Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Dicembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Dicembre 2013"

Transcript

1 Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia Dicembre

2 Il prezzo di alcuni generi di largo consumo 2

3 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il paniere di prodotti rilevati Risultati: La scala di prezzo: prodotti di marca, marchio del distributore e primi prezzi Il costo del carrello: prodotti di marca, marchio del distributore e primi prezzi Il costo del carrello: massimo, minimo e medio Un confronto sul costo della spesa: Monza vs Lombardia L andamento del costo del carrello nel tempo, cosa è cambiato nell arco di 6 mesi Un confronto con l evoluzione dei prezzi in Italia e Lombardia 3

4 Le caratteristiche dell indagine L oggetto dell indagine è la rilevazione dei prezzi di alcuni beni di largo consumo nel Comune di Monza Prodotti che hanno un elevato valore simbolico e che più influenzano la percezione di inflazione delle famiglie: basso valore unitario elevata frequenza di acquisto Un operazione snella ma efficace e robusta dal punto di vista statistico Il monitoraggio è semestrale e misura: il livello dei prezzi ( /Kg, /Lt., /confezione) la loro variazione nel tempo (aumento/diminuzione %) Le novità introdotte nel 2013: la rilevazione di alcuni prodotti biologici (yogurt e uova) 4

5 Il piano della rilevazione Il piano di rilevazione tiene conto dei diversi format distributivi (super, iper, superette, discount, negozi tradizionali) e rispecchia la loro importanza relativa nella Piazza di Monza I punti vendita visitati sono 37, di cui: 8 Ipermercati 12 Supermercati 3 Superette 2 Hard Discount 3 Dettaglio tradizionale alimentare 5 Panetterie (solo per il pane) 4 Macellerie (solo per la carne) In ciascun punto vendita il numero di referenze rilevate varia da 2 a 5, suddivise come segue: prodotti di marca marchio commerciale primo prezzo Nel complesso sono state raccolte circa 2300 quotazioni di prezzo 5

6 I prodotti oggetto di rilevazione Il paniere di beni di largo consumo Ordine Prodotti Quote % del paniere 1 Pane 17.0% 2 Pasta di semola di grano duro 6.7% 3 Riso 1.3% 4 Farina 1.0% 5 Biscotti frollini 4.2% 6 Merenda preconfezionata 5.7% 7 Carne fresca bovino adulto 5.9% 8 Pollo fresco 1.3% 9 Carne fresca di suino 1.5% 10 Prosciutto crudo 3.6% 11 Mozzarella 5.6% 12 Latte fresco 4.6% 13 Burro 2.0% 14 Yogurt 5.1% 15 Parmigiano Reggiano 1.4% 16 Succo di frutta 2.9% 17 Acqua minerale 4.3% 18 Bevanda 2.8% 19 Olio extra vergine di oliva 4.6% 20 Tonno in olio d'oliva 5.5% 21 Uova di gallina 2.8% 22 Caffe' tostato 3.6% 23 Zucchero 1.5% 24 Spinaci surgelati 0.2% 25 Pomodori pelati 0.3% 26 Shampoo 1.6% 27 Detersivo per stoviglie a mano 1.2% 28 Dentifricio 1.8% 28 prodotti: 25 alimentari, 3 per la cura casa/persona Prodotti caratterizzati da elevato valore segnaletico e acquisto frequente Rappresentano il 50% della spesa per beni di largo consumo confezionato Pane, carne, acqua, olio e pasta pesano circa il 40% sulla spesa del carrello Per questi prodotti ogni famiglia italiana spende in media circa 2000 euro l anno TOTALE 100.0% 6

7 L esito della rilevazione Il paniere di beni di largo consumo a Monza - Ottobre 2013 Ordine Prodotti Misura Prezzi Min Max Media Marca Comm Primo 1 Pane /Kg Pasta di semola di grano duro /Kg Riso /Kg Farina /Kg Biscotti frollini /Kg Merenda preconfezionata /Kg Carne fresca bovino adulto /Kg Pollo fresco /Kg Carne fresca di suino /Kg Prosciutto crudo /Kg Mozzarella /Kg Latte fresco /Lt Burro /Kg Yogurt /125gr Parmigiano Reggiano /Kg Succo di frutta /Lt Acqua minerale /conf (6x1,5Lt) Bevanda /l Olio extra vergine di oliva /Lt Tonno in olio d'oliva /Kg Uova di gallina /conf (6 uova) Caffe' tostato /Kg Zucchero /Kg Spinaci surgelati /Kg Pomodori pelati /Kg Shampoo /conf (250 ml.) Detersivo per stoviglie a mano /Lt Dentifricio /conf (100 ml.)

8 Le prime indicazioni sui prodotti biologici Nel 2013 è stata introdotta nel paniere di riferimento la rilevazione di due prodotti BIOLOGICI: lo yogurt e le uova Per ciascuno dei due prodotti, è stata rilevata una referenza in più (prodotto a marchio commerciale biologico) Il paniere di beni di largo consumo a Monza - Ottobre 2013 Ordine Prodotti Misura Min Max Media Marca Comm Bio Comm 14 Yogurt /125gr Uova di gallina /conf (6 uova) Prezzi Primo 8

9 Prodotti biologici più cari Maggiorazione di prezzo del prodotto bio a marchio commerciale (Ottobre 2013) 60% 50% 49.3% Varia nel tempo la differenza di costo tra prodotti a marchio commerciale base e prodotti biologici a marchio commerciale. 40% 30% 28.0% 20% 10% 0% Yogurt Uova I prodotti biologici a marchio commerciale mantengono un premio elevato rispetto al prodotto base e arriva quasi al 50% nel caso delle uova 9

10 Il carrello della spesa a Monza Spesa al prezzo più basso: 86 Spesa al prezzo medio: 169 Pagare sempre il prezzo massimo: % (-47% a ottobre 2012) +53% (+53% a ottobre 2012) 10

11 La scala di prezzo: il risparmio rispetto alla marca Prodotti di marca -32% -53% Prodotti a marchio commerciale Rispetto alla rilevazione di ottobre 2012, sia i prodotti a marchio commerciale sia quelli di primo prezzo garantiscono un risparmio sulla referenza di marca in lieve calo (che rispettivamente era pari al 35% e al 57%). Prodotti di primo prezzo 11

12 Come cambia la scala di prezzo con le promozioni Prodotti di marca -30% (-28% ott. 2012) -32% (-35% ott. 2012) -53% (-57% ott. 2012) Prodotti di marca promozionato Prodotti a marchio commerciale Prodotti di primo prezzo N.B.: Nel calcolo sui prodotti di marca in promozione si considerano solo i prodotti di cui esiste la referenza di marca o per i quali sono registrate promozioni 12

13 Continuano a crescere le promozioni nella GDO Vendite di base e pressione promozionale Vendite Pressione di base promozionale e pressione promozionale 90% 28% 89% 88% 87% 27% 26% 25% 24% 86% 23% 85% 10 a l o 11 a l o 12 a l o 13 a l 22% 10 a l o 11 a l o 12 a l o 13 a l su dati SymphonyIRI su dati SymphonyIRI Il ricorso alle promozioni nella GDO si mantiene intorno ai massimi storici, è circa al 26% sul totale dei prodotti venduti (marca e marchio commerciale) Qualche segnale di consolidamento per le vendite a prezzo pieno 13

14 Monza: opportunità di risparmio e promozioni Sconto rispetto al prodotto di marca Riso Pasta di semola di grano duro Yogurt 38% 38% 42% Sulle referenze in promozione, sconto compreso tra il 15% ed il 42% Acqua minerale Burro Detersivo per stoviglie a mano 36% 35% 34% Massimo sconto possibile per riso, pasta e yogurt Shampoo Merenda preconfezionata Caffe' tostato Succo di frutta Olio extra vergine di oliva 32% 30% 29% 28% 27% Si riduce leggermente Pasta di semola di l ampiezza grano duro della pressione Riso promozionale a Monza: ad ottobre 2012 erano 18 le referenze di marca acquistabili con sconto, ad ottobre 2013 sono 16 Biscotti frollini 25% Mozzarella 25% Tonno in olio d'oliva 23% Farina 17% Bevanda 15% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45% 14

15 Il punto sull inflazione e i prezzi alimentari a Monza 15

16 La dinamica dei prezzi: inflazione in rapida discesa Inflazione totale e di fondo Indice generale Inflazione di fondo (1) Variazioni % tendenziali L inflazione complessiva, così come rilevato dall Istat si è portata negli ultimi mesi sotto il punto percentuale Nel mese di ottobre 2013 l inflazione è scesa al +0.8% Sulla discesa ha inciso molto la caduta del prezzi energetici 0 10 a l o 11 a l o 12 a l o 13 a l o (1) Esclusi ittici, ortofrutticoli e energetici su dati Istat (NIC) 16

17 L andamento dei prezzi: tiene l inflazione alimentare Inflazione alimentare: il lavorato Variazioni % tendenziali * Si amplia il differenziale tra inflazione complessiva e alimentare lavorato: l inflazione complessiva scende, l alimentare lavorato si è stabilizzato intorno al 2% a l o 11 a l o 12 a l o 13 a l o su dati Istat (NIC) *N.B.: L alimentare lavorato include i seguenti reparti dell assortimento nella GDO: bevande, prodotti in confezione, latticini e salumi, gelati e surgelati, carni, alimenti per animali. Sono esclusi pesce fresco, frutta e verdura Nel mese di ottobre 2013 il tasso di variazione tendenziale relativo all alimentare lavorato è pari al 2.0% 17

18 Oltre il 2% tendenziale bevande, confezionati e carni L'inflazione alimentare: i prezzi per reparto Variazioni % sul periodo indicato Reparto Media 2012 Gen-13/ Gen-12 Apr-13/ Apr-12 Ago-13/ Ago-12 Set-13/ Set-12 Ott-13/ Ott-12 Alimentari lavorati Bevande Alimentari confezionati Latticini e salumi Gelati e surgelati Cura degli animali Carni Fresco Ittico Fresco Ortofrutticolo Alimentare e bevande su dati Istat (NIC) Tra i reparti si mantengono oltre il 2% di incremento su base annua i prodotti in confezione (+2.4% ad ottobre) e le bevande (+2.3%) 18

19 Materie prime alimentari: qualche tensione sul versante dei derivati del latte Frumento tenero Frumento duro Latte Parmigiano reggiano Burro Numeri indici: 2003 = Numeri indici: 2003 = 100 su dati ISMEA- indici dei prezzi alla produzione Nell ultimo anno si sono ridimensionate le quotazioni nel comparto cerealicolo, grazie al miglioramento delle condizioni di offerta Viceversa tra i derivati del latte negli ultimi mesi si è profilato qualche elemento di tensione, associato a temperature estive prolungate oltre la media stagionale. Pesa inoltre anche la pressione della domanda estera. 19

20 L andamento dei prezzi a Monza: +3.4% nell ultimo anno La variazione dei prezzi dei beni di largo consumo a Monza Ordine Prodotti Misura ultimo anno 1 sem. 2 sem. Ott 13/Ott 12 Apr 13/Ott 12 Ott13/Apr 13 1 Pane /Kg 2.6% 2.1% 0.5% 2 Pasta di semola di grano duro /Kg 5.6% 2.6% 2.9% 3 Riso /Kg -2.5% 1.4% -3.8% 4 Farina /Kg 5.3% 1.7% 3.5% 5 Biscotti frollini /Kg 3.2% 4.1% -0.9% 6 Merenda preconfezionata /Kg 9.7% 4.7% 4.7% 7 Carne fresca bovino adulto /Kg 8.5% 0.7% 7.8% 8 Pollo fresco /Kg -3.0% 0.2% -3.2% 9 Carne fresca di suino /Kg 5.2% 1.9% 3.2% 10 Prosciutto crudo /Kg 0.9% -1.6% 2.6% 11 Mozzarella /Kg -2.7% 0.3% -3.0% 12 Latte fresco /Lt 0.4% 0.5% -0.1% 13 Burro /Kg 4.1% 2.9% 1.1% 14 Yogurt /125gr. -3.4% 1.4% -4.7% 15 Parmigiano Reggiano /Kg -0.5% 0.4% -0.9% 16 Succo di frutta /Lt 1.5% 2.9% -1.4% 17 Acqua minerale /conf (6x1,5Lt) 1.7% 0.7% 1.0% 18 Bevanda /l -3.0% 0.8% -3.8% 19 Olio extra vergine di oliva /Lt 16.3% 6.9% 8.8% 20 Tonno in olio d'oliva /Kg 7.2% 4.9% 2.2% 21 Uova di gallina /conf (6 uova) 5.1% 1.9% 3.2% 22 Caffe' tostato /Kg -1.5% -0.5% -0.9% 23 Zucchero /Kg 5.6% 1.9% 3.6% 24 Spinaci surgelati /Kg 7.2% 1.7% 5.4% 25 Pomodori pelati /Kg -1.3% 2.0% -3.3% 26 Shampoo /conf (250 ml.) 2.1% 2.3% -0.2% 27 Detersivo per stoviglie a mano /Lt 5.2% 2.1% 3.0% 28 Dentifricio /conf (100 ml.) 0.9% 3.3% -2.4% Nell ultimo anno la spesa per il paniere è salita del 3.4%, con gli aumenti concentrati nel primo semestre Sull anno aumenti più rilevanti per carne di bovino e merenda, olio e tonno In calo i prezzi di riso, pollo, mozzarella, yogurt, bevanda, caffè e pelati Totale 3.4% 2.1% 1.2% 20

21 Dall inflazione al costo della spesa Costo della spesa: prezzi e mix Costo della spesa Prezzi a scaffale Mix 3% 2% 2.2% 2.2% 1.8% 2.6% 1.9% 1% 0.9% 0% 0.0% -1% -0.8% -1.0% -2% gen-set 13 su dati IRI Le famiglie stanno cambiando abitudini di consumo : crescente nomadismo tra i punti vendita della GDO maggiore ricorso a offerte e promozioni e a formati distributivi a minore contenuto di servizio (discount) e scivolamento lungo la scala di prezzo verso prodotti a marchio commerciale e di primo prezzo effetto sostituzione (dalla carni rosse a quelle bianche, dal vino alla birra, ecc.) Le famiglie neutralizzano circa un punto di inflazione 21

22 Aumenti allineati alla media nazionale La variazione dei prezzi dei beni di largo consumo a Monza Ottobre Ottobre 2012 Ordine Prodotti Misura Monza Lombardia Italia 1 Pane /Kg 2.6% 2.3% 1.5% 2 Pasta di semola di grano duro /Kg 5.6% 3.0% 0.2% 3 Riso /Kg -2.5% 2.2% 0.7% 4 Farina /Kg 5.3% 1.8% 1.8% 5 Biscotti frollini /Kg 3.2% 2.1% 1.3% 6 Merenda preconfezionata /Kg 9.7% 4.0% 2.5% 7 Carne fresca bovino adulto /Kg 8.5% 1.2% 1.6% 8 Pollo fresco /Kg -3.0% 2.9% 3.5% 9 Carne fresca di suino /Kg 5.2% 1.4% 1.8% 10 Prosciutto crudo /Kg 0.9% 1.8% 1.6% 11 Mozzarella /Kg -2.7% 0.9% 1.6% 12 Latte fresco /Lt 0.4% 3.0% 1.3% 13 Burro /Kg 4.1% 3.7% 4.1% 14 Yogurt /125gr. -3.4% 1.4% 0.4% 15 Parmigiano Reggiano /Kg -0.5% 0.0% 0.4% 16 Succo di frutta /Lt 1.5% 0.4% 0.7% 17 Acqua minerale /conf (6x1,5Lt) 1.7% -0.2% -0.1% 18 Bevanda /l -3.0% -0.8% 0.7% 19 Olio extra vergine di oliva /Lt 16.3% 8.8% 5.9% 20 Tonno in olio d'oliva /Kg 7.2% 9.4% 6.7% 21 Uova di gallina /conf (6 uova) 5.1% 4.4% 3.6% 22 Caffe' tostato /Kg -1.5% 2.2% 1.9% 23 Zucchero /Kg 5.6% 0.2% 0.2% 24 Spinaci surgelati /Kg 7.2% 1.3% 2.0% 25 Pomodori pelati /Kg -1.3% 4.5% 3.0% 26 Shampoo /conf (250 ml.) 2.1% 1.3% 1.5% 27 Detersivo per stoviglie a mano /Lt 5.2% 1.3% 1.3% 28 Dentifricio /conf (100 ml.) 0.9% -1.9% 0.5% Totale 3.4% 2.6% 1.9% La variazione registrata nell anno è un po più alta rispetto a quella regionale e nazionale In media regionale il paniere cresce del +2.6% Diversi prodotti risultano comunque in riduzione a Monza: pollo, mozzarella, yogurt, caffè, pelati La spesa media annua per il paniere è in aumento di 77 euro a Monza e di 60 in Lombardia e 44 in Italia Variazione della spesa media annua

23 Le variazioni in Lombardia La variazione dei prezzi dei beni di largo consumo in Lombardia (Ottobre Ottobre 2013) Variazioni diversificate nei Capoluoghi del territorio lombardo 6.0% 5.0% 4.0% 3.0% 2.0% 1.0% 0.0% -1.0% -2.0% 5.1% 4.7% 3.4% 3.4% 2.7% 2.6% 2.0% 1.9% -0.4% -0.8% -0.9% LO MI MB LC BS LOM VA IT BG CO CR Monza presenta una variazione un po più elevata della media Lombarda. Come spesso è accaduto, potrebbe anticipare le tendenze dei prossimi mesi Rincari vicini al 5% in un anno a Lodi e Milano In territorio lievemente negativo la variazione dei prezzi del paniere a Bergamo, Como, Cremona 23

24 Monza e Lombardia: le differenze di costo della spesa alimentare Posizionamento rispetto al paniere Lombardia (Ottobre 2013) MI MB VA BS 1.4% 1.3% 3.8% 8.1% Il differenziale di Monza rispetto alla media lombarda approssima il 4% CR LC LO BG CO -6.0% -3.5% -3.9% -4.1% -1.7% Mantova e Como le città dove ad ottobre risulta più conveniente acquistare i prodotti del paniere MN -11.2% -15% -10% -5% 0% 5% 10% Milano si conferma al primo posto 24

25 La memoria storica della rilevazione a Monza L'inflazione del paniere dei beni di largo consumo (Aprile Ottobre 2013) MB LOM IT 5% 4% 3% 2% 1% 0% -1% -2% -3% Apr-09 Ott-09 Apr-10 Ott-10 Apr-11 Ott-11 Apr-12 Ott-12 Apr-13 Ott-13 Nel complesso la variazione cumulata per il complesso dei prodotti del paniere tra il 2009 ed il 2013 è pari al 12% a Monza, 14% in Lombardia, 17.4% in media nazionale In media nell ultimo anno variazioni pari al 2.7% a Monza, al 2.5% in Lombardia ed all 1.9% in Italia Le evidenze di questi anni ci dicono che Monza tende ad anticipare gli andamenti: possibili rincari che nei prossimi mesi potrebbero estendersi a Lombardia e Italia 25

26 La spesa alimentare a Monza: principali evidenze In sintesi, le famiglie di Monza: L inflazione del paniere alimentare rilevato a Monza è cresciuta ad un ritmo abbastanza elevato nell ultimo anno (+3.4%). I rincari più rilevanti si concentrano nel primo semestre di osservazione, tra ottobre 2012 e aprile 2013 La variazione risulta in questa fase più elevata a Monza rispetto alla media Lombarda e a quella nazionale. I mercati all origine segnalano delle tensioni in particolare nel lattiero caseario Come spesso accaduto in questi anni di osservazione, Monza tende ad anticipare tendenze che poi si manifestano in tutto il territorio Complessivamente dall inizio dell attività di rilevazione, la variazione cumulata del paniere di prodotti selezionati è pari al 12% a Monza, al 14% in Lombardia e al 17.4% in Italia. Le famiglie di Monza hanno dunque sopportato una minore inflazione Guardando ai livelli dei prezzi, per il carrello della spesa i consumatori residenti a Monza pagano un costo superiore rispetto a quello medio lombardo di circa il 4% Le possibilità di risparmio aumentano tenendo conto anche delle offerte: rispetto ai prezzi delle referenze di marca, le promozioni permettono un risparmio che ad ottobre 2013 è pari al 30% per i prodotti rilevati 26

27 I prezzi dei servizi a Monza 27

28 Il piano della rilevazione Oggetto della rilevazione sono servizi di uso comune tra le famiglie nel Comune di Monza Servizi che interessano la maggior parte delle persone, indipendentemente dalle caratteristiche socio-economiche della famiglia Riguardano il tempo libero, tipicamente le consumazioni al bar, la cura della persona, ma anche il bisogno di spostamento (manutenzione automobile e parcheggio) Le novità introdotte nel 2013: la rilevazione dei servizi di lavatura e stiratura Il monitoraggio è semestrale e misura: il livello dei prezzi (solitamente /prestazione) la loro variazione nel tempo (aumento/diminuzione %) 28

29 Il piano della rilevazione Il piano di rilevazione tiene conto della distribuzione dei punti vendita sul territorio del Comune I punti vendita visitati sono 71 di cui: 8 Pizzerie 19 Bar 8 Lavanderie 11 Parrucchieri per uomo 12 Parrucchieri per donna 7 Gommisti 6 Parcheggi Nel complesso sono state raccolte oltre 300 quotazioni di prezzo 29

30 I servizi oggetto della rilevazione Il paniere dei servizi Ordine Prodotti Quote % del paniere 1 Cappuccino al bar 5.0% 2 Caffè espresso al bar 12.5% 3 Aperitivo al bar 1.9% 4 Bevanda di essenza al bar 1.9% 5 Pasta lievitata al bar 2.1% 6 Spremuta d'arancia al bar 6.5% 7 Toast al bar 2.2% 8 Panino al bar al prosciutto crudo 0.7% 9 Birra al bar 5.2% 10 Pasto in pizzeria 37.3% 11 Taglio capelli uomo 4.1% 12 Taglio capelli donna 8.8% 13 Lavatura e stiratura abito uomo 5.1% 14 Lavatura e stiratura gonna 1.4% 15 Riparazione auto 4.6% 16 Parcheggio auto 0.7% Questo paniere rappresenta quasi un quinto della spesa media annua per servizi sostenuta da una famiglia tipo Per queste voci una famiglia spende mediamente circa 1600 euro l anno TOTALE 100.0% 30

31 I servizi a Monza: l esito della rilevazione I servizi a Monza - Ottobre 2013 Ordine Prodotti Misura Prezzi Min Max Media 1 Cappuccino al bar unità Caffè espresso al bar unità Aperitivo al bar unità Bevanda di essenza al bar unità Pasta lievitata al bar unità Spremuta d'arancia al bar unità Toast al bar unità Panino al bar al prosciutto crudo unità Birra al bar unità Pasto in pizzeria unità Taglio capelli uomo unità Taglio capelli donna unità Lavatura e stiratura abito uomo unità Lavatura e stiratura gonna unità Riparazione auto unità Parcheggio auto 1 ora

32 0.4 Al bar prezzi in lieve calo nell ultimo semestre La variazione dei prezzi dei servizi a Monza Ordine Prodotti ultimo anno 1 sem. 2 sem. Ott 12/Ott13 Ott 12/Apr 13 Apr 13 /Ott 13 1 Cappuccino al bar unità -0.7% 0.0% -0.7% 2 Caffè espresso al bar unità 0.0% 0.0% 0.0% 3 Aperitivo al bar unità 0.0% -2.3% 2.4% 4 Bevanda di essenza al bar unità -0.8% -1.2% 0.4% 5 Pasta lievitata al bar unità -1.0% -1.0% 0.0% 6 Spremuta d'arancia al bar unità -1.4% 4.4% -5.5% 7 Toast al bar unità 2.5% 2.5% 0.0% 8 Panino al bar al prosciutto crudo unità 0.0% -2.9% 3.0% 9 Birra al bar unità -0.8% -1.1% 0.3% Totale Misura -0.4% 0.1% -0.8%

33 0.2 Le consumazioni al bar: il confronto territoriale La variazione dei prezzi dei servizi a Monza Ottobre Ottobre 2013 Ordine Prodotti Misura Monza Lombardia Italia 1 Cappuccino al bar unità -0.7% 2.0% 1.3% 2 Caffè espresso al bar unità 0.0% 2.0% 1.3% 3 Aperitivo al bar unità 0.0% 1.0% 1.6% 4 Bevanda di essenza al bar unità -0.8% 1.0% 1.6% 5 Pasta lievitata al bar unità -1.0% 1.9% 1.3% 6 Spremuta d'arancia al bar unità -1.4% 1.0% 1.6% 7 Toast al bar unità 2.5% 1.5% 1.6% 8 Panino al bar al prosciutto crudo unità 0.0% 1.5% 1.6% 9 Birra al bar unità -0.8% 1.4% 1.5% Totale -0.4% 1.6% 1.4% Prezzi dei servizi in controtendenza a Monza: lieve calo che si affianca ad un aumento del +1.6% in Lombardia e del +1.4% in Italia

34 La colazione al bar: Monza poco sotto la media I livelli dei prezzi in Lombardia: la colazione - cappuccino e pasta (Euro - Ottobre 2013) CR VA LC BG MN Lo LOM MB MI BS CO PV La colazione al bar costa in media regionale 2.33 euro. Monza è appena sotto la media. A Cremona la spesa è oltre 2.40 euro 34

35 La pizza a Monza e il confronto territoriale La variazione dei prezzi dei servizi a Monza Ordine Prodotti Misura ultimo anno 1 sem. 2 sem. Ott 12/Ott13 Ott 12/Apr 13 Apr 13 /Ott Pasto in pizzeria unità -2.3% 0.7% -3.0% Prezzi in calo tra aprile 2013 e ottobre del -3% -0.2 Riduzioni concentrate nel secondo semestre Prezzi in calo solo a Monza La variazione dei prezzi dei servizi a Monza Ottobre Ottobre 2013 Ordine Prodotti Misura Monza Lombardia Italia 10 Pasto in pizzeria unità -2.3% 2.2% 1.8% *N.B.: Include pizza margherita, bibita, coperto

36 Pasto in pizzeria: la soglia dei 10 euro non è lontana I livelli dei prezzi in Lombardia: il pasto in pizzeria (Euro - Ottobre 2013) 12 * PV CO VA MI MN LOMB BG LC MB Lo CR BS In circa la metà dei capoluoghi lombardi il pasto in pizzeria ha un costo superiore ai 10 euro A Monza il costo è di poco superiore ai 9 euro *N.B.: Include pizza margherita, bibita, coperto 36

37 I servizi alla persona: negli ultimi mesi rincari moderati La variazione dei prezzi dei servizi a Monza Ordine Prodotti ultimo anno 1 sem. 2 sem. Ott 12/Ott13 Ott 12/Apr 13 Apr 13 /Ott Taglio capelli uomo unità -4.4% 0.7% -5.1% 12 Taglio capelli donna unità -4.0% 0.5% -4.4% Totale Misura La variazione dei prezzi dei servizi a Monza Ottobre Ottobre % 0.5% -4.7% Calo non secondario tra aprile e ottobre (-4.7%) 0.8 Possibile risposta rispetto alla fase di difficoltà delle famiglie? 0.6 In Lombardia si assiste a rincari prossimi al 0.4 2% Ordine Prodotti Misura Monza Lombardia Italia 11 Taglio capelli uomo unità -4.4% 1.1% 0.8% 12 Taglio capelli donna unità -4.0% 2.6% 1.5% Totale -4.1% 2.1% 1.3%

38 I servizi per l auto: forte recupero negli ultimi mesi La variazione dei prezzi dei servizi a Monza Ordine Prodotti ultimo anno 1 sem. 2 sem. Ott 12/Ott13 Ott 12/Apr 13 Apr 13 /Ott Riparazione auto * unità 6.6% 6.6% 0.0% 14 Parcheggio auto ora 0.5% 0.5% 0.0% Totale Misura 5.8% 5.8% 0.0% Recupero nell ultimo per i listini dei servizi auto I rincari sono concentrati nel primo semestre; prezzi invariati tra aprile e ottobre 2013 La variazione dei prezzi dei servizi a Monza Ottobre Ottobre 2013 Ordine Prodotti Misura Monza Lombardia Italia * 13 Riparazione auto unità 6.6% 0.3% 1.6% 14 Parcheggio auto ora 0.5% 1.0% 0.7% *N.B.: Include equilibratura e convergenza gomme Totale 5.8% 0.4% 1.5%

39 La spesa per servizi a Monza: principali evidenze In sintesi, per i servizi rilevati: I prezzi delle consumazioni al bar sono scesi di circa mezzo punto percentuale nell ultimo anno. La fase di riduzione dei listini si concentra tra aprile e ottobre 2013 A Monza buona parte dei prezzi dei servizi rilevati risulta in calo: caffetteria, pizzeria e servizi alla persona. In Lombardia e sul territorio nazionale si registrano rincari In aumento a Monza i servizi per le auto: i rincari sono concentrati tra ottobre 2012 e aprile

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio con il coordinamento scientifico di Novembre 2012 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il paniere di prodotti rilevati Risultati:

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di:

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di: Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza con il coordinamento scientifico di: La rilevazione 2 LA RILEVAZIONE DEI PREZZI Oggetto della rilevazione: Beni di largo consumo: prodotti alimentari

Dettagli

Attori coinvolti. Con il coordinamento e la consulenza tecnica dell Istat

Attori coinvolti. Con il coordinamento e la consulenza tecnica dell Istat Osservatorio Regionale Prezzi Spesa consapevole per il benessere dei consumatori Convegno Nazionale Usci Attori coinvolti Dal 2003 la Regione dell Umbria ha promosso la realizzazione di un importante progetto

Dettagli

Progetto Osservatorio Regionale Prezzi MINIPANIERE UMBRO

Progetto Osservatorio Regionale Prezzi MINIPANIERE UMBRO Progetto Osservatorio Regionale Prezzi Regione dell'umbria Giunta Regionale Assessorato Attività Produttive Istituto Nazionale di Statistica Comune di Spoleto MINIPANIERE UMBRO Università degli Studi di

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Dicembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Settembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Giugno 2014

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Giugno 2014 Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia Giugno 2014 1 Il prezzo di alcuni generi di largo consumo 2 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il

Dettagli

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Monza con il coordinamento scientifico di IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche dell Indagine Il paniere di prodotti Risultati: La scala di prezzo:

Dettagli

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE Settimana 18 24 giugno 2012 numero 1/12 6 luglio 2012 LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE L andamento dei prezzi al dettaglio nella settimana compresa tra il 18-24 giugno, rispetto

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. con il coordinamento scientifico di

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. con il coordinamento scientifico di Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia con il coordinamento scientifico di Dicembre 2012 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il piano della

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER Settore Sistema Statistico Regionale LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. GENNAIO-FEBBRAIO 2010 A cura di: - Settore Sistema Statistico

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e Lombardia. con il coordinamento scientifico di:

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e Lombardia. con il coordinamento scientifico di: Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e Lombardia con il coordinamento scientifico di: La rilevazione 2 LA RILEVAZIONE DEI PREZZI Oggetto della rilevazione: Beni di largo consumo:

Dettagli

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio.

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio. Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio Seconda edizione Note metodologiche Ufficio Sistema Statistico Direzione Risorse Umane

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

GRAFICO 4 ORTOFRUTTA 1. Quotazione massima, quotazione minima, quotazione (media) delle referenze più vendute

GRAFICO 4 ORTOFRUTTA 1. Quotazione massima, quotazione minima, quotazione (media) delle referenze più vendute Comune di Perugia Osservatorio Prezzi Flash Comune di Terni marzo 213 Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica N. 9 3 aprile 213 La presente pubblicazione mensile

Dettagli

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 OSSERVATORIO CONSUMI Panel Famiglie La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 Gli acquisti nazionali Si stima in 301 milioni di euro il valore degli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. APRILE - MAGGIO 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 Le nuove tendenze del largo consumo Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 La fiducia dei consumatori Più risparmio Italiani preoccupati 25% ha paura di perdere il lavoro

Dettagli

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO NOVEMBRE 2003 Direttore del Progetto Marketing Territoriale: dr. Antonio Mezzino Direttore dell Ufficio Statistica: dr. Franco

Dettagli

IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE

IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia con il coordinamento scientifico di: IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche dell Indagine Il paniere dei prodotti, il paniere

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. MARZO-APRILE 2007 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1)

Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1) Consumi Indagini speciali News Panel Consumi Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1) N. 1 2000-2004 La tendenza degli acquisti La tendenza degli acquisti in volume 2000-2004 Il volume degli acquisti

Dettagli

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA NICOLA LASORSA - ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it IL VALORE DEL MERCATO BIO AL CONSUMO IN ITALIA -2014 STIMA DEL MERCATO RETAIL

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio. Aprile 2013

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio. Aprile 2013 Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio Aprile 2013 1 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il paniere di prodotti rilevati Risultati: La scala di prezzo: prodotti

Dettagli

SUI PREZZI C È UNA VALIDA PARTNERSHIP TRA GD E CONSUMATORI

SUI PREZZI C È UNA VALIDA PARTNERSHIP TRA GD E CONSUMATORI Dossier di Tiziana C. Aquilani e Lu.Ca. L ANALISI DI SUI PREZZI C È UNA VALIDA PARTNERSHIP TRA GD E CONSUMATORI 1 L ANALISI DI DEI QUATTRO PANIERI FOOD -BRAND LEADER, PRIVATE LABEL, PRIMI PREZZI E - DAL

Dettagli

ALIMENTARI. in aumento:% mese prec

ALIMENTARI. in aumento:% mese prec LA PRESENTE TABELLA HA LO SCOPO DI INDICARE LE MAGGIORI VARIAZIONI DI PREZZO RISCONTRATE DURANTE IL MESE DI RIFERIMENTO NEL MERCATO DI VICENZA. I VALORI ESPRESSI CORRISPONDONO AL VALORE MEDIO TRA TUTTE

Dettagli

Osservatorio SANA 2012

Osservatorio SANA 2012 Osservatorio SANA 2012 A cura di: Evento organizzato da: In collaborazione con: I CONSUMI ALIMENTARI BIOLOGICI DI FRONTE ALLA CRISI ECONOMICA I risultati dell indagine di Nomisma Fabio Lunati - Silvia

Dettagli

Il prezzo di alcuni servizi a Monza. con il coordinamento scientifico di

Il prezzo di alcuni servizi a Monza. con il coordinamento scientifico di Il prezzo di alcuni servizi a Monza con il coordinamento scientifico di LE CARATTERISTICHE DELL INDAGINE L oggetto dell indagine è la rilevazione periodica dei prezzi di beni e servizi nel Comune di Monza

Dettagli

I prezzi delle consumazioni al bar a Bologna

I prezzi delle consumazioni al bar a Bologna Caffè espresso 0,90 0,80 del caffè espresso da +8,4% 0,70 0,60 0,50 0,83 0,83 0,85 0,86 0,87 0,90 0,90 1 Cappuccino 1,30 1,20 del cappuccino da +7,0% 1,10 1,14 1,14 1,17 1,19 1,20 1,22 1,22. 2 Tè 1,30

Dettagli

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO 27 ottobre 2014 Anno 2014 LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI L inflazione (misurata dall indice armonizzato dei prezzi al consumo, IPCA), già in forte decelerazione nel 2013 (+1,3% in media d anno, dal +3,3%

Dettagli

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006 1.8 Prezzi e inflazione Se nel corso del 2004 i prezzi romani, dopo le tendenze inflazionistiche degli anni precedenti, hanno mostrato un percorso di progressiva decelerazione, l anno 2005 è caratterizzato

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. MARZO - APRILE 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino Giovanni Peira Università degli studi di Torino L agricoltura dalla parte del consumatore Domanda e offerta di prodotti agroalimentari: il punto di vista del consumatore. 2 dicembre 2008, Torino 1 Evoluzione

Dettagli

Crisi economica e prospettive dei consumi

Crisi economica e prospettive dei consumi Crisi economica e prospettive dei consumi Le difficoltà di una filiera estremamente importante Angelo Massaro Amministratore Delegato - Italia e Grecia 11 Dicembre, 2013 Il Largo Consumo Confezionato:

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

Sistema Statistico Nazionale COMUNE DI VICENZA Ufficio Statistica

Sistema Statistico Nazionale COMUNE DI VICENZA Ufficio Statistica VICENZA, 9 giugno 2011 OGGETTO: Rilevazione dei prezzi al consumo del mese di MAGGIO 2011. Nel settore dei beni alimentari, risultano in aumento il pane da toast e la merenda preconfezionata, la crema

Dettagli

Bollettino mensile di Statistica

Bollettino mensile di Statistica Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di Statistica Settembre 2012 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Dirigente

Dettagli

prezzo al litro o al Kg. % IVA Prodotto richiesto note prezzo unitario Aceto bianco confezione da lt.1 (prezzo al litro)..

prezzo al litro o al Kg. % IVA Prodotto richiesto note prezzo unitario Aceto bianco confezione da lt.1 (prezzo al litro).. In riferimento al bando di gara di codesta Amministrazione, si riportano, di seguito, le nostre migliori offerte per la fornitura di GENERI ALIMENTARI E SURGELATI, per la mensa della Scuola dell'infanzia,

Dettagli

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara U.O. STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara Un occhio attento sui prezzi rilevati a Ferrara nei mesi di marzo 2008 relativi a: 63 prodotti alimentari 32 prodotti

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. GENNAIO - FEBBRAIO 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

PREZZI: ECCO TUTTI GLI AUMENTI DEGLI ULTIMI 10 ANNI!

PREZZI: ECCO TUTTI GLI AUMENTI DEGLI ULTIMI 10 ANNI! 11/09/2011 COMUNICATO STAMPA PREZZI: ECCO TUTTI GLI AUMENTI DEGLI ULTIMI 10 ANNI! DALLA LIRA ALL'EURO, AUMENTI MEDI DEL 53% SUI BENI DI LARGO CONSUMO I CONSUMATORI DI CASPER DENUNCIANO: FAMIGLIE MASSACRATE,

Dettagli

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE GLI EFFETTI DELLA CRISI: EROSIONE DEL CETO MEDIO E CRESCITA DELLA POVERTA COLLOCAZIONE SOCIALE DELLE FAMIGLIE IN BASE AL REDDITO, AI COMPORTAMENTI DI CONSUMO E AGLI STILI DI VITA COME E CAMBIATA LA SPESA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 3 Febbraio 2015 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 3 Febbraio 2015 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI GENNAIO 2015 (dati provvisori)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 07 Gennaio 2015 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 07 Gennaio 2015 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI DICEMBRE 2014 (dati provvisori)

Dettagli

LOTTO F GENERI ALIMENTARI VARI CIG Z7A0B625A9

LOTTO F GENERI ALIMENTARI VARI CIG Z7A0B625A9 GENERE DI FORNITURA LOTTO F GENERI ALIMENTARI VARI CIG Z7A0B625A9 ACETO DI VINO BIANCO da lt. 1 LT. 70 d uve italiane ANANAS SCIROPPATO latta kg. 3 Senza aggiunta di coloranti BICARBONATO confezioni da

Dettagli

A proposito di prezzi al consumo agosto 2014

A proposito di prezzi al consumo agosto 2014 C O M U N I C A T O S T A M P A A proposito di prezzi al consumo agosto 2014 Sale l inflazione a Lecco anche se la variazione annuale è ancora negativa (-0,1%); la variazione mensile è +0,8% Per il sesto

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli

1983 2008: I 25 ANNI CHE CAMBIARONO IL MODO DI FARE LA SPESA DA PARTE DEGLI ITALIANI

1983 2008: I 25 ANNI CHE CAMBIARONO IL MODO DI FARE LA SPESA DA PARTE DEGLI ITALIANI 1983 2008: I 25 ANNI CHE CAMBIARONO IL MODO DI FARE LA SPESA DA PARTE DEGLI ITALIANI Uno studio realizzato da Federalimentare in occasione del 25 anniversario dalla sua nascita fotografa l evoluzione della

Dettagli

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 Marco Pedroni Presidente Coop Italia Milano,5 Settembre 2013 I numeri di Coop 2012 Cooperative 109 Punti vendita 1.467 di cui Iper 103 MQ Area Vendita

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 3 FEBBRAIO 2004 ore 12.30

COMUNICATO STAMPA 3 FEBBRAIO 2004 ore 12.30 COMUNE DI PADOVA COMUNICATO STAMPA 3 FEBBRAIO 2004 ore 12.30 Anticipazione degli indici provvisori dei prezzi al consumo del Mese di Gennaio 2004 VARIAZIONI PERCENTUALI DEGLI INDICI N.I.C. ( Intera Collettività

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI ALLEGATO 2 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI Capitolato di gestione Allegato 2 Pagina 1 di 9 Disposizioni Generali I pasti che l'amministrazione

Dettagli

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Consuntivo 1 semestre e luglio-agosto Ufficio Studi Novembre Indice 1. Considerazioni generali....3 2. Il fatturato di vendita della Grande

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 settembre 2013 Settembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di settembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO Il Menù è stato elaborato tenendo conto dei Livelli raccomandati di Assunzione e di Nutrienti LARN-fissati dall Istituto

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. con il coordinamento scientifico di

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. con il coordinamento scientifico di Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia con il coordinamento scientifico di IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche dell Indagine Il paniere dei prodotti, il paniere

Dettagli

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO OTTOBRE 2003 Direttore del Progetto Marketing Territoriale: dr. Antonio Mezzino Direttore dell Ufficio Statistica: dr. Franco

Dettagli

Acquisti Domestici: Oli e grassi (1)

Acquisti Domestici: Oli e grassi (1) Consumi Indagini speciali News Panel Consumi Acquisti Domestici: Oli e grassi (1) N. 3 2000-2004 La tendenza degli acquisti La tendenza degli acquisti in volume 2000-2004 Il volume degli acquisti domestici

Dettagli

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara SERVIZIO STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara Un occhio attento sui prezzi rilevati a Ferrara nel mese di luglio 2007 relativi a: 63 prodotti alimentari 17 prodotti

Dettagli

Agenzia ICE - ufficio di Stoccolma. Svezia. Il mercato dei prodotti biologici

Agenzia ICE - ufficio di Stoccolma. Svezia. Il mercato dei prodotti biologici Agenzia ICE - ufficio di Stoccolma Svezia Il mercato dei prodotti biologici agosto 2013 INDICE 1. ASPETTI NORMATIVI SULLE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI AGRO- ALIMENTARI (SINTESI)...2 2. IL SISTEMA DISTRIBUTIVO

Dettagli

La radioattività negli alimenti

La radioattività negli alimenti La radioattività negli alimenti Gli alimenti Per ottemperare alle regolamentazioni nazionali ed europee viene monitorata la radioattività presente nei principali alimenti distribuiti in Lombardia. Ogni

Dettagli

Estensione territoriale: nazionale Numerosità campionaria: 1000

Estensione territoriale: nazionale Numerosità campionaria: 1000 Public Affairs S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS La spesa alimentare tra sicurezza, qualità e convenienza Risultati Pubblicati sul Messaggero del 24 novembre 2009 e presentati in

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 4 gennaio 2012 Dicembre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo

Dettagli

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara U.O. STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara Mercato del lunedì foto: Caterina Malucelli Un occhio attento sui prezzi rilevati a Ferrara nei mesi di novembre 2008

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 31 Maggio 2013 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 31 Maggio 2013 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI MAGGIO 2013 Nel mese di Maggio,

Dettagli

Il mercato dei prodotti biologici II quadrimestre 2006. Mercato nazionale

Il mercato dei prodotti biologici II quadrimestre 2006. Mercato nazionale Osservatorio biologico Ismea Newsletter Il mercato dei prodotti biologici II quadrimestre 2006 Numero 3 novembre 2006 L andamento dei prezzi al consumo dei prodotti biologici nel II quadrimestre 2006 Mercato

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 Fiere e Comunicazioni commenta con soddisfazione la panoramica aggiornata del bio italiano nel 2010. Con la top ten delle bio-vendite e altre

Dettagli

I consumi di Formaggi nel mondo

I consumi di Formaggi nel mondo Francesco Biella I consumi di Formaggi nel mondo Global Cheese consumption Il Mercato dei Formaggi in Italia e nei paesi esteri. Le performance nella Distribuzione Moderna Francesco Biella Client Manager

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza con il coordinamento scientifico di IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche dell Indagine Il paniere dei prodotti, il paniere dei servizi

Dettagli

CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica

CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica Anticipazione del mese di SETTEMBRE 2014 Indice Prezzi al consumo per l intera collettività - Catanzaro Nel mese

Dettagli

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100)

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100) 30 giugno 2014 Giugno 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di giugno 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

F E B B R A I O 2010

F E B B R A I O 2010 Ufficio Statistica Sistema Statistico Nazionale INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ NAZIONALE ANTICIPAZIONE PROVVISORIA F E B B R A I O 2010 A Palermo l indice dei prezzi al consumo

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei servizi dentistici...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei servizi dentistici...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE Colazione 1 tazza di caffè e latte parzialmente scremato: caffè: una tazzina Latte parzialmente scremato: 200 gr. 4 fette biscottate Sostituibili

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

NOTA INFORMATIVA UFFICIO STATISTICA

NOTA INFORMATIVA UFFICIO STATISTICA NOTA INFORMATIVA UFFICIO STATISTICA Lecco, 16 marzo 2016 A proposito di Prezzi al consumo Febbraio 2016 Archiviato il leggero aumento registrato a gennaio, a febbraio l inflazione a Lecco torna in territorio

Dettagli

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 1 Il contesto strutturale in Italia Numeri importanti, ma c è ancora

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza con il coordinamento scientifico di IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche dell Indagine Il paniere dei prodotti, il paniere dei servizi

Dettagli

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE 1 TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE ASILI NIDO Le grammature sono indicate al crudo e al netto degli scarti, tranne quando diversamente indicato: CEREALI E DERIVATI 1-3 anni Adulti Pasta asciutta

Dettagli

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 marzo 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di marzo 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi,

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 ottobre 2015 Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro 16 maggio Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio realizzata dall Istat per analizzare le modalità di conversione in euro dei

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il settore alimentare cinese sta progressivamente cambiando grazie all aumento del potere d acquisto e all evoluzione

Dettagli

La spesa domestica per i prodotti alimentari

La spesa domestica per i prodotti alimentari OSSERVATORIO CONSUMI La spesa domestica per i prodotti alimentari Panel Famiglie Periodo terminante: 15 dicembre 2001 Il trend nazionale Gli acquisti domestici nazionali di prodotti alimentari manifestano,

Dettagli

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA 2 BIO-RETAIL: INDAGINE ISMEA SUL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA - 2014 IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA I n base alle stime

Dettagli

Comunicato stampa. 5 Prezzi N. 0352-1006-70. Calo dei prezzi dello 0,4 per cento. Indice nazionale dei prezzi al consumo nel giugno 2010

Comunicato stampa. 5 Prezzi N. 0352-1006-70. Calo dei prezzi dello 0,4 per cento. Indice nazionale dei prezzi al consumo nel giugno 2010 Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 06.07.2010, 9:15 www.ust150anni.ch 5 Prezzi N. 0352-1006-70 Indice nazionale dei prezzi al consumo nel

Dettagli

Il Mercato del Biologico

Il Mercato del Biologico Il Mercato del Biologico Tendenza del mercato biologico Mercato Bio globale Nel mondo gli acquisti di prodotti bio continuano a crescere con una media del 7-9% e hanno raggiunto un mercato di 19,5 miliardi

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ

Dettagli

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe LA DINAMICA DEI PREZZI DEL PANE 11 marzo 2008 Sulla base dell

Dettagli