Gli effetti dell obbligo a contrarre nel mercato Rc auto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli effetti dell obbligo a contrarre nel mercato Rc auto"

Transcript

1 Gli fftti dll obbligo a contrarr nl mrcato Rc auto Luigi Buzzacchi Michl Siri In qusto lavoro discutiamo il ruolo dll obbligo a contrarr pr l compagni assicurativ dl ramo Rc auto. S n riconoscono gli fftti positivi in trmini di accsso, mutualità trasparnza, ma anch il fatto ch tal prvision normativa potrbb lvar barrir all ingrsso nl mrcato italiano da part di alcun compagni comunitari, il ch ha dtrminato l avvio di una procdura di infrazion da part dlla Commission. Vngono, dunqu, avanzat alcun possibili rvisioni normativ dll obbligo a contrarr. In qusto articolo si tratta dl cosiddtto obbligo a contrarr in capo all compagni assicurativ ch oprano nl ramo Rc auto, ch può ssr sintticamnt sprsso nll obbligo ch tutt l imprs hanno di offrir tal coprtura a chiunqu n faccia richista. Esso è spcular all obbligo ch è imposto al propritario di tutti i vicoli a motor di dotarsi, pr circolar, di una coprtura pr la propria rsponsabilità civil. L intrss pr tal argomnto è duplic: sul piano più gnral, il sttor dlla coprtura Rc auto è un ramo important pr il mrcato assicurativo sia sul lato dlla domanda sia dll offrta, 1 ma è un mrcato il cui faticoso funzionamnto conomico ha richisto nl rcnt passato una varità di intrvnti di rgolazion, ultimo di quali il bn noto Dcrto Brsani: nll attual asstto dl mrcato Rc auto, l obbligo a contrarr ha una funzion conomica rilvant una sua analisi è di grand aiuto pr comprndr il funzionamnto i problmi dl mrcato stsso; sul piano più spcifico, l obbligo a contrarr è una prvision normativa la cui compatibilità con l organizzazion conomica comunitaria è stata posta in discussion, tanto è vro ch è attualmnt pndnt una procdura di infrazion comunitaria ch, s confrmata, dovrbb condurr all liminazion di tal obbligo. Ciò rnd vidntmnt l argomnto di intrss assai attual. 112 Luigi Buzzacchi Facoltà di Economia Industrial, Politcnico di Torino Michl Siri Facoltà di Diritto Commrcial, l Univrsità di Gnova 1 Nl 2006 l imprs italian hanno raccolto nl ramo Rc auto poco mno di 18,5 md. di uro, pari a circa la mtà dlla raccolta dll intro mrcato assicurativo danni; qusta cifra è poi vidntmnt una voc di spsa bn rilvant ni consumi dll famigli italian. Mrcato

2 Prima di andar a discutr dirttamnt dll obbligo a contrarr dlla sua vntual incompatibilità con il fisiologico funzionamnto dl mrcato unico comunitario, è ncssario analizzar brvmnt l prmss ch n hanno dtrminato l introduzion in Italia. Tali prmss risidono nl profilo di rsponsabilità civil di guidatori di autovicoli in Italia nll obbligo ch ssi hanno di assicurar - scondo uno schma fissato pr lgg - tal rsponsabilità. Qual util prmssa pr comprndr il contsto dl qual si discut, ricordiamo ch la rsponsabilità civil pr i guidatori di autovicoli è una sclta istituzional ch è stata assunta da tutti i pasi uropi, 2 ch l obbligatorità di una coprtura assicurativa pr tal rsponsabilità è pur una sclta, con poch cczioni, assunta da tutti i pasi avanzati, 3 mntr l obbligo a contrarr è un istituto assnt in molti pasi ch pur hanno optato pr l obbligatorità di coprtura. Ciò significa, naturalmnt, ch l obbligo a contrarr non è un corollario ncssario dll obbligo di coprtura ch sarbb dl tutto concpibil un adguata organizzazion dl mrcato Rc auto italiano anch qualora tal prvision vniss liminata. I costi i bnfici di tal scnario vrranno, quindi, analizzati nl sguito. Guidar un vicolo è un attività ad alto rischio, nl snso ch il guidator è in grado di produrr danni conomici (a cos /o a prson) strmamnt rilvanti con una probabilità non trascurabil. S chi guida avss dirtta rsponsabilità di danni ch produc una ragionvol avvrsion al rischio, l uso di un vicolo sarbb prcluso a un ampia schira di soggtti, conomicamnt non in grado di sostnr il risarcimnto dl danno. Il mrcato assicurativo rnd, quindi, accssibil l uso di vicoli a motor. L compagni italian hanno portafogli composti da grandi quantità di rischi individuali (i vicoli circolanti in Italia sono oltr 40 milioni, prciò una mdia compagnia ha un portafoglio composto da divrs cntinaia di migliaia di rischi) in qusto modo divrsificano il rischio aggrgato, mttndo in pool ogni singolo rischio, scondo il classico mccanismo di funzionamnto di ogni mrcato assicurativo. In toria, l assicurator potrbb far pagar a ogni guidator il mdsimo prmio, compnsando, quindi, rischi lvati con rischi modsti. In raltà, la prassi mostra ch ovunqu nl mondo gli assicuratori prsonalizzano i prmi, cioè fanno pagar un prmio più lvato ai soggtti più rischiosi - o pr lo mno qulli ritnuti tali - sulla bas di una sri di variabili ossrvabili, tra l quali in particolar la storia di sinistri (il c.d. mccanismo bonus-malus), la rsidnza, l tà, il gnr dl guidator l carattristich dl vicolo. 2 Ciò non è, comunqu, vro ovunqu; in alcuni pasi anglosassoni non uropi, si è optato pr l introduzion di un rgim no-fault, ch prvd di scludr (dl tutto o in part) la rsponsabilità civil dl conducnt pr i danni ch gli provoca circolando. L coprtur ch consguntmnt vngono offrt sul mrcato divntano dunqu coprtur first party, cioè finalizzat a risarcir i danni alla prsona ai bni dl conducnt stsso, indipndntmnt dall attribuzion di una colpa pr avr provocato il sinistro. Pr una discussion di pro contro di una tal soluzion si vda Schwartz (2000). 3 La Lgg 990/1969, cioè la lgg ch rgola la coprtura Rc auto, è stata adottata in attuazion dlla convnzion di Strasburgo dl 1959, ch impgna gli Stati firmatari a garantir, mdiant un rgim di assicurazion obbligatoria, i diritti dll vittim di incidnti causati dalla circolazion. Mrcato 113

3 Alla luc di qust considrazioni, la disponibilità dlla coprtura Rc auto sul mrcato smbrrbb potrsi considrar un ottima opportunità pr i propritari di vicoli: prché dovrbb ssr ncssario obbligar costoro ad acquistar la propria coprtura? Potrbb scglir di non assicurarsi chi foss convinto di potrsi sottrarr alla propria rsponsabilità (pr assnza di un patrimonio prsonal o pr la convinzion di potrsi sottrarr in altro modo, pr smpio fuggndo o falsificando l prov), chi non foss avvrso al rischio, o chi, pur avvrso al rischio, si vdss offrir un prmio sproporzionatamnt alto risptto al proprio livllo di rischio. La sclta istituzional di rndr obbligatoria la coprtura Rc auto è finalizzata proprio a far partcipar al mrcato anch qusti individui rispond a diffrnti obittivi. Innanzitutto, la partcipazion dll intra collttività di guidatori garantisc la possibilità di far ricorso a mccanismi di compnsazion di rischi, quindi, offrir la coprtura a un przzo socialmnt accssibil pr qui guidatori la cui suprior rischiosità si ritin dbba ssr socialmnt sussidiata (a tal principio ra sostanzialmnt ispirata la tariffa amministrata in vigor fino alla libralizzazion dl mrcato nl 1994). 4 Ma soprattutto, l obbligatorità dlla coprtura garantisc tutti i trzi - comprsi i non guidatori, si pnsi pr smpio ai pdoni - dal rischio di subir danni da un soggtto non solvnt. Consguntmnt, la coprtura obbligatoria ha anch lo scopo di contnr il tasso di conflittualità social, com è vidnt s si pnsa all incntivo a sottrarsi ai propri dovri pr un guidator ch avss causato un sinistro foss privo di assicurazion. Infin, la partcipazion obbligatoria prmtt di ripartir tra tutti i propritari di un vicolo i danni causati da vicoli non assicurati /o non idntificati. Qust ragioni vngono abitualmnt ritnut più ch sufficinti pr giustificar l obbligatorità dlla coprtura, ch è infatti prvista prssoché ovunqu. L poch cczioni si accompagnano comunqu con mccanismi di garanzia ch dvono ssr forniti dagli individui ch sclgono di non assicurarsi; n consgu ch - nlla sostanza - su ogni strada chi subisc danni durant la circolazion può attndrsi di trovarsi di front una contropart solvnt. Ch poi qusto accada ralmnt dipnd dall fficacia di controlli. La prsnza sull strad di vicoli ch ludono l obbligo di assicurazion è un fnomno bn noto, ch causa fftti ngativi pr tutta la collttività: anch risolvndo il problma dgli individui dannggiati da soggtti non assicurati con un mccanismo di mutualizzazion, 5 è bn vidnt ch i prmi assicurativi tndono a ssr più alti laddov più alta è la quota di lusion vicvrsa (si vda, in particolar, pr gli Stati Uniti lo studio di Smith Wright, 1992). In Italia non Si pnsi, in proposito, a una sri di strnalità ambintali ch dtrminano il rischio dgli individui (traffico, condizioni mtorologich, stato dll infrastruttur) o, comunqu, carattristich dgli individui ch la collttività potrbb scglir di sussidiar (tà, abilità di guida, sclt profssionali cc.). 5 È la soluzion prvista nl caso italiano (ora all art. 283 sgunti dl Codic dll Assicurazioni) con il Fondo Garanzi Vittim dlla Strada, ch è alimntato con un prlivo a carico dll imprsa di assicurazion sui prmi raccolti nl ramo Rc auto. Mrcato

4 sono disponibili statistich attndibili, ma è conoscnza comun il fatto ch in alcun ar, particolarmnt dl Sud Italia, l lusion dll obbligo di coprtura è alquanto diffuso. Vniamo ora alla qustion oggtto principal di qusto articolo, ch riguarda i vincoli comportamntali imposti sul lato dll offrta. Abbiamo sostnuto ch la disponibilità di una coprtura assicurativa rnd possibil la guida dl vicolo, ralizzando così un aspttativa plausibilmnt diffusa tra gran part di cittadini. È vidnt ch s, pr qualsivoglia ragion, il propritario di un vicolo dovss vdrsi rifiutato da tutt l compagni assicurativ prsnti sul mrcato, tal aspttativa vrrbb frustrata, impdndo a qusto soggtto di utilizzar il proprio vicolo. La giustificazion dll obbligo a contrarr discnd, quindi, dalla risposta al qusito s si ritin ch ogni individuo abbia il diritto di ottnr una coprtura assicurativa, di consgunza, utilizzar il proprio vicolo. La risposta, si considri, potrbb ssr oltr ch affrmativa o ngativa, anch solo parzialmnt affrmativa: a titolo di smpio, smbra avr un significato bn divrso ngar in principio il diritto alla mobilità a chiunqu, oppur solo a soggtti ch si dimostrino particolarmnt rischiosi; a titolo puramnt smplificativo, prson molto anzian, alcolizzati o, ancora, guidatori ch abbiano una storia significativa di gravi infrazioni al Codic dlla Strada cc. In vrità, l ordinamnto italiano non configura un vro proprio diritto alla guida, bnché riconosca una qualch rilvanza gnral allo status dlla prsona abilitata alla guida, ch può ssr inciso pr scopo afflittivo, indipndntmnt dall caus ch attngono alla circolazion stradal, com è dimostrato dall norm sulla rvoca la sospnsion provvisoria dlla patnt a sguito di rato (v. l art. 120, comma 1, dl D.Lgs. 285/1992). In ogni caso, s la sclta di obbligar o mno il propritario di un vicolo ad assicurarsi ha motivazioni in gran part conomich, la dcision s dfinir - in misura più o mno splicita - l aspttativa di potr utilizzar un vicolo qual un diritto di ogni individuo, attin invc alla sfra più propriamnt politica. Qualora la sclta sia qulla di optar pr una garanzia alla portata di tutti di potr far uso di un vicolo, è indispnsabil proccuparsi dll rgol ch garantiscano ragionvoli opportunità di accsso alla coprtura da part di consumatori. Tali ragionvoli opportunità di accsso possono, in raltà, ssr offrt tramit una varità di modlli altrnativi ch nl sguito vrranno brvmnt trattggiati. La sclta italiana, com si è dtto, si è indirizzata vrso l obbligo a contrarr. Nl quadro dll attual libralizzazion dll condizioni tariffari (pr un approfondimnto sul tma si vda Buzzacchi Siri, 2002), l obbligo a contrarr prsuppon in Italia unicamnt la prdtrminazion dl suo contnuto, ch si traduc nll obbligo di compilar una tariffa pr ogni rischio drivant dalla circolazion di vicoli a motor. In trmini più concrti, quindi, ogni compagnia assicurativa abilitata a oprar nl ramo Rc auto in Italia dv prdisporr una tariffa ch fissi un prmio pr ogni possibil clint. E ogni clint, a qul Mrcato 115

5 prmio, dv ssr srvito. È vitato, di consgunza, ch, pr smpio, la tariffa non prdtrmini il prmio ch dv ssr richisto agli ultracntnari (purché, ovviamnt, lgittimati a circolar), oppur ch un gnrico clint, pur avndo idntificato nlla tariffa pubblicata il proprio prmio, si vda rspingr. 6 S, dunqu, grazi all obbligo a contrarr, ogni propritario di un vicolo in Italia ha la garanzia di potr trovar una coprtura assicurativa, quindi, utilizzar il proprio vicolo, ci si può chidr s qusta sia l unica finalità di una tal misura. La normativa italiana, infatti, non splicita il fin dll intrvnto rgolatorio. Praltro, va ricordato ch l obbligo a contrarr è stato introdotto in un contsto di mrcato assai diffrnt da qullo attual: fino a luglio 1994, la tariffa Rc auto ra amministrata, quindi uniform, pr tutt l imprs. La tariffa unica fissata dal CIP, pr quanto diffrnziata sulla bas di rsidnza, carattristich dl vicolo bonus-malus, sussidiava di fatto ampiamnt i rischi pggiori con i rischi migliori. L obbligo a contrarr ra, quindi, un indispnsabil strumnto pr impdir ch l compagni rifiutassro i rischi pggiori, vanificando quindi il mccanismo mutualistico. Oggi, tuttavia, nl mrcato libralizzato la tariffa vin fissata libramnt da ogni singola imprsa, il ch di fatto implica l abbandono di un significativo ricorso alla mutualizzazion di rischi trogni (si vda al riguardo Buzzacchi Valltti, 2005). Si potrbb, quindi, affrmar ch l obbligo a contrarr è rimasto uno strumnto di garanzia di accsso, tutt al più, impdndo la trattazion pr cczion di rischi insolitamnt lvati, impon solo pr ssi la mutualizzazion con i rischi più normali. In raltà, nl mrcato libralizzato, l obbligo a contrarr ha assunto una nuova valnza, pr dfinizion non contmplata all atto dlla sua introduzion, cioè qulla di contribuir a ridurr i costi di ricrca. L obbligo a contrarr impon all imprs, com si è visto, non solo di assicurar ogni potnzial clint ch n facss domanda, ma anch di sprimr la propria tariffa in forma saustiva, dunqu compatta non ambigua. È grazi all obbligo a contrarr ch si è potuta introdurr la norma (Codic dll Assicurazioni Privat, D.L. n. 209/2005, art. 132), ch impon a tutt l compagni assicurativ abilitat di prdisporr un sito Intrnt, nl qual chiunqu può ottnr in tmpi rapidi un prvntivo ch può ssr fatto valr prsso qualunqu agnzia dll imprsa. L opportunità pr gli assicurandi di potr facilmnt ottnr comparar un notvol numro di prvntivi ha crtamnt contribuito a incrmntar la trasparnza, dunqu, la concorrnzialità dl mrcato. Naturalmnt, l obbligo a contrarr non è l unico strumnto pr ottnr accsso, mutualità trasparnza, sui quali ci siamo soffrmati qui sopra. Sugli Naturalmnt, vi è la possibilità ch una compagnia luda l obbligo a contrarr ni confronti di una crta catgoria di potnziali assicurati, fissando pr costoro un prmio sagratamnt lvato. A qusto proposito l ISVAP, l autorità prposta al controllo dl sttor assicurativo, ha tra l sua missioni qulla di individuar ( sanzionar) sclt tariffari ch non siano giustificat su bas attuarial, ma solo dalla volontà di sottrarsi all obbligo a contrarr. Mrcato

6 strumnti altrnativi idalmnt utilizzabili tornrmo fra poco. Pr comprndr quanto dsidrabil possa ssr il mantnimnto dll attual configurazion dl mrcato è, ovviamnt, ncssario saminar quali possano ssr i costi sociali di tal vincolo. Essi possono ssr sinttizzati nl sgunt: l obbligo a contrarr sclud la spcializzazion dll imprs pr dtrminati profili di rischio. Gli fftti di tal impdimnto sono duplici: un imprsa spcializzata potrbb ssr più fficint nl quotar gstir rischi circoscritti (trritorialmnt, pr tipologi di clintla, pr tipologi di vicoli cc.), offrndo così in qul sgmnto il proprio srvizio a przzi minori /o qualità suprior. Inoltr, dato ch l obbligo a contrarr è una pculiarità italiana la sclta di spcializzazion produttiva è, al contrario, bn prsnt ngli altri pasi comunitari, all imprs spcializzat non italian vin di fatto impdito di sportar prsso di noi il proprio modllo di businss. Ciò causa una sorta di artificial barrira all ingrsso nl nostro mrcato, ch ha naturalmnt fftti ngativi sul grado di concorrnza d è, inoltr, discriminatoria ni confronti dll compagni stranir, ch dvono sostnr di costi spcifici di riconvrsion pr ntrar nl mrcato italiano. A qusto proposito, com si accnnava nll introduzion, la qustion dlla compatibilità dll obbligo a contrarr in Italia con la disciplina comunitaria è stata sollvata da tr dnunc prsntat prsso la Commission da altrttant imprs irlandsi ch oprano nl nostro pas in rgim di libra prstazion di srvizi. Qust compagni sono spcializzat nll assicurazion di flott azindali si sono dotat di una configurazion organizzativa ch è tal da rndr loro di fatto impossibil oprar in Italia. In data 7 luglio 2004, la Commission ha pubblicato una lttra di costituzion in mora dlla Rpubblica Italiana pr avr mancato ai propri obblighi in matria di librtà di commrcializzazion di prodotti assicurativi. Gli argomnti a favor dlla posizion italiana sono stati sprssi con una lttra dl 13 sttmbr succssivo, nlla qual si giustificava il vincolo alla librtà contrattual dll imprs, introdotto con l imposizion dll obbligo a contrarr, con la natura social dlla coprtura Rc auto con la ncssità di controbilanciar l obbligo alla coprtura di propritari di un vicolo. Gli argomnti prodotti non sono stati considrati sufficinti ciò ha portato all aprtura di una procdura di infrazion vra propria - tuttora pndnt - introdotta dall invio da part dlla Commission di un parr motivato nll ottobr 2005 con un nuovo avviso nll april Smplificando gli argomnti sprssi ni vari documnti citati a favor contro l obbligo a contrarr, qusto vin oggttivamnt riconosciuto da ambo l parti com un ostacolo alla libra mssa in commrcio di prodotti assicurativi nlla Comunità, avndo d altro canto la giurisprudnza già spcificato ch anch pr l coprtur obbligatori vig il principio dlla librtà tariffaria dll imprs. Ma tal principio potrbb ssr msso in discussion, a patto ch i vincoli a tal librtà fossro giustificati da motivazioni imprativ di intrss gnral qualora tali motivazioni non fossro discriminatori tra imprs, Mrcato 117

7 fossro idon a raggiungr l obittivo prsguito non andassro al di là di quanto ncssario pr raggiungr qusto obittivo. Un adguata difsa dll obbligo a contrarr da part dl rgolator italiano dovrbb, quindi, splicitarn l motivazioni di intrss gnral, com sso sia fficac pr consguir l obittivo dimostrar ch non sistono strumnti mno invasivi pr consguir l obittivo. La risposta italiana a qusti qusiti ha, invc, chiamato in causa il gnrico problma dlla tutla di consumatori (vitando il rifrimnto splicito all accsso all assicurazion obbligatoria, alla trasparnza tariffaria alla mutualizzazion). La Commission, nl suo parr motivato ( 26), ha sostnuto ch la difsa non è riuscita a dimostrar ch l obbligo a contrarr è ncssario pr tutlar i consumatori, né tantomno, ch non sistano soluzioni altrnativ mno invasiv. Pr fornir una valutazion sul fatto ch sista ralmnt un intrss gnral di consumatori da tutlar con l obbligo a contrarr, va fatta qualch valutazion sui rischi ch si potrbbro corrr s tal obbligo vniss ffttivamnt msso in discussion. S tutt l compagni opranti in Italia avssro ffttivamnt la facoltà di optar pr una stratgia di spcializzazion, potrbbro fors mrgr catgori di consumatori ch faticano a rprir una coprtura. Solo un affidabil prvision dll idntità dlla quantità di qusti soggtti potrbb consntir di fornir valutazioni di mrito. Plausibilmnt, i consumatori pnalizzati potrbbro ssr i più rischiosi, 7 ch potrbbro ssr rifiutati dall compagni o, quantomno, vdrsi proporr przzi più lvati di qulli corrnti, anch prché la sussidiazion dgli alti rischi da part di qulli più modsti, già ridotta da quando il mrcato è stato libralizzato, tndrbb a svanir dfinitivamnt. Si tratta naturalmnt di valutar s qusti soggtti siano portatori di intrssi ch la collttività ritin di dovr tutlar. Alcun prvisioni più ottimistich idntificano i soggtti più pnalizzati com una catgoria assai ridotta (guidatori molto anziani, con una storia di sinistri particolarmnt ngativa, ch sono stati puniti pr gravi infrazioni al Codic dlla Strada, prcdntmnt riconosciuti colpvoli di comportamnti fraudolnti cc.), il cui diritto a ssr tutlati potrbb ffttivamnt ssr msso in discussion; altrimnti, si tmono scnari ni quali incontrano difficoltà ad accdr alla coprtura ampi schir di cittadini (i giovani tutti i cittadini rsidnti in alcun ar assai rischios dl pas, l grandi ar mtropolitan dl Mridion in particolar). Il pggioramnto dll condizioni di accsso all assicurazion di quot così consistnti dlla popolazion potrbb ffttivamnt dar origin a problmi sociali significativi. Anch prché i mccanismi di valutazion dlla rischiosità dgli assicurati da part dll compagni è naturalmnt imprftto, nl novro di soggtti particolarmnt rischiosi ch vdrbbro significativamnt pggiorar l propri condizioni, Anch qusta prvision non è tuttavia dl tutto crta, s è vro ch in alcuni pasi sono sort compagni spcializzat in alti rischi ch, s gstiti in modo dirtto, potrbbro comunqu costituir sgmnti di mrcato non ncssariamnt sgraditi all imprs. Mrcato

8 finirbbro pr trovarsi anch molti soggtti non particolarmnt rischiosi o, comunqu, innocntmnt rischiosi. 8 Può ssr d aiuto al proposito, citar l sprinz di pasi ch hanno sclto strad altrnativ all obbligo a contrarr. In tal snso, è possibil individuar du modlli prvalnti. In alcuni casi, il Rgno Unito in particolar, si è smplicmnt rinunciato a qualsiasi rgolazion sul lato dll offrta. L compagni opranti nl Rgno Unito possono rifiutar un clint, ch trovrà opportunità di coprtura solo prsso compagni privat spcializzat ni bad risks, a condizioni ovviamnt piuttosto onros. In altri pasi (la Francia, la Spagna molti stati dgli USA, in particolar), il mrcato rsidual di bad risks è rgolato, cioè l condizioni di accsso alla coprtura obbligatoria pr i soggtti rifiutati dall imprs privat sono dfinit dal policy makr. L assicurator rsidual (la c.d. bad company) è una compagnia (pubblica o consortil) dotata di spcifici obittivi di mutualità ch l imprs privat tradizionali non sono in grado di garantir. 9 A titolo di smpio, s la collttività valutass opportuno tutlar i diritti di giovani guidatori, mutualizzando la loro suprior rischiosità con qulla infrior di guidatori sprti, la bad company potrbb praticar przzi infriori a qulli ch risultrbbro in una situazion di quilibrio di mrcato. 10 Naturalmnt una siffatta ipotsi gnrrbb una struttural situazion di disquilibrio tcnico pr la bad company, ch dovrbb ssr adguatamnt sussidiata. Dtto in altri trmini, una tal iniziativa non può nascr ch pr volontà collttiva a front di un bn prciso progtto: a) di controllo di przzi pr alcun catgori di assicurati b) di sostgno finanziario, plausibilmnt provnint o dalla fiscalità gnral, cioè dalla collttività di guidatori non guidatori, ovvro dalla collttività di guidatori, scondo un mccanismo dl tipo di qullo ch rgola il finanziamnto dl FGVS. Una soluzion nlla qual si dovss rinunciar in Italia all obbligo a contrarr potrbb, quindi, risultar accttabil, a patto ch il mrcato rsidual dgli alti rischi ch si vrrbb invitabilmnt a crar risultass rlativamnt ridotto. In Francia, a titolo d smpio, la bad company pubblica 11 - Burau Cntral d Tarification - ricv poco più di un migliaio di richist di intrvnto all anno, da part di individui ch dvono comprovar di ssr stati rifiutati da almno tr compagni privat. Tali individui sono quasi sclusivamnt alcolizzati o tossicodipndnti, ultra-novantnni pluri-sinistrati. In Spagna, la 8 È vidntmnt bn divrso ssr rischiosi prché si assumono, pr smpio, comportamnti imprudnti, piuttosto ch a causa dl fatto ch si viv in ar gografich carattrizzat da condizioni critich dl traffico. 9 S non si volss tutlar in qualch modo il mrcato rsidual, sarbb ovviamnt sufficint la soluzion di mrcato ingls. 10 La disponibilità dlla coprtura sussidiata, in analogia a quanto pr smpio prvisto nlla rgolazion rlativa agli obblighi di srvizio univrsal nll tlcomunicazioni, dovrbb ssr mssa a disposizion dl pubblico a un przzo accssibil, infrior a qullo dtrminato in normali condizioni di mrcato, a bnficio di soli consumatori a basso rddito o con signz sociali particolari. Sarbb, prciò, ncssario limitar l offrta ai soli casi di intrss pubblico, nl risptto di appropriat rgol ispirat al principio di trasparnza non discriminazion (com prvisto all art. 9 dlla Dirttiva 2002/22/CE dl 7 marzo 2002 rlativa al srvizio univrsal ai diritti dgli utnti in matria di rti di srvizi di comunicazion lttronica). 11 Si vda Buzzacchi Siri (2001) pr una dscrizion dll principali sprinz intrnazionali. Mrcato 119

9 bad company pubblica - Consorcio d Compnsacion d Sguros - ha numri un po supriori, ma smpr dll ordin dll migliaia di individui. Il fatto ch siano rari i casi di rifiuto a contrarr da part dll compagni, il fatto ch la sclta di spcializzazion in spcifici sgmnti abbia riguardato un numro di imprs rlativamnt piccolo, dipnd probabilmnt dalla buona capacità dll imprs di valutar i rischi dalla loro bassa trognità. Inoltr, vidntmnt, ni mrcati sopra citati, il grado di concorrnza è tal da potrsi prmttr di far passar in scondo piano l signza di struttur dll tariff particolarmnt trasparnti. Qualch proccupazion pr gli fftti dll liminazion dll obbligo a contrarr nl caso italiano, comunqu, rsta. Risptto all sprinz sopra citat, il mrcato domstico prsnta una maggior trognità di rischi 12 un più modsto livllo di concorrnzialità, confrmato dalla scarsa aprtura intrnazional dai frqunti intrvnti nl sttor da part dll Autorità dl Govrno. S è vro ch l abolizion dll obbligo a contrarr dtrminrbb naturalmnt condizioni di accsso alla coprtura obbligatoria più difficoltos, comunqu, più onros pr una quota dlla popolazion, s qusta quota foss di ntità molto modsta sarbb dl tutto accttabil gstirn il sgmnto con soluzioni altrnativ, o addirittura mttrn in discussion i diritti (in fondo non è così scontato ch, pr smpio, chi si è visto sospndr la patnt abbia il diritto di accdr alla coprtura a condizioni normali). L pculiarità dl mrcato italiano sopra richiamat, tuttavia, fanno tmr ch l abolizion tout court dll obbligo a contrarr possa dtrminar condizioni di accsso alla coprtura obbligatoria pr una quota assai significativa dlla popolazion. Qusto rischio andrbb vitato, rafforzando gli strumnti pr rndr la rischiosità minor mno trogna la concorrnza più fficac. Qusti intrvnti, dsidrabili ovviamnt comunqu, potrbbro rndr più digribil la rinuncia all obbligo a contrarr, ch portrbb praltro con sé una maggior contndibilità dl mrcato la possibil fficinza di alcun sclt di spcializzazion. In qusto scnario, sarbb allora ncssario dfinir i diritti ch si intndono tutlar d, vntualmnt, gli strumnti pr ottnr qusto risultato (bad company pubblica, sussidi dirtti cc.). In raltà una strada intrmdia potrbb rivlarsi mno rischiosa, smpr ch in sd comunitaria vniss approvata. Com si è dtto, l obbligo a contrarr è uno strumnto pnsato ralizzato pr un contsto di mrcato pristorico risptto a qullo corrnt. Un rstyling dlla normativa potrbb fors rndrlo più adguato all signz odirn. Ripartndo dalla dnuncia ch ha originato la procdura di infrazion contro lo Stato italiano, ffttivamnt una prima considrazion sarbb qulla ch l obbligo a contrarr ha finalità prvalnt dstinata ai consumatori. La possibilità di circoscrivr l obbligo di prdisposizion di una tariffa di contrarr all sol prson fisich non prgiudichrbb crto diritti rilvanti dll prson Pr smpio, la frqunza annua di sinistri ha un rapporto pari a circa tr volt tra l provinc più rischios qull mno rischios. Mrcato

10 giuridich, ch dovrbbro avr pr di più spcifica profssionalità nll accsso al mrcato assicurativo. A maggior ragion, s l oggtto dll assicurazion foss non un singolo vicolo, ma una flotta azindal, pr la qual praltro l tcnich di tariffazion sono dl tutto pculiari difficilmnt compatibili con la prdisposizion di una tariffa saustiva valida anch pr l prson fisich. Un obbligo a contrarr limitato all tariff pr l prson fisich, concdndo così pina facoltà di spcializzazion nlla clintla corporat sarbb crtamnt più difndibil sul piano dlla tutla dgli intrssi gnrali. 13 Un ultrior riduzion di vincoli pr l imprs potrbb ssr la dfinizion di alcun catgori di clinti pr i quali non si applica l obbligo a contrarr, nl quadro di una dfinizion concrta di diritti ch ralmnt si intndono tutlar. Naturalmnt, quanto più foss lastico l obbligo a contrarr, tanto più ampia potrbb risultar la schira di propritari di vicoli a motor tntati dall affrontar il rischio di ludr l obbligo di assicurarsi. In qusto snso, considrati gli fftti ngativi pr l intra comunità drivanti dalla circolazion di vicoli non assicurati, risultrbb ancor più urgnt progttar nuov misur pr combattr il fnomno. Esmplar, in qusto snso, l sprinza dl Rgno Unito (si vda al proposito Dpartmnt for Transport, 2004), dov l scalation dl problma ha indotto il govrno britannico a promuovr una sri di misur innovativ. Pr il caso italiano, più modstamnt, il smplic passaggio a una banca dati lttronica di crtificati di assicurazion, a oggi non prvista dal codic, sarbb già un notvol avanzamnto. Rifrimnti bibliografici Buzzacchi, L.; Siri, M.; Bad Company: quali indicazioni pr il mrcato italiano sulla bas dl confronto intrnazional, Working papr CERAP - Univrsità Bocconi, 21, Milano, ottobr Buzzacchi, L.; Siri, M.; Efficinza d quità nl mrcato dll assicurazion obbligatoria Rc auto: ri-rgolamntar pr libralizzar?, Mrcato concorrnza rgol, n. 3, 2002, pp Buzzacchi, L.; Valltti, T.; Stratgic pric discrimination in compulsory insuranc markts, Gnva Paprs on Risk and Insuranc Thory, vol. 30, 2005, pp Dpartmnt for Transport, Uninsurd drivrs in th Unitd Kingdom, a rport to th Scrtary of Transport by profssor David Grnaway, London, July Schwartz G.T., Auto no-fault and first-party insuranc: advantags and problms, Southrn California Law Rviw, vol. 73, 2000, pp Smith, E.; Wright, R.; Why is Automobil Insuranc in Philadlphia So Damn Expnsiv?, Th Amrican Economic Rviw, n. 4, 1992, L art dl Codic dll Assicurazioni, in raltà, già prvd la possibilità ch, su richista dll assicurator, l obbligo a contrarr possa ssr circoscritto all sol flott di vicoli a motor o natanti. Bnché circoscritto a qusto sgmnto di assicurati, l obbligo a contrarr si applichrbb comunqu. Qusta sclusion è stata prsa in considrazion dalla Commision uropa, ma ritnuta insufficint a intrrompr la procdura di infrazion. Mrcato 121

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative

chiarezza delle aspettative dell organizzazione verso l individuo e chiara esplicitazione all individuo di tali aspettative FORMA 3: Valutazione dei comportamenti organizzativi Nozioni di base 1. LA VALUAZION DLL COMPNZ INDIVIDUALI 1.1 L COMPNZ INDIVIDUALI In base ai recenti contributi di numerosi autori, possiamo intendere

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica,

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica, ppur Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv clus nl Qut d Aprtur Prtic, grntit d Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv tiv utmticmnt clus nl Qut d iscriz, iz ssicurt t d In clbrz z cn 34

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Guida pratica alle Assicurazioni

Guida pratica alle Assicurazioni Guida pratica alle Assicurazioni Le regole delle Assicurazioni R.C. Auto, Vita, Previdenziali e Malattia spiegate dall Autorità di vigilanza del settore Sommario Che cosa è l ISVAP 5 Assicurazioni R.C.

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli La Compagnia di assicurazione diretta del INDICE Servizio Assistenza Clienti Servizio Sinistri +390306762100 Per chiamate dall estero

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli