La Regione Toscana per gli infermieri

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Regione Toscana per gli infermieri"

Transcript

1 Regione Toscana Diritti Valori Innovazione Sostenibilità La Regione Toscana per gli infermieri Dati sugli di studio e sugli studenti frequentanti i corso di laurea per infermieri periodo 2001/ /2008

2 La Regione Toscana per gli infermieri Dati sugli di studio e sugli studenti frequentanti i corso di laurea per infermieri periodo 2001/ /2008

3 Stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana

4 Indice 5 Introduzione 7 Le domande presentate 10 I laureati 12 Gli erogati 20 Indicatori di sintesi 26 La spesa sostenuta 28 Conclusioni 3

5

6 Introduzione Con il D.Lgs. 502/1992 Riordino della disciplina in materia sanitaria, si opera anche nel settore della formazione del personale sanitario infermieristico, tecnico e della riabilitazione, un grande cambiamento. Infatti, a partire dall anno 1996 tale formazione sarà effettuata dalle Università e non più dalle Regioni, occorrerà per accedere ai corsi, tutti di durata triennale, un diploma quinquennale e gli studenti conseguiranno un Diploma Universitario, diventato oggi, a seguito di vari riordini delle norme universitarie, Laurea triennale. Tra le figure del settore sanitario, quella dell Infermiere è risultata essere sempre quella della quale si è avuta la maggiore carenza in termini di personale formato, prima dalle Regioni e poi dalle Università. Già la Regione Toscana, per sopperire alla cronica carenza di personale infermieristico aveva previsto, sin dagli anni 80, forme di incentivazione economica al fine di rendere appetibile la professione. Insieme alla possibilità di programmare un importante di allievi da mettere in formazione grazie al grande sforzo di tutte le UU.SS.LL. che, fino alla riforma del 1992,erano ben 40 in Toscana, si può affermare che il di diplomati Infermiere Professionale (questa era la denominazione) risultava essere appena sufficiente al fabbisogno di personale infermieristico del Servizio Sanitario Toscano. Con l avvio della riforma e conseguente formazione universitaria, nonostante un forte impegno al decentramento dei corsi in Infermieristica presso alcune Aziende Sanitarie, da parte delle nostre 3 Università toscane, i numeri di sono notevolmente ridotti sia per la minore offerta formativa delle Università sia per il titolo di accesso ai corsi per i quali prima era richiesto solo il biennio di scuola media superiore (10 anni di scolarità). Con l avvio dei primi corsi universitari che sono iniziati a regime dall anno accademico 1997/98 si è visto che a fronte di 595 posti nelle 3 Università toscane, vi sono state 445 domande e il trend si è mantenuto negativo anche negli anni accademici successivi: a.a. 1998/1999 posti: 750 domande: 366 a.a. 1999/2000 posti: 750 domande: 613 Per ovviare a questo trend negativo l Assessorato alla Salute della Regione Toscana ha introdotto, con la DGR n. 883 del 7/8/2000, forme di incentivazione per l iscrizione e la frequenza ai corsi di cui sopra attraverso l erogazione di di studio nei tre anni di corso, a partire dall anno accademico 2000/2001, secondo i seguenti criteri: 5

7 a) aver regolarmente frequentato il corso, ovvero non essere fuori corso; b) aver superato tutti gli esami teorici previsti nell anno accademico, riportando una media non inferiore a 22/30; c) aver superato con esito positivo la valutazione del tirocinio; d) aver discusso la tesi di diploma entro la sessione autunnale o primaverile. quantificando l importo dell assegno di studio da erogare nei 3 anni nel seguente modo: - per il 1 anno Euro 955,45 (al lordo delle imposte a carico del percettore); - per il 2 anno Euro 1.936,71 (al lordo delle imposte a carico del percettore); - per il 3 anno Euro 3.227,86 (al lordo delle imposte a carico del percettore). Successivamente, considerata la diffusa difficoltà degli studenti infermieri a concludere la formazione nel triennio previsto con un conseguente alto di fuori corso è stata accolta la richiesta di derogare al punto a) dei criteri previsti introducendo la possibilità di essere fuori corso o ripetenti per non più di una volta nei tre anni nel corso di D.U. per Infermiere. I dati che si riscontrano dall a.a. 2000/2001 sono confortanti. Si comincia infatti ad avere un trend positivo con un di domande superiore al dei posti messi a bando. Infatti a fronte dei soliti 750 posti abbiamo 952 domande. Nelle tabelle che seguono si può vedere il trend delle domande presentate sui posti disponibili a partire dall a.a. 2001/2002 fino all a.a. 2007/2008. Anche per l a.a. 2008/2009 sono stati programmati e finanziati gli incentivi per il corso di Laurea in Infermieristica, ma i dati definitivi saranno disponibili solo a primavera 2010 quando si concluderà l ultima sessione di esami e la contemporanea ultima scadenza per la richiesta degli da parte degli aventi diritto. Seguono, nelle prossime pagine, varie tabelle per i periodi di riferimento suddetti, sui dati relativi alle domande ricevute e agli allievi frequentanti i corsi suddivisi per Università, al dei laureati e degli erogati nonché della spesa sostenuta. 6

8 Le domande presentate Dati sulle domande presentate per l accesso ai corsi dall a.a. 2001/2002 all a.a. 2007/2008 e loro rapporto con i posti banditi per ciascun anno accademico, forniti dalle tre Università di Firenze, Pisa e Firenze Pisa Totale acca- domande posti domande posti domande posti Anno demico domande posti Rapporto tra domande e posti banditi in toscana posti 600 domande

9 Andamento delle domande e dei posti Università di Firenze domande posti Andamento delle domande e dei posti Università di Pisa domande posti Andamento delle domande e dei posti Università di domande posti

10 Dall andamento dei grafici sopra riportati si può rilevare che: - il dei posti complessivi banditi dalle 3 Università è stato annualmente incrementato, passando da 767 del a 980 nel (+28%) fino ad un che è rimasto costante negli ultimi 4 anni accademici considerati; - il delle domande, ad eccezione dell a.a. 2004/2005 ha avuto un progressivo incremento, passando da 1035 nel a 1444 nel (+40%). 9

11 I laureati Dati sulle lauree conseguite dall a.a. 2001/2002 all a.a. 2007/2008 e rapporto con gli al terzo anno, forniti dalle tre Università di Firenze, Pisa e Firenze Pisa Totale Anno accademico laureati laureati laureati laureati Confronto tra al terzo anno e laureati in Toscana laureati Dalle tabelle presenti in questa sezione si può osservare come a fronte di un alto di al 3 anno di corso, il dei laureati, soprattutto a partire dall a.a. 2003/2004 sia praticamente meno della metà pur rilevando un andamento tendenzialmente crescente. Una delle cause dello scarso di laureati rispetto agli è addebitabile ai molti fuori corso, soprattutto nella sede di Pisa, in cui nel si sono laureati circa 30 studenti per ogni 100 al 3 anno. 10

12 Università degli Studi di Firenze 95,00% 90,00% 85,00% 80,00% 87,85% 87,31% 84,34% 78,64% 85,56% 81,14% 92,06% percenutale dei laureati rispetto agli 75,00% 70,00% Università degli Studi di Pisa 40,00% 35,00% 30,00% 32,54% 35,03% 30,89% 29,84% 29,58% 25,00% 20,00% 15,00% 10,00% 22,17% 15,35% percenutale dei laureati rispetto agli 5,00% 0,00% Università degli Studi di 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 67,02% 73,12% 62,59% 52,75% 52,83% 73,74% 40,00% 30,00% 20,00% 24,56% percenutale dei laureati rispetto agli 10,00% 0,00%

13 Gli erogati Dati sugli erogati dall a.a. 2001/2002 all a.a. 2007/2008 suddivisi per annualità ed in rapporto al degli, forniti dalle tre Università di Firenze, Pisa e e dalle Aziende per il diritto allo studio universitario Anno accademico Primo anno Secondo anno Terzo anno Totali Università Firenze Pisa Totali Assegni concessi dalle tre Università e percentuale sul nell'a.a ; 32% 298; 39% Firenze Pisa 222; 29% Percentuale concessi rispetto agli in ciascuna delle tre Università a.a ,02% 55,08% Firenze Pisa 32,13% 12

14 Anno accademico Università Primo anno Secondo anno Terzo anno Totali Firenze Pisa Totali Assegni concessi dalle tre Università e percentuale sul nell'a.a ; 29% 264; 31% 338; 40% Firenze Pisa Percentuale concessi rispetto agli in ciascuna delle tre Università a.a ,97% 45,19% Firenze Pisa 27,27% 13

15 Anno accademico Università Primo anno Secondo anno Terzo anno Totali Firenze Pisa Totali Assegni concessi dalle tre Università e percentuale sul nell'a.a ; 23% 242; 30% 377; 47% Firenze Pisa Percentuale concessi rispetto agli in ciascuna delle tre Università a.a ,98% 21,78% 45,48% Firenze Pisa 14

16 Anno accademico Università Primo anno Secondo anno Terzo anno Totali Firenze Pisa Totali Assegni concessi dalle tre Università e percentuale sul nell'a.a ; 23% 264; 29% 443; 48% Firenze Pisa Percentuale concessi rispetto agli in ciascuna delle tre Università a.a ,69% 22,37% 48,57% Firenze Pisa 15

17 Anno accademico Università Primo anno Secondo anno Terzo anno Totali Firenze Pisa Totali Assegni concessi dalle tre Università e percentuale sul nell'a.a ; 24% 267; 27% 480; 49% Firenze Pisa Percentuale concessi rispetto agli in ciascuna delle tre Università a.a ,04% 19,88% 45,63% Firenze Pisa 16

18 Anno accademico Università Primo anno Secondo anno Terzo anno Totali Firenze Pisa Totali Assegni concessi dalle tre Università e percentuale sul nell'a.a ; 24% 290; 29% 479; 47% Firenze Pisa Percentuale concessi rispetto agli in ciascuna delle tre Università a.a ,70 44,86 34,43 Firenze Pisa 17

19 Anno accademico Università Primo anno Secondo anno Terzo anno Totali Firenze Pisa Totali Assegni concessi dalle tre Università e percentuale sul nell'a.a ; 19% 345; 32% 525; 49% Firenze Pisa Percentuale concessi rispetto agli in ciascuna delle tre Università a.a ,91% 44,08% Firenze Pisa 22,91% 18

20 Riepilogo dall anno accademico 2001/2002 all anno accademico 2007/2008 Dati sugli erogati dall a.a. 2001/2002 all a.a. 2007/2008 suddivisi per annualità, forniti dalle tre Aziende per il diritto allo studio universitario Università Firenze Pisa Totali Gli eragati dall'a.a all'a.a Firenze Pisa

21 Indicatori di sintesi Al fine di fornire una valutazione preliminare della strategia assegno di studio gli studenti infermieri, tenendo conto dei dati a disposizione, conviene far riferimento ad un modello del tipo di quello presentato nel prospetto allegato. I fenomeni rappresentati sono nell ordine: A N. di domande di iscrizione al 1 anno B N. di posti programmati di iscrizione al 1 anno C N. di di studio erogati a studenti del 3 anno D N. di di studio erogati a studenti dei tre anni di corso E Spesa regionale per di studio a studenti del 3 anno F Spesa regionale per di studio a studenti dei 3 anni di corso G N. di studenti al 3 anno di corso H N. di laureati In base ai dati disponibili per anno accademico e Sede universitaria relativi ai predetti fenomeni sono stati calcolati gli indicatori definiti di seguito. Le tavole I e II riportano i dati di base rispettivamente per l ultimo triennio e l ultimo anno accademico. Nelle tavole III e IV figurano i valori assunti degli indicatori, con riferimento ai periodi, rispettivamente, triennio / e anno accademico Indicatori: (1) Domande di iscrizione al 1 anno per posto disponibile. La media regionale nell anno accademico è pari a 1,47, cioè le domande superano il di posti disponibili di poco meno del 50% (Firenze 16%, Pisa 122%, 10%). I dati dell ultimo triennio ( / ) confermano la graduatoria delle sedi con i seguenti valori: Firenze 0,99, Pisa 2,00, 1,13, media regionale 1,33. (2) Laureati per 100 posti disponibili al 1 anno. La media regionale è pari, nell anno accademico , a 67, cioè si laureano 67 studenti per ogni 100 posti programmati al 1 anno. La situazione è molto variabile tra le sedi: 52 Firenze, 63, 94 Pisa. Anche per questo indicatore i valori del triennio / confermano la graduatoria delle sedi con i seguenti valori: Firenze 49, Pisa 89, 58, media regionale 63. (3) Percentuale di Laureati su al 3 anno di corso. E un indicatore di produttività del 3 anno di corso. La media regionale nel è pari al 47%, cioè su 100 al 3 anno, 47 acquisiscono la laurea nell anno. Appare molto atipica la situazione di PISA: la percentuale è appena del 29,6%. Nella sede di Pisa si laureano 94 studenti per ogni 100 posti disponibili al 1 anno, ma tali laureati rappresentano solo il 30% degli al 3 anno (lungo percorso di studi nella posizione di Fuori corso, oppure inserimento al 3 anno di studenti già in possesso 20

22 del diploma e che vogliono acquisire il titolo di laurea). I valori medi del triennio / sono concordi con quelli del : Firenze 86,5, Pisa 30,1, 58,8, media regionale 45,3. (4) N. di di studio al 3 anno per 100 studenti al 3 anno (incentivazione alla laurea degli studenti del 3 anno). La media regionale nel è pari a 30,9, cioè 31 su 100 studenti beneficiari di assegno di studio al 3 anno 31 acquisiscono il titolo di laurea. La situazione è molto variabile nelle 3 sedi: dal 16,4% di Pisa al 72,6% di Firenze (alta incidenza a Pisa di studenti Fuori corso al 3 anno, o presenza di studenti non provenienti dal percorso normale). I valori medi del triennio confermano la graduatoria delle sedi, con valori: Firenze 68,7, Pisa 14,7, 49,6, media regionale 30,4. (5) N. di di studio al 3 anno per 100 laureati. La media regionale è pari a 65,6, cioè circa 2 su 3 laureati hanno usufruito di assegno di studio al 3 anno. I valori per sede variano dal 55,5% di Pisa al 73,9% di Firenze. Dai valori medi assunti dagli indicatori nell ultimo triennio emerge l inversione tra Firenze e del valore più alto: Firenze 79,3, Pisa 48,9, 84,3, media regionale 67,2. (6) N. medio di di studio in (3 anni di corso) per laureato nell anno. La media regionale nel è di 1,63, cioè sono stati erogati 1,63 di studio nel triennio per ogni laureato prodotto dal sistema. La variabilità tra le sedi è abbastanza consistente: da 1,23 di Pisa a 2,26 di Firenze. I valori medi del triennio confermano la graduatoria tra le sedi, con valori: Firenze 2,27, Pisa 1,12, 1,70, media regionale 1,65. (7) degli erogati nel 3 anno di corso per laureato nell anno. Il valore medio anno regionale è pari nel a 2.116, con una variabilità tra le sedi che va dai di Pisa ai di Firenze.Dal confronto con le medie del triennio si può notare che al primo posto con i valori più alti risulta invece che Firenze: Firenze 2566, Pisa 1574, 2722, media regionale (8) medio anno degli erogati per i 3 anni di corso per laureato nell anno. Il valore medio anno regionale è nel di 3.544, con variabilità tra le sedi che va dai di Pisa ai di Firenze. E un indicatore di rendimento della spesa sostenuta per assegno di studio nel triennio di corso (costo medio in di studio per laureato finale). Dal confronto con le medie del triennio emerge ancora l inversione al 1 posto tra Firenze e : Firenze 4743, Pisa 2452, 4027, media regionale (9) Numero indice percentuale di sede fatto 100 la media regionale dell indicatore (8). La spesa media per laureato in di studio della sede di Firenze è del 33% superiore alla media regionale; quella di PISA del 23% inferiore alla media regionale. I numeri indici calcolati sulle medie triennali confermano il valore basso di Pisa (68), con una 21

23 differenza in meno di spesa media per laureato pari al 32% rispetto alla media regionale. In sintesi: a) la sede di Pisa è caratterizzata da una dispersione temporale degli studenti prima della laurea molto elevata. Nel solo un terzo degli studenti al 3 anno si laurea nell anno. E però l ateneo che garantisce il più alto rendimento, sia in termini di laureati rispetto al di posti disponibili (94 laureati ogni 100 posti), sia in termini di costo regionale pro-capite per di studio nel triennio per laureato ( 2.731, rispetto ai della media regionale e ai di Firenze) E da verificare se gli al 3 anno della sede di Pisa sono tutti studenti che provengono da pregresse iscrizioni al 1 anno, oppure se in parte sono anche iscrizioni di studenti già in possesso del diploma di infermiere che vogliono acquisire il diploma di laurea. Nel secondo caso è necessario un approfondimento acquisendo dati supplementari rispetto a quelli disponibili. b) La sede di Firenze presenta un percorso temporale degli studi più regolare, con 92,1% di laureati rispetto agli al 3 anno ( ); ma è anche l ateneo con il più basso rendimento degli studi (52 laureati per 100 posti programmati all ingresso e di spesa regionale per di studio per laureato) c) L università di nel occupa una posizione intermedia tra quelli degli atenei di Firenze e Pisa 63 laureati per 100 posti programmati all ingresso 74 laureati per 100 al 3 anno di corso di spesa regionale per di studio nel triennio in media per laureato 22

24 Tav. I. Dati di base, valori medi annui triennio accademico / ano Assegni N posti 1 anno Assegni in N. Assegni 3 anno Laureati Iscritti al 3 anno N. domande di ingresso Sedi Firenze Pisa Totale Tav. II. Dati di base, anno accademico anno Assegni N posti 1 anno Assegni in N. Assegni 3 anno Laureati Iscritti al 3 anno N. domande di ingresso Sedi Firenze Pisa Totale

25 Tav. III. valori assunti dagli indicatori in media nel triennio accademico / Sedi (1) N. di domande di iscrizione al 1 anno per posto disponibile (2) N. laureati per 100 posti programmati (3) N. Laureati per 100 al 3 anno (4) N. erogati al 3 anno per 100 studenti al terzo anno Firenze 0, ,5 68,7 79,3 Pisa 2, ,1 14,7 48,9 1, ,8 49,6 84,3 Totale 1, ,3 30,4 67,2 (5) N. erogati al 3 anno per 100 laureati nell anno (6) N. erogati nei 3 anni di corso per laureato nell anno (7) medio erogati nel 3 anno per laureato nell anno, (8) medio erogati nel triennio per laureato nell anno 2, , , , (9) N. indice % valori dell indicatore (8) Tav. IV Valori assunti degli indicatori, anno accademico Sedi (1) N. di domande di iscrizione al 1 anno per posto disponibile (2) N. laureati per 100 posti programmati (3) N. Laureati per 100 al 3 anno (4) N. erogati al 3 anno per 100 studenti al terzo anno Firenze 1, ,1 72,6 73,9 Pisa 2, , ,5 1, ,7 47,0 63,7 Totale 1, ,1 30,9 65,6 (5) N. erogati al 3 anno per 100 laureati nell anno (6) N. erogati nei 3 anni di corso per laureato nell anno (7) medio erogati nel 3 anno per laureati nell anno, (8) medio erogati nel triennio per laureato nell anno 2, , , , (9) N. indice % valori dell indicat ore (8) 24

26 Modello. Assegni di studio e percorsi formativi INGRESSO ASSEGNI di STUDIO N. domande di iscrizione al 1 anno A N. Posti programmati 1 anno B Numero Spesa regionale Triennio Triennio 3 anno di corso C D 3 anno di corso E N. al 3 anno F G H N. di laureati (1)= A/B (2)=100*H/B (3)=100*H/G (4)=100*C/G (5)=100*C/H (6)=100*D/H (7)=E/H (8)=F/H (9)=100*(8)/M(8) 25

27 La spesa sostenuta Dati sulla spesa sostenuta per il pagamento degli di studio per infermieri dall a.a. 2001/2002 all a.a. 2007/2008 versati dalla Regione Toscana alle tre Aziende per il diritto allo studio universitario di Firenze, Pisa e L importo degli è stato di euro 955,45 per il primo anno, euro 1.936,71 per il secondo anno ed euro 3.227,86 per il terzo anno Anno accademico ARDSU Primo anno Secondo anno Terzo anno Totale Totale Totale Spesa Firenze , , , ,58 Pisa , , , , , , , ,75 Totali , , , ,85 Anno accademico ARDSU Primo anno Secondo anno Terzo anno Totale Totale Totale spesa Firenze , , , ,37 Pisa , , , , , , , ,60 Totali , , , ,64 Anno accademico ARDSU Primo anno Secondo anno Terzo anno Totale Totale Totale spesa Firenze , , , ,18 Pisa , , , , , , , ,02 Totali , , , ,96 26

28 Anno accademico ARDSU Numero Primo anno Secondo anno Terzo anno Totale Numero Numero Totale Totale spesa Firenze , , , ,14 Pisa , , , , , , , ,03 Totali , , , ,36 Anno accademico ARDSU Numero Primo anno Secondo anno Terzo anno Totale Numero Numero Totale Totale spesa Firenze , , , ,11 Pisa , , , , , , , ,45 Totali , , , ,57 Anno accademico ARDSU Numero Primo anno Secondo anno Terzo anno Totale Numero Numero Totale Totale spesa Firenze , , , ,15 Pisa , , , , , , , ,99 Totali , , , ,38 Anno accademico ARDSU Primo anno Secondo anno Terzo anno Totale Numero Numero Numero Totale Totale spese Firenze , , , ,86 Pisa , , , , , , , ,28 Totali , , , ,45 27

29 Riepilogo delle spese sostenute dalla Regione Toscana per il pagamento degli di studio dall a.a. 2001/2002 all a.a. 2007/2008 Anno accademico firenze pisa siena spesa sostenuta Totale , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,61 Andamento della spesa per dall'a.a. 2001/2002 all'a.a. 2007/ , , , , ,00 firenze pisa siena ,00 0,

30 Conclusioni L impegno della Regione Toscana nell incentivare sia l iscrizione che la permanenza nei corsi di Laurea in Infermieristica è stato sicuramente importante, impegnativo ed oneroso. L obiettivo di aumentare la domanda rispetto all offerta è stato abbondantemente raggiunto anche se ancora molto rimane da fare per far sì che i giovani si avvicinino a questa professione che richiede molta motivazione e consapevolezza di un ruolo che è centrale nell assistenza alle persone, un punto di riferimento primario per l attuazione di qualsiasi politica di sviluppo dei servizi sanitari. 29

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca Le nuove Scuole di Dottorato L Università degli Studi di Sassari nell a.a. 2007-2008 giunge al definitivo passaggio dal sistema dei Dottorati

Dettagli

Sistema di indicatori sulle carriere accademiche degli studenti

Sistema di indicatori sulle carriere accademiche degli studenti Sistema di indicatori sulle carriere accademiche degli studenti Premessa: finalità e obiettivi La necessità di disporre di dati relativi alle carriere accademiche degli studenti e ai risultati delle attività

Dettagli

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza Numero 1 Si riporta di seguito una sintesi dei dati sul sistema dell Alta Formazione Artistica e Musicale in riferimento all anno accademico 2005/2006. Essa è il risultato dell ultima delle rilevazioni

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

Gli adulti all università

Gli adulti all università 13. Gli adulti all università La riforma universitaria ha allargato soprattutto nei primi anni di applicazione - la presenza degli studenti universitari immatricolati dopo i 19 anni. I laureati immatricolati

Dettagli

APPROFONDIMENTI Newsletter Ordas n. 2. In breve. Il sistema universitario lombardo

APPROFONDIMENTI Newsletter Ordas n. 2. In breve. Il sistema universitario lombardo APPROFONDIMENTI Newsletter Ordas n. 2 In breve. Il sistema universitario lombardo Il primo capitolo della pubblicazione Service management: residenzialità e innovazione gestionale nei collegi universitari

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM33 Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Meccanica

Dettagli

Il contesto normativo e l obiettivo del lavoro

Il contesto normativo e l obiettivo del lavoro La stima dei LEP del DSU alla luce del DLgs 68/2012 Silvia Duranti IV FORUM DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO PAVIA, 8 SETTEMBRE 2015 Il contesto normativo e l obiettivo del lavoro Il Dlgs 68/2012 Il Dlgs

Dettagli

Rapporto di Riesame 2016

Rapporto di Riesame 2016 Rapporto di Riesame 2016 Denominazione del Corso di Studio : Laurea in Ingegneria Civile Classe : L-7 Ingegneria civile ed ambientale Sede: Università degli Studi del Sannio (Benevento) - Dipartimento

Dettagli

BOLLENTI SPIRITI / RITORNO AL FUTURO

BOLLENTI SPIRITI / RITORNO AL FUTURO REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale BOLLENTI SPIRITI / RITORNO AL FUTURO SINTESI DEGLI INTERVENTI SVOLTI PER FAVORIRE LA FORMAZIONE

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

NOTE INFORMATIVE. 5 ottobre 2012, per gli studenti che si iscrivono in corso;

NOTE INFORMATIVE. 5 ottobre 2012, per gli studenti che si iscrivono in corso; AMMISSIONE ALL UNIVERSITA Ai sensi dell art. 13 del Regolamento Didattico di Ateneo emanato con D.R. n. 216 del 21 maggio 2008, possono immatricolarsi a qualsiasi Corso di laurea i diplomati di scuola

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera Università di Bolzano Approvato con delibera n. 56/2010 del

Dettagli

Disponibile agli indirizzi: https://didattica.polito.it/tasse_borse_e_premi/bandi_borse_e_premi.html

Disponibile agli indirizzi: https://didattica.polito.it/tasse_borse_e_premi/bandi_borse_e_premi.html CALL PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI D ONORE AGLI STUDENTI DEL POLITECNICO DI TORINO iscritti a corsi di Laurea Magistrale nell anno accademico 2014/15 a valere sulla Convezione stipulata tra Fondazione

Dettagli

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Facoltà di Economia Sede di Latina Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello REGOLAMENTO Anno

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura, Ambientale

Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura, Ambientale Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Civile e Ambientale Classe: L-7 Ingegneria Civile e Ambientale Sede: Via Campo di Pile, 67100 L AQUILA Sito web: www.univaq.it Consiglio di Area Didattica

Dettagli

ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE

ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO DI ATENEO A STUDENTI ISCRITTI AI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO E LAUREA MAGISTRALE ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE Visto il Decreto

Dettagli

D.D. n.4152 Anno 2015 (prot. 97706) BANDO PER BORSE DI STUDIO Master II livello denominato Progettazione e Sicurezza dei luoghi di lavoro a.a.

D.D. n.4152 Anno 2015 (prot. 97706) BANDO PER BORSE DI STUDIO Master II livello denominato Progettazione e Sicurezza dei luoghi di lavoro a.a. D.D. n.4152 Anno 2015 (prot. 97706) BANDO PER BORSE DI STUDIO Il Direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell Università degli Studi di Firenze Premesso - Che in data 5 giugno 2015

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1 IL RETTORE Decreto n. 10416 (77) Anno 2014 VISTA la delibera del Senato Accademico del 16 gennaio 2013 che approva l adesione all Accordo di collaborazione tra la Regione Toscana, le Università degli Studi

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Regolamento per il funzionamento dei corsi

Regolamento per il funzionamento dei corsi Prot. n 5311/B3 del 3 novembre 2014 Il Direttore Vista la Delibera del Consiglio Accademico n 15 del 24 ottobre 2014 che approva il testo e le griglie del Regolamento per il funzionamento dei corsi di

Dettagli

i programmi di ciascun insegnamento;

i programmi di ciascun insegnamento; ABBREVIAZIONI DI CORSO/PASSAGGI/TRASFERIMENTI AD ANNI SUCCESSIVI AL PRIMO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO DI ARCHITETTURA CLASSE (LM-4) CORSO DI LAUREA TRIENNALE DI DESIGN DEL PRODOTTO INDUSTRIALE

Dettagli

Sintesi dell esito della discussione del Consiglio del Corso di Studio

Sintesi dell esito della discussione del Consiglio del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio : Economia Aziendale Classe : L-18 Sede : Università degli Studi della Basilicata, Dipartimento di Matematica Informatica ed Economia- DiMIE, sede di Potenza Primo anno

Dettagli

Borse di Studio A.D.I.S.U. Anno Accademico 2014/2015

Borse di Studio A.D.I.S.U. Anno Accademico 2014/2015 Borse di Studio A.D.I.S.U. Entro la fine del mese di luglio sarà pubblicato sul sito www.adisuparthenope.org il Bando per l assegnazione delle Borse di Studio per l anno accademico 2014/2015. La domanda

Dettagli

Gli adulti all università

Gli adulti all università 15. Gli adulti all università La Riforma universitaria ha allargato la presenza degli studenti universitari immatricolati dopo i 19 anni. Tra i laureati entrati all università in età adulta, la presenza

Dettagli

Presentato, discusso e approvato in Consiglio del Corso di Studio in data: 27 Gennaio 2014 delib. n.6

Presentato, discusso e approvato in Consiglio del Corso di Studio in data: 27 Gennaio 2014 delib. n.6 Rapporto annuale di Riesame a.a. 2013/2014 Denominazione del Corso di Studio: CONSULENZA PROFESSIONALE ALLE AZIENDE Classe: LM-77 Sede: Dipartimento di Economia e Management via Ridolfi,10 Pisa Primo anno

Dettagli

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Diamogli Credito Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Il Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive (POGAS) e l

Dettagli

I L C O R S O D I L A U R E A

I L C O R S O D I L A U R E A I L C O R S O D I L A U R E A 1) DOVE SI TROVA LA SEDE DEL CORSO DI LAUREA DI TORINO? 2) DA CHE COSA DIPENDE L ISCRIZIONE ALL UNA O ALL ALTRA SEDE? 3) QUALI SONO LE ZONE DOVE SI SVOLGERA IL TIROCINIO?

Dettagli

Indagine occupazionale dei laureati e laureati specialistici del Politecnico di Milano usciti nell anno 2007

Indagine occupazionale dei laureati e laureati specialistici del Politecnico di Milano usciti nell anno 2007 Indagine occupazionale dei laureati e laureati specialistici del Politecnico di Milano usciti nell anno 2007 Indice 1. La popolazione dei laureati 2007 a. i laureati triennali, b. i laureati specialistici

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

IL CORSO DI LAUREA 2) DA CHE COSA DIPENDE L ISCRIZIONE ALL UNA O ALL ALTRA SEDE?

IL CORSO DI LAUREA 2) DA CHE COSA DIPENDE L ISCRIZIONE ALL UNA O ALL ALTRA SEDE? IL CORSO DI LAUREA 1) DOVE SI TROVA LA SEDE DEL CORSO DI LAUREA DI IVREA? Dal A.A. 2008/2009 è attiva la Sede di Ivrea del corso di Laurea di infermieristica. Il corso trova spazio nella Officina H, ex

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

Università degli Studi di Pavia

Università degli Studi di Pavia Università degli Studi di Pavia SERVIZIO SEGRETERIE STUDENTI CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA A.A. 2012/2013 RIFERIMENTI NORMATIVI! REGOLAMENTO NORME SULLA CONTRIBUZIONE EMANATO CON DECRETO RETTORALE N. 1147/2010

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Gli adulti all università

Gli adulti all università 13. Gli adulti all università La riforma universitaria ha allargato la presenza degli studenti universitari immatricolati dopo i 19 anni. Tra i laureati magistrali entrati all università in età adulta,

Dettagli

Art. 8. Obblighi di frequenza. La frequenza ai corsi è di norma obbligatoria.

Art. 8. Obblighi di frequenza. La frequenza ai corsi è di norma obbligatoria. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1. Articolazione del corso di

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali Regolamento per la disciplina delle procedure di progressione verticale del personale tecnico ed amministrativo dell Università degli Studi del Sannio nel nuovo sistema di classificazione ( D.R. n 142

Dettagli

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia

1 Istruzione. 1.1 Asilo nido o nido d infanzia 1 Istruzione In Italia esiste il diritto-dovere all istruzione e alla formazione che inizia a 6 anni. Il sistema nazionale di istruzione è rappresentato dalle scuole pubbliche e private. La scuola dell

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E DI RICERCA NELLA REGIONE ABRUZZO

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E DI RICERCA NELLA REGIONE ABRUZZO ALLEGATO C GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE ED ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle

Dettagli

Art.2 - Domanda di ammissione -

Art.2 - Domanda di ammissione - Avviso ammissione Master - Anno accademico 2013/2014 Art.1 Ammissione - Per l'anno accademico 2013/2014 è indetta la procedura per l ammissione al master. La scheda, contenente gli elementi utili per l

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl)

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) RIESAME DEL CORSO DI LAUREA SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe L-26 Scienze e tecnologie alimentari Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe:

Dettagli

SCUOLA E UNIVERSITA TUTTE LE BUGIE DELLA SINISTRA

SCUOLA E UNIVERSITA TUTTE LE BUGIE DELLA SINISTRA SCUOLA E UNIVERSITA TUTTE LE BUGIE DELLA SINISTRA TEMPO PIENO Con l introduzione del maestro unico e l eliminazione delle compresenze si libereranno più maestri per aumentare il tempo pieno Con la media

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. Allegato 4 Catalogo Indicatori di Ateneo cruscotto direzionale 2014

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE. Allegato 4 Catalogo Indicatori di Ateneo cruscotto direzionale 2014 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Allegato 4 Catalogo Indicatori di Ateneo cruscotto direzionale 2014 Catalogo Indicatori di Ateneo 1 Tasso Iscritti Attivi Tasso degli iscritti all'a.a.

Dettagli

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009 Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento Prof. Giuseppe Catalano, Politecnico di Milano Settembre 2009 Agenda 1.La spesa pubblica per il sistema universitario italiano fino

Dettagli

Indicatori statistici

Indicatori statistici Indicatori statistici Ciro Marziliano Ottobre 2013 Indice 1 Indicatori sugli immatricolati 2 1.1 Immatricolati........................................ 2 1.2 Immatricolati al primo anno................................

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti

PROVINCIA DI LECCE. AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO per l attivazione del progetto Prestiti fiduciari agli studenti In esecuzione della deliberazione della G.P. n. 131 del 9.6.2011, dichiarata immediatamente eseguibile,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE DISPOSIZIONI PER IL PAGAMENTO DELLA RETTA UNIVERSITARIA PER L ISCRIZIONE AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE RIFERIMENTO NORMATIVO Estratto dal Regolamento Studenti

Dettagli

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016 Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale Anno accademico 2015/2016 Delibera Senato Accademico n. 122 del 24 giugno 2015 Procedure e termini relativi

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a

M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a M in i s te r o d e l l a G i u s t i z i a MODIFICHE AL D.M. 140/2012 Premessa Con la Riforma delle Professioni ed il Decreto Parametri si è inteso abbandonare una logica di predeterminazione amministrativa

Dettagli

CALL PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI D ONORE AGLI STUDENTI DEL POLITECNICO DI TORINO

CALL PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI D ONORE AGLI STUDENTI DEL POLITECNICO DI TORINO CALL PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI D ONORE AGLI STUDENTI DEL POLITECNICO DI TORINO a valere sulla Convezione stipulata tra Fondazione Giovanni Agnelli, Banca Sella SpA e Politecnico di Torino Disponibile

Dettagli

Brescia, 11 febbraio 2012

Brescia, 11 febbraio 2012 Brescia, 11 febbraio 2012 Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Requisiti per l ammissione al Corso di Laurea

Dettagli

Sezione 17 - ALTRE CONTRIBUZIONI UNIVERSITARIE

Sezione 17 - ALTRE CONTRIBUZIONI UNIVERSITARIE Sezione 17 - ALTRE CONTRIBUZIONI UNIVERSITARIE STUDENTI CHE SI LAUREANO IN MENO ANNI In base all art. 10 del Regolamento studenti dell Università di Ferrara, lo studente può laurearsi anche in meno tempo

Dettagli

In convenzione con DELLA TOSCANA $ $ 5 ( *2 / $ 0(172

In convenzione con DELLA TOSCANA $ $ 5 ( *2 / $ 0(172 81,9(56,7 '(*/,678',',6,(1$ ',3$57,0(172',',5,772'(// (&2120,$ )$&2/7 ',(&2120,$³5,&+$5'0*22':,1 In convenzione con UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA DIPARTIMENTO DI DIRITTO PUBBLICO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Rapporto di Riesame - novembre 2014

Rapporto di Riesame - novembre 2014 Rapporto di Riesame - novembre 2014 Corso di laurea in FISIOTERAPIA L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Università degli Studi di Cagliari 1 Denominazione del Corso di Studio : Fisioterapia

Dettagli

Art.2 - Domanda di ammissione -

Art.2 - Domanda di ammissione - Avviso ammissione Master - Anno accademico 2013/2014 Art.1 Ammissione - Per l'anno accademico 2013/2014 è indetta la procedura per l ammissione al master. La scheda, contenente gli elementi utili per l

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze e Tecnologie Alimentari Classe: LM70 Sede: Potenza Indicare chi

Dettagli

«Diamogli Credito» 1 Vedi «Allegato 2»

«Diamogli Credito» 1 Vedi «Allegato 2» «Diamogli Credito» Il Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive (POGAS), il Ministero delle Riforme e Innovazioni nella Pubblica Amministrazione, il Ministero dell Università e della

Dettagli

CONVENZIONE. valevole per gli anni accademici 2014-2015, 2015-2016 e 2016-2017 in merito. al versamento della tassa regionale per il diritto

CONVENZIONE. valevole per gli anni accademici 2014-2015, 2015-2016 e 2016-2017 in merito. al versamento della tassa regionale per il diritto CONVENZIONE valevole per gli anni accademici 2014-2015, 2015-2016 e 2016-2017 in merito al versamento della tassa regionale per il diritto allo studio universitario Il giorno del mese di dell anno 2014

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA appresso seguito risultati I denominati parametri dell attuazione e Indicatori), i criteri, dei programmi definiti per il monitoraggio delle mediante Università, indicatori e la valutazione sono quali-quantitativi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali Classe: LM73 Sede: Potenza Gruppo di Riesame:

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli

La borsa di studio in Piemonte:

La borsa di studio in Piemonte: La borsa di studio in Piemonte: l impatto sulle performance accademiche dei beneficiari Federica Laudisa, Laura Maneo Giugno 2012 Le domande dell indagine Quanti studenti mantengono la borsa nel corso

Dettagli

Disponibile agli indirizzi: https://didattica.polito.it/tasse_borse_e_premi/bandi_borse_e_premi.html

Disponibile agli indirizzi: https://didattica.polito.it/tasse_borse_e_premi/bandi_borse_e_premi.html CALL PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI D ONORE AGLI STUDENTI DEL POLITECNICO DI TORINO iscritti a corsi di Laurea Magistrale nell anno accademico 2013/14 a valere sulla Convezione stipulata tra Fondazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

FORMAZIONE E PRESCRIZIONI PER GLI UTILIZZATORI, I DISTRIBUTORI E I CONSULENTI (ARTICOLI 7, 8, 9 E 10 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 150/2012).

FORMAZIONE E PRESCRIZIONI PER GLI UTILIZZATORI, I DISTRIBUTORI E I CONSULENTI (ARTICOLI 7, 8, 9 E 10 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 150/2012). FORMAZIONE E PRESCRIZIONI PER GLI UTILIZZATORI, I DISTRIBUTORI E I CONSULENTI (ARTICOLI 7, 8, 9 E 10 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 150/2012). INTRODUZIONE In Italia il sistema di formazione, di base e di

Dettagli

L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA. ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011. Prof. Renata Livraghi Università di Parma

L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA. ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011. Prof. Renata Livraghi Università di Parma L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011 1 Cos è l apprendistato? E un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI 0BII I FACOLTA DI ECONOMIA 1BREGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe L33, D.M. 270/2004) 2BArt. 1 Finalità Il presente Regolamento didattico

Dettagli

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2004/2005 Corso di laurea specialistica in Economia e Commercio Corso di laurea specialistica in Economia

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Università degli Studi della Repubblica di San Marino ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI PER IMMATRICOLAZIONI E ISCRIZIONI

Università degli Studi della Repubblica di San Marino ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI PER IMMATRICOLAZIONI E ISCRIZIONI Università degli Studi della Repubblica di San Marino ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI PER IMMATRICOLAZIONI E ISCRIZIONI 1.Quote di contribuzione universitaria Le quote di contribuzione universitaria per i corsi

Dettagli

Associazione di Sanità solidale e Iniziative di Utilità Sociale ASIUS

Associazione di Sanità solidale e Iniziative di Utilità Sociale ASIUS Associazione di Sanità solidale e Iniziative di Utilità Sociale ASIUS Sito: www.asius.onweb.it E-Mail: sanitàsolidale@gmail.com Via Paternum 179 San Pietro Patierno - Napoli LAUREE TRIENNALI PER LE PROFESSIONI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del prestito d onore per laureati N. 5336. d iniziativa del deputato CROLLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del prestito d onore per laureati N. 5336. d iniziativa del deputato CROLLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5336 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CROLLA Istituzione del prestito d onore per laureati Presentata il 3 luglio 2012 ONOREVOLI

Dettagli

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione Schede tipo per la Redazione dei Rapporti di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : Storia e Civiltà Europee Classe : LM 84 Sede: Potenza, Dipartimento di Scienze Umane Primo anno accademico

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Legge Regionale 26 luglio 2002, n. 32 e ss.mm. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 33/16 del 25/01/2016 Oggetto: APPROVAZIONE CAMPIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Corso di Laurea Triennale Interclasse in Lingue, Letterature e Comunicazione Interculturale Bando di ammissione A.A.2009-2010 Art. 1 Premessa

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015

CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 CALENDARIO ACCADEMICO 2014/2015 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2014 (mercoledì). Nel rispetto delle scadenze

Dettagli

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana Consiglio Regionale della Toscana Valutazione delle politiche regionali Progetto di ricerca n. 2 Aprile 2008 a cura del Settore Analisi della Normazione. Biblioteca del Consiglio regionale Le politiche

Dettagli

Università degli Studi di Pavia

Università degli Studi di Pavia Università degli Studi di Pavia SERVIZIO SEGRETERIE STUDENTI CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA A.A. 2011/2012 PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA LA CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA E COSTITUITA DA UNA PARTE

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Un confronto tra le prestazioni di alcune Regioni nel settore DSU: le borse di studio a.a. 2006/07

Un confronto tra le prestazioni di alcune Regioni nel settore DSU: le borse di studio a.a. 2006/07 Osservatorio Regionale per il Diritto allo Studio Universitario Un confronto tra le prestazioni di alcune Regioni nel settore DSU: le borse di studio a.a. 2006/07 Nota di lavoro n. 2/2007 Bozza per la

Dettagli

Anno accademico 2013/2014

Anno accademico 2013/2014 Anno accademico 2013/2014 Procedure e termini per iscrizioni, immatricolazioni, passaggi, trasferimenti e ricongiunzioni delle carriere di studenti dei corsi di laurea e laurea magistrale (Delibera del

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

BANDO PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREPARAZIONE TESI ALL ESTERO CAMPUSWORLD TESI ALL ESTERO

BANDO PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREPARAZIONE TESI ALL ESTERO CAMPUSWORLD TESI ALL ESTERO BANDO PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREPARAZIONE TESI ALL ESTERO CAMPUSWORLD TESI ALL ESTERO Art. 1 SCOPI Nell ambito delle politiche di internazionalizzazione dell Ateneo ed al fine di incentivare

Dettagli

SEZIONE II LE IMMATRICOLAZIONI TOTALI ALL UNIVERSITA DI LECCE

SEZIONE II LE IMMATRICOLAZIONI TOTALI ALL UNIVERSITA DI LECCE SEZIONE II LE IMMATRICOLAZIONI TOTALI ALL UNIVERSITA DI LECCE Indice Premessa metodologica...27 CAPITOLO I Immatricolazioni a livello di Ateneo...29 CAPITOLO II Immatricolazioni a livello di Facoltà...31

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

Alternanza scuola lavoro: a che punto siamo?

Alternanza scuola lavoro: a che punto siamo? Alternanza scuola lavoro: a che punto siamo? Esiti monitoraggio nazionale a.s. 2012/2013 1 Dati in sintesi e trend L alternanza scuola lavoro è una metodologia didattica innovativa del sistema dell istruzione

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Il reclutamento nella scuola

Il reclutamento nella scuola Il reclutamento nella scuola Accesso Art. 97 della Costituzione I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo da assicurare il buon andamento e l'imparzialità dell'amministrazione.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti L Università Unitelma Sapienza nel corso dell a.a. 2013/2014 ha attivato i 2 questionari previsti dall ANVUR relativi alla valutazione

Dettagli