COMUNE DI ANZOLA Sabato, 25 aprile 2015

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI ANZOLA Sabato, 25 aprile 2015"

Transcript

1 COMUNE DI ANZOLA Sabato, 25 aprile 2015

2 COMUNE DI ANZOLA Sabato, 25 aprile /04/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 5 Marco Mobili Tagli in arrivo per 52 agevolazioni fiscali 1 25/04/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 12 Gianni Trovati Dl in arrivo, sanzioni soft sul Patto e anticipo Imu 3 25/04/2015 Pagina 9 TINO OLDANI Si può lasciare alla Madia la nomina del direttore Agid dopo che /04/2015 Pagina 28 CRISTINA BARTELLI Agenzie in mezzo al guado 7 25/04/2015 Pagina 30 PAGINA A CURA DI MATTEO BARBERO Fondo Tasi dimezzato 9 25/04/2015 Pagina 30 GIOVANNI GALLI Mobilità, al via il portale 11 25/04/2015 Pagina 30 Un corso online per i revisori 12

3 Pagina 5 Il Sole 24 Ore Tagli in arrivo per 52 agevolazioni fiscali Nel mirino anche bonus mobili e ristrutturazioni Obiettivo recuperare 1,7 miliardi nel 2016 e 2,4 nel roma Dal taglio di 52 agevolazioni fiscali il Governo conta di recuperare 1,54 miliardi di euro. E se poi volesse usare le maniere forti con i contribuenti e mettere nel mirino anche le detrazioni per spese sanitarie e per le badanti l' incasso potrebbe salire fino a 1,67 miliardi nel 2016 e sfiorare 2,4 miliardi nel La prima stima ufficiale sulla revisione delle agevolazioni fiscali è contenuta nel dossier sulle tax expenditures messo a punto dai due commissari alla spending, Yoram Gutgeld e Roberto Perotti, e consegnato in queste ore a Palazzo Chigi. Un dossier, ancora in corso di limatura, di una sessantina di pagine in cui i due commissari hanno passato al setaccio le 720 voci classificate dall' Economia negli ultimi tre anni sotto la voce tax expenditures, ovvero l' insieme di tutti i bonus, agevolazioni, aliquote ridotte e sconti fiscali che ogni anno erodono il gettito per oltre 253 miliardi di euro. Dalla sanità all' agricoltura, dall' editoria al Mezzogiorno per non dimenticare l' edilizia con il bonus ristrutturazioni o gli sconti per l' industria e la distribuzione di carburanti. Complessivamente si tratta di 15 aree di intervento dove a pagare il saldo maggiore, secondo le prime indicazioni dei due commissari alla spending, sarà l' agricoltura: la riduzione delle agevolazioni al settore potrà garantire un recupero di gettito per 330 milioni nel 2016 e di 471 nel Subito dopo c' è il settore delle pompe funebri e delle spese sostenute per i funerali. Ma con un gioco quasi da partita doppia: da una parte si punta ad aumentare fino a euro la detrazione per le spese funebri (oggi a 1.549,37) di cui beneficiano i contribuenti, così da mettersi al riparo da possibili attacchi mediatici come quelli indicati espressamente nello stesso dossier «questi tassano anche i morti»; dall' altra parte si elimina l' esenzione Iva per le imprese di pompe funebri assicurando un maggior gettito generato dall' Iva al 22% di oltre 270 milioni di euro l' anno. E nella partita "dare avere" alla fine vince solo il banco dell' Erario. Il taglio delle agevolazioni potrebbe toccare anche due "totem" delle detrazioni e delle deduzioni fiscali: le spese sanitarie e i contributi previdenziali per le badanti. Nel tentativo di garantire un principio di equità, nel dossier si ipotizza di tagliare queste agevolazioni in base al reddito complessivo dei contribuenti. Una vecchia idea già avanzata dal Governo Letta, poi archiviata, e ora rispolverata per l' occasione. Le ipotesi formulate sono due a seconda della progressività che si vuole mantenere. La detrazione del 19% si azzererà per i più ricchi, dove l' asticella della ricchezza nel primo caso sarà fissata a 75mila euro. E Continua > 1

4 Pagina 5 < Segue Il Sole 24 Ore a meno di un cambio di rotta, oltre questa soglia non si avrà diritto ad alcuna agevolazione anche nei casi di patologie più gravi che il dossier definisce «catastrofiche». La detrazione, invece, sarà piena per i contribuenti con reddito complessivo fino a 55mila euro e poi decrescerà linearmente per redditi complessivi compresi tra 55mila euro e 75mila euro. In questo caso il recupero di gettito nel 2016 toccherebbe i 278 milioni di euro l' anno. Nella seconda ipotesi, meno aggressiva, la detrazione scomparirà del tutto per redditi complessivi superiori a 95mila euro e spetterà per intero ai contribuenti con reddito complessivo fino a 75mila euro per poi diminuire linearmente per redditi complessivi compresi tra 75mila euro e 95mila euro. Il recupero di gettito Irpef in questo caso sarà di poco superiore ai 166,1 milioni di euro di competenza annua e anche in questo secondo caso le eventuali spese per gravi patologie mediche non daranno diritto a nessuno sconto a chi oltrepassa i 95mila euro di reddito complessivo. Lo stesso meccanismo di un taglio decrescente del bonus in relazione all' aumentare dei redditi potrebbe scattare anche per le deduzioni dei contributi pagati per l' assistenza personale e familiare, i cosiddetti badanti. Con l' azzeramento del bonus oltre quota 75mila euro il risparmio per l' Erario sarebbe di 50 milioni annui, mentre nell' ipotesi più morbida con soglia a 95mila euro le risorse da recuperare in ragione d' anno si fermerebbero a 36,2 milioni di euro. Anche gli amanti di cani e gatti potranno vedersi riconoscere la detrazione per spese veterinarie in funzione del reddito complessivo: piena fino a 55mila euro, decrescente linearmente tra 55mila e 75mila euro e pari a zero oltre quota 75mila. Mano pesante sul fronte dell' edilizia. A partire dal tanto amato bonus Irpef del 36% (per quest' anno ancora al 50%) per le ristrutturazioni edilizie. L' idea messa a punto è quella di ridurre, a partire dal 2016, il bonus al 20% da poter spendere in quote annuali per 10 anni sia per le ristrutturazioni edilizie sia per gli interventi di riqualificazione energetica. E, nonostante il recente plauso incassato dal premier Renzi al Salone del mobile di Milano, nel dossier dei commissari alla spending review viene espressamente sancito l' addio al bonus per mobili: «Nessuna agevolazione per l' arredo degli immobili ristrutturati». Gli effetti per le casse dello Stato si avranno nel 2017 con un recupero di 294 milioni. Non solo. Stop anche a quello che i tecnici della spesa definiscono letteralmente «un regalo all' Ance»: la proposta è quella di eliminare la deduzione Irpef del 20% del prezzo di acquisto nel limite massimo di spesa di 300mila euro, per chi acquista immobili da mettere in locazione. Un bonus dalla vita breve, visto che a introdurlo era stato il tanto decantato decreto «sblocca Italia» (Dl 133/2014) convertito in legge nel novembre scorso. La tagliola non risparmia neanche settori definiti da sempre "sensibili". Il contributo chiesto all' autotrasporto con la riduzione degli sgravi sul gasolio concessi per il trasporto merci e passeggeri sarà a salire nel prossimo triennio: 150 milioni di minori bonus nel 2016; 200 milioni nel 2017 e 250 milioni nel Quello su rotaia, invece, si vedrà tagliare agevolazioni per 100 milioni l' anno. Mentre il taglio dell' accisa sul gasolio agricolo contribuirà a recuperare oneri dall' agricoltura per 390 milioni nel 2016 e 471 nel Anche la distribuzione di carburante dovrà contribuire con un taglio ai bonus di circa 51 milioni annui, solo cinque in meno dell' editoria che lascerà sul campo circa 56 milioni soprattutto con la cancellazione dell' Iva agevolata sulle copie rese. RIPRODUZIONE RISERVATA. Marco Mobili 2

5 Pagina 12 Il Sole 24 Ore Enti locali. Dl in arrivo, sanzioni soft sul Patto e anticipo Imu MILANO Il decreto enti locali che regolerà la riforma del Patto di stabilità dovrebbe vedere la luce mercoledì prossimo, mentre ricominciano a circolare le voci di una nuova proroga, al 31 luglio, per i bilanci preventivi degli enti locali. Voci che al momento sono respinte dal Governo, intenzionato a non cedere sulla linea della "fermezza" sul calendario, ribadita anche giovedì scorso per l' altro allarme relativo alla scadenza al 30 aprile di rendiconti 2014 e riaccertamento dei residui. I due temi, decreto e scadenze, sono strettamente collegati, perché dal provvedimento in cantiere da settimane gli amministratori locali aspettano molte risposte a interrogativi rimasti aperti. Prende forma, anzitutto, il tetto alle penalità per chi ha sforato il Patto nel 2014: da quest' anno, infatti, le regole prevedono una sanzione equivalente allo sforamento, che rischierebbe in particolare di far saltare definitivamente i conti delle tante (almeno 38) Province e Città metropolitane interessate. Il provvedimento dovrebbe invece fissare un tetto al 20% dello sforamento, mentre la vecchia norma (multa massima al 3% delle entrate correnti) è stata ribadita per quest' anno dal Milleproroghe per il solo Comune di Venezia. In questi giorni si è discusso anche della possibilità di affiancare alla "regola del 20%" anche un parametro alternativo, pari al 2% della spesa, ma il tema sanzioni è politicamente delicato e la disponibilità del governo è tutta da verificare. Ancora in corso i calcoli sul fondo Tasi, che comunque dovrebbe fermarsi sotto i 625 milioni dell' anno scorso (come anticipato sul Sole 24 Ore del 10 aprile). Per sostenere la cassa dei Comuni il decreto dovrebbe mettere in campo anche un anticipo dell' Imu, pari all' 8% delle risorse standard di ogni ente, che si tradurrebbe in un assegno da circa 1,3 miliardi. In grossa difficoltà è anche la cassa di Province e Città metropolitane, che hanno risorse "tarate" su un personale ridotto rispettivamente del 50 e del 30% ma non hanno ancora visto spostarsi un dipendente e non hanno una voce di entrata da anticipare per sostenere il problema. A loro il decreto dovrebbe offrire la possibilità di utilizzare le rinegoziazioni dei mutui anche per la spesa corrente, e non solo per investimenti o abbattimento del debito. Ci sono però due problemi: non tutti gli enti in difficoltà hanno mutui consistenti da rivedere, e il programma di rinegoziazione appena lanciato da Cdp chiede di presentare entro il 22 maggio il preventivo 2015, che in tanti casi è ancora lontano dall' approvazione. Sulle date dei bilanci si scalda ancora il dibattito. I sindaci sono tornati a chiedere di rinviare i termini del consuntivo in scadenza il 30 aprile, anche dopo l' intervento in Parlamento con cui il ministro dell' Interno, Angelino Alfano, ha negato ogni possibilità di rinvio. Il problema è il riaccertamento dei residui chiesto dall' armonizzazione, ma uno slittamento di questo termine rischierebbe di produrre proroghe a Continua > 3

6 Pagina 12 < Segue Il Sole 24 Ore catena: ipotesi che il Governo vuole evitare. RIPRODUZIONE RISERVATA. Gianni Trovati 4

7 Pagina 9 torre di controllo. Si può lasciare alla Madia la nomina del direttore Agid dopo che aveva nominato una sua amica che ha dovuto dimettersi per inadeguatezza? La nomina del nuovo capo dell' Agenzia digitale (Agid), in sostituzione della dimissionaria Alessandra Poggiani, sta diventando una questione della massima urgenza per il governo di Matteo Renzi. L' ultimo rapporto dell' Open data Barometer, che misura il grado di apertura alla cittadinanza dei dati delle pubbliche amministrazioni, colloca infatti l' Italia all' ultimo posto tra i Paesi del G7, mentre nel G20 il nostro Paese viene inserito nella fascia dei Paesi emergenti, scavalcato da Australia, Corea del Sud e Brasile. Un bilancio pessimo, a cui ha contribuito la deludente gestione dell' Agid da parte della Poggiani stessa, dimessasi il 30 marzo dopo meno di un anno dalla nomina, ufficialmente per candidarsi come consigliera della Regione Veneto al fianco di Alessandra Moretti. In realtà, visti i risultati fallimentari della sua gestione, era ormai chiaro che il governo non vedeva l' ora di rimpiazzarla con un direttore competente, in possesso dei titoli di studio previsti dalla legge, oltre che di una adeguata esperienza manageriale. Il compito di proporre al Consiglio dei ministri il nome del nuovo capo dell' Agid spetta al ministro della, Marianna Madia, che però è anche la principale responsabile della nomina della Poggiani, di cui è grande amica. Grazie a questa amicizia, un anno fa, la Poggiani era riuscita a scavalcare la concorrenza di 154 professionisti, che avevano inviato il loro curriculum al governo per la nomina alla guida dell' Agid. Ora il numero dei candidati è salito a 189, tale essendo il numero dei professionisti che, alla data del 13 aprile, scadenza del termine, hanno inviato il loro curriculum alla Madia. Pare però difficile che questa volta la ministra possa fare di nuovo di testa sua. I nomi al vaglio del governo, secondo il sito CorCom di Gildo Campesato, sarebbero al momento non più di tre. Il primo è quello di Raffaele Tiscar, vicesegretario generale di Palazzo Chigi, su cui punterebbe Renzi per un forte rilancio dell' Agid sotto il diretto controllo del premier. In alternativa, gira il nome di Luca Attias, un funzionario della Corte dei conti che conosce bene sia la macchina burocratica che il web. Terzo e ultimo nome, Mauro Nicastri, che ha lavorato all' Agid con la Poggiani, conosce i dossier già aperti e, guarda caso, è appoggiato dalla Madia. Continua > 5

8 Pagina 9 < Segue Il numero dei pretendenti sarebbe tuttavia più ampio, alcuni con forti appoggi politici. Tra questi, Roberto Moriondo, sostenuto dalle Regioni, in particolare dal Piemonte di Piero Fassino, dove è dirigente; Benedetta Arese, general manager di Uber Italia, il cui nome è suggerito dal digital champion Riccardo Luna, molto ascoltato a Palazzo Chigi; Alessandro Musumeci, presidente di Demet & Company, ex direttore dei sistemi informativi delle Ferrovie dello Stato; infine Antonio Samaritani, direttore dei sistemi informativi della Lombardia. La scelta finale potrebbe arrivare entro il 30 aprile, e Renzi sa che questa volta non può sbagliare. Il terreno da recuperare sul terreno dell' economia digitale è tantissimo, come lo stesso governo ha ammesso implicitamente nel Def (Documento di economia e finanza), approvato il 13 aprile, dove per la prima volta si indica come necessaria l' adozione di un Freedom of information act (Foia), vale a dire una legge vincolante sulla trasparenza della pubblica amministrazione. Trasparenza che oggi semplicemente non c' è, visto che l' ultimo rapporto dell' Open data barometer dice chiaro e tondo che in Italia i dati della pubblica amministrazione non sono «aperti» alla cittadinanza, ma restano «opachi», ostaggio degli enti burocratici, che si ostinano a negarne la conoscenza, fino a sconfinare nell' illegalità. Già, l' illegalità. Da metà febbraio, ricorda il sito agendadigitale.eu, sono infatti scaduti i termini, previsti da una legge recente, entro i quali le pubbliche amministrazioni erano obbligate a fornire i dati in formato aperto, a partire da 180 giorni dopo l' approvazione della stessa legge (n.114 dell' 11 agosto 2014), con tanto di sanzioni per gli inadempienti. L' ennesima legge scritta sull' acqua: il governo Renzi se n' è disinteressato, l' Agid della Poggiani non ha fatto ciò che doveva, e le pubbliche amministrazioni hanno continuato a comportarsi come sette segrete, ostacolando in ogni modo la conoscenza dei dati in loro possesso, dati che in altri Paesi sono accessibili a chiunque via web. Per esempio, nei Paesi «open data» vi è totale trasparenza sui dati relativi ai rimborsi spese di ministri, sottosegretari, presidenti di Regione, sindaci e assessori. Idem vale per l' Unione europea, dove qualche giorno fa è emerso lo scandalo dei rimborsi ai commissari, considerati in missione anche quando si recano a casa propria. In Italia, invece, nonostante una legge abbia introdotto l' obbligo degli «open data», nulla si sa delle spese dei politici, se non quando arrivano le inchieste giudiziarie. Come nulla si è saputo, per mesi, delle slide di Carlo Cottarelli sulla spending review e di altri documenti legislativi, rimpiazzati spesso con qualche slide. Uno scenario avvilente, da rovesciare come un calzino: una sfida che ora metterà alla prova non solo il nuovo capo dell' Agid, ma anche lo stesso governo Renzi. TINO OLDANI 6

9 Pagina 28 Dal progetto di legge Madia alla vicenda dei funzionari incaricati, dipendenti in allarme. Agenzie in mezzo al guado Allo studio il passaggio delle Entrate a Palazzo Chigi. Si addensano le nubi sulle agenzie fiscali. Nubi che hanno il sapore di un restyling non meglio definito. Il progetto non è ancora ben delineato ma il sentore è tale da far vivere giorni agitati ai dipendenti delle agenzie che guardano al futuro con una certa apprensione. Nell' immediato, intanto, c' è nel disegno di legge Madia quello di riforma della pubblica amministrazione, l' intenzione di spostare il centro di vigilanza delle Agenzie fiscali dal ministero dell' economia alla presidenza del consiglio. Spostando in questo modo il baricentro della attuazione della politica fiscale da via Venti Settembre (sede del ministero dell' economia) a Palazzo Chigi, con una cabina di regia dedicata al funzionamento della macchina amministrativa. Ci sono poi le molte tensioni: non è stata ancora firmata la convenzione triennale tra ministero dell' economia e agenzia delle entrate con cui il primo dà gli indirizzi di politica fiscale al secondo. Secondo quanto risulta a ItaliaOggi il documento è oggetto di un braccio di ferro tra i due centri direzionali. Poi voci che si rincorrono sulla necessità di una riforma che trovano eco nelle parole di Giancarlo Barra, segretario di Dirstat, il sindacato dei dirigenti della pubblica amministrazione, che ha incassato il 17 marzo scorso una vittoria contro il sistema delle Agenzia fiscali e contro la nomina dei suoi vertici, che forse non si aspettava neanche lui. Barra infatti non fa mistero che «le agenzie vanno chiuse. Devono essere trasformate in dipartimento sotto l' egida di Palazzo chigi e presiedute almeno da un sottosegretario che possa sedere a Palazzo chigi. Il sistema su cui si sono rette andava bene in teoria, ma evidentemente è stato applicato male. Gli uffici dovrebbero essere su base locali e i dipendenti delle nuove entrate appartenere alle regioni». L' idea di una riforma è condivisa anche dal sottosegretario al ministero dell' economia Enrico Zanetti. Replica a questa ipotesi Vincenzo Patricelli, segretario di Flp sigla dei lavoratori delle agenzie fiscali: «Il modello delle agenzie è migliorabile ma cancellarlo sarebbe un errore. Un conto è il modello, un altro la gestione, spesso sbagliata anche perché fortemente condizionata dalla politica. I lavoratori del fisco vogliono un fisco equo ed efficiente, non la distruzione oppure il ritorno al modello ministeriale, men che meno quello regionale, che ha prodotto guasti e sprechi in campo sanitario. Buttare il bambino con l' acqua sporca è da irresponsabili». La vicenda che sta creando non pochi problemi in questo ultimo periodo è quella della sentenza della Continua > 7

10 Pagina 28 < Segue Corte costituzionale che ha dichiarato incostituzionale la reiterazione della nomina a tempo di funzionari incaricati come dirigenti, su un organico di Uno tsunami che la politica al momento non ha saputo arginare, visto che da allora nessuna soluzione normativa o amministrativa è stata presa. Intanto iniziano a esserci le pronunce delle commissioni tributarie che dalla nullità della nomina fanno discendere la nullità degli atti firmati con delle conseguenze, laddove l' orientamento si dovesse consolidare, potenzialmente dirompenti per l' erario. Non solo. Nel documento di programmazione economica e finanziaria votato ieri da camera e senato è stata approvata una risoluzione che nelle sue ultime tre righe ricorda che: al fine di «garantire l' effettivo raggiungimento degli obiettivi di gettito» indicati nel Def, le risoluzioni di maggioranza di camera e senato impegnano il governo «a definire in tempi brevi la questione relativa alle posizioni dirigenziali nelle agenzie fiscali», le cui nomine erano state dichiarate illegittime dalla Corte costituzionale. Le soluzioni possono essere, si legge nel testo «di carattere amministrativo e, se necessario, normativo». Inoltre c' è una certa apprensione tra i lavoratori dell' Agenzia sulle operazioni in atto che si riversano sui dipendenti senza un vero e proprio coordinamento. L' operazione 730 online ad esempio, che reca già con sé la consapevolezza di un aumento esponenziale del contenzioso, dovuto anche al fatto che l' Agenzia dovrà calcolare per conto di Equitalia il valore delle sanzioni, ha portato i sindacati dell' Agenzia a richiedere un incontro per la ridistribuzione dei carichi di lavoro cercando in questa occasione qualche elemento di chiarezza in più anche del loro futuro. CRISTINA BARTELLI 8

11 Pagina 30 Fondo di solidarietà da rimodulare. Preventivi verso il 31 luglio. Fondo Tasi dimezzato Risorse da 625 a 350 mln. Bilanci a rischio. Per i bilanci degli enti locali si profila un nuovo rinvio, questa volta al 31 luglio. Se la notizia, filtrata ieri ufficiosamente, fosse confermata, le amministrazioni guadagnerebbero due mesi di tempo, dato che la dead line al momento è fissata a fine maggio. Dietro l' ennesima proroga, ci sarebbe le necessità di rivedere il riparto del fondo di solidarietà comunale, al fine di alleggerire i tagli a carico del comune de L' Aquila (ancora alle prese con la difficile ricostruzione postterremoto). La variazione rispetto ai dati pubblicati la settimana scorsa dal Viminale, peraltro, dovrebbe essere di modesta entità, all' incirca lo 0,5%. Troppo poco per giustificare un extratime così lungo, che oltretutto sembra in controtendenza rispetto all' orientamento del governo. Quest' ultimo, infatti, in diverse occasioni ha dichiarato di voler archiviare la stagione dei preventivi approvati a fine esercizio. Le vere questioni, quindi, sono altre, prima fra tutte quella (da tempo messa dai sindaci in cima alla lista delle priorità) riguardante il rifinanziamento del cd fondo Tasi. Al momento, l' esecutivo (perennemente a corto di liquidità) è riuscito a racimolare solo 350 milioni, poco più della metà della cifra disponibile nel 2014 (625 milioni). Se non si troveranno altri tesoretti, per molti comuni far quadrare i conti diventerà una mission impossible. Ricordiamo, infatti, che lo scorso anno il fondo Tasi ha portato una boccata di ossigeno a circa 1800 enti i quali, avendo già raggiunto i livelli massimi delle aliquote, si trovano con la leva fiscale bloccata. In alcuni casi, le cifre in gioco sono davvero imponenti: a Milano, ad esempio, l' assegno valeva 90 milioni, 45 dei quali rischiano di sparire. Stesso discorso per Napoli e Torino, che potrebbero vedersi dimezzare i circa 37 milioni ricevuti dodici mesi fa, per Genova (che aveva preso 27 milioni) e Roma (22 milioni). Ovviamente, tutto dipenderà dai criteri di riparto che verranno definiti e dall' efficacia del pressing esercitato dalle amministrazione fiscalmente virtuose, che difficilmente accetteranno di restare di nuovo a bocca asciutta. Fra gli altri problemi aperti, come ricordato ieri dal presidente dell' Anci Piero Fassino, c' è la definizione di un meccanismo compensativo sull' Imu sui terreni agricoli e montani per i piccoli comuni, la flessibilizzazione del nuovo sistema di contabilità e la possibilità di utilizzare nella spesa corrente la Continua > 9

12 Pagina 30 < Segue rinegoziazione dei mutui, l' alienazione di beni mobili e immobili e gli avanzi di esercizio. Tutti nodi che dovrebbero essere affrontati dal dl sulla finanza locale da lungo tempo in gestazione negli uffici ministeriali (era atteso subito dopo Pasqua) e che potrebbe finalmente vedere la luce la settimana prossima. Il provvedimento, oltre a recepire la riforma del Patto di stabilità interno dei comuni (decisa in Conferenza stato città e autonomie locali oltre due mesi fa), dovrebbe accogliere anche i correttivi per le città metropolitane appena concordati dai sindaci (si veda ItaliaOggi di ieri). Non è escluso (anche se al momento pare improbabile) che all' ultimo minuto venga inserita anche la proroga, richiesta a gran voce dagli amministratori locali, del termine (per ora fissato al 30 aprile) entro cui devono essere approvati il rendiconto 2014 e il riaccertamento straordinario dei residui. Riproduzione riservata. PAGINA A CURA DI MATTEO BARBERO 10

13 Pagina 30 province. Mobilità, al via il portale Al via il portale della mobilità nella p.a., indispensabile per garantire la ricollocazione del personale in esubero. È disponibile all' indirizzo mobilita.gov.it/ la funzionalità che consente a ciascun ente di area vasta l' inserimento dei dati relativi al personale destinatario della ricollocazione mediante procedure gestite dal portale della mobilità, ai sensi dei commi 423 e seguenti della legge 23 dicembre 2014, n L' inserimento è finalizzato a favorire l' incontro della domanda e dell' offerta di mobilità. Le amministrazioni, per poter accedere al sistema, dovranno registrarsi sull' applicativo al fine di ottenere le apposite credenziali di accesso che saranno inviate via mail all' indirizzo del referente individuato dell' amministrazione. Per informazioni e assistenza si potrà contattare il desk tecnico attraverso il numero telefonico 06/ dalle ore 9:30 alle ore 13:30, oppure scrivere ai seguenti indirizzi di posta elettronica e Eventuali quesiti di carattere normativo potranno essere indirizzati al seguente indirizzo di posta elettronica E sempre in materia di province, si segnala la convocazione da parte dell' Upi di una assemblea straordinaria che si terrà il 15 maggio a Roma. Obiettivo dell' incontro rilanciare l' azione politica dell' associazione, attraverso il massimo coinvolgimento dei sindaci e degli amministratori comunali protagonisti dei nuovi enti di area vasta in linea con la riforma Delrio, e, soprattutto, accendere i riflettori sulla gravissima situazione dei servizi ai cittadini, a rischio a causa del prelievo di 1 miliardo che, secondo l' Upi, manderà in dissesto gran parte delle province. «La situazione delle nostre amministrazioni è drammatica. Non siamo più in grado di garantire la sicurezza nelle nostre strade, che siamo costretti a chiudere con grave danno sia per i cittadini che per le imprese», hanno dichiarato il presidente dell' Upi Alessandro Pastacci e i presidenti delle Upi regionali. GIOVANNI GALLI 11

14 Pagina 30 intesa. Un corso online per i revisori Un corso online gratuito per i revisori degli enti locali. Ministero degli interni, Ragioneria generale dello stato, Cndcec e Fondazione nazionale dei commercialisti insieme stanno per concludere un protocollo d' intesa per dare il via ad un video corso al termine del quale i partecipanti, superato l' esame finale, riceveranno i crediti formativi necessari per l' iscrizione agli elenchi per revisori degli enti locali. La piattaforma di e learning, fruibile dal sito del Consiglio nazionale (www. commercialisti.it), garantirà la partecipazione gratuita al corso a tutti gli oltre 115 mila iscritti all' Albo. L' intero corso sarà inoltre distribuito, su cd rom, a circa 8 mila enti locali. «La formazione dei revisori locali è argomento che sta molto a cuore al ministero dell' interno», ha osservato Giancarlo Verde, direttore Finanza locale del Viminale. «Questo accordo è frutto della preziosa collaborazione con il ministero e la Ragioneria. I commercialisti attribuiscono una rilevanza assoluta al tema dei controlli negli enti locali», ha dichiarato Davide Di Russo, vicepresidente nazionale dei commercialisti. 12

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

In arrivo la Legge di Stabilità 2016: ecco cosa prevede. in termini di taglio alle tasse (soprattutto IMU e. TASI) e Riforma delle Pensioni

In arrivo la Legge di Stabilità 2016: ecco cosa prevede. in termini di taglio alle tasse (soprattutto IMU e. TASI) e Riforma delle Pensioni In arrivo la Legge di Stabilità 2016: ecco cosa prevede in termini di taglio alle tasse (soprattutto IMU e TASI) e Riforma delle Pensioni In arrivo tra meno di due mesi la prossima manovra finanziaria,

Dettagli

Newsletter informa on line

Newsletter informa on line MARCHE Newsletter informa on line documentazione delle autonomie locali n 273 del 14 maggio 2014 anno III FASSINO DA PADOAN: SUBITO TAVOLO TECNICO DI CONFRONTO SU MODIFICHE CORRETTIVE AL DECRETO La convocazione

Dettagli

TUTTA LA LEGGE DI STABILITÀ 2013 ARTICOLO PER ARTICOLO

TUTTA LA LEGGE DI STABILITÀ 2013 ARTICOLO PER ARTICOLO 166 i dossier www.freefoundation.com Primo approfondimento TUTTA LA LEGGE DI STABILITÀ 2013 ARTICOLO PER ARTICOLO 10 ottobre 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 La Legge di Stabilità 2013 in 10 punti

Dettagli

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444 Emendamenti 26 novembre 2015 BILANCIO AUTORIZZATORIO SOLO ANNUALE 2016 UTILIZZO AVANZO LIBERO E DESTINATO ARTICOLO 1, COMMA 389 Dopo il comma 389 è inserito

Dettagli

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio Indice il contesto i tagli le tasse comunali le linee guida il bilancio 02 La crisi: meno risorse, meno investimenti, più domanda di servizi 03 La finanza dei comuni dal 2008 ad oggi: meno risorse, meno

Dettagli

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta del Presidente, Matteo

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITA 2015

LA LEGGE DI STABILITA 2015 LA LEGGE DI STABILITA 2015 Ecco le principali novità della Manovra varata dal Governo SLIDE ILLUSTRATIVE salvo modifiche al testo finale. La manovra quest anno vale 29,6 miliardi di euro. LE RISORSE -14,6

Dettagli

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA DELLA RIFORMA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Uno Stato più snello e dinamico per non morire di burocrazia UNA RIFORMA TRE PRINCIPI SEMPLIFICARE LA VITA DEI CITTADINI AIUTARE CHI INVESTE TAGLIARE GLI SPRECHI

Dettagli

RIFORMA DELLE PROVINCE: FUORI LA TESTA DAL BUCO

RIFORMA DELLE PROVINCE: FUORI LA TESTA DAL BUCO RIFORMA DELLE PROVINCE: FUORI LA TESTA DAL BUCO SCUOLA centri per edilizia e rete scolastica 7 1 l'impiego polizia provinciale 6 2 formazione professionale 5 ambiente e protezione civile 4 viabilita' e

Dettagli

Le prospettive di applicazione del federalismo

Le prospettive di applicazione del federalismo Le prospettive di applicazione del federalismo Alberto Zanardi Convegno Banca d Italia «Attuazione e prospettive del federalismo fiscale» Roma, 25 novembre 2015 1 Federalismo fiscale e consolidamento dei

Dettagli

NOTA TECNICA. Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014.

NOTA TECNICA. Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014. NOTA TECNICA Oggetto: Programma Rinegoziazione Enti Locali 2014. Cassa depositi e prestiti società per azioni (di seguito CDP ) rende nota con la presente comunicazione la propria disponibilità alla rinegoziazione

Dettagli

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 664 BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE 28 aprile 2014 INDICE 2 10 milioni

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE

IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE - questo Consiglio ha votato in data 01/10/2008 un ordine del giorno in merito a Finanziaria 2008 e successivamente in data 31/3/2009 un ordine del giorno in merito a

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

IN 10 PUNTI GIUGNO 2015

IN 10 PUNTI GIUGNO 2015 IN 10 PUNTI Per semplificare la lettura del Decreto legge 19 giugno 2015, n 78, Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali, abbiamo ritenuto opportuno fornire agli amministratori e operatori

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 96 22.05.2015 Rimborso pensioni: il piano del Governo Approvato il D.L. Pensioni per i pensionati che si sono visti bloccare

Dettagli

COMUNE DI SEMPRONIANO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI SEMPRONIANO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI SEMPRONIANO (Provincia di Grosseto) COPIA Verbale di deliberazione CONSIGLIO COMUNALE Delibera n. 27 del 20/11/2014 Oggetto: RINEGOZIAZIONE DEI PRESTITI CONCESSI DALLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI

Dettagli

Il disegno di legge di Stabilità 2014

Il disegno di legge di Stabilità 2014 Bari, 25 Ottobre 2013 Largo Sorrentino, 6 70126 Tel. 080/5565371 Fax 080/5565322 E-mail: bari@confagricoltura.it Il disegno di legge di Stabilità 2014 Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta

Dettagli

CAPP. Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche. elenuove europee SCUOLA ANCI PER GIOVANI AMMINISTRATORI AVVISO DI SELEZIONE

CAPP. Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche. elenuove europee SCUOLA ANCI PER GIOVANI AMMINISTRATORI AVVISO DI SELEZIONE CAPP Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche elenuove europee SCUOLA ANCI PER GIOVANI AMMINISTRATORI AVVISO DI SELEZIONE Iniziativa co-finanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%)

DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%) DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%) GUIDA ALL APPLICAZIONE DEL DECRETO 83/2012 ART. 11 CONVERTITO CON LEGGE 7 AGOSTO 2012 N 134 (SETTEMBRE 2012) Indice: 1. INTRODUZIONE...2 2. TESTO DISPOSIZIONE: ARTICOLO

Dettagli

Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! PENSIONI blog. Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile!

Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! PENSIONI blog. Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! Pagina 1 di 6 Search PENSIONI blog Europa Informazioni Notizie Ultimo aggiornamento: 29 marzo 2014-08:24 RSS In Notizie Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! 29 marzo 2014-08:24

Dettagli

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità Premessa Il bonus Irpef, contenuto nell art. 1 del D.L. n. 66/2014 (entrato in vigore il 24 aprile 2014), vale esclusivamente per il 2014, anche se il Governo ha fatto sapere

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI Come funziona 2 LO SMOBILIZZO DEI CREDITI Le operazioni previste Condizioni economiche

Dettagli

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale.

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. SCHEDA STAMPA DATI Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. È STATO MESSO A DURA PROVA IL BENE PIÙ AMATO DAGLI ITALIANI

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà:

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà: CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2015 Interventi dei sigg. consiglieri Armonizzazione dei sistemi e degli schemi contabili di cui al D.Lgs. n.118/2011, rinvio al 2016 dell adozione del principio della contabilità

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI PER MISSIONI ARCHEOLOGICHE, ANTROPOLOGICHE, ETNOLOGICHE ITALIANE ALL ESTERO - ANNO 2014 - Articolo

Dettagli

La parola agli addetti ai lavori.

La parola agli addetti ai lavori. La parola agli addetti ai lavori. Il parere degli Amministratori condominiali sulla riforma. Commenti, critiche e consigli degli amministratori. (a cura dell Avv. Nicola Nicodemo Damiano) Intervista all

Dettagli

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 Nel bilancio di previsione 2013, il precedente direttivo aveva previsto un

Dettagli

Fiscal News N. 83. Bonus mobili con tetto a 10.000. La circolare di aggiornamento professionale 20.03.2014

Fiscal News N. 83. Bonus mobili con tetto a 10.000. La circolare di aggiornamento professionale 20.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 83 20.03.2014 Bonus mobili con tetto a 10.000 Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 36% La detrazione fiscale al 50% (in 10 anni) per l'acquisto

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 4 09.01.2015 Legge di Stabilità 2015: moratoria dei mutui e finanziamenti La quota capitale della rata può essere sospesa fino al 2017 Categoria:

Dettagli

In collaborazione con. organizzano

In collaborazione con. organizzano In collaborazione con organizzano Treviso, dal 15 settembre al 30 ottobre 2015 Verona, dal 16 settembre al 28 ottobre 2015 Venezia, dal 17 settembre al 29 ottobre 2015 OBIETTIVI E STRUTTURA DEL CORSO Il

Dettagli

AC 3262. Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali.

AC 3262. Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali. Roma, 17 luglio 2015 AC 3262 Conversione in legge del Decreto-Legge 19 giugno 201, n. 78 recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali Ordini del giorno Sommario Fondo integrativo IMU-Tasi

Dettagli

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO I PRESTITI AGEVOLATI SONO DELLE FORME DI FINANZIAMENTO (

Dettagli

Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami"

Università, paradossale guerra ai fuori corso Gli atenei finiranno per regalare gli esami INCHIESTA Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami" Il ministero, nell'erogare i fondi, adesso penalizza i centri con troppi studenti in ritardo con le

Dettagli

Bonus casa: recupero edilizio e risparmio energetico potenziati al 50 e 65% fino al 31.12.2013. (DL n. 63 del 04.06.2013)

Bonus casa: recupero edilizio e risparmio energetico potenziati al 50 e 65% fino al 31.12.2013. (DL n. 63 del 04.06.2013) Ai gentili clienti Loro sedi Bonus casa: recupero edilizio e risparmio energetico potenziati al 50 e 65% fino al 31.12.2013 (DL n. 63 del 04.06.2013) Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

Bonus casa: recupero edilizio e risparmio energetico potenziati al 50 e 65% fino al 31.12.2013

Bonus casa: recupero edilizio e risparmio energetico potenziati al 50 e 65% fino al 31.12.2013 Bonus casa: recupero edilizio e risparmio energetico potenziati al 50 e 65% fino al 31.12.2013 (DL n. 63 del 04.06.2013) Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che a seguito dell approvazione

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2012

NOTA OPERATIVA N. 7/2012 NOTA OPERATIVA N. 7/2012 OGGETTO: ristrutturazioni edilizie, detrazioni 36-50% - Introduzione I lavori di ristrutturazione edilizia consentono alle persone fisiche di beneficiare, ormai da molti anni,

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02012/019 Area Servizi Sociali Servizio Minori FE CITTÀ DI TORINO

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02012/019 Area Servizi Sociali Servizio Minori FE CITTÀ DI TORINO Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 02012/019 Area Servizi Sociali Servizio Minori FE 0 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 29 aprile 2014 Convocata la

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Il Fondo Sociale per l occupazione e la formazione è finanziato

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI LA CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE DEL BILANCIO DELLO STATO Dott. Mauro Cernesi Scienza delle Finanze 1 Le funzioni del Bilancio pubblico Funzione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2013, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi

ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi COMUNICATO STAMPA ABI: le modalità operative per smobilizzo crediti PA e investimenti Pmi Inviati alle banche i protocolli siglati con le Associazioni delle imprese, in attesa della pubblicazione dei 4

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 5.3 SETTORE STATALE 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 Il settore statale ha registrato nel 2007 un fabbisogno di 29.563 milioni e un avanzo primario di 38.038 milioni (nel 2006 rispettivamente

Dettagli

= Circolare n. 5 18.09.2014

= Circolare n. 5 18.09.2014 = Scadenze = Circolare n. 5 18.09.2014 + 19 settembre + Invio telematico modello 770/2014 semplificato e ordinario + 25 settembre + Presentazione elenchi Intrastat contribuenti mensili + 30 settembre +

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 SOMMARIO EDITORIA FISCALE SEAC Servizio INFORMATIVA

Dettagli

Circolare settimanale di informazione fiscale

Circolare settimanale di informazione fiscale 17 ottobre 2012 OGGETTO: Legge di Stabilità Come cambiano detrazioni e deduzioni Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che con l approvazione

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA

DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA DICHIARAZIONI DEI REDDITI PERSONE FISICHE PER L ANNO D IMPOSTA 2013 NOTA ESPLICATIVA - Quadro generale Per una corretta interpretazione dei dati statistici occorre fare riferimento al contesto macroeconomico

Dettagli

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata Il Punto sull Iva Crediti Iva in compensazione: una risorsa finanziaria da gestire con cautela a cura di Fabio Garrini Non è certo raro di questi tempi negli studi professionali il fatto di imbattersi

Dettagli

Fisco e Tributi Newsletter agosto 2013

Fisco e Tributi Newsletter agosto 2013 Fisco e Tributi «Disposizioni urgenti in materia di IMU, di altra fiscalità immobiliare, di sostegno alle politiche abitative, di finanza locale, nonché di CIG e di trattamenti pensionistici.» D.Lgs. 102/2013

Dettagli

Periodico informativo n. 101/2012. Legge di Stabilità Come cambiano detrazioni e deduzioni

Periodico informativo n. 101/2012. Legge di Stabilità Come cambiano detrazioni e deduzioni Periodico informativo n. 101/2012 Legge di Stabilità Come cambiano detrazioni e deduzioni Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che con l approvazione

Dettagli

Oggetto: Interrogazione - rinegoziazione dei prestiti della Cassa Depositi e Prestiti al Comune di Pieve Emanuele. vista

Oggetto: Interrogazione - rinegoziazione dei prestiti della Cassa Depositi e Prestiti al Comune di Pieve Emanuele. vista Alla c.a. Presidente del C.C. di Pieve Emanuele Sindaco di Pieve Emanuele Pieve Emanuele, (data protocollo) Oggetto: Interrogazione - rinegoziazione dei prestiti della Cassa Depositi e Prestiti al Comune

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO E LA LEGGE DI STABILITA 2015 PER GLI ENTI LOCALI

IL QUADRO NORMATIVO E LA LEGGE DI STABILITA 2015 PER GLI ENTI LOCALI IL QUADRO NORMATIVO E LA LEGGE DI STABILITA 2015 PER GLI ENTI LOCALI 17 ottobre 2014 A cura di : sen. Magda Zanoni QUADRO NORMATIVO COMPLESSO MOLTA BUONA VOLONTA, MOLTA VOGLIA DI FARE MOLTE NORME BUONE

Dettagli

Comune di Vicenza. Bilancio di previsione 2014

Comune di Vicenza. Bilancio di previsione 2014 Comune di Vicenza Bilancio di previsione 2014 Da dove siamo partiti Voce Abolizione IMU prima casa -8,3 Minori incassi IMU (n.b:beni merce esentati dallo Stato -D.L.102/13) -1.3 Taglio trasferimenti statali

Dettagli

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Ci sono delle slide che Renzi in occasione dei due anni dall insediamento del suo governo (22 gennaio 2014) non vi farà certamente

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2010

RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2010 CASSA DI ASSISTENZA DEI DIRIGENTI DELLE SOCIETA DEL GRUPPO GENERALI RELAZIONE E BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2010 (Assemblea dei Soci del 27 aprile 2011) Piazza Duca degli Abruzzi, 2 Trieste CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

N 3/2010. Notiziario settimanale di aggiornamento N 3/2010 STUDIOIMPRESA FLASH. pagina 1 di 5

N 3/2010. Notiziario settimanale di aggiornamento N 3/2010 STUDIOIMPRESA FLASH. pagina 1 di 5 Notiziario settimanale di aggiornamento N 3/2010 STUDIOIMPRESA FLASH pagina 1 di 5 Antiriciclaggio 18.01.2010 Sono cambiati i termini per i professionisti per registrare i dati negli appositi archivi:

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

MODELLO 730: ALCUNI SUGGERIMENTI E CONSIGLI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA

MODELLO 730: ALCUNI SUGGERIMENTI E CONSIGLI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA PROVINCIALE FLP SCUOLA DI FOGGIA 71121 Foggia Via Nicola Delli Carri, 15 sito internet: www.flpscuolafoggia.it Email: info@flpscuolafoggia.it

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO 2013. Presentazione alla stampa Martedi 4 Marzo 2014

BILANCIO CONSUNTIVO 2013. Presentazione alla stampa Martedi 4 Marzo 2014 BILANCIO CONSUNTIVO 2013 Presentazione alla stampa Martedi 4 Marzo 2014 A quanto ammonta l avanzo di amministrazione senza il sisma? 8,7 milioni di euro Ad essere proprio precisi, per depurare completamente

Dettagli

Linee guida per l accesso al Fondo di Garanzia PMI da parte dei liberi professionisti

Linee guida per l accesso al Fondo di Garanzia PMI da parte dei liberi professionisti Linee guida per l accesso al Fondo di Garanzia PMI da parte dei liberi professionisti Premessa Indice 1. A cosa serve il Fondo di Garanzia 2 2. Quali operazioni possono essere garantite ad un libero professionista

Dettagli

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013 INVESTIMENTI DEGLI ENTI TERRITORIALI E PATTO DI STABILITA INTERNO - L incompatibilità dei vincoli di finanza pubblica con una politica di sviluppo del territorio A cura della Direzione Affari Economici

Dettagli

La dichiarazione precompilata

La dichiarazione precompilata L INNOVAZIONE DEL MODELLO FISCALE La dichiarazione precompilata Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 18 dicembre 2014 1 Cambia radicalmente il paradigma DAL MODELLO: «Mi dica, poi io verifico

Dettagli

PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE. Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali

PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE. Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali LA RILEVAZIONE DEI DATI L indagine sulla situazione finanziaria

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2016: ISTRUZIONI PER L USO

LEGGE DI STABILITA 2016: ISTRUZIONI PER L USO 2015 Studio Pavan Daniela dottore commercialista e revisore contabile via G. Garibaldi 104/A 35043 Monselice (PD) e-mail: daniela.pavan@studiopavan.eu sito web: http:// www.studiopavan.eu tel. 0429/73659

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

PIÙ e MENO IL SENSO DELLA NOSTRA PROPOSTA

PIÙ e MENO IL SENSO DELLA NOSTRA PROPOSTA PIÙ e MENO IL SENSO DELLA NOSTRA PROPOSTA PIÙ e MENO IL SENSO DELLA NOSTRA PROPOSTA ANCHE UNA LEGGE DI STABILITÀ CHE PROPONE MENO TASSE SULLA CASA MENO RISORSE PER LA SANITÀ MENO CONTROLLI SULL USO DEL

Dettagli

Comparazione testo disegno di legge delega TS Camera Emendamenti Lepri

Comparazione testo disegno di legge delega TS Camera Emendamenti Lepri Comparazione testo disegno di legge delega TS Camera Emendamenti Lepri Testo: Art. 5. (Attività di volontariato, di promozione sociale e di mutuo soccorso) 1. Con i decreti legislativi di cui all'articolo

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 15 Gennaio 2007 Circolare n. 14 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista 730/2015 quadro E: novità per la detrazione delle spese elededuzionidalreddito Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO Il Quadro E del Mod. 730 deve essere utilizzato

Dettagli

In particolare per i contratti per i quali il termine di registrazione scade tra il 7 aprile e il 6 giugno 2011 la registrazione, anche ai fini dell

In particolare per i contratti per i quali il termine di registrazione scade tra il 7 aprile e il 6 giugno 2011 la registrazione, anche ai fini dell NOVITA LEGISLATIVE CEDOLARE SECCA AFFITTI Con il Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 7 aprile 2011 è stata data attuazione, con effetto dal 2011 alla cedolare secca sugli affitti,

Dettagli

NOVITA LEGISLATIVE. Aprile 2014. 2. Pubblica amministrazione (PA) e fattura in formato digitale. pag. 4 sommario

NOVITA LEGISLATIVE. Aprile 2014. 2. Pubblica amministrazione (PA) e fattura in formato digitale. pag. 4 sommario NOVITA LEGISLATIVE Aprile 2014 1. Obbligo di POS - proroga 2. Pubblica amministrazione (PA) e fattura in formato digitale 3. Sospensione ritenuta sui bonifici esteri 4. Locazioni abitative e contanti pag.

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 Assessorato al Bilancio Comune di Ostra (AN) 1 - Premessa Con queste diapositive si vuol tentare di illustrare come funziona il bilancio di un comune

Dettagli

BANDO PER GIOVANI ARTISTI VISIVI UNDER 25

BANDO PER GIOVANI ARTISTI VISIVI UNDER 25 BANDO PER GIOVANI ARTISTI VISIVI UNDER 25 PREMESSE La ha come scopo la realizzazione dell'attività di progettazione, produzione e comunicazione culturale nei settori delle performing art, della musica,

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

Comune di Marano Vicentino. Estinzione anticipata di mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti

Comune di Marano Vicentino. Estinzione anticipata di mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti Comune di Marano Vicentino Estinzione anticipata di mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti Il nostro programma sul bilancio Nel nostro Comune il bilancio presenta un forte indebitamento generato dalla

Dettagli

Oggetto: Finanziamenti PMI Mutui Sospensione pagamento quote capitale Accordo ABI/PMI.

Oggetto: Finanziamenti PMI Mutui Sospensione pagamento quote capitale Accordo ABI/PMI. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556 - fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 6 agosto

Dettagli

DECRETO DELIBERATIVO DEL PRESIDENTE. d intesa con il DIRETTORE GENERALE

DECRETO DELIBERATIVO DEL PRESIDENTE. d intesa con il DIRETTORE GENERALE COPIA DECRETO DELIBERATIVO DEL PRESIDENTE d intesa con il DIRETTORE GENERALE N 5 del 23 Gennaio 2015 OGGETTO: ESERCIZIO PROVVISORIO 2015. CONTINUAZIONE SERVIZIO SISTEMA BIBLIOTECARIO PROVINCIALE - APPROVAZIONE

Dettagli

Comune di Vicenza. Bilancio di previsione 2016

Comune di Vicenza. Bilancio di previsione 2016 Comune di Vicenza Bilancio di previsione 2016 Bilancio di previsione entro dicembre Quest anno la giunta si è posta l obiettivo di predisporre il bilancio di previsione anticipando fortemente i tempi per

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

F E D E R A Z I O N E A U T O N O M A B A N C A R I I T A L I A N I

F E D E R A Z I O N E A U T O N O M A B A N C A R I I T A L I A N I F E D E R A Z I O N E A U T O N O M A B A N C A R I I T A L I A N I Cen t r o A s s is t e n z a F i s c a le Se d e d i S ie n a Pi a z z a T o l o m e i, 5-5 3 1 0 0 SI E N A - T e l. 0 5 7 7 / 2 8 8

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli