Calcolatori Elettronici. La memoria gerarchica La memoria virtuale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Calcolatori Elettronici. La memoria gerarchica La memoria virtuale"

Transcript

1 Calcolatori Elettronici La memoria gerarchica La memoria virtuale

2 Come usare la memoria secondaria oltre che per conservare permanentemente dati e programmi Idea Tenere parte del codice in mem princ e il resto in mem secondaria Trattare la mem principale come una cache per la mem secondaria Vantaggi Molti programmi contemporaneamente in esecuzione anche se la somma delle quantità di memoria che ognuno di essi richiede eccede le dimensioni della memoria principale un singolo programma può eccedere le dimensioni della memoria principale (tanto carico solo porzioni di esso) Meccanismi base memoria principale e memoria secondaria vengono scomposti in gruppi di parole detti pagine se non trovo una pagina in memoria principale ho una mancanza di pagina (page fault) e cercherò la pagina in memoria secondaria Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 2 L Tarantino - aa 2011/2012

3 Memoria virtuale - problematiche di base minimizzare i page fault perchè la penalizzazione è altissima!! Posizionamento della pagina sempre completamente associativa (gestita via software) Individuazione della pagina gestita via software Tecnica di sostituzione LRU o sue approssimazioni Strategia di scrittura sempre write-back Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 3 L Tarantino - aa 2011/2012

4 Un passo indietro Il programma eseguibile è prodotto dal linker che integra librerie e moduli oggetto prodotti dall assemblatore Il linker lavora come se avesse a sua disposizione l intera memoria virtuale Esempio se ho indirizzi da 32 bit posso indirizzare fino a 2 32 byte spazio di indirizzamento virtuale lo spazio di indirizzamento virtuale va considerato scomposto in pagine virtuali durante l esecuzione alcune pagine virtuali si trovano nella memoria principale (caricate in pagine fisiche) le altre si trovano nella memoria secondaria Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 4 L Tarantino - aa 2011/2012

5 Corrispondenze tra pagine virtuali e fisiche pagine fisiche Memoria principale Memoria virtuale di un programma Memoria secondaria DIM_PAG_VIRT = DIM_PAG_FIS in realtà le pagine virtuali risiedono sempre tutte in memsecondaria le pagine in mem principale sono un sottoinsieme di quelle in memoria secondaria Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 5 L Tarantino - aa 2011/2012

6 Trattamento dell indirizzo prosegue il parallelismo tra cache e memoria virtuale Se la memoria principale è divisa in blocchi l indirizzo viene diviso in due porzioni: lg 2 DIM_MEM_PRINC indirizzo del blocco MP lg 2 NBLK MP spiazzamento lg 2 DIM_BLK La memoria virtuale è divisa in pagine, quindi l indirizzo viene diviso in due porzioni: lg 2 DIM_MEM_VIRT indirizzo pagina virtuale lg 2 NPagVirt spiazzamento nella pagina lg 2 DIM_PAG Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 6 L Tarantino - aa 2011/2012

7 Indirizzo virtuale e indirizzo fisico (1) Quando si accede in memoria? durante le fasi di fetch o di accesso ai dati (lettura/scrittura) A quale parola si accede? a quella il cui indirizzo è nel PC (se fetch) o in AluOut (se accesso ai dati) l indirizzo di interesse è generato dalla CPU Come viene generato l indirizzo? in base alla evoluzione del processo, facendo riferimento allo spazio di indirizzamento virtuale (l unico conosciuto dal programma) la CPU genera indirizzi virtuali Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 7 L Tarantino - aa 2011/2012

8 Indirizzo virtuale e indirizzo fisico (2) la CPU genera indirizzi virtuali la memprinc vuole indirizzi fisici è necessario un processo di traduzione lg 2 NPagVirt lg 2 DIM_PAG indirizzo pagina virtuale spiazzamento nella pagina indirizzo virtuale Osservazione ind_pag_virt e ind_pag_fis in genere hanno dimensioni diverse??? indirizzo pagina fisica lg 2 NPagFis spiazzamento nella pagina lg 2 DIM_PAG indirizzo fisico Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 8 L Tarantino - aa 2011/2012

9 Posizionamento della pagina Politica completamente associativa se ci sono pagine fisiche libere si carica la pagina virtuale dove c è posto se non ci sono pagine libere entrano in gioco politiche di sostituzione l implementazione software permette di usare algoritmi sofisticati e strutture dati complesse per tenere traccia dell effettivo utilizzo delle pagine i miglioramenti ottenuti per il miss rate compensano il costo di tali algoritmi Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 9 L Tarantino - aa 2011/2012

10 Individuazione della pagina (1) La pagina cercata può essere ovunque Per ricordarci la collocazione delle pagine usiamo una tabella delle pagine Valid indirizzo di pagina fisica 1 pagina caricata in mem principale una riga per ogni pagina virtuale 0 pagina NON caricata in mem principale Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 10 L Tarantino - aa 2011/2012

11 Individuazione della pagina (2) lg 2 NPagVirt indirizzo pagina virtuale lg 2 DIM_PAG spiazzamento nella pagina indirizzo virtuale Valid indirizzo di pagina fisica hit/miss indirizzo pagina fisica lg 2 NPagFis spiazzamento nella pagina lg 2 DIM_PAG indirizzo fisico Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 11 L Tarantino - aa 2011/2012

12 La tabella delle pagine (1) ogni processo in esecuzione ne possiede una distinta le tabelle delle pagine risiedono in memoria bisogna individuare quella del processo attivo (il processo servito dalla CPU) il registro della tabella delle pagine contiene l indirizzo in memoria della tabella delle pagine del processo attivo Altre informazioni nella tabella (associate alla pagina) bit di uso (per la strategia di sostituzione LRU) bit di modifica (per la strategia di scrittura write back) Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 12 L Tarantino - aa 2011/2012

13 Esempio Determinare l occupazione di memoria della tabella se indirizzo virtuale 32 bit dim_pagina 4 KB dim_riga 4 byte DIM_TABELLA = NRIGHE * DIM_RIGA NRIGHE = NPAG_VIRT = DIM_MEM_VIRT / DIM_PAGINA NRIGHE = 2 32 Byte / 4 KByte = 2 32 / 2 12 = 2 20 DIM_TABELLA = 2 20 * 4 byte = 4 MB Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 13 L Tarantino - aa 2011/2012

14 Esercizio Determinare l occupazione di memoria della tabella se indirizzo virtuale 32 bit dim_pagina 16 KB dim_riga 4 byte DIM_TABELLA = NRIGHE * DIM_RIGA NRIGHE = NPAG_VIRT = DIM_MEM_VIRT / DIM_PAGINA NRIGHE = 2 32 Byte / 16 KByte = 2 32 / 2 14 = 2 18 DIM_TABELLA = 2 18 * 4 byte = 1 MB Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 14 L Tarantino - aa 2011/2012

15 La tabella delle pagine (2) lo spazio occupato dalla tabella delle pagine è elevato! Tecniche per ridurre l occupazione di memoria della tabella consentire alla tabella di crescere via via che il processo richiede più spazio (più pagine), aggiungendo nuove righe progettare strutture con una occupazione di memoria legata al numero di pagine in mem princ (minore del numero di pagine virtuali) TABELLA DELLE PAGINE INVERTITA paginare la tabella delle pagine Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 15 L Tarantino - aa 2011/2012

16 Gestione dei page fault quando il bit il validità vale 0 l esecuzione dell istruzione viene interrotta per caricare la pagina dalla memoria secondaria dove è collocata nel disco? deve esistere una seconda tabella che, per ogni pagina virtuale, dà l indirizzo della pagina su disco Osservazione il sistema operativo crea lo spazio su disco per tutte le pagine di un processo all atto della creazione del processo stesso quando il caricamento della pagina è completato si può riprendere l esecuzione dell istruzione Due possibilità: l istruzione viene rieseguita da capo (facile da implementare nella processore MIPS, lo stato non è cambiato, si erano effettuate solo letture dal banco e il calcolo dell indirizzo) l istruzione viene ripresa dal punto in cui è stata interrotta (in macchine con linguaggi più complessi, ma bisogna salvare e poi ripristinare lo stato complessivo) Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 16 L Tarantino - aa 2011/2012

17 Considerazioni sulle prestazioni Ogni accesso a memoria richiede un accesso alla tabella delle pagine La tabella delle pagine sta in memoria Gli accessi in memoria allora sono due : il primo per ricostruire l indirizzo fisico il secondo per accedere alla parola di interesse Località se in un istante di tempo T accedo ad una parola della pagina X c è un elevata probabilità che per un considerevole intervallo di tempo accederò sempre alla stessa pagina (anche considerando le dimensioni della pagina) perchè accedere ogni volta alla tabella delle pagine per recuperare sempre lo stesso indirizzo di pagina fisica? me lo scrivo da qualche parte (dove posso accedere velocemente) e lo recupero da lì finché rimango nella stessa pagina Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 17 L Tarantino - aa 2011/2012

18 Translation Lookaside Buffer (TLB) buffer di supporto alle traduzioni E una piccola cache dove riporto le coppie: ind_pag_virt ind_pag_fis relative alla pagine visitate più recentemente quando si richiede una pagina virtuale, il suo indirizzo viene cercato nel TLB: se c è, recupero dal TLB l indirizzo di pagina fisica senza accedere alla tabella delle pagine se non c è ho un fallimento nel TLB: accedo alla tabella delle pagine sostituisco una delle coppie del TLB con la nuova coppia Il TLB, per ogni pagina, contiene anche i bit di uso e di modifica, per non dover accedere alla tabella delle pagine in caso di loro aggiornamento quando una coppia viene eliminata dal TLB i relativi bit devono essere copiati nella tabella delle pagine Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 18 L Tarantino - aa 2011/2012

19 TLB e Cache coesistono vedi figura 524 pag 401 del libro di testo (seconda edizione : Figura 724, pag 417) Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 19 L Tarantino - aa 2011/2012

20 Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 20 L Tarantino - aa 2011/2012

21 Due casi reali Il libro di testo mostra il confronto tra la gerarchia di memoria dell AMD Opteron X4 e dell Intel Nehalem VEDERE paragrafo 510, pag, 432 Calcolatori Elettronici - La memoria virtuale (2) - Slide 21 L Tarantino - aa 2011/2012

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La memoria gerarchica L hard disk Introduzione alla memoria virtuale Scendiamo di un altro livello CPU Banco Cache Memoria principale Memoria secondaria Dimensioni < 1KB < 1 MB

Dettagli

Memoria Virtuale. Anche la memoria principale ha una dimensione limitata. memoria principale (memoria fisica) memoria secondaria (memoria virtuale)

Memoria Virtuale. Anche la memoria principale ha una dimensione limitata. memoria principale (memoria fisica) memoria secondaria (memoria virtuale) Memoria Virtuale Anche la memoria principale ha una dimensione limitata. Possiamo pensare di superare questo limite utilizzando memorie secondarie (essenzialmente dischi) e vedendo la memoria principale

Dettagli

memoria virtuale protezione

memoria virtuale protezione Memoria Virtuale Le memorie cache forniscono un accesso veloce ai blocchi di memoria usati più di recente La memoria virtuale fornisce un accesso veloce ai dati sulle memorie di massa usati più di recente.

Dettagli

La memoria virtuale. La gerarchia di memorie. Indirizzo fisico. Memoria virtuale. Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini

La memoria virtuale. La gerarchia di memorie. Indirizzo fisico. Memoria virtuale. Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini La memoria Architetture Avanzate dei Calcolatori Valeria Cardellini Nelle lezioni precedenti { Memoria La gerarchia di memorie Registri Istruzioni, operandi L Cache Blocchi L2 Cache Blocchi Memoria Pagine

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La Pipeline Superpipeline Pipeline superscalare Schedulazione dinamica della pipeline Processori reali: l architettura Intel e la pipeline dell AMD Opteron X4 Ricapitolando Con

Dettagli

Uniamo VM e CACHE. Physically addressed. Physically Addressed. Prestazioni. Ci sono varie alternative architetturali. Sono quelle piu semplici

Uniamo VM e CACHE. Physically addressed. Physically Addressed. Prestazioni. Ci sono varie alternative architetturali. Sono quelle piu semplici Uniamo VM e CACHE Physically addressed Ci sono varie alternative architetturali physically addressed virtually addressed virtually indexed Sono quelle piu semplici un dato puo essere in cache solo se e

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Gestione della memoria Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 Gestione della memoria 1. Si descriva il concetto di memoria virtuale (esame del 19-06-2006)

Dettagli

MEMORIA GERARCHIE DI MEMORIA

MEMORIA GERARCHIE DI MEMORIA MEMORIA GERARCHIE DI MEMORIA La memoria è divisa in più livelli che sono dal più vicino al più distante al CPU, per tempi di accesso: memoria cache, SRAM, capienza (MB), più veloce (decimi di ns), costosa

Dettagli

Capitolo 11 La memoria cache

Capitolo 11 La memoria cache Capitolo 11 La memoria cache Gerarchie di Memoria Dati sperimentali mostrano che i riferimenti alla memoria godono della proprietà di località spaziale e temporale. Località spaziale: tendenza a generare

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1 GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 Gestione della Memoria Background Spazio di indirizzi Swapping Allocazione Contigua Paginazione 6.2 Background Per essere eseguito un programma deve trovarsi (almeno

Dettagli

La memoria - generalità

La memoria - generalità Calcolatori Elettronici La memoria gerarchica Introduzione La memoria - generalità n Funzioni: Supporto alla CPU: deve fornire dati ed istruzioni il più rapidamente possibile Archiviazione: deve consentire

Dettagli

Strutture di Memoria 1

Strutture di Memoria 1 Architettura degli Elaboratori e Laboratorio 17 Maggio 2013 Classificazione delle memorie Funzionalitá: Sola lettura ROM, Read Only Memory, generalmente usata per contenere le routine di configurazione

Dettagli

La memoria centrale (RAM)

La memoria centrale (RAM) La memoria centrale (RAM) Mantiene al proprio interno i dati e le istruzioni dei programmi in esecuzione Memoria ad accesso casuale Tecnologia elettronica: Veloce ma volatile e costosa Due eccezioni R.O.M.

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi Ingegneria Elettronica e Informatica prof. Rocco Aversa. Raccolta prove scritte. Prova scritta

Corso di Sistemi Operativi Ingegneria Elettronica e Informatica prof. Rocco Aversa. Raccolta prove scritte. Prova scritta Corso di Sistemi Operativi Ingegneria Elettronica e Informatica prof. Rocco Aversa Raccolta prove scritte Realizzare una classe thread Processo che deve effettuare un numero fissato di letture da una memoria

Dettagli

Gestione della memoria centrale

Gestione della memoria centrale Gestione della memoria centrale Un programma per essere eseguito deve risiedere in memoria principale e lo stesso vale per i dati su cui esso opera In un sistema multitasking molti processi vengono eseguiti

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 11 Martedì 12-11-2013 1 Tecniche di allocazione mediante free list Generalmente,

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni LEZIONE 2 (HARDWARE) a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Tre concetti Fondamentali Algoritmo; Automa (o anche macchina); Calcolo; 2 Calcolatore MACCHINA

Dettagli

Gerarchia di memorie

Gerarchia di memorie Gerarchia di memorie Regole base dell'efficienza: - Rendere di massima velocità il caso comune - Piccolo significa (in generale) veloce Nei programmi vi è una significativa presenza di località spaziale

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/29

Dettagli

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio 1. Una macchina ha uno spazio degli indirizzi a 32 bit e una pagina di 8 KB. La tabella delle pagine è completamente nell hardware, con una parola a 32 bit per voce. Quando parte un processo, la tabella

Dettagli

AXO. Operativi. Architettura dei Calcolatori e Sistemi. memoria virtuale

AXO. Operativi. Architettura dei Calcolatori e Sistemi. memoria virtuale AXO Architettura dei Calcolatori e Sistemi Operativi memoria virtuale concetto di memoria virtuale Separare il concetto di: spazio di indirizzamento di un programma eseguibile e dimensione effettiva della

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Architettura dell elaboratore Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Sistema composto da un numero elevato di componenti, in cui ogni componente svolge una sua funzione elaborazione

Dettagli

Sistemi Operativi Kernel

Sistemi Operativi Kernel Approfondimento Sistemi Operativi Kernel Kernel del Sistema Operativo Kernel (nocciolo, nucleo) Contiene i programmi per la gestione delle funzioni base del calcolatore Kernel suddiviso in moduli. Ogni

Dettagli

Gestione della memoria. Paginazione Segmentazione Segmentazione con paginazione

Gestione della memoria. Paginazione Segmentazione Segmentazione con paginazione Gestione della memoria Paginazione Segmentazione Segmentazione con paginazione Modello di paginazione Il numero di pagina serve come indice per la tabella delle pagine. Questa contiene l indirizzo di base

Dettagli

HEX Bin HEX Bin HEX Bin HEX Bin 0 0000 4 0100 8 1000 C 1100 1 0001 5 0101 9 1001 D 1101 2 0010 6 0110 A 1010 E 1110 3 0011 7 0111 B 1011 F 1111

HEX Bin HEX Bin HEX Bin HEX Bin 0 0000 4 0100 8 1000 C 1100 1 0001 5 0101 9 1001 D 1101 2 0010 6 0110 A 1010 E 1110 3 0011 7 0111 B 1011 F 1111 Struttura interna del Sistema Operativo CAP. 7. La gestione della memoria virtuale Il concetto di memoria virtuale Il concetto di memoria virtuale nasce dalla necessità di separare il concetto di spazio

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/30

Dettagli

MEMORIA VIRTUALE. Programma: Processore: Memoria fisica: Caso più semplice:

MEMORIA VIRTUALE. Programma: Processore: Memoria fisica: Caso più semplice: MEMORIA VIRTUALE Programma: utilizza indirizzi che prendono il nome di indirizzi logici: l insieme degli indirizzi logici costituisce il cosiddetto spazio logico. Processore: utilizza indirizzi che prendono

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 4 MACCHINA DI VON NEUMANN Anni 40 i dati e i programmi che descrivono come elaborare i dati possono essere codificati nello

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Gerarchie di Memoria Andrea Gasparetto andrea.gasparetto@unive.it

Gerarchie di Memoria Andrea Gasparetto andrea.gasparetto@unive.it Tutorato di architettura degli elaboratori Gerarchie di Memoria Andrea Gasparetto andrea.gasparetto@unive.it Esercizio 1 Considerare un sistema di memoria virtuale paginata, con dimensione dell indirizzo

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

Sistemi Operativi Gestione della Memoria (parte 2)

Sistemi Operativi Gestione della Memoria (parte 2) Sistemi Operativi Gestione della Memoria Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Memoria Virtuale 1 Una singola partizione o anche l intera

Dettagli

GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE

GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE E MEMORIA VIRTUALE 7.1 Gestione della memoria Segmentazione Segmentazione con paginazione Memoria Virtuale Paginazione su richiesta Sostituzione delle pagine Trashing Esempi:

Dettagli

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. a.a. 2008/09. Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi. 1 Mattia Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it a.a. 2008/09 1 c 2009 M.. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

Dettagli

Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009

Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009 Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009 Gerarchia di memorie: memorie cache Massimiliano Giacomin 1 Tipologie e caratteristiche delle memorie (soprattutto dal punto di vista circuitale e fisico) Altezza:

Dettagli

Gerarchie di memoria Divide et impera. Gerarchie di memoria La congettura 90/10. Gerarchie di memoria Schema concettuale

Gerarchie di memoria Divide et impera. Gerarchie di memoria La congettura 90/10. Gerarchie di memoria Schema concettuale Memorie Caratteristiche principali Tecnologie di memoria Locazione: processore, interna (principale), esterna (secondaria) Capacità: dimensione parola, numero di parole Unità di trasferimento: parola,

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

Varie tipologie di memoria

Varie tipologie di memoria Varie tipologie di memoria velocita` capacita` registri CPU memoria cache memoria secondaria (Hard Disk) Gestione della memoria Una parte della viene riservata per il SO I programmi per poter essere eseguiti

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 4 - parte II La memoria 1 La memoriaparametri di caratterizzazione Un dato dispositivo di memoria è caratterizzato da : velocità di accesso,

Dettagli

Informatica - A.A. 2010/11

Informatica - A.A. 2010/11 Ripasso lezione precedente Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Matematica, Statistica e Informatica Modulo: Informatica Esercizio: Convertire

Dettagli

Calcolatori Elettronici. La Pipeline Criticità sui dati Criticità sul controllo Cenni sull unità di controllo

Calcolatori Elettronici. La Pipeline Criticità sui dati Criticità sul controllo Cenni sull unità di controllo Calcolatori Elettronici La Pipeline Criticità sui dati Criticità sul controllo Cenni sull unità di controllo La pipeline CRITICITÀ SUI DATI Calcolatori Elettronici - Pipeline (2) - Slide 2 L. Tarantino

Dettagli

Architettura di un Elaboratore

Architettura di un Elaboratore Architettura di un Elaboratore Fabio Massimo Zanzotto Ricapitoliamo puntate precedenti Cosa abbiamo a disposizione: Concetto di algoritmo (con eventuale parametrizzazione) Rappresentazione dell informazione

Dettagli

8 Tecniche di recovery

8 Tecniche di recovery 8 Tecniche di recovery Se viene sottomessa una transazione T, o tutte le operazioni di T sono completate ed il loro effetto è registrato permanentemente nel DB, o T non ha nessun effetto né sul DB né su

Dettagli

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO

STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO STRUTTURE DEI SISTEMI DI CALCOLO 2.1 Strutture dei sistemi di calcolo Funzionamento Struttura dell I/O Struttura della memoria Gerarchia delle memorie Protezione Hardware Architettura di un generico sistema

Dettagli

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione.

Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Con il termine Sistema operativo si fa riferimento all insieme dei moduli software di un sistema di elaborazione dati dedicati alla sua gestione. Compito fondamentale di un S.O. è infatti la gestione dell

Dettagli

Il software. la parte contro cui si può solo imprecare. Il software

Il software. la parte contro cui si può solo imprecare. Il software Il software la parte contro cui si può solo imprecare Il software L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore ma è necessario introdurre il software ovvero un insieme di

Dettagli

Memoria. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Tipica Gerarchia di Memoria. Gestione della Memoria. Modelli di gestione della memoria

Memoria. Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe. Tipica Gerarchia di Memoria. Gestione della Memoria. Modelli di gestione della memoria Sistemi Operativi Giuseppe Prencipe Gestione della Memoria Memoria La memoria è un ampio vettore di parole, ciascuna con il suo indirizzo La CPU preleva le istruzioni dalla memoria (basandosi sul PC) Una

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

L architettura di riferimento

L architettura di riferimento Architetture degli elaboratori e delle reti Lezione 10 L architettura di riferimento Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 10 1/27

Dettagli

Calcolatori Elettronici B a.a. 2004/2005

Calcolatori Elettronici B a.a. 2004/2005 Calcolatori Elettronici B a.a. 2004/2005 GERARCHIA DI MEMORIE MEMORIA VIRTUALE Massimiliano Giacomin 1 Accedere alla memoria CPU MAR MDR Bus di indirizzo k Bus di dati n Linee di controllo m Memoria Principale

Dettagli

Gestione della memoria centrale

Gestione della memoria centrale FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Gestione della memoria centrale 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide

Dettagli

Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini. Divario delle prestazioni processore- memoria

Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini. Divario delle prestazioni processore- memoria La gerarchig erarchia di memorie e (1) Architetture Avanzate dei Calcolatori Valeria Cardellini Divario delle prestazioni processore- memoria 100.000 Soluzione: memorie cache più piccole e veloci tra processore

Dettagli

IL PROBLEMA DELLA MEMORIA

IL PROBLEMA DELLA MEMORIA Principi di architetture dei calcolatori: la memoria cache Mariagiovanna Sami IL PROBLEMA DELLA MEMORIA Da sempre, il programmatore desidera una memoria veloce e grande (illimitata ) Il problema: le memorie

Dettagli

SCHEDULING DEI PROCESSI

SCHEDULING DEI PROCESSI SCHEDULING DEI PROCESSI FIFO o FCFS (First-In-First-Out) Primo arrivato primo servito. Si utilizza nei processi non-preemptive. RR (Round-Robin) I processi sono attivati in modalità FIFO ma viene loro

Dettagli

Le memorie. Università degli Studi di Salerno

Le memorie. Università degli Studi di Salerno Le memorie Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 25/26 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria

Dettagli

Architettura dei calcolatori II parte Memorie

Architettura dei calcolatori II parte Memorie Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica ed Elementi di Statistica 3 c.f.u. Anno Accademico 2010/2011 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori

Dettagli

Quinto Homework. Indicare il tempo necessario all'esecuzione del programma in caso di avvio e ritiro fuori ordine.

Quinto Homework. Indicare il tempo necessario all'esecuzione del programma in caso di avvio e ritiro fuori ordine. Quinto Homework 1) Si vuole progettare una cache a mappatura diretta per un sistema a 32 bit per una memoria da 2 GB (quindi sono solo 31 i bit utili per gli indirizzi) e blocchi di 64 byte. Rispondere

Dettagli

Sistemi Operativi. 5 Gestione della memoria

Sistemi Operativi. 5 Gestione della memoria Gestione della memoria Compiti del gestore della memoria: Tenere traccia di quali parti della memoria sono libere e quali occupate. Allocare memoria ai processi che ne hanno bisogno. Deallocare la memoria

Dettagli

Le gerarchie di memoria: memoria cache

Le gerarchie di memoria: memoria cache Le gerarchie di memoria: memoria cache Fino ad ora, si sono considerate le tecniche che consentono di migliorare le prestazioni di un calcolatore modificando le caratteristiche e il modo di funzionamento

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Si disegni lo schema di un flip-flop master-slave S-R sensibile ai fronti di salita e

Dettagli

9. Memoria Virtuale. 9. Memoria Virtuale. 9. Memoria Virtuale

9. Memoria Virtuale. 9. Memoria Virtuale. 9. Memoria Virtuale 1 (es. 1) Consideriamo un processo con m frame inizialmente vuoti. La stringa di riferimento è lunga p e contiene riferimenti a n pagine diverse. Per un qualsiasi algoritmo di rimpiazzamento: a) qual è

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici Dispositivi di I/O Francesco Lo Presti Rielaborate da Salvatore Tucci Organizzazione di un Calcolatore I/O 1 Dispositivi di I/O!! Un dispositivo di I/O è costituito da due componenti:!!

Dettagli

Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà:

Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà: Prof. Emanuele Papotto Gli archivi Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà: tra le informazioni esiste un nesso

Dettagli

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico 26/5/25 RAID Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks Disco magnetico Costituito da un insieme di piatti rotanti (da a 5) Piatti rivestiti di una superficie magnetica Esiste una testina (bobina)

Dettagli

DMA Accesso Diretto alla Memoria

DMA Accesso Diretto alla Memoria Testo di rif.to: [Congiu] - 8.1-8.3 (pg. 241 250) 08.a DMA Accesso Diretto alla Memoria Motivazioni Organizzazione dei trasferimenti DMA Arbitraggio del bus di memoria Trasferimento di un blocco di dati

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it La memoria principale 2 izzazione della memoria principale ria principale è organizzata come

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Architettura di un calcolatore: introduzione

Architettura di un calcolatore: introduzione Corso di Calcolatori Elettronici I Architettura di un calcolatore: introduzione Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie

Dettagli

La Gestione delle risorse Renato Agati

La Gestione delle risorse Renato Agati Renato Agati delle risorse La Gestione Schedulazione dei processi Gestione delle periferiche File system Schedulazione dei processi Mono programmazione Multi programmazione Gestione delle periferiche File

Dettagli

Unità Periferiche. Rete Di Controllo

Unità Periferiche. Rete Di Controllo MODELLO LOGICO-FUNZIONALE DI UN ELABORATORE Centrale di canale Periferiche CPU Memoria centrale ALU CU Memoria Locale ALU = Aritmetic Logic Unit CU = Registri CU ISTRUZIONE Decodificatore Rete Di Controllo

Dettagli

Desiderata: memoria capiente e veloce. Connessioni tra livelli di memoria. Memoria cache, struttura. Tecniche impiegate. Ad ogni accesso alla memoria

Desiderata: memoria capiente e veloce. Connessioni tra livelli di memoria. Memoria cache, struttura. Tecniche impiegate. Ad ogni accesso alla memoria Connessioni tra livelli di memoria Tape Registers Cache Main memory Magnetic disk Optical disk (Architettura degli Elaboratori) Gerarchie di memorie / 58 Metodo: Desiderata: memoria capiente e veloce i

Dettagli

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE Orologio di sistema (Clock) UNITÀ UNITÀ DI DI INGRESSO Schema a blocchi di un calcolatore REGISTRI CONTROLLO BUS DEL SISTEMA MEMORIA DI DI MASSA Hard Hard Disk Disk MEMORIA CENTRALE Ram Ram ALU CPU UNITÀ

Dettagli

Migliorare le prestazioni di processori e memorie

Migliorare le prestazioni di processori e memorie Migliorare le prestazioni di processori e memorie Corso: Architetture degli Elaboratori Docenti: F. Barbanera, G. Bella UNIVERSITA DI CATANIA Dip. di Matematica e Informatica Tipologie dei Miglioramenti

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

La Memoria Virtuale Ottimizzazione della memoria centrale

La Memoria Virtuale Ottimizzazione della memoria centrale La Memoria Virtuale Ottimizzazione della memoria centrale 1) Introduzione- Gerarchia della memoria Da un punto di vista funzionale, ogni dispositivo di memorizzazione elettronica di informazioni presenta

Dettagli

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili:

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili: Autore: Maria Chiara Cavaliere Informatica di base Lezione 1 del 21/3/2016 Il corso di Informatica di base si baserà sulla spiegazione di tre moduli: -Architettura Hardware; -Sistema operativo; Parte teorica

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching Sommario Operazioni di un SO: principi fondamentali Una visione schematica di un calcolatore Interazione tra SO, Computer e Programmi Utente 1

Dettagli

CPU. Maurizio Palesi

CPU. Maurizio Palesi CPU Central Processing Unit 1 Organizzazione Tipica CPU Dispositivi di I/O Unità di controllo Unità aritmetico logica (ALU) Terminale Stampante Registri CPU Memoria centrale Unità disco Bus 2 L'Esecutore

Dettagli

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

Calcolo numerico e programmazione Architettura dei calcolatori

Calcolo numerico e programmazione Architettura dei calcolatori Calcolo numerico e programmazione Architettura dei calcolatori Tullio Facchinetti 30 marzo 2012 08:57 http://robot.unipv.it/toolleeo Il calcolatore tre funzionalità essenziali:

Dettagli

Fondamenti di informatica: un po di storia

Fondamenti di informatica: un po di storia Fondamenti di informatica: un po di storia L idea di utilizzare dispositivi meccanici per effettuare in modo automatico calcoli risale al 600 (Pascal, Leibniz) Nell ottocento vengono realizzati i primi

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

Memoria virtuale. Riassumendo Meccanismo di traduzione indirizzi con tabella TLB Ogni processo ha la sua PMT Politiche della memoria virtuale E

Memoria virtuale. Riassumendo Meccanismo di traduzione indirizzi con tabella TLB Ogni processo ha la sua PMT Politiche della memoria virtuale E Spazio di indirizzamento virtuale Riprendiamo lo spazio di indirizzamento virtuale del programma di inversione stringa LO SPAZIO DI INDIRIZZAMENTO VIRTUALE DI UN PROCESSO É Spazio di indirizzamento virtuale

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica per chimica industriale e chimica applicata e ambientale LEZIONE 4 La CPU e l esecuzione dei programmi 1 Nelle lezioni precedenti abbiamo detto che Un computer è costituito da 3 principali componenti:

Dettagli

I Thread. I Thread. I due processi dovrebbero lavorare sullo stesso testo

I Thread. I Thread. I due processi dovrebbero lavorare sullo stesso testo I Thread 1 Consideriamo due processi che devono lavorare sugli stessi dati. Come possono fare, se ogni processo ha la propria area dati (ossia, gli spazi di indirizzamento dei due processi sono separati)?

Dettagli

Gestione della Memoria

Gestione della Memoria Gestione della Memoria Idealmente la memoria dovrebbe essere grande veloce non volatile Gerarchia di memorie Disco: capiente, lento, non volatile ed economico Memoria principale: volatile, mediamente grande,

Dettagli

Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT)

Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Funzionamento Programmi e dati risiedono in file memorizzati in memoria secondaria. Per essere eseguiti (i programmi) e usati (i dati) vengono copiati nella

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici La memoria gerarchica La cache: come migliorare le prestazioni Ricapitolando (1) La memoria principale e la cache sono scomposte in blocchi di uguale dimensione L indirizzo del

Dettagli

Mon Ami 3000 Provvigioni agenti Calcolo delle provvigioni per agente / sub-agente

Mon Ami 3000 Provvigioni agenti Calcolo delle provvigioni per agente / sub-agente Prerequisiti Mon Ami 3000 Provvigioni agenti Calcolo delle provvigioni per agente / sub-agente L opzione Provvigioni agenti è disponibile per le versioni Vendite, Azienda Light e Azienda Pro. Introduzione

Dettagli

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica. - Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica. - Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica. - Corso di Laurea in Informatica Il presente esame scritto deve essere svolto in forma individuale in un tempo massimo di 60 minuti dalla sua

Dettagli

Il contesto! Gestione della Memoria! Reg. di Base e reg. Limite! Associazione tra dati/istruzioni e memoria!

Il contesto! Gestione della Memoria! Reg. di Base e reg. Limite! Associazione tra dati/istruzioni e memoria! Il contesto Gestione della Memoria Per essere eseguiti, i programmi devono essere trasferiti (dal disco) in memoria e tradotti in processi. Obiettivi: accesso rapido e protezione. Accesso rapido La CPU

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore (CPU) la memoria principale (RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output Il processore

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Corsi Speciali Abilitanti Indirizzo 2: Fisico-Matematico Modulo Didattico: Elementi di Informatica Classi: 48/A TEST D INGRESSO

Corsi Speciali Abilitanti Indirizzo 2: Fisico-Matematico Modulo Didattico: Elementi di Informatica Classi: 48/A TEST D INGRESSO Corsi Speciali Abilitanti Indirizzo 2: Fisico-Matematico Modulo Didattico: Elementi di Informatica Classi: 48/A TEST D INGRESSO NOME: COGNOME: LAUREA IN: ABILITAZIONI CONSEGUITE: ESPERIENZE DIDATTICHE

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Sistemi Operativi MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 13.1

Sistemi Operativi MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 13.1 MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1 Protezione Obiettivi della Protezione Dominio di Protezione Matrice di Accesso Implementazione della Matrice di Accesso Revoca dei Diritti di Accesso Sistemi basati

Dettagli