. L analisi si è quindi concentrata sulla valutazione delle emissioni associate al traffico veicolare relativamente alle infrastrutture interessate dal traffico indotto dal nuovo insediamento. Attraverso la valutazione delle emissioni dello stato attuale e la valutazione delle emissioni associate dal traffico indotto si valuta il contributo del nuovo insediamento all inquinamento atmosferico dell area. Le emissioni considerate nella valutazione sono quelle di inquinanti primari direttamente associate al traffico veicolare e quindi PM10 ed NOx. 19

22 6. STIMA DELLE EMISSIONI DOVUTE AL TRAFFICO VEICOLARE 6.1 METODOLOGIA ADOTTATA Il metodo utilizzato per la stima delle emissioni in atmosfera associate alle infrastrutture di trasporto si basa sul modello COPERT IV, che è un sistema emission factor approach, secondo il quale, in generale, le emissioni di un determinato inquinante relative a un certo settore sono il prodotto delle singole attività che generano emissioni e dei rispettivi fattori di emissione. In generale, un fattore di emissione quantifica, per una determinata sorgente, l emissione di un determinato inquinante in rapporto a determinati parametri. Per il traffico veicolare i fattori di emissione sono rappresentati come quantità di gas emesso in rapporto ai km percorsi da ogni veicolo. I Fattori di emissione dipendono dalle seguenti caratteristiche del veicolo: tipo di veicolo (autovettura, autocarro, motociclo, autobus); cilindrata e peso; tipo di carburante impiegato (diesel, benzina, gas); ciclo guida (urbano, extraurbano, autostrada); Per il calcolo delle emissioni di un determinato tratto di strada, risulta quindi fondamentale avere a disposizione i dati relativi al parco veicolare ed i fattori di emissione associati ad ogni categoria di veicolo. Con tali dati si calcola il Fattore di emissione ponderato, che rappresenta il fattore di emissione relativo al parco veicolare circolante in una determinata area geografica. Dal prodotto del Fattore di emissione ponderato, della lunghezza in km del tratto di strada e del traffico veicolare, si ottiene l emissione di un determinato inquinante associata ad un tratto di strada. 20

23 6.1 CALCOLI In merito al parco veicolare sono stati utilizzati dati relativi alla Provincia di Fermo estratti dalle tabelle dell ACI del Parco Circolante nel I valori dei fattori di emissione impiegati per tale studio sono stati estratti dal sito internet Nelle tabelle di seguito mostrate sono riassunti i dati utilizzati per il calcolo del fattore di emissione ponderato per gli inquinanti NOx e PM10. MOTOCICLI - Inquinante PM 10 < 50 cm³ (2 tempi) (fino a 125 DB Parco ACI 2005) CONVENZIONALI ,27% 0,048 0, /24/EC Stage I ,43% 0,009 0, /542/EEC Euro II 343 2,56% 0,009 0, /96 Euro III 383 0,11% 0,009 0, cm³ (4 tempi) CONVENZIONALI ,91% 0,048 0, /24/EC Stage I ,16% 0,009 0, /542/EEC Euro II 781 4,77% 0,009 0, /96 Euro III 578 0,27% 0,009 0, cm³ (4 tempi) CONVENZIONALI ,79% 0,048 0, /24/EC Stage I ,49% 0,009 0, /542/EEC Euro II ,21% 0,009 0, /96 Euro III ,50% 0,009 0,00005 > 750 cm³ (4 tempi) CONVENZIONALI 668 3,71% 0,048 0, /24/EC Stage I 573 3,77% 0,009 0, /542/EEC Euro II 466 1,82% 0,009 0, /96 Euro III 539 0,23% 0,009 0,00002 TOTALI 100,0% 0,

24 MOTOCICLI - Inquinante Nox < 50 cm³ (2 tempi) (fino a 125 DB Parco ACI 2005) CONVENZIONALI ,27% 0,110 0, /24/EC Stage I ,43% 0,165 0, /542/EEC Euro II 343 2,56% 0,165 0, /96 Euro III 383 0,11% 0,165 0, cm³ (4 tempi) CONVENZIONALI ,91% 0,110 0, /24/EC Stage I ,16% 0,165 0, /542/EEC Euro II 781 4,77% 0,165 0, /96 Euro III 578 0,27% 0,165 0, cm³ (4 tempi) CONVENZIONALI ,79% 0,115 0, /24/EC Stage I ,49% 0,165 0, /542/EEC Euro II ,21% 0,165 0, /96 Euro III ,50% 0,165 0,00083 > 750 cm³ (4 tempi) CONVENZIONALI 668 3,71% 0,126 0, /24/EC Stage I 573 3,77% 0,165 0, /542/EEC Euro II 466 1,82% 0,165 0, /96 Euro III 539 0,23% 0,165 0,00038 TOTALI 100,0% 0,

25 AUTOCARRI - Inquinante Nox AUTOCARRI LEGGERI < 3,5 T BENZINA CONVENZIONALI 217 2,4% 2,465 0, /59/EEC Euro I 112 0,9% 0,823 0, /69/ EEC Euro II 170 0,7% 0,442 0, /69 Euro III 114 1,0% 0,173 0, /69 Euro IV 43 0,0% 0,082 0 GASOLIO CONVENZIONALI ,7% 3,035 0, /59/EEC Euro I ,5% 1,574 0, /69/ EEC Euro II ,3% 1,574 0, /69 Euro III ,3% 1,322 0, /69 Euro IV ,8% 1,070 0,00856 AUTOCARRI LEGGERI < 3,5 T BENZINA GASOLIO CONVENZIONALI 91/542/EEC Euro I 91/542/EEC Euro II 99/96/EC Euro III 99/96/EC Euro IV CONVENZIONALI 0 0,0% 0,488 0, ,5 7,5 t 548 2,2% 4,480 0, ,5 16 t 650 2,9% 9,102 0, t 435 2,8% 16,175 0,45290 > 32 t 10 0,0% 23,057 0, ,5 7,5 t 88 0,2% 3,136 0, ,5 16 t 114 0,5% 6,371 0, t 86 0,5% 8,896 0,04448 > 32 t 1 0,0% 12,681 0, ,5 7,5 t 125 0,6% 2,240 0, ,5 16 t 177 1,0% 4,551 0, t 218 1,6% 6,470 0,10352 > 32 t 0 0,0% 9,223 0, ,5 7,5 t 84 0,6% 1,568 0, ,5 16 t 132 0,7% 3,186 0, t 197 1,3% 4,529 0,05888 > 32 t 1 0,0% 6,456 0, ,5 7,5 t 36 0,0% 1,098 0, ,5 16 t 47 0,0% 2,230 0, t 66 0,0% 3,170 0,00000 > 32 t 0 0,0% 4,519 0,00000 TOTALI ,5% 2,

26 AUTOBUS - Inquinante Nox (Extraurbani-Privato Trasporto-Altri Usi) PULLMAN URBANI CONVENZIONALI 90 1,00% 16,533 0, /542/EEC Euro I 22 0,24% 9,093 0, /542/EEC Euro II 59 0,58% 6,613 0, /96 Euro III 39 0,42% 4,629 0,01944 CONVENZIONALI 38 0,04% 17,927 0, /542/EEC Euro I 8 0,01% 12,549 0, /542/EEC Euro II 22 0,02% 8,964 0, /96 Euro III 24 0,00% 6,274 0,00000 TOTALI 302 2,3% 0,25517 TOTALI LEGGERI-PESANTI E AUTOBUS ,8% 2,97249 AUTOCARRI - Inquinante PM 10 AUTOCARRI LEGGERI < 3,5 T BENZINA CONVENZIONALI 217 2,4% 0,060 0, /59/EEC Euro I 112 0,9% 0,020 0, /69/ EEC Euro II 170 0,7% 0,020 0, /69 Euro III 114 1,0% 0,020 0, /69 Euro IV 43 0,0% 0,020 0 GASOLIO CONVENZIONALI ,7% 0,450 0, /59/EEC Euro I ,5% 0,170 0, /69/ EEC Euro II ,3% 0,170 0, /69 Euro III ,3% 0,160 0, /69 Euro IV ,8% 0,130 0,00104 AUTOCARRI LEGGERI < 3,5 T BENZINA CONVENZIONALI 0 0,0% 0,488 0,00000 GASOLIO CONVENZIONALI 91/542/EEC Euro I 91/542/EEC Euro II 3,5 7,5 t 548 2,2% 0,574 0, ,5 16 t 650 2,9% 1,054 0, t 435 2,8% 1,237 0,03464 > 32 t 10 0,0% 1,306 0, ,5 7,5 t 88 0,2% 0,404 0, ,5 16 t 114 0,5% 0,716 0, t 86 0,5% 0,835 0,00418 > 32 t 1 0,0% 0,880 0, ,5 7,5 t 125 0,6% 0,282 0, ,5 16 t 177 1,0% 0,474 0, t 218 1,6% 0,375 0,

27 99/96/EC Euro III 99/96/EC Euro IV > 32 t 0 0,0% 0,392 0, ,5 7,5 t 84 0,6% 0,161 0, ,5 16 t 132 0,7% 0,295 0, t 197 1,3% 0,216 0,00281 > 32 t 1 0,0% 0,229 0, ,5 7,5 t 36 0,0% 0,030 0, ,5 16 t 47 0,0% 0,056 0, t 66 0,0% 0,041 0,00000 > 32 t 0 0,0% 0,043 0,00000 TOTALI ,5% 0,

28 AUTOBUS - Inquinante PM 10 (Extraurbani-Privato Trasporto-Altri Usi) PULLMAN URBANI CONVENZIONALI 90 1,00% 1,020 0, /542/EEC Euro I 22 0,24% 0,694 0, /542/EEC Euro II 59 0,58% 0,321 0, /96 Euro III 39 0,42% 0,179 0,00075 CONVENZIONALI 38 0,04% 0,879 0, /542/EEC Euro I 8 0,01% 0,602 0, /542/EEC Euro II 22 0,02% 0,404 0, /96 Euro III 24 0,00% 0,246 0,00000 TOTALI 302 2,3% 0,01497 TOTALI LEGGERI-PESANTI E AUTOBUS ,8% 0,31683 BENZINA AUTOVETTURE - Inquinante PM 10 Fino a 1400 benzina benzina Oltre 2000 benzina GASOLIO Fino a 2000 gasolio FE sito inventaria Ciclo urbano g/(km*veh) FE ponderato 15/02; ECE 15/03: ECE 15/04 Euro ,6% 0,080 0, /441/EEC Euro I ,1% 0,020 0, /12EC Euro II ,1% 0,020 0, /69/EC Euro III ,2% 0,020 0, /69/EC Euro IV ,0% 0,020 0, /02; ECE 15/03: ECE 15/04 Euro ,8% 0,080 0, /441/EEC Euro I ,1% 0,020 0, /12EC Euro II ,5% 0,020 0, /69/EC Euro III ,0% 0,020 0, /69/EC Euro IV ,5% 0,020 0, /02; ECE 15/03: ECE 15/04 Euro ,3% 0,080 0, /441/EEC Euro I 106 0,1% 0,020 0, /12EC Euro II 191 0,3% 0,200 0, /69/EC Euro III 178 0,3% 0,020 0, /69/EC Euro IV 380 0,1% 0,020 0,00002 CONVENZIONALI ,0% 0,430 0, /441/EEC Euro I 978 0,9% 0,150 0,

29 Oltre 2000 gasolio 94/12/EEC Euro II ,2% 0,150 0, /69/EC Euro III ,7% 0,140 0, /69/EC Euro IV ,3% 0,130 0,00429 CONVENZIONALI 776 0,7% 0,430 0, /441/EEC Euro I 444 0,3% 0,150 0, /12/EEC Euro II ,3% 0,150 0, /69/EC Euro III ,2% 0,140 0, /69/EC Euro IV ,3% 0,130 0,00039 GAS LIQUIDO / METANO Fino a 1400 CONVENZIONALI ,0% 0,060 0, /441/EEC Euro I 883 1,2% 0,020 0, /12/EEC Euro II ,5% 0,020 0, /69/EC Euro III 919 0,5% 0,020 0, /69/EC Euro IV ,2% 0,020 0, CONVENZIONALI ,4% 0,060 0, /441/EEC Euro I ,2% 0,020 0, /12/EEC Euro II ,2% 0,020 0, /69/EC Euro III 762 0,8% 0,020 0, /69/EC Euro IV ,1% 0,020 0,00002 Oltre 2000 CONVENZIONALI 51 0,0% 0,060 0, /441/EEC Euro I 23 0,0% 0,020 0, /12/EEC Euro II 45 0,0% 0,020 0, /69/EC Euro III 29 0,0% 0,020 0, /69/EC Euro IV 57 0,0% 0,020 0,00000 TOTALI ,0% 0,

30 BENZINA AUTOVETTURE - Inquinante Nox Fino a 1400 benzina benzina Oltre 2000 benzina GASOLIO Fino a 2000 gasolio Oltre 2000 gasolio FE sito inventaria Ciclo urbano g/(km*veh) FE ponderato 15/02; ECE 15/03: ECE 15/04 Euro ,6% 1,570 0, /441/EEC Euro I ,1% 0,600 0, /12EC Euro II ,1% 0,340 0, /69/EC Euro III ,2% 0,190 0, /69/EC Euro IV ,0% 0,110 0, /02; ECE 15/03: ECE 15/04 Euro ,8% 1,830 0, /441/EEC Euro I ,1% 0,670 0, /12EC Euro II ,5% 0,440 0, /69/EC Euro III ,0% 0,240 0, /69/EC Euro IV ,5% 0,140 0, /02; ECE 15/03: ECE 15/04 Euro ,3% 2,270 0, /441/EEC Euro I 106 0,1% 0,800 0, /12EC Euro II 191 0,3% 0,510 0, /69/EC Euro III 178 0,3% 0,320 0, /69/EC Euro IV 380 0,1% 0,180 0,00018 CONVENZIONALI ,0% 0,720 0, /441/EEC Euro I 978 0,9% 1,020 0, /12/EEC Euro II ,2% 1,020 0, /69/EC Euro III ,7% 0,810 0, /69/EC Euro IV ,3% 0,590 0,01947 CONVENZIONALI 776 0,7% 1,100 0, /441/EEC Euro I 444 0,3% 1,020 0, /12/EEC Euro II ,3% 1,020 0, /69/EC Euro III ,2% 0,810 0, /69/EC Euro IV ,3% 0,590 0,00177 GAS LIQUIDO / METANO Fino a 1400 CONVENZIONALI ,0% 1,760 0, /441/EEC Euro I 883 1,2% 0,360 0, /12/EEC Euro II ,5% 0,140 0, /69/EC Euro III 919 0,5% 0,090 0, /69/EC Euro IV ,2% 0,050 0,

31 Oltre 2000 CONVENZIONALI ,4% 1,760 0, /441/EEC Euro I ,2% 0,360 0, /12/EEC Euro II ,2% 0,140 0, /69/EC Euro III 762 0,8% 0,090 0, /69/EC Euro IV ,1% 0,050 0,00005 CONVENZIONALI 51 0,0% 1,760 0, /441/EEC Euro I 23 0,0% 0,360 0, /12/EEC Euro II 45 0,0% 0,140 0, /69/EC Euro III 29 0,0% 0,090 0, /69/EC Euro IV 57 0,0% 0,050 0,00000 TOTALI ,0% 0,

32 6.2 RISULTATI E DISCUSSIONE Una volta determinati i fattori di emissione ponderati è necessario determinare la lunghezza del tratto di strada di interesse (in km) ed i flussi veicolari giornalieri delle diverse categorie di veicoli, come calcolati nel paragrafo relativo al traffico. Nello scenario ANTE OPERAM le emissioni associate alle strade interessate dal traffico indotto sono pari a 12,5 kg Nello scenario POST OPERAM le emissioni associate alle strade interessate dal traffico indotto sono pari a 12,9 kg L incremento percentuale di emissioni di PM10, in riferimento alle sole strade interessate dal traffico indotto, è pari al 3,33% Nello scenario ANTE OPERAM le emissioni associate alle strade interessate dal traffico indotto sono pari a 125,3 kg Nello scenario POST OPERAM le emissioni associate alle strade interessate dal traffico indotto sono pari a 129,6 kg L incremento percentuale di emissioni di NOx, in riferimento alle sole strade interessate dal traffico indotto, è pari al 3,45% 30

33 6.2.1 INTERVENTI DI MITIGAZIONE DEGLI EFFETTI Le scelte relative agli interventi per la mitigazione degli effetti, come accennato nelle premesse, derivano da Accordi presi a livello regionale ed interprovinciale (D.G.R del 6/12/2010 Provvedimenti contingenti per la riduzione della concentrazione di polveri sottili PM10 nell aria ambiente. Accordo di Programma Regione Marche, Province, Comuni di zona A ). Tali Atti amministrativi sono orientati a gestire il problema dell inquinamento atmosferico in modo omogeneo e coordinato in tutta la regione. Il comune di Porto Sant Elpidio rientra infatti fra quei comuni della Regione Marche inclusi nella zona A (di cui al Piano di Azione approvato con DACR52/2007) che si sono impegnati ad attuare misure per il risanamento della qualità dell aria fino al venir meno delle criticità rilevate. Le misure previste sono relative alla limitazione della circolazione dei veicoli maggiormente inquinanti in determinati periodi ed in determinate aree CONCLUSIONI Si evidenzia che l incremento percentuale calcolato, già di per se molto basso, è relativo alle sole infrastrutture considerate, che sono quelle maggiormente interessate dal traffico indotto dal nuovo insediamento. Tutte le altre infrastrutture presenti nel territorio comunale, come anche le altre sorgenti, continueranno ad emettere inquinanti senza subire alterazioni in conseguenza dell attuazione del Piano. Pertanto, volendo effettuare una valutazione globale delle emissioni relative all intero territorio comunale, che prenda quindi in considerazione l intero reticolo infrastrutturale (compresa l autostrada A14), si può senza dubbio affermare che le emissioni inquinanti associate al nuovo insediamento sono assolutamente irrilevanti. Le valutazioni sono state effettuate nel periodo estivo, quando il traffico indotto è maggiore. Nel periodo invernale la capacità di attrazione del nuovo insediamento sarà ridotta e le emissioni dovute al traffico veicolare saranno molto inferiori a quelle calcolate. Inoltre si ritiene che gli interventi infrastrutturali previsti possano comportare dei benefici sulla fluidità del traffico, effetti questi che non sono stati considerati nelle valutazioni; infatti il ciclo di guida considerato, sia nello scenario ante operam che in quello post operam, è quello urbano, caratterizzato dai valori di emissione più alti. Il potenziamento dei percorsi ciclo-pedonali andrà inoltre a ridurre il contributo di traffico generato a livello locale, e ancora, la realizzazione del parco urbano comporterà un miglioramento della qualità dell aria che, pur non essendo quantificabile, andrà a bilanciare gli effetti negativi dovuti alle sorgenti suddette. Non sono state effettuate valutazioni relative alla dispersione degli inquinanti in quanto le opere previste dal intervento non influiscono su tale fattore. 31

34 7. RADON In uno studio promosso nel 1989 dall APAT e dall Istituto Superiore di Sanità (ISS) e completato nel 1997 sono state indagate a campione le varie realtà regionali per la presenza indoor di radon. La Regione Marche si è attestata fra le regioni con la più bassa concentrazione di gas radon, preceduta solo dalla Calabria. Il valore medio regionale è risultato pari a 29 Bq/m3 ed è stato ottenuto prendendo in esame un campione di 239 abitazioni dislocate in 12 Comuni delle Marche scelti in modo casuale. Sul totale delle abitazioni considerate nella regione il 90% di queste ha presentato livelli inferiori a 50 Bq/m3. Inoltre non si è evidenziata alcuna situazione in cui è stato superato il valore di riferimento di 400 Bq/m3, suggerito dalla Raccomandazione della Commissione Europea 143/902 per gli edifici esistenti. A completamento dell informazione sulla presenza di gas radon a Porto Sant Elpidio, si riportano i valori dei 9 rilievi svolti nel territorio delle province di Ascoli e Fermo dalla società GEOEX s.a.s. e pubblicati sul sito In generale si conferma quindi l assenza di livelli preoccupanti di gas radon nell area vasta e nello specifico a Porto Sant Elpidio. 32

35 8. EMISSIONI LUMINOSE Studi scientifici mirati confermano l influsso in alcuni sistemi biologici delle lampade per l illuminazione pubblica (in particolare quelle ad ampio spettro di emissione) in alcuni cicli vitali quali la riproduzione (rettili), la migrazione (lepidotteri, uccelli), la produzione di sostanze vitali e i ritmi stagionali (piante). Se non si presta specifica attenzione nella costruzione degli impianti di illuminazione si produce quindi dispersione di luce di disturbo e inutile, soprattutto laddove è possibile utilizzare lampade a spettro di emissione ristretto. Il nuovo insediamento potrebbe risultare, se dotato di una illuminazione non appropriata, fonte di turbativa alla avifauna. L Italia riveste grande attrazione per gli uccelli migratori soprattutto in primavera, quando la penisola italiana costituisce la prima opportunità di sosta per le specie migratorie che cercano rotte più dirette verso i luoghi di nidificazione. Nella zona mancano comunque zone umide di una certa importanza, per cui specie caratteristiche di questa tipologia di ambiente possono frequentare l area solo in maniera occasionale o in corrispondenza del passaggio migratorio. Per il contenimento dell inquinamento luminoso, che contempla la salvaguardia della fauna notturna e delle rotte migratorie dell avifauna dai fenomeni di inquinamento luminoso, la tutela dei siti degli osservatori astronomici professionali e non professionali, nonché delle zone loro circostanti, dall inquinamento luminoso, occorre utilizzare apparecchi d illuminazione che devono contenere entro il tre per cento, rispetto al flusso luminoso emesso dalle lampade, il flusso luminoso che viene inviato nell emisfero superiore (criterio "zero luce verso l'alto", per cui nessun corpo illuminante può inviare luce al di sopra dell'orizzonte). Rispetto quindi all illuminazione pubblica a LED prevista (articolo 12 NTA piano di riqualificazione) si può concludere che andranno predisposti apparecchi LED che rientrano in tali prescrizioni. 9. INCIDENTALITA STRADALE I dati sull incidentalità stradale relativi all anno 2006 pubblicati dall ACI segnalano come nel territorio comunale di Porto Sant Elpidio siano avvenuti 175 incidenti che hanno causato un morto e 248 feriti. La stessa fonte organizza i dati sugli incidenti in base alle direttrici stradali del territorio delle province di Ascoli Piceno e Fermo. Emerge quindi che la direttrice più problematica in termini di incidenti è la SS Adriatica, che registra una densità di 3,42 incidenti per km di strada (164 incidenti in 48 km). In termini di mortalità la SS Adriatica è la terza arteria più problematica delle province di Ascoli e Fermo. 33

L'anno, il giorno. del mese di, presso la sede dell'amministrazione Provinciale di Fermo, TRA

L'anno, il giorno. del mese di, presso la sede dell'amministrazione Provinciale di Fermo, TRA SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA RIQUALIFICAZIONE URBANA DELL AREA EX FIM SITA IN COMUNE DI PORTO SANT ELPIDIO, APT2 SUBCOMPARTO A, INVARIANTE AL VIGENTE PRG. L'anno, il giorno. del mese di, presso la

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

Previsione di Clima Acustico

Previsione di Clima Acustico COMUNE DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Previsione di Clima Acustico Opera soggetta a previsione: PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE ARCHITETTONICA E FUNZIONALE DEI CAPANNONI 17 e 18 NELL AREA DELLE

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Provincia di Ravenna Comune di Faenza

Regione Emilia-Romagna Provincia di Ravenna Comune di Faenza Regione Emilia-Romagna Provincia di Ravenna Comune di Faenza Valutazione della mobilità indotta e verifica di accessibilità relativa al Progetto unitario di trasformazione dell area di via Emilia Levante

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

RAPPORTO PRELIMINARE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTIBILITÀ ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) - ART. 12 D.L. N. 4/2008

RAPPORTO PRELIMINARE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTIBILITÀ ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) - ART. 12 D.L. N. 4/2008 AREE DI RIQUALIFICAZIONE URBANA DI CONNESSIONE DEI MARGINI URBANI CALISESE VIA MALANOTTE COMP. OVEST 08/10 AT2-AT5 COMMITTENTE: LA CALISESE IMMOBILIARE SRL SANTERINI GAETANO DI SANTERINI MARIA E C SAS

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 1. Premessa La presente relazione è stata redatta in ottemperanza alle disposizioni contenute

Dettagli

S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM 151+000 AL KM 153+780 PROGETTO DEFINITIVO

S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM 151+000 AL KM 153+780 PROGETTO DEFINITIVO S.S. 4 SALARIA ADEGUAMENTO DEL TRATTO TRISUNGO-ACQUASANTA TERME 1 LOTTO 2 STRALCIO DAL KM 151+000 AL KM 153+780 PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE IMPATTO ACUSTICO 1 INDICE 1. PREMESSA...3 2. ANALISI DELLA

Dettagli

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Comune di Bologna Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Giovanni Fini Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città Settore Ambiente UI Valutazioni e Controllo

Dettagli

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è inserita l area di trasformazione. L accesso all area avviene

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

stipulano il seguente Accordo di Programma

stipulano il seguente Accordo di Programma Allegato 1 Accordo di Programma tra Regione, Province e URPT, Comuni e ANCI per il risanamento della qualità dell aria ambiente nelle aree urbane Premesso che. - in data 15 aprile 2003 è stato firmato

Dettagli

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito AC 11a è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia.

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

VALUTAZIONE DI CLIMA ACUSTICO DELL AREA DESTINATA ALL INSEDIAMENTO DELL ISTITUTO NEUROLOGICO C. BESTA DI MILANO

VALUTAZIONE DI CLIMA ACUSTICO DELL AREA DESTINATA ALL INSEDIAMENTO DELL ISTITUTO NEUROLOGICO C. BESTA DI MILANO VALUTAZIONE DI CLIMA ACUSTICO DELL AREA DESTINATA ALL INSEDIAMENTO DELL ISTITUTO NEUROLOGICO C. BESTA DI MILANO Giovanni Zambon, Alessandro Bisceglie, Filippo Beltramini, Elio Sindoni DISAT Dipartimento

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia)

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO ECOLOGIA-AMBIENTE CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE DI CHIOGGIA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE GIUGNO 2002 Il Responsabile

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto PROGETTISTI: gruppo argo architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto Vicolo cilea 11 27029 vigevano pv tel - fax 0381 903221

Dettagli

VALUTAZIONE PREVISIONALE DEL CLIMA ACUSTICO E DI IMPATTO ACUSTICO INDICE

VALUTAZIONE PREVISIONALE DEL CLIMA ACUSTICO E DI IMPATTO ACUSTICO INDICE INDICE 1. PREMESSA... 2 2. QUADRO NORMATIVO... 3 3. VALUTAZIONE PREVISIONALE CLIMA ACUSTICO... 5 3.1 Introduzione... 5 3.2 Descrizione dell area in oggetto... 6 3.3 Caratterizzazione acustica... 9 3.4

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO)

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) PIANO DI RECUPERO DE CAPITANI D ARZAGO DOCUMENTO DI SINTESI RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE PER VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI RECUPERO DI VIA GRAMSCI

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA Manuela Zublena, Giordano Pession Italia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Valle d Aosta Sezione

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE

COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE COMUNE DI SASSUOLO PROVINCIA DI MODENA POC PIANO OPERATIVO COMUNALE INTEGRAZIONI DELLE PRESCRIZIONI DI CARATTERE GEOLOGICO-GEOTECNICO CONTENUTE NELLA VALSAT E NELLA SCHEDA NORMATIVA D AMBITO DEL POC OPERE

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO Committente: Fondazione Fiera Milano Progettisti: Massimiliano Fuksas -Studio Altieri, Lombardi & Associati e altri Soggetto attuatore: Fondazione Fiera Milano Inizio attività: Anno 2002 Ultimazione lavori:

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Medie strutture di vendita Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli

Il Piano urbanistico esecutivo

Il Piano urbanistico esecutivo Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Firenze Il Piano urbanistico esecutivo Le scelte effettuate all interno del Piano urbanistico esecutivo (Pue), si focalizzano intorno alla rivitalizzazione

Dettagli

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA ADOTTATO NEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/07/15 IL PIANO ATTUATIVO DELL AREA AT1 (EX MEDASPAN), ADESSO IL PIANO PASSA ALLA FASE DI ANALISI DELLA REGIONE FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO MOTIVAZIONE DELL INTERVENTO. Oggetto:

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO MOTIVAZIONE DELL INTERVENTO. Oggetto: Comune di Cividate al Piano Provincia di Bergamo RELAZIONE TECNICA Oggetto: Ampliamento attività industriale Via Cortenuova, Cividate al Piano (BG) Richiesta permesso di costruire mediante il procedimento

Dettagli

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it Riferimento commessa: P0809 Novembre 2012 prof. arch. Giorgio Goggi ing. Michele D Alessandro Responsabile scientifico Direttore

Dettagli

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia Comune di Sant'Ilario d'enza Provincia di Reggio Emilia L.1150/1942 - L.R. 20/2000 e s.m.i PIANO URBANISTICO COMUNALE Capoluogo Calerno Sindaco Assessore all'urbanistica Segretario Comunale Ufficio Tecnico

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo. Stima emissioni dell impianto

Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo. Stima emissioni dell impianto Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo In adempimento alla delibera dell Assemblea legislativa regionale n. 51 del 26 luglio 2011 è stato predisposto un servizio on-line per il

Dettagli

GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA

GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA ELIO CIRALLI, dr. eng. Obiettivi del Piano Regolatore del Porto, definiti nei documenti

Dettagli

SINTESI DELLE LIMITAZIONI E DELLE CONDIZIONI DI SOSTENIBILITÀ DEGLI AMBITI DI POTENZIALE TRASFORMAZIONE

SINTESI DELLE LIMITAZIONI E DELLE CONDIZIONI DI SOSTENIBILITÀ DEGLI AMBITI DI POTENZIALE TRASFORMAZIONE PREMESSA Il testo che segue, comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC ed allegate all Elab. 1 del POC 2010-2015, costituisce il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del

Dettagli

BANDO PUBBLICO - Delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 28/07/2011

BANDO PUBBLICO - Delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 28/07/2011 COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO BANDO PUBBLICO - Delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 28/07/2011 PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SERVIZI PER L AUTOMOBILE CON AUTOHOTEL PER

Dettagli

Piano Integrato d Area del Medio Lago

Piano Integrato d Area del Medio Lago Provincia di Brescia Comunità montana del Sebino Bresciano Piano Integrato d Area del Medio Lago (Comuni di Marone, Monte Isola, Sale Marasino, Sulzano) Terzo stato di avanzamento giugno 2005 Indice 1)

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia Comune di Desenzano del Garda Provincia di Brescia INDAGINI DI TRAFFICO IN FUNZIONE DEL PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PLESSO SCOLASTICO E DI UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE IN LOCALITA

Dettagli

Consorzio ZAI Comune di Verona

Consorzio ZAI Comune di Verona Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Sommario 1 PREMESSA... 2 2 CONTENUTI DELLO STUDIO E ANTICIPAZIONE DEI RISULTATI... 2 3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 5 4 SISTEMA INFRASTRUTTURALE

Dettagli

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST CONSISTENZA (mq) 5.000 circa CONSISTENZA RAGGUAGLIATA 3.805

Dettagli

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio)

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) 1 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) - - - - - - - 2 3 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO Appendice A ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 01.02.2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12 Comune di Pavullo nel Frignano Piano Urbanistico Attuativo di Iniziativa Privata Ambito ASP 2.7 di rilievo sovracomunale sito in località Casa Zanaroli Cà del Lupo e denominato: POLO ARTIGIANALE INDUSTRIALE

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO

PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO Il Programma Integrato di Intervento in esame risulta procedibile ai sensi della Legge regionale 11 marzo 2005 n. 12 e successive modifiche ed integrazioni in

Dettagli

Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ

Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ il vento spazza via le polveri sottili, ma l attenzione resta alta per la città

Dettagli

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST CONSISTENZA (mq) 5.000 circa CONSISTENZA RAGGUAGLIATA 3.805

Dettagli

CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO

CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO INDICE CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO... 1 1. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO... 3 1.1 METODOLOGIA DI ANALISI... 3 1.2 LE COMPONENTI DELLA GRIGLIA

Dettagli

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE INDICE 1 PREMESSA... 2 2 COSTI DI REALIZZAZIONE E COSTI DI GESTIONE... 4 3 BENEFICI TRASPORTISTICI... 6 4 VARIAZIONE DELLA SICUREZZA... 8 5 BENEFICI AMBIENTALI -VARIAZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO... 11

Dettagli

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE

IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE IMPIANTO PILOTA PER LA PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI IDROGENO A BOLZANO: PRIMO PASSO VERSO UN CORRIDOIO VERDE ing. Carlo Costa Bolzano, 22 settembre 2011 LA SITUAZIONE ENERGETICA MONDIALE Consumo mondiale

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli

CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica

CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica COMUNE DI THIENE UFFICIO URBANISTICA CRITERI per l applicazione della perequazione, del credito edilizio e della compensazione urbanistica 1 Premessa Il presente documento detta i criteri di valutazione

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA 1 INTRODUZIONE La realizzazione delle opere della nuova linea ad alta velocità Torino-Lione (N.L.T.L.) interessa a cielo aperto la piana delle Chiuse tra la pk 83+003, imbocco Ovest del Tunnel dell Orsiera

Dettagli

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl SOMMARIO 1 Premessa...3 2 Inquadramento dell area ed elaborazione dei dati orografici...5 3 Caratterizzazione meteorologica dell area ed elabo-razione dei dati meteo...8 4 Situazione di progetto... 12

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/286 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i.

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Allegato 1 Stima degli effetti ambientali attesi

Dettagli

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 12. LE NORME DI ATTUAZIONE CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Art. 1 Natura giuridica Il Piano della Viabilità costituisce parte del

Dettagli

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 2.1 PARCHEGGIO PUBBLICO 3 2.2 IL PROGETTO DEL VERDE E LE SISTEMAZIONI ESTERNE 5 2.3 RETI INFRASTRUTTURALI 6 File PT_OO.UU.G.2_RELAZIONE DESCRITTIVA.docx

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Linee guida progettuali per un nuovo Piano delle Regole Lombardo il caso Meda: modelli insediativi e indirizzi urbanistici per

Dettagli

3. Invito agli esercizi commerciali di chiusura delle porte di accesso ai propri locali;

3. Invito agli esercizi commerciali di chiusura delle porte di accesso ai propri locali; PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNI RICADENTI NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA: AZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA ED IL CONTRASTO ALL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO . COMUNE DI BOLOGNA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO DI PROGRAMMAZIONE PARTECIPATA Pagina 1 Capo 1 : lineamenti generali Art. 1. - Obiettivi

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77

Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.1 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 77 Tavola 13.2 Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto 78 Art.27 Progetto Strategico Riqualificazione di viale Carducci-Rovereto Il Progetto

Dettagli

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA RELAZIONE VIABILE Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA Data: 26 febbraio 2015 Autori: arch. Roberta Patt INDICE 1 INTRODUZIONE...2

Dettagli

AREA 4 AREA INDUSTRIALE. Pisani Studio di Ingegneria Acustica INTERVENTI DI RIDUZIONE DEL RUMORE EMESSO DAGLI IMPIANTI

AREA 4 AREA INDUSTRIALE. Pisani Studio di Ingegneria Acustica INTERVENTI DI RIDUZIONE DEL RUMORE EMESSO DAGLI IMPIANTI AREA INDUSTRIALE AREA 4 INTERVENTI DI RIDUZIONE DEL RUMORE EMESSO DAGLI IMPIANTI Via Asti Via Alessandria Via Pavia Via Genova 16. AREA INDUSTRIALE DI CASCINE VICA Lo studio condotto dall ARPA ha evidenziato

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Comune di Scandicci Variante al Piano di Recupero RQ 05a* - Area ex fonderia Le Cure, approvato con Deliberazione di C.C. n. 83 del 21.07.2009, già in variante rispetto all originario Piano di Recupero

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Presentazione Il capitolo riprende in modo organico gli aspetti metodologici e procedurali affrontati nel corso del lavoro con l obiettivo di definire

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Premessa La presente relazione paesaggistica è redatta secondo le indicazioni della Deliberazione Giunta Regionale 15 marzo 2006 n. 8/2121: Criteri

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI

7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7 ACCESSI E DIRAMAZIONI 7.1 - ACCESSI E DIRAMAZIONI. DEFINIZIONI E TIPOLOGIA Tra i diversi fattori che possono influire sulle prestazioni, in termini di sicurezza e di funzionalità, di una strada, occupano

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli