Introduzione Parte I - OBBLIGHI... 5 Principali obblighi previs' dal D.lgs 81/08 e s.m.i Parte III - ADEMPIMENTI SPECIFICI...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione... 4. Parte I - OBBLIGHI... 5 Principali obblighi previs' dal D.lgs 81/08 e s.m.i... 6. Parte III - ADEMPIMENTI SPECIFICI..."

Transcript

1

2 Coper'na... 2 Exlibris... 3 Introduzione... 4 Parte I - OBBLIGHI... 5 Principali obblighi previs' dal D.lgs 81/08 e s.m.i Parte II - ADEMPIMENTI COMUNI Adempimen' comuni ad ogni genere e 'pologia di impresa Parte III - ADEMPIMENTI SPECIFICI Adempimen' specifici delle varie 'pologie di impresa Glossario SAGE SERVIZI Altri Manuali edi' da Delirium Edi'ons Coper'na

3 Exlibris Obblighi previs/ dal Decreto 81 [Guida Gratuita] Sage Servizi Copyright 2012 by Delirium Edi7ons Cover design by Lorenzo De Luca Book design by Emily V All rights reserved. No part of this book may be reproduced in any form or by any electronic or mechanical means including informa7on storage and retrieval systems, without permission from the Editor/Author. First Release: November 2012

4 Introduzione Il breve testo che segue si prefigge di dare una rapida e semplice informazione circa gli adempimen' obbligatori previs' dalle norma've rela've alla sicurezza sul lavoro (con par'colare riferimento al Decreto Legisla'vo 81/08 e s.m.i.). La trazazione si ar'cola in due sezioni principali. La prima porrà l accento sugli obblighi riguardan' le varie figure del sistema di sicurezza aziendale, tramite una scansione semplice ed intui'va darà l immediata indicazione degli adempimen' dei quali ciascuno potrebbe essere chiamato a rispondere. La seconda parte, invece, oltre ad una introduzione generale, che raccoglie brevemente gli obblighi trasversali ai quali ogni 'pologia di a_vità risulta soggeza, si concentrerà sugli adempimen' specifici (non solamente correla' al D.lgs 81/08) ai quali vari generi di a_vità si troveranno a dover fare fronte. Chiaramente questo elenco non può ritenersi totalmente esaus'vo e i contenu' potrebbero venire aggiorna' in tempi successivi.

5 Parte I - OBBLIGHI

6 Principali obblighi previs' dal D.lgs 81/08 e s.m.i. Di seguito si riportano i principali obblighi norma'vi sanci' dal Testo Unico che possano dare adito a sanzione per le figure individuate. Obblighi non delegabili del datore di lavoro: Valutazione di tu_ i rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dall ar'colo 28 (Documento di Valutazione dei Rischi) Designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi (RSPP) Obblighi del datore di lavoro e del dirigente: Nominare medico competente per l effezuazione della sorveglianza sanitaria Designare preven'vamente i lavoratori incarica' dell azuazione delle misure di prevenzione incendi e loza an'ncendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di ges'one dell emergenza; Nell affidare i compi' ai lavoratori, tenere conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza; Fornire ai lavoratori i necessari e idonei disposi'vi di protezione individuale, sen'to il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, ove presente; Prendere le misure appropriate affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni e specifico addestramento accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; Richiedere l osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigen', nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei mezzi di protezione colle_vi e dei disposi'vi di protezione individuali messi a loro disposizione; Inviare i lavoratori alla visita medica entro le scadenze previste dal programma di sorveglianza sanitaria e richiedere al medico competente l osservanza degli obblighi previs' a suo carico nel presente decreto; Nei casi di sorveglianza sanitaria, comunicare tempes'vamente al medico competente la cessazione del rapporto di lavoro;

7 Consen're ai lavoratori di verificare, mediante il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, l applicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute; Consegnare tempes'vamente al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, su richiesta di ques' e per l'espletamento della sua funzione, copia del documento di valutazione dei rischi, anche su supporto informa'co; il documento è consultabile esclusivamente in azienda; Elaborare il documento unico di valutazione dei rischi da interferenze, anche su supporto informa'co, su richiesta di ques' e per l espletamento della sua funzione, consegnarne tempes'vamente copia ai rappresentan' dei lavoratori per la sicurezza. Il documento è consultabile esclusivamente in azienda; Prendere appropria' provvedimen' per evitare che le misure tecniche adozate possano causare rischi per la salute della popolazione o deteriorare l ambiente esterno verificando periodicamente la perdurante assenza di rischio; Comunicare in via telema'ca all INAIL e all IPSEMA, nonché per loro tramite, al sistema informa'vo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro di cui all ar'colo 8, entro 48 ore dalla ricezione del cer'ficato medico, a fini sta's'ci e informa'vi, i da' e le informazioni rela've agli infortuni sul lavoro che compor'no l assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell evento e, a fini assicura'vi, quelli rela'vi agli infortuni sul lavoro che compor'no un assenza al lavoro superiore a tre giorni; l obbligo di comunicazione degli infortuni sul lavoro che compor'no un assenza dal lavoro superiore a tre giorni si considera comunque assolto per mezzo della denuncia di cui all ar'colo 53 del testo unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le mala_e professionali, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n. 1124; Consultare il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza nelle ipotesi previste dalla norma'va; Nelle unità produ_ve con più di 15 lavoratori, convocare la riunione periodica di cui all ar'colo 35; Aggiornare le misure di prevenzione in relazione ai mutamen' organizza'vi e produ_vi che hanno rilevanza ai fini della salute e sicurezza del lavoro; Comunicare in via telema'ca all INAIL e all IPSEMA, nonché per loro tramite, al sistema informa'vo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro di cui all ar'colo 8, in caso di nuova elezione o designazione, i nomina'vi dei rappresentan' dei lavoratori per la sicurezza; in fase di prima applicazione l obbligo di cui alla presente lezera riguarda i nomina'vi dei rappresentan' dei lavoratori già ele_ o designa'; Vigilare affinché i lavoratori per i quali vige l obbligo di sorveglianza sanitaria non siano adibi' alla mansione;

8 Il datore di lavoro fornisce al servizio di prevenzione e protezione ed al medico competente informazioni in merito a: a) la natura dei rischi; b) l organizzazione del lavoro, la programmazione e l azuazione delle misure preven've e prote_ve; c) la descrizione degli impian' e dei processi produ_vi; d) i da' di cui al comma 1, lezera r) e quelli rela'vi alle mala_e professionali; e) i provvedimen' adoza' dagli organi di vigilanza. Obblighi del preposto: Sovrintendere e vigilare sulla osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi di legge, nonché delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di uso dei mezzi di protezione colle_vi e dei disposi'vi di protezione individuale messi a loro disposizione e, in caso di persistenza della inosservanza, informare i loro superiori dire_; Verificare affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; Richiedere l osservanza delle misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa; Informare il più presto possibile i lavoratori espos' al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione; Astenersi, salvo eccezioni debitamente mo'vate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro a_vità in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato; Segnalare tempes'vamente al datore di lavoro o al dirigente sia le deficienze dei mezzi e delle azrezzature di lavoro e dei disposi'vi di protezione individuale, sia ogni altra condizione di pericolo che si verifichi durante il lavoro, delle quali venga a conoscenza sulla base della formazione ricevuta; Frequentare apposi' corsi di formazione secondo quanto previsto Obblighi dei lavoratori: Osservare le disposizioni e le istruzioni impar'te dal datore di lavoro, dai dirigen' e dai prepos', ai fini della protezione colle_va ed individuale;

9 U'lizzare correzamente le azrezzature di lavoro, le sostanze e i prepara' pericolosi, i mezzi di trasporto e, nonché i disposi'vi di sicurezza; U'lizzare in modo appropriato i disposi'vi di protezione messi a loro disposizione; Segnalare immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei disposi'vi di cui alle lezere c) e d), nonché qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a conoscenza, adoperandosi direzamente, in caso di urgenza, nell ambito delle proprie competenze e possibilità e fazo salvo l obbligo di cui alla lezera f) per eliminare o ridurre le situazioni di pericolo grave e incombente, dandone no'zia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza; Non rimuovere o modificare senza autorizzazione i disposi'vi di sicurezza o di segnalazione o di controllo; Non compiere di propria inizia'va operazioni o manovre che non sono di loro competenza ovvero che possono compromezere la sicurezza propria o di altri lavoratori; Partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizza' dal datore di lavoro; SoZoporsi ai controlli sanitari previs' dal presente Decreto Legisla'vo o, comunque, dispos' dal medico competente. I lavoratori di aziende che svolgono a_vità in regime di appalto o subappalto, devono esporre apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro. Tale obbligo grava anche in capo ai lavoratori autonomi che esercitano direzamente la propria a_vità nel medesimo luogo di lavoro, i quali sono tenu' a provvedervi per proprio conto. Obblighi dei componen5 dell impresa famigliare e dei lavoratori autonomi: U'lizzare azrezzature di lavoro in conformità alle disposizioni di cui al Titolo III [azrezzature conformi CE]; Munirsi di disposi'vi di protezione individuale ed u'lizzarli conformemente alle disposizioni norma've; Munirsi di apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le proprie generalità, qualora effezuino la loro prestazione in un luogo di lavoro nel quale si svolgano a_vità in regime di appalto o subappalto. Obblighi dei proge9s5:

10 I proge_s' dei luoghi e dei pos' di lavoro e degli impian' rispezano i principi generali di prevenzione in materia di salute e sicurezza sul lavoro al momento delle scelte progezuali e tecniche e scelgono azrezzature, componen' e disposi'vi di protezione risponden' alle disposizioni legisla've e regolamentari in materia Obblighi dei fabbrican5 e fornitori: Sono vieta' la fabbricazione, la vendita, il noleggio e la concessione in uso di azrezzature di lavoro, disposi'vi di protezione individuali ed impian' non risponden' alle disposizioni legisla've e regolamentari vigen' in materia di salute e sicurezza sul lavoro In caso di locazione finanziaria di beni assoggeza' a procedure di azestazione alla conformità, gli stessi debbono essere accompagna', a cura del concedente, dalla rela'va documentazione Obblighi degli installatori: Gli installatori e montatori di impian', azrezzature di lavoro o altri mezzi tecnici, per la parte di loro competenza, devono azenersi alle norme di salute e sicurezza sul lavoro, nonché alle istruzioni fornite dai rispe_vi fabbrican'

11 Parte II - ADEMPIMENTI COMUNI

12 Adempimen' comuni ad ogni genere e 'pologia di impresa Redazione di Documento di Valutazione dei Rischi (in presenza di lavoratori contano anche i soci e i coadiuvan' - così come intesi dall Ar'colo 2 Comma a) D.lgs 81/08 e s.m.i.) Nomina e formazione di: Responsabile dei Servizi di Prevenzione e Protezione (RSPP); AddeZo all emergenza ed evacuazione (an'ncendio); AddeZo al primo soccorso Aggiornamen' obbligatori per gli adde_ di cui sopra Nomina del Medico Competente (in presenza di lavoratori così come intesi dall Ar'colo 2 Comma a) D.lgs 81/08 e s.m.i.) Valutazione tecnica ogge_va dello Stress Lavoro Correlato (in presenza di lavoratori così come intesi dall Ar'colo 2 Comma a) D.lgs 81/08 e s.m.i.) Dichiarazione di Conformità dell impianto elezrico Dichiarazione di conformità e revisione periodica dell impianto di messa a terra rilasciato da ASL, Arpa o Ente Accreditato (ogni 5 anni o ogni 2 se in presenza di Cer'ficato di Prevenzione Incendi) Installazione di presidi an'ncendio (es'ntori o impian') e rela'va cartellonis'ca di sicurezza e segnalazione Revisione semestrale degli impian' (e dei presidi) an'ncendio Valutazione ImpaZo Acus'co Ambientale qualora richiesto dal Comune di appartenenza Per tu_ i lavoratori che svolgano la propria a_vità in sede differente da quella aziendale (manutentori, imprese pulizie, ecc ) obbligo di esibizione di cartellino personale iden'fica'vo con carazeris'che conformi al D.lgs 81/08 e s.m.i. e L. 136/2010. Formazione per tu_ i lavoratori, i dirigen' e i prepos' in merito ai rischi presen' in azienda (ar'colazione del percorso forma'vo come previsto dal recente Accordo 221 del 21/12/2011 redazo dalla Conferenza Permanente per i rappor' tra lo Stato, le Regioni e le Provincie Autonome di Trento e di Bolzano) Formazione per i datori di lavoro che intendano svolgere direzamente l incarico di Responsabile dei Servizi di Prevenzione e Protezione - RSPP (ar'colazione del percorso forma'vo ed erogazione da parte di sogge_ abilita' come previsto dal recente Accordo 223 del 21/12/2011 redazo dalla Conferenza Permanente per i rappor' tra lo Stato, le Regioni e le Provincie Autonome di Trento e di Bolzano)

13 Parte III - ADEMPIMENTI SPECIFICI

14 Adempimen' specifici delle varie 'pologie di impresa ATTIVITA Tabaccherie Edicole ADEMPIMENTI Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco in caso di commercializzazione di sostanze esploden/ (fuochi ar/ficiali)

15 Concessionarie di autoveicoli e motoveicoli leggeri (con officina) Carrozzerie Revisione annuale di eventuale caldaia e prova fumi Redazione di piano di emergenza ed evacuazione Valutazione del rischio di esposizione a vibrazioni meccaniche Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ chimici Autorizzazione alle emissioni in atmosfera (se svolgono operazioni di verniciatura e carrozzeria) e rela/vi rinnovi e campionamen/ Autorizzazione allo scarico delle acque di lavaggio (se dota/ di autolavaggio) Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e rela/vi rinnovi Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ Compilazione annuale MUD Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. Cambio dei carboni e materiali filtran/ (se presente verniciatura o preparazione) nella Regione ove previsto Denuncia annuale dei Carboni AXvi (se presente verniciatura o preparazione) Valutazione di ImpaYo Ambientale se situa/ in area soggeya Revisione e manutenzione annuale di impian/ a pressione (es: compressore) Movimentazione manuale dei carichi Uso dei videoterminali (se presen/ lavoratori addex al videoterminale per oltre 20 ore sexmanali) U/lizzo di strumentazioni par/colari (saldatrici, ayrezzature di sollevamento, ayrezzature a pressione, ecc.) Lavori di /po eleyrico Redazione di Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (se presen/ aziende fornitrici di servizi all interno dei locali di competenza dell axvità; es: impresa di pulizie)

16 Concessionarie di autoveicoli e motoveicoli leggeri (senza officina) Bar senza cucina Gelaterie Revisione annuale di eventuale caldaia e prova fumi Redazione di piano di emergenza ed evacuazione Autorizzazione allo scarico delle acque di lavaggio (se dota/ di autolavaggio) Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ Compilazione annuale MUD Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco Valutazione del rischio di esposizione a vibrazioni meccaniche (se presen/ au/s/ o u/lizzo di strumentazioni diverse da quelle da ufficio) Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio di esposizione ad agen/ chimici - Movimentazione manuale dei carichi - Uso dei videoterminali (se presen/ lavoratori addex al videoterminale per oltre 20 ore sexmanali) Redazione di Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (se presen/ aziende fornitrici di servizi all interno dei locali di competenza dell axvità; es: impresa di pulizie) Possesso della formazione necessaria alla somministrazione alimentare e rela/vo aggiornamento Haccp (manuale, tenuta registri e formazione addex) Redazione del piano di emergenza ed evacuazione - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni da taglio Campionamento delle acque e analisi per rischi biologici (prove tampone)

17 Bar con cucina Possesso della formazione necessaria alla somministrazione alimentare e rela/vo aggiornamento Haccp (manuale, tenuta registri e formazione addex) Redazione del piano di emergenza ed evacuazione - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni da taglio Campionamento delle acque e analisi per rischi biologici (prove tampone) Tenuta dei registri di carico e scarico Compilazione annuale MUD (se in totale hanno lavorato nell axvità 10 o più persone, compresi i /tolari) Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. Cer/ficato Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco se la cucina ha potenza erogante superiore a Kcal/h

18 Ar/giani edili non specializza/ Decoratori Installatori e manutentori di impian/ Termo idraulici idraulici caldaie Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni meccaniche Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio di esposizione ad agen/ chimici Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ cancerogeni Valutazione dal rischio da esposizioni a radiazioni oxche ar/ficiali Piano Opera/vo di Sicurezza (per ogni can/ere) - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni par/colari - Lavori in altezza (entro i 2 metri da piano stabile) - Lavori in quota (oltre i 2 metri da piano stabile) - U/lizzo di Disposi/vi di Protezione Individuale par/colari (es: cinture di sicurezza, maschere con respiratore, otoproteyori, ecc.) - Primo accesso in can/ere - Impiego di ponteggi - Montaggio ponteggi - Saldatura Dichiarazione di conformità di scale e trabayelli Dichiarazione di conformità di strumentazioni eleyriche e manuali Redazione di Piano Opera/vo di Sicurezza (quando previsto da can/ere specifico) Verifica annuale delle ayrezzature a pressione (compressori) Sorveglianza sanitaria specifica Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ Compilazione annuale MUD Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i.

19 Ges/one di palestre Chinesiterapis/ (equiparazione a paramedici) se operan/ in struyura (gli adempimen/ riguardano principalmente la struyura) Locali noyurni (sale da ballo e Night club ) Piano di emergenza ed evacuazione Valutazione del rischio di esposizione a vibrazioni meccaniche Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ chimici Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ biologici Campionameto delle acque e analisi per rischi biologici Cer/ficato Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco in base alle capacità di afflusso dei locali e dell eventuale potenza erogante delle caldaie - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni par/colari Piano di emergenza ed evacuazione Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ chimici Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ biologici Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi Cer/ficato di prevenzione incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco in base alle dimensioni della struyura ed alla presenza di almeno 25 pos/ leyo Sorveglianza sanitaria specifica - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni par/colari - U/lizzo di par/colari strumentazioni eleyromedicali Piano di emergenza ed evacuazione Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ chimici Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ biologici Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi Cer/ficato di prevenzione incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco in base alle dimensioni della struyura ed alla capacità di ricezione di 100 o più persone Se in presenza di Bar o di somministrazione vedere in aggiunta la voce sopra descriya

20 Croci rosse private (trasporto infermi) Ambulan/ vendita generi alimentari Somministrazione di alimen/ e bevande ambulan/ Ambulan/ generi non alimentari Piano di emergenza ed evacuazione Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni meccaniche Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ chimici Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ biologici Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni par/colari - U/lizzo di par/colari strumentazioni eleyromedicali - U/lizzo di Disposi/vi di Protezione Individuale di /po par/colare Sorveglianza sanitaria specifica Revisione periodica delle strumentazioni e dei veicoli Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco se presente magazzino o area di stoccaggio di materiale comburente Se provvis/ di officina: - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. Possesso della formazione necessaria alla somministrazione alimentare e rela/vo aggiornamento Haccp (manuale, tenuta registri e formazione addex) (se presen/ zone di preparazione o conservazione di alimen/ caldi o se presen/ impian/ eleyrici) - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni da taglio Prove tampone e analisi per rischi biologici Revisione periodica delle strumentazioni e dei veicoli Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi (se presen/ impian/ eleyrici) Revisione periodica dei veicoli - Movimentazione manuale dei carichi

21 Vendita al deyaglio di generi alimentari in sede fissa Installatori e manutentori di impian/ eleyrici Acconciatori ed este/s/ Commercio al deyaglio di generi ortopedici e sanitari Vendita al deyaglio di ar/coli di prodox per capelli Possesso della formazione necessaria alla somministrazione alimentare e rela/vo aggiornamento Haccp (manuale, tenuta registri e formazione addex) (se presen/ zone di preparazione o conservazione di alimen/ caldi o se presen/ impian/ eleyrici) - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni da taglio Prove tampone e analisi per rischi biologici Revisione periodica delle strumentazioni In generale vedere la voce ar/giani edili e decoratori Redazione di Piano Opera/vo di Sicurezza (quando previsto da can/ere specifico) - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni da taglio - Lavori eleyrici soyo tensione e non Valutazione del rischio chimico Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio biologico Se produyori di rifiu/ speciali quali lampade al neon, rifiu/ biologici, rifiu/ eleyrici o eleyronici ecc. - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni da taglio - U/lizzo strumentazioni in temperatura - U/lizzo di apparecchiature eleyromedicali Autorizzazione sanitaria specifica in caso di u/lizzo di apparecchiature eleyromedicali ad emissione di Radiazioni OXche Ar/ficiali (es: laser in categoria 3 o superiore) Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi Valutazione del rischio biologico - Movimentazione manuale dei carichi

22 Valutazione del rischio chimico Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni Fonometria in ambiente di lavoro Se non contoterzis/ e produyori di rifiu/ speciali: - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ Confezionamento di tessu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei vigili del Fuoco in ambien/ di grandi dimensioni, in presenza di magazzini, in presenza di caldaie in caso di elevato numero di addex impiega/ Agenzie assicura/ve Valutazione del rischio chimico Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio derivante da atmosfere esplosive Valutazione del rischio da movimentazione manuale dei carichi Se produyori di rifiu/ speciali: - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e Panificatori s.m.i. Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei vigili del Fuoco in caso di stoccaggio di farine o di u/lizzo di forni con capacità erogante superiore alle Kcal/h - Movimentazione manuale dei carichi - Lavoro in atmosfere esplosive ed u/lizzo di apposi/ Disposi/vi di Protezione Individuale - U/lizzo di par/colari ayrezzature (es: impastatrice, forni ecc.) Sorveglianza sanitaria specifica

23 Imprese di pulizie Valutazione del rischio chimico Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni Movimentazione manuale dei carichi Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio biologico Se produyori di rifiu/ speciali quali prodox per la pulizia, contenitori con residui di solven/, rifiu/ eleyrici o eleyronici ecc. - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. - AX ripetu/ - Movimentazione manuale dei carichi - U/lizzo strumentazioni in temperatura - U/lizzo di apparecchiature eleyriche - U/lizzo prodox chimici Sorveglianza sanitaria specifica

24 AXvità di autotrasporto conto terzi Piano di emergenza ed evacuazione Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio di esposizione a vibrazioni meccaniche Valutazione del rischio di esposizione ad agen/ chimici Valutazione del rischio di esposizione da agen/ biologici Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni par/colari - U/lizzo di par/colari strumentazioni eleyromedicali - U/lizzo di Disposi/vi di Protezione Individuale di /po par/colare Sorveglianza sanitaria specifica Revisione periodica delle strumentazioni e dei veicoli Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco se presente magazzino o area di stoccaggio di materiale combus/bile Se provvis/ di officina: - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i Formazione specifica con idoneità professionale per addeyo trasporto conto terzi

25 Riparatori di impian/ TV, radio, computer, antennis/ Calzolai Valutazione del rischio chimico Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni Movimentazione manuale dei carichi Fonometria in ambiente di lavoro - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - Lavori in altezza (entro i 2 metri da piano stabile se presen/ principalmente per antennis/) - Lavori in quota (oltre i 2 metri da piano stabile se presen/ principalmente per antennis/) - U/lizzo di Disposi/vi di Protezione Individuale par/colari (es: cinture di sicurezza, maschere con respiratore, otoproteyori, ecc. se previs/ per lavorazioni par/colari) - Lavori eleyrici soyo tensione e non Se produyori di rifiu/ speciali quali prodox per la pulizia, contenitori con residui di solven/, rifiu/ eleyrici o eleyronici ecc. - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. Valutazione del rischio chimico Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni Fonometria in ambiente di lavoro Se produyori di rifiu/ speciali quali prodox per la pulizia, contenitori con residui di solven/. - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. - AX ripetu/ - U/lizzo di ayrezzature specifiche

26 Alberghi e ristoran/ Possesso della formazione necessaria alla somministrazione alimentare e rela/vo aggiornamento Haccp (manuale, tenuta registri e formazione addex) Valutazione del rischio chimico Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei vigili del Fuoco in caso di impian/ con capacità erogante superiore alle Kcal/h (cucine e forni) o se con numero di pos/ leyo superiore a 25 Movimentazione manuale dei carichi AX ripetu/ U/lizzo strumentazioni da taglio AYestato di idoneità tecnica per i lavoratori incarica/ dell ayuazione delle misure di prevenzione incendi, loya an/ncendio e ges/one delle emergenze (integrazione alla formazione abituale an/ncendio) rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco (solo per alberghi con più di 100 pos/ leyo) Prove tampone e analisi per rischi biologici Revisione periodica delle strumentazioni ed apparecchiature Redazione di Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (se presen/ aziende fornitrici di servizi all interno dei locali di competenza dell axvità; es: impresa di pulizie)

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 LE NUOVE SANZIONI D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 Obblighi e sanzioni per i Datori di Lavoro Art. 17 Obblighi del Datore di Lavoro non delegabili Datore di Lavoro a) la valutazione di tutti

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro Francesco Stucchi Fonti D.Lgs.81/08 Art. 2 (Definizioni) 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS

DATORE DI LAVORO DIRIGENTE PREPOSTO L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI RAPPORTI DELLA GERARCHIA AZIENDALE CON I RLS Bologna, 15 MAGGIO 2015 Dr. Leopoldo Magelli Perché a volte le criticità nel rapporto tra RLS e

Dettagli

LE FIGURE PER LA SICUREZZA

LE FIGURE PER LA SICUREZZA La Sicurezza in azienda LE FIGURE PER LA SICUREZZA 1 La Sicurezza in azienda Sommario 1. Organigramma per la sicurezza 2. Definizioni 3. Obblighi e compiti delle figure per la sicurezza 2 La Sicurezza

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli

Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87. Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli Baveno 16 novembre 2012 presso API Baveno, S.S. Sempione km 87 Biagianti Marialivia e Cruciano Francesco tel. 0321 398464 Area Ambiente, Salute e Sicurezza API Novara, VCO e Vercelli DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA Pagina 1 di 54 Sede direzionale / amministrativa Tel. Fax. E-mail Sito Web NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA C.F. 8 RIFERIMENTI DELL UNITA PRODUTTIVA OGGETTO DELLA VALUTAZIONE NOMINATIVO AZIENDA PUBBLICA/PRIVATA

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Dr. Sebastiano Papa Principali soggetti

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11

Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Formazione Generale Lavoratori Accordo Stato Regioni 21/12/11 Programma del corso: Modulo 2: Trattazione di: 1. Organizzazione della prevenzione aziendale 2. Diritti, doveri e per i vari soggetti aziendali

Dettagli

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 Obblighi Datore di Lavoro - Misure generali di tutela (D.Lgs. 81/08, art. 15)...1 Obblighi Datore di Lavoro - Delega di funzioni (D.Lgs. 81/08, art. 16)...1 Obblighi

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Egr. Via Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Il sottoscritto C.F. in qualità di Datore di Lavoro della Ditta con sede in al fine di provvedere agli incombenti posti dalla

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA GENERALE

FUNZIONIGRAMMA GENERALE DIREZIONE DIDATTICA 2 CIRCOLO San Giuseppe SASSARI FUNZIONIGRAMMA GENERALE 2015-2016 Lo scopo del presente funzionigramma aziendale è quello di delineare gli ambiti di competenza di ciascuna responsabilità

Dettagli

OBBLIGHI DEL PREPOSTO ART. 19 D.LGS. 81/08

OBBLIGHI DEL PREPOSTO ART. 19 D.LGS. 81/08 PREPOSTO Il PREPOSTO è la persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell incarico conferitogli, sovrintende alla attività

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08 Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08.81/08 Organizzazione del Cantiere a.a. 2008-2009 Struttura organizzativa aziendale di tipo piramidale

Dettagli

VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. 106/09)

VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. 106/09) Prot.n. VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. 106/09) Il giorno al lavoratore Prof./Prof.ssa : Insegnante Tecnico Pratico (ITP): Ass. amministrativo

Dettagli

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format IL DATORE DI LAVORO LA FIGURA DEL RSPP La figura del Datore di Lavoro quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Materiale Didattico

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA

LAVORARE IN SICUREZZA STUDIO STUDIO TECNICO TECNICO SICUREZZA SICUREZZA ING ING LEO LEO DE DE SANTIS SANTIS via Matteotti 8/B Giulianova (TE) via Matteotti 8/B Giulianova (TE) tel/fax: 085 8007276 tel/fax: 085 8007276 LAVORARE

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

La sicurezza nelle attività di volontariato

La sicurezza nelle attività di volontariato La sicurezza nelle attività di volontariato 1 Il D. Lgs. 81/08 Articolo 3 Campo di applicazione Il presente decreto legislativo si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici, e a tutte le

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO Art. 1 Campo di applicazione Il regolamento si applica a tutte le attività istituzionali dell Università

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

Datore di lavoro e il dirigente

Datore di lavoro e il dirigente Datore di lavoro e il dirigente Mancata effettuazione della Valutazione dei rischi (VDR) e adozione del documento in collaborazione con l RSPP e il MC Mancata nomina del RSPP (anche se svolto direttamente)

Dettagli

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 1 UCTSP MILANO 27 GIUGNO 2008 STEFANIA CASOTTO RESPONSABILE DEI SERVIZI AMBIENTE - SICUREZZA - POLITICHE ENERGETICHE Agenda 2 La definizione di

Dettagli

Formazione dei Preposti nei Laboratori dell Istituto Tecnico Industriale G. Galilei (LI) ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08.

Formazione dei Preposti nei Laboratori dell Istituto Tecnico Industriale G. Galilei (LI) ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08. Formazione dei Preposti nei Laboratori dell Istituto Tecnico Industriale G. Galilei (LI) ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 1 Frasi famose La misura dell intelligenza è data dalla capacità di

Dettagli

La responsabilità degli incaricati nel sistema di sicurezza di sicurezza della scuola

La responsabilità degli incaricati nel sistema di sicurezza di sicurezza della scuola La responsabilità degli incaricati nel sistema di sicurezza di sicurezza della scuola Avv. Hilaria Piraccini Progetto Sto bene a scuola 2 Istituto comprensivo Beinasco-Gramsci 11 dicembre 2013 Indice degli

Dettagli

MACCHINA TECNICA UOMO CULTURA - FORMAZIONE

MACCHINA TECNICA UOMO CULTURA - FORMAZIONE MACCHINA TECNICA CONTROLLO UOMO CULTURA - FORMAZIONE IL PRIMO FINE DELLA NORMATIVA SULLA SICUREZZA E SEMPRE LA PREVENZIONE DELL INFORTUNIO PER TUTELARE IL BENE PIU PREZIOSO CIOE LA SALUTE DELLE PERSONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO -0-01/08/2014 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Ex art. 30 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 e successive integrazioni e modificazioni redatto secondo le Linee Guida UNI INAIL

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

INFORMAZIONE, FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO

INFORMAZIONE, FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO A.S. 2013 2014 INFORMAZIONE, FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO di tutto il personale presente nella scuola sull igiene, salute e sicurezza sul posto di lavoro ( ex artt. 36 e 37 D.Lgs. 81/08 e s.m.i. ) Il Rappresentante

Dettagli

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311

Battaglioni Stefano Via G. Oberdan n. 5 62029 Tolentino (MC) Tel/Fax 0733-966311 STUDIO DI CONSULENZA LEGALE AZIENDALE E TRIBUTARIA STEFANO BATTAGLIONI Commercialista - Albo nr.139 MC Revisore Contabile Economista d Impresa Consulente Tecnico del Giudice Battaglioni Stefano Via G.

Dettagli

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono:

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono: Principali obblighi per i Datori di Lavoro di piccole/medie imprese (settore commercio) in seguito all entrata in vigore del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/2008 Le principali attività

Dettagli

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO

SPECIALE SAPI. salute e sicurezza sul lavoro IL NUOVO TESTO UNICO Supplemento n. 1 al periodico l Ar tigianato Anno LIX - N. 8 - Luglio 2008 Lavoratori autonomi e impresa familiare TAB. B - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv.

Dettagli

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 rev. 15/10/08 Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute,

Dettagli

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008 Attività F. e S. D.Lg.81/2008 FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008 e D. Lgs. 106/2009 8(orrettivo del D.Lgs. 81/08) IIS Da Vinci Ripamonti Formazione docenti di nuova nomina

Dettagli

CORSO PER DATORI DI LAVORO DI STUDI MEDICI E ODONTOIATRICI CHE INTENDONO ESERCITARE LA FUNZIONE DI RSPP (D.Lgs.81/08- D.M.

CORSO PER DATORI DI LAVORO DI STUDI MEDICI E ODONTOIATRICI CHE INTENDONO ESERCITARE LA FUNZIONE DI RSPP (D.Lgs.81/08- D.M. Ordine provinciale medici chirurghi e odontoiatri di Modena In collaborazione con Sicurezza sul lavoro in ambito medico CORSO PER DATORI DI LAVORO DI STUDI MEDICI E ODONTOIATRICI CHE INTENDONO ESERCITARE

Dettagli

BREVE STORIA DELLE NORME E LEGGI SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

BREVE STORIA DELLE NORME E LEGGI SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO INTRODUZIONE BREVE STORIA DELLE NORME E LEGGI SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO CIRF Corso Operatori Call Center Evoluto Modulo RSPP Mod. A SLIDE 1 LA SICUREZZA NON NASCE OGGI La Bibbia prescrive di

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E STUDI PROFESSIONALI Ing. REGE Paolo Biella, 17 aprile 2009 Decreto Legislativo 81/08 Organizzazione e Gestione Valutazione dei rischi Informazione e

Dettagli

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente

25 ottobre 2013. LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: il ruolo del medico competente 25 ottobre 2013 Dall obbligo normativo alla promozione della salute negli ambienti di lavoro Relatore: dr.ssa Roberta

Dettagli

INTERVENTO FORMATIVO in materia di SICUREZZA nei LUOGHI di LAVORO

INTERVENTO FORMATIVO in materia di SICUREZZA nei LUOGHI di LAVORO INTERVENTO FORMATIVO in materia di SICUREZZA nei LUOGHI di LAVORO A cura dell R.S.P.P. Ing. Eugenio Lucchesini 1 Introduzione: Con questa piccola raccolta di normative, in materia di sicurezza nei luoghi

Dettagli

Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato

Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato Cinzia Frascheri Giuslavorista Responsabile nazionale CISL salute e sicurezza sul lavoro Tutti i

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO: AUTOCERTIFICAZIONE E DOCUMENTO DIVALUTAZIONE DEI RISCHI VITERBO, 22/02/2013

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO: AUTOCERTIFICAZIONE E DOCUMENTO DIVALUTAZIONE DEI RISCHI VITERBO, 22/02/2013 SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO: AUTOCERTIFICAZIONE E DOCUMENTO DIVALUTAZIONE DEI RISCHI VITERBO, 22/02/2013 1 A CURA DELLA SOCIETA SISTHEMA & ANALISI S.r.l. Certificata ISO 9001:2008 settore EA37: progettazione

Dettagli

Organigramma della sicurezza

Organigramma della sicurezza Organigramma della sicurezza Dirigente Scolastico Medico Competente R.S.P.P. A.S.P.P. Squadra di emergenza Nominativo Plesso.... Nominativo Ruolo.... R.L.S. Preposti Lavoratori Fondamenti di sicurezza:

Dettagli

DIARIO 81 Dott. Lattanzio Carlo Marzo 2013

DIARIO 81 Dott. Lattanzio Carlo Marzo 2013 DIARIO 81 Marzo 2013 DIARIO 81 Questa pubblicazione denominata DIARIO 81 è rivolta a clienti, colleghi e collaboratori, e nasce per dare risposte alle numerose sollecitazioni pervenute circa l applicazione

Dettagli

OdV senza lavoratori. subordinati o equiparati. Non applicabile

OdV senza lavoratori. subordinati o equiparati. Non applicabile 1 ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO (OdV) ED APPLICAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI. RICOGNIZIONE SULLO STATO DELL ARTE. LA TABELLA DEGLI ADEMPIMENTI La tabella che segue

Dettagli

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali TITOLO

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO Ing. Angelo Romanelli, Direttore Dipartimento RCV Bergamo Data 12 settembre 2014 INTRODUZIONE IL COMMITTENTE Soggetto individuato

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) NEL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA ADEMPIMENTI E RESPONSABILITA isp. arch. Valeria

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 Castelvetrano Via Bonsignore, 14 Tel. 0924 89322 Fax 0924

Dettagli

COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI

COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI GRUPPO DI RIFERIMENTO PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI REV. DATA 0 8.03.2011 1 24.06.2013 2 3 IL REFERENTE DEL GRUPPO Ing. Alessandro Selbmann

Dettagli

Dott. Ing. Rossella Benatti Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Brescia

Dott. Ing. Rossella Benatti Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Brescia Informazione e formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro per i lavoratori, per i preposti e per i dirigenti e per gli addetti delle squadre di emergenza dell Università degli Studi di Brescia

Dettagli

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda Attualmente in Italia vige il cosiddetto Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (T.U. Sicurezza), rappresentato dal D.Lgs.81/2008,.e ss.mm.ii..

Dettagli

Corso di Diritto per l Ingegneria

Corso di Diritto per l Ingegneria Anno Accademico 2012-2013 Corso di Diritto per l Ingegneria La legislazione in materia di prevenzione infortuni e igiene sul lavoro Lezione 1 Gabriele Zeppa 1 Principi costituzionali Le norme costituzionali

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

ISS BOSELLI ALBERTI CORSO DI FORMAZIONE GENERALE SULLA SICUREZZA A.S. 2014-2015

ISS BOSELLI ALBERTI CORSO DI FORMAZIONE GENERALE SULLA SICUREZZA A.S. 2014-2015 ISS BOSELLI ALBERTI CORSO DI FORMAZIONE GENERALE SULLA SICUREZZA A.S. 2014-2015 SALUTE E SICUREZZA NELLA COSTITUZIONE La repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e della collettività

Dettagli

La figura del PREPOSTO nella scuola

La figura del PREPOSTO nella scuola La figura del PREPOSTO nella scuola 1 DEFINIZIONE DI PREPOSTO (Art. 2, comma 1, lett. e, D.Lgs. N. 81/2008) > : persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti dei poteri

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE

CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE CROCE ROSSA ITALIANA REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E SALUTE LUGLIO 2008 INDICE GENERALE TITOLO I - La politica di sicurezza e prevenzione della CRI... 3 CAPO I - L Organizzazione della sicurezza

Dettagli

Consorzio Parcheggi e Mobilità

Consorzio Parcheggi e Mobilità Consorzio Parcheggi e Mobilità RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs. 81/2008 e 106/2009 Cos'è il Testo Unico sulla Sicurezza dei Lavoratori? Il Testo

Dettagli

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro Chi svolge l attività in forma individuale, e senza avere dipendenti subordinati, non ha obblighi in materia di formazione sulla

Dettagli

D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI

D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI D. D. Lgs. 09 09 aprile 2008 n n 81 81 I SOGGETTI COINVOLTI Salsomaggiore, 29 maggio 2009 D.Lgs. 81/08 I soggetti coinvolti R.L.S. Medico DL - Dirigenti Preposti R.S.P.P. Sistema di gestione permanente

Dettagli

Organizzazione della sicurezza nell Università degli Studi di Pavia

Organizzazione della sicurezza nell Università degli Studi di Pavia Organizzazione della sicurezza nell Università degli Studi di Pavia MAGNIFICO RETTORE Servizio di Prevenzione e Protezione MC EQ TSL RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE e PROTEZIONE ASPP ASPP ASPP ASPP RESPONSABILE

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 2 Informazione

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO Repubblica Italiana CITTÁ DI MAZARA DEL VALLO REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO (in attuazione del decreto

Dettagli

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8. Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.98 Art. 1 - Individuazione del Datore di lavoro e definizione

Dettagli

SINTESI D.L. N. 81/2008

SINTESI D.L. N. 81/2008 SINTESI D.L. N. 81/2008 LA SICUREZZA NELL AMBITO SCOLASTICO LA TUTELA DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Il decreto legislativo 81/ 08 prescrive le misure finalizzate alla tutela della salute e alla

Dettagli

LE PERSONE COINVOLTE. Ha i principali obblighi nei riguardi della salute e della sicurezza dei lavoratori durante il lavoro.

LE PERSONE COINVOLTE. Ha i principali obblighi nei riguardi della salute e della sicurezza dei lavoratori durante il lavoro. Sicurezza Sul Lavoro LE PERSONE COINVOLTE IL DATORE DI LAVORO Ha i principali obblighi nei riguardi della salute e della sicurezza dei lavoratori durante il lavoro. Datore di lavoro è il titolare del rapporto

Dettagli

I soggetti del sistema aziendale di prevenzione

I soggetti del sistema aziendale di prevenzione Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole I soggetti del sistema aziendale di prevenzione 1.2b CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI

Dettagli

ITALIA: Estratto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 con le modifiche apportate dal D.lgs 3 agosto 2009, n. 106 (in vigore dal 20 agosto 2009)

ITALIA: Estratto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 con le modifiche apportate dal D.lgs 3 agosto 2009, n. 106 (in vigore dal 20 agosto 2009) ITALIA: Estratto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 con le modifiche apportate dal D.lgs 3 agosto 2009, n. 106 (in vigore dal 20 agosto 2009) (Attenzione: di seguito sono riportati solo degli estratti degli

Dettagli

Applicazione delle Norme in Materia di Tutela della Salute \ e Sicurezza sul Lavoro nelle Scuole di Sci

Applicazione delle Norme in Materia di Tutela della Salute \ e Sicurezza sul Lavoro nelle Scuole di Sci CONVEGNO NAZIONALE DIRETTORI SCUOLA 2013 Applicazione delle Norme in Materia di Tutela della Salute \ e Sicurezza sul Lavoro nelle Scuole di Sci Relatore: Dott. Ing. Piero Mattioli Le condizioni minime

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I.R.P.E.T Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (in attuazione degli articoli 16 ss. del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81

Dettagli

COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV)

COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV) COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV) DIRIGENTE SCOLASTICO CARPENTIERO FLORA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER MANSIONI AZIENDALI D. Lgs. 3 agosto 2009 n. 106 RSPP: ING. PANNESE NICOLA Data:30/10/2013

Dettagli

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI.

LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI. LE MODALITÀ DI ADEMPIMENTO AGLI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA NEGLI STUDI PROFESSIONALI. Convegno CUP del 16 Maggio 2009 relazione prof. ing. Guido Cassella Esse Ti Esse - Padova e Treviso Slide 1 SOGGETTI

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI ENNA C.F. 01151150867 www.asp.enna.it SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE : REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA

Dettagli

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008

Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 FORMAZIONE OBBLIGHI SANZIONI Datore di lavoro D.Lgs. 81/2008 Mancata informazione ai lavoratori 1.315,20 a 5.699,20 Mancata formazione ai lavoratori, ai dirigenti (RSPP) e preposti, ai lavoratori addetti

Dettagli

CORSO RSPP RISCHIO ALTO

CORSO RSPP RISCHIO ALTO CORSO RSPP RISCHIO ALTO Obiettivi Destinatari Formazione per lo svolgimento da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dei rischi ai sensi dell art.34, comma 2 e 3, del decreto

Dettagli

GLI ARGOMENTI TRATTATI Principali soggetti coinvolti e relativi obblighi, Definizione e individuazione dei fattori di rischio, Valutazione dei rischi

GLI ARGOMENTI TRATTATI Principali soggetti coinvolti e relativi obblighi, Definizione e individuazione dei fattori di rischio, Valutazione dei rischi Nuove norme introdotte dal D.Lgs. 81/08 E modificate dal D.Lgs. 106/09 GLI ARGOMENTI TRATTATI Principali soggetti coinvolti e relativi obblighi, Definizione e individuazione dei fattori di rischio, Valutazione

Dettagli

Compiti in materia di sicurezza (SAFETY)

Compiti in materia di sicurezza (SAFETY) Compiti in materia di sicurezza (SAFETY) DATORE DI LAVORO: DIRIGENTE SCOLASTICO RSPP MEDICO COMPETENTE RLS ASPP LAVORATORI: PERSONALE SCOLASTICO IL DATORE DI LAVORO è colui che esercita l attività sulla

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell articolo 1 della Legge 123/2007, in materia

Dettagli