Regolamento Campi G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento Campi G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest"

Transcript

1 Regolamento Campi G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest 1

2 Società Alpinistica Valmaggese Arturo Rothen Basi legali Legge federale sulla promozione dello sport e dell attività fisica (Legge sulla promozione dello sport, LPSpo) del 17 giugno 2011 Ordinanza sulla promozione dello sport e dell attività fisica (Ordinanza sulla promozione dello sport, OPSpo) del 23 maggio 2012 Ordinanza del DDPS su programmi e progetti per la promozione dello sport (OPPSpo) del 25 maggio 2012 Ordinanza dell UFSPO concernente «Gioventù e Sport» (O-G+S-UFSPO) del 12 luglio 2012 Legge federale sui sistemi d informazione della Confederazione nel campo dello sport (LSISpo) del 17 giugno 2011 Ordinanza sui sistemi d informazione della Confederazione nel campo dello sport (OSISpo) del 5 settembre 2012 Ordinanza del DDPS sugli emolumenti dell Ufficio federale dello sport (OEm UFSPO) del 14 settembre 2012 Messaggio concernente la legge sulla promozione dello sport e la legge federale sui sistemi d informazione della Confederazione nel campo dello sport dell 11 novembre 2009 La Società Alpinistica Valmaggese (SAV) sostiene e promuove con i Campi G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest offerte di attività fisica e didattica adatte alla fascia di età per i giovani fra i 10 e 20 anni. I Campi G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest sono un ottima opportunità per scoprire un nuovo sport o per praticare intensamente l alpinismo e l arrampicata. Perché Campi G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest per i giovani? Possono partecipare ed iscriversi ai Campi G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest tutti i giovani fra 10 e 20 anni. Con i Campi G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest si offre al giovane, dopo i Campus Soveltra, la possibilità di iniziare ad acquisire nozioni per poi praticare intensamente l alpinismo e l arrampicata. Obiettivi La SAV intende rafforzare l attaccamento dei giovani all alpinismo e all arrampicata ed incoraggiare il loro inserimento nella società alpinistica; valorizzare i contenuti naturalistici, paesaggistici, alpinistici, dell arrampicata e culturali della Valle Maggia. selezionare con cura i monitori che insegneranno nei Campi G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest ai giovani, preparandoli ai compiti che li attendono; offrire ai monitori opportunità di perfezionamento rispondenti ai loro bisogni, accompagnarli nell esercizio della loro funzione di guida. Il Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest 2

3 si sostanzia nelle attività impostate alla conoscenza dell alpinismo e dell arrampicata, attraverso l esercizio mirato sotto la guida di persone competenti; aiuta a familiarizzare con la tecnica l alpinismo e l arrampicata; implica la scoperta e lo sviluppo di competenze e il raggiungimento di progressi personali; si fonda sul rispetto di regole concordate nei rapporti con sé stessi, gli altri; incita i giovani ad assumersi la responsabilità per le proprie azioni, per l obiettivo comune e per il buon funzionamento del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest ; insegna ad orientarsi nel gruppo e nello spazio alpino. Aiuta a creare un legame emotivo con il proprio territorio. Questo legame emotivo si auspica che stimolerà l'assunzione di responsabilità e la protezione dell'ambiente alpino una volta diventati cittadini adulti. Aspira a vivere un esperienza comune forte che consolidi lo spirito di gruppo muovendosi in un meraviglioso paesaggio alpino. L alpinismo richiede resistenza, abilità e senso di responsabilità. L alpinista ama la natura e sa valutare correttamente le condizioni ambientali. Capitolo primo Disposizioni generali Campus Requisiti di base Art. 1 Obiettivi Il Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest destinato ai giovani considera i particolari presupposti giovani e il loro stadio di sviluppo. Vogliamo Aiutare i giovani a scoprire le proprie capacità e a svilupparle in modo globale. Dare ai giovani valide conoscenze dell ambiente alpino e basi per la pratica dell alpinismo ed arrampicata. Portare i giovani ad un approccio armonioso con l utilizzo delle corde, dell attrezzatura alpinistica e di arrampicata. Stimolare i giovani il Fairplay come atteggiamento di fondo sia nelle attività svolte durante il Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest che nella vita quotidiana. Sostenere l impegno, regolare dei giovani nell ambito del gruppo. Passo dopo passo avviare i giovani verso l assunzione di determinate responsabilità, un attività da monitore o altre funzioni ancora. Accompagnare i giovani verso nuove sfide nel campo dell alpinismo e dell arrampicata. prevenire gli infortuni derivanti dallo sport e dall attività fisica. Si intende per: giovani: partecipanti a G+S a partire dall'inizio dell'anno civile in cui compiono 10 anni; attività: un'occupazione singola, limitata nel tempo, di carattere formativo (lezione, apprendimento dell alpinismo, dell arrampicata e della natura). Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest : Un Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest 3

4 Art. 2 Collaboratori comprende attività alpinistiche, di arrampicata ed escursionistiche adatte ai giovani, e le conoscenze del paesaggio alpino. sotto la guida di una guida alpina e monitori G+S. in un gruppo stabile per tutta la durata del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest e disciplina sportiva: Il Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest fa parte delle discipline sportive del gruppo di utenti 2 (GU2) con disposizioni di sicurezza particolari (discipline sportive B) in quanto Alpinismo, arrampicata sportiva. Le discipline sportive dei gruppi di utenti 4 e 5 (GU4-GU5) sono quelle del gruppo utenti 1 (GU1) + GU2 + GU3. Numero dei partecipanti e grandezza dei gruppi. Direzione Un Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest deve contare almeno 6 bambini per monitore. A partire da 7 partecipanti, una ulteriore persona autorizzata a dirigere l attività (monitore G+S) è impiegata per ciascun gruppo supplementare di 6 partecipanti al massimo. Per lo svolgimento di un Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest sono necessari almeno due monitori riconosciuti nella corrispondente disciplina sportiva e per il gruppo di destinatari giovani Durata del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest Un Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest deve durare almeno quattro giorni consecutivi. In un campo che dura più di quattro giorni vi può essere un giorno senza allenamenti. Questo non viene considerato ai fini del calcolo dei contributi. Durata delle attività Per ogni giorno di Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest si devono svolgere almeno due attività, una al mattino e una al pomeriggio, o una al mattino e una alla sera, o una al pomeriggio e una alla sera. In totale le attività devono durare almeno quattro ore. I giorni di arrivo e partenza contano come un giorno di Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. Contenuti delle attività Le attività vanno insegnate secondo principi conformi alla pedagogia giovanile e in funzione delle peculiarità del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. La SAV collabora con Gioventù e Sport (G+S), la FAT, UFSPO per perseguire i propri obiettivi. Per l organizzazione e la conduzione del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest incarica una guida alpina che dispone delle formazioni specifiche per lo svolgimento delle attività coi giovani, un monitore G+S. Una o più persone di accompagnamento maggiorenni e capaci di discernimento. 4

5 La guida alpina designata come responsabile deve essere presente personalmente durante tutte le attività del relativo corso. Un monitore G+S lo può affiancare in caso la guida alpina lo disponga. Il personale del Team cucina è assunto dal Responsabile della cucina Il personale di cucina non interferisce sulle attività del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest e si astiene da giudizi o critiche della conduzione e decisioni. Capitolo secondo Sostegno a programmi e progetti Art. 3 Programmi e progetti Art. 4 Sostegno Art. 5 Infrastrutture La SAV coordina, sostiene e avvia programmi e progetti destinati al Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. La SAV sostiene i propri collaboratori e può accordare contributi. Può concludere con federazioni o società alpinistiche contratti di prestazione per lo svolgimento dei compiti di promozione del proprio Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. Il Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest deve essere svolto in linea di massima al Pian di Crest da guide alpine e monitori G+S che propongono le proprie attività nella regione del Pian di Crest e nella palestra delle SM di Cevio per l arrampicata. In presenza di motivi o situazioni particolari si possono tenere anche all estero come escursioni in montagna con passaggi di frontiera. Capitolo terzo Correttezza e Sicurezza Art. 6 Misure generali La SAV si impegna per il rispetto della correttezza e della sicurezza dei Campi G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. La SAV con la guida alpina responsabile, monitori G+S responsabili e i suoi collaboratori si assicurano che siano adottate le misure necessarie per garantire la sicurezza e la salute dei partecipanti nonché per impedire incidenti e che tali misure siano rispettate per tutta la durata del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. La SAV con la guida alpina, monitori G+S ed organizzatori informano, durante la presentazione del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest, i partecipanti, i loro rappresentanti legali e i quadri interessati sui possibili rischi correlati allo svolgimento del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest e richiamano la loro attenzione sull utilità di un assicurazione contro gli infortuni e di responsabilità civile. La SAV declina ogni e qualsiasi responsabilità. Disposizioni generali La guida alpina e i monitori G+S prendono le decisioni necessarie in relazione al caso specifico, tenendo conto delle circostanze, della propria formazione ed esperienza, delle dimensioni del gruppo, dell età e dell esperienza dei partecipanti. Non è possibile stabilire in assoluto quali siano le misure 5

6 da adottare. La guida alpina, i monitori G+S valutano le condizioni ambientali e meteorologiche del caso e agiscono di conseguenza. La guida alpina, i monitori G+S pianificano accuratamente le lezioni, le svolgono nella consapevolezza dei propri obblighi e le valutano. La guida alpina, i monitori G+S controllano il materiale dei partecipanti; se inadeguato o danneggiato, provvedono a farlo sostituire. La guida alpina, i monitori G+S danno il buon esempio indossando dispositivi di protezione intatti. La guida alpina, i monitori G+S prendono accordi chiari in relazione a compiti, responsabilità, date, orari, ecc. e fanno sì che tutti i partecipanti siano al corrente di queste informazioni. La guida alpina, i monitori G+S sanno cosa fare in caso d emergenza (ad es. numero telefonico per le emergenze, farmacia, primi soccorsi). Attività estive in montagna/nella natura alpina. La guida alpina, i monitori G+S intraprendono escursioni alpine. La guida alpina, i monitori G+S monitori fanno una ricognizione del percorso e si informano sulle condizioni. La guida alpina, i monitori G+S comunicano a terzi il percorso pianificato e, dopo il ritorno, informano che sono rientrati. La guida alpina, i monitori G+S pianificano l escursione alpina, comprese le alternative, e tornano indietro in caso di necessità. Le seguenti discipline sportive sono ammesse solo con una formazione specifica (discipline sportive soggette a particolari disposizioni di sicurezza) per cui sono attività eseguite sotto la responsabilità di una guida alpina. arrampicata sportiva e alpinismo, sci escursionismo Sport di campo/trekking Capitolo quarto Sistemi d informazione (LSISpo) Art. 7 o Disposizioni generali o Oggetto o Principi del trattamento dei dati o Responsabilità o Dati o Raccolta dei dati o Comunicazion e dei dati Legge federale sui sistemi d informazione della Confederazione nel campo dello sport (LSISpo) Disposizioni generali 1) Oggetto La LSISpo rappresenta la base legale necessaria ai sensi della legge federale sulla protezione dei dati per il trattamento di dati personali degni di particolare protezione e profili della personalità (dati) nel campo dello sport. Possono trattare i dati i Comuni, le federazioni e le società sportive affiliate, come ad esempio la federazione cantonale (FAT) o regionali. Le sotto organizzazioni sono organizzazioni aderenti a tali organizzazioni affiliate, come ad esempio la singola società sportiva, (SAV) che riceve contributi. 6

7 o Sistema d informazione per i dati medici (allergie) 2) Principi del trattamento dei dati Sulla base dei principi di proporzionalità e necessità, le regolamentazioni previste non vanno intese come «autorizzazioni in bianco». All interno della SAV (unità amministrativa) sono autorizzate a trattare i dati solo gli organi nella cui sfera di compiti è previsto il trattamento dei corrispondenti dati per gli scopi. Introduzione del nuovo numero d assicurato AVS per un attività di monitore. E necessaria la registrazione del numero d assicurato AVS. 2.1) Dal punto di vista della protezione dei dati, la sola autorizzazione alla raccolta di dati non basta per fondare, per la SAV (detentrice dei dati), la possibilità o l obbligo di comunicarli. Di conseguenza, la SAV detentrice dei dati sarà legittimata o tenuta a comunicare i dati richiesti. 2.2) Oltre ai dati assolutamente necessari per l adempimento del compito ve ne sono anche altri che ne facilitano soltanto lo svolgimento. Tali dati, come ad esempio il numero di telefono e l indirizzo , vengono raccolti su base volontaria. L organo che raccoglie i dati del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest è tenuto a informare le persone a cui sono richiesti i dati che la loro comunicazione ha carattere volontario. 2.3) per garantire una comunicazione aperta, efficace e moderna in merito alle attività di promozione del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest è indispensabile ricorrere a immagini. La nozione di immagine comprende in questo contesto sia fotografie che filmati. Per motivi di trasparenza, l utilizzo di immagini, già praticato finora, è ancorato a livello della legge. Il consenso per la pubblicazione non deve essere imperativamente espresso in forma scritta; ad esempio è sufficiente che nel corso della presentazione del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest ai genitori o rappresentanti legali sia espressamente comunicato che saranno realizzate immagini destinate a essere diffuse. Naturalmente la diffusione è possibile soltanto nella misura per la quale è stato dato il consenso. Le immagini riguardando minorenni, il consenso deve essere dato dal detentore dell autorità parentale. 3) Responsabilità La guida alpina, il monitore G+S e le persone di accompagnamento maggiorenni sono responsabili della sicurezza dei sistemi d informazione e della legalità del trattamento dei dati personali. Ciò vale anche quando i dati vengono trattati da terzi, in particolare autorità cantonali o comunali competenti in materia di sport. 3.1) Conservazione, cancellazione, archiviazione e distruzione dei dati. Dati personali possono essere conservati solo fintanto che lo scopo del trattamento lo richiede. 3.2) la cancellazione dei dati dai sistemi d informazione non comporta la distruzione automatica, in quanto essi, con la relativa documentazione, vengono offerti all Archivio (o sito) della SAV per l archiviazione. Se non li considera di valore archivistico, essi vengono distrutti definitivamente. 4) Dati I dati contengono le generalità della persona (nome, indirizzo numero di telefono, indirizzo di posta elettronica, data di nascita, nazionalità, lingue principale e secondaria, professione dell autorità 7

8 parentale, genitori) e, soprattutto nel caso di Gioventù+Sport, il numero d assicurato AVS. Il sistema fornisce inoltre informazioni in merito ad attività e funzioni delle persone, alle loro qualificazioni nel campo dello sport e all eventuale revoca dei relativi riconoscimenti. La nozione di qualificazioni e riconoscimenti deve essere intesa in senso globale: comprende in particolare le formazioni di monitore, coach o esperto Gioventù+Sport e di monitore di sport. 5) Raccolta dei dati I dati venendo raccolti segnatamente presso la persona interessata o il suo rappresentante legale, genitori, la raccolta dei dati e le finalità del trattamento devono essere chiaramente riconoscibili da parte delle persone interessate. Le esigenze da soddisfare per poter parlare di una raccolta dei dati «riconoscibile» come tale sono valutate in funzione delle circostanze e della conformità ai principi della proporzionalità e della buona fede. 6) Comunicazione dei dati. la comunicazione dei dati ai destinatari avviene solo nei limiti in cui essi ne abbiano effettivamente bisogno per lo svolgimento dei loro compiti. È necessario prevedere la comunicazione di dati alle autorità esecutive cantonali, alle federazioni sportive (FAT) perché si tratta in parte di dati personali degni di particolare protezione e questi organi possono accedervi tramite procedura di richiamo. La federazione (FAT) e la SAV raccolgono autonomamente nel sistema i dati necessari per il pagamento dei contributi Gioventù+Sport e li inoltrano all UFSPO per poterne richiedere il versamento. Possono in ogni momento consultare tali dati e in parte anche trattarli. 7) Sistema d informazione per i dati medici (allergie) Scopo, dati, raccolta dei dati, comunicazione dei dati. Il sistema d informazione per i dati medici (allergie) si presenta come un cosiddetto sistema chiuso, che non consente accesso dall esterno (procedura di richiamo). I dati vengono comunicati solo in singoli casi. I destinatari sono il personale responsabile del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest il medico curante o nel caso della diagnostica delle prestazioni le persone competenti per assistere il partecipante. Per il resto, i dati dei partecipanti come avviene in ogni studio medico sono protetti dal segreto professionale medico. Capitolo quinto Attività straordinaria Art. 8 Organizzazione e finanza La gestione del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest è una gestione straordinaria separata dalla gestione generale della Capanna. L utile d esercizio dei Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest saranno accantonati sotto la voce contabile Accantonamenti utili Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. Eventuali perdite d esercizio coperti con la Gestione capanna Pian di Crest. Partecipazione al Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. La partecipazione al campo G+S è aperta a tutti i giovani domiciliati in 8

9 Svizzera. I giovani domiciliati all estero possono partecipare al campo G+S soltanto se sono cittadini svizzeri. Se un campo G+S inizia nell anno civile prima che il bambino compia 10 anni, egli può partecipare a condizione che compia 10 anni durante il campo G+S Non sussiste alcun diritto alla partecipazione dei campi G+S. Nel quadro del numero massimo di partecipanti al campo la guida alpina, il coach, monitore G+S possono ammettere giovani che non adempiono le condizioni di cui sopra. Questi non sono considerati nel calcolo dei contributi G+S e non danno diritto a prestazioni di alcun tipo. I partecipanti devono pagare la Tassa sociale SAV. Luogo di svolgimento Il Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest deve svolgersi in linea di principio al Pian di Crest e nella palestra di arrampicata della SM a Cevio. Obblighi degli organizzatori responsabili. Guida alpina, monitori G+S si assicurano che siano adottate le misure necessarie per garantire la sicurezza e la salute dei partecipanti nonché per impedire incidenti e che tali misure siano rispettate per tutta la durata del corso o del campo o dell allenamento in palestra. Se constatano che i quadri responsabili trascurano il proprio obbligo di vigilanza e assistenza nella realizzazione dell offerta Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest, adottano i provvedimenti che ritengono necessari e informano la SAV. Gli organizzatori responsabili dell offerta Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest informano i partecipanti, i loro rappresentanti legali e i quadri interessati sui possibili rischi correlati allo svolgimento dell attività e richiamano la loro attenzione sull utilità di un assicurazione contro gli infortuni e di responsabilità civile. Iscrizione al Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. L iscrizione avviene con il modulo dati personali (Allegato 1 di questo regolamento). La copia firmata dei dati personali del partecipante vale quale conferma d iscrizione definitiva. Termine di disdetta. Chi dovesse annullare l iscrizione dovrà pagare il 10% del costo del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. Se la disdetta avviene tra 30 e 8 giorni prima del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest la percentuale sarà del 50%; del 100% durante l ultima settimana, a meno che si trovi un subentrante. La disdetta deve avvenire per iscritto. La SAV si riserva il diritto di annullare un Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest in caso di numero insufficiente di partecipanti o per altri motivi. Assicurazioni. 9

10 Le assicurazioni sono a carico del partecipanti. La SAV ed il personale impiegato non si assumono alcuna responsabilità assicurativa. Si raccomanda l adesione alla guardia aerea di salvataggio (REGA) Tassa d iscrizione al campus. La SAV, fissa la tassa d iscrizione. La tassa d iscrizione si bassa sui costi di trasporto (bagagli di andata e ritorno), il vitto e l alloggio, i costi del personale ed il gadget ricordo. La SAV incassa i contributi G+S Il contributo della FAT non riduce i costi per la calcolazione della tassa d iscrizione. Le famiglie che iscrivono più figli partecipanti al Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest beneficiano dei seguenti sconti; dal secondo figlio iscritto una deduzione di CHF 50.- e dal terzo iscritto una ulteriore riduzione di CHF 50.- Capitolo sesto Contributi al personale stabiliti dal Coach (non soggetti ad approvazione del Comitato e dell Assemblea) Art. 9 Contributi A. La SAV versa, in base alle offerte G+S, i contributi che riceve dall UFSPO per lo svolgimento del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. B. I contributi sono concessi se: L offerta G+S è stata annunciata e autorizzata per tempo prima dell inizio; Sono rispettate le disposizione specifiche per lo svolgimento dell offerta G+S; La documentazione contabile è stata inoltrata per tempo dalla SAV dopo la conclusione dell offerta. Con questo regolamento si disciplinano i contributi per il personale del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. A. Contributi per i Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. Importo di base per ogni monitore Importo per ora/partecipante. G+S necessario CHF i CHF 1.- ii B. Contributi per i Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest. Per giornata e partecipante. CHF 8.- iii C. Indenità per guide alpine con attestato professionale federale e riconoscimento G+S. Alla guida alpina, con attestato professionale Federale, viene 10

11 corrisposta un indennità forfettaria giornaliera di CHF al massimo a condizione che: siano attive come monitori G+S nelle discipline sportive alpinismo e sci escursionismo nonché nelle attività all aperto della disciplina arrampicata sportiva e abbiano la responsabilità globale per la sicurezza nelle rispettive attività. D. Indennità alla persona di accompagnamento maggiorenne. iv Alle persone di accompagnamento maggiorenne viene corrisposta un indennità forfettaria per tutta la durata del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest di CHF E. Indennità al cuoco. v Al cuoco viene corrisposta un indennità forfettaria per tutta la durata del Campo G+S di alpinismo e arrampicata Pian di Crest di CHF i L importo di base è calcolato in funzione del numero necessario di monitori G+S per il campo per il quale è ammesso il maggior numero di partecipanti per monitore ingaggiato. ii Le ore iniziate sono arrotondate all unità inferiore iii Contributo di base di calcolo stabilito dal Coach per calcolare la retribuzione del personale responsabile Team Cucina e aiuto cucina. Per quest ultimo contributo di base della metà. iv Considerando che L UFSPO, nel caso di un numero insufficiente di monitori dell attività del campo, di disciplina sportiva B, non è impiegato un numero sufficiente di monitori G+S, tale attività non è considerata ai fini del calcolo per contributi, il Coach inserisce l indennità per la persona di accompagnamento maggiorenne il cui calcolo è basato sull importo per ora/partecipante. v Le indennità del cuoco e aiuto cucina (vedi nota a piè di pagina iii) sono calcolate sull importo per giornata e partecipante (aiuto cucina contributo di base della metà). 11

Il programma di Gioventù+Sport Versione abbreviata

Il programma di Gioventù+Sport Versione abbreviata Il programma di Gioventù+Sport Versione abbreviata UFSPO 2532 Macolin Ufficio federale dello sport UFSPO La filosofia di G+S Il principio direttore di G+S Gioventù+Sport Organizza e promuove uno sport

Dettagli

Guida per lo svolgimento delle offerte G+S dello sport per i bambini (allround)

Guida per lo svolgimento delle offerte G+S dello sport per i bambini (allround) Guida per lo svolgimento delle offerte G+S dello sport per i bambini (allround) Questa guida intende dare a monitori e coach G+S uno sguardo d insieme sulle disposizioni in vigore e presentare una panoramica

Dettagli

Offerta di sport G+S. Definizione dell offerta G+S

Offerta di sport G+S. Definizione dell offerta G+S Guida per lo svolgimento delle offerte con bambini e giovani (gruppo di utenti 4) offerte G+S di cantoni, comuni e delle federazioni sportive nazionali Questa guida intende dare a monitori e coach G+S

Dettagli

Quaderno di campo Sport di campo/trekking

Quaderno di campo Sport di campo/trekking Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin 30.401.310 / Edizione 2003 Quaderno di campo Sport di campo/trekking UFSPO 2532 Macolin La base: la fiducia La fiducia è l elemento

Dettagli

Le associazioni sportive e G+S-Kids

Le associazioni sportive e G+S-Kids Le associazioni sportive e G+S-Kids Le associazioni sportive hanno un ruolo importante e prezioso nello sviluppo di bambini e giovani. Per la vostra associazione sportiva G+S-Kids è una piattaforma per

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12)

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12) 1 «Jacopo Barozzi» REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE, USCITE DIDATTICHE, SOGGIORNI DI STUDIO (Aggiornamento approvato dal Consiglio d Istituto il 25/5/12) Art. 1 FINALITA I viaggi di istruzione devono scaturire

Dettagli

Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia

Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia 861.1 del 9 dicembre 2002 (Stato 1 febbraio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 9 della legge

Dettagli

d e c r e t a : I. Disposizioni generali

d e c r e t a : I. Disposizioni generali 5.1.8.4.4 Regolamento concernente il riconoscimento dei diplomi delle scuole universitarie per i docenti e le docenti del livello prescolastico e del livello elementare (del 10 giugno 1999) La Conferenza

Dettagli

PROCEDURA VIAGGI DI ISTRUZIONE PR.10. ORGANIZZAZIONE VIAGGI DI ISTRUZIONE e VISITE GUIDATE

PROCEDURA VIAGGI DI ISTRUZIONE PR.10. ORGANIZZAZIONE VIAGGI DI ISTRUZIONE e VISITE GUIDATE Pag. 1 di 6 ORGANIZZAZIONE e VISITE GUIDATE REV. MOTIVO REDAZIONE VERIFICA ED APPROVAZIONE 00 Prima edizione Responsabile della Qualità Prof. Fausto Di Palma Firma Dirigente Scolastico Prof. Adriano Di

Dettagli

FAQ per i datori di lavoro

FAQ per i datori di lavoro FAQ per i datori di lavoro - Perché io, imprenditore, dovrei aspettarmi aiuto da un istituzione come l ufficio AI? L ufficio AI si impegna a mantenere o reinserire nel mondo del lavoro le persone diversamente

Dettagli

415.011 Ordinanza del DDPS su programmi e progetti per la promozione dello sport

415.011 Ordinanza del DDPS su programmi e progetti per la promozione dello sport Ordinanza del DDPS su programmi e progetti per la promozione dello sport (OPPSpo) del 25 maggio 2012 (Stato 1 ottobre 2014) Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello

Dettagli

COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI

COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI COMUNE DI SAN POLO DEI CAVALIERI (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.35 del

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce, da sempre a sostegno della pratica motoria

Dettagli

Ordinanza sul collocamento in vista d adozione

Ordinanza sul collocamento in vista d adozione Ordinanza sul collocamento in vista d adozione (OCAdo) del 29 novembre 2002 Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 269c capoverso 3 del Codice civile 1 (CC); visto l articolo 26 della legge federale

Dettagli

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE) 418.01 del 28 novembre 2014 (Stato 1 gennaio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visti

Dettagli

I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano. Allegato n 9

I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano. Allegato n 9 I.I.S.S. Calogero Amato Vetrano Allegato n 9 Regolamento delle visite guidate, visite aziendali, stages, viaggi di istruzione, gemellaggi e scambi culturali o connessi allo svolgimento di attività sportive

Dettagli

S T A T U T I. La stessa riunisce, aiuta e sostiene i suoi membri nella loro attività professionale.

S T A T U T I. La stessa riunisce, aiuta e sostiene i suoi membri nella loro attività professionale. S T A T U T I I. DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA Articolo 1 - Generalità Con il nome dell Associazione Svizzera delle Imprese di Rimozione Amianto e Bonifiche (abbreviato ASIRAB) viene costituita un associazione

Dettagli

Direttive per le escursioni didattiche ed i viaggi scolastici organizzati per gli alunni dei cicli materno e primario delle Scuole Europee

Direttive per le escursioni didattiche ed i viaggi scolastici organizzati per gli alunni dei cicli materno e primario delle Scuole Europee Rif. : 2002-D-54 Orig.: FR Versione : IT Direttive per le escursioni didattiche ed i viaggi scolastici organizzati per gli alunni dei cicli materno e primario delle Scuole Europee Consiglio Superiore delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 19 BOLOGNA Codice Meccanografico: BOIC87800G Codice Fiscale: 91357350379 Sede legale: Via d'azeglio n.

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 19 BOLOGNA Codice Meccanografico: BOIC87800G Codice Fiscale: 91357350379 Sede legale: Via d'azeglio n. ISTITUTO COMPRENSIVO N. 19 BOLOGNA Codice Meccanografico: BOIC87800G Codice Fiscale: 91357350379 Sede legale: Via d'azeglio n. 82, 40123 Bologna ALLEGATO N. 2 REGOLAMENTO VISITE E VIAGGI D ISTRUZIONE SCUOLA

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA

FEDERAZIONE ITALIANA VELA FEDERAZIONE ITALIANA VELA SCUOLE VELA NORMATIVA 2013 - SCUOLE FEDERALI DI VELA (ORGANIZZATE DA AFFILIATI ALLA FIV) - S.V.A. (SCUOLE DI VELA ORGANIZZATE DA ENTI ED ORGANI NON AFFILIATI ALLA FIV) 1 SCUOLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE Art. 1 - Oggetto, finalità, tipologia Per viaggi d istruzione si intendono i viaggi organizzati dalla scuola che presentano come caratteristica essenziale

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

Seminario durata: 1 giorno

Seminario durata: 1 giorno Seminario durata: 1 giorno iso 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia L interpretazione pratica QUALICON Consulenze SA Centro Monda 4 6528 Camorino (Switzerland) Tel +41 91 857 81 33 Fax +41 91 857

Dettagli

Modulo di iscrizione al Summer Camp 2014

Modulo di iscrizione al Summer Camp 2014 Inviare per posta a: Patrizia Pelliccioni International Language School Via Tibullo 16 00193 ROMA Modulo di iscrizione al Summer Camp 2014 dal 29/6/2014 al 05/7/2014 dal 06/7/2013 al 12/07/2014 dal 13/07/2014

Dettagli

Legge federale concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero

Legge federale concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero Legge federale concernente il promovimento dell istruzione dei giovani Svizzeri all estero (LISE) 418.0 del 9 ottobre 1987 (Stato 13 giugno 2006) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004)

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) Ordinanza sulla maturità professionale 412.103.1 del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) L Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (Ufficio federale), visto l articolo

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: voce 4 Oltre il disagio SETTORE e Area di Intervento: voce 5 Settore: Protezione Civile Area di intervento: Ricerca e monitoraggio zone a rischio (04)

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE VISITE GUIDATE E DEI VIAGGI D ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLE VISITE GUIDATE E DEI VIAGGI D ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Via Baranzate n. 8 20026 NOVATE MILANESE (MI) Tel. 02/3564884 Tel. 02/38201592 e fax 02/38202307 C.F. 80129670156 Cod. Mecc. MIIC8DB00D - E-MAIL : MIIC8DB00D@istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ART. 46 DEL REGOLAMENTO D ISTITUTO VIGENTE RIGUARDANTE I VIAGGI D ISTRUZIONE E LE VISITE GUIDATE

INTEGRAZIONE ALL ART. 46 DEL REGOLAMENTO D ISTITUTO VIGENTE RIGUARDANTE I VIAGGI D ISTRUZIONE E LE VISITE GUIDATE INTEGRAZIONE ALL ART. 46 DEL REGOLAMENTO D ISTITUTO VIGENTE RIGUARDANTE I VIAGGI D ISTRUZIONE E LE VISITE GUIDATE Art. 46 - Regolamentazione uscite brevi, visite guidate e viaggi di istruzione La presente

Dettagli

Regolamento del personale

Regolamento del personale Regolamento del personale Valido dal 1 luglio 2008 Basato sull articolo 24 lettera h della legge federale concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni (LA- RE) e l articolo 20

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

Comune di Ancona. p r e s e n t a n o CONCORSO NAZIONALE PER CORTOMETRAGGI ANCONA, DICEMBRE 2006 INFORMAZIONI PRINCIPALI SUL CONCORSO

Comune di Ancona. p r e s e n t a n o CONCORSO NAZIONALE PER CORTOMETRAGGI ANCONA, DICEMBRE 2006 INFORMAZIONI PRINCIPALI SUL CONCORSO Comune di Ancona p r e s e n t a n o CORTO DORICO 2006 CONCORSO NAZIONALE PER CORTOMETRAGGI ANCONA, DICEMBRE 2006 INFORMAZIONI PRINCIPALI SUL CONCORSO Premi Svolgimento Facilitazioni 1.500 Euro + targa

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO 1 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Art. 1 Istituzione

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado triennio 2012/2013 2013/2014 2014/2015 PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce,

Dettagli

TIPOLOGIA DI VIAGGI I viaggi di istruzione comprendono diverse iniziative che si possono così sintetizzare:

TIPOLOGIA DI VIAGGI I viaggi di istruzione comprendono diverse iniziative che si possono così sintetizzare: Alleg.N.8 - Viaggi d istruzione e visite guidate I viaggi di istruzione e le visite guidate sono iniziative didattico-culturali finalizzate ad integrare la normale attività della scuola sia sul piano della

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ATTESTATO D ISCRIZIONE ALL ESAME DI SCORTA TECNICA COMMISSIONE NAZIONALE DIRETTORI DI CORSA E SICUREZZA

CORSO DI FORMAZIONE PER ATTESTATO D ISCRIZIONE ALL ESAME DI SCORTA TECNICA COMMISSIONE NAZIONALE DIRETTORI DI CORSA E SICUREZZA SETTORE STUDI CORSO DI FORMAZIONE PER ATTESTATO D ISCRIZIONE ALL ESAME DI SCORTA TECNICA COMMISSIONE NAZIONALE DIRETTORI DI CORSA E SICUREZZA Nuova Normativa di riferimento approvata dal C.F. del 27-Aprile-2015

Dettagli

NeIl articolo 81 OPSpo ~ sancita labrogazione dellordinanza del 14 giugno 1976 sull educazione tisica neue scuole professionali.

NeIl articolo 81 OPSpo ~ sancita labrogazione dellordinanza del 14 giugno 1976 sull educazione tisica neue scuole professionali. Schweizerische Eidgenossenschaft Dipartimento federale delreconomia, ~ Conföd4ration suisse della fomiazione e della ricerca DEFR Confederazione Svizzera Segreterla di Stato perle tormazione, Confederaziun

Dettagli

Regolamento sulla formazione continua dei docenti

Regolamento sulla formazione continua dei docenti 27/2015 Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi 12 giugno 297 Regolamento sulla formazione continua dei docenti (del 9 giugno 2015) Dipartimento competente Organizzazione e finanziamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CITTADINANZA ATTIVA

REGOLAMENTO PER LA CITTADINANZA ATTIVA COMUNE di CADELBOSCO di SOPRA!" #$!% REGOLAMENTO PER LA CITTADINANZA ATTIVA APPROVATO con Deliberazione C.C. n. 60 del 05/11/2015 ART. 1. - PRINCIPI E FINALITA' 1. Il Comune di Cadelbosco di Sopra (di

Dettagli

Codice deontologico dell Associazione svizzera di Fisioterapia

Codice deontologico dell Associazione svizzera di Fisioterapia Codice deontologico dell Associazione svizzera di Fisioterapia 1. Preambolo Stimati membri, Esercitando la vostra attività professionale vi impegnate ogni giorno per il bene di molte persone. Ne risultano

Dettagli

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE)

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE) Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE) del Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 7 capoverso 3, secondo periodo,

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

Ordinanza della SEFRI 1 sulla formazione professionale di base Coltellinaia/Coltellinaio con attestato federale di capacità (AFC)

Ordinanza della SEFRI 1 sulla formazione professionale di base Coltellinaia/Coltellinaio con attestato federale di capacità (AFC) Ordinanza della SEFRI 1 sulla formazione professionale di base Coltellinaia/Coltellinaio con attestato federale di capacità (AFC) 412.101.221.83 del 18 luglio 2012 (Stato 1 gennaio 2013) 43813 Coltellinaia

Dettagli

Legge federale sulla promozione dello sport e dell attività fisica

Legge federale sulla promozione dello sport e dell attività fisica Legge federale sulla promozione dello sport e dell attività fisica (Legge sulla promozione dello sport, LPSpo) 415.0 del 17 giugno 2011 (Stato 1 ottobre 2012) L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

Ordinanza del DDPS sui cicli di studi di bachelor e di master presso la Scuola universitaria federale dello sport 1

Ordinanza del DDPS sui cicli di studi di bachelor e di master presso la Scuola universitaria federale dello sport 1 Ordinanza del DDPS sui cicli di studi di bachelor e di master presso la Scuola universitaria federale dello sport 1 415.75 del 14 gennaio 2005 (Stato 20 settembre 2010) Il Dipartimento federale della difesa,

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

PIANO USCITE DIDATTICHE 2012-13

PIANO USCITE DIDATTICHE 2012-13 Istituto comprensivo Arbe - Zara Viale Zara n. 96-20125 MILANO - C.F. 80124730153 - Cod. mecc. MIIC8DG00L Milano 026080097 - fax 02 60730936 e-mail : SEGRETERIA : segreteria.arbezara@tiscali.it - DIRIGENTE

Dettagli

MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16)

MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16) MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16) I CONTRIBUTI NON DEVONO RIGUARDARE L ATTIVITA ORDINARIA DEL SOGGETTO PROPONENTE. Per attività ordinaria a titolo esemplificativo

Dettagli

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili Informazioni per gli assistiti Indice Sommario... 3 Controllo della qualità 3 La verifica 3 Commenti degli assistiti 3 Esiti 3

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Parma, 07 aprile 2016 Al Dirigente Scolastico Ai Referenti dell Orientamento Oggetto: Proposta di Stage di Orientamento di Matematica presso il Dipartimento di Matematica e Informatica, Campus Universitario

Dettagli

REGOLAMENTO INSEGNANTI CIK. Premessa

REGOLAMENTO INSEGNANTI CIK. Premessa Formazione Insegnanti REGOLAMENTO INSEGNANTI Premessa Il presente regolamento, così come il Formazione Insegnanti del 2003, sono stati emanati in conformità all accordo di collaborazione in essere tra

Dettagli

Formazione. Il presente documento illustra i vari livelli di formazione, le funzioni nonché i relativi requisiti legati alla formazione.

Formazione. Il presente documento illustra i vari livelli di formazione, le funzioni nonché i relativi requisiti legati alla formazione. Formazione La formazione di tutte le persone che partecipano alle operazioni di salvataggio in montagna e la rispettiva organizzazione fanno parte dei compiti principali del Soccorso Alpino Svizzero. Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE Indice: Art./Capo Titolo Pagina I Disposizioni generali

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO Sommario ART. 1... 3 ART. 2... 3 ART. 3 - ATTRIBUZIONI... 3 ART. 4 - COMPOSIZIONE... 3 ART.

Dettagli

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP. C.A.S.P. - Centri Avviamento Sport Paralimpico ANNO SPORTIVO 2010/2011

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP. C.A.S.P. - Centri Avviamento Sport Paralimpico ANNO SPORTIVO 2010/2011 ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP Il Comitato Italiano Paralimpico continuerà, anche in futuro, ad avere una competenza diretta su tutta l attività di avviamento allo sport. La gestione delle attività

Dettagli

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV)

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) 4.3.3.1.5. Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) del 10 giugno 1999 1. Statuto Le scuole universitarie d arti visive 1 e d arti applicate (SUAAV) rientrano nella

Dettagli

Sostegno e Accompagnamento Educativo

Sostegno e Accompagnamento Educativo Sostegno e Accompagnamento Educativo 1. Definizione La prestazione sostegno e accompagnamento educativo consiste nel fornire sia un supporto e una consulenza ai genitori nello svolgimento della loro funzione

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Operatrice socioassistenziale/operatore socioassistenziale del 16 giugno 2005 94303 Operatrice socioassistenziale/operatore socioassistenziale Fachfrau

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev)

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev) Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute (Legge sulla prevenzione, LPrev) del L'Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 117 capoverso 1 e 118 capoverso

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

EDIZIONE 2015. Condizioni di partecipazione programma di bonus BENEVITA. PER LA MIGLIORE MEDICINA.

EDIZIONE 2015. Condizioni di partecipazione programma di bonus BENEVITA. PER LA MIGLIORE MEDICINA. EDIZIONE 2015 Condizioni di partecipazione programma di bonus BENEVITA. PER LA MIGLIORE MEDICINA. Informazione per i clienti del programma di bonus BENEVITA. Qui di seguito le forniamo brevi e comprensibili

Dettagli

Creare e organizzare una rete di aziende formatrici

Creare e organizzare una rete di aziende formatrici Promemoria 20 Creare e organizzare una rete di aziende formatrici Di cosa bisogna tenere conto quando si organizza una rete di aziende formatrici? Esistono molti esempi di reti di aziende formatrici create

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE INDICE INDICE...1 Articolo 1 - Denominazione e sede...2 Articolo 2 Durata...2 Articolo 3 Finalità ed attività...2 Articolo 4 Requisiti dei volontari...3 Articolo 5 Diritti dei volontari...3 Articolo 6

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità (AFC) del 30 ottobre 2009 30905 Costruttrice di modelli e stampi AFC/ Costruttore di modelli e stampi AFC Formenbauerin

Dettagli

STATUTI. Nota: le definizioni di funzioni formulate al genere maschile si possono intendere anche al femminile

STATUTI. Nota: le definizioni di funzioni formulate al genere maschile si possono intendere anche al femminile STATUTI Nota: le definizioni di funzioni formulate al genere maschile si possono intendere anche al femminile Accettato dall Assemblea Generale del 19 marzo 2005 Statuti ASPT Pagina 2 I. Scopi e obiettivi

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL SERVIZIO CIVICO VOLONTARIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL SERVIZIO CIVICO VOLONTARIO COMUNALE Comune di GIOIOSA JONICA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL SERVIZIO CIVICO VOLONTARIO COMUNALE Approvato con Delibera C.C. n. 10 del 21/05/2014 INDICE PREMESSA Art. 1 - DEFINIZIONE

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

Sezione 1: Oggetto e durata. del 4 febbraio 2014 (Stato 1 gennaio 2015)

Sezione 1: Oggetto e durata. del 4 febbraio 2014 (Stato 1 gennaio 2015) Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Autista di veicoli leggeri con certificato federale di formazione pratica (CFP) del 4 febbraio 2014 (Stato 1 gennaio 2015) 73305 Autista di

Dettagli

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008)

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) Legge federale sulla politica regionale 901.0 del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il

Dettagli

Regolamento d esame. Patrocinio: veb.ch, Società svizzera degli impiegati del commercio. Valido dall esame di ottobre 2016

Regolamento d esame. Patrocinio: veb.ch, Società svizzera degli impiegati del commercio. Valido dall esame di ottobre 2016 Collaboratore/collaboratrice qualificato/a della contabilità Collaboratore/collaboratrice qualificato/a fiduciario Collaboratore/collaboratrice qualificato/a fiscale edupool.ch Patrocinio: veb.ch, Società

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Operatrice sociosanitaria/ con attestato federale di capacità (AFC) del 13 novembre 2008 86911 Operatrice sociosanitaria AFC/ Operatore sociosanitario

Dettagli

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ;

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È SEMPLICITÀ; IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO

Dettagli

Regolamento Accompagnatori Escursionistici Volontari (AEV) ed Accompagnatori semplici volontari (Acc)

Regolamento Accompagnatori Escursionistici Volontari (AEV) ed Accompagnatori semplici volontari (Acc) Atto n. 02/2010 Regolamento Accompagnatori Escursionistici Volontari (AEV) ed Accompagnatori semplici volontari (Acc) Indice 1. PREMESSA... 1 2. RAPPORTO TRA GLI ACCOMPAGNATORI E LA FEDERAZIONE... 1 3.

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE Premessa I viaggi d istruzione e le visite guidate, intesi quali strumenti per collegare l esperienza scolastica all ambiente esterno nei suoi aspetti

Dettagli

Corso Avanzato di Scialpinismo SA2 2016

Corso Avanzato di Scialpinismo SA2 2016 Corso Avanzato di Scialpinismo SA2 2016 La Scuola di Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera Franco Alletto della Sezione de CAI di Roma organizza il corso avanzato di scialpinismo che si svolgerà

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE Il rispetto delle regole si rende necessario anche all esterno della scuola, in particolare durante le uscite scolastiche che costituiscono per gli

Dettagli

412.106.141 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente il personale dell Istituto universitario federale per la formazione professionale

412.106.141 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente il personale dell Istituto universitario federale per la formazione professionale Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente il personale dell Istituto universitario federale per la formazione professionale (Regolamento del personale IUFFP) del 22 settembre 2006 (Stato 27 dicembre

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità (AFC) del 21 aprile 2009 31604 Doratrice corniciaia AFC/Doratore corniciaio AFC Vergolderin-Einrahmerin EFZ/Vergolder-Einrahmer

Dettagli

Associazione provinciale di soccorso Croce Bianca ONLUS Regolamento del Gruppo Giovani

Associazione provinciale di soccorso Croce Bianca ONLUS Regolamento del Gruppo Giovani Associazione provinciale di soccorso Croce Bianca ONLUS Regolamento del Gruppo Giovani Versione: 07/02/2008 Alcune denominazioni in questo regolamento sono state scritte in forma maschile, ma valgono anche

Dettagli

Documenti per i corsi

Documenti per i corsi Descrizione dell offerta Applicazione della formazione professionale di base Documenti per i corsi inter a ziendali (CI): Corsi interaziendali progr amma di forma zione per i corsi inter a ziendali, controlli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALBENGA 2 REGOLAMENTO VISITE GUIDATE E VIAGGI DI ISTRUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO ALBENGA 2 REGOLAMENTO VISITE GUIDATE E VIAGGI DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO ALBENGA 2 REGOLAMENTO VISITE GUIDATE E VIAGGI DI ISTRUZIONE Premessa 1.1 Le visite guidate e i viaggi di istruzione si configurano come esperienze di crescita personale e di apprendimento

Dettagli

Gestione della Scuola Comunale di Nuoto e di Ginnastica IMPIANTO POLIVALENTE ARBOSTELLA Regolamento

Gestione della Scuola Comunale di Nuoto e di Ginnastica IMPIANTO POLIVALENTE ARBOSTELLA Regolamento Comune di Salerno SETTORE IMPIANTI-MANUTENZIONI Gestione della Scuola Comunale di Nuoto e di Ginnastica IMPIANTO POLIVALENTE ARBOSTELLA Regolamento Allegato f) al Capitolato Speciale per l affidamento

Dettagli

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale Percorso formativo nell ambito del progetto Educazione alla legalità Attività formative di accompagnamento in attuazione della l.r. 2/ 2011: Azioni orientate verso l educazione alla legalità Comunicare

Dettagli

Gestione della Scuola Comunale di Nuoto

Gestione della Scuola Comunale di Nuoto Comune di Salerno SETTORE TRASPORTI-VIABILITÀ-IMPIANTI-MANUTENZIONI Gestione della Scuola Comunale di Nuoto IMPIANTO NATATORIO NICODEMI Regolamento Allegato al Capitolato Speciale dei servizi di gestione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO PER LE ATTIVITÀ EXTRASCOLASTICHE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO PER LE ATTIVITÀ EXTRASCOLASTICHE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO PER LE ATTIVITÀ EXTRASCOLASTICHE Sommario Art. 1 Base legale e scopo... 3 Art. 2 Definizione dei servizi offerti... 3 Art. 3 Organizzazione... 3 Art. 4 Condizioni e requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO AL PERFEZIONAMENTO PROFESSIONALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO RELATIVO AL PERFEZIONAMENTO PROFESSIONALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO RELATIVO AL PERFEZIONAMENTO PROFESSIONALE DEGLI 1. BASI LEGALI Legge scolastica cantonale 1.03.01 Ordinanza relativa alla legge scolastica 5.09.01 Istruzioni relative al perfezionamento professionale

Dettagli

RURALIADI: OLIMPIADI DELLA RURALITA 2015 REGOLAMENTO GENERALE

RURALIADI: OLIMPIADI DELLA RURALITA 2015 REGOLAMENTO GENERALE RURALIADI: OLIMPIADI DELLA RURALITA 2015 REGOLAMENTO GENERALE Art. 1 - I GIOCHI E L'ORGANIZZAZIONE Il Gal CSR Marmo Melandro promuove Le Ruraliadi: Olimpiadi della ruralità nel Marmo Melandro, evento/manifestazione

Dettagli