ABI ACCORDOTRA PREFETTURA DI NAPOLI E SISTEMA BANCARIO. BA~l\ D'ITAUA. , ' F\,r!, l I! lt lr

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ABI ACCORDOTRA PREFETTURA DI NAPOLI E SISTEMA BANCARIO. BA~l\ D'ITAUA. , ' F\,r!, l I! lt lr"

Transcript

1 BA~l\ D'ITAUA ABI, ' F\,r!, l I! lt lr ACCORDOTRA PREFETTURA DI NAPOLI E SISTEMA BANCARIO Napoli, Palazzo di Governo Mercoledl, 30 Novembre 2011

2 Protocollo d'intesa tra Prefettura di Napoli Banca d'ltalia Filiale di Napoli Commissione regionale A.B.I. Banca del Sud s.p.a, Banca della Campania s.p.a. Banca di Credito Cooperativo Banca di Credito Popolare s.e.p.a. Banca Nazionale del Lavoro s.p.a. Banca Popolare di Ancona s.p.a, Banca Popolare di Bari s.p.a. Banca Popolare di Novara s.p.a. Banca Popolare di Puglia e Basilicata s.p.a, Banca Popolare di Sviluppo s.p.a. Banca Popolare Vesuviana societa cooperativa a r.l. Banca Promos s.p.a. Banca Sella Banca Stabiese s.p.a. Banco di Napoli s.p.a. Cariparma s.p.a, Cassa di Risparmio di Ferrara s.p.a. Credito Emiliano s.p.a. Deutsche Bank s.p.a, Monte dei Paschi di Siena s.p.a, Unicredit s.p.a Napoli, 30 novembre

3 .. ACCORDO PER LA PREVENZIONE DEL RACKET E DELL'USURA Premesso che: nel corso delle riunioni svoltesi presso la Prefettura di Napoli il 12 maggio ed il 6 ottobre 2011 con i rappresentanti di Banca d'italia, A.B.I. e degli Istituti di credito, sono state valutate positivamente le iniziative tese a migliorare ulteriormente le procedure per l'erogazione di finanziamenti ai sensi della legge 108/96, anche al fine di prevenire l'espandersi de! fenomeno dell'usura, tenuto conto della crisi economico-finanziaria che interessa il territorio nazionale e quello della provincia di Napoli in particolare; preso atto che: in conformita alle linee guida tracciate nel corso dei predetti incontri : a) e stato istituito un gruppo di lavoro tecnico - composto da rappresentanti della Filiale di Napoli della Banca d'italia, dell'abi e delle banche - per la riduzione dei tempi istruttori e l'accelerazione dell' erogazione dei suddetti finanziamenti; b) le banche nell'ottica del miglioramento continuo dei processi e della qualita dei servizi resi alla generalita dei clienti e nella considerazione che la riduzione dei tempi medi delle istruttorie e un tema oggetto di costante attenzione, si sono impegnati ad effettuare, secondo autonome procedure interne, un monitoraggio di tali tempistiche e ad effettuare gli interventi idonei a contenerli; tutto cio premesso la Prefettura di Napoli, la Banca d'italia, l'a.b.i., le banche aderenti, convengono quanto segue Art. 1 (Principi dell'accordo) I sottoscrittori del presente Accordo si impegnano a: a) effettuare una verifica periodica delle convenzioni stipulate tra Banche, Confidi e Fondazioni - finalizzate all'uso dei fondi assegnati per la prevenzione de! fenomeno dell'usura (art. 15 della legge 108/96) - nonche accertare il livello reale di utilizzo dei fondi in questione, anche avvalendosi dei dati e delle analisi forniti dall' "Osservatorio" con funzioni antiracket ed antiusura, istituito con decreto prefettizio n del 13/10/2008; b) promuovere iniziative di informazione sull'utilizzazione dei fondi antiusura; 2

4 c) diffondere e applicare il presente Accordo sul territorio provinciale; d) collaborare nelle azioni di contrasto della pubblicita ingannevole; e) incrementare l'attivita di microcredito. Art. 2 (Impegni dell'abi) L'ABI, in applicazione del principi del presente "Accordo", si impegna a: a) Promuovere l'ulteriore adesione all'accordo stesso delle banche, dandone tempestiva informazione al Prefetto; b) Assicurare un continuo e diretto confronto con i Confidi, le Associazioni e le Fondazioni, con l'obiettivo di un miglioramento graduale della gestione dei problemi che possono interessare, di volta in volta, nuove e vecchie convenzioni antiusura; c) Monitorare, in forma aggregata, il volume dei prestiti o dei fidi erogati e le sofferenze che si ingenerano; d) Effettuare, in relazione all'attivita di monitoraggio, un periodico reporting al Prefetto; e) Organizzare Seminari sui sistemi messi in atto dalla legge n. 108/1996 per la prevenzione dell'usura e del racket, al fine di illustrare l'attivita dei Confidi, Fondazioni e Associazioni antiusura, delle loro potenzialita e del loro ruolo sociale ed economico; f) Mantenere presso l'abi, a disposizione delle banche, gli elenchi aggiornati dei Referenti delle Fondazioni, Associazioni e Confidi, destinatarie dei Fondi antiusura. Art.3 (Referenti per i finanziamenti) Le Banche, aderenti al presente Accordo, si impegnano ad individuare all'interno delle proprie organizzazioni le figure dei Referenti, qualora non gia presenti. - I Referenti avranno il compito di seguire l'iter istruttorio delle pratiche di fido relative all' utilizzazione dei fondi di prevenzione dell' usura e di interloquire con i Confidi, le Fondazioni ed Associazioni antiusura ed antiracket. Sara cura dell' ABI individuare, a livello regionale, una figura a supporto dei Referenti per i finanziamenti delle varie Banche e con il compito di curare il funzionamento, ai vari livelli locali, di tavoli di dialogo permanente con i Confidi, le Fondazioni e le Associazioni presenti sul territorio. Le nomine dei Referenti delle Banche e dell'abi dovranno avvenire tempestivamente ed essere comunicate al Prefetto. 3

5 Art. 4 (Rapidita di risposte e decisioni) Le Banche aderenti al presente "Accordo", si impegnano, tenendo nella massima considerazione le relazioni dei Confidi, per quanta riguarda, in particolare, il rapporto "garanzia/credito erogato", ad assumere le decisioni sulle proposte di finanziamento in tempi rapidi -non superiori a trenta giorni- e ad erogare con sollecitudine le somme relative. Salvo quanto diversamente stabilito da eventuali convenzioni piu favorevoli in essere con i Confidi e le Fondazioni, per i finanziamenti non ipotecari di importo fino a 100 mila euro, le Banche aderenti si impegnano ad assumere le decisioni sulle relative proposte entro 20 giorni dalla presentazione della documentazione completa - come richiesta dalle procedure interne di ciascun Istituto - ferma comunque la possibilita di comunicare all'istante entro 15 giorni l'impossibilita di rispettare tale termine. Le Banche si impegnano, altresi, ad erogare i finanziamenti deliberati non appena acquisita la documentazione necessaria (tale in base alle procedure interne di ciascun Istituto) e una volta consolidate le eventuali ipoteche. Art. 5 (Soggetti beneficiari) I sottoscrittori del presente "Accordo" si impegnano all'individuazione dei soggetti, che, tramite i Confidi, le Fondazioni e le Associazioni, possono accedere ai fondi in questione: - imprenditori, commercianti ed artigiani di tutti i settori produttivi; - esercenti una libera arte o professione; - lavoratori autonomi, dipendenti e pensionati. Art.6 (Valutazione del merito creditizio) Da parte delle Banche aderenti al presente "Accordo", non puo essere considerata pregiudizievole la condizione di protestato, tenuto conto che, ai sensi dell' art. 7, comma 2 del D.P.R. n. 315/1997, la garanzia del fondo speciale antiusura puo essere deliberata dal Confidi se vi e~ per lo stesso finanziamento, una garanzia del Confidi stesso a valere sul proprio fondo rischio ordinario, rilasciata in base ai criteri fissati nello statuto del Confidi. A tal fine, le Banche aderenti si impegnano ad assicurare la possibilita di "ribancarizzare'' i soggetti protestati, anche attraverso una iniziale sperimentazione, legata alla casistica, filtrata, monitorata e gestita insieme con i Confidi, Fondazioni e Associazioni antiusura. In questo contesto le Banche aderenti fanno ricorso al "servizio 4

6 bancario di base", a favore dei protestati, che consenta una serie di operazioni, prive di rischio di credito, ma capaci di reinserire i protestati nel sistema del credito legale. Le Banche aderenti si impegnano a porre la massima attenzione alle vittime che abbiano denunciato fatti estorsivi e di usura ed abbiano chiesto I' accesso al Fondo di Solidarieta, allo scopo della valutazione dei fidi in essere e delle eventuali nuove richieste. Le Banche si impegnano, altresi, a valutare con particolare cura la sospensione delle azioni revocatorie od esecutive nei confronti di questi ultimi soggetti, le cui istanze siano pendenti presso il Comitato di Solidarieta. Nel caso di diniego, totale o parziale, da parte delle Banche, aderenti al presente "Accordo", i soggetti interessati possono rivolgersi, per la ricerca di soluzioni alternative, anche tramite le Organizzazioni antiracket ed antiusura, all'osservatorio. Nel caso di coloro che sono stati ammessi ai benefi.ci di cui all'art. 20 della legge 44/99, le Banche aderenti, per non pregiudicare la posizione degli interessati successivamente alla concessione del benefi.cio, si asterranno dal compiere atti peggiorativi della situazione di clientela gia affidata, con particolare riguardo alla segnalazione a sofferenza in Centrale Rischi, fermi restando eventuali pronunciamenti di altre Autorita e la prudente valutazione del grado di recuperabilita dei crediti. Le Banche aderenti - anche se non convenzionate con associazioni, fondazioni o confidi - forniscono ai clienti che si trovino in situazioni di particolare disagio di tipo economico o personale indicazioni circa la possibilita di ricorrere alle Associazioni o Fondazioni impegnate nella prevenzione dell'usura e segnalano alla clientela eventuali iniziative di microcredito operanti nella zona di cui sono a conoscenza. A tal fine le banche aderenti si impegnano a mettere a disposizione dei clienti che ne fanno richiesta un elenco degli enti abilitati a gestire fondi antiusura e degli operatori di microcredito locali fornito dall'osservatorio Antiracket ed Antiusura. Art.7 (Molti plicatore) Le Banche aderenti al presente Accordo, si impegnano a prevedere, all'interno delle singole convenzioni gia stipulate, i moltiplicatori da applicare con riferimento ai fondi antiusura, nella misura minima di 2, salvo specifiche situazioni, eccezionali e motivate, che potranno essere aggiornate soltanto in misura crescente. Art.8 (Iniziative d' informazione sull' utilizzazione dei fondi antiusura) I sottoscrittori del presente si impegnano alla diffusione sul territorio di particolari strumenti per l' attuazione di campagne informative con la collaborazione di tutti i soggetti istituzionali locali, economici e sociali interessati e in collegamento 5

7 con il mondo dei Confidi, del Commercio, dell' Industria, dell' Artigianato e dell' Agricoltura. Le iniziative intraprese dovranno essere comunicate alla Prefettura. Art.9 (Microcredito) I sottoscrittori del presente Protocollo d'intesa si impegnano a promuovere e ad incrementare I'attivita di microcredito attraverso: la definizione di iniziative comuni finalizzate a facilitare l'inclusione finanziaria di soggetti vulnerabili; programmi sperimentali per l'accesso al credito per lo start-up o il consolidamento di microimprese; l'attuazione e lo sviluppo, a livello provinciale, degli interventi gia promossi dall'industria bancaria. Art. 10 (Educazione finanziaria e formazione) Con il presente Protocollo d'intesa i sottoscrittori si impegnano a definire interventi congiunti, a livello locale, affinche tutti i soggetti, in particolare famiglie e microimprese, attraverso iniziative e programmi di educazione finanziaria, da realizzarsi anche nelle scuole superiori del territorio, possano acquisire strumenti di gestione corretta e responsabile del denaro e indirizzare al meglio le proprie scelte di risparmio e investimento. Art. 11 (Adesione) II presente "Accordo" e aperto all'adesione di tutti i soggetti, pubblici e privati, che ne abbiano interesse. Art. 12 (Verifica) Decorso un anno dalla sottoscrizione del presente Accardo i soggetti firmatari effettueranno una verifica collegiale, nell'ambito di un tavolo tecnico, sui risultati conseguiti e potranno, eventualmente, apportare ad esso modifiche. 6

8 11 Prefetto di Napoli A.B.I.-Associazione Bancaria Italiana Banca d'italia Banca del Sud s.p.a. Banca della Campania s.p.a. ----'j~c~v o.r-l~ Banca di Credito Cooperativo Banca di Credito Popolare s.c. p.a. Banca Nazionale del Lavoro s.p.a. Banca Popolare di Ancona s. p.a. Banca Popolare di Bari s.p.a. Banca Popolare di Novara s.p.a. Banca Popolare di Puglia e Basilicata s.p.. Banca Popolare di Sviluppo s.p.a. Banca Popolare Vesuviana soc.coop. a r.1. 7

9 - Banca Promos s.p.a. - Banca Stabiese s. p.a. - Banco di Napoli s.p.a. - Cariparma s.p.a, - Cassa di Risparmio di Ferrara s.p.a. - Credito Emiliano s.p.a. - Deutsche Bank s.p.a. - Monte dei Paschi di Siena s.p.a. - Unicredit s.p.a. Napoli, 30 novembre

cüxyxààâüt w e Å Ç hyy v É àxüü àéü täx wxä ZÉäxÜÇÉ

cüxyxààâüt w e Å Ç hyy v É àxüü àéü täx wxä ZÉäxÜÇÉ PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTRASTO DEI FENOMENI DELL USURA E DELL ESTORSIONE NELLA PROVINCIA DI RIMINI La Prefettura di Rimini U.t.G. La Provincia di Rimini La Camera di Commercio Industria

Dettagli

Osservatorio Regionale sul credito a famiglie e imprese. Protocollo d intesa per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno criminale dell usura

Osservatorio Regionale sul credito a famiglie e imprese. Protocollo d intesa per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno criminale dell usura Osservatorio Regionale sul credito a famiglie e imprese Protocollo d intesa per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno criminale dell usura Cagliari 19 maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA E DEL RACKET E LA RIDUZIONE DEI TEMPI PER L ACCESSO AL CREDITO

PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA E DEL RACKET E LA RIDUZIONE DEI TEMPI PER L ACCESSO AL CREDITO PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PREFETTURA DI SIENA, GLI ISTITUTI DI CREDITO DELLA PROVINCIA, LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA E LE ASSOCIAZIONI ANTIUSURA E ANTIRACKET PER LA PREVENZIONE DEL FENOMENO DELL USURA

Dettagli

Prefetture di Venezia, Verona, Vicenza, Treviso, Rovigo e Belluno PROTOCOLLO ANTIUSURA

Prefetture di Venezia, Verona, Vicenza, Treviso, Rovigo e Belluno PROTOCOLLO ANTIUSURA PROTOCOLLO ANTIUSURA Venezia, 10 Giugno 2011 Visto l Accordo-Quadro sottoscritto il 31 Luglio 2007 dal Ministero dell'interno, dall'associazione Bancaria Italiana, dalla Banca d'italia, unitamente a UPI,

Dettagli

Prefettura di Firenze Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Firenze Ufficio Territoriale del Governo Ufficio Territoriale del Governo Visto I' Accordo-Quadro sottoscritto il 31 Iuglio 2007 dal Ministero dell' Interno, dall' Associazione Bancaria Italiana, dalla Banca d' Italia, unitamente a UNPI, ANCI,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 5454 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 suppl. del 6-4-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 Iniziative di promozione e solidarietà per contrastare

Dettagli

PROTOCOLLO d INTESA per la PREVENZIONE dell USURA e per il POTENZIAMENTO del RAPPORTO tra BANCHE e CONFIDI

PROTOCOLLO d INTESA per la PREVENZIONE dell USURA e per il POTENZIAMENTO del RAPPORTO tra BANCHE e CONFIDI PROTOCOLLO d INTESA per la PREVENZIONE dell USURA e per il POTENZIAMENTO del RAPPORTO tra BANCHE e CONFIDI - 1 - PREMESSA L art. 15 della legge 7 marzo 1996, n. 108, recante Disposizioni in materia di

Dettagli

Ministero dell Interno ACCORDO-QUADRO. tra

Ministero dell Interno ACCORDO-QUADRO. tra Ministero dell Interno ACCORDO-QUADRO tra il Ministero dell Interno, la Banca d Italia, l Associazione Bancaria Italiana, l Associazione Nazionale Comuni Italiani, l Unione delle Province d Italia, la

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta

Provincia Regionale di Caltanissetta Provincia Regionale di Caltanissetta REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL FONDO PER IL SOSTEGNO ANNUALE ALLE ASSOCIAZIONI ANTIRACKET ED ANTIUSURA DI CUI ALL ART.13 DELLA LEGGE N.44/99 CON SEDE LEGALE ED OPERANTI

Dettagli

d) il recupero dei protestati al sistema del credito legale.

d) il recupero dei protestati al sistema del credito legale. ACCORDO-QUADRO tra il Ministero dell Interno, la Banca d Italia, l Associazione Bancaria Italiana, l Associazione Nazionale Comuni Italiani, l Unione delle Province d Italia, la Confindustria, la Confcommercio,

Dettagli

ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA

ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA L anno 2002, il giorno 01 del mese di ottobre ACCESSO DELLE IMPRENDITRICI ALLE FONTI DI FINANZIAMENTO TRA il Comitato per la Promozione dell Imprenditorialità Femminile costituita presso la Camera di Commercio,

Dettagli

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Pubblicata

Dettagli

Protocollo d Intesa. per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale

Protocollo d Intesa. per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale Protocollo d Intesa per la costituzione di un Fondo di garanzia di finanza sociale e per l attivazione di convenzioni e strumenti di finanza solidale Il Comune di Reggio Emilia il Consiglio Notarile di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA SPA BANCA DAL 1472 Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario Dir. Rossano Bagnai IL PROGRAMMA DI MICROCREDITO DELLA

Dettagli

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2 4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Interventi di sostegno finanziario

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO...

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E GLI ISTITUTI DI CREDITO CHE VI ADERIRANNO PER L ATTIVAZIONE DEL FONDO A FAVORE DEI LAVORATORI COINVOLTI IN PROCESSI DI CRISI AZIENDALE CONVENZIONE TRA

Dettagli

-l-jv~ REP. N. 1 697 5. L'ABI ha promosso una serie di iniziative. tendenti a favorire un corretto posizionamento

-l-jv~ REP. N. 1 697 5. L'ABI ha promosso una serie di iniziative. tendenti a favorire un corretto posizionamento o 1 12 061324 U11 :5 111111111111111111111111111111111111111 REP. N. 1 697 5 REGIONE PIEMONTE PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONCAMERE PIEMONTE E COMMISSIONE REGIONALE ABI DEL PIEMONTE PER

Dettagli

Protocollo d intesa PATTO PER LA CASA

Protocollo d intesa PATTO PER LA CASA Protocollo d intesa PATTO PER LA CASA Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Compagnia delle Opere Bergamo Confindustria Bergamo ANCE Bergamo Fiaip Bergamo Confcooperative Bergamo Legacoop

Dettagli

COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI

COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI LAMEZIA TERME 2012-11-17 FQTS sud COMPORTAMENTI VIRTUOSI ANTI-CRISI Tommaso Marino Coordinatore dei Soci della Calabria di Banca Popolare Etica ALCUNE PRECISAZIONI legislative DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI. Convenzione per l attuazione del Regolamento per la concessione dei contributi

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI. Convenzione per l attuazione del Regolamento per la concessione dei contributi CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI (Prorogato con delibera della Giunta camerale n. 4 del 20.1.2010 fino al 31.3.2010) (Prorogato con delibera della Giunta camerale n.51

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE: Carmen Patrizia MURATORE Avente ad oggetto: INTERVENTI IN MATERIA DI USURA.

Dettagli

UNIONCAMERE Unione Italiana dene Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura PROTOCOLLO D'INTESA TRA

UNIONCAMERE Unione Italiana dene Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura PROTOCOLLO D'INTESA TRA r MOD~LARIO MAF. - ex 60 ex ("'od. ~~ ~~~ 6J UNIONCAMERE Unione Italiana dene Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE, di seguito

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra

PROTOCOLLO DI INTESA. tra Prefettura di Torino Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO DI INTESA Il Prefetto di Torino nella persona del Dott. Alberto Di Pace tra e il Dirigente dell Ufficio di Ambito Territoriale per la provincia

Dettagli

Protocollo di Intesa Sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in difficoltà

Protocollo di Intesa Sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in difficoltà Protocollo di Intesa Sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in difficoltà RELAZIONE DI MONITORAGGIO Aggiornata al 30 Aprile 2014 U.O. Sostegno al Sistema Economico Il Protocollo per il sostegno

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza; OGGETTO: Approvazione della proposta di legge regionale concernente: Interventi regionali per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del sovraindebitamento e dell usura e istituzione della Casa regionale

Dettagli

ALLA FINE DEL MESE Storie di persone, difficoltà e vie d uscita. www.ambulatorioantiusura.it

ALLA FINE DEL MESE Storie di persone, difficoltà e vie d uscita. www.ambulatorioantiusura.it ALLA FINE DEL MESE Storie di persone, difficoltà e vie d uscita www.ambulatorioantiusura.it Perché leggere questo opuscolo? Tre storie diverse, lo stesso problema Negli ultimi anni la fascia di soggetti

Dettagli

Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015)

Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015) Accordo Investiagricoltura Periodo 2014-2020 (aggiornamento del maggio 2015) Premesso che - il mercato, soprattutto estero, mostra significativi segnali di ripresa economica, che possono rappresentare

Dettagli

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA ***

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** La legislazione antiusura e antiracket (leggi 108/96 e 44/99) sottolinea l impegno dello Stato nel sostegno

Dettagli

All. 3 - MODULO FAMIGLIE

All. 3 - MODULO FAMIGLIE Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Interno All. 3 - MODULO FAMIGLIE Modulo di istanza al Prefetto per il riesame della propria posizione nei confronti delle banche Il modulo deve essere

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager

Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager Provincia autonoma di Trento - Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili Provincia autonoma di Trento - Agenzia del Lavoro

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 23 dicembre 2009 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit

Dettagli

All. 3 - MODULO FAMIGLIE

All. 3 - MODULO FAMIGLIE In riferimento alla legge 2/2009 e Direttiva interministeriale n. 9312/2972 del 31.03.2009, emanata dal Ministro dell Economia e Finanze e dal Ministro dell Interno, le Prefetture Uffici Territoriali del

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA Visto il D.P.R. n. 275/1999, art. 7, che prevede la possibilità per le istituzioni Scolastiche autonome di stipulare accordi di rete per perseguire

Dettagli

CO.FIDI PUGLIA: Il confidi 107 per le imprese della Puglia

CO.FIDI PUGLIA: Il confidi 107 per le imprese della Puglia CO.FIDI PUGLIA: Il confidi 107 per le imprese della Puglia Nato dalle Imprese per le Imprese A cura del Direttore Provinciale CNA BAT dott. Enzo Di Nunzio I CONFIDI VIGILATI: NUOVE OPPORTUNITA PER BANCHE

Dettagli

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito PREMESSA La Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni, esaltando, quale ragion d essere della

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell A.G.C. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

TRA. La Provincia di Piacenza, rappresentata dal Vicepresidente - Assessore alla Sicurezza Maurizio Parma

TRA. La Provincia di Piacenza, rappresentata dal Vicepresidente - Assessore alla Sicurezza Maurizio Parma ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO "Osservatorio Legalità e Sicurezza." IN ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PREVISTI DALL'ARTICOLO 3, LEGGE REGIONALE N. 3/2011 TRA La Regione Emilia-Romagna,

Dettagli

Fondazione Lions per il Lavoro. Presentazione e obiettivi

Fondazione Lions per il Lavoro. Presentazione e obiettivi Fondazione Lions per il Lavoro Presentazione e obiettivi Iniziativa a sostegno del service nazionale Help 2014 / 2015 LA FONDAZIONE : La Fondazione Lions per il lavoro Italia Onlus, con sede legale in

Dettagli

Protocollo di Intesa Sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in difficoltà

Protocollo di Intesa Sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in difficoltà Protocollo di Intesa Sostegno al reddito dei lavoratori di aziende in difficoltà RELAZIONE DI MONITORAGGIO Aggiornata a Aprile 2011 U.O. Sostegno al Sistema Economico Il Protocollo per il sostegno al reddito

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

Accordo Quadro. Confesercenti nazionale. Intesa SanPaolo S.p.A.

Accordo Quadro. Confesercenti nazionale. Intesa SanPaolo S.p.A. Accordo Quadro Confesercenti nazionale Intesa SanPaolo S.p.A. Data di sottoscrizione: 15 aprile 2002 Validità : annuale Anno 2007: in vigore Art. 1 Intesa SanPaolo e Confesercenti valuteranno congiuntamente

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

Lettera di adesione all iniziativa Sportelli in Rete. considerato che

Lettera di adesione all iniziativa Sportelli in Rete. considerato che Lettera di adesione all iniziativa Sportelli in Rete considerato che - il Ministero dell Economia e delle Finanze, con il D.M. 24 febbraio 2000 e con il successivo D.M. 2 maggio 2001, ha deliberato di

Dettagli

Progetto Arti&Mestieri. Protocollo di Intesa. tra. Comune di Salerno. Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana. CIDEC Salerno

Progetto Arti&Mestieri. Protocollo di Intesa. tra. Comune di Salerno. Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana. CIDEC Salerno Progetto Arti&Mestieri Protocollo di Intesa tra Comune di Salerno Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana CIDEC Salerno Pagina 1 di 7 Addì nove del mese di marzo dell anno 2011, a Palazzo di Città tra:

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: con Legge n. 64 del 06/03/2001 è stato istituito il Servizio Civile Volontario Nazionale, le cui finalità contemplano: il concorso al dovere di difendere la Patria con

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

- Servizio Industria, Artigianato e Commercio. Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. BOZZA

- Servizio Industria, Artigianato e Commercio. Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. BOZZA Progressivo n. - Servizio Industria, Artigianato e Commercio Allegato n. 1 alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. del BOZZA Accordo di collaborazione tra la Provincia di Bologna e I.S.E.A., Istituto

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012

ACCORDO QUADRO del 7 agosto 2012 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà civili e l immigrazione Direzione Centrale per lo Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Ufficio I - Pianificazione delle Politiche dell Immigrazione

Dettagli

Protocollo di intesa tra la Provincia di Milano, Assessorato Lotta. all Usura, in persona dell Assessore Alberto Grancini e CGIL -

Protocollo di intesa tra la Provincia di Milano, Assessorato Lotta. all Usura, in persona dell Assessore Alberto Grancini e CGIL - Atti n. 250009/20.1/2007/9264 Protocollo di intesa tra la Provincia di Milano, Assessorato Lotta all Usura, in persona dell Assessore Alberto Grancini e CGIL - CISL - UIL e Banca Popolare di Milano e Consum.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA. Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA)

REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA. Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA) REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE FONDIMPRESA Art. 1 (Funzionamento di FONDIMPRESA) 1. Il presente regolamento disciplina il funzionamento di FONDIMPRESA, Fondo paritetico interprofessionale nazionale per

Dettagli

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Versione 2.0 PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Qualsiasi ipotesi di crescita e di sviluppo non può prescindere dal considerare il valore del capitale umano. Ormai ogni ricerca in merito, sottolinea che la

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO O PRO SOLVENDO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI Il giorno..., alle ore..., in Varese, via..., presso la sede della Camera di Commercio,

Dettagli

Le associazioni provinciali di rappresentanza, assistenza e tutela delle cooperative sociali:

Le associazioni provinciali di rappresentanza, assistenza e tutela delle cooperative sociali: BOZZA CONVENZIONE QUADRO PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE DISABILI IN COOPERATIVE SOCIALI B. ART. 22 L.R. 1 /8/ 2005, N. 17 Con la presente convenzione,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione del C.C. N. 17 in data 03.04.2007 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO CAPO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra PROVINCIA DI TREVISO ISTITUTI DI CREDITO ADERENTI ALL INIZIATIVA MUTUI PRIMA CASA. per

PROTOCOLLO D'INTESA. tra PROVINCIA DI TREVISO ISTITUTI DI CREDITO ADERENTI ALL INIZIATIVA MUTUI PRIMA CASA. per P I A N O S T R AT E G I C O D E L L A P R O V I N C I A D I T R E V I S O PROTOCOLLO D'INTESA tra PROVINCIA DI TREVISO e ISTITUTI DI CREDITO ADERENTI ALL INIZIATIVA MUTUI PRIMA CASA per SOSTENERE NELL

Dettagli

FAQ. AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO ROTATIVO PER LO SVILUPPO DELLE PMI Campane Misura Reti di impresa

FAQ. AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO ROTATIVO PER LO SVILUPPO DELLE PMI Campane Misura Reti di impresa FAQ AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO ROTATIVO PER LO SVILUPPO DELLE PMI Campane Misura Reti di impresa P.O. FESR Campania 2007-2013 Obiettivo Operativo 2.4 Credito

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO Art. 1 Origine e sede Su iniziativa del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, con la collaborazione della

Dettagli

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata;

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Codice DB0803 D.D. 26 novembre 2014, n. 638 Contributi semestrali a favore degli Enti Mutuanti a copertura dei mutui agevolati disposti ai sensi delle leggi 457/78, 94/82

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del C.C. n dei 00.00.201 CAPO I VALORIZZAZIONE DELLE FORME ASSOCIATIVE Art. 1 Principi

Dettagli

ALLEGATO A Modulo di Richiesta per il rilascio di Fidejussione specifica. Consorzio PolieCo. Società/Ditta. Referente:

ALLEGATO A Modulo di Richiesta per il rilascio di Fidejussione specifica. Consorzio PolieCo. Società/Ditta. Referente: ALLEGATO A Modulo di Richiesta per il rilascio di Fidejussione specifica Consorzio PolieCo Società/Ditta Sede Istituto di Credito: BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A. Referente: Tel. n... Fax n. Spazio

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

Il confidi nazionale della cooperazione italiana. Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative

Il confidi nazionale della cooperazione italiana. Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative Il confidi nazionale della cooperazione italiana Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative chi siamo Cooperfidi Italia è il confidi nazionale della cooperazione italiana ed è sostenuto da Agci,

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE:

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE: 1 CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO MICROCREDITO PER IL JOB CREATION ANNUALITÀ 2012/2013, TESO A PREVENIRE IL FENOMENO DELL USURA E RIVOLTO PRIORITARIAMENTE AI CITTADINI RESIDENTI NEL COMUNE DI

Dettagli

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1 Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1, art. 3, comma 2, lett. e). Fondo di garanzia etica. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale riferisce in ordine

Dettagli

PROCEDURA CONCILIATIVA

PROCEDURA CONCILIATIVA PROCEDURA CONCILIATIVA PROTOCOLLO D INTESA tra Findomestic Banca S.p.A, con sede legale in Via J. Da Diacceto, 48 50128 Firenze (di seguito Findomestic ) e le Associazioni di Consumatori Adiconsum, Adoc

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE

DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE INFORMAZIONI SU COOPERFIDI ITALIA DOCUMENTO INFORMATIVO GARANZIA ISMEA - SGFA PER LE IMPRESE AGRICOLE Versione N. 9 aggiornata all 26.03.2015 Cooperfidi Italia soc. coop. Sede legale e direzione generale

Dettagli

PRESTITI FIDUCIARI UNICREDIT AD HONOREM

PRESTITI FIDUCIARI UNICREDIT AD HONOREM PRESTITI FIDUCIARI UNICREDIT AD HONOREM AVVISO PER GLI STUDENTI DEI MASTER, SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE E DEI TIROCINI FORMATIVI ATTIVI (TFA) ISTITUITI E GESTITI DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO A.A.

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

Giuseppe Signeri. Responsabile Direzione Territoriale Sicilia Ovest

Giuseppe Signeri. Responsabile Direzione Territoriale Sicilia Ovest Giuseppe Signeri Responsabile Direzione Territoriale Sicilia Ovest Negli ultimi anni, lo scenario normativo e operativo dei Confidi è profondamente mutato. La legge di riforma del settore e i suoi successivi

Dettagli

Informazioni sul Confidi

Informazioni sul Confidi Foglio Informativo n. 1/e Per finanziamenti a medio lungo termine con garanzia al 100%, ai sensi della L. 108/96 con fondo Antiusura Ministeriale o Regionale Informazioni sul Confidi COFIDI PUGLIA S.C.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CONVENZIONE CONTO IMPRESE (TITOLARI DI PARTITA IVA)

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CONVENZIONE CONTO IMPRESE (TITOLARI DI PARTITA IVA) FOGLIO INFORMATIVO relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CONVENZIONE CONTO IMPRESE (TITOLARI DI PARTITA IVA) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Sassano SOCIETA COOPERATIVA

Dettagli

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Comune di Jelsi Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Articolo 1 Oggetto Il Comune, nell esercizio dei suoi poteri di autonomia, determina

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Stipulato il protocollo d intesa per i finanziamenti rosa

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Stipulato il protocollo d intesa per i finanziamenti rosa News per i Clienti dello studio del 4 Novembre 2014 Stipulato il protocollo d intesa per i finanziamenti rosa Ai gentili clienti Loro sedi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che è

Dettagli

Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa CONFIDI

Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa CONFIDI Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa CONFIDI Trento via Pietrastretta, 1 Telefono: 0461-431800 Fax: 0461-431810 e-mail: coop.garanzia@artigiani.tn.it REGOLAMENTO

Dettagli

Provincia di Isernia

Provincia di Isernia Provincia di Isernia BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN FAVORE DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE, DELLA PROVINCIA DI ISERNIA, SUI FINANZIAMENTI CONCESSI DALLE BANCHE Art. 1 : Scopi

Dettagli

Accordo per l anticipazione, la cessione pro-soluto e pro-solvendo dei crediti verso Enti Pubblici

Accordo per l anticipazione, la cessione pro-soluto e pro-solvendo dei crediti verso Enti Pubblici PROTOCOLLO D INTESA PER ASSICURARE LA LIQUIDITÀ ALLE IMPRESE CREDITRICI DEGLI ENTI LOCALI ATTRAVERSO L ANTICIPAZIONE DEI CREDITI PRESSO BANCHE OD INTERMEDIARI FINANZIARI O LA CESSIONE PRO-SOLUTO O PRO-SOLVENDO

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI: REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA

REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI: REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA CITTA DI MUGGIO (Provincia di Milano) REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI: REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA 1 - OGGETTO...2 2 - FINALITA' GENERALI...2 3 - SEZIONI...2 4 - REQUISITI PER L'ISCRIZIONE...2

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE. ATTIVITA' della COFILE ANTIUSURA BANCARIA FROSINONE. indirizzata. PREFETTURA di FROSINONE

AUTOCERTIFICAZIONE. ATTIVITA' della COFILE ANTIUSURA BANCARIA FROSINONE. indirizzata. PREFETTURA di FROSINONE AUTOCERTIFICAZIONE ATTIVITA' della COFILE ANTIUSURA BANCARIA FROSINONE indirizzata PREFETTURA di FROSINONE Settembre 2013 BREVE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ SVOLTA dalla COFILE e AMBITO TERRITORIALE DI OPERATIVITÀ

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Microcredito Under 35

Microcredito Under 35 Microcredito Under 35 Modello Operativo Mission La Fondazione Welfare Ambrosiano ha sottoscritto una Convenzione con il Comune di Milano per la costituzione di un apposito Fondo di Garanzia per consentire

Dettagli

Accesso al Micro Credito per Immigrati Modena 16/03/2011

Accesso al Micro Credito per Immigrati Modena 16/03/2011 Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Accesso al Micro Credito per Immigrati Modena 16/03/2011 Finalità sperimentare

Dettagli