di formazione d eccellenza al servizio delle imprese bresciane e del tessuto socio-economico della Lombardia orientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di formazione d eccellenza al servizio delle imprese bresciane e del tessuto socio-economico della Lombardia orientale"

Transcript

1 V ent anni di formazione d eccellenza al servizio delle imprese bresciane e del tessuto socio-economico della Lombardia orientale Nel febbraio del 1985 si svolse a Brescia organizzato dall Associazione Industriale Bresciana il convegno Brescia 2000: l industria bresciana tra presente e futuro, nel corso del quale furono presentati i risultati di ricerche che nell anno precedente l Associazione aveva commissionato a enti universitari e a organismi di ricerca di livello nazionale. Obiettivo dell indagine era non solo di analizzare la situazione dell industria bresciana per rilevarne i punti di forza e di debolezza, ma altresì di delineare gli scenari della società bresciana in tutte le sue componenti alle soglie del Duemila. Sia dal dibattito sia dalle ricerche emerse con forza un dato di fatto: la diffusa carenza nel tessuto produttivo locale di una cultura manageriale in grado di tenere il passo con i radicali mutamenti imposti dall incalzante innovazione tecnologica e dalla crescente globalizzazione dei mercati. Da quell analisi a tutto campo risultò dunque, con assoluta chiarezza, che per uscire dalla crisi in cui si trovava l economia bresciana e per poter affrontare in termini di effettiva competitività un mercato sempre più ampio, più aperto e in continua, rapidissima evoluzione, era di cruciale importanza intervenire non solo sulla tecnologia, sulla diversificazione, sull innovazione e sull organizzazione produttiva e distributiva, ma anche, e soprattutto, sulla componente umana del lavoro. Una risorsa destinata a una progressiva e irreversibile riduzione quantitativa per effetto dell automazione, della razionalizzazione dei processi, della delocalizzazione e della diffusione dell informatica a tutti i livelli aziendali, ma nel contempo caricata di nuove responsabilità individuali e impegnata in funzioni per le quali sarebbe stata richiesta un attività di formazione permanente tale da garantire il tempestivo e coerente adattamento dell impresa alle situazioni interne ed esterne in continuo mutamento. Consapevole dell importanza e dell assoluta urgenza di dar seguito a quanto era emerso a proposito delle risorse umane nell ambito dei lavori di Brescia 2000, l Associazione Industriale Bresciana, alla cui presidenza era stato chiamato Giovanni Dalla Bona, avviò una serie di verifiche preliminari al fine di rispondere adeguatamente alle esigenze del tessuto economico-produttivo locale. Si riscontrò innanzitutto l estrema difficoltà, da parte delle aziende industriali, di reperire sul mercato del lavoro soggetti in possesso dei requisiti culturali e professionali indispensabili per svolgere mansioni altamente specializzate. Si dovette prendere atto di un ulteriore dato preoccupante: la struttura dell apparato produttivo bresciano, prevalentemente composta da piccole imprese, non era in grado di provvedere autonomamente alla formazione del proprio personale. Cominciò allora a prendere corpo l idea di promuovere la realizzazione di un organismo di alto profilo che si dedicasse tanto alla formazione permanente e alla diffusione di un adeguata cultura imprenditoriale e manageriale, quanto alle ricerche finalizzate ad individuare le soluzioni ai tipici problemi innescati dai mutamenti economici, tecnologici e organizzativi. Attraverso una serie di contatti con le principali business school italiane, con l Università degli Studi di Brescia, con altre istituzioni accademiche italiane e con i più prestigiosi istituti di formazione europei, si raccolse un imponente massa di dati, di esperienze formative e di esempi organizzativi che consentirono di sottoporre alla presidenza dell Associazione Industriale Bresciana, alla fine del 1987, un iniziativa del tutto originale, ritagliata in base alle esigenze e alle peculiarità della realtà bresciana: il Progetto Formazione Da quel progetto - che aveva trovato la piena condivisione delle principali categorie economiche bresciane, della Camera di Commercio di Brescia, delle maggiori banche cittadine e della stessa Università di Brescia - nel 1989 nacque ISFOR 2000: qui di seguito sono illustrati gli eventi, le collaborazioni e le alleanze che hanno caratterizzato le tappe salienti del percorso di sviluppo dei suoi primi vent anni di attività. 5

2 1989 La società consortile per azioni denominata Istituto Superiore di Formazione e Ricerca, in forma abbreviata ISFOR 2000, viene costituita il 13 marzo per iniziativa dell Associazione Industriale Bresciana, del Collegio dei Costruttori Edili di Brescia e provincia, della Confartigianato Unione di Brescia e dell Unione Provinciale Agricoltori di Brescia. L Università degli Studi di Brescia assicura al nascente istituto il proprio contributo scientifico nell elaborazione dei primi programmi formativi. Collegio dei Costruttori Edili di Brescia e Provincia Unione Provinciale Agricoltori Maggio presentazione di ISFOR 2000 in Associazione Industriale Bresciana: da sinistra Giovanni Dalla Bona (Presidente), Augusto Preti (Rettore dell Università di Brescia) e Vincenzo Allegri (Preside della Facoltà di Economia) Formalmente costituita ISFOR 2000, nel primo semestre 1989 si pone subito mano alla pianificazione e alla programmazione delle attività formative in base ai due filoni operativi individuati come prevalenti in sede di inquadramento delle finalità e degli obiettivi della business school: promuovere e diffondere nella provincia di Brescia, ma già con la prospettiva di una successiva estensione alle altre province della Lombardia orientale, una logica manageriale idonea a indirizzare e sostenere i processi di cambiamento in atto. La prima linea operativa prevede lo sviluppo di attività formative articolate e diversificate - per segmenti di conoscenza e fasce di destinatari - in funzione della domanda presente, e soprattutto futura, di nuove professionalità, di competenze specialistiche e di modelli interpretativi della realtà macroeconomica e aziendale. La seconda branca riguarda invece l attività di ricerca volta ad accertare i possibili riflessi, sull economia delle piccole aziende, indotti dall innovazione tecnologico-organizzativa. Tale investigazione sistematica è destinata ad acquisire una duplice valenza: da un lato costituire il supporto scientifico per assicurare il necessario aggiornamento all attività formativa, dall altro rispondere direttamente a specifiche esigenze manifestate dalle imprese. I corsi e i seminari, tenuti nella sede dell Associazione Industriale Bresciana, sono impostati con caratteristiche destinate a diventare una consolidata tradizione: identificazione chiara dei temi e delle finalità didattiche, individuazione precisa dei destinatari, articolazione curata dei moduli e dei contenuti, flessibilità degli orari d impegno in aula, costi di frequenza contenuti, altissima qualità dei docenti di estrazione sia accademica sia professionale. Settembre 1989: Giovanni Dalla Bona (presidente) e Achille Fornasini (segretario generale) illustrano il catalogo delle prime proposte formative di ISFOR 2000 Con l avvio delle prime attività formative inizia ad affermarsi il logo di ISFOR 2000: un immagine che intende evocare, con la sua raggiera, i molteplici filoni della conoscenza che contri- 6

3 Il primo convegno organizzato da ISFOR Da sinistra: Gianfranco Tosini, Guido Carli, Giovanni Dalla Bona, Salvatorangelo Loddo e Achille Fornasini buiscono, nel loro complesso, a completare gli spazi vuoti affollanti il suo centro, favorendone l arricchimento e il completamento in uscita. Il numero che accompagna l acronimo ISFOR è riferito al secolo verso cui traguarda la missione dell istituto. Avviate le attività formative istituzionali, il 28 ottobre si svolge il primo convegno nell ambito delle attività promosse dall osservatorio congiunturale Scenari e Tendenze, che intende rafforzare il contributo di ISFOR 2000 nei riguardi dell intera Comunità economica bresciana. Dedicato alle Prospettive dell economia globale, l evento vede protagonista il Ministro del Tesoro Guido Carli, che illustra la situazione del nostro Paese, dimostrando, attraverso la sua presenza, particolare attenzione al nascente istituto Accanto agli interventi formativi programmati da ISFOR 2000, si susseguono gli appuntamenti di Scenari e tendenze, imperniati su temi che riscuotono grande successo, grazie alla competenza degli esperti coinvolti. Due immagini tratte da altrettanti seminari del ciclo scenari e tendenze La compagine societaria si amplia con l ingresso dell Associazione Commercianti della provincia di Brescia e dell Azienda Servizi Municipalizzati di Brescia (ora A2A) Con la realizzazione del Corso Avanzato di Sviluppo Manageriale e Imprenditoriale, organizzato da ISFOR 2000 e dal Gruppo Giovani Imprenditori dell Associazione Industriale Bresciana, presieduto da Pierluigi Leali, ha inizio la cooperazione con la Scuola di Direzione Aziendale dell Università Bocconi di Milano. Il percorso formativo si rivolge espressamente a giovani imprenditori che abbiano maturato significative esperienze in aziende di piccole e medie dimensioni, ma fortemente dinamiche e competitive, spesso leader nel proprio settore o mercato di riferimento. 7

4 Brochure del corso Una lezione tenuta da Claudio Dematté Lezione conclusiva all albergo Vittoria di Brescia Chiusura del corso: da sinistra Italo Fenu (direttore AIB), Pierluigi Leali, Augusto Preti e Gianfranco Nocivelli (presidente AIB) 1992 ISFOR 2000, già aderente all Associazione Industriale Bresciana, diventa socio ordinario di ASFOR, l Associazione per la Formazione alla Direzione Aziendale e di SFC, Sistemi Formativi Confindustria. La progettazione e la programmazione degli interventi formativi proposti da ISFOR 2000 si riferiscono ai dati e alle priorità emersi da una ricerca condotta dall Università degli Studi di Brescia, che si proponeva di individuare non solo i fabbisogni formativi reali, ma anche le esigenze di nuove professionalità da parte delle imprese bresciane. Dall indagine emerge preponderante il bisogno di riqualificazione del personale per effetto delle trasformazioni che le aziende si trovano costrette ad affrontare in questo periodo di perdurante crisi congiunturale. Di particolare interesse è la diffusa richiesta di talune attitudini e sensibilità di tipo trasversale in quanto costitutive di un patrimonio culturale, che si ritiene debba essere comune a tutte le figure professionali indipendentemente dalle loro specifiche competenze tecniche. Due le ragioni della riconosciuta importanza di tali competenze da parte degli intervistati: in primo luogo la tendenza generalizzata nelle organizzazioni produttive moderne a semplificare Presentazione degli esiti della ricerca sui fabbisogni formativi: da sinistra Camillo Bussolati e Pierluigi Magnani (Facoltà di Ingegneria), Achille Fornasini e Giancarlo Provasi (Facoltà di Economia) la struttura e a incorporare le funzioni di staff in quelle di line. In secondo luogo l e- 8

5 sigenza di poter contare su personale polivalente, flessibile e capace di sopperire in proprio alla carenza di funzioni specialistiche di staff, che le ridotte economie di scala tendono a disincentivare. Marzo 1992: la prima fase del cantiere Novembre 1992: sopraluogo di Achille Fornasini e Giorgio Astori alla sede in via di completamento Consapevole dell importanza che una sede prestigiosa avrebbe rivestito per il successo dell istituto, l Associazione Industriale Bresciana decide di investire ingenti risorse finanziarie per la progettazione e la realizzazione di una sede architettonicamente e funzionalmente all avanguardia. Nella primavera del 1992 iniziano dunque i lavori per la costruzione della sede di ISFOR La struttura, articolata su tre piani per una superficie lorda complessiva di metri quadrati, potrà contare su ambienti didattici, su servizi di prim ordine e sulle più raffinate attrezzature destinate a facilitare quella formazione interattiva che rappresenta l impegno costante dell istituto. Secondo l architetto Giorgio Astori: Si è cercato di progettare un edificio non celebrativo ma significativo, non pretenzioso e ridondante ma dotato di identità e riconoscibilità, non appariscente ma capace di muovere alla partecipazione mentale, a qualche tipo di riflessione e considerazione. L edificio è pensato come un complesso chiuso, con solidi muri esterni che non lasciano immaginare l articolazione della struttura interna. Si è cercato di esprimere la transizione dal rumore al silenzio, dalla luce del giorno alla luce degli spazi interni, dal tumulto dei pensieri alle riflessioni. Il futuro per il quale ISFOR 2000 si propone di lavorare si costruisce un mattone dopo l altro, come le facciate dell edificio. Con la stessa fatica, la lentezza operosa e sicura del fare solido e duraturo. Per questo si è cercata un architettura che in qualche modo richiamasse l atto antico del costruire. Di mattoni a vista erano gli opifici dell industrializzazione bresciana Il 9 ottobre viene inaugurata la sede di ISFOR 2000: il complesso edilizio comprende un auditorium, una decina di aule di varia capienza perfettamente attrezzate per la didattica, laboratori di informatica, aree destinate ai lavori di gruppo e una funzionale articolazione di uffici direzionali e di segreteria. Di altissimo significato è il sostegno delle famiglie di imprenditori bresciani che, con il loro contributo alle spese necessarie per l arredamento e per le dotazioni tecniche di ISFOR 2000, hanno voluto ricordare congiunti e persone care, dedicando ad essi gli ambienti didattici. Un imperituro ringraziamento va dunque a Aldo Artioli in ricordo di Nina e Giuseppe Artioli, a Luigi e Corrado Becchetti in ricordo di Fabio Becchetti, a Eugenio Bodini in ricordo di Oliva e Angelo Bodini, a Silvana Tirini Bonometti, unitamente ai figli, in ricordo di Carlo Bonometti, a Mario Cancarini in ricordo di Aurelia Cancarini, a Giovanni Dalla Bona in ricordo di Elisabetta e Gino Dalla Bona, a Tiziano Ghidini in ricordo di Beniamino Ghidini, di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, a Damiano e Giorgio Gnutti in ricordo di Umberto Gnutti, a Domenica e Luigi Guizzi in ricordo di Andrea Guizzi, a Natalina Ziletti Leali, unitamente ai figli, in ricordo di Nicola Leali, a Gianfranco e Luigi Nocivelli in ricordo di Angelo Nocivelli, a Camilla Savoldi Pasini, unitamente ai figli, in ricordo di Carlo Pasini, alla famiglia di Guido Zucchini, all Associazione Industriale Bresciana in ricordo di Marsilio Pasotti e all Assoconfidi Brescia in ricordo di Giovanni Faglia. 9

6 Giovanni Dalla Bona, Presidente di ISFOR 2000 Giovanni Dalla Bona, Antonio Di Giovine (Prefetto di Brescia) e Gianfranco Nocivelli Eugenio Bodini, Presidente dell AIB Durante l anno inizia anche la collaborazione con gli Spedali Civili di Brescia, confermando così la vocazione e le potenzialità di ISFOR 2000 nell erogare formazione in tutti i settori. A seguito di una serie di moduli didattico-applicativi imperniati sul tema della qualità totale nei servizi ospedalieri, il primo importante intervento formativo nella nuova sede si concretizza proprio nell area sanitaria grazie alla collaborazione progettuale con il Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale - CeRGAS - dell Università Luigi Bocconi di Milano. Tale cooperazione consente a ISFOR 2000 di realizzare un percorso formativo di alto profilo, imperniato sui temi del controllo di gestione e dell ottimizzazione degli aspetti organizzativi dei reparti ospedalieri, destinato ai Primari e agli Aiuti dell azienda ospedaliera Spedali Civili di Brescia. Autorità e pubblico nell auditorium della nuova sede Spedali Civili di Brescia 1994 La nuova sede ospita un altra importante iniziativa progettata congiuntamente da ISFOR 2000 e SDA Bocconi: il Corso di managerialità per le aziende di pubblico servizio. L itinerario formativo, rivolto ai quadri direttivi dell Azienda Servizi Municipalizzati di Brescia e delle sue consociate Sintesi e Aprica Studi, affronta i diversi aspetti della gestione efficiente di un impresa pubblica: dal ruolo del manager ai sistemi organizzativi, dalle misurazioni quantitative aziendali all analisi di bilancio, dal controllo di gestione alle strategie delle municipalizzate, dalle politiche di comunicazione e Marketing allo sviluppo delle risorse umane. Angelo Rampinelli (presidente ASM) e Renzo Capra (direttore ASM) aprono il corso destinato ai quadri direttivi 10

7 La consolidata intesa con SDA Bocconi genera anche un articolato itinerario formativo destinato ai dirigenti e ai capi settore del Comune di Brescia. La premessa allo sviluppo di questo intervento nasce dalla constatazione che il ruolo degli enti locali sta subendo una profonda trasformazione, che implica problemi del tutto inediti. Il riconoscimento di maggiori autonomie e il passaggio da compiti di gestione operativa dei servizi pubblici a una funzione di governo strategico del sistema dei servizi locali necessitano di conoscenze in grado sia di limitare i rischi propri di ogni fase di cambiamento, sia di coglierne i vantaggi connessi. Comune di Brescia 22 giugno 1994: apertura del corso destinato ai dirigenti e ai capi settore del Comune di Brescia Un operazione di aumento di capitale modifica sensibilmente l assetto societario. Nell istituto s innestano infatti nuove e significative partecipazioni, che confermano sia il crescente successo dell azione formativa promossa dall istituto, sia la credibilità di una funzione diretta a tutti i settori del mondo del lavoro e nei riguardi di un bacino d utenza ormai ben più ampio di quello iniziale. Oltre alle organizzazioni imprenditoriali - Confindustria Bergamo, Confesercenti Provinciale di Brescia, CNA di Brescia e Assoconfidi Brescia (ora Confidi Lombardia) - entrano a far parte della società la Camera di Commercio di Brescia, il Mediocredito Lombardo (poi confluito in Banca Intesa, ora Intesa San Paolo), la Banca San Paolo di Brescia e il Credito Agrario Bresciano (che origineranno il Banco di Brescia, ora UBI-Banco di Brescia), la Bipop-Carire (ora Bipop Carire-Unicredit Group) e l Ordine dei Dottori Commercialisti di Brescia Si realizza il Corso base di Sviluppo Manageriale e Imprenditoriale nell ambito della collaborazione con il Gruppo Giovani AIB, presieduto da Franco Tamburini, e la SDA Bocconi: rivolto alle nuove leve del Gruppo, il percorso formativo si sviluppa in dieci giornate affrontando gli argomenti individuati attraverso una specifica ricerca: la struttura e le problematiche dell azienda familiare, gli assetti commerciali nella duplice ottica delle politiche di marketing e dell internazionalizzazione, gli aspetti connessi al finanziamento dell impresa e le specificità del ruolo imprenditoriale e manageriale. Gli scenari prossimi venturi, l avvento di nuove tecnologie e lo sviluppo del processo di globalizzazione dei mercati sono alcuni dei temi sui quali s impernia l itinerario formativo La giusta direzione: Cono- 11

8 scere, Innovare, Competere pianificato su richiesta del Comitato Piccola Industria, presieduto da Roberto Saccone. Il corso è frutto di una progettazione che vede protagonisti ISFOR 2000 e il MIP, il Consorzio Universitario in Ingegneria per la Gestione di Impresa del Politecnico di Milano. Destinato esclusivamente a imprenditori, il corso si propone di coprire un esigenza di riflessione, confronto ed approfondimento sulle tendenze e le frontiere nei modi di gestire le diverse variabili e funzioni aziendali. Le riflessioni si riferiscono esplicitamente alle caratteristiche delle imprese di dimensioni medie e piccole, tenendo conto delle opportunità offerte dalla loro flessibilità e suggerendo modalità per superare le problematiche legate alla limitatezza delle risorse. La caratura dei relatori trova modo di esprimersi efficacemente nell ambito di due filoni principali: la strategia d impresa e i processi produttivi e logistici. Il primo approfondisce il quadro competitivo globale e gli aspetti legati alla crescita della piccola impresa attraverso alleanze e acquisizioni. Il secondo affronta invece problemi come il manufacturing competitivo e la lean production, la logistica integrata, il sistema Qualità, i nuovi paradigmi per l innovazione di prodotto, l analisi degli investimenti nell innovazione, le risorse finanziarie, le politiche di gestione e sviluppo delle risorse umane, la gestione del cambiamento organizzativo. Roberto Saccone Una novità organizzativa, destinata a diventare un apprezzata tradizione, è la realizzazione di un libretto destinato a raccogliere le Esperienze professionali e formative individuali : un razionale strumento finalizzato ad accompagnare la crescita e lo sviluppo professionale di tutti coloro che partecipano alle attività dell istituto Consapevoli che una seria etica d impresa deriva solo da una lettura profonda dell impresa stessa e del tipo di sviluppo nel quale si inserisce, ISFOR 2000 e il Gruppo Giovani dell Associazione Industriale Bresciana promuovono il convegno significativamente titolato L Etica conviene: come trovare il giusto equilibrio tra deontologia e utilitarismo nelle imprese pubbliche e private. L intenso dibattito - a cui partecipano relatori del calibro di Gianfranco Minati, Gordon Dyer, Marco Vitale, Mino Martinazzoli e Angelo Caloia - mette in luce, pur tra le diverse correnti di pensiero, che l etica non è un fatto esogeno, estraneo alla vita dell impresa, bensì un fattore endogeno che entra direttamente nell azione economica, intesa come azione umana. 24 febbraio convegno Etica e Impresa: da sinistra Marco Vitale, Mino Martinazzoli e Angelo Caloia 12

9 Molto apprezzata dai partecipanti ai corsi e ai seminari proposti da ISFOR 2000 è la possibilità di completare la preparazione teorica appresa in aula con un momento di verifica successivo alla conclusione dell intervento formativo. Gli iscritti ai vari corsi e seminari sono così in grado di confrontarsi con gli specialisti su eventuali problemi e difficoltà incontrati nell applicazione in azienda delle nozioni acquisite in aula. Questa innovativa modalità rappresenta dunque un vero e proprio servizio reale alle imprese in quanto non solo consente di calare il contributo formativo nella realtà operativa, ma permette anche di misurare l apprendimento individuale e l investimento aziendale. Nella seconda metà dell anno prende il via una duratura collaborazione con gli ordini bresciani degli Ingegneri e degli Architetti e con il Collegio dei Geometri di Brescia finalizzata alla programmazione di interventi formativi in materia di Prevenzione degli incendi e di Direttiva Cantieri con particolare riguardo al Coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e in fase di esecuzione. Alle varie edizioni degli interventi formativi parteciperanno, nei quattro anni successivi, oltre duemila professionisti bresciani Dando seguito ai risultati emersi dall indagine del Dipartimento di Studi Sociali dell Università di Brescia, ISFOR 2000 si cimenta nella progettazione di interventi formativi destinati a studenti delle scuole medie superiori. Dopo un intensa attività progettuale, che coinvolge anche i più importanti istituti medi superiori della provincia di Brescia, la Regione Lombardia approva e finanzia, attraverso le disponibilità del Fondo Sociale Europeo, taluni innovativi percorsi formativi destinati a neodiplomati e a neolaureati. Negli anni successivi questo filone di attività comprendente anche i processi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore finalizzati a favorire l interazione con le competenze dell Università e del mondo della Scuola consentirà di specializzare centinaia di giovani grazie alla progettazione e alla realizzazione di numerosi percorsi formativi coerenti con le reali necessità del tessuto economico-produttivo locale. Regione Lombardia Fondo Sociale Europeo I primi gruppi di neolaureati e di neodiplomati dopo il conseguimento degli attestati di specializzazione 13

10 Nell esercizio sociale si realizza la piena autonomia economico-finanziaria di ISFOR 2000 grazie alle oltre iscrizioni alle attività promosse dall istituto. Tale risultato si rende possibile grazie al successo di tre filoni operativi: la tradizionale formazione permanente divulgata tramite il catalogo generale, gli interventi di aggiornamento straordinario sempre più numerosi e le richieste di progettazione specifica provenienti da enti pubblici e privati. Gli investimenti in formazione da parte delle imprese godono di agevolazioni che hanno ben pochi riscontri in Italia: la Camera di Commercio di Brescia eroga infatti contributi che arrivano fino al 50% del costo sopportato dalle piccole aziende, mentre l Associazione Industriale Bresciana aggiunge un ulteriore contributo del 30% ai propri associati. Un modello virtuoso destinato a sostenere concretamente gli investimenti in formazione d eccellenza Il Gruppo Giovani Imprenditori dell Associazione Industriale Bresciana, presieduto da Arturo Medeghini, contribuisce in modo decisivo con la consapevolezza che tra le maggiori responsabilità dell imprenditore vi è quella di governare la comunicazione dei comportamenti aziendali con politiche e strumenti adeguati alla progettazione del ciclo di seminari denominato Comunicare l impresa. Realizzato da ISFOR 2000, il percorso formativo si prefigge di consentire agli imprenditori di dosare le varie discipline della comunicazione dalle relazioni interpersonali al coinvolgimento dei collaboratori, dalla pubblicità alle relazioni pubbliche, dalle promozioni al direct marketing, dalla telematica al lavoro in team per utilizzarne a fondo le potenziali sinergie, tenendo nel giusto conto sia le motivazioni interne all azienda, sia i diversi tempi d impatto e le regole di ciascuna. Arturo Medeghini 1999 ISFOR 2000 sigla con Confindustria Mantova, presieduta da Giulio Freddi, una convenzione che sancisce l avvio di una nuova serie di attività formative calibrate sulle esigenze delle aziende mantovane. La collaborazione era nata l anno precedente quando a ISFOR 2000 era stata commissionata dai vertici industriali mantovani una ricerca finalizzata a far emergere i reali fabbisogni formativi percepiti dalle imprese associate. All intesa strategica con l associazione industriale mantovana si affianca un analoga iniziativa con l Associazione Industriali di Cremona, che consente a ISFOR 2000 di realizzare e divulgare appositi cataloghi formativi destinati alle aziende di entrambe le province. Il positivo riscontro delle comuni esperienze prelude all ingresso delle due organizzazioni confindustriali nel capitale di ISFOR 2000, che a sua volta sancisce il raggiungimento di una tappa decisiva: l affermazione dell istituto come polo formativo d eccellenza per l intera Lombardia orientale. Giulio Freddi e Achille Fornasini presentano i contenuti dell intesa tra ISFOR 2000 e Confindustria Mantova Il primo catalogo destinato alle imprese mantovane Il primo catalogo destinato alle imprese cremonesi 14

11 Il 28 settembre si celebra il decennale dell istituto. Per l occasione ISFOR 2000 affida all artista bresciano Tullio Cattaneo la realizzazione di una scultura in bronzo dedicata a Guido Carli, inaugurata nel corso dell evento. Si è così voluto ricordare l eminente e autorevole figura - Governatore della Banca d Italia, Presidente di Confindustria e Ministro del Tesoro - che dieci anni prima aveva partecipato, con interesse e attenzione, al primo convegno organizzato dal nascente istituto. Decennale di ISFOR 2000: da sinistra Achille Fornasini, Paolo Savona, Giovanni Dalla Bona e Ugo Gussalli Beretta (Presidente AIB) Il pubblico presente all evento del decennale La scultura dedicata a Guido Carli (a destra l autore Tullio Cattaneo) La pubblicazione del decennale 2000 ISFOR ottiene la Certificazione di Qualità UNI EN ISO 9001: 2000, che conferma l attestazione già ottenuta dall organismo indipendente internazionale Det Norske Veritas nell anno precedente. Il riconoscimento evidenzia e istituzionalizza lo sforzo di ISFOR 2000 nell assicurare ai fruitori dei servizi formativi la realizzazione di corsi e seminari connotati da standard qualitativo elevato, costante e ripetibile. Al fine di contribuire alla crescita equilibrata delle imprese commerciali e turistiche della provincia di Brescia, la Camera di Commercio, l Associazione Commercianti, la Confesercenti e ISFOR 2000 istituiscono la Scuola Superiore del Commercio e del Turismo per garantire un riferimento permanente nel campo della formazione professionale e manageriale diretta a tutti gli operatori commerciali e turistici. Negli anni successivi questo ramo di attività, sostenuto economicamente dalla Camera di Commercio di Brescia, è destinato a coinvolgere migliaia di commercianti in azioni formative ad essi specificamente dedicate. 15

12 12 settembre 2000: Francesco Bettoni (Presidente della Camera di Commercio di Brescia) presenta la Scuola Superiore del Commercio e del Turismo Nell ambito delle attività della Scuola Superiore del Commercio e del Turismo s innestano successivamente due iniziative speciali curate da ISFOR 2000: i percorsi formativi di miglioramento necessari al conseguimento del Marchio di Qualità della ristorazione e dell accoglienza turistico-alberghiera istituito dalla Camera di Commercio di Brescia e le azioni formative destinate al potenziamento della qualità dell offerta alberghiera della provincia di Brescia in collaborazione con Brescia tourism ISFOR 2000 ottiene l accreditamento presso la Regione Lombardia quale ente di formazione idoneo a organizzare ed erogare servizi di formazione continua, superiore e di orientamento finanziati con risorse pubbliche, possedendo i requisiti strutturali, organizzativi ed economico-finanziari imposti dalla stessa Regione a garanzia dell affidabilità del soggetto preposto a erogare servizi di qualità, salvaguardando l efficacia e l efficienza dei processi interni. La progettazione del piano formativo territoriale denominato L attuazione efficace delle politiche di governance negli enti locali della provincia di Brescia consente a ISFOR 2000 di ottenerne il finanziamento da parte della Regione Lombardia attraverso il Fondo Sociale Europeo. Il progetto, che riesce a coinvolgere migliaia di dipendenti pubblici, è sostenuto e patrocinato dalla Provincia di Brescia, dall Associazione Nazionale Professionale dei Segretari Comunali e Provinciali G. Vighenzi, dall Associazione Comuni Bresciani e dalle organizzazioni sindacali bresciane. La collaborazione di ISFOR 2000 con l Associazione Comuni Bresciani e l Associazione Vighenzi condurrà anche all organizzazione congiunta del corso preparatorio al concorso pubblico per segretari comunali. Associazione Comuni Bresciani ISFOR 2000 è accreditata sia dall AICA Associazione Italiana per l informatica ed il Calcolo Automatico quale Test Center ECDL autorizzato all erogazione di prove d esame finalizzate al rilascio della Patente Europea per l utilizzo del computer, sia dal Ministero della Sanità quale ente abilitato a progettare ed erogare seminari di formazione destinati agli Ottici interessati ad acquisire crediti riconosciuti dalla Commissione Nazionale per l Educazione Continua in Medicina. 16

13 2002 Un nuovo aumento di capitale, volto essenzialmente a favorire l ampliamento dell assetto societario, si conclude con la sua totale sottoscrizione. L Associazione Industriale Bresciana, presieduta da Aldo Bonomi, mantiene la quota di maggioranza assoluta di ISFOR A seguito dell operazione di aumento di capitale, la compagine societaria di ISFOR 2000 risulta così definitivamente articolata (in grassetto i nuovi innesti): ORGANIZZAZIONI IMPRENDITORIALI Associazione Commercianti della provincia di Brescia, Associazione Industriale Bresciana, Associazione Industriali Cremona, Collegio dei Co- Aldo Bonomi struttori Edili di Brescia e provincia, Confartigianato Unione di Brescia, Confederazione Nazionale dell Artigianato di Brescia, Confesercenti Provinciale di Brescia, Confidi Lombardia, Confindustria Bergamo, Confindustria Mantova, Unione Provinciale Agricoltori di Brescia. ENTI CREDITIZI Banca di Credito Cooperativo dell Agro Bresciano, Bipop Carire-Unicredit Group, Intesa San Paolo, UBI-Banco di Brescia. ISTITUZIONI E AZIENDE PUBBLICHE A2A, Associazione Comuni Bresciani, Azienda Sanitaria Locale della provincia di Brescia, Camera di Commercio di Brescia, Cogeme, Opera Pia Richiedei, Provincia di Brescia. Associazione Comuni Bresciani PROVINCIA DI BRESCIA IMPRESE Abc, Abert, Abip, Almag, American Standard Italia, Aso Siderurgica, Bontempi Vibo, Camfart, Camozzi, Cantine della Valtenesi e della Lugana, Carlo Tassara, Cartiera di Toscolano (Marchi Group), Castalimenti, Castellini, CF Gomma, Consorzio Cap.Calco, Cotonella, Cpf Industriale, Dinema, Dosso Alto, Duraldur, Earchimede, Elettroplastica Elettrodomestici (Olimpia Splendid), Ergom Soffiaggio, F.Apollonio & C., Fabbrica d Armi Pietro Beretta, Feralpi Siderurgica, Filartex, Fiman Finanziaria (Gruppo Manerbiesi), Fonderie Guido Glisenti, Fratelli Geroldi, Gial, Ghio, Henriette Confezioni, Industrie Pasotti, Industrie Saleri Italo, Iveco, KL, Kriotrans, Laminazione Acciai Speciali, Leali, Lonati, Majolini (Molemab), Megaitalia, Mesak, Mesdan, Messaggerie del Garda, Metal Work, Metallurgica Bresciana, Metra, Moretti, Niggeler & Kupfer, Officine Meccaniche Rezzatesi, Omb Saleri, Palazzoli, Pompea, Premar, Premier Brescia, Raffineria Metalli Capra, Raffineria Metalli Guizzi, Rothe Erde, Rubinetterie Bresciane Bonomi, Santi Eugenio, Scatolificio Ghedese, Sertelettronica, Sintex, Società Italiana Autoservizi, Sideridraulic System, Sidertam, Sigecon, Soluzioni Finanziarie, Streparava, Terenziani, Torchiani Renzo Industria Chimica, Trend, Trw Italia, Univers, Valbia, Valpres, Valsabbia Investimenti, Vitasol, Zerouno Informatica. 17

14 ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI Associazione Nazionale Dentisti Italiani, Ordine degli Avvocati di Brescia, Ordine Dottori Commercialisti della provincia di Brescia. Associazione Nazionale Dentisti Italiani Ordine degli Avvocati di Brescia ISTITUTI SCOLASTICI Istituto Tecnico Commerciale Statale A. Lunardi di Brescia, Istituto Tecnico Commerciale Statale Abba-Ballini di Brescia, Istituto Tecnico Industriale Statale B. Castelli di Brescia ISFOR 2000 e Siderweb avviano la serie di seminari Steel Market Outlook rivolta agli imprenditori e ai manager delle industrie siderurgiche con l intento di fornire ad essi, periodicamente, sia un efficace quadro macroeconomico di settore, sia una rigorosa analisi delle dinamiche correnti e prospettiche dei prezzi delle materie prime e dei semilavorati siderurgici. Due degli appuntamenti dell osservatorio quadrimestrale si svolgono nell ambito della manifestazione Made in Steel, tenuta nel 2005 e nel 2007 al Polo fieristico di Brescia. Si svolge il ciclo di seminari destinato ai giovani imprenditori dell Associazione Industriale Bresciana sul tema Opportunità e fatiche della convivenza generazionale nell azienda di famiglia. Nel corso si affrontano le criticità connesse alla coesistenza infra e intergenerazionale in azien- 18

15 da, che prelude al passaggio delle responsabilità imprenditoriali. Il percorso formativo si prefigge di delineare, grazie anche all intensa interattività che lo caratterizza, le modalità relazionali utili al proficuo inserimento nell azienda di famiglia. Il corso potenzia la propria azione formativa grazie all attività di assistenza individuale che favorisce la crescita personale dei giovani in funzione delle peculiari condizioni di contesto poste dalle rispettive aziende Con il piano formativo territoriale denominato Nuove competenze per nuova competitività nelle aziende della Lombardia orientale si avvia l alleanza strategica in campo formativo delle organizzazioni imprenditoriali confindustriali di Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova, socie di ISFOR Finanziato dal Fondo Sociale Europeo, e guidato da ISFOR 2000, il grande progetto formativo ottiene la condivisione delle organizzazioni sindacali delle quattro province. Il patto d azione comune si conferma con la successiva proposta territoriale denominata Lo sviluppo locale per la competizione globale: conoscenze, competenze e strumenti finanziata ai sensi della Legge 236/93. Si tratta di un complesso di interventi formativi che si propone di offrire al tessuto economico-produttivo bresciano un ampia e articolata proposta volta a soddisfare i più urgenti fabbisogni professionali necessari ad assecondare la crescita e il potenziamento delle imprese. La condivisione formale e sostanziale dei progetti formativi territoriali da parte delle Parti Sociali della Lombardia orientale - Associazione Industriale Bresciana, Associazione Industriali Cremona, Confindustria Bergamo, Confindustria Mantova, CGIL, CISL e UIL di Brescia, Valcamonica-Sebino, Bergamo, Cremona e Mantova - si consolida con l avvento del fondo interprofessionale Fondimpresa. La valorizzazione delle disponibilità di Fondimpresa si concretizza in un accordo quadro interprovinciale, che a sua volta genera protocolli d intesa regolanti le attività di un Comitato Paritetico di Pilotaggio impegnato nella guida strategica, nel monitoraggio e nel controllo di ampie proposte formative destinate alle imprese e ai lavoratori della Lombardia orientale. La progettazione e la realizzazione delle attività formative finanziate da Fondimpresa è affidata a ISFOR 2000, in qualità di capofila, e ad altri enti accreditati della Lombardia orientale: Centro Formazione AIB, Sistemi Formativi Aziendali di Confindustria Bergamo, AQM, IAL CISL Lombardia e Scuola Edile Bresciana. Grazie alle disponibilità del Fondo Sociale Europeo, ISFOR 2000 è capofila di un azione formativa che coinvolge, insieme a Confindustria Bergamo e all Associazione Industriale Bresciana, l Università Carlo Cattaneo di Castellanza e le organizzazioni imprenditoriali confindustriali di Como e di Varese. 19

16 Nell ambito delle disponibilità del fondo interprofessionale Fondirigenti, ISFOR 2000 assume il ruolo di capofila dei progetti formativi destinati ai dirigenti industriali sulla base di un intesa politico-programmatica stabilita dalle organizzazioni imprenditoriali della Lombardia orientale e Federmanager. Dalla consolidata alleanza con Confesercenti Brescia si generano anche iniziative formative destinate a operatori commerciali finanziate dal fondo interprofessionale fonter. Il Ministero della Funzione Pubblica approva e finanzia tramite il Formez - organismo nazionale che fornisce assistenza alle amministrazioni locali anche in collaborazione con enti pubblici e privati - un progetto definito da ISFOR 2000 per conto del Comune di Brescia, finalizzato ad avviare un modello innovativo di Touch-point: ovvero un punto di contatto telematico destinato a favorire l efficiente fruizione dei servizi comunali da parte dei cittadini Con il patrocinio e la cooperazione dell Ordine dei Giornalisti della Lombardia, ISFOR 2000 promuove due edizioni del corso propedeutico all iscrizione nell elenco Pubblicisti dell Albo dei Giornalisti, che coinvolgono oltre 60 operatori della comunicazione impegnati in aziende e in istituzioni della Lombardia orientale. Franco Abruzzo (secondo da sinistra in piedi), presidente dell Ordine lombardo, apre la prima edizione del corso per aspiranti giornalisti Al fine di diffondere l innovazione nei campi del marketing e delle strategie commerciali, ISFOR 2000 stabilisce un accordo con ADM Italia volto a programmare azioni informative e formative destinate agli associati della sede di Brescia. Entrano nel capitale dell istituto l Università degli Studi di Brescia e l Università Cattolica del Sacro Cuore, riconoscendo non solo l importanza del ruolo svolto da ISFOR 2000, ma anche l intensità della reciproca collaborazione consolidatasi in favore della Comunità economica bresciana. Università degli Studi di Brescia 20

17 2006 A seguito dell azione di coordinamento svolta dalla Provincia di Brescia - di concerto con l Università degli Studi di Brescia, l Università Cattolica del Sacro Cuore, l Ufficio Scolastico Provinciale di Brescia, e con il sostegno e la condivisione delle Parti Sociali della provincia di Brescia - viene costituito il Polo Formativo Territoriale per l attuazione del progetto denominato Innovazione tecnologica e internazionalizzazione per la competitività delle piccole e medie imprese manifatturiere della provincia di Brescia. La finalità del Polo, guidato da ISFOR 2000, è di promuovere l aggregazione di competenze degli attori accademici, scolastici e formativi della provincia di Brescia, valorizzandone le specificità, al fine di favorire la più intensa sinergia progettuale e operativa orientata a generare opportunità di miglioramento e di perfezionamento professionale propedeutici all inserimento qualificato dei giovani nel mondo del lavoro: l azione del Polo comprende infatti, tra l altro, la progettazione e la realizzazione di due percorsi formativi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore nel quadro delle attività sostenute dall Unione Europea con il Fondo Sociale Europeo, dalla Regione Lombardia e dal Ministero del Lavoro. polo formativo innovazione tecnologica e internazionalizzazione brescia Regione Lombardia PROVINCIA DI BRESCIA Università degli Studi di Brescia Unione Europea Fondo Sociale Europeo Ufficio Scolastico Provinciale di Brescia Ufficio scolastico per la Lombardia ISFOR 2000 è accreditata presso Finlombarda per lo sviluppo di azioni formative nell ambito del progetto Ingenio finalizzato a promuovere e a sostenere grazie ai fondi resi disponibili dall Unione Europea, dalla Regione Lombardia e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali un sistema articolato e flessibile di agevolazioni e servizi a supporto di progetti di ricerca, di trasferimento tecnologico e di idee imprenditoriali innovative. Su incarico del Ministero dell Università e della Ricerca, ISFOR 2000 entra a far parte di un gruppo di lavoro formato, oltre che da due istituti medi superiori lombardi, dal Politecnico di Milano, dall Università Bicocca di Milano, da Isvor Knowledge System di Torino e da Bracco Imaging di Milano chiamato a condurre attività di ricerca finalizzate alla determinazione delle competenze tecnico-professionali richieste in ambito industriale dai corsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore ISFOR 2000 e il Gruppo Giovani Imprenditori del Collegio Costruttori Edili di Brescia si impegnano reciprocamente nello sviluppo di un itinerario formativo imperniato sul tema Convivenza e integrazione tra generazioni nelle imprese familiari che affronta i risvolti operativi e psicologici legati alla coesistenza inter e infra generazionale nelle aziende edili di Brescia. Collegio dei Costruttori Edili di Brescia e Provincia 21

18 La cooperazione con l Associazione Industriale Bresciana guidata da Franco Tamburini si sviluppa in due direzioni: da una parte il potenziamento del ruolo dell istituto nell intera Lombardia orientale, dall altra attraverso l elaborazione di progetti condivisi con le linee operative della struttura confidustriale territoriale. In tale contesto spiccano i progetti speciali per conto del Servizio Eco 90, con il quale, d intesa con i sindacati bresciani, si attivano numerosi interventi formativi destinati ai rappresentanti dei lavoratori in tema di sicurezza. Inoltre, grazie ad un accordo con la Camera di Commercio di Brescia e con l Azienda Sanitaria Locale di Brescia, il servizio Eco 90 del vicepresidente Alberto Volpi affida a ISFOR 2000 la progettazione e la realizzazione dell intervento formativo Risk & Crisis Management: come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia. Il corso, destinato sia ai titolari di aziende industriali che ai dirigenti di aziende di pubblico servizio, si propone di illustrare le modalità attraverso le quali pianificare un efficace piano di continuità operativa, ovvero l insieme organizzato di tutte le iniziative volte a ridurre ad un livello accettabile i danni economici diretti e indiretti derivanti da una condizione di assoluta emergenza. Il Comitato Piccola Industria dell AIB si avvale inoltre a ISFOR 2000 per la realizzazione di tre annate consecutive di azioni formative nell ambito dell iniziativa Parlòmes: una serie di seminari interattivi destinata esclusivamente agli imprenditori, chiamati ad esplicitare e a razionalizzare i problemi aziendali con l aiuto di esperti degli aspetti aziendali oggetto d interesse. Franco Tamburini Alberto Volpi 2008 In coerente continuità con le azioni di sensibilizzazione già svolte dal Comitato Piccola Industria e dal Gruppo Giovani Imprenditori dell Associazione Industriale Bresciana, rispettivamente presieduti da Alberta Marniga e da Francesco Franceschetti, ISFOR 2000 progetta e realizza un seminario operativo sul tema Metalli non ferrosi: come approvvigionarsi proteggendo i margini industriali. L incontro si propone di facilitare la comprensione, attraverso simulazioni e casi tratti dalla realtà operativa, i meccanismi che regolano il mercato delle materie prime con l obiettivo di consentire un efficace gestione del rischio connesso alle operazioni di acquisto di metalli industriali. La confortante accoglienza dell iniziativa è propedeutica all avvio di un nuovo progetto condiviso: l osservatorio congiunturale periodico denominato Scenari e Tendenze: attualità e prospettive dell economia e dei prezzi. Alberta Marniga Francesco Franceschetti Tra le iniziative promosse dal gruppo Femminile Plurale dell Associazione Industriale Bresciana spicca il progetto formativo, affidato a ISFOR 2000, imperniato sul tema Identità e legittimazione della donna imprenditrice. Il corso, partecipato da imprenditrici e da giovani già inserite nelle imprese familiari, intende valorizzare le peculiarità di genere in azienda e concorrere alla defini- 22

19 zione, all interpretazione e alla promozione del ruolo della donna imprenditrice attraverso atteggiamenti e comportamenti capaci di soddisfare le molteplici attese sollecitate dall azienda e dal contesto sociale di riferimento. * * * 18 marzo 2008: le partecipanti al corso promosso dal gruppo Femminile Plurale AIB La Direzione Generale Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Lombardia pubblica i primi risultati del Modello di Rating, che esprime gli esiti della valutazione della performance di 337 sedi accreditate nell anno Il Modello di Rating - strumento di verifica e di monitoraggio dei requisiti richiesti dalla Regione Lombardia agli enti che beneficiano di finanziamenti pubblici - si basa sulla valutazione di una serie di indicatori misuranti la consistenza, l efficienza e l efficacia dell attività svolta, la dotazione logistica, la situazione economica, le competenze professionali e le relazioni con il territorio di riferimento. In funzione di tali parametri ISFOR 2000 si pone al primo posto assoluto nella graduatoria relativa alla tipologia di accreditamento dedicata ai Servizi di Formazione Superiore, Continua e Permanente. * * * Il traguardo dei vent anni conferma non solo il profondo radicamento dell istituto nella Comunità bresciana, ma anche il suo carattere di organismo vitale. Lo dimostrano gli oltre novantamila partecipanti alle migliaia di interventi formativi progettati e realizzati da ISFOR 2000 in tutti questi anni. La formula lungimirante della società consortile ha consentito di coinvolgere un numero crescente di soggetti che hanno portato la voce della domanda nella programmazione delle attività formative proposte da ISFOR. Interventi formativi che mantengono, in ragione della loro coerenza con le esigenze dei fruitori, una indiscutibile validità, sebbene siano radicalmente cambiati sia il contesto sia le metodologie attraverso cui sono erogati. Un risultato confortante che si spiega con il costante impegno di ISFOR nel garantire al sistema socio-economico lombardo orientale, e a quello bresciano in particolare, le conoscenze, le competenze e le abilità necessarie per gestire situazioni complesse, con l attitudine imprenditoriale e la propensione al rischio tipiche del nostro tessuto produttivo, che è stato ed è fucina di imprese. Nella vita delle organizzazioni sociali, come in quella delle persone, le celebrazioni costituiscono un significativo momento di saldatura tra passato e futuro attraverso un presente fortificato dall esperienza e stimolato dalle prossime sfide. Le incertezze e le discontinuità che incombono all orizzonte potranno essere trasformate in opportunità e in un ulteriore rilancio del ruolo di ISFOR 2000 solo se l istituto saprà fare ciò che ha sempre fatto: investire nelle persone, ossia nei propri collaboratori, nei propri docenti e nei propri utenti di cui occorrerà continuare a capirne, e possibilmente anticiparne, i bisogni, le attese e le potenzialità. 23

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli