Il Fondo di Garanzia Vittime della Strada: problematiche e applicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Fondo di Garanzia Vittime della Strada: problematiche e applicazioni"

Transcript

1 Il Fondo di Garanzia Vittime della Strada: problematiche e applicazioni Intervento del dr. Marco Frola Pescara 29 aprile 2010 Il mio intervento odierno riguarda un argomento molto più complesso di quello che comunemente si crede. Infatti l attività relativa alla gestione dei sinistri del Fondo di Garanzia, come vedremo, presenta regole molto articolate, normative profondamente evolute nel corso degli anni ed una complessa macchina organizzativa con numerosi e diversi attori. Cercherò in particolare di approfondire lo sviluppo normativo che sta alla base dell istituto, e successivamente di chiarire meglio la natura giuridica e i ruoli degli attori del processo. Più a grandi linee citerò le diverse tipologie dei sinistri che riguardano l operato del Fondo di Garanzia, in particolare nel loro sviluppo storico, per concludere con un approfondimento sugli obblighi delle imprese designate e la convenzione tra esse e la CONSAP. LE NORME Parlare di Fondo di Garanzia significa essenzialmente parlare di assicurazione obbligatoria. Il Fondo di Garanzia Vittime della Strada, non solo quello italiano ma anche quello degli altri paesi, nasce nel momento in cui viene, per legge, istituito 1

2 l obbligo di assicurare il proprio veicolo per la circolazione. Come è noto, in Italia, ciò avvenne con la legge 24/12/1969 n Nasce la necessità di creare tale istituto perché un sistema di assicurazione obbligatoria avrebbe lasciato senza tutela i danneggiati nei sinistri in cui non vi fosse un contratto di assicurazione a coprire la responsabilità del conducente oppure non fosse identificabile un veicolo responsabile. Proprio al tal fine già la Convenzione Europea di Strasburgo sulla assicurazione obbligatoria, sottoscritta nel 1959 da numerosi paesi, conteneva un insieme di principi fondamentali a cui i paesi aderenti avrebbero dovuto attenersi nel disciplinare la materia e prevedeva proprio l istituzione di un Fondo di garanzia per il caso in cui i responsabili dei sinistri fossero rimasti sconosciuti o non assicurati. Il legislatore italiano, alcuni anni dopo, recepì nella legge 990 gran parte di quanto contenuto nella Convenzione di Strasburgo. Sul punto, al capo III della legge citata, rubricato come Del risarcimento del danno, all articolo 19 e seguenti, disciplinò le tre iniziali fattispecie legittimanti l intervento del Fondo di Garanzia. Come è noto tali iniziali fattispecie, riprese poi anche nella legislazione successiva, riguardano i seguenti casi: sinistro cagionato dal veicolo o natante non identificato o sconosciuto (caso a), sinistri cagionato da veicolo o natante non assicurato (caso b), sinistro relativo a veicolo o natante che facesse parte del portafoglio italiano presso un impresa che al momento del sinistro si trovi in stato di liquidazione coatta o vi venga posta successivamente (caso c). 2

3 Quest ultima ipotesi rappresenta un eccezione nel panorama legislativo degli altri paesi europei, infatti è peculiarità della normativa italiana avere introdotto una tale fattispecie che negli altri paesi invece viene gestita secondo regole diverse. Ricordiamo che, nel nostro paese, la prima compagnia ad essere messa in liquidazione coatta fu la Compagnia Mediterranea, nel 1964, quindi ben prima dell introduzione dell assicurazione obbligatoria. Probabilmente il legislatore pensò che la messa in liquidazione di un impresa fosse un evento eccezionale e quindi pensò di inserire tale fattispecie nell ambito del Fondo di Garanzia. Vedremo più tardi che invece le decine di imprese liquidate, soprattutto negli anni 90, portarono la gestione del Fondo di Garanzia in grave difficoltà sia dal punto di vista organizzativo per la mole dei sinistri coinvolti sia dal punto di vista finanziario per gli esborsi non più sufficientemente coperti da quanto previsto dalla norma di legge. La legge 990 prevedeva poi alcuni articoli che disciplinavano la gestione del Fondo stesso e le diverse procedure organizzative dell istituto che vedremo più tardi anche nel loro sviluppo normativo successivo. Proseguiamo ora brevemente analizzando gli sviluppi legislativi che sono venuti nel corso degli anni. A partire dal 1969, la normativa del Fondo di Garanzia fu più volte rimaneggiata anche a seguito dell intervento della Corte Costituzionale. Le modifiche sono state profonde e tutte tese ad una maggiore tutela dei danneggiati con un progressivo ampliamente delle ipotesi di operatività di intervento. 3

4 Infine vanno citati gli altri due importanti interventi legislativi più recenti: la promulgazione del Codice delle Assicurazioni Private (D. Lgs. 7 settembre 2005, n. 209) che ha sostanzialmente recepito la normativa della legge 990, introducendo però una quarta ipotesi di operatività del Fondo e cioè il sinistro cagionato da veicolo circolante contro la volontà del proprietario (caso d) e l ancor più recente Decreto Legislativo 6 novembre 2007 n. 198 che ha recepito la normativa europea del cosiddetta V direttiva auto. Tale normativa ha introdotto due nuove fattispecie di sinistro per i quali è previsto l intervento del Fondo di Garanzia, pur trattandosi di ipotesi piuttosto marginali. Esse sono: -il sinistro causato da un veicolo privo di assicurazione che sia stato spedito da altro stato membro dell Unione, qualora la spedizione sia stata accettata e il sinistro avvenga entro 30 giorni successivi all accettazione (caso d bis) -il sinistro causato da veicolo estero con targa falsa o illegale (caso d ter). Quest ultima legge ha poi anche parzialmente modificato in parte la disciplina dei casi non assicurato e non identificato, modifiche che vedremo sinteticamente dopo. LA NATURA GIURIDICA E GLI ATTORI DEL PROCESSO Per esaminare in concreto come opera il Fondo di Garanzia bisogna ancora una volta partire dalle legge 990. Come dicevo prima, infatti, il Codice delle Assicurazioni ha, nel suo inquadramento generale, sostanzialmente recepito la precedente normativa che, comunque nel corso degli anni, era già stata ampiamente rivista e interpretata dalla giurisprudenza e dalla dottrina. 4

5 Sin dalla sua introduzione nella normativa italiana, il Fondo di Garanzia diede adito a svariate discussioni sulla sua natura giuridica, discussioni che alla fine giunsero a classificarlo come istituto atipico, non riconducibile a nessuna categoria particolare proprio per la sua natura mista, pubblica e privata e per la presenza di altri protagonisti come le imprese designate e i commissari liquidatori. Nella sostanza il sistema ancora oggi è rimasto lo stesso: il Fondo di Garanzia è un ente privo di soggettività giuridica dotato però di un proprio patrimonio, viene gestito tramite un consiglio di amministrazione dalla CONSAP, ente di cui diremo qualcosa tra breve, coadiuvato da un apposito comitato del quale fanno parte rappresentanti dei Ministeri, della CONSAP stessa, delle Imprese di Assicurazione, dei consumatori, e sotto la vigilanza del Ministero delle Attività Produttive. In origine l ente a cui la legge 990 diede la responsabilità della gestione del Fondo fu l INA, l istituto assicurativo pubblico, nel cui ambito fu costituito appunto un settore apposito con il compito di gestire il Fondo di Garanzia. Come è noto l INA fu privatizzata nel corso degli anni 90 e, ovviamente, tale trasformazione rese inconciliabile la presenza della gestione del Fondo di Garanzia, funzione di rilievo pubblicistico, con le attività privatistiche e imprenditoriali dell azienda. Nel corso del 1993 fu pertanto operata una scissione da cui è nata la CONSAP spa (Concessionaria Servizi Pubblici Assicurativi) a sua volta subentrata nella gestione del Fondo di Garanzia. La CONSAP, il cui capitale è interamente detenuto dal Ministero dell Economia, ha poi assunto altri importanti ruoli di rappresentanza e gestione in ambito assicurativo, 5

6 ricordiamo quello di Organismo di Indennizzo per quanto riguarda i sinistri transfrontalieri previsti dalla IV direttiva europea, quello di gestione della stanza di compensazione della Convenzione CARD in ambito risarcimento diretto, oltre ad alcuni altri Fondi di Garanzia. Dal punto di vista finanziario il Fondo di Garanzia Vittime della Strada è alimentato dai contributi obbligatori posti a carico delle imprese che esercitano il ramo RC auto e quindi indirettamente è a carico del mercato stesso. Oggi tale contributo è pari al 2,5% del premio di assicurazione RC auto ma, nel corso degli anni, tale percentuale ha subito varie modifiche a seconda della situazione di equilibrio economico che l ente si è trovato a gestire. Per quanto riguarda la vera e propria liquidazione dei danni il sistema si basa sul ruolo chiave delle Imprese Designate. L art. 283 del Codice delle Assicurazioni riprende infatti l art. 20 della legge 990, stabilendo che la liquidazione dei danni debba essere effettuata da un impresa designata dall ISVAP, secondo un apposito regolamento emesso dal Ministero delle Attività Produttive e secondo una ripartizione regionale in base al luogo di accadimento del sinistro. In origine era l INA stessa che effettuava tale designazione, incombenza poi passata alla CONSAP. Il nuovo codice ha stabilito che la designazione avvenga su nomina dell ISVAP con l obiettivo di una maggiore trasparenza. La designazione avviene per un periodo di tre anni (quella in vigore è relativa al provvedimento ISVAP n del 28/12/2006) e, sostanzialmente, ripropone di volta in volta le stesse imprese (tranne alcuni casi di modifiche avvenute su diretta richiesta delle compagnie imprese stesse), le quali sono comunque tenute a liquidare i sinistri 6

7 avvenuti anche successivamente alla scadenza del periodo, sino alla data indicata dal nuovo provvedimento. Il Fondo di Garanzia, tramite la CONSAP, rimborsa le somme pagate dalle imprese designate comprensive delle spese e degli oneri di gestione e al netto degli eventuali recuperi avvenuti per tramite del diritto di regresso e surroga, ex art. 292 codice delle assicurazioni (art. 29 legge 990), attraverso un meccanismo previsto dall apposita convenzione. Nel caso in cui non si sia trovato accordo sull importo da risarcire il danneggiato avrà azione diretta nei confronti dell impresa designata la quale assumerà la legittimazione passiva nel giudizio. Vorrei concludere questa parte con una breve accenno alla lunga ed annosa disputa sulla natura delle prestazioni del Fondo di Garanzia. Sin dalla promulgazione della legge 990 infatti si sono scontrate le tesi di chi vedeva nelle prestazioni del Fondo una natura indennitaria e chi invece ne vedeva una natura essenzialmente risarcitoria. Non si tratta di una mera disputa nominalistica ma riguarda direttamente l ampiezza della prestazione. Chi ha sostenuto la natura indennitaria della prestazione, basandosi sul fatto che il Fondo avrebbe solo una finalità solidaristica, sociale e assistenziale e che non essendoci un pagamento di premio, si sarebbe fuori dello schema negoziale assicurativo, avrebbe portato come conseguenza il risarcimento dei soli danni patrimoniali, con una conseguente ampia limitazione della copertura economica dell intervento. 7

8 La tesi maggioritaria ha invece parlato di natura risarcitoria del Fondo di Garanzia, ciò pare più coerente con il testo letterale della norma e soprattutto con il fatto che l intervento del Fondo avviene con modalità tipiche dell assicuratore e cioè con una istruttoria del danno con accertamento della responsabilità, e il pagamento del premio poi in realtà è sostituito dalla percentuale sul premio RC Auto che ricade su tutto il mercato, su tutti coloro che potenzialmente possono trovarsi nelle condizioni di provocare sinistri previsti dalla normativa. Dunque natura essenzialmente risarcitoria, con conseguente allargamento del risarcimento anche ai danni non patrimoniali, tutto ciò anche se, nel nuovo codice, la procedura è stata inserita nel capo Sistemi di indennizzo ma questo fa parte delle tanta imprecisioni di cui la nuova legge è infarcita. LE PREVISIONI DI INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA IL CASO A: IL SINISTRO CAGIONATO DA VEICOLO O NATANTE NON IDENTIFICATO La prima ipotesi di intervento prevista dalla legge riguarda il caso di risarcimento del soggetto che assume di avere riportato un danno a seguito di un evento derivante dalla circolazione stradale e attribuibile alla responsabilità di uno sconosciuto. Il legislatore sin dall inizio, e ciò è testimoniato anche dai lavori preparatori della legge 990, fu preoccupato del fatto che tale forma di risarcimento fosse occasione di facili frodi e speculazioni a danno della collettività e perciò nella primitiva formulazione previde notevoli limiti di accesso alla procedura in questione. In particolare l art. 19 della legge 990 prevedeva espressamente che, nelle ipotesi dei casi A e B (sinistri da non identificato e da non assicurato), il risarcimento fosse dovuto solo per i danni a persona. 8

9 Le limitazioni per i danni da non identificato furono ulteriormente incrementate dalla presenza di franchigie personali al di sotto delle quali nessun sinistro poteva essere risarcito. L art 21 legge 990 stabiliva che il risarcimento fosse previsto solo se dal sinistro era derivata la morte del danneggiato o una inabilità temporanea di oltre 90 gg o una inabilità permanente superiore al 20%. Furono anni di incertezze interpretative notevoli anche perchè taluni Tribunali stabilirono che fosse necessaria la presenza di entrambe le condizioni e cioè sia una lesione con una invalidità permanente superiore al 20% sia una inabilità superiore ai 90 giorni, con la conseguente esclusione di un numero notevolissimo di richieste. Questo primo dubbio fu sanato dalla legge 39 del 1977 (la cosiddetta mini-riforma dell Rc auto) che modificò l art. 21 e sancì che il risarcimento doveva avvenire per intero anche alla presenza di una sola delle due ipotesi. La limitazione sul punto relativo alla gravità della lesione durò sino alla entrata in vigore della legge 20 del 9 gennaio 1991, la quale stabili che il danno da non identificato fosse risarcito, nei limiti del massimale minimo di legge, indipendentemente dalla sua gravità. La limitazione ai soli danni fisici, infine, è stata ancora parzialmente attenuata con il Decreto Legislativo 6 novembre 2007 n. 198, attuativo della V Direttiva Europea Auto, la quale ha introdotto, per i sinistri causati da veicoli non identificati, il risarcimento anche dei danni alle cose, con franchigia di 500 euro, qualora nel sinistro si siano verificati gravi danni alla persona. 9

10 Ovviamente si è cercato subito di dare una interpretazione a cosa siano gravi danni alla persona e si ritiene che possano essere quelli disciplinati dall art. 138 del codice delle assicurazioni e cioè le lesioni superiori al 10 % di invalidità permanente. Un breve accenno a parte merita la questione dei massimali previsti per tali tipologie di sinistri. Anche qui siamo in presenza di una significativa evoluzione legislativa poiché, inizialmente, sempre nell ottica di limitare il più possibile il ricorso al risarcimento per questi casi al fine di prevenire eventuali abusi, il testo originale dell art 21 legge 990 prevedeva, per questa tipologia di sinistri, un massimale di 15 mln di lire a persona, con un ulteriore limite di 25 mln per sinistro. Ciò in contrasto con i sinistri da non assicurato e per quelli da impresa posta in liquidazione coatta il cui massimale sin da subito fu quello minimo di legge al momento del sinistro. Inoltre la normativa iniziale non prevedeva nemmeno un adeguamento alla dinamica del costo della vita, per cui si assistette ad un progressivo vanificarsi della capacità risarcitoria dell istituto. Dopo alcune incertezze giurisprudenziali, la Corte Costituzionale con sentenza 560 del 1987 ritenne illegittima la norma laddove non prevedeva meccanismi di adeguamento al costo della vita. Seguirono alcuni anni di dibattito ed infine il legislatore finì col cambiare decisamente la norma e, con la già citata legge 9 gennaio 1991 n. 20 che ha abolito le franchigie sul danno a persona, ha previsto anche che il massimale applicabile fosse quello minimo di legge come per le altre tipologie di danno, facendo qui riferimento a quello previsto per la categoria degli autoveicoli. 10

11 Pertanto oggi dopo tutti gli interventi citati, i danni provocati da veicolo non identificato sono risarcibili in toto per quanto riguarda i danni a persona, nell ambito del massimale minimo di legge, che attualmente è di 2,5 milioni di euro e che sarà ancora elevato per effetto della V direttiva, mentre per i danni a cose andrà di volta in volta verificato se sussistano anche gravi danni a persona per valutare se siano o meno risarcibili. Terminato, se così si può dire l iter di ampliamento di tali danni resta il problema della loro risarcibilità, per quanto riguarda la prova dell esistenza e della responsabilità del veicolo non identificato. Come potete intuire si tratta di un tema delicato e complesso, che tocca direttamente l attività delle imprese designate le quali, in forza di legge, gestiscono denaro della collettività per un fine che è risarcitorio ma anche sociale e a tutela di soggetti cosiddetti deboli. E evidente che l INA prima e la CONSAP poi abbiamo dettato norme di comportamento precise e cogenti soprattutto per evitare frodi e per non costringere le imprese designate ad interpretazioni troppo autonome. Per quanto riguarda l operato delle imprese designate dunque, sulla valutazione delle prove portate dai danneggiati, il margine di discrezionalità è limitato per effetto delle rigorose precisazioni fornite dalla CONSAP ma anche a seguito di numerose e concordanti sentenze in proposito. Pertanto il danneggiato dovrà: -dimostrare che i sinistro sia stato causato da un veicolo o un natante non identificato e che tale veicolo era soggetto all assicurazione obbligatoria 11

12 -dimostrare il nesso di causalità tra il sinistro e i danni subiti -dimostrare la responsabilità del non identificato nella causazione dell evento Sul primo punto va precisato che è necessario che il danneggiato non sia stato in grado di rilevare la targa del veicolo investitore poiché fuggito, oppure perché non in grado a causa delle sue condizioni psico-fisiche e non, per esempio, che non si sia curato di prendere nota dei dati o abbia allontanato il conducente del mezzo. Sul secondo punto è necessario dimostrare che il danno sia conseguenza di una manovra illecita del conducente del veicolo non identificato. Si tratta del punto che genera più problemi a livello di trattazione. Infatti sono numerosi i casi di richiesta danni per sinistri provocati ad esempio da macchie d olio e pezzi di veicolo lasciati sulla strada. Ricordiamo che per esserci diritto al risarcimento il danno deve essere conseguenza della circolazione pertanto andrà verificato approfonditamente attraverso testimonianze e rilevazioni se, continuando l esempio fatto, il pezzo di veicolo o la macchia d olio siano stati lasciati da un mezzo in transito e non in altro modo. Un tema molto dibattuto è quello dell abbagliamento, numerose anche in questo caso le richieste di danni per un sinistro che, a detta del danneggiato, sia stato provocato dall abbagliamento prodotto da veicolo proveniente in senso contrario e poi allontanatosi. Sul punto la posizione delle CONSAP e di conseguenza delle imprese designate è stata improntata sempre ad un fermo diniego. Infine andrà provata anche la colpa del conducente non identificato secondo le normali regole previste dal codice civile. L impresa designata risponderà anche per 12

13 concorso di colpa del non identificato e, in caso di presenza di più veicoli in virtù del principio di solidarietà passiva il danneggiato, potrà agire anche contro uno solo dei corresponsabili, conducente non identificato compreso, salvo esserci le relative rivalse tra impresa designata e compagnia del corresponsabile. Stante così il regime della prova è evidente che assumono una particolare importanza le dichiarazioni testimoniali che, spesso, sono l unica fonte di prova per i danneggiati per questo tipo di danno. Qui si è assistito ad una evoluzione notevole da parte della CONSAP sulle modalità di raccolta di tali testimonianza. E evidente che se vengono reperite nell immediatezza del sinistro, dall autorità intervenuta, non vi è nessun problema a ritenerle attendibile, se invece vengono alla luce più tardi o senza che l autorità sia presente i problemi aumentano. Nel passato la CONSAP fu molto rigorosa nel richiedere una dichiarazione giurata di fronte al Pretore o al Giudice di Pace oppure l assunzione di testi a futura memoria, secondo quanto disposto dall art. 692 cpc. Oggi, anche a causa della scarsa disponibilità dei Giudici di Pace a fornire l assistenza dovuta, si è data maggiore discrezionalità alle imprese designate. In sostanza andrà valutata in concreto l attendibilità del teste, anche in relazione alla tempistica del suo intervento, alla coerenza delle dichiarazioni rispetto a eventuali verbali di Autorità e alla dinamica dell evento. La CONSAP oggi raccomanda di valutare l inequivocabilità delle dichiarazioni, rispetto all evento e alle sue conseguenze. 13

14 E chiaro poi che in caso non sufficiente attendibilità della testimonianza, l impresa designata dovrà sempre negare il risarcimento e nella successiva eventuale vertenza sarà compito del Giudice competente valutarne la portata. IL CASO B - SINISTRO CAUSATO DA VEICOLO O NATANTE SOGGETTO ALL OBBLIGO ASSICURATIVO MA NON ASSICURATO Per quanto riguarda la seconda tipologia di sinistri per i quali è prevista l operatività del Fondo di Garanzia, va inizialmente detto che oggi si tratta sicuramente della fattispecie più diffusa. Il forte aumento dei premi, connesso ad un maggior rigore nell applicazione del bonus malus ed una generale maggiore propensione all elusione del pagamento dei premi stessi, hanno prodotto un vertiginoso aumento del numero delle richieste danni. Per quanto riguarda l evoluzione legislativa dell istituto, anche per questa fattispecie, originariamente, l art. 19 della legge 990, limitò il risarcimento ai soli danni a persona. L art 31 della legge n. 142, del 19 febbraio 1992, sostituì però in toto il citato articolo della legge 990 e, per l ipotesi in questione, dettò che il risarcimento fosse dovuto per i danni a persona nonché per i danni alle cose, il cui ammontare fosse superiore al controvalore in lire di 500 unità di conto europee. Ovviamente con l introduzione dell euro la franchigia divenne pari a 500 euro e così fu sino all autunno scorso, quando il recepimento nella normativa italiana della cosiddetta V Direttiva Auto, attraverso il Decreto Legislativo 6 novembre 2007 n. 198, ha definitivamente abolito anche tale franchigia. 14

15 Oggi pertanto sono risarcibili, per questa tipologia di sinistri, tutti i danni alle cose e alle persone senza alcuna limitazione di valore o di gravità. Per quanto riguarda i massimali, come già ricordato precedentemente, per i sinistri da veicolo non assicurato da sempre furono applicati quelli minimi di legge al momento del sinistro, con la peculiarità però di fare riferimento a quelli relativi alla categoria del veicolo cui appartiene il mezzo che ha causato il danno, a differenza del danno da non identificato per il quale si fa riferimento ai massimali degli autoveicoli. Presupposto fondamentale per l intervento del Fondo di Garanzia nel caso di cui parliamo è il superamento della prova in merito all effettiva scopertura assicurativa del danneggiante. Occorrerà provare, dunque, che quel veicolo o natante, pur soggetto ad assicurazione obbligatoria, fosse scoperto da relativa garanzia assicurativa o perché il contratto assicurativo non fu mai stipulato oppure perché il premio, giunto al suo naturale periodo di scadenza, non fu corrisposto regolarmente. Anche qui in caso di verbale dell autorità che accerti tale scopertura, con conseguente presenza della relativa contravvenzione, non vi è alcun problema al superamento della prova sul punto. Qualora invece in seguito all invio di richiesta danni presso un impresa che dichiari la scopertura di premio o la non presenza della targa tra quelle relative ai veicoli assicurato, nasce il problema per il danneggiato di provare l effettiva scopertura del mezzo che potrebbe essere assicurato con altra impresa. Dopo anni di discussioni, anche accese, sulla portata delle diverse dichiarazioni oggi con la creazione della Banca Dati SIC, che tra l altro è quella utilizzata anche per la 15

16 Convezione CARD sul risarcimento diretto, la CONSAP ha ritenuto valida la dichiarazione emessa da tale archivio, dichiarazione che accerti, al momento del sinistro, che il veicolo in questione non risultasse assicurato presso alcuna compagnia. In sostanza sarà onere del danneggiato accedere alla Banca Dati e richiedere la verifica della copertura per la targa del veicolo responsabile e inviare all impresa designata tale risposta. Si sono poi susseguite svariate discussioni e decisioni in merito alla scadenza del premio, alla sua riattivazione e alla difficile situazione ma non infrequente di contrassegno e certificato consegnati all assicurato senza che questi abbia pagato il premio. Per quest ultimo caso la giurisprudenza è costante nello stabilire che l assicuratore non possa opporre al terzo la scopertura, facendo fede la documentazione consegnata ed esposta sul veicolo. Ovviamente sulla portata della copertura la discussione tra le imprese designate e la CONSAP è stata costante e si è evoluta, soprattutto negli ultimi tempi nel senso di privilegiare comunque il risarcimento al danneggiato per lasciare poi alle imprese designate (che peraltro sono anch esse compagnie di assicurazione) l onere di verificare la presenza di una eventuale copertura, con conseguente rivalsa sull impresa che la fornisce. Per quanto riguarda il caso in questione con il pagamento della transazione non si esaurisce l iter della pratica, la legge attuale, infatti, all art. 292 Codice delle Assicurazioni, che ha ripreso l art. 29 della legge 990, da al Fondo di Garanzia e di 16

17 conseguenza all impresa designata, azione di regresso nei confronti del responsabile per il recupero di quanto pagato oltre agli interessi e alle spese. In pratica l impresa designata, sin dall avvio dell iter della pratica, invierà una raccomandata AR al responsabile per informarlo di aver ricevuto una richiesta di danni per un sinistro da lui provocato e che, qualora avvenga il pagamento di un risarcimento, procederà ad esperire rivalsa nei suoi confronti per il recupero di tutte le somme pagate, oltre ad interessi e spese. Successivamente andranno avviati accertamenti sulla solvibilità del soggetto e, al termine dell iter liquidativo, inviata una nuova raccomandata con la quale si indica al responsabile la somma precisa da rimborsare e la minaccia di adire le vie legali in caso di mancato pagamento. C è da dire che in questo caso è poi compito della CONSAP valutare gli accertamenti che l impresa designata ha effettuato e indicare alla stessa se proseguire nell attività di recupero oppure archiviare la posizione per non aggravarla di ulteriori spese. In caso di causa in corso, anche se la transazione avviene nel corso della stessa, è buona cosa per l impresa designata procedere ugualmente sino alla sentenza nei confronti del responsabile per precostituirsi un titolo esecutivo da opporre allo stesso senza dover avviare una ulteriore procedura giudiziale. Facendo un rapido accenno pratico va detto che le somme recuperate sono sempre state molto ridotte, dobbiamo dire purtroppo, trattandosi di soldi della collettività. Recentemente le imprese designate hanno avviato comunque su sollecitazione della CONSAP, anche con la collaborazione di consulenti specializzati, procedure di recupero più efficienti, con un conseguente aumento delle somme incamerate. 17

18 IL CASO C - SINISTRI CAUSATI DA VEICOLI ASSICURATI PRESSO COMPAGNIE IN LIQUIDAZIONE COATTA Come ho accennato precedentemente il caso c della legge e cioè quello relativo ai sinistri causati da veicoli assicurati presso compagnie in liquidazione coatta, oltre ad essere una peculiarità solo italiana, rappresenta certamente la casistica più complessa ed articolata tra quelle che esaminiamo oggi. Basti pensare che negli altri casi gli interlocutori sono sostanzialmente gli stessi di un normale sinistro mentre, nel caso in questione, si deve tenere conto anche della presenza delle Liquidazioni Coatte stesse e dei loro Commissari Liquidatori, presenza da cui derivano spesso problematiche di non chiara interpretazione o soluzione che ingarbugliano una già non lineare gestione delle vertenze. Due parole sul fenomeno delle liquidazioni coatte. Si tratta di un fenomeno estremamente peculiare della realtà italiana che ha avuto il suo apice negli anni 80 e 90. In quel periodo furono decine le imprese poste in liquidazione che esercitavano l RC auto, è facile quindi capire che il fenomeno assunse, in quegli anni, una problematica che andò ben oltre la semplice complessità delle norme, che peraltro esisteva ed esiste, per coinvolgere direttamente tutti gli attori del mercato assicurativo italiano. Basta ricordare il caso della Tirrena assicurazioni, la più grossa impresa posta in liquidazione in Italia e quello, anche molto preoccupante, delle imprese straniere operanti in regime di libertà di servizi come, ad esempio, per la greca Themis, che ebbe risvolti anche di ordine pubblico. 18

19 Dopo anni nei quali, per fortuna, il fenomeno è stato praticamente azzerato, e ciò sicuramente a causa di un maggior rigore nei controlli preventivi delle autorità di vigilanza e nella concessione della autorizzazione ad operare ed anche perché i casi di difficoltà delle imprese sono stati risolti in altro modo, ad esempio, con l acquisto delle compagnie da parte di gruppi più grandi e solidi, il 29 marzo di quest anno con Decreto Ministeriale è stata posta il LCA una impresa di ragguardevoli dimensioni la Progress Assicurazioni con sede in Palermo. Siamo ancora in attesa di conoscere nel dettaglio la procedura che gestirà tali sinistri anche perché si tratta della prima messa in liquidazione di una impresa dopo l entrata in vigore del Codice delle Assicurazioni e soprattutto dopo la nascita del risarcimento diretto. Vediamo comunque la legge e la sua evoluzione. Si tratta di un iter complesso che cercheremo si semplificare al massimo. La legge 990 prevedeva inizialmente, agli art. 19 e 20, che l intera gestione e liquidazione dei sinistri di imprese poste in liquidazione anche prima dell entrata in vigore della 990, fosse di competenza delle imprese designate e così fu per i primi casi avvenuti in quegli anni. (ricordiamo i nomi delle imprese: Centrale, Columbia e Secura) Tutto cambiò con la legge 39/77, la cosiddetta mini riforma dell RC auto, che intervenne anche in parte sul processo di liquidazione dei sinistri, possiamo dire che intervenne provvidenzialmente in quanto le imprese designate non sarebbero sicuramente state in grado di gestire direttamente la mole di sinistri prodotta dalle numerose compagnie poste in liquidazione negli anni successivi. L art. 9 di tale legge stabilì infatti che il Commissario Liquidatore potesse essere autorizzato a gestire i sinistri accaduti prima della messa in liquidazione e quelli 19

20 successivi, sino al termine previsto dalla validità del contratto o dal pagamento del premio. I Commissari, mediante apposito decreto, vennero pertanto per le imprese successivamente messe in liquidazione, autorizzati a gestire i sinistri, mentre alle imprese designate fu dato l obbligo di fornire, sempre su base regionale a seconda della sede legale dell impresa posta in liquidazione, al Commissario Liquidatore la cosiddetta assistenza tecnica. In pratica i Commissari Liquidatori presero ad operare come le imprese designate nell ambito dei sinistri di loro competenza, rivalendosi poi sul Fondo di Garanzia per quanto pagato. Ciò fu stabilito per quanto riguarda la fase stragiudiziale della vertenza, infatti per quanto riguarda quella giudiziale, continuò a trovare piena applicazione la norma dell art. 19 della 990, che prevedeva che l azione dovesse essere proposta nei confronti dell impresa designata. Da ciò potrete capire la difficoltà di un sistema di tal genere, anche perché l impresa designata, sino alla notifica dell atto di citazione, nulla sapeva del sinistro né possedeva il fascicolo. Il trasferimento dello stesso rappresentava poi un problema grave per strutture come quella dei Commissari, spesso ridotte ai minimi termini, con la sede della designata talvolta molto distante. La prassi fu quindi quella di lasciare ai Commissari anche la gestione delle cause e procedere esclusivamente al pagamento delle sentenze, anche qualora fosse stata dichiarata la contumacia della designata. 20

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI per il RISARCIMENTO DIRETTO in attuazione dell art.13 del Decreto del Presidente della Repubblica del 18 luglio 2006, n. 254 Ed. 240107 1 Definizioni Agli effetti della

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

AUTOSYSTEM PIÙ. Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni

AUTOSYSTEM PIÙ. Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni AUTOSYSTEM PIÙ Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni Contratto di assicurazione di Tutela Legale per la copertura dei rischi di assistenza stragiudiziale e giudiziale

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI per il RISARCIMENTO DIRETTO in attuazione dell art.13 del Decreto del Presidente della Repubblica del 18 luglio 2006, n. 254 Ed. 2013 1 INDICE PARTE PRIMA CARD DIRITTI

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Contratto di assicurazione per autovetture

Contratto di assicurazione per autovetture Contratto di assicurazione per autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario, le Condizioni di Assicurazione e, dove prevista, la Proposta, deve

Dettagli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli La Compagnia di assicurazione diretta del INDICE Servizio Assistenza Clienti Servizio Sinistri +390306762100 Per chiamate dall estero

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Fascicolo Informativo edizione 01.04.2015. Modello: AZ FI000 VEIC RCAARD AFOARD 01042015 0019. Il presente Fascicolo Informativo, contenente:

Fascicolo Informativo edizione 01.04.2015. Modello: AZ FI000 VEIC RCAARD AFOARD 01042015 0019. Il presente Fascicolo Informativo, contenente: CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE AUTO E CORPI VEICOLI TERRESTRI Autocarri Camper - Autocase - Motocarri - Targhe Prova Autobus Filobus Macchine Operatrici e carrelli Macchine Agricole

Dettagli

AUTO CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTOVETTURE. Genertel S.p.A.

AUTO CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTOVETTURE. Genertel S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTOVETTURE Genertel S.p.A. AUTO Il presente Fascicolo informativo, contenente la Nota Informativa e le Condizioni di Assicurazione, deve essere consegnato

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

IN AUTO PIÙ NEW Autocarri e altri veicoli da lavoro

IN AUTO PIÙ NEW Autocarri e altri veicoli da lavoro Arca Assicurazioni S.p.A. Contratto di assicurazione di responsabilità civile per la circolazione di veicoli a motore (R.C.A.) e per i danni al veicolo IN AUTO PIÙ NEW Autocarri e altri veicoli da lavoro

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Polizza Auto Fascicolo informativo Contratto di Assicurazione per Autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Capitolo 2 L intervento dello Stato e la vigilanza nel settore assicurativo

Capitolo 2 L intervento dello Stato e la vigilanza nel settore assicurativo Edizioni Simone - Vol. 24/1 Compendio di diritto delle Assicurazioni Capitolo 2 L intervento dello Stato e la vigilanza nel settore assicurativo Sommario 1. Introduzione. - 2. L intervento diretto dello

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Guida pratica alle Assicurazioni

Guida pratica alle Assicurazioni Guida pratica alle Assicurazioni Le regole delle Assicurazioni R.C. Auto, Vita, Previdenziali e Malattia spiegate dall Autorità di vigilanza del settore Sommario Che cosa è l ISVAP 5 Assicurazioni R.C.

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ALTRI VEICOLI

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ALTRI VEICOLI CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ALTRI VEICOLI Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa, comprensiva del Glossario e le Condizioni di assicurazione deve essere consegnato

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO RECANTE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ISVAP N. 24 DEL 19 MAGGIO 2008 CONCERNENTE LA PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DEI RECLAMI ALL ISVAP E LA GESTIONE DEI RECLAMI

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Genertel S.p.A. Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa.

Genertel S.p.A. Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DI ALTRI VEICOLI Genertel S.p.A. G l S A ALTRI ALTRI VEICOLI Il presente Fascicolo informativo, contenente la Nota Informativa e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI Il presente fascicolo informativo contenente: a) Nota Informativa, comprensiva del glossario; b) Condizioni di assicurazione Deve essere consegnato al contraente

Dettagli

Contratto di Assicurazione per la Responsabilità Civile Autoveicoli terrestri ed altre garanzie. Modello S09052A/KS Ed. 01.05.2015

Contratto di Assicurazione per la Responsabilità Civile Autoveicoli terrestri ed altre garanzie. Modello S09052A/KS Ed. 01.05.2015 Contratto di Assicurazione per la Responsabilità Civile Autoveicoli terrestri ed altre garanzie. Modello S09052A/KS Ed. 01.05.2015 IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE a) Nota Informativa comprensiva

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

GENERALI SEI IN AUTO

GENERALI SEI IN AUTO GENERALI SEI IN AUTO AUTOVETTURE Il presente Fascicolo informativo, contenente Nota informativa, comprensiva del Glossario Condizioni di Assicurazione deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

AUTOSYSTEM PIÙ DRIVERSYSTEM PIÙ MOTOSYSTEM PIÙ. Le polizze più complete per i tuoi veicoli. Condizioni di assicurazione. www.toroassicurazioni.

AUTOSYSTEM PIÙ DRIVERSYSTEM PIÙ MOTOSYSTEM PIÙ. Le polizze più complete per i tuoi veicoli. Condizioni di assicurazione. www.toroassicurazioni. AUTOSYSTEM PIÙ DRIVERSYSTEM PIÙ MOTOSYSTEM PIÙ Le polizze più complete per i tuoi veicoli Condizioni di assicurazione www.toroassicurazioni.it Indice Pagina AUTOSYSTEM PIÙ - DRIVERSYSTEM PIÙ - MOTOSYSTEM

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli