DECRETO n. 113 del 20/02/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DECRETO n. 113 del 20/02/2014"

Transcript

1 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, Brescia Tel Fax Posta certificata: Codice Fiscale e Partita IVA: DECRETO n. 113 del 20/02/2014 Cl OGGETTO: Piano triennale dei controlli del Dipartimento di Prevenzione Medico - Annualità Il DIRETTORE GENERALE - Dr. Carmelo Scarcella nominato con D.G.R. IX/ del Acquisito il parere di competenza del DIRETTORE SANITARIO Acquisito il parere di legittimità del DIRETTORE AMMINISTRATIVO Dr. Francesco Vassallo Dott. Pier Mario Azzoni

2 IL DIRETTORE GENERALE Premesso che - la Giunta Regionale, Direzione Generale Sanità, con deliberazione n. X/1185 del ha assunto determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l esercizio 2014 e con D.G.R. n. X/1104 del ha approvato il Piano regionale per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; - con Decreto D.G. n. 90 del è stato adottato il Piano triennale dei controlli del Dipartimento di Prevenzione Medico; Vista la nota prot. H del contenente le prime precisazioni in merito all attuazione della D.G.R. n. X/1185 del Determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l esercizio 2014 ; Considerato che il Dipartimento di Prevenzione Medico ha provveduto a redigere il documento denominato Piano triennale dei controlli , annualità 2014, allegato A composto da numero 10 pagine, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; Vista la proposta del Direttore del Dipartimento di Prevenzione Medico, Dr. Fabrizio Speziani, che attesta, in qualità di Responsabile del Procedimento, la regolarità tecnica del presente provvedimento e la conformità del medesimo al disposto dell art.13, comma 17 della Legge n.33; Acquisito il parere di competenza del Direttore Sanitario, Dr. Francesco Vassallo; Acquisito il parere di legittimità del Direttore Amministrativo, Dott. Pier Mario Azzoni; D E C R E T A a) di approvare il documento di cui all Allegato A denominato Piano triennale dei controlli , annualità 2014, composto da n. 10 pagine, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; b) di prendere atto che l adozione del piano suddetto non comporta ulteriori oneri per l Azienda; c) di dare mandato al Dipartimento di Prevenzione Medico di provvedere alla pubblicità del piano medesimo informando altresì la Direzione Generale Sanità della Regione Lombardia dell avvenuta approvazione; d) di dare atto che il presente provvedimento è sottoposto al controllo del Collegio Sindacale in conformità ai contenuti dell art. 3-ter del D.lgs. n.502/1992 e smi e dell art.12, comma 12, della L.R. n.33/2009; e) di disporre a cura della U.O. Affari Generali, la pubblicazione all Albo on-line ai sensi dell art. 18 della L.R. n.33/2009 e dell art.32 della L. n.69/2009. Firmato digitalmente dal Direttore Generale Dr. Carmelo Scarcella

3 Allegato A Dipartimento di Prevenzione Medico PIANO TRIENNALE DEI CONTROLLI ANNUALITA 2014 Febbraio

4 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA DI VIGILANZA PER IL 2014 Presentazione. Le attività di vigilanza da programmare per l anno 2014 mantengono le metodologie auspicate dagli indirizzi regionali (DGR n 2633 del e successive note esplicative, Regole 2014 del Sistema Sanitario Regionale) basate su trasversalità ed integrazione nell esecuzione degli interventi oltre che sulla sostenibilità ed efficienza nell utilizzo delle risorse. La vigilanza ed i controlli sono inclusi in programmi e progetti capaci di tutelare la salute e la sicurezza dei cittadini in funzione della graduazione dei rischi insiti in ogni attività produttiva, commerciale o di servizio. Per questo nella pianificazione della vigilanza per il 2014, sono stati confermati gli obiettivi e gli indicatori quantitativi già previsti per il Piano triennale con incremento della qualità delle attività di controllo programmate. Sono state quindi introdotte tipologie minime di controllo, che si avvarranno anche di eventuali progetti speciali attivati a seguito di risorse che si rendessero disponibili nel corso dell anno. I sistemi aziendali di rilevazione della attività, sono attualmente strutturati in modo da poter monitorare con sensibilità l attività ispettiva codificata secondo le tipologie previste nell applicativo regionale Il sistema aziendale è strutturato in modo da raccogliere sempre e puntualmente l informazione di sopralluogo anche quando la tipologia di controllo implicitamente non lo sottintende (tipicamente nelle attività di audit e nelle indagini per infortuni e malattie professionali). Nella previsione del piano, si intende garantire un livello percentuale di controlli eseguiti sul posto attraverso la tipologia di controllo ispezione (codificate in con il codice 02 o 03 ) tale da consentire al funzionario un osservazione più puntuale e più prossima alla realtà imprenditoriale. Questa assunto deriva dall evidenza che una reale presenza dell operatore sanitario presso la sede dell attività imprenditoriale è maggiormente capace di fornire, accanto ai controlli ed alle verifiche generiche, la promozione di collaborazioni e confronti in grado di creare cultura preventiva ed educazione sanitaria specifica anche tra le maestranze e gli operatori dei vari settori imprenditoriali. Con tali presupposti il programma dei controlli 2014 si basa sull integrazione, sull analisi di contesto in base ai dati disponibili nel sistema IMPRESA e sull analisi e definizione del rischio basata sull esito dei controlli svolti a livello locale. Non ultimo, in considerazione della manifestazione EXPO 2015, una particolare attenzione verrà riservata a garantire il miglior livello qualitativo dei prodotti alimentari tipici del territorio. Per mantenere il livello qualitativo e di efficacia degli interventi di vigilanza in programmazione sono state mantenute tutte le attività propedeutiche utili quali la formazione degli operatori, la collaborazione interna all ASL con le varie articolazioni funzionali (in primis Dipartimento Prevenzione Veterinaria) e la collaborazione esterna all ASL con ARPA UOML DPL e VVdF. Di particolare rilevanza è l attività del gruppo di lavoro, istituito presso il D.P.M., che, prima di procedere ad adeguare il programma degli interventi per il 2014 alle realtà riscontrate sulla scorta dei dati emersi dai programmi di vigilanza 2012 e 2013, ha proceduto a riscontrare, analizzandola, la realtà di contesto che è venuta emergendo negli ultimi anni. Le dinamiche legate alla crisi economica in atto ormai da alcuni anni a livello sia nazionale che internazionale, hanno nell ultimo periodo generato un notevole grado di discontinuità delle realtà imprenditoriali presenti, con fenomeni sempre più repentini che rendono instabile la stima della realtà economica che si va consolidando. Sulla base di tali riscontri, ed in considerazione che l annualità per cui si procede alla pianificazione è quella conclusiva del triennio, il gruppo di lavoro ha adeguato il programma degli interventi per il 2014 alle realtà presuntivamente presenti così come riscontrate nel corso della vigilanza dei due anni precedenti. L adeguamento della pianificazione dei controlli e dei campionamenti (matrici alimentari, ambientali e spiagge pubbliche) per il 2014, ha considerato una programmazione legata non solo al mantenimento degli standards quantitativi ma altresì alla qualità degli interventi di vigilanza. In questo ambito si intende ricompresa anche l attività preventiva alla corruzione, effettuata attraverso l introduzione di precauzioni ausiliarie quali la rotazione periodica del personale sul territorio e nelle equipe, che sarà esplicitata da ogni articolazione territoriale con uno specifico piano di rotazione a valenza biennale. All interno dell attività programmata, nel presente piano viene riservata particolare attenzione alle attività di ristorazione e di produzioni tipiche come oli e vini in previsione di EXPO 2015, anche in sinergia con il Dipartimento di Prevenzione Veterinario. 2

5 SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Descrizione del contesto. Per quanto riguarda le malattie trasmissibili, di seguito si riportano le tabelle di sintesi che ne descrivono l incidenza negli anni dal 2009 al Andamento epidemiologico delle malattie infettive correlabili a situazioni ambientali ASL DI BRESCIA Patologie segnalate dai sanitari N. pratiche N. pratiche N. pratiche N. pratiche N. pratiche LEGIONELLOSI TUBERCOLOSI Andamento epidemiologico delle malattie infettive correlabili ad assunzione di alimenti ASL DI BRESCIA Patologie segnalate dai sanitari N. pratiche N. pratiche N. pratiche N. pratiche N. pratiche BRUCELLOSI DIARREA INFETTIVA EPATITE A FEBBRE TIFOIDE GIARDIASI INFEZIONI E TOSSINFEZIONI ALIMENTARI 260 (*) SALMONELLOSI NON TIFOIDEE SHIGELLOSI (*) Il significativo incremento di tossinfezioni registrato nel 2009 è ricollegabile a numerosi casi di gastroenterite in residenti in Comune di S. Felice del Benaco, dovuti alla presenza di batteri e virus nell'acqua distribuita dall'acquedotto comunale. I dati confermano un sostanziale controllo delle patologie infettive correlabili a situazioni ambientali quali la Malattia Tubercolare e le Legionellosi e rilevano un sostanziale controllo di patologie di origine alimentare classiche quali la Brucellosi, la Febbre Tifoide, la Giardiasi, la Dissenteria Bacillare e delle Tossinfezioni alimentari in genere. In lieve riduzione le Salmonellosi Non-Tifoidee. L Epatite A nell intero Paese ha fatto registrare un incremento legato a casi di epatite secondari alla commercializzazione di frutti di bosco contaminati. Confermato anche l incremento delle Diarree infettive. Tabelle di contesto: le attività. L attuale sfavorevole congiuntura economica sta notevolmente modificando il sistema produttivo pertanto la programmazione per la vigilanza del 2014 viene effettuata con chiaro riferimento alla critica realtà economica di questo periodo. Di fatto, la crisi generalizzata diffusa dal 2008 ad oggi ha coinvolto, con effetto domino, aziende ed imprese di vario genere con importanti ripercussioni sull economia locale e marcato turn-over delle attività produttive con un conseguente notevole trend di diminuzione e di variazione dell assetto delle imprese. Alla luce di quanto evidenziato, ed anche in considerazione della conclusione del triennio di vigilanza, il gruppo di lavoro dipartimentale non ha ritenuto di dover procedere, per il 2014, a una puntuale descrizione ex-novo del territorio. In attesa di un momento di maggior stabilità, è stata assunta la descrizione produttiva già indicata nel piano triennale senza ridurre la quantità globale dei controlli ispettivi previsti e sempre in considerazione della graduazione del rischio. Per questo sono state mantenute, di massima, le tabelle descrittive del contesto riscontrate per gli anni scorsi alla luce delle passate attività di vigilanza 2012 e Partendo dalle informazioni contenute nel sistema e sulla scorta di quanto emerso in fase di verifica, permane anche quest anno l uso di una codifica ATECO aggiuntiva che definisce le specifiche caratteristiche di rischio accertate in una ottica sanitaria utile a fini programmatori ed operativi. Tali sottogruppi vengono di fatto riaggregati nelle codifiche regionali prima della trasmissione verso 3

6 Tabella del contesto ISP Oggetto Descrizione oggetto N. imprese calcolate Scuole di ogni ordine e grado Asili nido e minori disabili Strutture carcerarie Ospedali, Case di cura, Laboratori (**) Ambulatori medici, poliambulatori Assistenza residenziale e semiresidenziale per malati psichici, tossicodipendenti,disabili, aids Servizi di pompe funebri e attività connesse Farmacie Alberghi, campeggi e altri alloggi di breve soggiorno (bed and breakfast, affittacamere, agriturismo, ostelli) Mezzi di trasporto, magazzini, agenzie di viaggio, gest. telecomunicazioni, phone center, poste (*) Uffici e attività amministrative (ivi comprese associazioni, volontariato, onlus) Palestre, impianti sportivi, stabilimenti balneari, cinema, teatri, sale giochi, oratori, mercati Piscine (escluse quelle condominiali) Parrucchieri, centri estetici, benessere fisico, stabilimenti termali Tatuatori e piercing Lavanderie Fabbricazione di cosmetici e detergenti Assistenza per anziani residenziale e semiresidenziale 100 Totale (*) l oggetto 8411 (Uffici e attività amministrative ) descritto, corrisponde alle sedi delle associazioni di trasporto sanitario ed ai comuni interessati da spiagge pubbliche. A questa categoria oggetto si riconduce anche una serie eterogenea di imprese che saranno, comunque, vigilate. (**) l oggetto , dettaglio della codifica degli ospedali, individua i soli ambulatori medici Tabella del contesto IAN Oggetto Descrizione oggetto N. imprese calcolate (*) Gelaterie pasticcerie con somministrazione Catering di eventi e contrattuali Impianti di acquedotto Laboratori di produzione senza somministrazione (**) Gastronomie (***) Ristoranti e ristorazione annessa ad aziende agricole Mense Commercio all'ingrosso di prodotti alimentari Commercio al dettaglio alimentare in sede fissa o ambulante Bar e caffetterie Farmacie erboristerie commercio al dettaglio di cosmetici (****) Commercio all'ingrosso di prodotti non alimentari 50 Totale (*) = La codifica è stata utilizzata per individuare le sole "Gelaterie e pasticcerie " differenziandole dalla codifica più generica 0211 "Laboratori di produzione senza somministrazione". (**) = La codifica è stata utilizzata per individuare le sole "Gastronomie" differenziandole dalla codifica più generica 0211 "Laboratori di produzione senza somministrazione". (***) = Ai controlli codificati alla voce 0221 devono essere accodati quelli effettuati sulle attività temporanee, identificati dalla codifica , così appositamente differenziati nei sistemi locali per finalità statistiche. (****) Aziende che commercializzano prodotti fitosanitari Le imprese da sottoporre a controllo di verifica sono state quantitativamente riconfermate dopo la verifica fatta a fine 2013 che ha mostrato una moderata contrazione. Sono stati apportati alcuni adeguamenti legati ai riscontri avuti nel 2013 per le tipologie di attività più colpite dalla situazione economica e da noi accertate. Tali aggiustamenti non hanno, comunque, generato una disfunzione nella pianificazione delle attività di controllo per le quali nessuna flessione è stata prevista nella pianificazione dell attività di vigilanza del Si riconferma, ancorché nel contesto critico descritto, che gli indicatori quantitativi assegnati negli anni 2012 e 2013, per i quali in ogni caso è stato possibile garantire il raggiungimento, saranno mantenuti come obiettivo da raggiungere anche nel La modifica alla organizzazione dipartimentale, con la chiusura della stazione di disinfestazione composta da cinque operatori e che effettuava controlli sul territorio e sulla balneazione, comporterà, per i controlli, una contrazione numerica totale ASL stimabile in circa 1900 controlli (riferimento anno 2013). L ammontare complessivo, di tutta l attività di vigilanza, viene quindi stimata in controlli. 4

7 Attribuzione del rischio. Anche per il 2014 sono stati mantenuti sia i criteri che le graduazioni di attribuzione del rischio già stabilite nel Piano triennale della vigilanza Distribuzione dei controlli La programmazione delle attività di controllo e di campionamento per l annualità 2014 è stata confermata sulla base del numero delle imprese presenti sul territorio, sulla graduazione del rischio e dell analisi dell attività svolta negli scorsi anni. Saranno oggetto di controllo tutte le attività facenti parte alla classe di rischio 1, una quota di attività compresa nella classe di rischio 2 e una parte delle rimanenti attività a rischio intermedio e basso. A queste attività di controllo ufficiale programmate si aggiungeranno anche tutte quelle attività di vigilanza che non sono programmabili ma derivanti da emergenze, eventi o manifestazioni temporanei, inconvenienti igienici o richieste non previste e provenienti dalla Pubblica Amministrazione. Infine, in linea con gli indirizzi più volte richiamati, si è cercato di garantire per il 2014, oltre al mantenimento degli standards quantitativi programmati, anche una maggior sensibilità per la qualità degli interventi di vigilanza da eseguire. Tabella Imprese assegnate ISP Oggetto Descrizione oggetto Imprese calcolate nel Piano Vigilanza Imprese da verificare nel Scuole di ogni ordine e grado Asili nido e minori disabili Strutture carcerarie Ospedali, Case di cura, Laboratori Ambulatori medici, poliambulatori Assistenza residenziale e semiresidenziale per malati psichici, tossicodipendenti, disabili, aids Servizi di pompe funebri e attività connesse Farmacie Alberghi, campeggi e altri alloggi di breve soggiorno, bed and breakfast, affittacamere, agriturismo, ostelli Mezzi di trasporto, magazzini, agenzie viaggi, telecomunicazioni/phone-center, poste Uffici e attività amministrative (ivi comprese associazioni, volontariato, onlus) Palestre, impianti sportivi e balneari, cinema, teatri, sale giochi, oratori, mercati Piscine (escluse quelle condominiali) Parrucchieri, centri estetici, benessere fisico, stabilimenti termali Tatuatori e piercing Lavanderie Fabbricazione di cosmetici e detergenti Assistenza per anziani residenziale e semiresidenziale Totale Acque di balneazione, corpi idrici superficiali TOTALE CONTROLLI Di cui con ispezione (cod ) 60% 5

8 Tabella Imprese assegnate IAN Oggetto Descrizione oggetto imprese calcolate nel Piano Vigilanza Imprese da verificare nel Gelaterie pasticcerie con somministrazione Catering di eventi e contrattuali Impianti di acquedotto Laboratori di produzione senza somministrazione Gastronomie Ristoranti e ristorazione annessa ad aziende agricole Mense Commercio all'ingrosso di prodotti alimentari Commercio al dettaglio alimentari in sede fissa o ambulante Bar e caffetterie Farmacie erboristerie commercio al dettaglio di cosmetici Commercio all'ingrosso di prodotti non alimentari Totale TOTALE CONTROLLI Di cui con ispezione (cod ) 60% Sinergie D.P.V/D.P.M. Continueranno ad essere previste anche per il 2014 le sinergie già attivate tra il Dipartimento di Prevenzione Medico ed il Dipartimento di Prevenzione Veterinario con il mantenimento ed il monitoraggio di uno specifico piano dei controlli della sicurezza degli alimenti. Alla luce dell esperienza acquisita nel biennio andrà promossa anche nel 2014 una sempre maggiore integrazione che consenta per il prossimo Piano triennale di pianificare ed incentivare la più adeguata interscambiabilità degli operatori dei due Dipartimenti per interventi preventivi condivisi sulle attività di produzione, deposito, vendita e somministrazione di alimenti di comune interesse in particolare tra quelle con i livelli di rischio più elevati. Anche nel 2014, alla luce delle considerazioni già fatte sulla situazione imprenditoriale locale legata alla crisi economica internazionale, le classi di attività su cui mantenere la vigilanza interdipartimentale continueranno ad essere identificate nella ristorazione, dalla preparazione alla somministrazione, anche in considerazione di EXPO 2015 (catering e centri cottura, mense scolastiche, mense ospedaliere e di RSA, ristorazione in imprese agrituristiche, gelaterie) e nella vendita di alimenti al dettaglio (ipermercati, aree mercatali con vendita di prodotti di origine animale, negozi di vicinato con vendita di prodotti di origine animale). I controlli continueranno ad essere effettuati, almeno di norma, senza la contemporanea presenza degli operatori delle articolazioni territoriali dei due Dipartimenti, salvo il caso di verifiche presso imprese con situazioni ambientali particolari o attività complesse o presso imprese di notevoli dimensioni. RISTORAZIONE: TIPOLOGIA ATTIVITA' ATTIVITA' DA CONTROLLARE Catering 38 Mense 130 Ristoranti e ristorazioni agrituristiche 90 Gelaterie 30 VENDITA DI ALIMENTI AL DETTAGLIO: TIPOLOGIA ATTIVITA' ATTIVITA' DA CONTROLLARE Ipermercati 20 aree mercatali all aperto 40 negozi di vicinato 80 gastronomia/rosticceria 60 Monitoraggio del piano. Il gruppo di lavoro che ha progettato e valutato il piano triennale di vigilanza, anche per il 2014, manterrà il monitoraggio delle attività con l obiettivo di formulare, alla fine dell anno, le proposte di adeguamento che si rendessero necessarie per attingere ai risultati proposti per la fine del triennio. 6

9 CAMPIONAMENTI Per definire l attività di campionamento, si è effettuato una elaborazione dei dati inseriti nel sistema aziendale. La Regione Lombardia ha già richiesto il numero e la tipologia dei campioni previsti per l anno Nella programmazione triennale è stata indicata, e confermata anche per il 2014, in 85 unità campionarie la ricerca dei residui da fitosanitari negli alimenti e un numero minimo di 15 campioni per la ricerca degli OGM. Le quantità numeriche assegnate alle singole DGD seguiranno anche per il 2014, indicativamente, quelle già fissate nel 2013 mentre per quanto riguarda la tipologia, saranno rispettate le indicazioni regionali. U.O. Igiene e Sanità Pubblica Controllo della presenza di legionelle nelle acque delle strutture ricettive ed in quelle ricreative. Continuerà anche nel 2014 l attività di campionamento delle acque potenzialmente contaminate dalle Legionelle e la verifica dei piani di bonifica degli impianti idrici interni alle strutture ricettive e ricreative con particolare riguardo alle strutture residenziali utilizzate da persone che, per età o patologie, si trovano in condizioni di maggior rischio di contrarre infezioni sintomatiche gravi causate dalle Legionelle. Sulla base delle attività monitorate nel sono previsti, anche per il 2014, circa 2000 campioni. Controllo dei parametri di balneabilità in impianti natatori. Continuerà anche nel 2014 l attività di campionamento delle acque di piscine pubbliche e private ad uso turistico-ricreativo aperto al pubblico al fine di monitorare il mantenimento dei parametri di balneabilità necessari per la gestione in sicurezza delle attività ludicoricreativo-sportive svolte in impianti natatori. Alla luce delle attività monitorate nel 2012 e 2013 sono previsti anche per il 2014 circa 1200 campioni. Attività di monitoraggio della Zanzara Tigre. A seguito della chiusura della Stazione di Disinfezione il personale tecnico (T.d.P. e Assistenti Tecnici) garantirà il monitoraggio della zanzara tigre grazie al posizionamento di trappole (1-2) presso ogni sede distrettuale con presenza costante degli operatori. U.O. Igiene alimenti e nutrizione Controlli con campionamento di matrici alimentari La vigilanza attuata attraverso i controlli di matrici alimentari (materie prime e prodotti finiti) e di substrati ambientali della filiera alimentare (superfici ed apparecchiature) prevederà, sulla base degli andamenti del 2013, il prelievo di campioni distribuiti secondo la seguente tipologia: Descrizione dei campionamenti di controllo sulle matrici alimentari CAMPIONAMENTI N di campioni 2014 radioattività in funghi eduli di importazione 5 OGM in alimenti (almeno 50% locali, soia e mais) 40 residui fitosanitari in alimenti (almeno 70% locali) 85 micotossine in alimenti 30 patuline e nitrati in alimenti per la prima infanzia 10 olio di frittura 120 acque utilizzate nei processi alimentari (microbiologica generale) 35 acque minerali 250 ricerca microbiologica su prodotti e substrati della filiera alimentari (almeno 70% alimenti) ( si intendono ricompresi in questa categoria anche i campioni per filth test o parassitologici) 695 ricerca chimica su prodotti alimentari (almeno 70% locali) 260 Totale I campioni per OGM, micotossine, patuline e nitrati in alimenti saranno inviati al Laboratorio di Sanità Pubblica dell ASL di Cremona. I campioni per la ricerca di residui di fitosanitari in alimenti saranno inviati al Laboratorio di Sanità Pubblica dell ASL di Bergamo in attuazione della DGR 1103/2013. Controllo della qualità dell'acqua destinata al consumo umano Saranno mantenute le frequenze già in uso per i campionamenti volti al controllo delle acque distribuite in rete dagli acquedotti nel rispetto del D.Lgs 31/01 e s.m.. Nella presente annualità si vuole, inoltre, pianificare il monitoraggio di alcuni parametri analitici che potrebbero segnare un deterioramento qualitativo delle acque potabili legati a fattori antropici e di inquinamento. Tale monitoraggio, speciale ed aggiuntivo previsto per il 2014, sarà specifico per ogni singola DGD ed è volto a caratterizzare sull intero territorio della ASL la qualità delle acque destinate al consumo umano. I controlli per la ricerca dei residui di fitosanitari saranno effettuati presso il Laboratorio di Sanità Pubblica dell ASL di Cremona in attuazione della DGR 1103/

10 Consulenza dietetico-nutrizionale Anche nel 2014 proseguirà in collaborazione con il Servizio di Educazione alla Salute dell ASL per la consulenza dietetico-nutrizionale rivolta ai gestori della ristorazione scolastica con valutazione delle tabelle dietetiche (menù), delle diete standard e speciali su richiesta dei gestori (Amministrazioni comunali o Direzioni delle scuole). Allo stesso modo continuerà, sempre in collaborazione col Servizio Educazione alla Salute dell'asl, la consulenza nutrizionale già fornita nel 2013, per la predisposizione di capitolati d'appalto della ristorazione collettiva al fine di favorire l'adozione di menù corretti in particolare per quanto riguarda il pane a ridotto contenuto di sale, la frutta di stagione, e l attenzione ad evitare il consumo di merendine. Attività dell Ispettorato Micologico Sulla scorta dell andamento delle inchieste micologiche legate alle intossicazioni per ingestione di funghi, si vuole continuare l opera di sensibilizzazione presso gli operatori commerciali che intendono vendere funghi spontanei freschi. L'attività dell'ispettorato micologico nel 2014 proseguirà secondo le modalità e gli obiettivi già fissati dal piano triennale. Si tratta di attività fortemente influenzata dalle variazioni stagionali e climatiche e come tale soggetta ad una importante variabilità annuale; l attività è comunque presidiata con un calendario che garantisce la disponibilità di micologi per la certificazione di commestibilità durante tutta la stagione di raccolta e un calendario di reperibilità annuale per gli eventi indesiderati di intossicazione. Nelle attività sopra indicate per il settore IAN si intendono già ricompresi anche i volumi di questa attività. SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO La programmazione dell attività 2014 da svolgersi a cura del Servizio PSAL prende spunto: - dal Piano triennale dei Controlli del Dipartimento di Prevenzione Medico di cui al Decreto n. 90 del ASL di Brescia; - dal Decreto n. 60 del 30/01/2013 e dall insieme delle attività svolte nell anno, quanto a numero di imprese coinvolte e numero di controlli effettuati, nonché altre attività di prevenzione e promozione; - dalla Dgr n del ; - dalla Dgr n. X1178 del (Piano regionale per la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro). Sul piano quantitativo sarà svolta la seguente attività di controllo e vigilanza: numero di imprese e numero di controlli programmati pari a quelli previsti nell annualità 2013, ossia, rispettivamente, e dedicando al settore edile circa il 45% delle imprese da controllare sul totale. Nel comparto edile i controlli previsti nei cantieri saranno circa e nelle imprese agricole i controlli interesseranno circa 370 imprese. Nelle attività rivolte alle imprese sarà prevista: la prosecuzione e conclusione delle attività conoscitive e di vigilanza nel settore della grande distribuzione commerciale e della preparazione di pasti, con la promozione delle LLGG regionali sui movimenti e sforzi ripetuti degli arti superiori; la conclusione del programma conoscitivo e di vigilanza nel settore della lavorazione del legno, con interventi diretti nelle imprese di maggiore dimensione ed interventi di promozione del Vademecum regionale sul Legno nelle micro imprese; la prosecuzione del programma di intervento sul settore metalmeccanico, con la promozione delle specifiche LLGG regionali; la prosecuzione del programma di attività su un campione di imprese del settore gomma e plastica e di imprese del settore trasporti e logistica; la ripresa dell attività di controllo nel settore metallurgico, a seguito del Piano di Prevenzione realizzato dal Servizio PSAL nel triennio , con particolare riguardo alle acciaierie elettriche; la prosecuzione della attività di controllo e promozione per il rischio stress lavoro correlato, come previsto dal Progetto nazionale CCM Piano di monitoraggio e d intervento per l ottimizzazione della valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato, con attenzione ai settori indicati dalla UE come prioritari e quelli per i quali esistono evidenze di rilevanza del rischio (sanità, settore socio-assistenziale, servizi, istruzione e trasporti). Attività congiunte e coordinate con altri Servizi ed Enti Nel 2014 proseguirà l attività congiunta con ARPA, DTL e UOOML e si aggiungerà quella concordata con la Provincia relativamente alla vigilanza sulle cave. Tanto per i controlli con la DTL quanto per quelli con l ARPA si preventiva il mantenimento del numero di interventi effettuati nel

11 Attività congiunta con UOOML Per lo sviluppo delle attività conoscitive in tema di inquinanti occupazionali e di emersione delle malattie da lavoro proseguirà la collaborazione con il Servizio ospedaliero di Medicina del Lavoro (UOOML) con particolare riguardo: alle attività di monitoraggio ambientale per il settore della lavorazione del legno; alla valutazione clinica di lavoratori affetti da disturbi muscolo scheletrici compatibili con WMSDs e appartenenti principalmente ai settori lavorativi di interesse per i Progetti speciali dettagliati oltre. Attività formative e promozionali Assistenza e promozione di Vademecum e Linee Guida, regionali e nazionali. Si conferma la volontà di promuovere lo sviluppo di una cultura della prevenzione della salute e sicurezza sul lavoro anche attraverso la diffusione di buone pratiche, quando possibile derivanti anche dai Vademecum predisposti dalla Regione Lombardia su specifici settori produttivi. Si rinnova l impegno del Servizio PSAL per raggiungere tale obiettivo, dopo la presentazione delle Linee Guida di interesse per il Piano triennale in seno al Comitato Provinciale di Coordinamento ex art. 7 D. Lgs 81/2008, ponendo una attenzione particolare alle piccole, medie e micro imprese, anche attraverso il consolidamento di una più stretta collaborazione con gli organismi paritetici territoriali. Per il 2014 si prevede di proseguire: la verifica in un campione di imprese dell adozione dei Vademecum regionali relativi al settore del Legno, Metalmeccanica, nonché delle Linee Guida sui rischi da Movimenti e sforzi ripetuti degli arti superiori e Stress lavoro-correlato ; la diffusione e l ulteriore sperimentazione del modello di valutazione dei rischi ed individuazione delle misure di tutela che tenga conto della provenienza dei lavoratori da altri paesi e delle differenze di genere. Formazione alla salute e sicurezza Nell ambito del piano triennale , anche nel 2014 sarà proseguita e consolidata la partecipazione del Servizio PSAL alle iniziative di formazione e aggiornamento organizzate nei seguenti ambiti: parti sociali, sia per i datori di lavoro che per i lavoratori, con particolare riguardo ai settori dell edilizia e agricoltura; partecipazione al progetto integrazione sicurezza nei curricula scolastici varato dalla regione Lombardia, per la predisposizione di documenti che guidino le scuole (dalle elementari alle superiori di secondo grado) nella introduzione dei temi della salute e sicurezza nei curricola scolastici, anche al fine del riconoscimento del percorso formativo quale formazione di base ai sensi degli Atti di Intesa sulla formazione. Formazione degli operatori ASL Confermando gli obiettivi e le necessità formative individuate nel 2013, nella formazione programmata per il 2014 troveranno posto tanto la modalità tradizionalmente seminariale quanto la formazione sul campo, secondo il modello di peer-review per piccoli gruppi di persone, strumento utilizzato negli ultimi anni e che si è dimostrato di particolare efficacia per motivare gli operatori al cambiamento nelle modalità di lavoro. Saranno previsti 3 eventi di formazione seminariale dedicati alla tematica della sicurezza delle macchine, alla salute mentale sul lavoro, agli aggiornamenti sull applicazione del D. lgs 81/2008. Saranno anche previsti incontri seminariali sul campo in tema di prevenzione delle cadute dall alto in edilizia. Progetti speciali Per quanto attiene ai Progetti speciali, proseguiranno i lavori afferenti ai settori lavorativi e ai rischi che rappresentano una priorità per il Piano triennale in argomento. Questi Progetti speciali coincidono sostanzialmente con i Progetti regionali per i quali sono stati istituiti i Laboratori di Approfondimento (LADA) nel Servizio sanitario regionale; saranno realizzati sulla base dell attività di specifici gruppi di lavoro del Servizio PSAL. Si descrivono di seguito questi progetti, rinviando agli specifici protocolli per i dettagli. Costruzioni. E prevista la prosecuzione della attività di vigilanza sul settore edile, integrata dagli interventi relativi all avvio dei nuovi cantieri che riguardano la Bre-Be-Mi e la LAV, in collaborazione con le ASL di Bergamo, Cremona e Lodi; l attività si rivolgerà anche ad aspetti attinenti l igiene del lavoro, con la conclusione del piano rivolto alla asfaltatura strade. Agricoltura. Sarà assicurata la continuità nella attività svolta nel 2013, potenziando gli aspetti di autocontrollo e autogestione del rischio da parte dei piccoli imprenditori, particolarmente non coinvolti nei PSR. 9

12 Patologie da sovraccarico biomeccanico. Si prevede la prosecuzione delle attività pertinenti alla prevenzione di questo rischio e alla contemporanea emersione delle patologie ad esso correlate, secondo le indicazioni di cui alla Dgr n Tumori professionali. Prosecuzione dell attività di emersione (almeno 20 casi all anno) dei tumori ad elevata frazione eziologica e dei tumori a medio bassa frazione, con particolare riguardo al settore della metallurgia, anche attraverso il sistema OCCAM. Rischio chimico. Prosecuzione, con il coordinamento regionale, della verifica della applicazione del regolamento REACH e CLP in un campione di imprese a rischio, anche non soggette ad AIA e a RIR, nel settore della produzione di vernici. Rischio Amianto. Gestione delle notifiche annuali delle attività svolte dalle imprese a fini epidemiologici (art. 9 L 257/92) e dei piani di bonifica. Per quest ultimo aspetto saranno messe in campo iniziative atte a favorire e supportare le aziende per la conoscenza e l uso dei sistemi informatici predisposti dalla Regione (GeMa). Stress lavoro-correlato. Consolidamento dell attività conoscitiva e di controllo, secondo le specifiche indicazioni regionali, in aziende ad elevato rischio per la presenza di modalità organizzative di tipo costrittivo ed in settori noti in letteratura per la presenza di rischi psicosociali elevati. Tabella Imprese assegnate PSAL Oggetto Descrizione oggetto imprese calcolate nel Piano Vigilanza Imprese da verificare nel Coltivazione, manutenzione del verde, allevamenti, piscicoltura Stabilimenti o laboratori di produzione/preparazione alimenti e bevande Commercio all ingrosso di prodotti alimentari Commercio all ingrosso di prodotti alimentari non alimentari Commercio al dettaglio di prodotti alimentari in sede fissa o mobile Preparazione di pasti senza somministrazione, catering (non utilizzare questa voce se c'è somministrazione) Fabbricazione di tessuti, abbigliamento, pellicce e vestiario in pelle Fabbricazione cuoio, calzature e pelletteria Fabbricazione del legno esclusi i mobili Fabbricazione prodotti chimici, escluso farmaci, cosmetici e detergenti Fabbricazione pneumatici e materiali plastici Siderurgia, fonderie, fabbricazione tubi, Fabbricazione in metallo, cisterne, generatori, lavorazione metalli, forgiatura etc Fabbricazione di motori,turbine, trattori,macchine utensili, armi, elettrodomestici Altre industrie manifatturiere: fabbricazioni mobili, articoli sportivi, giocattoli, articoli per la casa (e con addetti < a 10) Trattamento rottami per trasformazione in materie prime secondarie e raccolta trattamento rifiuti solidi Mezzi di trasporto, magazzini, agenzie di viaggio, gestione reti telecomunicazioni, poste Uffici e attività amministrative (Imprese di pulizia numero 652) Scuole di ogni ordine e grado Ospedali, Case di cura, Ambulatori, Laboratori Strutture di assistenza per anziani residenziale e semiresidenziale Imprese di costruzioni/demolizioni, di installazione impianti (elettrici,idraulici ecc..), intonacatura e verniciatura Totale TOTALE CONTROLLI Di cui con ispezione (cod ) 38% N. B. : Per quanto non specificatamente riportato nel presente programma per il 2014, valgono le indicazioni a suo tempo stabilite dal Piano triennale dei controlli di cui il presente atto deve ritenersi solo un adeguamento integrativo sulla scorta delle evidenze emerse nel corso delle attività. 10

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

1. Generalità. Obiettivi generali attività per l anno 2015

1. Generalità. Obiettivi generali attività per l anno 2015 Dipartimento di Prevenzione Medica Piano integrato di PREVENZIONE E CONTROLLO Anno 2015 Edizione Febbraio 2015 1 Piano integrato di Prevenzione e Controllo 2015 1. Generalità pag. 03 2. Pianificazione

Dettagli

TARIFFARIO del DIPARTIMENTO di PREVENZIONE MEDICO della ASL MILANO 2

TARIFFARIO del DIPARTIMENTO di PREVENZIONE MEDICO della ASL MILANO 2 TARIFFARIO del DIPARTIMENTO di PREVENZIONE MEDICO della ASL MILANO 2 voce AGGIORNAMENTO ISTAT 2006 I G I E N E P U B B L I C A 1 Parere su progetti edilizi per insediamenti residenziali, inclusi i pareri

Dettagli

DECRETO n. 631 del 18/12/2014

DECRETO n. 631 del 18/12/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

TARIFFARIO DELLE ATTIVITA' / PRESTAZIONI CHE AFFERISCONO AL DIPARTIMENTO di PREVENZIONE MEDICO

TARIFFARIO DELLE ATTIVITA' / PRESTAZIONI CHE AFFERISCONO AL DIPARTIMENTO di PREVENZIONE MEDICO Allegato alla deliberazione del voce I G I E N E P U B B L I C A 1 Parere su progetti edilizi per insediamenti residenziali, inclusi i pareri preventivi * per ogni unità abitativa 47,00 2 Parere su progetti

Dettagli

L evoluzione operativa dei progetti del Piano, determinata dai cambiamenti produttivi, sociali, epidemiologici ed istituzionali ha comportato:

L evoluzione operativa dei progetti del Piano, determinata dai cambiamenti produttivi, sociali, epidemiologici ed istituzionali ha comportato: La pianificazione regionale 2005-2009 1) Obiettivi iniziali del progetto In Veneto le attività di prevenzione negli ambienti di lavoro sono state pianificate tenendo conto dello scenario nazionale e regionale

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE MEDICO E VETERINARIO

PROCEDURA OPERATIVA DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE MEDICO E VETERINARIO PROCEDURA PERATIVA PO.SCIA 01-0 Pagina 0/8 PROCEDURA OPERATIVA DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE MEDICO E VETERINARIO I N D I C E 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...1 2. RIFERIMENTI NORMATIVI...1 3. RESPONSABILITA...2

Dettagli

DECRETO n. 656 del 22/12/2014

DECRETO n. 656 del 22/12/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Il Dipartimento di prevenzione assicura le prestazioni volte al mantenimento e alla promozione della salute della popolazione, attraverso diverse funzioni rivolte direttamente

Dettagli

DECRETO n. 359 del 26/06/2014

DECRETO n. 359 del 26/06/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE 2015 PROGRAMMA DI SICUREZZA ALIMENTARE E SANITA PUBBLICA VETERINARIA

PROGRAMMAZIONE 2015 PROGRAMMA DI SICUREZZA ALIMENTARE E SANITA PUBBLICA VETERINARIA PROGRAMMAZIONE 2015 PROGRAMMA DI SICUREZZA ALIMENTARE E SANITA PUBBLICA VETERINARIA Premessa Prevenzione della Collettività e cura del singolo individuo appartengono alla medesima Azienda Sanitaria, ma

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPELLARO SANDRA Indirizzo 68, VIA MAGHETTO, 13888 MONGRANDO (BI) Telefono Casa 015 666532 cell. 333 8772267

Dettagli

PREVENZIONE IN AGRICOLTURA --- 000 ---

PREVENZIONE IN AGRICOLTURA --- 000 --- Allegato n.1 PREVENZIONE IN AGRICOLTURA --- 000 --- DI RICERCA IN MATERIA DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA DENOMINATO Rilevazione Delle Malattie Professionali nelle aree Del Fucino e Valle Peligna ALLEGATO

Dettagli

DECRETO n. 219 del 16/04/2015

DECRETO n. 219 del 16/04/2015 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO 1 IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELL ALIMENTAZIONE: DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO Il ruolo dell Università ità Prof.ssa Maria Triassi Dipartimento di Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Napoli

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di autoveicoli e motocicli 50.1 45.1 Commercio di autoveicoli 50.20.5 45.20.9 autolavaggio e altre attività di manutenzione 50.3 45.31.0 commercio all'ingrosso

Dettagli

Piano Integrato di Vigilanza e Controllo - Anno 2015 -

Piano Integrato di Vigilanza e Controllo - Anno 2015 - Piano Integrato di Vigilanza e Controllo - Anno 2015-1 INDICE 1 Introduzione pg. 3 2 2 PIANO INTEGRATO DI VIGILANZA E CONTROLLO ANNO 2015 Introduzione L Intesa tra il Governo, le Regioni e le Province

Dettagli

DECRETO n. 664 del 22/12/2014

DECRETO n. 664 del 22/12/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di autoveicoli e motocicli 50.1 45.1 Commercio di autoveicoli 50.20.5 45.20.9 autolavaggio e altre attività di manutenzione 50.3 45.31.0 commercio all'ingrosso

Dettagli

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione UTG-Prefettura Bari Il Metodo AUGUSTUS La Funzione 2 Nella Sala Operativa - CCS Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione Le funzioni di supporto: SALA OPERATIVA CENTRO COORDINAMENTO

Dettagli

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..)

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..) ALLEGATO 1 Spazio per apporre il timbro di protocollo Data Prot. Al Dipartimento di Prevenzione ASL 1 Imperiese I - Oggetto: Notifica di inizio attività ai fini della registrazione (art. 6 Reg. CE 852/2004)

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 13 febbraio 2015

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 13 febbraio 2015 7 D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute D.d.u.o. 4 febbraio 2015 - n. 774 Indirizzi per la realizzazione dei controlli ufficiali sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti

Dettagli

Attività di produzione primaria: (Riquadro 2)

Attività di produzione primaria: (Riquadro 2) Denuncia di inizio attività ai fini della registrazione ai sensi dell art. 6 del Regolamento CE n. 852/2004 e dell art. 10 della Delibera del Presidente della Giunta Regionale Toscana n. 40/R del 01/ agosto

Dettagli

RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009

RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009 RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009 IL DIRETTORE GENERALE DELL ASL DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Dott. Luigi Gianola Convegno del 14 Luglio 2010 Sala

Dettagli

DECRETO n. 629 del 11/12/2014

DECRETO n. 629 del 11/12/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

TARIFFARIO del DIPARTIMENTO di PREVENZIONE MEDICO dell'azienda SANITARIA LOCALE della PROVINCIA di BERGAMO

TARIFFARIO del DIPARTIMENTO di PREVENZIONE MEDICO dell'azienda SANITARIA LOCALE della PROVINCIA di BERGAMO allegato TARIFFARIO del DIPARTIMENTO di PREVENZIONE MEDICO dell'azienda SANITARIA LOCALE della PROVINCIA di BERGAMO Prestazioni e interventi richiesti da terzi nel proprio interesse in materia di igiene,

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

istema Informativo Sanitario della Prevenzione Collettiva S.I.S.P.C.

istema Informativo Sanitario della Prevenzione Collettiva S.I.S.P.C. istema Informativo Sanitario della Prevenzione Collettiva S.I.S.P.C. Strumenti per la Prevenzione.. Dr. Paolo Bruno Angori Project Manager S.I.S. Prevenzione Collettiva REGIONE TOSCANA - Direzione Generale

Dettagli

DECRETO n. 213 del 03/04/2014

DECRETO n. 213 del 03/04/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

DECRETO n. 430 del 30/07/2015

DECRETO n. 430 del 30/07/2015 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

DECRETO n. 324 del 06/06/2014

DECRETO n. 324 del 06/06/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Elenco qualificazioni standard organizzate per AEP

Elenco qualificazioni standard organizzate per AEP AEP dei contenuti trasversali Operatore telefonico addetto alle informazioni alla clientela e agli uffici relazioni col pubblico AEP - Agricoltura, zootecnia, silvicoltura Addetto all allevamento Operatore

Dettagli

Il progetto MODS. 2003. Sorveglianza epidemiologica della sindrome del tunnel carpale

Il progetto MODS. 2003. Sorveglianza epidemiologica della sindrome del tunnel carpale 2003. Sorveglianza epidemiologica della sindrome del tunnel carpale Il progetto MODS Concluso lo studio pilota multicentrico caso-controllo di popolazione. Casi di STC selezionati dalle SDO (cod. ICD IX

Dettagli

a) Soggetti Beneficiari sulla base della Delibera di Giunta regionale 986/2013

a) Soggetti Beneficiari sulla base della Delibera di Giunta regionale 986/2013 SOGGETTI BENEFICIARI I codici ATECO 2007 che verranno considerati sono quelli di attività primaria risultanti dalla visura camerale al momento della presentazione della domanda. a) Soggetti Beneficiari

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE 1

CORSI DI FORMAZIONE 1 CORSI DI FORMAZIONE 1 2 CORSI PER ADDETTI ANTINCENDIO Questa lezione costituisce il Corso obbligatorio per tutti i lavoratori che svolgono incarichi relativi alla prevenzione incendi, lotta antincendio

Dettagli

bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 18 dicembre 2013 51 19

bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 18 dicembre 2013 51 19 bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 18 dicembre 2013 51 19 13_51_1_DPR_234_1_TESTO Decreto del Presidente della Regione 9 dicembre 2013, n. 0234/Pres. Regolamento recante

Dettagli

ELENCO PROCEDIMENTI SIAN

ELENCO PROCEDIMENTI SIAN ELENCO PROCEDIMENTI SIAN Nr. Tipologia/Rif. Norm./Tempistica 1 SCIA - Registrazione imprese alimentari Art.6 Reg. CE 852/2004 Soggetto obbligato A chi presentare la domanda Responsabili Procedimento Ai

Dettagli

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA Allegato A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA (in attuazione della L.R. n. 24/2003, art. 2 e dei Regolamenti (CE) N. 852/2004 e 853/2004) 1 1. Premessa La formazione degli alimentaristi

Dettagli

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004)

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004) Al Dipartimento di Prevenzione Azienda USL di Frosinone S.S Ispezione degli alimenti di o.a Distretto per il tramite dello SUAP in forma Associata della XIV Comunità Montana Valle di Comino SCIA Segnalazione

Dettagli

Ispezioni e controlli

Ispezioni e controlli Ispezioni e controlli nei luoghi di lavoro Riferimenti normativi e competenze a cura di Duccio Calderini,medico del lavoro ASL della Provincia di Varese Controlli nei luoghi di lavoro - riferimenti normativi

Dettagli

DECRETO n. 293 del 13/06/2013

DECRETO n. 293 del 13/06/2013 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

AREA DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

AREA DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO AREA DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Profili di salute 1. Imprese e addetti totali in provincia di BG 2. Infortuni

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI Classe 1 -Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali Associazioni o istituzioni

Dettagli

Accordi Stato-Regioni per la formazione 21 dicembre 2011

Accordi Stato-Regioni per la formazione 21 dicembre 2011 Lavorat (+ art. 21 comma 1: componenti dell'impresa familiare [ ], i lavoratori autonomi [ ], i coltivatori diretti del fondo, i soci delle società semplici operanti nel sett agricolo, gli artigiani e

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 62 del 16 dicembre 2002

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 62 del 16 dicembre 2002 Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 62 del 16 dicembre 2002 TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI IN MATERIA DI SANITA PUBBLICA, RESE DAL SSR A RICHIESTA E NELL INTERESSE

Dettagli

Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo

Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo Allegato n. 4 (punto 2.2 del PRAL) Censimento amianto, registri e sistema informativo Modulo NA/1 - pag. 1 di 2 Modulo NA/1 - NOTIFICA PRESENZA DI AMIANTO IN STRUTTURE O LUOGHI Al Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la D.C.C. n. 43 in data 06/10/1995 avente per oggetto:

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA DIRITTI DI SEGRETERIA ED ISTRUTTORIA SERVIZI ATTIVITA PRODUTTIVE SUAP IN VIGORE DAL 01/01/2015 ALLEGATO B PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO DIRITTI SUAP PROCEDIMENTI UNICI Impianti produttivi* richiesta avvio

Dettagli

A Descrizione sintetica Durata Orario Ed. DATE

A Descrizione sintetica Durata Orario Ed. DATE A Descrizione sintetica Durata Orario Ed. DATE A LAVORATORI: formazione generale. 4 ore 30/09/05 6/0/05 A. Rischio Basso: UFFICI E SERVIZI; STUDI PROFESSIONALI E DI CONSULENZA; COMMERCIO ALL'INGROSSO E

Dettagli

DECRETO n. 281 del 28/05/2015

DECRETO n. 281 del 28/05/2015 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Nuova attività Modifica attività

Nuova attività Modifica attività Sportello per l Esercizio delle Attività Produttive del Comune di Genova Via di Francia 1-16149 Genova seap@comune.genova.it ANAGRAFICA Rettifica ragione sociale Subentro (igiene) Nuova attività Modifica

Dettagli

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità

Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento di Zanica Salute, Sicurezza, Ambiente e Qualità Lo stabilimento Lamberti SpA di Zanica è uno degli insediamenti più importanti del Gruppo Lamberti grazie agli impianti e alle tecnologie

Dettagli

DATI AGGREGATI ATTIVITA AMMINISTRATIVA ANNO 2012

DATI AGGREGATI ATTIVITA AMMINISTRATIVA ANNO 2012 DATI AGGREGATI ATTIVITA AMMINISTRATIVA ANNO 2012 ARPA Lazio svolge le attività tecnico-scientifiche d interesse regionale [ ] connesse all esercizio delle funzioni pubbliche per la protezione dell ambiente,

Dettagli

CRITERI PER LA PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DI CONTROLLO AMMINISTRATIVO, EFFETTUATA MEDIANTE ACCESSO ISPETTIVO NEI LOCALI E NEI LUOGHI DELLE IMPRESE.

CRITERI PER LA PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DI CONTROLLO AMMINISTRATIVO, EFFETTUATA MEDIANTE ACCESSO ISPETTIVO NEI LOCALI E NEI LUOGHI DELLE IMPRESE. (allegato al provvedimento) CRITERI PER LA PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DI CONTROLLO AMMINISTRATIVO, EFFETTUATA MEDIANTE ACCESSO ISPETTIVO NEI LOCALI E NEI LUOGHI DELLE IMPRESE. ELENCO DEI CONTROLLI Esercizi

Dettagli

Aiuti agli investimenti iniziali per micro e piccole imprese

Aiuti agli investimenti iniziali per micro e piccole imprese Aiuti agli investimenti iniziali per micro e piccole imprese TERMINI DI PRESENTAZIONE La presentazione avviene mediante la procedura a sportello, fino ad esaurimento risorse. BENEFICIARI Microimprese:

Dettagli

ADESSO APRO! Ristorante. Pasticceria Macelleria BAR. Alimentari. Gelateria. Gastronomia

ADESSO APRO! Ristorante. Pasticceria Macelleria BAR. Alimentari. Gelateria. Gastronomia ADESSO APRO! tutte le informazioni e le soluzioni per iniziare la tua nuova attività si! PUNTO P - VC BAR Ristorante Gastronomia Alimentari Tabaccheria Erboristeria Gelateria Pasticceria Macelleria 15

Dettagli

U.O.C. Servizio Interzonale Progetti, Abitabilità, Acque potabili

U.O.C. Servizio Interzonale Progetti, Abitabilità, Acque potabili Regione Lazio Azienda USL ROMA/C Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Servizio Interzonale Progetti, Abitabilità, Acque potabili Viale Castrense 5/D 00182 - Roma Anno 2012 Presentazione La Carta dei Servizi

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

3. ASSISTENZA SANITARIA COLLETTIVA

3. ASSISTENZA SANITARIA COLLETTIVA Il livello di Assistenza sanitaria collettiva comprende le attività e le prestazioni volte a tutelare la salute e la sicurezza della comunità da rischi infettivi, ambientali, legati alle condizioni di

Dettagli

Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010

Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010 Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010 Spazio per apporre il timbro di protocollo ASL TO3 All ASL TO3 Data Prot. ASL TO3 Servizio/S.C.... Oggetto: Notifica di inizio o variazione di attività ai

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2

REGOLAMENTO. Art. 1. Art. 2 Art. 1 REGOLAMENTO CORSI PER ALIMENTARISTI E OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE (Decreto D.G. n. 1038 del 23 novembre 2009 Registro Decreti n. 21667 del 1.12.2009) I corsi mirano all istruzione, formazione

Dettagli

1. IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA

1. IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA Il commercio nella provincia di Bologna - anno 2010 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna IL COMMERCIO NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA - anno 2010 - Consistenza 1. IL COMMERCIO

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

CATEGORIE E-MAIL BTB ADDRESSVITT

CATEGORIE E-MAIL BTB ADDRESSVITT CATEGORIE E-MAIL BTB ADDRESSVITT AMMINISTRAZIONE PUBBLICA COMUNI-ENTI PUBBLICI 17.221 TOTALE 17.221 COMMERCIO, DETTAGLIO ABBIGLIAMENTO, COMMERCIO 14.575 AGRICOLTURA-ZOOTECNIA-FLORICOLTURA, COMMERCIO 6.991

Dettagli

Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS)

Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS) Spett. le Parco Industriale di Rende Contrada Lecco 87036 Rende (CS) Oggetto : Convenzione servizi Geo Lab è una società di servizi, con un laboratorio d analisi interno. Offriamo servizi analitici e di

Dettagli

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie:

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: Categoria 1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE 1) Musei, Biblioteche, Scuole, Associazioni, Luoghi di culto Musei e gallerie pubbliche e private Biblioteche Scuole pubbliche di ogni ordine e grado Scuole parificate

Dettagli

Rischi da esposizione ad agenti biologici

Rischi da esposizione ad agenti biologici Rischi da esposizione ad agenti biologici Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Titolo X Esposizione ad agenti biologici Campo di applicazione Tutte le attività lavorative nelle quali

Dettagli

DISCIPLINA DEI CONTROLLI

DISCIPLINA DEI CONTROLLI LINEA GUIDA PER LA STESURA DI UN PIANO DI AUTOCONTROLLO DA PARTE DEL GESTORE DEL SERVIZIO IDRICO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 2906 DEL 10 DICEMBRE 2004 Approvazione di direttive

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SANNA LUIGI Data di nascita 27.08.60 Qualifica Amministrazione Dirigente Medico Azienda Sanitaria Locale

Dettagli

LabOratOriO brescia GEstiONE

LabOratOriO brescia GEstiONE CONVEGNO LabOratOriO brescia GEstiONE integrata del rischio in un sito di interesse NaziONaLE Lunedì 22 settembre 2014 Sala Cavaliere del Lavoro Pier Giuseppe Beretta Associazione Industriale Bresciana

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

Formazione, informazione, addestramento. Massimo Cecchini

Formazione, informazione, addestramento. Massimo Cecchini La programmazione e la formazione: strumenti essenziali per la salute e la sicurezza sul lavoro Formazione, informazione, addestramento Massimo Cecchini Definizioni (art. 2 D.Lgs. 81/2008) aa) «formazione»:

Dettagli

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa

Allegato I. La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro. Premessa Allegato I La Formazione via e-learning sulla sicurezza e salute sul lavoro Premessa La formazione alla sicurezza svolta in aula ha rappresentato tradizionalmente il modello di formazione in grado di garantire

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo Centro di Ateneo per la Ricerca, Trasferimento e Alta Formazione nell'ambito dello studio delle condizioni di rischio e di sicurezza e per lo sviluppo delle attività di protezione civile ed ambientale

Dettagli

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo 7 novembre 2012 1 L aspetto benefico connesso alla pratica di attività sportive che si svolgono in spazi

Dettagli

Direttore Generale Dott. Ernesto Esposito

Direttore Generale Dott. Ernesto Esposito 9 ORGANI DI DIREZIONE La A.S.L. Napoli 1 Centro presenta un organizzazione aziendale particolarmente complessa: il Direttore Generale è l organo di vertice a cui sono attribuiti i poteri di gestione, di

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente. Dipartimento di Como. della Lombardia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente. Dipartimento di Como. della Lombardia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Dipartimento di Como della Lombardia Presentazione Perché un documento sulla qualità dell ambiente nella Provincia di Como? Da sempre prosperità e benessere

Dettagli

La prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro

La prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro Lavoro e ambiente La prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro Il Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (PSAL) garantisce la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

DECRETO n. 347 del 26/06/2014

DECRETO n. 347 del 26/06/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Interventi pubblicati sulla piattaforma SuapER

Interventi pubblicati sulla piattaforma SuapER Interventi pubblicati sulla piattaforma SuapER Settore: Esercizio di vicinato Operazione: Attività artigianali e di servizio...3 Operazione: Commercio di vicinato...3 Operazione: Vendite straordinarie...3

Dettagli

OGGETTO: Nota Regione Piemonte Precisazioni in merito all art. 48 LR 56/77, così come modificato dalla LR 3/2013 e al DPR 380/01

OGGETTO: Nota Regione Piemonte Precisazioni in merito all art. 48 LR 56/77, così come modificato dalla LR 3/2013 e al DPR 380/01 Via Conte Verde, 125-14100 ASTI Casella Postale 130 Tel. +39 0141.481111 Fax. +39 0141.484095 e-mail: protocollo@pec.asl.at.it P.I. / Cod. Fisc. 01120620057 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

L elenco della documentazione da inviare alla Sede INAIL in fase di completamento della domanda (COLONNA 2)

L elenco della documentazione da inviare alla Sede INAIL in fase di completamento della domanda (COLONNA 2) CONTENUTI DEL PRESENTE DOCUMENTO Questo documento raccoglie in quadro sinottico: L elenco della documentazione da inviare alla Sede INAIL in fase di completamento della domanda (COLONNA ) I parametri per

Dettagli

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP

BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP BREVE ANALISI DEL NUOVO ACCORDO SULLA DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI DEI DIRIGENTI E DEI DATORI DI LAVORO CHE ASSUMONO IL RUOLO DI RSPP Nella seduta del 21 dicembre 2011 la Conferenza permanente per i rapporti

Dettagli

Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore

Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore Valutazione delle procedure di autocontrollo di un ente gestore Dr.Fiorella Costa TREVISO 5 DICEMBRE 2007 1 Con il Decreto Legislativo 31/2001 e la DGRV 4080/2004 il panorama legislativo delle acque destinate

Dettagli

Ai sensi delle L.R. 1/2007 e 33/2009, delle DGR 4502/2007, 6919/2008 e 8547/08 e del D.L. 78/2010 conv. in L.122/2010. Il/La sottoscritto/a

Ai sensi delle L.R. 1/2007 e 33/2009, delle DGR 4502/2007, 6919/2008 e 8547/08 e del D.L. 78/2010 conv. in L.122/2010. Il/La sottoscritto/a Al Comune di 0 1 5 1 4 6 Cognome Codice Fiscale Nome Data di nascita: / / Cittadinanza: Sesso M F Luogo di nascita: Stato Comune Prov. Residenza: Comune Prov. Via, Piazza n C.A.P E-mail: Se disponibile,

Dettagli

Commercio Interno Interno15

Commercio Interno Interno15 15 Commercio Interno Interno15 COMMERCIO INTERNO All interno di questa sezione vengono riportate le tabelle riguardanti il commercio nella Regione nell anno 2007, in particolare: il commercio al dettaglio

Dettagli

Codice programma di riferimento. Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA

Codice programma di riferimento. Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA La Formazione a supporto del Piano Regionale di Prevenzione 2014-2018 Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA Il counseling breve per

Dettagli

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100 Riso 1.064 Pane 13.504 Pasta 5.808 Cereali e farine 590 Pasticceria 4.905 Biscotti dolci 2.742 Biscotti salati 1.709 Alimenti dietetici 374 Altri cereali e piatti pronti 2.505 Carne bovina fresca 18.572

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento

Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 1 Oggetto del regolamento Allegato alla Delibera n Il presente regolamento disciplina l organizzazione interna del Dipartimento della Prevenzione (di seguito chiamato Dipartimento), ai sensi di quanto

Dettagli

DECRETO n. 542 del 24/10/2014

DECRETO n. 542 del 24/10/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome DUO ANTONIO Data di nascita 02.09.1963 Qualifica Amministrazione Tecnico di Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi

Dettagli

DIRITTI DI ISTRUTTORIA PER LE PRATICHE DEL SERVIZIO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE - TABELLA ADOTTATA CON

DIRITTI DI ISTRUTTORIA PER LE PRATICHE DEL SERVIZIO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE - TABELLA ADOTTATA CON C I T T A' D I G A L A T I N A CITTA DI GALATINA Prov. di Lecce DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE-SUAP- PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A) DIRITTI DI ISTRUTTORIA PER LE PRATICHE DEL SERVIZIO S.U.A.P. - SPORTELLO

Dettagli

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Sergio Ceradini Arpalazio Sezione provinciale di Roma Convegno Tutela del territorio, gestione dei rifiuti e controlli ambientali

Dettagli