LA DETERMINAZIONE FISCALE DELLA BASE IMPONIBILE IRAP PER IL 2013 E LE NOVITA' DEL 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DETERMINAZIONE FISCALE DELLA BASE IMPONIBILE IRAP PER IL 2013 E LE NOVITA' DEL 2014"

Transcript

1 LA DETERMINAZIONE FISCALE DELLA BASE IMPONIBILE IRAP PER IL 2013 E LE NOVITA' DEL 2014 a cura di Celeste Vivenzi La Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato il criterio per la determinazione della base imponibile IRAP. Il metodo di calcolo da utilizzare prevede : -il metodo di Bilancio: applicabile alle società di capitali ed enti commerciali, imprese individuali e società di persone in contabilità ordinaria che hanno esercitato la relativa opzione; -il metodo fiscale: applicabile alle imprese individuali e alle società di persone in genere. OPZIONE CALCOLO IRAP CON METODO DA BILANCIO Premessa normativa Entro il 28 febbraio di ogni anno le società di persone e le persone fisiche esercenti attività commerciali possono optare per la determinazione della base imponibile con le stesse regole previste per le società di capitali ( le società di persone o le imprese individuali che possono manifestare tale scelta devono trovarsi obbligatoriamente nel regime di contabilità ordinaria (sia naturale che per opzione). Le società di

2 persone e le imprese individuali appena costituite possono effettuare l opzione per la determinazione della base imponibile con le predette modalità entro 60 giorni dalla data di costituzione o di inizio attività ; In caso di trasformazione di un soggetto IRES in società di persone l intenzione di mantenere il regime di determinazione della base imponibile di cui sopra dovrà essere manifestata entro il termine di 60 giorni dalla data di efficacia giuridica della trasformazione stessa ( questo non vale nel caso contrario ovvero passaggio da snc in srl in quanto, nel caso di specie, risulta d'obbligo applicare il criterio Ires). I soggetti che in passato hanno esercitato l'opzione (si ricorda che l opzione è entrata in vigore nel 2008) alla scadenza del triennio possono scegliere se proseguire con il regime prescelto in modo tacito o, in caso contrario, esercitare la revoca. Si rammenta che l'opzione è irrevocabile per 3 periodi d'imposta e al termine del triennio l'opzione si intende tacitamente rinnovata per un altro triennio (nel caso in cui l'opzione sia stata comunicata, per esempio, nell'anno 2010, la stessa si rinnova per un altro triennio fatta salva la possibilità di esprimere la revoca). Anche le imprese in contabilità semplificata nel periodo 2013 possono optare per il calcolo IRAP con il metodo da bilancio se con decorrenza 2014 hanno adottato, per obbligo o per opzione, il regime di contabilità ordinaria. Anche la Comunicazione di una eventuale revoca dell'opzione per il calcolo IRAP con il metodo di bilancio vincola il contribuente all'applicazione del metodo fiscale per almeno un triennio (questo comporta che se lo stesso Contribuente intenda nuovamente optare per il calcolo con metodo da bilancio non può effettuare la scelta in tal senso per almeno un triennio dalla revoca). La remissione in bonis Il Decreto Legge n ha introdotto il nuovo Istituto della Remissione in Bonis da applicarsi in caso di omessa o tardiva presentazione della comunicazione di opzione. In buona sostanza l'istituto della Remissione in bonis si può equiparare alla procedura del ravvedimento operoso e per poterne usufruire occorre che: 1)la violazione non sia già stata oggetto di contestazione da parte dell'amministrazione; 2)non siano iniziati accessi,ispezioni o verifiche; 3)il contribuente deve inviare la comunicazione di opzione entro il termine di presentazione della prima dichiarazione fiscale utile (modello Unico) il cui termine di presentazione scade successivamente al termine per l'esercizio dell'opzione; 4)provvedere al versamento contestuale della sanzione prevista nella misura di euro 258 attraverso modello F24 con codice tributo 8114 riportando come anno di riferimento l'anno per il quale si effettua il versamento (il versamento di 258 euro non può essere compensato con altri crediti). TABELLA RIEPILOGATIVA ADEMPIMENTI OPZIONE IRAP TIPOLOGIA DEL SOGGETTO TERMINE PER EVENTUALE OPZIONE Società di persone e imprese individuali in contabilità ordinaria Eventuale opzione entro il 01 Marzo di ogni anno ( con il calcolo dei giorni la scadenza potrebbe essere il 29 febbraio con il mese

3 Imprese individuali in contabilità ordinaria neo costituite Società di persone neo costituite Società di capitale società di persone che si trasforma in Società di persone che si trasforma in società di capitale bisestile) Eventuale opzione entro 60 giorni dall'inizio attività Eventuale opzione entro 60 giorni dall'inizio attività Eventuale opzione entro 60 giorni dalla data di iscrizione del provvedimento nel registro Imprese Nessuna opzione in quanto nel caso di specie è obbligatorio il calcolo IRAP con il metodo di bilancio REGOLE GENERALI LE DEDUZIONI PER IL PERSONALE DIPENDENTE La regola generale prevede l indeducibilità del costo del lavoro dalla base imponibile IRAP indipendentemente dal calcolo dell imposta con il metodo da Bilancio o con il metodo fiscale. Tuttavia negli ultimi anni il Legislatore ha introdotto delle specifiche deduzioni per il personale dipendente al fine di alleggerire il carico fiscale. Per il 2013 ( come per il 2012) non è più prevista l'indeducibilità GENERALE DEL COSTO DEL PERSONALE (per costo del personale di devono intendere : salari e stipendi, oneri sociali, Tfr e Trattamenti di quiescenza, tredicesima e quattordicesima, altri costi come: premi aziendali,straordinari,indennità di preavviso,costi per lavoro interinale,borse di studio, indennità di prepensionamento, personale distaccato). Sono invece detraibili le seguenti voci di spesa in quanto ascrivibili alla voce costi per servizi: -corsi aggiornamento e formazione per i dipendenti, costi mensa e vitto/alloggio,contributi inail del titolare individuale, costo abiti e tute da lavoro, fringe-benefit (es. autoveicoli in uso ai dipendenti) in quanto tali voci vanno imputate ai costi di riferimento (carburante,assicurazioni ecc.). ALTRI COSTI DEL LAVORO INDETRAIBILI Nel seguente gruppo possiamo elencare: -collaborazioni co.co.co. e occasionali, utili agli associati che prestano solo attività lavorativa,compensi Amministratori, compensi ai Soci di Cooperative,compensi attribuiti per obblighi di fare,non fare e permettere.

4 LO SCHEMA VALIDO PER IL CALCOLO DEL VALORE DELLA PRODUZIONE CON IL METODO DA BILANCIO MACRO CLASSE CONTO ECONOMICO A : SCHEMA ART C.C. A1 RICAVI VENDITE/PRESTAZIONI Ricavi delle vendite e prestazioni dell'attività caratteristica al netto di eventuali resi,sconti,abbuoni e premi su vendite. Gli sconti da considerare sono quelli commerciali e non quelli finanziari che vanno indicati nella voce C17. A2-VARIAZIONI RIMANENZE DI Differenza tra valore delle rimanenze finali e PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE valore rimanenze iniziali relative alle voci,semilavorati E FINITI indicate a lato. La variazione relativa a merci o materie prime confluisce invece nei costi alla voce B 11. A3- VARIAZIONI lavori IN CORSO SU Variazione algebrica tra valore delle ORDINAZIONE rimanenze finali e quelle iniziali dei lavori in corso su ordinazione. A4- INCREMENTI DI IMMOBILIZZAZIONI Trattasi dei costi capitalizzati sostenuti PER LAVORI INTERNI dall'impresa per la relativa costruzione interna. A5- ALTRI RICAVI E PROVENTI Fitti attivi,provvigioni,rimborsi spese,penalità addebitate,rimborsi per sinistri,plusvalenze ordinarie,rimborsi assicurativi,contributi contrattuali,contributi in conto esercizio. Non sono tassabili le Plusvalenze straordinarie che devono essere indicate alla voce E20. MACRO CLASSE B COSTI DELLA PRODUZIONE SCHEMA ART C.C. B6 COSTI MATERIE Costi caratteristici al netto di PRIME,SUSSIDIARIE, CONSUMO E MERCI resi,sconti,abbuoni e premi. Rilevano solo gli sconti avente natura commerciale e non finanziaria che vanno

5 indicati alla voce C 16. B 7- COSTI PER SERVIZI Trasporti,lavorazione,energia,gas, acqua, gas,telefono,consulenze,commissioni,assicurazioni,pubblicità,viaggi e trasferte, manutenzioni. Compensi amministratori,compensi per co.co.co,rimborsi spese,custodia di titoli, consulenze,legali,pulizie,vigilanza,spese per servizi bancari. Sono comunque indeducibili IRAP : personale, compensi amministratori, cococo, associati in partecipazione, prestazioni occasionali. B 8- COSTI GODIMENTO BENI DI TERZI B 9 COSTI PERSONALE Affitti,leasing, noleggio.non sono deducibili IRAP gli interessi passivi dei canoni leasing. Salari,oneri sociali,tfr,altri costi. Tutte queste voci sono indeducibili IRAP. B 10 AMMORTAMENTI E SVALUTAZIONI Ammortamenti materiali e immateriali,svalutazione immobilizzazioni,svalutazione crediti. Ai fini IRAP le svalutazioni sono indeducibili. B 11 VARIAZIONI RIMANENZE MATERIE Differenza tra valore rimanenze finali e iniziali PRIME,SUSSIDIARIE,CONSUMO E MERCI di merci o materie prime e di consumo. B 12 ACCANTONAMENTO SU RISCHI B 13 ALTRI ACCANTONAMENTI Accantonamento per cause in corso,per altri rischi. Ai fini IRAP sono costi indeducibili Accantonamento fondo garanzia, recupero ambientale, fondo ripristino. Sono costi indeducibili ai fini IRAP. B 14 ONERI DIVERSI DI GESTIONE Imposta registro,tassa concessione governativa,imposta bollo,imu,imposta sulla

6 pubblicità,tributi locali, imposte ipotecarie e catastali,altre imposte e tasse,abbonamento a giornali e riviste, omaggi,liberalità. L'IMU è comunque indetraibile ai fini IRAP. LO SCHEMA VALIDO PER IL CALCOLO DEL VALORE DELLA PRODUZIONE CON IL METODO FISCALE COMPONENTI POSITIVI : RICAVI ART. 85 TUIR LET. A B F G TUIR Ricavi per cessione di beni, prestazioni servizi,risarcimenti assicurativi. VARIAZIONI RIMANENZE FINALI art.92 e Differenza tra rimanenze finali e iniziali 93 TUIR CONTRUBUTI Contributi in denaro o natura,contributi in conto capitale e conto esercizio, plusvalenze COMPONENTI NEGATIVI : COSTI MATERIE PRIME, Costi attività caratteristica SUSSDIARIE,CONSUMO E MERCI COSTI SERVIZI Con le limitazioni fiscali imposte dal TUIR( spese telefoniche 80%, assicurazioni auto 20% carburante 20 %, spese rappresentanza ecc.). AMMORTAMENTI E CANONI LEASING Indeducibile ammortamento terreno,limitazioni fiscali deducibilità leasing autovetture. TABELLA COMPARATIVA DELLE DIFFERENZE TRA IL METODO DI BILANCIO E IL METODO FISCALE METODO DA BILANCIO ( SOGGETTI IRES E IMPRESE CON OPZIONE) METODO FISCALE (TUTTE LE ALTRE IMPRESE)

7 RICAVI E PROVENTI -RILEVANO SE ENTRANO NELLA CLASSE A DEL CONTO ECONOMICO CONTRIBUTI RIENTRANO I CONTRIBUTI EROGATI IN BASE A NORME DI LEGGE AD ECCEZIONE DI QUELLI CORRELATI A COSTI INDEDUCIBILI( ES. CREDITO IMPOSTA ASSUNZIONE DIPENDENTI). PLUSVALENZE E MINUSVALENZE- LE PLUSVALENZE E LE MINUSVALENZE ORDINARIE CONCORRONO AL CALCOLO DELLA BASE IMPONIBILE IRAP. CONCORRONO ANCHE LE PLUSVALENZE RELATIVE A CESSIONE DI BENI IMMOBILI NON STRUMENTALI. NON RILEVANO LE PLUSVALENZE O MINUSVALENZE DERIVANTI DA CESSIONE DI AZIENDA IN QUANTO STRAORDINARIE. CONSIDERATE ADEGUAMENTO AGLI STUDI DI SETTORE: CONCORRONO ALLA FORMAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE. CANONI LEASING: POSSONO ESSERE DEDOTTI INDIPENDENTEMENTE DALLA DURATA DEL CONTRATTO. SONO INDEDUCIBILI GLI INTERESSI PASSIVI DESUNTI DAL CONTRATTO. AMMORTAMENTO BENI MATERIALI E IMMATERIALI: SONO DEDUCIBILI NELLA MISURA IN CUI SONO STANZIATI NEL CONTO ECONOMICO. COMUNQUE LE QUOTE DEI MARCHI E DELL'AVVIAMENTO SONO DEDUCIBILI NELLA MISURA DI 1/18 DEL COSTO. E' POSSIBILE LA DEDUZIONE INTEGRALE DELL'AMMORTAMENTO RIFERITO A BENI CON DEDUCIBILITA' LIMITATA (AUTO, TELEFONI ECC.). AMMORTAMENTO AREE SOTTOSTANTI DI PERTINENZA DEI FABBRICATI: COSTO INDEDUCIBILE. COSTI PER SERVIZI: DEDUZIONE INTEGRALE PER LE SPESE CON DEDUCIBILITA' LIMITATA RICAVI E PROVENTI- RILEVANO QUELLI CLASSIFICATI NELL.ART.85 lett. A b f g. Non sono tassabili i proventi finanziari di cui alle lettere c d e art. 85. CONTRIBUTI RIENTRANO I CONTRIBUTI EROGATI IN BASEA NORME DI LEGGE AD ECCEZIONE DI QUELLI CORRELATI A COSTI INDEDUCIBILI( ES. CREDITO IMPOSTA ASSUNZIONE DIPENDENTI). PLUSVALENZE E MINUSVALENZE- NON CONCORRONO ALLA FORMAZIONE DEL VALORE DELLA PRODUZIONE. NON RILEVANO LE PLUSVALENZE O MINUSVALENZE DERIVANTI DA CESSIONE DI AZIENDA IN QUANTO CONSIDERATE STRAORDINARIE. ADEGUAMENTO AGLI STUDI DI SETTORE: CONCORRONO ALLA FORMAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE. CANONI LEASING: POSSONO ESSERE DEDOTTI SE RISPETTANO LA DETRAIBILITA' IMPOSTA DALLA NORMA FISCALE. SONO INDEDUCIBILI GLI INTERESSI PASSIVI DESUNTI DAL CONTRATTO. AMMORTAMENTO BENI MATERIALI E IMMATERIALI: SONO DEDUCIBILI IN BASE ALLE PERCENTUALI E REGOLE STABILITE DAL TUIR (ART.102 E 103 TUIR). NON E' POSSIBILE LA DEDUZIONE INTEGRALE DELL'AMMORTAMENTO RIFERITO A BENI CON DEDUCIBILITA' LIMITATA (AUTO, TELEFONI ECC.). AMMORTAMENTO AREE SOTTOSTANTI DI PERTINENZA DEI FABBRICATI: COSTO INDEDUCIBILE. COSTI PER SERVIZI: DEDUCIBILI IN BASE ALLE REGOLE DEL TUIR.

8 (RAPPRESENTANZA, AUTO, SONO INDEDUCIBILI IMU E PERDITE TELEFONICHE, MANUTENZIONI ECC.) SU CREDITI. SONO INDEDUCIBILI IMU E PERDITE SU CREDITI. ONERI DIVERSI DI GESTIONE: SONO DEDUCIBILI SPESE RAPPRESENTANZA: SONO DEDUCIBILI COME DA IMPUTAZIONE NEL CONTO ECONOMICO. COSTI AUTOVETTURE: DEDUCIBILI TUTTE LE SPESE IMPUTATE AL CONTO ECONOMICO COSTI TELEFONIA FISSA E MOBILE: COME INDICATI IN CONTO ECONOMICO. MANUTENZIONI E RIPARAZIONI: DEDUCIBILI NELLA MISURA INDICATA IN CONTO ECONOMICO. IMU : INDEDUCIBILE INTERESSI PASSIVI: INDEDUCIBILI EROGAZIONI LIBERALI: DEDUCIBILI IMPOSTE DIVERSE : DEDUCIBILI PERDITE SU CREDITI: INDEDUCIBILI COSTI PERSONALE: INDEDUCIBILI COMPENSI AMMINISTRATORI, CO.CO.CO, COLLABORAZIONI OCCASIONALI : INDEDUCIBILI ALTRE SPESE PER DIPENDENTI E ASSIMILATI : LA REGOLA GENERALE IMPONE LA NON DEDUCIBILITA' DELLE SPESE INERENTI AI DIPENDENTI E ASSIMILATI. RIMANGONO INVECE DEDUCIBILI LE SPESE PER TUTE E VESTIARIO, I RIMBORSI PER LE SPESE DI TRASFERTA, IL SERVIZIO MENSA E IL SERVIZIO TRASPORTO. ONERI DIVERSI DI GESTIONE: NON SONO DEDUCIBILI. Si tratta di : Imposta registro,tassa concessione governativa,imposta bollo,imu,imposta sulla pubblicità,tributi locali, imposte ipotecarie e catastali,altre imposte e tasse,abbonamento a giornali e riviste, omaggi,liberalità. SPESE RAPPRESENTANZA: SONO DEDUCIBILI CON L'APPLICAZIONE DELLE LIMITAZIONI FISCALI. COSTI AUTOVETTURE: ASSUMONO RILEVANZA LE LIMITAZIONI FISCALI DI CUI ALL'ART. 164 TUIR. COSTI TELEFONIA FISSA E MOBILE: CON LE LIMITAZIONI DEL TUIR ( ES. 80%). MANUTENZIONI E RIPARAZIONI: SI APPLICA IL LIMITE DEL 5 % STABILITO DAL TUIR. IMU : INDEDUCIBILE INTERESSI PASSIVI: INDEDUCIBILI EROGAZIONI LIBERALI: INDEDUCIBILI IMPOSTE DIVERSE: INDEDUCIBILI PERDITE SU CREDITI: INDEDUCIBILI COSTI PERSONALE: INDEDUCIBILI COMPENSI AMMINISTRATORI, CO.CO.CO, COLLABORAZIONI OCCASIONALI : INDEDUCIBILI ALTRE SPESE PER DIPENDENTI E ASSIMILATI : LA REGOLA GENERALE IMPONE LA NON DEDUCIBILITA' DELLE SPESE INERENTI AI DIPENDENTI E ASSIMILATI. RIMANGONO INVECE DEDUCIBILI LE SPESE PER TUTE E VESTIARIO, I RIMBORSI PER LE SPESE DI TRASFERTA, IL SERVIZIO MENSA E IL SERVIZIO TRASPORTO.

9 LE MODIFICHE NORMATIVE AL REGIME IRAP RELATIVE ALL'ANNO 2013 Il D.L n. 201, cd. manovra Monti, ha previsto alcune novità in materia di deduzioni IRAP a fronte dell impiego di dipendenti a tempo indeterminato finalizzate alla riduzione del cd. cuneo fiscale. Nel concreto viene incrementato l importo della deduzione forfetaria per i lavoratori di sesso femminile, nonché per quelli di età inferiore a 35 anni. In pratica, per fruire della maggiorazione, occorre che il lavoratore sia: - di sesso femminile (indipendentemente dall età); - oppure di età inferiore a 35 anni (indipendentemente dal sesso). Nelle suddette ipotesi, l ammontare deducibile è aumentato, su base annua, fino a: ,00 euro, per i dipendenti a tempo indeterminato impiegati nelle Regioni svantaggiate; ,00 euro, negli altri casi. Restano sempre valide le modalità applicative della deduzione dell IRAP dall IRPEF/IRES, introdotta dall art. 6 del DL 185/2008 (convertito nella Legge n. 2/2009) e,per effetto delle novità introdotte, saranno deducibili dall IRPEF/IRES: -la parte di IRAP relativa alla quota imponibile delle spese per il personale dipendente e assimilato, al netto delle deduzioni di legge; -un ulteriore quota pari al 10% dell IRAP residua corrisposta nel periodo d imposta, forfettariamente riferita all imposta dovuta sulla quota imponibile degli interessi passivi e oneri assimilati, al netto degli interessi attivi e proventi assimilati. In pratica nel 2013 potranno presentarsi tre situazioni: 1)contribuente che, con riferimento al periodo d imposta in cui intende operare la deduzione, ha sostenuto sia costi per lavoro dipendente (o assimilato), sia interessi passivi e, nel caso di specie, spetterà sia la deduzione della parte di IRAP relativa alla quota imponibile delle spese per il personale dipendente e assimilato, al netto delle deduzioni di legge, sia l ulteriore deduzione del 10% dell IRAP residua pagata nel periodo d imposta; 2)contribuente che, con riferimento al periodo d imposta in cui intende operare la deduzione, ha sostenuto solo costi per lavoro dipendente (o assimilato) che avrà diritto alla deduzione della parte di IRAP relativa alla quota imponibile delle spese per il personale dipendente e assimilato, al netto delle deduzioni di legge; 3)contribuente che ha sostenuto solo interessi passivi e, in questo caso, competerà solo la deduzione del 10% dell IRAP pagata nel periodo d imposta. Ai fini del calcolo si applica il principio di cassa e la base di calcolo su cui commisurare la quota deducibile è costituita dalle somme versate a titolo di IRAP nel corso del periodo d imposta (saldo e acconti), fermo restando che quanto corrisposto a titolo di acconto rileva nei limiti dell imposta effettivamente dovuta per il periodo di riferimento (con riferimento all'irap relativa al personale deve essere calcolato il rapporto percentuale tra l'irap sul costo del lavoro e l'irap totale dell'esercizio). In buona sostanza per il 2013 ( come anche per il 2012) non è più prevista l'indeducibilità GENERALE DEL COSTO DEL PERSONALE (per costo del personale di devono intendere: salari e stipendi, oneri sociali, Tfr, trattamenti di quiescenza, tredicesima e

10 quattordicesima,altri costi come: premi aziendali, straordinari, indennità di preavviso, costi per lavoro interinale, borse di studio, indennità di prepensionamento, distacco del personale). LA TABELLA DELLE DEDUZIONI PER IL PERSONALE DIPENDENTE VALIDA PER IL 2013 Assicurazioni obbligatorie Premi Inail Art.11 D.L n.1 lett.a Cuneo fiscale Lavoratori a tempo indeterminato: deduzione forfettaria per ogni dipendente pari a euro Art.11 D.L n.2 e 3 o euro per le aree lett.a svantaggiate; euro o euro per le aree svantaggiate e per donne e per gli under 35; -deduzione dei contributi assistenziali e previdenziali; Per aree svantaggiate si intendono le Regioni Abruzzo,Basilicata,Calabria,Campania,Molise, Puglia,Sardegna e Sicilia. N.B. Le deduzioni da euro a euro diventano nel periodo 2014 da euro ad euro ; quella per le aree svantaggiate dal 2014 diventa da euro ad euro Altre deduzioni Spese per apprendisti,disabili e per il personale assunto con contratto di formazione lavoro e per addetti alla ricerca e sviluppo Altre deduzioni Deduzione euro per ciascun dipendente fino ad un massimo di cinque dipendenti (per avere diritto alla deduzione i componenti positivi che concorrono alla formazione della base Art.11 D.L n.4 lett.a Art.11 D.L n.5 lett.a Art.11 D.L n.4-bis lett.a

11 imponibile IRAP devono essere inferiori ad euro e in caso di inizio o cessazione di attività tale importo deve essere ragguagliato al periodo d'imposta). NOVITA 2014 Dal 2014, nella determinazione dell'irap si terrà conto anche della nuova deduzione sull'incremento della base occupazionale introdotta dall'ultima legge di stabilità, pari a 15mila euro per ciascun nuovo assunto a tempo indeterminato. Il bonus spetta in ogni caso entro il limite dell'incremento complessivo del costo del personale dipendente classificato alle voci B.9 e B.14 del conto economico e si applica nell'anno dell'assunzione e nei due successivi. La nuova deduzione rispecchia, nei sui tratti essenziali, quella applicabile fino al Vi rientrano quindi anche i rapporti di lavoro a tempo parziale. Per le trasformazioni di contratti a tempo indeterminato dovrebbero valere le precisazioni della circolare 26/E/2006: sono potenzialmente idonee ad attribuire la deduzione, che dovrà però essere determinata col criterio del pro rata temporis. Secondo la circolare 7/E/2006 «la sussistenza di un incremento» occupazionale «è, indipendentemente dalla sua misura, condizione necessaria per aver diritto alla deduzione per tutte le nuove assunzioni». In ogni caso, la deduzione «segue il contratto» e quindi, se questo cessa, decade anche l'agevolazione. Inoltre, si decade dall'agevolazione anche se, nei periodi d'imposta successivi a quello del l'assunzione, il numero dei dipendenti è pari o inferiore alla media degli occupati nell'anno di assunzione. La nuova deduzione di euro non è alternativa alle altre deduzioni già contemplate dall'art. 11, D.Lgs. 446/1997, in particolar modo quelle per contributi assicurativi e da "cuneo fiscale".

12 ALTERNATIVITA' DELLE DEDUZIONI DEL CUNEO FISCALE L applicazione del cuneo fiscale di cui all art. 11, co. 1, lett. a), nn. 2, 3) e 4), D.Lgs. 446/1997 e, quindi, la deduzione base, la deduzione maggiorata e la deduzione per contributi previdenziali ed assistenziali è alternativa a quelle previste da altre deduzioni contenute nello stesso articolo, così come previsto dal co. 4- septies7. Si tratta, in particolare, delle deduzioni stabilite dalle seguenti norme: - art. 11, co. 1, lett. a), n. 5), D.Lgs. 446/1997: spese per apprendisti, disabili, personale assunto mediante contratti di formazione e lavoro, nonché costi per il personale addetto all'attività di ricerca e sviluppo (compresi quelli sostenuti dai consorzi tra imprese costituiti per la realizzazione di programmi comuni di ricerca e sviluppo); - art. 11, co. 4-bis.1, D.Lgs. 446/1997: deduzione pari a per ogni dipendente, fino ad un massimo di 5, nel caso di imprese aventi componenti positivi rilevanti non eccedenti l'importo di euro su base annua. Ogni soggetto passivo Irap è quindi obbligato a valutare la convenienza delle singole deduzioni, confrontando l'ammontare della deduzione da "cuneo fiscale" con quello risultante in base disposizioni alternative sopra elencate. Ai fini della valutazione in esame, occorre tenere in considerazione che le deduzioni relative alla riduzione del cuneo fiscale non trovano applicazione con riferimento alle seguenti fattispecie: contratti di lavoro diversi da quello subordinato, come quelli stipulati con amministratori, collaboratori coordinati e continuativi, anche qualora non sia previsto un termine di conclusione del rapporto (R.M , n. 132/E); dipendenti che operano presso strutture produttive estere (cantieri, filiali, sedi secondarie, ecc.), il cui valore della produzione - essendo prodotto al di fuori del territorio dello Stato è escluso dalla base imponibile Irap (C.M. 61/E/2007). Per i Dipendenti che operano presso strutture produttive estere (cantieri, filiali, sedi secondarie, ecc.), il relativo costo, essendo prodotto al di fuori del territorio dello Stato, è escluso dalla base imponibile Irap (C.M. 61/E/2007). NOVITA' 2014 : dal 2014 si potrà beneficiare sia delle deduzioni da cuneo che da incremento della base occupazionale ( ma sempre tenendo conto dei limiti massimi ) in quanto non è stata più riproposta l'alternatività con la deduzione da cuneo.

13 TABELLA DEDUZIONI E DETRAZIONI IRAP REGIONALI 2013 ella delle Deduzioni e delle Detrazioni Regionali relativi al lavoro dipendente Regione/Pro vincia autonoma (col.1) Codice deduzione (col.2) DEDUZIONE Piemonte (cod.13) codice 1 Art. 1, L. R. Piemonte n. 19 del 3/8/2010 modificato dall'art. 36 L.R. n. 5 del 4/5/2012. I soggetti passivi del settore privato che incrementano nei tre anni di imposta successivi a quelli in corso al il numero di lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato, possono dedurre dalla base imponibile IRAP un importo forfetario nel limite massimo annuo di: euro per ogni nuovo lavoratore assunto a partire dall anno di assunzione e fino al terzo anno compiuto; euro per ogni nuovo lavoratore ultracinquantenne o al di sotto dei trentacinque anni assunto a partire dall anno di assunzione e fino al terzo anno compiuto. Detto importo va adeguato all effettivo periodo di lavoro prestato nell anno. La deduzione può essere fruita solo con riferimento al numero dei lavoratori neo-assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato, sia a tempo pieno che parziale, che al termine del periodo di imposta risultino in eccedenza rispetto al numero dei lavoratori assunti con il medesimo contratto per i quali a diverso titolo sia cessato il rapporto di lavoro nel corso del periodo di imposta. E' necessario che i lavoratori siano impiegati nelle sedi produttive localizzate nella Regione Piemonte e avere il domicilio fiscale in uno dei comuni del Piemonte per tutto il periodo in cui si usufruisce dell agevolazione. L'agevolazione non può comunque superare il costo del singolo dipendente e non è cumulabile le con analoghi interventi volti a favorire l incremento occupazionale, ad eccezione di quanto previsto dalla legge 296/2006. Provincia di Trento (cod.18) codice 2 Art. 12, comma 4, della legge provinciale n. 25 del 27/12/ Criteri attuativi deliberazione di Giunta provinciale 22 febbraio 2013 n Deduzione dalla base imponibile dell IRAP delle somme erogate ai dipendenti del settore privato correlate ad incrementi di produttività, in attuazione degli accordi di secondo livello, anche territoriali, che assumano a riferimento precisi indicatori quantitativi di produttività/redditività/qualità/ efficienza/ innovazione, oppure in alternativa, le altre misure previste dall art. 2 del DPCM 22/1/2013. La deduzione è concessa per il periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31/12/2012 e per i due successivi per l'importo complessivo degli incrementi salariali di ciascun dipendente nel limite massimo di euro annui e indipendentemente dal reddito dei beneficiari. Provincia di Trento (cod.18) codice 3 Art. 12, comma 9, della legge provinciale n. 25 del 27/12/2012. Deduzione dalla base imponibile dell IRAP per i soggetti passivi del settore privato, per il periodo d imposta successivo a quello in corso al 31/12/2012 e per il successivo, dei costi sostenuti nel medesimo periodo d'imposta relativi al personale assunto a tempo indeterminato in attuazione di contratti di solidarietà espansivi previsti dall'articolo 2 del decreto-legge 30/10/1984, n. 726, convertito, con modificazioni, dalla legge 19/12/1984, n La deduzione spetta per la parte del costo del personale che non sia già deducibile dalla base imponibile IRAP ai sensi della normativa statale e provinciale vigente. Provincia di Trento (cod.18) codice 4 Art. 12, comma 9 bis, della legge provinciale n. 25 del 27/12/2012, introdotto dall articolo 5 della legge provinciale n.9 del 15/5/ Criteri attuativi deliberazione di Giunta provinciale n dell 11/10/2013. Deduzione dalla base imponibile dell IRAP per i soggetti passivi del settore privato, per i due periodi imposta successivi a quello in corso al 31/12/2012 dei costi sostenuti nel medesimo periodo d'imposta, per il personale assunto a tempo indeterminato in forza di contratti collettivi, anche aziendali, che prevedano a fronte della riduzione dell'orario di lavoro dei lavoratori che raggiungano i requisiti minimi per il pensionamento nei 36 mesi successivi alla data di stipulazione dell'accordo collettivo - la contestuale assunzione di giovani che non abbiano più di 35 anni di età. La deduzione opera se dalla predetta assunzione deriva un saldo occupazionale positivo e spetta per la parte del costo del personale che non è già deducibile dalla base imponibileirap ai sensi della normativa statale e provinciale vigente. Toscana (cod.17) codice 1 Art. 2 L. R.Toscana n.77 del 27/12/2012 Regolamento attuativo n. 48/R del 26/8/2013. Deduzione dalla base imponibile dell IRAP, per i tre periodi di imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre 2012, delle spese sostenute per il personale dipendente assunto nel 2013 con contratto a tempo indeterminato o determinato per un periodo di durata pari o superiore a due anni, ai sensi dell articolo 5

14 quindecies, comma 1, lettera d bis) della L. R. n. 35 del 20/3/2000. La deduzione è concessa alle micro, piccole e medie imprese, di cui al Regolamento CEE n. 800/2008 della Commissione, Allegato I) che risultino: - iscritte alla camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura; - avere la sede o l unità operativa che ha effettuato l assunzione sul territorio della Regione Toscana; - non aver fatto ricorso a procedure di licenziamento collettivo nei dodici mesi precedenti all assunzione. Spetta per i lavoratori: - iscritti liste mobilità L.223/1991-D.L. 148/1993: - percettori di mobilità in deroga; - licenziati a partire dal 1 gennaio 2008 per giustificato motivo oggettivo di cui alla L.604/1966 che alla data dell assunzione siano in stato di disoccupazione. L importo ammesso in deduzione è pari al costo del lavoro ai fini Irap, così come stabilito dal D.Lgs. n. 446/97 sostenuto dall impresa per ciascun dipendente e rientra nella disciplina del regime de minimis. Provincia di Bolzano (cod.3) codice 1 Art. 21-bis, comma 13-ter, della legge provinciale n. 9 del 11/8/1998, introdotto dall articolo 1, comma 5, della legge provinciale n. 22 del 20/12/2012. Deduzione dalla base imponibile dell IRAP, a decorrere dal periodo d imposta successivo a quello in corso al 31/12/2012, ai soggetti di cui all articolo 16, commi 1 e 1/bis, del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, che assegnano ai propri dipendenti buoni per la conciliazione famiglia e lavoro per un valore annuo minimo pari a 500,00 euro. La deduzione dal valore della produzione netta IRAP, realizzata nel territorio della provincia di Bolzano, è pari a ,00 euro per ciascun dipendente beneficiario. Per i soggetti passivi d imposta che ottengono anche il certificato audit famiglia e lavoro l importo della deduzione ammonta a ,00 euro per dipendente beneficiario. Provincia di Bolzano (cod.3) codice 2 Art. 21-bis, comma 13-quater, della legge provinciale n. 9 del 11/8/1998, introdotto dall articolo 7, comma 1, della legge provinciale n. 12 del 17/9/2013 pubblicata supplemento n. 2 del B.U. n. 39 del 24/9/2013. Deduzione dalla base imponibile dell IRAP, a decorrere dal 25/9/2013 fino al periodo d imposta in corso alla data del 31 dicembre 2016, ai soggetti passivi IRAP di cui all articolo 16, commi 1 e 1-bis, del decreto legislativo 15/12/1997, n. 446, dei costi del lavoro, per il personale non occupato da almeno sei mesi, assunto a tempo indeterminato dal 25/9/2013. La deduzione è riconosciuta, altresì, in caso di trasformazione da altro tipo di rapporto di lavoro a contratto a tempo indeterminato, ma solo per i soggetti con età anagrafica alla data della trasformazione pari o inferiore a 29 anni, oppure pari o superiore a 55 anni, a condizione che la trasformazione sia avvenuta a partire dal 25/9/2013. La deduzione si applica per tre anni decorrenti dalla data di assunzione, o dalla data di trasformazione, e spetta per la parte del costo del personale che non è già deducibile dal valore della produzione netta IRAP in base alla normativa statale o provinciale vigente. Umbria (cod.19) codice 1 Art. 5 legge regionale Umbria n. 4 del 30/3/2011. Deduzione dell'irap per i soggetti passivi del settore privato di cui all art. 3 del D. Lgs. n. 446/1997 che nell anno di imposta in corso al 31 dicembre 2011 incrementano il numero dei lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato rispetto al numero dei lavoratori assunti con il medesimo contratto alla data del 31/12/ La deduzione è pari al cinquanta per cento del costo di ogni nuovo dipendente incrementale assunto a tempo indeterminato, incrementato al settantacinque per cento nei casi di: 1. assunzione di personale dipendente disoccupato da oltre dodici mesi di età superiore ad anni quaranta e di assunzione di persone di sesso femminile; 2. acquisizione di complessi aziendali da imprese in amministrazione straordinaria di cui al D.L. 23/12/2003, n. 347 convertito con modificazioni dalla legge 18 febbraio 2004, n. 39 e al D.Lgs. n.8 luglio 1999, n. 270; 3. acquisizione o affitto di rami di azienda da imprese per le quali siano in corso procedure concorsuali; 4. assunzione diretta di lavoratori provenienti dalle stesse imprese di cui ai punti 2) e 3) in numero non inferiore a trenta dipendenti. La deduzione si applica, come disposto dalla Corte Costituzionale con sentenza n. 50 del 5/3/2012, ai tre anni d imposta successivi al 31/12/2012. La deduzione decade se nei quattro periodi d imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre 2011 il numero dei lavoratori dipendenti a tempo indeterminato risulta inferiore o pari rispetto a quelli occupati alla data del 31/12/2010. Ad eccezione dei casi di cui ai precedenti punti 2, 3 e 4 in cui è ammessa la deduzione incrementata al 75%, non possono usufruire della deduzione base (pari al 50% del costo di ogni nuovo dipendente incrementale assunto a tempo indeterminato) le imprese per cui l incremento occupazionale derivi dall assorbimento a qualsiasi titolo, anche parziale, di attività di imprese giuridicamente preesistenti, anche a seguito di operazioni societarie straordinarie. Nel caso di società controllate o collegate ai sensi dell art del c.c. o facenti capo anche indirettamente ad uno stesso soggetto, l incremento della base occupazionale è considerato al netto delle diminuzioni occupazionali rilevate negli stabilimenti ubicati nel territorio regionale. Le imprese costituite nel corso del 2011 possono usufruire della deduzione base in riferimento a tutti i lavoratori assunti a tempo indeterminato, a condizione che l incremento occupazionale non derivi dallo svolgimento di attività che assorbono anche solo in parte attività di imprese giuridicamente preesistenti.

15 I soggetti che beneficiano della deduzione inviano alla Regione una comunicazione dei dati nei termini e con le modalità stabiliti dalla Giunta regionale. Regione/Pro vincia autonoma (col.1) Codice detrazione (col. 3) DETRAZIONE Provincia di Trento (cod.18) codice 2 Art. 27 della legge provinciale n. 27 del 27/12/2010, come modificato dall art.10 della legge provinciale n. 18 del 27/12/2011. Detrazione dell'irap per il periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2011 e per i due successivi, riconosciuta ai soggetti passivi che versano contributi agli enti bilaterali che erogano prestazioni di sostegno al reddito sulla base di criteri definiti dalla Giunta provinciale. Spetta una detrazione dall IRAP, dovuta alla provincia, pari al 90% dell importo del contributo versato nel corrispondente periodo di imposta ai predetti enti bilaterali. La detrazione non può in ogni caso superare 0,46 punti percentuali del valore della produzione netta realizzata nel territorio provinciale. I criteri per consentire agli enti bilaterali di accreditarsi sono definiti nella deliberazione di Giunta provinciale n. 911 del 17/5/2013. Le imprese associate l Ente Bilaterale dell Artigianato Trentino (EBAT), accreditato con la deliberazione di Giunta provinciale n del 23/8/2013, hanno diritto alla detrazione per l anno d imposta Deduzione per i neo assunti del 2014 Regione Toscana La Legge Regionale della Toscana n.79 del 24/12/2013, all'art. 9, riconosce la deduzione dalla base imponibile per i tre periodi di imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre 2013, delle spese sostenute per il personale dipendente assunto nel 2014 con contratto a tempo indeterminato ai sensi dell articolo 5 quindecies, comma 1, lettera d bis) della L. R. n. 35 del 20/3/2000. La deduzione si applica anche per il costo del personale a tempo determinato limitatamente agli assunti di età pari o superiore a cinquantacinque anni. Per le modalità applicative si applica il regolamento emanato con decreto del Presidente della Giunta regionale n. 48/R 26/8/2013 di attuazione dell articolo della L.R. 77 del 27/12/2012(relativo alle agevolazioni sulle nuove assunzioni 2013).

16 IL MODELLO DI DICHIARAZIONE IRAP UNICO 2014 Le deduzioni del costo del personale vanno indicate in dichiarazione attraverso la compilazione dei seguenti righi : -IS 1 : deduzione contributi Inail; -IS 2: deduzione forfetaria da euro a euro per ciascun dipendente assunto con contratto a tempo indeterminato; limite aumentato a euro ovvero per i lavoratori che si trovano nelle aree svantaggiate ovvero per coloro che hanno meno di 35 anni o per i lavoratori di sesso femminile; -IS 3: deduzione contributi previdenziali; -IS 4: deduzione spese per apprendisti,disabili,personale assunto con contratto di formazione lavoro e per gli addetti alla ricerca e sviluppo. La deduzione del Cuneo fiscale è alternativa : -alle deduzioni per apprendisti,disabili,personale assunto con contratto di formazione lavoro e per gli addetti alla ricerca e sviluppo; -alla deduzione forfettaria di euro fino a cinque dipendenti. ULTERIORI DEDUZIONI IN BASE AL VALORE DELLA PRODUZIONE TABELLA DEDUZIONE FORFETTARIA DEL VALORE DELLA PRODUZIONE ( Art.11 D.L n.4-bis lett.a) SOGGETTI IRES: TABELLA 2013 VALORE PRODUZIONE FINO A ,91 SUPERIORE A ,91 MA NON A ,91 SUPERIORE A ,91 MA NON A ,91 SUPERIORE A ,91 MA NON A ,91 EURO EURO EURO EURO 1.850

17 SOGGETTI IMPRESE INDIVIDUALI, LAVORATORI AUTONOMI E SOCIETA' DI PERSONE SENZA OPZIONE: TABELLA 2013 VALORE PRODUZIONE FINO A ,91 SUPERIORE A ,91 MA NON A ,91 SUPERIORE A ,91 MA NON A ,91 SUPERIORE A ,91 MA NON A ,91 EURO EURO EURO EURO TALE DEDUZIONE DEVE ESSERE RAGGUAGLIATA ALLA DURATA DEL PERIODO D'IMPOSTA.

18 LE NUOVE TABELLE VALIDE PER IL 2014 RELATIVE AL VALORE DELLA PRODUZIONE SOGGETTI IRES PER IL 2014: AUMENTO LEGGE STABILITA' VALORE PRODUZIONE FINO A ,91 SUPERIORE A ,91 MA NON A ,91 SUPERIORE A ,91 MA NON A ,91 SUPERIORE A ,91 MA NON A ,91 EURO EURO EURO EURO SOGGETTI IMPRESE INDIVIDUALI,LAVORATORI AUTONOMI E SOCIETA' DI PERSONE SENZA OPZIONE PER IL 2014: AUMENTO LEGGE STABILITA' VALORE PRODUZIONE FINO A ,91 SUPERIORE A ,91 MA NON A ,91 SUPERIORE A ,91 MA NON A ,91 SUPERIORE A ,91 MA NON A ,91 EURO EURO EURO EURO LA RIDUZIONE DELL'ALIQUOTA IRAP PER LE IMPRESE DAL 2014 Premessa generale Il Decreto n conferma il taglio del 10% dell IRAP, la cui aliquota principale diminuirà dal 3,9 al 3,5%, e la riduzione opererà a regime dal 2014 con effetto quindi dalla dichiarazione IRAP Viene confermata la facoltà, per le Regioni a statuto ordinario, sia di ridurre le suddette aliquote fino all azzeramento che di aumentarle fino ad un massimo dello 0,92% ; solo le Pubbliche Amministrazioni

19 sono escluse dalla riduzione in quanto per esse è stata confermata l aliquota dell 8,5%. I benefici delle nuove aliquote si avranno già in sede di versamento del 1 acconto IRAP 2014 ma solo se viene adottato il metodo previsionale ; infatti, se si utilizza il metodo storico, non si ha alcun vantaggio in quanto l acconto è determinato assumendo, come base di riferimento il rigo IR21 della dichiarazione IRAP 2014 riportante l imposta dovuta nel 2013 calcolata sulle aliquote Una considerazione oggettiva sulla norma appare obbligatoria: la riduzione dell IRAP del 10% sulle aliquote non incide sulle componenti della sua base imponibile e certamente sarebbe stata preferibile una deduzione maggiore al fine di incentivare la produttività delle imprese. Le nuove aliquote Irap previste dal Decreto Renzi Il decreto prevede una diminuzione generalizzata delle aliquote a seconda della tipologia del soggetto:- le imprese e i professionisti beneficiano di una diminuzione dell aliquota base dal 3,9 al 3,5%; - le concessionarie dal 4,20 al 3,80%; - per le banche ed altri enti finanziari si passa dal 4,65 al 4,20%; - per le assicurazioni la riduzione va dal 5,9 al 5,30%; - per le imprese agricole l aliquota si riduce dall 1,90 all 1,70%. La novità ha effetto con decorrenza dal periodo d imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013 e, ai fini pratici, per le società aventi periodo di imposta coincidente con l anno solare la novità troverà applicazione con riferimento al periodo di imposta Tuttavia gli effetti finanziari della riduzione delle aliquote sono di fatto spostati al momento in cui le imprese verseranno il saldo del 2014 ovvero il 16 giugno 2015 e quindi al momento del versamento del primo acconto IRAP con il metodo previsionale (scadenza del 16 giugno 2014) le imprese dovranno determinare le imposte dovute sulla base di aliquote intermedie (superiori rispetto all importo dell aliquota base ridotta per effetto del decreto in oggetto). In pratica le imprese e i professionisti calcoleranno il primo acconto eventualmente dovuto ed il secondo acconto applicando l aliquota intermedia del 3,70% e in sede di saldo applicheranno l aliquota del 3,50% scomputando i maggiori acconti versati. Il vero guadagno, poco o tanto che sia, si materializza pertanto solo per coloro che calcolano l'acconto con il metodo previsionale (fatti salvi i rischi in cui la previsione dovesse risultare inesatta dando origine alla sanzione per insufficiente versamento pari al 30% dell importo non versato) e non per i contribuenti che lo calcolano con il metodo storico (si ricorda che con il metodo storico l'acconto non può essere inferiore al 101,50% dell'imposta dell'anno precedente per le società di capitale e al 100% per le ditte individuali e le società di persone).le aliquote intermedie per la determinazione degli acconti sono le seguenti : -Aziende private e professionisti 3,70%;-Banche ed enti finanziari 4,40%;-Assicurazioni 5,60%;-Imprese concessionarie 4,00%;- Produttori agricoli 1,80%. TABELLA OPERATIVA PRATICA SOGGETTI ALIQUOTA 2014 ALIQUOTA 2013 Imprese in generale 3,50% 3,90% Banche e altri soggetti finanziari 4,20% 4,65%

20 Imprese di assicurazione 5,30% 5,90% Imprese del settore agricolo (incluse coop. di piccola pesca e loro consorzi) Concessionari di servizi ed opere pubbliche 1,70% 1,90% 3,80% 4,20% Le aliquote intermedie per la determinazione degli acconti sono le seguenti : -Aziende private e professionisti 3,70%; -Banche ed enti finanziari 4,40%; -Assicurazioni 5,60%; -Imprese concessionarie 4,00%; -Produttori agricoli 1,80%. CELESTE VIVENZI

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Circolare Monografica 12 maggio 2014 n. 1971 DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE

VARIAZIONE IN AUMENTO. RF7/8 - PLUSVALENZE e SOPRAVVENIENZE ATTIVE Analisi di alcune fattispecie di variazione in aumento ed in diminuzione maggiormente significative per la determinazione del reddito d'impresa nel Modello Unico SC/2010 Il quadro RF contenuto nel Modello

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir

Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir N. 11 del 23.03.2012 I Focus A cura di Ennio Vial e Gioacchino De Pasquale Le regole di deducibilità degli interessi passivi in base all articolo 96 del Tuir Lo scopo del presente lavoro è illustrare la

Dettagli

Relazione tecnica alla Legge di stabilità 2015 - Legge 23 dicembre 2014, n. 190

Relazione tecnica alla Legge di stabilità 2015 - Legge 23 dicembre 2014, n. 190 Relazione tecnica alla Legge di stabilità 2015 - Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (A.C. 2679-bis-B) Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2015).

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità

1 Introduzione. 2 Concetti e terminologia relativi all ammortamento. AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità AMMORTAMENTO E IMPOSTE SUI REDDITI - generalità 1 Introduzione La riscossione delle imposte è un attività che risale ai tempi antichi. Richiami al pagamento delle imposte si trovano anche nell Antico Testamento.

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornata al 28 febbraio 2015 PROGRAMMA POT Pianificazione Territoriale Operativa 2 Sommario

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli