Software per la gestione di un REGISTRO TUMORI ANIMALI della Sicilia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Software per la gestione di un REGISTRO TUMORI ANIMALI della Sicilia"

Transcript

1 Software per la gestione di un REGISTRO TUMORI ANIMALI della Sicilia 1 Allievo Ing. Giuseppe Domenico Orlando Relatore Prof. Marco La Cascia Correlatori aziendali Dott. Ing. Maurizio Orlando, Dott. Guido Ruggero Loria Abstract Questo documento sintetizza l attività che il laureando Giuseppe Domenico Orlando ha svolto presso l Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia (IZSSi). Tale attività ha avuto come obiettivo la realizzazione di un Applicativo Web per la gestione di un Registro Tumori Animale della Sicilia, attraverso una serie di processi atti ad informatizzare i meccanismi di acquisizione, gestione ed utilizzo dei dati legati ai casi patologici tumorali degli animali domestici. Con tale esperienza si vuole evidenziare la possibilità di integrazione che hanno le moderne tecnologie informatiche con i meccanismi interni dell Ente, al fine di realizzare e trasformare uno strumento di gestione dati in un sistema efficiente ed efficace che sfrutti a pieno le caratteristiche dell'architettura e delle tecnologie Web. Index Terms Software, Applicativo Web, Registro Tumori Animali. L I. INTRODUZIONE A crescente esigenza di garantire una migliore comprensione della diffusione e delle cause delle patologie tumorali sugli animali, ha portato l'assessorato alla Sanità della Regione Siciliana e l'izs i della Sicilia alla decisione di istituire un "Registro dei Tumori Animali". Con tale strumento, che consente di raccogliere dati da utilizzare sul territorio per una corretta prevenzione sanitaria, le Istituzioni si prefiggono l'obiettivo di comprendere al meglio le dinamiche epidemiologiche ed i fenomeni ambientali che possono utilizzare come agenti oncogeni. L utilità di raccogliere ed analizzare i trend oncologici osservabili negli animali, ed in particolare in quelli che convivono con l uomo (cani e gatti), deriva dal fatto che tali specie rappresentano indicatori naturali e precoci (rispetto alla specie umana) del rischio ambientale. Infatti, l insorgenza di tali patologie è proporzionale alla loro breve vita biologica, evidenziando in tempi più brevi, rispetto ai Questa relazione di tesi è stata svolta a completamento del triennio di Ingegneria di Informatica presso l Università di Palermo. Lo spunto è stato dato dall attività di stage presso l Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia, sotto la supervisione del Dott. Ing. Maurizio Orlando ) e del Dott. Guido Ruggero Loria ( ) responsabile del Laboratorio di Istopatologia Animale della Sicilia, nell ambito della ricerca scientifica legata alla realizzazione del primo Registro Tumori Animale Domestici della Regione. i IZS e IZSSi, sono gli acronimi utilizzati per indicare l Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia. periodi di latenza nell uomo, il rischio ambientale e segnalando in questo modo precocemente il pericolo. II. PROBLEMATICA AFFRONTATA La necessità di sviluppare meccanismi e tecnologie per l acquisizione e la gestione delle informazioni legate ai singoli casi patologici tumorali riscontrati, ha portato alla richiesta di uno strumento software capace di realizzare tale obiettivo in una modalità distribuita, efficiente ed efficace per una raccolta di dati a livello territoriale. Allo stesso tempo l idea è stata quella di offrire all Ente e a coloro che collaborano con esso, nuovi servizi e un nuovo modo di svolgere il proprio lavoro fino ad oggi legato all'uso di documentazione cartacea e procedure lente e gravose. La continua evoluzione delle tecnologie disponibili, sia in termini di maggiore capacità di integrazione che di tecnologie Web, ha portato alla scelta di uno strumento di lavoro che adottasse tale ambiente. Nel caso particolare del Registro Tumori si è pensato allo sviluppo di un applicazione web basata sui dati. La tecnologica adottata in questo progetto, è legata alla realizzazione del nuovo Portale Web dell IZS della Sicilia, di cui farà parte integrante. Analizzando il modo in cui le applicazioni Web oggi vengono sviluppate, ci si rende conto che i principi e le metodologie dell ingegneria del software non sempre vengono sfruttati al meglio, di fatto, l approccio utilizzato in questo progetto è costituito da un insieme multidisciplinare di metodologie che avvalendosi di strumenti e tecniche dell ingegneria del software permettono la definizione dei processi di sviluppo del software, di appropriati concetti di progettazione e di linee guida per la conduzione delle varie attività, non ultima quella di integrazione con altri progetti in corso[1]. Gli strumenti che sono stati adottati, per la costruzione di questo progetto Web basato sui dati, uniscono elementi progettuali noti agli sviluppatori, quali la progettazione concettuale dei dati attraverso il modello Entità-Relazione, la specifica dei casi d uso attraverso l'uml e con nuovi linguaggi di modellazione di alto livello per la progettazionedegli ipertesti, come il Web Modeling Language(WebML) ii [1]. Il WebML (Web Modeling Language) è un linguaggio di modellazione di alto livello per la specifica di applicazioni Web. Essenzialmente, WebML consiste in un insieme di concetti visuali per descrivere un ipertesto. Esso è definito come un insieme di pagine costituite da unit di contenuto e operazioni collegate tra loro. Tali unit sono associate con i dati ai quali si riferiscono. Il lettore non deve pertanto preoccuparsi della necessità di apprendere un nuovo linguaggio. Così come per i costrutti del modello Entita-Relazione, anche i diagrammi WebML possono essere rappresentati attraverso la sintassi UML, forse con minor chiarezza ed immediatezza, ma senza perdite di potere espressivo. WebML è ii

2 2 Al fine di acquisire una completa conoscenza del dominio applicativo e delle diverse soluzioni da applicare è stato necessario procedere con una serie di interviste rivolte ai responsabili del laboratorio di Istopatologia Animale dell IZS di Palermo, riguardanti gli obiettivi, il funzionamento e le caratteristiche che il Registro Tumori deve possedere. L attività di progetto ha previsto un analisi di tutta la documentazione utilizzata nell attività non informatizzata, (moduli di richiesta esame, documenti di accompagnamento campioni e di emissione referto) legata al WorkFlow, come mostrato in Figura 1 e descritto dai seguenti punti: 1. il veterinario richiede un esame istologico su uno o più campioni di un animale domestico che ritiene oggetto di un potenziale caso tumorale; 2. tale richiesta supera la fase di accettazione e i campioni con la relativa documentazione entrano in attesa di essere sottoposti ad esame; 3. esitati i campioni, il personale del laboratorio emette un referto che ne conferma o meno l'esito patologico. Accettazione campioni e richiesta esame economicità che doveva possedere la realizzazione del software. Il modo in cui le componenti software interagiscono tra loro, implementando le funzionalità richieste, è stato definito attraverso una architettura a tre livelli logico-funzionali (Figura 2)[2] : livello di presentazione - rappresenta l'interfaccia utente dell'applicazione e si occupa di acquisire dati e visualizzare risultati; livello intermedio - si occupa delle elaborazioni dei dati in base alla cosiddetta busines logic, cioè all'insieme delle regole per cui i dati sono considerati significativi e le loro relazioni consistenti; le elaborazioni del livello intermedio generano i risultati richiesti dall'utente; livello dati - rappresenta l'insieme dei servizi offerti da applicazioni indipendenti dal Web, come ad esempio un gestore di database, un sistema di gestione di posta elettronica, ecc. Documenti di richiesta esame e accompagnamento campione Analisi da parte del personale di laboratorio Veterinario Documento di Referto Figura 1: Flusso dell'attività legata all'esame istologico. Altre informazioni sulla problematica del Registro Tumori Animale sono state integrate a partire dall analisi di articoli scientifici relativi a progetti similari. Uno degli obiettivi principali del progetto è stato quello di offrire tutti gli strumenti adatti a dematerializzare le operazioni sopra descritte nel rispetto di criteri di semplicità, usabilitàiii ed efficienza. L utilizzo di tecnologie software Open Source, come l uso di DBMS MySql e linguaggio di scripting server side come Php e client site come Javascript, già utilizzati nello sviluppo del nuovo portale internet dell IZS della Sicilia, è legato all'integrazione tra il nuovo portale e l applicativo per la gestione del registro tumori, e dalla caratteristica di Figura 2: Schema dell Architettura Web a tre livelli. composto da un certo numero di modelli, indirizzati a specificare aspetti ortogonali delle applicazioni Web: modello dei dati, modello di ipertesto (composizione + navigazione), modello di presentazione. Figura 3: Flusso delle attività associato all'applicativo Web. iii L'Usabilità è definita dall' ISO (International Organisation for Standardisation), come l'efficacia, l'efficienza e la soddisfazione con le quali determinati utenti raggiungono determinati obiettivi in determinati contesti. In pratica definisce il grado di facilità e soddisfazione con cui l'interazione uomostrumento si compie. Il risultato ottenuto migliora il flusso delle attività di censimento legate all anagrafica come rappresentato nello schema in Figura 3.

3 3 Gli utenti registrati attraverso l interfaccia utente, livello di presentazione, interagiscono con l applicativo usufruendo delle funzionalità e dei servizi da esso offerti. in particolare il veterinario effettuerà le richieste di esame in maniera interattiva, popolando contemporaneamente la Base Dati. Il livello dati conterrà i dati necessari al ricercatore IZS che potrà in maniera immediata utilizzarli per i propri studi e le opportune valutazioni scientifiche, offrendo in tale modo un servizio alla comunità che non è viziato da tempi di latenza burocratici. III. PROGETTAZIONE DI UNA APPLICAZIONE WEB ATTRAVERSO L IMPIEGO DEL WEBML La progettazione di un applicazione web è un attività complessa che deve essere affrontata adottando tecniche ad hoc su concetti rappresentati con strumenti di modellazione adeguati [3]. L idea, pertanto, è stata quella di utilizzare gli strumenti orientati specificamente alla progettazione di Applicazioni Web basate sui dati. Tale sviluppo si avvale di diverse fasi schematizzate nella Figura 4. Ogni fase produce un prototipo oppure una versione parziale del sistema da realizzare. Si tratta di un approccio progettuale incrementale ed iterativo particolarmente appropriato per le applicazioni Web, vista la caratteristica di dinamicità nei cambiamenti dei requisiti in fase di sviluppo e di rapidità con la quale devono essere implementati [4]. Il Registro Tumori Animali della Sicilia è un applicazione Web based che consente: Accesso alle diverse risorse informative Archivio delle patologie tumorali Archivio degli esami e referti Archivio utenti Dati statistici Amministrazione(inserimento,modifica, eliminazione) di: informazioni che compongono la collezione di dati TUMORI, informazioni che compongono la collezione di dati ORGANI, dati legati ai veterinari dati legati ai proprietari dati legati alle terapie dati legati agli animali dati legati ai campioni dati legati agli esami Accesso a nuove funzionalità e servizi creazione di un documento referto stampa del documento di referto b) REQUISITI DI BUSINESS SPECIFICA DEI REQUISITI PROGETTAZIONE DEI DATI PROGETTAZIONE DELL IPERTESTO PROGETTAZIONE DELL ARCHITETTURA TESTING E VALUTAZIONE IMPLEMENTAZIONE MANTENIMENTO ED EVOLUZIONE Figura 4: Fasi nel processo di sviluppo di applicazioni Web centrate sui dati. Attraverso l insieme di attività legate alla formalizzazione dei requisiti sono state individuate le informazioni necessarie per rappresentare uno dei più importanti strumenti di modellazione nella progettazione: gli scenari utente. L analisi delle specifiche dei requisiti funzionali generali richiesti[5], ci porta all analisi dei seguenti punti: 1. a) Specifiche dei requisiti generali Requisiti funzionali Nell elenco che segue sono stati riassunti i requisiti funzionali e di sistema dell applicativo. 2. Requisiti non funzionali usabilità: viene garantita la facilità d uso dell applicazione con una GUI (Graphical User Interface) semplice ed immediata, che è basato su un modus operandi già adoperato dagli utenti nella procedura no informatizzata; prestazioni: non rappresentano un obiettivo a breve termine ma a lungo termine che seguirà ad uno studio delle statistiche di utilizzo dell applicativo nel medio termine; scalabilità: la caratteristica di incrementare le prestazioni e le funzionalità se richiesto; sicurezza: è richiesta la protezione dell integrità, la confidenzialità e la privatezza dell informazione (in particolare per i dati relativi ai proprietari ed ai veterinari), la disponibilità dei servizi, l autenticazione degli utenti e la protezione del flusso di informazione trasferita tra utenti e applicazione (PROTOCOLLO SSL); manutenibilità riguarda la facilità con cui è possibile attivare le procedure di manutenzione ordinarie e straordinarie. Analisi dei requisiti formalizzati In questa fase si sono realizzati i documenti semi-formali sull applicazione. Questi documenti costituiscono la base fondamentale per la realizzazione dell applicazione. Al fine di completare l analisi e la comprensione del problema è stato necessario individuare e schematizzare le seguenti informazioni: i principali gruppi utenti e le relazioni gerarchiche esistenti tra essi;

4 4 i principali casi d uso (use case), che risultano dalla lista dei requisiti funzionali; le site view elaborate in base alle richieste e l assegnamento delle stesse ai gruppi di utenti che le utilizzeranno; 3. Specifica dei gruppi utenti I gruppi di utenti del Registro Tumori, sono stati organizzati in modo gerarchico legato alla loro specializzazione (Figura 5). Una prima distinzione ha permesso un raggruppamento in utenti esterni ed in utenti interni, entrambi accedono previa autenticazione (login) a contenuti personalizzati. Essi sono suddivisi in sotto-gruppi in base al contenuto di pertinenza ed alle funzionalità gestite: Amministratori: il personale interno del laboratorio; Veterinari: sono i medici veterinari che collaborano con il laboratorio. Dati profilo Nome, cognome, indirizzo di posta elettronica, numero di telefono, nome utente per la login e la password. Super-gruppo Sotto-gruppo Utente interno registrato. Oggetti accessibili in lettura Utenti e gruppi di utenti, esami pendenti e esitati, elenco organi e tumori, referti. Oggetti accessibili in scrittura Utente, gruppi di utente, esami, referti, organi e tumori. TABELLA II TABELLA DESCRITTIVA DEI PROFILI VETERINARIO Nome Veterinario Descrizione Medico veterinario che collabora con il laboratorio. Richiede gli esami per dei campioni di un animale che si presume affetto da patologia tumorale. Dati profilo Nome, cognome, indirizzo di posta elettronica, indirizzo numero di telefono, nome utente per la login, password e ambulatorio. Super-gruppo Utente esterno registrato. Utente REGISTRO TUMORI Utente esterno registrato Utente interno registrato Sotto-gruppo Oggetti accessibili in lettura Veterinario Amministratore Oggetti accessibili in scrittura Account personale, esami pendenti e esitati, elenco tumori. Utente, esami. Figura 5: Diagramma della gerarchia dei gruppi. Per ogni gruppo di utenti individuato è stato compilato un profilo di specifica che possiede i seguenti campi: nome: nome del gruppo; descrizione: descrizione dei criteri che caratterizzano il gruppo; dati profilo: dati per il profilo che caratterizzano i membri del gruppo; super-gruppo: il gruppo che generalizza le caratteristiche comuni ai vari sottogruppi; diritti d accesso: i dati accessibili e gestibili dai gruppi. I ruoli e i diritti di accesso per i due gruppi Amministratore e Veterinario, vengono riassunti rispettivamente nella Tabella I e nella Tabella II. TABELLA I T ABELLA DESCRITTIVA DEL PROFILO AMMINISTRATORE Nome Amministratore Descrizione Personale interno con il ruolo di gestire gli utenti dell applicazione (sia che essi siano interni o esterni), impostare i dati di nuovi tumori, organi, esami e referti. Gestire i dati di essi già esistenti. Mettendo in relazione tutte le informazioni e i dati acquisiti sugli utenti con gli obiettivi da raggiungere sono stati creati alcuni scenari. Si è trattato di un lavoro creativo con riscontro finale: si sono infatti immaginati gli strumenti che occorreva mettere a disposizione degli utenti verificandone l utilità raggiunta. Sono scenari in forma schematica che descrivono le modalità di interazione con il sistema a partire dai casi d uso. Come illustrato dal diagramma in Figura 6, gli Amministratori gestiscono i dati degli utenti, creando e modificando i profili utente. Gli amministratori hanno inoltre un ruolo gestionale che consente l inserimento, la modifica e l eliminazione (vengono marcati come cancellati) di esami, di referti, delle schede degli organi e dei tumori. Inoltre gli amministratori hanno la possibilità di visualizzare i dati statistici al fine di trarre informazioni e per la reportistica. Poiché tutte queste operazioni sono protette da una politica di sicurezza della privacy dei dati gli amministratori accederanno nel sistema previa autenticazione e riceveranno un incarico per il trattamento dei dati dal titolare della privacy aziendale.

5 5 Crea Utente Crea Referto Post-condizione Login Modifica account Utente Modifica Referto Rimuovi Referto Rimuovi Utente Visualizza Dati Statistici Workflow Utente Amministratore Aggiungi Organo Aggiungi Tumore Modifica Organo Modifica Tumore Modifica Esame Aggiungi Organo La nuova patologia è disponibile per la consultazione ed assegnazione ad un caso per il veterinario ed amministratore e per la modifica da parte del solo amministratore. 1. L utente riceve una lista dei tumori esistenti e un link per caricare una form di input per inserire un nuovo tumore. 2. L utente inserisce i nuovi dati. 3. Si eseguono le verifiche di validità sui dati inseriti. 4. Se i dati non sono corretti, l utente riceve un messaggio di errore e viene mandato nuovamente alla pagina che include la pagina di input, dove i dati possono essere corretti e risottomessi. 5. Se i dati sono corretti viene salvato il nuovo record. 6. Se l operazione termina con successo, l utente riceve la lista aggiornata dei tumori ed il nuovo tumore sarà disponibile alla consultazione da parte di tutti. Aggiungi Tumore Crea Esame Rimuovi Esame Figura 6: Diagramma dei casi d'uso per l'amministratore. Come mostrato nel diagramma dei casi d uso riportato in Figura 7, il veterinario gestisce i dati del proprio account e visualizza tutte le informazioni sui tumori. Essi sono inoltre responsabili della creazione di un nuovo esame e visualizzano i propri esami. Login Crea Esame Modifica dati Account Naviga Elenco Tumori Naviga Esami Accede ai dettagli del Tumore Utente Veterinario Accede ai dettagli dell' Esame Figura 7: Diagramma dei casi d'uso per il veterinario. Per ogni caso d uso è stato previsto un foglio di specifica; nell esempio riportato in Tabella III si fa riferimento alla specifica per l inserimento di una nuova patologia, tra quelle registrate nell elenco tumori, da parte dell amministratore. TABELLA III FOGLIO DI FPECIFICA PER IL CASO D USO CREA NUOVO T UMORE Titolo Crea Nuova Patologia Tumorale Scopo Esprimere il modo in cui gli amministratori aggiungono una nuova patologia tumorale. Pre-condizione L Amministratore accede all applicazione ed entra nella site view dedicata all elenco delle patologie riconosciute. Quindi crea la nuova patologia tumorale inserendo tutte le informazioni necessarie. IV. PROGETTAZIONE DEI DATI Il modello teorico di organizzazione dei dati che è stato adottato nel nostro progetto è il diffuso Modello Relazionale o Modello Entità-Relazione. Gli elementi di base che costituiscono questa metodologia sono: le ENTITÀ, che rappresentano un insieme di oggetti della realtà di cui si individuano proprietà comuni; le ASSOCIAZIONI, che rappresentano un legame logico tra due o più entità; gli ATTRIBUTI, che rappresentano le proprietà elementari di entità o associazioni[6]. La metodologia di progettazione adottata, legata a tale modello, consolidata ormai negli anni, si articola in tre fasi e si fonda su di un principio dell ingegneria semplice ed efficace: separare in maniera netta le decisioni relative a cosa rappresentare in una base di dati da quelle relative a come farlo [7]. Le tre fasi sono così suddivise: A. PROGETTAZIONE CONCETTUALE B. PROGETTAZIONE LOGICA C. PROGETTAZIONE FISICA Di seguito illustreremo le prime due da cui si otterranno rispettivamente schema concettuale e logico. A.PROGETTAZIONE CONCETTUALE La progettazione concettuale ha permesso di rappresentare le specifiche informali della realtà di interesse in termini di una descrizione formale e completa, indipendente dai criteri di rappresentazione nei sistemi di gestione. Il risultato di tale attività che abbiamo detto essere lo schema concettuale, fa riferimento ad un modello concettuale dei dati. Tale modello ci ha permesso quindi di descrivere l organizzazione dei dati a un alto livello di astrazione senza considerare gli aspetti implementativi. Allo sviluppo dello schema concettuale, vero e proprio processo di ingegnerizzazione, è stata applicata la strategia di progetto che prende il nome di strategia mista. Essa combina i vantaggi della strategia top-down e quella della strategia bottom-up[8].

6 6 Si è proceduto nel suddividere i requisiti in componenti separate (come nella strategia bottom-up), ma allo stesso modo si è definito uno schema scheletrico (Figura 8), che a livello astratto, contiene i concetti principali dell applicazione (top-down). Lo schema realizzato ci ha permesso di avere una visione unitaria favorendo le fasi di integrazione dei vari schemi sviluppati separatamente. L analisi ha permesso l individuazione delle entità principali (gli animali, i campioni, i referti, i proprietari, i veterinari e i tumori) e delle relazioni tra di esse (affetto, possiede ed esame). Figura 9: Schema Concettuale della Base di Dati. Figura 8: Schema Scheletrico della Base di Dati. Le entità proprietario e veterinario individuano due tipologie di quella che è l utenza, a cui si aggiunge l utente AMMINISTRATORE. Si tratta quindi di entità figlie dell entità UTENZA: la generalizzazione che ne risulta è totale e sovrapposta. Infatti potrebbe capitare che un veterinario sia anche proprietario dell animale oggetto dell esame. Analizzando le specifiche relative all animale ci si accorge che un animale può essere stato sottoposto a precedenti terapie, introduciamo l entità TERAPIA, legata ad animale dalla relazione PRESCRIZIONE. Allo stesso modo analizzando le specifiche del campione e del tumore entrambe hanno un legame con una nuova entità, ossia ORGANO, la prima tramite la relazione DI (nel senso di appartenenza) e con la seconda tramite la relazione INTERESSA, in quanto vi sono tumori specifici per una tipologia di organo. Aggiungendo gli attributi a entità e relazioni, le cardinalità alle relazioni e gli identificatori alle entità si è ottenuto lo schema concettuale in Figura 9. Il glossario dei termini è stato riassunto nella Tabella IV. Termine TABELLA IV GLOSSARIO DEI TERMINI Descrizione Collegamenti PROPRIETARIO È il possessore dell animale. ANIMALE, REFERTO, CAMPIONE VETERINARIO È il medico competente che consegna il campione appartenente all ANIMALE. ANIMALE, PROPRIETARIO, REFERTO, CAMPIONE AMMINISTRATORE È il personale interno del laboratorio. ANIMALE È l animale a cui appartiene il CAMPIONE da refertare. PROPRIETARIO, VETERINARIO, REFERTO, CAMPIONE, TUMORE CAMPIONE È l oggetto dell ESAME PROPRIETARIO, VETERINARIO, ANIMALE, ORGANO, REFERTO TUMORE Rappresenta il tipo di Patologia analizzata. ANIMALE, ORGANO REFERTO È il documento che definisce e conferma una determinata patologia. VETERINARIO, PROPRIETARIO, ANIMALE, CAMPIONE, ORGANO È l oggetto da cui si acquisisce il CAMPIONE da esaminare e da refertare. Mette in relazione le varie entità. Terapia a cui un animale è o è stato sottoposto. TUMORE, APPARATO, CAMPIONE È l apparato del corpo. ORGANO ESAME TERAPIA APPARATO ANIMALE

7 7 B.PROGETTAZIONE LOGICA Lo schema concettuale, ottenuto dalla progettazione concettuale, ha costituito la base per l attività successiva di costruzione di un nuovo schema: lo schema logico[9]. Lo schema logico è un modello caratterizzato da una rappresentazione necessaria alla terza fase della progettazione del Data Base, ossia la progettazione fisica. Al fine di ottenere lo schema logico sono state effettuate una serie di operazioni di ristrutturazione e traduzione. Una delle ristrutturazioni evidenti è stata l eliminazione della generalizzazione tra l entità padre, l UTENZA, e le tre entità figlie PROPRIETARIO, AMMINISTRATORE E VETERINARIO, vedi Figura 10. Queste ultime sono state eliminate e le loro proprietà sono state aggiunte all entità padre, a cui è stato aggiunto un ulteriore attributo, il ruolo, per distinguere il tipo di occorrenza dell entità UTENZA. modello ipertestuale[11] sia in linguaggio testuale che visuale del WebML, che ha fornito una vista ad alto livello delle interfacce dell applicazione. Di seguito ne illustriamo una porzione limitata per l applicativo: Operazione di login Il Modello Ipertestuale che è stato realizzato tramite il linguaggio testuale del WebML per descrivere l operazione di login è : login OperazioneLogin (parameters Putente:= CUtente, PPassword :=CPassword) Mentre il modello Ipertestuale tramite il linguaggio visuale del WebML è rappresentato in Figura 12 ed in Figura 13 dove viene mostrato il risultato finale: LoginFallita LOGIN Logout DatiUtente Params KO HomePage OK Figura 12:Processo di login modellato in WebML. Figura 10: Generalizzazione Utenza. Altri interventi di ristrutturazione hanno costituito una serie di operazioni di traduzione che tenendo conto della presenza di determinate associazioni con chiavi comuni e delle cardinalità presenti, avvalendosi di opportuni schemi hanno comportato una ristrutturazione per la progettazione fisica come nell esempio della relazione POSSIEDE (Figura 11), che lega l entità ANIMALE ad un PROPRIETARIO. Si tratta di una relazione uno a molti con partecipazione obbligatoria, che opportunamente tradotta ha portato al seguente risultato: ANIMALE (id,domestico, nome,sesso, età, razza,specie, alimentazione, stato, idutenza). UTENZA(id,c.f., nome,cognome,tel, ,numero,via,città, provincia,nazione,username,password) Il modello Ipertestuale che è stato realizzato tramite il linguaggio testuale del WebML per la Multidata unit relativa all elenco tumori è: Figura 13:Mock-upiv del login. Multidata unit dell elenco tumori MultidataUnit ListaTumori ( source Tumore; attributes Codice Normato, Tipo, Descrizione) Figura 11: Schema per la relazione Possiede. V. PROGETTAZIONE DELL IPERTESTO Attraverso la fase di progettazione ipertestuale[10] è stata creata una specifica WebML, caratterizzata dall utilizzo del mock-up è l'attività di riprodurre un oggetto o modello in scala ridotta o maggiorata. Chi si dedica professionalmente a tale attività è detto (in inglese) mock-up artist. Oggi l'attività del mock-up artist si rivolge anche al web design, con la creazione di modelli di pagine web eseguiti mediante software grafico e non linguaggio di mark-up tipo HTML. iv

8 8 Mentre il modello Ipertestuale tramite il linguaggio visuale del WebML è rappresentato in Figura 14 e Figura 15 dove viene mostrato il risultato finale. Multidata unit Tumore [tutto l elenco dei Tumori] Figura 14: Simbolo WebML per rappresentare il MultiDataUnit per gli items contenuti nell entità Tumore [ListaTumore]. Figura 17: Mock-up Dataunit relativo al Dettaglio di un Tumore. Creazione di un nuovo tumore Nel caso della creazione di un nuovo tumore, ossia dell aggiunta di una nuova patologia tumorale nell elenco relativo, la Figura 18 ne rappresenta una schematizzazione attraverso il diagramma WebML e le corrispondenti pagine. Figura 15: Mock-up MultidataUnit per l entità Tumore. Data unit per l entità Tumore Il Modello Ipertestuale che è stato realizzato tramite il linguaggio testuale del WebML per descrivere la DataUnit: DataUnit DettaglioTumore ( source Tumore; Selector Tipo= Cellule ; attributes Tpo, Descrizione, CodiceNormato, Organo) PaginaRisultato PaginaCreaTumore Multidata unit CreaTumore InputNuovoTumore OK KO Tumori. Tumore <Elenco Campi> Il modello Ipertestuale della DataUnit che è stato realizzato tramite il linguaggio visuale del WebML è rappresentato in Figura 16 ed in Figura 17 dove viene mostrato il risultato finale. Data unit Tumore [selezionato dal tipo] Figura 16: WebML del DataUnit per l entità Tumore [DettaglioTumore ]. Figura 18: Esempio di creazione di un nuovo tumore con un diagramma WebML e la corrispondente pagina di creazione. VI. IMPLEMENTAZIONE Grazie alle fasi di progettazione precedenti è stato possibile

9 9 realizzare la struttura dell Applicativo soddisfacendo tutti i requisiti funzionali richiesti dalle specifiche. Dalla descrizione della Site view, attraverso il piano generale dei contenuti del Registro Tumori utilizzando WebML, è stato possibile implementare l architettura delle pagine. Di seguito viene riportata una site view che descrive in WebML testuale la Homepage che è stata realizzata per l applicativo, nel caso di utente amministratore, che gestisce il Registro Tumori Animali: Siteview HomepageRegistroTumori (pages Utenti, Esami, Referti, Statistiche, Aggiorna, Logout) Dalla site view HomepageRegistroTumori siamo stati in grado di studiare una soluzione a basso livello di dettaglio, vedi la Figura 19. Figura 19: Wireframe Low Fidelity della Homepage. La realizzazione dei Wireframev è servita a schematizzare velocemente i layout delle pagine. Si tratta di schemi che rappresentano l'architettura delle pagine del sito. Come mostrato nella Figura 19 e nella Figura 20, esistono due tipologie di wireframe - low o high fidelity - a seconda del livello di dettaglio nella rappresentazione dei contenuti e dell'interfaccia. Figura 20: Wireframe High fidelity della Homepage. Al fine di garantire la perfetta usabilità si è studiato una architettura delle pagine partendo con la definizione del piano generale dei contenuti e dell interfacciamento con i dati. Il piano identifica e descrive le macroaree di contenuto nel dettaglio fino ad individuare ogni singola sezione e form. Il passo successivo è stato quello di progettare la navigazione della Web Application, per favorire il Workflow della procedura di registrazione dei dati, a tal fine è stato posto il menu sulla sezione superiore del layout, sempre visibile in ogni pagina, della GUI dell applicazione. I percorsi di navigazione così progettati per l Applicativo sono risultati chiari e facilmente usabili e nella loro rigidità, vincolano l utente negli spostamenti limitando gli errori e facilitando l'orientamento. Nel wireframe sono rappresentati tutti gli elementi che compongono l'interfaccia generale (gabbia editoriale) e gli elementi specifici di ogni tipologia di pagina (template), quindi titoli, testi e immagini. Figura 21: Mock-up della pagina per la gestione utenti veterinari VII. FUTURE EVOLUZIONI v wireframe o wire frame model (lett. modello in fil di ferro ) indica un tipo di rappresentazione grafica da computer, detta anche vettoriale. Con questo metodo vengono disegnati soltanto i bordi dell' oggetto, il quale di fatto resta trasparente al suo interno (sembrando, appunto, costruito con il fil di ferro). Questo metodo richiede calcoli molto più semplici rispetto alla rappresentazione di superfici, ed è quindi considerevolmente più veloce. Il presente lavoro costituisce la base per la futura evoluzione di uno strumento di monitoraggio dell inquinamento ambientale a cui è legata la salute animale ed umana. La realizzazione di questa Base di Dati costituisce le fondamenta di un Sistema Informativo che, integrato con le "Google Maps", (un servizio gratuito messo a disposizione da

10 10 Googlevi), permetterà di realizzare un applicativo più complesso per la rappresentazione territoriale, geografica e georeferenziata, della diffusione di patologie tumorali animali. L'obiettivo di questo strumento di monitoraggio sarà quello di creare, a partire da una segnalazione effettuata da parte dei veterinari nel territorio, un Sistema Informativo che costruendo il "Registro Tumori Animali della Sicilia" potrà dare indicazioni immediate, nel territorio specificato, dell'incidenza di una determinata patologia permettendone lo studio ai fini della prevenzione. La consultazione delle mappe georeferenziate si avvarrà di mappe geografiche via Web fornite da Google e programmabili attraverso l'interfacciamento con le API (Application Program Interface) messe a disposizione in forma gratuita. L'utenza, effettuato l'accesso al sistema di monitoraggio, attraverso una ricerca parametrizzata, otterrà come risultato una mappa dell'area geografica di interesse, Figura 22, caratterizzata dalla presenza di simboli, i "markers", riferiti ai singoli casi patologici segnalati e quindi all animale malato. delle informazioni legate ai singoli casi patologici tumorali riscontrati, migliorando i meccanismi di monitoraggio, di studio delle dinamiche epidemiologiche e permettendo infine di conseguire i seguenti obiettivi: migliorare l acquisizione dei dati legati ai casi tumorali; mettere a disposizione uno strumento di lavoro, via Web, che dematerializzi le procedure fortemente legate al cartaceo; consentire ai veterinari della Regione che collaborano con l Ente, di utilizzare l applicativo per la richiesta di esami istologici; consentire al personale del laboratorio di gestire ed utilizzare, in maniera schematica e semplificata, tutti i dati acquisiti sia per studi scientifici che per la quotidiana attività di lavoro; permettere la creazione e la stampa automatica dei documenti di referto; creare un rapporto dei dati e delle statistiche. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI [1] Figura 22: Prototipo della GUI che sfrutta le Mappe di Google per la georeferenziazione. I markers possiederanno tutte le informazioni di interesse per lo studio del fenomeno patologico e l'evoluzione grafica georeferenziata avrà lo scopo di fornire un ulteriore strumento pratico per la sorveglianza, che sfruttando questa GUI basata sulle mappe permetterà un efficace ed utile strumento di monitoraggio territoriale. Le informazioni raccolte dai vari utenti autorizzati nel territorio di riferimento verranno trattate in futuro e serviranno da indicatori della qualità ambientale. Le eventuali presenze massicce di casi patologici in un territorio ristretto determineranno condizioni di allarme per la salute dell'uomo. VIII. CONCLUSIONI Concludendo, l attività progettuale svolta ha consentito lo sviluppo di uno strumento per l acquisizione e la gestione vi Google è un motore di ricerca per Internet che non si limita a catalogare il World Wide Web, ma si occupa anche di immagini, foto, newsgroup, notizie, mappe, video, oltre a mantenere una copia cache di tutte le pagine che conosce. Stefano Ceri, Piero Fraternali, Aldo Bongio, Marco Brambilla, Sara Comai, Maristella Matera: Progettazione di Dati e Applicazioni per il WEB. Ed. McGraw-Hill, introduzione XIX-XX. [2] Stefano Ceri, Piero Fraternali, Aldo Bongio, Marco Brambilla, Sara Comai, Maristella Matera: Progettazione di Dati e Applicazioni per il WEB. Ed. McGraw-Hill, pp [3] Stefano Ceri, Piero Fraternali, Aldo Bongio, Marco Brambilla, Sara Comai, Maristella Matera: Progettazione di Dati e Applicazioni per il WEB. Ed. McGraw-Hill, p [4] Stefano Ceri, Piero Fraternali, Aldo Bongio, Marco Brambilla, Sara Comai, Maristella Matera: Progettazione di Dati e Applicazioni per il WEB. Ed. McGraw-Hill, p [5] Stefano Ceri, Piero Fraternali, Aldo Bongio, Marco Brambilla, Sara Comai, Maristella Matera: Progettazione di Dati e Applicazioni per il WEB. Ed. McGraw-Hill, pp [6] Paolo Atzeni, Stefano Ceri, Stefano Paraboschi, Riccardo Torlone: Basi di dati Ed. McGraw-Hill, p.3. [7] Paolo Atzeni, Stefano Ceri, Stefano Paraboschi, Riccardo Torlone: Basi di dati Ed. McGraw-Hill, pp [8] Paolo Atzeni, Stefano Ceri, Stefano Paraboschi, Riccardo Torlone: Basi di dati Ed. McGraw-Hill, pp [9] Paolo Atzeni, Stefano Ceri, Stefano Paraboschi, Riccardo Torlone: Basi di dati Ed. McGraw-Hill, pp [10] Stefano Ceri, Piero Fraternali, Aldo Bongio, Marco Brambilla, Sara Comai, Maristella Matera: Progettazione di Dati e Applicazioni per il WEB. Ed. McGraw-Hill, pp [11] Stefano Ceri, Piero Fraternali, Aldo Bongio, Marco Brambilla, Sara Comai, Maristella Matera: Progettazione di Dati e Applicazioni per il WEB. Ed. McGraw-Hill, pp

Progettazione base dati relazionale

Progettazione base dati relazionale Progettazione base dati relazionale Prof. Luca Bolognini E-Mail:luca.bolognini@aliceposta.it Progettare una base di dati Lo scopo della progettazione è quello di definire lo schema della base di dati e

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

DD - Design Document

DD - Design Document Politecnico di Milano Progetto di Ingegneria del Software 2 DD - Design Document Autori: Claudia Foglieni Giovanni Matteo Fumarola Massimo Maggi Professori: Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola 1 gennaio

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentinini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentinini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015)

Dettagli

Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati

Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati 1 Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Le metodologie di progettazione delle Basi di Dati 2 Una metodologia

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

Realizzazione di un prototipo di un software web based per la gestione di un inventario comunale

Realizzazione di un prototipo di un software web based per la gestione di un inventario comunale tesi di laurea inventario comunale Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ch.mo Ing. Luigi Pontillo candidato Michele Vitelli Matr. 534 2170 Redazione dell Inventario

Dettagli

BASI DI DATI INGEGNERIA INFORMATICA SPECIFICHE DI PROGETTO PER L ANNO ACCADEMICO 2013 2014 Prof. Gigliola Vaglini, Ing. Francesco Pistolesi

BASI DI DATI INGEGNERIA INFORMATICA SPECIFICHE DI PROGETTO PER L ANNO ACCADEMICO 2013 2014 Prof. Gigliola Vaglini, Ing. Francesco Pistolesi BASI DI DATI INGEGNERIA INFORMATICA SPECIFICHE DI PROGETTO PER L ANNO ACCADEMICO 2013 2014 Prof. Gigliola Vaglini, Ing. Francesco Pistolesi 1 Descrizione dei requisiti delle fasi di progettazione Si desidera

Dettagli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano 1 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Progetto di Ingegneria del Software 2: SWIMv2 Prof.ssa Mirandola Raffaella A.A 2012/2013 SWIMv2: Small World hypotesis Machine v2 Realizzato

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

SWIM v2 Design Document

SWIM v2 Design Document PROGETTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2 SWIM v2 DD Design Document Matteo Danelli Daniel Cantoni 22 Dicembre 2012 1 Indice Progettazione concettuale Modello ER Entità e relazioni nel dettaglio User Feedback

Dettagli

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE I DATABASE o basi di dati possono essere definiti come una collezione di dati gestita dai DBMS. Tali basi di dati devono possedere determinati requisiti, definiti come specifiche, necessarie per il processo

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

i n t e r n e t s i t i e c om pl e t o p e r g e st ire portali i l e f a c t r u m e n t o L o InfoTecna QuickWeb

i n t e r n e t s i t i e c om pl e t o p e r g e st ire portali i l e f a c t r u m e n t o L o InfoTecna QuickWeb i n t e r n e t s t r u m e n t o f a c i l e e c om pl e t o p e r g e st ire portali e s i t i L o InfoTecna QuickWeb QuickWeb è un' applicazione in grado di dare forma a siti web dinamici, avvalendosi

Dettagli

Lezione 5: Progettazione di Software e Database. Ingegneria del Software. Il Software 19/11/2011. Dr. Luca Abeti

Lezione 5: Progettazione di Software e Database. Ingegneria del Software. Il Software 19/11/2011. Dr. Luca Abeti Lezione 5: Progettazione di Software e Database Dr. Luca Abeti Ingegneria del Software L ingegneria del software è la disciplina che studia i metodi e gli strumenti per lo sviluppo del software e la misura

Dettagli

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS CONTENT MANAGMENT SYSTEMS ESTRATTO DA: Ileana D'Incecco, Progettare la comunicazione web per organizzazioni non-profit con strumenti open source: ideazione e realizzazione del sito web della Casa delle

Dettagli

SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato

SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato SIAGAS Manuale Utente Utente non autenticato 27 marzo 2007 v.1.7 SIAGAS: Manuale Utente: utente non autenticato 1/10 1 Introduzione 1.1 Destinatario del prodotto SIAGAS è uno Sportello Informativo per

Dettagli

Le funzionalità principali della piattaforma

Le funzionalità principali della piattaforma Istituto di Scienza e Tecnologie dell'informazione A Faedo (ISTI) - Laboratorio di domotica Quimby: Le funzionalità principali della piattaforma Dario Russo (dario.russo@isti.cnr.it) Obiettivi del progetto

Dettagli

Progettazione concettuale

Progettazione concettuale Progettazione concettuale Strategie top-down A partire da uno schema che descrive le specifiche mediante pochi concetti molto astratti, si produce uno schema concettuale mediante raffinamenti successivi

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Corso di Progettazione di sistemi multimediali

Corso di Progettazione di sistemi multimediali Corso di Progettazione di sistemi multimediali prof. Pierluigi Feliciati a.a.2012/13 Modulo 0 Progettare, sistemi, multimedialità: Definizioni, strumenti, ciclo di vita dei progetti, figure professionali

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Architetture Software

Architetture Software Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software Architetture Software Giulio Destri Ing. del Sw: Architettura - 1 Scopo del modulo

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di dati 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Introduzione ai sistemi di basi

Dettagli

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS Basi di Basi di (Sistemi Informativi) Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi (e oggi anche sul web) Avete già interagito (magari inconsapevolmente)

Dettagli

Chi è il buon architetto dell informazione?

Chi è il buon architetto dell informazione? Elementi di Information Architecture e Web Styling Fonte: Louis Rosenfeld & Peter Morville, Information Architecture for the World Wide Web, O Reilly & Associates, 1998 1 L'architetto dell'informazione

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Dionigi Scano Cagliari. Candidato: Medda Daniele Classe 5ª C Informatica Anno scolastico 2013/2014.

Istituto Tecnico Industriale Statale Dionigi Scano Cagliari. Candidato: Medda Daniele Classe 5ª C Informatica Anno scolastico 2013/2014. Istituto Tecnico Industriale Statale Dionigi Scano Cagliari Candidato: Medda Daniele Classe 5ª C Informatica Anno scolastico 2013/2014 relate Un esperimento di social networking open source 1 Introduzione

Dettagli

Georeferenziazione delle patologie oncologiche veterinarie per future azioni di prevenzione primaria

Georeferenziazione delle patologie oncologiche veterinarie per future azioni di prevenzione primaria Georeferenziazione delle patologie oncologiche veterinarie per future azioni di prevenzione primaria Allievo Ing. Gabriele Maida 1 Relatore Prof. Marco La Cascia Correlatori aziendali Dott. Ing. Maurizio

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

Introduzione alla progettazione. Metodologie e modelli per la progettazione di basi di dati. Il ciclo di vita dei sistemi informativi

Introduzione alla progettazione. Metodologie e modelli per la progettazione di basi di dati. Il ciclo di vita dei sistemi informativi Metodologie e modelli per la progettazione di basi di dati Introduzione alla progettazione Il problema: progettare una base di base di dati a partire dai suoi requisiti Progettare: definire la struttura,

Dettagli

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione Personale Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 14. Progettazione di Siti Web Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Mystic Pizza Gestione Pizzeria Scheda di Progetto Version 1.0 Data 19/03/2007 Indice degli argomenti 1. Introduzione 3 a. Scenario

Dettagli

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Umbria e delle Marche

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Umbria e delle Marche VIsualizzazione Esami Web (VIEW) Regolamentazione accesso VIEW (VIsualizzazione Esami Web) Regolamentazione accesso Pagina 1 di 7 Indice Generalità e regolamentazione accesso... 3 Profilo di accesso...

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio L altra strada per il BPM Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il BPM Il BPM (Business Process Management) non è solo una tecnologia, ma più a grandi linee una disciplina

Dettagli

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE di K A T H A G E D O R N, A R G U S A S S O C I A T E S MARZO 2 0 0 0 traduzione di: BARBARA WIEL MARIN DICEMBRE 2009 1 GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

Dettagli

Progettazione di Applicazioni Web

Progettazione di Applicazioni Web 1 Argomenti della lezione Progettazione di Applicazioni Web Sviluppo delle applicazioni Processo di sviluppo Formalismi grafici di supporto diagrammi UML (cenni) Scelta dell architettura Sviluppo di applicazioni

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

Aspetti applicativi e tecnologia

Aspetti applicativi e tecnologia Aspetti applicativi e tecnologia Premessa Architetture usate per i database Le prime applicazioni erano definite monolitiche, cioè un unico computer (mainframe) gestiva sia le applicazioni che i dati,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER: TECNICO DELLE ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE, SVILUPPO E AGGIORNAMENTO DI SITI WEB

CORSO DI FORMAZIONE PER: TECNICO DELLE ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE, SVILUPPO E AGGIORNAMENTO DI SITI WEB Avviso Pubblico PROV-BR 02/2013 PO FSE 2007/2013 ASSE II OCCUPABILITA' Formazione per Inserimento-Reinserimento Lavorativo Approvato con D.D. n.85 del 24/01/2014, pubblicata sul BURP n. 17 del 06/02/2014

Dettagli

Progettazione Logica. Progettazione Logica

Progettazione Logica. Progettazione Logica Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione Tabelle per ogni concetto Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it Passaggio al modello logico (1)

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali:

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Componenti di una applicazione Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Un sottosistema di interfaccia con l utente (IU, user interface o anche presentation

Dettagli

Appunti della lezione del 8/10/2008 del corso di Basi di dati I - Università del Salento

Appunti della lezione del 8/10/2008 del corso di Basi di dati I - Università del Salento Appunti della lezione del 8/10/2008 del corso di Basi di dati I - Università del Salento Tecnologie per lo sviluppo di applicazioni La tendenza attuale dell'ingegneria è quella dell'integrazione di componenti

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

ANNARITA: Il database Object Relational dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche

ANNARITA: Il database Object Relational dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche ANNARITA: Il database Object Relational dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche Alex Manzo CILEA, Roma Abstract Nell ottica di un potenziamento e arricchimento dei dati dell Anagrafe Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane OBIETTIVI SPECIFICI DEL PRIMO BIENNIO - CLASSE PRIMA settore ECONOMICO: NUCLEI FONDANTI, CONOSCENZE E COMPETENZE NB per ciascuno dei moduli di insegnamento/apprendimento viene indicato il tempo di trattazione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379 www.abba-ballini.it email: info@abba-ballini.it DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Sistemi

Dettagli

DEFINIZIONI FONDAMENTALI

DEFINIZIONI FONDAMENTALI Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione DEFINIZIONI FONDAMENTALI Per vincere ci vuole una buona partenza... Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

La Progettazione Concettuale

La Progettazione Concettuale La Progettazione Concettuale Università degli Studi del Sannio Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica CorsodiBasidiDati Anno Accademico 2006/2007 docente: ing. Corrado Aaron Visaggio

Dettagli

Breve introduzione allo sviluppo WEB. a cura di Ciro Attanasio - ciro.attanasio@email.cz

Breve introduzione allo sviluppo WEB. a cura di Ciro Attanasio - ciro.attanasio@email.cz Breve introduzione allo sviluppo WEB a cura di Ciro Attanasio - ciro.attanasio@email.cz Partiamo (1 di 1) Come funziona il WEB e quali tecnologie lo compongono Cos è un Client (1 di 2) Un client, in informatica,

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 2011 Docente: Gigliola Vaglini Docente laboratorio: Alessandro Lori 1 Obiettivi del corso Imparare

Dettagli

ADA. E learning e open source

ADA. E learning e open source 1 ADA. E learning e open source ADA 1.7.1 Come cresce un Ambiente Digitale per l'apprendimento open source Maurizio Graffio Mazzoneschi 2 Cos'è il software libero Libertà 0, o libertà fondamentale: la

Dettagli

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo

Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Progettazione di interfacce web indipendenti dal dispositivo Candidato Izzo Giovanni, Matr. 41/1305 Relatore Prof. Porfirio Tramontana 1 Panoramica su contesto ed obiettivi Il contesto della tesi è legato

Dettagli

Appunti lezione Database del 07/10/2015

Appunti lezione Database del 07/10/2015 Appunti lezione Database del 07/10/2015 Nelle lezioni precedenti si è visto come qualunque applicazione informativa è almeno formata da tre livelli o layers che ogni progettista conosce e sa gestire: Livello

Dettagli

CONTENT MANAGEMENT SYSTEM

CONTENT MANAGEMENT SYSTEM CONTENT MANAGEMENT SYSTEM P-2 PARLARE IN MULTICANALE Creare un portale complesso e ricco di informazioni continuamente aggiornate, disponibile su più canali (web, mobile, iphone, ipad) richiede competenze

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A. 2010/2011 Lab di Ingegneria del Software () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2010/2011

Dettagli

Iniziative e biblioteche digitali del Politecnico : un incontro di lavoro Aula Magna, Politecnico di Milano, 1 ottobre 2004

Iniziative e biblioteche digitali del Politecnico : un incontro di lavoro Aula Magna, Politecnico di Milano, 1 ottobre 2004 Iniziative e biblioteche digitali del Politecnico : un incontro di lavoro Aula Magna, Politecnico di Milano, 1 ottobre 2004 Archivio degli indici e degli abstract delle tesi di laurea delle Facoltà di

Dettagli

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE WEB NELL AMBITO DELLA MISURA 2.6. DEL POI ENERGIA FESR 2007 2013

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB

PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB UN BUON SITO DEVE AVERE DUE CARATTERISTICHE: USABILITA ACCESSIBILITA Navigazione fluida con contenuti facilmente reperibili. Organizzazione dei contenuti e predisposizione

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea AUTENTICAZIONE PER APPLICAZIONI WEB Relatore

Dettagli

Basi di Dati Relazionali

Basi di Dati Relazionali Corso di Laurea in Informatica Basi di Dati Relazionali a.a. 2009-2010 PROGETTAZIONE DI UNA BASE DI DATI Raccolta e Analisi dei requisiti Progettazione concettuale Schema concettuale Progettazione logica

Dettagli

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni White paper Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni Panoramica Questo documento analizza il supporto alla programmabilità nell'infrastruttura ACI (Application Centric

Dettagli

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Database Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Cos'è un database? È una struttura di dati composta da tabelle a loro volta composte da campi. Caratteristiche

Dettagli

Gestione WEB Viaggi e Turismo

Gestione WEB Viaggi e Turismo Pag. 1 di 11 Gestione WEB Viaggi e Turismo Pag. 2 di 11 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 2. CARATTERISTICHE E VANTAGGI DI IN.TOUR...4 3. FUNZIONALITA E STRUTTURA SOFTWARE E HARDWARE...6 4. STRUTTURA E CONTENUTI

Dettagli

Programma del Corso. Dati e DBMS SQL. Progettazione di una. Normalizzazione

Programma del Corso. Dati e DBMS SQL. Progettazione di una. Normalizzazione Programma del Corso Dati e DBMS DBMS relazionali SQL Progettazione di una base di dati Normalizzazione (I prova scritta) (II prova scritta) Interazione fra linguaggi di programmazione e basi di dati Cenni

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

Progettazione di applicazioni Web

Progettazione di applicazioni Web Progettazione di applicazioni Web Indice Introduzione 1 Il processo di sviluppo di un applicazione Web 2 Specifica dei requisiti 6 Raccolta dei requisiti 7 Analisi dei requisiti 11 Progettazione dei dati

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

Rilevazione automatizzata delle timbrature di presenza

Rilevazione automatizzata delle timbrature di presenza Direzione Servizi Interni Rilevazione automatizzata delle timbrature di presenza MANUALE DI UTILIZZO DELLA PROCEDURA TIMBR@WEB Versione 2.0 del 09 Gennaio 2012 A cura di Luigi D Elia SOMMARIO ACCESSO ALL

Dettagli

Sistemi Informativi e Servizi in Rete

Sistemi Informativi e Servizi in Rete Sistemi Informativi e Servizi in Rete prof. V. De Antonellis Dipartimento di Ingegneria dell'informazione Università di Brescia valeria.deantonellis@ing.unibs.it Materiale del corso Sito web: www.ing.unibs.it/~deantone/

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

Seminario. Metodologia multistep per la realizzazione di siti web

Seminario. Metodologia multistep per la realizzazione di siti web Seminario Metodologia multistep per la realizzazione di siti web Sommario 1. Introduzione: Scopo Metodologia (macrofasi) Perché è stata introdotta 2. Esposizione della metodologia: Illustrazione delle

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

Strumenti a supporto

Strumenti a supporto ARTIST ARTIST ARchitettura Telematica Italiana per per il il Sistema dei dei Trasporti Iniziativa del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Roma, 18 dicembre 2002 Strumento di consultazione Relatore:

Dettagli

COMPLETA SICUREZZA GRAZIE ALL ACCESSO PROTETTO E AI LIVELLI AUTORIZZATIVI

COMPLETA SICUREZZA GRAZIE ALL ACCESSO PROTETTO E AI LIVELLI AUTORIZZATIVI Consultazione prodotti e gestione ordini via internet SAM r-evolution La rivoluzione non è cambiare il software! SAM OW - Open Web Open-Web è l applicazione web per la consultazione online degli articoli

Dettagli

SisTabWeb Web. Sistema Tabelle. for Enterprise

SisTabWeb Web. Sistema Tabelle. for Enterprise SisTabWeb Web Sistema Tabelle for Enterprise Overview La condivisione del patrimonio dati a livello aziendale diventa essenziale nel momento in cui il sistema informativo, elemento chiave per l'efficienza

Dettagli

Applicazione: Sistema Orchestra

Applicazione: Sistema Orchestra Riusabilità del software Catalogo delle applicazioni Progr_ne/Controllo Applicazione: Sistema Orchestra Amministrazione: Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Responsabile dei sistemi informativi

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA

MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA MANUALE DI UTILIZZO: INTRANET PROVINCIA DI POTENZA Fornitore: Publisys Prodotto: Intranet Provincia di Potenza http://www.provincia.potenza.it/intranet Indice 1. Introduzione... 3 2. I servizi dell Intranet...

Dettagli

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Professore Gaetanino Paolone Studenti Paolo Del Gizzi Maurizio Di Stefano 1 INDICE INTRODUZIONE.pag.3 IL PIANO METODOLOGICO

Dettagli

LO STRUMENTO PRINCIPALE: IL SITO WEB

LO STRUMENTO PRINCIPALE: IL SITO WEB LO STRUMENTO PRINCIPALE: IL SITO WEB 1 Content Management System (CMS) Software (web based) dedicati alla gestione di un sito web: portali, siti aziendali, intranet, blog, Wiki L obiettivo è consentire

Dettagli

Informatica 2 Basi di dati

Informatica 2 Basi di dati Informatica 2 Basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it DB - Introduzione 1 Recapiti Prof. Giuffrida Giovanni Email: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it Info sul corso:

Dettagli

Mausoleo COMUNE DI NUORO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE. Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini

Mausoleo COMUNE DI NUORO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE. Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini COMUNE DI NUORO D O C U M E N T O D I S P E C I F I C A P E R I L P R O D O T T O Mausoleo PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO MULTIMEDIALE Arch.Marco Cerina Ing.Enrico Dini Descrizione introduttiva

Dettagli

Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali

Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali Documenti e ipermedialità Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali Augusto Celentano Università Ca Foscari Venezia Documento ipertestuale insieme di informazioni testuali e grafiche, esplorabili

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Object Oriented Programming

Object Oriented Programming OOP Object Oriented Programming Programmazione orientata agli oggetti La programmazione orientata agli oggetti (Object Oriented Programming) è un paradigma di programmazione Permette di raggruppare in

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA (Vers. 4.5.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Documenti... 8 Creazione di un nuovo documento... 9 Ricerca di un documento... 17 Calcolare

Dettagli

INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE

INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE è l insieme di servizi, strumenti e tecniche che rendono un sito web accessibile e ottimizzato per assicurare che venga rinvenuto nelle prime posizioni sui motori di ricerca.

Dettagli