Vietata la copia non autorizzata: tutti i diritti del produttore e il materiale sono riservati. Solo per uso privato. Il materiale contenuto in

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vietata la copia non autorizzata: tutti i diritti del produttore e il materiale sono riservati. Solo per uso privato. Il materiale contenuto in"

Transcript

1 Vietata la copia non autorizzata: tutti i diritti del produttore e il materiale sono riservati. Solo per uso privato. Il materiale contenuto in questo file è ad uso esclusivo dei partecipanti al corso ECM residenziale tenutosi il 12 ottobre Ogni altro uso (uso in pubblico e diffusione) è strettamente proibito senza il permesso esplicito del produttore

2 La Gestione del Tromboembolismo Venoso: Confronto tra Farmaci Classici e Nuove Prospettive Terapeutiche Franco Piovella S.C. ANGIOLOGIA - MALATTIE TROMBOEMBOLICHE Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo Pavia

3 Tromboembolismo Venoso Malattie Tromboemboliche - Pavia

4 Il Trattamento del TEV, 2010 UFH (e.v.( e.v.,, s.c., s.c. a dosi fisse) EBPM Fondaparinux Trombolisi Antagonisti della vitamina K INR Trattamento a lungo termine 5 giorni almeno tre mesi INR oppure: INR Trattamento esteso indefinito* * Con rivalutazione del rapporto rischio/beneficio individuale ad intervalli periodici

5 Obiettivi del Trattamento Scopo del trattamento anticoagulante iniziale Eliminare la generazione di trombina Prevenire la estensione del trombo Prevenire l embolia polmonare e le recidive fatali Trattamento a lungo termine 5 giorni almeno tre mesi Trattamento esteso indefinito*

6 Obiettivi del Trattamento Scopo del trattamento anticoagulante a lungo termine Stabilizzare il trombo Prevenire le recidive precoci Trattamento a lungo termine 5 giorni almeno tre mesi Trattamento esteso indefinito*

7 Obiettivi del Trattamento Scopo del trattamento anticoagulante esteso Prevenire le recidive tardive ed i nuovi episodi non correlati all evento iniziale Trattamento a lungo termine 5 giorni almeno tre mesi Trattamento esteso indefinito*

8 Bersagli dei i Farmaci Anticoagulanti Via Intrinseca (attivazione da contatto) Via Estrinseca (danno tissutale) XII XIIa Tissue factor XI XIa IX IXa VIIa VII VIII VIIIa X Xa V Va II Fibrinogeno IIa (Trombina) Fibrina

9 Bersagli dei i Farmaci Anticoagulanti Via Intrinseca (attivazione da contatto) Via Estrinseca (danno tissutale) XII XIIa Tissue factor XI XIa IX IXa VIIa VII VIII VIIIa Eparina X Xa V Va II Fibrinogeno IIa (Trombina) Fibrina

10 Bersagli dei i Farmaci Anticoagulanti Via Intrinseca (attivazione da contatto) Via Estrinseca (danno tissutale) XII XIIa Tissue factor XI XIa IX IXa VIIa VII VIII VIIIa Eparina Antagonisti della Vitamina K X V Va Xa II Fibrinogeno IIa (Trombina) Fibrina

11 Bersagli dei i Farmaci Anticoagulanti Via Intrinseca (attivazione da contatto) Via Estrinseca (danno tissutale) XII XIIa Tissue factor XI XIa IX IXa VIIa VII VIII VIIIa Eparine e LMWH Antagonisti della Vitamina K X V Va Xa II Fibrinogeno IIa (Trombina) Fibrina

12 Bersagli dei i Farmaci Anticoagulanti Via Intrinseca (attivazione da contatto) Via Estrinseca (danno tissutale) XII XIIa Tissue factor XI XIa IX IXa VIIa VII VIII VIIIa Eparine e LMWH Antagonisti della Vitamina K X V Va Xa Inibitori diretti della trombina II IIa (Trombina) Fibrinogeno Fibrina

13 Bersagli dei i Farmaci Anticoagulanti Via Intrinseca (attivazione da contatto) Via Estrinseca (danno tissutale) XII XIIa Tissue factor XI XIa IX IXa VIIa VII VIII VIIIa Eparine e LMWH Antagonisti della Vitamina K X V Va Xa Inibitori diretti della Trombina II IIa (Trombina) Inibitori del Fattore Xa Fibrinogeno Fibrina

14 Prevention of DVT in Orthopaedic Surgery ve Hip Replacement - Data Obtained with Venogr Prophylaxis n n of Studies % Tot. DVT RRR, % % Prox. DVT RRR, % (95%C.I.) (95%C.I.) Controls (n.t.) (50-58) 58) (23-31) 31) - El. Stockings (36 Aspirin (35 LD Heparin (27 Warfarin (20 IPC (17 Rec. Hirudin ( (21 45) (8 33) (17 24) (4 24) ( (3 (36-48) 23 (35-45) (27-33) (20-24) (17-24) (14-19) 19) 70 Danaparoid (12-19) 19) (2 AD Heparin (10-19) (7 19) 74 (21-31) 4 (8-16) 57 (17-22) 27 (4-6) 80 (11-17) 17) 48 (3-5) (2-6) 85 (7-14) 62 ACCP Consensus 2008

15 Prevention of DVT in Orthopaedic Surgery ve Hip Replacement - Data Obtained with Venogr Prophylaxis n n of Studies % Tot. DVT RRR, % % Prox. DVT RRR, % (95%C.I.) (95%C.I.) Controls (n.t.) (50-58) 58) (23-31) 31) - El. Stockings (36-48) (21 Aspirin (35-45) (8 LD Heparin (27-33) (17 Warfarin (20-24) 24) (4 IPC (17-24) (11 Rec. Hirudin (14-19) 19) (3 LMWH (15-17) 17) (5 Danaparoid (12-19) 19) (2 AD Heparin (10-19) (7 19) 74 (21-31) 4 (8-16) 57 (17-22) 27 (4-6) 80 (11-17) 17) 48 (3-5) 85 (5-7) 78 (2-6) 85 (7-14) 62 ACCP Consensus 2008

16 L EPARINA A BASSO PESO MOLECOLARE NEL TRATTAMENTO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA UFH (n) LMWH (n) p 95% C.I. Prandoni et al. 14% (85) 7% (85) p= % 1992 Emorr.. Maggiori 3.5% 0.1% p>0.2 Hull et al. 6.9% (219) 2.8% (213) p< % 1992 Emorr.. Maggiori 5% 0.5% p=0.006 Malattie Tromboemboliche - Pavia

17 Koopman MMW, Prandoni P, Piovella F, et al. Treatment of venous thrombosis with intravenous unfractionated heparin administered in the hospital as compared with subcutaneous low-molecular molecular-weight heparin administered at home Tasman Study N Engl J Med 1996;334:682-7 Levine M, Gent M, Hirsh J, et al. A comparison of low-molecular molecular-weight heparin administered primarily at home with unfractionated heparin administered in the hospital for proximal deep-vein thrombosis Canadian Study N Engl J Med 1996;334:677-81

18 Home treatment of DVT with LMWHs is as effective and safe as in-hospital UFH The TASMAN study 6.9% 8.6% 6.9% 8.1% Nadroparin UFH 0.5% 2.0% % VTE recurrence Major bleeding Overall mortality Koopman MWM, Prandoni P, Piovella F., et al. N Engl J Med 1996;334:682 7.

19 The Columbus Investigators Low-molecular molecular-weight heparin in the treatment of patients with venous thromboembolism Columbus Study N Engl J Med 1997;337: Simonneau G, Sors H, Charbonnier B, et al. A comparison of low-molecular molecular-weight heparin with unfractionated heparin for acute pulmonary embolism Thésée Study N Engl J Med 1997;337:663-9

20 COLUMBUS and THÉSÉE E studies. Main results COLUMBUS THÉSÉE LMWH UFH LMWH UFH (n=510) (n=511) (n=304) (n=308) Recurrent VTE 27 (5.3%) 25 (4.9%) 5 (1.6%) 6 (1.9%) Major bleeding 16 (3.1%) 12 (2.3%) 6 (2.0%) 8 (2.6%) Mortality 36 (7.1%) 39 (7.6%) 12 (3.9%) 14 (4.5%) Columbus Study N Engl J Med 1997;337: Thésée e Study N Engl J Med 1997;337:663-9

21 Recurrent symptomatic VTE, major bleeding and mortality at three months summary of two meta-analyses analyses in deep vein thrombosis and pulmonary embolism Low Molecular Unfractionated Odds Ratio Weight Heparin Heparin (95% CI) Deep Vein Trombosis Recurrent VTE 86/1998 (4.3%) 113/2021 (5.6%) 0.75 ( ) Major bleeding 30/2353 (1.3%) 51/2401 (2.1%) 0.60 ( ) Mortality 135/2108 (6.4%) 172/2137 (8.0%) 0.78 ( ) Pulmonary Embolism Recurrent VTE 30/988 (3.0%) 39/895 (4.4%) 0.68 ( ) Major bleeding 14/1023 (1.4%) 21/928 (2.3%) 0.67 ( ) Mortality 46/988 (4.7%) 55/895 (6.1%) 0.77 ( ) A. van den Belt et al. 2002, The Cochrane Library D. Quinlan et al. 2004, Ann Intern Med

22 Anticoagulants in Development TFPI (tifacogin) NAPc2 X TF/VIIa VIIIa IXa IX TTP889 APC (drotrecogin alfa) stm (ART-123) Oral Dabigatran Xa II Va Oral Rivaroxaban Apixaban Edoxaban Betrixaban YM150 Fibrinogen IIa Fibrin Parenteral Fondaparinux Idraparinux Biotinylated idraparinux Adapted from Bates Br J Haematol 2006

23 Fondaparinux Description * fully synthetic * potent and indirect selective Xa inhibitor Clinical evaluation * prevention VTE after orthopaedic surgery * treatment of established VTE * treatment of acute coronary syndromes

24 Heparins Fondaparinux Long chains capture other factors as thrombin Pentasaccharide sequence thrombin trombina Arg Lys Arg factor Xa AT Malattie Tromboemboliche - Pavia

25 Il Fondaparinux nella prevenzione del TEV in chirurgia ortopedica Studi di fase III - efficacia Chirurgia Ortopedica Maggiore Anca PENTATHLON 2000 (N.A.) Ginocchio PENTAMAKS (N.A.) Anca EPHESUS (EU) Frattura PENTHIFRA (EU) Fondaparinux meglio Enoxaparina meglio Exact 95% CI Anca EPHESUS N = % [72.9; 37.5] Anca PENTATHLON 2000 N = % [52.2; 7.6] Frattura PENTHIFRA N = % [73.4; 45.0] Ginocchio PENTAMAKS N = % [75.5; 44.8] Overall odds reduction % odds reduction 55.3% P = [63.2; 45.8]

26 Linee guida ACCP Seventh ACCP Conference on Antithrombotic and Thrombolytic Therapy Ai pazienti sottoposti ad artroprotesi elettiva d anca o di ginocchio dovrebbe essere prescritta una delle seguenti profilassi: LMWH (grado 1A) Fondaparinux (grado 1A) AVK con target INR = 2.5 (grado 1A) Patients undergoing hip fracture surgery should receive either: Fondaparinux (grado 1A) LMWH (grado 1C+) AVK con target INR = 2.5 (grado 2B) Eparina NF a basse dosi (grado 1B) Profilassi antitrombotica per almeno 10 giorni (grado 1A), estesa a giorni per protesi d anca e chirurgia per frattura d anca Chest 2004; 126 (3 Suppl): 163S-696S 696S

27 Gli Studi Matisse

28 Outcome Primario di Efficacia MATISSE PE 1 Fondaparinux (n=1,103) UFH (n=1,110) EP fatale 16 (1.5%) 15 (1.4%) EP non fatale o TVP 26 (2.4%) 41 (3.6%) Recidive di TEV totali sintomatiche 42 (3.8%) 56 (5.0%) -3.0% -1.2% 0 0.5% Δ=3.5% Fondaparinux - UFH (95% CI) MATISSE DVT 2 Fondaparinux (n=1,098) LMWH (n=1,107) EP fatale 5 (0.5%) 5 (0.5%) EP non fatale o TVP 38 (3.5%) 40 (3.6%) Recidive di TEV totali sintomatiche 43 (3.9%) 45 (4.1%) -1.8% 0 1.5% -0.15% Fondaparinux - LMWH (95% CI) Δ=3.5% 1. The Matisse Investigators. N Engl J Med, The Matisse Investigators. Ann Intern Med, 2004 Malattie Tromboemboliche - Pavia

29 MATISSE PE 1 Outcome Primario di Sicurezza: Trattamento Iniziale Fondaparinux 1.3% 3.2% 4.5 % UFH 1.1% 5.2% 6.3 % 0% 2% 4% 6% 8% MATISSE DVT 2 Emorr. maggiore Emorr.. non-maggiore maggiore, clinicamente rilevante Fondaparinux 1.1% 2.6% 3.7% LMWH 1.2% 3.0% 4.2% 0% 2% 4% 6% 8% 1. The Matisse Investigators. N Engl J Med, The Matisse Investigators. Ann Intern Med, 2004 Malattie Tromboemboliche - Pavia

30 Malattie Tromboemboliche - Pavia

31 Treatment of VTE Initial treatment 5 to 7 days LMWH or Fondaparinux or UFH Long-term therapy > 3 months Vitamin K antagonist (INR ) Malattie Tromboemboliche - Pavia

32 Decousus H, Prandoni P, Mismetti P, et al. Fondaparinux for the treatment of Superficial Vein Thrombosis N Engl J Med 2010; 363:

33 Study Design Primary Efficacy Outcome: Symptomatic Thromboembolic Complications/Death Randomization Double-blind treatment during 45 days Follow-up Fondaparinux 2.5 mg od n=1501 Elastic stockings, topical NSAIDs and pain killers allowed Day 45±2 Day 75±2 Placebo n=1501 Malattie Tromboemboliche - Pavia

34 Primary Efficacy Outcome (Day 47) Symptomatic Thromboembolic Complications/ Death (%) % n=13 RRR 85.2% (95% CI= 73.7 to 91.7) p<0.001 Fondaparinux 2.5 mg 5.9% n=88 Placebo Primary efficacy outcome: Symptomatic PE, DVT, Extension of the initial SVT, Recurrent SVT, All-cause death

35 Conclusion Once-daily fondaparinux 2.5 mg for 45 days is effective, well tolerated and widely applicable for the treatment of patients with symptomatic lower-limb SVT without concomitant DVT/PE at inclusion The benefit of fondaparinux persists beyond the end of treatment Malattie Tromboemboliche - Pavia

36 POTENTIAL VTE MANAGEMENT LANDSCAPE Agent Half life (hrs) Bioavailability Elimination Dosing/Class Prodrug Antidote IDRA(biota)PARINUX % renal once weekly s.c. indirect axa DABIGATRAN % 80% renal q.d. oral direct T.I. RIVAROXABAN 5-13 >80% 1/3 renal 2/3 hepatic APIXABAN %-85% (in canine) 25% renal 70% hepatic EDOXABAN 7-14 NA 1/3 renal 2/3 hepatic b.i.d./q.d. oral direct axa b.i.d. oral direct axa q.d. oral direct axa No Yes No No No Yes No No No No

37 New drugs. New regimens. Why? Warfarin is the most commonly used oral anticoagulant, but problems with both low and high international normalized ratios (INRs)) and issues with adherence have been reported. Warfarin is the second most common drug, after insulin, implicated in adverse events (AE) treated in emergency departments,, representing an estimated 6.2% of annual AE cases, insulin representing 8%. 8 Budnitz DS, et al. J Am Med Assoc 2006; 296: In addition, the Food and Drug Administration (FDA) has recently requested a label update to upgrade the warning of the risk of major or fatal bleeding in patients receiving warfarin, to a black-box box warning U.S. Food and Drug Administration Safety alerts for drugs, biologics, medical devices, and dietary supplements. October 6, Available at: medwatch/safety/2006/safety06.

38 New drugs. New regimens. Why? The anticoagulant effect of warfarin appears to be affected by interactions with at least 120 foods and drugs Holbrook AM, et al. Arch Intern Med2005; 165: A number of new anticoagulant agents are under investigation or have recently been approved, some of which reduce the problems with out-of of-range INRs,, and may also offer improved pharmacodynamic properties.

39 The ideal anticoagulant...versus currently available agents Oral Fixed dosing Rapid onset/ offset Predictable response No routine coagulation monitoring No food/drug interactions No thrombocytopenia No accumulation if renal impairment IDEAL LMWH Heparin Fondaparinux Warfarin

40 Anticoagulants in Development TFPI (tifacogin) NAPc2 X TF/VIIa VIIIa IXa IX TTP889 APC (drotrecogin alfa) stm (ART-123) Oral Dabigatran Xa II Va Oral Rivaroxaban Apixaban Edoxaban Betrixaban YM150 Fibrinogen IIa Fibrin Parenteral Fondaparinux Idraparinux Biotinylated idraparinux Adapted from Bates Br J Haematol 2006

41 DABIGATRAN ETEXILATE (Pradaxa( Pradaxa ) Dabigatran etexilate is an oral direct thrombin inhibitor exhibiting: Predictable anticoagulant effect 1-3 Fixed dose: - No adjustment to body weight etc. Acts on clot bound and free thrombin Fast onset and offset Dabigatran etexilate is the pro-drug of the active compound dabigatran, which binds directly to thrombin with a high affinity and specificity Eriksson BI et al. Journal of Thrombosis and Haemostasis 2004; 2: Eriksson BI et al. Journal of Thrombosis and Haemostasis 2005; 3: Wallentin L et al. European Heart Journal 2005; 26(suppl): Stassen JM et al. 28th Congress of the International Society on Thrombosis and Haemostasis; Paris July 6-12, Hauel NH et al. J Med Chem 2002; 45: Malattie Tromboemboliche - Pavia

42 RE-VOLUTION - Trial Program Overview More than 36,000 patients involved Malattie Tromboemboliche - Pavia

43 Dabigatran Clinical Program: REVOLUTION Phase III Studies in VTE Prophylaxis After THR/TKR Start evening before surgery* or hours post-operatively # Enoxaparin 40 mg QD* OR 30 mg BID # R Start 1-4 hours* or 6-12 hours # post-operatively Venography Within 12 hours of last dose Follow-up weeks Dabigatran etexilate 75 / 150 mg QD Dabigatran etexilate 110 / 220 mg QD *RE-MODEL and RE-NOVATE # RE-MOBILIZE Design: Non-Inferiority in Modified Intention-To-Treat Population Study RE-MODEL RE-NOVATE RE-MOBILIZE Therapy Duration Enoxaparin Dose (mg) Knee 6-10 days 40 QD Hip days 40 QD Knee days 30 BID Eriksson et al J Thromb Haemost 2007; Eriksson et al Lancet 2007; Ginsberg et al J Arthroplast. 2008

44 Dabigatran etexilate versus enoxaparin for prevention of venous thromboembolism after total hip replacement: a randomised, double-blind, blind, non-inferiority trial. Eriksson BI, Dahl OE, Rosencher N, Kurth AA, van Dijk CN, Frostick SP, Prins MH, Hettiarachchi R, Hantel S, Schnee J, Büller HR; RE-NOVATE Study Group Lancet 2007; 370:

45 Primary Efficacy Outcome Endpoint Dabigatran etexilate 220 mg 150 mg N= 880 N=874 Enoxaparin N=897 Total VTE and all cause mortality - % Absolute Difference versus Enoxaparin - % (95% CI) (-2.9, 1.6) 1.9 (-1.6, 4.4) - P-value for non-inferiority <0.05 <0.05 Eriksson BI et al. Lancet 2007;370:949-56

46 Bleeding Outcomes End point Dabigatran etexilate 220 mg 150 mg N= 1116 N=1123 Enoxaparin N=1122 Major Bleeding (%) Major Bleeding Plus Clinically Relevant Bleeding (%) Any Bleeding (%) Eriksson BI et al. Lancet 2007;370:949-56

47 Oral dabigatran etexilate vs. subcutaneous enoxaparin for the prevention ofvenous thromboembolism after total knee replacement: : the RE-MODEL randomized trial. Eriksson BI, Dahl OE, Rosencher N, Kurth AA, van Dijk CN, Frostick SP, Kälebo P, Christiansen AV, Hantel S, Hettiarachchi R, Schnee J, Büller HR; RE-MODEL Study Group. J Thromb Haemost ; 5:2175-7

48 Primary Efficacy Outcome Dabigatran etexilate 220 mg N= mg N=526 Enoxaparin N=512 Total VTE and all cause mortality - % Absolute Difference versus Enoxaparin - % (95% CI) -1.3 (-7.3, 4.6) 2.8 (-3.1, 8.7) - P-value for non-inferiority <0.05 <0.05 Eriksson BI et al. J Thromb Haemost 2007; 5:2175-7

49 Bleeding Outcomes End point Dabigatran etexilate (%) 220 mg 150 mg N= 679 N=703 Enoxaparin (%) N=694 Major Bleeding* Major Bleeding Plus Clinically Relevant Bleeding Any Bleeding *No fatal bleeding, one critical organ bleed in each of the dabigatran dose groups Eriksson BI et al. J Thromb Haemost 2007; 5:2175-7

50 Conclusions Results of RE-NOVATE and RE-MODEL MODEL: Both doses of dabigatran proved efficacious and comparable to enoxaparin for the prevention of major VTE in orthopedic surgery. Showed a low rate of bleeding, comparable with enoxaparin Showed no difference in ACS events or liver enzyme changes in either of the dabigatran etexilate doses compared to enoxaparin Offered fixed oral dosing without coagulation monitoring

51 Dabigatran versus Warfarin in the Treatment of Acute Venous Thromboembolism The Re-Cover Study 10 Efficacy Endpoints % 30/ % 27/1265 Dabigatran Warfarin 2 0 VTE Schulman S, Kearon C, Kakkar AK et al N Engl J Med. 2009; 361:

52 Dabigatran versus Warfarin in the Treatment of Acute Venous Thromboembolism The Re-Cover Study 25 Safety Endpoints 21.9% (277/1274) % (205/1274) % 1.6% (24/1265) (20/1274) Dabigatran Warfarin 0 Major bleedings Any bleeding Schulman S, Kearon C, Kakkar AK et al. N Engl J Med. 2009; 361:

53 Rivaroxaban (Xarelto ) Oral Direct, specific, competitive FXa inhibitor Inhibits free and fibrin- bound FXa activity, and prothrombinase activity Effective anticoagulant Inhibits thrombin generation acts earlier in the coagulation cascade No direct effect on platelet aggregation Effects can potentially be reversed by recombinant Factor VIIa,, if required O O N N O H N O Rivaroxaban O S Cl Perzborn et al., J Thromb Haemost 2005; Pathophysiol Haemost Thromb 2004; Depasse et al., J Thromb Hameost 2005;Kubitza et al., Clin Pharmacol Ther 2005; Br J Clin Pharmacol 2007; Eur J Clin Pharmacol 2005; Graff et al., J Clin Pharmacol 2007; Fareed et al., J Thromb Haemost 2005; Tinel et al., Blood 2006

54 Clinical programme overview: 50,000 patients to be enrolled VTE prevention after major orthopaedic surgery VTE prevention in hospitalized medically ill patients VTE treatment Stroke prevention in atrial fibrillation Secondary prevention of acute coronary syndromes Phase II ODIXa-HIP1 ODIXa-HIP2 ODIXa-KNEE ODIXa-OD-HIP ODIXa-DVT EINSTEIN-DVT Phase III RECORD1 RECORD2 RECORD3 RECORD4 EINSTEIN-DVT EINSTEIN-PE EINSTEIN-EXT Japanese Phase III study

55 RECORD: Rivaroxaban Phase III Studies in VTE Prophylaxis After THR/TKR R S U R G E R Y Rivaroxaban 10 mg QD 6 8 hours post-surgery Enoxaparin Mandatory bilateral venography F O LL O W U P Evening before surgery* Day 1 Or hours post-surgery # Last dose, day before venography *RECORD1, 2 and 3 # RECORD hours post-surgery followed by oral placebo for 3 weeks Study Therapy Duration (weeks) Rivaroxaban Enoxaparin Enoxaparin Dose (mg) RECORD1 Hip QD RECORD2 Hip QD RECORD3 Knee QD RECORD4 Knee BID DESIGN: RECORD 1, 3, and 4 Non-Inferiority in per-protocol population Superiority in modified intention-to-treat population RECORD 2 Superiority in modified intention-to-treat population Eriksson et al. New Engl J Med 2008; Kakkar et al. Lancet 2008; Lassen et al. New Engl J Med 2008; Turpie

56 Primary Efficacy Outcome: Total VTE or All- Cause Mortality RRR = 49% ARD = 9.2% ( 12.4, 5.9) p<0.001 Enoxaparin Rivaroxaban RRR = 78% ARD = 7.3% ( 9.4, 5.2) p< RRR = 31% ARD = 3.19% ( 5.67, 0.71) p<0.012 RRR = 70% ARD = 2.6% ( 3.7, 1.5) p<0.001 RECORD3 RECORD4 RECORD1 (Knee) Relative Risk Reduction (RRR) based on raw incidences Absolute Risk Difference (ARD) (95% CI) (Hip) RECORD2 Lassen et al. New Engl J Med 2008; Turpie EFORT 2008 Kakkar et al. Lancet 2008; Eriksson et al. New Engl J Med 2008

57 Rivaroxaban for the treatment of venous thromboembolism

58 EINSTEIN DVT: study design Randomized, open-label, event-driven, non-inferiority study Up to 48 hours heparins/fondaparinux treatment permitted before study entry 88 primary efficacy outcomes needed Confirmed symptomatic DVT without symptomatic PE N=3,449 R Treatment period: 3, 6 or 12 months Rivaroxaban 15 mg bid Enoxaparin 1.0 mg/kg bid 5 days, followed by VKA INR range 2 3 Day 1 Day 21 Rivaroxaban 20 mg od 30-day observation period EINSTEIN DVT trial ID: NCT

59 Study outcomes Primary efficacy outcome* Symptomatic recurrent VTE: composite of recurrent DVT, non-fatal PE or fatal PE Principal safety outcome* Combination of major and clinically relevant non-major bleeding Secondary and other outcomes* including: Net clinical benefit: primary efficacy outcome + major bleeding Total mortality Cardiovascular events Central laboratory Monthly ALT and bilirubin testing *Adjudicated by the central independent and blinded adjudication committee

60 Primary efficacy outcome analysis Rivaroxaban (n=1,731) Enoxaparin/VKA (n=1,718) n (%) n (%) First symptomatic recurrent VTE 36 (2.1) 51 (3.0) Recurrent DVT 14 (0.8) 28 (1.6) Recurrent DVT + PE 1 (<0.1) 0 (0) Non-fatal PE 20 (1.2) 18 (1.0) Fatal PE/unexplained death where PE cannot be ruled out (0.2) 6 (0.3) 0 1 Hazard ratio 1.75* Rivaroxaban superior Rivaroxaban non-inferior Rivaroxaban inferior p=0.076 for superiority (two-sided) p< for non-inferiority (one-sided) ITT population; *non-inferiority margin required for standalone non-inferiority

61 Primary efficacy outcome: time to first event Cumulative event rate (%) 4.0 Enoxaparin/VKA (n=1,718) 3.0 Rivaroxaban (n=1,731) Time to event (days) Number of subjects at risk Rivaroxaban 1,731 1,668 1,648 1,621 1,424 1,412 1, Enox/VKA 1,718 1,616 1,581 1,553 1,368 1,358 1,

62 Principal safety outcome analysis First major or clinically relevant non-major bleeding Rivaroxaban (n=1,718) Enox/VKA (n=1,711) HR (95% CI) n (%) n (%) p value 139 (8.1) 138 (8.1) 0.97 ( ) p=0.77 Major bleeding 14 (0.8) 20 (1.2) Contributing to death 1 (<0.1) 5 (0.3) In a critical site 3 (0.2) 3 (0.2) Associated with fall in Hb 2 2 g/dl and/or transfusion of 2 2 units 10 (0.6) 12 (0.7) Clinically relevant non-major bleeding 129 (7.5) 122 (7.1) Safety population

63

64 RE-LY study design Atrial fibrillation with 1 risk factor Absence of contraindications R Warfarin 1 mg, 3 mg, 5 mg (INR ) N=6000 Dabigatran etexilate 110 mg bid N=6000 Dabigatran etexilate 150 mg bid N=6000 Primary objective: To establish the non-inferiority of dabigatran etexilate to warfarin Minimum 1 year follow-up, maximum of 3 years and mean of 2 years of follow-up Malattie Tromboemboliche - Pavia

65 Stroke or systemic embolism (SSE) % per year 1,8 1,5 1,2 0,9 0,6 RR 0.91 (95% CI: ) 1,53 p<0.001 (NI) RR 0.66 (95% CI: ) 1,11 p<0.001 (sup) RRR 34% 1,69 0,3 0 D110 mg BID D150 mg BID Warfarin 182 / 6, / 6, / 6,022 Malattie Tromboemboliche - Pavia

66 Major bleeding rates 3,50 3,00 2,50 RR 0.80 (95% CI: ) 2,71 p=0.003 (sup) RRR 20% RR 0.93 (95% CI: ) 3,11 p=0.31 (NI) 3,36 % per year 2,00 1,50 1,00 0,50 0,00 D110 mg BID D150 mg BID Warfarin 322 / 6, / 6, / 6,022 Malattie Tromboemboliche - Pavia

67 Hemorrhagic stroke Number of events RR 0.31 (95% CI: ) % p<0.001 (sup) RRR 69% RR 0.26 (95% CI: ) % p<0.001 (sup) RRR 74% D110 mg BID D150 mg BID Warfarin 6,015 6,076 6, % Malattie Tromboemboliche - Pavia

68 Conclusions Dabigatran etexilate has shown to concurrently reduce both thrombotic and hemorrhagic events Both doses of dabigatran provide different and complementary advantages over warfarin 150 mg BID has superior efficacy with similar bleeding 110 mg BID has significantly less bleedings with similar efficacy Similar net clinical benefit was seen between the two dabigatran doses Malattie Tromboemboliche - Pavia

69 Stroke Prevention Using the Oral Direct Factor Xa inhibitor Rivaroxaban Compared with Warfarin in Patients with Nonvalvular Atrial Fibrillation (ROCKET AF) AHA Chicago, November 15, 2010

70 Rocket Study Per Protocol Population Stroke or systemic embolism (SSE) 2,4 p<0.015 (sup) % per year 2,1 1,8 1,5 1,2 0,9 0,6 0,3 0 1,70 Riva 20 mg 2,15 Warfarin AHA Chicago, November 15, 2010

71 Rocket Study Intention To Treat Population Stroke or systemic embolism (SSE) p<0.001 (non inf) 2,4 2,1 1,8 2,12 2,42 % per year 1,5 1,2 0,9 0,6 0,3 0 Riva 20 mg Warfarin AHA Chicago, November 15, 2010

72 Rocket Study Primary efficacy endpoint Per Protocol Population Rivaroxaban was superior to warfarin, delivering a 21% relative risk reduction in stroke and non- CNS systemic embolism in the pre-specified on treatment population Intention To Treat Population This result indicates that the treatment benefits compared to warfarin were sustained as long as the patients received rivaroxaban. AHA Chicago, November 15, 2010

73 Rocket Study Major and non-major Bleeding Rates 16,00 p= ,00 12,00 14,91 14,52 % per year 10,00 8,00 6,00 4,00 2,00 0,00 Riva 20 mg Warfarin AHA Chicago, November 15, 2010

74 Rocket Study Intracranial Hemorrhages 1,00 p= ,74 % per year 0,50 0,49 0,00 Riva 20 mg Warfarin AHA Chicago, November 15, 2010

75 Rocket Study In addition, significantly fewer cases of hemorrhagic stroke, one of the most severe types of stroke, were observed in patients on rivaroxaban (0.26% vs. 0.44% p=0.024). Compared to warfarin, rivaroxaban also showed numerically fewer cases of myocardial infarction (0.91% vs. 1.12%, p=0.121), and an observed reduction in rates of all-cause mortality (1.87% vs. 2.21%, p=0.073). AHA Chicago, November 15, 2010

76 Malattie Tromboemboliche - Pavia

77

78 STRATIFICAZIONE DEL RISCHIO E PROFILASSI CONSIGLIABILE Fondazione IRCCS Policlinico di Pavia Livelli di Rischio Senza Profilassi Profilassi Raccomandata Basso Rischio Chirurgia minore in pazienti mobili Pazienti internistici allettati <10% Nessuna profilassi specifica ma deambulazione precoce e aggressiva Rischio Intermedio o Moderato Maggior parte dei pazienti sottoposti a procedure di chirurgia generale, urologica, ginecologica. 15%-40% Eparina a Basso Peso Molecolare (EBPM) alle dosi raccomandate (vedi tabella 4) Eparina Calcica b.i.d. oppure t.i.d. Fondaparinux Se rischio moderato associato ad elevato rischio emorragico Profilassi meccanica** Protesi elettiva d anca o di ginocchio, frattura d anca Eparina a Basso Peso Molecolare (EBPM) alle dosi raccomandate (vedi tabella 4) Fondaparinux Alto Rischio 40%-80% Dabigatran (solo per chirurgia protesica d anca o di ginocchio) Rivaroxaban (solo per chirurgia protesica d anca o di ginocchio) Trauma maggiore, trauma spinale Eparina a Basso Peso Molecolare (EBPM) alle dosi raccomandate (vedi tabella 4) Se alto rischio associato ad elevato rischio emorragico Profilassi meccanica**

79 Schema di dosaggio per la profilassi antitrombotica utilizzando i farmaci disponibili nella Fondazione IRCCS Policlinico inico San Matteo SCORE RISCHIO PROVVEDIMENTO 1 Basso Calze elastiche a compressione graduata Mobilizzazione precoce Moderato Enoxaparina 0.2 ml, 2000 UI axa/die Nadroparina 0.3 ml, 2850 UI axa/die, a dose variabile secondo il peso (vedi scheda tecnica del farmaco) Eparina Calcica 0.2 ml, U.I. x 3 vv. al dì Iniziare 12 ore prima dell intervento o entro le 12 ore successive 3 Solo per chirurgia ortopedica protesica d anca o di ginocchio Alto Alto Fondaparinux 2,5 mg/die, iniziando 6-8 ore dopo l intervento Enoxaparina 0.4 ml, 4000 UI axa/die Nadroparina 0.4 ml 3750 UI axa/die, modificando la dose con giornata post-operatoria (vedi scheda tecnica) Iniziare 12 ore prima dell intervento o entro le 12 ore successive Fondaparinux 2,5 mg/die, iniziando 6-8 ore dopo l intervento Enoxaparina 0.4 ml, 4000 UI axa/die oppure Nadroparina 0.4 ml 3750 UI axa/die, modificando la dose con giornata post-operatoria (vedi scheda tecnica). Iniziare 12 ore prima dell intervento o entro le 12 ore successive Dabigatran 150 o 220 mg/die, iniziando 4 ore dopo l intervento (vedi raccomand. specifiche per prima dose) Rivaroxaban 10,0 mg, iniziando 6-1\0 ore dopo l intervento (vedi raccomandazioni specifiche)

80 2008 ACCP Recommendation for Medical Conditions For acutely ill medical patients admitted to hospital with congestive heart failure or severe respiratory disease,, or who are confined to bed and have one or more additional risk factors, including active cancer, previous VTE, sepsis, acute neurologic disease, or inflammatory bowel disease,, we recommend thromboprophylaxis with LMWH (Grade 1A), LDUH (Grade 1A), or fondaparinux (Grade 1A). For medical patients with risk factors for VTE, and for whom there is a contraindication to anticoagulant thromboprophylaxis, we recommend the optimal use of mechanical thromboprophylaxis with GCS or IPC (Grade 1A). Malattie Tromboemboliche - Pavia

81 PE Kills 3 Times More Medical Patients Than Surgical Patients 25% 75% Medical patients Surgical patients Sandler DA, et al. J R Soc Med. 1989;82:203-5.

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Walter Ageno Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università dell Insubria Varese ACCP 2012 Treatment of VTE 2012 Real-life treatment

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CARLO POMA Dipartimento di Medicina di Laboratorio Struttura complessa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Primario: Dott. Massimo Franchini Il Centro TAO di Mantova

Dettagli

Farmaci anticoagulanti

Farmaci anticoagulanti Farmaci anticoagulanti vecchi e nuovi Direct oral anticoagulant drugs Direct selective inhibitors of Factor Xa Rivaroxaban Apixaban Edoxaban Betrixaban Direct selective inhibitors of Factor IIa Dabigatran

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali (NAO). Cosa cambia? t.lenzi imola

I nuovi anticoagulanti orali (NAO). Cosa cambia? t.lenzi imola I nuovi anticoagulanti orali (NAO). Cosa cambia? t.lenzi imola Limiti della terapia con antagonisti della Vitamina K Risposta non prevedibile Finestra di trattamento stretta (INR range 2-3) Monitoraggio

Dettagli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli I NUOVI FARMACI ANTICOAGULANTI Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli Verbania NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI FIBRILLAZIONE

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI RIVAROXABAN ATC B01AX06 (Xarelto ) Presentata da Componente Commissione PTR In data Dicembre 2009 Per le seguenti motivazioni: Per la prevenzione del tromboembolismo

Dettagli

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Dott. Angelo Ghirarduzzi Responsabile SSD Angiologia Reggio Emilia Cona,, Ferrara 29.09.12

Dettagli

Terapia anticoagulante orale: vecchi e nuovi farmaci a confronto nei grandi trial

Terapia anticoagulante orale: vecchi e nuovi farmaci a confronto nei grandi trial FIBRILLAZIONE ATRIALE ED ICTUS CARDIOEMBOLICO PROSPETTIVE TERAPEUTICHE E SOSTENIBILITÀ ECONOMICA Martedì, 26 novembre 2013 ore 8.30 14.00 CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini Sala delle Colonne Via Poli,

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.189 relativo a RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO

Dettagli

I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI MECCANISMO D AZIONE E FARMACOLOGIA

I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI MECCANISMO D AZIONE E FARMACOLOGIA I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI MECCANISMO D AZIONE E FARMACOLOGIA SOPHIE TESTA CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI LABORATORIO ANALISI CHIMICO-CLINICHE E MICROBIOLOGICHE Istituti Ospitalieri di Cremona FARMACI ANTICOAGULANTI

Dettagli

INIBITORI DIRETTI DELLA TROMBINA: UNA RIVOLUZIONE TERAPEUTICA?

INIBITORI DIRETTI DELLA TROMBINA: UNA RIVOLUZIONE TERAPEUTICA? Progressi diagnostico-terapeutici nella fibrillazione atriale INIBITORI DIRETTI DELLA TROMBINA: UNA RIVOLUZIONE TERAPEUTICA? P.M. Mannucci Direzione Scientifica, IRCCS Fondazione Cà Granda Ospedale Maggiore

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

Terapia antitrombotica: i nuovi farmaci anticoagulanti orali

Terapia antitrombotica: i nuovi farmaci anticoagulanti orali 20 Terapia antitrombotica: i nuovi farmaci anticoagulanti orali gabriele cioni, rossella marcucci, rosanna abbate Dipartimento di Area Critica Medico-Chirurgica, Università degli Studi di Firenze, Firenze

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

INNOVAZIONI IN TEMA DI TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO. Davide Imberti. Medicina Interna Ospedale G. DA SALICETO PIACENZA

INNOVAZIONI IN TEMA DI TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO. Davide Imberti. Medicina Interna Ospedale G. DA SALICETO PIACENZA INNOVAZIONI IN TEMA DI TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO Davide Imberti Medicina Interna Ospedale G. DA SALICETO PIACENZA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO Davide Imberti Medicina Interna MAR Azienda

Dettagli

I nuovi farmaci anticoagulanti

I nuovi farmaci anticoagulanti Journal Club del Venerdì Gruppo di Ricerca Geriatrica Brescia, 28 agosto 2009 I nuovi farmaci anticoagulanti Piera Ranieri U.O. Medicina, Istituto clinico S.Anna, Brescia Gruppo di Ricerca Geriatrica Indicazioni

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up

Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up Paolo Verdecchia, F.A.C.C., F.E.S.C., F.A.H.A. Hospital of Assisi Department of Medicine Via Valentin Müller, 1 06081 -

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

Dagli studi clinici al real life

Dagli studi clinici al real life UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO OSPEDALE MAGGIORE DELLA CARITA NOVARA Dagli studi clinici al real life Dott.G.Francalacci Divisione Clinicizzata di Cardiologia Novara, 15/01/2015

Dettagli

La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP

La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP La profilassi del TEV nel paziente oncologico nelle nuove Linee Guida ACCP ANDREA FONTANELLA Presidente FADOI Campania Direttore Dipartimento per la Formazione Clinica e l Aggiornamento Fondazione FADOI

Dettagli

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA 1/9 MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA Nome Commerciale XARELTO Principio Attivo Rivaroxaban Ditta Produttrice Bayer S.p.a. ATC B01AF01 Formulazione Compresse rivestite

Dettagli

I NUOVI ANTICOAGULANTI NELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE

I NUOVI ANTICOAGULANTI NELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE I NUOVI ANTICOAGULANTI NELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE Simposio SIGG SICGe Unmet needs nel cardiopatico anziano: FA e scompenso 57 Congresso Nazionale SIGG Milano, 23 Novembre 2012 Giuseppe Di Pasquale Direttore

Dettagli

APPROFONDIMENTI SISET

APPROFONDIMENTI SISET Cod. 574827 Depositato presso AIFA in data 21/7/2009 La profilassi del tromboembolismo venoso in chirurgia ortopedica maggiore elettiva: il ruolo di dabigatran Walter Ageno*, Domenico Prisco** *Dipartimento

Dettagli

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali Documento ANMCO su prevenzione del tromboembolismo nella FA e ruolo dei nuovi anticoagulanti orali Paolo Colonna, MD FESC FANMCO Cardiology Hospital, Policlinico of Bari 1. Fisiopatologia del tromboembolismo

Dettagli

1 Congresso Nazionale. Vittorio Pengo Clinica Cardiologica Università di Padova

1 Congresso Nazionale. Vittorio Pengo Clinica Cardiologica Università di Padova 1 Congresso Nazionale Vittorio Pengo Clinica Cardiologica Università di Padova Anticoagulants John W. Eikelboom, Circulation. 2010;121:1523 1532. Advantages using New Anticoagulants Rapid onset of action

Dettagli

Il Tromboembolismo Venoso. La Terapia della TVP

Il Tromboembolismo Venoso. La Terapia della TVP Il Tromboembolismo Venoso La Terapia della TVP A chi conviene la terapia domiciliare della TVP? Paziente? Azienda ospedaliera? Medico di medicina generale? Case farmaceutiche e farmacisti? Sistema Sanitario

Dettagli

APPROFONDIMENTI SISET

APPROFONDIMENTI SISET La profilassi del tromboembolismo venoso in chirurgia ortopedica maggiore: il ruolo di rivaroxaban Davide Imberti*, Domenico Prisco** *Centro Emostasi e Trombosi, Ospedale Civile, Piacenza ** Dipartimento

Dettagli

22 febbraio 2014. Appropriatezza prescrittiva degli anticoagulanti orali

22 febbraio 2014. Appropriatezza prescrittiva degli anticoagulanti orali Appropriatezza prescrittiva degli anticoagulanti orali M.M. Di Salvo U.O.C. di Angiologia A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele - Catania 22 febbraio 2014 Storia della terapia anticoagulante Anticoagulant

Dettagli

HEART AND BRAIN SOUTH TYROL MEETING CARDIOVERSIONE ED ARITMOLOGIA INTERVENTISTICA: RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI. Massimiliano Maines

HEART AND BRAIN SOUTH TYROL MEETING CARDIOVERSIONE ED ARITMOLOGIA INTERVENTISTICA: RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI. Massimiliano Maines HEART AND BRAIN SOUTH TYROL MEETING CARDIOVERSIONE ED ARITMOLOGIA INTERVENTISTICA: RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI Massimiliano Maines Park Hotel Laurin - Bolzano, 14 novembre 2014 Nuovi anticoagulanti

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare

Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare ARTICOLO ORIGINALE Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare M. Campanini Medicina Interna II e d Urgenza, Azienda Ospedaliera Maggiore della Carità,

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva degli anticoagulanti orali. G. Triolo. UOC di Medicina Interna P.O. Villa Sofia

Appropriatezza prescrittiva degli anticoagulanti orali. G. Triolo. UOC di Medicina Interna P.O. Villa Sofia Appropriatezza prescrittiva degli anticoagulanti orali G. Triolo UOC di Medicina Interna P.O. Villa Sofia Presentazione Trial Clinici e Linee Guida Stroke ischemico e FANV TEV Sindrome coronarica acuta

Dettagli

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana

Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici. Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Innovazione e sostenibilità economica nel settore dei dispositivi medici Sabrina Trippoli Unità di HTA Estav Centro regione Toscana Guanti in vinile Stent coronarici Valvola aortica percutanea Mammografo

Dettagli

Impariamo a conoscere i NAO analizzando i dati del mondo reale

Impariamo a conoscere i NAO analizzando i dati del mondo reale Impariamo a conoscere i NAO analizzando i dati del mondo reale Paolo Verdecchia, F.A.C.C., F.E.S.C., F.A.H.A. Hospital of Assisi Department of Medicine Via Valentin Müller, 1 06081 -Assisi PG E-mail: verdec@tin.it

Dettagli

Consenso Intersocietario sulla Profilassi Antitrombotica in Chirurgia Protesica dell Anca del Ginocchio e nelle Fratture del Collo del Femore

Consenso Intersocietario sulla Profilassi Antitrombotica in Chirurgia Protesica dell Anca del Ginocchio e nelle Fratture del Collo del Femore Consenso Intersocietario sulla Profilassi Antitrombotica in Chirurgia Protesica dell Anca del Ginocchio e nelle Fratture del Collo del Femore Consenso Intersocietario sulla Profilassi Antitrombotica in

Dettagli

La fibrillazione atriale in rosa

La fibrillazione atriale in rosa La fibrillazione atriale in rosa E proprio vero che le donne rischiano l ictus più degli uomini? Paolo Verdecchia, F.A.C.C., F.E.S.C., F.A.H.A. Hospital of Assisi Department of Medicine Via Valentin Müller,

Dettagli

Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda. Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano

Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda. Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano NPT NUOVE PROSPETTIVE IN TERAPIA Comitato Scientifico: Aulisa L, Bizzi B, Caione P, Calisti A, Chiozza ML, Cittadini A, Ferrara P, Formica MM, Ottaviano S, Pignataro L, Pitzus F, Pretolani E, Riccardi

Dettagli

Workshop Evidence-based Medicine. Workshop Clinici Interattivi (2)

Workshop Evidence-based Medicine. Workshop Clinici Interattivi (2) GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia

L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia Giuseppe Longo Dipartimento di Oncologia ed Ematologia Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena Milano 13 settembre

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: DABIGATRAN RIVAROXABAN APIXABAN

Nuovi anticoagulanti orali: DABIGATRAN RIVAROXABAN APIXABAN Nuovi anticoagulanti orali: DABIGATRAN RIVAROXABAN APIXABAN Uno dei settori della ricerca farmacologica in grande fermento è negli ultimi anni sicuramente rappresentato dalla terapia anticoagulante per

Dettagli

Appunti di appropriatezza prescrittiva

Appunti di appropriatezza prescrittiva S.C. Farmaceutica Territoriale Appunti di appropriatezza prescrittiva Focus su: Nuovi Anticoagulanti Orali La fibrillazione atriale è la più comune causa di aritmia cardiaca cronica e predispone, i pazienti

Dettagli

Terapia antitrombotica

Terapia antitrombotica Farmacologia Cardiovascolare_5 Terapia antitrombotica Terapia antitrombotica Antiaggreganti Anticoagulanti Goodman & Gilman s NO Ca 2+ Aggregazione Prevenzione, Antiaggregazione Terapia antitrombotica

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE Pag 1 di 11 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti Orali

Nuovi Anticoagulanti Orali Nuovi Anticoagulanti Orali DABIGATRAN RIVAROXABAN APIXABAN (PRADAXA) (XARELTO) (EQUILIS) Meccanismo d azione Inibitore diretto Inibitore diretto Inibitore diretto F II (trombina) F Xa F Xa Via di somministrazione

Dettagli

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE

FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE FARMACI INNOVATIVI, BIOTECNOLOGICI E TERAPIE STAMINALI: FARMACOLOGIA, FARMACOTERAPIA E NORMATIVE Roma, 14 aprile 2015 Appropriatezza ed innovazione: le sfide della ricerca Teresa Calamia ELENCO FARMACI

Dettagli

Nuove terapie cardiovascolari anticoagulanti. dr. Giuseppe Marazzi IRCCS San Raffaele - Roma

Nuove terapie cardiovascolari anticoagulanti. dr. Giuseppe Marazzi IRCCS San Raffaele - Roma Nuove terapie cardiovascolari anticoagulanti dr. Giuseppe Marazzi IRCCS San Raffaele - Roma LE ATTUALI INDICAZIONI CARDIACHE ALLA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE La terapia è indicata per il trattamento e

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Problemi con ACO tipo AVK Vantaggi dei nuovi ACO Nuovi anticoagulanti orali Dabigatran (Pradaxa ) Rivaroxaban (Xarelto ) Apixaban (Eliquis ) Nuovi

Dettagli

Aspetti Organizzativi Locali. Dr.ssa Marica Prando Dirigente medico Cardiologia II - Novara

Aspetti Organizzativi Locali. Dr.ssa Marica Prando Dirigente medico Cardiologia II - Novara Aspetti Organizzativi Locali Dr.ssa Marica Prando Dirigente medico Cardiologia II - Novara L introduzione dei NAO con un buon profilo rischio/beneficio ha dato inizio ad una nuova era della terapia anticoagulante.

Dettagli

CAPRI CARDIOVASCULAR CONFERENCE Capri, march 28 29, 2014

CAPRI CARDIOVASCULAR CONFERENCE Capri, march 28 29, 2014 CAPRI CARDIOVASCULAR CONFERENCE Capri, march 28 29, 2014 Rivaroxaban nella fibrillazione atriale e oltre RIVAROXABAN, DALLE EVIDENZE SCIENTIFICHE ALL IMPIEGO PRATICO NELLA FA Pasquale Perrone Filardi Università

Dettagli

Nuove prospettive nelle terapie anticoagulanti

Nuove prospettive nelle terapie anticoagulanti Seminari del Venerdì Nuovi aspetti di clinica geriatrica Brescia, 22 Novembre 2013 Nuove prospettive nelle terapie anticoagulanti Angela Cassinadri Unità di Cure Subacute Dipartimento Medicina e Geriatria

Dettagli

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna Pavia, Giugno 2012 Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna I principali problemi che vedo e il contributo delle ultime LG ACCP Diagnosi

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

La terapia anticoagulante fra warfarin e nuovi anticoagulanti orali cosa fare?

La terapia anticoagulante fra warfarin e nuovi anticoagulanti orali cosa fare? Stefano Savonitto S.C. Cardiologia La terapia anticoagulante fra warfarin e nuovi anticoagulanti orali cosa fare? Estimates of numbers and prevalence of patients on VKA in Italy 2005 2008 N pts 702,052

Dettagli

Metanalisi a rete o network metaanalysis, un nuovo strumento di analisi delle evidenze. Esempi di applicazione

Metanalisi a rete o network metaanalysis, un nuovo strumento di analisi delle evidenze. Esempi di applicazione 8 Valeria Fadda, Dario Maratea, Doriana Passaro, Sabrina Trippoli Laboratorio SIFO di Farmacoeconomia valeria.fadda@hotmail.it Metanalisi a rete o network metaanalysis, un nuovo strumento di analisi delle

Dettagli

Tromboembolismo venoso (TEV) Le dimensioni del problema

Tromboembolismo venoso (TEV) Le dimensioni del problema La terapia anticoagulante Tromboembolismo venoso (TEV) Le dimensioni del problema Importante causa di morbidità e mortalità in pazienti medici e chirurgici Meno del 50% dei pz con embolia polmonare (EP)

Dettagli

46 CONGRESSO NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DI BIOCHIMICA CLINICA E BIOLOGIA MOLECOLARE CLINICA (S.I.Bio.C.)

46 CONGRESSO NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DI BIOCHIMICA CLINICA E BIOLOGIA MOLECOLARE CLINICA (S.I.Bio.C.) 46 CONGRESSO NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DI BIOCHIMICA CLINICA E BIOLOGIA MOLECOLARE CLINICA (S.I.Bio.C.) Roma, Hotel Marriott 13-15 Ottobre 2014 Sessione congiunta S.I.Bio.C. S.I.C. Fibrillazione Atriale

Dettagli

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Francesco Di Pede Dipartimento Cardiologico ULSS 10 Portogruaro-San Donà di Piave CIRCA IL 20% DEI PAZIENTI IN FIBRILLAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA

PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA 1 PROTOCOLLO REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA A cura

Dettagli

Il paziente anziano. Niccolò Marchionni. SOD Cardiologia e Medicina Geriatrica, Università di Firenze e AOU Careggi

Il paziente anziano. Niccolò Marchionni. SOD Cardiologia e Medicina Geriatrica, Università di Firenze e AOU Careggi Sessione interattiva La scelta del NAO nella pratica clinica: "l'approccio per paziente" Il paziente anziano Niccolò Marchionni SOD Cardiologia e Medicina Geriatrica, Università di Firenze e AOU Careggi

Dettagli

{ TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA

{ TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA { TEV: ASPETTI CLINICI RE ROBERTA MEDICINA INTERNA II NOVARA La sottoscritta Re Roberta ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Dr.ssa Elena Barban Dipartimento Medicina Interna VICENZA Farmaco anticoagulante ideale Somministrazione orale e buona biodisponibilità Azione rapida

Dettagli

Ges$one del sanguinamento durante terapia con i nuovi an$coagulan$ orali (NAO)

Ges$one del sanguinamento durante terapia con i nuovi an$coagulan$ orali (NAO) Mee$ng della Società Italiana di Ematologia Sperimentale Firenze, 29 marzo 2012 Ges$one del sanguinamento durante terapia con i nuovi an$coagulan$ orali (NAO) Alberto Tosetto Centro Malattie Emorragiche

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

Fibrillazione Atriale e Rischio Cardioembolico --------------------- Terapia Anticoagulante Orale

Fibrillazione Atriale e Rischio Cardioembolico --------------------- Terapia Anticoagulante Orale Fibrillazione Atriale e Rischio Cardioembolico --------------------- Terapia Anticoagulante Orale prevalenza di FA (%) La prevalenza della FA aumenta con l età 9 8 7 9,0% 6 5 4 3 2 1 0 0,95% Popolazione

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

Profilassi e terapia domiciliare del TEV nel paziente medico

Profilassi e terapia domiciliare del TEV nel paziente medico Bastia, 23 Febbraio 2008 Profilas e terapia domiciliare del TEV nel paziente medico Melina Verso Sezione di Medicina Interna e Cardiovascolare- Stroke Unit Univertà di Perugia Key Points Profilas del TEV

Dettagli

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE SOPHIE TESTA Centro Emostasi E Trombosi Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche E

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali. Dr. Giuseppe Cambié SIMT A.O. della Provincia di Lodi

I nuovi anticoagulanti orali. Dr. Giuseppe Cambié SIMT A.O. della Provincia di Lodi I nuovi anticoagulanti orali Dr. Giuseppe Cambié SIMT A.O. della Provincia di Lodi Strategia antitrombotica nella FA non valvolare 4.845 paz - Anno 2012 Nessuna terapia Altra profilassi antitrombotica

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Gestione infermieristica dei pazienti trattati con i nuovi antiaggreganti e anticoagulanti

Gestione infermieristica dei pazienti trattati con i nuovi antiaggreganti e anticoagulanti Gestione infermieristica dei pazienti trattati con i nuovi antiaggreganti e anticoagulanti Cinzia Delpiano S.C. Cardiologia Savigliano - ASL CN 1 L INFERMIERE: CHI E E DI COSA SI OCCUPA ALL INFERMIERE

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

La terapia antitrombotica

La terapia antitrombotica 10 Marco La terapia antitrombotica Stramba-Badiale INTRODUZIONE Sebbene il riconoscimento dei fattori di rischio e l introduzione di misure preventive abbiano ridotto significativamente la mortalità dovuta

Dettagli

IL TRAUMA CRANICO LIEVE NEL PAZIENTE IN TAO - NAO

IL TRAUMA CRANICO LIEVE NEL PAZIENTE IN TAO - NAO IL TRAUMA CRANICO LIEVE NEL PAZIENTE IN TAO - NAO Dott.ssa G. Racca - Medicina d Urgenza e DEA Ospedale Santa Croce e Carle di Cuneo - Direttore Dott. B. Tartaglino Como,6-7-8 maggio 2015 1. Indicazione

Dettagli

S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare. Referente dr. Alessandro Filippi

S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare. Referente dr. Alessandro Filippi S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare Referente dr. Alessandro Filippi Nuovi Anticoagulanti orali per la prevenzione di ictus ed embolia sistemica nella fibrillazione atriale

Dettagli

Aspetti pratici della gestione perioperatoria degli anticoagulanti

Aspetti pratici della gestione perioperatoria degli anticoagulanti Aspetti pratici della gestione perioperatoria degli anticoagulanti Marco Donadini Degenza Breve Internistica e Centro Trombosi Ospedale di Circolo - Varese Perchè è importante nella pratica clinica? La

Dettagli

www.gimsi.it Registro GIMSI

www.gimsi.it Registro GIMSI www.gimsi.it Registro GIMSI Registro GIMSI Board: Ammirati if Badami A Brignole M (responsabile progetto) Casagranda I De Seta F Furlan R Registro multicentrico prospettico costituito dai pazienti valutati

Dettagli

Presente e futuro degli studi clinici sugli anziani: efficacy e effectiveness

Presente e futuro degli studi clinici sugli anziani: efficacy e effectiveness Presente e futuro degli studi clinici sugli anziani: efficacy e effectiveness Graziano Onder Centro Medicina dell Invecchiamento Università Cattolica del Sacro Cuore Rome - Italy Definizione Efficacy è

Dettagli

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Dire8ore Prof. Massimo Volpe Facoltà di Medicina e Psicologia, Università di Roma Sapienza Anno Accademico 2013-2014 Dr. Simone Burocchi

Dettagli

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari?

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Stefano Maria Zuccaro 12 GIUGNO 2015 18 marzo 2014 Cascata dell acido arachidonico CASCATA DELL ACIDO ARACHDONICO Il mismatch

Dettagli

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA?

I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? I COSTI RAPPRESENTANO UN PROBLEMA IN CHIRURGIA LAPAROSCOPICA? M.M. Lirici SESSIONE SIC-SICE Sistema ABC ACTIVITY BASED COSTING Gli elementi che generano il costo sono quelli che richiedono una prestazione

Dettagli

Sfruttiamo appieno tutte le potenzialità della nuova TAO nel paziente geriatrico? Condivisione dei risultati della Survey SIGG Niccolò Marchionni

Sfruttiamo appieno tutte le potenzialità della nuova TAO nel paziente geriatrico? Condivisione dei risultati della Survey SIGG Niccolò Marchionni Sfruttiamo appieno tutte le potenzialità della nuova TAO nel paziente geriatrico? Condivisione dei risultati della Survey SIGG Niccolò Marchionni Università di Firenze Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

INNOVAZIONE ED EVIDENZE NEL CAMPO DEI DISPOSITIVI Moderatori: S. Trippoli, Prato; P. Lago, Pavia

INNOVAZIONE ED EVIDENZE NEL CAMPO DEI DISPOSITIVI Moderatori: S. Trippoli, Prato; P. Lago, Pavia 14 settembre ore 09.00 10.30 Sessione Parallela B INNOVAZIONE ED EVIDENZE NEL CAMPO DEI DISPOSITIVI Moderatori: S. Trippoli, Prato; P. Lago, Pavia Linee di indirizzo relative alle procedure regionali di

Dettagli

Rischio tromboembolico e terapie anticoagulanti Guido Finazzi Divisione di Ematologia Ospedali Riuniti di Bergamo

Rischio tromboembolico e terapie anticoagulanti Guido Finazzi Divisione di Ematologia Ospedali Riuniti di Bergamo L Emostasi in scena Rischio tromboembolico e terapie anticoagulanti Guido Finazzi Divisione di Ematologia Ospedali Riuniti di Bergamo 1 Programma Il tromboembolismo venoso -Diagnostica -Fattori di rischio

Dettagli

Indicazioni alla terapia anticoagulante ---- Bucherini

Indicazioni alla terapia anticoagulante ---- Bucherini Centro TAO 227 Indicazioni alla terapia anticoagulante ---- Bucherini Centro 227 FCSA - Faenza (AUSL Ravenna) Protesi valvolare Altre TVP/ Embolia polmonare Fibrillazione atriale 78% 22% 647 Fibrillazione

Dettagli

LA TERAPIA MEDICA NELL ENDOMETRIOSI: QUANDO E PERCHE

LA TERAPIA MEDICA NELL ENDOMETRIOSI: QUANDO E PERCHE LA TERAPIA MEDICA NELL ENDOMETRIOSI: QUANDO E PERCHE CARLO BERTULESSI SS Ginecologia Oncologica Clinica Ostetrica e Ginecologica M. Melloni Università di Milano Bergamo, 7 marzo 2014 TERAPIA MEDICA NELL

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

L incidenza della funzione renale nella progressione della malattia aterosclerotica

L incidenza della funzione renale nella progressione della malattia aterosclerotica PROGETTO NAZIONALE - FORMAZIONE ATTIVA CFC 2015 «Dalla macrosimulazione alla clinica» Perugia, 22/24 maggio 2015 L incidenza della funzione renale nella progressione della malattia aterosclerotica Agostino

Dettagli

Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche

Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche Alessandro Inno Ospedale Sacro Cuore don Calabria Negrar - Verona Trombosi e cancro Armand Trousseau (1801-1867) Patogenesi Donnellan et al, Curr

Dettagli

Linee guida ESC 2014 sulla fibrillazione atriale

Linee guida ESC 2014 sulla fibrillazione atriale Linee guida ESC 2014 sulla fibrillazione atriale Giovanni Vincenzo Gaudio Presidente Nazionale La fibrillazione atriale (FA) è l aritmia più comune nella popolazione, con una incidenza oscillante tra l

Dettagli