Comune di Tuenno. numero 1 - febbraio 2010 Periodico semestrale del Comune di Tuenno. Aut. del Trib. di Trento n del 15/01/2007. voci da...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Tuenno. numero 1 - febbraio 2010 Periodico semestrale del Comune di Tuenno. Aut. del Trib. di Trento n. 1310 del 15/01/2007. voci da..."

Transcript

1 Comune di Tuenno numero 1 - febbraio 2010 Periodico semestrale del Comune di Tuenno. Aut. del Trib. di Trento n del 15/01/2007 voci da...

2 pag. pag. pag. pag. pag. 3 AL TERMINE DEL MANDATO Pietro Leonardi 4 DALL ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI Livio de Aliprandini, Rodolfo Grandi 5 DALL AZIENDA ELETTRICA Lorenzo Pinamonti, Chiara Leonardi 7 DALL ASSESSORATO ALLE FORESTE Giuseppe de Concini, Marco Odorizzi 8 UNA MOZIONE PER L ACQUA pag. 10 DALL ASSESSORATO ALLA CULTURA Maria Teresa Grandi, Maria Teresa Giurato pag. 11 TRIBUTI COMUNALI pag. 13 PULIZIA DEI CAMINI pag. 13 ONORANZE FUNEBRI pag. 14 DONNE A TUENNO Maria Teresa Giurato, Maria Teresa Grandi pag. 15 DALLA PRO LOCO pag. 16 CIRCOLO TENNIS pag. 16 CORO PARROCCHIALE pag. 17 IL 2009 DELL AVIS... pag E DELLA SAT Matteo Pizzini pag. 19 I CADUTI DI TUENNO pag. 19 GRUPPO ALPINI pag. 20 ASSOCIAZIONE CONTROCORRENTE: OPERAZIONE MATO GROSSO Sergio Deromedis, Francesca Martini pag. 21 PRESEPI A TUENNO Maria Teresa Giurato, Maria Teresa Grandi pag. 22 ASSOCIAZIONE ORATORIO PARROCCHIALE pag. 23 DON EUGENIO LEONARDI ( ), MISSIONARI EN AFRICA VOCI DA TUENNO Periodico semestrale del Comune di Tuenno Direttore Responsabile: Alberto Mosca Hanno collaborato a questo numero: Luigi Dalmonego Livio de Aliprandini Gianni de Concini Maria Teresa Giuriato Maria Teresa Grandi Rodolfo Grandi Giovanni Leonardi Pietro Leonardi Renzo Zanolini Andrea Depaoli Marco Odorizzi Giuseppe De Concini Il personale degli Uffici Comunali Le Associazioni del Comune Realizzazione: Agenzia Nitida Immagine Cles In copertina: veduta di Tuenno (foto Fedrizzi - Tuenno) pag CANDELINE PER LA BANDA COMUNALE pag CANDELINE PER IL CONSORZIO F.A.T. pag. 28 SCI CLUB TUENNO pag. 28 ASSOCIAZIONE BOCCIOFILA pag. 29 DAL CIRCOLO ANZIANI pag. 30 LA STAGIONE SPORTIVA 2008/09 IL RICORDO D UN CARO AMICO pag. 31 GRUPPO TEATRALE pag. 31 FOSSILI EN VAL GELADA pag. 33 QUIZ CULTURALIZ pag. 34 DOI CIACOLE COL POMAR pag. 34 NòT DE NàDAL! pag. 34 AI POMPIERI DEI NòSI PAESI sommario Chiunque avesse proposte volte ad arricchire il prossimo numero del bollettino comunale, può farle pervenire presso gli uffici comunali.

3 dal Sindaco Al termine del mandato Cari concittadini, sono ormai giunto al termine del mio mandato di sindaco e vi voglio ringraziare per avermi concesso l onore e l onere di essere il vostro rappresentante e di amministrare il nostro paese. Dopo cinque anni di impegno è giunto per me il momento di fare un bilancio del mio agire, di valutare quanto è stato fatto e quanto rimane ancora da fare. Non parlerò delle opere realizzate, né di quelle che prenderanno il via in questi mesi, perché di questo parleranno gli assessori competenti e ne siete già stati informati nei bollettini comunali precedenti. Non tutto quanto era stato progettato e auspicato nel nostro programma si è concretizzato, non per nostro scarso impegno o volontà, ma spesso perché la complessità delle opere e la ricerca del come finanziarle ne hanno rallentato o impedito la realizzazione, richiedendo tempi lunghi che vanno ben oltre il mandato che sta per concludersi. Consapevole del fatto che problemi e decisioni rimangono ancora da risolvere e da prendere, sono comunque onestamente convinto che, in questi cinque anni trascorsi insieme, abbiamo lavorato per far crescere e migliorare il nostro paese. Nello corso del mio incarico ho incontrato cittadini dinamici e generosi, sia nel proprio lavoro che nella vita comunitaria, portatori di proposte ma anche di critiche, che ho ascoltato, facendone tesoro per svolgere al meglio il mio lavoro di sindaco. Come avevo promesso al momento del mio insediamento, sono stato presente in Comune tutti i giorni e disponibile in ogni momento; purtroppo non sempre ho potuto dare una risposta positiva alle richieste che mi venivano poste, perché chi amministra il bene pubblico deve rispettare innanzitutto le leggi vigenti e l interesse collettivo. Davanti a noi abbiamo un futuro non certo facile: la crisi economica sta facendo sentire i suoi effetti negativi sia sulle nostre aziende che sulle nostre famiglie. Questo ci impone una riflessione ancora più attenta sulle risposte da dare ai bisogni della comunità ed alla ricerca continua di opportunità per i nostri giovani, ed in momenti come questi è indispensabile l impegno di tutti, in uno sforzo collettivo, superando le sterili polemiche. Colgo l occasione per ringraziare pubblicamente gli assessori ed i consiglieri che mi hanno sostenuto ed incoraggiato, e che hanno lavorato con tenacia e responsabilità, entusiasmo ed efficienza, concretizzando le scelte fatte collettivamente, dando il meglio di sé: Giuriato M. Teresa e Grandi M. Teresa - Assessori alla cultura - che hanno stimolato e vivacizzato la vita culturale del nostro paese con attività di alto spessore, sempre apprezzate non solo dagli abitanti di Tuenno ma anche da quelli dei paesi limitrofi e lontani. Odorizzi Marco e De Concini Giuseppe Assessori all agricoltura e al turismo hanno cercato di dare risposta alle esigenze di frutticoltori ed allevatori e di favorire lo sviluppo turistico sia in Val di Tovel che in montagna. Pinamonti Lorenzo e Leonardi Chiara Assessori allo sport, alle politiche giovanili e all energia - che hanno seguito le attività dei gruppi sportivi, cercato soluzioni per il centro sportivo, studiato e risolto i problemi della nostra Azienda Elettrica e cooperato alle politiche giovanili. Grandi Rodolfo e De Aliprandini Livio Assessori ai lavori pubblici che hanno seguito passo passo sia le progettazioni che i cantieri delle numerose opere realizzate in questi cinque anni. Menapace Ermanno Capogruppo in Consiglio Comunale che ha stimolato il lavoro di noi tutti, seguendo la stesura del PRG e cercando soluzioni per la nuova zona artigianale. Inoltre voglio ringraziare i dipendenti comunali che con il loro lavoro hanno contribuito con professionalità a risolvere i tanti problemi che quotidianamente dobbiamo affrontare. In questi cinque anni purtroppo non c è stato il dialogo e la collaborazione all interno del consiglio comunale. La contrapposizione tra maggioranza e minoranza del consiglio non ha creato il clima adatto per lavorare insieme in modo costruttivo, al fine di far crescere sempre più la nostra comunità, nel rispetto delle diverse opinioni. La vita democratica in un piccolo paese come il nostro dovrebbe essere di stimolo all agire di chi ha avuto il mandato di amministrare il paese. Da noi non si possono e non si devono riproporre le contrapposizioni che avvengono in sede nazionale. Sicuramente, se con le prossime elezioni il giudizio degli elettori su come abbiamo amministrato non sarà positivo, il nostro atteggiamento sarà ugualmente propositivo ed improntato alla soluzione dei problemi, aperto a collaborare con chi dovrà amministrare il paese di Tuenno. Concludo questo mio breve scritto porgendo a tutti voi i miei più cari saluti e ricordandovi che l amministrazione comunale è sempre a disposizione dei cittadini. Il sindaco Pietro Leonardi 3

4 dalla Giunta Comunale Dall assessorato ai lavori pubblici SCUOLA MEDIA ED ELEMENTARE I lavori di ristrutturazione e ampliamento dell edificio adibito a scuola elementare e media, compresa la mensa sono praticamente conclusi, eccetto qualche piccola rifinitura. Il costo complessivo dell opera è di ,00 euro; con il 90% di contributo provinciale della spesa ammessa. Il progetto è stato redatto dall arch. Gianluigi Zanotelli. CASERMA VIGILI DEL FUOCO I lavori sono finiti; i vigili del fuoco sono nella nuova caserma dal 14 giugno 2009 ed è stata inaugurata il 6 settembre. Cogliamo l occasione per ringraziare i nostri vigili del fuoco volontari e il loro comandante per l impegno costante per la comunità di Tuenno. Auguriamo loro buon lavoro, potendo contare nella nuova caserma di nuovi spazi ampi e adeguati per svolgere il loro servizio. Il progetto è stato redatto dall arch. Patrizia Mazzoleni. Il costo complessivo dell opera è di ,00 euro con l 80% di contributo provinciale della spesa ammessa. COLLETTORE VIA PASOTTI Nel 2006, a seguito dell evento calamitoso dell anno 2002, è stato realizzato il collettore delle acque bianche in via Pasotti per la regimazione delle acque (rete fognaria bianca). Costo: ,00 Euro. RAMO ACQUEDOTTO FOSINE Nel 2007 è stato realizzato il nuovo ramo dell acquedotto a servizio delle località Fosine. costo: ,00 Euro RISTRUTTURAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE LOCA- LITà LAGO DI TOVEL Nel 2007 l impianto di depurazione a servizio della fognatura in località Lago di Tovel è stato ristrutturato e sono state costruite due nuove vasche con pompe annesse. Queste per il momento funzionano grazie ad un generatore in attesa dell arrivo della linea elettrica. I lavori sono stati eseguiti dalla ditta Ter System s.r.l. di Cavedago. Costo: ,00 Euro. ROTATORIA BAZINO Nel 2008 è stata realizzata la rotatoria del Bazino in via Quattro Ville (costo: ,00 Euro). Il progetto è stato redatto dall ufficio tecnico comunale e questa opera indispensabile per la messa in sicurezza dell incrocio di 5 strade. I lavori della rotatoria hanno completato l opera iniziata nel 2006 con l allargamento della parte finale di via Quattro Ville fino al confine comunale verso Tassullo (costo: ,00 Euro). In tutti e due i lavori la ditta che si è aggiudicata l appalto per ribasso d asta è stata la Giardini Valentini di Rallo. ACQUEDOTTO COMUNALE Nel 2009 sono stati appaltati i lavori per il rifacimento del 1 lotto dell acquedotto della zona alta del paese. La ditta che si è aggiudicata i lavori è la Menapace s.r.l. di Tuenno che inizierà i lavori a marzo. Le vie interessate sono via Stradone Vecchio più la parte nord di via Maistrelli fino al caseificio. L importo complessivo è di ,00 euro. In questa parte di acquedotto le rotture e le perdite erano frequenti e la sostituzione della condotta era improcrastinabile. Nel 2010 sarà appaltato il 2 lotto dell acquedotto anche questo a servizio della zona alta del paese. Questo lotto interesserà la zona prospiciente al caseificio sulla strada provinciale delle Quattro Ville partendo dal mobilificio Menapace e scendendo verso le Savene per circa 200 m per poi tornare sulla strada comunale di via Quattro Ville adiacente il gommista Dallavalle Luigi e chiudere l anello all incrocio su via Maistrelli già interessata dal 1 lotto. Per il 2 lotto abbiamo una spesa complessiva di ,00 euro. Su tutti e due i lotti il costo è in parte coperto dal contributo provinciale. Il progetto è stato redatto dall ing. Paolo Odorizzi. PISTA CICLABILE I lavori sono quasi finiti, ma mancano alcuni lavori tra cui il guardrail lungo la strada provinciale e alcune piccole rifiniture. A primavera, prima possibile, sarà fatto il collaudo. ALLARGAMENTO VIA STRADONE VECCHIO Nel 2009 sono iniziati i lavori di allargamento di via Stradone Vecchio il progetto è del geom. Corradini di Tassullo: La ditta che si è aggiudicata i lavori per ribasso d asta è l Arnoldi di Denno. La ditta ha iniziato i lavori a dicembre poi interrotti per l inverno, appena la stagione lo permetterà saranno ripresi i lavori. Costo: ,00 Euro. POSIZIONAMENTO SEGNALETICA STRADALE Nel 2009 è stata posizionata la nuova segnaletica turistica, artigianale e commerciale. Costo: ,00 euro. 4

5 dalla Giunta Comunale ASFALTATURA STRADE Nel 2006 è stato eseguito un intervento di sistemazione del parcheggio posto all incrocio della s.p. 14 del Lago di Tovel. Costo: euro. Per asfaltature delle strade urbane sono stati spesi: nel 2007: ,00 euro nel 2008: ,00 euro nel 2009: ,00 euro Per il 2010 sono a bilancio ,00 euro. Le strade programmate sono via Peller, via Coltura e via Degasperi. ALLARGAMENTO VIA VANUCLA Nel 2010 sono a bilancio ,00 euro. Il progetto per l allargamento e la sistemazione di via Vanucla è del geom. Moratti Davide. È previsto anche il rifacimento delle acque bianche, nere e sottoservizi. La strada sarà allargata di 1,5 m per quasi tutta la sua lunghezza di 1 m nella parte finale. TERRAZZA PANORAMICA Nell anno 2010 sono a bilancio i fondi per la costruzione di una terrazza panoramica a sud est della nuova Famiglia Cooperativa e adiacente alla fontana facente parte del piano attuativo p.a. 4C già approvato dal Consiglio Comunale. Costo: ,00 euro. Livio de Aliprandini Rodolfo Grandi Dall azienda elettrica Si sta per concludere il nostro mandato amministrativo ed è quindi ora di fare un bilancio di quello che è stato fatto. AZIENDA ELETTRICA COMUNALE Con l inizio della nostra legislatura ci siamo posti come obiettivi il mantenere, migliorare e se possibile ampliare i servizi fin qui prestati dal nostro Ente alla comunità di Tuenno, unitamente al risparmio di risorse sempre più scarse. Il servizio di distribuzione di energia elettrica richiedeva urgenti scelte, vuoi per la normativa che disciplina il settore sempre più complessa, vuoi per la scarsissima redditività che il settore riserva per le aziende di piccole dimensioni. La scelta di partecipare alla Società A.I.R. Azienda Intercomunale Rotaliana rifletteva urgenze di carattere gestionale ed economico di investimento. Mi soffermo brevemente su questi aspetti. GESTIONALE Attualmente la gestione commerciale con i clienti è gestita dalla Società Trenta Spa. La presenza di uno sportello nel nostro Comune (che si aggiunge alla disponibilità telefonica) ci permette di avere un dialogo diretto con informazioni sulla normativa e sui possibili piani finanziari, con possibilità anche di accedere al mercato libero dell energia. Sono garantiti dalla carta dei servizi i tempo per la stipula e modifica dei contratti, per l esecuzione degli allacciamenti. Il servizio è steso anche al mercato del gas metano. La parte tecnica esecutiva, installazione di contatori, modifiche tecniche, allacciamenti alle reti, rimane in capo ad A.I.R. Spa. È in corso la sostituzione da parte di A.I.R. dei contatori numerici con quelli digitali. Con questa tecnologia è possibile il controllo remoto dell allacciamento e quindi avere informazioni in qualunque momento della lettura, suddividere il consumo per fasce orarie con l applicazione di tariffe biorarie (giorno e notte con tariffe agevolate), effettuare aumenti o diminuzioni di potenza a disposizione, rilevare anomalie. Le Società Trenta Spa e A.I.R. Spa devono rispondere e rispettare gli standard di qualità richiesti dalla Autorità per l Energia elettrica ed il Gas. ECONOMICO Il processo di liberalizzazione del mercato della distribuzione di energia elettrica è risultato particolarmente dirompente in particolare per le aziende di piccole dimensioni, compromettendone la redditività. Il settore della distribuzione di energia elettrica richiede notevoli investimenti per l aggiornamento delle reti e delle cabine, al fine di rispettare gli standard di qualità richiesti. Il servizio di distribuzione dell energia, da noi gestito in passato in economia, non ci permetteva di assumerci queste spese ed inoltre le perdite dovevano essere compensate con gli utili ricavati dalla produzione di energia elettrica. Per l esercizio 2009 la nostra partecipazione in A.I.R. ci consente un ritorno dell utile seppur meno di ,00. Questo dividendo nasce in gran parte dalla redditività delle partecipazioni che A.I.R. ha in altre Società, in particolare in Dolomiti Energia e Primiero Energia. Attualmente la migliore redditività è riservata alla produzione di energia elettrica. Anche il nostro Comune risulta impegnato nella produzione di energia elettrica, direttamente 5

6 dalla Giunta Comunale con la comproprietà con il Comune di Cles delle Centrali di S. Emerenziana. Nel 2009 queste hanno avuto un ottima resa sia in termini di Kwh prodotti (oltre 8 milioni - 3 miglior risultato negli ultimi 15 ani) sia per la valorizzazione economica dell energia prodotta, con ricavi di oltre ,00 al netto di IVA. Gli investimenti per il rinnovo della Centrale S. Emerenziana 2 ci hanno permesso di incrementare la produzione. Questa maggiore produzione viene valorizzata con certificati verdi premianti dell energia prodotta da fonti rinnovabili. La vendita dei certificati verdi riferiti al triennio ci garantisce introiti di circa ,00. Anche la piccola produzione di energia con il pannelli solari collocati presso la nuova caserma dei Vigili del Fuoco ha una modesta redditività. È nostra intenzione continuare ad investire in questo settore. Il Comune di Tuenno è partecipe di Primiero Energia Spa fin dalla sua fondazione: Primiero Energia gestisce alcune importanti centrali idroelettriche nel Primiero-Vanoi con ottimi risultati. La nostra piccola partecipazione (del costo iniziale di 8.000,00) ci ha permesso di avere nel 2009 oltre ,00 di utili distribuiti. INVESTIMENTI La Società partecipata A.I.R. nel corso del 2009, primo anno di gestione, ha effettuato i seguenti investimenti: Realizzazione nuova cabina ricevitrice MT/MT con un investimento di circa ,00 ; Interramento linee elettriche BT aeree Estensione potenziamento rete BT Allacciamenti nuove utenze in BT Conversione allacciamenti BT 230/400V Installazione nuovi contatori elettronici. Investimenti totali per euro Crediamo che le scelte fatte dalla nostra Amministrazione di non rinunciare all importante settore energetico e di continuare ad investire nello stesso, direttamente o indirettamente, si dimostrino cruciali per lo sviluppo della nostra comunità. Altro tassello molto importante che ci eravamo posti e che siamo riusciti a ottenere era l elettrificazione della Val di Tovel. Secondo l amministrazione fornire di questo importante ed indispensabile servizio gli immobili esistenti a Tovel rappresenta il primo passo verso un possibile sviluppo turistico ecocompatibile della valle. Oltre a questo si aggiunge la possibilità di togliere tutti i generatori di corrente, inquinanti e rumorosi, funzionanti fino a questo momento. L iter burocratico è a buon punto, si prevede di poter avviare il bando di gara prima della fine della legislatura per poter appaltarla il prima possibile. Il progetto prevede un cavidotto totalmente interrato che parta dalla cabina elettrica presente vicino alla falegnameria Pizzoli e arriverà fino al centro visitatori del Parco lì ci sarà una piccola cabina come un altra sarà costruita al campo di tamburello. Il progetto completo prevede anche la possibilità di dotarsi di una piccola centralina di 20KW ma dovendo assumere numerose autorizzazioni e avendo un iter burocratico più lungo e non ancora concluso, verrà messo in cantiere successivamente. Un opera attesa da diversi anni sta per essere vicina alla soluzione. SPORT In ambito sportivo è stato portato a termine i lavori per l ampliamento della zona sportiva con la costruzione di un campetto in erba sintetica già appaltato prima del nostro insediamento. Completandolo successivamente con l illuminazione di quest ultimo e fornendo di un nuovo fondo in materiale sintetico ed innovativo i due campi da tennis esistenti. Si è messo mano alla palestra comunale creando due nuovi locali sopra il corpo spogliatoio così da poter utilizzarla in due gruppi contemporaneamente e potendo così dare risposta alle continue esigenze di spazi. Fra poco tempo verrà appaltata la realizzazione di un campetto nella zona adiacente alla palestra. Per il futuro si sta pensando alla ristrutturazione del campo da calcio in erba fornendolo di un manto in erba sintetica e a una nuova dislocazione del campo di tamburello. POLITICHE GIOVANILI SEMPRE PIù FUORI DAL COMUNE! Negli ultimi anni il tema politiche giovanili è stato oggetto di rinnovato interesse da parte della politica nazionale e provinciale con un unica ed importante differenza rispetto al passato: non più e non solo il mondo giovanile e le sue problematiche bensì il mondo giovanile e le sue potenzialità, il suo entusiasmo e il suo idealismo. Per inaugurare e promuovere questa nuova stagione nel pensare (o meglio ripensare) il mondo dei giovani abbiamo visto a livello nazionale la creazione per la prima volta del Ministero per le politiche giovanili, a livello provinciale di un Assessorato deputato alle politiche giovanili, a livello sovracomunale i tavoli di lavoro nell ambito del Piano giovani di zona, sostenuti finanziariamente per metà della spesa dalla PAT e per metà dai Comuni appartenenti a ciascun piano. Nel 2006 anche il comune di Tuenno ha costituito con altri sette comuni della valle di Non (Cles, Tassullo, Nanno, Livo, Bresimo, Cis e Rumo) il tavolo di lavoro Fuori dal... Comune. Il tavolo di lavoro, a dire il vero, non è come si potrebbe pensare un altro ente (distinto dal comune o dalla comunità di valle) che decide ed approva l attività dell anno destinata ai ragazzi dei nostri otto paesi di un età compresa tra i 14 e i 29 anni. Il tavolo è molto di 6

7 dalla Giunta nome Comunale rubrica più: è l occasione per i vari amministratori dei Comuni, per gli esponenti delle associazioni di volontariato, per i giovani stessi di incontrarsi e scontrarsi su come ognuno percepisce i bisogni delle nuove generazioni. C è chi ha proposto progetti destinati a fare aumentare il senso di aggregazione tra i ragazzi provenienti dai diversi paesi, chi ha voluto indagare l abuso di alcol e droghe, chi ha offerto degli strumenti critici della lettura del quotidiani, chi ha voluto sostenere iniziative già attive-le bande, le compagnie teatrali, le varie band, chi ha voluto far riflettere sul nostro passato storico e su quelle immani tragedie che si sono compiute e che tutt ora purtroppo si compiono. Luogo quindi di discussione e di crescita ma soprattutto fabbrica di idee. In questi anni sono stati molti i progetti passati dal tavolo di lavoro che hanno trovato una loro concreta attuazione: dai vari viaggi verso città simbolo per il loro significato storico culturale, al torneo per la pace, alle diverse rappresentazioni artistiche (teatrali, musicali). Ma il più importante dei progetti realizzati in questi anni, nonostante non sia mai stato scritto, nonostante non abbia ricevuto alcun finanziamento, nonostante sia stato tante volte messo in dubbio è stato quello di avere visto, anno dopo anno, aumentare la partecipazione dei diretti interessati fino ad oggi, dove all ultimo incontro, sono stati i ragazzi stessi ad esporre i loro progetti. Grazie a questi ragazzi, che mettono a disposizione il loro tempo ed il loro impegno, oggi il tavolo di lavoro è diventato la vera espressione di come i giovani vedono i giovani. Le proposte per il 2010 non temono il confronto con il passato. Si va da progetti che intendono diffondere la cultura del risparmio energetico, la conoscenza delle nuove frontiere informatiche, la storia della nostra autonomia, la scoperta di antichi mestieri e tradizioni. Insomma, un piano di zona che ha raggiunto le migliori aspettative, che si sta via via emancipando dai suoi ideatori e sostenitori originari per diventare strumento di crescita per i ragazzi in mano ai ragazzi. Un piano che sarà sempre più cartina tornasole delle potenzialità, dell entusiasmo e dell idealismo dei nostri giovani. Lorenzo Pinamonti Chiara Leonardi Dall assesorato alle foreste Non è facile stendere un bilancio di cinque anni di attività di un assessorato perché si corre il rischio di cadere in un elenco poco armonico di opere, iniziative, incontri, perdendo alle volte il filo conduttore e il disegno sottostante. Inoltre la parte maggiore dei compiti affidati a un gruppo di lavoro si fonda soprattutto in contatti, in approfondimenti, in riunioni spesso poco visibili ma non meno importanti per l avvicinamento agli obiettivi fissati a inizio mandato. Ciononostante è giusto provare a comporre un commento finale del lavoro svolto, cercando di essere il più obiettivi possibile nei confronti dei cittadini. In questo pensiamo di essere aiutati dal fatto di aver sempre cercato di essere trasparenti, sia attraverso la scansione semestrale dei bollettini, sia soprattutto grazie ai frequenti e numerosissimi contatti personali che sono sempre necessari perché l attività amministrativa non perda il contatto con la base e non si incammini su binari che conducono a obiettivi lontani dalle reali esigenze dei cittadini. Fatte queste necessarie premesse cerchiamo di ragionare sulle attività intraprese o portate a termine, cercando soprattutto di cogliere il filo logico che lega le varie scelte. Pensiamo che questo filo logico sia soprattutto da individuare nei due concetti di sviluppo economico e di rispetto ambientale che sono i principi fondamentali, i criteri direttivi che hanno guidato ogni scelta effettuata nell ambito di nostra pertinenza. Non dobbiamo dimenticare infatti che i tre settori oggetto del nostro assessorato ( agricoltura turismo foreste) sono tutti comparti economici che interessano il territorio comunale, bene fondamentale che noi abbiamo ricevuto in uso e che abbiamo l obbligo di trasmettere integro e se possibile migliorato alle generazioni che verranno. La prima grande sfida che noi abbiamo cercato di cogliere e della quale abbiamo già ampiamente comunicato è stata la proposta di un riordino fondiario comprendente una superficie di circa 35 ettari coltivati. Tutti conosciamo le vicende legate a questa iniziativa e soprattutto ne conosciamo l esito. Sappiamo che abbiamo quasi sfiorato la maggioranza prescritta dalla legge per poter avviare l opera ma sappiamo anche che la legge dei numeri è giustamente inesorabile e che un intrapresa di queste proporzioni necessitava di una piena collaborazione pubblico-privato che non c è stata totalmente. Ci limitiamo soltanto a due drastiche constatazioni: i contributi che sarebbero arrivati dalla Provincia di Trento sia a livello collettivo sia a livello di singola azienda; il cambiamento di 7

8 dalla Giunta Comunale mentalità gestionale che ne sarebbe derivato, con evidenti benefici per tutti, in primis i giovani agricoltori. Il secondo grande intervento ha riguardato la salvaguardia dei beni comunali con destinazione agroforestale. Ci limitiamo a ricordare gli interventi più consistenti: la sistemazione definitiva del sito di Malga Tuena con relativo agritur; la vendita della Stangia; il completamento delle opere necessarie per Malga Pradedont (corrente elettrica e acqua potabile già progettata e ammessa a contributo); la progettazione, nell ottica della ristrutturazione, del Bait del Rocol, Bait dela Dena, Ord dei Peci. In questo comparto può essere fatta rientrare anche l opera di sistemazione definitiva della Strada del Mont, in parte asfaltata, in parte cementata. La terza grande iniziativa che verrà appaltata in primavera è l elettrificazione di Tovel, opera attesa da decenni, condizione necessaria anche se non sufficiente per un turismo di qualità in valle e per un minimale benessere dei visitatori e dei cittadini. Non è pensabile infatti che gli operatori turistici che esercitano la loro attività a Tovel possano pensare di investire per migliorare le loro strutture in mancanza di corrente elettrica; ora la corrente arriverà, ci auguriamo tutti che gli albergatori pensino a rendere i loro immobili più moderni e al passo con le esigenze dei turisti di oggi. Inoltre sicuramente si otterrà il risultato di eliminare i numerosi generatori di corrente a gasolio, autentica fonte di inquinamento e di fastidio. La Provincia di Trento ha capito l importanza di ottenere questi risultati ed ha ammesso a finanziamento il nostro progetto con una copertura dell 85% del costo totale. La spesa prevista è di circa Euro ,00. Giuseppe de Concini e Marco Odorizzi Una mozione per l acqua Il Consiglio Comunale di Tuenno in data ha approvato la seguente mozione sulla gestione delle risorse idriche: IL CONSIGLIO COMUNALE Avuta lettura della mozione presentata dal Sindaco in data 16 dicembre 2009 prot che così recita: L anno scorso abbiamo proposto alla popolazione di Tuenno la settimana culturale che aveva come tema: L acqua tra maledizione e salvezza nella quale si è parlato anche delle responsabilità degli amministratori per salvaguardare, per il bene di tutti, questo patrimonio. La partecipazione della popolazione è stata molto numerosa perché il tema affrontato è considerato da tutti di fondamentale importanza. Condividendo il sentire comune, alla luce delle recenti decisioni governative, 1) il Consiglio Comunale di Tuenno fa propri i seguenti principi: - l acqua è un bene comune, un diritto umano universale non assoggettabile a meccanismi di mercato. - La disponibilità e l accesso individuale e collettivo all acqua potabile sono garantiti in quanto diritti inalienabili e inviolabili della persona umana e si estrinsecano nell impegno a garantirli ai cittadini. - La proprietà e la gestione del servizio idrico devono essere pubbliche e improntate a criteri di equità, solidarietà (anche in rapporto alle generazioni future) e rispetto degli equilibri ecologici; - Il consumo umano delle risorse idriche deve avere la priorità rispetto ad altri usi. - Il servizi idrico è un servizio pubblico essenziale, di interesse generale e, come tale, non soggetto alla disciplina della concorrenza. 2) il Consiglio comunale chiede alla Giunta provinciale di prendere in considerazione, se necessario, la possibilità di impugnare dinanzi alla Corte costituzionale l art. 15 del Decreto legge 25 settembre 2009, n. 135 Disposizioni urgenti per l attuazione di obblighi comunitari e per l esecuzione di sentenze della Corte di giustizia della Comunità europea con ricorso a difesa dell autonomia provinciale. 3) il Consiglio Comunale delibera di inviare copia della presente deliberazione a tutti i Comuni della Valle di Non. 8

9 dal Consiglio Comunale Coerentemente con le iniziative già realizzate riguardo il problema dell'acqua, si è promosso l'utilizzo dell'acqua pubblica in tutte le iniziative comunali in sostituzione dell'acqua minerale e delle bevande gasate. Il seguente volantino viene distribuito ad ogni proposta culturale. Salute! Prost! Cheers! Sã trãiesti! L ACQUA è L ORO BLU DEL XXI secolo Il diritto dell acqua è un diritto inalienabile Al Forum mondiale sull acqua che ha riunito ad Istanbul 155 Paesi, l accesso all acqua potabile da cui dipende la vita di oltre 1 miliardo di persone non è stato riconosciuto come diritto. Al massimo, ha stabilito la maggioranza di 95 Paesi, si può definire bisogno fondamentale, che può essere regolato dal mercato, cioè a pagamento. L acqua deve contribuire al rafforzamento della solidarietà fra i popoli, le comunità, i paesi, i generi, le generazioni. L acqua è destinata a rivestire un importanza sempre più rilevante tra gli Stati, con il rischio di dare origine a violenti conflitti. In alcune regioni del mondo la scarsità d acqua potrebbe diventare quello che la crisi del petrolio è stata negli anni Settanta: una fonte importante di instabilità economica e politica. Nel mondo, 1 miliardo e 400 milioni di persone non hanno accesso all acqua potabile. Il rischio è grande: nell anno 2025, quando la popolazione supererà gli 8 miliardi di esseri umani, il numero di persone senza accesso all acqua potabile aumenterà a più di 3 miliardi. È ALLA LUCE DI TUTTO CIò CHE ABBIAMO PENSATO DI OFFRIRVI UN BUON BICCHIERE D ACQUA CON L AUSPICIO CHE CIò POSSA COSTITUIRE UNO SPUNTO DI RIFLESSIONE E UN INVITO ALL APPROFONDIMENTO DI QUESTO IMPORTANTE TEMA Assessorato alla Cultura del Comune di Tuenno 9

10 dalla Giunta Comunale Dall assessorato alla cultura Cari concittadini, stanno per scadere i termini del mandato elettorale che voi nel maggio del 2005 ci avete dato. È quindi ora di tracciare un bilancio di quanto è stato fatto in ambito culturale per la nostra Comunità nel corso della presente legislatura. Quale Assessorato alla Cultura di questo Comune avevamo preso l impegno di promuovere attività di approfondimento e di apprendimento, di realizzare iniziative rivolte a tutti i cittadini, bambini, giovani, adulti, valorizzando il patrimonio storico, sociale e culturale del nostro territorio. Coinvolgendo tutte le associazioni di volontariato del Comune, abbiamo ascoltato le proposte che le singole persone ci hanno sottoposto, e individuato forme di collaborazione e patrocini specifici. Abbiamo cercato di portare a termine tutti questi obiettivi con entusiasmo, buona volontà, impegno e dedizione, consapevoli che la Cultura può fare e dare molto. La popolazione ha partecipato numerosa ed attiva alle iniziative proposte, chiara evidenza di come le stesse siano state apprezzate. Tutto ciò ci ha spronato e ulteriormente incoraggiato nel proseguimento della nostra opera. Desideriamo quindi rinnovare il nostro Grazie! a tutti quelli che ci hanno appoggiato, aiutato e incoraggiato, dentro e fuori le istituzioni. Abbiamo bisogno di continui stimoli e partecipazione per poter far bene in ambito culturale, soprattutto per consentirci di approfondire tematiche molto spesso disattese, ma non per questo meno importanti per la formazione socioculturale di una comunità. Ecco qui di seguito le iniziative da noi promosse, già concluse, in itinere, o in fase di organizzazione nei prossimi mesi. - È partita a gennaio la stagione teatrale 2010 con uno spettacolo per i più piccoli; proseguirà poi nei mesi di febbraio e marzo con quattro spettacoli di assoluta qualità. Sempre in questa direzione vanno programmate iniziative specifiche di sostegno per quelle attività teatrali marcatamente orientate all ambito educativo dove, in maniera più evidente che in altre situazioni, si percepisce l efficacia del loro contributo a favorire nei giovani la crescita e la maturazione della personalità. - Sempre nel mese di gennaio 2010, in occasione della giornata della memoria, è stato proiettato il film Il bambino dal pigiama a righe e programmata un altra serata dal titolo Suoni e parole per ricordare con la presenza di Maria Luisa Crosina, esperta di cultura e religione ebraica. A completamento delle due serate sopra descritte, durante il mese di marzo 2010, verrà per presentare il suo ultimo libro Berlino-Auschwitz- Berlino e per portarci la sua testimonianza sulla Shoah, il reduce Nedo Fiano. - Il 28 febbraio ci sarà il gemellaggio tra il gruppo teatro ragazzi di Tuenno e il gruppo teatro ragazzi dell associazione culturale Abibò di Mezzolombardo, i quali presenteranno al pubblico presente i propri spettacoli. - A partire da febbraio 2010 in collaborazione con l Assessorato alla Cultura del Comune di Tassullo e la Minela partirà un seminario di cinque incontri con tema Le medicine non convenzionali. Per tale seminario si sono avute troppe iscrizioni rispetto al numero massimo previsto e quindi tra qualche mese ne verrà organizza- 10

11 dalla Giunta Comunale ta una seconda edizione. - Nei giorni 20 e 27 febbraio 2010 verrà organizzato, in collaborazione con il circolo scacchi Castling, il tradizionale Trofeo di Scacchi ormai giunto alla 4^ edizione. - Il 25 febbraio 2010 presso il Teatro Parrocchiale di Tuenno si terrà un incontro-dibattito moderato dal nostro concittadino Luigi Sandri, sul tema Immigrazione: caos o opportunità? - Il 4 marzo, all interno dell iniziativa Le serate letterarie in collaborazione con la cooperativa Gruppo Sensibilizzazione Handicap, la signora Gloria Valenti presenterà il libro Svegliati Simone. - Nei mesi di febbraio e marzo 2010 si terrà un corso di difesa antiaggressione rivolto alle ragazze dai anni. Il tema della sicurezza anche personale è di estrema attualità e particolarmente sentito dalle donne. - Tra fine marzo ed inizio aprile 2010, si proporrà un corso su come coltivare l orto secondo principi naturali. Chiudiamo la nostra relazione sull attività svolta tenendo ben presente che la cultura è l identità di un popolo, come l insieme dei suoi costumi, delle religioni, delle credenze, degli atteggiamenti, dei valori, degli ideali, delle abitudini. La cultura e l identità non sono statici ma in continua, necessaria evoluzione. Il nostro impegno riguardo alla cultura cerca fortemente di tenere presente questa evoluzione, questa linea di continuità tra le radici e il futuro della nostra comunità. Maria Teresa Grandi Maria Teresa Giuriato Tributi comunali Al fine dell Imposta comunale sugli Immobili non è cambiato nulla rispetto all anno precedente. Le aliquote previste sono: - cinque per mille aliquota ordinaria; - sette per mille per gli alloggi non occupati in modo continuativo. La detrazione spettante per le abitazioni principali ammonta ad Euro 130,00.- Anche per il 2010 l abitazione principale e le unità immobiliari assimilate all abitazione principale in base al Regolamento comunale, ad eccezione delle categorie catastali A1 A8 e A9 (abitazioni di tipo signorile, abitazioni in ville, castelli) sono ESENTI DALL IMPOSTA. Il Regolamento per l applicazione dell Imposta comunale sugli Immobili, del Comune di Tuenno prevede i seguenti casi di immobili assimilati all abitazione principale che risultano PERTANTO ESENTI DALL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI: 1. UN UNICA unità immobiliare destinata a pertinenza (ad esempio box, cantine, i posti auto, soffitte, deposito), classificata nella categoria catastale C/2 C/6 C/7 destinate ed effettivamente utilizzate in modo durevole a servizio dell abitazione principale; 2. Le abitazioni concesse in uso gratuito dal possessore ai parenti in linea retta entro il I grado, se nelle stesse il famigliare ha stabilito la propria residenza e vi dimora abitualmente; 3. Le abitazioni possedute a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente a condizione che la stessa sia tenuta a disposizione; 4. UN UNICA unità immobiliare adibita a pertinenza (box, cantine, i posti auto, soffitte, deposito), delle abitazioni di cui al punto 2 e 3. Quindi se l abitazione principale è asservita da più pertinenze (box, cantine, i posti auto, soffitte, deposito) separa- 11

12 dal Consiglio Comunale tamente accatastate, UNA SOLA BENEFICIA DELL ESEN- ZIONE, le altre sono soggette all Imposta comunale sugli Immobili. NB: Non sono esenti le abitazioni a disposizione degli italiani residenti all estero; queste sono soggette all imposta nella misura del cinque per mille e beneficiano della detrazione per l abitazione principale. TARIFFA DI IGIENE AMBIENTALE ANNO 2010: Per l anno 2010 sono state approvate le nuove tariffe. UTENZE DOMESTICHE N. componenti Quota fissa 2010 Euro 1 40, , , , ,949 6 e più 139,235 UTENZE DOMESTICHE N. componenti Descrizione 1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Quota fissa 2010 Euro 0,379 2 Cinematografi e teatri 0,284 3 Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta 4 Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi 0,483 0,720 5 Stabilimenti balneari 0,360 6 Esposizioni, autosaloni 0,322 7 Alberghi con ristorante 1,137 8 Alberghi senza ristorante 0,900 9 Case di cura e riposo 0, Ospedali 1, Uffici, agenzie, studi professionali 1, Banche ed istituti di credito 0, Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta, e altri beni durevoli 14 Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze 15 Negozi particolari quali filateria, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato 0,938 1,052 0, Banchi di mercato beni durevoli 1, Attività artigianale tipo botteghe: parrucchiere, barbiere, estetista 18 Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista 1,033 0, Carrozzeria, autofficina, elettrauto 1,033 Per il 2010 il costo al litro del rifiuto secco e umido è il seguente: Anche per il 2010 vale il principio del litraggio minimo: cioè in base al numero di componenti viene previsto una quantità di CONFERIMENTO MINIMA che dovrà essere pagata anche se non si conferisce alcun rifiuto. Nella seguente tabella è indicato l importo dovuto, per le UTENZE DOMESTICHE, in base alla composizione del nucleo, senza aver conferito alcun rifiuto al servizio porta a porta: N. Comp. Quantità minima annuale (litri) n. bidoni da 25 litri (bidone piccolo) Costo annuale conferimento Costo annuale totale compreso quota fissa e IVA = , , = , , = , , = , , = , ,75 6 e più 20 Attività industriali con capannoni di produzione 21 Attività artigianali di produzione beni specifici 22 Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub Componemte secca Componente umida Anno 2010 /litro Costo bidone 25 lt. 0, ,19 0, ,59 0, , Mense, birrerie, amburgherie 4, Bar, caffè, pasticceria 3, Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari 1, Plurilicenze alimentari e/o miste 1, Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio 6, Ipermercati di generi misti 1, Banchi di mercato genere alimentari 3, Discotrche, night-club 0, = , ,23 Lo stesso importo viene pagato da coloro che conferiscono il quantitativo di rifiuto secco, indicato in tabella. Per chi conferisce più rifiuto, con svuotamenti ulteriori rispetto a quelli riportati in tabella, il COSTO per il RIFIUTO SECCO aumenta di. 1,19 per ogni bidone da 25 litri conferito, (bidone piccolo). Il COSTO del RIFIUTO UMIDO invece incide a. 0,59 per ogni bidone da 25 litri conferito, (bidone piccolo). 12

13 dal Consiglio Comunale Pulizia dei camini Il servizio di spazzatura camini è obbligatorio su tutto il territorio comunale, ed è disciplinato dalle norme previste dall art. 14 della L.R n. 24 e s.m. e dal regolamento comunale pulizia camini. Il servizio di pulizia verrà svolto dalle ditte, sotto elencate, alle quali è stato rilasciato il permesso speciale di spazzacamino. Di seguito si comunicano il recapito e le tariffe dei soggetti autorizzati. DITTA PICHLER MARTIN ERWIN - MALOSCO TEL CELL T A R I F F E Pulizia camino diametro fino cm 20 22,00 Pulizia camino diametro da cm 21 a cm 50 28,00 Pulizia camino diametro oltre cm 50 30,00 Pulizia focolare uso privato 30,00 Controllo camino 20,00 Asporto fuliggine 5,00 DITTA BERTAGNOLLI LEONHARD - RONZONE TEL FAX T A R I F F E Pulizia camino diametro fino cm 20 20,00 Pulizia camino diametro da cm 21 a cm 50 25,00 Pulizia camino diametro oltre cm 50 30,00 Pulizia focolare uso privato 25,00 Controllo camino /// Asporto fuliggine 5,00 Onoranze Funebri L attività di onoranze funebri sul territorio comunale di Tuenno è disciplinata con le modalità previste dal regolamento di polizia mortuaria approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 27 dell 11 ottobre Possono effettuare il servizio di pompe funebri sul territorio comunale di Tuenno le seguenti ditte: LA TRENTINA S.R.L. con sede a Cles, in Viale Degasperi n. 92 PEDRINOLLA SERENA con sede in Denno, in Via Borgonuovo n. 2 POMPE FUNEBRI GENETTI S.R.L. con sede a Cles, in Via Trento n. 51/a/b Per i servizi di pompe funebri i cittadini devono rivolgersi ad una delle ditte sopra citate. 13

14 nome voci dalla rubrica Comunità voci da... Il coro lago rosso compie 25 anni È stato festeggiato il 28 marzo del 2009, presso la palestra comunale di Tuenno, il traguardo del primo quarto di secolo del nostro sodalizio. Un traguardo molto importante costruito nel tempo dalla passione di molte persone che hanno dedicato costanza e impegno instancabili. Quella che voglio esporre in queste righe non è l attività annuale del coro Lago Rosso, bensì la storia di un associazione del Comune di Tuenno che fonda le proprie radici nel lontano È infatti in quell anno che si ha la nascita del coro della S.A.T. di Tuenno chiamato successivamente Coro Lago Rosso, che ha svolto la propria attività fino alla fine degli anni 50 cioè fino a quando l allora maestro non fu costretto a trasferirsi a Trento per questioni di lavoro. Dopo questa pausa forzata, nel 1983, ad opera e per volere di alcuni appassionati di canto popolare e di montagna, Dallago Gilberto, Menapace Mario, Odorizzi Costantino, Leonardi Livio per citarne alcuni, il Coro Lago Rosso è stato rifondato sulle tracce e con lo scopo del vecchio coro; diffondere il canto popolare e di montagna in tutte le sue forme (art.2 dello statuto). Il cammino, alla guida dei vari maestri che si sono susseguiti, è stato impegnativo ma sempre improntato alla ricerca di nuovi traguardi. Nei primi anni di vita il coro ha partecipato a concerti e rassegne in Trentino ed in Alto Adige poi, piano, piano, sono arrivate anche le trasferte nelle varie Regioni d Italia ed all estero. In questo modo il coro è cresciuto notevolmente affermandosi nel panorama canoro trentino come un coro Internazionale. Si è affermato dapprima in Germania poi in Repubblica Ceka, in Austria, in Svizzera, in Belgio, in Francia, in Romania, in Argentina ed in Brasile, costruendosi nel tempo un bagaglio culturale non indifferente; voglio ricordare gli scambi culturali con la Corale della Scuola Pedagogica di Litomysl e della Corale dell Università di Brnò (Cecoslovacchia), con il coro di Usini (Sardegna), con il Coro Angeli di Cluj (Romania) e con il coro MGV Sängherbund di Heidelberg. Molto profonde dal lato umano le trasferte fra gli emigranti del Belgio e Francia ma soprattutto quelle in Argentina e Brasile, dove il coro, nella sua permanenza ha avuto modo di far rivivere agli emigranti, attraverso il canto, quello che gli avi avevano loro raccontato dell Italia ma soprattutto del Trentino, dal quale erano stati costretti ad emigrare in cerca di lavoro. La festa della ricorrenza del 25 è stata accuratamente preparata dalla Direzione del Coro che, per l occasione, ha voluto predisporre una pubblicazione, stampata grazie all aiuto dell Assessore Provinciale alla Cultura, Franco Panizza. Nel libro è stata riassunta la storia della coralità nel paese di Tuenno dal 1946 ad oggi e ripercorsa dalla rifondazione, attraverso immagini e commenti, la storia del coro con le più belle uscite. La festa presso la palestra comunale è stato il culmine dei festeggiamenti; alla presenza di circa 400 persone e di molte autorità locali e provinciali, il Coro Lago Rosso ha raccolto il plauso ed il riconoscimento per l attività svolta nei suoi primi 25 anni di storia. Nel corso della serata, ben nove coristi sono stati insigniti del distintivo dei 25 anni di permanenza nel coro: Menapace Mario, Deromedi Tullio, De Concini Gianni, Valentini Ciro, Maistrelli Bruno, Concini Claudio, Concini Franco, Tretter Flavio e Wegher Urbano. Voglio con l occasione ringraziare da parte mia ma anche di tutti i componenti del coro, quanti hanno contribuito alla riuscita della manifestazione, in primis l Amministrazione Comunale, non solo per l aiuto economico ma anche per la disponibilità dimostrata e la Cassa Rurale di Tuenno-Val di Non. Un ringraziamento particolare e pubblico il coro lo rivolge all Associazione Fanti di Tuenno che a mezzo del Presidente Leonardi Dario (già corista del Lago Rosso negli anni 50), ha più volte contribuito tangibilmente a sostenere economicamente il coro. Il ringraziamento mio, non meno importante degli altri, è sicuramente quello che voglio rivolgere a tutti i coristi che negli anni si sono susseguiti nel coro ma soprattutto a quelli che attualmente sono in forza nella compagine sociale; sono loro, che alla guida del maestro Gabriele Aliprandi e con il sostegno della comunità di Tuenno fanno sì che il Coro Lago Rosso si affermi ora ed anche in futuro e possa così puntare sempre più in alto, fino al raggiungimento dei prossimi traguardi. Il Presidente Claudio Concini 14

15 voci dalla Comunità nome rubrica Associazione hobbisti trentini L anno trascorso ha visto un ulteriore crescita dell Associazione. I nostri 64 Soci hanno partecipato e contribuito alla riuscita di numerose manifestazioni in Trentino e fuori regione: Ciaspolada di Fondo, Festa della donna di Trento, Charta di regola di Cavareno, Festa della Patata di Ronzone, I Portoni di Tuenno, Festa di Fine Estate di Mezzolombardo e fino ai Mercatini di Natale di Cles, e a quelli di Trissino in provincia di Vicenza. Oltre 40 uscite con una media di 12 partecipanti a uscita. Mostre e dimostrazioni manuali non sono mancate. Grazie al nostro sito web (www.hobbistitrentini.com) siamo stati contattati da organizzazioni di quasi tutto il nord Italia: dalla Toscana alla Liguria, dalla Lombardia al Veneto. Molte persone ci telefonano o scrivono per poter far parte dell Associazione. Tutti possono far parte dell Associazione, anche se non hobbisti, importante è la condizione, come detta l art. 1 del regolamento:... Che tutti gli oggetti realizzati siano frutto del proprio ingegno e realizzati dalla persona che desidera iscriversi. Questo ovviamente se si intende partecipare ai mercatini. Altro discorso se ci si iscrive solo per partecipare alle nostre gite. Ogni anno effettuiamo due uscite in visita alle fiere di settore (hobby e manualità), una in primavera e un altra in autunno. Abbiamo visitato in ottobre Abilmente Natale di Vicenza, con successo di partecipazione e soddisfazione dei partecipanti. A fine febbraio visiteremo Fantasy e Hobby a Ferrara. Per l anno appena cominciato prevediamo di riproporre le uscite dello scorso anno cercando di selezionare le offerte migliori. A gennaio abbiamo esposto alla 37^ Ciaspolada di Fondo, poi avremo due appuntamenti a marzo per la Festa della Donna : Trento e Mezzolombardo, ad aprile saremo a Pergine per la Festa San Marco in fiore, maggio ci vedrà a Caldonazzo per la Festa dei meli in fiore e poi a seguire le altre manifestazioni estive. Approfittiamo dell occasione per ringraziare quanti hanno contribuito alla crescita dell Associazione e tutti coloro vorranno contribuire e collaborare con noi. Il Segretario Fernando de Paoli 15

16 nome rubrica voci dalla Comunità Gruppo sportivo pescatori tuenno famosi. Incontro che ci piacerebbe riproporre in futuro. Abbiamo stampato un libretto con la breve storia della pesca a Tuenno (tratta da documenti d archivio). Ancora qualche copia disponibile per chi la volesse. E dovrebbe essere finalmente giunto il momento di mettere mano all alveo del torrente per una rinaturalizzazione dello stesso. Le vecchie gabbionate, ormai distrutte dalle piene e superate, verranno sostituite da dei massi ciclopici ancorati fra di loro. Verranno quindi create delle zone dove si spera che l acqua possa rimanere per tutto l anno e permetter alle trotelle di sopravvivere anche nei momenti di magra. Il progetto a firma del nostro socio il dott. Forestale Matteo Pizzini. Dovrebbe iniziare quest anno. Stiamo, inoltre, cercando un locale o magazzino dove poter depositare la nostra attrezzatura e materiali, stangia e russia ormai non sono più agibili. Speriamo di poter risolvere anche questo problema. Il 2009 è passato ed è tempo di bilanci. Il G.S.P.T. ormai da molti anni è parte integrante del territorio Comunale gestendo la pesca nel torrente Tresenica e Lago di Tovel quale Diritto Esclusivo del Comune di Tuenno. Come ogni anno effettueremo dei ripopolamenti nel torrente, anche perché la carenza di acqua è cronica e non permette una crescita naturale delle trote, ed effettueremo le solite manifestazioni agonistiche e no: Gare di pesca, Festa sociale, portoni. A maggio avremo la prima gara nel laghetto Lavacel, seguirà il trofeo Cassa Rurale Tuenno con il 3 memorial Federico Tolotti a giugno. Luglio ci vedrà impegnati nella festa sociale e nella sagra paesana dei portoni. Si approfitta per ringraziare tutti coloro; soci e no, che collaborano per la riuscita delle nostre manifestazioni. Un saluto particolare all Amministrazione Comunale, alla Pro Loco di Tuenno e alla Cooperativa il Lavoro per la collaborazione. La Direzione Ogni tanto usciamo dal consueto e organizziamo qualcosa in più. Qualche anno fa organizzammo un incontro sul Salmerino con interventi di studiosi 16 16

17 voci dalla nome Comunità rubrica Associazione Croce Bianca L'associazione Croce Bianca di Tuenno muove i primi passi una quindicina d'anni fa, allorché un ristretto numero di persone, colse l'esigenza di dare vita ad un nuovo servizio di volontariato esclusivamente nell'ottica di portare un aiuto concreto a persone sofferenti; inizialmente la sede operativa venne predisposta in angusti locali messi a disposizione da una signora di Tuenno. Con queste parole iniziava il breve articolo comparso sul periodico del comune lo scorso anno. Siamo nel 2010 e si può davvero fare una valutazione dell operato di questa associazione che riesce a continuare nella sua preziosa attività pur con i cambiamenti che la società in genere e anche la tecnologia hanno introdotto in ogni ambito. Si ricorda, in proposito, la difficoltà per tutte le organizzazioni di volontariato a trovare il cosiddetto ricambio con le nuove generazioni. Possiamo affermare con un certo orgoglio che alla Croce Bianca non si è presentato questo problema mostrandosi così in linea con i dati riguardanti le ONLUS del Trentino Alto-Adige. Si può considerare un importante novità il trasferimento della sede in un ambiente più consono e più attrezzato rispetto al precedente; ciò è stato possibile grazie alla disponibilità di un privato cittadino a cui va il nostro ringraziamento. Contiamo sull interessamento dei politici per reperire una sede istituzionale per l associazione; ciò sarebbe per i volontari un segno tangibile del sostegno ad un istituzione che non ha scopi di lucro, ma che rivolge il suo servizio a persone deboli e/o sofferenti. I servizi svolti a turno dai circa 60 volontari sono essenzialmente i seguenti: trasporto pazienti come "taxi sanitario" per visite o ricoveri programmati, servizio di copertura con l'ospedale di Cles (anche in emergenza), servizio trasporto pazienti dializzati e assistenza a manifestazioni sportive e non. Anche nel corso del 2010 sarà organizzato un corso di formazione per nuovi volontari; nel 2009 sono diventati operativi quindici volontari formatisi proprio all interno della Croce Bianca. Il direttivo dell associazione lavora per il raggiungimento di un ambizioso obiettivo: contribuire ad elevare il livello dell educazione sanitaria della popolazione. Per realizzare questa ultima finalità intende organizzare per tutta la popolazione incontri di formazione sanitaria che saranno adeguatamente pubblicizzati. In proposito contiamo sulla sensibilità dell amministrazione comunale in modo che solleciti gli abitanti a partecipare alle suddette riunioni in quanto il benessere dei cittadini dovrebbe essere tra le prime finalità degli amministratori di una comunità. Cari lettori, per uno spiacevole inconveniente tecnico per il quale ci scusiamo, l ultimo numero di Voci da Tuenno è uscito privo di alcuni articoli. Ve li proponiamo in questo foglio, che potrete allegare alla copia del notiziario. Da parte nostra, con un fervido augurio di Buona Pasqua! 17 17

18 voci dalla Comunità Donne a Tuenno L ALTRA META DEL CIELO. La donna nel terzo millennio : questo è il titolo della 7 settimana di studio proposta dal Comune di Tuenno, che si è svolta dal 9 al 14 novembre Argomento quanto mai attuale e di vasto richiamo, quello scelto per questo appuntamento, diventato ormai consueto per la comunità tuennese e per tutte le zone limitrofe. Anche quest anno la partecipazione è stata molto buona ed il pubblico ha accolto con entusiasmo e vivo interesse gli spunti di riflessione offerti nelle varie serate, che hanno destato particolare attenzione soprattutto nella platea femminile. Ai sette incontri svoltisi nel corso della settimana sono stati assegnati particolari titoli, al fine di sviluppare tematiche diverse che dessero una panoramica più completa possibile e soprattutto al fine di soddisfare gli interessi e le curiosità di un pubblico variegato. Si è aperto dunque con Donna e politica che ha visto la presenza di ospiti illustri, quali la senatrice Roberta Pinotti e l assessora all Istruzione e allo sport della Provincia Autonoma di Trento Marta Dalmaso, i cui interventi sono stati brillantemente accompagnati dalla moderatrice presente, la consigliera provinciale Caterina Dominici. È seguita poi la serata dedicata a Donna e coraggio, con l insegnante e scrittrice Licia Campi Pezzi e Suor Giovanna Galli. La serata del mercoledì, intitolata Donna e religione, è stata animata da figure molto diverse del panorama religioso, le quali hanno saputo fornire una visione variopinta della donna e del suo ruolo pluralista nel panorama religioso: Michela Procaccia, ebrea, sovrintendente delle Antichità del Piemonte e della Valle d Aosta; Annachiara Valle, cattolica, giornalista, redattrice della rivista Jesus di Milano; Shahrzad Houshmand, teologa iraniana, musulmana sciita, docente a Roma; Maria Bonafede, pastora, moderatrice della Tavola valdese a Roma. Il ruolo di moderatore in tale occasione è stato affidato al giornalista e vaticanista Luigi Sandri. Il bibliotecario Mauro Valentini ha introdotto invece la serata dedicata a Donna e arte, con la presentazione di alcune donne pittrici, realizzata dallo storico dell arte Roberto Pancheri; è intervenuta inoltre la fotografa, reporter e documentarista Monika Bulaj. Prima della conclusione all insegna dell allegria e del divertimento con lo spettacolo teatrale Le casalinghe... le casalingue con e di Loredana Cont, la settimana culturale è stata arricchita dagli interventi di Maria Rosaria d Agostino, presidente provinciale Donna Impresa, Confartigianato e dell imprenditrice Lucia Pedot, accompagnate nella loro esposizione dalla giornalista di RAI 3 Sandra Bortolin. Ogni incontro e ogni testimonianza ha dato la possibilità alle numerose donne presenti in sala di riconoscervi aspetti comuni della propria quotidianità, che sono apparsi non poi così diversi da quelli delle relatrici: esse, pur rivestendo ruoli di prestigio, di responsabilità spesso prevalentemente ricoperti da personaggi maschili, si sono rivelate nella loro umanità e vicinanza, fornendo molti spunti di arricchimento e di crescita personali. All altra metà del cielo invece, quella maschile, è stato presentato il panorama femminile, in un ottica che puntava all approfondimento della conoscenza e alla crescita di apprezzamento nei confronti di questo mondo, sotto una luce diversa, più ampia del solito, certamente più variegata, che ne ha reso un immagine innegabilmente più forte, paritaria rispetto a quella maschile, frutto di anni di sviluppo, di impegno, di progresso e di crescita, che testimoniano il fatto che molto è stato fatto nel corso degli anni, ma che, tuttavia, ancora molto rimane da fare. Maria Teresa Giuriato Maria Teresa Grandi 18

19 voci dalla Comunità Dalla Pro Loco La Pro loco di Tuenno è stata attiva anche nel 2009 per programmare manifestazioni ed eventi a beneficio della popolazione e dei turisti che visitano il paese nei mesi estivi. Sono state riproposte le iniziative entrate ormai nella tradizione, tra cui i Portoni, la Festa della mela in Tovel: è proseguita la collaborazione con il gruppo giovani che organizza i Colomei e con gli hobbisti, per quanto riguarda la giornata dello scambio tra collezionisti e la mostra, curate da Fernando Depaoli. Al consolidato numero di proposte di intrattenimento si sono aggiunti alcuni appuntamenti pensati per i concittadini più giovani, come il carnevale dei bambini e l incontro con Babbo Natale. Particolarmente significativa è stata la festività religiosa del Corpus Domini: la Pro loco ha recuperato un importante momento di folklore, testimone della spiritualità profonda della gente dei paesi come Tuenno, che allestiva alcuni altari dislocati lungo il percorso della processione e abbelliva le vie con fiori e altre decorazioni. Nel corso dell anno la Pro loco di Tuenno si è resa disponibile a supportare alcuni eventi tra i quali l inaugurazione del nuovo punto vendita della Coop a Tuenno e la festa organizzata in occasione del torneo di tamburello in piazza, curando il settore dei fornelli. In novembre una delegazione della Pro loco si è recata a Roma per presenziare al convegno nazionale delle Pro loco d Italia, in occasione del quale, un membro del consiglio direttivo, la signora Giovanna Slanzi, è stata fregiata del titolo di diavolessa : è bene precisare che il termine diavolessa non ha nulla a che vedere con l energico temperamento della signora che ha ricevuto il premio, ma riguarda l abilità e l assidua presenza ai fornelli durante ogni occasione. Per il 2010 la Pro loco si propone di presentare il proprio repertorio di manifestazioni più classiche e di arricchirlo con nuove iniziative. Si rende noto che la Pro loco di Tuenno è stata scelta per entrare nel progetto Abbraccia l Italia, promosso dall Unione nazionale Pro loco italiane: il paese di Tuenno avrà uno spazio su una guida turistica, che illustra le caratteristiche di una o al massimo due località per ogni regione. Per concludere, una breve riflessione sul significato di Pro loco: questa espressione latina, tradotta letteralmente, significa per il luogo, ossia a vantaggio, a beneficio del paese. Non è solo l associazione Pro loco che può contribuire al benessere del paese in termini di vitalità sociale e di bellezza ambientale: ogni cittadino, con la propria partecipazione agli eventi organizzati, con piccoli gesti, quali la pulizia del tratto di strada antistante la propria casa o la disposizione di qualche fiore, può fare molto. Un paese ordinato e piacevole alla vista è un beneficio ai fini dell attrattiva turistica: ma lo è prima ancora per tutti coloro che in esso abitano. La Direzione 19

20 voci dalla Comunità Circolo tennis Coro parrocchiale Il tennis a Tuenno vuol dire salire in cattedra. Infatti anno dopo anno continua a sfornare piccoli giovani talentuosi della racchetta. I metodi e la professionalità nel lavoro del maestro Valentini portano alla ribalta ogni anno il circolo di Tuenno. Anche quest anno i giovani tennisti del circolo noneso si sono messi prepotentemente in luce imponendosi come la migliore realtà di valle dell intera provincia. Al torneo di fine stagione ben sette atleti del circolo di Tuenno erano inseriti nei vari tabelloni del master; che per chi non mastica tennis rappresenta il torneo più importante dell intera annata, al quale, possono partecipare esclusivamente i migliori giocatori della provincia e non. Va detto che ogni anno una folta rappresentanza dei giovani del circolo riesce ad essere inserita in questo torneo. Quest anno con Fedrizzi Bice siamo riusciti a vincerlo nella categoria under 10 femminile; dove seppur con difficoltà la nostra piccola atleta riusciva a sbaragliare tutte le concorrenti. Non meno di nota un altra giovane promessa del tennis di Tuenno promossa nel 2010 di due categorie, Maistrelli Giulia che finiva terza nel tabellone della propria categoria under 12 femminile, ma che si imponeva, seppur perdendo in finale nel 14 femminile, al primo posto nella classifica finale di tutti i tornei disputati under 14. Ben tre erano le presenze nel tabellone femminile under 14, Bernardini Anna, Maistrelli Giulia, Cortelletti Eleonora. Due presenze nel 10 femminile, Fedrizzi Bice e Demarco Anna. Due presenze nel tabellone under 14 maschile, Fedrizzi Cesare e Demarco Andrea. Viene da dire che nonostante tutti questi risultati che anno dopo anno ci vedono primeggiare, non possiamo svolgere un programma adeguato di allenamento per mancanza di strutture coperte o nel caso nostro troppo affollate, vedi la struttura di Cles nella quale un solo campo deve soddisfare l esigenza di due circoli. Noi stiamo aspettando da molti anni una sistemazione dell area sportiva definitiva con una possibile struttura coperta sui campi già esistenti dove, poter programmare il lavoro con tranquillità senza, dover purtroppo vedere i nostri atleti più promettenti trasferirsi in città per gli allenamenti durante l inverno, per continuare un serio programma di lavoro. Contiamo sulla sensibilità dei nostri amministratori per poter dare a tutti coloro che vogliono raggiungere risultati maggiori, la possibilità di farlo. Conclusa la stagione 2009 siamo già sui nastri di partenza per la prossima che, prevediamo ricca di soddisfazioni come le precedenti. Il coro parrocchiale di Tuenno sta svolgendo il suo servizio di animazione delle celebrazioni liturgiche con costanza ed impegno. Ogni giovedì sera si è ritrovato presso la sede all oratorio per preparare al meglio alcuni canti natalizi nuovi e per ripassare quelli già conosciuti. L attività proseguirà ora fino ai primi di giugno con i ritmi scanditi dal calendario liturgico. L assiduità e la bravura dei coristi compensano il loro esiguo numero. Rinnoviamo l invito a quanti ne abbiano le capacità a rendersi disponibili a dare nuova forza alle voci. Anche con il canto corale possiamo essere lievito per far crescere la nostra comunità, ciascuno con le sue capacità e competenze. Il canto è anche cultura personale; in più il canto religioso ci aiuta a pregare. Così l impegno dei coristi nell imparare nuovi canti nasce dalla necessità di portare nell assemblea preghiere nuove, ahce se sempre ben radicate nelle Sacre Scritture. L importanza del coro nelle celebrazioni più importanti, ma ancor più nelle funzioni minori, non deve essere compromessa dalla mancanza di disponibilità di chi è in grado, con un po di buona volontà, di dare un aiuto. Non possiamo privare la comunità di un dono tanto prezioso. 20

COMUNE DI LONGARE. TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013

COMUNE DI LONGARE. TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013 COMUNE DI LONGARE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013 1.1 Utenze domestiche Il territorio comunale è stato diviso in 5 zone in funzione dei caratteri del servizio fornito, come descritto nella tabella che

Dettagli

BOZZA RELAZIONE. Desenzano del Garda 03.05.2014. Pagina 1 di 7

BOZZA RELAZIONE. Desenzano del Garda 03.05.2014. Pagina 1 di 7 BOZZA RELAZIONE Desenzano del Garda 03.05.2014 Pagina 1 di 7 Richiamata la recente Legge 27 dicembre 2013 n. 147 ( Legge di stabilità 2014), in particolare art. 1 commi 639 668 di istituzione della TARI

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO. Allegato A

COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO. Allegato A COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Allegato A RILEVAZIONE SULLO STATO DELL ARTE STATO DELL ARTE La base di partenza dell elaborazione necessaria all analisi per il passaggio

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008)

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Risposta a quesito 2 SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI COMUNE di: LAURIA Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Indirizzo Via Roma,104 C.A.P. / Provincia 85044 - PZ Tel: 0973 627111 Fax: 0973 823793 E

Dettagli

TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1

TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1 allegato A) alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 in data 30/04/2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1 Il procedimento di calcolo delle tariffe TARI

Dettagli

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014 CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014 DATI DI BASE abitanti al 31/12/2013 n. 25.859 COSTI PREVISTI PER L ESERCIZIO

Dettagli

COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA Via Verdi, 16-25030 Erbusco C.F.:00759960172 P.IVA 00577180987 Tel. 030 7767332 Fax 0307760141 E-mail: tributi@comune.erbusco.bs.it PEC comune.erbusco@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA Via Verdi, 16-25030 Erbusco C.F.:00759960172 P.IVA 00577180987 Tel. 030 7767332 Fax 0307760141 E-mail: tributi@comune.erbusco.bs.it PEC comune.erbusco@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA)

COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA) COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA) Delibera di Consiglio Comunale N 17 del 3/07/2014 OGGETTO: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO 2014 Premesso che: L Assessore all Ambiente - il

Dettagli

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la D.C.C. n. 43 in data 06/10/1995 avente per oggetto:

Dettagli

INFORMATIVA IUC 2014

INFORMATIVA IUC 2014 INFORMATIVA IUC 2014 Dal 1 gennaio 2014, secondo quanto previsto dall art. 1, commi 639 e seguenti, della Legge 27/12/2013, n. 147 è entrata in vigore la IUC, Imposta Unica Comunale. La IUC si suddivide

Dettagli

Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015

Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015 Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015 Proposta di Deliberazione N : 231 del 14/05/2015 AREA II - SERVIZI ECONOMICO FINANZIARI E TRIBUTARI Unità TRIBUTI OGGETTO:

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014 IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014 pagina 1 TASI (TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI) ALIQUOTE ANNO 2014 (Approvate con delibera di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO

COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO TARI (TASSA SUI RIFIUTI) DENUNCIA DEI LOCALI ED AREE ADIBITE AD USO DIVERSO ABITAZIONE ANNO... IL SOTTOSCRITTO NATO A IL SESSO M F RESIDENTE IN VIA/PIAZZA N. CIVICO

Dettagli

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI Premessa normativa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili all'applicazione del

Dettagli

TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA RIDUZIONE PER SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI

TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA RIDUZIONE PER SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI Unione dei Comuni Lombarda della Valletta Ufficio Tributi c/o Municipio di Santa Maria Hoè Piazza Padre Fausto Tentorio, 2 23889 Santa Maria Hoè (LC) Telefono 039-5311174 int. 4 TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 10/04/2015 APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E DETERMINAZIONE TARIFFE TARI 2015.

Dettagli

TARIFFE DOMESTICHE. ALLEGATO B - TARIFFE DOMESTICHE in vigore dal 01/01/2013 Gli importi sono definiti su base annua

TARIFFE DOMESTICHE. ALLEGATO B - TARIFFE DOMESTICHE in vigore dal 01/01/2013 Gli importi sono definiti su base annua TARIFFE DOMESTICHE ALLEGATO B - TARIFFE DOMESTICHE in vigore dal 01/01/2013 Gli importi sono definiti su base annua PER TUTTE LE UTENZE comp Quota Fissa 2013 Quota allaccio Quota Organico (*) CONTENIT.

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29%

COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29% COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29% Piano Economico Finanziario come approvato da AC con atto 8/13; ELABORAZIONE TRANSIZIONE A TARES Il presente

Dettagli

ESERCIZIO FINANZIARIO 2007

ESERCIZIO FINANZIARIO 2007 CAPITOLO 5801938 5181954 5451960 4391943 5621937 5830404 5801493 5801939 5830406 ESERCIZIO FINANZIARIO 2007 Canone Servizio raccolta R.S.U. 8.577.807,93 Canone pulizia cimitero 140.892,00 Canone pul. Piazzali,

Dettagli

Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto:

Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto: Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto: DELIBERA C.C. N.93 DEL 29.10.1999, AD OGGETTO: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE E LA RISCOSSIONE DELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA

Dettagli

COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza

COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza TARIFFE TASSA SUI RIFIUTI (TARI) - ANNO 2016 Utenze domestiche 1,00 a mq. Utenze domestiche di campagna 0,60 a mq. Utenze domestiche (Pensionati nei paesi di residenza

Dettagli

GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014

GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014 GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014 L articolo 1 comma 640 e seguenti della legge n. 147/2013 - e successive modificazioni e integrazioni - ha istituito,

Dettagli

fino a 30 1 da 31 a 45 2 da 46 a 60 3 da 61 a 75 4 da 76 a 90 5

fino a 30 1 da 31 a 45 2 da 46 a 60 3 da 61 a 75 4 da 76 a 90 5 TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI GUIDA AL CALCOLO TARES (AGGIORNATO ALL'11/01/2014) La componente Rifiuti della TARES è composta da: UNA QUOTA FISSA: determinata in relazione alle componenti

Dettagli

Imposta unica comunale (IUC) Anno 2016

Imposta unica comunale (IUC) Anno 2016 COMUNE DI SONDALO PROVINCIA DI SONDRIO Servizio Finanziario Tributi Imposta unica comunale (IUC) Anno 2016 Informativa 10 maggio 2016 Con i commi dal 639 al 705 dell articolo 1 della Legge n. 147 del 27.12.2013

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA Deliberazione Consiglio comunale n. 24 del 29.04.2014 OGGETTO: Approvazione tariffe della tassa rifiuti (TARI) anno 2014 e definizione scadenze. IL CONSIGLIO COMUNALE - Preso atto che, in relazione ai

Dettagli

COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia Delibera N. 100 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Definizione dei criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali

Dettagli

La tassa sui rifiuti (TARI)

La tassa sui rifiuti (TARI) COMUNE DI COMO La tassa sui rifiuti (TARI) Anno 2014 DISCIPLINA L articolo 1, comma 639, della legge n. 147/2013, ha istituito l imposta unica comunale (IUC) che, per la sua componente riferita ai servizi,

Dettagli

ALIQUOTE I.M.U. ANNO 2015

ALIQUOTE I.M.U. ANNO 2015 I.U.C.- IMPOSTA UNICA COMUNALE L imposta Unica Comunale, di seguito denominata IUC, istituita con legge n. 147 del 27.12.2013, si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON

COMUNITA DELLA VAL DI NON Allegato sub. 2) alla delibera dell Assemblea n. di data 16.02.2015 COMUNITA DELLA VAL DI NON TARIFFA DI IGIENE AMBIENTALE ANNO 2015 Per i Comuni di: Amblar, Bresimo, Brez, Cagnò, Campodenno, Castelfondo,

Dettagli

Allegato A) della Deliberazione di C.C. n. 38 del 03/07/2013 CITTÀ DI PIOSSASCO

Allegato A) della Deliberazione di C.C. n. 38 del 03/07/2013 CITTÀ DI PIOSSASCO Allegato A) della Deliberazione di C.C. n. 38 del 03/07/2013 CITTÀ DI PIOSSASCO REGOLAMENTO COMUNALE DI ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AI RIFIUTI URBANI 1 INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Criteri generali

Dettagli

TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2014

TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2014 TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2014 ALIQUOTE IMU: 1,02% Aliquota base 0,52% abitazioni principali e relativa/e pertinenza/e del soggetto passivo d imposta così come definito

Dettagli

TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2015

TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2015 TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2015 ALIQUOTE IMU: 0,60% Abitazioni principali e relativa/e pertinenza/e del soggetto passivo d imposta così come definito dall art. 13 comma

Dettagli

Rapporto 2014 di monitoraggio dei servizi pubblici ambientali. Servizio Gestione Rifiuti Urbani. Allegato B: TARES 2013: utenze non domestiche

Rapporto 2014 di monitoraggio dei servizi pubblici ambientali. Servizio Gestione Rifiuti Urbani. Allegato B: TARES 2013: utenze non domestiche DIREZIONE GENERALE AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA OSSERVATORIO REGIONALE SERVIZI IDRICI E DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Rapporto 2014 di monitoraggio dei servizi pubblici ambientali Servizio

Dettagli

COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias)

COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias) Comune di Portoscuso Relazione al Piano Finanziario per I applicazione della TARI anno (Allegato n 2) COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias) RELAZIONE ALLEGATA AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE

Dettagli

Comune di Sindia Provincia di Nuoro

Comune di Sindia Provincia di Nuoro Comune di Sindia Provincia di Nuoro DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n 11 del 30.07.2015 Oggetto: Tributo sui rifiuti (TARI): approvazione tariffe per l anno 2015. Il giorno trenta del mese di luglio

Dettagli

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino Via Mazzini, 22 10020 LAURIANO (TO) Tel. 011 9187801 Fax 011 9187482 P.IVA 01734040015 C.F. 82500430010 WWW.COMUNE.LAURIANO.TO.IT info@comune.lauriano.to.it mail

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE 1) Musei, Biblioteche, Scuole, Associazioni, Luoghi di culto Musei e gallerie pubbliche e private Biblioteche Scuole pubbliche di ogni ordine e grado Scuole parificate

Dettagli

COMUNITA /COMPRENSORIO DELLA VAL DI NON

COMUNITA /COMPRENSORIO DELLA VAL DI NON TARIFFA DI IGIENE AMBIENTALE Per i Comuni di: Amblar, Bresimo, Brez, Cagnò, Campodenno, Castelfondo, Cavareno, Cis, Cles, Cloz, Coredo, Cunevo, Dambel, Denno, Don, Flavon, Fondo, Livo, Malosco, Nanno,

Dettagli

C O M U N E D I I N V E R I G O

C O M U N E D I I N V E R I G O C O M U N E D I I N V E R I G O PROVINCIA DI COMO D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E COPIA N 21 del Registro delle Deliberazioni OGGETTO: IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) - COMPONENTE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI Classe 1 -Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali Associazioni o istituzioni

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CC n. 30 del 26/10/2013 Oggetto: Rettifica delibera consiliare n. 21 del 24/09/2013 "tariffe per la gestione dei rifiuti solidi urbani e assimilati per l'anno 2013" IL CONSIGLIO COMUNALE Visto l art. 14

Dettagli

COMUNE DI MONCLASSICO Provincia di Trento

COMUNE DI MONCLASSICO Provincia di Trento 2015 TARIFFA SERVIZIO IDRICO INTEGRATO (ACQUEDOTTO) 1 - USO DOMESTICO a Tariffa 1 scaglione fino a 100 m.c. b Tariffa 2 scaglione da m.c. 101 a 250 m.c. c Tariffa 3 scaglione oltre 250 m.c. 2 - USI NON

Dettagli

COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine

COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale SEDUTA del 27/04/2016 N 9 del Reg. Del OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE RELATIVE ALLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) PER

Dettagli

GUIDA AI TRIBUTI DEL COMUNE DI TERRALBA. La manovra tributaria nel comune di Terralba

GUIDA AI TRIBUTI DEL COMUNE DI TERRALBA. La manovra tributaria nel comune di Terralba COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 0783 85301 Fax 0783 83341-0783 8530251 www.comune.terralba.or.it P.IVA 00063150957 GUIDA AI TRIBUTI DEL COMUNE DI TERRALBA

Dettagli

COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ----------------------

COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ---------------------- COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ---------------------- Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Seduta pubblica di prima Convocazione NR. 23 DEL 29-07-2014 ORIGINALE

Dettagli

PRONTUARIO TARIFFE E ALIQUOTE IMPOSTE, TASSE E SERVIZI COMUNALI ANNO 2015 CODICE CATASTALE COMUNE - F 5 3 3

PRONTUARIO TARIFFE E ALIQUOTE IMPOSTE, TASSE E SERVIZI COMUNALI ANNO 2015 CODICE CATASTALE COMUNE - F 5 3 3 PRONTUARIO TARIFFE E ALIQUOTE IMPOSTE, TASSE E SERVIZI COMUNALI ANNO 2015 CODICE CATASTALE COMUNE - F 5 3 3 ADDIZIONALE COMUNALE ALL IRPEF FATTISPECIE ALIQUOTE ESENZIONE Reddito complessivo imponibile

Dettagli

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 29 Data 29/07/2015 OGGETTO: Approvazione tariffe TARI. L anno 2015 il giorno 29 del mese di LUGLIO alle ore 17:30, nella

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: Tariffa Igiene Ambientale anno 2012. Delibera n 71 in data 29/05/2012 La presente viene pubblicata in data odierna all Albo Pretorio on line

Dettagli

Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi ANNO 2013

Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi ANNO 2013 Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi Art.14 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 (convertito con Legge 22 dicembre 2011, n. 214) ANNO 2013 1 PREMESSA Dal 1 gennaio 2013 la normativa statale

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE 18/05/2013 N. 166

COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE 18/05/2013 N. 166 Comune di Avellino COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE 18/05/2013 N. 166 OGGETTO: TARES (TASSA RIFIUTI E SERVIZI) :APPROVAZIONE REGOLAMENTO, PIANO FINANZIARIO,TARIFFE. ANNO 2013. L anno duemilatredici

Dettagli

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie:

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: Categoria 1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni

Dettagli

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA {Copiaprima COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA COPIA Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE N. 28 DEL 30/07/2015 Oggetto: IUC Componente TARI - Approvazione Piano

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014

COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014 COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 11 del 01/08/2014 1 Il presente

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COPIA DELIBERAZIONE N. 16 in data: 21.06.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI GATTEO (PROVINCIA DI FORLI' - CESENA)

COMUNE DI GATTEO (PROVINCIA DI FORLI' - CESENA) COMUNE DI GATTEO (PROVINCIA DI FORLI' - CESENA) ORIGINALE Atto del Consiglio Comunale n 33 del 29/07/2015 Oggetto: SERVIZIO RELATIVO ALLA RACCOLTA E AL TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI. TASSA SUI RIFIUTI (TARI).

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012)

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012) Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012) Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto (classe 1

Dettagli

COMUNE DI BELGIOIOSO TARI METODO NORMALIZZATO SIMULAZIONE CALCOLI ANNO 2015 COMUNE DEL NORD CON PIU' DI 5000 ABITANTI D.P.R.

COMUNE DI BELGIOIOSO TARI METODO NORMALIZZATO SIMULAZIONE CALCOLI ANNO 2015 COMUNE DEL NORD CON PIU' DI 5000 ABITANTI D.P.R. COMUNE DI BELGIOIOSO TARI METODO NORMALIZZATO SIMULAZIONE CALCOLI ANNO 2015 COMUNE DEL NORD CON PIU' DI 5000 ABITANTI D.P.R. 27 Aprile 1999,n.158 1) DEFINIZIONI Per definire le componenti dei costi e determinare

Dettagli

PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE)

PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) TARI COMUNE DI BUTTRIO Tassa sui Rifiuti Urbani componente tributaria IUC 2014 GUIDA INFORMATIVA PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) Con i commi dal 639 al 705 dell articolo 1 della

Dettagli

COMUNE DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE FISCALITA LOCALE ED ENTRATE PER SERVIZI UFFICIO: TASSA SUI RIFIUTI

COMUNE DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE FISCALITA LOCALE ED ENTRATE PER SERVIZI UFFICIO: TASSA SUI RIFIUTI COMUNE DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE FISCALITA LOCALE ED ENTRATE PER SERVIZI UFFICIO: TASSA SUI RIFIUTI Oggetto: Tassa sui rifiuti (TARI). Determinazione delle tariffe relative all anno 2015. Premesso

Dettagli

CITTA DI LOMAZZO Provincia di Como. Verbale di Deliberazione di Consiglio Comunale

CITTA DI LOMAZZO Provincia di Como. Verbale di Deliberazione di Consiglio Comunale Cat. 2 Cl. 3. COPIA CONFORME CITTA DI LOMAZZO Provincia di Como Deliberazione n. 20 del 07-04-2015 Verbale di Deliberazione di Consiglio Comunale Oggetto: Approvazione Piano Finanziario e Tariffe per la

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES COMUNE DI SERRENTI Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

CITTA DI ALESSANO Provincia di Lecce Settore Tributi

CITTA DI ALESSANO Provincia di Lecce Settore Tributi CITTA DI ALESSANO Provincia di Lecce Settore Tributi COME SI CALCOLA LA TARES (Esempi di calcolo e confronto con la TARSU) UTENZE DOMESTICHE Superficie imponibile mq. 100 N. Componenti Nucleo Familiare

Dettagli

Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Seduta Straordinaria - Convocazione Prima - Seduta Pubblica

Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Seduta Straordinaria - Convocazione Prima - Seduta Pubblica COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA Nr. di Prot. COPIA Deliberazione nr. 42 del 06-06-2013 Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Seduta Straordinaria - Convocazione Prima - Seduta Pubblica

Dettagli

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 29/04/2015 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI BUTTAPIETRA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. SESSIONE Ordinaria di Prima CONVOCAZIONE

COMUNE DI BUTTAPIETRA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. SESSIONE Ordinaria di Prima CONVOCAZIONE COMUNE DI BUTTAPIETRA PROVINCIA DI VERONA ORIGINALE Reg. Deliberazioni Numero 19 Del 30-06-2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE SESSIONE Ordinaria di Prima CONVOCAZIONE Oggetto: TASSA SUI

Dettagli

Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi 2013

Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi 2013 Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi 2013 cosa c è da sapere come leggere l avviso di pagamento Via G. D Annunzio, 75 16121 Genova Via di Francia, 3 16149 Genova 2 tributo comunale sui rifiuti e

Dettagli

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI 2014

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI 2014 PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI 2014 Premessa normativa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili all'applicazione

Dettagli

Oggetto: Approvazione aliquote tassa per la gestione dei rifiuti urbani - TARI per l anno di imposta 2015. Il Consiglio Comunale

Oggetto: Approvazione aliquote tassa per la gestione dei rifiuti urbani - TARI per l anno di imposta 2015. Il Consiglio Comunale CC 14 dd11-03-2015 Oggetto: Approvazione aliquote tassa per la gestione dei rifiuti urbani - TARI per l anno di imposta 2015. Il Consiglio Comunale Ricordato che l'art. 1 comma 639, della L. 147/2013,

Dettagli

COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine

COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale SEDUTA del 26/08/2014 N 27 del Reg. Del OGGETTO: APPROVAZIONE DELLE TARIFFE RELATIVE ALLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI)

Dettagli

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto:

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto: Comune di BOSCHI SANT ANNA Oggetto: Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI L. 147 del 27.12.2013 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 Competenza: UFFICIO TRIBUTI DEL COMUNE DI BOSCHI SANT

Dettagli

Al SETTORE ST SERVIZIO GGT del COMUNE di MELZO (PROVINCIA DI MILANO)

Al SETTORE ST SERVIZIO GGT del COMUNE di MELZO (PROVINCIA DI MILANO) Bollo Al SETTORE ST SERVIZIO GGT del COMUNE di MELZO (PROVINCIA DI MILANO) Protocollo AGIB n : Richiesta di Certificato di agibilità ai sensi dell art. 24 e segg. del D.P.R. 380/2001 ad esclusione degli

Dettagli

Gestione Rifiuti - BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa)

Gestione Rifiuti - BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa) CO STI Gestione Rifiuti BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa) PARTE FISSA PARTE VARIABILE 0% 100% TO TALE Costi vari (sia fissi che variabili) 0,00 0,00 0,0 CSL Costi di spazzam ento e lavaggio delle

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARIFFA IGIENE AMBIENTALE

PIANO FINANZIARIO TARIFFA IGIENE AMBIENTALE COMUNE DI CARONNO VARESINO Provincia di Varese PIANO FINANZIARIO TARIFFA IGIENE AMBIENTALE Allegato A3) alla deliberazione della C.C. n. 12 del 23/09/2013 ANNO 2013 03 20130829 Caronno Piano Finanziario

Dettagli

C O M U N E D I S A N P I E T R O A L N A T I S O N E P r o v i n c i a d i U d i n e SEDUTA DEL 01.08.2013 CONSIGLIERI P. A. P. A. TOTALE N.

C O M U N E D I S A N P I E T R O A L N A T I S O N E P r o v i n c i a d i U d i n e SEDUTA DEL 01.08.2013 CONSIGLIERI P. A. P. A. TOTALE N. C O P I A N. 2 0 del Reg.Delibere C O M U N E D I S A N P I E T R O A L N A T I S O N E P r o v i n c i a d i U d i n e V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L

Dettagli

Comune di BELPASSO TARI TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI ANNO 2015 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 1 C. 651 DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N.

Comune di BELPASSO TARI TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI ANNO 2015 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 1 C. 651 DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. TARI TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI ANNO 2015 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 1 C. 651 DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. 147 SIMULAZIONE TARI 2015_c.651/04 22 luglio 2015 Tabelle riassuntive 1 PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N. 46 OGGETTO: Modifica tariffe Tares DEL 18-10-2013 SESSIONE Straordinaria SEDUTA Pubblica DI Prima CONVOCAZIONE

Dettagli

COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca)

COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca) COPIA COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca) Piazza Dante, 1 55042 Forte dei Marmi Lucca C.F. e P.I. 00138080460 tel. 0584/2801 Fax 0584/280246 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 60 Data 24/09/2013

Dettagli

COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO SCHEDA TECNICA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER L APPLICAZIONE DELLA TARI (TASSA SUI RIFIUTI) PER L ANNO 2015 [SCHEDA TECNICA] Pagina 1 1.PREMESSA

Dettagli

Città di NARDO (Lecce)

Città di NARDO (Lecce) Città di NARDO (Lecce) PIANO GESTIONALE FINANZIARIO - TARIFFA ANNO 2011 RELAZIONE PIANO TARIFFA CICLO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI GESTORE BIANCO IGIENE AMBIENTALE S.r.l. Via Bernardini 73048 Nardò (Lecce)

Dettagli

COMUNE DI ALBIANO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 06 del Consiglio Comunale

COMUNE DI ALBIANO. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 06 del Consiglio Comunale COPIA COMUNE DI ALBIANO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 06 del Consiglio Comunale Oggetto: APPROVAZIONE TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PER L ANNO 2015. L anno duemilaquindici, il giorno

Dettagli

Città di NARDO (Lecce)

Città di NARDO (Lecce) Città di NARDO (Lecce) PIANO GESTIONALE FINANZIARIO - TARIFFA ANNO 2015 RELAZIONE PIANO TARIFFA CICLO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI GESTORE BIANCO IGIENE AMBIENTALE S.r.l. Via Bernardini 73048 Nardò (Lecce)

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 51 del 12 Agosto 2014 ADUNANZA IN PRIMA CONVOCAZIONE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 51 del 12 Agosto 2014 ADUNANZA IN PRIMA CONVOCAZIONE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 51 del 12 Agosto 2014 ADUNANZA IN PRIMA CONVOCAZIONE OGGETTO: TARI 2014 - LA NUOVA DISCIPLINA TARIFFARIA Il giorno 12 Agosto 2014 alle ore 19:50 presso la Residenza

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015 Città metropolitana di Bologna COPIA n. 24 del 10.06.2015 OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE TARI 2015 Il giorno 10 giugno 2015 alle ore 20.45 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte

Dettagli

COMUNE DI SAN MARCO ARGENTANO (Provincia di Cosenza)

COMUNE DI SAN MARCO ARGENTANO (Provincia di Cosenza) COMUNE DI SAN MARCO ARGENTANO (Provincia di Cosenza) DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 17 DEL 08/04/2014 OGGETTO: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) : ESAME EDAPPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE

Dettagli

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) *************

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio delle competenze e dei poteri del Consiglio comunale N. 4 del Reg.

Dettagli

Comune di RECCO Provincia di GENOVA

Comune di RECCO Provincia di GENOVA Provincia di GENOVA TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI ANNO 2013 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 14 DEL DECRETO LEGGE 6/12/2011 N. 201 E S.M.I. - Relazione Finale - INDICE Comune di RECCO

Dettagli

OGGETTO: Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani ed Assimilati. Approvazione tariffe per l'anno 2012. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani ed Assimilati. Approvazione tariffe per l'anno 2012. IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA DI C.C. N. 8 DEL 02/04/2012 OGGETTO: Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani ed Assimilati. Approvazione tariffe per l'anno 2012. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO il nuovo regolamento per

Dettagli

COMUNE DI VAIE PROVINCIA DI TO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DEL CONSIGLIO COMUNALE N.17

COMUNE DI VAIE PROVINCIA DI TO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DEL CONSIGLIO COMUNALE N.17 C o p i a A l b o COMUNE DI VAIE PROVINCIA DI TO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DEL CONSIGLIO COMUNALE N.17 OGGETTO: Imposta Unica Comunale (IUC) anno 2014. Approvazione Piano Finanziario

Dettagli

CITTÀ DI MONDRAGONE Medaglia d Oro al Merito Civile Provincia di Caserta UFFICIO TRIBUTI

CITTÀ DI MONDRAGONE Medaglia d Oro al Merito Civile Provincia di Caserta UFFICIO TRIBUTI NOTA INFORMATIVA TARES 2013 Il decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 (c.d. Decreto Monti) ha istituito, con decorrenza 1 gennaio 2013, il Tributo comunale sui Rifiuti e sui Servizi (TARES). Con l entrata

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE

BILANCIO DI PREVISIONE Comune di Cernusco Lombardone BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2015 al 19 maggio 2015 www.comune.cernuscolombardone.lc.it BILANCIO COME FUNZIONA Il bilancio di previsione del Comune risulta in pareggio: il

Dettagli

C O M U N E D I A L L U M I E R E

C O M U N E D I A L L U M I E R E Il presente verbale viene così sottoscritto IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO Battilocchio Augusto Dott.Pietro Lucidi ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE Il sottoscritto IL FUNZIONARIO RESPONSABILE DEL SETTORE attesta

Dettagli

COMUNE DI SANFRONT. Provincia di Cuneo. VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE N.21

COMUNE DI SANFRONT. Provincia di Cuneo. VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE N.21 Copia COMUNE DI SANFRONT Provincia di Cuneo VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE N.21 OGGETTO: T.A.R.E.S.: approvazione piano finanziario e tariffe 2013. L anno duemilatredici addì ventisei

Dettagli

* COMUNITA MONTANA - COMMUNAUTE DE

* COMUNITA MONTANA - COMMUNAUTE DE * COMUNITA MONTANA - COMMUNAUTE DE MONTAGNE GRAND COMBIN Scopri con me quanto costa il Servizio di raccolta e smaltimento rifiuti e come si calcola quanto si paga per l anno 2014 * Previsione costi anno

Dettagli

LE FATTORIE DIDATTICHE

LE FATTORIE DIDATTICHE LE FATTORIE DIDATTICHE La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo di attività di servizio e didattiche all interno delle aziende agricole attraverso l applicazione dell articolo 33 del regolamento

Dettagli