Introduzione Parte I - OBBLIGHI... 5 Principali obblighi previs' dal D.lgs 81/08 e s.m.i Parte III - ADEMPIMENTI SPECIFICI...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione... 4. Parte I - OBBLIGHI... 5 Principali obblighi previs' dal D.lgs 81/08 e s.m.i... 6. Parte III - ADEMPIMENTI SPECIFICI..."

Transcript

1

2 Coper'na... 2 Exlibris... 3 Introduzione... 4 Parte I - OBBLIGHI... 5 Principali obblighi previs' dal D.lgs 81/08 e s.m.i Parte II - ADEMPIMENTI COMUNI Adempimen' comuni ad ogni genere e 'pologia di impresa Parte III - ADEMPIMENTI SPECIFICI Adempimen' specifici delle varie 'pologie di impresa Glossario SAGE SERVIZI Altri Manuali edi' da Delirium Edi'ons Coper'na

3 Exlibris Obblighi previs/ dal Decreto 81 [Guida Gratuita] Sage Servizi Copyright 2012 by Delirium Edi7ons Cover design by Lorenzo De Luca Book design by Emily V All rights reserved. No part of this book may be reproduced in any form or by any electronic or mechanical means including informa7on storage and retrieval systems, without permission from the Editor/Author. First Release: November 2012

4 Introduzione Il breve testo che segue si prefigge di dare una rapida e semplice informazione circa gli adempimen' obbligatori previs' dalle norma've rela've alla sicurezza sul lavoro (con par'colare riferimento al Decreto Legisla'vo 81/08 e s.m.i.). La trazazione si ar'cola in due sezioni principali. La prima porrà l accento sugli obblighi riguardan' le varie figure del sistema di sicurezza aziendale, tramite una scansione semplice ed intui'va darà l immediata indicazione degli adempimen' dei quali ciascuno potrebbe essere chiamato a rispondere. La seconda parte, invece, oltre ad una introduzione generale, che raccoglie brevemente gli obblighi trasversali ai quali ogni 'pologia di a_vità risulta soggeza, si concentrerà sugli adempimen' specifici (non solamente correla' al D.lgs 81/08) ai quali vari generi di a_vità si troveranno a dover fare fronte. Chiaramente questo elenco non può ritenersi totalmente esaus'vo e i contenu' potrebbero venire aggiorna' in tempi successivi.

5 Parte I - OBBLIGHI

6 Principali obblighi previs' dal D.lgs 81/08 e s.m.i. Di seguito si riportano i principali obblighi norma'vi sanci' dal Testo Unico che possano dare adito a sanzione per le figure individuate. Obblighi non delegabili del datore di lavoro: Valutazione di tu_ i rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dall ar'colo 28 (Documento di Valutazione dei Rischi) Designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi (RSPP) Obblighi del datore di lavoro e del dirigente: Nominare medico competente per l effezuazione della sorveglianza sanitaria Designare preven'vamente i lavoratori incarica' dell azuazione delle misure di prevenzione incendi e loza an'ncendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di ges'one dell emergenza; Nell affidare i compi' ai lavoratori, tenere conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza; Fornire ai lavoratori i necessari e idonei disposi'vi di protezione individuale, sen'to il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, ove presente; Prendere le misure appropriate affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni e specifico addestramento accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; Richiedere l osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigen', nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei mezzi di protezione colle_vi e dei disposi'vi di protezione individuali messi a loro disposizione; Inviare i lavoratori alla visita medica entro le scadenze previste dal programma di sorveglianza sanitaria e richiedere al medico competente l osservanza degli obblighi previs' a suo carico nel presente decreto; Nei casi di sorveglianza sanitaria, comunicare tempes'vamente al medico competente la cessazione del rapporto di lavoro;

7 Consen're ai lavoratori di verificare, mediante il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, l applicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute; Consegnare tempes'vamente al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, su richiesta di ques' e per l'espletamento della sua funzione, copia del documento di valutazione dei rischi, anche su supporto informa'co; il documento è consultabile esclusivamente in azienda; Elaborare il documento unico di valutazione dei rischi da interferenze, anche su supporto informa'co, su richiesta di ques' e per l espletamento della sua funzione, consegnarne tempes'vamente copia ai rappresentan' dei lavoratori per la sicurezza. Il documento è consultabile esclusivamente in azienda; Prendere appropria' provvedimen' per evitare che le misure tecniche adozate possano causare rischi per la salute della popolazione o deteriorare l ambiente esterno verificando periodicamente la perdurante assenza di rischio; Comunicare in via telema'ca all INAIL e all IPSEMA, nonché per loro tramite, al sistema informa'vo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro di cui all ar'colo 8, entro 48 ore dalla ricezione del cer'ficato medico, a fini sta's'ci e informa'vi, i da' e le informazioni rela've agli infortuni sul lavoro che compor'no l assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell evento e, a fini assicura'vi, quelli rela'vi agli infortuni sul lavoro che compor'no un assenza al lavoro superiore a tre giorni; l obbligo di comunicazione degli infortuni sul lavoro che compor'no un assenza dal lavoro superiore a tre giorni si considera comunque assolto per mezzo della denuncia di cui all ar'colo 53 del testo unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le mala_e professionali, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n. 1124; Consultare il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza nelle ipotesi previste dalla norma'va; Nelle unità produ_ve con più di 15 lavoratori, convocare la riunione periodica di cui all ar'colo 35; Aggiornare le misure di prevenzione in relazione ai mutamen' organizza'vi e produ_vi che hanno rilevanza ai fini della salute e sicurezza del lavoro; Comunicare in via telema'ca all INAIL e all IPSEMA, nonché per loro tramite, al sistema informa'vo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro di cui all ar'colo 8, in caso di nuova elezione o designazione, i nomina'vi dei rappresentan' dei lavoratori per la sicurezza; in fase di prima applicazione l obbligo di cui alla presente lezera riguarda i nomina'vi dei rappresentan' dei lavoratori già ele_ o designa'; Vigilare affinché i lavoratori per i quali vige l obbligo di sorveglianza sanitaria non siano adibi' alla mansione;

8 Il datore di lavoro fornisce al servizio di prevenzione e protezione ed al medico competente informazioni in merito a: a) la natura dei rischi; b) l organizzazione del lavoro, la programmazione e l azuazione delle misure preven've e prote_ve; c) la descrizione degli impian' e dei processi produ_vi; d) i da' di cui al comma 1, lezera r) e quelli rela'vi alle mala_e professionali; e) i provvedimen' adoza' dagli organi di vigilanza. Obblighi del preposto: Sovrintendere e vigilare sulla osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi di legge, nonché delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di uso dei mezzi di protezione colle_vi e dei disposi'vi di protezione individuale messi a loro disposizione e, in caso di persistenza della inosservanza, informare i loro superiori dire_; Verificare affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; Richiedere l osservanza delle misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa; Informare il più presto possibile i lavoratori espos' al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione; Astenersi, salvo eccezioni debitamente mo'vate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro a_vità in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato; Segnalare tempes'vamente al datore di lavoro o al dirigente sia le deficienze dei mezzi e delle azrezzature di lavoro e dei disposi'vi di protezione individuale, sia ogni altra condizione di pericolo che si verifichi durante il lavoro, delle quali venga a conoscenza sulla base della formazione ricevuta; Frequentare apposi' corsi di formazione secondo quanto previsto Obblighi dei lavoratori: Osservare le disposizioni e le istruzioni impar'te dal datore di lavoro, dai dirigen' e dai prepos', ai fini della protezione colle_va ed individuale;

9 U'lizzare correzamente le azrezzature di lavoro, le sostanze e i prepara' pericolosi, i mezzi di trasporto e, nonché i disposi'vi di sicurezza; U'lizzare in modo appropriato i disposi'vi di protezione messi a loro disposizione; Segnalare immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei disposi'vi di cui alle lezere c) e d), nonché qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a conoscenza, adoperandosi direzamente, in caso di urgenza, nell ambito delle proprie competenze e possibilità e fazo salvo l obbligo di cui alla lezera f) per eliminare o ridurre le situazioni di pericolo grave e incombente, dandone no'zia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza; Non rimuovere o modificare senza autorizzazione i disposi'vi di sicurezza o di segnalazione o di controllo; Non compiere di propria inizia'va operazioni o manovre che non sono di loro competenza ovvero che possono compromezere la sicurezza propria o di altri lavoratori; Partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizza' dal datore di lavoro; SoZoporsi ai controlli sanitari previs' dal presente Decreto Legisla'vo o, comunque, dispos' dal medico competente. I lavoratori di aziende che svolgono a_vità in regime di appalto o subappalto, devono esporre apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro. Tale obbligo grava anche in capo ai lavoratori autonomi che esercitano direzamente la propria a_vità nel medesimo luogo di lavoro, i quali sono tenu' a provvedervi per proprio conto. Obblighi dei componen5 dell impresa famigliare e dei lavoratori autonomi: U'lizzare azrezzature di lavoro in conformità alle disposizioni di cui al Titolo III [azrezzature conformi CE]; Munirsi di disposi'vi di protezione individuale ed u'lizzarli conformemente alle disposizioni norma've; Munirsi di apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le proprie generalità, qualora effezuino la loro prestazione in un luogo di lavoro nel quale si svolgano a_vità in regime di appalto o subappalto. Obblighi dei proge9s5:

10 I proge_s' dei luoghi e dei pos' di lavoro e degli impian' rispezano i principi generali di prevenzione in materia di salute e sicurezza sul lavoro al momento delle scelte progezuali e tecniche e scelgono azrezzature, componen' e disposi'vi di protezione risponden' alle disposizioni legisla've e regolamentari in materia Obblighi dei fabbrican5 e fornitori: Sono vieta' la fabbricazione, la vendita, il noleggio e la concessione in uso di azrezzature di lavoro, disposi'vi di protezione individuali ed impian' non risponden' alle disposizioni legisla've e regolamentari vigen' in materia di salute e sicurezza sul lavoro In caso di locazione finanziaria di beni assoggeza' a procedure di azestazione alla conformità, gli stessi debbono essere accompagna', a cura del concedente, dalla rela'va documentazione Obblighi degli installatori: Gli installatori e montatori di impian', azrezzature di lavoro o altri mezzi tecnici, per la parte di loro competenza, devono azenersi alle norme di salute e sicurezza sul lavoro, nonché alle istruzioni fornite dai rispe_vi fabbrican'

11 Parte II - ADEMPIMENTI COMUNI

12 Adempimen' comuni ad ogni genere e 'pologia di impresa Redazione di Documento di Valutazione dei Rischi (in presenza di lavoratori contano anche i soci e i coadiuvan' - così come intesi dall Ar'colo 2 Comma a) D.lgs 81/08 e s.m.i.) Nomina e formazione di: Responsabile dei Servizi di Prevenzione e Protezione (RSPP); AddeZo all emergenza ed evacuazione (an'ncendio); AddeZo al primo soccorso Aggiornamen' obbligatori per gli adde_ di cui sopra Nomina del Medico Competente (in presenza di lavoratori così come intesi dall Ar'colo 2 Comma a) D.lgs 81/08 e s.m.i.) Valutazione tecnica ogge_va dello Stress Lavoro Correlato (in presenza di lavoratori così come intesi dall Ar'colo 2 Comma a) D.lgs 81/08 e s.m.i.) Dichiarazione di Conformità dell impianto elezrico Dichiarazione di conformità e revisione periodica dell impianto di messa a terra rilasciato da ASL, Arpa o Ente Accreditato (ogni 5 anni o ogni 2 se in presenza di Cer'ficato di Prevenzione Incendi) Installazione di presidi an'ncendio (es'ntori o impian') e rela'va cartellonis'ca di sicurezza e segnalazione Revisione semestrale degli impian' (e dei presidi) an'ncendio Valutazione ImpaZo Acus'co Ambientale qualora richiesto dal Comune di appartenenza Per tu_ i lavoratori che svolgano la propria a_vità in sede differente da quella aziendale (manutentori, imprese pulizie, ecc ) obbligo di esibizione di cartellino personale iden'fica'vo con carazeris'che conformi al D.lgs 81/08 e s.m.i. e L. 136/2010. Formazione per tu_ i lavoratori, i dirigen' e i prepos' in merito ai rischi presen' in azienda (ar'colazione del percorso forma'vo come previsto dal recente Accordo 221 del 21/12/2011 redazo dalla Conferenza Permanente per i rappor' tra lo Stato, le Regioni e le Provincie Autonome di Trento e di Bolzano) Formazione per i datori di lavoro che intendano svolgere direzamente l incarico di Responsabile dei Servizi di Prevenzione e Protezione - RSPP (ar'colazione del percorso forma'vo ed erogazione da parte di sogge_ abilita' come previsto dal recente Accordo 223 del 21/12/2011 redazo dalla Conferenza Permanente per i rappor' tra lo Stato, le Regioni e le Provincie Autonome di Trento e di Bolzano)

13 Parte III - ADEMPIMENTI SPECIFICI

14 Adempimen' specifici delle varie 'pologie di impresa ATTIVITA Tabaccherie Edicole ADEMPIMENTI Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco in caso di commercializzazione di sostanze esploden/ (fuochi ar/ficiali)

15 Concessionarie di autoveicoli e motoveicoli leggeri (con officina) Carrozzerie Revisione annuale di eventuale caldaia e prova fumi Redazione di piano di emergenza ed evacuazione Valutazione del rischio di esposizione a vibrazioni meccaniche Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ chimici Autorizzazione alle emissioni in atmosfera (se svolgono operazioni di verniciatura e carrozzeria) e rela/vi rinnovi e campionamen/ Autorizzazione allo scarico delle acque di lavaggio (se dota/ di autolavaggio) Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e rela/vi rinnovi Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ Compilazione annuale MUD Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. Cambio dei carboni e materiali filtran/ (se presente verniciatura o preparazione) nella Regione ove previsto Denuncia annuale dei Carboni AXvi (se presente verniciatura o preparazione) Valutazione di ImpaYo Ambientale se situa/ in area soggeya Revisione e manutenzione annuale di impian/ a pressione (es: compressore) Movimentazione manuale dei carichi Uso dei videoterminali (se presen/ lavoratori addex al videoterminale per oltre 20 ore sexmanali) U/lizzo di strumentazioni par/colari (saldatrici, ayrezzature di sollevamento, ayrezzature a pressione, ecc.) Lavori di /po eleyrico Redazione di Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (se presen/ aziende fornitrici di servizi all interno dei locali di competenza dell axvità; es: impresa di pulizie)

16 Concessionarie di autoveicoli e motoveicoli leggeri (senza officina) Bar senza cucina Gelaterie Revisione annuale di eventuale caldaia e prova fumi Redazione di piano di emergenza ed evacuazione Autorizzazione allo scarico delle acque di lavaggio (se dota/ di autolavaggio) Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ Compilazione annuale MUD Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco Valutazione del rischio di esposizione a vibrazioni meccaniche (se presen/ au/s/ o u/lizzo di strumentazioni diverse da quelle da ufficio) Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio di esposizione ad agen/ chimici - Movimentazione manuale dei carichi - Uso dei videoterminali (se presen/ lavoratori addex al videoterminale per oltre 20 ore sexmanali) Redazione di Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (se presen/ aziende fornitrici di servizi all interno dei locali di competenza dell axvità; es: impresa di pulizie) Possesso della formazione necessaria alla somministrazione alimentare e rela/vo aggiornamento Haccp (manuale, tenuta registri e formazione addex) Redazione del piano di emergenza ed evacuazione - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni da taglio Campionamento delle acque e analisi per rischi biologici (prove tampone)

17 Bar con cucina Possesso della formazione necessaria alla somministrazione alimentare e rela/vo aggiornamento Haccp (manuale, tenuta registri e formazione addex) Redazione del piano di emergenza ed evacuazione - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni da taglio Campionamento delle acque e analisi per rischi biologici (prove tampone) Tenuta dei registri di carico e scarico Compilazione annuale MUD (se in totale hanno lavorato nell axvità 10 o più persone, compresi i /tolari) Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. Cer/ficato Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco se la cucina ha potenza erogante superiore a Kcal/h

18 Ar/giani edili non specializza/ Decoratori Installatori e manutentori di impian/ Termo idraulici idraulici caldaie Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni meccaniche Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio di esposizione ad agen/ chimici Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ cancerogeni Valutazione dal rischio da esposizioni a radiazioni oxche ar/ficiali Piano Opera/vo di Sicurezza (per ogni can/ere) - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni par/colari - Lavori in altezza (entro i 2 metri da piano stabile) - Lavori in quota (oltre i 2 metri da piano stabile) - U/lizzo di Disposi/vi di Protezione Individuale par/colari (es: cinture di sicurezza, maschere con respiratore, otoproteyori, ecc.) - Primo accesso in can/ere - Impiego di ponteggi - Montaggio ponteggi - Saldatura Dichiarazione di conformità di scale e trabayelli Dichiarazione di conformità di strumentazioni eleyriche e manuali Redazione di Piano Opera/vo di Sicurezza (quando previsto da can/ere specifico) Verifica annuale delle ayrezzature a pressione (compressori) Sorveglianza sanitaria specifica Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ Compilazione annuale MUD Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i.

19 Ges/one di palestre Chinesiterapis/ (equiparazione a paramedici) se operan/ in struyura (gli adempimen/ riguardano principalmente la struyura) Locali noyurni (sale da ballo e Night club ) Piano di emergenza ed evacuazione Valutazione del rischio di esposizione a vibrazioni meccaniche Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ chimici Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ biologici Campionameto delle acque e analisi per rischi biologici Cer/ficato Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco in base alle capacità di afflusso dei locali e dell eventuale potenza erogante delle caldaie - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni par/colari Piano di emergenza ed evacuazione Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ chimici Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ biologici Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi Cer/ficato di prevenzione incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco in base alle dimensioni della struyura ed alla presenza di almeno 25 pos/ leyo Sorveglianza sanitaria specifica - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni par/colari - U/lizzo di par/colari strumentazioni eleyromedicali Piano di emergenza ed evacuazione Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ chimici Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ biologici Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi Cer/ficato di prevenzione incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco in base alle dimensioni della struyura ed alla capacità di ricezione di 100 o più persone Se in presenza di Bar o di somministrazione vedere in aggiunta la voce sopra descriya

20 Croci rosse private (trasporto infermi) Ambulan/ vendita generi alimentari Somministrazione di alimen/ e bevande ambulan/ Ambulan/ generi non alimentari Piano di emergenza ed evacuazione Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni meccaniche Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ chimici Valutazione del rischio da esposizione ad agen/ biologici Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni par/colari - U/lizzo di par/colari strumentazioni eleyromedicali - U/lizzo di Disposi/vi di Protezione Individuale di /po par/colare Sorveglianza sanitaria specifica Revisione periodica delle strumentazioni e dei veicoli Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco se presente magazzino o area di stoccaggio di materiale comburente Se provvis/ di officina: - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. Possesso della formazione necessaria alla somministrazione alimentare e rela/vo aggiornamento Haccp (manuale, tenuta registri e formazione addex) (se presen/ zone di preparazione o conservazione di alimen/ caldi o se presen/ impian/ eleyrici) - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni da taglio Prove tampone e analisi per rischi biologici Revisione periodica delle strumentazioni e dei veicoli Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi (se presen/ impian/ eleyrici) Revisione periodica dei veicoli - Movimentazione manuale dei carichi

21 Vendita al deyaglio di generi alimentari in sede fissa Installatori e manutentori di impian/ eleyrici Acconciatori ed este/s/ Commercio al deyaglio di generi ortopedici e sanitari Vendita al deyaglio di ar/coli di prodox per capelli Possesso della formazione necessaria alla somministrazione alimentare e rela/vo aggiornamento Haccp (manuale, tenuta registri e formazione addex) (se presen/ zone di preparazione o conservazione di alimen/ caldi o se presen/ impian/ eleyrici) - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni da taglio Prove tampone e analisi per rischi biologici Revisione periodica delle strumentazioni In generale vedere la voce ar/giani edili e decoratori Redazione di Piano Opera/vo di Sicurezza (quando previsto da can/ere specifico) - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni da taglio - Lavori eleyrici soyo tensione e non Valutazione del rischio chimico Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio biologico Se produyori di rifiu/ speciali quali lampade al neon, rifiu/ biologici, rifiu/ eleyrici o eleyronici ecc. - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni da taglio - U/lizzo strumentazioni in temperatura - U/lizzo di apparecchiature eleyromedicali Autorizzazione sanitaria specifica in caso di u/lizzo di apparecchiature eleyromedicali ad emissione di Radiazioni OXche Ar/ficiali (es: laser in categoria 3 o superiore) Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi Valutazione del rischio biologico - Movimentazione manuale dei carichi

22 Valutazione del rischio chimico Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni Fonometria in ambiente di lavoro Se non contoterzis/ e produyori di rifiu/ speciali: - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ Confezionamento di tessu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei vigili del Fuoco in ambien/ di grandi dimensioni, in presenza di magazzini, in presenza di caldaie in caso di elevato numero di addex impiega/ Agenzie assicura/ve Valutazione del rischio chimico Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio derivante da atmosfere esplosive Valutazione del rischio da movimentazione manuale dei carichi Se produyori di rifiu/ speciali: - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e Panificatori s.m.i. Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei vigili del Fuoco in caso di stoccaggio di farine o di u/lizzo di forni con capacità erogante superiore alle Kcal/h - Movimentazione manuale dei carichi - Lavoro in atmosfere esplosive ed u/lizzo di apposi/ Disposi/vi di Protezione Individuale - U/lizzo di par/colari ayrezzature (es: impastatrice, forni ecc.) Sorveglianza sanitaria specifica

23 Imprese di pulizie Valutazione del rischio chimico Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni Movimentazione manuale dei carichi Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio biologico Se produyori di rifiu/ speciali quali prodox per la pulizia, contenitori con residui di solven/, rifiu/ eleyrici o eleyronici ecc. - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. - AX ripetu/ - Movimentazione manuale dei carichi - U/lizzo strumentazioni in temperatura - U/lizzo di apparecchiature eleyriche - U/lizzo prodox chimici Sorveglianza sanitaria specifica

24 AXvità di autotrasporto conto terzi Piano di emergenza ed evacuazione Fonometria in ambiente di lavoro Valutazione del rischio di esposizione a vibrazioni meccaniche Valutazione del rischio di esposizione ad agen/ chimici Valutazione del rischio di esposizione da agen/ biologici Valutazione del rischio in merito a movimentazione manuale dei carichi - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - U/lizzo strumentazioni par/colari - U/lizzo di par/colari strumentazioni eleyromedicali - U/lizzo di Disposi/vi di Protezione Individuale di /po par/colare Sorveglianza sanitaria specifica Revisione periodica delle strumentazioni e dei veicoli Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco se presente magazzino o area di stoccaggio di materiale combus/bile Se provvis/ di officina: - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i Formazione specifica con idoneità professionale per addeyo trasporto conto terzi

25 Riparatori di impian/ TV, radio, computer, antennis/ Calzolai Valutazione del rischio chimico Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni Movimentazione manuale dei carichi Fonometria in ambiente di lavoro - Movimentazione manuale dei carichi - AX ripetu/ - Lavori in altezza (entro i 2 metri da piano stabile se presen/ principalmente per antennis/) - Lavori in quota (oltre i 2 metri da piano stabile se presen/ principalmente per antennis/) - U/lizzo di Disposi/vi di Protezione Individuale par/colari (es: cinture di sicurezza, maschere con respiratore, otoproteyori, ecc. se previs/ per lavorazioni par/colari) - Lavori eleyrici soyo tensione e non Se produyori di rifiu/ speciali quali prodox per la pulizia, contenitori con residui di solven/, rifiu/ eleyrici o eleyronici ecc. - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. Valutazione del rischio chimico Valutazione del rischio da esposizione a vibrazioni Fonometria in ambiente di lavoro Se produyori di rifiu/ speciali quali prodox per la pulizia, contenitori con residui di solven/. - Tenuta dei registri di carico e scarico rifiu/ - Compilazione annuale MUD - Smal/mento rifiu/ come previsto da D.lgs 152/06 e s.m.i. - AX ripetu/ - U/lizzo di ayrezzature specifiche

26 Alberghi e ristoran/ Possesso della formazione necessaria alla somministrazione alimentare e rela/vo aggiornamento Haccp (manuale, tenuta registri e formazione addex) Valutazione del rischio chimico Cer/ficato di Prevenzione Incendi rilasciato dal Comando Provinciale dei vigili del Fuoco in caso di impian/ con capacità erogante superiore alle Kcal/h (cucine e forni) o se con numero di pos/ leyo superiore a 25 Movimentazione manuale dei carichi AX ripetu/ U/lizzo strumentazioni da taglio AYestato di idoneità tecnica per i lavoratori incarica/ dell ayuazione delle misure di prevenzione incendi, loya an/ncendio e ges/one delle emergenze (integrazione alla formazione abituale an/ncendio) rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco (solo per alberghi con più di 100 pos/ leyo) Prove tampone e analisi per rischi biologici Revisione periodica delle strumentazioni ed apparecchiature Redazione di Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (se presen/ aziende fornitrici di servizi all interno dei locali di competenza dell axvità; es: impresa di pulizie)

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

guida pratica all antinfortunistica nei cantieri edili e n n a i o Assessorato Politiche per la Salute

guida pratica all antinfortunistica nei cantieri edili e n n a i o Assessorato Politiche per la Salute Assessorato Politiche per la Salute DIPARTIMENTO SANITÀ PUBBLICA Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica G e n n a i o 2011 guida pratica

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni Sicurezza delle Costruzioni Direzione Legislazione Opere Pubbliche INDICE PARTE PRIMA

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ARGOMENTI TRATTATI DALL ING. GIULIANO DEGL INNOCENTI NEL SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) MODELLO POS. PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) MODELLO POS. PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) L Impresa: timbro e firma (Il Datore di Lavoro) Impresa Pagina 1 di 23

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NOVITA INTRODOTTE DALL' UNICO TESTO NORMATIVO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO (D.Lgs. 81/08) QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI I quesiti sul Decreto 81/08: sugli

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE PREMESSA La parte IV Titolo I artt. da 102 a 113 del Codice del Consumo costituisce il recepimento nazionale della Direttiva

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

Doc. 391B0277.900 di Origine Nazionale pubblicato/a su : Gazz. Uff. Suppl. Ordin. n 200 del 27/08/1991

Doc. 391B0277.900 di Origine Nazionale pubblicato/a su : Gazz. Uff. Suppl. Ordin. n 200 del 27/08/1991 Decreto Legislativo del Governo n 277 del 15/08/1991 Attuazione delle direttive n. 80/1107/CEE, n. 82/605/CEE, n. 83/477/CEE, n. 86/188/CEE e n. 88/642/CEE, in materia di protezione dei lavoratori contro

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08 Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 COMMITTENTE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Istituto di Scienze dell Alimentazione

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli